Você está na página 1de 2

La Reginella della Nota Intera

Cera una volta la Reginella della Nota Intera, viveva in un grande castello insieme ai suoi soldati ed al
suo giullare Stonatino.
Trascorreva le sue giornate tutta sola annoiandosi moltissimo.
U giorno stanca di quella solitudine decise di chiedere aiuto al mago Maestro di Solfeggio che viveva
nelle segrete del castello. A lui chiese di inventarle un gioco divertente per passare il tempo, perch
cos sola, non voleva pi stare. Il Mago Maestro di Solfeggio si mise subito a pensare ad un gioco che
facesse divertire la Reginella e pensa che ti pensa, ecco fatta linvenzione: cre per lei i Principi della
mezza Nota.
Erano due graziosi ed allegri piccoli Principi coi quali la Reginella avrebbe potuto giocare alla Staffetta.
Il Mago aveva fatto preparare una lunga pista con due percorsi: uno lungo per la Regina che aveva
tanto fiato per poter correre ed un altro diviso a met per i due Principi essendo pi piccoli avevano
mezzo fiato e perci capaci di correre solo per met del percorso.
Alla Reginella quel gioco pareva veramente divertente.
I due Principi si sistemarono sulla loro linea di partenza: uno allinizio del percorso e laltro a mezza
strada. La Reginella invece si prepar allinizio del suo percorso, decisa a correre fino infondo ed
arrivare per prima vincendo la gara.
Il Mago Maestro di Solfeggio diede il via ed i partecipanti scattarono veloci. La Reginella correva
tenendo in mano il suo scettro, accanto sullaltro percorso correva il Principe della Mezza Nota. Corri
corri il Principe fin il suo fiato e si ferm a met del percorso. Suo fratello svelto prese lo scettro e via
di corsa verso il traguardo correndo a fianco della Reginella.
Corri corri, arrivarono insieme.
La Reginella, che voleva vincere, si arrabbi moltissimo con i due Principi e con il Mago che promise
di rendere la gara pi difficile.
La Reginella se ne and a riposare, mentre il Mago ritorn nelle segrete del castello con i due Principi
della Mezza Nota per creare nuovi personaggi per rendere pi difficile la staffetta.
Il Mago si diede un gran daffare e magicamente cre i Quarti di Nota deliziosi piccolini vivaci e
divertenti con una gran voglia di correre.
Il Mago fece aggiungere un nuovo percorso alla pista. Questa volta lo divise in quattro parti, una per
ogni Quarto di nota.
La Reginella della Nota Intera come li vede fece un gran respiro, per far capire a tutti che lei aveva
tanto fiato e che avrebbe vinto la gara.
Tutti i partecipanti si misero ai posti di partenza: uno per ogni linea tracciata sui tre percorsi.
Al via del Mago Maestro di Solfeggio la Regina, il Principe e un Quarto di Nota partirono a gran
velocit.
Accanto alla Reginella correvano in egual modo gli altri concorrenti.
Lei correva sola, gli altri finito il proprio fiato passavano lo scettro ai fratelli disposti lungo il percorso.
Alla Reginella della Nota Intera questo non piacque per niente perch anche stavolta al traguardo
arrivarono insieme.
Chiam il Mago Maestro di Solfeggio ordinandogli di far diventare la staffetta pi difficile.
Stavolta il Mago si impegn moltissimo creando dei minuscoli Principini di un Ottava di Nota con
pochissimo fiato cos che ce ne volevano otto per gareggiare con la Reginella.
Anche questa volta, fece aggiungere un altro percorso alla pista del gioco della staffetta per far correre
anche i Principini di unOttava di Nota. Il loro percorso era diviso in otto parti.
La Reginella come li vide si mise a ridere ritenendoli proprio buffi cos piccoli, neri ed il cappellino con
lantenna piegata in cima.
Secondo lei, i Principini di unOttava di Nota avevano pochissimo fiato e non ce lavrebbero mai fatta a
raggiungere il traguardo. Proprio per questo il Mago li fece mettere uno per ogni riga del loro percorso,
cos si ritrovarono in otto pronti a prendere lo scettro al momento giusto.
Sulla linea di partenza si trovarono cos: la Reginella della Nota Intera, il Principe della Mezza Nota, il
Principino del Quarto di Nota ed il piccolo Principino dellOttava Nota.
Lungo i percorsi aspettavano attenti gli altri fratellini.
Al via del Mago i concorrenti partirono a gran velocit. Come previsto Principi e Principini via via che
finivano il loro fiato davano lo scettro ai fratelli, che senza perdere tempo facevano il passamano per
portarlo al traguardo.

Solo la Reginella correva da sola e a dir la verit, lei di fiato ce ne aveva proprio tanto.
Corri corri arrivarono tutti insieme al traguardo, anche stavolta nessuno aveva vinto e come se non
bastasse, la Reginella non si era neanche divertita. Principi e Principini avevano gareggiato aiutandosi
fra fratelli, lei invece aveva percorso la sua pista tutta sola senza fare il passamano con nessuno.
Si mise a piangere, lei avrebbe voluto vincere la staffetta, o almeno divertirsi come gli altri. Arrabbiata
e offesa disse al Mago di andarsene dal castello e di ritornare solamente quando avrebbe trovato il
modo di farla divertire.
La prossima mattina il Mago dispiaciuto usc dal castello.
Passarono le settimane ed i mesi in gran silenzio. Sembrava che il tempo si fermava. Tutto quel
silenzio divent pesante per la Reginella anche per il suo giullare Stonatino.
Una mattina la guardia vide un gruppo di avvicinarsi al castello, era il Mago con due Principesse.
Nel primo momento la Reginella si arrabbi pensando che le principesse vogliono rubare il suo posto,
per dopo che il Mago ha spiegato che le Principesse, che hanno un fiato come la Reginella, possono
fare il passamano con lei, la Reginella accettava tutte e due, con gli altri nuovi principi e principini
insieme su una grandiosa pista facevano una gara gigantesca.
La Reginella ha capito per sempre che non e importante vincere, ma divertirsi insieme con tutti i
compagni.