Você está na página 1de 457

QUANDO LA FISICA PARLAVA TEDESCO

(ALCUNE MEMORIE DI UN'EPOCA)

tradotte da Salvatore Anto i


ri er atore del C.N.R. presso l'Unita I.N.F.M. di Pavia

Indi e
Indi e degli autori itati
Indi e degli argomenti
Prefazione di Giovanni Gallavotti
Introduzione del traduttore
Relativita ed elettromagnetismo

iv
viii
xii
xvii
1

A. Einstein, L'elettrodinami a dei orpi in movimento, Zur Elek-

trodynamik bewegter Korper, Ann. d. Phys. , 891-921 (1905).


17

A. Einstein, I fondamenti della teoria della relativita generale,

Die Grundlage der allgemeinen Relativitatstheorie, Ann. d. Phys.


769-822 (1916).

49

A. Einstein, Sulla dissertazione di Friedri h Kottler \L'ipotesi di


equivalenza di Einstein e la gravitazione", U ber Friedri h Kottlers

Abhandlung \U ber Einsteins A quivalentzhypothese und die Gravitation",


Ann. d. Phys. , 639-642 (1916).
A. Einstein, Le onde gravitazionali, U ber Gravitationswellen, S. B.
Preuss. Akad. Wiss. , 154-167 (1918).
A. Einstein, Prin ip^ della teoria della relativita generale, Prinzipielles zur allgemeinen Relativitatstheorie, Ann. d. Phys. , 241- 244
(1918).
51

55

A. Einstein et al., Dis ussione generale sulla teoria della relativita,

Allgemeine Diskussion uber Relativitatstheorie, Phys. ZS. , 666-668


(1920).
A. Einstein, Geometria ed esperienza, Geometrie und Erfahrung, S.B.
Preuss. Akad. Wiss. , 1-8 (1921).
21

A. Einstein, La teoria di ampo o re delle possibilita per la soluzione del problema dei quanti?, Bietet die Feldtheorie Mogli hkeiten

fur die Losung des Quantenproblems?, S.B. Preuss. Akad. Wiss. , 359364 (1923).
A. Einstein, Sull'etere, U ber den A ther, Verh. d. S hweiz. Naturf. Ges.
, 85-93 (1924).
33

105

A. Einstein, Teoria unitaria della gravitazione e dell'elettri ita,

3
24

64
67
79
81
84

89
94

Einheitli he Feldtheorie von Gravitation und Elektrizitat, S.B. Preuss.


Akad. Wiss. , 414-419 (1925).
100
22

A. Einstein e J. Grommer, Teoria della relativita generale e legge


del moto, Allgemeine Relativitatstheorie und Bewegungsgesetz, S.B.

Preuss. Akad. Wiss.. , 2-13 (1927).

106

Phys. , 421-456 (1923).

116

f. Phys.

146

W. Gordon, La propagazione della lu e se ondo la teoria della


relativita, Zur Li htfortp anzung na h der Relativitatstheorie, Ann. d.
72

M. v. Laue, Sull'elettrodinami a di Minkowski dei orpi in movimento, Zur Minkowskis hen Elektrodynamik der bewegten Korper, ZS.

, 387-394 (1950).

128

ii

INDICE
H. Minkowski, Le equazioni fondamentali per i pro essi elettromagneti i nei orpi in movimento, Die Grundglei hungen fur die

elektromagnetis hen Vorgange in bewegten Korpern, Na hri hten von der


Kgl. Gesells haft der Wissens haften zu Gottingen, Jahrgang 1908, 53111.
154

K. Nagy e G. Marx, Il tensore d'energia-impulso della radiazione


nei dielettri i, Der Energie-Impuls Tensor der Strahlung in Dielektrika,

A ta Physi a Hungari a , 297-300 (1955).


4

M. Plan k, Osservazioni sul prin ipio dell'azione e reazione nella


dinami a generale, Bemerkungen zum Prinzip der Aktion und Reak-

tion in der allgemeinen Dynamik, Phys. ZS. , 828-830 (1908).


9

K. S hwarzs hild, Il ampo gravitazionale di un punto materiale se ondo la teoria di Einstein., U ber das Gravitationsfeld eines

201
205

Massenpunktes na h der Einsteins hen Theorie., S.B. Preuss. Akad. Wiss.


1916, 189-196.
209
Teoria dei quanti
217
N. Bohr, H.A. Kramers e J.C. Slater, La teoria quantisti a della
radiazione, U ber die Quantentheorie der Strahlung, ZS. f. Phys. 24,

69-87 (1924).

M. Born, La me ani a quantisti a dei pro essi d'urto, Zur Quan-

218

tenme hanik der Stovorgange, ZS. f. Phys. , 863-867 (1926).


230
Bose, Legge di Plan k e ipotesi dei quanti di lu e, Plan ks Gesetz
und Li htquantenhypothese, ZS. f. Phys. , 178-181 (1924).
234
37

26

P. Ehrenfest, Al une domande esplorative he riguardano la me ani a quantisti a, Einige die Quantenme hanik betre ende Erkundi-

gungsfragen, ZS. f. Phys. , 555-559 (1932).

237

theorie der Strahlung, Physik. ZS. , 121-128 (1917).

241

78

A. Einstein, La teoria quantisti a della radiazione, Zur Quanten18

A. Einstein, Considerazioni elementari sull'interpretazione dei fondamenti della me ani a quantisti a, Elementare U berlegungen zur

Interpretation der Grundlagen der Quanten-Me hanik, S ienti Papers


presented to Max Born, Hafner Publishing Company In ., New York
(1953), pp. 33-40.
252

W. Heisenberg, Interpretazione delle relazioni inemati he e me ani he se ondo la teoria dei quanti, U ber quantentheoretis he

Umdeutung kinematis her und me hanis her Beziehungen, ZS. f. Phys.


, 879-893 (1925).
257
33

F. London, Interpretazione quantome ani a della teoria di Weyl,

Quantenme hanis he Deutung der Theorie von Weyl, ZS. f. Phys. ,


375-389 (1927).
270
E. Madelung, Teoria quantisti a in forma idrodinami a, Quantentheorie in hydrodynamis her Form, ZS. f. Phys. , 322-326 (1926).
281
42

40

W. Pauli, Al une domande esplorative he riguardano la me ani a quantisti a, Einige die Quantenme hanik betre enden Erkundi-

gungsfragen, ZS. f. Phys. , 573-586 (1933).


80

285

iii
M. Renninger, Misure senza perturbazione dell'oggetto della misura, Messungen ohne Storung des Meobjekts, ZS. f. Phys. 158, 417-

421 (1960).

E. S hrodinger, Prin ipio di Doppler e ondizione delle frequenze


di Bohr, Dopplerprinzip und Bohrs he Frequenzbedingung, Physik. ZS.

, 301-303 (1922).

23

E. S hrodinger, Una proprieta notevole delle orbite quanti he di


un elettrone singolo, U ber eine bemerkenswerte Eigens haft der Quan-

296
300

tenbahnen eines einzelnen Elektrons, ZS. f. Phys. , 13-23 (1923).

305

Naturwissens haften , 720-724 (1924).

314

d. Phys. , 361-376 (1926).

321

d. Phys. , 489-527 (1926).

332

d. Phys. , 109-139 (1926).

358

265-272 (1927).

379

12

E. S hrodinger, La nuova ipotesi di Bohr sulla radiazione e la legge


dell'energia, Bohrs neue Strahlungshypothese und die Energiesatz, Die
12

E. S hrodinger, Quantizzazione ome problema agli autovalori


(prima omuni azione), Quantisierung als Eigenwertproblem, Ann.
79

E. S hrodinger, Quantizzazione ome problema agli autovalori


(se onda omuni azione), Quantisierung als Eigenwertproblem, Ann.
79

E. S hrodinger, Quantizzazione ome problema agli autovalori


(quarta omuni azione), Quantisierung als Eigenwertproblem, Ann.
81

E. S hrodinger, La legge dell'energia e dell'impulso delle onde


materiali, Der Energieimpulssatz der Materiewellen, Ann. d. Phys. 82,
E. S hrodinger, S ambio d'energia nella me ani a ondulatoria,

Energieaustaus h na h der Wellenme hanik, Ann. d. Phys.


(1927).

, 956-968

83

E. S hrodinger, La situazione attuale nella me ani a quantisti a, Die gegenwartige Situation in der Quantenme hanik, Die Natur-

wissens haften , 807-812, 823-828, 844-849 (1935).


23

A. Smekal, Tentativo di un'appli azione generale unitaria della


teoria dei quanti, e di una teoria quantisti a della dispersione,

385
393

Versu h einer allgemeinen, einheitli hen Anwendung der Quantentheorie und einer Quantentheorie der Dispersion, Anzeiger der Akademie der
Wissens haften zu Wien , 79-81 (1922).
419
G. Wentzel, Sull'otti a quantisti a, Zur Quantenoptik, ZS. f. Phys.
, 193-199 (1924).
421
Appendi e
427
10

22

E. Heymann, Note degli atti del segretario dell'A ademia delle


S ienze, E. Heymann, sulle dimissioni di A. Einstein, Aktenver-

merk des Sekretars der Akademie der Wissens haften, E. Heymann, uber
den Austritt A. Einsteins, AAW Berlin, II-IIIa - , 75-84; Inventar A
Nr. 830.
428
28b

iv

Indi e degli autori itati


Abraham, M. : 83, 116, 126, 141, 201, 205, 207, 239.
Ba h, R. : 108.
Balmer, J.J. : 321, 327.
Be k, F. : 201, 204.
Bian hi, L. : 93.
Bohm, D. : 255.
Bohr, N. : 90, 99, 219, 230, 234, 238, 245, 250, 257, 296, 300, 301, 306, 308, 309,
314, 316, 320, 327, 330, 344, 373, 389, 418, 419, 422, 426.
Boltzmann, L. : 242, 243, 318, 391.
Born, M. : 65, 82, 144, 237, 252, 254-257, 263, 267, 272, 285, 344, 347, 366, 367,
384, 385, 392, 418.
Bose, S. : 98, 236, 292, 293, 391.
Breit, G. : 417.
Brillouin, L. : 296.
de Broglie, L. : 231, 237, 238, 253-255, 270, 272-275, 277, 278, 280, 287, 290, 329,
336, 339, 344, 379, 382, 385, 389.
Burger, H.C. : 268.
Cayley, A. : 173.
Christo el, E.B. : 24, 40, 46, 47, 127, 129.
Compton, A.H. : 89, 98, 220, 221, 227, 228, 316.
Cohn, E. : 135, 154, 172, 173.
Courant, R. : 349, 359.
Dallenba h, W. : 141.
Debye, P. : 98, 220, 312, 316, 337, 339.
Dempster, A.J. : 225.
Dira , P.A.M. : 239, 240, 289, 290, 292, 344, 347, 384, 385, 417, 418.
de Donder, Th. : 379.
Doppler, C. : 16, 17, 221, 225, 248, 300-304, 316, 423.
van den Dungen, H. : 379.
Eddington, A.S. : 97, 100, 107.
Ehrenfest, P. : 98, 221, 228, 278, 285, 289-291, 293.
Einstein, A. : 63, 64, 81-83, 117, 147, 151, 155, 166, 205, 209, 210, 213-215, 218-224,
228, 229, 234, 236, 238-240, 257, 271, 300, 315, 329, 336, 337, 355, 391, 411, 421.
v. Eotvos, R. : 26.
Epstein, P. : 245, 275, 343, 351, 357.
Eu lide : 94.
Euler, L. : 55, 276, 325.
Exner, F. : 314, 320.
Faraday, M. : 82.
Fermat, P. : 332, 336, 422.
Fermi, E. : 292, 373, 391, 418.
Finkelburg, W. : 298.
Fo k, V.A. : 273, 379, 418.
Forsterling, K. : 225, 300.
Fourier, J. : 144, 238, 254, 258, 262, 286, 289, 291, 359, 367, 369, 372, 373, 419,
425.
Frenkel, J. : 237.

v
Fresnel, A. : 116, 148, 344.
Freundli h, E. : 62.
Fu htbauer, Chr. : 227.
Fues, E. : 351, 368, 369.
Galilei, G. : 24, 64, 65, 81, 95.
Gamow, G. : 400.
Gauss, C.F. : 24, 30, 131, 135.
Gibbs, J.W. : 331, 399.
Gordon, W. : 379, 380, 384, 385.
Goudsmit, S. : 267-269, 373.
Grammel, R. : 152.
Green, G. : 135, 144, 376.
Grommer, J. : 93, 105.
Grossmann, M. : 24.
Gyorgyi, G. : 201, 204.
Hadamard, J. : 142.
Hamilton, W. R. : 49, 102, 110, 143, 154, 173, 196, 272, 274, 293, 321, 331, 332,
336, 337, 339, 340, 342, 343, 346-348, 373, 374, 379, 380, 383.
Harress, F. : 145.
Hasenohrl, F. : 205.
Heaviside, O. : 167.
Heisenberg, W. : 230, 237, 253, 257, 260, 285, 296, 298, 299, 312, 344, 347, 349,
353, 358, 365-367, 385, 387, 389, 391, 396, 417, 418.
v. Helmholtz, H. : 147.
Hens he, H. : 123.
Herglotz, G. : 124.
Hermite, C. : 349-351.
Hertz, H. : 14, 15, 20, 116, 122, 135-138, 141, 142, 147, 154, 167, 173, 243, 333.
Herzfeld, K.F. : 370, 422.
Heurlinger, T. : 300.
Hilb, E. : 368.
Hilbert, D. : 54, 110, 349, 359.
Honl, H. : 267, 268.
Horn, J. : 324.
Hund, F. : 223.
Huygens, C. : 63, 332, 335, 336, 343, 426.
Infeld, L. : 418.
Ishiwara, I. : 126.
Ja obi, C. : 37, 38, 143, 255, 272, 274, 277, 332, 339, 342, 343, 347, 421.
Joos, G. : 227.
Jordan, P. : 257, 285, 289, 296, 299, 344, 347, 366, 367, 385, 387, 418.
Kafka, H. : 152.
Kaluza, Th. : 279.
Kepler, J. : 63, 200, 215, 306-311, 321, 329, 332, 338, 348, 351, 361, 364, 373.
Kirkho , G. : 225.
Klein, F. : 110, 332.
Klein, O. : 273, 289, 379, 385.
Kollmann, H. : 370.
Kottler, F. : 64-66.

vi

INDICE DEGLI AUTORI CITATI

Kramers, H.A. : 218, 226, 257, 260, 263, 264, 267, 313, 314, 316, 330, 365, 366.
Kratzer, A. : 268, 357.
Kraus, O. : 83.
Krets hmann, E. : 79.
Kronig, R. : 267-269.
Kudar, J. : 273, 379.
Kuhn, W. : 263.
Ladenburg, R. : 221, 226.
Lagrange, G.L. : 143, 185, 332, 333, 336, 379-381, 383.
Laguerre, E. : 351
Landau, L.D. : 238, 239, 290, 294.
Langevin, P. : 145.
Lapla e, P.S. : 127, 130, 135, 238, 324, 333, 352.
Laporte, O. : 239.
Larmor, J. : 306-310, 312.
v. Laue, M. : 52, 74, 127, 130, 136, 144, 145, 339, 340, 382.
v. Lenard, P. : 81-83.
Lenz, W. : 300, 420.
Le Verrier, U. : 49, 63.
Levi Civita, T. : 24, 32, 77, 78, 108, 127.
Liouville, J. : 358.
Lorentz, H. A. : 20, 21, 24, 27, 67, 78, 83, 85, 89, 96, 97, 106, 108, 138, 141, 142,
148, 154-156, 158, 160-173, 176, 177, 181-183, 186, 190-192, 199, 201, 205, 207, 208,
240, 289, 290, 292, 293, 373, 380, 381, 383, 384, 420.
Ma h, E. : 25, 79, 80, 88, 95.
Madelung, E. : 278.
Mark, H. : 370.
Marx, G. : 201, 204.
Maxwell, J.C. : 3, 14, 15, 20, 54, 56-58, 82, 89, 90, 92, 93, 96, 98, 100, 103, 104,
106-108, 146-148, 150, 167, 185, 195, 201, 202, 207, 229, 238, 239, 241-243, 245,
248, 271, 286, 290, 291, 350, 381, 385, 420.
Mie, G. : 82, 90, 106, 107.
Millikan, R.A. : 304.
Minkowski, H. : 24, 29, 56, 83, 126, 146-148, 151-153, 201, 208, 239, 240, 276.
Mller, C. : 417.
Nagy, K. : 201, 204.
Newton, I. : 3, 24, 25, 49, 52, 58-60, 63, 79, 88, 94-96, 106, 107, 190, 199, 200, 205,
210, 215.
Nordstrom, G. : 71, 124.
Novobatzky, K.F. : 201.
Ornstein, L.S. : 268.
Ortvay, R. : 145.
Ott, H. : 201, 204.
Palagyi, M. : 82.
Pauli, W. : 126, 131, 135, 136, 143, 144, 220, 228, 237, 239, 255, 278, 300, 391, 418.
Peierls, R. : 238, 239, 290, 293, 294, 417.
Plan k, M. : 98, 137, 146, 206, 208, 219, 220, 234, 236, 241-246, 250, 272, 275, 338,
348, 349, 391, 392, 397, 399, 421, 426.
Podolsky, B. : 411, 418.

vii
Poin are, H. : 85, 86, 154, 198, 205, 324, 325.
Poisson, S. : 52, 106, 108.
Poynting, J.H. : 58, 153, 185, 206.
Rayleigh, J.W.S. : 241, 245.
Renninger, E. : 296.
Ri i-Curbastro, G. : 24, 32, 127.
Ri hardson, O. W. : 221, 314.
Riemann, G.F.B. : 24, 46, 47, 49, 87, 90, 91, 93, 100, 129, 270, 272.
Ritz, W. : 420.
Rontgen, W. : 98, 141, 220, 227, 319, 426.
Rosen, N. : 411.
Rosenfeld, L. : 418.
Rudolph, H. : 82.
Runge, I. : 337.
Russell, H.N. : 267, 269.
Rutherford, E. : 394-396.
S heye, A. : 148.
S hlesinger, L. : 323, 324.
S hottky, W. : 420.
S hrodinger, E. : 71, 230-232, 237-239, 254, 256, 273, 275, 277-281, 283, 293, 294,
385, 413.
S hubert, G.U. : 153.
S hwarzs hild, K. : 63, 92, 300, 343, 419.
Slater, J.C. : 218, 314, 330.
Smekal, A. : 228, 423.
Solomon, J. : 239.
Sommerfeld, A, : 237, 245, 267, 269, 275, 312, 331, 332, 337, 343, 351, 353, 357,
373, 374.
Stark, J. : 225, 226, 257, 307-313, 316, 357, 363, 364, 390.
Stokes, G.G. : 131.
Sturm, C.F. : 358.
Sussmann, G. : 298.
Thomas, L. : 263.
Uhlenbe k, G.E. : 239, 240, 373.
Voigt, W. : 147, 207, 239, 240.
van der Waerden, B. : 239.
Weyl, H. : 81, 82, 92, 97, 107-109, 118, 124, 237, 239, 240, 270-279, 305, 306, 313,
323, 368, 369.
Whittaker, E.T. : 332.
Wien, W. : 234, 241, 245, 316-319, 330.
Wigner, E. : 289.
Wilson, C.T.R. : 290, 401.
Wolf, K.L. : 370.
Wood, R.W. : 227, 371.
Zeeman, P. : 267, 306, 308, 309, 312, 313, 345, 374.

viii

Indi e degli argomenti


analogia di Hamilton tra me ani a e otti a: 332-337.
analogia tra fotoni ed elettroni e suoi limiti: 238-239, 289-293.
ambiamento intenzionale del punto di vista epistemologi o: 401-402.
apa ita di interferenza delle righe spettrali (Bohr, Kramers e Slater 1924): 224-226.
aso limite della teoria della relativita spe iale: 64.
omponenti dell'energia del ampo gravitazionale: 69-71.
omportamento dei regoli e degli orologi in ampi gravitazionali stati i: 60-62.
on etto di tempo: 165-166.
ondizione di ontinuita di S hwarzs hild: 213.
onsiderazioni di prin ipio sul postulato della relativita: 24-30.
urvatura dei raggi di lu e: 62-63.
de nizione della simultaneita: 3-5.
derivazione della legge della radiazione di Plan k (Bose 1924): 234-236.
derivazione della legge della radiazione di Plan k (Einstein 1917): 244-245.
derivazione di un sistema di equazioni sovradeterminate: 91-93.
des rizione reale del sistema singolo: 256.
dinami a dell'elettrone (lentamente a elerato): 21-23.
e etto di onde gravitazionali su sistemi me ani i: 76-77.
eliminazione del parametro dell'energia nell'equazione delle os illazioni; la vera
equazione d'onda: 358-360.
emissione di onde gravitazionali da parte di un sistema me ani o: 73-76.
equazione della linea geodeti a (ovvero del moto del punto): 39-40.
equazione del moto d'un punto materiale nel ampo di gravitazione; espressione per
le omponenti di ampo della gravitazione: 48.
equazione del raggio nei dielettri i omogenei ed isotropi a riposo: 141-145.
equazioni di ampo della gravitazione in assenza di materia: 49.
equazioni di ampo elettromagneti he di Maxwell per il vuoto (in relativita generale): 56-58.
equazioni di Eulero per uidi adiabati i non vis osi (in relativita generale): 55-56.
equazioni fondamentali dell'elettromagnetismo nella teoria di Lorentz: 171-172.
equazioni fondamentali dell'elettromagnetismo per i orpi in moto: 168-171.
equazioni fondamentali dell'elettromagnetismo per i orpi in quiete: 166-168.
equazioni fondamentali dell'elettromagnetismo per l'etere: 156-157.
equazioni fondamentali dell'elettromagnetismo se ondo E. Cohn: 172-173.
espressione delle onde (in relativita generale): 127-135.
estensione della teoria perturbativa a perturbazioni he ontengono espli itamente
il tempo; teoria della dispersione: 360-372.
etere: 81-83, 94-99.
si a dei modelli: 393-395.

ix
forma generale delle equazioni di ampo della gravitazione; leggi di onservazione
nel aso generale: 52-54.
formazione di tensori per derivazione: 40-46.
formulabilita della me ani a quantisti a ome teoria di azione per ontatto: 293295.
forze ponderomotri i elettromagneti he: 189-190.
funzione di Hamilton per il ampo gravitazionale; legge dell'energia e dell'impulso:
49-51.
funzione ome atalogo delle aspettative: 402-403.
funzione ome des rizione dello stato: 405.
\geometria prati a": 85-86.
identita della e del regolo ampione di Weyl: 273-274.
il ampo di gravitazione non e determinato solo inemati amente: 64.
interferenze ome espressioni di leggi della statisti a dei quanti he ne stanno alla
base: 421.
ipotesi fondamentale della teoria dei quanti; distribuzione anoni a degli stati (Einstein 1917): 242-243.
ipotesi sullo s ambio d'energia mediante radiazione (Einstein 1917): 243-244.
la non integrabilita non es lude l'univo ita: 275-277.
legge di onservazione dell'energia e dell'impulso per la materia ome onseguenza
delle equazioni di ampo: 54.
me ani a e postulato della relativita: 190-200.
me ani a \geometri a" e \ondulatoria": 337-348.
me ani a ondulatoria di de Broglie e teoria di Weyl: 272-277.
metodo della variazione delle ostanti: 385-387.
metodo per il al olo del moto delle mole ole in un ampo di radiazione (Einstein
1917): 245-251.
moltipli azione dei tensori: 34-36.
moto del perielio delle orbite planetarie: 63.
natura della forza elettromotri e he ompare on il moto in un ampo magneti o:
16.
onda gravitazionale piana: 72-73.
operatore di erenziale lor: 181-184.
os illatore di Plan k: 348-351.
osservazioni sulla teoria della relativita spe iale: 24-25.
postulato della relativita: 155.
prin ip^ della teoria dei quanti (Bohr, Kramers e Slater 1924): 219-221.
prin ipio d'azione e reazione: 205-208.
prin ipio di Doppler e ondizione delle frequenze di Bohr: 300-304.
prin ipio di equivalenza: 64, 79.
prin ipio di Ma h: 79.

INDICE DEGLI ARGOMENTI

prin ipio di natura o arti io di al olo?: 416-418.


prin ipio di relativita: 79, 155.
pro essi \materiali": 54-58.
proprieta del tensore fondamentale g : 36-38.
punto di vista di Poin are: 86.
radiazione e pro essi di transizione (Bohr, Kramers e Slater 1924): 221-224.
ragioni he ra omandano un'estensione del postulato della relativita: 25-28.
rappresentazione tipi a delle equazioni fondamentali dell'elettromagnetismo: 173181.
reinterpretazione quantome ani a della teoria di Weyl: 277-280, 305-313.
relativita delle lunghezze e dei tempi: 5-6.
relazione delle quattro oordinate on i risultati delle misure spaziali e temporali;
espressione analiti a per il ampo gravitazionale: 29-31.
riduzione al vuoto delle equazioni elettromagneti he d'un dielettri o omogeneo ed
isotropo a riposo e tensore di Abraham: 116-126.
risposta ad un'obiezione sollevata dal sig. Levi-Civita: 77-78.
rotatore on asse sso: 351-352.
rotatore non rigido (mole ola biatomi a): 353-357.
rotatore rigido on asse libero: 352-353.
signi ato si o dello s alare di ampo: 374-378.
signi ato quantisti o alla fase della lu e della teoria delle onde: 421.
sistema (quantisti o) arbitrario in un bagno termi o: 390-392.
soluzione delle equazioni approssimate del ampo gravitazionale mediante i potenziali ritardati: 67-68.
soppressione dell'intre io; risultato dipendente dalla volonta dello sperimentatore:
409-414.
spiegazione se ondo la me ani a ondulatoria degli s ambi d'energia quantizzati:
387-389.
statisti a delle variabili del modello nella me ani a quantisti a: 395-397.
sussidi matemati i per la ostruzione di equazioni generalmente ovarianti: 30-48.
tensore di Riemann-Christo el: 46-48.
tensori di rango se ondo e piu alto: 32-34.
teorema della relativita di Lorentz: 158-160.
teorema di addizione delle velo ita: 12-13.
teoria dei quanti basata es lusivamente su quantita osservabili in linea di prin ipio:
257.
teoria del ampo gravitazionale: 48-54.
teoria della misura: 403-404, 406-409.
teoria della pressione di radiazione eser itata su uno spe hio perfetto: 18-19.
teoria delle trasformazioni delle oordinate e del tempo dal sistema a riposo ad uno
he si trovi relativamente a questo in moto di traslazione uniforme: 6-12.

xi
teoria del prin ipio di Doppler e dell'aberrazione: 16-17.
teoria di Lorentz: 154.
teoria di Newton ome prima approssimazione: 58-60.
teoria di Weyl: 270-271.
teoria quantisti a degli spettri e fenomeni otti i (Bohr, Kramers e Slater 1924):
226-229.
teoria unitaria della gravitazione e dell'elettri ita ( ampo non simmetri o): 100-105.
tetravettore ontrovariante e ovariante: 31-32.
trasformazione delle equazioni di Maxwell-Hertz per lo spazio vuoto: 14-16.
trasformazione delle equazioni di Maxwell-Hertz tenendo onto della orrente di
onvezione: 20-21.
trasformazione dell'energia dei raggi di lu e: 18.
trasformazioni di Lorentz spe iali: 160-163.
unita immaginaria e on etto di densita di probabilita spaziale di una parti ella
nella me ani a ondulatoria: 285-289.
unita immaginaria nell'equazione di S hrodinger e relazioni di ommutazione di
Heisenberg-Born: 237-238.
variazione dell'intre io ol tempo; ri essioni sulla posizione spe iale del tempo:
414-416.
vettori dello spazio-tempo di I e di II spe ie: 163-165.

xii

Prefazione
La Me ani a Quantisti a e una teoria ompleta? e quale relazione ha on la
Teoria della Relativita? erto sono di ilmente ompatibili ome testimoniano i
molti e passati tentativi alternativi di fonderle e il grandioso tentativo in atto di
formulare una teoria delle stringhe.
Questi sono problemi vivi an he in Italia nonostante la loro \ovvia" improduttivita: altrettanto tale quale quella relativa ai problemi del orpo nero, dell'etere,
dell'e etto fotoelettri o, della irreversibilita e equipartizione he tanto o uparono
i si i dell'800 e 900. Sono problemi sui quali, spe ialmente in Italia, si orre il
ris hio di res ente isolamento mentre i ri er atori \seri" si dedi ano a hiedere,
per forse fornire, aiuto ad una industria priva di iniziative e originalita.
E utile quindi aver a esso ai lassi i, agli arti oli in ui queste teorie presero
forma e furono in grado di predire on meravigliosa pre isione risultati onfermati
da elebri esperimenti. Questa ollezione di opere tradotte integralmente dagli
originali in tedes o della prima meta del 900 fornis e agli studiosi (e erto an he agli
studenti) uno strumento indispensabile non solo no a quando il tedes o diverra una
lingua piu onos iuta in Italia ma an he dopo, in quanto e una selezione oerente e
pensata il ui iter logi o e analizzato nell'interessante introduzione.
Naturalmente i lassi i sono an he peri olosi: infatti il loro fas ino puo indurre
i giovani a trasformarsi in stori i della s ienza senza prima aver avuto la ne essaria
esperienza on le te ni he e i metodi realmente utilizzati da quanti svolgono ri er a
originale. E questo un gravissimo peri olo he pero non puo giusti are l'ignorare
i lassi i: sta ai singoli individui rius ire a bilan iare l'interesse per la genesi ed
evoluzione delle grandi opere del passato on la ne essita di misurarsi on problemi
presenti an he se molto te ni i dai quali qual uno rius ira a trarre idee innovatri i
per i futuri lassi i.
Las iando dunque a ias uno il ompito di moderare interessi prematuri verso
la storia della S ienza questa ollezione e dedi ata prin ipalmente ai fondamenti
della Relativita e della Me ani a Quanti a: non to a la teoria quantisti a dei
ampi he ha raggiunto il massimo sviluppo dopo gli anni '30 ove si arresta questa
ollezione a parte qual he e ezione he omunque non riguarda direttamente questo
tema. L'ordine seguito nella presentazione degli arti oli e alfabeti o per autore e
ronologi o per ias uno.
La Relativita e rappresentata dagli arti oli di Einstein del 1905, di Minkowski
del 1907, di Einstein del 1916 e dalla memoria di S hwarzs hild del 1916. La
Me ani a Quanti a dall'arti olo di Heisenberg del 1925 e da quelli di S hrodinger
del 1926. Al uni fra questi arti oli sono disponibili an he in inglese (e due di essi in
italiano) ma redo he po hissimi abbiano avuto a esso all'originale della soluzione
a simmetria entrale della Relativita Generale. A questi arti oli fanno orona un
notevole numero di memorie di riti a e di sviluppo he l'originalita della nuova
teoria non man o di sollevare e stimolare. Non i si so erma dunque sugli arti oli
he hanno preparato la formulazione del 1916 della Relativita e del 1925-26 della
Me ani a Quanti a: una s elta he ritengo naturale ed utile.
All'arti olo sulla Relativita generale (1916) fa seguito, qui, una nota di Einstein in ui ne enun ia brevemente i prin ipi: un sunto hiari atore (1916). Nel
su essivo arti olo (1918) vengono derivate le equazioni he regolano le onde gravitazionali: nel pieno del on itto mondiale la orrispondenza on Levi-Civita viene

G. GALLAVOTTI

xiii

mantenuta e itata. Risulta di ile omprendere oggi ome io sia stato possibile.
Segue (sempre 1918) un'altra nota ove Einstein torna ad esporre i prin ipi della
teoria generale; e l'esposizione e seguita, in tempi piu quieti, da una divertente
dis ussione (1920) in ui Einstein risponde ad obiezioni varie senza he si abbia
l'impressione he i suoi interlo utori e riti i, pur si i di rango, lo stiano a sentire:
e rassi urante he in questa situazione si sia trovato addirittura Einstein; senza dubbio io alleviera le angos e di quanti ontinuamente si trovano testimoni di dialoghi
di questo genere.
Einstein presenta (1921) all'A ademia Prussiana al une onsiderazioni sulla
Matemati a: il giudizio e positivo a dispetto dell'a ermazione he \laddove le leggi
della matemati a orrispondono alla realta, esse non sono erte, e laddove sono erte
esse non orrispondono alla realta". Sarebbe pero fuorviante redere he questo sia
un arti olo loso o: il suo ne molto on reto e quello di dis utere la questione
della nitezza (o meno) dell'Universo proponendo vari modi per studiarla.
Ma l'attenzione di Einstein e ormai attratta an he dalla nuova teoria dei quanti
( he lui stesso ontribu a fondare ir a un ventennio prima) e dalla mina iosa
possibilita di una sua in ompatibilita on la Relativita. E in proposito e tradotta
un'altra omuni azione all'A ademia Prussiana (1923) in ui propone di derivare
dalle equazioni del ampo gravitazionale la determinazione dello stato iniziale di un
elettrone in un atomo il quale \non puo essere s elto liberamente, ma questa s elta
deve orrispondere alle ondizioni quanti he. In generale: non solo l'evoluzione
temporale, ma an he lo stato iniziale obbedis e a leggi".
Sulla Relativita e la sua relazione on la teoria dei quanti Einstein ritorna on
una dis ussione sulla nozione di Etere (1924): on ludendo he \Ma per no qualora
queste possibilita maturassero in vere teorie non potremmo fare a meno in Fisi a
Teori a dell'etere, ioe del ontinuo dotato di proprieta si he; la relativita generale, al punto di vista fondamentale della quale i si i si atterranno sempre,
es lude un'interazione immediata a distanza; ogni teoria di azione per prossimita
presuppone ampi ontinui, e quindi l'esistenza di un \etere"".
L'elettrodinami a dei orpi in movimento e rappresentata, naturalmente, dall'arti olo fondamentale di Minkowski (1907), poi dai lavori di Gordon (1923) sull'in uenza della materia sui pro essi elettromagneti i in Relativita generale e di Von
Laue (1950): quest'ultimo, ormai vi ino a noi in spirito e formalismo, ritorna
sulla questione di quale sia il orretto tensore elettromagneti o per la des rizione
dell'elettrodinami a dei orpi in movimento.
La memoria di S hwarzs hild (1916) sulla soluzione a simmetria entrale delle
equazioni di Einstein e stata in lusa nella ollezione e se ne puo quindi leggere la
sempli ita e apprezzare l'a ermazione \... e sempre pia evole disporre di soluzioni
esatte di forma sempli e. Piu importante e he il al olo assi uri an he la determinazione univo a della soluzione ..." he pare diretta a quanti dubitano della
grande importanza delle soluzioni esatte he ontinuano ad apparire (a partire dalla
derivazione newtoniana delle leggi di Keplero) nei piu diversi problemi, penso ad
esempio alle soluzioni del modello di Ising, dei dimeri, dei sei verti i, degli otto
verti i, ai reti oli di Toda e Calogero, all'equazione di Korteveg De Vries, al moto
dei vorti i sottili ed equazione di S hrodinger non lineare e . Questo e un arti olo
he tutti onos iamo ma he po hi fra noi hanno letto in originale erto a ausa di
di olta linguisti he e la sua traduzione sara quindi benvenuta.
L'arti olo espositivo di Bohr, Kramers e Slater (1924) apre la ollezione sulla
Me ani a Quanti a: e di di ile lettura per he insolitamente privo di formule

xiv

PREFAZIONE

ed e dedi ato ad una dis ussione on ettuale sulla relazione fra fenomeni elettromagneti i ma ros opi i ontinui e i fenomeni quanti i mi ros opi i he li possono
generare grazie alle grandi di erenze delle s ale di tempo ed energia oinvolte.
L'arti olo di Born (1926) des rive in forma divulgativa l'urto di un elettrone on
un atomo e pone la questione dell'esistenza di \variabili nas oste" optando per la
non esistenza delle stesse.
Il su essivo arti olo di Bose (1924) da respiro al lettore turbato dalle inquietanti
questioni di prin ipio appena sollevate e in po he hiarissime righe deriva la legge
di radiazione del orpo nero (e indirettamente la statisti a di Bose): e un arti olo
he fu tradotto in tedes o (dall'inglese) da Einstein in persona. E nella sostanza
assai noto ome quello di Einstein del 1917, uno dei lassi i il ui ontenuto tutti
noi abbiamo in ontrato nei testi universitari.
Si ritorna alle questioni di prin ipio on l'arti olo di Ehrenfest (1932) he esordis e \Queste domande ... possono ben essere a antonate ome \prive di senso",
se si vuole stare omodi. Allora qual uno dovra pur attirarsi l'antipatia, e porle tuttavia." Segue un'interessante serie di domande he, pur sensate e forse an ora senza
risposta, fanno vedere la di olta he si i non piu giovani in ontrano nell'assorbire
nuove idee: \ non si potrebbe degnare qual uno, he realmente domini questa materia, di esprimere in forma leggibile an he per noi si i ve hi io he e noto per
il gruppo delle rotazioni reali ...". Questo i ri orda la odierna situazione riguardo
alla teoria delle stringhe.
L'arti olo di Einstein (1953) ove di hiara il arattere statisti o e in ompleto della
des rizione dei singoli fenomeni della Me ani a Quantisti a pre ede, per la s elta
dell'ordine di presentazione, l'arti olo di Heisenberg (1925) ove si pone on forza la
questione della osservabilita di quantita he entrano nella des rizione di fenomeni
e viene fondata la Me ani a Quantisti a nella versione raggiunta alla ne della
sua evoluzione verso una teoria ompleta: questo arti olo di Heisenberg fu pre eduto da molti arti oli dei fondatori della Me ani a Quantisti a he fortunatamente
sono disponibili in inglese nella ollezione di Van der Waerden e he ne rendono
omprensibile la genesi e molti aspetti te ni i.
Gli arti oli di London sulla teoria di Weyl e di Madelung su un'interpretazione
uidodinami a (1927 e 1926) mostrano quanto avanzata gia fosse la Me ani a
Quanti a appena dopo la sua formulazione: questi arti oli gia fanno riferimento a
S hrodinger i ui lavori fondamentali sono an he ra olti in questa ollezione.
L'arti olo di Pauli (1932) riprende i problemi non matemati i sollevati da Ehrenfest (i quali evita per he \in ompetente", osa non realmente redibile mentre e piu
probabile he li abbia onsiderati di evidente risposta e non lo abbia detto per una
forma di deferenza verso Ehrenfest). Si trova poi un arti olo di gran lunga su essivo, di Renninger (1959), he potrebbe essere onsiderato antesignano della
Me ani a Quantisti a sto asti a di Nelson (apparsa po hi anni dopo).
Un'interruzione importante alle questioni di riti a dei fondamenti e poi ostituita da una serie di arti oli di S hrodinger fra il 1924 e il 1926 he ontiene i
quattro hiarissimi arti oli sulla \quantizzazione ome problema agli autovalori" in
ui vengono introdotte l'equazione di S hrodinger e la funzione d'onda sulla base
di un nuovo prin ipio variazionale e via via si passa a funzioni d'onda omplesse
(\una erta di olta si trova senza dubbio nell'introdurre una funzione d'onda
omplessa") e, on stupore di hi li legge per la prima volta in originale (purtroppo
sono fra ostoro), a trattare problemi sempre piu di ili no alla teoria delle perturbazioni. La possibilita di pensare i valori medi quanti i ome analoghi ai valori medi

G. GALLAVOTTI

xv

lassi i he appaiono in onnessione on l'ipotesi ergodi a viene es lusa nell'ultimo


lavoro (1927) degli anni venti qui riportato.
La serie di arti oli di S hrodinger si on lude on l'arti olo di riti a del 1935:
e il famoso arti olo (stimolato dall'altrettanto noto arti olo, dello stesso anno, di
Einstein, Podolsky e Rosen) in ui appare il \gatto di S hrodinger" sottoposto a
per da (quanto ideale, per fortuna) tortura per mostrare le di olta fondamentali della Me ani a Quanti a. L'interpretazione \di Copenhagen" non solo e os ura, ma e in onsistente logi amente e questo appare hiaro dalle onsiderazioni
di S hrodinger. Se poi si er a di ombinare Me ani a Quanti a e Relativita i
problemi diventano insormontabili (e restano tali al momento). Come sottolinea
S hrodinger il tempo e trattato in modo intrinse amente asimmetri o rispetto allo
spazio e questa e erto una delle ause delle di olta.
Questi arti oli hanno generato il movimento ideale he ha portato ad una interpretazione moderna della Me ani a Quanti a non relativisti a e lo studente puo
ora rivolgersi alla teoria di Bohm; he emerge ome (forse uni a) interpretazione
oerente (pro esso di misura in luso) della Me ani a Quanti a. Coerente ma per
al uni an ora non soddisfa ente.
L'arti olo di S hrodinger riportato e un esempio importante di riti a dei fondamenti e la sua lettura sara erto utilissima agli studenti: he pero, ome predi ato
sopra, dovranno fare attenzione a non las iarsi tentare dal dedi arsi allo studio di
questioni di prin ipio.
La ollezione e on lusa da un arti olo di Smekal del 1922 he propone di onsiderare i pro essi di emissione e assorbimento elettromagneti i ome non indipendenti e dal su essivo arti olo di Wentzel del 1924 he, a partire dall'idea di Smekal,
sviluppa un'\otti a quanti a". L'esposizione non e hiarissima: Wentzel al ola la
probabilita di transizione di un atomo E e assorbimento della lu e emessa da parte
di un atomo A ome proporzionale al modulo quadrato di una somma su tutti i
ammini he la lu e, e insieme on essa l'atomo emittente stesso, possono seguire nel
pro esso di emissione e assorbimento. La somma onsiste nella somma dei prodotti
dell'ampiezza
dell'onda
per un fattore di fase e2i's ove 's e la \fase quanti a"
R
P
1
(h
(t dW + k qk dpk ) in ui il primo termine e il ontributo del ammino otti o
e il se ondo quello del ammino seguito dalle oordinate interne dell'atomo). Le fasi
's vengono interpretate ome misura della deviazione della traiettoria del fotone
dalla traiettoria dell'otti a geometri a e della deviazione delle oordinate interne
dell'atomo da un moto lassi o: assumendo he l'atomo emittente e quello assorbente siano des ritti da oordinate angolo{azione interne on moti periodi i tutti
di uguale periodo Wentzel trasforma la somma sui ammini possibili in integrale
sulle variabili d'angolo dei vari gradi di liberta. Ne dedu e he transizioni sono
possibili solo se sono obbedite le regole di Bohr Sommerfeld. L'ipotesi sulla me ani a dei moti interni dell'atomo e ovviamente molto restrittiva ( orrispondendo
a integrabilita e, al tempo stesso, iso ronia e on uguale periodo per i sistemi E
ed A in generale diversi) e la somma sui ammini quale integrale sulle fasi non e
a ompagnata da giusti azioni euristi he o omunque te ni he.
C'e quindi un'analogia on l'integrale di Feynman in quanto le probabilita quanti he sono al olate ome somme su traiettorie lassi he: tuttavia le somme sono
pesate in modo diverso da quelle di Feynman he sono inve e letteralmente somme
delle fasi quanti he di ias un ammino pesate allo stesso modo (e non on ampiezze
variabili). Tenendo onto he l'arti olo e del 1924 e di po o su essivo a quello di
de Broglie si puo dire he e un brillantissimo abbozzo, giustamente posto fra gli

xvi

PREFAZIONE

arti oli importanti qui tradotti, di una teoria futura la ui equivalenza on la Me ani a Quanti a di Heisenberg e S hrodinger fu man ata dai fondatori della nuova
Me ani a.
Dobbiamo essere grati a S. Anto i per le traduzioni he ha eseguito on ura
lologi a e on feli e s elta dei testi: saranno di grande vantaggio per olleghi e
studenti.
La ollezione si on lude on la traduzione degli atti dell'espulsione di Einstein
dall'A ademia tedes a: e, mi pare, tesi (impli ita) dell'autore he on questo atto
la Fisi a esso di \parlare tedes o". Dobbiamo essergli grati an he per quest'ultima
traduzione: l'atto di espulsione (su essivo alle dimissioni spontanee) i fa ri ettere
su questioni solo apparentemente lontane dalla Fisi a quali il razzismo, l'arroganza
e violenza del potere, il servilismo he questo genera o forza e, in de nitiva, il sonno
della ragione he indu e. Che la S ienza non sia separata dalla politi a e per molti
di noi ovvio: ma non per tutti, e omunque e bene he sia ri ordato spesso.
Giovanni Gallavotti,
Roma, agosto 2002

xvii

Introduzione
Le traduzioni in italiano ra olte in questo volume, ome si omprende on una
sempli e o hiata all'indi e, non hanno al una pretesa di sistemati ita storiogra a.
A anto a traduzioni di s ritti universalmente noti, e per i quali esistono gia ottime traduzioni in italiano1 , si trovano quelle di opere oggi piu o meno dimenti ate, e vi eversa lavori fondamentali, ome ad esempio il \Drei-Manner-Arbeit" di
Born, Heisenberg e Jordan, sono stati tras urati. Cio dipende dal fatto he queste
traduzioni sono state eseguite nel orso degli anni per soddisfare uriosita nate via
via dal lavoro di ri er a, e re ano, nella s elta, le tra e del arattere episodi o ed
individuale degli itinerari per orsi in quel lavoro.
Seguire strade non piu battute puo, talvolta, dar luogo a imprevisti e sorprese.
Un esempio e dato dal lavoro he Walter Gordon s risse nel 1923, intitolato \La
propagazione della lu e se ondo la teoria della relativita". Sotto quel titolo un po'
fuorviante si trovano due risultati sull'elettromagnetismo nei dielettri i in moto di
si ura rilevanza an or oggi. Entrambi sono stati derivati da Gordon on un metodo
di riduzione del problema al vuoto della relativita generale, atto a disturbare la
quiete mentale di hi ami segnare netti on ni tra ampi di indagine diversi. Essi
riguardano infatti la s elta del tensore dell'energia per il ampo elettromagneti o
nei dielettri i in moto e l'otti a geometri a di questi ultimi.
Un'altra sorpresa s'in ontra on l'arti olo he Gregor Wentzel pubbli o su Zeits hrift fur Physik all'inizio del 1924. Il lavoro s'intitola \Sull'otti a quantisti a" e
on esso il giovane Wentzel intendeva \ ontribuire a superare le ontraddizioni he
nora esistono in otti a teori a - teoria ondulatoria dell'interferenza e della polarizzazione da un lato, teoria quantisti a delle righe spettrali dall'altro", interpretando
\le interferenze ome espressioni di leggi della statisti a dei quanti he ne stanno
alla base" e o rendo inoltre \un signi ato quantisti o alla fase della lu e della
teoria delle onde". Con quel titolo, il lavoro si presenta ome uno tra i molti tentativi ompiuti a quel tempo per a rontare i problemi he l'idea della \radiazione
ad aghi" proposta da Einstein nel 1905 aveva sollevato. Ma il rigoroso impianto
si o-matemati o introdotto indu e ad una lettura attenta. Ci si a orge allora
he la probabilita per il quanto di lu e di venire emesso dall'atomo A ed assorbito
dall'atomo B viene trovata da Wentzel a partire dalla somma di ampiezze omplesse
asso iate a tutti i \ ammini non me ani i", a ias uno dei quali egli attribuis e
una fase, desunta dalla me ani a hamiltoniana, ottenuta per integrazione lungo il
ammino. Ebbene, tale probabilita e de nita usando la stessa struttura formale e
on ettuale he avrebbe usato Feynman nel 1948 per reare la sua \terza via alla

Vedansi ad esempio le magni he e, si direbbe, riverenti traduzioni he Paolo Straneo e Aldo


Pratelli fe ero rispettivamente delle memorie di Albert Einstein \Sull'elettrodinami a dei orpi in
moto" e \I fondamenti della relativita generale" per la pubbli azione del volume \Cinquant'anni
di relativita". Il volume fu stampato nel 1955, on prefazione di Einstein medesimo e memorie
originali di Aliotta, Armellini, Caldirola, Finzi, Polvani, Severi e Straneo, a ura di Mario Pantaleo,
dall'Editri e Universitaria (Giunti-Barbera) di Firenze. Piu re entemente, un'interessante ra olta
di traduzioni di s ritti di Einstein, s ienti i, epistemologi i, loso i, politi i, e stata pubbli ata a
ura e on ommento di Enri o Bellone (Einstein, Opere S elte, Bollati Boringhieri, Torino (1988)).
Nello spirito della presente ra olta ho tradotto ex novo an he arti oli he si trovano nelle opere
prima ri ordate; la sovrapposizione e tuttavia limitata alle traduzioni riportate alle pagine 3, 24
e 231. Analogamente mi sono omportato on opere dell'\annus mirabilis" di S hrodinger, delle
quali un'ottima traduzione ommentata si trova nel libro di Sigfrido Bo (S. Bo, La Me ani a
delle onde, Quaderni di Fisi a Teori a, Pavia (1991)).
1

xviii

INTRODUZIONE

me ani a quantisti a"2 .


An he lavori universalmente ritenuti alla base della nostra onos enza attuale,
ome la memoria sui fondamenti della relativita generale pubbli ata da Einstein
nel 1916 su Annalen der Physik, se letti oggi, riservano delle sorprese. Ritorna in
mente, a questo proposito, la frase di Borges sui libri anti hi3 , quando a erma he
\Si leemos un libro antiguo es omo si leyeramos todo el tiempo he ha trans urrido
desde el da en que fue es rito y nosotros". Se un giovane relativista dei nostri giorni
prova a leggere la memoria del 1916 stenta a ri onos ere nello s ritto di Einstein
quello he ha trovato nei manuali studiati e negli arti oli di ri er a he frequenta.
Trova antiquati i metodi di geometria di erenziale adoperati, ma, osa ben piu
grave, non ritrova a atto, nell'identi azione tra entita geometri he e on etti si i
ompiuta da Einstein, l'interpretazione si a della teoria he gli e stata insegnata.
Il prin ipio di equivalenza tra inerzia e gravitazione, dal quale Einstein prese le
mosse nel 1907 e riguardo al quale nel 1916, in risposta a Kottler, egli di hiarava
ostituire \il fondamento es lusivo della teoria", non e piu ri onos iuto in questo
ruolo dai relativisti di oggi. Vale la pena di analizzare questa evoluzione, per he
le sue onseguenze sono state profonde. Per Einstein, le forze inerziali e quelle
gravitazionali ostituivano un'entita sola, espressa (per una massa di prova unitaria)
dai due termini, individualmente non ovarianti, della tetraa elerazione assoluta.
La forza gravito-inerziale non era quindi una proprieta del ronotopo, per he per
de nirla o orre onos ere, oltre alla metri a, an he la linea oraria della parti ella
di prova.
Questa identi azione, he an ora nel 1935 era naturale ed ovvia per Whittaker,
venne messa in dis ussione nel 1937 da Synge, sulla base del fatto he nel aso di
moto geodeti o la forza gravito-inerziale di Einstein e sempre nulla, e dell'idea he
in relativita generale debbano valere solo leggi di erenziali he onfrontino gli a adimenti in eventi vi ini. Synge propose quindi di de nire la forza gravitazionale
mediante la tetraa elerazione relativa di due punti materiali di prova vi ini, entrambi in moto geodeti o. Tale de nizione non ri onos e piu al un signi ato al
prin ipio d'equivalenza; poi he nell'equazione di deviazione geodeti a interviene il
tensore di urvatura di Riemann, essa asso ia l'esistenza della forza gravitazionale
alla presenza di una urvatura non nulla. La nuova de nizione ha avuto il sopravvento, dal 1960 in poi, assieme all'idea, piu generi a e vaga, he il ampo
gravitazionale sia in qual he modo de nito dal tensore di urvatura tramite i suoi
invarianti.
Il ambiamento di prospettiva ha mutato di ri esso il modo d'interpretare le
soluzioni delle equazioni di ampo di Einstein. Il aso della soluzione stati a sferosimmetri a, trovata da Karl S hwarzs hild4 nel 1916 e esemplare. Fino al 1960
la omunita dei relativisti era stata sostanzialmente d'a ordo sul fatto he tale
2 Un'indagine presso il Niels Bohr Ar hive ha mostrato he Dira nel 1925 aveva studiato a
fondo la \fase di Wentzel" ed aveva s ritto una relazione a Fowler sull'argomento, allegata ad una
lettera he quest'ultimo aveva inviato a Bohr. Il ruolo della lagrangiana lassi a nella me ani a
quantisti a e stato oggetto di ostante attenzione per Dira (vedi Phys. Zeits hr. Sowjetunion
64-72 (1933), Rev. Mod. Phys. 195-199 (1945)). Feynman stesso ha poi s ritto d'essersi
ispirato, per la terza via, alle opere itate di Dira .
3 J. L. Borges, Borges oral, Eme 
e, Buenos Aires (1979).
4 Sotto il nome di \soluzione di S hwarzs hild" nei manuali e negli arti oli di ri er a si riporta
la soluzione stati a sferosimmetri a trovata su essivamente da Droste, Hilbert e Weyl. Essa
di eris e dalla soluzione originale di S hwarzs hild per la s elta della varieta sulla quale la soluzione
e de nita, ome si onstata fa ilmente dalla lettura della memoria di S hwarzs hild.
3

17

xix
soluzione ostituisse solo un modello ideale del ampo d'una massa, he la singolarita della metri a al osidetto \raggio di S hwarzs hild" stesse ad indi are he
l la soluzione perde signi ato si o, he in ultima analisi S hwarzs hild avesse
avuto ragione a terminare a quel raggio la varieta sulla quale la soluzione era data.
Quest'idea viene onfermata dalla ir ostanza, de nibile in maniera invariante, he
la norma della tetraa elerazione d'una parti ella di prova nel ampo di S hwarzs hild5 diverge se si immagina he quest'ultima sia trattenuta a riposo in posizione
sempre piu prossima al raggio anzidetto.
Ma la de nizione di Einstein della forza gravito-inerziale e stata abbandonata
e, se ondo la de nizione di Synge, la forza gravitazionale non diverge al \raggio
di S hwarzs hild". Di onseguenza, la singolarita della metri a ivi presente e stata
di hiarata priva di signi ato si o, dovuta solo ad un'infeli e s elta delle oordinate, e su questa base si e de iso he la strada della ontinuazione analiti a era
per orribile. Il mutamento nell'interpretazione si a della teoria impostosi gradualmente tra il 1937 e il 1960 ha reso quindi possibile, e generalmente a ettata,
l'idea, prima generalmente respinta, he la regione interna al di qua del \raggio di
S hwarzs hild" dovesse ritenersi si amente signi ativa.
Il giovane relativista di oggi trovera inoltre, negli s ritti di Einstein su essivi
al 1916, un atteggiamento verso la relativita generale he non si trova nei manuali: per Einstein la teoria del 1915 non e la teoria ompiuta, valida su s ala
ma ros opi a, del ampo gravitazionale ( omunque lo si de nis a): e inve e solo
un primo passo d'un programma he mira alla des rizione, sia su s ala ma ros opi a he mi ros opi a, di tutti i pro essi naturali mediante una sola teoria di
ampo. Nel 1923 Einstein si interroga se la soluzione del problema dei quanti non
si possa trovare ostruendo un sistema sovradeterminato di equazioni di erenziali
alle derivate parziali, nelle quali intervengano gli oggetti geometri i he des rivono
la gravitazione e l'elettromagnetismo; nel 1925, dopo aver dedi ato qual he attenzione alla teoria pentadimensionale di Kaluza, egli propone una des rizione unitaria
del ampo gravitazionale e del ampo elettromagneti o mediante un'estensione non
simmetri a della relativita generale.
Dopo svariati tentativi d'altro genere, proprio questa estensione non simmetri a
Einstein riprese e indago sistemati amente, dal 1945 al 1955, a Prin eton. Per
lui, ome testimoniato dallo s ritto del 1953 dedi ato a Max Born, la me ani a
quantisti a era una teoria statisti a soddisfa ente dei pro essi mi ros opi i, ma
man ava la \des rizione reale del sistema singolo", poi he \la natura ome un tutto
puo esser pensata solo ome un sistema individuale ( he esiste uni o) e non ome
una \totalita di sistemi"". La teoria di ampo unitaria he egli er ava, in sintonia
d'intenti e di metodi on Erwin S hrodinger, proprio questa des rizione del sistema
singolo avrebbe dovuto provvedere.
Sia Einstein he S hrodinger erano infatti legati, sia pure in modo diverso,
all'ideale intuitivo-realisti o della \Physik der Modelle", des ritta da S hrodinger
on parole d'ammirazione e nostalgia all'inizio del rapporto sulla situazione attuale
della me ani a quantisti a he egli pubbli a nel 1935 su Naturwissens haften, stimolato dall'apparizione dell'arti olo di Einstein, Podolsky e Rosen, e he ironi amente hiama \ onfessione generale". Tutto il lavoro di S hrodinger sul problema dei quanti e permeato da questo ideale. Cio non signi a erto timore del

In una metri a stati a la nozione di \parti ella di prova a riposo" puo essere espressa in modo
invariante.
5

xx

INTRODUZIONE

nuovo: S hrodinger non esita, nel 1923, ad indi are un possibile legame tra la
quantizzazione di Bohr, Sommerfeld ed Epstein e la teoria unitaria della gravitazione e dell'elettromagnetismo proposta da Weyl nel 1919 ne, l'anno su essivo,
sotto l'in uenza del lavoro di Bohr, Kramers e Slater, a meditare la riduzione del
prin ipio di onservazione dell'energia a prin ipio di natura statisti a. Nei lavori
del suo \annus mirabilis" e evidente la soddisfazione per aver trovato un nuovo
metodo, grazie al quale la quantizzazione non deriva piu dall'imposizione arbitraria
di \numeri interi", bens l'interezza ompare in modo spontaneo e naturale, ome
l'interezza del numero dei nodi di una orda musi ale os illante. S hrodinger lavora on l'intento di ostruire una des rizione della realta mi ros opi a mediante
una teoria di ampo logi amente hiusa he des riva l'elettromagnetismo mediante
le equazioni di Maxwell e la materia, seguendo le idee di de Broglie ed Einstein,
mediante un'equazione per le onde materiali. Mentre ra oglie, nelle sue omuni azioni ad Annalen der Physik, le onferme matemati amente a portata di mano
sulla apa ita della sua teoria di render onto dei fatti atomi i, la sua attenzione e
sempre protesa oltre.
Nella prima omuni azione, dopo esser pervenuto ad un'equazione per gli stati
stazionari della funzione ed averla appli ata all'atomo d'idrogeno, pensa all'estensione relativisti a del risultato, he permetterebbe di derivare una approssimata
proporzionalita tra energia e frequenza, quindi di farsi una ragione della ondizione
delle frequenze di Bohr, e immagina un me anismo d'emissione e assorbimento
di radiazione elettromagneti a legato ai battimenti tra le os illazioni di onde materiali stazionarie aventi frequenza diversa. Spera di ottenere per questa via una
des rizione spaziotemporale ontinua delle transizioni, he eviti i salti quanti i della
dottrina di Plan k-Einstein-Bohr.
Nella quarta omuni azione, dopo aver ripreso l'analogia istituita da Hamilton
tra me ani a ed otti a, he gia aveva usato ome punto di partenza nella prima
e nella se onda, perviene a s rivere l'equazione he portera il suo nome, e trova
\un tantino antipati o" il fatto he la funzione d'onda risulti intrinse amente omplessa, ma si onsola sottolineando he l'equazione (e la sua omplessa oniugata)
sono l'assai onveniente surrogato di un'equazione di erenziale quarti a per una
funzione reale. Con soddisfazione giunge a determinare quella he egli ritiene sia
l'equazione di ontinuita dell'elettri ita portata dalle onde materiali, an he se la
ostruzione risulta ompli ata quando si abbia a he fare on n parti elle materiali.
Nel aso della parti ella singola, tuttavia, la distribuzione di ari a e di orrente
he egli trova gode delle proprieta qualitativamente attese in onformita all'idea
he emissione ed assorbimento siano asso iate a battimenti. Ma gia il dubbio sul
signi ato si o della appare, per he proprio per ostruire la densita di orrente
nel aso di n parti elle S hrodinger si trova ad attribuire a  il ruolo di funzione
peso nello spazio delle on gurazioni. Egli a erma infatti: \Ogni on gurazione
della me ani a dei punti ontribuis e on un erto peso alla on gurazione vera
se ondo la me ani a ondulatoria, peso dato da ", e ommenta questa a ermazione on un primo esempio della vena ironi a he dispieghera in anni su essivi,
aggiungendo: \Se si amano i paradossi, si puo dire he il sistema si trova in un
erto senso ontemporaneamente in tutte le posizioni pensabili dal punto di vista
inemati o, ma non in tutte \ on ugual intensita"".
Il dubbio he alla , an he per una sola parti ella, non si possa attribuire al un
ruolo si o diretto, diventa a uto gia sul nire del 1926, quando S hrodinger invia
per la pubbli azione il lavoro sulla legge dell'energia e dell'impulso delle onde mate-

xxi
riali. Finalmente, grazie all'opera di Klein, Fo k, Gordon ed altri, egli puo s rivere
una lagrangiana relativisti amente invariante per le onde materiali, ed aggiungervi
la lagrangiana elettromagneti a. La teoria logi amente hiusa alla quale aspirava
e ompleta, o quasi. Le equazioni si possono derivare appli ando il metodo di
Hamilton; l'interazione delle onde materiali on il ampo elettromagneti o e s ritta
direttamente nelle leggi di onservazione. Eppure la teoria non puo render onto dei
fatti osservati neppure per l'atomo d'idrogeno. Essa ri hiede infatti di introdurre
nell'equazione delle onde materiali assieme al potenziale del nu leo quello dovuto
alla ari a elettroni a. Ma S hrodinger sa he questo potenziale non darebbe orrettamente i termini dell'atomo di idrogeno. L'ideale della si a dei modelli non appare
quindi realizzato: per render onto dei fatti osservati, bisogna adattarsi ad usare
le formule in maniera in oerente, ed il progetto di des rivere le transizioni quanti he ome pro essi ontinui per questa via risulta vani ato. Alla ne di questa
memoria S hrodinger si hiede se la soluzione della di olta non si debba er are
nell'interpretazione puramente statisti a della teoria, ma gli pare he io \signi hi
una troppo fondamentale rinun ia alla omprensione del singolo evento".
L'idea di un'interpretazione probabilisti a della me ani a quantisti a, avanzata
timidamente nel 1926 da Born on una omuni azione provvisoria, e divenuta ol
passar degli anni la dottrina u iale, e sottoposta da S hrodinger nel 1935 ad una
valutazione riti a a urata nel gia ri ordato rapporto per Naturwissens haften. Il
termine di paragone e ostituito, ome s'e detto, dalla \Physik der Modelle". In
quest'ultima si usa ostruire una rappresentazione degli oggetti naturali pre isa in
ogni dettaglio, senza pretendere he tutti i dettagli siano direttamente osservabili,
data la limitatezza della nostra esperienza. Il modello lassi o si fonda su elementi
determinanti; se essi sono noti ad un erto tempo, il modello permette di predire
on esattezza il valore degli elementi determinanti, ovvero lo stato del sistema, ad
ogni tempo su essivo. Mediante il onfronto on l'esperienza, il modello lassi o e
per sua natura perfettibile, e sebbene il metodo lassi o del modello pre iso sembri
permettere in linea di prin ipio di al olare in anti ipo il risultato di tutti gli esperimenti in modo del tutto esatto, nessuno e os ingenuo da ritenere he io a ada per
davvero. Dire \modello ompleto", nota S hrodinger, impli a una ontraddizione
in termini, all'in ir a ome \massimo numero intero".
La me ani a quantisti a, al onfronto, per S hrodinger e una teoria ben strana:
prende a prestito dalla me ani a lassi a i modelli e la des rizione anoni a, ma poi
li di hiara in ompetenti a des rivere la realta, poi he al piu si possono assegnare
valori numeri i pre isi ad una meta ben s elta di un gruppo intero di elementi
determinanti. Con essa il on etto lassi o di stato va perso, e quindi ovviamente
vien meno la possibilita di predire uno stato futuro; i si deve limitare a predizioni
di probabilita attraverso la funzione d'onda, he pero evolve altrettanto deterministi amente quanto lo stato lassi o, e ne ostituis e per os dire il surrogato.
Dell'impre isione o indeterminazione he a ompagna la des rizione quantisti a,
per S hrodinger, non si ries e ad avere un'idea hiara: essa si puo de nire solo negativamente. Essa non e l'indeterminazione familiare nella trattazione statisti a dei
modelli lassi i, dovuta all'impossibilita prati a di ssare tutti gli elementi determinanti; non e neppure una indeterminazione intrinse a di qual uno di questi ultimi
per he, postulato fondamentale della teoria, ognuno degli elementi determinanti
del modello lassi o di partenza puo essere in linea di prin ipio misurato on tutta
l'a uratezza desiderabile. \Che osa i rimane allora?" si hiede S hrodinger. E
osserva: \In questo dilemma assai di ile la on ezione dominante si aiuta o i

xxii

INTRODUZIONE

aiuta fa endo ri orso all'epistemologia. Ci vien detto he non si deve fare al una
distinzione tra lo stato reale dell'oggetto di natura e quello he io ne so in proposito,
o forse meglio, quello he ne potrei sapere in proposito, qualora me ne dessi la pena.
Reali - os si di e - sono propriamente solo per ezione, osservazione, misura." Insomma: \La realta si oppone all'imitazione mentale mediante un modello. Per io si
las ia andare il realismo ingenuo e i si appoggia direttamente alla tesi indubitabile
he reali (per il si o) siano in n dei onti solo l'osservazione, la misura. Quindi
d'ora in poi tutto il nostro pensiero si o avra ome uni a base e ome uni o oggetto
i risultati delle misure eseguibili in linea di prin ipio, e ad un altro tipo di realta o
ad un modello il nostro pensiero dovra ora espressamente non far piu riferimento."
Ma le di olta irrisolte d'ordine si o, he S hrodinger stesso aveva posto in evidenza nel 1926, e he il ambiamento intenzionale del punto di vista epistemologi o
vorrebbe evitare, riappaiono proprio nella teoria della misura. Come surrogato
dello stato lassi o, la funzione d'onda di un sistema ha il grave difetto di sparire
quando si vorrebbe he i fosse. S hrodinger onsidera due sistemi A e B on il
ruolo (inter ambiabile) di oggetto misurato e di strumento di misura. Li onsidera
dapprima separati (ai due api dell'universo); in tale ondizione ertamente saranno
dotati ias uno di una funzione d'onda individuale, e quindi si potra avere, sia di
A he di B , la onos enza massimale he la me ani a quantisti a onsente. Ma
la struttura matemati a della teoria e tale he se A e B vengono fatti interagire
perdono la loro individualita, non hanno piu una funzione d'onda propria, per he
si ha solo la funzione d'onda omplessiva, nella quale la onos enza massimale delle
due parti e piu o meno dissipata in un intre io di proposizioni ondizionali del
tipo: se in A..., allora in B ... Il guaio vero, pero, si ha quando le due parti vengono allontanate mutuamente e non possono piu interagire. Ci si aspetterebbe
allora he le due parti ria quistassero una funzione d'onda propria, ma la struttura
matemati a della teoria non lo permette, le proposizioni ondizionali rimangono,
e solo un'intervento di tipo non si o, qual osa he si puo assimilare ad un atto
mentale, ad un'ispezione di un segno sullo strumento di misura da parte di un
essere senziente, puo risolvere l'intre io e ridare al sistema misurato ed allo strumento di misura una funzione d'onda individuale, orrispondente, se la misura e ben
fatta, ad un autostato asso iato ad un autovalore della quantita misurata. Dalla
forma della funzione dell'oggetto prima della misura a quella assunta dopo non
si va quindi on un pro esso ontinuo determinato dall'equazione di erenziale he
dovrebbe auspi abilmente des rivere sempre e omunque l'evoluzione del sistema,
\poi he dal punto di vista realisti o l'osservazione e un pro esso di natura ome
ogni altro e non puo di per se provo are un'interruzione dell'evoluzione regolare
della natura". Non i si va neppure on una dis ontinuita, on un salto. Ci si va
attraverso la sparizione all'inizio del pro esso di misura e on il su essivo ripristino
mediante un atto di rigenerazione di natura non si a, e on risultato generalmente
asuale, per he dipendente dal valore assunto in modo generalmente imprevedibile
della quantita misurata.
Nella sua \ onfessione generale" S hrodinger insiste a lungo sulle \antinomie
dell'intre io". Sempre riguardo ai due sistemi A e B portati ad interagire e poi
separati, egli nota he, quando l'intre io si puo risolvere on una serie di misure
e ettuate es lusivamente su B , la funzione d'onda rigenerata per A alla ne del
pro esso dipende da quali siano state le misure su B , e in quale ordine si siano
e ettuate, in ontrasto on quanto ragionevolmente i si poteva attendere. Egli
studia in un esempio sempli e l'intre io in funzione del tempo, e suggeris e he

xxiii
le antinomie evidenti an he in questo aso forse si risolverebbero, se nella struttura della teoria il tempo non avesse il ruolo parti olare he la formulazione non
relativisti a gli attribuis e, e he impone di asso iare ad ogni misura un tempo
esattamente onos iuto. D'altra parte, e proprio la formulazione non relativisti a
he permette di fondere on estrema sempli ita due sistemi parziali A e B in uno
solo. Ma, on lude S hrodinger, \forse il pro edimento sempli e he la teoria non
relativa possiede in proposito e soltanto un omodo arti io di al olo, he pero
oggi, ome abbiamo visto, ha ottenuto un'in uenza straordinariamente grande sul
nostro atteggiamento fondamentale riguardo alla natura".
Si intende terminare qui questa sommaria ri ognizione delle traduzioni ontenute
in questo volume; troppi spunti di ri essione emergono da esse, e porterebbero
troppo lontano. Tuttavia, riguardo alla \ onfessione generale" di S hrodinger si
vuole ri ordare an ora un fatto: essa pervenne a Naturwissens haften dall'Inghilterra, dove l'autore era riparato nel 1933. Nella primavera dello stesso anno Einstein
aveva dato le dimissioni dall'A ademia prussiana delle s ienze e abbandonato la
Germania. La traduzione del reso onto delle azioni ompiute dall'A ademia in
seguito alle dimissioni di Einstein, stilato da uno dei Segretari, il Prof. Dr. E.
Heymann, e presente al termine di questo volume. Vuole ri ordare il modo della
ne di un'epo a, quando i si i s rivevano prevalentemente in tedes o, e a Berna e
Zurigo, ome a Berlino, a Mona o e Gottinga e Copenhagen seppero appro ttare
di una parti olare quanto emera ondizione di liberta e di agio per il pensiero e
per la ri er a.

Ringraziamenti. Voglio qui ringraziare Giovanni Gallavotti per avermi suggerito


di ra ogliere in un libro le traduzioni, e per la premurosa, ostante attenzione
dedi ata a quest'opera; Dier k Ekkehard Liebs her per la sua lunga ami izia e
per i molti onsigli ed insegnamenti; Hans Jurgen Treder per avermi onsentito
di pubbli are il testo sulle dimissioni di Einstein e per il sostegno datomi quando
piu era ne essario. Sono grato al Dipartimento di Fisi a \A. Volta" di Pavia per
l'ospitalita di tanti anni e per la polverosa ri hezza del fondo stori o della sua bibliote a; a Luigi Mihi h per averla esplorata on me e per la paziente ollaborazione
nel tradurre. Ringrazio in ne mia moglie Isa e le mie glie Fran es a e Carla per
tutto l'a etto, e per l'aiuto dato al mio lavoro.
Salvatore Anto i

Relativit
a ed elettromagnetismo

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

L'elettrodinami a dei orpi in movimento1


A. Einstein

E noto he l'elettrodinami a di Maxwell - ome la si interpreta attualmente nella sua appli azione ai orpi in movimento porta a delle asimmetrie, he non
paiono essere inerenti ai fenomeni. Si pensi per esempio all'interazione elettromagneti a tra un magnete e un onduttore. I fenomeni osservabili in questo aso
dipendono soltanto dal moto relativo del onduttore e del magnete, mentre se ondo
l'interpretazione onsueta i due asi, a se onda he l'uno o l'altro di questi orpi
sia quello in moto, vanno tenuti rigorosamente distinti. Se infatti il magnete e in
moto e il onduttore e a riposo, nei dintorni del magnete esiste un ampo elettri o
on un erto valore dell'energia, he genera una orrente nei posti dove si trovano
parti del onduttore. Ma se il magnete e in quiete e si muove il onduttore, nei
dintorni del magnete non esiste al un ampo elettri o, e si ha inve e nel onduttore
una forza elettromotri e, alla quale non orrisponde nessuna energia, ma he - a
parita di moto relativo nei due asi onsiderati - da luogo a orrenti elettri he della
stessa intensita e dello stesso andamento di quelle alle quali da luogo nel primo
aso la forza elettri a. Esempi di tipo analogo, ome pure i tentativi andati a vuoto
di onstatare un moto della terra relativamente al \mezzo luminoso" portano alla
supposizione he il on etto di quiete assoluta non solo in me ani a, ma an he in
elettrodinami a non orrisponda ad al una proprieta dell'esperienza, e he inoltre
per tutti i sistemi di oordinate per i quali valgono le equazioni me ani he debbano valere an he le stesse leggi elettrodinami he e otti he, ome gia e dimostrato
per le quantita del prim'ordine. Assumeremo questa ongettura (il ontenuto della
quale nel seguito sara hiamato \prin ipio di relativita") ome postulato, e oltre
a questo introdurremo il postulato on questo solo apparentemente in ompatibile,
he la lu e nello spazio vuoto si propaghi sempre on una velo ita determinata V ,
indipendente dallo stato di moto dei orpi emittenti. Questi due postulati bastano
a pervenire ad un'elettrodinami a dei orpi in movimento sempli e ed esente da
ontraddizioni, ostruita sulla base della teoria di Maxwell per i orpi in quiete.
L'introduzione di un \etere luminoso" si dimostra n qui ome super ua, in quanto
se ondo l'interpretazione sviluppata non si introdu e uno \spazio assoluto in quiete" dotato di proprieta spe iali, ne si asso ia un vettore velo ita ad un punto dello
spazio vuoto nel quale abbiano luogo pro essi elettromagneti i. La teoria da svilupparsi si fonda - ome ogni altra elettrodinami a - sulla inemati a dei orpi rigidi,
poi he le a ermazioni di una tale teoria riguardano relazioni tra orpi rigidi (sistemi
di oordinate), orologi e pro essi elettromagneti i. La non su iente onsiderazione
di queste ir ostanze e la radi e delle di olta, on le quali l'elettrodinami a dei
orpi in movimento attualmente deve lottare.

I. Parte inemati a
x1. De nizione della simultaneita
Si assuma un sistema di oordinate, nel quale valgano le equazioni me ani he
di Newton. Chiamiamo questo sistema di oordinate il \sistema a riposo", per
distinguerlo nel dis orso dai sistemi di oordinate he si introdurranno in seguito e
per pre isare la des rizione.
1

Zur Elektrodynamik bewegter Korper, Annalen der Physik , 891-921 (1905).


17

A. EINSTEIN

Se un punto materiale e a riposo rispetto a questo sistema di oordinate, la


sua posizione rispetto a quest'ultimo puo essere determinata mediante regoli rigidi
utilizzando i metodi della geometria eu lidea, e puo essere espressa in oordinate
artesiane. Se vogliamo des rivere il moto di un punto materiale, diamo i valori
delle sue oordinate in funzione del tempo. Ora si deve tenere ben in mente he
una des rizione matemati a si atta ha un signi ato si o solo quando si sia detto
hiaramente in pre edenza he osa si intende qui per \tempo". Dobbiamo tener
presente he tutte le nostre asserzioni nelle quali il tempo gio a un ruolo sono sempre
asserzioni su eventi simultanei. Quando per esempio di o: \Quel treno arriva qui
alle ore 7," io signi a: \Il porsi della lan etta pi ola del mio orologio sulle 7 e
l'arrivo del treno sono eventi simultanei".2
Potrebbe sembrare he tutte le di olta he riguardano la de nizione del \tempo" si potrebbero superare se sostituissi al posto di \tempo" l'espressione \posizione
della lan etta pi ola del mio orologio". Una de nizione del genere basta infatti
quando si tratta di de nire un tempo indipendentemente dalla posizione nella quale
si trova l'orologio; ma la de nizione non basta piu quando si tratta di ollegare
temporalmente serie di eventi he abbiano luogo in posti diversi, ovvero - il he
e equivalente - valutare temporalmente eventi he abbiano luogo in posti lontani
dall'orologio.
Potremmo altres a ontentar i di valutare temporalmente gli eventi mediante un
osservatore he si trovi assieme all'orologio nell'origine delle oordinate, e he asso i
la orrispondente posizione delle lan ette dell'orologio ad ogni segnale luninoso he
giunga a lui attraverso lo spazio vuoto, e he re hi testimonianza dell'evento da
valutare. Una tale oordinazione porta on se tuttavia l'in onveniente di non essere
indipendente dal punto di vista dell'osservatore he a udis e all'orologio, ome
sappiamo dall'esperienza. Giungiamo ad una determinazione molto piu prati a
mediante la seguente onsiderazione.
Se nel punto A dello spazio si trova un orologio, un osservatore he si trovi in
A puo valutare temporalmente gli eventi nell'intorno immediato di A osservando
le posizioni delle lan ette dell'orologio simultanee on questi eventi. Se an he nel
punto B dello spazio si trova un orologio - aggiungeremo, \un orologio esattamente
on le stesse proprieta di quello he si trova in A" - allora una valutazione temporale
degli eventi nell'intorno immediato di B da parte di un osservatore he si trovi
in B e pure possibile. Non e possibile tuttavia, senza un'ulteriore deliberazione,
onfrontare temporalmente un evento in A on un evento in B ; nora abbiamo
de nito soltanto un \tempo di A" ed un \tempo di B ", ma non abbiamo de nito
al un \tempo" per A e B omplessivamente. Quest'ultimo tempo puo essere de nito
soltanto quando si assuma per de nizione he il \tempo" he la lu e impiega per
andare da A a B e uguale al \tempo" he essa impiega per andare da B ad A.
Ossia, parta un raggio di lu e al \tempo di A" tA da A verso B , sia al \tempo
di B " tB ri esso verso A e ritorni ad A al \tempo di A" t0A . I due orologi per
de nizione amminano sin roni quando
tB tA = t0 tB :
A

Assumiamo he questa de nizione di sin ronismo sia possibile in modo esente da


ontraddizioni, he quindi valgano le ondizioni:

Non si onsiderera qui l' impre isione he si introdu e nel on etto di simultaneita di due
eventi (approssimativamente) nello stesso posto e he viene superata on l'astrazione.
2

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

1. Quando l'orologio in B ammina sin rono on l'orologio in A, l'orologio in A


ammina sin rono on l'orologio in B .
2. Quando l'orologio in A ammina sin rono sia on l'orologio in B he on
l'orologio in C , gli orologi in B e C amminano in modi mutuamente sin roni.
Abbiamo os determinato on l'aiuto di erte esperienze si he (pensate) he
osa si debba intendere per orologi a riposo he amminano sin roni e si trovano
in posti separati e on questo evidentemente abbiamo ottenuto una de nizione di
\simultaneo" e di \tempo". Il \tempo" di un evento e l'indi azione simultanea on
l'evento di un orologio a riposo he si trova nella posizione dell'evento, he ammina
sin rono on un determinato orologio a riposo, e ioe per tutte le determinazioni di
tempo ompiute on l'orologio stesso.
Assumiamo se ondo l'esperienza he la quantita
2AB
0t tA = V
A
sia una ostante universale (la velo ita della lu e nello spazio vuoto).
E essenziale he noi abbiamo de nito il tempo mediante orologi a riposo nel
sistema a riposo; hiamiamo il tempo ora de nito, a motivo di questa asso iazione
on il sistema a riposo \il tempo del sistema a riposo".

x2. Sulla relativita delle lunghezze e dei tempi.


Le onsiderazioni seguenti si fondano sul prin ipio di relativita e sul prin ipio
della ostanza della velo ita della lu e, prin ipi he de niamo nel modo seguente.
1. Le leggi se ondo le quali evolvono gli stati dei sistemi si i sono indipendenti
da quale di due sistemi di oordinate he si trovino uno rispetto all'altro in moto
traslatorio uniforme queste evoluzioni di stato siano osservate.
2. Ogni raggio di lu e si muove nel sistema di oordinate \a riposo" on la
velo ita ssa V , indipendentemente dal fatto he questo raggio di lu e sia emesso
da un orpo a riposo o in moto. Si ha
Velo ita =

Cammino della lu e
;
Durata

dove la \durata" va intesa nel senso della de nizione del x1.


Sia dato un regolo rigido a riposo; esso abbia, se misurato on un ampione di
lunghezza ugualmente a riposo, la lunghezza l. Pensiamo ora he l'asse del regolo
gia ia nella direzione dell'asse X del sistema di oordinate a riposo, e he sia
impartito in seguito al regolo un moto di traslazione parallela uniforme (velo ita
v) lungo l'asse X nel senso delle x res enti. Ci interroghiamo ora riguardo alla
lunghezza del regolo in moto, he pensiamo trovata mediante le due operazioni
seguenti:
a) L'osservatore si muove insieme on il ampione di lunghezza anzidetto assieme
al regolo da misurare e misura direttamente on l'a ostamento del ampione la
lunghezza del regolo, proprio ome quando regolo da misurare, osservatore e ampione di lunghezza si trovano a riposo.
b) L'osservatore determina mediante orologi a riposo disposti nel sistema a riposo, sin ronizzati se ondo x1, in quali punti del sistema a riposo si trovano l'inizio

A. EINSTEIN

e la ne del regolo da misurare ad un dato tempo t. La separazione tra i due punti,


misurata on il ampione di lunghezza gia utilizzato, in questo aso a riposo, e
parimenti una lunghezza, he si puo ontrassegnare ome \lunghezza del regolo".
Se ondo il prin ipio di relativita la lunghezza he si trova mediante l'operazione
a), he indi heremo ome \la lunghezza del regolo nel sistema in moto", dev'essere
uguale alla lunghezza l del regolo in quiete.
La lunghezza he si trova on l'operazione b), he hiameremo \la lunghezza
del regolo (in moto) nel sistema a riposo", la determineremo in base ai nostri due
prin ipi, e troveremo he essa e diversa da l.
La inemati a generalmente utilizzata assume ta itamente he le lunghezze determinate mediante le due operazioni su menzionate siano esattamente uguali, ovvero
in altre parole, he un orpo rigido in moto al tempo t per quanto riguarda le
relazioni geometri he sia ompletamente sostituibile dallo stesso orpo, he sia a
riposo in un determinato posto.
Immaginiamo he ai due estremi del regolo (A e B ) si fa ia uso di orologi he
sono sin roni on gli orologi del sistema a riposo, ioe tali he le loro indi azioni
orrispondano sempre al \tempo del sistema a riposo" nella posizione nella quale
esattamente si trovano; questi orologi sono quindi \sin roni nel sistema a riposo".
Immaginiamo inoltre he in orrispondenza di ias un orologio si trovi un osservatore, e he questo osservatore appli hi ai due orologi il riterio enun iato nel x1
per il ammino sin rono di due orologi. Al tempo3 tA parte un raggio di lu e da
A, viene ri esso in B al tempo tB e ritorna ad A al tempo t0A . Tenendo onto del
prin ipio della ostanza della velo ita della lu e troviamo:

tB

r
tA = AB
V v

r
t0A tB = AB ;
V +v
dove rAB signi a la lunghezza del regolo in moto - misurata nel sistema a riposo.
L'osservatore he si muove on il regolo in moto trovera quindi he i due orologi
non amminano sin roni, mentre l'osservatore he si trova nel sistema in quiete
interpretera gli orologi ome pro edenti in sin ronia.
Vediamo quindi he non possiamo attribuire al on etto di simultaneita al un
signi ato assoluto, ma he inve e due eventi he, onsiderati in un sistema di
oordinate, sono simultanei, se onsiderati da un sistema he si muove relativamente
a questo sistema, non si possono piu assumere ome simultanei.

x3. Teoria delle trasformazioni delle oordinate e del tempo


dal sistema a riposo ad uno he si trovi
relativamente a questo in moto di traslazione uniforme.

Vi siano nello spazio \a riposo" due sistemi di oordinate, ioe due sistemi de niti
da tre linee materiali rigide, ortogonali tra di loro, us enti dallo stesso punto. Possiamo far oin idere gli assi X dei due sistemi, e siano gli assi Y e Z rispettivamente
paralleli. Ad ogni sistema si assegnino un ampione di lunghezza rigido ed un erto

\tempo" signi a qui \tempo del sistema a riposo" e parimenti \posizione delle lan ette
dell'orologio in moto, he si trova nella posizione di ui si parla."
3

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

numero di orologi, ed entrambi i ampioni di lunghezza ome pure tutti gli orologi
di entrambi i sistemi siano esattamente uguali tra loro.
Si imprima ora all'origine di uno dei due sistemi (k) una velo ita v ( ostante)
nella direzione degli x res enti dell'altro sistema (K ) a riposo, velo ita he si possa
omuni are an he agli assi oordinati, al ampione di lunghezza relativo e pure agli
orologi. Ad ogni tempo t del sistema a riposo K orrisponde quindi una determinata
posizione degli assi del sistema in moto e in base alla simmetria siamo autorizzati
ad assumere he il moto di k possa esser tale he gli assi del sistema in moto al
tempo t ( on \t" si indi a sempre un tempo del sistema a riposo) siano paralleli
agli assi del sistema a riposo.
Pensiamo ora di misurare lo spazio sia dal sistema a riposo K per mezzo del
ampione di lunghezza a riposo he dal sistema in moto k mediante il ampione di
lunghezza he si muove on esso, e di determinare os le oordinate x; y; z , rispettivamente ; ;  . Si determini poi on gli orologi he si trovano a riposo nel sistema a
riposo, attraverso segnali di lu e nel modo des ritto nel x1, il tempo t del sistema a
riposo per tutti i punti di quest'ultimo, dove si trovino degli orologi; analogamente
si determini il tempo  del sistema in moto per tutti i punti del sistema in moto,
nei quali si trovino orologi a riposo rispetto a quest'ultimo, appli ando il suddetto
metodo del x1 dei segnali luminosi tra i punti nei quali si trovano questi ultimi
orologi.
A ogni sistema di valori x; y; z; t he determinano ompletamente la posizione e
il tempo di un evento nel sistema a riposo orrisponde un sistema di valori ; ; ; 
he ssa un tale evento relativamente al sistema k, e bisogna ora assolvere il ompito
di trovare il sistema di equazioni he legano queste quantita.
E hiaro he le equazioni devono essere lineari a ausa delle proprieta di omogeneita he noi attribuiamo allo spazio ed al tempo.
Se poniamo x0 = x vt, e hiaro he ad un punto a riposo nel sistema k spetta un
insieme di valori x0 ; y; z indipendente dal tempo. Determiniamo in primo luogo  in
funzione di x0 ; y; z e t. A tal ne dobbiamo esprimere in equazioni he  rappresenta
il omplesso delle indi azioni degli orologi a riposo nel sistema k, he sono stati resi
sin roni se ondo la regola data nel x1. Dall'origine del sistema k si mandi al tempo
0 un raggio di lu e lungo l'asse X verso x0 e lo si ri etta da l al tempo 1 verso
l'origine delle oordinate, dove esso arrivi al tempo 2 ; dev'essere allora:
1
( +  ) = 1
2 0 2
ovvero, se si aggiungono gli argomenti della funzione  e si appli a il prin ipio della
ostanza della velo ita della lu e nel sistema a riposo:




1
x0
x0
 (0; 0; 0; t) +  0; 0; 0; t +
+
2
V v V +v


x0
=  x0 ; 0; 0; t +
:
V v
Da qui segue, s egliendo x0 in nitamente pi olo:


1
1
1
 
1 
+
= 0+
;
2 V v V + v t x V v t

A. EINSTEIN

ovvero


v 
+
= 0:
x0 V 2 v2 t
E da notare he avremmo potuto s egliere ome punto di partenza del raggio luminoso ogni altro punto al posto dell'origine delle oordinate e he l'equazione ora
determinata vale per io per tutti i valori di x0 ; y; z .
Una analoga trattazione - appli ata agli assi H e Z , quando si osservi he la lu e
lungo questi
p assi, onsiderata dal sistema a riposo, si propaga ostantemente on la
velo ita V 2 v2 , porta a


= 0;
= 0:
y
z
Da queste equazioni segue he  e una funzione lineare:


 =a t

V2

0
2x ;

dove a e una funzione provvisoriamente in ognita '(v) e per brevita si e assunto


he nell'origine di k per  = 0 sia t = 0.
Per mezzo di questi risultati e fa ile trovare le quantita ; ;  in modo tale da
esprimere on le equazioni he la lu e ( ome ri hiede il prin ipio della ostanza
della velo ita della lu e assieme al prin ipio di relativita) an he quando e misurata
nel sistema in moto si propaghi on la velo ita V . Per un raggio di lu e emesso al
tempo  = 0 nella direzione degli  res enti vale:

 = V ;
ovvero

 = aV t

0
2x :

V2 v
Ma ora il raggio di lu e misurato nel sistema a riposo si muove rispetto all'origine
di k on la velo ita V v, si he:
x0
= t:
V v
Sostituiamo questo valore di t nell'equazione per  , e otteniamo:
V2
 = a 2 2 x0 :
V v
In modo analogo si trova onsiderando raggi di lu e he si muovano lungo gli altri
due assi:


v
0
 = V  = aV t
x ;
V 2 v2
dove
p 2y 2 = t; x0 = 0;
V v
quindi
V
 = ap 2 2 y
V v

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

V
 = a p 2 2 z:
V v
0
Sostituiamo al posto di x il suo valore e otteniamo:

v 
 = '(v) t
x ;
V2
 = '(v) (x vt) ;
 = '(v)y;
 = '(v)z;
dove

1
1

v 2
V

e ' e una funzione di v per ora in ognita. Poi he non si fa nessuna ipotesi sulla
posizione dell'origine del sistema in moto e sul punto di zero di  , e sempre possibile
aggiungere al se ondo membro di queste equazioni una ostante additiva. Dobbiamo
ora dimostrare he ogni raggio di lu e, misurato nel sistema in moto, si propaga
on la velo ita V , nel aso he io si veri hi, ome abbiamo assunto, nel sistema a
riposo; non abbiamo fornito an ora la dimostrazione he il prin ipio della ostanza
della velo ita della lu e sia ompatibile on il prin ipio di relativita.
Al tempo t =  = 0 sia emessa dall'origine delle oordinate dei due sistemi
a questo tempo oin idente un'onda sferi a, he si propaghi nel sistema k on la
velo ita V . Sia (x; y; z ) un punto raggiunto da quest'onda, allora

x2 + y2 + z 2 = V 2 t2 :
Trasformiamo questa equazione per mezzo delle nostre equazioni di trasformazione e otteniamo on un al olo sempli e:

V2
 2 + 2 +  2 = 2 :

L'onda in esame, an he quando la si onsideri nel sistema in moto, e quindi
un'onda sferi a on la velo ita di propagazione V . Risulta da qui he i nostri due
prin ipi fondamentali sono ompatibili tra loro. Nella equazioni di trasformazione
sviluppate ompare an ora una funzione in ognita ' di v, he vogliamo ora determinare.
Introdu iamo a questo s opo an ora un terzo sistema di oordinate K 0 , he
sia pensato in moto di traslazione parallela rispetto al sistema k parallelamente
all'asse , in modo tale he la sua origine si muova on la velo ita v lungo l'asse
. Al tempo t = 0 tutti e tre i punti origine delle oordinate oin idano e sia per
t = x = y = z = 0 uguale a zero il tempo t0 del sistema K 0 . Chiamiamo x0 ; y0 ; z 0
le oordinate, misurate nel sistema K 0 , e otteniamo appli ando due volte le nostre
equazioni di trasformazione:
n
v o
t0 = '( v) ( v)  + 2  = '(v)'( v)t;
V

10

A. EINSTEIN

x0 = '( v) ( v) f + v g = '(v)'( v)x;


y0 = '( v) = '(v)'( v)y;
z 0 = '( v) = '(v)'( v)z:
Poi he le relazioni tra x0 , y0 , z 0 e x, y, z non ontengono il tempo t, i due sistemi
K e K 0 sono mutuamente a riposo, ed e hiaro he la trasformazione da K a K 0
dev'essere la trasformazione identi a. E quindi
'(v)'( v) = 1:
Ci hiediamo ora qual e il signi ato di '(v). Fissiamo l'attenzione sul tratto
dell'asse H del sistema k, ompreso tra  = 0,  = 0,  = 0 e  = 0,  = l,
 = 0. Questo tratto dell'asse H e un regolo he si muove rispetto al sistema K
on la velo ita v ortogonalmente al suo asse, e le ui estremita possiedono in K le
oordinate
l
x1 = vt; y1 =
; z =0
'(v) 1
e
x2 = vt; y2 = 0; z2 = 0:
La lunghezza del regolo, misurata in K , e quindi l='(v); da io risulta de nito il
signi ato della funzione '. Per ragioni di simmetria e ora evidente he la lunghezza,
misurata nel sistema a riposo, di un dato regolo he si muova ortogonalmente al
proprio asse, puo dipendere solo dalla velo ita, ma non dalla direzione e dal verso
del moto. Quindi la lunghezza del regolo in moto, misurata nel sistema a riposo,
non muta se si s ambia v on v. Da qui segue

l
l
=
;
'(v) '( v)
ovvero

'(v) = '( v):


Da questa e dalla relazione trovata prima segue he dev'essere '(v) = 1, di modo
he le relazioni trovate diventano:

v 
x ;
 = t
V2
 = (x vt) ;
 = y;
 = z;
dove

1
1

v 2
V

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

11

x4. Signi ato si o delle equazioni ottenute,

riguardante orpi rigidi in moto e orologi in moto.


Consideriamo una sfera rigida4 di raggio R, he sia in quiete relativamente al
sistema in moto k, e il ui entro stia nell'origine delle oordinate di k. L'equazione
della super ie di questa sfera he si muove relativamente al sistema K on la
velo ita v e :
 2 +  2 +  2 = R2 :
L'equazione di questa super ie, espressa in x; y; z al tempo t = 0 e:
1

x2

v 2
V

+ y 2 + z 2 = R2 :

Un orpo rigido, he misurato nello stato a riposo ha la forma di una sfera, ha quindi
nello stato di moto - onsiderato dal sistema a riposo - la forma di un ellissoide di
rotazione on gli assi
r
 v 2
R 1
; R; R:
V
Mentre quindi le dimensioni Y e Z della sfera (quindi an he di ogni orpo rigido
di forma arbitraria) non appaiono modi ate on il movimento, la dimensione X
appare a or iata nel rapporto 1 : [1 (v=V )2 1=2 , quindi tanto piu quanto piu
grande e v. Per v = V tutti gli oggetti in moto - onsiderati dal sistema \a
riposo" - si ridu ono alla forma di super i. Per velo ita superluminali le nostre
onsiderazioni sono prive di senso; troveremo del resto nella trattazione su essiva
he la velo ita della lu e nella nostra teoria gio a si amente il ruolo della velo ita
in nitamente grande.
E hiaro he i medesimi risultati valgono per orpi a riposo nel sistema \a riposo",
quando li si onsiderino da un sistema in moto uniforme.
Consideriamo inoltre uno degli orologi, he a riposo rispetto al sistema a riposo
sono apa i di dare il tempo t, a riposo rispetto al sistema in moto, posto nell'origine
di k e os regolato da dare il tempo  . Con he velo ita ammina questo orologio,
onsiderato dal sistema a riposo?
Tra le quantita x; t e  , he si riferis ono alla posizione di questo orologio, valgono
evidentemente le equazioni:

t Vv2 x
=q

1 Vv 2
e
x = vt:
E quindi
"
#
r
r
 v 2
 v 2
 =t 1
=t 1
1
t;
V
V
dalla quale segue he l'indi azione dell'orologio ( onsiderata nel sistema a riposo)
ritarda al se ondo di [1 (1 (v=V )2 )1=2 se ondi ovvero - a meno di quantita
dell'ordine quarto e piu alto, di (1=2) Vv 2 se ondi.
4

Cioe un orpo, he esaminato a riposo possieda forma sferi a.

12

A. EINSTEIN

Da qui risulta la seguente onseguenza singolare. Nei punti A e B di K siano


disposti due orologi a riposo, he amminano sin roni quando siano onsiderati nel
sistema a riposo, e si muova l'orologio in A on la velo ita v lungo la ongiungente
verso B , allora all'arrivo di quest'orologio in B i due orologi non sono piu sin roni,
ma l'orologio mosso daA a B resta indietro rispetto a quello he dall'inizio si trova
in B di (1=2) t v2 =V 2 se ondi (a meno di quantita di ordine quarto e piu alto),
dove t e il tempo he l'orologio impiega da A a B .
Si vede immediatamente he questo risultato vale an he quando l'orologio si
muove da A a B lungo una linea poligonale arbitraria, e in parti olare an he quando
i punti A e B oin idono.
Se si assume he il risultato dimostrato per una linea poligonale valga an he per
una linea in urvata on ontinuita, si ottiene la legge: si trovino in A due orologi he
amminano sin roni e si muova uno degli stessi lungo una urva hiusa on velo ita
ostante, n he esso ritorni in A, osa he puo durare t se ondi; allora quest'ultimo
orologio al suo arrivo in A risulta ritardato rispetto a quello he non e stato mosso
di (1=2) t (v=V )2 se ondi. Si on lude da io he un orologio a bilan iere he si trovi
all'equatore terrestre deve amminare piu lento di un importo assai pi olo rispetto
ad un orologio fatto esattamente alla stessa maniera, e sottoposto per il resto a
ondizioni uguali, ma he si trovi a un polo terrestre.

x5. Teorema di addizione delle velo ita.


Nel sistema k he si muove on la velo ita v lungo l'asse X del sistema K un
punto si muova se ondo le equazioni:

 = w ;  = w ;  = 0;
dove w e w indi ano delle ostanti.
Si er hi il moto del punto relativamente al sistema K . Se si introdu ono nelle
equazioni di moto del punto le quantita x; y; z; t per mezzo delle equazioni di trasformazione sviluppate al x3, si ottiene:

x=
q

w + v
 t;
1 + vw
V2

1 Vv 2
y=
 w t;
1 + vw
V2
z = 0:
La legge del parallelogrammo delle velo ita vale quindi se ondo la nostra teoria solo
in prima approssimazione. Poniamo:


 2  2
dx
dy
2
U =
+
;
dt
dt
w2 = w2 + w2

w
= ar tan y ;
wx

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

13

e allora l'angolo tra le velo ita v e w. Con un al olo sempli e risulta:


q

U=

(v2 + w2 + 2vw os )

1 + vwV os
2

vw sin 2
V

E degno di nota he v e w entrino in modo simmetri o nell'espressione per la velo ita


risultante. Se an he w ha la direzione dell'asse X (asse ) si ottiene:

U=

v+w
:
1 + Vvw2

Da questa equazione segue he dalla omposizione di due velo ita he siano minori
di V risulta sempre una velo ita inferiore a V . Si ponga infatti v = V , w = V ,
dove  e  sono positivi e minori di V ; risulta:

U =V

2V

2V

 
< V:
  + 
V

Risulta inoltre he la velo ita V non puo essere mutata per omposizione on
una \velo ita sottoluminale". Si trova in questo aso:

U=

V +w
= V:
1 + Vw

Avremmo potuto ottenere le formule di U per il aso he v e w possiedano ugual


direzione an he per omposizione di due trasformazioni se ondo il x3. Introdu iamo
oltre ai sistemi K e k onsiderati nel x3 an he un terzo sistema di oordinate k0
pensato in moto parallelo rispetto a k, la ui origine si muova lungo l'asse  on
la velo ita w; in tal modo otteniamo tra le quantita x; y; z; t e le orrispondenti
quantita di k0 delle equazioni, he si distinguono da quelle trovate nel x3 solo per he
al posto di \v" ompare la quantita

v+w
;
1 + vw
V2
si vede pertanto he queste trasformazioni parallele - ome dev'essere - ostituis ono
un gruppo.
Abbiamo ora derivato le leggi per noi ne essarie della inemati a he orrisponde
ai nostri due prin ipi, e passiamo a mostrare la loro appli azione nell'elettrodinami a.

14

A. EINSTEIN
II. Parte elettrodinami a

x6. Trasformazione delle equazioni di Maxwell-Hertz


per lo spazio vuoto. Sulla natura della forza elettromotri e
he ompare on il moto in un ampo magneti o.
Se equazioni di Maxwell-Hertz per lo spazio vuoto sono valide per il sistema a
riposo K , si deve avere:
1 X N
=
V t
y

M 1 L Y
;
=
z V t z

Z
;
y

1 Y L N 1 M Z X
=
;
=
;
V t z x V t
x z
1 Z M L 1 N X Y
=
;
=
;
V t
x y V t
y x
dove (X; Y; Z ) e il vettore della forza elettri a, (L; M; N ) quello della forza magneti a.
Se appli hiamo a queste equazioni la trasformazione sviluppata al x 3, e riferiamo
i pro essi elettromagneti i al sistema di oordinate la introdotto, he si muove on
la velo ita v, otteniamo le equazioni

1 X  N Vv Y
=
V 


dove

1 
V
1 
V
1 L
V 
1 
V
1 
V

v 
VN

 M + Vv Z
;



L  N Vv Y
=
;





Z + Vv M
 M + Vv Z
L
=
;





 Y Vv N
 Z + Vv M
=
;




M + Vv Z
 Z + Vv M
X
=
;





N Vv Y
X  Y Vv N
=
;



Y

 :
1 Vv 2
Il prin ipio di relativita ri hiede ora he le equazioni di Maxwell-Hertz per lo spazio
vuoto valgano an he nel sistema k quando esse valgono nel sistema K , ossia he per
i vettori della forza elettri a e magneti a ((X 0 ; Y 0 ; Z 0 ) e (L0 ; M 0 ; N 0 )) del sistema
in moto k, de niti mediante le loro azioni ponderomotri i nel sistema in moto k
eser itate su masse elettri he o rispettivamente magneti he, valgano le equazioni
1 X 0 N 0 M 0 1 L0 Y 0 Z 0
=
;
=
;
V 

 V 


q

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

15

1 Y 0 L0 N 0 1 M 0 Z 0 X 0
=
;
=
;
V 

 V 


1 Z 0 M 0 L0 1 N 0 X 0 Y 0
=
;
=
:
V 

 V 


Evidentemente i due sistemi di equazioni trovati per il sistema k devono esprimere
esattamente la stessa osa, poi he entrambi i sistemi di equazioni sono equivalenti
alle equazioni di Maxwell-Hertz per il sistema K . Poi he le equazioni dei due sistemi
oin idono inoltre a meno dei simboli he rappresentano i vettori, ne segue he le
funzioni he ompaiono nel sistema di equazioni in posti orrispondenti devono
oin idere a meno di un fattore (v) uni o per tutte le funzioni di un sistema di
equazioni omplessivo, indipendente da  , ,  e  , eventualmente dipendente da v.
Valgono quindi le relazioni
X 0 = (v)X; L0 = (v)L;



v 
v 
N ; M 0 = (v) M + Z ;
V
V




v
v
Y :
Z 0 = (v) Z + M ; N 0 = (v) N
V
V
Se si ostruis e l'inverso di questo sistema di equazioni, prima mediante soluzione
delle equazioni or ora ottenute, poi sviluppando le equazioni per la trasformazione
inversa (da k a K ) he e aratterizzata dalla velo ita v, segue, tenendo onto he
i due sistemi di equazioni os ottenuti devono essere identi i:

Y 0 = (v) Y

(v): ( v) = 1:
Segue inoltre per ragioni di simmetria5
(v) = ( v);
quindi

(v) = 1;
e le nostre equazioni assumono la forma:
X 0 = X; L0 = L;



v 
v 
N ; M0 = M + Z ;
V
V




v
v
Z0 = Z + M ; N 0 = N
Y :
V
V
Per l'interpretazione di queste equazioni notiamo quanto segue. Si abbia una quantita puntiforme di elettri ita he misurata nel sistema a riposo K sia del valore
\uno", ioe a riposo nel sistema a riposo eser iti su di una quantita di elettri ita
uguale alla distanza di 1 entimetro la forza di una dina. Se ondo il prin ipio di
relativita questa massa elettri a an he quando e misurata nel sistema in moto ha il

Y0 = Y

5 Se per esempio X = Y = Z = L = M = 0 e N 6= 0, 
e hiaro per ragioni di simmetria, he per
lo s ambio del segno di v senza variazione del valore numeri o an he Y 0 deve ambiare di segno,
senza ambiare il suo valore numeri o.

16

A. EINSTEIN

valore \uno". Se questa quantita di elettri ita e a riposo relativamente al sistema


a riposo, per de nizione il vettore (X; Y; Z ) e uguale alla forza eser itata da essa.
Se la quantita di elettri ita e a riposo nel sistema in moto (almeno all'istante onsiderato), allora la forza eser itata da essa, misurata nel sistema in moto, e uguale
al vettore (X 0 ; Y 0 ; Z 0 ). le prime tre delle equazioni su s ritte si possono dunque
esprimere a parole nei seguenti due modi:
1. Se un polo elettri o puntiforme unitario si muove in un ampo elettromagneti o, su di esso opera oltre alla forza elettri a una \forza elettromotri e" he,
tralas iando termini moltipli ati per la se onda potenza e per potenze piu alte di
v=V , e il prodotto vettore, diviso per la velo ita della lu e, della velo ita del moto
del polo unitario e della forza magneti a (ve hio modo di esprimersi).
2. Se un polo elettri o puntiforme unitario si muove in un ampo elettromagneti o, la forza he agis e su di esso e uguale alla forza elettri a he si manifesta
nella posizione del polo unitario, he si ottiene mediante trasformazione del ampo
in un sistema di oordinate a riposo relativamente al polo unitario elettri o (nuovo
modo di esprimersi).
Una situazione analoga vale per la \forza magnetomotri e". Si vede he nella teoria sviluppata la forza elettromotri e gio a soltanto il ruolo di un on etto ausiliario,
he deve la sua introduzione alla ir ostanza he le forze elettri a e magneti a non
possiedono un'esistenza indipendente dallo stato di moto del sistema di oordinate.
E inoltre hiaro he l'asimmetria menzionata nell'Introduzione riguardo alla trattazione della orrente generata mediante il moto relativo di un magnete e di un onduttore sparis e. An he le questioni relative alla \sede" della forza elettromotri e
elettrodinami a (ma hine unipolari) sono infondate.

x7. Teoria del prin ipio di Doppler e dell'aberrazione.


Nel sistema K si trovi assai lontano dall'origine delle oordinate una sorgente di
onde elettromagneti he, he in una parte dello spazio he omprende l'origine delle
oordinate siano rappresentate on su iente approssimazione dalle equazioni:

X = X0 sin ; L = L0 sin ;

Y = Y0 sin ; M = M0 sin ;  = ! t
Z = Z0 sin ; N = N0 sin ;

ax + by + z
:
V

Qui (X0 ; Y0 ; Z0 ) e (L0 ; M0 ; N0 ) sono i vettori he determinano l'ampiezza del treno


d'onde, a; b; sono i oseni direttori della normale d'onda.
Ci hiediamo ora quali siano le aratteristi he di queste onde, quando le stesse
siano indagate da un osservatore a riposo nel sistema in moto k. - Appli ando le
equazioni di trasformazione trovate nel x6 per le forze elettri a e magneti a e le
equazioni di trasformazione trovate nel x3 per le oordinate ed il tempo otteniamo
immediatamente:
X 0 = X0 sin 0 ; L0 = L0 sin 0 ;


v 
v 
Y 0 = Y0
N0 sin 0 ; M 0 = M0 + Z0 sin 0 ;
V
V



v
v 
Z 0 = Z0 + M0 sin 0 ; N 0 = N0
Y sin 0 ;
V
V 0

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO




0 = !0 
dove si e posto

17


a0  + b0  + 0 
;
V


v
!0 = ! 1 a ;
V
v
a
V ;
a0 =
1 a Vv
b 
b0 =
;
1 a Vv

0 =
:
1 a Vv
Dall'equazione per !0 segue: se un osservatore si muove on la velo ita v rispetto
ad una sorgente luminosa di frequenza  in nitamente lontana in modo tale he la
linea ongiungente \sorgente luminosa-osservatore" individui l'angolo ' on la velo ita dell'osservatore he si manifesta in un sistema di oordinate in quiete relativamente alla sorgente di lu e, allora la frequenza  0 della lu e avvertita dall'osservatore
e data dall'equazione:
1 v os '
 0 =  q V 2 :
1 Vv
Questo e il prin ipio di Doppler per velo ita arbitrarie. Per ' = 0 l'equazione
assume la forma perspi ua:
s
1 Vv
0 = 
:
1 + Vv
Si vede he - in ontrasto on la on ezione onsueta - per v = 1, risulta  = 1.
Se si hiama '0 l'angolo tra la normale d'onda (direzione del raggio) nel sistema
in moto e la linea ongiungente \sorgente luminosa - osservatore", l'equazione per
a0 assume la forma:
os ' Vv
0
os ' =
:
1 Vv os '
Questa equazione esprime la legge dell'aberrazione nella sua forma piu generale. Se
' = =2, l'equazione assume la forma sempli e:
v
os '0 =
:
V
Dobbiamo ora er are l'ampiezza delle onde, ome appare nel sistema in moto.
Se si hiamano A e rispettivamente A0 l'ampiezza della forza elettri a o magneti a
misurata nel sistema a riposo o rispettivamente nel sistema in moto, si ottiene:


1 Vv os ' 2
0
2
2
A =A
;

1 Vv 2
equazione he per ' = 0 diventa quella piu sempli e:
1 Vv
A0 2 = A2
:
1 + Vv
Segue dalle equazioni sviluppate he per un osservatore he si avvi ini on la velo ita V ad una sorgente di lu e, questa sorgente di lu e deve apparire in nitamente
intensa.

18

A. EINSTEIN

x8. Trasformazione dell'energia dei raggi di lu e.


Teoria della pressione di radiazione eser itata
su uno spe hio perfetto.

Poi he A2 =8 e uguale all'energia della lu e per unita di volume, se ondo il
prin ipio di relativita dobbiamo onsiderare A0 2 =8 ome l'energia della lu e nel
sistema in moto. Quindi A0 2 =A2 sarebbe il rapporto dell'energia \misurata in moto"
on quella \misurata in quiete" di un erto omplesso luminoso, se il volume di un
omplesso luminoso misurato in K e misurato in k fosse lo stesso. Non e tuttavia
questo il aso. Siano a; b; i oseni direttori della normale d'onda della lu e nel
sistema a riposo, allora attraverso l'elemento di super ie della super ie sferi a
he si muove on la velo ita della lu e
(x V at)2 + (y V bt)2 + (z V t)2 = R2 ;
non transita al una energia; possiamo dire quindi he questa super ie ra hiude
permanentemente lo stesso omplesso luminoso. Ci hiediamo ora quale sia la
quantita d'energia he questa super ie ra hiude quando la si onsideri nel sistema
k, ioe quale sia l'energia del omplesso luminoso relativamente al sistema k.
La super ie sferi a e - onsiderata nel sistema in moto - una super ie ellissoidale, he al tempo  = 0 possiede l'equazione:

v 2 
v 2
v 2 
a  +  b  +   = R2 :
V
V
V
Se si hiama S il volume della sfera, S 0 quello dell'ellissoide, risulta, ome mostra
un sempli e al olo:
q

0
1 Vv 2
S
=
:
S 1 Vv os '
Se si hiama quindi E l'energia misurata nel sistema a riposo, E 0 quella misurata
nel sistema in moto, he sia ra hiusa dalla super ie onsiderata, si trova:


1 Vv os '
E 0 A0 2 S 0 =8 q
= 2
=
 ;
E
A S=8
1 Vv 2
formula he per ' = 0 si ridu e a quella piu sempli e:

E0
=
E

1 Vv
:
1 + Vv

E notevole he l'energia e la frequenza di un omplesso luminoso variino on la


stessa legge al variare dello stato di moto dell'osservatore. Sia ora il piano oordinato  = 0 una super ie ri ettente perfetta, sulla quale vengano ri esse le onde
piane onsiderate nell'ultimo paragrafo. Ci hiediamo quale sia la pressione di radiazione eser itata sulla super ie ri ettente e quali siano la direzione, la frequenza
e l'intensita della lu e dopo la ri essione.

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

19

La lu e in idente sia de nita mediante le quantita A, os ',  (misurate nel


sistema K ). Le orrispondenti quantita onsiderate da k sono:
1 v os '
A0 = A q V 2 ;
1 Vv
os ' Vv
;
1 Vv os '
1 v os '
 0 =  q V 2 :
1 Vv

os '0 =

Per la lu e ri essa otteniamo, quando riferiamo il pro esso al sistema k:

A00 = A0 ;
os '00 = os '0 ;
 00 =  0 :
In ne ritrasformando al sistema a riposo K si ottiene per la lu e ri essa:

1 2 Vv os ' + Vv 2
1 + Vv os '00
000
00
A =A q
;

 =A
1 Vv 2
1 Vv 2
h

 i

1 + Vv 2 os '
os '00 + Vv
000
os ' =
=
1 + Vv os '00
1 2 Vv os ' +
1 + v os '00
1 2 Vv os ' +
=

 000 =  00 q V


1 Vv 2
1 Vv 2

2 Vv

v 2
V
v 2
V :

L'energia he in ide sull'unita di super ie dello spe hio nell'unita di tempo


(misurata nel sistema a riposo) e evidentemente A2 =8 (V os ' v) : L'energia
he si allontana dall'unita di super ie dello spe hio nell'unita di tempo e

A000 2 =8 ( V os '000 + v) :


La di erenza di queste due espressioni e se ondo il prin ipio dell'energia il lavoro
eser itato dalla pressione di radiazione nell'unita di tempo. Se si pone quest'ultimo
uguale al prodotto P:v, dove P e la pressione della lu e, si ottiene:
2
A2 os ' Vv
P =2
:
8 1 Vv 2

In prima approssimazione si ottiene in a ordo on l'esperienza e on altre teorie

P =2

A2 2
os ':
8

20

A. EINSTEIN

Con i metodi qui utilizzati si possono risolvere tutti i problemi dell'otti a dei
orpi in movimento. L'essenziale e he la forza elettri a e magneti a della lu e, he
viene subita da un orpo in moto, sia trasformata a un sistema di oordinate in
quiete relativamente al orpo. In tal modo ogni problema dell'otti a dei orpi in
moto sara ri ondotto ad una sequenza di problemi dell'otti a dei orpi in quiete.

x9. Trasformazione delle equazioni di Maxwell-Hertz


tenendo onto della orrente di onvezione.

Partiamo dalle equazioni:




1
X
N
ux  +
=
V
t
y

dove

M 1 L Y
;
=
z V t z

Z
;
y

1
Y
L N 1 M Z
uy  +
=
;
=
V
t
z x V t
x


1
Z
M L 1 N X
u +
=
;
=
V z
t
x y V t
y

X
;
z
Y
;
x

X Y Z
+
+
x y z
indi a la densita dell'elettri ita moltipli ata per 4 e (ux ; uy ; uz ) indi a il vettore
velo ita dell'elettri ita. Se si pensano le masse elettri he invariabilmente legate a
pi oli orpi rigidi (ioni, elettroni), queste equazioni sono il fondamento elettromagneti o dell'elettrodinami a e dell'otti a dei orpi in movimento di Lorentz.
Se si trasformano queste equazioni, he valgano nel sistema K , al sistema k per
mezzo delle equazioni di trasformazione del x3 e del x6, si ottengono le equazioni:


X 0
N 0 M 0 1 L0 Y 0 Z 0
1
0
u  +
=
;
=
;
V


 V 




1
Y 0
L0 N 0 1 M 0 Z 0 X 0
0
u  +
=
;
=
;
V


 V 




1
Z 0
M 0 L0 1 N 0 X 0 Y 0
u 0 +
=
;
=
;
V


 V 


=

dove

ux v
= u ;
1 ux Vv2


uy
0 = X 0 + Y 0 + Z 0 = 1 ux v :

=
u
;





V2
1 ux Vv2
uz
 = u ;
1 ux Vv2
Poi he - ome segue dal teorema di addizione delle velo ita (x5) - il vettore
(u ; u ; u ) non e altro he la velo ita delle masse elettri he misurate nel sistema
k, risulta per io dimostrato he, prendendo a base i nostri prin ipi inemati i, i

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

21

fondamenti elettrodinami i della teoria di Lorentz dell'elettrodinami a dei orpi in


movimento sono onformi al prin ipio di relativita.
E possibile an ora notare in breve he dalle equazioni sviluppate si puo fa ilmente
derivare la legge seguente: se un orpo elettri amente ari o si muove arbitrariamente nello spazio e la sua ari a non muta, quando la si onsideri da un sistema di
oordinate in moto on il orpo, la sua ari a - onsiderata dal sistema \a riposo"
K - risulta pure ostante.

x10. Dinami a dell'elettrone (lentamente a elerato).


In un ampo elettromagneti o si muova una parti ella puntiforme (nel seguito
hiamata \elettrone") provvista di una ari a elettri a  , riguardo al moto della
quale assumiamo quanto segue:
Se l'elettrone e in quiete ad un erto istante, il moto dell'elettrone nell'intervallino
temporale subito su essivo segue le equazioni

d2 x
d2 y
d2 z
 2 = "X;  2 = "Y;  2 = "Z;
dt
dt
dt
dove x; y; z sono le oordinate dell'elettrone,  indi a la massa dell'elettrone, n he
lo stesso si muova piano.
Possieda ora l'elettrone in se ondo luogo ad un dato istante la velo ita v. Cer hiamo la legge se ondo la quale l'elettrone si muove nell'intervallo temporale immediatamente su essivo.
Senza in uire sulla generalita dell'argomento, possiamo e vogliamo assumere he
l'elettrone, nell'istante he stiamo prendendo in onsiderazione, si trovi nell'origine
delle oordinate e si muova lungo l'asse X del sistema K on la velo ita v. E allora
hiaro he l'elettrone nell'istante sunnominato (t = 0) e in quiete rispetto ad un
sistema di oordinate k in moto parallelo on la velo ita ostante v lungo l'asse X .
Dall'ipotesi prima fatta riguardo al prin ipio di relativita e hiaro he l'elettrone
nel tempo immediatamente su essivo (per pi oli valori di t) onsiderato dal sistema k si muove se ondo le equazioni:
d2 
d2 
d2 
 2 = "X 0 ;  2 = "Y 0 ;  2 = "Z 0 ;
d
d
d
0
0
0
dove i simboli  , ,  ,  , X , Y , Z si riferis ono al sistema k. Stabiliamo he per
t = x = y = z = 0 debba essere  =  =  =  = 0; os valgono le equazioni di
trasformazione dei xx3 e 6, e si ottiene:

v 
 = t
x ;
V2
 = (x vt) ; X 0 = X;

v 
 = y; Y 0 = Y
N ;
V

v 
 = z; Z 0 = Z + M :
V
Per mezzo di queste equazioni trasformiamo le equazioni di moto su s ritte dal
sistema k al sistema K e otteniamo:
d2 x
"
d2 y
" 
v  d2 z
" 
v 
(A)
=
X;
=
Y
N
;
=
Z
+
M :
dt2  3
dt2 
V
dt2 
V

22

A. EINSTEIN

A ostando i alla trattazione onsueta i interroghiamo ora sulle masse \longitudinale" e \trasversale". S riviamo le equazioni (A) nella forma

d2 x
 3 2 = "X = "X 0 ;
dt

2y
d
v 
 2 2 = " Y
N = "Y 0 ;
dt
V

d2 z
v 
 2 2 = " Z + M = "Z 0 ;
dt
V
e notiamo immediatamente he "X 0 , "Y 0 , "Z 0 sono le omponenti della forza ponderomotri e he agis e sull'elettrone, e piu pre isamente osservate in un sistema
di riferimento he si muova in questo istante on l'elettrone on la stessa velo ita
di questo. (Questa forza potrebbe per esempio essere misurata on una bilan ia
a molla a riposo nell'ultimo sistema onsiderato). Ora, se hiamiamo questa forza
sempli emente \la forza he agis e sull'elettrone" e manteniamo l'equazione
massa  a elerazione = forza
e se inoltre assumiamo he le a elerazioni devono essere misurate nel sistema a
riposo K , otteniamo dalle equazioni pre edenti:

massa longitudinale = q
 ;
2 3
v
1 V

 :
1 Vv 2
Naturalmente on un'altra de nizione della forza e dell'a elerazione si ottengono
valori diversi per le masse; si vede quindi he si deve pro edere molto autamente
nel onfronto di teorie diverse del moto dell'elettrone.
Osserviamo he questi risultati per la massa valgono an he per il punto materiale
ponderabile; infatti un punto materiale ponderabile puo essere fatto ponendo su un
elettrone (nel nostro senso) una ari a elettri a arbitrariamente pi ola.
Valutiamo l'energia ineti a dell'elettrone. Un elettrone si muova dall'origine
delle oordinate del sistema K on la velo ita iniziale 0 lungo l'asse X ostantemente sotto l'azione di una forza elettrostati aR X ; e hiaro allora he l'energia sottratta al ampo elettromagneti o ha il valore "Xdx. Poi he l'elettrone dev'essere
lentamente a elerato e di onseguenza non puo edere al una energia sotto forma
di radiazione, l'energia eduta dal ampo elettromagneti o dev'essere posta uguale
all'energia di moto W dell'elettrone. Si ottiene pertanto, tenendo onto he durante
l'intero pro esso di moto onsiderato vale la prima delle equazioni (A):

massa trasversale =

W=

"Xdx = 

Z v

3 vdv = V 2

8
<
:

9
=

v 2
V

1 :
;

Pertanto W per v = V sara in nitamente grande. Velo ita superluminali - in


a ordo on i nostri risultati pre edenti - non hanno al una possibilita di esistenza.

L'ELETTRODINAMICA DEI CORPI IN MOVIMENTO

23

In onseguenza dell'argomento prima avanzato questa espressione per l'energia


ineti a deve valere an he per masse ponderabili.
Elen heremo ora le proprieta del moto dell'elettrone a essibili all'esperimento
he risultano dal sistema di equazioni (A).
1. Dalla se onda equazione del sistema (A) segue he una forza elettri a Y ed una
forza magneti a N operano on la stessa forza deviatri e su di un elettrone he si
muova on la velo ita v quando Y = N  v=V . Si vede an he he la determinazione
della velo ita dell'elettrone dal rapporto tra la apa ita di deviazione magneti a
Am e la apa ita di deviazione elettri a Ae e possibile se ondo la nostra teoria per
velo ita arbitrarie appli ando la legge:

Am v
= :
Ae V
La dimostrazione di questa relazione e a essibile sperimentalmente, poi he la
velo ita dell'elettrone si puo misurare an he direttamente, per esempio mediante
ampi elettri i e magneti i os illanti rapidamente.
2. Dalla derivazione dell'energia ineti a dell'elettrone segue he tra la di erenza
di potenziale attraversata e la velo ita v raggiunta dall'elettrone deve valere la
relazione:
8
9
Z
<
=
2
V
1
q
P = Xdx =
1 :
" : 1 v 2 ;
V

3. Cal oliamo il raggio di urvatura R della traiettoria, quando si abbia a he


fare on una forza magneti a agente N ( ome sola forza deviante) ortogonale alla
velo ita dell'elettrone. Dalla se onda delle equazioni (A) otteniamo:
r
d2 y v2 "v
= =
N 1
dt2 R V

ovvero

R=

 v 2

v
V 2
1
q V

:

2
"
N
v
1
V

Queste tre relazioni sono un'espressione ompleta delle leggi se ondo le quali si
deve muovere l'elettrone per la presente teoria.
Osservo in on lusione he nei lavori sul problema qui trattato l'ami o e ollega
M. Besso mi e stato a anto fedelmente e he gli sono debitore di molti suggerimenti
preziosi.
Berna, giugno 1905

(ri evuto il 30 giugno 1905)

24

A. EINSTEIN
I fondamenti della teoria della relativita generale1
A. Einstein

La teoria esposta nel seguito ostituis e l'estensione piu vasta pensabile della teoria indi ata in generale al giorno d'oggi ome \teoria della relativita"; quest'ultima
la hiamo nel seguito \relativita spe iale" per distinguerla dalla prima, e la assumo
per nota. La generalizzazione della teoria della relativita e assai fa ilitata dalla
forma he e stata data alla teoria della relativita spe iale da Minkowski, il matemati o he ha per primo ri onos iuto hiaramente l'equivalenza formale delle oordinate spaziali e di quella temporale, e l'ha resa utilizzabile per la ostruzione della
teoria. Lo strumento matemati o ne essario per la teoria della relativita generale
stava l bell'e pronto nel \ al olo di erenziale assoluto" he deriva dalle ri er he
di Gauss, Riemann e Christo el sulle varieta non eu lidee, he e stato portato in
un sistema da Ri i e Levi-Civita, ed e gia stato appli ato ai problemi della si a
teori a. Nella sezione B della presente dissertazione ho sviluppato nel modo piu
fa ile e diretto possibile tutti gli strumenti matemati i per noi ne essari, he non
si possano presumere noti al si o, di modo he per la omprensione della presente
dissertazione non e ne essario uno studio della letteratura matemati a. Un pensiero
ri onos ente va in ne a questo punto al mio ami o, il matemati o Grossmann, il
quale on il suo aiuto non solo mi ha risparmiato lo studio della letteratura matemati a relativa, ma mi ha an he sostenuto nelle ri er he sulle equazioni di ampo
della gravitazione.

A. Considerazioni di prin ipio sul postulato della relativita

x1. Osservazioni sulla teoria della relativita spe iale.


La teoria della relativita spe iale si fonda sul seguente postulato, soddisfatto
an he dalla me ani a di Galilei-Newton: se un sistema di oordinate K e s elto
in modo tale he relativamente ad esso le leggi si he valgono nella loro forma
piu sempli e, le stesse leggi valgono an he relativamente ad ogni altro sistema di
oordinate K 0 , assunto in moto di traslazione uniforme rispetto a K . Chiamiamo
questo postulato \prin ipio di relativita spe iale". Attraverso la parola \spe iale"
si allude al fatto he il prin ipio e ristretto al aso he K 0 ompia un moto di
traslazione uniforme rispetto a K , ma he l'equivalenza di K 0 e di K non si estende
al aso di moto non uniforme di K 0 rispetto a K .
La teoria della relativita spe iale si dis osta quindi dalla me ani a lassi a non
per il postulato di relativita, ma soltanto per il postulato della ostanza della velo ita della lu e nel vuoto, dal quale, in ongiunzione on il prin ipio della relativita spe iale, dis endono in modo noto la relativita della simultaneita, ome pure
la trasformazione di Lorentz e le leggi on questa asso iate sul omportamento in
moto dei orpi rigidi e degli orologi.
La modi azione he la teoria dello spazio e del tempo ha subito a ausa della
teoria della relativita spe iale e veramente profonda; ma un punto importante rimane intatto. Infatti an he se ondo la teoria della relativita spe iale le leggi della
geometria si devono interpretare direttamente ome le leggi sulle possibili posizioni
1

Die Grundlage der allgemeinen Relativitatstheorie, Annalen der Physik , 769-822 (1916).
49

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

25

relative di orpi rigidi (a riposo), piu in generale le leggi della inemati a ome leggi
he des rivono il omportamento di regoli e orologi. A due punti materiali pre ssati
di un orpo (rigido) a riposo orrisponde per io sempre un segmento di lunghezza
ompletamente determinata, indipendente dalla posizione e dall'orientamento del
orpo, ome pure dal tempo; a due pre ssate posizioni delle lan ette di un orologio
a riposo rispetto ad un sistema di riferimento ( onsentito) orrisponde sempre un
intervallo temporale di lunghezza determinata, indipendente dalla posizione e dal
tempo. Si mostrera subito he la teoria della relativita generale non puo attenersi
a questa sempli e interpretazione si a dello spazio e del tempo.

x2. Sulle ragioni he ra omandano un'estensione


del postulato della relativita.

La me ani a lassi a e non meno la teoria della relativita spe iale ontengono
un difetto epistemologi o, he forse per la prima volta e stato esposto hiaramente
da E. Ma h. Lo spieghiamo on l'esempio seguente. Due orpi uidi di uguale
grandezza e tipo sono liberamente sospesi nello spazio vuoto a os grande distanza
l'uno dall'altro (e da tutte le restanti masse) he si deve tener onto soltanto di
quelle forze gravitazionali he le parti di uno per volta di questi orpi eser itano
l'una sull'altra. La separazione dei orpi sia invariabile. Non ompariranno moti
relativi delle parti di uno dei orpi l'una rispetto all'altra. Cias una delle masse,
pero - giudi ata da un osservatore a riposo relativamente all'altra massa - potra
ruotare on velo ita angolare ostante attorno alla linea ongiungente delle masse (si
tratta di un moto relativo onstatabile delle due masse). Pensiamo ora di misurare
le super i dei due orpi S1 ed S2 per mezzo di un regolo (relativamente a riposo);
risulta he la super ie di S1 e una sfera, quella di S2 un ellissoide di rotazione.
Chiediamo ora: per quale ragione i orpi S1 ed S2 si omportano diversamente?
Una risposta a questa domanda puo essere epistemologi amente soddisfa ente2
quando il fatto indi ato ome ausa sia una fatto sperimentale osservabile ; la legge
di ausalita ha il signi ato di un'asserzione riguardo al mondo dell'esperienza solo
quando ome ause ed e etti si hanno in ultima analisi soltanto fatti osservabili.
La me ani a di Newton non da a questa domanda al una risposta soddisfa ente.
Essa di e infatti quanto segue. Le leggi della me ani a valgono ben per uno spazio
R1 , rispetto al quale il orpo S1 e a riposo, ma non rispetto ad uno spazio R2 ,
rispetto al quale S2 e a riposo. Il legittimo spazio galileiano R1 , he viene os
introdotto, e tuttavia una ausa del tutto ttizia, non una osa osservabile. E'
quindi hiaro he la me ani a di Newton nel aso onsiderato soddisfa il requisito
della ausalita non realmente, ma solo in modo apparente, poi he rende responsabile
la ausa puramente ttizia R1 per i omportamenti osservabili distinti dei orpi S1
ed S2 .
Una risposta soddisfa ente alla domanda su enun iata puo soltanto suonare os:
il sistema si o ostituito da S1 e S2 non mostra di per se solo al una ausa pensabile, alla quale si possa ri ondurre il diverso omportamento di S1 ed S2 . La
ausa deve quindi stare fuori da questo sistema. Si arriva all'idea he le leggi del
moto generali, he determinano in parti olare le forme di S1 ed S2 , devono essere
di tipo tale he il omportamento me ani o di S1 ed S2 dev'essere ondizionato
2

Una si atta risposta epistemologi amente soddisfa ente puo sempre naturalmente rivelarsi
infondata, nel aso he essa sia in ontraddizione on altre esperienze.

si amente

26

A. EINSTEIN

in modo del tutto essenziale dalle masse lontane, delle quali non abbiamo tenuto
onto nel sistema trattato. Queste masse lontane (ed i loro moti relativi rispetto ai
orpi onsiderati) vanno quindi viste ome portatri i di ause in linea di prin ipio
osservabili per il omportamento diverso dei orpi da noi trattati; esse assumono il
ruolo della ausa ttizia R1 . Di tutti gli spazi pensabili in moto relativo arbitrario
R1 , R2 e etera, non se ne deve onsiderare al uno ome privilegiato, per non far
rinas ere la suddetta obiezione epistemologi a. Le leggi della si a devono essere
di natura tale da valere rispetto ad un sistema di riferimento in moto arbitrario.
Giungiamo per questa via ad un allargamento del postulato della relativita.
Ma oltre a questo grave argomento epistemologi o an he un ben noto fatto si o
parla a favore di un'estensione della teoria della relativita. Sia K un sistema di
riferimento galileiano, ioe tale he rispetto ad esso (per lo meno nella regione
tetradimensionale onsiderata) una massa abbastanza lontana dalle altre si muova
di moto rettilineo ed uniforme. Sia K 0 un se ondo sistema di oordinate, he sia
rispetto a K in moto di traslazione uniformemente a elerato. Relativamente a K 0
una massa su ientemente separata dalle altre esegue un moto a elerato in modo
tale he la sua a elerazione, e la direzione dell'a elerazione, sono indipendenti
dalla sua ostituzione materiale e dal suo stato si o.
Puo un osservatore in quiete rispetto a K 0 trarre da qui la on lusione he egli
si trova in un sistema di riferimento \realmente" a elerato? A questa domanda si
deve rispondere negativamente; infatti il suddetto omportamento di una massa in
moto libero relativamente a K 0 si puo interpretare an he nel modo seguente. Il sistema di riferimento K 0 e non a elerato; nella regione spaziotemporale onsiderata
regna tuttavia un ampo di gravitazione, he provo a il moto a elerato del orpo
relativamente a K 0 .
Quest'idea e resa possibile dal fatto he l'esperienza i ha insegnato l'esistenza
di un ampo di forze (ossia del ampo gravitazionale) il quale possiede la proprieta
notevole di impartire a tutti i orpi la stessa a elerazione3 . Il omportamento
me ani o del orpo relativamente a K 0 e identi o a ome si presenta l'esperienza
rispetto a sistemi, he siamo abituati a onsiderare ome \in quiete" ovvero ome
\legittimi"; per io an he dal punto di vista si o e naturale assumere he i due
sistemi K e K 0 si possono onsiderare entrambi on lo stesso diritto ome \a riposo", ossia he essi sono ugualmente legittimi ome sistemi di riferimento per la
des rizione si a dei pro essi.
Da queste ri essioni si vede he l'introduzione della relativita generale deve ondurre parimenti ad una teoria della gravitazione; si puo infatti \generare" un ampo
di gravitazione on il puro ambiamento del sistema di oordinate. E si vede an he
immediatamente he il prin ipio della ostanza della velo ita della lu e nel vuoto
deve subire una modi azione. Si ri onos e infatti fa ilmente he il ammino di un
raggio di lu e rispetto a K 0 in generale dev'essere urvo, mentre la lu e si propaga
rispetto a K in linea retta e on velo ita ostante determinata.

x3. Il ontinuo spaziotemporale. Postulato della ovarianza generale


per le equazioni he devono esprimere le leggi naturali generali.

Nella me ani a lassi a e an he nella teoria della relativita spe iale le oordinate dello spazio e del tempo hanno un signi ato si o immediato. Che un

Che il ampo gravitazionale possieda questa proprieta on grande pre isione, l'ha dimostrato
sperimentalmente Eotvos.
3

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

27

evento puntuale abbia x1 per la oordinata X1 signi a: la proiezione sull'asse


X1 dell'evento puntuale eseguita per mezzo di regoli rigidi se ondo le regole della
geometria eu lidea si ottiene riportando x1 volte un regolo determinato, il regolo
unitario, dall'origine delle oordinate lungo l'asse X1 (positivo). Che un punto
abbia x4 = t per oordinata X4 signi a: un orologio ampione, he sia ostruito
se ondo pres rizioni determinate, posto a riposo rispetto al sistema di oordinate,
he (in prati a) oin ida spazialmente on l'evento puntuale, ha a umulato x4 = t
periodi al veri arsi dell'evento puntuale4 .
Quest'idea dello spazio e del tempo e sempre presente ai si i, an he se per lo
piu in modo in ons io, om'e ri onos ibile hiaramente dal ruolo he questi on etti
gio ano nella si a sperimentale; quest'idea il lettore la deve porre a fondamento
an he della se onda onsiderazione dell'ultimo paragrafo, an he si possa asso iare
un senso a queste argomentazioni. Ma mostreremo ora he bisogna abbandonarla
e sostituirla on una piu generale per poter introdurre il postulato della relativita
generale quando vale la relativita spe iale, per il aso limite dell'assenza di un
ampo di gravitazione.
Introdu iamo in uno spazio he sia libero da ampi gravitazionali un sistema di
riferimento galileiano K (x; y; z; t), e inoltre un sistema di oordinate K 0 (x0 ; y0 ; z 0 ; t0 )
he ruoti uniformemente rispetto a K . Le origini dei due sistemi e i loro assi Z
oin idano permanentemente. Mostreremo he per una misura spaziotemporale nel
sistema K 0 la pre edente determinazione del signi ato si o di lunghezze e tempi
non puo stare piu in piedi. Per ragioni di simmetria e hiaro he un er hio attorno
all'origine nel piano X Y di K puo ugualmente essere onsiderato un er hio nel
piano X 0 Y 0 di K 0 . Pensiamo ora he la ir onferenza e il diametro di questo
er hio siano misurati on un regolo unitario (in nitamente pi olo rispetto al raggio) e he si fa ia il rapporto dei due risultati delle misure. Sa si ompie questo
esperimento on un regolo a riposo relativamente al sistema galileiano K , si ottiene ome rapporto il numero . Il risultato della determinazione ompiuto on
un regolo a riposo rispetto a K 0 sara un numero maggiore di . Lo si ri onos e
fa ilmente, quando si giudi hi l'intero pro esso di misura dal sistema \a riposo"
K e si onsideri he il regolo disposto lungo la periferia subis e una ontrazione di
Lorentz, il regolo disposto radialmente inve e no. Rispetto a K 0 non vale quindi la
geometria eu lidea; il on etto di oordinate prima ssato, he presuppone la validita della geometria eu lidea, fa quindi ile a rispetto al sistema K 0 . Altrettanto
po o si puo introdurre in K 0 un tempo he orrisponda alle ne essita si he, he
sia indi ato da orologi a riposo in K 0 , ostruiti in modo uguale. Per ri onos erlo,
si pensi di disporre rispettivamente nell'origine delle oordinate e sulla periferia del
er hio due orologi ostruiti in modo uguale e di osservarli dal sistema \a riposo" K .
Se ondo un risultato noto della relativita spe iale l'orologio disposto sulla periferia
del er hio - giudi ato da K - ritarda rispetto all'orologio disposto nell'origine,
poi he il primo orologio e in moto, il se ondo no. Un osservatore he si trovi
nell'origine omune delle oordinate, he sia in grado di osservare an he l'orologio
he si trova sulla periferia mediante la lu e, vedra quindi ritardare l'orologio disposto sulla periferia rispetto a quello disposto presso di lui. Poi he egli non puo
risolversi a las iar dipendere espli itamente dal tempo la velo ita della lu e sul
4 Assumiamo la onstatabilit
a della \simultaneita" per eventi immediatamente prossimi in senso
spaziale, ovvero - detto piu pre isamente - per l'immediata prossimita spaziotemporale ( oin idenza), senza dare una de nizione di questo on etto fondamentale.

28

A. EINSTEIN

ammino onsiderato, interpretera la sua osservazione nel senso he l'orologio sulla


periferia rallenta \davvero" rispetto a quello disposto nell'origine. Egli non potra
quindi fare a meno di de nire il tempo in modo tale he la velo ita d'avanzamento
di un orologio dipenda dalla posizione.
Arriviamo quindi alla on lusione: nella teoria della relativita generale le quantita spaziali e temporali non sono de nite in modo tale he le di erenze di oordinate
spaziali possano essere misurate immediatamente on il regolo ampione unitario,
e quelle temporali on l'orologio standard.
Il mezzo pre edente per introdurre delle oordinate nel ontinuo spaziotemporale
in una maniera de nita quindi fallis e, e non pare he si o ra al un'altra via he
permetta di adattare delle oordinate al mondo tetradimensionale in modo tale
he on il loro impiego i si debba aspettare una formulazione parti olarmente
sempli e delle leggi naturali. Non resta quindi altra possibilita he assumere tutti i
sistemi di oordinate pensabili5 ome in linea di prin ipio ugualmente legittimi per
la des rizione della natura. Si arriva os al postulato:
Le leggi generali della natura sono da esprimersi on equazioni he valgano per
tutti i sistemi di oordinate, ioe he siano ovarianti rispetto alle sostituzioni arbitrarie (generalmente ovarianti).
E' hiaro he una si a he obbedis e a questo postulato soddisfa il postulato di
relativita generale. Infatti fra tutte le sostituzioni sono senz'altro omprese an he
quelle he orrispondono a tutti i moti relativi del sistema di oordinate (tridimensionale). Che questo postulato della ovarianza generale, he sottrae allo spazio ed al
tempo l'ultimo residuo di oggettivita si a, sia un postulato naturale, risulta dalla
seguente onsiderazione. Tutte le nostre onstatazioni spaziotemporali derivano
sempre dalla determinazione di oin idenze spaziotemporali. Se per esempio gli a adimenti onsistessero soltanto nel moto di punti materiali, in ultima analisi non
sarebbe osservabile nient'altro he gli in ontri di due o piu di questi punti. An he
i risultati delle nostre misure non sarebbero nient'altro he la onstatazione di in ontri si atti di punti materiali del nostro regolo on altri punti materiali, ovvero
oin idenze tra lan ette di orologio e ifre sul quadrante, e onsiderati ome eventi
puntuali he si veri ano nello stesso posto ed allo stesso tempo.
L'introduzione di un sistema di oordinate non serve a nient'altro he ad una
des rizione piu fa ile della totalita di tali oin idenze. Si asso iano all'universo
quattro variabili spaziotemporali x1 , x2 , x3 , x4 in modo tale he ad ogni evento
puntuale orrisponda un sistema di valori delle variabili x1 : : : x4 . A due eventi
puntuali oin identi orrisponde lo stesso sistema di valori delle variabili x1 : : : x4 ;
ioe la oin idenza e aratterizzata dalla on ordanza delle oordinate. Se al posto
delle variabili x1 : : : x4 si introdu ono funzioni arbitrarie delle stesse x01 , x02 , x03 , x04
ome nuovo sistema di oordinate, in modo he i sistemi di valori si orrispondano
univo amente, l'uguaglianza di tutte e quattro le oordinate e an he nel nuovo sistema l'espressione della oin idenza spaziotemporale di due eventi puntuali. Poi he
tutte le nostre esperienze si he si possono ri ondurre in n dei onti a oin idenze
si atte, non esiste nessuna ragione per preferire erti sistemi di oordinate ad altri,
quindi arriviamo al postulato della ovarianza generale.

Di erte restrizioni, he orrispondono al requisito di un oordinamento univo o e a quello


della ontinuita, qui non diremo nulla.
5

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

29

x4. Relazione delle quattro oordinate on i risultati


delle misure spaziali e temporali.
Espressione analiti a per il ampo gravitazionale.

Non e mio s opo in questa dissertazione presentare la teoria della relativita generale on un minimo di assiomi ome un sistema logi o il piu sempli e possibile.
E inve e mio s opo prin ipale sviluppare questa teoria in modo tale he il lettore
avverta la naturalezza psi ologi a della via intrapresa, e he i postulati s elti a
fondamento appaiano il piu possibile onfermati dall'esperienza. In questo senso si
introdu e ora il postulato:
Per regioni tetradimensionali in nitamente pi ole la teoria della relativita nel
senso ristretto dev'esser vera in un opportuno sistema di oordinate.
Lo stato di a elerazione del sistema di oordinate in nitamente pi olo (\lo ale") va s elto in modo tale he non ompaia un ampo di gravitazione; io e
possibile per una regione in nitamente pi ola. Siano X1; X2 ; X3 le oordinate
spaziali; sia X4 la orrispondente oordinata temporale misurata on un opportuno
ampione6 . Per una determinata orientazione del sistema di oordinate queste oordinate hanno, quando si pensi dato un pi olo regolo rigido ome regolo di misura
unitario, un signi ato si o immediato nel senso della teoria della relativita spe iale. L'espressione
(1)

ds2 = dX12 dX22

dX32 + dX42

ha allora se ondo la teoria della relativita spe iale un valore, a ertabile mediante misura dello spazio e del tempo, indipendente dall'orientazione del sistema
di oordinate lo ali. Chiamiamo ds la lunghezza dell'elemento di linea he appartiene a due punti in nitamente vi ini dello spazio tetradimensionale. Se il ds2
he orrisponde all'elemento (dX1 : : : :dX4 ) e positivo, hiamiamo quest'ultimo on
Minkowski temporale, nel aso ontrario spaziale.
All'\elemento di linea" onsiderato, ovvero ai due eventi puntuali in nitamente
vi ini orrispondono an he determinati di erenziali dx1 : : : :dx4 delle oordinate
tetradimensionali del sistema di riferimento s elto. Se a questo, nella posizione
onsiderata, si asso ia an he un sistema \lo ale" del tipo di ui sopra, i dX si
potranno rappresentare on erte espressioni lineari omogenee dei dx :
(2)

dX =

 dx :

Se si sostituis ono queste espressioni nella (1), si ottiene


(3)

X
ds2 = g dx dx ;



dove le g saranno funzioni delle x , he non possono piu dipendere dall'orientazione e dallo stato di moto del sistema di oordinate \lo ale"; dunque ds2 e una
quantita de nita indipendentemente da ogni s elta parti olare delle oordinate,
a ertabile mediante misure on regoli e orologi, he appartiene agli eventi puntuali

L'unita temporale va s elta in modo tale he la velo ita della lu e nel vuoto - misurata nel
sistema di oordinate \lo ale" - sia uguale ad 1.
6

30

A. EINSTEIN

onsiderati, in nitamente vi ini in senso spaziotemporale. Le g sono da s egliersi


in modo tale he g = g ; la sommatoria va estesa a tutti i valori di  e  , di
modo he la somma onsiste di 4  4 addendi, dei quali 12 sono a oppie uguali.
Il aso della teoria della relativita onsueta risulta da quello trattato qui quando,
grazie al omportamento parti olare di g in una regione nita, sia possibile
s egliere in questa il sistema di riferimento in modo tale he le g assumano i
valori ostanti
0

(4)

B


1
0
0
0

0
1
0
0

0
0
1
0

01
0C:
0A
1

Vedremo in seguito he la s elta di tali oordinate per regioni nite in generale


non e possibile.
Dalle onsiderazioni dei xx2 e 3 risulta he le quantita g sono da intendersi dal
punto di vista si o ome quelle quantita he des rivono il ampo di gravitazione
rispetto al sistema di riferimento s elto. Assumiamo infatti he la teoria della relativita spe iale valga on un'opportuna s elta delle oordinate per una erta regione
tetradimensionale onsiderata. Le g hanno pertanto i valori dati nella (4). Un
punto materiale libero si muove allora rispetto a questo sistema di moto rettilineo
uniforme. Se si introdu ono mediante una sostituzione arbitraria nuove oordinate
spaziotemporali x1 : : : :x4 , le g in questo nuovo sistema non saranno piu ostanti,
ma funzioni dello spazio e del tempo. Parimenti il moto del punto materiale libero
si rappresentera nelle nuove oordinate ome urvilineo e non uniforme, e la legge
di moto sara indipendente dalla natura del punto materiale he si muove. Interpreteremo quindi questo moto ome un moto sotto l'in uenza di un ampo di
gravitazione. Vediamo l'apparire di un ampo di gravitazione asso iato alla variabilita spaziotemporale delle g . An he nel aso generale, quando non possiamo
ottenere on un'opportuna s elta delle oordinate la validita della teoria della relativita spe iale in una regione nita, i atterremo all'ipotesi he le g des rivano
il ampo gravitazionale.
La gravitazione, se ondo la teoria della relativita generale, gio a pertanto un
ruolo e ezionale rispetto alle restanti forze, in parti olare a quelle elettromagneti he, poi he le 10 funzioni g he rappresentano il ampo gravitazionale determinano allo stesso tempo le proprieta metri he dello spazio misurabile tetradimensionale.

B. Sussidi matemati i per la ostruzione di equazioni


generalmente ovarianti.
Poi he abbiamo visto in pre edenza he il postulato di relativita generale porta
all'ingiunzione he i sistemi di equazioni della si a debbano essere ovarianti rispetto a sostituzioni arbitrarie delle oordinate x1 : : : :x4 , dobbiamo onsiderare
ome si possano ottenere equazioni generalmente ovarianti di questo tipo. Ci
dedi hiamo ora a questo problema puramente matemati o; si mostrera he per la
sua soluzione l'invariante ds de nito nell'equazione (3), he per analogia on la
teoria di Gauss delle super i abbiamo designato ome \elemento di linea", gio a
un ruolo fondamentale.

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

31

L'idea di base di questa teoria generalmente ovariante e la seguente. Esistono


erti oggetti (\tensori") de niti rispetto a ias un sistema di oordinate mediante
un erto numero di funzioni dello spazio, he saranno hiamate le \ omponenti" del
tensore. Esistono erte regole se ondo le quali queste omponenti vengono al olate
in un nuovo sistema di oordinate, quando esse siano note per il sistema originario,
e quando la trasformazione he ollega i due sistemi sia nota. Gli oggetti designati
ome tensori sono inoltre aratterizzati dal fatto he le equazioni di trasformazione
per le loro omponenti sono lineari ed omogenee. Di onseguenza tutte le omponenti si annullano nel sistema nuovo se si annullano tutte nel sistema originario. Se
quindi una legge naturale viene formulata uguagliando a zero tutte le omponenti
di un tensore, essa e generalmente ovariante; studiando le leggi di formazione dei
tensori otterremo il mezzo per ostruire tutte le leggi ovarianti in senso generale.

x5. Tetravettore ontrovariante e ovariante.


Tetravettore ontrovariante. L'elemento di linea e de nito mediante le quattro
\ omponenti" dx la ui legge di trasformazione e espressa dall'equazione
X x0
 dx :
(5)
dx0 =

x



I dx0 si s rivono mediante un'espressione lineare ed omogenea in dx ; possiamo


quindi onsiderare questi di erenziali dx delle oordinate ome le omponenti di
un \tensore", he designamo in parti olare ome tetravettore ontrovariante. Ogni
oggetto de nito rispetto al sistema di oordinate mediante quattro quantita A ,
he si trasformano on la stessa legge
X x0
 A
(5a)
A 0 =
x


lo hiameremo sempre tetravettore ontrovariante. Dalla (5a) dis ende an he he le
somme (A  B  ) sono sempre omponenti di un tetravettore, se A e B  lo sono.
Il risultato orrispondente vale per tutti i sistemi he si introdurranno in seguito
ome \tensori" (regola dell'addizione e sottrazione dei tensori).
Tetravettore ovariante. Chiamiamo quattro quantita A le omponenti di un
tetravettore ovariante quando on s elta arbitraria del tetravettore ontrovariante
B  si ha
X

(6)

A B  = invariante:

Da questa de nizione dis ende la legge di trasformazione dei tetravettori ovarianti.


Se infatti al se ondo membro dell'equazione
X

si sostituis e

B

A0 B  0 =

A B 

on l'espressione he si ottiene invertendo l'equazione (5a)

x  0
0 B ;
x


32
risulta

A. EINSTEIN

X
x
A
=
B  0 A0 :

0

 x

0
Poi he in questa equazione i B  si possono s egliere liberamente in modo indipendente l'uno dall'altro, da qui risulta la legge di trasformazione

(7)

B0

A0 =

x
A:
x0 

Osservazione sulla sempli azione del modo di s rivere l'espressione.

Un'o hiata alle equazioni di questo paragrafo mostra he si somma sempre su


indi i he ompaiano due volte sotto un segno di sommatoria, per esempio l'indi e
 nella (5), e soltanto su indi i he ompaiano due volte. E quindi possibile, senza
pregiudi are la hiarezza, las iar perdere il segno di sommatoria. Introdu iamo
per io la regola: se un indi e ompare due volte in un termine di un'espressione,
bisogna sempre eseguire la somma su di esso, a meno he non si indi hi espressamente l'opposto.
La distinzione tra il tetravettore ovariante e quello ontrovariante sta nella legge
di trasformazione [rispettivamente (7) e (5). Entrambe le forme sono tensori nel
senso dell'osservazione generale pre edente; in io sta il loro signi ato. In onformita on Ri i e Levi-Civita si denotera il arattere ontrovariante on l'indi e in
alto, quello ovariante on l'indi e in basso.

x6. Tensori di rango se ondo e piu alto.


Tensore ontrovariante. Formiamo tutti i 16 prodotti A delle omponenti A
e B  di due tetravettori ontrovarianti

(8)

A = A B  ;

allora per le (8) e (5a) A soddisfa la legge di trasformazione


(9)

A 0 =

x0 x0 
A :
x x

Chiamiamo tensore ontrovariante di rango se ondo un oggetto he rispetto ad


un sistema di riferimento si s rive on 16 quantita (funzioni), he soddis no la
legge di trasformazione (9). Non tutti i tensori si atti si possono formare da due
tetravettori se ondo la (8). Ma e fa ile dimostrare he 16 A dati arbitrariamente si
possono rappresentare ome la somma degli A B  di quattro oppie di tetravettori
opportunamente s elte. Per io quasi tutte le regole he valgono per un tensore di
se ondo rango de nito dalla (9) si possono dimostrare nel modo piu sempli e a
partire dal fatto he esse valgano per tensori parti olari del tipo (8).
Tensore ontrovariante di rango qualsiasi. E hiaro he se ondo le (8) e (9) si
possono an he de nire tensori ontrovarianti di rango terzo e superiore on 43 o piu
omponenti. Risulta pure hiaro dalle (8) e (9) he in questo senso il tetravettore
ontrovariante si puo intendere ome tensore ontrovariante di rango uno.

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

33

Tensore ovariante. Se si formano inve e i 16 prodotti A di due tetravettori


ovarianti A e B

(10)

A = A B ;

per essi vale la legge di trasformazione


(11)

x x
A0 = 0 0 A :
x x

Il tensore ovariante di rango se ondo e de nito da questa legge di trasformazione. Tutte le osservazioni he sono state fatte pre edentemente sui tensori
ontrovarianti valgono an he per i tensori ovarianti.
Osservazione. E onveniente trattare lo s alare (invariante) ome un tensore di
rango zero sia ontrovariante he ovariante.
Tensore misto. Si puo an he de nire un tensore di rango se ondo del tipo
(12)

A = A B  ;

he sia ovariante rispetto all'indi e , e ontrovariante rispetto all'indi e  . La sua


legge di trasformazione e
(13)

A 0 =

x0 x
A :
x x0

Naturalmente esistono tensori misti on un numero a pia ere di indi i di arattere


ovariante e rispettivamente ontrovariante. Il tensore ovariante e quello ontrovariante possono essere onsiderati ome asi parti olari di quello misto.
Tensori simmetri i. Un tensore ontrovariante o ovariante di rango se ondo
o piu alto si hiama simmetri o quando siano uguali due omponenti he vanno
l'una nell'altra per s ambio di due indi i qualsiansi. Il tensore A o A e quindi
simmetri o, se per ogni ombinazione degli indi i si ha
(14)

A = A ;

ovvero
(14a)

A = A :

Va osservato he la simmetria os de nita e una proprieta indipendente dal


sistema di riferimento. (Infatti, tenendo onto della (14), dalla (9) dis ende
x0 x0
x0 x0
x0 x0
A 0 =   A =   A =   A = A 0 :
x x
x x
x x
La penultima uguaglianza deriva dallo s ambio degli indi i di somma  e  ( ioe
da un puro ambio di notazione).
Tensori antisimmetri i. Un tensore ontrovariante di rango se ondo, terzo o
quarto si di e antisimmetri o quando due omponenti, he vanno l'una nell'altra

34

A. EINSTEIN

per s ambio di due indi i qualsiansi, siano uguali ed opposte. Il tensore A o A
e quindi antisimmetri o, se si ha sempre

A = A ;

(15)
ovvero

A = A :

(15a)

Delle 16 omponenti A le quattro omponenti A sono nulle; le rimanenti sono
a oppie uguali ed opposte, si he solo 6 omponenti sono numeri amente diverse
(esavettore). Si vede parimenti he il tensore antisimmetri o A (rango terzo)
ha solo quattro omponenti numeri amente distinte, e he il tensore antisimmetri o
A ne ha una sola. Tensori antisimmetri i di rango superiore al quarto non
esistono in un ontinuo on quattro dimensioni.

x7. Moltipli azione dei tensori.


Moltipli azione esterna dei tensori. Dalle omponenti di un tensore di rango z e
di un tensore di rango z 0 si ottengono le omponenti di un tensore di rango z + z 0
se si moltipli ano a oppie tutte le omponenti del primo per tutte le omponenti
del se ondo. Si ottengono per esempio i tensori T dai tensori A e B di tipo diverso

T = A B ;
T = A B ;
= A B :
T

La dimostrazione del arattere tensoriale di T si ottiene immediatamente dalle
rappresentazioni (8), (10), (12) ovvero dalle regole di trasformazione (9), (11), (13).
Le equazioni (8), (10), (12) sono loro stesse esempi di moltipli azione esterna (di
tensori di rango primo).
\Contrazione " di un tensore misto. Da ogni tensore misto si puo formare un
tensore d'un rango di due piu pi olo, se si pongono uguali un indi e ovariante ed
un indi e ontrovariante e si somma su questo indi e (\ ontrazione"). Per esempio
dal tensore misto di rango quarto A
si ottiene il tensore misto di rango se ondo
A

= A

e da questo, an ora per ontrazione, il tensore di rango nullo A = A = A


.
La dimostrazione del fatto he il risultato della ontrazione ha davvero arattere
tensoriale si ottiene o dalla rappresentazione tensoriale se ondo la generalizzazione
della (12) assieme alla (6), o dalla generalizzazione della (13).
Moltipli azione interna e mista dei tensori. Esse onsistono nella ombinazione
della moltipli azione esterna on la ontrazione.
Esempi. - Dal tensore ovariante di rango due A e dal tensore ontrovariante
di rango uno B  formiamo mediante moltipli azione esterna il tensore misto
 = A B
D


I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

35

Per ontrazione relativa agli indi i  ,  risulta il tetravettore ovariante


 = A B :
D = D


Questo lo si hiama an he prodotto interno dei tensori A e B  . Analogamente


dai tensori A e B  per moltipli azione esterna e doppia ontrazione si forma
il prodotto interno A B  . Mediante prodotto esterno e ontrazione sempli e si
ottiene da A e B  il tensore misto di rango se ondo D = A B  . Si puo
opportunamente designare questa operazione ome mista; infatti essa e esterna
rispetto agli indi i  e  , interna rispetto agli indi i  e .
Dimostriamo ora un teorema he e spesso utile per la veri a del arattere tensoriale. Per quanto mostrato prima A B  e uno s alare se A e B  sono tensori.
Ma a ermiamo an he quanto segue. Se A B  e un invariante per ogni s elta del
tensore B  , A ha arattere tensoriale.
Dimostrazione. - Per ipotesi per una sostituzione arbitraria si ha
A0 B  0 = A B  :


Ma per l'inversa della (9) si ha

x x  0
B :
x0 x0
Questa, sostituita nell'equazione pre edente, da
B  =

A0

x x
A B  0 = 0:
0
0
x x

Per una s elta arbitraria di B  0 questa equazione puo essere soddisfatta solo se la
parentesi e uguale a zero, e da qui tenendo onto della (11) segue l'asserto.
Questo teorema vale analogamente per tensori di rango e arattere arbitrari; la
dimostrazione si esegue sempre in modo analogo.
Il teorema si puo dimostrare an he nella forma: se B  e C  sono vettori arbitrari,
e se per ogni s elta di questi il prodotto interno

A B  C 
e uno s alare, A e un tensore ovariante. Quest'ultimo teorema vale an he quando
si ha a he fare on l'enun iato parti olare, he per s elta arbitraria del tetravettore
B  il prodotto s alare
A B  B 
e uno s alare, pur he si sappia he A soddis la ondizione di simmetria A =
A . Infatti per la via data prima si dimostra il arattere tensoriale di (A + A ),
e da qui per la proprieta di simmetria dis ende il arattere tensoriale dello stesso
A . An he questo teorema si generalizza agevolmente al aso di tensori ovarianti
e ontrovarianti di rango arbitrario.
Dis ende in ne da quanto provato prima il teorema parimenti estendibile a tensori arbitrari: se la quantita A B  per s elta arbitraria del tetravettore B  e
un tensore di rango primo, A e un tensore di rango se ondo. Se infatti C  e
un tetravettore arbitrario, per il arattere tensoriale di A B  il prodotto interno

36

A. EINSTEIN

A C  B  e uno s alare per s elta arbitraria dei due tetravettori C  e B  , e da qui
segue l'asserto.

x8. Al une proprieta del tensore fondamentale g .


Il tensore fondamentale ovariante. Nell'espressione invariante del quadrato
dell'elemento di linea
ds2 = g dx dx

dx gio a il ruolo di un vettore ontrovariante arbitrario. Poi he inoltre g = g ,
dalle onsiderazioni dell'ultimo paragrafo dis ende he g e un tensore ovariante
di rango se ondo. Lo hiamiamo \tensore fondamentale". Nel seguito deriviamo
al une proprieta di questo tensore, he sono proprie di ogni tensore di rango se ondo;
tuttavia il ruolo parti olare del tensore fondamentale nella nostra teoria, he ha
la sua base si a nella pe uliarita delle azioni gravitazionali, porta on se he le
relazioni he s'otterranno siano per noi signi ative solo per il tensore fondamentale.
Il tensore fondamentale ontrovariante. Se nello s hema del determinante dei
g si forma il minore orrispondente ad ogni g e lo si divide per il determinante
g = jg j dei g , si ottengono erte quantita g (= g ), riguardo alle quali
dimostreremo he ostituis ono un tensore ontrovariante.
Per una nota proprieta dei determinanti si ha
(16)

g g =  ;

dove il simbolo  signi a 1 o 0, a se onda he sia  =  oppure  6=  . Al posto


dell'espressione pre edente per ds2 possiamo an he s rivere

g  dx dx ;


ovvero per la (16) an he

g g g dx dx :

Ma per le regole di moltipli azione del paragrafo pre edente le quantita

d = g dx


ostituis ono un tetravettore ovariante, e in parti olare (poi he i dx si possono
s egliere a pia ere) un tetravettore arbitrario. Sostituendolo nella nostra espressione
otteniamo
ds2 = g d d :
Poi he questo e uno s alare per s elta arbitraria del vettore d e g e per
de nizione simmetri o negli indi i  e  , dai risultati del paragrafo pre edente
dis ende he g e un tensore ontrovariante. Dalla (16) dis ende an ora he an he
 e un tensore, he possiamo hiamare il tensore fondamentale misto.
Determinante del tensore fondamentale. Per la legge di moltipli azione dei determinanti si ha
jg g  j = jg jjg  j:
D'altra parte

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

37

jg g  j = j j = 1:
Ne dis ende quindi

jg jjg j = 1:

(17)

Invariante di volume. Studiamo in primo luogo la legge di trasformazione del


determinante g = jg j. Per la (11) si ha

x x

g0 = 0 0 g :
x x

Da qui appli ando due volte la regola di moltipli azione dei determinanti s'ottiene
x x
x 2
g0 = 0 0 jg j = 0 g;
x x
x

ovvero

x p
g0 = 0 g:
x
D'altra parte la legge di trasformazione dell'elemento di volume
p

d 0 =

dx1 dx2 dx3 dx4

e

0
x
0
d =  d
x
per il noto teorema di Ja obi. Moltipli ando le ultime due equazioni si ottiene
p
p
g0 d 0 = gd:
(18)

Al posto di g si introdurra nel seguito la quantita


g , he per il arattere
iperboli o
del ontinuo spaziotemporale ha sempre un valore reale. L'invariante
p gd e uguale
alla grandezza dell'elemento di volume tetradimensionale misurato
on regolo rigido e orologio nel senso della teoria della relativita spe iale nel \sistema
di riferimento lo ale".
Osservazione sul arattere del ontinuo spaziotemporale. La nostra ipotesi, he
nell'in nitamente pi olo valga la teoria della relativita spe iale porta on se he ds2
si possa sempre esprimere se ondo la (1) mediante le quantita reali dX1 : : : :dX4 .
Chiamiamo d0 l'elemento di volume \naturale" dX1 dX2 dX3 dX4 ; allora si ha
(18a)

d0 =

p gd:

Se
g si annullasse in un punto del ontinuo tetradimensionale, io signi herebbe he l ad un volume nito in oordinate orrisponderebbe un volume
\naturale" in nitamente pi olo. Cio non puo mai a adere. Infatti g non puo
ambiare di segno; assumeremo in onformita alla relativita spe iale he g ha sempre un valore nito negativo. Questa e un'ipotesi sulla natura si a del ontinuo
onsiderato ed insieme una ondizione sulla s elta delle oordinate.

38

A. EINSTEIN

Ma se g e sempre nito e positivo, e evidente he si puo arrangiare a posteriori


la s elta delle oordinate in modo he questa quantita sia uguale ad 1. Vedremo
in seguito he on questa restrizione della s elta delle oordinate si puo ottenere
una onsiderevole sempli azione delle leggi di natura. Al posto della (18) ompare
sempli emente

d 0 = d;
e quindi, tenendo onto del teorema di Ja obi, risulta
(19)

0
x


x

= 1:

Con questa s elta delle oordinate sono ammissibili solo sostituzioni delle oordinate
di determinante 1.
Sarebbe tuttavia sbagliato redere he questa pres rizione signi hi una parziale
rinun ia al postulato della relativita generale. Noi non hiediamo: \Come sono le
leggi di natura he siano ovarianti rispetto a tutte le trasformazioni di determinante
1?". Chiediamo inve e: \Come sono le leggi di natura a ovarianza generale "? Solo
dopo he queste sono state enun iate sempli hiamo la nostra espressione mediante
una s elta parti olare del sistema di riferimento.
Formazione di nuovi tensori on il tensore fondamentale. Per moltipli azione
interna, esterna e mista di un tensore per il tensore fondamentale si ottengono
tensori di arattere e rango diversi. Esempio:

A = g A ;
A = g A :
In parti olare si a ennera alle seguenti formazioni:
A = g g A ;
A = g g A
(\ omplemento" del tensore ovariante, o ontrovariante), e
B = g g A :
Chiamiamo B il tensore ridotto appartenente ad A . Analogamente

B  = g g A
Si noti he g non e altro he il omplemento di g . Si ha infatti

g g g = g  = g :

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

39

x9. Equazione della linea geodeti a (ovvero del moto del punto).
Poi he l'\elemento di linea" ds e una quantita de nita in modo indipendente
dalla s elta delle oordinate, an he la linea
tra iata tra due punti P1 e P2 del
R
ontinuo tetradimensionale, per la quale ds e un estremo (linea geodeti a) ha un
signi ato indipendente dalla s elta delle oordinate. La sua equazione e

(20)

(Z

P2
P1

ds = 0:

Da questa equazione si trovano in modo noto eseguendo la variazione quattro equazioni di erenziali totali, he determinano questa linea geodeti a; questa
derivazione trovera posto qui per ompletezza. Sia  una funzione delle oordinate
x ; questa de nis a una famiglia di super i, attraversate dalla linea geodeti a
er ata e da tutte le linee ad essa in nitamente vi ine, tra iate tra i punti P1 e
P2 . Ognuna di queste urve si puo quindi pensare de nita in modo tale he le sue
oordinate x siano espresse in funzione di . Il simbolo orrisponda al passaggio
da un punto della urva geodeti a er ata a quel punto di una urva vi ina, he
orrisponde allo stesso . Allora la (20) si puo sostituire on
Z 2

dx dx
wd = 0; w2 = g   :
d d
1

(20a)
Poi he

1 1 g dx dx


dx
dx
w =
x + g 
w 2 x d d
d
d
sostituendo w nella (20a) e tenendo onto he




dx
dx

=
;
d
d
si ottiene on integrazione per parti
(20b)

Z 2

d g dx
d x = 0;  =
d w d
1

1 g dx dx


:
2w x d d

Poi he x puo esser s elto in modo arbitrario, da qui dis ende l'annullarsi di  .
Quindi
(20 )

 = 0

sono le equazioni della linea geodeti a. Se sulla linea geodeti a onsiderata non si ha
ds = 0, possiamo utilizzare ome parametro  la \lunghezza dell'ar o" s misurata
lungo la linea geodeti a. Allora sara w = 1, e al posto della (20 ) si ottiene

g

d2 x g dx dx


+
ds2
x ds ds

1 g dx dx


= 0;
2 x ds ds

40

A. EINSTEIN

ovvero per puro ambio di notazione

d2 x
dx dx
g  2 + 
 ds ds = 0;
ds


(20d)

dove on Christo el si e posto


(21)



 = 1 g + g 

2 x
x

g  
:
x

Se si moltipli a in ne la (20d) per g (moltipli azione esterna rispetto a  , interna


rispetto a ), si ottiene in on lusione ome forma nale dell'equazione della linea
geodeti a
(22)

d2 x
dx dx
+ 
= 0:
2

ds
ds ds


Qui si e posto on Christo el


(23)

 = g  :


x10. La formazione di tensori per derivazione.


Appoggiando i all'equazione della linea geodeti a possiamo derivare fa ilmente
le leggi se ondo le quali da tensori si possono formare nuovi tensori per derivazione.
In tal modo saremo nalmente in grado di enun iare equazioni di erenziali generalmente ovarianti. Raggiungiamo lo s opo per appli azione ripetuta del seguente
sempli e teorema.
Sia data nel nostro ontinuo una urva, i punti della quale siano aratterizzati
dalla distanza s lungo l'ar o da un punto sso sulla urva, e sia inoltre ' una funzione invariante dello spazio, si he an he d'=ds e un invariante. La dimostrazione
dipende dal fatto he sia d' he ds sono invarianti. Poi he

d' ' dx


=
;
ds x ds
an he

' dx
x ds
e un invariante, e io per tutte le urve he es ono da un punto del ontinuo, ioe
per s elta arbitraria del vettore dx . Da qui dis ende immediatamente he
(24)

A =

'
x

e un tetravettore ovariante (gradiente di ').


Per il nostro teorema an he la derivata eseguita lungo una urva

=

d
ds

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE


e un invariante. Sostituendo

otteniamo immediatamente

=

 2 ' dx dx ' d2 x


+
:
x x ds ds x ds2

41

Da qui non si puo derivare subito l'esistenza di un tensore. Ma se stabiliamo he la


urva, rispetto alla quale abbiamo eseguito la derivazione, sia una urva geodeti a,
otteniamo dalla (22) sostituendo d2 x =ds2 :
(

'2
=
x x

 '
 x

dx dx
:
ds ds

Dall'invertibilita dell'ordine di derivazione


rispetto a  e  , e per il fatto he



se ondo le (23) e (21) la parentesi  e simmetri a rispetto a  e  , dis ende
he l'espressione entro la parentesi e simmetri a in  e  . Poi he da un punto
del ontinuo si puo tra iare una linea geodeti a in direzione arbitraria, e quindi
dx =ds e un tetravettore on rapporto tra le omponenti determinabile a pia ere,
dis ende per i risultati del x7 he
(25)

2'
A =
x x

 '
 x

e un tensore ovariante di rango se ondo. Abbiamo quindi ottenuto il risultato: dal


tensore ovariante di rango primo

'
x
possiamo ostruire per derivazione un tensore ovariante di rango se ondo
A =

(26)

A
A = 
x

 A :



Chiamiamo il tensore A l'\estensione " del tensore A . Possiamo dimostrare


immediatamente he questa forma produ e un tensore an he se il vettore A non e
rappresentabile ome un gradiente. Per veder io osserviamo in primo luogo he

'
x
e un tetravettore ovariante se e ' sono s alari. Cio e vero an he per la somma
he onsiste di quattro termini si atti

'(1)
'(4)
S = (1)
+ : + : + (4)
;
x
x
nel aso he (1) '(1) : : : : (4) '(4) siano degli s alari. Ma ora e hiaro he ogni
tetravettore ovariante si puo rappresentare nella forma S . Se infatti A e un

42

A. EINSTEIN

tetravettore, le omponenti del quale siano funzioni di x date a pia ere, basta
porre (rispetto al sistema di oordinate s elto)

(1) = A1 ; '(1) = x1 ;
(2) = A2 ; '(2) = x2 ;
(3) = A3 ; '(3) = x3 ;
(4) = A4 ; '(4) = x4 ;

per ottenere he S sia uguale ad A .


Per dimostrare he A e un tensore an he se al se ondo membro si sostituis e
al posto di A un tetravettore ovariante arbitrario i basta ora dimostrare he
io a ade per il tetravettore S . Ma per quest'ultimo basta, ome 'insegna uno
sguardo al se ondo membro della (26), eseguire la dimostrazione per il aso
'
A =
:
x
Il se ondo membro della (25) moltipli ato per

'
2'


x x
x
ha arattere tensoriale. Parimenti
 '
x x
e un tensore (prodotto esterno di due tetravettori). Per addizione dis ende il arattere tensoriale di

 


'
'

:

x
x
x
Pertanto, ome insegna uno sguardo alla (26), si e ottenuta la dimostrazione ri hiesta per il tetravettore
'
;
x
e quindi per quanto mostrato prima per ogni tetravettore A . - Per mezzo dell'estensione del tetravettore si puo ottenere fa ilmente l'\estensione" di un tensore ovariante di rango arbitrario; questa forma e una generalizzazione dell'estensione del
tetravettore. Ci limitiamo ad esporre l'estensione del tensore di rango se ondo,
poi he la legge di formazione di questa si puo gia omprendere hiaramente.
Come gia osservato, ogni tensore ovariante di rango se ondo si puo rappresentare7 ome una somma di tensori del tipo A B . Sara quindi su iente derivare


Per moltipli azione esterna di vettori on le omponenti (s elte arbitrariamente) A11 , A12 ,
e 1, 0, 0, 0 si ottiene il tensore on le omponenti

A13 , A14

A11 A12 A13 A14

0 0 0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
Per addizione di quattro tensori di questo tipo si ottiene il tensore A on omponenti assegnate
a pia ere.

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

43

l'espressione dell'estensione per un si atto tensore spe iale. Per la (26) le espressioni


A
 A ;


x


B
 B


x
hanno arattere tensoriale. Per moltipli azione esterna della prima per B e della
se onda per A si ottiene ogni volta un tensore di rango terzo; la loro somma da il
tensore di rango terzo
A =

(27)

A
x

 A



 A ;



ove si e posto A = A B . Poi he il se ondo membro della (27) e lineare ed
omogeneo rispetto ad A ed alle sue derivate prime, una tale legge di formazione
non porta ad un tensore solo per un tensore del tipo A B ma an he per una somma
di tensori si atti, e quindi per un tensore ovariante arbitrario di se ondo rango.
Chiamiamo A l'estensione del tensore A .
E' hiaro he la (26) e la (24) sono solo asi parti olari della (27) (estensione del
tensore di rango primo e di rango zero). Tutte le leggi di formazione parti olari si
possono riassumere nella (27) unita a moltipli azioni tensoriali.

x11. Al uni asi parti olari di rilevante importanza.


Al une leggi ausiliarie riguardanti il tensore fondamentale. Deriviamo ora al une equazioni ausiliarie molto usate in seguito. Per la regola di derivazione dei
determinanti si ha

dg = g gdg = g gdg :

(28)

La se onda forma si giusti a mediante la pre edente, se si tien onto he g g  =


0
 , he quindi g g = 4, e di onseguenza

g dg + g dg = 0:


Dalla (28) dis ende
(29)

1 g

p1 g x g = 12  lgx( g) = 12 g g
= g
:
x
2
x



Da

g g = 
dis ende inoltre per derivazione
(30)

g dg = g dg ; ovvero g

g
g
= g  :
x
x

44

A. EINSTEIN

Per moltipli azione mista on g ovvero g si ottiene da qui ( on ambiamento
di nome di indi i)
(31)

dg = g g dg ;

g
g
= g g
x
x

ovvero
(32)

g
g
dg = g g dg ;  = g g
:
x
x

La relazione (31) onsente una trasformazione della quale dobbiamo fare un uso
an he piu frequente. Per la (21) si ha
(33)

g

= 
+ :
x

Se questa si sostituis e nella se onda delle formule (31), si ottiene tenendo onto
della (23)
(34)

g
=
x

g

 + g 





Per sostituzione del se ondo membro della (34) nella (29) si ottiene
(29a)

p1 g x g = 
 :


Divergenza del tetravettore ovariante. Se si moltipli a la (26) per il tensore


fondamentale ontrovariante g (moltipli azione interna), il se ondo membro dopo
trasformazione del primo termine assume la forma

 
g
(g A ) A
x
x

1  g  g 
g
+
2
x
x

g  
g A :
x

L'ultimo termine di questa espressione se ondo la (31) e la (29) si puo portare nella
forma
p
1 g
1 g
1  g 
A +
A +p
g A :
2 x  2 x 
g x
Poi he il nome degli indi i non onta, i primi due termini di questa espressione si elidono on il se ondo della pre edente; l'ultimo si puo unire al primo dell'espressione
pre edente. Si ponga ora
g A = A ;
dove A ome A e un vettore arbitrario, e si ottiene in ne
(35)

=


p1 g x p gA :

Questo s alare e la divergenza del vettore ontrovariante A .

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

45

\Rotazione " del tetravettore ( ovariante). Il se ondo termine nella (26) e simmetri o negli indi i  e  . Pertanto A A e un tensore (antisimmetri o)
parti olarmente fa ile a ostruirsi. Si ottiene

B =

(36)

A
x

A
:
x

Estensione antisimmetri a di un esavettore. Se si appli a la (27) ad un tensore


antisimmetri o di rango se ondo A e si formano le espressioni he s'ottengono
per permutazione i li a degli indi i ,  , , e si sommano queste tre espressioni,
si ottiene il tensore di rango terzo

(37)

B = A + A + A =

A A A


+
+
;
x
x
x

per il quale e fa ile dimostrare he e antisimmetri o.


Divergenza dell'esavettore. Se si moltipli a la (27) per g g (moltipli azione
mista) si ottiene an ora un tensore. Il primo termine al se ondo membro della (27)
si puo s rivere nella forma

     g
g g A g
A
x
x 

g

g
A :
x 

 

Se si sostituis ono g g A on A
 , g g A on A , e si sostituis ono
nello sviluppo del primo termine

g g
e
x x
on la (34), risulta al se ondo membro della (27) un'espressione di sette termini,
dei quali quattro si elidono. Rimane
(38)

A


A

=
+ 
A + 

A :
x

Questa e l'espressione per l'estensione di un tensore ontrovariante di rango se ondo,


he analogamente si puo formare an he per tensori di rango piu alto e piu basso.
Osserviamo he in modo analogo si puo formare l'estensione di un tensore misto
A  :
(39)

A 

A
= 
x

 A +  A :




Per ontrazione della (38) rispetto agli indi i e  (moltipli azione interna per  )
si ottiene il tetravettore ovariante

A
 

=
+ 
A + A :
x

46

A. EINSTEIN


Per la simmetria di 
rispetto agli indi i e  il terzo termine a se ondo
membro e nullo se A e un tensore antisimmetri o, ome assumeremo; il se ondo
termine si puo trasformare on la (29a). Si ottiene os
(40)

1 
=p
g

p gA 
:
x

Questa e l'espressione della divergenza di un esavettore ontrovariante.


Divergenza del tensore misto di rango se ondo. Se eseguiamo la ontrazione della
(39) rispetto agli indi i e , tenendo onto della (29a) otteniamo
(41)


p gA =  p gA

x




p gA :


Se si introdu e nell'ultimo termine il tensore ontrovariante A = g A , esso


assume la forma


 p gA :

Se poi il tensore A e simmetri o, il termine si ridu e a
1 p g 
g
A :
2
x
Se al posto di A si fosse introdotto il tensore ovariante parimenti simmetri o
A = g g A , per la (31) l'ultimo termine avrebbe assunto la forma
1 p g
g
A :
2
x 
Nel aso della simmetria onsiderata la (41) si puo sostituire on entrambe le forme
(41a)
e
(41b)


p gA =  p gA 1 g p gA

x
2 x


p gA =  p gA + 1 g p gA


x
2 x

delle quali faremo uso in seguito.

x12. Il tensore di Riemann-Christo el.


Chiediamo ora quali tensori si possano ottenere dal tensore fondamentale dei
g uni amente per derivazione. La risposta appare sulle prime a portata di mano.
Si sostituis e nella (27) al posto del tensore A dato arbitrariamente il tensore
fondamentale dei g e si ottiene os un nuovo tensore, l'estensione del tensore

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

47

fondamentale. Si veri a tuttavia fa ilmente he quest'ultimo s'annulla identi amente. Si giunge tuttavia allo s opo nel modo seguente. Nella (27) si ponga


A
 A ;
A = 


x
ioe l'estensione del tetravettore A . Si ottiene allora il tensore di rango terzo
 2 A
A =
x x






 A
 A
 A
 x
 x
 x


 

 


 

 + 
 A :
+
+





x 
Quest'espressione invita a formare il tensore A A . Allora i seguenti termini
dell'espressione di A si elidono on quelli di A : il primo termine, il quarto,
ed an he l'ultimo termine entro le parentesi quadre; essi sono infatti simmetri i in
 e  . Altrettanto vale per la somma del se ondo e del terzo termine. Otteniamo
quindi
A

(42)


 A ;
A = B







 
 

 + 
 :
+




x 
x 
Essenziale per questo risultato e il fatto he al se ondo membro della (42) ompaia
soltanto A e non le sue derivate. Dal arattere tensoriale di A A assieme

al fatto he A e un tetravettore arbitrario dis ende, per i risultati del x7, he B
e un tensore (il tensore di Riemann-Christo el).
Il signi ato matemati o di questo risultato e il seguente. Quando il ontinuo e
os fatto he vi e un sistema di oordinate rispetto al quale le g siano ostanti,
 sono nulle. Se inve e del sistema di oordinate originario se ne s eglie
tutte le R
uno nuovo a pia ere, le g riferite a quest'ultimo non saranno ostanti. Tuttavia
 porta on se he queste omponenti si annullino
il arattere tensoriale di R
tutte an he nel sistema di riferimento s elto a pia ere. L'annullarsi del tensore di
Riemann e quindi una ondizione ne essaria per provo are la ostanza delle g on
una s elta opportuna del sistema di riferimento8 .
Nel nostro problema io orrisponde al aso he per opportuna s elta del sistema
di oordinate valga la teoria della relativita spe iale in una regione nita. Per
ontrazione della (43) relativamente agli indi i  e  si ottiene il tensore ovariante
di rango se ondo
B = R + S ;

 


 


R =
+
;
(44)
x


p
p
 lg g
  lg g :
S =

x x
x
(43)

 =
B

I matemati i hanno dimostrato he questa ondizione e an he su iente.

48

A. EINSTEIN

Osservazione sulla s elta delle oordinate. Si e gia osservato nel x8 in relazione


all'equazione (18a)
o aggiustare vantaggiosamente la s elta delle oordinate
p heg =si pu
1. Un'o hiata alle equazioni ottenute nei due paragra
in modo he sia
pre edenti mostra he on una s elta si atta le regole di formazione dei tensori
onseguono una sempli azione signi ativa. Cio vale in parti olare per il tensore
B or ora sviluppato, he gio a un ruolo fondamentale nella teoria he esporremo.
La spe ializzazione della s elta delle oordinate onsiderata porta infatti on se
l'annullarsi di S , si he il tensore B si ridu e ad R .
Nel seguito daro tutte le relazioni nella forma sempli ata he la suddetta spe ializzazione della s elta delle oordinate produ e. E fa ile infatti ri ondursi alle
equazioni generalmente ovarianti, se io appare ri hiesto in un aso parti olare.

C. Teoria del ampo gravitazionale.

x13. Equazione del moto d'un punto materiale nel ampo

di gravitazione.
Espressione per le omponenti di ampo della gravitazione.
Un orpo in moto libero, non soggetto a forze esterne, se ondo la teoria della
relativita spe iale si muove di moto rettilineo ed uniforme. Cio vale an he nella
teoria della relativita generale per una parte dello spazio tetradimensionale nella
quale il sistema di oordinate K0 si possa s egliere e venga s elto in modo he le
g abbiano i valori ostanti parti olari dati nella (4).
Consideriamo ora proprio questo moto da un sistema di oordinate K1 s elto a
pia ere. Il moto in K1 viene giudi ato, se ondo le onsiderazioni del x2, avvenire in
un ampo gravitazionale. La legge del moto rispetto a K1 si ottiene fa ilmente on
l'argomento he segue. Riferita a K0 la legge del moto e una retta tetradimensionale,
quindi una linea geodeti a. Poi he la linea geodeti a e de nita indipendentemente
dal sistema di riferimento, la sua equazione sara an he l'equazione del moto del
punto materiale riferita a K1 . Se poniamo
(45)




 ;


l'equazione del moto del punto rispetto a K1 si s rive


(46)

d2 x
dx dx
=    :
2
ds
ds ds

Fa iamo ora l'ipotesi molto naturale, he questo sistema di equazioni generalmente


ovariante determini il moto del punto nel ampo gravitazionale an he quando non
esista un sistema di riferimento K0 rispetto al quale la teoria della relativita spe iale
valga in uno spazio nito. A quest'ipotesi siamo tanto piu autorizzati, in quanto la
(46) ontiene solo derivate prime delle g , tra le quali an he nel aso dell'esistenza
di K0 non sussiste al una relazione9 .
Se le  si annullano il punto si muove di moto rettilineo ed uniforme; queste
quantita provo ano quindi la deviazione del moto dall'uniformita. Esse sono le
omponenti del ampo gravitazionale.
9

 = 0.
Se ondo il x12, solo tra le derivate se onde (e prime) sussistono le relazioni B

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

49

x14. Le equazioni di ampo della gravitazione in assenza di materia.


Distinguiamo nel seguito tra \gravitazione" e \materia" nel senso he tutto
fuor he il ampo gravitazionale si indi hera ome \materia", quindi non solo la
\materia" nel senso ordinario, ma an he il ampo elettromagneti o.
Il nostro problema immediato e er are le equazioni di ampo della gravitazione
in assenza di materia. Nel far io appli heremo an ora lo stesso metodo usato
nel paragrafo pre edente per determinare l'equazione di moto del punto materiale.
Un aso parti olare, nel quale le equazioni di ampo er ate devono omunque
essere soddisfatte e quello della teoria della relativita originaria, nella quale le g
hanno erti valori ostanti. Sia questo il aso in una erta regione nita rispetto
ad un erto sistema di oordinate K0 . Rispetto a questo sistema sono nulle tutte
 del tensore di Riemann [equazione (43). Esse si annullano
le omponenti B
quindi nella regione onsiderata an he rispetto ad ogni altro sistema di oordinate.
Le equazioni er ate per il ampo di gravitazione in assenza di materia devono
 si annullano. Ma questa
quindi essere soddisfatte omunque quando tutte le B
e omunque una ondizione he si spinge troppo in la. E' hiaro infatti he per
esempio il ampo gravitazionale generato da un punto materiale nel suo ir ondario
non si puo \trasformar via" mediante nessuna s elta del sistema di oordinate, ome
a ade inve e nel aso di g ostanti. Per io e naturale ri hiedere per il ampo
di gravitazione privo di materia l'annullarsi del tensore simmetri o B derivato
 . Si ottengono 10 equazioni per le 10 quantita g , he sono
dal tensore B

 si annullano. Con la s elta del
soddisfatte in parti olare quando tutte le B
sistema di oordinate adottata da noi, tenendo onto della (44), queste equazioni
per il ampo privo di materia si s rivono
 
p g = 1:
+   = 0;
(47)
x
Si deve osservare in proposito he la s elta di queste equazioni omporta il minimo
di arbitrarieta. Infatti oltre a B non esiste nessun tensore di rango se ondo he
sia formato on g e on le sue derivate, he non ontenga derivate superiori alle
se onde e he sia lineare rispetto a queste ultime10 .
Il fatto he queste equazioni he derivano per via puramente matemati a dal
postulato di relativita generale assieme alle equazioni di moto (46) produ ano in
prima approssimazione la legge di attrazione di Newton, in se onda approssimazione
la spiegazione dell'anomalia nel moto del perielio s operta da Leverrier ( he rimane
dopo l'appli azione delle orrezioni perturbative), deve se ondo me persuadere della
orrettezza si a della teoria.

x15. Funzione di Hamilton per il ampo gravitazionale,


legge dell'energia e dell'impulso.

Per dimostrare he le equazioni di ampo rispondono alla legge dell'energia


e dell'impulso, la maniera piu omoda e di s riverle nella forma hamiltoniana
seguente:
(47a)

Z

Hd = 0; H = g   ;

p g = 1:

Propriamente io puo essere sostenuto soltanto per il tensore B + g (g B ), dove 
e una ostante. Ma se si pone questo tensore uguale a zero si ritorna alle equazioni B = 0.
10

50

A. EINSTEIN

Le variazioni si annullano ai on ni dello spazio d'integrazione tetradimensionale


onsiderato. Dobbiamo dimostrare in primo luogo he la forma (47a) e equivalente
alle equazioni (47). A tale s opo onsideriamo H ome funzione di g e di


g
x

g =

Si ha

H =   g + 2g   =
Ma


g 
 


+ 2  g  :



1   g g  g 

g g
+
:
2
x x
x
I termini he originano dai due ultimi addendi della parentesi tonda sono di segno
opposto e vanno l'uno nell'altro (poi he il nome degli indi i di somma e irrilevante)
per s ambio degli indi i  e . Essi si an ellano tra loro nell'espressione per H ,
poi he essi sono moltipli ati per la quantita  simmetri a rispetto agli indi i 
e . Rimane da onsiderare soltanto il primo termine della parentesi tonda, si he
tenendo onto della (31) si ottiene

g  =

g 
 

H =

g  :


Si ha quindi

H
=
g

(48)

;
 

H
=  :
g

L'ese uzione della variazione nella (47a) produ e il sistema di equazioni





H
x g 

(47b)

H
= 0;
g

he per la (48) oin ide on la (47), ome volevasi dimostrare. - Se si moltipli a la


(47b) per g , poi he
g g 
=
x
x
e di onseguenza



H

H
H g 
=
g 
;

x g
x
g
g  x
si ottiene l'equazione



H
H
g 
=0
x
g
x
ossia11
t
H
(49)
= 0; 2t = g   H;
x
g
g

11

La ragione dell'introduzione del fattore 2 sara evidente in seguito.

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

51

ovvero, per la (48), la se onda delle equazioni (47) e la (34)


1
t =  g  
2

(50)

g   :

Va osservato he t nonpe un tensore; tuttavia la (49) vale in ogni sistema di


oordinate per il quale sia
g = 1. Questa equazione esprime la legge di onservazione dell'impulso e dell'energia per il ampo gravitazionale. Infatti l'integrazione
di questa equazione su un volume V tridimensionale produ e le quattro equazioni
(49a)

d
dx4

Z

t4 dV =


t1 1 + t2 2 + t3 3 dS

dove 1 , 2 , 3 indi ano i oseni direttori della normale interna di un elemento della
super ie di ontorno di area dS (nel senso della geometria eu lidea). Si ri onos e
qui l'espressione delle leggi di onservazione nella forma onsueta. Chiamiamo le
quantita t le \ omponenti dell'energia" del ampo gravitazionale.
Daro le equazioni (47) an ora in una terza forma, he si presta parti olarmente
ad una omprensione vivida del nostro oggetto. Per moltipli azione delle equazioni
di ampo (47) on g queste si ottengono nella forma \mista". Si osservi he

g

 
  
=
g 
x x

g
;
x 

quantita he per la (34) e uguale a

    
g  g 
x

g  

ovvero ( ambiando i nomi degli indi i di somma)

    
g  g 
x

g   :

Il terzo termine di questa espressione si an ella on il se ondo addendo delle


equazioni di ampo (47); al posto del se ondo termine di questa espressione, per la
relazione (50), si puo porre


1 

t ;
 t
2 
ove t = t . Al posto delle equazioni (47) si ottiene
(51)

  
g  =  t
x

p g = 1:
1 
 t ;
2

52

A. EINSTEIN

x16. Forma generale delle equazioni di ampo della gravitazione.


Le equazioni di ampo per lo spazio privo di materia vanno paragonate alle
equazioni
' = 0
della teoria di Newton. Dobbiamo er are le equazioni he orrispondono all'equazione di Poisson
' = 4;
dove  indi a la densita di materia.
La teoria della relativita spe iale ha ondotto al risultato he la massa inerziale
non e nient'altro he energia, he trova la sue espressione matemati a ompleta in
un tensore simmetri o di rango se ondo, il tensore dell'energia. Dovremo quindi
introdurre an he nella teoria della relativita generale un tensore T dell'energia
della materia, he ome le omponenti dell'energia t [equazioni (49) e (50) del
ampo gravitazionale avranno arattere misto, ma he orrisponderanno ad un tensore ovariante simmetri o12 .
Come questo tensore d'energia (analogamente alla densita  nell'equazione di
Poisson) vada introdotto nelle equazioni di ampo della gravitazione lo insegna il
sistema di equazioni (51). Se si tratta infatti un sistema ompleto (per esempio il sistema solare), la massa totale del sistema, quindi an he la sua azione gravitazionale
omplessiva, dipendera dall'energia totale del sistema, quindi dall'energia ponderabile e gravitazionale insieme. Cio si potra esprimere on il fatto he nella (51) al
posto delle omponenti dell'energia t del solo ampo gravitazionale si introdu a
la somma delle omponenti dell'energia della materia e del ampo gravitazionale
t + T . Si ottiene quindi inve e della (51) l'equazione tensoriale
(52)


  
g  =  t + T
x

1 
(t + T ) ;
2 

p g = 1;

dove si e posto T = T (s alare di Laue). Queste sono, in forma mista, le equazioni
di ampo generali della gravitazione he si er avano. Al posto della (47) risulta a
ritroso il sistema
(53)


 


+   =  T
x

1
g T ;
2 

p g = 1:

Si deve aggiungere he questa introduzione del tensore d'energia della materia non
e giusti ata mediante il solo postulato della relativita; infatti l'abbiamo ri avata
dal requisito he l'energia del ampo gravitazionale abbia un'azione gravitazionale,
ome ogni energia di tipo diverso. Ma il fondamento piu solido per la s elta delle
equazioni di ui sopra sta nel fatto he esse hanno per onseguenza he per le omponenti dell'energia totale valgono delle equazioni di onservazione (dell'impulso e
dell'energia), he sono in tutto analoghe alle (49) e (49a). Questo sara dimostrato
nel seguito.

12 g

 T = T

e g T = T dovranno essere tensori simmetri i.

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

53

x17. Le leggi di onservazione nel aso generale.


E' fa ile trasformare l'equazione (52) in modo he al se ondo membro il se ondo
termine sparis a. Si ontragga la (52) rispetto agli indi i  e  e si sottragga dalla
(52) l'equazione os ottenuta, moltipli ata per 1=2 . Risulta
(52a)


g 
x


1  
 g  =  t + T :
2

Appli hiamo a questa equazione l'operazione =x . Risulta





2
1 2
g g 




g  =
g g
+
x x
2 x x
x
x

g
x



Il primo ed il terzo termine delle parentesi tonde danno ontributi he si an ellano, ome si ri onos e se nel ontributo del terzo termine si s ambiano tra loro sia
gli indi i di somma e , he e . Il se ondo termine si puo trasformare on la
(31) e si ottiene
(54)


1  3 g
2
g  =
:
x x
2 x x x

Il se ondo termine a primo membro della (52a) da



1 2
g 
2 x x

ovvero

g g g
1 2
g g
+
:
4 x x
x x x
Il termine he deriva dall'ultimo addendo delle parentesi tonde si annulla per
la (29) on la s elta delle oordinate da noi adottata. Gli altri due si possono
ra ogliere e insieme danno per la (31)




1  3 g
;
2 x x x
si he tenendo onto della (54) vale l'identita
(55)

2
g 
x x


1  
g 
2 

 0:

Dalle (55) e (52a) dis ende




(56)

 t + T
= 0:
x

Dalle nostre equazioni di ampo della gravitazione risulta quindi he le leggi di


onservazione dell'impulso e dell'energia sono soddisfatte. Lo si vede nel modo piu

54

A. EINSTEIN

sempli e dall'argomento he porta all'equazione (49a); solo si hanno da introdurre


qui al posto delle omponenti dell'energia t del ampo gravitazionale le omponenti dell'energia omplessiva della materia e del ampo gravitazionale.

x18. La legge di onservazione dell'energia e dell'impulso per la materia


ome onseguenza delle equazioni di ampo.

Se si moltipli a la (53) per g =x si ottiene per la via intrapresa nel x15,
tenendo onto dell'annullarsi di
g
g
x
l'equazione
t 1 g
+
T = 0;
x 2 x 
ovvero tenendo onto della (56)
(57)

T 1 g
+
T = 0:
x 2 x 

Un onfronto on la (41b) mostra he questa equazione on la s elta adottata del


sistema di oordinate non a erma altro he l'annullarsi della divergenza del tensore
delle omponenti d'energia della materia. Dal punto di vista si o la omparsa del
se ondo termine a primo membro mostra he per la sola materia non valgono in
senso proprio leggi di onservazione dell'energia e dell'impulso, o meglio valgono solo
quando le g sono ostanti, ioe quando le intensita di ampo della gravitazione si
annullano. Questo se ondo termine e un'espressione per l'impulso e rispettivamente
per l'energia he vengono trasmessi dal ampo gravitazionale alla materia per unita
di volume e di tempo. Cio risulta piu hiaro se al posto della (57) tenendo onto
della (41) si s rive
(57a)

T
=
x

T :


Il se ondo membro esprime l'azione energeti a del ampo gravitazionale sulla materia.
Le equazioni di ampo della gravitazione impli ano quindi quattro equazioni he
il pro esso materiale deve soddisfare. Esse produ ono interamente le equazioni
del pro esso materiale quando quest'ultimo sia aratterizzabile mediante quattro
equazioni di erenziali mutuamente indipendenti13 .

D. I pro essi \materiali".


Gli strumenti matemati i sviluppati in B i pongono senz'altro in ondizione
di generalizzare le leggi si he della materia (idrodinami a, elettrodinami a di
Maxwell) ome risultano formulate nella teoria della relativita spe iale in modo
tale da adeguarsi alla teoria della relativita generale. Il prin ipio di relativita generale non produ e al una ulteriore restrizione delle possibilita; esso insegna inve e

Vedasi in proposito Hilbert, Na hr. d. K. Gesells h. d. Wiss. zu Gottingen, Math.-Phys.


Klasse, p. 3. 1915.
13

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

55

a onos ere esattamente l'in uenza del ampo gravitazionale su tutti i pro essi,
senza he si debba introdurre al una nuova ipotesi di qual he tipo.
Questo stato di ose porta on se he sulla natura si a della materia (in senso
stretto) non debbano introdursi ipotesi ne essariamente de nite. In parti olare
puo restare aperta la questione, se le teorie del ampo elettromagneti o e del ampo
gravitazionale ostituis ano o no insieme una base su iente per la teoria della materia. Il postulato della relativita generale in proposito non puo in linea di prin ipio
insegnare nulla. Deve risultare dallo sviluppo della teoria se l'elettromagnetismo
e la gravitazione insieme possano produrre io he prima da soli non potevano
ottenere.

x19. Equazioni di Eulero per uidi adiabati i non vis osi.


Siano p e  due s alari, dei quali hiameremo il primo \pressione", il se ondo
\densita" di un uido; tra di essi sussista un'equazione. Il tensore simmetri o
ontrovariante
dx dx
(58)
T = g p + 
ds ds
e il tensore ontrovariante dell'energia di un uido. Da esso deriva il tensore ovariante
dx
dx
(58a)
T = g p + g g ;
ds
ds
ed an he il tensore misto14
(58b)

T =  p + g

dx dx
:
ds ds

Se si sostituis e il se ondo membro della (58b) nella (57a) si ottengono le equazioni


idrodinami he euleriane della teoria della relativita generale. Queste in linea di
prin ipio risolvono ompletamente il problema del moto; infatti le quattro equazioni
(57a) assieme on la data equazione tra p e  e all'equazione

dx dx
=1
ds ds
bastano, per g dato, a determinare le 6 in ognite
g

dx1 dx2 dx3 dx4


;
;
;
:
ds ds ds ds
Se an he le g sono in ognite, si aggiungono le equazioni (53). Queste sono 11
equazioni per la determinazione di 10 funzioni g , si he esse appaiono sovradeterminate. Va pero osservato he le equazioni (57a) sono gia ontenute nelle (53),
e quindi queste ultime rappresentano solo 7 equazioni indipendenti. Questa indeterminazione ha la sua buona ragione nel fatto he l'a res iuta liberta nella s elta
p; ;

14 Per un osservatore omovente, he nell'in nitamente pi olo utilizzi un sistema di riferimento


ome nella relativita spe iale, la densita d'energia T44 e uguale a  p. Da qui deriva la de nizione
di . Quindi per un uido in omprimibile  non e ostante.

56

A. EINSTEIN

delle oordinate porta on se he il problema resta matemati amente indeterminato


in modo tale he si possono s egliere arbitrariamente tre funzioni dello spazio15 .

x20. Equazioni di ampo elettromagneti he di Maxwell per il vuoto.


Siano ' le omponenti di un tetravettore ovariante, il tetravettore del potenziale elettromagneti o. Da esse formiamo se ondo la (36) le omponenti F dell'esavettore ovariante del ampo elettromagneti o se ondo il sistema di equazioni
(59)

F =

'
x

'
:
x

Dalla (59) segue he il sistema di equazioni


(60)

F F F


+
+
=0
x
x
x

e soddisfatto; il suo primo membro, per la (37), e un tensore antisimmetri o di


rango terzo. Il sistema (60) ontiene essenzialmente 4 equazioni, he s ritte ome
segue sono:

F23 F34 F42


F
F
F
+
+
= 0; 34 + 41 + 13 = 0;
x4
x2
x3
x1
x3
x4
F41 F12 F24
F
F
F
+
+
= 0; 12 + 23 + 31 = 0:
x2
x4
x1
x3
x1
x2
Queste equazioni orrispondono al se ondo sistema di equazioni di Maxwell. Lo si
ri onos e immediatamente ponendo
(60a)

(61)

F23 = hx ; F31 = hy ; F12 = hz ; F14 = ex ; F24 = ey ; F34 = ez :

Allora al posto delle (60a) si puo porre, nella onsueta notazione dell'analisi vettoriale tridimensionale
(60b)

h
+ rot e = 0; div h = 0:
t

Otteniamo il primo sistema di Maxwell per generalizzazione della forma data da


Minkowski. Introdu iamo l'esavettore ontrovariante orrispondente a F
(62)

F  = g g F

ed il tetravettore ontrovariante J  della densita di orrente elettri a nel vuoto;


allora tenendo onto della (40) s riviamo il sistema di equazioni invarianti rispetto a
sostituzioni arbitrarie di determinante 1 (in onformita on la s elta delle oordinate
adottata da noi):
15 Rinun iando alla s elta delle oordinate se ondo g = 1 si possono s egliere a pia ere quattro
funzioni dello spazio, orrispondenti alle quattro funzioni arbitrarie delle quali si puo disporre
liberamente nella s elta delle oordinate.

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

57

F 
= J :
x

(63)
Se infatti poniamo
(64)

F 23 = h0x ; F 31 = h0y ; F 12 = h0z ; F 14 = e0x ; F 24 = e0y ; F 34 = e0z ;

quantita he nel aso parti olare della teoria della relativita spe iale sono uguali ad

hx : : : :ez , ed inoltre

J 1 = ix ; J 2 = iy ; J 3 = iz ; J 4 = ;
si ottiene al posto della (63)
rot h0

(63a)

 e0
= i; div e0 = :
t

Le equazioni (60), (62) e (63) ostituis ono quindi la generalizzazione delle


equazioni di Maxwell del vuoto per la determinazione da noi usata della s elta
delle oordinate.
Le omponenti dell'energia del ampo elettromagneti o. Formiamo il prodotto
interno

 = F J  :

(65)

Con notazione tridimensionale le sue omponenti per le (61) si s rivono

1 = ex + [i; hx : : : 4 = (i; e) :

(65a)

 e un tetravettore ovariante le ui omponenti sono uguali a meno l'impulso e


rispettivamente l'energia per unita di volume e di tempo he vengono trasmessi dal
ampo elettromagneti o alle masse elettri he. Se le masse elettri he sono libere,
ioe sotto la sola in uenza del ampo elettromagneti o, il tetravettore ovariante
 e nullo.
Per ottenere le omponenti T del ampo elettromagneti o abbiamo solo bisogno
di dare all'equazione  = 0 la forma dell'equazione (57). Dalle (63) e (65) si ottiene
 = F

F 

F
=
(F F  ) F   :
x
x 
x

Per la (60) il se ondo termine a se ondo membro ammette la trasformazione

F 

F
1
F
1
F
= F   = g g F  ;
x
2
x
2
x

espressione he per ragioni di simmetria si puo an he s rivere




1  
F
F
g g F  + g g F :
4
x
x

58

A. EINSTEIN

Ma quindi si puo porre


 1
1   
   
g g F F + F F
g g :
4 x
4
x
Il primo di questi termini si puo s rivere in forma abbreviata

1 
(F  F ) ;
4 x
eseguendo la derivazione, on qual he trasformazione, il se ondo da
1 
g
F F g  :
2
x
Se si ra olgono insieme i tre termini al olati si ottiene la relazione

 =

(66)

T
x

1  g 
g
T ;
2
x 

dove si e posto
(66a)

1
T = F F  +  F F :
4

Quando  e nullo l'equazione (66) per la (30) e equivalente alla (57) ovvero (57a).
Le T sono quindi le omponenti d'energia del ampo elettromagneti o. Per mezzo
delle (61) e (64) si mostra fa ilmente he queste omponenti dell'energia del ampo
elettromagneti o nel aso della teoria della relativita spe iale danno le ben note
espressioni di Maxwell-Poynting.
Abbiamo ora derivato le leggi piu generali he soddisfano il ampo gravitazionale
epla materia, se si utilizza in modo oerente un sistema di oordinate per il quale
g = 1. Otteniamo in tal modo una sempli azione onsistente delle formule
e dei al oli, senza dover rinun iare al requisito della ovarianza generale: infatti
troviamo le nostre equazioni spe ializzando il sistema di oordinate a partire da
equazioni generalmente ovarianti.
E' pur sempre non priva d'interesse formale la questione, se se ondo la de nizione
generalizzata delle omponenti dell'energia del ampo gravitazionale e della materia
valgano an he senza spe ializzazione del sistema di oordinate delle leggi di onservazione della forma dell'equazione (56) e an he equazioni di ampo della forma
(52) ovvero (52a), di modo he a primo membro vi sia una divergenza (nel senso
onsueto), a se ondo membro la somma delle omponenti dell'energia della materia
e della gravitazione. Ho trovato he su edono tutte e due le ose. Credo tuttavia
he non valga la pena di omuni are la mia trattazione abbastanza ponderosa su
questo fatto, poi he non ne viene nulla di sostanzialmente nuovo.

E. x21. Teoria di Newton ome prima approssimazione.


Come gia piu volte ri ordato, la teoria della relativita spe iale ome aso parti olare di quella generale e aratterizzata dal fatto he le g abbiano i valori ostanti
(4). Per quanto detto prima io signi a tras urare ompletamente le azioni gravitazionali. Otteniamo un'approssimazione piu vi ina alla realta se onsideriamo il

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

59

aso he le g si dis ostino dai valori (4) solo per quantita pi ole (rispetto ad 1),
mentre tras uriamo le quantita pi ole di ordine se ondo e piu alto. (Primo punto
di vista dell'approssimazione).
Assumeremo inoltre he nella regione spaziotemporale onsiderata le g on
opportuna s elta delle oordinate tendano all'in nito spaziale verso i valori (4);
trattiamo ioe ampi gravitazionali he possono essere trattati ome generati es lusivamente da materia he si trovi al nito.
Si potrebbe assumere he queste approssimazioni debbano ondurre alla teoria
di Newton. Si ha tuttavia bisogno an ora della trattazione approssimata delle
equazioni fondamentali da un se ondo punto di vista. Prendiamo in onsiderazione
il moto di un punto materiale se ondo le equazioni (46). Nel aso della teoria della
relativita spe iale le omponenti
dx1 dx2 dx3
;
;
ds ds ds
possono assumere valori arbitrari; io signi a he si possono avere velo ita arbitrarie
"




 #1=2
dx1 2
dx2 2
dx3 2
+
+
;
v=
dx4
dx4
dx4
he devono essere inferiori alla velo ita della lu e nel vuoto (v < 1) . Se i si restringe
al aso he quasi es lusivamente si veri a nell'esperienza, he v sia pi ola rispetto
alla velo ita della lu e, io signi a he le omponenti
dx1 dx2 dx3
;
;
ds ds ds
si devono trattare ome quantita pi ole, mentre dx4 =ds e uguale ad 1 a meno di
quantita del se ond'ordine (se ondo punto di vista dell'approssimazione).
Osserviamo ora he se ondo il primo punto di vista dell'approssimazione le quantita  sono tutte quantita pi ole almeno del prim'ordine. Un'o hiata alla (46)
rivela quindi he in questa equazione per il se ondo punto di vista dell'approssimazione si devono ondiderare solo termini per i quali sia  =  = 4. Limitandosi
ai termini di ordine piu basso al posto della (46) si ottengono le equazioni

d2 x
= 44 ;
dt2
dove si e posto ds = dx4 = dt, ovvero limitandosi ai termini he per il primo punto
di vista dell'approssimazione sono del prim'ordine:
 
 
d2 x
d2 x4
44
44 :
=  ( = 1; 2; 3) ; 2 =
4
dt2
dt

Se si presuppone inoltre he il ampo gravitazionale sia quasi stati o, per he


i si restringe al aso he la materia he genera il ampo gravitazionale si muova
solo lentamente (in onfronto alla velo ita di propagazione della lu e), si possono
tras urare al se ondo membro le derivate rispetto al tempo se onfrontate on quelle
rispetto alle oordinate spaziali, e si ottiene quindi
(67)

d2 x
1 g44
=
( = 1; 2; 3) :
dt2
2 x

60

A. EINSTEIN

Questa e la legge del moto del punto materiale se ondo la teoria di Newton, pur he
g44 gio hi il ruolo del potenziale gravitazionale. E notevole in questo risultato he in
prima approssimazione solo la omponente g44 del tensore fondamentale determini
il moto del punto materiale.
Utilizziamo ora le equazioni di ampo (53). Va osservato in proposito he il tensore d'energia della \materia" sara quasi es lusivamente determinato dalla densita
 della materia in senso stretto, ioe dal se ondo termine al se ondo membro della
(58) [ rispettivamente (58a) o (58b) . Se si forma l'approssimazione he i interessa,
tutte le omponenti si annullano, meno la omponente

T44 =  = T:
Al primo membro della (53) il se ondo termine e pi olo del se ond'ordine; il primo
da nell'approssimazione he 'interessa


 
 
 
+
+
+
1
2
x1
x2
x3 3

 
:
x4 4

Per  =  = 4, tras urando i termini derivati rispetto al tempo, questo da


1  2 g44  2 g44  2 g44
1
+ 2 + 2 = g44 :
2
2 x1
x2
x3
2


L'ultima delle equazioni (53) da quindi


(68)

g44 = :

Le equazioni (67) e (68) insieme sono equivalenti alla legge della gravitazione di
Newton.
Per il potenziale gravitazionale risulta per le (67) e (68) l'espressione
(68a)


8

d
;
r

mentre la teoria di Newton, on l'unita di tempo s elta da noi, da

K
2

d
;
r

dove K e la ostante 6; 7:10 8 hiamata di solito ostante di gravitazione. Per


onfronto si ha
8K
(69)
 = 2 = 1; 87:10 27 :

x22. Comportamento dei regoli e degli orologi in ampi


gravitazionali stati i. Curvatura dei raggi di lu e.
Moto del perielio delle orbite planetarie.

Per ottenere la teoria di Newton ome prima approssimazione, delle 10 omponenti g del potenziale gravitazionale i basta al olare g44 , poi he solo questa

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

61

omponente interviene nella prima approssimazione (67) dell'equazione di moto del


punto materiale in un ampo di gravitazione. Ma he an he altre omponenti di
g debbano s ostarsi in prima approssimazione dai valori dati nella (4) lo si vede
gia dal fatto he queste sono soggette alla ondizione g = 1.
Per un punto materiale generatore del ampo he si trovi nell'origine del sistema
di oordinate si ottiene in prima approssimazione la soluzione a simmetria radiale

xx
 3  ( e  tra 1 e 3)
r
g4 = g4 = 0 ( tra 1 e 3)

:
g44 = 1
r

g = 
(70)

 e 1 o 0 a se onda he sia  =  o  6= , r e la quantita


q

+ (x21 + x22 + x33 :


Per la (68a)
(70a)

M
;
8

dove on M si indi a la massa he genera il ampo. E fa ile veri are he on


questa soluzione le equazioni di ampo sono soddisfatte in prima approssimazione
(fuori dalla massa).
Studiamo ora l'in uenza he le proprieta metri he dello spazio subis ono da parte
del ampo della massa M . Tra le lunghezze e i tempi ds misurati \lo almente" (x4)
e le di erenze di oordinate sussiste sempre la relazione

ds2 = g dx dx :


Per un regolo ampione disposto \parallelamente" all'asse x si deve porre per
esempio
ds2 = 1; dx2 = dx3 = dx4 = 0;
quindi

1 = g11 dx21 :

Se il regolo gia e lungo l'asse x la prima delle equazioni (70) da

g11 =


1+ :
r

Dalle due relazioni dis ende in prima approssimazione


(71)

dx1 = 1


:
2r

Per la presenza del ampo gravitazionale il regolo ampione appare quindi a or iato dell'ammontare trovato rispetto al sistema di oordinate, quando esso sia
disposto radialmente.

62

A. EINSTEIN

Analogamente si ottiene la sua lunghezza in oordinate nella direzione tangenziale, ponendo per esempio

ds2 = 1; dx1 = dx3 = dx4 = 0; x1 = r; x2 = x3 = 0:


Si ottiene
1 = g22 dx22 = dx22 :

(71a)

Per gia itura tangenziale il ampo gravitazionale del punto materiale non ha quindi
in uenza sulla lunghezza del regolo.
Pertanto la geometria eu lidea non vale neppure in prima approssimazione, se si
assume un erto regolo ome realizzazione dello stesso intervallo indipendentemente
dalla sua posizione e dal suo orientamento. Un'o hiata alle (70a) e (69) mostra
altres ome le deviazioni attese siano troppo pi ole per poterle rendere osservabili
nella misura della super ie terrestre.
Studiamo poi la velo ita di avanzamento rispetto alla oordinata temporale di
un orologio ampione, he sia posto a riposo in un ampo stati o. Per un periodo
dell'orologio si ha
ds = 1; dx1 = dx2 = dx3 = 0:
Si ha quindi
1
g
1
1
= 1 44
dx4 = p = p
g44
2
1 + (g44 1)
ovvero
Z
 d
(72)
dx4 = 1 +
:
8
r
L'orologio ammina piu lentamente quando e posto in prossimita di masse ponderabili. Ne onsegue he le righe spettrali della lu e he i arriva dalla super ie
di stelle grandi i devono apparire spostate verso l'estremo rosso dello spettro16 .
Studiamo inoltre il ammino dei raggi luminosi in un ampo gravitazionale
stati o. Se ondo la teoria della relativita spe iale la velo ita della lu e e data
dall'equazione
dx21 dx22 dx23 + dx24 = 0;
e quindi nella teoria delle relativita generale dall'equazione

ds2 = g dx dx = 0:

(73)

Se la direzione, ioe il rapporto dx1 : dx2 : dx3 e dato, l'equazione (73) fornis e le
quantita
dx1 dx2 dx3
;
;
dx4 dx4 dx4
e quindi la velo ita
s






dx1 2
dx2 2
dx3 2
+
+
= ;
dx4
dx4
dx4

A favore dell'esistenza di un e etto di questo tipo depongono se ondo E. Freundli h le osservazioni su stelle sse d'un erto tipo. Si attende una onferma de nitiva di questo risultato.
16

I FONDAMENTI DELLA TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE

63

de nita nal senso della geometria eu lidea. Si ri onos e fa ilmente he i raggi di


lu e devono pro edere urvi rispetto al sistema di oordinate nel aso he le g non
siano ostanti. Se n e una direzione perpendi olare alla propagazione della lu e, il
prin ipio di Huygens da he il raggio di lu e [ onsiderato nel piano ( ; n) possiede
x

2
Raggio di
luce

la urvatura  =n.
Studiamo la urvatura he subis e un raggio he passi alla distanza  da una
massa M . Se si s eglie il sistema di oordinate se ondo il disegno, la de essione
omplessiva del raggio di lu e ( onsiderata positiva quando e on avo rispetto alla
sorgente) e data on su iente approssimazione da
Z +1

B=
dx2 ;
1 x1
mentre la (73) e la (70) danno

g44
=1
g22




x22
1+ 2 :
2r
r

Il al olo da
2 M
=
:
 4
Un raggio di lu e he passi rasente al sole subis e quindi una de essione di 1,7",
uno rasente al pianeta Giove una de essione di 0,02".
Se si al ola il ampo gravitazionale on approssimazione superiore di un ordine,
e quindi on la pre isione orrispondente il moto orbitale di un punto materiale
di massa in nitesima, si ottiene rispetto alle leggi di Keplero-Newton del moto dei
pianeti una deviazione del tipo seguente. L'ellisse dell'orbita di un pianeta subis e
nel verso del moto orbitale una lenta rotazione he ammonta a
a2
(75)
" = 243 2 2
T (1 e2 )

B=

(74)

per rivoluzione. In questa formula a indi a il semiasse maggiore, la velo ita della
lu e nelle onsuete unita, e l'e entri ita, T il periodo orbitale in se ondi17 .
Il al olo da per il pianeta Mer urio una rotazione dell'orbita di 43" per se olo,
he orrisponde esattamente alla onstatazione degli astronomi (Leverrier); essi
trovano infatti nel moto del perielio di questo pianeta un residuo della suddetta
entita, non spiegabile on le perturbazioni dovute agli altri pianeti.

(Ri evuto il 20 marzo 1916.)


17 Riguardo al al olo rimando alle dissertazioni originali: A. Einstein, Sitzsungsber. d. Preuss.
Akad. d. Wiss. , p. 831. 1915. - K. S hwarzs hild, Sitzsungsber. d. Preuss. Akad. d. Wiss.
, p. 189. 1916.
47

64

A. EINSTEIN
Sulla dissertazione di Friedri h Kottler
\L'ipotesi di equivalenza di Einstein e la gravitazione1 "2
A. Einstein

Tra i lavori he si o upano riti amente della teoria della relativita generale sono
parti olarmente degni di nota quelli di Kottler, poi he questo ollega e realmente
entrato nello spirito della teoria. Considerero qui a fondo l'ultimo di questi lavori.
Kottler a erma he nei miei lavori su essivi io ho abbandonato il \prin ipio
di equivalenza" da me proposto, mediante il quale er avo di riunire in un uni o
on etto le idee di \massa inerte" e di \massa gravitazionale". Questa opinione deve
dis endere dal fatto he noi due non indi hiamo ome \prin ipio di equivalenza" la
stessa osa; infatti se ondo il mio punto di vista la mia teoria si fonda es lusivamente
su questo prin ipio. Per io si ripete quanto segue:
1. Il aso limite della teoria della relativita spe iale. Una regione spaziotemporale
nita sia libera da ampi di gravitazione, ioe sia possibile ostruire un sistema di
riferimento K (\sistema galileiano") rispetto al quale nella regione anzidetta valga
quanto segue. Nel modo noto le oordinate siano misurabili direttamente on il
regolo unitario, i tempi on l'orologio ampione, ome si ha ura he sia predisposto
nella teoria della relativita spe iale. Rispetto a questo sistema un punto materiale
isolato si muove di moto rettilineo ed uniforme, ome e stato ipotizzato da Galilei.
2. Prin ipio di equivalenza. Us endo da questo aso limite della teoria della
relativita spe iale i si puo hiedere se nella regione onsiderata un osservatore
he sia uniformemente a elerato rispetto a K debba onsiderare il suo stato ome
a elerato, ovvero se on le note leggi di natura (approssimate) gli rimanga possibile
un'interpretazione se ondo la quale il suo stato si possa indi are ome \quiete".
Espresso piu esattamente: i onsentono le leggi naturali onos iute in una erta
approssimazione di trattare ome in quiete un sistema di riferimento K 0 he sia
uniformemente a elerato rispetto a K ? Oppure, un po' piu in generale: si puo
estendere il prin ipio di relativita an he al aso di sistemi di riferimento a elerati
(uniformemente) l'uno rispetto all'altro? La risposta e: per quanto realmente onos iamo le leggi di natura, nulla i impedis e di onsiderare il sistema K 0 ome in
quiete, pur he assumiamo he relativamente a K 0 si abbia un ampo di gravitazione
(in prima approssimazione omogeneo); infatti ome in un ampo di gravitazione
omogeneo an he rispetto al nostro sistema K 0 tutti i orpi indipendentemente dalla
loro natura si a adono on la stessa a elerazione. L'ipotesi he on tutto rigore
si possa trattare K 0 ome a riposo senza he una qual he legge di natura non sia
soddisfatta rispetto a K 0 , io la hiamo \prin ipio di equivalenza".
3. Il ampo di gravitazione non e determinato solo inemati amente. La onsiderazione pre edente si puo an he roves iare. Il sistema K 0 predisposto on il
ampo di gravitazione su onsiderato sia quello originario. Si puo allora introdurre
un nuovo sistema di riferimento K , a elerato rispetto a K 0 , rispetto al quale masse
(isolate) si muovano di moto rettilineo e uniforme (nella regione onsiderata). Ma
non si puo andare oltre e dire: se K 0 e un sistema di riferimento dotato di un ampo
di gravitazione arbitrario, si puo sempre trovare un sistema di riferimento K rispetto

Annalen der Physik , 955 (1916).


U ber Friedri h Kottlers Abhandlung \U ber Einsteins A quivalentzhypothese und die Gravitation", Annalen der Physik , 639-642 (1916).
1
2

50

51

SULLA DISSERTAZIONE DI FRIEDRICH KOTTLER...

65

al quale masse isolate si muovano di moto rettilineo ed uniforme, ioe rispetto al


quale non esista al un ampo di gravitazione. L'assurdita di una tale ipotesi e
subito evidente. Se per esempio il ampo di gravitazione rispetto a K 0 e quello di
un punto materiale a riposo, questo ampo non si puo eliminare per trasformazione
nell'intero ir ondario del punto materiale on nessuna trasformazione per quanto
ingegnosa. Non si puo a atto pretendere di spiegare il ampo di gravitazione in
modo per os dire puramente inemati o; un' \interpretazione inemati a, non dinami a della gravitazione" non e possibile. Mediante una pura trasformazione on
a elerazione da un sistema di Galilei ad un altro impariamo quindi a onos ere
non ampi di gravitazione arbitrari, ma solo quelli di un tipo del tutto parti olare,
i quali tuttavia devono soddisfare alle stesse leggi di tutti gli altri ampi di gravitazione. Questa e solo di nuovo un'altra formulazione del prin ipio di equivalenza
(in parti olare nella sua appli azione alla gravitazione).
Una teoria della gravitazione infrange quindi il prin ipio di equivalenza nel senso
inteso da me solo quando le equazioni della gravitazione non siano soddisfatte in
nessun sistema di riferimento K 0 he si muova di moto non uniforme rispetto ad
un sistema di riferimento galileiano. Che questo rimprovero non si possa muovere
ontro la mia teoria on equazioni generalmente ovarianti e evidente; infatti in
questa le equazioni sono soddisfatte rispetto ad un qualsiasi sistema di riferimento.
L'imposizione della ovarianza generale delle equazioni omprende quella del prin ipio di equivalenza ome un aso del tutto parti olare.
4. Le forze del ampo gravitazionale sono forze \reali"? Kottler rimprovera he
nelle equazioni di moto

d2 x X dx dx
+
=0
ds2 
ds ds


io interpreti il se ondo termine ome l'espressione dell'azione del ampo di gravitazione sul punto materiale, e il primo termine per os dire ome l'espressione
dell'inerzia galileiana. In tal modo sarebbero introdotte \forze reali del ampo di
gravitazione", osa he non orrisponde allo spirito del prin ipio di equivalenza. A
io rispondo he quell'equazione ome un tutto e generalmente ovariante, quindi
senz'altro onforme all'ipotesi di equivalenza. La denominazione delle parti da me
introdotta e in linea di prin ipio priva di signi ato, e determinata solo dal venire
in ontro alle nostre abitudini di pensiero in si a. Questo vale an he in parti olare
per i on etti



 =


( omponenti del ampo di gravitazione) e t ( omponenti dell'energia del ampo
di gravitazione). L'introduzione di questa nomen latura non e ne essaria in linea
di prin ipio, ma mi pare per lo meno temporaneamente non priva di valore per il
mantenimento della ontinuita di pensiero; per io ho introdotto queste quantita,
sebbene esse non abbiano arattere tensoriale. Il prin ipio di equivalenza e tuttavia
sempre soddisfatto, poi he le equazioni sono ovarianti.
5. E' vero he io ho dovuto a quisire la ovarianza generale delle equazioni
mediante l'abbandono della onsueta misura del tempo e della misura eu lidea
dello spazio. Kottler rede he si possa rius ire senza questo sa ri io. Ma gia
nel aso da lui trattato del sistema K 0 a elerato nel senso di Born rispetto ad un

66

A. EINSTEIN

sistema galileiano, si deve rinun iare alla onsueta misura del tempo. Dal punto di
vista della teoria della relativita e quindi assai naturale he si debba abbandonare
an he la onsueta misura dello spazio. Di questa ne essita Kottler si persuadera
si uramente da se, quando er hera di sviluppare in generale il piano teori o he si
propone.
Ottobre 1916.

(Ri evuto il 19 ottobre 1916)

LE ONDE GRAVITAZIONALI

67

Le onde gravitazionali12
A. Einstein
L'importante problema, ome avvenga la propagazione del ampo gravitazionale,
e gia stato da me trattato un anno e mezzo fa in un lavoro dell'A ademia3 . Poi he
tuttavia la mia esposizione di allora dell'argomento non e abbastanza hiara e inoltre
e deturpata da un deplorevole errore di al olo, devo ritornare qui sulla questione.
Come allora, an he qui mi limitero a trattare il aso in ui il ontinuo spaziotemporale onsiderato di eris a solo assai po o da un ontinuo \galileiano". Al ne
di porre per tutti gli indi i

g =  +  ;

(1)

s egliamo, ome e usuale nella teoria della relativita spe iale, la variabile tempo
immaginaria pura, ponendo
x4 = it;
dove t designa il \tempo-lu e". Nella (1) si ha  = 1 o rispettivamente  = 0
a se onda he sia  =  oppure  6=  . I  sono quantita pi ole rispetto a 1,
he rappresentano lo s ostamento del ontinuo da quello in assenza di ampo; essi
ostituis ono un tensore di rango due rispetto a trasformazioni di Lorentz.

x1. Soluzione delle equazioni approssimate del ampo


gravitazionale mediante i potenziali ritardati.

Partiamo dalle equazioni di ampo valide per un sistema di oordinate arbitrario4




X 
 

+


x
x





X 
X    

+






X

(2)

=  T

1
g T :
2 

T e il
P 
g T

tensore d'energia-impulso della materia, T il orrispondente s alare


. Se indi hiamo ome grandezze pi ole di ordine n quelle he siano di

grado n in  , quando nel al olo dei due membri dell'equazione (2) i si limiti ai
termini di ordine piu basso, si ottiene il sistema di equazioni approssimate
(2a)

X   2 

 2
+
x2
x x

 2 
x x

 2 
= 2 T
x x


1 X

T
:
2 

U ber Gravitationswellen, Sitz. Preuss. Akad. Wiss. , 154-167 (1918).


Tradotto in ollaborazione on L. Mihi h.
Queste Sitzungsber. 1916, p. 688 e segg..
Pres indiamo qui dall'introduzione del \termine " (vedi queste Sitzungsber. 1916, p. 142 e
segg.).
1
2
3
4

68

A. EINSTEIN

Se si moltipli a questa equazione per (1=2)  e si somma su  e  , si ottiene


subito ( ambiando nome agli indi i) l'equazione s alare
X

 2
 2
+
x2
x x

=

T :

Se sommiamo questa equazione, moltipli ata per  , all'equazione (2a), si elimina


subito il se ondo termine del se ondo membro di quest'ultima. Il primo membro si
puo s rivere in modo hiaro, quando si introdu ano al posto dei  le funzioni
(3)

0 = 


1 X

:
2 

L'equazione assume allora la forma:


0
0
0
X  2 
X  2 
X 2 0
X  2
 +
(4)
= 2T :

2
x
x


x
x x
x x

0 he
Queste equazioni pero si possono sempli are notevolmente imponendo ai 
essi, oltre alle equazioni (4), debbano soddisfare le relazioni
0
X  
= 0:
(5)
x

0
A prima vista puo sembrare strano he le 10 equazioni (4) per le 10 funzioni 
possano essere aan ate arbitrariamente da altre quattro, senza he intervenga una
sovradeterminazione. Ma la giusti azione di questo pro edimento risulta hiara
da quanto segue. Le equazioni (2) sono ovarianti rispetto a sostituzioni arbitrarie,
vale a dire sono soddisfatte per una s elta arbitraria del sistema di oordinate. Se
introdu o un nuovo sistema di oordinate i g del nuovo sistema dipendono dalle
4 funzioni arbitrarie he de nis ono la trasformazione delle oordinate. Ora queste
4 funzioni possono essere s elte in modo tale he i g del nuovo sistema soddis no
quattro relazioni pres ritte arbitrariamente. Pensiamole s elte in modo tale he nel
aso dell'approssimazione he i interessa oin idano on le equazioni (5). Queste
ultime signi ano quindi una pres rizione da noi s elta se ondo la quale va s elto
il sistema di oordinate. Grazie alla (5) si ottengono in luogo delle (4) le sempli i
equazioni
0
X  2 
(6)
2 = 2T :
x
Dalle (6) si ri onos e he il ampo gravitazionale si propaga on la velo ita della
lu e. I  si possono al olare, dati i T , a partire da questi ultimi on il metodo
dei potenziali ritardati. Siano x, y, z , x4 =i le oordinate reali del punto potenziato,
0 , x0 , y0 , z0 le oordinate spaziali di un elemento
per il quale si debbano al olare i 
di spazio dV0 , r la distanza spaziale tra quest'ultimo e il punto potenziato; si ha
allora
Z
 T (x0 ; y0 ; z0 ; t r)
0
(7)
 =
dV0 :
2
r

LE ONDE GRAVITAZIONALI

69

x2. Le omponenti dell'energia del ampo gravitazionale.


Ho pre edentemente5 dato in forma espli ita le omponenti dell'energia del ampo gravitazionale nel aso in ui la s elta delle oordinate soddis la ondizione

g = jg j = 1;
he nel aso dell'approssimazione qui trattata si s riverebbe

= 0:

Questa pero nel aso della nostra attuale s elta delle oordinate non e in generale
soddisfatta. E per io piu sempli e ottenere qui le omponenti dell'energia on una
trattazione a parte.
O orre pero tener presente la seguente di olta. Le nostre equazioni di ampo
(6) sono orrette solo al primo ordine, mentre le equazioni dell'energia - ome e
fa ile on ludere - sono pi ole al se ondo ordine. Arriviamo pero omodamente
allo s opo on il pro edimento seguente. Le omponenti d'energia T (della materia)
e t (del ampo gravitazionale) se ondo la teoria generale soddisfano le relazioni

 T 1 X g
+
T =0
2  x 
 x

 T + t
= 0:
x


Da queste segue

 t 1 X g
=
T :
2  x 
 x
Se portiamo il se ondo membro, nel quale traiamo T dalle equazioni di ampo,
nella forma del primo membro, otterremo i t . Al se ondo membro di questa
equazione, nel aso dell'approssimazione trattata da noi, ambedue i fattori sono
quantita pi ole al primo ordine. Quindi per ottenere i t ome quantita del
se ondo ordine, basta sostituire i due fattori al se ondo membro on quantita del
prim'ordine. Si possono quindi sostituire
X

g
on
x

 
x

e T on T .
Inve e dei t , introdu iamo poi le quantita t , analoghe per quanto riguarda i
aratteri degli indi i a T , he per il grado di approssimazione qui ri hiesta differis ono dai t solo per il segno. Dobbiamo allora al olare i t on l'equazione

t 1 X  
=
T :
2  x 
 x

(8)
5

Ann. d. Phys. , 1916. Equazione (50).


49

70

A. EINSTEIN

Per sviluppare il se ondo membro teniamo onto he per la (3) si deve porre
1 X 0
1
0
0
(3a)
 = 
 = 
 0 ;
2
2

0
ed esprimiamo T mediante i  se ondo la (6). Con una sempli e sviluppo
risulta6
2
0
13
0  0  1  0  0
X t
X 
X  
1

4

A5
=
x
x
4

x
x
2
x
x









2

0 2
X  

13


1  0 2 A5
:
2 x


1
 4 

8  x   x
Da io segue he possiamo soddisfare la legge dell'energia se poniamo
0
1
0  0  1  0  0
X  

A
4t = 
x
x
2
x
x





0
1
(9)
 0 2

2
0
X
X

1
 A
1 

:
2
2  x
 x
X

Ci si hiaris e il signi ato si o di t nel modo piu sempli e on il seguente


ragionamento. I t sono per il ampo di gravitazione io he i T sono per la
materia. Ma per la materia ponderabile in oerente si ha, limitandosi a quantita del
primo ordine:
(10)

dx dx
T = T  =   
ds ds

ds2 =

dx2 ;

dove  e lo s alare densita della materia. T11 , T12 : : : :T33 esprimono quindi omponenti degli sforzi; T14 , T24 , T34 e rispettivamente T41 , T42 , T43 sono il vettore
p 1,
densita di impulso ovvero densita della orrente d'energia moltipli ato per
T44 la densita di energia ambiata di segno. Analoga e l'interpretazione dei t he
si riferis ono al ampo gravitazionale.
Come esempio si tratti in primo luogo il ampo di una massa puntiforme M a
riposo. Dalla (7) e dalla (10) dis ende
0 =  M;
(11)
44
2 r
0
mentre tutti gli altri  si annullano. Si ottengono per i g se ondo le (11), (3a)
e (1) i valori determinati per primo da De Sitter
0
1
1 4 Mr
0
0
0
B
C
0
1 4 Mr
0
0
B
C:
(11a)

M

A
0
0
1 4 r
0
0
0
0
1 + 4 Mr

L'errore prima menzionato nella mia0 pre edente dissertazione onsiste nel fatto he al se ondo membro della (8) avevo posto  x inve e di  x Questo errore rende ne essaria una
rielaborazione del x2 e del x3 di quel lavoro.
6

LE ONDE GRAVITAZIONALI

71

La velo ita della lu e , he in generale e data dall'equazione


0 = ds2 =



g dx dx ;

risulta qui dalla relazione




M
1+
4 r


dx2 + dy2 + dz 2

M
dt2 = 0:
4 r

Quindi la velo ita della lu e


r

(12)

dx2 + dy2 + dz 2
=1
dt2

M
4 r

on la s elta delle oordinate da noi fatta dipende solo dalla posizione, non dalla
direzione. Inoltre risulta dalla (11a) he pi oli orpi rigidi per variazione della
posizione rimangono simili a se stessi,
mentre la loro estensione lineare misurata in


M
oordinate varia ome 1 8 r .
L'equazione (9) da per i t nel nostro aso

M 2 x x 1
1
t =
 4 (per gli indi i 1 - 3)
2
6
32
r
2 r
:
(13)
t14 = t24 = t34 = 0
M 2 1

t44 =
642 r4
I valori per i t dipendono ompletamente dalla s elta delle oordinate, osa
he mi ha fatto notare gia da tempo per lettera il sig. G . Nordstrom7 . Con s elta
delle oordinate onforme alla ondizione jgj = 1, per la quale io nel aso della
massa puntiforme ho pre edentemente ottenuto le espressioni


M x x
(indi i 1 - 3)
4 r3
g14 = g24 = g34 = 0
 M
;
g44 = 1
4 r
tutte le omponenti dell'energia del ampo gravitazionale si annullano, se si al olano no al se ond'ordine on la formula
g = 

1 X  
t  = 
g

2 






g 





 :


Si potrebbe sospettare he on opportuna s elta del sistema di riferimento sarebbe forse possibile portare a zero tutte le omponenti dell'energia del ampo
gravitazionale, osa he sarebbe assai notevole. Ma si puo dimostrare fa ilmente
he io non e vero in generale.
7

Vedi an he E. S hrodinger, Phys. Zeits hr. 1918, I. p. 4.

72

A. EINSTEIN

x3. L'onda gravitazionale piana.


Per trovare le onde gravitazionali piane proponiamo di soddisfare le equazioni di
ampo (6) on
(14)

0 =  f (x1 + ix4 ) :


Gli  rappresentano ostanti reali, f una funzione reale di (x1 + ix4 ). Le equazioni (5) danno le relazioni

(15)

11 + i 14 = 0
21 + i 24 = 0
:
31 + i 34 = 0
41 + i 44 = 0

Se le ondizioni (15) sono soddisfatte, la (14) rappresenta una possibile onda gravitazionale. Per apire piu a fondo la sua natura si a, al oliamo la sua densita
0 dati dalla (15) nell'equazione (9) si
di orrente d'energia t41 =i. Sostituendo i 
ottiene
(16)

1
t41
= f 02
i
4

"

22


33 2

+ 223 :

La singolarita di questo risultato onsiste nel fatto he delle sei ostanti arbitrarie
he (tenendo onto della (15)) intervengono nella (14), solo due ompaiono nella
(16). Un'onda per la quale 22 33 e 23 siano nulli non trasporta al una energia.
Questa ir ostanza si puo ri ondurre al fatto he una tale onda in un erto senso non
ha nessuna esistenza reale, ome risulta nel modo piu sempli e dal ragionamento
seguente.
Notiamo in primo luogo he, tenendo onto della (15), lo s hema dei oe ienti
degli  per un'onda priva di energia e il seguente:
(17)


(  =)
i

i
0 i ;
0 i
i i

dove , , , indi ano quattro numeri he si possono s egliere indipendentemente


l'uno dall'altro.
Si onsideri ora uno spazio privo di ampi, il ui elemento di linea ds riferito
a un sistema di oordinate s elto opportunamente (x01 ; x02 ; x03 ; x04 ) si possa s rivere
nella forma
(18)

ds2 = dx0 21 + dx0 22 + dx0 23 + dx0 24 :

Introdu iamo ora nuove oordinate x1 , x2 , x3 , x4 sulla base della sostituzione


(19)

x0 = x

  (x1 + ix4 ) :

LE ONDE GRAVITAZIONALI

73

I  indi ano quattro ostanti reali in nitesime,  una funzione reale dell'argomento (x1 + ix4 ). Dalla (18) e dalla (19) segue, quando si tras urino quantita del
se ondo ordine rispetto a ,
X
X
X
ds2 =
dx0 2 =
dx2 + 20 (dx1 + idx4 )  dx :


Da qui risultano per i orrispondenti  i valori




1
=
0 

0
e quindi per i 

21
2 3 i1 + 4
2
0 0
i2
3
0 0
i3
i1 + 4 i2 i3
2i4

i4
2
3
i1 + 4


i
0
i2 :
2
1
4
(20)
3
0
1 i4
i3
i2 + 4
i2
i3
1 + i4
Se inoltre imponiamo he la funzione  nella (19) sia legata alla funzione f nella
(14) dalla relazione
(21)
0 = f;


1 0
=
0 

1

0 della (20) oin idono on i 


0
risulta he, a meno del segno delle ostanti, i 
delle (14) e (17).
Le onde gravitazionali he non trasportano energia si possono quindi generare
a partire da un sistema privo di ampi mediante una pura trasformazione di oordinate; la loro esistenza e (in questo senso) solo apparente. In senso proprio
sono quindi reali solo quelle onde he 0pro edono
lungo l'asse x, he orrispondono
0


22 33
0
22
33
a una propagazione delle quantita
2 e 23 (ovvero delle quantita 2
e 23 ). Questi due tipi non si di erenziano tra di loro per la natura, ma solo
per l'orientazione. Il ampo d'onda da luogo a deformazioni degli angoli nel piano ortogonale alla direzione di propagazione. Le densita della orrente d'energia,
dell'impulso e dell'energia sono dati dalla (16).

x4. L'emissione di onde gravitazionali da parte di un sistema me ani o.


Consideriamo un sistema me ani o isolato, il ui bari entro oin ida permanentemente on l'origine delle oordinate. Le variazioni he si veri ano nel sistema
siano os lente e la sua estensione spaziale sia os pi ola, he il tempo-lu e orrispondente alla distanza tra due punti materiali qualsiasi del sistema possa essere
onsiderato in nitamente pi olo. Studiamo le onde gravitazionali inviate dal sistema nella direzione dell'asse x positivo.
L'ultima delle ondizioni suddette omporta he per una distanza R abbastanza
grande del punto potenziato dall'origine delle oordinate possiamo sostituire al
posto della (7) l'equazione
(7a)

0 =



2R

T (x0 ; y0 ; z0 ; t R) dV0 :

74

A. EINSTEIN

Possiamo limitar i a onsiderare onde he trasportino energia; dobbiamo quindi,


0 e (1=2)( 22
0 33
0 ). Gli
se ondo i risultati del x3, ostruire solo le omponenti 23
integrali spaziali he ompaiono al se ondo membro della (7a) si possono sviluppare in un modo es ogitato da M. Laue. Daremo qui espli itamente solo il al olo
dell'integrale
Z
T23 dV0 :
Se moltipli hiamo le due equazioni dell'impulso

T21 T22 T23 T24


+
+
+
= ;
x1
x2
x3
x4
T31 T32 T33 T34
+
+
+
=
x1
x2
x3
x4
rispettivamente per x3 =2 e per x2 =2, le integriamo su tutto il sistema materiale e le
sommiamo, si ottiene dopo una sempli e trasformazione on integrazione per parti
Z

1 d
T23 dV0 +
2 dx4

Z

(x3 T24 + x2 T34 ) dV0 = 0:

Trasformiamo di nuovo l'ultimo integrale mediante l'equazione dell'energia

T41 T42 T43 T44


+
+
+
= 0;
x1
x2
x3
x4
moltipli ando questa per 12 x2 x3 , integrando e sviluppando on integrazione per
parti. Otteniamo
1
2

1 d
(x3 T42 + x2 T43 ) dV0 +
2 dx4

Z

x2 x3 T44 dV0 = 0:

Se si sostituis e questa nell'equazione pre edente si ottiene


Z

1 d2
T23 dV0 =
2 dx24

Z

x2 x3 T44 dV0 ;

d2 va sostituito da d2 , T dalla densita ambiata di segno ( )


ovvero, poi he dx
2
dt2 44
4
della materia:
Z
1
(22)
T23 dV0 = J23 :
2

Si e introdotta l'abbreviazione

J =

(23)

x x dV0 ;

J sono le omponenti del momento d'inerzia (variabile nel tempo) del sistema
materiale. In modo analogo si ottiene
(24)

(T22

T33 ) dV0 =

1 
J
2 22

J33 :

LE ONDE GRAVITAZIONALI

75

Dalla (7a) risulta, tenendo onto delle (22) e (24)


0 =  J23 ;
23
4R

(25)

(26)

0
22

0
33

 J22 J33
=
:
4R
2

Per le (7a), (22), (24) gli J vanno presi al tempo t R, quindi ome funzioni di
t R, o per R grandi in vi inanza dell'asse x an he ome funzioni di t x. La
(25) e la (26) rappresentano per io onde gravitazionali, il ui usso d'energia lungo
l'asse x possiede per la (16) la densita
2

(27)

J_ 22

t41
 4
=
i
642 R2

!2
J_ 33

2
+ J_ 23 5 :

O upiamo i ora del problema di al olare la radiazione totale emessa dal sistema
mediante onde gravitazionali. Per risolvere questo problema, i domandiamo dapprima quale sia l'irraggiamento di energia del sistema me ani o onsiderato lungo
la direzione ssata dai oseni direttori  . Questo problema si puo risolvere per
trasformazione o piu in breve ri ondu endosi al seguente problema formale.
Sia A un tensore simmetri o (in tre dimensioni),  un vettore. Cer hiamo
uno s alare S he sia una funzione omogenea di se ondo grado di A e di  , he
si ridu a per 1 = 1, 2 = 3 = 0 alla forma


A22


A33 2

+ A223 :
P

Lo s alare er ato sara una funzione degli s alari  A ;  A2 ,  A   ,
gli ultimi due s alari si ridu ono
 A A   . Tenendo onto del fatto he
P
per  = (1; 0; 0) ad A11 e rispettivamente a  A21 , si trova, dopo qual he ragionamento, he lo s alare er ato e
P

(28)

2
X
1 X
1X
1
S=
A +
A A   +
4
2 
4

1X 2 X
+
A
A A :
2       



A  

!2

E hiaro he S e la densita della radiazione gravitazionale us ente radialmente nella


direzione ( 1 , 2 , 3 ), quando si ponga
(29)

A =

p

J_ :
8R 

Se, tenendo ssi gli A , si esegue la media di S lungo tutte le direzioni dello
spazio, si ottiene la densita media S della radiazione emessa. S moltipli ata per

76

A. EINSTEIN

4R2 e in ne la perdita di energia per unita di tempo del sistema me ani o mediante onde gravitazionali. Il al olo da
2

(30)

4R2 S =

2
_

 4
J
80  
X

1
3

J_ 

!2 3

5:

Si vede da questo risultato he un sistema me ani o he onservi permanentemente


la simmetria sferi a non puo irraggiare, in ontrasto on il risultato raggiunto per
un errore di al olo della pre edente nota.
Dalla (27) e hiaro he la radiazione us ente non puo diventare negativa in nessuna direzione, quindi ertamente an he la radiazione totale. Gia nella pre edente
dissertazione e stato sottolineato ome il risultato nale di questa trattazione, he
onsentirebbe una perdita di energia dei orpi a ausa dell'agitazione termi a, debba
sus itare il dubbio sulla validita generale della teoria. Pare he una teoria quantisti a ompiuta dovrebbe portare a una modi a an he della teoria della gravitazione.

x5. E etto di onde gravitazionali su sistemi me ani i


Per ompletezza onsidereremo an he brevemente in he senso l'energia di onde
gravitazionali possa trasferirsi a sistemi me ani i. Si ri onsideri un sistema me ani o del tipo studiato nel x4. Lo stesso subis a l'azione di un'onda gravitazionale di
lunghezza d'onda grande rispetto all'estensione del sistema. Per poter determinare
l'in remento di energia del sistema i rialla iamo all'equazione dell'energia-impulso
della materia
X  T
 1 X g 
+
T = 0:
2  x 
 x
Integriamo quest'equazione su tutto il sistema per x4 ostante e otteniamo per
 = 4 (legge dell'energia)

d
dx4

Z

T44 dV = 12

dV

g
T :
x
4


L'integrale del primo membro e l'energia E dell'intero sistema materiale. A primo


membro ompare quindi l'in remento temporale di questa energia. Se si esegue la
derivazione rispetto al tempo reale, e al se ondo membro i si limita a ritenere i
termini del se ondo ordine di grandezza, si ottiene
(31)

dE 1
=
dt 2

dV

X   



T :
t 

Ora possiamo suddividere i  he rappresentano il ampo gravitazionale in una


parte orrispondente all'onda entrante (  )w e in una parte ostante (  )v , se ondo l'equazione
(32)

 = (  )w + (  )v :

LE ONDE GRAVITAZIONALI

77

In questo modo l'integrale del se ondo membro della (31) si suddivide in una
somma di due integrali, dei quali il primo esprime l'in remento di energia he
deriva dall'onda. Solo di questo i interessiamo qui; pertanto, per non ompli are
la notazione, interpreteremo la (31) nel senso he dE
dt indi hera solo l'in remento di
energia he deriva dall'onda e  la parte indi ata sopra on (  )w . Poi he  e
una funzione della posizione lentamente variabile si puo porre
(33)

dE 1 X  
=
dt 2  t

 T dV:

Sia l'onda agente una he trasporti energia, nella quale solo la omponente 23 (=
0 ) del ampo gravitazionale sia diversa da zero. Allora si ha per la (22)
23

dE 1  23 d2 J23
=
:
dt 2 t dt2

(34)

Per una determinata onda e per un determinato pro esso me ani o si puo quindi
al olare per integrazione l'energia eduta dall'onda.

x6. Risposta a un'obiezione sollevata dal sig. Levi-Civita.


Negli ultimi tempi in una serie di studi interessanti il sig. Levi-Civita ha ontribuito al hiarimento di problemi della teoria della relativita generale. In uno di
questi lavori8 egli sostiene riguardo alle leggi di onservazione un punto di vista he
si dis osta dal mio e ontesta sulla base di questo suo punto di vista la orrettezza
delle mie on lusioni ir a l'irraggiamento di energia tramite onde gravitazionali.
Sebbene nel frattempo on uno s ambio di lettere abbiamo hiarito il problema in
un modo su iente per entrambi, ritengo tuttavia opportuno, per l'interesse della
questione, aggiungere qui al une osservazioni generali sulle leggi di onservazione.
Si ammette in generale he, in onformita ai fondamenti della teoria della relativita generale, esista una tetraequazione valida per una s elta arbitraria del sistema
di riferimento della forma
(35)

 (T + t )
= 0 ( = 1,2,3,4);
x


dove i T sono le omponenti dell'energia della materia, i t sono funzioni dei g
e delle loro derivate prime. Ma sussistono divergenze d'opinione sul fatto he si
debbano assumere i t ome le omponenti dell'energia del ampo gravitazionale.
Questa divergenza la onsidero irrilevante, una pura questione di parole. Sostengo
tuttavia he l'equazione anzidetta e non ontroversa omporti quelle sempli azioni
della visione d'assieme, he ostituis ono il pregio delle leggi di onservazione.
Questo e evidente nel aso della quarta equazione ( = 4), he io uso indi are
ome equazione dell'energia.
Sia dato un sistema materiale limitato spazialmente, fuori dal quale densita
di materia e intensita dei ampi elettromagneti i siano nulle. Raguriamo i una
8

A ademia dei Lin ei, Vol. XXVI, seduta del 1o aprile 1917.

78

A. EINSTEIN

super ie a riposo S he ra hiuda l'intero sistema materiale. Si ottiene allora per


integrazione della quarta equazione sullo spazio ra hiuso da S :
(36)

d
dx4

Z


T44 + t44 dV =

t14 os (nx1 ) + t24 os (nx2 ) + t34 os (nx3 ) d:

Nessuno puo essere ostretto per un qual he motivo a designare t44 ome densita
d'energia del ampo gravitazionale e (t14 ,t24 ,t34 ) ome omponenti del usso d'energia
gravitazionale. Ma si puo sostenere quanto segue: quando l'integrale spaziale di t44 e
pi olo rispetto a quello della densita di energia \materiale" T44 , il se ondo membro
rappresenta si uramente la perdita in energia materiale del sistema. Solo questo e
io he e stato usato nella dissertazione presente sulle onde gravitazionali, e nella
mia pre edente.
Il sig. Levi-Civita (e prima di lui on minor forza an he H. A. Lorentz) ha
proposto una formulazione delle leggi di onservazione he si dis osta dalla (35).
Egli (e on lui an he altri olleghi) e ontrario a dare rilevanza all'equazione (35)
e ontrario alla suddetta interpretazione, poi he i t non ostituis ono un tensore.
Questo lo si ammette; ma non apis o per he si debba attribuire signi ato si o
solo a quelle quantita he abbiano le proprieta di trasformazione delle omponenti
di un tensore. Ne essario e soltanto he il sistema di equazioni valga per ogni s elta
del sistema di riferimento, ome su ede per il sistema di equazioni (35). LeviCivita propone la seguente formulazione della legge d'energia-impulso. Egli s rive
le equazioni di ampo della gravitazione nella forma
(37)

Tim + Aim = 0;

dove Tim e il tensore d'energia della materia e Aim e un tensore ovariante, he


dipende dai g e dalle loro prime due derivate rispetto alle oordinate. Gli Aim
sono designati ome le omponenti dell'energia del ampo gravitazionale.
Una obiezione logi a ontro una si atta denominazione non puo naturalmente
essere sollevata. Ma trovo he dall'equazione (37) non possano esser tratte on lusioni del tipo di quelle he siamo abituati a trarre dalle leggi di onservazione.
Cio dipende dal fatto he per la (37) le omponenti dell'energia totale sono nulle
ovunque. Le equazioni (37) non es ludono per esempio (a di erenza delle equazioni
(35)) he un sistema materiale si dissolva ompletamente nel nulla, senza las iare
una tra ia. Infatti la sua energia totale e per la (37) (ma non per la (35)) uguale
a zero sin dall'inizio; la onservazione di questi valori dell'energia non ri hiede
l'esistenza permanente del sistema in una qual he forma.

Comuni ato il 21 Febbraio.

PRINCIP^I DELLA RELATIVITA GENERALE

79

Prin ip^ della teoria della relativita generale1


A. Einstein
Una serie di pubbli azioni degli ultimi tempi, in parti olare l'a uto lavoro di
Krets hmann apparso di re ente su questi Annali nel volume 53, fas i olo 16, mi
indu ono a ritornare an ora una volta sui fondamenti della relativita generale. Il
mio s opo e per io di esporre es lusivamente le idee di base, assumendo la teoria
ome nota.
La teoria, ome ora mi sta dinnanzi, si fonda su tre punti di vista prin ipali, he
d'altronde non sono a atto indipendenti tra loro. Essi sono riportati e aratterizzati
in breve nel seguito, e in quanto segue illustrati sotto al uni aspetti:
a) Prin ipio di relativita: Le leggi di natura sono solo a ermazioni su oin idenze
spaziotemporali; esse trovano quindi la loro sola espressione naturale in equazioni
generalmente ovarianti.
b) Prin ipio di equivalenza: L' inerzia e la gravitazione sono della stessa natura.
Da qui e dai risultati della teoria della relativita spe iale segue ne essariamente he
il \tensore fondamentale" simmetri o (g ) determina le proprieta metri he dello
spazio, il omportamento inerziale dei orpi in esso, ome pure le azioni gravitazionali. Designeremo ome \ ampo G" la ondizione dello spazio des ritta dal tensore
fondamentale.
) Prin ipio di Ma h: 2 il ampo G e ompletamente determinato dalle masse dei
orpi. Poi he massa ed energia sono se ondo i risultati della teoria della relativita
spe iale la stessa osa, e l'energia e des ritta formalmente dal tensore d'energia
simmetri o (T ), io signi a he il ampo G e ssato e determinato dal tensore
d'energia della materia.
Riguardo ad a) Krets hmann osserva ome il prin ipio di relativita os formulato non sia al una a ermazione sulla realta si a, ioe sul ontenuto delle leggi
naturali, ma solo un postulato relativo alla formulazione matemati a. Poi he infatti l'esperienza si a omplessiva si riferis e solo a oin idenze, dev'essere sempre
possibile rappresentare esperienze sul omplesso stabilito da leggi di queste oin idenze mediante equazioni generalmente ovarianti. Risulta pertanto ne essario
ollegare un altro signi ato al postulato di relativita. Ritengo he l'argomento di
Krets hmann sia giusto, tuttavia non ritengo ra omandabile l'innovazione da lui
proposta. Sebbene infatti sia giusto he si debba poter portare ogni legge empiri a in
forma generalmente ovariante, tuttavia il prin ipio a) possiede una forza euristi a
signi ativa, he si e dimostrata splendidamente nel problema della gravitazione e
he si fonda su quanto segue. Tra due sistemi teori i asso iabili on l'esperienza
si dovra preferire quello he dal punto di vista del al olo di erenziale assoluto sia
il piu fa ile e il piu hiaro. Si provi a portare la me ani a della gravitazione di
Newton nella forma di equazioni assolutamente ovarianti (tetradimensionali) e i si
persuadera si uramente he il prin ipio a) es lude questa teoria non teori amente,
ma in prati a!
Il prin ipio b) ha ostituito il punto di partenza dell'intera teoria e in primo
luogo ha portato on se l'a ermazione del prin ipio a); si uramente non puo essere

Prinzipielles zur allgemeinen Relativitatstheorie, Annalen der Physik , 241-244 (1918).


Finora non ho tenuti distinti i due prin ipi a) e ), osa he tuttavia provo ava onfusione.
Ho s elto il nome \Prin ipio di Ma h", poi he questo prin ipio rappresenta un'estensione del
postulato di Ma h, he l'inerzia si debba poter ri ondurre ad un'interazione dei orpi.
1
2

55

80

A. EINSTEIN

las iato perdere, se i si vuole attenere alle idee fondamentali del sistema teori o.
Altrimenti su ede on il \prin ipio di Ma h" ); la ne essita di attenersi ad
esso non e a atto ondivisa dagli altri olleghi, ma per mio onto io trovo il suo
soddisfa imento in ondizionatamente ne essario. Per ) non dovra esser possibile
se ondo le equazioni di ampo della gravitazione al un ampo G senza materia.
Il postulato ) si ollega evidentemente nel modo piu stretto al problema della
struttura spaziotemporale dell'universo; all'instaurazione del ampo G prenderan
parte tutte le masse dell'universo.
Come equazioni generalmente ovarianti della gravitazione ho proposto
(1)

G = k T

dove si e posto per brevita

G =



1
g T ;
2 

g (;  ) :

Ma queste equazioni non soddisfano il postulato ); infatti esse onsentono la


soluzione
g = ost. (per tutti i  e  ),
T = 0 (per tutti i  e  ).
Se ondo le equazioni (1) sarebbe quindi pensabile, in ontraddizione on il postulato
di Ma h, un ampo G senza al una materia he lo generi.
Ma il postulato ) - per quanto mi onsentono di apire gli studi nora fatti e soddisfatto dalle equazioni di ampo3 ostruite dalle (1) on l'introduzione del
\termine "


1
(2)
G g = k T
g T :
2 
Un ontinuo spaziotemporale privo di singolarita, on un tensore d'energia della
materia ovunque nullo, se ondo la (2) non appare possibile. La soluzione della
(2) piu sempli e pensabile e stati a, un universo sferi o ovvero ellitti o nelle oordinate spaziali, on materia a riposo uniformemente distribuita. Si puo os non
solo ostruire on il pensiero un universo he si onforma al postulato di Ma h; i
si puo immaginare anzi he il nostro universo reale sia approssimato dal suddetto
universo sferi o. In verita nel nostro universo la materia non e distribuita uniformemente, ma e on entrata in singoli orpi elesti non a riposo, ma impegnati
in moti relativi (lenti rispetto alla velo ita della lu e). Tuttavia e ben possibile he
la densita spaziale media della materia (\misurata naturalmente"), presa su spazi
he omprendano moltissime stelle sse, sia nell'universo una quantita presso he
ostante. In questo aso le equazioni (1) devono essere ompletate mediante un
termine aggiuntivo del arattere del termine ; allora l'universo dev'essere hiuso
in se , e la sua geometria si dis osta solo di po o e solo lo almente da quella di uno
spazio sferi o ovvero ellitti o, all'in ir a ome la forma della super ie terrestre si
dis osta da quella di un ellissoide.

(Ri evuto il 6 marzo 1918)


3 Kosmologis he Betra htungen zur allgemeinen Relativit
atstheorie. Berl. Ber. 1917, p. 142.

DISCUSSIONE GENERALE SULLA TEORIA DELLA RELATIVITA

81

Dis ussione generale sulla teoria della relativita1


Lenard: mi ha fatto pia ere he oggi in una teoria della gravitazione si debba
parlare di etere. Ma devo dire he quando si passa dalla teoria della gravitazione a
qual osa d'altro rispetto alle forze proporzionali alle masse, la sempli e intelligenza
di uno studioso della natura si ribella alla teoria. Rimando all'esempio del treno
frenato. Se vale il prin ipio di relativita i ampi gravitazionali devono essere estesi
on ettualmente on l'uso di forze non proporzionali alle masse. Vorrei dire he
nel pensiero si o i si puo servire di due modelli, he io ho indi ato ome modelli
del primo e del se ondo tipo. Con modelli del primo tipo parla per esempio Weyl,
poi he egli esprime tutti i pro essi mediante equazioni. I modelli del se ondo tipo
interpretano le equazioni ome pro essi nello spazio. Preferirei i modelli del se ondo tipo, mentre Einstein resta atta ato a quelli del primo tipo. Nei modelli
del se ondo tipo l'etere e indispensabile. Esso e sempre stato uno degli strumenti
piu importanti per il progresso nello studio della natura, e la sua soppressione
signi a la soppressione delle idee di tutti oloro he studiano la natura on modelli
del se ondo tipo. Vorrei anzitutto porre la domanda: om'e, he se ondo la teoria
della relativita non dev'essere distinguibile, nel aso del treno frenato, se sia frenato
il treno oppure se sia frenato il mondo ir ostante?
Einstein: e erto he noi possiamo osservare forze relativamente al treno e, se
lo vogliamo, possiamo interpretarle ome forze inerziali. La teoria della relativita
le puo interpretare egualmente bene ome forze di un ampo gravitazionale. Da
dove viene ora il ampo? Lei e dell'opinione he esso sia un'invenzione dei signori
teori i della relativita. Ma non e a atto un'invenzione gratuita, poi he esso soddisfa
le stesse leggi di erenziali di quei ampi he siamo abituati a omprendere ome
forze dovute alle masse. E giusto he qual osa della soluzione rimanga arbitrario,
quando si onsidera una parte limitata dell'universo. Il ampo di gravitazione he
agis e relativamente al treno frenato orrisponde a una forza di induzione he e
prodotta dalle masse lontane. Posso quindi dire riassumendo in breve: il ampo
non e inventato arbitrariamente, poi he soddisfa le equazioni di erenziali generali,
e poi he si puo ri ondurre alle forze dovute a tutte le masse lontane.
Lenard: Le argomentazioni di Einstein non m'han detto niente di nuovo; inoltre
esse non hanno superato l'abisso tra i modelli del primo tipo e i modelli intuitivi del
se ondo tipo. Ritengo he al ampo gravitazionale esteso on ettualmente debbano
orrispondere dei pro essi, e questi pro essi non si sono presentati nell'esperienza.
Einstein: direi he io he l'uomo ritiene o non ritiene intuitivo e stato soggetto
a ambiamenti. L'opinione sulla intuibilita e per os dire una funzione del tempo.
Penso he la si a sia on ettuale e non intuitiva. Come esempio dei mutevoli punti
di vista sull'intuibilita le ri ordo le opinioni sull'intuibilita della me ani a di Galilei
in tempi diversi.
Lenard: ho dato espressione nel lavoro a stampa \Prin ipio di relativita, etere,
gravitazione" alla mia opinione, he l'etere ha fallito in erte ir ostanze, poi he
non lo si e an ora trattato nel modo giusto. Il prin ipio di relativita lavora on uno
spazio non eu lideo, he ammette proprieta diverse da punto a punto e nel tempo;
ma i puo ben essere nello spazio un qual osa, lo stato del quale determina queste
diverse proprieta, e questo qual osa e proprio l'etere. Vedo l'utilita del prin ipio
1

Allgemeine Diskussion uber Relativitatstheorie, Physik. Zeits hr. , 666-668 (1920).


21

82

A. EINSTEIN ET AL.

di relativita n he lo si appli a soltanto alle forze gravitazionali. Per forze non
proporzionali alle masse non lo ritengo valido.
Einstein: sta nella natura della osa he si possa parlare di una validita del
prin ipio di relativita solo quando esso valga rispetto a tutte le leggi di natura.
Lenard: solo quando si ammettono ampi appropriati. Intendo dire he il prin ipio di relativita puo dire ose nuove an he solo sulla gravitazione, mentre i ampi
di gravitazione he intervengono nel aso delle forze non proporzionali alle masse
non introdu ono nessun nuovo punto di vista, ma onsentono soltanto he il prin ipio appaia valido. Ma l'equivalenza di tutti i sistemi di riferimento rea delle
di olta al prin ipio.
Einstein: non esiste nessun sistema di oordinate in linea di prin ipio privilegiato per la sua sempli ita; per io non esiste nessun metodo per distinguere tra
ampi di gravitazione \reali" e \non reali". La mia se onda questione e: he osa
di e il prin ipio di relativita riguardo all'esperimento on ettuale non onsentito,
he onsiste nel fatto he per esempio la terra sia ferma e il restante universo ruoti
attorno all'asse terrestre, in modo he risultino velo ita superiori a quelle della lu e?
La prima a ermazione non e un'asserzione gratuita, ma una de nizione di tipo
nuovo del on etto \etere".
Un esperimento on ettuale e un esperimento realizzabile in linea di prin ipio,
an he se non di fatto. Esso serve a ra ogliere in una visione d'insieme esperienze
reali, in modo da trarre da queste onseguenze teori he. Non onsentito un esperimento on ettuale lo e solo quando la sua ese uzione e in linea di prin ipio
impossibile.
Lenard: redo di poter riepilogare: 1. Che si farebbe meglio a smetterla di
annun iare la \eliminazione dell'etere". 2. Che io ritengo pur sempre appropriata
la restrizione del prin ipio di relativita ad un prin ipio di gravitazione, e 3., he le
velo ita superluminali appaiono pro urare una di olta al prin ipio di relativita;
infatti esse appaiono nella relazione tra orpi qualsiansi, quando non si voglia des rivere solo quelli, ma l'intero universo, osa he tuttavia il prin ipio di relativita
nella sua forma piu sempli e e pre edente ammetteva ome equivalente.
Rudolph: Il fatto he la teoria della relativita generale si sia brillantemente
dimostrata vera non e una prova ontro l'etere. La teoria di Einstein e giusta, e
solo la sua opinione sull'etere he e sbagliata. E io vale an he on il ompletamento
di Weyl; risulta infatti dall'ipotesi dell'etere, pur he nel uire di diverse orrenti
d'etere restino dei bu hi, he a ausa della forza entrifuga in seguito al mutamento
della direzione delle [... sono tenuti vuoti.
Palagyi: la dis ussione tra Einstein e Lenard mi ha fatto un'impressione profonda. Si riin ontrano qui le ve hie ontrapposizioni stori he tra si a sperimentale
e si a matemati a, ome per esempio esistono gia tra Faraday e Maxwell. Einstein a erma he non esiste un sistema di oordinate privilegiato. Ne esiste uno.
Consentitemi di pensare in termini biologi i. Allora ogni uomo porta in se il suo
sistema di oordinate. Nello sviluppo di questa idea e ontenuta una onfutazione
della teoria della relativita.
Einstein sostiene he non esiste ontrasto tra teoria ed esperimento.
Born: an he la teoria della relativita preferis e modelli del se ondo tipo. Considero ome esempio la terra ed il sole. Se non i fosse l'attrazione, la terra amminerebbe di moto rettilineo rispetto ad esso e via di endo.
Mie: Il fatto he l'idea he l'etere sia di materia per ettibile debba essere ri onos iuta ome impossibile a ausa della teoria della relativita, io non ho mai

DISCUSSIONE GENERALE SULLA TEORIA DELLA RELATIVITA

83

potuto apirlo. Cio e stato mostrato gia molto tempo fa da Lorentz nel suo libro
\Fenomeni elettri i ed otti i nei orpi in movimento". An he Abraham ha detto
nel suo manuale gia allora, quando si onfrontava, ri utandola, on la teoria della
relativita: \L'etere e lo spazio vuoto".
Sono dell'idea he an he a ettando la teoria della gravitazione di Einstein si
debba distinguere nettamente tra i ampi di gravitazione puramente ttizi he si
introdu ono nel modello dell'universo mediante la s elta delle oordinate, e i ampi
di gravitazione reali, he sono dati da stati di fatto obbiettivi. Ho mostrato da
po o una via per giungere ad un sistema di oordinate \privilegiato", nel quale n
dall'inizio tutti i ampi di gravitazione puramente ttizi sono es lusi.
Einstein: non posso apire ome debba esser i un sistema di oordinate privilegiato. Al piu si potrebbe pensare di preferire quei sistemi di oordinate rispetto
ai quali valga approssimativamente l'espressione di Minkowski di ds2 . Ma a pres indere dal fatto he per spazi grandi tali sistemi proprio non possono esistere,
questi sistemi di oordinate si uramente non sono de nibili in modo esatto, ma
solo approssimato.
Kraus indi a una di erenza epistemologi a tra i modelli di primo e di se ondo
tipo, per la quale egli ritiene he i modelli del primo tipo abbiano piu valore di
quelli del se ondo.
Lenard: si dovrebbe introdurre il prin ipio del bari entro; redo tuttavia he
io sulle questioni di prin ipio non possa avere al una in uenza.

84

A. EINSTEIN
Geometria ed esperienza1
A. Einstein

La matemati a gode rispetto a tutte le altre s ienze di una parti olare onsiderazione rispetto ad un punto; le sue leggi sono assolutamente erte e in ontestabili,
mentre tutte le altre s ienze sono in una erta misura dis utibili e sempre in peri olo
di essere sovvertite dalla s operta di nuovi fatti. D'altra parte i ri er atori di uno
o di un altro ampo non sogliono invidiare i matemati i, quando essi ottengono
le loro leggi non dal onfronto on la realta, ma solo da quello on la loro pura
immaginazione. Non 'e da stupirsi, he si arrivi a onseguenze logi he tra loro in
a ordo, quando i si e a ordati sulle leggi fondamentali (assiomi) e sui metodi
per mezzo dei quali da queste leggi fondamentali si debbano derivare altre leggi.
Ma una grande onsiderazione per la matemati a viene dal fatto he essa pro ura
alle s ienze esatte della natura una qual he misura di ertezza, he non si potrebbe
raggiungere senza la matemati a.
A questo punto salta fuori un enigma, he ha assai disturbato i ri er atori di
tutti i tempi. Com'e possibile he la matemati a, he e un prodotto del pensiero
umano indipendente da ogni altra esperienza, se la avi os bene al onfronto on
l'esperienza? Puo quindi la ragione umana senza l'esperienza mediante il puro
pensiero penetrare a fondo nelle proprieta delle ose reali?
Su questo punto se ondo me si deve rispondere in breve: laddove le leggi della
matemati a orrispondono alla realta, esse non sono erte, e laddove sono erte,
esse non orrispondono alla realta. Piena hiarezza su questo stato dei fatti mi
pare derivi in primo luogo da quella linea di pensiero sulla proprieta generali della
matemati a he e onos iuta sotto il nome di \assiomati a". Il progresso raggiunto
dall'assiomati a sta nel fatto he on essa si separa nettamente il ontenuto logi oformale da quello empiri o o intuitivo; solo quello logi o formale ostituis e se ondo
l'assiomati a l'oggetto della matemati a, e non il ontenuto intuitivo o d'altro tipo
a oppiato a quello logi o-formale.
Trattiamo da questo punto di vista un qualunque assioma della geometria, per
esempio il seguente: per due punti dello spazio passa sempre una e una sola retta.
Come va interpretato questo assioma nel ve hio e nel nuovo senso?
Ve hia interpretazione. Tutti sanno he osa e una retta e he osa e un punto.
Che questa onos enza derivi da una fa olta dello spirito umano o dall'esperienza,
da una ooperazione di entrambi o in qual he altro modo, il matemati o non si
ura di distinguere, ma las ia questa distinzione al losofo. Fondato su questa
onos enza s ontata per tutti i matemati i, il suddetto assioma ( ome tutti gli altri
assiomi) e evidente, ioe esso e l'espressione di una parte di questa onos enza a
priori.
Nuova interpretazione. La geometria tratta di oggetti, ontrassegnati on le parole retta, punto, e etera. Non si presuppone una qual he onos enza o intuizione
di questi oggetti, ma solo la validita, in ogni aso puramente formale, ioe liberata
da ogni ontenuto intuitivo ed empiri o, di assiomi da assumersi, dei quali il suddetto e un esempio. Questi assiomi sono libere reazioni dello spirito umano. Tutte
le altre leggi geometri he sono onseguenze logi he degli assiomi (assunti nominalisti amente). Gli assiomi de nis ono primariamente gli oggetti, di ui la geometria
1

Geometrie und Erfahrung, S.B. Preuss. Akad. Wiss. , 1-8 (1921).


5

GEOMETRIA ED ESPERIENZA

85

tratta. S hli k ha per io assai appropriatamente de nito gli assiomi nel suo libro
sulla teoria della onos enza ome \de nizioni impli ite".
Questa on ezione degli assiomi introdotta dalla moderna assiomati a depura
la matemati a da tutti gli altri elementi he non le appartengono, ed elimina os
l'os urita misti a, he prima ir ondava i fondamenti della matemati a. Una tale
on ezione depurata rende tuttavia an he evidente he la matemati a in quanto tale
non e apa e di dir nulla sia riguardo agli oggetti della rappresentazione intuitiva, sia
riguardo agli oggetti della realta. Per \punto", \retta", e etera si devono intendere
nella geometria assiomati a solo degli s hemi on ettuali privi di ontenuto. Cio
he da loro ontenuto non appartiene alla matemati a.
D'altra parte e erto he la matemati a in generale, e in parti olare la geometria, devono ringraziare per il loro sviluppo la ne essita di sperimentare il omportamento delle ose reali. La parola geometria, he signi a proprio \misurazione della
terra", lo prova hiaramente. La misurazione della terra riguarda le possibilita delle
posizioni relative di dati orpi naturali, ioe di parti del orpo della terra, nastri
metri i, aste metri he, e etera. E hiaro he il sistema di on etti della geometria
assiomati a da solo non puo fare al una a ermazione sul omportamento di si atti
oggetti della realta, he designeremo ome i orpi rigidi della prati a. Per poter fare
tali asserzioni, la geometria deve essere spogliata del suo arattere es lusivamente
logi o-formale, in modo he i vuoti s hemi on ettuali della geometria assiomati a
siano subordinati ai fatti sperimentabili della realta. Per realizzare io, o orre solo
aggiungere la legge:
I orpi rigidi si omportano rispetto alle loro possibilita di posizionamento ome
orpi della geometria eu lidea in tre dimensioni: quindi le leggi della geometria
eu lidea ontengono a ermazioni sul omportamento dei orpi rigidi della prati a.
La geometria os ompletata e evidentemente una s ienza naturale; la possiamo
a buon diritto onsiderare la piu anti a bran a della si a. Le sue a ermazioni
si fondano essenzialmente sull'induzione dall'esperienza, e non solamente su s elte
logi he. Chiameremo la geometria os ompletata \geometria prati a" e la distingueremo nel seguito dalla \geometria assiomati a pura". La domanda, se la
geometria prati a del mondo sia eu lidea o meno, ha un signi ato pre iso, e la sua
risposta va ottenuta mediante l'esperienza. Tutte le misure di lunghezza della si a
sono geometria prati a in questo senso, ed an he le misure di lunghezza geodeti he
ed astronomi he, pur he si prenda in aiuto la legge sperimentale, he la lu e si
propaga in linea retta, e in linea retta nel senso della geometria prati a.
Alla on ezione qui des ritta della geometria attribuis o un signi ato parti olare, per he senza di essa non sarebbe possibile fondare la teoria della relativita.
Senza di essa risulterebbe impossibile il seguente ragionamento: in un sistema di
riferimento rotante rispetto ad un sistema inerziale a ausa della ontrazione di
Lorentz le leggi sulla on gurazione di un orpo rigido non orrispondono alle regole della geometria eu lidea; quindi ammettendo i sistemi non inerziali ome sistemi ugualmente onsentiti si deve abbandonare la geometria eu lidea. Il passo
distintivo nella transizione ad equazioni generalmente ovarianti rimarrebbe si uramente os uro, se non si fosse s elta per fondamento la suddetta interpretazione.
Se si respinge la orrispondenza tra i orpi della geometria assiomati a eu lidea
e i orpi rigidi della prati a, si perviene fa ilmente alla seguente on ezione, he
H. Poin are ha sostenuto in modo parti olarmente netto e profondo: tra tutte le
geometrie assiomati he pensabili la geometria eu lidea si distingue per sempli ita.
Poi he la geometria assiomati a non omporta al una a ermazione ir a la realta

86

A. EINSTEIN

sperimentabile, ma io avviene solo per la geometria assiomati a ongiunta a leggi


si he, risulta possibile e ragionevole, ome an he la realta puo mostrare, attenersi
alla geometria eu lidea. Pertanto si dovrebbe preferire una modi azione delle
leggi si he ad una modi azione nella s elta della geometria assiomati a, nel aso
he si mostri una ontraddizione tra teoria ed esperienza. Se si respinge una orrispondenza tra i orpi rigidi della prati a e la geometria, non e possibile liberarsi
fa ilmente dalla onvenzione, he i si debba attenere alla geometria eu lidea ome
la piu fa ile.
Per he Poin are ed altri ri er atori ri utano la naturale orrispondenza dei orpi
rigidi della prati a e dei orpi della geometria? E ovvio, per he i orpi rigidi possibili
in natura ad un esame piu a urato si rivelano non rigidi, per he le loro proprieta
geometri he, ioe le loro possibilita di on gurazione relativa dipendono dalla temperatura, da forze esterne, e etera. Cos la orrispondenza originaria e immediata
tra geometria e realta si a appare distrutta, e i si sente ri ondotti alla seguente
on ezione generale, he aratterizza il punto di vista di Poin are. La geometria
(G) non di e nulla riguardo al omportamento delle ose reali, ma questo a ade
solo per la geometria on il ompletamento (P ) delle leggi si he. Simboli amente
possiamo dire he solo la somma (G) + (P ) soggia e al ontrollo dell'esperienza.
Si possono quindi s egliere a pia imento (G), ome pure parti di (P ); tutte queste
leggi sono onvenzioni. E solo ne essario, per evitare ontraddizioni, s egliere il
resto di (P ) in modo tale he (G) e la totalita di (P ) nel loro insieme dian onto
orrettamente dell'esperienza. Se ondo questa on ezione la geometria assiomati a
e la parte delle leggi di natura assunte per onvenzione sono epistemologi amente
equivalenti.
Se ondo me Poin are on questa on ezione ha ragione sub spe ie aeterni : l'idea
di regolo di misura e an he l'idea di orologio ad essa oordinata nella teoria della
relativita non trovano nel mondo reale un oggetto esattamente orrispondente. E
hiaro an he he i orpi rigidi e l'orologio non gio ano nell'edi io on ettuale della
si a il ruolo di elementi irridu ibili, ma solo il ruolo di immagini omposte, he
nella ostruzione della si a teori a non possono gio are al un ruolo indipendente.
E tuttavia mio onvin imento he questi elementi on ettuali allo stadio attuale di
sviluppo della si a teori a possono essere introdotti solo ome on etti indipendenti; siamo infatti troppo lontani da una onos enza dei fondamenti teori i della
si a atomi a, da poter dare ostruzioni teori he esatte di quelle immagini.
Per quanto on erne poi l'obiezione, he in natura non si danno orpi realmente
rigidi, e he quindi le proprieta da questi possedute non riguardano la realta si a,
essa non e os profonda, ome puo apparire a un esame super iale. Non e infatti
os di ile de nire lo stato si o di un orpo di misura os pre isamente, he
il suo omportamento rispetto alle posizioni relative su altri orpi di misura sia
abbastanza univo o, da poterlo prendere per orpo \rigido". Le asserzioni ir a i
orpi rigidi devono essere veri ate on tali orpi.
Tutta la geometria prati a si fonda su una legge fondamentale derivante dall'esperienza, he ora ri orderemo. Chiameremo intervallo l'estensione tra due segni in isi
su un orpo rigido della prati a. Pensiamo a due orpi rigidi della prati a e segnamo
su ias uno un intervallo. I due intervalli si diranno \uguali l'uno all'altro", quando
i segni dell'uno possono essere mantenuti ostantemente in oin idenza on i segni
dell'altro. Introdurremo ora l'ipotesi:
Quando due intervalli si sono trovati uguali una volta e in qual he posto, essi

GEOMETRIA ED ESPERIENZA

87

sono uguali sempre e ovunque.


Non solo la geometria eu lidea prati a, ma an he la sua generalizzazione piu
immediata, la geometria riemanniana prati a, e pertanto la teoria della relativita
generale, si fondano su questa ipotesi. Dei fondamenti empiri i, he parlano a favore
dell'introduzione di questa ipotesi, ne ri ordero uno. Il fenomeno della propagazione
della lu e nello spazio vuoto asso ia ad ogni intervallo temporale lo ale un intervallo
spaziale, ossia il orrispondente ammino per orso dalla lu e avanti e indietro. Ne
dis ende per io he l'ipotesi prima introdotta per gli intervalli nella teoria della
relativita deve valere an he per gli intervalli temporali dell'orologio. Essa puo
essere allora os formulata: dati due orologi ideali he amminano allo stesso modo
a un qual he tempo e in qual he luogo (ove siano immediatamente ontigui), essi
amminano sempre allo stesso modo, indipendentemente da dove e da quando essi
vengano onfrontati in uno stesso luogo. Se questa legge per gli orologi naturali non
fosse valida, le frequenze proprie dei singoli atomi di uno stesso elemento himi o
non oin iderebbero os pre isamente ome risulta dall'esperienza. L'esistenza di
righe spettrali nette ostituis e una prova sperimentale onvin ente per l'anzidetta
legge della geometria prati a. Proprio da queste righe risulta he possiamo parlare
in modo sensato di una metri a nel senso di Riemann nel ontinuo spazio-temporale
a quattro dimensioni.
La domanda, se questo ontinuo sia eu lideo, o sia strutturato se ondo lo s hema
generale riemanniano o altrimenti, e se ondo la on ezione qui trattata un'autenti a
domanda si a, alla quale si deve rispondere mediante l'esperienza, non una domanda puramente sull'utilita di una onvenzione da s egliersi. Le leggi della geometria riemanniana saranno valide quando le leggi delle posizioni di un orpo rigido
della prati a tanto piu esattamente oin ideranno on quelle dei orpi della geometria eu lidea, quanto piu pi ole siano le dimensioni della regione spazio-temporale
onsiderata.
L'interpretazione si a della geometria qui trattata non onsente un'appli azione
immediata a spazi dell'ordine di grandezza submole olare. Una parte del suo signi ato si onserva tuttavia an he rispetto alle domande sulla ostituzione delle
parti elle elementari. Si puo er are allora quali delle idee di ampo, he sono state
de nite si amente per la des rizione del omportamento geometri o di orpi grandi
rispetto alla mole ola, abbiano an ora signi ato si o quando si tratta di des rivere
le parti elle elementari elettri he he ostituis ono la materia. Solo il risultato
potra de idere la orrettezza del tentativo di attribuire alle idee fondamentali della
geometria riemanniana una realta si a al di la del loro dominio di de nizione si o.
Forse si potra mostrare he questa estrapolazione e altrettanto po o appropriata
quanto l'idea di temperatura per parti di un orpo di dimensioni mole olari.
Meno problemati a appare l'estensione dell'idea di geometria prati a a spazi di
ordine di grandezza osmi o. Si puo invero obiettare, he una ostruzione fatta
on regoli ssi si dis osta tanto piu dall'ideale di rigidita, quanto piu grande e la
sua estensione spaziale. Ma a questa obiezione ben di ilmente si puo attribuire
un signi ato di prin ipio. Inoltre mi pare he an he la domanda, se l'universo sia
spazialmente nito o no, sia una domanda del tutto sensata dal punto di vista della
geometria prati a. Non ritengo a atto es luso he queste domande trovino una
risposta da parte dell'astronomia in un tempo non troppo lontano. Ri ordiamo
a questo proposito he osa insegna la teoria della relativita generale. Per essa
esistono due possibilita.
1. L'universo e spazialmente in nito. Cio e possibile solo se la densita media

88

A. EINSTEIN

spaziale della materia on entrata in stelle nello spazio dell'universo si annulla, ioe
se il rapporto tra la massa totale delle stelle e il volume dello spazio nel quale essa
e distribuita tanto piu si approssima al valore zero, quanto piu grande e lo spazio
preso in onsiderazione.
2. L'universo e spazialmente nito. Cio deve a adere quando si abbia una
densita media di materia ponderabile diversa da zero. Il volume dello spazio
dell'universo e tanto piu grande, quanto piu pi ola e quella densita media.
Non voglio tralas iare di ri ordare he si possono far valere argomenti teori i
per la nitezza dell'universo. La teoria della relativita insegna he l'inerzia di un
dato orpo e tanto piu grande, quanto piu massa ponderabile si trovi nelle sue vi inanze; appare per io assai naturale ri ondurre l'inerzia omplessiva di un orpo
all'interazione tra di esso e i restanti orpi dell'universo, ome an he il peso se ondo Newton va ri ondotto interamente all'interazione tra i orpi. Si puo derivare
dalle equazioni della relativita generale he questa totale riduzione dell'inerzia
all'interazione tra le masse - ome ha proposto per esempio E. Ma h - e possibile
solo se il mondo e spazialmente nito.
A molti si i e astronomi questo argomento non fa nessuna impressione. In n
dei onti solo l'esperienza puo di fatto distinguere, quale delle due possibilita sia realizzata in natura; ome puo l'esperienza produrre una risposta? Sulle prime si puo
pensare he la densita media della materia si possa determinare dall'osservazione
della parte dell'universo a essibile alla nostra per ezione. Questa speranza e ingannevole. La distribuzione delle stelle osservabili e terribilmente irregolare, di modo
he non possiamo in al un modo tentare di porre la densita media della materia
stellare dell'universo ir a uguale alla densita media della Via Lattea. Inoltre si
puo - per quanto grande possa essere lo spazio esplorato - sempre supporre he al
di la di questo spazio non i siano piu stelle. Una stima della densita media appare
quindi es lusa.
Esiste tuttavia una se onda strada he mi pare piu fa ilmente per orribile, sebbene an he questa omporti grosse di olta. Se i hiediamo quali siano gli s ostamenti he le onseguenze della relativita generale a essibili all'osservazione astronomi a o rono rispetto alle onseguenze della teoria di Newton, notiamo he esiste
uno s ostamento he si da in prossimita di una massa gravitazionale, ome si e
potuto onfermare nel aso di Mer urio. Nel aso he l'universo sia spazialmente
nito, si da una se ondo s ostamento dalla teoria di Newton, he nel linguaggio
della teoria di Newton si esprime os: il ampo gravitazionale si omporta ome
se oltre alle masse ponderabili esistesse una densita di massa di segno negativo,
distribuita uniformemente nello spazio. Poi he questa densita di massa ttizia
dev'essere straordinariamente pi ola, essa puo essere osservabile solo in sistemi
gravitanti di estensione molto grande.
Assumiamo di onos ere la distribuzione statisti a delle stelle nella Via Lattea e
le loro masse. Allora possiamo al olare il ampo gravitazionale se ondo la legge di
Newton, ed an he la velo ita media he le stelle devono avere per he la Via Lattea,
a ausa delle interazioni tra le sue stelle, non ollassi su se stessa, ma mantenga
la sua estensione. Se ora le velo ita medie reali delle stelle, he possiamo ben
misurare, risultassero piu pi ole di quelle al olate, si sarebbe ottenuta la prova
he le attrazioni reali su grandi distanze sono piu pi ole he se ondo la legge di
Newton. Da una tale deviazione si potrebbe dimostrare indirettamente la nitezza
dell'universo e stimare la sua estensione spaziale.

LA TEORIA DI CAMPO OFFRE DELLE POSSIBILITA ...

89

La teoria di ampo o re delle possibilita per la soluzione


del problema dei quanti?1
A. Einstein

x1. Considerazioni generali


Il grande su esso, he la teoria dei quanti ha mostrato nel suo sviluppo in meno
di un quarto di se olo, non i deve far dimenti are he per ora man a un fondamento
logi o di questa teoria. Sappiamo inoltre he tale fondamento er ato non puo onsistere sempli emente in un ompletamento della me ani a e dell'elettrodinami a
lassi a; io per he le leggi dell'equipartizione dell'energia derivanti dalla me ani a
lassi a e le leggi derivanti dall'elettrodinami a lassi a sulle proprieta energeti he
della radiazione si trovano in una ontraddizione insolubile on i fatti. Basti ri ordare la degenerazione del alore spe i o a basse temperature e i pro essi se ondari,
he si manifestano per l'assorbimento e per la di usione (e etto Compton) di radiazione di orta lunghezza d'onda.
Davanti ai fatti riassunti dalle regole quanti he si puo ben dubitare he on uno
sviluppo ulteriore onseguente delle attuali teorie si possano risolvere le di olta.
L'essenza dello sviluppo teori o attuale, he si ri onos e nella me ani a del punto,
nell'elettrodinami a di Maxwell-Lorentz, nella teoria della relativita, sta nel fatto
he si lavora on equazioni di erenziali, he ssano univo amente gli eventi in un
ontinuo spaziotemporale a quattro dimensioni, una volta he essi siano noti su
una sezione spaziale. Nella determinazione univo a dello sviluppo temporale degli
eventi mediante equazioni di erenziali alle derivate parziali onsiste il metodo, mediante il quale si soddisfa la legge di ausalita. Di fronte alle di olta esistenti si
e dubitata la des rivibilita dei fatti osservati mediante equazioni di erenziali. Si
e messa in dubbio inoltre la possibilita della adozione senza e ezioni della legge
di ausalita sotto l'ipotesi del ontinuo spaziotemporale tetradimensionale. Tutti
questi dubbi sono onsentiti dal punto di vista della teoria della onos enza, e assai
omprensibili di fronte alle profonde di olta he i stanno davanti. Ma, prima
di tirare sul serio nell'ambito della dis ussione possibilita os remote, dobbiamo
dimostrare he veramente dai tentativi attuali e dai fatti segue he e impossibile
rius ire on equazioni di erenziali alle derivate parziali. Di fronte alla meravigliosa
pre isione on la quale la teoria ondulatoria esprime i fenomeni geometri amente
os ompli ati dell'interferenza e della di razione della lu e, e di ile redere he
l'equazione di erenziale alle derivate parziali in ultima istanza sia inadatta a render
onto dei fatti.
Se si onsidera riti amente le teoria di Maxwell-Lorentz, si ri onos e he il
suo fondamento onsiste di due parti he formalmente sono po o dipendenti l'una
dall'altra, ossia delle equazioni di erenziali del ampo elettromagneti o e delle
equazioni di moto dell'elettrone (positivo e negativo). I fenomeni della di razione
e dell'interferenza, os brillantemente onfermati dall'esperienza, essenzialmente
sono governati dal punto di vista formale dalle equazioni di ampo, i pro essi di assorbimento, he la teoria non puo riprodurre onformemente all'esperienza, sono inve e prin ipalmente determinati dalla legge di moto dell'elettrone. E quindi un pensiero naturale (frequentemente espresso) he si debbano mantenere le equazioni di

Bietet die Feldtheorie Mogli hkeiten fur die Losung des Quantenproblems?, S.B. Preuss.
Akad. Wiss. , 359-364 (1923).
1

33

90

A. EINSTEIN

ampo, ma abbandonare le equazioni di moto dell'elettrone.2 Cio omportera ertamente he non si potra mantenere la onsueta teoria della lo alizzazione dell'energia
nel ampo. Questa possibilita teori a non si sviluppa oltre su terreno fa ile, per he
nora non si e vista nessuna via per orribile per raggiungere delle leggi di moto
diverse per l'elettrone. Il tentativo di Mie, di ompletare le equazioni di ampo
in modo he esse valgano an he all'interno dell'elettrone, non ha prodotto nora
al un risultato utile. Questi metodi potrebbero portare a una uni azione dei fondamenti, poi he essi renderebbero super ue leggi parti olari di moto per l'elettrone.
Per he an he questa strada non possa ontribuire de isivamente alla soluzione del
problema dei quanti risultera dalle onsiderazioni he seguono, he a mio avviso i
portano al punto essenziale dell'intero problema.
Se ondo le teorie attuali lo stato iniziale di un sistema puo essere s elto liberamente; le equazioni di erenziali danno poi l'evoluzione temporale. Se ondo
le nostre onos enze sugli stati quanti i, ome esse si sono sviluppate in parti olare
negli ultimi die i anni in onnessione on la teoria di Bohr, la realta non orrisponde
a questa on atenazione della teoria. Lo stato iniziale di un elettrone he si muova
attorno a un nu leo di idrogeno non puo essere s elto liberamente, ma questa s elta
deve orrispondere alle ondizioni quanti he. In generale: non solo l'evoluzione
temporale, ma an he lo stato iniziale obbedis e a leggi.
E possibile dar onto di questa onos enza sui pro essi naturali, he dobbiamo
ben ritenere di signi ato generale, in una teoria fondata su equazioni di erenziali
alle derivate parziali? Ma erto; dobbiamo solo \sovradeterminare" le variabili di
ampo mediante delle equazioni. Cio signi a he il numero delle equazioni di erenziali deve essere piu grande del numero delle variabili di ampo da esse determinate.
(Nel aso della relativita generale il numero delle equazioni indipendenti deve essere piu grande solo del numero delle variabili di ampo diminuito di 4 poi he in
essa, a ausa della libera s elta delle oordinate, le variabili di ampo sono ssate
dalle equazioni solo a meno di 4 tra esse.) La geometria di Riemann i mostra un
bell'esempio di sovradeterminazione, he appare an he in on reto rapporto on
il nostro problema. Si assuma he tutte le omponenti Rik;lm del tensore di urvatura di Riemann si annullino, di modo he il ontinuo sia eu lideo, he quindi
sia ompletamente determinato e soprattutto non onsenta \ ondizioni iniziali".
Nel ontinuo a 4 dimensioni si tratta allora di 20 equazioni algebri amente indipendenti l'una dall'altra, he i 10 oe ienti g della forma metri a quadrati a devono
soddisfare.
Analogamente er hiamo di sovradeterminare gli eventi nel ampo elettromagneti o e gravitazionale, ove le possibilita sono ristrette dalle seguenti ondizioni:
1. Le equazioni devono essere generalmente ovarianti, e in esse devono omparire
solo le omponenti g del ampo metri o e  del ampo elettri o.
2. Il sistema di equazioni er ato deve in ogni aso ontenere quelle equazioni
he se ondo le teoria della gravitazione e la teoria di Maxwell sono soddisfatte, ossia
il sistema di equazioni

Ril = kTil
1
Til = i  l + gil   ;
4

2 I fondamenti della me ani a ontraddi ono da soli i fatti quantisti i (fallimento del prin ipio
di equipartizione). Le equazioni del moto del punto materiale devono quindi essere abbandonate,
totalmente a pres indere dalla questione, se si debba o meno mantenere la teoria di ampo.

LA TEORIA DI CAMPO OFFRE DELLE POSSIBILITA ...

91

dove Ril indi a il tensore di urvatura di rango due.


3. Il sistema di equazioni er ato, he sovradetermina il ampo, deve sempre
ammettere una soluzione stati a sferosimmetri a, he se ondo le equazioni anzidette
des rive l'elettrone positivo ovvero negativo.
Qualora si ries a, on il soddisfa imento di queste tre ondizioni, a sovradeterminare abbastanza on equazioni di erenziali il ampo totale, possiamo sperare he
mediante queste equazioni sia determinato an he il omportamento me ani o dei
punti singolari (elettroni) in modo tale he an he lo stato iniziale del ampo e dei
punti singolari soddis a ondizioni restrittive.
Se e in generale possibile risolvere il problema dei quanti mediante equazioni
di erenziali, possiamo sperare di raggiungere la meta per questa via. Nel seguito
mostrero io he io ho tentato in questa direzione, senza poter sostenere he le
equazioni da me presentate possiedano un signi ato si o reale. Le mie proposte
avranno raggiunto il loro s opo, se stimoleranno i matemati i a ollaborare e mostreranno he la via qui intrapresa e per orribile e va pensata senza riserve no alla
ne. Come sempre a ade in relativita generale, an he in questo aso e di ile
trarre dalle equazioni delle on lusioni ir a le loro soluzioni, he possano essere
onfrontate on i risultati assodati dell'esperienza, qui in parti olar modo della
teoria dei quanti.

x2. Derivazione di un sistema di equazioni sovradeterminate


Partiamo dal sistema di equazioni sovradeterminate

Rik;lm = ik;lm

(1)
In questo sistema

Rik;lm = gij Rjk;lm = gij

 jkl
xm

 jkm
xl

j  + j 
m kl
l km

denota il tensore di urvatura di Riemann ( on il segno ambiato, ome al solito), e


ik;lm un tensore,
he e omogeneo
e di se ondo grado nelle omponenti del ampo





elettri o  = x x , e he possiede le stesse proprieta di simmetria di
Rik;lm. Lo otteniamo se poniamo ik;lm uguale ad una ombinazione lineare di
tensori:
1
0 ik;lm = ik lm + (il km im kl )
2
(3)
(4)

00 ik;lm = gil 0 km + gkm0 il


000 ik;lm = (gil gkm

gim 0 kl
gim gkl ) 0

dove si e posto per abbreviazione nella (3)


(5)
e nella (4)

gkm0 ik;lm = 0 il

gkl 0 im

92

A. EINSTEIN

(6)

gil 0 il = 0 :

Deve quindi essere


ik;lm = A0 0 ik;lm + A00 00 ik;lm + A000 000 ik;lm:

(7)

In base a onsiderazioni he saranno tra po o evidenti, attribuiamo alle ostanti


A0 , A00 , A000 i valori
(7a)

2
1
A0 = 2; A00 = + ; A000 = :
3
6

Sulle proprieta del sistema (1) osserviamo quanto segue. Se lo si moltipli a per
gil e si somma sugli indi i i ed l, si ottengono le equazioni

Rkm =

(8)

1
g  
4 km

k m

Queste sono le note equazioni, he assieme alle equazioni di Maxwell ontengono


la relativita generale, quando oltre al ampo di gravitazione esista solo il ampo
elettromagneti o. E noto he il sistema (8) ha la soluzione stati a sferosimmetri a3

ds2 = f 2 dt2


h2 dr2 + r2 d#2 + os2 #d 2 ;

2m
"2
+ 2 ;
r
(2r )


 "
4 =
;
x r

f 2 = 1=h2 = 1

23 = 31 = 12 = 0:

(9)

Questa soluzione, la quale presenta un punto singolare (o meglio una linea d'universo singolare), e he rappresenta l'elettrone negativo o positivo, noi la indi heremo
simboli amente mediante le ostanti he in essa appaiono m (massa ponderabile)
ed " (massa elettri a) ome
(10)

L (m; ") :

Il sistema da noi er ato di equazioni di ampo sovradeterminate deve omunque


ontenere la soluzione L (m; "). Le equazioni (1) stesse non possono essere il sistema
di equazioni da noi er ato. Se ondo queste il ampo metri o nel aso di ampo elettri o nullo e ne essariamente eu lideo. Cio signi a he gia la soluzione di S hwarzs hild l (m; 0) non orrisponde al sistema di equazioni (1). D'altra parte ho mostrato
on un al olo he l'elettrone \privo di massa" rappresenta una soluzione delle (1),
ioe L (0; ") soddisfa al sistema (1). In base a io mi pare he le equazioni er ate,
he produ ano la sovradeterminazione dei ampi, siano da ottenersi dalle (1) per
3

vedi H. Weyl, \Raum, Zeit, Materie" x32.

LA TEORIA DI CAMPO OFFRE DELLE POSSIBILITA ...

93

generalizzazione. Si o re per questo una via piu naturale. Mediante l'introduzione


di un sistema di oordinate lo almente \geodeti o" si dimostra infatti fa ilmente
he le derivate ovarianti del tensore di Riemann Rik;lm;n soddisfano all'identita
(trovata da Bian hi)
(11)

0 = Rik;lm;n + Rik;mn;l + Rik;nl;m:

Da io segue he nelle (1) sono omprese le equazioni piu generali


(12)

ik;lmn = ik;lm;n + ik;mn;l + ik;nl;m = 0:

Non ritengo per nulla improbabile he le equazioni (12) assieme alle equazioni (8)
della attuale teoria della relativita generale he parimenti sono onseguenza delle (1)
siano il sistema er ato di equazioni per la sovradeterminazione del ampo totale.
La dimostrazione on il al olo, he L (m; ") soddisfa al sistema di equazioni
(12), non mi e possibile invero darla, a ausa della grande ompli azione. Ma appare
assolutamente plausibile, poi he sia L (0; ") he L (m; 0) soddisfano al sistema (12).
Il se ondo aso si veri a quando si annulla l'intensita del ampo elettri o, ed il
primo per he L (0; ") e una soluzione delle (1). Moltipli ando la (12) per gil gkm e
sommando sugli indi i iklm si ottengono le equazioni di Maxwell.
Esiste quindi una erta probabilita he l'unione dei sistemi (12) e (8) provveda
la er ata sovradeterminazione del ampo totale. Si pongono le seguenti domande:
L (m; ") soddisfa al sistema di equazioni (12)?
Il doppio sistema (12), (8) determina il omportamento me ani o delle singolarita?
Il omportamento se ondo le (12) e (8) orrisponde a quanto sappiamo dalla
teoria dei quanti?
Le ultime due questioni pretendono assai dal matemati o he le voglia risolvere;
si devono trovare metodi di approssimazione per risolvere il problema del moto.
Ma il fatto he in questo modo paia o rirsi una possibilita per un reale fondamento
s ienti o della teoria dei quanti giusti a grandi sforzi. Sia onsentito sottolineare an ora una volta in on lusione, he per me in questa omuni azione l'idea
della sovradeterminazione e la prin ipale; on edo volentieri he la derivazione delle
equazioni (12) non e os stringente ome si potrebbe desiderare.

Nota aggiunta in orrezione. La prima delle domande su proposte ha nel

frattempo trovato risposta. Il Dr. Grommer ha dimostrato on un al olo diretto


he la soluzione L (m; ") soddisfa al sistema (12).

94

A. EINSTEIN
Sull'etere1
Prof. Dr. A. Einstein (Berlin)

Quando qui si parla dell'etere, non si tratta naturalmente dell'etere materiale


della teoria me ani a delle onde, he obbedis e alle leggi della me ani a di Newton, e ai singoli punti del quale si attribuis e una velo ita. Questa struttura teori a,
se ondo il mio onvin imento, dall'enun iazione della teoria della relativita spe iale
ha esaurito de nitivamente il suo ruolo. Si tratta assai piu in generale di quella
osa pensata ome si amente reale he, a anto alla materia ponderabile ostituita
da parti elle elementari elettri he, gio a un ruolo nel nesso ausale della si a. Inve e he di \etere" si puo parlare altrettanto bene di \qualita si he dello spazio".
Si potrebbe altres sostenere l'opinione he sotto questo on etto adano tutti gli
oggetti della si a, poi he in una teoria di ampo onseguente an he la materia ponderabile, ossia le parti elle elementari he la ostituis ono, si possono onsiderare
ome \ ampi" di un tipo parti olare, ovvero ome parti olari \stati dello spazio".
Tuttavia si deve ammettere he allo stato attuale della si a una si atta interpretazione sarebbe prematura, poi he nora tutti gli sforzi dei si i teori i diretti a
questo s opo sono falliti. Pertanto allo stato attuale delle ose siamo ostretti a
distinguere tra \materia" e \ ampi", ma possiamo sperare he le future generazioni
supereranno questa on ezione dualisti a e la sostituis ano on una unitaria, ome
la teoria di ampo nei nostri giorni ha tentato inutilmente.
Si rede abitualmente he la si a di Newton non abbia ri onos iuto al un etere,
e he inve e per prima la teoria ondulatoria della lu e abbia introdotto un mezzo
onnipresente he ontribuis e a determinare i fenomeni si i. Tuttavia le ose non
stanno os. La me ani a di Newton ha il suo \etere", nel senso impli ito, he
si indi a altrimenti ome \spazio assoluto". Per ri onos erlo hiaramente e ontemporaneamente per elaborare un po' piu pre isamente l'idea di etere, dobbiamo
prendere le mosse un po o piu da lontano.
Consideriamo prima di tutto una bran a della si a he fa a meno dell'etere,
ioe la geometria di Eu lide, intesa ome la s ienza dei modi possibili di portare tra
loro in ontatto i orpi prati amente rigidi. (Pres indiamo qui dai raggi luminosi,
he parimenti possono intervenire nella formazione dei on etti e delle leggi della
geometria.) Le leggi sulle on gurazioni dei orpi solidi on l'es lusione degli e etti
dei moti relativi, della temperatura e delle deformazioni, da ui idealmente si astrae
nella geometria di Eu lide, danno luogo all'idea di orpo rigido; quegli e etti del
mezzo, he esistono indipendentemente dai orpi, he agis ono sui orpi e he si
possono pensare in uenzino le loro leggi di on gurazione, la geometria eu lidea
non li ri onos e. La stessa osa vale per le geometrie non eu lidee a urvatura
ostante, quando le si assumano ome (pensabili) leggi di natura sulle on gurazioni
dei orpi. Altrimenti a adrebbe, se si trovasse ne essario introdurre una geometria
on urvatura variabile; io signi herebbe he le possibili posizioni di ontatto di
orpi rigidi della prati a sarebbero diverse in asi diversi, sarebbero ondizionate
dall'in uenza del mezzo. Nel senso di questa esposizione si dovrebbe qui dire he
una si atta teoria si serve di un'ipotesi dell'etere. Il suo etere sarebbe altrettanto
si amente reale quanto la materia. Nel aso he le leggi delle on gurazioni non
fossero in uenzabili da fattori si i, ome la on entrazione e lo stato di moto dei
1

U ber den A ther, Verh. d. S hweiz. Naturf. Ges.

, 85-93 (1924).

105

SULL'ETERE

95

orpi nei dintorni et ., ma fossero immutabili, si indi herebbe questo etere ome
\assoluto" ( ioe indipendente dall'in uenza di un qual he altro oggetto).
Altrettanto po o, quanto la geometria eu lidea (interpretata si amente) adopera un etere, ne ha bisogno di uno la inemati a ovvero foronomia della me ani a
lassi a; le sue leggi hanno un signi ato si o hiaro solo quando si assuma he
gli e etti del moto sui regoli e sugli orologi introdotti dalla teoria della relativita
spe iale non esistano.
Le ose stanno diversamente nella dinami a di Galilei e Newton. La legge del
moto \massa  a elerazione = forza" non impli a solo un'a ermazione sui sistemi
materiali, neppure quando se ondo la legge astronomi a fondamentale di Newton
la forza e espressa in funzione della distanza, e quindi per mezzo di quantita, la
ui de nizione reale si puo fondare su misure ompiute on regoli rigidi. Infatti
la de nizione reale dell'a elerazione non si puo fondare ompletamente su osservazioni ondotte on orpi rigidi e orologi. Essa non puo essere ri ondotta alle
distanze misurabili tra i punti he ostituis ono il sistema me ani o. Per la sua
de nizione si ha bisogno di un sistema di oordinate, ioe di un orpo di riferimento
in un opportuno stato di moto. Se lo stato di moto del sistema di oordinate fosse
s elto diversamente, rispetto a questo le equazioni di Newton non varrebbero. In
quelle equazioni entra per os dire il mezzo, nel quale i orpi si muovono, impli itamente ome fattore reale nelle leggi del moto a anto ai orpi reali e alle loro
distanze de nibili on regoli. Nella teoria del moto di Newton lo \spazio" possiede
realta si a - in ontrasto on quanto avviene nella geometria e nella inemati a.
Indi heremo questa realta si a, he interviene nella legge del moto di Newton a anto ai orpi ponderabili osservabili, ome \etere della me ani a". La omparsa
della forza entrifuga in un orpo (rotante), i ui punti materiali non mutino le
distanze tra loro, mostra he questo etere non va interpretato ome una ostruzione
fantasti a della teoria di Newton, ma he esso orrisponde a qual osa di reale della
natura.
Vediamo he per Newton lo \spazio" era qual osa di si amente reale, malgrado
il modo singolarmente indiretto in ui questa realta giunge alla nostra onos enza.
Ernst Ma h, he per primo dopo Newton ha sottoposto i fondamenti della me ani a
ad una analisi profonda, lo ha ri onos iuto hiaramente. Egli tento di evitare
l'ipotesi dell' "etere della me ani a", er ando di ridurre l'inerzia all'interazione
immediata tra la massa onsiderata e tutte le restanti masse dell'universo. Questa
on ezione e logi amente possibile, ma ome teoria dell'azione a distanza per noi
oggi non si puo piu prendere seriamente in onsiderazione. L' etere me ani o,
da Newton designato ome \spazio assoluto", dev'essere quindi da noi onsiderato
ome una realta si a. Ma naturalmente l'espressione \etere" non deve indurre a
redere he on essa si pensi ome nella si a del di iannovesimo se olo a qual osa
di analogo alla materia ponderabile.
Quando Newton designa lo spazio della si a ome \assoluto", pensa ad un'altra
proprieta di quello he qui hiamiamo \etere". Ogni entita si a in uis e su altre
e in generale e vi eversa in uenzata dalle altre. Ma quest'ultima proprieta non
vale per l'etere della me ani a newtoniana. La proprieta di pro urare inerzia di
quest'ultimo infatti se ondo la me ani a lassi a non e in uenzabile da nulla, ne
dalla on gurazione della materia, ne da qual osa d'altro; per questo lo si puo
designare ome \assoluto".
Che per il arattere privilegiato del sistema inerziale rispetto ai sistemi non inerziali si dovesse assumere una osa reale ome origine fu hiaro per la prima volta

96

A. EINSTEIN

ai si i negli ultimi anni. Stori amente l'ipotesi dell'etere nella sua forma attuale e
derivata dall'ipotesi me ani a dell'etere dell'otti a per sublimazione. Dopo lunghi
sforzi infruttuosi si e giunti al onvin imento he la lu e non si dovesse interpretare
ome moto di un mezzo dotato di inerzia e di elasti ita, he in parti olare i ampi
elettromagneti i della teoria di Maxwell non potessero essere interpretati me ani amente. Sotto l'impressione di questo insu esso i ampi elettromagneti i sono
stati onsiderati gradualmente ome realta si he ultime, irridu ibili, ome uno
stato non ulteriormente spiegabile dell'etere. Cio he resterebbe an ora dell'etere
della teoria me ani a sarebbe il suo stato di moto determinato; esso identi herebbe in un erto senso una \quiete assoluta". Mentre nella me ani a di Newton per lo meno tutti i sistemi inerziali erano ugualmente legittimi, nella teoria di
Maxwell-Lorentz lo stato di moto dei sistemi di oordinate ammessi (quiete rispetto
all'etere) risulta essere ompletamente determinato. Si assume ta itamente he il
sistema di oordinate privilegiato sia allo stesso tempo un sistema inerziale, ioe
he rispetto all'etere elettromagneti o valga il prin ipio d'inerzia.
La on ezione di fondo dei si i ambio an ora in un se ondo modo sotto l'in uenza della teoria di Maxwell-Lorentz. Poi he i ampi elettromagneti i erano stati
assunti ome entita fondamentali, irridu ibili, pareva he li si dovesse hiamare a
sottrarre alle masse inerziali ponderabili il loro signi ato fondamentale an he in
me ani a. Si on ludeva dalle equazioni di Maxwell he un orpo elettri amente
ari o in moto e ir ondato da un ampo magneti o, la ui energia in prima approssimazione dipende quadrati amente dalla velo ita. Che osa vi e di piu immediato dell'interpretare tutte le energie ineti he ome energia elettromagneti a?
Si poteva os sperare di ridurre la me ani a all'elettromagnetismo, dal momento
he pre edentemente la riduzione dei fenomeni elettromagneti i a quelli me ani i
era fallita. Cio appare tanto piu promettente, dal momento he sembra sempre piu
probabile he tutta la materia ponderabile sia ostituita da parti elle elementari
elettri he. Tuttavia non si possono superare due di olta. In primo luogo infatti le
equazioni di Maxwell-Lorentz non permettono di apire ome possa esistere in equilibrio la ari a elettri a he ostituis e una parti ella elementare elettri a malgrado
la forza di repulsione elettrostati a. In se ondo luogo la teoria elettromagneti a non
permetterebbe di spiegare la gravitazione in maniera in qual he misura naturale e
soddisfa ente. Tuttavia i su essi he la teoria elettromagneti a della si a otterrebbe sarebbero os importanti, he essa sarebbe onsiderata ome un dominio
della si a ompletamente si uro, ome quello la ui a quisizione sarebbe la meglio
fondata.
La teoria di Maxwell-Lorentz ha in uito in ne sulla nostra formulazione del
problema dei fondamenti teori i, he ha ondotto all'enun iazione della teoria della
relativita spe iale. Si e ri onos iuto he le equazioni elettromagneti he in verita non
individuano nessuno stato di moto determinato, e he inve e per queste equazioni
ome per la me ani a lassi a e ugualmente ammissibile una moltepli ita in nita
di sistemi di oordinate in moto uniforme, pur he solo si usino formule di trasformazione opportune per le oordinate spaziali e per il tempo. E' ben noto ome
questa onos enza abbia avuto per onseguenza una modi azione profonda della
inemati a e della dinami a. All'etere dell'elettrodinami a non si doveva piu attribuire uno stato di moto determinato. Esso ausava ora - ome l'etere della me ani a lassi a - non il arattere privilegiato di un determinato stato di moto, ma solo
il arattere privilegiato di un determinato stato di a elerazione. Inoltre, poi he
non si poteva piu parlare in senso assoluto di eventi ontemporanei in posizioni di-

SULL'ETERE

97

verse dell'etere, l'etere risultava in un erto senso tetradimensionale, e non si aveva


al un ordine obbiettivo dei suoi eventi in funzione soltanto del tempo. An he nella
teoria della relativita spe iale l'etere era assoluto, la sua in uenza sull'inerzia e sulla
propagazione delle lu e andava pensata ome indipendente da e etti si i d'ogni
sorta. Mentre nella si a lassi a la geometria dei orpi era assunta ome indipendente dallo stato di moto, se ondo la teoria della relativita spe iale le leggi della
geometria eu lidea sono ompetenti a des rivere le posizioni di orpi in quiete l'uno
rispetto all'altro soltanto quando questi orpi siano in quiete rispetto ad un sistema
inerziale2 : io si puo fa ilmente on ludere dalla osidetta ontrazione di Lorentz.
Pertanto la geometria dei orpi ome la dinami a e ondizionata dall'etere.
La teoria della relativita generale elimina un in onveniente della dinami a lassi a: in quest'ultima inerzia e gravita appaiono ome fenomeni del tutto distinti e
indipendenti, malgrado il fatto he entrambi siano determinati mediante la stessa
ostante del orpo, la massa. La teoria della relativita generale supera questo
difetto, poi he ssa il omportamento dinami o del punto materiale elettri amente
neutro mediante la legge della linea geodeti a, nella quale le azioni dell'inerzia e
della gravita non sono piu tenute separate. L'etere ha in essa proprieta variabili da
punto a punto, he ssano la metri a e il omportamento dinami o dei punti materiali, e he a loro volta sono determinate da fattori si i, ioe dalla distribuzione
della massa ovvero dell'energia. L'etere della teoria della relativita generale si
distingue quindi da quelli della me ani a lassi a e della teoria della relativita spe iale per he non e \assoluto", ma nelle sue proprieta dipendenti dalla posizione e
determinato dalla materia ponderabile. Questa determinazione e poi ompleta, se
l'universo e spazialmente nito e hiuso in se. Che nella teoria della relativita generale non esistano oordinate spaziotemporali privilegiate, univo amente asso iate
alla metri a, e piu aratteristi o della forma matemati a della teoria he del suo
ontenuto si o.
An he on lo sviluppo dell'apparato formale della teoria della relativita generale non si ries e a ridurre tutta l'inerzia delle masse a ampi elettromagneti i, in
generale a ampi. Inoltre a parer mio per il momento non siamo andati oltre un
inserimento super iale della forza elettromagneti a nello s hema della teoria della
relativita generale. Il tensore metri o he determina assieme i fenomeni della gravitazione e dell'inerzia da un lato, e il tensore del ampo elettromagneti o dall'altro,
appaiono ome espressioni essenzialmente distinte dello stato dell'etere, la ui indipendenza logi a si tende a mettere assai piu in onto all'in ompletezza della nostra
ostruzione teori a he in onto alla omplessa struttura della realta.
Invero Weyl ed Eddington per generalizzazione della geometria riemanniana
hanno trovato un sistema matemati o he fa apparire i due tipi di ampo ongiunti sotto un punto di vista unitario. Ma le leggi di ampo sempli issime he
una tale teoria produ e non mi paiono portare ad un progresso della onos enza
si a. In generale mi pare oggi he siamo assai piu lontani da una onos enza delle
leggi elementari elettromagneti he di quanto apparisse all'inizio di questo se olo.
A fondamento di questa opinione posso qui brevemente a ennare al problema dei
ampi magneti i terrestre e solare ed al problema dei quanti di lu e, problemi he
per os dire riguardano la struttura su grande s ala e su pi ola s ala del ampo
2 Per orpi, he siano in quiete l'uno rispetto all'altro, ma he nel loro insieme ruotino rispetto
ad un sistema inerziale, per esempio, non vale (se ondo la teoria della relativita spe iale) la
geometria eu lidea.

98

A. EINSTEIN

elettromagneti o.
La terra ed il sole possiedono ampi elettromagneti i la ui orientazione e il
ui verso oin idono approssimativamente on l'asse di rotazione di questi orpi
elesti. Se ondo la teoria di Maxwell questi ampi possono derivare da orrenti
elettri he he uis ano in senso opposto alla rotazione del orpo eleste attorno
all'asse. An he le ma hie solari, he on buona ragione si possono intendere ome
vorti i, possiedono ampi magneti i analoghi, molto forti. Ma non e pensabile he
in tutti questi asi vi siano davvero delle orrenti elettri he di onduzione o di
onvezione di su iente intensita. La osa appare piuttosto ome se moti i li i
di masse neutre produ essero ampi magneti i. Ne la teoria di Maxwell nella sua
forma originaria ne la teoria di Maxwell estesa nel senso della relativita generale
onsentono di prevedere una si atta generazione di ampi. Ci pare qui he la natura
indi hi una relazione fondamentale no ad oggi non ompresa teori amente3 .
Se or ora si e trattato di un aso he la teoria di ampo nella sua forma attuale
non appare in grado di trattare, i fatti e le idee ra olti nella teoria dei quanti
mina iano in generale di far saltare l'edi io della teoria di ampo. Cres ono infatti gli argomenti se ondo i quali i quanti di lu e si devono intendere ome realta
si he, e il ampo elettromagneti o non puo essere onsiderato ome una realta
ultima, alla quale si possono ridurre le altre realta si he. Dopo he la teoria
della formula di Plan k ha mostrato hiaramente he il trasferimento dell'energia e
dell'impulso tramite la radiazione avviene ome se quest'ultima onsistesse di atomi
he si muovono on la velo ita della lu e , di energia h e d'impulso h= , Compton, mediante esperimenti sulla di usione dei raggi Rontgen da parte della materia,
ha mostrato he avvengono pro essi di di usione nei quali quanti di lu e urtano gli
elettroni e trasferis ono ad essi una parte della loro energia, di modo he i quanti
di lu e mutano energia e direzione. Il fatto e per lo meno he i raggi Rontgen sperimentano a seguito della loro di usione variazioni di frequenza (previste da Debye e
da Compton) ome le ri hiede l'ipotesi dei quanti. Tra po o apparira inoltre un lavoro dell'indiano Bose sulla derivazione della formula di Plan k, he per il seguente
motivo e di parti olare signi ato per la nostra on ezione teori a: nora in tutte
le derivazioni omplete della formula di Plan k si e fatto uso in qual he modo
dell'ipotesi della struttura ondulatoria della radiazione. Cos per esempio il fattore
8h 3 = 3 di questa formula risulterebbe, se ondo la nota derivazione di EhrenfestDebye, dal onteggio del numero di os illazioni proprie della avita, he appartengono all'intervallo di frequenza d . Bose sostituis e questo onteggio fondato sulla
rappresentazione della teoria ondulatoria on un al olo della teoria dei gas, he
egli appli a al quanto di lu e he si trova nella avita, pensato alla maniera di una
mole ola. Si impone la domanda, se non si possano in orporare nella teoria dei
quanti an he i fenomeni di di razione e di interferenza in modo tale he i on etti
di ampo della teoria rappresentino solo espressioni delle interazioni tra quanti,

E naturale se ondo l'analogia elettrodinami a proporre una relazione della forma dH =


Cdm [v; r =r3 , dove dm e una massa he si muove on la velo ita v, r ovvero r = jrj indi a
la distanza del punto d'osservazione da questa massa (La formula puo tuttavia onsiderarsi al
massimo per moti i li i e ome prima approssimazione). In questo modo il rapporto tra il ampo
solare e il ampo terrestre viene dell'ordine di grandezza giusto. La ostante C ha la dimensione
( ostante gravitazionale)1=2 /velo ita della lu e. Da qui si puo ri avare tentativamente l' ordine
di grandezza della ostante C . Se si sostituis e questo valore numeri o nella formula pre edente
essa da - appli ata alla terra rotante - il orretto ordine di grandezza per il ampo magneti o della
terra. Questa oin idenza merita onsiderazione, ma puo derivare dal aso.
3

SULL'ETERE

99

mentre al ampo non si attribuirebbe piu al una realta si a indipendente. La ir ostanza importante, he nella teoria di Bohr la frequenza della radiazione emessa
non e determinata da masse elettri he he eseguano moti periodi i della stessa frequenza, puo solo ra orzar i in questo dubbio sulla realta indipendente del ampo
ondulatorio.
Ma per no qualora queste possibilita maturassero in vere teorie non potremmo
fare a meno in si a teori a dell'etere, ioe del ontinuo dotato di proprieta si he; la
relativita generale, al punto di vista fondamentale della quale i si i si atterranno
sempre, es lude un'interazione immediata a distanza; ogni teoria di azione per
prossimita presuppone ampi ontinui, e quindi an he l'esistenza di un \etere".

100

A. EINSTEIN
Teoria unitaria della gravitazione e dell'elettri ita1
A. Einstein

Il onvin imento ir a l'unita di essenza del ampo di gravitazione e del ampo


elettromagneti o si puo oggi ritenere saldo tra i si i teori i he lavorano nel'ambito
della teoria della relativita generale. Tuttavia mi pare he non sia stata nora
raggiunta una formulazione onvin ente di questa onnessione. An he riguardo alla
mia dissertazione apparsa in questi Rendi onti (XVII, p.137, 1923) he era fondata
interamente su idee di Eddington, sono del parere he non dia la vera soluzione del
problema. Dopo in essanti ri er he negli ultimi due anni redo ora d'aver trovato
la vera soluzione. La omuni o nel seguito.
Il metodo utilizzato si puo delineare ome segue. Ho er ato prima di tutto
l'espressione formale piu sempli e per la legge del ampo gravitazionale in assenza
del ampo elettromagneti o, e poi la generalizzazione piu naturale di questa legge.
Di essa si mostra he ontiene in prima approssimazione la teoria di Maxwell. Nel
seguito propongo lo s hema della teoria generale (x1) e mostro in he senso siano
ontenute in esso la legge del ampo gravitazionale puro (x2) e la teoria di Maxwell
(x3).

x1. La teoria generale.


Sia data nel ontinuo a quattro dimensioni una onnessione ane, ioe un ampo
he de nis a il trasporto in nitesimo di un vettore se ondo la relazione

 ,

dA =

(1)

 A dx :

Non si presupporra la simmetria di  rispetto ad e . Da queste quantita


possono poi ostruire in modo noto i tensori (di Riemann)
=
R;


 
+   + 
x
x

si


 

 

:
+   + 

x
x
Indipendentemente da questa onnessione ane introdu iamo una densita tensoriale ontrovariante g , le ui proprieta di simmetria ugualmente las iamo libere.
Da entrambe ostruiamo la densita s alare
(2)

=
R = R;

H = g R

(3)

e postuliamo he le variazioni omplete dell'integrale

I=

Hdx1 dx2 dx3 dx4

Einheitli he Feldtheorie von Gravitation und Elektrizitat, S.B. Preuss. Akad. Wiss. , 414419 (1925).
1

22

TEORIA UNITARIA DELLA GRAVITAZIONE E DELL'ELETTRICITA

101

rispetto a g ed a  ome variabili indipendenti (non variate al ontorno) si


annullino.
La variazione rispetto a g produ e le 16 equazioni

R = 0;

(4)

la variazione rispetto a  le 64 equazioni


(5)

 g
+ g   + g 
x

 g
+ g 
x

g

= 0:

Eseguiremo ora al uni passaggi he i permettono di sostituire le equazioni (5) on


altre piu sempli i. Contraiamo il primo membro della (5) rispetto agli indi i  , e
rispettivamente , ; otteniamo le equazioni
(6)


 g 
+ g + g
x

 g
x

(7)

= 0;

 g 
= 0:
x

Introdu iamo inoltre le quantita g , he siano i minori normalizzati di g , e quindi
soddis no le equazioni
g g = g  g  =  ;
e moltipli hiamo la (5) per g ; otteniamo un'equazione he on l'innalzamento di
un indi e possiamo s rivere ome segue
(8)

2g


 lg g
+ + g
x

+ 

 g 
+ g  = 0;
x

dove si indi a on g il determinante di g . S riviamo le equazioni (6) e (8) nella


forma
 




 lg pg
1  
g






(9) f = g
+ g = g
+ ;

=
3
x
x
dove f indi a una erta densita tensoriale. E fa ile dimostrare he il sistema di
equazioni (5) e equivalente al sistema di equazioni
(10)

 g
+ g   + g 
x

g

+  f

=0

assieme alla (7). Per abbassamento degli indi i superiori, tenendo onto delle relazioni
p
g = pgg = g g;
dove g indi a un tensore ovariante, si ottiene:
(10a)

g
+ g  + g   + g  + g  = 0
x

102

A. EINSTEIN

dove  e un vettore ovariante. Questo sistema assieme on i due dati pre edentemente
 g  g 
=0
(7)
x x
e
 


(4)
0 = R =
+   + 

x
x
sono il risultato del pro edimento di variazione nella forma piu sempli e. Sorprendente in questo risultato e la omparsa di un vettore  oltre al tensore (g ) e
alle quantita  . Per ottenere a ordo on le leggi note nora della gravitazione e
dell'elettri ita, se ondo le quali la parte simmetri a di g va assunta ome tensore
metri o, e la parte antisimmetri a ome ampo elettromagneti o, si deve presupporre l'annullarsi di  , ome faremo nel seguito. Si deve tuttavia tener presente
per ulteriori ri er he (per esempio il problema dell'elettrone) he il prin ipio di
Hamilton non da al un sostegno all'annullarsi di  . Il porre a zero  porta ad
una sovradeterminazione del ampo, poi he per 16+64 variabili abbiamo 16+64+4
equazioni di erenziali mutuamente indipendenti dal punto di vista algebri o.

x2. Il ampo di gravitazione puro ome aso parti olare.


I g siano simmetri i. Le equazioni (7) sono soddisfatte identi amente. Per
s ambio di  e  nella (10a) e sottrazione si ottiene allora, on notazione trasparente:
(11)

; + ; 

;

; 

= 0:

Si indi hi on  la omponente di antisimmetri a negli ultimi due indi i, allora


la (11) prende la forma
; + ;  = 0
ovvero
; = ; :

(11a)

Questa proprieta di simmetria nei primi due indi i e tuttavia in ompatibile on


l'antisimmetria negli ultimi due, ome insegna la seguente serie di equazioni
; = ;  =  ; =  ; = ;  = ; :
Questa assieme alla (11a) ri hiede l'annullarsi di tutti i . I sono quindi simmetri i negli ultimi due indi i ome nella geometria riemanniana.
Le equazioni (10a) si possono allora risolvere in maniera nota, e si ottiene
(12)




1
g g
= g
+
2
x
x

g
:
x

L'equazione (12) assieme alla (4) e la nota legge della gravitazione. Se nel x1
avessimo presupposto dall'inizio la simmetria di g avremmo ottenuto direttamente la (12) e la (4). Mi pare he questa sia la derivazione piu sempli e e piu ompatta delle equazioni della gravitazione per il vuoto. Il tentativo di omprendere la

TEORIA UNITARIA DELLA GRAVITAZIONE E DELL'ELETTRICITA

103

legge dell'elettromagnetismo on la generalizzazione, proprio di questa trattazione,


dev'essere pertanto onsiderato ome assai naturale.
Se non avessimo presupposto l'annullarsi di  , dall'imposizione della simmetria
di g non avremmo potuto derivare la nota legge del ampo gravitazionale puro
nel modo prima dato. Se avessimo inve e presupposto la simmetria di g e di  ,
l'annullarsi di  sarebbe stato una onseguenza della (9) ovvero della (10a) e della
(7); si sarebbe arrivati parimenti alla legge del ampo gravitazionale puro.

x3. Relazione on la teoria di Maxwell.


Nel aso he vi sia un ampo elettromagneti o, ioe he i g ovvero i g ontengano una omponente antisimmetri a, non si raggiunge una soluzione dell'equazione (10a) rispetto alle quantita  , osa he rende signi ativamente piu di ile
la omprensione dell'intero sistema. La soluzione si raggiunge tuttavia quando i
restringiamo allo studio della prima approssimazione. Ci proponiamo di far questo,
e di nuovo supponiamo l'annullarsi di  .
Fa iamo quindi l'ipotesi he sia

g =  +  +  ;

(13)

dove i  sono simmetri i, i  antisimmetri i. I  e i  sono in nitamente


pi oli del prim'ordine. Quantita del se ond'ordine e di ordine superiore saranno
tras urate. Allora an he i  sono in nitamente pi oli del prim'ordine.
In queste ir ostanze il sistema di equazioni (10a) assume la forma piu sempli e

g
+  +  +   = 0:
x

(10b)

Con permutazione i li a doppia degli indi i ,  , si ottengono altre due equazioni.


Dalle tre equazioni i si possono al olare in modo analogo al aso simmetri o. Si
ottiene
(14)




1 g  g
=
+
2 x
x

g
:
x

L'equazione (4) si ridu e al primo e al terzo termine. Se si sostituis e in essa


l'espressione per  data dalla (14) si ottiene
(15)

 2 g
 2 g 
 2 g 
+
+
x2 x x x x

 2 g
= 0:
x x

Prima di trattare ulteriormente la (15), sviluppiamo l'equazione (7). Dalla (13)


segue immediatamente he on l'approssimazione he i interessa si ha
(16)

g =    :

Tenendo onto di questo la (7) diventa


(17)


= 0:
x

104

A. EINSTEIN

Ora sostituiamo nella (15) l'espressione data nella (13) e tenendo onto della (17)
otteniamo
(18)

 2 
 2 
 2 
+
+
x2
x x x x

 2
= 0;
x x

 2 
= 0:
x2

(19)

Le equazioni (18), he notoriamente si possono sempli are mediante una s elta


opportuna delle oordinate, sono le stesse di quelle in assenza di un ampo elettromagneti o. Parimenti le equazioni (17), (19) per il ampo elettromagneti o non
ontengono le quantita  relative al ampo gravitazionale. I due ampi sono
quindi - in a ordo on l'esperienza - in prima approssimazione mutuamente indipendenti.
Le equazioni (17), (19) sono quasi ompletamente equivalenti alle equazioni di
Maxwell per lo spazio vuoto. La (17) ostituis e un sistema di Maxwell. L'espressione

   
+
+
;
x
x
x
he se ondo Maxwell deve annullarsi, per la (17) e la (19) non si annulla ne essariamente, ma io a ade per la sua divergenza:


    
+
+
:
x x
x
x
Le (17) e (19) sono pertanto essenzialmente identi he alle equazioni di Maxwell
dello spazio vuoto.
Riguardo alla orrispondenza di  on i vettori elettri o e magneti o (rispettivamente e e h) faro un'osservazione he pretende una validita indipendente dalla
teoria qui esposta. Se ondo la me ani a lassi a, he lavora on forze entrali,
assieme ad ogni pro esso di moto V si da il pro esso inverso V , nel quale le stesse
on gurazioni vengono per orse on sequenza opposta. Questo pro esso di moto
inverso V si ottiene an he formalmente dall'originario V se si esegue in quest'ultimo
la sostituzione
x0 = x; y0 = y; z 0 = z; t0 = t:
Analogamente a ade se ondo la relativita generale nel aso di un ampo di
gravitazione puro. Per ottenere da una soluzione V la orrispondente soluzione V
bisogna sostituire in tutte le funzioni di ampo t0 = t e oltre a io roves iare il
segno delle omponenti di ampo g14 , g24 , g34 e delle omponenti dell'energia T14 ,
T24 , T34 . Il ambio di segno di g14 , g24 , g34 e di T14 , T24 , T34 avviene spontaneamente
per la legge di trasformazione dei tensori.
Questa produ ibilita del pro esso inverso mediante trasformazione della oordinata temporale (t0 = t) la si deve onsiderare ome una legge generale, la ui
validita puo essere ri hiesta an he per pro essi elettromagneti i. Per inversione
del pro esso di moto degli elettroni ambia il segno delle omponenti magneti he,
non di quelle elettri he. Si devono pertanto asso iare le omponenti 23 , 31 , 12

TEORIA UNITARIA DELLA GRAVITAZIONE E DELL'ELETTRICITA

105

all'intensita del ampo elettri o, le omponenti 14 , 24 , 34 a quello magneti o.
L'asso iazione invertita nora onsueta dev'essere abbandonata. Si e nora evidentemente preferito, per he appare piu omodo, esprimere la densita di orrente
mediante un vettore (tensore di rango uno) piuttosto he on un tensore antisimmetri o di rango tre.
Nella teoria esposta qui la (7) ovvero la (17) e quindi l'espressione della legge
dell'induzione magnetoelettri a. Cio orrisponde an he al fatto he al se ondo membro di questa equazione non ompare al una espressione, he potrebbe essere interpretata ome densita di orrente elettri a.
La prima domanda e ora se la teoria qui sviluppata las i apparire in modo
omprensibile l'esistenza di masse elettri he entrosimmetri he prive di singolarita.
Ho a rontato questo problema assieme al Sig. Dr. J. Grommer, he in questi ultimi
anni mi e stato fedelmente a anto in tutte le ri er he di al olo nel ampo della
relativita generale. Egli e l'\International Edu ation Board", he ha reso possibile
la durevole ollaborazione on il Sig. Grommer, sono qui sin eramente ringraziati.

(Comuni ato il 4 settembre)

106

A. EINSTEIN E J. GROMMER
Teoria della relativita generale e legge del moto1
A. Einstein e J. Grommer

Introduzione
Se si onsidera la teoria di Newton della gravitazione ome teoria di ampo,
si puo s omporre il ontenuto omplessivo della teoria in due parti logi amente
indipendenti: essa ontiene infatti in primo luogo l'equazione di ampo di Poisson
(eventualmente estesa on un termine temporale), e in se ondo luogo la legge del
moto del punto materiale. La legge di Poisson pres rive il ampo per un movimento
dato della materia, l'equazione di moto di Newton il moto della materia sotto
l'in uenza di un ampo dato.
An he l'elettrodinami a di Maxwell-Lorentz riposa in modo analogo su due leggi
fondamentali logi amente indipendenti l'una dall'altra, ossia in primo luogo sulle
equazioni di ampo di Maxwell-Lorentz, he determinano il ampo a partire dal
moto della materia elettri amente ari a, e in se ondo luogo sulla legge del moto
per gli elettroni sotto l'in uenza della forza di Lorentz del ampo elettromagneti o.
Che le due leggi della teoria di Maxwell-Lorentz siano realmente indipendenti
l'una dall'altra, puo essere hiarito fa ilmente nel aso parti olare di due elettroni
a riposo. Il ampo on il potenziale elettrostati o
" "
= 1 + 2
r1 r2
soddisfa le equazioni di ampo. Queste da sole non i permettono di on ludere
he i due elettroni non possono stare in quiete (ma he sotto l'in uenza della loro
mutua interazione devono mettersi in moto).
Che le equazioni di ampo di Maxwell-Lorentz non di ano nulla ir a il moto
degli elettroni, dis ende sempli emente dalla loro linearita. A un elettrone E1 mosso
a pia imento orrisponde infatti un ampo generato da questi, determinato dalle
equazioni di ampo (f1 ). Per un elettrone E2 mosso parimenti in un qualsiasi altro
modo, pure presente da solo, le equazioni di ampo ssano il ampo orrispondente
(f2 ). Se i due elettroni onsiderati sono presenti insieme e ad una distanza mutua
nita, e se fa iamo loro eseguire i moti onsiderati po 'anzi, essi determinano
il ampo (f1 + f2 ), he parimenti soddisfa le equazioni di ampo. Quest'ultimo
risultato dis ende dalla linearita delle equazioni di ampo. Ma da qui s ende pure
he la legge del moto e logi amente indipendente dalle equazioni di ampo.
Di questo dato di fatto del fondamento eterogeneo dell'elettrodinami a e parti olarmente disturbante he, mentre il moto della parti ella ari a e pres ritto
da un'equazione di erenziale ordinaria, il omportamento del ampo e des ritto
da un'equazione di erenziale alle derivate parziali. Mie ha tentato di rimediare a
questo difetto, er ando di ostruire una teoria del ontinuo per la parti ella elettri a. In questa teoria le omponenti della densita di orrente si dovrebbero trattare
ome funzioni ontinue he appartengono al \ ampo" ome le omponenti di ampo
elettromagneti he, e mediante equazioni di ampo aggiuntive si dovrebbe ssare an he il omportamento della densita di orrente in modo totalmente ausale. Questo
tentativo non ha portato nora ad al un risultato, ma e rimasto un programma

Allgemeine Relativitatstheorie und Bewegungsgesetz, S.B. Preuss. Akad. Wiss. , 2-13


(1927).
1

TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE E LEGGE DEL MOTO

107

imperativo (Weyl, Eddington) nell'ambito puramente elettrodinami o. L'idea he


ne sta alla base e da intendere in generale os. L'intera realta si a e des ritta da
un ampo privo di singolarita, he des rive non solo lo \spazio vuoto", ma an he
le parti elle materiali, e questa regolarita e governata per intero da equazioni differenziali alle derivate parziali. In questo modo Mie er ava di superare il dualismo
summenzionato, he disturba ogni spirito sistemati o.
Come appare la teoria della relativita generale, quando la si onsideri da questo
punto di vista? Esiste an he in essa il dualismo legge di ampo - legge di moto? La
situazione non e qui os sempli e. Distingueremo diversi appro i.
Il primo appro io e ri al ato sulla teoria di Newton. Si a ettano parimenti
nella teoria della gravitazione
1. la legge di ampo dello spazio vuoto (Rki = 0),
2. la legge del moto del punto materiale (legge della linea geodeti a).
Il se ondo appro io integra la legge di ampo on l'introduzione del tensore
energeti o Tki della materia (e del ampo elettromagneti o):
(Rki

1 k
R) + Tki = 0:
2 i

Se si assume he non debba esistere al una singolarita, in questa equazione e ontenuta una teoria he e l'analoga della teoria di Mie. La teoria ri hiede un ompletamento he non puo essere ottenuto tramite il solo prin ipio di relativita: o orre
he i Tki siano espressi mediante una qual he grandezza di ampo ( ontinua), e si
dovranno enun iare le equazioni di erenziali he determinano il omportamento di
quest'ultima. Solo allora si avrebbe una teoria ompiuta.
Ma an he senza quel ompletamento Tki non e pres rivibile a pia ere. Cio
deriva dal fatto he la divergenza ( ovariante) di Rki 1=2ik R si annulla
identi amente. Tki deve quindi soddisfare alla ondizione he la divergenza
di questo tensore si annulli. Se si assume he la materia sia disposta entro \tubi
d'universo" stretti, si ri ava on una trattazione elementare il risultato he gli assi di
tali \tubi d'universo" sono linee geodeti he (in assenza di ampi elettromagneti i).
Cio signi a: la legge del moto e onseguenza della legge di ampo.
La osa appare ome se la teoria della relativita generale avesse gia superato
vittoriosamente quell'in res ioso dualismo. Cio sarebbe vero sia se noi avessimo
gia ottenuto la rappresentazione della materia on un ampo ontinuo, o se per
lo meno i fossimo sin erati he si potrebbe ottenerla un giorno. Ma in proposito
non si puo proprio dir nulla. Tutti i tentativi dell'ultimo anno di rappresentare le
parti elle elementari della materia mediante ampi ontinui sono falliti. Il sospetto
he questa non sia a atto la strada giusta per la omprensione delle parti elle
materiali e divenuto in noi assai forte, dopo moltissimi tentativi inutili, dei quali
non parlero qui.
Ci si in ammina os per la strada del onsiderare le parti elle ome punti singolari, ovvero ome linee d'universo singolari. Cio e suggerito an he dal fatto he tanto
le equazioni del ampo gravitazionale puro quanto le equazioni integrate dal ampo
elettromagneti o di Maxwell (Tki =tensore dell'energia di Maxwell) possiedono sempli i soluzioni a simmetria entrale, he ontengono una singolarita.
Siamo ondotti quindi ad un terzo appro io, he oltre al ampo di gravitazione e
al ampo elettromagneti o non onsente ulteriori variabili di ampo (a pres indere
forse dal \termine osmologi o") ma onsente in ambio linee d'universo singolari.

108

A. EINSTEIN E J. GROMMER

Se a adesse he on questo appro io si dovessero pres rivere per le singolarita


equazioni di moto apposite, indipendenti dalle equazioni di ampo, ome a ade
on la teoria di Maxwell-Lorentz, la strada si rivelerebbe po o attraente.
Inve e e risultato verosimile he la legge del moto delle singolarita sia
interamente ssata dalle equazioni di ampo e dal arattere delle singolarita,
senza he si debbano introdurre ulteriori ipotesi. Mostrar io e lo s opo della
presente ri er a.
Alla possibilita he la legge del moto delle singolarita potesse esser ontenuta
nelle equazioni di ampo della gravitazione avevamo pensato gia da molto tempo.
Ma il seguente argomento sembra opporsi e distoglier i. La legge di ampo della
gravitazione nei asi he apitano di fatto si las ia approssimare on grandissima
a uratezza da una legge lineare. La legge lineare onsente pero, ome quelle elettrodinami he, singolarita in moto arbitrario. Appare naturale he si potrebbe pro edere da tale soluzione approssimata mediante approssimazioni su essive ad una
soluzione esatta he di erisse po hissimo da essa. Se io a adesse, sarebbe possibile un ampo orrispondente alla soluzione esatta on un moto delle singolarita
dato a pia ere, e la legge del moto delle singolarita non sarebbe quindi ontenuta
nelle equazioni di ampo. Che io tuttavia non possa a adere deriva da ri er he
su ampi di gravitazione stati i a simmetria assiale, delle quali siamo debitori a
Weyl, Levi Civita e Ba h2 . Questo si mostrera subito, e subito dopo si trattera
il problema in generale. In questo lavoro i limiteremo alla trattazione del ampo
gravitazionale puro, nonostante he l'introduzione del ampo elettromagneti o non
omporti nessuna di olta parti olare.

x1. Singolarita in un ampo ( aso stati o a simmetria assiale)


Se ondo Weyl e Levi-Civita nel aso stati o a simmetria assiale mediante l'introduzione delle \ oordinate anoni he ilindri he" si puo portare ds2 nella forma
(1)

ds2 = f 2 dt2

d2 ; f 2 d2 = r2 d#2 + e2 (dr2 + dz 2 );

dove f e dipendono solo da r e z , ome pure la quantita , legata ad f dall'equazione

f =e :

(2)

soddisfa all'equazione del potenziale (di Poisson) in oordinate ilindri he


(3)

1  (r z )  (r r )
 =
+
= 0;
r
z
r

dove gli indi i signi ano derivazione rispetto a z e ad r rispettivamente. Se


nota, da essa si puo determinare mediante l'equazione
(4)

d = 2r z r dz + r( r2

e

z )dr;

dove d per la (3) e sempre un di erenziale totale.


2 H. Weyl, Ann. d. Physik
(1918), pp. 117-145; Ann. d. Physik (1919), pp. 185-188.
Levi-Civita, ds2 einsteiniani in ampi newtoniani VIII Note, Rend. A . dei Lin ei, 1919. R.
Ba h, Math Zeits hr. Vol. 13, fas i olo 1-2, 1922.
54

59

TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE E LEGGE DEL MOTO

109

Per he il ampo in un punto fuori dall'asse z sia regolare, basta la regolarita di .
Per he il ampo metri o sia regolare an he sull'asse z , o orre inoltre he sull'asse
z sia = 0; se io non a adesse, il rapporto tra la lunghezza della ir onferenza e
la lunghezza del diametro per un er hio in nitamente pi olo tra iato attorno ad
un punto dell'asse z e normale a tale asse si dis osterebbe da , e io signi herebbe
una singolarita della metri a. Questo si vede fa ilmente dalla (1).
Trattiamo ora la soluzione
m
(5)
= p 2 2;
r +z
he soddisfa la (3). Come Weyl ha mostrato, questa soluzione non e rigorosamente
a simmetria entrale; ma piu m e pi olo, piu essa approssima la simmetria entrale.
L'uso della (4) da

r2
m2
:
2
2 (r + z 2 )2
si annulla os sia sul semiasse positivo he sul semiasse negativo dell'asse z , ome
dev'essere. La metri a e eu lidea all'in nito.
Trattiamo ora il aso in ui, oltre al ampo he origina dalla singolarita ora
onsiderata, sia presente an he un ampo \esterno". Esprimiamo io ponendo
m
(5a)
= p2 2+ :
r +z
=

(6)

sia ugualmente funzione solo di r e di z , soddis all'equazione (3) e sia regolare


nell'intorno di r = z = 0. A ausa della simmetria assiale possiamo porre
= 0 + 1 z + G;

(7)

dove G ra oglie formalmente i termini di grado se ondo e superiore in r e z .


L'equazione (4) determina .
Risulta dalla (4) he e ostante lungo l'asse z ntanto he i si trova da un
lato rispetto alla singolarita posta in r = 0. Possiamo pertanto porre = 0 sul
semiasse z negativo, ome e ne essario se ondo quanto detto prima. Per he la
soluzione sia regolare e etto he nel punto r = z = 0 o orre tuttavia he R si
annulli an he lungo il semiasse z positivo. Cio a adra se e solo se l'integrale d
esteso al semi er hio K (r2 + z 2 = ost.) in nitamente pi olo mostrato nel disegno
z

z=0
K

qui a anto si annulla. Il al olo ondu e alla ondizione3 :


(8)

1 = 0;

3 Il valore di per z positivi 


e 4 1 m. In ogni aso m e 1 sono assai pi ole rispetto all'unita.
Se le onsideriamo ome quantita del primo \ordine", la grandezza he misura la violazione della
regolarita della metri a he ompare in generale e data da una quantita del se ond'ordine.

110

A. EINSTEIN E J. GROMMER

mentre per G non si da al una restrizione.


Per he la metri a nell'intorno di un punto singolare rimanga regolare in presenza
di un ampo esterno o orre quindi he nel punto singolare l'intensita del ampo
esterno si annulli. In questo senso la ondizione di equilibrio e ontenuta nelle
equazioni di ampo. Sulla base di questo risultato si puo ben giungere al onvin imento he del tutto in generale la legge del moto delle singolarita sia ontenuta
nelle equazioni di ampo. Lo si dimostrera piu in generale nel seguito.

x2. Una ondizione di super ie equivalente alle equazioni di ampo


L'idea generale, sulla quale si fondano i ragionamenti e i al oli qui di seguito
riportati, e la seguente. E ben noto he alle equazioni della gravitazione orrispondono equazioni di erenziali lineari, le ui soluzioni di eris ono assai po o, nei asi
he si vengono di fatto a trattare, dalle soluzioni delle equazioni esatte. Ma d'altra
parte abbiamo visto he non tutte le soluzioni delle equazioni approssimate orrispondono a soluzioni esatte. Per le equazioni approssimate esiste per esempio una
soluzione, he des rive un punto materiale in quiete in un ampo di gravitazione
omogeneo; per le equazioni esatte una tale soluzione rigorosa non esiste, ome abbiamo visto, almeno quando si ri hieda l'assenza di singolarita del ampo metri o
al di fuori del punto materiale. Dobbiamo er are per io ondizioni aggiuntive he
le soluzioni delle equazioni approssimate debbono soddisfare, per he siano approssimazioni di soluzioni esatte. Queste ondizioni he derivano dalle equazioni di ampo
esatte devono riferirsi al ampo nell'intorno immediato di una linea d'universo singolare. Per io abbiamo bisogno di una ondizione di super ie, analogamente a
ome gia e stato proposto da Hilbert e Klein.
Consideriamo la funzione di Hamilton
(9)

H = g

   
+
+  
x
x




= g R

e deriviamone le equazioni di ampo, variandola indipendentemente rispetto a g


e a  . Le equazioni di ampo si s rivono allora

H
= 0;
 g

(10)

(11)
dove
per
(12)

H
 


H
= 0;
x  ;

indi a la derivata  =x . Se si moltipli a la (10) per



;

, si ottiene dopo una trasformazione sempli e l'equazione


g , la (11)


H
= 0:
x  ; 

Questa equazione vale per una variazione arbitraria di g e di  , quindi


an he per una he si possa ottenere mediante una pura trasformazione in nitesima
del sistema di oordinate (variazione per trasformazione). Per una tale variazione

TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE E LEGGE DEL MOTO

111

H si annulla per he H= g e un invariante, e per he per le equazioni di ampo H


si annulla ovunque. Si ha inoltre
 =

(13)


 ;


 ;


+  ;


;

;
;

 e etera). Per la (9) si


dove   e un vettore in nitesimo (assieme alle derivate ;
ha
H
1
(14)
= g  + (g  + g  ) :
 ;
2

Tenendo onto delle (13) e (14) si ottiene dalla (12) l'equazione


2

(15)

0=

g

  
;


 ;


 ;

+  ;


;

 
 ;

 
 ;

+  ;

;

g

 6
6
6 g
x 4
+g


;

3
7
7
7:
5



Questa equazione, he e equivalente alle equazioni di ampo e he ostituis e la


base delle nostre onsiderazioni su essive, la trasformeremo un po' in un modo he
sara presto hiaro. Trasformeremo la parte he deriva dal primo dei tre termini
della parentesi nella (15) estraendo la derivazione rispetto ad x in modo tale he
ompaiano ; e ; . Queste derivate dei poi, on la relazione H = 0 valida
a ausa delle (9) e (10) le esprimeremo on le sole quantita . La prima delle tre
parti della (15) diventa quindi on trasformazioni sempli i
(16)


x

2 
 (
4

g
 ;

  
+  g
; )  (g
 

(g 
+;


g  )

 (g
;


g

  ) 3
 

g  )

5:

La ragione di questa trasformazione sara hiara al piu presto.


Riassumiamo il nostro risultato nella forma seguente
(15a)

 A
= 0;
x

(15b)

A = t    + B ;

(15 )

dove t  = (

g
 ;

  
+  g
; )  (g
 

g

  )
 

e B e una funzione lineare omogenea delle derivate prime e se onde di  rispetto


alle oordinate, ome segue dalle (15) e (16). t  e noto ome \pseudotensore
dell'energia" del ampo gravitazionale; la legge di onservazione dell'energia del
ampo gravitazionale si ottiene dalla (15a), ponendo  ostante.
L'integrazione della (15a) estesa ad una regione priva di singolarita da una ondizione di super ie. L'integrale di super ie di A sopra una tale ipersuper ie
(tridimensionale) si annulla sempre, omunque sia s elto il vettore ausiliario ( )
(a meno delle ondizioni di ontinuita evidenti dalla derivazione). Si puo an he far

112

A. EINSTEIN E J. GROMMER

s he A sia diverso da zero solo in una parte s elta a pia imento della super ie; da qui deriva in primo luogo il signi ato della ondizione per lo studio dei
L
M'
M

Sia infatti
ampi nell'immediata vi inanza di una linea singolare.
L una linea di singolarita. Pensiamo he un tratto nito di questa sia avvolto in un
\mantello" M in nitamente stretto, e an he in un mantello M 0 di ampiezza nita,
ongiunti tra loro agli estremi in modo tale da ostituire insieme l'involu ro di uno
spazio dupli emente onnesso, sul quale integriamo la (15a). S egliamo gli   in
modo tale he essi si annullino assieme alle loro derivate ovunque sulla super ie
al di la di una distanza assai pi ola da L. Allora l'integrale di A esteso ad M 0 si
annulla, e etto he per i ontributi he fornis ono gli estremi he raggiungono M .
Con una tale s elta di   si ottiene un'asserzione ir a il ampo immediatamente
prossimo ad L, ioe un'asserzione ir a il moto del punto materiale.

x3. Conseguenze della ondizione integrale


La piu sempli e onseguenza he possiamo trarre dalla (15a) riguarda l'equilibrio
del punto singolare in un ampo di gravitazione stazionario. S egliamo questa linea
singolare ome asse x4 , e il vettore  in modo tale he le sue derivate prime e se onde
si annullino sul mantello interno. Allora si puo fa ilmente far s he l'integrale
esteso ai tratti terminali del mantello esterno si annulli, per he i due estremi danno
ontributi uguali ed opposti. L'integrale sul mantello interno si annulla da solo, e
on esso l'integrale esteso ad una sezione spaziale x4 = ost. Se hiamiamo t  la
parentesi gra a nella (16), si annulla quindi l'integrale tridimensionale
(17)

t1 ds23 + t2 ds31 + t3 ds12

per ias un , esteso ad una sezione del mantello M . Questa e proprio la ondizione
di equilibrio he si ottiene quando si sostituis a al punto singolare una distribuzione
ontinua di usso di energia-materia, ome si e fatto nora nella ri er a in relativita
generale. La onsueta ondizione per l'equilibrio di un punto materiale in un ampo
di gravitazione resta os immutata, qualora si sostituis a il punto materiale on
una singolarita. Con l'aggiunta del termine elettromagneti o si potrebbe mostrare
fa ilmente he questa vale an he per un punto materiale he possieda una ari a
elettri a e si trovi sotto l'azione di un ampo di gravitazione e di un ampo elettri o. Basta solo aggiungere nella (17) ai t le omponenti del tensore d'energia
elettromagneti o.
Per ottenere l'azione della forza sul punto singolare espressa mediante massa e
intensita del ampo esterno, dobbiamo fare una onsiderazione he e d'importanza
per l'intero problema. Soluzioni rigorose delle equazioni della gravitazione si possono ottenere solo assai di rado on i nostri mezzi odierni, mentre si ottengono
fa ilmente soluzioni per la prima approssimazione, poi he le equazioni di erenziali

TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE E LEGGE DEL MOTO

113

orrispondenti sono lineari. Tale approssimazione e aratterizzata dal fatto he si


pone
(18)
g =  +  ;
dove i  sono pi oli rispetto ad 1 e i quadrati e i prodotti dei (e delle loro
derivate) vengono tras urati; hiamiamo i  quantita pi ole del prim'ordine.
Abbiamo ora visto he di erto non a tutte le soluzioni di quelle equazioni di erenziali lineari orrispondono soluzioni esatte. Per esempio esiste una soluzione delle
equazioni lineari he orrisponde ad una singolarita puntiforme a riposo in un ampo
di gravitazione omogeneo, mentre una soluzione rigorosa di questo tipo non esiste,
per he le ondizioni d'equilibrio derivanti dalle equazioni rigorose sono in questo
aso violate. Davanti a questa situazione sorge la domanda: a quali ondizioni
aggiuntive deve soddisfare una soluzione approssimata, per he le orrisponda una
soluzione esatta?
In ogni aso una tale ondizione deve soddisfare al requisito he in essa la se onda approssimazione per le quantita  e quelle piu alte non intervengano, o
omunque non intervengano allo stesso ordine he ompete alla prima approssimazione di  . Qui sta la ragione del per he e stata fatta la trasformazione (16),
ovvero del per he si deve fare, se si vuole arrivare ad una ondizione di equilibrio

utilizzabile. Siano infatti  e g
; pi oli del prim'ordine, allora i t sono pi oli
del se ond'ordine. Se si pensa di aggiungere ai g un termine del se ond'ordine,
i t saranno modi ati per un termine del terz'ordine, he possiamo tras urare.
Sebbene le (15)-(16) riguardino quantita del se ond'ordine, e onsentito nel aso
parti olare dell'equilibrio tras urare in g le quantita del se ond'ordine. Possiamo
pertanto introdurre per  nelle (18) soluzioni delle equazioni approssimazione
lineare delle equazioni di ampo (10). Nell'ambito di questa approssimazione e
permesso ostruire additivamente il ampo (  ) nell'intorno di una singolarita on
una parte \interna"  ed una parte \esterna"  , regolare nel punto singolare.
Per  si puo introdurre la soluzione stati a, he s riviamo nella forma:
!
2m
2m
11 = 22 = 33 = 44 =
= p 2 2 2 ;
r
(19)
x1 + x2 + x3
 = 0 (per  6=  ):
Per il al olo della (17) si deve osservare inoltre he solo i prodotti di quantita
del ampo interno on quantita del ampo esterno possono ontribuire al risultato.
I termini di se ondo grado he riguardano solo il ampo interno devono infatti
an ellarsi per ragioni di simmetria; i termini he riguardano solo il ampo esterno
non danno al un ontributo all'integrale a ausa della pi olezza della super ie
d'integrazione.
Dal momento he abbiamo gia adottato oordinate quasi eu lidee, e onveniente
s egliere ome super ie d'integrazione una sfera (r = ost.), di modo he la (17)
prende la forma
Z 

(17a)
t1 xr1 + t2 xr2 + t3 xr3 dS:
44
Il al olo da 8m 
x . Quindi ome ondizione di equilibrio del punto singolare
si ha
 44
(20)
= 0:
x

114

A. EINSTEIN E J. GROMMER

E fa ile mostrare he l'equazione della linea geodeti a nel aso dell'equilibrio in


un ampo stazionario porta, nell'approssimazione da noi onsiderata, alla stessa
ondizione.
Passiamo ora al aso he il punto singolare si trovi in un ampo non stazionario. An he in questo aso valgono l'equazione (15a) e la orrispondente ondizione
integrale. Trasformiamo a riposo il punto singolare, osi he l'asse x4 sia di nuovo
la singolarita in quattro dimensioni. S egliamo inoltre gli  in modo he siano
diversi da zero lungo un tratto del mantello M , ma si annullino ovunque su M 0 .
Siano inoltre gli  ontinui nell'intorno dell'asse x4 .
Poi he gli  devono annullarsi agli estremi temporali dell'integrale, non possiamo piu s eglierli ostanti. Pertanto B nella (15b) non si annulla. Si ha da
qui una di olta parti olare. Mentre infatti per t  la se onda approssimazione
nei g , ome abbiamo visto, non ha importanza, quando i si limiti nei t a termini del se ond'ordine, io non a ade per B . Per esempio, per valutare orret no a quantita del se ond'ordine, poi he g ontamente il termine g  ;
tiene un termine d'ordine zero ( ), o orre he  sia noto esattamente no
a termini del se ond'ordine, e quindi an he i g devono esser noti no al se ond'ordine. Non i si potrebbe quindi a ontentare di soluzioni delle equazioni
di ampo nell'approssimazione lineare.
Risulta tuttavia he questa di olta si puo risolvere nel modo seguente. Si ponga
(18a)

g =  +  +  +  :

I  sono an ora dati dalla (19), mentre i  si riferis ono al ampo esterno e sono
ontinui nell'intorno della singolarita.  e una quantita del se ond'ordine, proporzionale alla \massa" m e al ampo esterno. Appare ora he on una tale ipotesi
le equazioni di ampo possano essere orrette in se onda approssimazione, tras urando termini proporzionali a m2 e tras urando termini quadrati i nell'intensita del
ampo esterno (  ), essendo la dipendenza degli  da r non del tipo r 1 ( ome
a ade per  , ma del tipo r0 . Da io segue allora he il termine del se ond'ordine
 non ha al una in uenza sull'integrale di B esteso al mantello M in nitamente
stretto.
Si puo inoltre dimostrare fa ilmente he l'integrale di B esteso al mantello M
si annulla on una s elta opportuna delle oordinate. Queste ultime possono infatti
essere s elte hiaramente in modo tale he (  ) si annulli sulla linea singolare (asse
x4 ) (assi x1 , x2 , x3 perpendi olari alla linea singolare e unita delle oordinata uguale
all'unita di lunghezza su tutti e quattro gli assi). Si assuma inoltre he per un tale
sistema di oordinate (indistorto) la singolarita sia a simmetria entrale, ioe he
il ampo sia al olabile on la (19). Questa non e propriamente a atto un'ipotesi
ne essaria. Ma os sempli hiamo molto il al olo, e l'ipotesi e onvalidata dal
fatto he essa porta all'annullarsi dell'integrale di B esteso ad M per ogni s elta
di  .
Si mostrera lo sviluppo del onto per il primo termine di B

g

 :
 ;

Sia g he g si omportano nell'intorno della singolarita, a pres indere da termini
he rimangono niti, ome r 1 , e i ome r 2 . Solo la parte dei proporzionale

TEORIA DELLA RELATIVITA GENERALE E LEGGE DEL MOTO

115

a r 2 puo ontribuire qual osa al nostro integrale. Poi he inoltre i termini proporzionali ad m2 e i termini quadrati i in non i interessano, il termine di B di
ui sopra puo essere sostituito da


   :
;
Dobbiamo ritenere solo quei termini he per integrazione su una sfera in nitamente
pi ola diano qual osa di nito.
Con la s elta delle oordinate di ui sopra, quest'espressione si puo sostituire on

g g

ovvero ulteriormente on

  
;

1       
+
 :
2 x
x
x ;
Questo va moltipli ato per x =r e integrato sulla super ie sferi a. Il primo termine
da qual osa di nito solo per =  ,  = ; il se ondo per  = ,  = ; il terzo
per  = . Il risultato di questa integrazione e
8m
 4 );

4m(;
;4
3 ;
dove va sommato da 1 a 3.
Se si esegue questo al olo per tutti i termini di B , si ottiene
Z
B xr dS = 16m;44 :
Se si integra questa espressione su x4 tra due estremi, ai quali  s'annulli, an he
l'integrale si annulla ompletamente4 . L'integrale sul mantello interno si ridu e
pertanto all'integrale su t    , ome nel aso stazionario. Da qui si on lude esattamente ome prima he il moto del punto singolare e aratterizzato dalla linea
geodeti a determinata rispetto al ampo \esterno"  .

Riepilogo
Se nel ampo di gravitazione si assumono le masse ome singolarita, la legge del
moto e ompletamente determinata dalle equazioni di ampo5 . Se si approssima il
ampo totale on le soluzioni di equazioni lineari la legge del moto e quella della
linea geodeti a. In un lavoro su essivo sara dedotta dalle equazioni di ampo la
legge del moto per gli elettroni trattati ome punti singolari.
E d'altra parte ben noto he in natura non si presentano masse atomi he elettri amente neutre, e quindi all'oggetto di questo lavoro non orrisponde direttamente
un oggetto in natura. Il progresso qui onseguito sta nel fatto he si e dimostrato
per la prima volta he una teoria di ampo puo ontenere in se una teoria del omportamento me ani o di dis ontinuita. Cio puo essere d'importanza per la teoria
della materia, ovvero per la teoria dei quanti.
4 Per il al olo va notato solo he gli ultimi termini della riga 2 e della riga 3 della parentesi
della (15) si annullano per he non danno al un ontributo del tipo r 2 all'integrando.
5 Nel presente lavoro i
o e dimostrato ompletamente solo per il aso dell'equilibrio.

116

W. GORDON
La propagazione della lu e se ondo la teoria della relativita1
W. Gordon

Nella prima parte di questo lavoro si mostra he l'in uenza della materia sui
pro essi elettromagneti i e equivalente all'in uenza di un ampo gravitazionale
on il potenziale ku u (k oe iente di trasporto di Fresnel, u tetravelo ita).
Con questa riduzione al vuoto si ottiene immediatamente il prin ipio di minima
azione e da qui in parti olare il tensore dell'energia del ampo elettromagneti o
in orpi ponderabili. Si arriva os al tensore proposto da M. Abraham. Nella
se onda parte si derivano le equazioni d'onda valide per tensori lineari arbitrari.
A anto alle espressioni he s'ottengono dalla teoria spe iale per trasformazione
( he se ondo il prin ipio di equivalenza varrebbero nei ampi di gravitazione \arti iali" generati per trasformazione) intervengono inoltre dei termini he ontengono
il tensore di urvatura non ontratto e ontratto una volta. Malgrado io queste
espressioni seguono le regole di al olo delle quali si fa uso nella teoria spe iale.
Come si mostra nella terza parte, il ampo, il tetrapotenziale e l'esapotenziale (tensore di Hertz) soddisfano quindi l'equazione delle onde generalizzata. Il vantaggio
dell'esapotenziale onsiste nel fatto he non si deve soddisfare oltre all'equazione
d'onda nessun'altra ondizione aggiuntiva. Esso sta rispetto all'esapolarizzazione
esattamente nella stessa relazione del tetrapotenziale on la tetra orrente. Nella
quarta parte si pre isera sotto quali ipotesi si puo parlare di raggi di lu e nel senso
dell'otti a geometri a. Le linee d'universo dei raggi sono le linee geodeti he nulle
in un ampo di gravitazione he oltre a quello reale ontiene quello he orrisponde
alla tetravelo ita della materia.

1.
Trasformazione delle equazioni elettromagneti he. Le equazioni del ampo elettromagneti o he ostituis ono la base per lo studio della propagazione della lu e,
si s riveranno ome al solito:

(1)

Fik Fkl Fli


+
+
= 0;
xl
xi xk

(2)

p1g x k (pgH ik ) = si;

(3)

Hi = Fi ;

(4)

ui Fkl + uk Fli + ul Fik =  (ui Hkl + uk Hli + ul Hik ) ;

(5)


si + ui sk uk = Fi ;

Zur Li htfortp anzung na h der Relativitatstheorie, Annalen der Physik , 421-456 (1923).
72

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

117

dove per brevita si e posto


(6)

Fi = Fik uk ; Hi = Hik uk :

ui e la tetravelo ita della materia


ui =

(7)

pdx 2
ds

si he

gik ui uk = ui ui = 1

(8)

(l'elemento di linea ha una dimensione negativa e tre positive). Il signi ato delle
restanti quantita e noto. Oltre a queste equazioni gurano le equazioni gravitazionali di Einstein disomogenee, nelle quali va introdotta la somma dei tensori
dell'energia elasti o ed elettromagneti o. Daremo nel seguito quest'ultimo.
Le equazioni (3) e (4) rappresentano insieme sei equazioni mutuamente indipendenti; esse esprimono he nel sistema a riposo (e per valori normali di gik ) D = E,
B = H. Risolviamole rispetto ad Hik . Tenendo onto delle (3), (6) e (8), la
moltipli azione della (4) per ui da

Fkl + uk Fl

ul Fk =  ( Hkl + uk Hl ul Hk )
=  f Hkl +  (uk Fl ul Fk )g

ovvero
(9)

Hik = Fik + ( 1) (ui Fk

uk Fi ) :

Dalla (9) si ritrovano a ritroso la (3) e la (4). Possiamo quindi sostituire la (3) e la
(4) on la (9).
Nelle equazioni di erenziali (1) e (2) non ompare la tetravelo ita. Le s riveremo
in modo tale he an he il ampo gravitazionale sparis a dalle equazioni aggiuntive.
Sostituiamo le (1) e (2) on
(1')

Fik Fkl Fli


+
+
= 0;
xl
xi xk

(2')

 Hik
= si
xk

ed eseguiamo an he nelle equazioni restanti la sostituzione


(10)

Hik = pgH ik ; si = pgsi :

Quindi il ampo elettromagneti o e aratterizzato da


(11)

Fik ; Hik ;

118

W. GORDON

Fik un tensore lineare, Hik una densita tensoriale lineare2 ; il ampo gravitazionale
da
gik ;

(12)
lo stato elettri o della materia da

; ; ; si ;

(13)

, ,  s alari, si una densita vettoriale; lo stato me ani o della materia (mediante


ostanti me ani he) e mediante le funzioni
xi = xi ( 1 ; 2 ; 3 ;  ) ;

(14)

he rappresentano le linee d'universo dei punti materiali (distinte tra loro mediante
1 ; 2 ; 3 , mentre  da la posizione lungo la linea d'universo. Nelle equazioni elettri he e me ani he ompaiono solo le derivate di queste funzioni. La tetravelo ita
e una ombinazione degli elementi determinanti (12) e (14)

ui =

(15)

xi

 x
g x
 

Per la trasformazione da eseguirsi e per gli sviluppi ad essa asso iati e de isivo il
fatto he nell'equazione \dielettri a" (9), determinante per la propagazione della
lu e in mezzi trasparenti, le quantita (12) e (15) ompaiano solo nella ombinazione

ik = gik

(16)

( 1) ui uk :

Per mostrarlo, s riviamo la (9) in forma ontrovariante



H ik = F ik + ( 1) ui F k uk F i :

(9')

Per la (10) il primo membro e Hik =pg; il primo termine a se ondo membro
gir gks Frs . Per la (6) vale inoltre

F k = gks Fsr ur = gks Frs ur ; F i = gir Frs us ;


si he per il se ondo membro della (9') otteniamo


Frs gir gks


( 1) ui ur gks + uk us gir :

Se ora introdu iamo nelle parentesi gra e an he il termine ( 1)2 ui uk ur us , he


s'annulla per l'antisimmetria di Frs , da questa parentesi s'avra

gir

( 1) ui ur gks

( 1) uk us

o per la (16) ir ks . Possiamo in ne portare la (9') nella forma


(17)
2

Hik = g ir ks Frs :

Se ondo la terminologia di H. Weyl, Raum, Zeit, Materie, 4a ed., pp. 51 e 98.

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

119

Per il seguito introdu iamo le quantita ik re ipro he di ik , he si determinano


univo amente imponendo he sia ir kr = ki :


ik = gik + 1

(18)

1
uu :
 i k

In analogia on g, il negativo del determinante di ik sara indi ato da . Il rapporto


=g e un invariante (numeratore e denominatore vengono moltipli ati alla trasformazione per il quadrato del determinante funzionale). Possiamo quindi basar i sul
aso u1 = u2 = u3 = 0 e ottenere


g11


= :

g41

: :

g14

: :
 :
: : g44 + 1 1









u4 u4

= g

1
gg44 u4 u4 ;


infatti gg44 e il minore relativo all'elemento (4,4) del determinante. Per la (8) e
g44 u4 u4 = 1; allora

(19)

g
;


quindi la (17) assume la forma


(20)

Hik

 p ir ks
Frs ;


e per io la nostra asserzione e dimostrata.


Saremo quindi ondotti ad introdurre al posto dell'elemento di linea ds on i
oe ienti gik un nuovo elemento di linea d on i oe ienti ik dati dalla (18).
Renderemo ri onos ibili gli indi i relativi a questo nuovo elemento di linea ponendoli entro parentesi (solo al posto di g(i)(k) ovvero di g(i)(k) s riviamo ome prima
ik ovvero ik ). Gli elementi determinanti (11), (13), (14) restano naturalmente
immodi ati da questa trasformazione, e si ha
(21)

F(i)(k) = Fik ; H(i)(k) = Hik ; s(i) = si :

Con queste quantita potremo quindi an he tralas iare le parentesi per gli indi i. I
tensori H (i)(k) , s(i) , he relativamente alla (18) orrispondono alle densita H(i)(k) ,
s(i) se ondo il modello (10), per la (19) saranno:
(22)

(i)(k) pHik p ik (i) p i


H
(
i
)(
k
)
H
= p = p
= H ; s = s :

g

L'espressione ir ks Frs he omparepnella (20), on le nostre de nizioni si puo


evidentemente s rivere F (i)(k) , e Hik = e H (i)(k) . La (20) appare allora nella
forma simmetri a
(23)

pF (i)(k) = pH (i)(k) ;

120

W. GORDON

ovvero, quando si passa alle omponenti ovarianti relativamente alla metri a ik

pF

(i)(k) = H(i)(k) :

(23')

Si sostituis a nella (23) H (i)(k) se ondo la (22) on pH ik ; si ottiene l'equazione


F (i)(k) = H ik ed il onfronto on la (9') mostra he per F (i)(k) vale la formula di
trasformazione

F (i)(k) = F ik + ( 1) ui F k

(24)

uk F i :

La (3) e la (4) vanno in se stesse quando si sostituis ono  e  on i loro valori re ipro i, e ontemporaneamente si s ambiano F ed H . Con questi s ambi l'equazione
(9) equivalente alle (3) e (4) diverra


Fik
1
= Hik +



1 (ui Hk

uk Hi ) :

Se la si onfronta on la (23') e si osserva he per la (21) F(i)(k) = Fik , s'ottiene per


H(i)(k) la formula di trasformazione

H(i)(k)

(25)


p
=  H

ik

1
(ui Hk


uk Hi ) :

Con la (18) troviamo in generale per l'elemento di linea d


(26)

d2 = gik dxi dxk + 1

1



ui dxi 2 = ds2 + 1

Per la direzione d'universo della materia si ha dxi = ui


d2 = ds2 =(). Si ha quindi

u(i) =

(27)

1



ui dxi 2 :

ds2 e quindi per la (8)

pdx 2 = uip:
d
i

Le omponenti ovarianti u(i) = ir u(r) , se si tien onto di nuovo della (8), saranno

u(i) =

(28)
Per le (211 ) e (27) sara
(29)

i
:
pu

F(i) = F(i)(k) u(k) = Fik uk  = Fi 

e per la (16)
(30)

F (i) = ir F(r) = gir

poi he e Fr ur = 0. In modo del tutto analogo si ri onos e he


(31)

( 1) ui ur Fr  = F i ;

H (i) = H i ; H(i) = Hi :

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

121

Siamo ora nella posizione di poter ris rivere an he la legge di Ohm (5) ol nuovo
elemento di linea. La omponente ontrovariante del primo membro della (5) e per
le (222 ), (27) e (28)


p1 s(i) + u(i) (u(k) s(k)) ;
la forma ontrovariante del se ondo membro, se ondo la (30), F (i) =p. Quindi


s(i) + u(i) u(k) s(k) = F (i) ;

(32)

ovvero, s ritta in forma ovariante (relativamente a ik )




s(i) + u(i) u(k) s(k) = F(i) :

(32')

Per la s(i) he qui appare si ottiene, se ondo le (18) e (222 )




p
s(i) = ir s(r) =  si + 1

(33)

1
u (ur sr ) :
 i

Riassumendo possiamo quindi formulare la regola seguente:


Se si trasforma il ampo gravitazionale da gik a ik mediante la formula di trasformazione


1
uu ;
ik = gik + 1
 i k
ioe se si ostruis ono relativamente a questa metri a le omponenti delle quantita
Fik , Hik , si he stanno a base delle equazioni di erenziali del ampo, allora le
equazioni aggiuntive prendono la forma

pF

p
(i)(k) = H(i)(k) ; s(i) + u(i) u(k) s(k) = F(i) ; u(i) =


pdx 2 :
d

La tetravelo ita sparis e dall'equazione dielettri a, mentre la legge di Ohm mantiene


la sua forma.
Per mezzi non onduttori ( = 0), non ari hi (uk sk = 0), omogenei (, 
ostanti), le equazioni di erenziali per il ampo F sono identi he a quelle del vuoto
puro in presenza del ampo di gravitazione ik .
In quest'ultimo aso possiamo attribuire alla nostra regola le due interpretazioni
si he seguenti:
1. I fenomeni elettromagneti i nei orpi ponderabili sono gli stessi he nel vuoto,
nel quale vi siah oltre ali ampo di gravitazione presente an he un ampo aggiuntivo
di potenziale 1 1 ui uk . Nella teoria spe iale, restringendosi a quantita del
prim'ordine, risulta

= 1; 4 =


1 v
1
; 44 =
;



dx
; = 1; 2; 3; v =
dt

122

W. GORDON

e l'elemento di linea d sara dato da


(34)

d2 = dx dx 2 1

1
v dx dt


2 2
dt :


La velo ita della lu e ( ome mostreremo nella quarta parte) sara determinata in
una direzione assegnata da d2 = 0. Se le velo ita della lu e e del orpo sono
parallele, dalla (34) risulta la nota formula


dx

=p + 1
dt


(35)

1
v;


ovvero on la stessa pre isione

dx

=p
:
dt
 ( 1) v
La (35') si puo interpretare nel senso he la lu e si propaga ome in un mezzo in
quiete on indi e di rifrazione
p ( 1) v :

La nostra interpretazione del teorema di trasformazione e una generalizzazione di
questa interpretazione. Ci troviamo per os dire di fronte ad una \trasformazione
alla quiete".
h
i
Nella si a prerelativisti a il termine 1 1 v nella (35) si sarebbe indi ato
ome \trasporto dell'etere". Possiamo dare alla nostra regola un signi ato analogo.
2. S omponiamo lo spostamento d'universo P Q nella omponente di trasporto
P P 0 parallela alla tetravelo ita
(35')

(36)

p1 ui ur dxr

e nella omponente d'etere P 0 Q

d i

= dxi +

p1 ui ur dxr :

Per la distanza P 0 Q se ondo la metri a esistente di fatto si ha

gik

d i d k

= gik

dxi dxk +

1
(ur dxr )2 ;


he per la (26) e uguale alla distanza P Q se ondo la metri a ik . Se P Q e un raggio


di lu e nel orpo, allora e d2 = 0, dalla quale dis ende gik d i d k = 0, ioe P 0 Q e un
raggio di lu e nel vuoto (rispetto al ampo di gravitazione e ettivamente presente
gik ). I due si distinguono per il termine di trasporto (36).
 Sia P1 la proiezione ortogonale di Q sulla direzione di u, di modo he P P 0 = 1 1=p P P1 . L'analogo
della teoria di Hertz sarebbe la s omposizione P P1 , P1 Q, he orrisponderebbe ad
una velo ita della lu e nel vuoto in nitamente grande nel sistema a riposo (P1 e Q

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

123

in esso sono simultanei), in totale a ordo ol prin ipio di relativita galileiano,


he

p
sta alla base di questa teoria. Si potrebbe quindi designare il fattore 1 1= 
ome oe iente di trasporto \relativisti o"3 .
Dal paragone on le equazioni di ampo del vuoto possiamo derivare direttamente il prin ipio di minima azione e quindi se ondo i risultati della teoria della
relativita generale il tensore dell'energia. Pres indiamo dalla legge di Ohm, e assumiamo he si sia una proprieta della materia ome  e  [vedi (13). Allora rimane
solo l'equazione aggiuntiva (20), he on le de nizioni al riguardo possiamo an he
s rivere

Hik

(20')

 p (i)(k)
F
:


La (20) e la (20') di eris ono dalla ondizione aggiuntiva he interviene on le


equazioni di erenziali (1') e (2') nel vuoto in presenza d'unp ampo gravitazionale
ik soltanto per il fatto he al posto di p vi e il fattore =p . Per io, on
questa sostituzione, dalla densita d'azione elettri a L(e) del prin ipio d'azione per
il vuoto (in presenza del ampo gravitazionale ik )
(37)

' W (e) = '

(38)

LdS = 0; dS = dx1 dx2 dx3 dx4 ;

L(e) =

1p
Frs F (r)(s)
4

si 'i ;

dove il tetrapotenziale 'i e in relazione ol ampo F mediante l'equazione


(39)

Fik = 'k;i 'i;k ;

otteniamo senz'altro la densita d'azione elettri a in presenza di materia


(40)

1 p
L(e) =
Frs F (r)(s) si 'i ;
4 

ovvero per la (20')


(40')

1
L(e) = Frs Hrs
4

si 'i ;

si deve variare solo il tetrapotenziale ( osa he abbiamo indi ato on ' ). Al ontorno della regione sulla quale l'integrale della (37) va esteso, queste variazioni
devono annullarsi4 .

La prima interpretazione, poi he gia subito onfronta la situazione nel orpo in moto on
quella per la quiete, e evidentemente quella he si attaglia allo spirito della teoria della relativita.
Infatti inve e di attribuire all'etere una proprieta della materia, ioe una velo ita, si attibuis e
piuttosto alla materia un ampo di gravitazione, ioe una proprieta dell'etere.
4 Il prin ipio (37), (40') 
e stato proposto da H. Hens he, Diss. Berlin 1912; Ann. d. Phys. ,
887, 1913.
3

42

124

W. GORDON

Per ottenere le equazioni per la materia dobbiamo introdurre oltre all'azione


elettri a W (e) an he quella me ani a W (m) . Nell'equazione variazionale

m W (e) + m W (m) = 0

(41)

vanno variate solo le funzioni (14). (Cio verra indi ato on m , e al ontorno
dev'essere m = 0 ). Per io la tetravelo ita (15) subis e la variazione lo ale
(42)

m ui =

xi r
u
xr

ui r i x r 1 i g   r


x + u u r u + u r u u x :
xr
x
2 x

(Questa quantita e naturalmente un vettore. Per far apparire io espli itamente
basta sostituire le derivate ordinarie on le derivate ovarianti spiegate nella se onda
parte5 ). Dallo spostamento della materia aratterizzato dalle funzioni xi saranno
trasportati an he i orpus oli elettri i in essa ontenuti. Le variazioni di  e 
(elettroni legati) e di si (elettroni liberi) indotte dalla variazione xi si ottengono
nel modo piu sempli e6 dal arattere di trasformazione di queste quantita (, 
s alari, si densita vettoriale ontrovariante)7 :

m  =

(43)
(44)

m si = sr

xi
xr

 r
 r
x ; m  =
x :
r
x
xr

 i r

s
x = r xi sr
r
x
x

xr si

 sr i
x :
xr

Dalla se onda forma di m si si vede he m si e una densita vettoriale (vedi Eq. (98)
e (99)). Se presupponiamo la legge di onservazione dell'elettri ita  sr =xr = 0
he risulta dalla (2'), la (44) si sempli a in
(44')

m si =


xi sr
xr

xr si :

Il vettore ui inve e non sara trasportato dalla variazione xi , mentre la distanza


di due punti materiali dello spaziotempo in generale ambia, poi he il ampo metri o
resta sul posto (vedi nota 10).
La densita d'azione L(m) he orrisponde a W (m) dipende8 dalle derivate prime
delle funzioni (14) e da gik .
Dalle equazioni elettri he (37) e dalle equazioni me ani he (41) dis ende la legge
dell'energia e dell'impulso. E noto9 he la si dimostra senza far uso delle espressioni espli ite di L(e) ed L(m) , onsiderando una variazione nella quale vengano
trasportate tutte le quantita, an he il ampo gravitazionale. Allora per l'invarianza
di W (e) e di W (m) si ha identi amente
(45)
5
6
7
8
9

' W (e) + m W (e) + g W (e) = 0;

Si ha m ui = ur Dr xi xr Dr ui + ui u ur Dr x .
H. Weyl, lo . it.
Pres indiamo dalla variabilita di  e  on lo stato di deformazione della materia.
G. Herglotz, Ann. d. Phys. , 493, 1911; G. Nordstrom, Versl. Amst. , 836, 1916.
H. Weyl, lo . it. x28.
36

25

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

125

(46)
m W (m) + g W (m) = 0;
dove g si riferis e alla variazione di gik . Poniamo
1
1
(47)
g L(e) = Tik gik ; g L(m) = Mik gik ;
2
2
Tik ed Mik densita tensoriali d'energia elettri a e me ani a. In g si deve sostituire
al posto di gik
xk
xi gik r
(48)
gik = gir r + gkr r
x :
x
x
xr
(Si ri onos e il arattere tensoriale di gik sostituendo ome sopra le derivate ordinarie on le derivate ovarianti). Un'integrazione per parti da

Z  r
 Ti 1
g
(
e
)
(49)
g W =
+ T
xi dS
xr 2 xi
ed una formula analoga (49') per g W (m) . Dalle (45), (46), (49) e (49') dis ende

Z 
g
 Sri 1
(
e
)
(
e
)
(
m
)
+ S
xi dS;
(50)
' W + m W + m W =
xr 2 xi
dove Sik e la somma delle due densita tensoriali d'energia. Le equazioni (37) e (41)
hanno quindi per onseguenza la legge dell'energia e dell'impulso
 Sri 1
g
(60)
+
S
= 0:

xr 2
xi
In base alla nostra regola possiamo ora derivare fa ilmente il tensore elettri o
dell'energia he risulta dalla (471 ) a partire da quello per il vuoto. Nel vuoto
in presenza del ampo di gravitazione ik si ha
1
(61)
L(e) = T(i)(k) ik
2
(62)
T(i()k) = p (Fir F (k)(r) 14 Frs F (r)(s) ik ):
p
Come prima, dobbiamo qui sostituire sempli emente p on =p e otteniamo,
tenendo onto an ora della (20')
(63)
T(i()k) = Fir Hkr 41 Frs Hrs i k :
Per ottenere la relazione tra Ti k e T(i()k) , dobbiamo sempli emente esprimere an ora
ik mediante gik . Per la (15) risulta immediatamente10
1
1
(64)
g ui = ui u u g = ui u u g ;
2
2

Si sostituis a al posto di gik l'espressione (48); sara allora




g ui = ui u xr ur + 1 ui g r u u xr
x
2 x
x r 1 i g   r
i
= u u xr u 2 u xr u u x :
Per io gli ultimi due termini nella (42) si ompensano:
xi
ui r
(42')
ui = m ui + g ui = r ur
x :
x
xr
Questa e la variazione lo ale di ui on trasporto ompleto per lo spostamento xi .
10

126

W. GORDON

e quindi an he
(65)

ik = gik

( 1) ui uk = gik + ( 1) ui uk u u g :

Se sostituiamo nella (61) e onfrontiamo on la (471 ) troviamo

Tik = T(i)(k) + ( 1) ui uk T()( ) u u :

(66)

Le omponenti miste si trovano se si moltipli ano il primo membro ed il se ondo


termine del se ondo membro per gkm, ed il primo termine del se ondo membro per
kl + ( 1) uk ul :
(66')

Ti l = T(i()l) + ( 1) T(i)(k) uk + ui T()( ) u u ul :




Nel sistema a riposo (e per valori normali di gik ) il fattore di ( 1) ul ha i valori
T( )(4) , 0 ( = 1; 2; 3). Per la (66) in questo aso si ha T 4 = T( )(4) . Dunque
(67)

Ti l = T(i()l) + ( 1) Tik uk + ui T u u ul ;




e quindi per la (63)


1
F H rs ik
4 rs
dove abbiamo introdotto il \raggio a riposo"

(67')

Ti k = Fir H kr

i =

(68)

( 1)
i uk ;


Tr i ur + ui T u u :

Se S e la orrente d'energia ( = 1; 2; 3), T4 = S = , e nel sistema a riposo


(68')

S ;
4 = 0; ( = 1; 2; 3):

Se si sostituis e la (67') nella (68), poi he


r ur = 0 si trova
(69)

i = Fl H il

Fl H l ui = uk Fl (H ik ul + H kl ui + H li uk ):

Le formule (67') e (69) determinano il tensore dell'energia proposto da Abraham.11


11 W. Pauli jr., Enz. d. math. Wiss. V 19, formula (303). Per le (50) e (60) vale an he il
prin ipio variazionale
(A)
' W (e) + m W (e) + m W (m) = 0;
dove in ' il tetrapotenziale e tras inato dalla variazione. Allora sara tras inato an he il ampo
Fik , ma non il ampo Hik , poi he le ui avvertono la variazione (42) e non la (42') della nota 10
(per he il ampo metri o resta invariato). I. Ishiwara, Ann. d. Phys. , 986, 1913, e partito
dal prin ipio (A), ha pero ri hiesto (lo . it. Eq. (15a)) he H sia trasportato dalla variazione.
Ma allora lo stesso deve risultare per le ui , ioe si parte dalla variazione ui (42'), he an he per
gik ostante non e ompatibile on la (42). Ma se nell'identita (45) si sostituis e in m W (e) la
variazione (42'), in g W (e) si deve variare gik solo n he non interviene in ui . Allora ik = gik
e per la (61) si perviene alla densita tensoriale (63), he porta al tensore dell'energia introdotto
da Minkowski (W. Pauli, lo . it. formula (301) ome infatti si ottiene an he dai al oli espli iti
di I. Ishiwara).
42

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

127

2.
L'espressione delle onde. Per sempli ita i o uperemo nel seguito della propagazione della lu e in isolanti omogenei (s ari hi). Per essi valgono, ome abbiamo
visto, le equazioni del vuoto in presenza del ampo gravitazionale ik . D'ora in poi
tralas eremo an he le parentesi degli indi i (e s riveremo talvolta an he gik al posto
di ik ).
Nei problemi otti i si utilizzano al posto delle equazioni di ampo le equazioni
d'onda da esse derivate. Nella teoria della relativita spe iale la propagazione ondosa
di una grandezza A e data da un'equazione della forma:

A A A A
A = x
+
+
= 0:
12 x22 x32 x42

Questa somma di derivate se onde e l'appli azione ad A dell'operatore di Lapla e


tetradimensionale. Costruiremo subito gli operatori orrispondenti della teoria generale. Cio s'ottiene fa ilmente sostituendo la derivazione ordinaria on la osidetta
derivazione ovariante12 .
Se p e uno s alare, 'i un vettore, Tik un tensore, le derivate ovarianti si s rivono
p
;
(70)
Di p = pi =
xi
(71)

'
Dk 'i = 'ik = ki
x

Tik
(72)
Dm Tik = Tikm = m
x
e in generale per un tensore

m ' ;
ik m

n
im Tnk

n
km Tin

Ti1 i2 :::is
xm


n
i m Ti1 i2 :::is 1 n :

Dm Ti1 i2 :::is = Ti1 i2 :::is m =

(73)

(74)

Dm Ti1 i2 :::is = Ti1 i2 :::is m = gmr Ti1 i2 :::is r :

n
i1 m Tni2 :::is   
s
L'indi azione della derivazione mediante un indi e e omoda, poi he per de nizione
deve valere quanto segue:
1a regola. La derivata ontrovariante si otterra da quella ovariante mediante il
onsueto passaggio dalle omponenti ovarianti a quelle ontrovarianti, ioe
2a regola. Allo stesso modo si passa dalla derivata delle omponenti ovarianti
a quella delle ontrovarianti, ioe

Dm Ti1 :::is j1 :::jt k1 :::kn


= gj1 r1 gj2 r2 : : : gjt rt DmTi1 :::is r1 :::rt k1 :::kn :

(75)

12 Essa origina da E.B. Christo el. Le regole enun iate da 1 a 4 sono di G. Ri i e T. Levi
Civita, Math. Ann. , 135, 1901. Per la dimostrazione del arattere tensoriale delle derivate
ovarianti vedasi M. v. Laue, Relativitatsprinzip II, xI9.
54

128

W. GORDON

In base a queste due regole in un'equazione, he ontenga queste derivate generali,


si possono innalzare o abbassare gli indi i orrispondenti allo stesso modo, sia he
questi indi i signi hino la omponente o la derivazione.
Per mezzo dell'identita


gik
= gnk nli
l
x

(76)

gin

k
nl

al se ondo membro della (75) si possono far omparire le orrispondenti omponenti


miste ome al primo membro. Per esempio per le (72) e (75) si ha

Dl T ik

= gis Tskl

T
= gis skl
x

gis

n T
sl nk

gis

n T ;
kl sn

e per il primo termine a se ondo membro si puo s rivere per la (76)

 is 
g Tsk
xl

gis
T ik ns i
in s T ;
T
=
+g
sk
nl Tsk + g
nl sk
xl
xl

di modo he risulta la formula

Dl T ik =

T ik
+ nli T nk
xl

n
i
kl T n :

In generale si ha

Dm Ti1 :::is j1 :::jt k1 :::kn =


s 
X

(77)


j1 :::jt
T
k1 :::kn
xm i1 :::is

p T
j :::j
i1 :::ia 1 pia+1 :::is 1 t k1 :::kn
i
m
a
a=1

t 
X
j
a
+
Ti1 :::is j1 :::ja 1 pja+1 :::jt k1 :::kn
pm
a=1
n
X p 
Ti1 :::is j1 :::jt k1 :::ka 1 pka+1 :::kn :
k
m
a
a=1

3a regola. Per la derivazione di somma e prodotto valgono le regole di derivazione


onsuete.
Cio segue dal fatto he in un sistema di oordinate geodeti o, nel quale le derivate
di gik e quindi an he i simboli a tre indi i sono nulli, le derivate ovarianti oin idono
on le derivate ordinarie.
4a regola. Lo s ambio dell'ordine di derivazione non e permesso in generale, ma
si ha
(78)
(79)

pik

pki = 0;

'ikm 'imk = Rhikm'h ;

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

129

Tikmn Tiknm = RhimnThk + RhkmnTih

(80)
e in generale

Ti1 ::is mn Ti1 ::is nm = Rhi1 mn Thi2 ::is +    + Rhis mn Ti1 ::is 1 h ;

(81)
dove
(82)

Ri


i
kmn = xm kn


i + i
n
ma
x km



a
kn

i
na



a
km

e il tensore di urvatura di Riemann-Christo el. La (81) si veri a fa ilmente in


un sistema geodeti o. In un tale sistema si ha

2T
Ti1 ::is mn = mi1 ::ins
x x
Ti1 ::is mn Ti1 ::is nm =
Poniamo inoltre
(83)

s
X

s
X


p
Ti1 :::ia 1 pia+1 :::is
m ia n
x
a=1



Ti1 :::ia 1 pia+1 :::is n i pm ;
x
a
a=1


p
xn ia m



(m) = m + pm ;
ik
(i)(k)
ik

dove se ondo la onvenzione introdotta nella prima parte i simboli a tre indi i
on gli indi i tra parentesi si ostruis ono a partire dai ik esattamente ome i
simboli onsueti dai gik . Se si sostituis e la (83) per esempio nella (72), s'ottiene
immediatamente

D(m) Tik = Dm Tik

(84)

pnim Tnk

pnkm Tin ;

dalla quale si ri onos e he i p sono tensori. Ri orrendo ad un sistema geodeti o si


veri a immediatamente he
1
(85)
pmik = rm ((kuk ur )i + (kur ui )k (kui uk )r ) ; k = 1
:

Allo stesso modo
(86)

R(i()k)(m)(n) = Rikmn + Dm pi kn Dn pi km + pi ma pakn pi na pakm:

5a regola. Si ottengono le derivate ovarianti relative a ik da quelle relative a


gik se si sostituis ono le derivate ordinarie on quelle ovarianti (relativamente a
gik ) ed i simboli a tre indi i on le quantita p. Il tensore di urvatura R(i()k)(m)(n)
si ottiene da Ri kmn on l'aggiunta di al uni termini he si ottengono da Rikmn on
la stessa sostituzione.
Dopo questi preliminari siamo in grado di ris rivere l'espressione del lapla iano.
Si ha
(87)

p = pkk ;

130

W. GORDON

(88)

i' = 'ik k ;

(89)

ik T = Tik l l ; e .,

Si vede he queste espressioni hanno sempre lo stesso arattere tensoriale della


grandezza alla quale l'operatore e appli ato. Per uno s alare p se ondo le (70) e
(71) ompaiono solo le derivate prime di gik . Quindi l'espressione delle onde per
uno s alare oin idera an he nella teoria della relativita generale on l'espressione
di Lapla e. Usiamo in generale la lettera maius ola W per un'espressione delle onde
e introdu iamo le notazioni

p
;
xi

Gradi p =

(90)

Div ' = 'kk ;

(91)
abbiamo quindi per uno s alare
(92)

Div Grad p = W p:

Le espressioni (83), (84) e . ontengono le derivate se onde di gik . Esse ostituiranno an ora espressioni delle onde solo nell'ambito della teoria della relativita
spe iale o in ampi di gravitazione on tensore di urvatura nullo; nel aso generale interverranno an he termini nei quali ompare questo tensore. Determineremo
questi termini aggiuntivi.
Vi arriviamo er ando di generalizzare la relazione (92) ai tensori. Questa generalizzazione e ben nota nella teoria spe iale. Per un vettore in essa vale la formula13
(93)

Div Rot ' = Grad Div ' W ';

dove l'espressione delle onde W e identi a a . Gli operatori Rot e Div esistono
an he nella teoria generale. Indi hiamo on p, 'i , Fik , Sikm, Likmn e . tensori
lineari di grado14 0 (s alare), 1, 2, 3, 4 e .; allora i rotori sono de niti da
(94)
(95)
(96)

Roti p =
Rotik ' =
Rotikm F =

p
;
xi

'k
xi

'i
;
xk

Fik Fkm Fmi


+
+ k;
xm
xi
x

M. v. Laue, Relativitatstheorie I, formula (115).


In uno spazio tetradimensionale la sequenza s'interrompe on Likmn . Per onsentire di
ri onos ere meglio la relazione formale, nel seguito presupponiamo uno spazio n-dimensionale.
13
14

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...


Rotikmn S =

(97)

Skmn
xi

Smni Snik
+ m
xk
x

131

Sikm
e .,
xn

e le divergenze da
(98)

Div ' =


p1g x k pg'k ;

(99)

Divi F =


p1g x k pgF ik ;

(100)

(101)

Divik S =
Divikm L =


p1g xm pgS ikm ;


p1g x n pgLikmn e ..

Al posto della notazione (94) si utilizza di solito il Grad introdotto nella (90). I
tensori risultanti mediante queste forme sono an ora lineari. I nomi di rotore e
divergenza dis endono dal fatto he per essi valgono i teoremi generalizzati rispettivamente di Stokes e di Gauss15 . Queste rappresentazioni dei rotori valgono solo
per le omponenti ovarianti, quelle delle divergenze solo per le omponenti ontrovarianti. Ma se sostituiamo nelle equazioni dalla (94) alla (97) le derivate ordinarie
on le derivate ovarianti, otteniamo le formule
Roti p = pi ;

(94')
(95')
(96')
(97')

Rotik ' = 'ki

'ik ;

Rotikm F = Fikm + Fkmi + Fmik ;


Rotikmn S = Skmni Smnik + Snikm

Sikmn e .,

dove ormai possiamo innalzare gli indi i uguali nei due membri se ondo le regole 1
e 2. Pro ediamo in modo analogo on le
(98')
15

Div ' = 'kk (vedi 91),

W. Pauli jun., lo . it., p. 606. Per un \rotore" monodimensionale vale il teorema di Stokes
Z P2

P1

Roti pdxi = P2

P1 :

132

W. GORDON

(99')

Divi F = F ik k ;

(100')

Divik S = S ikmm ;

(101')

Divikm L = Likmnn e .

Abbassando gli indi i otteniamo le omponenti ovarianti. I tensori da (94) a (101)


sono rispettivamente identi i ai tensori da (94') a (101'), poi he oin idono in un
sistema geodeti o.
Dalla rappresentazione da (94') a (101') risulta he non solo la de nizione geometri a, ma an he la de nizione formale del rotore e della divergenza puo essere
trasportata dall'analisi vettoriale ordinaria a quella generale. E noto he, se r e
l'operatore vettoriale (=x1 ; =x2 ; =x3 ), ed a e un vettore
(102)

rota = [ra (prodotto esterno),

(103)

diva = ra (prodotto interno).

Al posto di r appare l'operatore D. Il prodotto esterno di un vettore (tensore


lineare di primo grado) on i tensori lineari di grado 1, 2, 3 e . 'i , Fik , Sikm e .
e
(104)
(105)
(106)

[A'ik = Ai 'k

Ak 'i ;

[AF ikm = Ai Fkm + Ak Fmi + Am Fik ;


[AS ikmn = Ai Skmn Ak Smni + Am Snik

An Sikm e ..

Se il vettore A e in parti olare uno spostamento (1) , e il tensore lineare di grado


s ol quale lo si moltipli a esternamente e un tensore spaziale ad s dimensioni
ostruito on gli s spostamenti (2) , (3) , : : : (s+1) , an he il prodotto esterno e il
tensore spaziale ad s + 1 dimensioni ostruito on gli s + 1 spostamenti (1) , (2) ,: : :
(s+1) . Si de nis e in modo analogo il prodotto esterno di due tensori qualsiansi16 ,
16

Il prodotto esterno di di Aik e Bik e dato dallo sviluppo del determinante




i k m n




i k m n


[AB ikmn =
:

i k m n



i k m n

se ondo i minori delle prime due righe, ponendo nello sviluppo




i k


= Aik ;


i k



m n



= Bmn :
m n

Si vede subito he il prodotto esterno ambia segno per lo s ambio dei fattori solo se entrambi i
fattori sono di grado dispari.

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

133

ed in generale il prodotto esterno di due tensori he siano totalmente antisimmetri i


negli indi i da moltipli arsi (mentre non 'e bisogno he io a ada per gli indi i
rimanenti). Se per esempio Aik e antisimmetri o in i e k, e Bmn lo e in m ed n,
indi heremo on
(107)

A[kB[m[n

il prodotto esterno rispetto a questi indi i.


Con questi hiarimenti la de nizione formale generale del rotore di un tensore
lineare M e
(108)

Rot M = [DM :

E noto he il prodotto interno (per tensori arbitrari, non ne essariamente lineari)


onsiste nel pro esso di ontrazione degli indi i a moltipli are. Si ha quindi
(109)

Div M = DM;

dove la moltipli azione va e ettuata sull'ultimo indi e di M .


Analogamente alle formule (92) e (93) assieme alla (94) de niamo in generale
l'espressione delle onde W per un tensore lineare arbitrario M mediante
(110)

Div Rot M = Rot Div M  W M;

dove vale il segno superiore o l'inferiore a se onda he M sia di grado pari o dispari.
Per un tensore di primo grado 'i , per le (88), (95'), (99') e
Divi Rot ' = 'k ik

i':

'i kk = 'k ik

Per la quarta regola, formula (79), e

'k ik = 'k ki + Rhk ik 'h = 'k ki Ri h 'h ;


dove Rh k ik = Rk hik = Rk ihk e il tensore di urvatura ontratto. Tenendo onto
delle (94') e (98') sara quindi
Divi Rot ' = Roti Div '

i' Ri h'h

e il onfronto on la (110) insegna he


(111)

Wi ' = i ' + Ri h 'h :

E notevole he il termine aggiuntivo qui ontenga solo il tensore di urvatura ontratto.


Per un tensore di se ondo grado Fik per le (96') e (100') e
(112)

Divik Rot F = Fikl l + Fkli l + Flik l :

Il primo termine per la (89) e ik F , gli altri due sono insieme della forma Kki Kik ,
dove Kik = Filk l . Per la quarta regola, formula (80), si ha
l

Kik = Fil l k + Rh lk Fih + Rh ik Fhl ;

134

W. GORDON

ovvero introdu endo la divergenza (99') e il tensore di urvatura ontratto


l

Kik = (Divi F )k + Rkh Fhi + Rh ik Fhl ;


si he per la de nizione (95') del rotore

Kki Kik = Rotik DivF + Ri h Fhk

Rkh Fhi + Rh ki

l

Rhik Fhl :

A seguito delle proprieta di simmetria di Rikmn e in ne an ora Rhkim Rhikm =


Rikhm e per io la (112) va nella (110) per M = F on

Wik F = ik F + Ri h Fhk

(113)

Rkh Fhi + Rik hm Fhm :

Per la (104), fa endo uso della notazione (107), questa si puo an he s rivere

Wik F = ik F + R[ih Fh[k + Rik hmFhm :

(113')

Esattamente os si deriva per il tensore di terzo grado Sikm

WiklS = iklS + Ri h Shkl + Rkh Shli + Rl h Shik


;
+Rik hn Shnl + Rkl hn Shni + Rli hn Shnk

(114)

he per la (105) si puo ris rivere

WiklS = ikl S + R[ih Sh[k[l + R[i[khn Shn[l:

(114')

La formula generale per l'espressione delle onde W del tensore lineare di grado
s si s rive

Wi1 :::is M = i1 :::is M + R[i1 h Mh[i2:::[is


:
+R[i1[i2 hl Mhl[i3 :::[is

(115)

Dalle forme da (94) a (101) dei rotori e delle divergenze segue immediatamente
Div Div M = Rot Rot M = 0:

(116)

Se si prende quindi la divergenza, rispettivamente il rotore della (110), risulta


Div Rot Div M =  Div W M; Rot Div Rot M =  Rot W M:
Poi he il grado di un tensore ambia di un'unita formando la divergenza o il rotore,
la (110) appli ata a Div M e a Rot M da
Div Rot Div M = W Div M; Rot Div Rot M = W Rot M:
Risulta quindi
(117)

Div W M = W Div M; Rot W M = W Rot M:

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

135

L'espressione delle onde ommuta on Rot e Div.


Nel aso di due tensori lineari di grado M ed N eguale (poniamo se ondo), per
il prodotto interno M N , tenendo onto delle (98) e (98') per la 3a regola risulta


M ik ik N = M ik Nik l l = M ik Nik l


M ik l Nik l
l
1  p ik l 
=p
gM Nik
M ik l Nik l ;
g xl
e quindi
(118)

M N

N M =


o
n
p1g x l pg M ik Nik l N ik Mik l :

Qui si puo sostituire  on W ; infatti i termini aggiuntivi si elidono, ome si ri onos e dalle (111), (113), (114) e dalla formula generale (115), grazie alla simmetria
di Rik e rispettivamente di Rikmn negli indi i i; k e rispettivamente nelle oppie di
indi i (ik), (mn). Se integriamo la (118) su un volume tetradimensionale (elemento
di volume d = pgdx1 dx2 dx3 dx4 ), si ottiene dal teorema di Gauss17
(119)

(MW N

NW M )d =

(MNn

NMn ) dS

(dS elemento di super ie della super ie di ontorno, n derivata ovariante lungo


la normale esterna). Per l'espressione delle onde (e per l'operatore di Lapla e) vale
il teorema di Green 18 .

3.
Campo, tetrapotenziale, tensore di Hertz. Introdu endo le de nizioni (96) e (99)
le equazioni di erenziali per il ampo F si s rivono (di nuovo tralas iando le parentesi degli indi i)

(120)

Rot F = 0; Div F = 0:

Dalla (110) dis ende quindi


(121)

W F = 0:

W F e l'espressione (113) (nella quale s'ha da tener onto della regola 5). Il ampo
si propaga in modo ondulatorio. Per mezzo della regola di ommutazione (117)
si dimostra in modo del tutto analogo a quello della teoria lassi a19 la proprieta
inversa: una soluzione dell'equazione d'onda (121) he soddis ad un istante le
equazioni di ampo (120) lo fa sempre. La s omoda restrizione dei valori iniziali
puo essere attenuata o interamente rimossa, nel primo aso on l'introduzione del
17
18
19

W. Pauli jun.,
lo . it. formula (139a).
Le densita pg, pgW rappresentano quindi espressioni di erenziali autoaggiunte.
Vedasi E. Cohn, Das elektromagnetis he Feld, p. 410-412.

136

W. GORDON

tetrapotenziale ', nel se ondo on l'introduzione dell'esapotenziale Z , he hiameremo an he tensore di Hertz. (Giusti heremo subito questi nomi). Come nella
(39) poniamo

F = Rot';

(122)

on la quale per la (116) la prima equazione (120) sara soddisfatta. Dalla (93) segue
allora
(123)

Div F = Div Rot ' = Grad Div ' W ';

si he an he la se onda equazione (120) sara soddisfatta, quando ' obbedis e


all'equazione d'onda

Wi ' = i ' + Ri h 'h = 0

(124)
on la ondizione aggiuntiva

Div ' = 0:

(125)

Per la (116) i si puo in ne liberare di questa ponendo

' = Div Z:

(126)

Per la regola di ommutazione (117) risulta


(127)

W ' = W Div Z = Div W Z;

di modo he la (124) sara soddisfatta quando lo e l'equazione

W Z = 0:

(128)

Dalle (122) e (126) si ottiene la rappresentazione del ampo tramite l'esapotenziale

F = Rot Div Z;

(129)
ovvero per le (110) e (128)

F = Div Rot Z:

(129')

Tetra- ed esapotenziale soddisfano l'equazione delle onde.


Un sistema di parti elle ari he (nel seguito hiamate per brevita mole ola) di
ari a omplessiva e se ondo la teoria della relativita spe iale genera nel punto
d'universo P (x1 , x2 , x3 , x4 ) (per il resto di questa parte i fondiamo sulla teoria
elettroni a del vuoto) in prima approssimazione un tetrapotenziale20

(130)
20

'i =

eui
; R = (xr
R

r )ur

M. v. Laue, Relativitatstheorie I, formula (218); W. Pauli jun., lo . it., formula (238a).

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

137

(r , ur oordinata e tetravelo ita della mole ola all'intersezione della sua linea
d'universo on il ono del passato (xr r )(xr  r ) = 0 di P . In luogo del tempo
proprio s possiamo s egliere ome nella (14) un parametro arbitrario  , mediante il
quale sara determinata la posizione della mole ola lungo la sua linea d'universo. La
radi e he ompare nella (15) si elide al numeratore ed al denominatore e possiamo
s rivere

d r
e di
; R = (xr r ) :
R d
d
Se si annulla la ari a totale e, la mole ola e polarizzata elettromagneti amente
(la separazione in polarizzazione elettri a e magneti a dipende dalla separazione
in spazio e tempo). In questo aso la (130') non basta, ma o orre avanzare d'un
passo nell'approssimazione. Per la (126) Z pre ede ' di un grado di derivazione.
Supporremo quindi he in analogia on la (130') l'esapotenziale di un dipolo elettromagneti o sia rappresentato dalla formula
m
Zik = ik
R
'i =

(130')

(in prima approssimazione, nel aso he i momenti elettromagneti i m non si annullino). Se dividiamo in spazio e tempo se ondo lo s hema

F14 F24 F34 ; F23 F31 F12 = E; H;


'1 '2 '3 '4 = A; ';
Z14 Z24 Z34 ; Z23 Z31 Z12 = Z; Z0 ;
m14 m24 m34 ; m23 m31 m12 = p; m;

E, H intensita di ampo elettri a e magneti a, A, ' potenziali vettore e s alare, Z,


p vettori spaziali polari, Z0 , m vettori spaziali assiali. Pertanto la (126), e le (129),
(129') si suddividono nelle equazioni
_

(126')

A = Z + rotZ0 ; ' = divZ;

(129")

E = rot rotZ 1 Z_0 ; H = 1 rotZ_ + rot rotZ0 :

Dalla (128) risulta la onsueta equazione delle onde per Z e Z0 . Ma, se la mole ola
e a riposo (d 1 =d = d 2 =d = d 3 =d = 0), la (131) si suddivide in
(131')

Z=

p t

r
;

m t
Z0 =

r
;

(r=distanza P -mole ola):

Se m e per io Z0 sono uguali a zero, ome si ri onos e dalle (126'), (129") e
(131'), Z e uguale al vettore di Hertz per una mole ola polarizzata elettri amente
di momento p21 . Se inve e p = Z = 0, si otterranno dalle (126'), (129") assieme

Vedasi per esempio M. Plan k, Einfuhrung in die Theorie der Elektrizitat und des Magnetismus. x87, 88.
21

138

W. GORDON

alla (131') il potenziale ed il ampo di una mole ola polarizzata magneti amente
di momento m22 . Z0 e la ontroparte magneti a di Z. L'esapotenziale e la sintesi
tetradimensionale dei vettori di Hertz elettri o e magneti o.
Daremo il tensore di Hertz per una mole ola s ari a qualsiasi e os fa endo
onfermeremo la formula (131). Sia

i (; ) =  i ( ) +  i ;  = 1

(132)

la linea d'universo di una parti ella ari a di ari a e,  i ( ) la linea d'universo del
bari entro della mole ola, e quindi le  i , funzioni di  , oordinate relative della
parti ella. L'introduzione formale del fattore  serve in modo noto a trasformare
lo sviluppo rispetto alle  i e loro derivate rispetto a  nello sviluppo rispetto ad
. (Su essivamente si ripone  uguale ad 1). Per la (130') il tetrapotenziale della
parti ella e

dr
e i
; R = (xr r ) :
R 
d
dove  e la funzione di  e delle oordinate x1 , x2 , x3 , x4 di P he risulta dall'equazione
'i =

(133)

(xr

(134)

r )(xr

r ) = 0:

I se ondi membri delle (133) he originalmente (essendo le i le funzioni (132) di 


e  ) sono funzioni i (; ; x1 ; x2 ; x3 ; x4 ), si trasformano per la sostituzione di  in
funzioni i (; x1 ; x2 ; x3 ; x4 ):

1 ; x2 ; x3 ; x4 ) = i (; x1 ; x2 ; x3 ; x4 ):

i (; ; x

(135)

Per sviluppare se ondo  dobbiamo formare le derivate =,  2 =2 e etera.


La derivazione della (134) e della (135) da immediatamente
(136)


xk k  xr r r
 r
=
;
=
=
;
xk
R

R 
xr 

(136')

'i  i  i  d i 'i  i  i 
=
+
=
;
=
+
;


 
d xk xk  xk

da dove segue
(137)

'i  i
=



 i  r  i
 i
=
+
 xr 

xr

'i r
:
xr 

Per le quantita he qui ompaiono al se ondo membro si ottiene dalla (133)

 i e  2 i
=
 R 
22

e i r r


R2   

H.A. Lorentz, Enz. d. math. Wiss. V. 14. Nr. 15.

(xr

2
r ) r


LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

139

 i r
e i r r
=
xr  R2   




'i r

r
 r
=
'
+
'
:
i r
xr 
xr i 
x 
Sommando queste tre espressioni il se ondo termine della prima espressione si an ella on la se onda espressione. L'ultimo termine della prima espressione, per la
(133) e per la prima equazione (136) e


  2 r
 r
'i r
= 'i r
x 
x 

e si an ella quindi on l'ultimo termine della terza espressione. Per la prima


equazione (136) e per la de nizione di R nella (133) si ha


 i
xr 

   

 
=
=
;
  xr  


i

r
si he per il primo termine della prima espressione si puo s rivere x r 
  '
 i 
r
ovvero per l'annullarsi (125) della divergenza x r 
 ' . Otteniamo in on lusione


'i
 i r
= r
'
 x 

(138)

r i
'


ovvero, se introdu iamo la de nizione (104) del prodotto esterno di due vettori


'

= Div
' :



(138')

Appli ando la prima equazione (136') a 


 ' si ha inoltre
(139)

2' 

 
d 
= Div
' = Div
' = Div
2



 
d 


dove = va intesa prima ome funzione di  e delle x, in ne ome funzione di


 e di  . Dalla (138') e dalla (139) si vede he l'esapotenziale di una mole ola
polarizzata sara rappresentato da

Z =z+

(140)

1 dz 1 d2 z
+
+ :::
2! d 3! d2

dove per z si deve sostituire se ondo la (132), (133) e (138')




(140')

R = (xr






e
d
d
z=
' =

+  
;

R
d
d
d r
d
2 d
r )
 f(xr r ) r g +
(  r ):
d
d
2 d r

140

W. GORDON

( e la funzione di  e delle x data impli itamente dalla (134); z e le sue derivate


vanno prese per  = 0. Bisogna sommare su tutte le parti elle della mole ola.
Per al olare dz=d si osservi he per le (132), (136) e (140') e

 1
= f(x  ) r r  r )g ;
 R r r
;
d
d
R
=
f
(xr r ) r g +  (r  r )

d
d
quindi

R


dR R R 
 
=
R
;
=
+
= R
:



d
  
 
Inoltre si ottiene immediatamente dalla (140')
dz e
=
d R



d


+
d


Per  = 0 si ha quindi
(141)


d
e

;
z=
R d




dz e
d
e d
=

+ 2
(xr
d R
d
R d
d r
R = (xr r )
d
on l'abbreviazione
(141')

=



d
d

+  
d
d

r

) r

d

d









+ (xr
R

R
dr d r
=
+ (xr
 =0
d d

r )



r

) r

d

d



d2  r
:
d 2

Se nella (140) i si limita ai primi due termini, risulta


(140") Z =

e
d
m
+
(xr
R 2R2 d

on

r ) r 


d
d




+ (xr
R

r ) r 

d
d



d
e
d
m = e 
+ 
:
d
2
d

(140"')

Tralas iando i momenti del se ond'ordine  r r vale dunque la formula (131).


Se suddividiamo in spazio e tempo e s egliamo ome parametro  la variabile  4 = t
(allora sara d 4 =d = d4 =d = 1,  4 = 4 = 0), si ottengono per il momento
elettri o e per il momento magneti o le rappresentazioni
(142)

p=

es; m = p

v i + 1 X e hs u i :


2

Qui s indi a il vettore posizione delle parti elle spi ato dal bari entro della mole ola, v la velo ita di questo, u le velo ita relative delle parti elle. Le somme vanno

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

141

estese sulla on gurazione della mole ola al tempo t r= , dove r e la distanza


osservatore-mole ola a questo tempo. Per i due vettori Z e Z0 si trova per la (140"),
(1413 ) e (141')
(143) Z =

r 1

vr 

2r 2 1

vr 2

Z0 =
(143')

1dX
 X
es(rs) +
es(rs) ;
dt
r 1 v r

r 1

vr 

2r2 1

vr 2
)

  X h vi
1 d X h vi
e s (rs) +
e s (rs) ;
dt


r 1 v r

on23

v2 (v_ r)
+ 2 ;
2

dove r e il raggio vettore mole ola-osservatore, vr la omponente di v in questa
direzione, v_ = dv=dt. La (142) mostra he un os illatore di Hertz in moto possiede
un momento magneti o [pv= e he quindi per la rappresentazione del suo ampo
sono ne essari entrambi i vettori Z e Z0 .
Se poniamo H = F M le equazioni di ampo (2) si s rivono Div F = s +Div M .
Dalla (123) allora per la (125) si ha W ' = s Div M . Suddividiamo ' in due
parti '1 + '2 in modo tale he siano W '1 = s, W '2 = Div M , soddisfatte per
W Z = M . Con ludiamo quindi: Il ampo F si puo rappresentare on un tetraed un esapotenziale
=1

(143")

(144')

[s
[M
dV; Z =
dV;
r
r
(dV elemento di volume spaziale, [ valore al tempo t r= )

F = Rot ' + Rot Div Z; ' =

dei quali il primo e in relazione on la tetra orrente, il se ondo on l'esapolarizzazione. Dalla (143) e (143') si ottiene (tras urando i momenti di se ond'ordine)

B=N

es; M = B

v i + 1 N X e hs u i


2

(N numero delle mole ole nell'unita di volume). Questa e la ben nota rappresentazione del ampo nella teoria degli elettroni.24 ) Dal su menzionato momento
magneti o di una mole ola polarizzata in moto dis ende l'azione magneti a della
orrente di Rontgen.

4.
I raggi. Il aso nel quale per ondizioni iniziali date il ampo debba essere determinato in ogni parti olare non orrisponde alle situazioni he si presentano in
23
24

Vedasi M. Abraham, Theorie der Elektrizitat 2. 4a edizione. Formula (72 ).


H.A. Lorentz, lo . it.; W. Dallenba h, Ann. d. Phys. 523. 1919.
58.

142

W. GORDON

generale nell'otti a. In essa apita piuttosto di onos ere la velo ita dei \raggi",
per poter stimare gli e etti d'interferenza introdotti dal moto e dal ampo gravitazionale.
Con gli sviluppi pre edenti abbiamo ottenuto l'apparato formale utilizzato nell'otti a elettromagneti a lassi a. Nella trattazione del nostro attuale problema
possiamo attener i ompletamente ai metodi lassi i25 . Come abbiamo visto, se
s egliamo il tensore di Hertz ome mezzo di rappresentazione del ampo elettromagneti o, i basta o upar i solo dell'equazione d'onda e non abbiamo da tener
onto di nessuna ondizione aggiuntiva. Per Z fa iamo l'ipotesi

Z = A os E + a

(145)

( ostante, E uno s alare, A ed a tensori lineari di se ondo grado). Per la regola


3 della se onda parte si ha (tras urando an ora le parentesi degli indi i)

Zl = Al os E

AEl sin E + al ;

Z = Zl l = Al l os E 2Al E l sin E AEl l sin E 2 AEl E l os E + al l ;


e quindi per la (92) e la (113)
(146)

W Z = 2 AEl E l os E

1
2(Al E l + AW E ) sin E
2
+ os E  W A + W a = 0:

Per raggi s'intendono linee he, se si tras ura il fenomeno della di razione, possono on nare lateralmente omplessi luminosi, e he si omportano indipendentemente l'una dall'altra. Per he si possa pres indere dalla di razione le lunghezze
d'onda devono essere pi ole rispetto alle dimensioni dell'apparato. Per formulare
matemati amente quest'ipotesi diamo al parametro  la dimensione e l'ordine di
grandezza del re ipro o d'una lunghezza d'onda . Le derivate prime di E hanno
allora l'ordine di grandezza dei oseni direttori e dell'indi e di rifrazione, quindi
l'ordine di grandezza 1. Per un modo d'esprimersi meno pesante assumeremo inoltre he ds (e quindi an he d) e le oordinate x abbiano le dimensioni di lunghezze.
(gik , gik , ik , ik sono allora adimensionali). Chiamiamo una grandezza lentamente variabile26 se la sua variazione relativa e quella delle sue derivate (ordinarie)
e pi ola sull'intervallo , ioe P 0 =P  1, P 00 =P 0  1 e ., dove P; P 0 ; P 00 e .
rappresentano l'ordine di grandezza della quantita onsiderata e delle sue derivate.
Allora l'ipotesi he dobbiamo fare per he si possa parlare di raggi suona os: A,
E 0 ; ik siano lentamente variabili, a sia pi olo rispetto ad A. Inoltre le oordinate
possono essere s elte in modo he gik ed ui siano (al piu) dell'ordine 1. (Cio vale
allora an he per gik ed ui ). Se e di quest'ordine, abbiamo
A00
A0

1; 0  1; E 0  1; E 00  1;  1;  0  1;
A
A
(147)
 00
 1; a  A:
0
25 Vedasi per esempio J. Hadamard, Le
ons sur la propagation des ondes, Paris 1902, pagg.
331 segg.; H.A. Lorentz, Abh. uber theor. Physik, pag. 415.
26 H.A. Lorentz, lo . it.

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

143

Lenta variabilita di A e pi olezza di a ( he sara rapidamente variabile) signi ano


he si possono tras urare i fenomeni al bordo, l'ipotesi su E 0 limite alla urvatura
del fronte d'onda (di razione in prossimita del punto immagine), lenta variabilita di
ik vuol dire: le velo ita ed i ampi di gravitazione ( he sono rapidamente variabili)
sus itati dall'azione me ani a e gravitazionale della lu e sono os pi oli he si puo
tras urare la loro reazione sulla propagazione della lu e, e per gik ed ui si devono
intendere solo le quantita provo ate dall'esterno (lentamente variabili).
L'ordine di grandezza della derivata prima ovariante e per la (73) P 0 + 0 P ,
quello dalla se onda quindi (P 0 + 0 P )0 + 0 (P 0 + 0 P )  P 00 + 00 P + 0 P 0 + 0 2 P
(per uno s alare si deve porre P = O), quello del tensore di urvatura per la (82)
e 00 + 0 2 e quindi quello di W Z per le (92), (113), (146) e (147)
(146')


A 1 0 0
+ (A + A + AE 00 ) + A00 + 0 A0 + 00 A + 0 2 A + (a)
2
 

((a) si ostruis e analogamente all'espressione pre edente). Se in essa tras uriamo


le derivate se onde e i prodotti delle derivate prime delle quantita lentamente variabili, ome pure il termine di di razione a, dobbiamo onsiderare nella (146) solo
i termini on  e on 2 he, ome si vede dalle (147) e (146'), sono di ordine di
grandezza diverso. Pertanto la (146) si s ompone nelle due equazioni
(148)

El E l = lr

(149)

Al E l =

E E
= 0;
xl xr
1
AW E:
2

La (148) e l'equazione di erenziale di Ja obi di un problema \me ani o" on la


funzione di Hamilton H = 12 lr pl pr , dove pl = E=xl sono gli impulsi. Se ondo
le equazioni anoni he si ha
(150)

dxi H
=
= ir pr = pi = E i ; ( =parametro) .
d pi

Quindi

1 dxl dxr
H = lr
;
2 d d
R
si he le equazioni di Lagrange he dis endono dal problema variazionale Hd
sono le equazioni
  k
d2 xi
i dx dxl = 0
(151)
+
kl d d
d 2
delle linee geodeti he27 (della varieta on l'elemento di linea d), e in parti olare,
poi he per le (148) e (150)
(152)
27

lr

dxl dxr
= 0;
d d

Vedasi per esempio W. Pauli jun., lo . it. Nr. 15.

144

W. GORDON

si tratta di linee geodeti he nulle.


A ausa della variabilita lenta di lr si puo risolvere la (148) on funzioni E
lentamente variabili. Se sostituiamo la soluzione nella (149), per la (150) sussistono,
tenendo onto della de nizione (72) della derivata ovariante, equazioni della forma
dA
(153)
= funzione lineare omogenea di A,
d
ioe onsuete equazioni di erenziali lineari omogenee per le omponenti di A, i oef ienti delle quali si ompongono on le derivate prime e se onde di E e on i simboli
a tre indi i ( ostruiti on ik ), quindi sono funzioni lentamente variabili note. Dalla
(153) si determinano le variazioni dell'ampiezza A lungo le linee geodeti he nulle,
quando siano noti i valori iniziali per un  . Questi valori iniziali possono esser
s elti arbitrariamente linea nulla per linea nulla, sotto la restrizione he essi siano
lentamente variabili. Ma a pres indere da questo le ampiezze sono del tutto indipendenti tra loro. Per la linearita e per l'omogeneita dell'equazione (153) l'annullarsi
dell'ampiezza in un punto ha per onseguenza l'annullarsi sull'intera linea nulla he
passa da questo punto. Per io le linee geodeti he nulle possono on nare regioni
d'universo al di fuori delle quali le ampiezze si annullano. Dalla (148) e dalla (150)
segue inoltre
dE
(148')
= 0;
d
ioe la fase E resta ostante lungo ogni linea nulla.
Dobbiamo an ora dimostrare he l'ultima delle disequazioni (147) puo essere
soddisfatta. Per le (148) e (149) la (146) si ridu e a
(154)
W a = W A  os E:
Dobbiamo quindi risolvere l'equazione delle onde non omogenea. Questa soluzione puo essere e ettuata per mezzo del teorema di Green (119) in linea di prin ipio allo stesso modo ome nella teoria lassi a. La soluzione sara rappresentabile
28
mediante un integrale della forma
Z

a = (G os EW A)L dx1 dx2 dx3 ;

dove G e una funzione he, ome nella teoria lassi a, e in nita del prim'ordine
nell'origine, e l'indi e L denota il ono del passato us ente dall'origine. La teoria delle serie di Fourier i insegna he a puo esser reso arbitrariamente pi olo
aumentando , ioe diminuendo la lunghezza d'onda29 . Siamo quindi pervenuti al
risultato he i raggi nei orpi in moto sono rappresentati dalle linee geodeti he nulle
della varieta on l' elemento di linea d2 = ik dxi dxk . Per la (148') la velo ita del
raggio e uguale alla velo ita di fase lungo il raggio.
Da d2 = 0 segue per la (26) ds2 = [1 1=()(ui dxi )2 . Per  > 1 le
linee d'universo dei raggi hanno quindi direzione temporale. Esiste per io una
tetravelo ita del raggio, he per la (15) e la (150) (reintrodu endo le parentesi per
gli indi i) e uguale a
E (i)
(i) = ir E :
;
E
(155)
wi = p
xr
gmn E (m) E (n)
Dall'esistenza d'una tetravelo ita segue30 la validita del teorema di addizione delle
28
29
30

M. v. Laue, Berl. Ber. 1922, p. 118.


Vedi per esempio M. Born, Dynamik der Kristallgitter, appendi e.
W. Pauli jun., lo . it., Nr. 25.

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE SECONDO LA TEORIA...

145

velo ita.
Come esempio per la propagazione della lu e in un orpo in presenza d'un ampo
gravitazionale prendiamo il aso di un mezzo in quiete in un ampo entrifugo (esperimento di Harress). Usando oordinate polari e restringendosi al piano si ha
(156)

ds2 = dx12 + x12 dx22

2! 2
x dx dx
1 2 4


!2 x12
dx42
2

(x1 raggio vettore, x2 angolo polare, ! velo ita angolare).


Poi he la materia e in
q
2 2
p
quiete, si ha u1 = u2 = u3 = 0, u4 = 1= g44 = 1= 1 ! x21 . Le omponenti
ovarianti sono

u1 = 0; u2 = g24 u4 =

!x 2
q 1
;
2 2
1 ! x21

u4 = g44 u4 =

!2 x12
:
2

Da qui se ondo la (18) si trova per i ik




22 =

1
1

!2 x12 x 2
1
 2
;
2
2
! x1
2

! 2
1
24 =
x1 ; 44 =
1




!2 x12
:
2

Le restanti ik sono uguali alle gik . Sara quindi


(157)

1
d2 = dx12 + x12 
1

!2 x12
 2
2
!2 x12 dx2
2


2! 2
x dx dx
 1 2 4

1
!2 x12
1
dx24 :

2

Tras urando !2 le (156) e (157) si ridu ono a


(156')

ds2 = dx12 + x12 dx22

2! 2
x dx dx
1 2 4

dx42 ;

(157')

d2 = dx12 + x12 dx22

2! 2
x dx dx
 1 2 4

dx42
:


Da ds2 = 0 si derivano i fenomeni nel vuoto (esperimento di Sagna 31 ). In questo


aso la di erenza dei tempi di ir olazione di due raggi he girano in verso opposto
e p
t = 4!F= 2 (F super ie
ir ondata). Se ora si sostituis e nella (156') x4 on
x4 =  ed ! on !=p, si ottiene la (157'). Ma on questa sostituzione la formula
per t va in se stessa. Essa vale quindi an he in un mezzo ponderabile32 .
Berlin, Institut fur theoretis he Physik.

(ri evuto il 28 maggio 1923)


31 P. Langevin, Compt. Rend. 173, 831, 1921; R. Ortvay, Phys. Zeits hr.
, 176, 1922.
32 M. v. Laue, Relativit
atstheorie I, x24 d.
23

146

M. V. LAUE
Sull'elettrodinami a di Minkowski dei orpi in movimento1
M. v. Laue

(Ri evuto il 19 luglio 1950)


In questa elettrodinami a non si e pervenuti nora a una s elta tra il tensore di Minkowski e
altre ipotesi. Il primo e non simmetri o e pertanto ontraddi e la formulazione di Plan k per la
legge dell'inerzia dell'energia: densita d'impulso uguale orrente d'energia divisa per il quadrato
della velo ita della lu e. Le altre ipotesi rispettano per l'appunto la simmetria del tensore, e quindi
quella formulazione della legge d'inerzia. Questo lavoro dimostra he l'ipotesi di Minkowski e quella
giusta.

x1. Poi he nelle nostre argomentazioni dobbiamo prendere le mosse dai fondamenti dati da Minkowski dell'elettrodinami a dei orpi, ne riassumiamo in primo
luogo l'essenziale.
Des rivono il ampo elettromagneti o due esavettori, M e B; essi e gli esavettori
ad essi duali M e B sono posti in orrispondenza alle intensita di ampo E ed H,
allo spostamento elettri o D e all'induzione magneti a B mediante le equazioni:
M10 = M23 = iE1 ; M20 = M31 = iE2 ; M30 = M12 = iE3 ;
M23 = M10 = B1 ; M31 = M20 = B2 ; M12 = M30 = B3 ;
(1)
B10 = B23 = iD1 ; B20 = B31 = iD2 ; B30 = B12 = iD3 ;
B23 = B = H1 ; B31 = B = H2 ; B12 = B = H3 :
10

20

30

Allora valgono le equazioni, s ritte in forma tetradimensionale, ma altrimenti immutate rispetto a quelle introdotte da Maxwell

 
M = 0;
x
X 
B = P ;
DivB = P; ioe
x

DivM* = 0; ioe
(2)

( = 1; 2; 3; 0)

nelle quali P indi a il tetravettore della orrente elettri a. Oltre a queste equazioni
appaiono le equazioni materiali he introdu ono la ostante dielettri a " e la permeabilita . Esse ontengono la tetravelo ita Y del orpo e si s rivono:
(3)

[Y B = " [Y M ; [Y M =  [Y B :

Il prodotto vettoriale he qui appare fra un tetravettore A ed un esavettore F e


de nito dalle equazioni:
(4)

[AF =

A F ( = 1; 2; 3; 0) :

Zur Minkowskis hen Elektrodynamik der bewegten Korper, Zeits hr. f. Phys.
(1950).
1

128

, 387-394

SULL'ELETTRODINAMICA DI MINKOWSKI DEI CORPI IN MOVIMENTO

147

Il tensore d'universo T ha per qualsiasi ipotesi le omponenti he risultano dallo


s hema seguente:

(5)

T=

8
>
>
>
>
>
>
>
<

p11

p12

p13

i g1

p21

p22

p23

i g2

>
>
p31
>
>
>
>
>
:i
S

p32

p33

i g3

i
S2

i
S3

9
>
>
>
>
>
>
>
=
>
>
>
>
>
>
>
;

p e il tensore degli sforzi di Maxwell, g la densita d'impulso, S la densita della


orrente d'energia, W la densita d'energia del ampo elettromagneti o. L'equazione
(6)

T
= F ( = 1; 2; 3; 0)
x

DivT = F ovvero

ontiene la tetraforza F e formula, quando la si tradu a in tre dimensioni, le leggi


dell'impulso e dell'energia. La forza F he agis e sul volume unitario del orpo,
le omponenti della quale oin idono on le omponenti di F di egual indi e, ha
quindi il valore:
(7)

F = divp tg = E + 1 [IB ;

dove  indi a la densita di ari a, I la orrente di onduzione e


(8)

E = E + 1 [qB

indi a la \forza elettromotri e", pur he seguendo Minkowski si estenda ai orpi in
movimento dai orpi a riposo, per i quali Maxwell la introdusse, l'ipotesi di Maxwell
su p. Esso si s rive:
(9)

1
2

p = E D H B + f(ED) + (HB)g ( ; = 1; 2; 3):

Esso e simmetri o per i orpi isotropi a riposo, per i quali E e D, H e B hanno la


stessa direzione, ma non per i ristalli (non ubi i) ne in generale per orpi in moto,
per i quali i vettori E e D, H e B hanno direzioni diverse. Gia H. Hertz2 ha er ato di sostituirlo mediante la parte simmetri a 21 (p + p ). Cio e ontraddetto
pero dalle numerose esperienze sulla oppia eser itata da un ampo magneti o omogeneo su sfere ristalline3 : il momento tor ente deriva dalla parte antisimmetri a
1 (p p ). Ma inoltre si ha un riterio per il tensore d'universo, he e soddi2
sfatto dall'ipotesi di Minkowski, e da nessuna delle altre: la velo ita di radiazione
w = S=W di un'onda piana deve soddisfare il teorema di Einstein di addizione delle

Hertz, H.: Wiedemanns Ann. , 369 (1890). Untersu hungen uber die Ausbreitung der
elektris hen Kraft, p. 282. Hertz rimanda an he a H. v. Helmoltz, Wiedemanns Ann. , 400
(1881).
3 Voigt, W.: Manuale di si a dei ristalli, p. 487. Con le ondizioni attuali delle bibliote he
non e stato possibile pro urarsi i lavori originali itati da Voigt.
2

41

13

148

M. V. LAUE

velo ita. Se infatti un punto materiale si muove entro un'onda piana limitata (w
e una velo ita inferiore a quella della lu e), esso resta permanentemente \in lu e",
e questo fatto non puo essere eliminato per trasformazione passando ad un altro
sistema di riferimento4 .
L'ipotesi di Minkowski ri ondu e il tensore T agli esavettori M e B mediante
l'equazione:
X
1
(10)
T = M B
(MB) :
2

Cio signi a se ondo la (5) he per tutti i sistemi di riferimento si ha:


(11)

g = 1 [DB ; S = [EH ; W = 12 f(ED) + (HB)g :

Essa e inoltre in a ordo on la (9). Un'onda piana ha quindi la velo ita di radiazione:
(12)
w = 1 [EH
:
2 f(ED) + (HB)g
Al numeratore ome al denominatore e presente il quadrato del seno he appare
nella (13). Ma w e per onto suo indipendente dalle quattro oordinate d'universo.

x2. Si rappresenta l'onda piana mono romati a polarizzata linearmente quando


poniamo M e B proporzionali a
(13)

sin 2

A x

on ias uno un esavettore ostante per fattore di proporzionalita. L'argomento del


seno e Lorentz-invariante; di onseguenza le A ostituis ono un tetravettore, he
hiamiamo \vettore impulso". Dalle equazioni di Maxwell (2) on P = 0 dis ende
quindi se ondo la (4)
(14)
[AM = 0; [AB = 0:
Un esavettore e rappresentato in generale mediante due elementi di super ie piana
on senso di rotazione, mutuamente ortogonali. Per la (14) M e B sono tuttavia dati
da un solo si atto elemento di super ie; il arattere algebri o per tali esavettori si
s rive:
1X
(MM ) =
M M = 0;
2
(14a)
1X
(BB ) =
B B = 0:
2

Sulla base di quest'idea l'autore [Ann. Phys. , 989 (1907) ha fondato la trasformazione
della velo ita di radiazione e la teoria dei oe ienti di trasporto di Fresnel, ma senza riferimento
ad un tensore d'universo. A. S heye [Ann. Phys. , 805 (1909) a erma he solo il tensore di
Minkowski soddisfa questo riterio; tuttavia il suo puo essere onsiderato solo un abbozzo della
prova piu ir ostanziata he vien data qui.
4

23

30

SULL'ELETTRODINAMICA DI MINKOWSKI DEI CORPI IN MOVIMENTO

149

Se s egliamo il sistema di oordinate in modo tale he delle sei omponenti di M


siano diverse da zero solo M23 e M10 , la (14) a erma:
[AM 1 = A0 M10 = 0; [AM 2 = A3 M23 = 0;
[AM 0 = A1 M01 = 0; [AM 3 = A2 M32 = 0:
Queste equazioni onsentono solo due possibilita. O si ha

M10 = 0 e A2 = A3 = 0
ovvero

M23 = 0 e A1 = A0 = 0:

In entrambi i asi la nostra asserzione e provata. Si vede inoltre he il tetravettore A e ortogonale ad M . Poi he lo stesso vale per B, A e la perpendi olare
omune alle super i he rappresentano M e B, e quindi esse gia iono entrambe
nello spazio tridimensionale perpendi olare ad A, e di onseguenza hanno una linea
d'intersezione, he di per se determina a meno di un fattore s alare un tetravettore
A . Previa opportuna normalizzazione lo hiamiamo il vettore del raggio dell'onda
piana. Si ha
(15)

[A M = 0; [A B = 0; (AA ) = 0:

La linea d'intersezione delle super i he rappresentano M e B e la perpendi olare omune alle super i he rappresentano M e B e appartiene allo spazio
tridimensionale perpendi olare ad A.
Ma dalla (14) segue inoltre l'annullarsi del prodotto s alare
(16)

(MB) =

1X
M B :
2

Se A ha la direzione di x3 , le super i he rappresentano M e B gia iono nello


spazio x0 x1 x2 , di modo he delle omponenti di questi si annullano tutte quelle negli
indi i delle quali ompare il 3. Nel suddetto spazio possiamo poi ruotare il sistema
di oordinate in modo he delle omponenti di B sia diversa da zero soltanto B12 .
Sara quindi
(17)

(MB) = M12 B12 = M30 B12 = 0;

poi he M30 e nulla. Per la (1) e la (11) quest'equazione signi a


(18)

(ED) = (HB) = W:

Nella (11) la densita d'energia W e suddivisa in una parte elettri a (ED) =2 ed in


una parte magneti a (HB) =2. Le due sono tra loro uguali per l'onda piana. Dalla
(14a) segue tenendo onto della (1)
(18a)

(EB) = (HD) = 0:

150

M. V. LAUE

x3.

Il vettore impulso A e ne essariamente di tipo spaziale. Se rappresentiamo


l'onda piana in tre dimensioni mediante
(

(19)

3
1X
ex
 1

sin 2 t

)!

( frequenza,  lunghezza d'onda, e vettore unitario nella direzione della normale


all'onda), il onfronto on la (13) mostra he:
(20)

A =

e ( = 1; 2; 3) ; A =
0


i
:

Inoltre il quadrato del valore assoluto di A e


(21)

1
A2 = 2


2
2


e nel sistema a riposo K 0 del orpo, nel quale se ondo Maxwell si ha  0 0 = 2 =
1= (") < 1,

(22)

1
A2 = 02 1


1
> 0:
"

Il vettore del raggio A e inve e ne essariamente di tipo temporale. Cio risulta


dalle equazioni materiali (3).
Per la dimostrazione s egliamo il sistema di riferimento K r , nel quale A ha la
direzione x3 e inoltre x1 e x2 sono ortogonali alla tetravelo ita Y del orpo. In esso
i vettori di ampo M e B hanno si uramente solo le omponenti seguenti:

M10 = M23 ; M20 = M31 ; M12 = M30 ;


B10 = B23 ; B20 = B31 ; B12 = B30 :

Come intersezione delle super i he li rappresentano A deve an he soddisfare alle


seguenti equazioni derivanti dalle (15):
(23)

A1 M20 + A2 M01 + A0 M12 = 0;


A1 B20 + A2 B01 + A0 B12 = 0:

Ma per questo aso le equazioni materiali (3) ora di ono:

Y0 B10 = "Y3 M13 ; Y0 B20 = "Y3 M23 ; 0 = "Y3 M30 ;


Y0 M31 = Y3 B10 ; Y0 M32 = Y3 B20 ; 0 = Y3 B12 :
Da esse, oltre a "Y32 = Y02 , segue l'annullarsi di B12 e di M30 = M12 ; se ondo
le (23) e quindi A1 = A2 = 0; se ondo l'ultima delle (15) risulta inoltre A3 = 0,
quindi solo la omponente A0 e diversa da zero. Il suo valore resta qui an ora
indeterminato.
Poi he il vettore A e di tipo temporale, lo si puo per ogni sistema di riferimento
ri ondurre ad un vettore s dello spazio mediante le equazioni:

SULL'ELETTRODINAMICA DI MINKOWSKI DEI CORPI IN MOVIMENTO


(24)

A =

151

i
s
( = 1; 2; 3) ; A0 = p 2
;
2
2
(s)
(s)2

nella quale assumiamo la radi e ome positiva; di onseguenza

A2 = 1;

(25)

quindi negativo. Con io per A risulta ssato an he il fattore nora indeterminato.
Dalle (20) e dall'ultima delle (15) si ottiene sotto queste ir ostanze:
(es) = 1:

(25a)

x4. Per mezzo delle (1) e delle (20) segue dalle (14):


B = 
[eE ; D =
[eH :


(26)

Parimenti per le (1) e (24) dis ende dalle prime due delle (15):


E = 
[sB ; H = [sD :

(27)

Se ondo l'ipotesi di Minkowski [Eq. (10) e se ondo la (18) la densita d'impulso e


la orrente d'energia saranno di onseguenza
(28)

1
e
e
[D [eE = (ED) = W;
g = 1 [DB = 


S = [EH =  [E [sD =  s (ED) =  sW;

e quindi la velo ita di radiazione sara

w =  s:

(29)

Per la (24) essa e in rapporto on il vettore del raggio A se ondo le relazioni

(30)

A =

p 2w 2 ( = 1; 2; 3) ; A0 = p 2i 2 ;
w
w

he hanno esattamente la stessa forma delle relazioni tra la velo ita tridimensionale
q di un punto materiale e la sua tetravelo ita Y . E per io dimostrato he on
l'ipotesi di Minkowski per il tensore d'universo T vale per w il teorema di Einstein
di addizione delle velo ita.
Ma l'equazione (28) mostra inoltre: L'impulso dell'onda piana ha in ogni sistema
di riferimento la direzione della normale d'onda e. Questa d'altra parte e legata
se ondo la (20) al tetravettore A, al quale per io abbiamo dato il nome di vettore
impulso. Gli esavettori M e B rappresentabili mediante una qualsiasi super ie
individuano tra tutte le direzioni del mondo tetradimensionale la loro perpendi olare
omune, ioe la direzione di A, e la loro linea d'intersezione, ioe la direzione di A .

152

M. V. LAUE

A questi due tetravettori orrispondono in ogni sistema di riferimento le direzioni


spaziali aratteristi he dell'onda piana, quella dell'impulso e quella del raggio.
Il ragionamento pre edente e no all'equazione (27) in lusa indipendente da ogni
ipotesi su T . Per la nostra dimostrazione l'equazione (29) e non solo su iente,
ma an he ne essaria, per he proprio il vettore s e in relazione on A [Eq. (24).
Dalla (27) segue he s e ortogonale ad E e ad H. Questa proprieta si estende per
la (29) ai vettori w e S, e porta quindi, a meno di un fattore di proporzionalita ,
all'ipotesi di Minkowski per S. Di ontro se ondo l'ipotesi di Abraham5,


[DB)
S = 2 g = [EH + q (q; [EH
;
2
q2

S ha in generale un'altra direzione; essa quindi non porta al teorema di addizione


delle velo ita per la velo ita di radiazione w. Nel aso di un'onda piana nello spazio

vuoto si ha un solo vettore aratteristi o; esso e singolare ed e perpendi olare a se


stesso. Nel nostro aso esso si separa nel vettore di tipo spaziale A e nel vettore di
tipo temporale A , he per la (15) sono tra loro ortogonali.

x5. Trattiamo l'onda piana an ora una volta nel sistema di oordinate K r utilizzato pre edentemente. Se ondo il x3 in esso sono diverse da zero solo le due
omponenti di M e di B:

M10 = B1 ; M20 = B2 ;
B10 = iD1 ; B20 = iD2 :
Le intensita di ampo E ed H, ma an he le omponenti x3 di D e B, sono nulle. La
normale d'onda ha la direzione x3 , poi he io vale per A. Inve e la orrente d'energia
S e la velo ita di radiazione w sono nulle, poi he tutte le omponenti spaziali di
A in questo sistema di riferimento si annullano. Inoltre la densita d'energia W a
ausa dell'annullarsi delle intensita di ampo e zero. Per la tetravelo ita del orpo
vale, ome su a ennato:
1 2
Y ;
Y1 = Y2 = 0; Y32 =
" 0
ioe per la sua velo ita spaziale

2
q1 = q2 = 0; q23 = "
:

Ma =p" e la velo ita di radiazione nel orpo a riposo. In K r il orpo si muove


quindi on questa velo ita in direzione opposta alla normale d'onda. In ne segue da
A0 = 0 se ondo la (20) l'annullarsi della frequenza  , mentre la lunghezza d'onda
 se ondo la (21) assume il valore nito A3 1 .
In K r esiste quindi un'onda sinusoidale stazionaria on le intensita di ampo
nulle e on spostamento D e induzione B ostanti nel tempo. La sua energia e zero.
5 Abraham, M.: Rendi onti Palermo
(1909); , 33 (1910). - Phys. Z. , 737 (1909). Ann. Phys. , 537 (1914). - Grammel, R.: Ann. Phys. , 517 (1913). - Kafka, H.: Ann. Phys.
, 1 (1919).
28

44

58

30

10

41

SULL'ELETTRODINAMICA DI MINKOWSKI DEI CORPI IN MOVIMENTO

153

Entro essa il orpo s orre on la velo ita = " opposta a quella della normale d'
onda.
Se a res iamo q oltre questo valore mantenendo la sua direzione opposta ad e,
la sola omponente della velo ita di radiazione non nulla per simmetria, ossia w3 ,
sara negativa. Poi he ne la lunghezza d'onda  ne [se ondo la (25a) la omponente
s3 del vettore s parallela ad e possono ambiar segno, per la (20) la frequenza sara
quindi  < 0, osa he signi a he la fase ora res e in senso opposto alla normale
d'onda e. Per la (27) questo ambio di segno si trasmette ad E e ad H, ma non
ai vettori D e B, he non si annullano in K r . Quindi per la (18) W sara ora
negativa. Il vettore di Poynting S mantiene inve e la sua direzione [se ondo la
(11). Il ambio di segno di w3 deriva dal ambio di segno del denominatore W he
ompare nella (12).
Riepilogo
Poi he il tensore d'universo di Minkowski non simmetri o T e il solo possibile
per l'elettrodinami a della materia, non si puo ritenere valida in generale la formulazione g = S= 2 della legge dell'inerzia dell'energia. Cio si a orda on la
dimostrazione, he G.U. S hubert6 ha dato, he il tensore d'universo asso iato alla
super orrente e nonsimmetri o, e quindi parimenti ontraddi e quella forma della
legge d'inerzia.

S hubert, G.U.: Ann. Phys. , 163 (1949).


6

154

H. MINKOWSKI
Le equazioni fondamentali per i pro essi elettromagneti i
nei orpi in movimento1
Hermann Minkowski

Presentato nella seduta del 21 di embre 1907.


Sommario. Introduzione: teoria di Lorentz; teorema, postulato, prin ipio della
relativita.- x1. Notazioni.
Parte prima: Trattazione del aso limite dell'etere. - x2. Le equazioni fondamentali per l'etere. - x3. Il teorema della relativita di Lorentz. - x4. Trasformazioni di
Lorentz spe iali. - x5. Vettori dello spazio-tempo di I e di II spe ie. - x6. Con etto
di tempo.
Parte se onda: I pro essi elettromagneti i. - x7. Le equazioni fondamentali per
i orpi in quiete. - x8. Le equazioni fondamentali per i orpi in moto. - x9. Le
equazioni fondamentali nella teoria di Lorentz. - x10. Le equazioni fondamentali
se ondo E. Cohn. - x11. Rappresentazione tipi a delle equazioni fondamentali. x12. L'operatore di erenziale lor. - x13. Il prodotto dei vettori di ampo fF. - x14.
Le forze ponderomotri i.
Appendi e: Me ani a e postulato di relativita. - Linee dello spazio-tempo,
tempo proprio, aggiustamento del prin ipio di Hamilton, legge dell'energia ed equazioni del moto, gravitazione.
Sulle equazioni fondamentali dell'elettrodinami a per i orpi in moto al momento
presente regnano an ora delle divergenze di opinione. Le ipotesi di Hertz2 (1890)
devono essere abbandonate, poi he si e dimostrato he esse sono in ontrasto on
diversi risultati sperimentali.
Nel 1895 H.A. Lorentz3 ha pubbli ato la sua teoria dei fenomeni otti i ed elettri i
nei orpi in moto he, fondandosi su una rappresentazione atomisti a dell'elettri ita,
on il suo grande su esso sembra giusti are le ardite ipotesi dalle quali essa e
sorretta e permeata. La teoria di Lorentz4 parte da erte equazioni originarie, he
devono valere in ogni punto dell'\etere" e da l perviene mediante la formazione
di valori medi su regioni \in nitamente pi ole dal punto di vista si o", he gia
ontengano moltissimi elettroni, alle equazioni per i pro essi nei orpi ponderabili.
In parti olare la teoria di Lorentz da onto dell'inesistenza di un moto relativo
della terra rispetto all'etere luminoso; essa porta questo fatto in relazione on una
ovarianza di quelle equazioni originarie rispetto a erte trasformazioni simultanee
dei parametri spaziali e temporali, he hanno ri evuto da Poin are5 il nome di
trasformazioni di Lorentz. Per quelle equazioni originarie la ovarianza per trasformazioni di Lorentz e un fatto puramente matemati o, he hiamero il teorema

Die Grundglei hungen fur die elektromagnetis hen Vorgange in bewegten Korpern, Na hri hten von der Kgl. Gesells haft der Wissens haften zu Gottingen, Jahrgang 1908, 53-111.
2 \Ueber die Grundglei hungen der Elektrodynamik f
ur bewegte Korper". Wiedemanns Ann.
p. 369. 1890 (an he in: \Ges. Werke", vol. I, p. 256. Leipzig 1892).
3 \Versu h einer Theorie der elektris hen und optis hen Ers heinungen in bewegten K
orpern",
Leiden 1895.
4 vedi En yklop
adie der math. Wissens haften, vol. V 2, art. 14. \Weiterbildung der
Maxwells hen Theorie. Elektronentheorie."
5 Rend. Cir . Matem. Palermo, t. XXI (1906), p. 129.
1

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 155


della relativita; questo teorema si fonda essenzialmente sulla forma dell'equazione
di erenziale per la propagazione di onde on la velo ita della lu e.
Ora i si puo aspettare, senza fare an ora professione di fede in erte ipotesi sulla
relazione tra elettri ita e materia, he quel teorema matemati amente evidente estenda le sue onseguenze os in la, he per esso an he le leggi nora s onos iute
relative ai mezzi ponderabili assumano in qual he modo una ovarianza rispetto
alle trasformazioni di Lorentz. Si esprime os piu un atto di du ia he un giudizio
ompiuto, e hiamero questo atto di du ia il postulato della relativita. La situazione e all'in ir a ome quando si postula la onservazione dell'energia in asi per
i quali le forme di energia he intervengono non siano an ora note.
Se si arrivasse a sostenere l'attesa ovarianza ome una determinata onnessione
tra quantita direttamente osservabili per i orpi in moto, si potrebbe poi hiamare
questa determinata onnessione il prin ipio della relativita.
Queste distinzioni mi paiono utili a aratterizzare lo stato attuale dell'elettrodinami a dei orpi in movimento.
H.A. Lorentz ha trovato il teorema di relativita e reato il postulato di relativita
ome un'ipotesi per la quale gli elettroni e la materia in onseguenza del moto
sperimentano ontrazioni se ondo determinate leggi.
A. Einstein6 ha nora espresso nel modo piu netto il fatto he questo postulato non e un'ipotesi arti iosa, ma piuttosto un'interpretazione di tipo nuovo del
on etto di tempo he si impone attraverso i fenomeni.
Tuttavia il prin ipio della relativita nel senso da me ri onos iuto non e stato
nora formulato per l'elettrodinami a dei orpi in moto. Con la formulazione di
questo prin ipio nella presente dissertazione ottengo le equazioni fondamentali per
orpi in moto in una forma he e determinata mediante questo prin ipio in modo
ompletamente univo o. Si dimostrera inoltre he nessuna delle forme nora proposte per queste equazioni si onforma esattamente a questo prin ipio.
Ci si aspetterebbe prima di tutto he le equazioni fondamentali assunte da
Lorentz per orpi in moto soddisfa essero il postulato di relativita. Risulta tuttavia he io non a ade per le equazioni generali he Lorentz assume per orpi
arbitrari, an he magnetizzati, ma he io a ade in modo approssimato (qualora
si tralas i il quadrato delle velo ita della materia rispetto al quadrato della velo ita della lu e) per quelle equazioni he Lorentz ha dedotto poi per orpi non
magnetizzati; egli perviene tuttavia a questo adeguamento su essivo al postulato
di relativita solo per il fatto he la ondizione di assenza di magnetizzazione e per
suo onto imposta in un modo he non si onforma al postulato di relativita, ossia
mediante una ompensazione asuale di due infrazioni del postulato di relativita.
Questa onstatazione tuttavia non signi a al una obiezione ontro le ipotesi di
teoria mole olare di Lorentz, ma soltanto si rende hiaro he l'ipotesi della ontrazione degli elettroni a ausa del moto dovrebbe essere introdotta nella teoria di
Lorentz in un punto pre edente a quello da Lorentz adottato.
In un'appendi e mi addentro poi sulla posizione della me ani a lassi a rispetto
al postulato di relativita. Un aggiustamento di fa ile realizzazione della me ani a al postulato di relativita darebbe per i fenomeni osservabili di erenze a
malapena per ettibili, ma porterebbe ad una onseguenza assai sorprendente: on
l'imposizione preventiva del postulato di relativita i si pro ura lo strumento su iente a dedurre poi tutte le leggi della me ani a solo dalla legge della onservazione
6

Ann. d. Phys. , p. 891, 1905.


17

156

H. MINKOWSKI

dell'energia (e da asserzioni sulle forme dell'energia).

x1. Notazioni.
Sia dato un sistema di riferimento x; y; z; t di oordinate rettilinee nello spazio
e nel tempo. L'unita di tempo sia s elta in rapporto tale on l'unita di lunghezza
he la velo ita della lu e sia 1 nello spazio vuoto.
Sebbene di per se avrei preferito non alterare le notazioni utilizzate da Lorentz,
mi pare tuttavia importante far risaltare n dall'inizio erte uniformita mediante
un'altra s elta dei simboli. Indi hero il vettore
della forza elettri a on E, dell'induzione magneti a on M, dell'induzione
elettri a on e, della forza magneti a on m, di modo he appariranno E, M, e,
m al posto degli E, B, D, H di Lorentz.
Faro uso inoltre di quantita omplesse in un modo he nora non era onsueto
nelle ri er he si he,p ioe operero inve e he on t on l'espressione it, dove i indi a
l'unita immaginaria 1. Saranno d'altra parte messi in evidenza i fatti veramente
importanti, poi he utilizzero una notazione on indi i, ossia spesso porro

x1 ; x2 ; x3 ; x4 al posto di x; y; z; it
e faro quindi un uso generale degli indi i 1, 2, 3, 4. Ma si avra poi a he fare,
ome espressamente sottolineo, sempre soltanto on un piu hiaro insieme di
relazioni puramente reali, ed il passaggio a equazioni reali si otterra sempre
immediatamente, pur di interpretare i simboli on un indi e 4 sempre ome di
valore immaginario, e quelli senza indi e 4 o on due indi i 4 sempre ome di valore
reale.
Un singolo sistema di valori x; y; z; t ovvero x1 ; x2 ; x3 ; x4 si hiamera un
punto dello spazio-tempo.
Inoltre w indi hera il vettore velo ita della materia, " la ostante dielettri a,
 la permeabilita magneti a,  la ondu ibilita della materia, tutte intese ome
funzioni di x; y; z; t (ovvero x1 ; x2 ; x3 ; x4 );  indi hera la densita spaziale
elettri a, s un vettore \ orrente elettri a", sulla de nizione del quale verremo in
seguito (nei x7 e 8).

Parte prima: Trattazione del aso limite dell'etere.

x2. Le equazioni fondamentali per l'etere.


La teoria di Lorentz ri ondu e le leggi dell'elettrodinami a dei orpi ponderabili
mediante rappresentazioni atomisti he dell'elettri ita a leggi piu sempli i; a queste
leggi piu sempli i i ri ondu iamo qui parimenti ri hiedendo he esse debbano
rappresentare il aso limite " = 1,  = 1,  = 0 delle leggi per i orpi ponderabili.
In questo aso limite ideale " = 1,  = 1,  = 0 dev'essere E = e; M = m, ed in
ogni punto x; y; z; t dello spazio-tempo devono valere le equazioni:
(I)
(II)

rot m

e
= w;
t

div e = ;

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 157


m
(III)
rot e +
= 0;
t

div m = 0:

(IV)

S rivero ora x1 , x2 , x3 , x4 al posto di x, y, z , it (i =

1); inoltre

1 ; 2 ; 3 ; 4 al posto di wx ; wy ; wz ; i;


ioe delle omponenti della orrente di onvezione w e della densita di elettri ita
moltipli ata per i; inoltre porro

f23 ; f31 ; f12 ; f14 ; f24 ; f34 al posto di mx ; my ; mz ; iex ;

iey ;

iez ;

ioe delle omponenti di m e rispettivamente di ie se ondo gli assi, in ne an ora


in generale on due indi i h; k presi dalla sequenza 1, 2, 3, 4:

fkh = fhk ;
quindi porro

f32 = f23 ; f13 = f31 ; f21 = f12 ;


f41 = f14 ; f42 = f24 ; f43 = f34 :
Allora le tre equazioni riassunte nella (I) e l'equazione (II) moltipli ata per i si
s rivono:
f12 f13 f14
+
+
= 1 ;
x2 x3 x4
f21
f
f
+ 23 + 24 = 2 ;
x1
x3 x4
(A)
f
f31 f32
+
+ 34 = 3 ;
x1 x2
x4
f41 f42 f43
+
+
= 4 ;
x1 x2 x3
D'altra parte le tre equazioni riassunte nella (III), moltipli ate per i, e l'equazione (IV), moltipli ata per 1 , si trasformano in
f34 f42 f23
+
+
= 0;
x2 x3 x4
f43
f
f
+ 14 + 31 = 0;
x1
x3 x4
(B)
f24 f41
f
+
+ 12 = 0;
x1 x2
x4
f32 f13 f21
+
+
= 0:
x1 x2 x3
Con questo modo di s rivere si nota immediatamente la ompleta simmetria sia
del primo he del se ondo di questi sistemi d'equazioni rispetto alle permutazioni
degli indi i 1, 2, 3, 4.

158

H. MINKOWSKI

x3. Il teorema della relativita di Lorentz.


Il modo di s rivere le equazioni (I) - (IV) on il simbolismo del al olo
vettoriale serve notoriamente a porre in evidenza un'invarianza (o meglio
ovarianza) del sistema di equazioni (A) ome pure del sistema (B) rispetto
ad una rotazione del sistema di oordinate attorno all'origine. Eseguiamo
per esempio una rotazione attorno all'asse x di un angolo sso ' mantenendo ssi
nello spazio i vettori e, m, w; introdu iamo quindi al posto di x1 ; x2 ; x3 ; x4 nuove
variabili x01 ; x02 ; x03 ; x04 mediante
x01 = x1 os ' + x2 sin '; x02 = x1 sin ' + x2 os '; x03 = x3 ; x04 = x4 ;
inoltre nuove quantita 01 ; 02 ; 03 ; 04 mediante
0 1 = 1 os ' + 2 sin '; 0 2 = 1 sin ' + 2 os '; 0 03 = 3 ; 0 4 = 4 ;
0 ; : : : f34
0 mediante
nuove quantita f12
0 = f23 os ' + f31 sin '; f 0 = f23 sin ' + f31 os ';
f23
31
0 = f14 os ' + f24 sin '; f 0 = f14 sin ' + f24 os ';
f14
24
0 = f 0 (h; k = 1; 2; 3; 4);
fkh
hk

0 = f12 ;
f12
0 = f34 ;
f34

allora dal sistema (A) derivera ne essariamente il sistema esattamente orrispondente (A') tra le nuove quantita primate, da (B) il sistema esattamente orrispondente (B').
Pertanto si puo dedurre immediatamente senza al un al olo sulla base
della simmetria del sistema (A) e del sistema (B) negli indi i 1, 2, 3, 4 il
teorema della relativita trovato da Lorentz.
Intendero on i una quantita puramente immaginaria e onsiderero la sostituzione
x0 = x1 ; x0 = x2 ;
(1)
x0 3 = x3 os i + x4 sin i ; x0 4 = x3 sin i + x4 os i :
Mediante
(2)

i tan i =

sara
dove 1 < q < 1 e
(3)

e e
e +e

os i =
p

= q;

1
1+q
= log nat
2
1 q

iq
; sin i = p
;
2
1 q
1 q2

1 q2 va preso ol segno positivo. S riviamo an ora

x01 = x0 ; x02 = y0 ; x03 = z 0 ; x04 = it0 ;

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 159


allora la sostituzione (1) assume la forma
(4)

z qt 0
x0 = x; y0 = y; z 0 = p
;t =
1 q2

qz + t
1 q2

on oe ienti puramente reali.


Se ora sostituiamo nelle su itate equazioni per la rotazione attorno all'asse x
ovunque 1, 2, 3, 4 on 3, 4, 1, 2 e ontemporaneamente ' mediante i , e se ontemporaneamente a questa sostituzione (1) introdu iamo nuove quantita 01 ; 02 ; 03 ; 04
mediante
0 1 = 1 ; 0 2 = 2 ;
0 3 = 3 os i + 4 sin i ; 0 4 = 3 sin i + 4 os i ;
0 ; : : : f34
0 mediante
nuove quantita f12
0 = f41 os i + f13 sin i ; f 0 = f41 sin i + f13 os i ; f 0 = f34 ;
f41
13
34
0 = f32 os i + f42 sin i ; f 0 = f32 sin i + f42 os i ; f 0 = f12 ;
f32
42
12
0 = f 0 (h; k = 1; 2; 3; 4);
fkh
hk
parimenti il sistema (A) andra nel sistema esattamente orrispondente (A'), il sistema (B) nel sistema esattamente orrispondente (B') tra le nuove quantita primate.
Tutte queste equazioni si possono immediatamente ris rivere in forma puramente
reale, e l'ultimo risultato si puo formulare os:
Si assuma la trasformazione reale (4) e si onsiderino poi x0 ; y0 ; z 0 ; t0 ome un
sistema di riferimento per lo spazio ed il tempo; siano parimenti introdotti
(5) 0 = 

qwz + 1
p
; 0 w0z0 = 
1 q2

wz q
p

1 q2

; 0 w0x0 = wx ; 0 w0y0 = wy ;

inoltre
(6)

e0x0 = epx qm2y ; m0y0 = pqex + m2 y ; e0z0 = ez ;


1 q

1 q

e
(7)

qmx + ey 0
x + q ey 0
p
m0x0 = m
2 ; ey0 = p
2 ; mz0 = mz ;
1 q

1 q

allora7 per i vettori w0 ; e0 ; m0 on le omponenti w0x0 , w0y0 , w0z0 ; e0x0 , e0y0 , e0z0 ;
m0x0 , m0y0 , m0z0 nel nuovo sistema di oordinate x0 ; y0 ; z 0 e inoltre per la quantita
0 valgono esattamente le equazioni (I')-(IV') analoghe alle (I)-(IV), e piu pre isamente il sistema (I), (II) va in (I'), (II'), il sistema (III), (IV) in (III'), (IV').
Osserviamo he qui ex qmy ; ey + qmx ; ez sono le omponenti del vettore e +[vm,
quando v indi a un vettore nella direzione dell'asse z positivo di modulo jvj = q e

Le equazioni (5) sono qui in ordine diverso, le equazioni (6) e (7) sono inve e nello stesso
ordine delle equazioni su itate, he da queste derivano.
7

160

H. MINKOWSKI

[vm il prodotto vettore dei vettori v ed m. Analogamente poi mx + qey ; my qex ; mz


sono le omponenti del vettore m [ve.
Le equazioni (6) e (7), os ome stanno appaiate l'una sotto l'altra, si possono
riassumere on un altro utilizzo delle quantita immaginarie in

e0x0 + im0x0 = (ex + imx ) os i + (ey + imy ) sin i ;


e0y0 + im0y0 = (ex + imx ) sin i + (ey + imy ) os i ;
e0z0 + im0z0 = ez + imz ;
e osserviamo an ora he quando ' indi a un qual he angolo reale, da queste ultime
relazioni si ottengono inoltre le ombinazioni
(8)


(e0x0 + im0x0 ) os ' + e0y0 + im0y0 sin '
= (ex + imx ) os (' + i ) + (ey + imy ) sin (' + i ) ;

(9)


(e0x0 + im0x0 ) sin ' + e0y0 + im0y0 os '
= (ex + imx ) sin (' + i ) + (ey + imy ) os (' + i ) :

x4. Trasformazioni di Lorentz spe iali.


Il ruolo he la direzione z gio a nella trasformazione 4 puo essere fa ilmente
esteso ad una direzione qualsiasi, pur he si sottopongano i sistemi di assi x; y; z e
x0 ; y0 ; z 0 ad una ed uguale rotazione rispetto a se stessi. Giungiamo os ad una
legge piu generale.
Sia v on le omponenti vx ; vy ; vz un dato vettore, on un modulo jvj = q
diverso da zero he sia minore di 1; esso abbia una erta direzione. Intendiamo
in generale on v una direzione qualsiasi ortogonale a v e indi hiamo inoltre la
omponente di un vettore r lungo la direzione v ovvero lungo la direzione v on rv
ovvero rispettivamente on rv .
Al posto di x; y; z; t si introdu ano ora nuove quantita x0 ; y0 ; z 0 ; t0 nel modo
seguente. Si indi hi per brevita on r il vettore on le omponenti x; y; z nel primo
sistema di riferimento, on r0 quello on le omponenti x0 ; y0 ; z 0 nel se ondo sistema
di riferimento; allora per la direzione di v dovra essere
(10)

r0v = prv qt2 ;


1 q

per ogni direzione v perpendi olare a v:


(11)

r0v = rv ;

e inoltre:
(12)

qr + t
t0 = p v 2 :
1 q

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 161


Le notazioni r0v e r0v vanno qui intese nel senso he alla direzione v e a ogni
direzione v ortogonale a v in x; y; z e sempre asso iata la direzione on gli stessi
oseni direttori in x0 ; y0 ; z 0 .
Chiamero trasformazione di Lorentz spe iale una trasformazione he sia rappresentata dalle (10), (11), (12) on la ondizione 0 < q < 1, e v si dira il vettore,
la direzione di v l'asse, il modulo di v il momento di questa trasformazione di
Lorentz spe iale.
Siano inoltre os de niti, in x0 ; y0 ; z 0 , 0 ed i vettori w0 ; e0 ; m0 :
(13)

(14)

0 =

 ( qwv + 1)
p
;
1 q2

w q
0 w0v = p v 2 ; 0 w0v = wv ;
1 q

inoltre8 e
(15)

(e + im i [w; e + im)v
p
;
(e0 + im0 )v =
1 q2
(e0 + im0 )v = (e + im i [w; e + im)v ;

e quindi risulta la legge, se ondo la quale i sistemi di equazioni (I), (II) e


(III), (IV) vanno ias uno nel sistema esattamente orrispondente on le
quantita primate.
La soluzione delle equazioni (10), (11), (12) porta a
(16)

r0v + qt0 ; r = r0 ; t = p
qr0v + t0
rv = p
:
v
v
1 q2
1 q2

Esponiamo ora un'osservazione assai importante nel seguito sulla relazione tra
i vettori w e w0 . Si puo far uso della notazione on gli indi i 1, 2, 3, 4 gia utilizzata piu volte, on la quale poniamo x01 ; x02 ; x03 ; x04 al posto di x0 ; y0 ; z 0 ; it0 e
01 ; 02 ; 03 ; 04 al posto di 0 w0x0 ; 0 w0y0 ; 0 w0z0 ; i0 . Come una rotazione attorno
all'asse z , an he la trasformazione (4) e piu in generale la trasformazione (10), (11),
(12) e evidentemente una trasformazione lineare di determinante +1, per la quale
(17)
va in

x21 + x22 + x23 + x24 ; ioe x2 + y2 + z 2

t2

x0 21 + x0 22 + x0 23 + x0 24 ; ioe x0 2 + y0 2 + z 0 2 t0 2 :

In base alle espressioni (13), (14) an he



21 + 22 + 23 + 24 = 2 1 w2x

w2y w2z = 2 1 w2

Le parentesi tonde ra hiuderanno solo espressioni he si riferis ono all'indi e, e [w; e + im


indi hera il prodotto vettore di w ed e + im.
8

162

H. MINKOWSKI


andra in 0 2 1 w0 2 , ovvero in altre parole


p

 1 w2 ;

(18)

nel quale la radi e quadrata va assunta positiva, sara un invariante per trasformazioni di Lorentz.
Se dividiamo 1 ; 2 ; 3 ; 4 per questa quantita, risultano i 4 valori

w1 =

p wx 2 ; w2 = p wy 2 ; w3 = p wz 2 ; w4 = p i 2 ;
1 w
1 w
1 w
1 w

tra i quali sussiste la relazione

w12 + w22 + w32 + w42 = 1:

(19)

Evidentemente questi 4 valori sono determinati univo amente dal vettore w, e vi eversa da 4 valori w1 ; w2 ; w3 ; w4 dei quali w1 ; w2 ; w3 siano reali, iw4 reale
e positivo, e he soddis no la ondizione (19), si ri ava a ritroso se ondo queste
equazioni un vettore w di modulo < 1.
L' importanza di w1 , w2 , w3 , w4 sta nel fatto he essi sono i rapporti tra dx1 ,
dx2 , dx3 , dx4 e
(20)

(dx21 + dx22 + dx23 + dx24 ) = dt 1 w2

per la materia he si trova nel punto dello spazio-tempo x1 , x2 , x3 , x4 , quando lo


stesso punto della materia passa ad uno stato prossimo nel tempo. Ora le equazioni
(10), (11), (12), si estendono immediatamente ai di erenziali dx, dy, dz , dt e dx0 ,
dy0 , dz 0 , dt0 , e si avra in parti olare

dx21 + dx22 + dx23 + dx24 =


dx0 21 + dx0 22 + dx0 23 + dx0 24 :

In seguito ad ese uzione della trasformazione di Lorentz si deve prendere ome


velo ita della materia nel nuovo sistema di riferimento nello stesso punto dello
spazio-tempo x0 , y0 , z 0 , t0 il vettore w0 on i rapporti dx0 =dt0 , dy0 =dt0 , dz 0 =dt0 ome
omponenti.
Inoltre e hiaro he il sistema di valori

x1 = w1 ; x2 = w2 ; x3 = w3 ; x4 = w4 ;
in forza della trasformazione di Lorentz (10), (11), (12) va proprio in quel nuovo
sistema di valori
x0 1 = w0 ; x0 2 = w0 ; x0 3 = w0 ; x0 4 = w0 ;

he dopo la trasformazione ha per la velo ita w0 proprio il signi ato he prima


della trasformazione aveva per la velo ita il primo sistema di valori.
Se in parti olare il vettore v della trasformazione spe iale di Lorentz e uguale
al vettore velo ita w della materia nel punto dello spazio-tempo x1 , x2 , x3 , x4 ,
dis ende dalle (10), (11), (12):

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 163


w10 = 0; w20 = 0; w30 = 0; w0 = i4 :
In questa situazione il punto in questione dello spazio-tempo a quista a seguito della
trasformazione la velo ita w0 = 0; esso sara, per os dire, trasformato
alla quiep
te. Possiamo per io opportunamente hiamare l'invariante  1 w2 la densita a
riposo dell'elettri ita.

x5. Vettori dello spazio-tempo di I e di II spe ie.


Unendo il risultato fondamentale relativo alle trasformazioni di Lorentz on il
fatto he sia il sistema (A) he il sistema (B) sono in ogni aso ovarianti rispetto
ad una rotazione del sistema di riferimento spaziale attorno all'origine otteniamo il
teorema generale della relativita. Per formularlo in modo fa ilmente omprensibile puo essere onveniente de nire una serie di espressioni abbreviate, mentre
d'altra parte ontinuero ad utilizzare quantita omplesse, per porre in evidenza
determinate simmetrie.
Una trasformazione lineare omogenea
x1 = 11 x01 + 12 x02 + 13 x03 + 14 x04 ;
x2 = 21 x01 + 22 x02 + 23 x03 + 24 x04 ;
(21)
x3 = 31 x01 + 32 x02 + 33 x03 + 34 x04 ;
x4 = 41 x0 + 42 x0 + 43 x0 + 44 x0 ;

1
2
3
4
di determinante +1, nella quale tutti i oe ienti nei quali non ompaia nessun
indi e 4 siano reali, mentre 14 ; 24 ; 34 ome pure 41 ; 42 ; 43 siano immaginari
puri (eventualmente zero), e in ne 44 sia di nuovo reale e in parti olare > 0, e
mediante la quale
x21 + x22 + x23 + x24 vada in x0 21 + x0 22 + x0 23 + x0 24 ;
la hiamero in generale una trasformazione di Lorentz.
Se si pone
x0 1 = x0 ; x0 2 = y0 ; x0 3 = z 0 ; x0 4 = it0 ;
da essa risulta immediatamente una trasformazione lineare omogenea di x; y; z; t
in x0 ; y0 ; z 0 ; t0 on oe ienti puramente reali, per la quale l'espressione

x2 y2 z 2 + t2 va in x0 2 y0 2 z 0 2 + t0 2 ;
e a un qualsiasi si atto sistema di valori x; y; z; t on t positivo, per il quale
quest'espressione sia > 0, orrisponde sempre an he un t0 positivo; questo risulta
fa ilmente evidente dalla ontinuita dell'espressione in x; y; z; t.
L'ultima riga verti ale del sistema di oe ienti della (21) deve soddisfare la
ondizione
(22)
214 + 224 + 234 + 244 = 1:
Siano 14 = 0, 24 = 0, 34 = 0 , allora 44 = 1 e la trasformazione di Lorentz si
ridu e ad una pura rotazione del sistema di oordinate spaziale attorno all'origine.

164

H. MINKOWSKI

Siano 14 , 24 , 34 non simultaneamente nulli e si ponga

14 : 24 : 34 : 44 = vx : vy : vz : i;
allora dalla (22) risulta il valore

q = v2x + v2y + v2z 1=2 < 1:

D'altra parte, per ogni sistema di valori 14 ; 24 ; 34 ; 44 he soddis in


questo modo la ondizione (22) on vx ; vy ; vz reali, si puo ostruire la trasformazione di Lorentz spe iale (16) on 14 ; 24 ; 34 ; 44 ome ultima riga verti ale
e ogni trasformazione di Lorentz on la suddetta ultima riga verti ale dei oe ienti
puo quindi essere omposta da questa trasformazione di Lorentz spe iale e da una
orrispondente rotazione del sistema di oordinate spaziale attorno all'origine.
La totalita delle trasformazioni di Lorentz ostituis e un gruppo.
Per vettore dello spazio-tempo di I spe ie si intendera un arbitrario sistema
di quattro quantita 1 ; 2 ; 3 ; 4 on la pres rizione he per ogni trasformazione
di Lorentz (21) esso venga sostituito da quel sistema 01 ; 02 ; 03 ; 04 he si ottiene
dalla (21) per i valori x01 ; x02 ; x03 ; x04 , quando per x1 ; x2 ; x3 ; x4 si assumano i
valori 1 ; 2 ; 3 ; 4 .
Impieghiamo oltre al vettore dello spazio-tempo di I spe ie variabile x1 , x2 , x3 ,
x4 un se ondo si atto vettore dello spazio-tempo di I spe ie variabile u1 , u2 , u3 ,
u4 , e ostruiamo l'espressione bilineare
(23)

f23 (x2 u3 x3 u2 ) + f31 (x3 u1 x1 u3 ) + f12 (x1 u2 x2 u1 )


+f14 (x1 u4 x4 u1 ) + f24 (x2 u4 x4 u2 ) + f34 (x3 u4 x4 u3 )

on sei oe ienti f23 ; : : : f34 . Notiamo he da un lato essa si puo s rivere on


notazione vettoriale a partire dai 4 vettori

x1 ; x2 ; x3 ; u1 ; u2 ; u3 ; f23 ; f31 ; f12 ; f14 ; f24 ; f34


e dalle ostanti x4 e u4 , e dall'altro e simmetri a negli indi i 1, 2, 3, 4. Se si sostituis ono simultaneamente x1 ; x2 ; x3 ; x4 e u1 ; u2 ; u3 ; u4 se ondo la trasformazione
di Lorentz (21), la (23) si trasforma in un'espressione
0 (x0 u0 x0 u0 ) + f 0 (x0 u0 x0 u0 ) + f 0 (x0 u0 x0 u0 )
f23
2 3 3 2
31 3 1 1 3
12 1 2 2 1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0 (x0 u0 x0 u0 )
+f14 (x1 u4 x4 u1 ) + f24 (x2 u4 x4 u2 ) + f34
3 4 4 3
0 ; : : : f34
0 he dipendono soltanto dalle 6 quantita
on 6 determinati oe ienti f23
f23 ; : : : f34 e dai 16 oe ienti 11 ; 12 : : : 44 .
De niamo un vettore dello spazio-tempo di II spe ie ome un sistema di sei
quantita f23 ; f31 ; f12 ; f14 ; f24 ; f34 , on la pres rizione he per ogni trasformazione
0 ; f31
0 ; f12
0 ; f14
0 ; f24
0 ; f34
0 , he si
di Lorentz sia sostituito da quel nuovo sistema f23
onforma alla relazione dis ussa prima della forma (23) on la forma (24).
Esprimo d'ora in poi nel modo seguente il teorema generale della relativita
riguardante le equazioni (I)-(IV), le \equazioni fondamentali per l'etere".
Si sottopongano x, y, z, it ( oordinate spaziali e tempo i) ad una trasformazione di Lorentz arbitraria, e simultaneamente si trasformino wx , wy ,

(24)

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 165


wz , i ( orrente di onvezione e densita di ari a i) ome vettore dello
spazio-tempo di I spe ie, ed inoltre mx , my , mz , iex , iey , iez (forza magneti a ed induzione elettri a  i) ome vettore dello spazio-tempo di II
spe ie; allora il sistema delle equazioni (I), (II) ed il sistema delle equazioni
(III), (IV) vanno ias uno nel sistema delle relazioni he si s rivono in modo
orrispondente tra le orrispondenti quantita nuove introdotte.
Questi fatti si possono esprimere piu brevemente an he a parole: il sistema
(I), (II) ome il sistema (III), (IV) e ovariante per ogni trasformazione di Lorentz,
pur he si trasformi w; i ome vettore dello spazio-tempo di I spe ie, m; ie ome
vettore dello spazio-tempo di II spe ie. O in modo an ora piu pregnante:
w; i e un vettore dello spazio-tempo di I spe ie, m; ie e un vettore
dello spazio-tempo di II spe ie. Aggiungo an ora al une osservazioni, per hiarire il on etto di vettore dello
spazio-tempo di II spe ie. Gli invarianti per un tale vettore m; ie sono evidentemente
(25)
m2 e2 = f232 + f312 + f122 + f142 + f242 + f342 ;
(26)

me = i (f23 f14 + f31 f24 + f12 f34 ) :

Un vettore dello spazio-tempo di II spe ie m; ie (dove m ed e sono vettori spaziali


reali) puo dirsi singolare quando lo s alare quadrato (m ie)2 = 0, ioe si abbia
m2 e2 = 0 e parimenti me = 0, ioe i vettori m ed e abbiano ugual modulo e inoltre
siano tra loro ortogonali. Quando io avviene, queste due proprieta del vettore dello
spazio-tempo di II spe ie permangono per ogni trasformazione di Lorentz.
Se il vettore dello spazio-tempo di II spe ie m; ie non e singolare, ruotiamo
il sistema di oordinate spaziale in modo he il prodotto vettore [me vada sull'asse
z , di modo he sia mz = 0; ez = 0. Allora (mx iex )2 + (my iey )2 6= 0 , quindi
(ey + imy ) = (ex + imx ) e diverso da i e possiamo determinare un argomento omplesso ' + i in modo tale he sia
(e + imy )
tan (' + i ) = y
:
(ex + imx )
Quindi, tenendo onto dell'equazione (9), mediante la trasformazione (1) orrispondente a , e una su essiva rotazione attorno all'asse z di un angolo ', si ompira
una trasformazione di Lorentz, per la quale si avra an he my = 0, ey = 0, quindi
ora sia m he e adranno entrambi lungo la nuova linea x; per io e ssato a priori
mediante gli invarianti m2 e2 e (me) quale sia la grandezza di questi vettori e se
essi abbiano direzione uguale od opposta, ovvero se uno sia nullo.

x6. Con etto di tempo.


Mediante le trasformazioni di Lorentz sono onsentite erte modi azioni del
parametro temporale. In onseguenza di io non e piu onsentito parlare della
simultaneita di due eventi di per se. L'utilizzo di questo on etto presuppone
anzi he la liberta dei 6 parametri, he e disponibile per la determinazione di un
sistema di riferimento per lo spazio ed il tempo, sia ristretta a solo 3 parametri.
Solo per he siamo abituati a trattare questa restrizione ome evidente on grande

166

H. MINKOWSKI

approssimazione, riteniamo il on etto di simultaneita di due eventi ome esistente


di per se9 . In realta si ha a he fare on la situazione seguente.
Un sistema di riferimento x; y; z; t per i punti dello spazio-tempo (eventi) sia
in qual he modo noto. Si onfronti un punto dello spazio A (x0 ; y0 ; z0 ) al tempo
t0 = 0 on un altro punto dello spazio P (x; y; z ) ad un altro tempo t, e la di erenza
dei tempi t t0 (sia t > t0 ) sia minore della lunghezza AP , ioe del tempo he la
lu e impiega a propagarsi da A a P , e sia q il quoziente t t0 =AP < 1; allora
mediante la trasformazione di Lorentz spe iale, he ha AP ome asse e q ome
momento, possiamo introdurre un nuovo parametro temporale t0 he (vedi Eq. (12)
nel x4) attribuis e ad entrambi i punti dello spazio-tempo A; t0 e P; t lo stesso
valore t0 = 0; questi due eventi si possono quindi intendere an he ome simultanei.
Introdu iamo poi ad uno stesso tempo t0 = 0 due punti distinti dello spazio
A; B oppure tre punti dello spazio A; B; C he non gia iano su una retta, e
onfrontiamo on essi un punto dello spazio P fuori dalla retta AB ovvero dal
piano ABC ad un altro tempo t, e la di erenza dei tempi t t0 (sia t > t0 ) sia
minore del tempo he la lu e impiega a propagarsi dalla retta AB o dal piano ABC
no a P , e sia q il quoziente tra il primo ed il se ondo tempo; allora eseguendo
la trasformazione di Lorentz spe iale, he ha ome asse la perpendi olare ondotta
per P ad AB , ovvero rispettivamente ad ABC , ed ha q ome momento, tutti e 3
(rispettivamente 4) gli eventi A; t0 ; B; t0 ; (C; t0 ) e P; t appaiono ome simultanei.
Se tuttavia quattro punti dello spazio he non gia iano su un piano vengono
onsiderati ad uno stesso tempo t0 , non e piu possibile introdurre mediante una
trasformazione di Lorentz una modi azione del parametro temporale senza he il
arattere di simultaneita di questi quattro punti dello spazio-tempo vada perduto.
Al matemati o, he e abituato a onsiderazioni su varieta multidimensionali e
inoltre alle ostruzioni on ettuali della osidetta geometria non eu lidea, non puo
provo are al una di olta seria l'adattare il on etto di tempo all'impiego delle
trasformazioni di Lorentz. Al bisogno di a ostarsi all'essenza di queste trasformazioni dal punto di vista si o viene in ontro l'arti olo di A. Einstein itato
nell'Introduzione.

Parte se onda: I pro essi elettromagneti i.

x7. Le equazioni fondamentali per i orpi in quiete.


Dopo questa esposizione introduttiva, nella quale abbiamo sviluppato l'apparato
matemati o alquanto piu ristretto per il aso limite ideale " = 1,  = 1,  = 0, i
rivolgiamo ora alle leggi per i pro essi elettromagneti i nella materia. Cer hiamo
quelle relazioni he - presupponendo opportuni dati al ontorno - rendano possibile
trovare, ad ogni punto e per ogni tempo, quindi ome funzioni di x; y; z; t: i vettori
della forza elettri a E, dell'induzione magneti a M, dell'induzione elettri a e, della
forza magneti a m, la densita spaziale elettri a , il vettore \ orrente elettri a s"
(la relazione della quale on la orrente di onduzione dovra poi ri onos ersi dal
modo di apparire della ondu ibilita), e in ne il vettore w, la velo ita della materia.
Le relazioni in questione si dividono in due lassi:
9 All'in ir a ome quando, on nando i ad un pi olo intorno di un punto su di una super ie sferi a, potremmo per questo in orrere nell'errore di onsiderare la sfera ome una gura
geometri a per la quale un diametro e di per se privilegiato.

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 167


in primo luogo quelle equazioni he, quando il vettore w in funzione di x; y; z; t
e dato, e quindi e onos iuto il moto della materia, portano alla onos enza di tutte
le altre sunnominate grandezze ome funzioni di x; y; z; t, - hiamero in parti olare
questa prima lasse le equazioni fondamentali, in se ondo luogo le espressioni per le forze ponderomotri i, he mediante l'introduzione delle leggi della me ani a portano ulteriori informazioni sul vettore w in
funzione di x; y; z; t.
Per il aso di orpi a riposo, ioe quando w (x; y; z; t) = 0, le teorie di Maxwell
(Heaviside, Hertz) e di Lorentz portano alle stesse equazioni fondamentali. Esse
sono
1) le equazioni di erenziali, he an ora non ontengono al una ostante he si
riferis a alla materia:
rot m

(I)

e
= s;
t

div e = ;

(II)

rot E +

(III)

M
= 0;
t

div M = 0:

(IV)

2) ulteriori relazioni, he aratterizzano l'in uenza della materia presente; nel aso
piu importante, al quale qui i limitiamo, di orpi isotropi, esse si porranno nella
forma

e = "E; M = m; s = E;

(V)

dove ", la ostante dielettri a, , la permeabilita magneti a, , la ondu ibilita


della materia, sono da pensarsi ome funzioni note di x; y; z e t. s va inteso qui
ome orrente di onduzione.
Con un ambiamento di notazione fa io ora riapparire in queste equazioni una
simmetria an ora nas osta. Pongo ome nell'esposizione pre edente:

x1 = x; x2 = y; x3 = z; x4 = it;
e s rivo

s1 ; s2 ; s3 ; s4 al posto di sx ; sy ; sz ; i;

inoltre

f23 ; f31 ; f12 ; f14 ; f24 ; f34 al posto di mx ; my ; mz ;

iex ;

iey ;

iez ;

e an ora

F23 ; F31 ; F12 ; F14 ; F24 ; F34 al posto di Mx ; My ; Mz ;

iEx ;

iEy ;

iEz ;

168

H. MINKOWSKI

in ne per tutte le altre oppie di indi i h; k non uguali presi dalla sequenza 1, 2, 3, 4
varra sempre
fkh = fhk ; Fkh = Fhk :
(Le lettere f; F ri ordano la parola \Feld", la s \Strom".)
Le equazioni (I), (II) si ris rivono allora ome

f12 f13 f14


+
+
x2 x3 x4
f
f
f21
+ 23 + 24
x1
x3 x4
(A)
f31 f32
f
+
+ 34
x1 x2
x4
f41 f42 f43
+
+
x1 x2 x3
e le equazioni (III), (IV) si ris rivono ome

(B)

F34 F42 F23


+
+
x2
x3
x4
F43
F14 F31
+
+
x1
x3
x4
F24 F41
F12
+
+
x1
x2
x4
F32 F13 F21
+
+
x1
x2
x3

= s1 ;
= s2 ;
= s3 ;
= s4 ;

= 0;
= 0;
= 0;
= 0:

x8. Le equazioni fondamentali per i orpi in moto.


Ora arriveremo a ssare in modo univo o le equazioni fondamentali per orpi in
moto arbitrario es lusivamente mediante i seguenti tre assiomi:
Il primo assioma sara:
Quando un singolo punto della materia in un erto istante e a riposo, e quindi
il vettore w e nullo per un sistema x; y; z; t, - il ir ondario puo essere pensato
in un qual he moto - per il punto dello spazio-tempo x; y; z; t tra , i vettori
s; e; m; E; M e le loro derivate rispetto ad x; y; z; t hanno luogo esattamente
le relazioni (A), (B), (V) he hanno da valere nel aso he tutta la materia sia a
riposo.
Il se ondo assioma sara:
Ogni velo ita della materia e < 1, minore della velo ita di propagazione
della lu e nello spazio vuoto.
Il terzo assioma sara:
Le equazioni fondamentali sono di tipo tale he, quando x; y; z; t subis ono una qual he trasformazione di Lorentz e per io m; ie da un lato, M;
iE dall'altro si trasformano ome vettori dello spazio-tempo di II spe ie,
mentre s; i si trasformano ome vettori di I spe ie, le equazioni vanno per
questo nelle equazioni s ritte nel modo esattamente orrispondente tra le
quantita trasformate.

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 169


Questo terzo assioma lo esprimo in breve on le parole: m; ie e M; iE sono
ias uno un vettore dello spazio-tempo di II spe ie, s; i un vettore dello
spazio-tempo di I spe ie,
e hiamo questo assioma il prin ipio della relativita.
Questi tre assiomi i portano di fatto in maniera univo a dalle summenzionate
equazioni fondamentali per orpi a riposo alle equazioni fondamentali per orpi in
moto.
Infatti per il se ondo assioma in ogni punto dello spazio-tempo il modulo del
vettore velo ita e jwj < 1. In onseguenza di io possiamo sempre asso iare a
ritroso al vettore w univo amente la quaterna di quantita

w1 =

p wx 2 ; w2 = p wy 2 ; w3 = p wz 2 ; w4 = p i 2 ;
1 w
1 w
1 w
1 w

tra le quali sussiste la relazione:


(27)

w12 + w22 + w32 + w42 = 1:

Dalle onsiderazioni in on lusione del x4 e evidente he questa quaterna si omporta per trasformazioni di Lorentz ome un vettore dello spazio-tempo di I spe ie,
e la hiameremo la velo ita vettore dello spazio-tempo.
Consideriamo ora un determinato punto x; y; z della materia ad un determinato
tempo t. Se in questo punto dello spazio-tempo e w = 0, in esso per il primo assioma
abbiamo immediatamente le equazioni (A), (B), (V) del x7. Se in esso e w 6= 0,
poi he jwj < 1, esiste per (16) una trasformazione di Lorentz spe iale, il ui vettore
v e uguale a questo vettore w (x; y; z; t), e in generale on questa determinata
trasformazione passiamo ad un nuovo sistema di riferimento x0 ; y0 ; z 0 ; t0 . Per il
punto dello spazio tempo onsiderato sussistono pertanto, ome abbiamo detto nel
x4, i nuovi valori

w10 = 0; w20 = 0; w30 = 0; w40 = i;


e quindi il nuovo vettore velo ita e w0 = 0, il punto dello spazio-tempo sara, per
os dire, trasformato a riposo. Ora on il terzo assioma ri averemo a partire
dalle equazioni fondamentali per il punto dello spazio-tempo x; y; z; t le equazioni
fondamentali per il sistema orrispondente x0 ; y0 ; z 0 ; t0 , s ritte mediante le quantita
trasformate w0 , 0 , s0 , e0 , m0 , E0 , M0 e le loro derivate rispetto a x0 ; y0 ; z 0 ; t0 . Ma
queste ultime equazioni devono, per il primo assioma, poi he adesso w0 = 0, essere
proprio:
1) quelle equazioni di erenziali (A'), (B') he si ottengono sempli emente da (A)
e (B), apponendo ad ogni lettera he ompare in esse un api e posto in alto.
2) le equazioni
(28)

(V')

e0 = "E0 ; M0 = m0 ; s0 = E0 ;

dove "; ;  sono la ostante dielettri a, la permeabilita magneti a e la ondu ibilita


per il sistema x0 ; y0 ; z 0 ; t0 , quindi an he nel punto onsiderato dello spazio-tempo
x; y; z; t della materia.

170

H. MINKOWSKI

Ora ritorniamo mediante la trasformazione di Lorentz inversa alle variabili originarie x; y; z; t, e alle quantita w, , s, e, m, E, M, e le equazioni he otteniamo
allora da quelle su itate, saranno le equazioni fondamentali generali per orpi in
moto da noi er ate.
Ora si puo vedere dalle onsiderazioni del x4 e del x5 he sia il sistema di equazioni
(A) per onto suo he il sistema di equazioni (B) per onto suo sono ovarianti per
trasformazioni di Lorentz; ioe le equazioni he raggiungiamo a ritroso da (A'), (B')
devono oin idere esattamente on le equazioni (A), (B) os ome le assumiamo
per orpi a riposo. Abbiamo quindi ome primo risultato:
Delle equazioni fondamentali dell'elettrodinami a per orpi in moto le
equazioni di erenziali he sono espresse in termini di  e dei vettori s, e, m,
E, M si s rivono esattamente ome per i orpi in quiete. La velo ita della
materia in queste equazioni an ora non ompare. Quindi on espressione vettoriale
queste equazioni sono di nuovo
e
= s;
(I)
rot m
t
(II)
(III)
(IV)

div e = ;
rot E +

M
= 0;
t

div M = 0:

La velo ita della materia sara relegata es lusivamente nelle ondizioni aggiuntive he aratterizzano l'in uenza della materia in base alle sue ostanti
parti olari ", , . Ritrasformiamo ora queste ondizioni aggiuntive (V') alle
oordinate originarie x, y, z ed al tempo originario t.
Se ondo le formule (15) del x4 nella direzione del vettore w la omponente di e0
e la stessa di quella di e + [wm, quella di m0 la stessa di quella di m [we, per ogni
direzione w perpendi olare alla pre edente inve e la omponente di e0 e rispettivamente di m0 e uguale alla omponente orrispondente
di e +[wm, rispettivamente di
p
2
m [we, ias una moltipli ata ora per 1= 1 w . D'altra parte E0 ed M0 saranno
qui on E + [wM e on M [wE in relazione del tutto analoga a quella di e0 e di
m0 on e + [wm e on m [we. Cos la relazione e0 = "E0 , quando nei vettori si
trattano prima le omponenti lungo la direzione w, poi p
quelle lungo due direzioni
w perpendi olari a w e tra loro, e si moltipli ano per 1 w2 le equazioni he
risultano nel se ondo aso, porta a
(C)

e + [wm = " (E + [wM) :

La relazione M0 = m0 andra a nire analogamente in


(D)

M [wE =  (m [we) :

Inoltre segue dalle equazioni di trasformazione (12), (10), (11) del x4, nelle quali q,

rv , rv , t, r0v , r0v , t0 vanno sostituiti da jwj, sw ,sw , ,s0w , s0w , 0


jwjs + 
s jwj ; s0 = s ;
0 = p w 2 ; s0w = pw
1 w
1 w2 w w

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 171


di modo he da s0 = E0 ora risulta
(E)

spw jwj =  (E + [wM) ;


w
1 w2
sw =  (Ep+ [wM2 )w :
1 w

Per il modo on il quale la ondu ibilita  appare qui, sara onveniente indi are
ome orrente di onduzione il vettore s w on le omponenti sw jwj nella
direzione w e sw nelle direzioni w perpendi olari a w, il quale si annulla per  = 0.
Osserviamo he per " = 1,  = 1 le equazioni e0 = E0 , m0 = M0 , tramite
la trasformazione di Lorentz inversa, he qui sara quella spe iale on w ome
vettore, per la (15) portano immediatamente ad e = E, m = M, e he per  = 0
l'equazione s0 = 0 porta a s = w, si he le \equazioni fondamentali per l'etere"
trattate nel x2 si danno ome aso limite delle equazioni qui ottenute per " = 1,
 = 1,  = 0.

x9. Le equazioni fondamentali nella teoria di Lorentz.


Vediamo ora no a he punto le equazioni fondamentali he Lorentz assume
soddisfano il postulato di relativita, ome si dovra hiamare il prin ipio di relativita
formulato nel x8. Nell'arti olo \Teoria degli elettroni" (En ykl. der math. Wiss.,
vol. V 2, art. 14) Lorentz da per orpi qualsiansi, an he magnetizzati (vedi ivi
p. 209 tenendo onto dell'equazione XXX' dello stesso e della formula (14) a p.78
dello stesso fas i olo):
(III"a )
(I")
(IV")
(V")

rot (H [wE) = I +

D
+ w div D rot [wD ;
t

div D = ;
rot E =

B
;
t

div B = 0:

Poi Lorentz pone per orpi in moto non magnetizzati (p.223, n. 3)  = 1, B = H


e assume inoltre l'intervento della ostante dielettri a " e della ondu ibilita 
se ondo le

D E = (" 1) (E + [wB) ; (Eq. XXXIV"', p. 227)


I =  (E + [wB) ; (Eq. XXXIII", p. 223) .
I simboli di Lorentz E, B, D, H sono qui sostituiti on E, M, e, m, mentre I per
Lorentz si designera ome orrente di onduzione.
Le ultime tre delle equazioni di erenziali itate oin idono direttamente on le
equazioni (II), (III), (IV) di qui, ma la prima equazione, se identi hiamo I on la
orrente s w he si annulla per  = 0 , diventa

172
(29)

H. MINKOWSKI
rot (H [wE) = s +

D
t

rot [wD ;

e risulta di erire dalla (I) di qui. Per io le equazioni di erenziali generali di Lorentz
per orpi arbitrariamente magnetizzati non si onformano al prin ipio di relativita.
D'altra parte la forma della ondizione di assenza di magnetizzazione he orrisponde al prin ipio di relativita andrebbe presa dalla (D) del x8 on  = 1 non,
ome se ondo Lorentz, ome B = H , ma ome
(30)

B [wE = H [wD (qui M [wE = m [we ):

Ma ora l'ultima equazione di erenziale s ritta (29) va a nire per H = B (a


pres indere dalla diversita dei simboli) nella stessa equazione nella quale la (I)
di qui si trasformerebbe ponendo m [we = M [wE. Cos a ade, mediante
una ompensazione di due infrazioni del prin ipio di relativita, he per orpi non
magnetizzati in moto le equazioni di erenziali di Lorentz si adeguino alla ne al
prin ipio di relativita.
Se inoltre per orpi non magnetizzati si fa esse qui uso della (30) e si ponesse
di onseguenza H = B + [w; D E, allora in seguito alla (C) del x8 si dovrebbe
assumere
(" 1) (E + [wB) = D E + [w [w; D E ;
ioe per la direzione di w:
(" 1) (E + [wB)w = (D E)w ;
e per ogni direzione w perpendi olare a w:


(" 1) (E + [wB)w = 1 w2 (D E)w ;


ossia in a ordo on la suddetta assunzione di Lorentz solo a meno di errori dell'ordine di w2 rispetto a 1.
Solo on lo stesso grado di approssimazione an he il suddetto postulato di Lorentz
per I soddisfa alle relazioni imposte dal prin ipio di relativita (vedi (E) nel x8), he
le omponenti Iw e rispettivamente Iw siano ugualipalle orrispondenti omponenti
p
di  (E + [wB), moltipli ate rispettivamente per 1 w2 ovvero per 1= 1 w2 .

x10. Le equazioni fondamentali se ondo E. Cohn.


E. Cohn10 assume le seguenti equazioni fondamentali:
(31)
10

E
+ w div E + I;
t
M
[wM) =
+ w div M;
t

rot (M + [wE) =
rot (E

Gott. Na hr. 1901, p. 74 (an he Ann. d. Phys. , (4), 1902, p. 29).


7

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 173


(32)
I = E; E = "E [wM ; M = M + [wE ;
dove E; M sono assunti ome intensita di ampo elettri a e magneti a (forza), E; M
ome polarizzazione elettri a e magneti a (induzione). Le equazioni ammettono ora
la presenza del magnetismo vero; lo tralas eremo, e si porra div M = 0.
Un'obiezione ontro queste equazioni e he on esse per " = 1,  = 1 i vettori
forza e induzione non oin idono. Se tuttavia assumiamo nelle equazioni non E ed
M , ma E [wM e M + [wE ome forza elettri a e magneti a, e tenendo onto di
io, sostituiamo ad E; M, E; M , div E i simboli e; M, E + [wM, m [we, , le
equazioni di erenziali vanno immediatamente nelle nostre equazioni e parimenti le
ondizioni (32) si tramutano in
I =  (E + [wM) ;
e + [w; m [we = " (E + [wM) ;
M [w; E + [wM =  (m [we) ;
in tal modo queste equazioni di Cohn sarebbero a meno di errori dell'ordine di w2
rispetto ad 1 proprio quelle pres ritte dal prin ipio di relativita.
Va osservato an ora he le equazioni assunte da Hertz (nella notazione di Cohn)
si s rivono ome le (31) on le ondizioni aggiuntive diverse
(33)
E = "E; M = M; I = E;
e questo sistema di equazioni an he per qualsiasi ambiamento della relazione dei
simboli on le quantita osservabili non si onformerebbe al prin ipio di relativita a
meno di errori dell'ordine di w2 rispetto ad 1.

x11. Rappresentazione tipi a delle equazioni fondamentali.


Nella determinazione delle equazioni fondamentali i ha guidato l'idea di onseguire una ovarianza rispetto al gruppo delle trasformazioni di Lorentz. Ora
abbiamo da trattare le azioni ponderomotri i e lo s ambio d'energia nel ampo elettromagneti o, e non vi puo essere a priori al un dubbio he la soluzione di questi
problemi sara in ogni aso onnessa on le strutture piu sempli i, asso iate alle
equazioni fondamentali, he an ora mostrino ovarianza rispetto alle trasformazioni
di Lorentz. Per indi are queste strutture, prima di tutto portero le equazioni fondamentali in una forma tipi a, he pone in evidenza la loro ovarianza rispetto al
gruppo di Lorentz. Per questo mi avvalgo di un metodo di al olo he si propone
un operare abbreviato on i vettori dello spazio-tempo di I e di II spe ie, e le ui
regole e simboli, per quanto a noi sara utile, riassumo qui per prima osa.
10 . Un sistema di quantita

a11

.
..

ap1

   a1q

.. ;
.

   apq

ordinato in p righe orizzontali, q verti ali, si hiama matri e11 p  q, e si indi a on


un solo simbolo, qui A.

Si potrebbe an he pensare di avvalersi al posto del al olo matri iale di Cayley del al olo
dei quaternioni di Hamilton, tuttavia quest'ultimo mi pare per i nostri s opi limitato e pesante.
11

174

H. MINKOWSKI

Se si moltipli ano tutte le quantita ahk per lo stesso fattore , la matri e risultante delle quantita ahk si indi hera on A.
Se i ruoli delle righe orizzontali e verti ali in A vengono s ambiati, si ottiene una
matri e q  p, he si hiama la trasposta di A e he si indi hera on A:


a11

= ...

a1q

   ap1

.. :
.

   apq

Se si ha una se onda matri e on i numeri p e q uguali a quelli di A,


b11

= ...

bp1

   b1q

.. ;
.

   bpq

A + B indi hera la matri e sempre p  q ostituita dai binomi orrispondenti ahk +


bhk .
20 . Se si hanno due matri i

a11

A = ...

ap1

   a1q

.. ; B
.

   apq

   b1r


b11

= ...

.. ;
.

   bqr

bq1

dove il numero delle righe orizzontali della se onda e uguale al numero delle
righe verti ali della prima, si intendera per AB , prodotto di A e B , la matri e


11

= ...

p1

   1r

.. ;
.

   pr

gli elementi della quale sono ostruiti per ombinazione delle righe orizzontali di A
e delle righe verti ali di B se ondo la regola

hk = ah1 b1k + ah2 b2k +    + ahq bqk

h = 1; 2;    p :
k = 1; 2;    r

Per un tale prodotto vale la legge asso iativa (AB )S = A(BS ); on S si intende
qui una terza matri e on un numero di righe orizzontali uguale al numero di righe
verti ali di B (e quindi an he di AB ).
Per la matri e trasposta rispetto a C = AB vale C = BA:
30 . Si onsidereranno qui solo matri i on al piu 4 righe orizzontali e al piu 4
righe verti ali.
Come matri e unita indi ata in breve nelle equazioni matri iali on 1 si intendera
la matri e 4  4 on i seguenti elementi
(34)


e11 ;

e21 ;

e31 ;

e12 ;
e22 ;
e32 ;
e41 ; e42 ;

e13 ;
e23 ;
e33 ;
e43 ;

e14 1;
e24 = 0;
e34 0;
e44 0;

0;
1;
0;
0;

0;
0;
1;
0;

0
0 :
0
1

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 175


Per un multiplo :1 della matri e unita (nel senso ssato in 10 per una matri e A)
si porra nelle equazioni matri iali sempli emente .
Per una matri e A 4  4, det A indi hera il determinante dei 4  4 elementi della
matri e. Se det A 6= 0, si ottiene da A una determinata matri e re ipro a, he si
indi a on A 1 , tale he sia A 1 A = 1. Una matri e

f12 ; f13 ; f14
0;


f = ff21 ;; f0; ; f023; ; ff24 ;
31
32
34

f41 ; f42 ; f43 ; 0
nella quale gli elementi soddis no le relazioni fkh = fhk , si hiama una matri e
alternante. Queste relazioni di ono he la matri e trasposta e f = f . Inoltre si
indi hera on f  e ome la matri e duale di f la matri e an h'essa alternante
(35)

f


0;

= ff43 ;;
24

f34 ; f42 ; f23


0; f14 ; f31 :
f41 ; 0; f12
f32 ; f13 ; f21 ; 0

Sara quindi
(36)

f  f = f32 f14 + f13 f24 + f21 f34 ;

he indi hera una matri e 4  4 nella quale tutti gli elementi al di fuori della diagonale prin ipale da sinistra in alto a destra in basso sono nulli e tutti gli elementi
su questa diagonale oin idono e sono uguali all'espressione riportata a se ondo
membro in termini dei oe ienti di f . Il determinante di f risulta allora essere il quadrato di questa espressione, e interpreteremo il simbolo Det1=2 f ome
l'abbreviazione
(37)

Det1=2 f = f32 f14 + f13 f24 + f21 f34 :

40 . Una trasformazione lineare


(38)

xh = h1 x01 + h2 x02 + h3 x03 + h4 x04 (h = 1; 2; 3; 4)

si potra an he indi are sempli emente mediante la matri e 4  4 dei oe ienti



11 ;

A = 21 ;;
31

12 ;
22 ;
32 ;
41 ; 42 ;

13 ;
23 ;
33 ;
43 ;

14
24
34
44

ome trasformazione A. Mediante la trasformazione A l'espressione

x21 + x22 + x23 + x24


diventa la forma quadrati a
X

ahk x0h x0k (h; k = 1; 2; 3; 4)

176

H. MINKOWSKI

dove sara

ahk = 1h 1k + 2h 2k + 3h 3k + 4h 4k ;
ioe la matri e 4  4 (simmetri a) dei oe ienti ahk di questa forma sara il prodotto
AA della matri e trasposta di A per A. Se mediante la trasformazione si otterra
la nuova espressione
x0 21 + x0 22 + x0 23 + x0 24 ;
dovra essere

AA = 1;

(39)

ioe la matri e 1. A deve pertanto soddisfare a questa relazione quando la trasformazione (38) sara una trasformazione di Lorentz. Per il determinante di A segue
dalla (39): (det A)2 = 1, det A = 1. La ondizione (39) da luogo parimenti a

A 1 = A;

(40)

ioe la matri e inversa di A deve oin idere on la trasposta.


Per he A sia una trasformazione di Lorentz abbiamo an ora da imporre he sia
det A = +1, he ognuna delle quantita 14 ; 24 ; 34 , 41 ; 42 ; 43 sia immaginaria
pura (ovvero nulla), he gli altri oe ienti in A siano reali e in ne an ora he sia
44 > 0.
50 . Un vettore dello spazio-tempo di I spe ie s1 ; s2 ; s3 ; s4 sara rappresentato
mediante la matri e 1  4 delle sue quattro omponenti:

s = js1 ; s2 ; s3 ; s4 j;

(41)

e a seguito di una trasformazione di Lorentz dovra essere sostituito da sA.


Un vettore dello spazio-tempo di II spe ie on le omponenti f23 , f31 , f12 , f14 ,
f24 , f34 dovra essere rappresentato on la matri e alternante


0;

= ff21 ;;
31

f12 ; f13 ; f14


0; f23 ; f24 ;
f32 ; 0; f34
f41 ; f42 ; f43 ; 0

e a seguito di una trasformazione di Lorentz (vedi la regola ssata nel x5 mediante le


(23) e (24)) A va sostituito on Af A = A 1 f A. Riguardo all'espressione (37) vale
l'identita Det1=2 (Af A) = Det A Det1=2 f . Pertanto Det1=2 f sara un invariante per
trasformazioni di Lorentz (vedi Eq.(26) nel x5).
Per la matri e duale f  segue allora tenendo onto della (36):


A 1 f  A A 1 f A = A 1 f  f A = Det1=2 f:A 1 A = Det1=2 f;

dalla quale si vede he assieme al vettore dello spazio-tempo di II spe ie f an he la


orrispondente matri e duale f  si trasforma ome un vettore dello spazio-tempo
di II spe ie, e per io f  on le omponenti f14 ; f24 ; f34 ; f23 ; f31 ; f12 si dira il
vettore dello spazio-tempo duale di f .

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 177


60 . Siano w ed s due vettori dello spazio-tempo di I spe ie, allora on ws
(oppure an he on sw) si intende l'espressione

w1 s1 + w2 s2 + w3 s3 + w4 s4

(43)

ostruita on le omponenti orrispondenti. Quest'espressione


e invariante per una

trasformazione di Lorentz A, poi he (wA) As = ws. - Se ws = 0, w ed s si
diranno normali tra loro.
Due vettori dello spazio tempo di I spe ie w, s danno inoltre origine alla struttura
della matri e 2  4


w1 ; w2 ; w3 ; w4


s ; s ; s ; s :

1
2
3
4
Si dimostra poi immediatamente he il sistema delle sei quantita
w2 s3 w3 s2 ; w3 s1 w1 s3 ; w1 s2 w2 s1 ;
w1 s4 w4 s1 ; w2 s4 w4 s2 ; w3 s4 w4 s3 ;

(44)

si omporta per le trasformazioni di Lorentz ome un vettore dello spazio-tempo di


II spe ie. Si indi hera il vettore di II spe ie on queste omponenti (44) on [w; s.
Si dedu e fa ilmente he Det1=2 [w; s = 0. Il vettore duale di [w; s si s rivera
[w; s .
Se w e un vettore dello spazio-tempo di I spe ie, f un vettore dello spazio-tempo
di II spe ie, wf indi a sempre una matri e 1  4. Per una trasformazione di Lorentz
A; w va in w0 = wA, f in f 0 = A 1 f A ; sara per io w0 f 0 = wAA 1 f A = (wf ) A,
ossia wf si trasforma an ora ome un vettore dello spazio-tempo di I spe ie.
Quando w e un vettore di I spe ie ed f e un vettore di II spe ie, si veri a
fa ilmente l'importante identita:
(45)
[w; wf + [w; wf   = (ww) f:
La somma dei due vettori dello spazio-tempo di II spe ie a primo membro va
intesa nel senso della somma di due matri i alternanti.
Infatti per w1 = 0, w2 = 0, w3 = 0, w4 = i sara
wf = jif41 ; if42 ; if43 ; 0j; wf  = jif32 ; if13 ; if21 ; 0j;
[w; wf = 0; 0; 0; f41 ; f42 ; f43 ; [w; wf  = 0; 0; 0; f32 ; f13 ; f21 ;
e l'osservazione he in questo aso parti olare risulta la relazione (45) e gia su iente
per he la stessa valga in generale, poi he questa relazione ha arattere ovariante
per il gruppo di Lorentz e inoltre e omogenea in w1 ; w2 ; w3 ; w4 .
Dopo questi preliminari o upiamo i ora delle equazioni (C), (D), (E), mediante
le quali vengono introdotte le ostanti "; ; .
Al posto del vettore spaziale w, velo ita della materia, introdu iamo ome gia
nel x8 il vettore dello spazio-tempo di I spe ie w on le 4 omponenti

w1 =

p wx 2 ; w2 = p wy 2 ; w3 = p wz 2 ; w4 = p i 2 ;
1 w
1 w
1 w
1 w

178

H. MINKOWSKI

per il quale si ha
(46)

ww = w12 + w22 + w32 + w42 = 1

iw4 > 0:
Con F e f intenderemo an ora i vettori dello spazio-tempo di II spe ie M; iE
e m; ie he ompaiono nelle equazioni fondamentali.
In  = wF abbiamo an ora un vettore dello spazio-tempo di I spe ie; le sue
omponenti saranno
1 =
w2 F12 + w3 F13 + w4 F14 ;
2 = w1 F21
+ w3 F23 + w4 F24 ;
3 = w1 F31 + w2 F32
+ w4 F34 ;
4 = w1 F41 + w2 F42 + w3 F43
:
Le prime tre quantita 1 ; 2 ; 3 sono rispettivamente le omponenti x, y, z del
vettore spaziale

Ep+ [wM ;
1 w2

(47)
e inoltre e
(48)

4 =

pi (wE) 2 :
1 w

Poi he la matri e F e alternante, vale evidentemente


(49)

w = w1 1 + w2 2 + w3 3 + w4 4 = 0;

il vettore  e quindi normale a w; possiamo s rivere questa relazione an he


(50)

4 = i (wx 1 + wy 2 + wz 3 ) :

Chiamero il vettore dello spazio-tempo di I spe ie  forza elettri a a riposo.


Relazioni analoghe a quelle tra wF; E; M; w risultano tra wf; e; m; w e in
parti olare an he wf sara normale a w. Si puo ora sostituire la relazione (C) on
(fCg)

wf = "wF;

una formula he da 4 equazioni per le relative omponenti, ma tuttavia in modo


tale he la quarta, tenendo onto della (50), e una onseguenza delle prime tre.
Costruiamo inoltre il vettore dello spazio-tempo di I spe ie = iwf  , le ui
omponenti sono
1 =
2 =
3 =
4 =

i(
w2 f34 + w3 f42 + w4 f23 ) ;
i (w1 f43
+ w3 f14 + w4 f31 ) ;
i (w1 f24 + w2 f41
+ w4 f12 ) ;
i (w1 f32 + w2 f13 + w3 f21
):

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 179


Di queste le prime tre 1 , 2 , 3 sono rispettivamente le omponenti x, y, z del
vettore spaziale

m [we ;
p
1 w2

(51)
e inoltre e
(52)

4 =

pi (wm)2 ;
1 w

tra loro sussiste la relazione


(53)

w = w1 1 + w2 2 + w3 3 + w4 4 = 0;

he possiamo s rivere an he
(54)

4 = i (wx 1 + wy 2 + wz 3 ) ;

il vettore e quindi an h'esso normale a w. Chiamero il vettore dello spazio-tempo


di I spe ie forza magneti a a riposo.
Relazioni analoghe a quelle tra iwf  ; m; e; w si hanno tra iwF  ; M; E; w, e
ora si puo sostituire la relazione (D) on
(fDg)

wF  = wf  :

Possiamo utilizzare le equazioni (fCg) e (fDg) per ri ondurre i vettori di ampo F


e f a  e . Abbiamo

wF = ; wF  = i ; wf = "; wf  = i ;
e l'utilizzo della regola (45), tenendo onto della (46), porta a
(55)

F = [w;  + i [w;  ;

(56)

f = " [w;  + i [w;  ;

ossia

F12 = (w1 2 w2 1 ) + i (w3 4 w4 3 ) ; e .,


f12 = " (w1 2 w2 1 ) + i (w3 4 w4 3 ) ; e ..
Consideriamo inoltre il vettore dello spazio-tempo di II spe ie [; on le 6 omponenti
2 3 3 2 ; 3 1 1 3 ; 1 2 2 1 ;
1 4 4 1 ; 2 4 4 2 ; 3 4 4 3 :
Il vettore dello spazio-tempo di I spe ie
w [; =

w  + w

180

H. MINKOWSKI

si annulla identi amente per le (49) e (53). Introdu iamo ora il vettore dello spaziotempo di I spe ie
(57)

= iw [; 
on le omponenti


w2 ;

i 2 ;
2 ;

w3 ; w4

1 =
3 ; 4 ; e .,
3 ; 4
allora risulta per appli azione della regola (45):
(58)
[; = i [w;
 ;
ioe 1 2 2 1 = iw3
4 w4
3 ; e ..
Il vettore
soddisfa evidentemente la relazione
(59)

w
= w1
1 + w2
2 + w3
3 + w4
4 = 0;

he possiamo s rivere an he

4 = iwx
1 + wy
2 + wz
3 ;
quindi an he tale vettore e normale a w. Nel aso he sia w = 0 si ha 4 = 0,
4 = 0,
4 = 0 e
(60)

1 = 2 3

3 2 ;
2 = 3 1

1 3 ;
3 = 1 2

2 1 :

Chiamero il vettore dello spazio-tempo di I spe ie


radiazione a riposo.
Per quanto riguarda la relazione (E), he introdu e la ondu ibilita , ri onos iamo immediatamente he

ws = (w1 s1 + w2 s2 + w3 s3 + w4 s4 ) =

pjwjsw +2  = 0
1 w

e la densita a riposo dell'elettri ita (vedi x8 e la ne del x4). Quindi


(61)

s + (ws) w

rappresenta un vettore dello spazio-tempo di I spe ie, he a ausa di ww = 1 e


evidentemente an h'esso normale a w, e he hiamero orrente a riposo. Se assumiamo le prime tre omponenti di questo vettore ome le omponenti lungo x; y; z
di un vettore dello spazio, la omponente di quest'ultimo lungo la direzione di w e
0
sw pjwj 2 = sw1 jww2j = 1 Iww2 ;
1 w
e la omponente in qualsiasi direzione w perpendi olare a w sara

sw = Iw ;

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 181


quindi questo vettore spaziale dipende in modo molto sempli e dal vettore spaziale
I = s w, he abbiamo indi ato nel x8 ome orrente di onduzione.
Ora, onfrontandola on  = wF , la relazione (E) si puo portare nella forma:
(fEg)

s + (ws) w = wF:

An he questa formula riassume 4 equazioni, delle quali tuttavia, poi he si tratta
in entrambi i membri di un vettore dello spazio-tempo di I spe ie normale a w, la
quarta e una onseguenza delle prime tre.
Trasformeremo in ne le equazioni di erenziali (A) e (B) in una forma tipi a.

x12. L'operatore di erenziale lor.


Una matri e 4  4
(62)


S11 ;

S21 ;

S31 ;

S12 ;
S22 ;
S32 ;
S41 ; S42 ;

S13 ;
S23 ;
S33 ;
S43 ;

S14
S24 = jS j
ik
S34

S44

on la pres rizione, he essa per una trasformazione di Lorentz A vada sostituita


sempre da AS A, si puo hiamare una matri e dello spazio-tempo di II spe ie. Una
matri e si atta si ha in parti olare
nella matri e alternante f he orrisponde a un vettore dello spazio-tempo di II
spe ie,
nel prodotto fF di due si atte matri i
alternanti
f; F , he per una trasfor

mazione A va sostituito da A 1 f A A 1 F A = A 1 fF A,
inoltre, quando w1 ; w2 ; w3 ; w4 e
1 ;
2 ;
3 ;
4 sono due vettori dello spaziotempo di I spe ie, nella matri e dei 4  4 elementi Shk = wh
k ,
in ne in un multiplo L della matri e unita, ioe in una matri e 4  4 nella quale
tutti gli elementi sulla diagonale prin ipale abbiano ugual valore L e i restanti
elementi siano tutti nulli.
Abbiamo sempre a he fare qui on funzioni dei punti dello spazio-tempo x, y, z ,
it e possiamo avvaler i on vantaggio di una matri e 1  4, ostruita on i simboli
di derivazione



  

x ; y ; z ; it ;
o an he s ritta ome
(63)




x




; ;
;
:
1 x2 x3 x4

Per questa matri e utilizzero l'abbreviazione lor.


Quando S ome nella (62) indi a una matri e dello spazio-tempo di II spe ie,
on estensione oerente della regola per la ostruzione del prodotto di matri i, per
lor S si intendera la matri e 1  4

jK1 ; K2 ; K3 ; K4 j

182

H. MINKOWSKI

dell'espressione
(64)

Kk =

S1k S2k S3k S4k


+
+
+
(k = 1; 2; 3; 4):
x1
x2
x3
x4

Se si introdu e mediante una trasformazione di Lorentz A un nuovo sistema di


riferimento x01 ; x02 ; x03 ; x04 per i punti dello spazio-tempo, onformemente si dovra
utilizzare l'operatore





lor0 = 0 ; 0 ; 0 ; 0 :
x1 x2 x3 x4
0 j, si intendera on lor0 S 0 la matri e 1  4
Poi he inoltre S va in S 0 = AS A = jShk
dell'espressione
S 0
S 0
S 0
S 0
Kk0 = 10k + 20k + 30k + 40k (k = 1; 2; 3; 4):
x1
x2
x3
x4

Ora per la derivazione di una funzione qualsiasi di un punto dello spazio-tempo vale
la regola

 x1
 x2
 x3
 x4
=
+
+
+
0
0
0
0
xk x1 xk x2 xk x3 xk x4 x0k




=
1k +
2k +
3k +
;
x1
x2
x3
x4 4k
he si esprime simboli amente in modo fa ilmente omprensibile ome
lor0 = lor(A
e tenendo onto di questa segue parimenti
(65)


lor0 S 0 = lor A A 1 S A = (lor S )A;

ioe quando S rappresenta una matri e dello spazio-tempo di II spe ie, lor S
si trasforma ome un vettore dello spazio-tempo di I spe ie.
Se in parti olare L e un multiplo della matri e unita, si intendera ome lor L la
matri e di elementi
(66)


L

x

L L L
;
;
;
:
1 x2 x3 x4

Se s = js1 ; s2 ; s3 ; s4 j rappresenta un vettore dello spazio-tempo di I spe ie,


bisogna intendere
(67)

lor s =

s1 s2 s3 s4


+
+
+
:
x1 x2 x3 x4

Se in seguito ad una trasformazione di Lorentz A appaiono i simboli lor0 , s0 al


posto di lor, s, risulta

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 183


lor0 s0 = (lor A)(As) = lor s;
ioe lor s e un invariante per trasformazioni di Lorentz.
In tutte queste relazioni l'operatore lor stesso gio a il ruolo di un vettore
dello spazio-tempo di I spe ie.
Se f rappresenta un vettore dello spazio-tempo di II spe ie, si ha ora da intendere
lor f ome il vettore dello spazio-tempo di I spe ie on le omponenti

f12 f13 f14


+
+
;
x2 x3 x4
f21
f
f
+ 23 + 24 ;
x1
x3 x4
f31 f32
f
+
+ 34 ;
x1 x2
x4
f41 f42 f43
+
+
:
x1 x2 x3
Per io il sistema di equazioni di erenziali (A) si puo riassumere nella forma breve
(fAg)

lor f = s:

In modo del tutto analogo il sistema di equazioni di erenziali (B) si s rivera


(fBg)
lor F  = 0:
Le espressioni lor (lor f ) e lor (lor F  ) ostruite tenendo onto della de nizione
(67) di lor s si annullano evidentemente in modo identi o, poi he f ed F  sono
matri i alternanti. Quindi per la orrente s segue dalla (fAg) la relazione
(68)

s1 s2 s3 s4


+
+
+
= 0;
x1 x2 x3 x4

mentre la relazione
(69)

lor (lor F  ) = 0

ha il signi ato he le quattro equazioni date dalla (fBg) rappresentano solo


tre ondizioni indipendenti per il omportamento dei vettori di ampo.
Riassumo ora i risultati:
Si indi hino on w il vettore dello spazio-tempo di I spe ie p1ww2 , p1 i w2
(w velo ita della materia), on F il vettore dello spazio-tempo di II spe ie M,
iE (M induzione magneti a, E forza elettri a), on f il vettore dello spaziotempo di II spe ie m, ie (m forza magneti a, e induzione elettri a), on s
il vettore dello spazio-tempo di I spe ie s, i ( densita elettri a spaziale,
s w orrente di onduzione), on " la ostante dielettri a, on  la permeabilita magneti a, on  la ondu ibilita; allora ( on i simboli del al olo
matri iale spiegati nel x10 e nel x11) le equazioni fondamentali per i pro essi
elettromagneti i nei orpi in moto si s rivono
(fAg)

lor f = s;

184

H. MINKOWSKI

(fBg)

lor F  = 0;

(fCg)

wf = "wF;

(fDg)

wF  = wf  ;

(fEg)

s + (ws) w = wF:

Poi he ww = 1, i vettori dello spazio-tempo di I spe ie wF , wf, wF  , wf  ,


s + (ws) w sono tutti normali a w e in ne vale per il sistema di equazioni
(fBg) la relazione
lor (lor F  ) = 0:
In onsiderazione della ir ostanza da ultimo ri ordata, si ha qui a disposizione
esattamente il numero ri hiesto di equazioni indipendenti per des rivere ompletamente i pro essi a partire da opportuni dati al ontorno, pur he sia noto il
movimento della materia, quindi il vettore w in funzione di x, y, z, t.

x13. Il prodotto dei vettori di ampo fF .


Studiamo in ne le leggi he portano a determinare il vettore w in funzione di x,
y, z , t. Nelle ri er he relative a queste appaiono in primo piano quelle espressioni
he si presentano ostruendo il prodotto delle due matri i alternanti

f
S rivo
(70)


F12 ; F13 ; F14
f12 ; f13 ; f14
0;
0; f23 ; f24 ; F = F21 ; 0; F23 ; F24 :

0; F34
f32 ; 0; f34
F31 ; F32 ;


f41 ; f42 ; f43 ; 0
F41 ; F42 ; F43 ; 0


0;

= ff21 ;;
31

fF


S11 L;

= SS21 ;;

31

S41 ;

S12 ;
S22 L;
S32 ;
S42 ;

S13 ;
S23 ;
S33 L;
S43 ;

S14
S24
S34
S44 L

di modo he sara
(71)

S11 + S22 + S33 + S44 = 0:

L signi a l'espressione simmetri a negli indi i 1, 2, 3, 4


(72)

1
L = (f23 F23 + f31 F31 + f12 F12 + f14 F14 + f24 F24 + f34 F34 ) ;
2

e sara
(73)

1
S11 = (f23 F23 + f34 F34 + f42 F42
2
S12 = f13 F32 + f14 F42 , e ..

f12 F12

f13 F13

f14 F14 ) ;

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 185


Per rendere espli ite le ondizioni di realta, s rivero ora

(74)


S11 ;

= SS21 ;;
31

S12 ;
S22 ;
S32 ;
S41 ; S42 ;

S14
S24 =
S34
S44

S13 ;
S23 ;
S33 ;
S43 ;

Xx ;
Xy ;
Xz ;
iXt ;

Yx ;
Yy ;
Yz ;
iYt ;

Zx ;
Zy ;
Zz ;
iZt ;

iTx
iTy ;
iTz
Tt

dove poi
1
Xx = (mx Mx
2

my My mz Mz + ex Ex ey Ey ez Ez ) ;

Xy = mx My + ey Ex ; Yx = my Mx + ex Ey ; e .,
Xt = ey Mz

(75)

Tx = mz Ey
ed an he

ez My ;
my Ez ; e .,

1
Tt = (mx Mx + my My + mz Mz + ex Ex + ey Ey + ez Ez ) ;
2
1
L = (mx Mx + my My + mz Mz
2

(76)

ex Ex ey Ey ez Ez ) ;

sono tutti reali. Nella teoria per orpi a riposo le espressioni Xx , Xy , Xz , Yx , Yy , Yz ,


Zx , Zy , Zz intervengono on il nome di \sforzi di Maxwell", le quantita Tx ; Ty ; Tz
ome \vettore di Poynting", Tt ome \densita d'energia elettromagneti a per
l'unita di volume" ed L si indi a ome \funzione di Lagrange".
D'altra parte troviamo immediatamente, omponendo nell'ordine inverso le matri i duali di f ed F

(77)

F f 

S11 L;
S21 ;
S31 ;
S41 ;

S12 ;
S22 L;
S32 ;
S42 ;

S14
S24
S34
S44 L

S13 ;
S23 ;
S33 L;
S43 ;

e possiamo quindi porre


(78)

fF = S

L; F  f  = S

L;

nelle quali intendiamo per L il multiplo L:1 della matri e unita, ioe della matri e
degli elementi


jLehk j ehh = 1; h; k e=hk1;=20; ; 3; 4 h 6= k :


Ri aviamo inoltre, poi he SL = LS ,

F  f  fF = ( S

L) (S

L) = SS + L2 ;

186

H. MINKOWSKI

e troviamo, poi he si ha f  f = Det1=2 f , F  F = Det1=2 F , l'interessante relazione:


(79)

SS = L2 Det1=2 f Det1=2 F;

ioe il prodotto della matri e S per se stessa e un multiplo della matri e


unita, una matri e nella quale fuori dalla diagonale prin ipale tutti gli elementi sono
nulli e sulla diagonale tutti gli elementi sono uguali, ed hanno ome valore omune
la quantita qui riportata al se ondo membro. Si ottengono quindi in generale le
relazioni
(80)

Sh1 S1k + Sh2 S2k + Sh3 S3k + Sh4 S4k = 0

per indi i h e k disuguali estratti dalla sequenza 1, 2, 3, 4, e


(81)

Sh1 S1h + Sh2 S2h + Sh3 S3h + Sh4 S4h = L2 Det1=2 f Det1=2 F

per h = 1; 2; 3; 4.
Se ora inve e di F e di f nelle espressioni (72), (73) introdu iamo per mezzo
delle (55), (56), (57) la forza elettri a a riposo , la forza magneti a a riposo
, la radiazione a riposo
, arriviamo alle espressioni:
(82)
(83)

L=
Shk =

1
1
" +  ;
2
2
1
1
"ehk +  ehk
2
2


+" h k wh wk +  h k wh wk

h wk "wh
k (h; k = 1; 2; 3; 4)
nelle quali si deve porre

 = 21 + 22 + 23 + 24 ; = 21 + 22 + 23 + 24 ;

ehh = 1; ehk = 0; (h 6= k):


Il se ondo membro della (82), ome pure L, e sempre un invariante per le
trasformazioni di Lorentz e i 4  4 elementi al se ondo membro della (83), ome
Shk , rappresentano una matri e dello spazio-tempo di II spe ie. Tenendo onto di
io basta, per poter a ermare le relazioni (82), (83) in generale, veri arle per il
aso w1 = 0; w2 = 0; w3 = 0; w4 = i. Per questo aso w = 0 e le (83) e (82)
si ri ondu ono immediatamente mediante le (47), (51), (60) da un lato, ed e = "E,
M = m dall'altro, alle equazioni (75) e (76).
L' espressione al se ondo membro nella (81), he e

2
1
=
(mM eE) + (em) (EM) ;
2
risulta  0 mediante (em) = " , (EM) =  ; la sua radi e quadrata, presa  0,
puo tenendo onto della (79) essere indi ata on Det1=4 S .

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 187


Per S , la matri e trasposta di S , risulta dalla (78), poi he f = f; F = F ,

Ff = S

(84)

L; f  F  = S

L:

Pertanto

S S = jShk Skhj
e una matri e alternante e signi a parimenti un vettore dello spazio-tempo di II
spe ie. Dall'espressione (83) otteniamo immediatamente
S

(85)

S = (" 1) [w;
;

dalla quale (vedi (57), (58)) si ri ava ora



S = 0;

w S

(86)

w S S = (" 1)
:

(87)

Quando in un punto dello spazio-tempo la materia e a riposo, si ha w = 0,


e la (86) signi a il sussistere delle equazioni
Zy = Yz ; Xz = Zx ; Yx = Xy ;
inoltre per la (83) si ha

Tx =
1 ; Ty =
2 ; Tz =
3 ;
Xt = "
1 ; Yt = "
2 ; Zt = "
3 :
Ora mediante un'opportuna rotazione del sistema di oordinate spaziali x; y; z
attorno all'origine e possibile far s he sia
Zy = Yz = 0; Xz = Zx = 0; Yx = Xy = 0:
Per la (71) si ha
(88)

Xx + Yy + Zz + Tt = 0

e se ondo l'espressione nella (83) si ha sempre Tt > 0. Nel aso parti olare, quando
an he
si annulla, segue poi dalla (81)

Xx2 = Yy2 = Zz2 = Tt2 = (Det1=4 S )2 ;


e Tt ed una delle tre quantita Xx ; Yy ; Zz sono uguali a + Det1=4 S , le altre due a
Det1=4 S . Se
non si annulla immaginiamo he sia
3 6= 0, allora per la (80) si
ha in parti olare
Tz Xt = 0; Tz Yt = 0; Zz Tz + Tz Tt = 0

188

H. MINKOWSKI

e si trova per io


1 = 0;
2 = 0; Zz = Tt . Dalla (81) e tenendo onto della (88)
risulta quindi
Xx = Yy =  Det1=2 S;
q

Zz = Tt = Det1=2 S + "
23 > Det1=4 S:
Di signi ato del tutto parti olare sara in ne il vettore dello spazio-tempo
di I spe ie
K = lor S;

(89)

per il quale dimostreremo ora un'importante trasformazione.


Per la (78) e S = L + fF e risulta immediatamente
lor S = lor L + lor fF:
Il simbolo lor signi a un pro esso di derivazione he in lor fF riguarda da un lato
f , dall'altro F . Di onseguenza lor fF si spezza additivamente in una prima ed
in una se onda parte. La prima parte sara evidentemente il prodotto delle matri i
(lor f )F , nel quale lor f si onsidera per onto suo ome una matri e 1  4. La
se onda parte e quella parte di lor fF nella quale le derivazioni riguardano solo le
omponenti di F . Ora ri aviamo dalla (78)

fF = F  f  2L;
di onseguenza questa se onda parte di lor fF sara (lor F  )f  piu la parte di
2 lor L nella quale le derivazioni riguardano solo le omponenti di F . Risulta
pertanto
(90)
lor S = (lor f )F (lor F  )f  + N;
dove N indi a il vettore on le omponenti


f
f
f
f
f
1 f23
F23 + 31 F31 + 12 F12 + 14 F14 + 24 F24 + 34 F34
Nh =
2 xh
xh
xh
xh
xh
xh


1
F23
F31
F12
F14
F24
F34
f
+ f31
+ f12
+ f14
+ f24
+ f34
2 23 xh
xh
xh
xh
xh
xh
(h = 1; 2; 3; 4):
Utilizzando le equazioni fondamentali (fAg) e (fBg) la (90) si trasforma nella relazione fondamentale
(91)

lor S = sF + N:

Nel aso parti olare " = 1,  = 1, quando f = F , N si annulla identi amente.


In generale arriviamo, in base alle (55), (56) e tenendo onto dell'espressione
(82) di L e della (57), alle seguenti espressioni per le omponenti di N :
(92)
1
" 1

Nh = 

2 xh 2 xh

w1
w2
w3
w4
+ (" 1)
1
+
2
+
3
+
4
per h = 1; 2; 3; 4:
xh
xh
xh
xh

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 189


Se ora fa iamo uso della (59) e indi hiamo on W il vettore spaziale he ha

1 ;
2 ;
3 ome omponenti x; y; z; l'ultimo, terzo addendo della (92) si puo
portare an he nella forma


w
p" 12 W x
;
1 w
h

(93)

dove la parentesi indi a il prodotto s alare dei due vettori in essa presenti.

x14. Le forze ponderomotri i.


Rappresentiamo ora la relazione K = lor S = sF + N espli itamente; essa da
le equazioni
(94)

K1 =

Xx Xy Xz


+
+
x
y
z
1 "

2 x

(95)

K2 =

(96)

K3 =

1
Tx
K4 =
i
x

Yt
= Ey + sz Mx sx Mz
t


1 
" 1
+ p
W yw ;
2
2 y
1 w

Zx Zy Zz


+
+
x
y
z
1 "

2 z

(97)

sz My

1 
" 1
+ p
W xw ;
2
2 x
1 w

Yx Yy Yz


+
+
x
y
z
1 "

2 y

Xt
= Ex + sy Mz
t

Zt
= Ez + sx My
t


sy Mx

1 
" 1
+ p
W zw ;
2
2 z
1 w

Ty
y

Tz
z

1 " 1 
+  +
2 t 2
t

Tt
= sx Ex + sy Ey + sz Ez
t


p" 12 W tw :
1 w

 ora mia opinione he nei pro essi elettromagneti i la forza ponderoE


motri e he agis e sulla materia in un punto dello spazio-tempo x; y; z; t,
al olata per l'unita di volume, abbia ome omponenti x; y; z le prime tre
omponenti del vettore dello spazio-tempo
(98)

K + wK w

normale al vettore dello spazio-tempo w; e he inoltre la legge dell'energia


trovi la sua espressione nella quarta relazione di ui sopra.

190

H. MINKOWSKI

Un arti olo su essivo sara riservato a giusti are questa opinione in modo esauriente; qui daro solo un erto sostegno a questa opinione mediante al une onsiderazioni sulla me ani a.
Nel aso limite " = 1;  = 1;  = 0 si ha N = 0; s = w; sara quindi wK = 0,
e questi risultati oin idono on quelli onsueti nella teoria degli elettroni.

Appendi e. Me ani a e postulato di relativita.


Sarebbe assai insoddisfa ente se la nuova on ezione del tempo, he si e ri onos iuta grazie alla liberta delle trasformazioni di Lorentz, si potesse far valere solo
in un ampo limitato della si a.
Ora molti autori a ermano he la me ani a lassi a e in ontrasto on il postulato di relativita, he qui e s elto a fondamento per l'elettrodinami a.
Per esprimere un giudizio in proposito, onsideriamo una trasformazione di
Lorentz spe iale, rappresentata dalle equazioni (10), (11), (12), on un vettore v
diverso da zero diretto in qual he modo e on un modulo q he sia < 1. Penseremo
per un momento an ora di non aver preso nessuna de isione riguardo al rapporto
tra l'unita di lunghezza e l'unita di tempo, e di onseguenza in quelle equazioni
al posto di t; t0 ; q s riveremo t; t0 ; q= , dove rappresenta una erta ostante
positiva e dev'essere q < . Le suddette equazioni si trasformano per io in

2
r0v = rv ; r0v = p(rv2 qt2) ; t0 = pqrv2+ 2t ;

ri ordiamo he il vettore r indi a il vettore spaziale x; y; z , ed r0 il vettore spaziale


x0 ; y0 ; z 0 .
Se in queste equazioni passiamo al limite per = 1 mentre teniamo sso v, da
esse risulta

r0v = rv ; r0v = rv qt; t0 = t:

Queste nuove equazioni indi heranno ora un passaggio dal sistema di oordinate
spaziali x; y; z ad un altro sistema di oordinate spaziali x0 ; y0 ; z 0 on assi paralleli,
l'origine del quale pro eda rispetto al primo in linea retta on velo ita ostante,
mentre il parametro temporale restera del tutto immodi ato.
Sulla base di questa osservazione si puo dire:
La me ani a lassi a postula una ovarianza delle leggi si he per il
gruppo delle trasformazioni lineari omogenee dell'espressione
(1)

x2 y 2

z 2 + 2 t2

in se, on la determinazione = 1.
Ora sarebbe addirittura s onvolgente trovare in una parte della si a una ovarianza delle leggi per le trasformazioni dell'espressione (1) in se per un determinato
nito, e in un'altra parte inve e per = 1. Che la me ani a di Newton possieda
questa ovarianza solo per = 1 e he non si possa immaginare per il aso on
velo ita della lu e, non ri hiede al una spiegazione. Ma non dovrebbe ora essere
ammissibile il tentativo di onsiderare quella ovarianza tradizionale per = 1 solo
ome un'approssimazione, ri avata direttamente dall'esperienza, di una ovarianza
piu pre isa delle leggi di natura per un erto nito?

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 191


Vorrei sostenere he mediante una riformulazione della me ani a, nella quale in luogo del postulato newtoniano di relativita on = 1 ne appaia uno
on un nito, per no la struttura assiomati a della me ani a pare onseguire
un notevole perfezionamento.
Il rapporto tra l'unita di tempo e l'unita di lunghezza sia normalizzato in modo
tale he il postulato di relativita intervenga on = 1.
Poi he voglio ora onsiderare delle gure geometri he sulla varieta delle quattro
variabili x; y; z; t, puo essere onveniente per una piu fa ile omprensione di
quanto segue tralas iare ompletamente y e z , e interpretare x e t ome oordinate
parallele oblique in un piano.
Un'origine dello spazio-tempo O (x; y; z; t = 0; 0; 0; 0) sara mantenuta ssa
dalla trasformazione di Lorentz. La gura

x2 y2

(2)

z 2 + t2 = 1; t > 0;

una falda d'iperboloide, ontiene il punto dello spazio-tempo A(x; y; z; t =


0; 0; 0; 1) e tutti i punti dello spazio-tempo A0 , he in seguito alle trasformazioni di Lorentz appaiono ome (x0 ; y0 ; z 0 ; t0 = 0; 0; 0; 1) nelle unita di misura
x0 ; y0 ; z 0 ; t0 via via introdotte.
La direzione di un raggio vettore OA0 da O ad un punto A0 della (2) e le direzioni
delle tangenti alla (2) in A0 si diranno mutuamente normali.
Seguiamo un punto determinato della materia nella sua traiettoria a tutti i tempi
t. Chiamo una linea dello spazio-tempo la totalita dei punti dello spazio-tempo
x; y; z; t he orrispondono al punto materiale a tempi t diversi.
Il problema di determinare il moto della materia e da intendere os: si deve
determinare per ogni punto dello spazio-tempo la direzione della linea dello
spazio-tempo he passa di l.
Trasformare a riposo un punto dello spazio-tempo P (x; y; z; t) vuol dire introdurre mediante una trasformazione di Lorentz un sistema di riferimento x0 ; y0 ; z 0 ; t0
in modo tale he l'asse t0 gia ia nella direzione OA0 he la linea dello spazio-tempo
he passa per P ivi mostra. Lo spazio t0 = ost., he omprenda P , lo hiameremo
allora lo spazio normale in P alla linea dello spazio-tempo. All'in remento dt del
tempo t di P orrisponde l'in remento12
(3)

d =

dt2

dx2

dy2

dz 2 = dt 1 w2 =

dx4
w4

del parametro t0 ora introdotto. Il valore dell'integrale


Z

d =

Z q

dx21

dx22

dx23 dx24 ;

al olato lungo la linea dello spazio-tempo da un qual he punto di partenza sso P 0


no ad un punto d'arrivo variabile P , si hiama il tempo proprio del punto della
materia he si trova nel punto P dello spazio-tempo. (Questa e una generalizzazione
del on etto di tempo lo ale proposto da Lorentz per moti uniformi.)
12

x4).

Riutilizziamo la notazione on gli indi i e i simboli w, w nel senso prima ssato (vedi x3 e

192

H. MINKOWSKI

Consideriamo un orpo R0 esteso spazialmente ad un determinato tempo t0 ;


allora la regione individuata da tutte le linee dello spazio-tempo ondotte per i
punti dello spazio-tempo R0 ; t0 si hiamera un lo dello spazio-tempo.
Se abbiamo un'espressione analiti a  (x; y; z; t) tale he  (x; y; z; t) = 0
interse hi ogni linea dello spazio-tempo del lo in un punto, e he sia







 2
 2
 2
 2

> 0;
+
> 0;
x
y
z
t
t
hiameremo la totalita Q dei punti d'intersezione una sezione del lo. In ogni punto
P (x; y; z; t) di una si atta sezione possiamo introdurre mediante una trasformazione di Lorentz un sistema di riferimento x0 ; y0 ; z 0 ; t0 in modo he si abbia
inoltre




= 0; 0 = 0; 0 = 0; 0 > 0:
0
x
y
z
t
La direzione del orrispondente asse t0 univo amente determinato
la
R RsiR hiama
normale superiore della sezione Q nel punto P e la quantita dJ =
dx0 dy0 dz 0
per un intorno di P sulla sezione si di e un elemento di volume della sezione. In
questo senso si indi heranno R0 ; t0 stessi ome la sezione t = t0 del lo normale
all'asse t e il volume del orpo R0 ome il volume di questa sezione.
Se fa iamo onvergere lo spazio R0 in un punto arriviamo al on etto di lo
dello spazio-tempo in nitamente sottile. In uno di questi pensiamo sempre he
una linea dello spazio-tempo sia in qual he modo designata ome linea prin ipale
e intendiamo per tempo proprio del lo il tempo proprio ssato su questa linea
prin ipale, e per sezioni normali del lo le sue sezioni on spazi he nei punti della
linea prin ipale siano ad essa normali.
Formuliamo ora il prin ipio di onservazione della massa.
Ad ogni spazio R ad un tempo t orrisponde una quantita positiva, la massa in
R al tempo t. Se R onverge ad un punto x; y; z; t, il quoziente di questa massa
per il volume di R si approssima ad un valore limite  (x; y; z; t), la densita di
massa nel punto dello spazio-tempo x; y; z; t.
Il prin ipio di onservazione della massa a erma: per un lo dello spaziotempo in nitamente sottile il prodotto dJ della densita di massa  in un
punto x; y; z; t del lo ( ioe della linea prin ipale del lo) per il volume dJ
della sezione normale all'asse t ondotta per il punto rimane sempre ostante
lungo l'intero lo.
Ora si dovra valutare ome volume dJn della sezione normale del lo ondotta
per x; y; z; t


(4)

dJn =

dt
p 1 2 dJ = iw4dJ = d
dJ;
1 w

e si potra de nire
(5)

=

p

d
=  1 w2 = 
iw4
dt

ome densita di massa a riposo nella posizione x; y; z; t. Quindi il prin ipio di


onservazione della massa si potra formulare an he os:

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 193


Per un lo dello spazio-tempo in nitamente sottile il prodotto della densita di massa a riposo e del volume della sezione normale in un punto del
lo e sempre ostante lungo l'intero lo.
In un lo qualsiasi dello spazio-tempo si prenda una prima sezione Q0 e pure
una se onda sezione Q1 , he abbia in omune on Q0 i punti sul ontorno del lo, e
solo quelli, e le linee dello spazio-tempo all'interno del lo abbiano su Q1 dei valori
di t piu grandi he su Q0 . La regione di estensione nita, ompresa tra Q0 e Q1 , si
hiamera una fal e dello spazio-tempo, Q0 il bordo inferiore, Q1 il bordo superiore
della fal e.
Se pensiamo di suddividere il lo in molti li dello spazio-tempo sottilissimi,
allora ad ogni ingresso di un lo sottile attraverso il bordo inferiore della fal e
orrisponde un'us ita attraverso il superiore, e per entrambi il prodotto dJn determinato nel senso delle (4)R e (5) ha sempre lo stesso valore. Pertanto e nulla la
di erenza dei due integrali dJn , il primo esteso al bordo superiore, il se ondo al
bordo inferiore della fal e. Questa di erenza, se ondo un noto teorema del al olo
integrale, risulta uguale all'integrale
Z Z Z Z

lorwdxdydzdt;

esteso all'intera regione della fal e, dove (vedi la (67) nel x12)

w1 w2 w3 w4


+
+
+
:
x1
x2
x3
x4
Se la fal e si ontrae in un punto x; y; z; t dello spazio-tempo, si trova da qui
l'equazione di erenziale
lor w =

lor w = 0;

(6)

ioe la ondizione di ontinuita


wx wy wz 
+
+
+
= 0:
x
y
z
t
Costruiamo inoltre l'integrale
(7)

N=

Z Z Z Z

dxdydzdt;

esteso all'intera regione di una fal e dello spazio-tempo. Suddividiamo la fal e in


li dello spazio-tempo sottili e an ora ias uno di questi li se ondo elementi pi oli
d del suo tempo proprio, he tuttavia siano an ora grandi rispetto alla dimensione
lineare della sezione normale; poniamo dJn = dm per la massa di un lo si atto e
s riviamo  0 e  1 per il tempo proprio del lo al bordo inferiore e rispettivamente
superiore della fal e; allora l'integrale (7) si puo an he intendere ome
Z Z

su tutti i li della fal e.

dJn d =

1

 0 dm

194

H. MINKOWSKI

Ora onsidero le linee dello spazio-tempo all'interno di una fal e dello spaziotempo ome urve sostanziali ostituite da punti sostanziali e me le immagino sottoposte nel modo seguente ad una variazione ontinua di posizione all'interno della
fal e. Le intere urve saranno deformate in qual he modo mantenendo fermi gli
estremi sui bordi inferiore e superiore della fal e e i singoli punti sostanziali di
esse saranno spostati in modo tale da pro edere sempre normalmente alle urve.
L'intero pro esso si rappresentera analiti amente mediante un parametro #, e al valore # = 0 orrisponderanno le urve on l'andamento delle linee dello spazio-tempo
all'interno della fal e he ha luogo realmente. Un si atto pro esso si hiamera una
deformazione virtuale nella fal e.
Supponiamo he il punto della fal e a x; y; z; t per # = 0 vada, per il valore
# del parametro, in x + x, y + y, z + z , t + t; queste ultime quantita saranno
allora funzione di x; y; z; t; #. Consideriamo di nuovo un lo dello spazio-tempo
in nitamente sottile nel punto x; y; z; t, on una sezione normale di volume dJn ,
e sia dJn + dJn il volume della sezione normale al punto orrispondente del lo
variato; terremo onto del prin ipio di onservazione dalla massa, e attribuiremo
a questa punto variato una densita di massa a riposo  +  se ondo la
( +  ) (dJn + dJn ) = dJn = dm;

(8)

on  intendiamo la densita a riposo reale in x; y; z; t. A seguito di questo vin olo


l'integrale (7), esteso sulla regione della fal e, variera per la deformazione virtuale
ome una erta funzione N + N di #, e hiameremo questa funzione N + N
l'azione della massa per la deformazione virtuale.
Introdu iamo la s rittura on gli indi i; sara:
(9)

xh
xh
d (xh + xh ) = dxh +
dxk +
d#
x
#
k
k
X

k = 1; 2; 3; 4
h = 1; 2; 3; 4 :

Ora e hiaro, in base alle osservazioni fatte prima, he il valore di N + N per il


valore # del parametro sara:

N + N =

(10)

Z Z Z Z

d ( +  )
dxdydzdt;
d

esteso alla fal e, dove d ( +  ) indi a quella quantita he si ottiene da


q

(dx1 + dx1 )2

(dx2 + dx2 )2

(dx3 + dx3 )2

(dx4 + dx4 )2

per mezzo della (9) e di

dx1 = w1 d; dx2 = w2 d; dx3 = w3 d; dx4 = w4 d; d# = 0;


risulta quindi
(11)

d ( +  )
d

v
u
u
=t

xh
wh +
wk
k xk
X

!2 

k = 1; 2; 3; 4 :
h = 1; 2; 3; 4

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 195


Sottoporremo ora ad una trasformazione il valore della derivata


(12)

d (N + N )
:
d#
(#=0)

Poi he ogni xh ome funzione degli argomenti x1 ; x2 ; x3 ; x4 ; # si annulla in


generale per # = 0, os pure in generale si ha xh =xk = 0 per # = 0. Poniamo
ora


(13)

xh
=  (h = 1; 2; 3; 4);
# (#=0) h

allora in base alle (10) e (11) risulta per l'espressione (12):


Z Z Z Z




h
w1 + h w2 + h w3 + h w4 dxdydzdt:
 wh
x
x
x
x
1
2
3
4
h
X

Per il sistema x1 ; x2 ; x3 ; x4 al bordo della fal e x1 ; x2 ; x3 ; x4 si annulleranno


per ogni valore # e quindi an he 1 ; 2 ; 3 ; 4 saranno ovunque nulli. Allora
mediante integrazione per parti l'ultimo integrale si trasforma in
Z Z Z Z X

wh w1 wh w2 wh w3 wh w4


h
+
+
+
dxdydzdt:
x1
x2
x3
x4
h

L' espressione tra parentesi e


= wh

X
w
wk
+  wk h :
x
xk
k
k
k

La prima somma qui si annulla in seguito alla ondizione di ontinuita (6), la


se onda si puo rappresentare ome


wh dx1 wh dx2 wh dx3 wh dx4 dwh d dxh
+
+
+
=
=
;
x1 d
x2 d
x3 d
x4 d
d
d d
dove on d=d si intende la derivata nella direzione della linea dello spazio-tempo
di un punto materiale. Per la derivata (12) risulta per io in ne l'espressione
(14)

Z Z Z Z

dw1
dw
dw
dw

1 + 2 2 + 3 3 + 4 4 dxdydzdt:
d
d
d
d

Per una deformazione virtuale nella fal e abbiamo imposto la pres rizione he il
punto sostanziale onsiderato si debba spostare normalmente alla urva da esso
des ritta; io signi a per # = 0 he gli h devono soddisfare la ondizione
(15)

w1 1 + w2 2 + w3 3 + w4 4 = 0:

Pensiamo agli sforzi di Maxwell nell'elettrodinami a dei orpi a riposo e onsideriamo d'altra parte i nostri risultati dei xx12 e 13; risulta naturale allora un erto

196

H. MINKOWSKI

aggiustamento al postulato di relativita del prin ipio di Hamilton per mezzi


elasti i deformati on ontinuita.
In ogni punto dello spazio-tempo sia nota ( ome nel x13) una matri e dello
spazio-tempo di II spe ie
(16)


S11 ;

= SS21 ;;
31

S12 ;
S22 ;
S32 ;
S41 ; S42 ;

S13 ;
S23 ;
S33 ;
S43 ;

S14
S24 =
S34
S44

Xx ;
Xy ;
Xz ;
iXt ;

Yx ;
Yy ;
Yz ;
iYt ;

Zx ;
Zy ;
Zz ;
iZt ;

iTx
iTy ;
iTz
Tt

dove Xx ; Yx ; : : : Zz ; Tx ; : : : Xt ; : : : Tt siano quantita reali. Per una deformazione


virtuale in una fal e dello spazio-tempo on i simboli prima introdotti il valore
dell'integrale
(17)

W + W =

Z Z Z Z

0


h; k

Shk

 (xk + xk ) A
dxdydzdt;
xh

esteso alla regione della fal e, si puo hiamare l'azione degli sforzi per una deformazione virtuale.
La somma he qui interviene, s ritta espli itamente e on quantita reali, e

Xx + Yy + Zz + Tt
x
x
z
+ Xy
+    + Zz
+Xx
x
y
z
x
t
t
Xt



+ Tx
+    + Tt :
t
x
t
Postuleremo ora il seguente prin ipio di minimo per la me ani a:
Una fal e dello spazio-tempo sia limitata; allora per ogni deformazione
virtuale nella fal e la somma dell'azione della massa e dell'azione degli sforzi
dev'essere sempre un estremo per l'andamento delle linee dello spazio-tempo
nella fal e he ha luogo realmente.
Il senso di questa a ermazione e he per ogni deformazione virtuale, on i simboli
spiegati pre edentemente, dev'essere


d (N + W )
(18)
= 0:
d#
#=0
Con i metodi del al olo delle variazioni da questo prin ipio di minimo derivano,
tenendo onto della ondizione (15) e per mezzo della forma (14), le quattro equazioni di erenziali seguenti
(19)

dwh
= Kh + wh (h = 1; 2; 3; 4);
d

dove
(20)

Kh =

S1h S2h S3h S4h


+
+
+
x1
x2
x3
x4

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 197


sono le omponenti del vettore dello spazio-tempo di I spe ie K = lor S , e  e
un fattore, la determinazione del quale deve dis endere da ww = 1. Mediante
moltipli azione della (19) per wh e su essiva somma su h = 1; 2; 3; 4 si trova
 = Kw ed evidentemente K + (Kw) w sara un vettore dello spazio-tempo di I
spe ie normale a w. Se s riviamo le omponenti di questo vettore ome

X; Y; Z; iT ;
otteniamo le seguenti leggi per il moto della materia:

d dx
d d
d dy

d d
d dz

d d
d dt

d d


(21)

= X;
= Y;
= Z;
= T:

Valgono inoltre



 2  2  2
dx 2
dy
dz
dt
+
+
=
1;
d
d
d
d

dx
dy
dz
dt
+Y +Z = T ;
d
d
d
d
e in base a questa ir ostanza si puo onsiderare la quarta delle equazioni (21) ome
una onseguenza delle prime tre.
Dalle (21) dedu iamo inoltre le leggi per il moto di un punto materiale, vale a
dire per l'andamento di un lo dello spazio-tempo in nitamente sottile.
Si indi hi on x; y; z; t un punto della linea prin ipale s elta in qual he modo
nel lo. S riviamo le equazioni (21) per i punti della sezione normale del lo
ondotta per x; y; z; t e le integriamo, moltipli ate per l'elemento di volume della
sezione, sull'intero spazio della sezione normale. Siano Rx ; Ry ; Rz ; Rt gli integrali
dei se ondi membri di queste, e sia m la massa ostante del lo; risulta allora
X

d dx
= Rx ;
d d
d dy
m
= Ry ;
d d
(22)
d dz
m
= Rz ;
d d
d dt
m
= Rt :
d d
Il vettore R on le omponenti Rx ; Ry ; Rz ; iRt e an ora un vettore dello spaziotempo di I spe ie, he e normale al vettore dello spazio-tempo di I spe ie w, velo ita
del punto materiale, on le omponenti
m

dx dy dz dt
; ; ;i :
d d d d

198

H. MINKOWSKI

Chiameremo questo vettore R la forza motri e del punto materiale. Se tuttavia si


integrano le equazioni inve e he sulla sezione normale del lo sulla sezione del lo
normale all'asse t, ondotta per x; y; z; t, allora (vedi (4)) valgono le equazioni
(22) moltipli ate an ora per d=dt, e in parti olare ome ultima equazione


d dt
d
d
d
m
= wx Rx + wy Ry + wz Rz :
dt d
dt
dt
dt
Si avra ora da interpretare il se ondo membro ome lavoro ompiuto sul punto materiale nell'unita di tempo. Nell'equazione stessa si vedra quindi la legge dell'energia
per il moto del punto materiale, e l'espressione


dt
m
d

1 =m

1 w2

1
3
1 = m jwj2 + jwj4 + : : :
2
8

si onsiderera l'energia ineti a del punto materiale. Poi he e sempre dt > d , si
potrebbe designare il quoziente (dt d ) =d ome l'anti ipo del tempo rispetto al
tempo proprio del punto materiale e quindi esprimersi os: l'energia ineti a di un
punto materiale e il prodotto della sua massa per l'anti ipo del tempo rispetto al
suo tempo proprio.
La quaterna delle equazioni (22) mostra inoltre la simmetria ompleta in x, y, z ,
it ri hiesta dal postulato di relativita, laddove alla quarta equazione, ome gia e
apitato nell'elettrodinami a, allo stesso modo va attribuita un'importanza si a
piu elevata. Sulla base della pres rizione di questa simmetria si puo ostruire la
terna delle prime tre equazioni immediatamente sul modello della quarta equazione,
e tenendo onto di questa ir ostanza e orretto a ermare: se si pone il postulato
di relativita al verti e della me ani a, le leggi omplete del moto derivano
dalla sola legge dell'energia.
Non posso tralas iare ora di rendere plausibile il fatto he non i si debba aspettare dai fenomeni della gravitazione una ontraddizione rispetto all'assunzione
del postulato di relativita13 .
Sia B  (x ; y ; z  ; t ) un punto sso dello spazio-tempo, allora l'insieme di tutti
quei punti dello spazio-tempo B (x; y; z; t) per i quali e
(23)
(x x )2 + (y y )2 + (z z  )2 = (t t )2 ; t t  0;
si hiamera la struttura di radiazione del punto dello spazio-tempo B  .
Una linea dello spazio-tempo assunta a pia ere sara interse ata da questa struttura sempre in un solo punto B dello spazio-tempo, ome risulta da un lato per
la onvessita della struttura, dall'altro per la ir ostanza he tutte le direzioni
delle linee dello spazio-tempo sono solo direzioni da B  verso il lato on avo della
struttura. B  si hiama quindi un punto di lu e di B .
Se nella relazione (23) si pensa sso il punto B (x; y; z; t), variabile il punto
B  (x ; y ; z  ; t ), la suddetta relazione rappresenta l'insieme di tutti i punti B 
dello spazio-tempo he sono punti di lu e di B , e si dimostra analogamente he
su un'arbitraria linea dello spazio-tempo esiste sempre un solo punto B  he e un
punto di lu e di B .
13 In modo del tutto diverso da ome pro edo qui, H. Poin ar
e (Rend. Cir . Matem. Palermo,
t. XXI (1906), p. 129) ha er ato di adattare la legge d'attrazione newtoniana al postulato di
relativita.

LE EQUAZIONI FONDAMENTALI PER I PROCESSI ELETTROMAGNETICI... 199


Ora un punto materiale F di massa m puo sperimentare una forza motri e per
la presenza di un altro punto materiale F  di massa m se ondo la legge seguente.
Rappresentiamo i i li dello spazio-tempo di F ed F  on linee prin ipali in essi.
Sia BC un elemento in nitamente pi olo della linea prin ipale di F , e inoltre B 
il punto di lu e di B , C  il punto di lu e di C sulla linea prin ipale di F  , e poi
OA0 il raggio vettore dell'iperboloide fondamentale (2) parallelo a B  C  , in ne D
il punto d'intersezione della retta B  C  on lo spazio per B ad essa normale. La
forza motri e sul punto materiale F nel punto dello spazio-tempo B sia ora
quel vettore dello spazio-tempo di I spe ie normale a BC, he si ompone
additivamente on il vettore

mm

(24)


OA0 3 
BD
B  D

nella direzione BD e inoltre on un opportuno vettore nella direzione B  C  .


Si deve intendere on OA0 =B  D il rapporto dei due vettori paralleli onsiderati.
E hiaro he questa determinazione ha arattere ovariante rispetto al gruppo di
Lorentz.
Studiamo ora ome il lo dello spazio-tempo di F si omporti nel aso he il punto
materiale F  esegua un moto di traslazione uniforme, ioe he la linea prin ipale
del lo di F  sia una retta. Comprendiamo in essa l'origine O dello spazio-tempo,
e possiamo on una trasformazione di Lorentz introdurre questa retta ome asse t.
Ora x; y; z; t indi hi il punto B , e sia   il tempo proprio del punto B  , al olato
da O. La nostra s elta porta adesso alle equazioni
(25)

m x d2 y
m y d2 z
m z
d2 x
=
;
=
;
=
;
3
3
2
2
2
d
(t   ) d
(t   ) d
(t   )3

d2 t
m d (t   )
=
;
d 2
(t   )2 dt

(26)
dove e

x2 + y2 + z 2 = (t   )2 ;

(27)
e
(28)


 2  2  2
dx 2
dy
dz
dt
+
+
=
1:
d
d
d
d

Le tre equazioni (25) si s rivono, tenendo onto della (27), esattamente ome le
equazioni per il moto di un punto materiale attratto da un entro sso se ondo la
legge di Newton, solo he inve e del tempo t appare il tempo proprio  del punto
materiale. La quarta equazione (26) da poi il legame tra tempo proprio e tempo
per il punto materiale.
La traiettoria del punto dello spazio x; y; z per i diversi  sara un'ellisse on
semiasse maggiore a, e entri ita e, e per essa E indi hera l'anomalia e entri a,

200

H. MINKOWSKI

T l'in remento in tempo proprio per un giro ompleto sull'orbita, e in ne si porra


nT = 2, di modo he on opportuna origine per  vale l'equazione di Keplero
n = E

(29)

esin E:

Se ora ambiamo l'unita di tempo e indi hiamo la velo ita della lu e on , risulta
dalla (28):
(30)


dt 2
d

1=

m 1 + e os E
:
a 2 1 e os E

Tralas iando 4 rispetto ad 1 risulta quindi





1 m 1 + e os E
ndt = nd 1 +
;
2 a 2 1 e os E

dalla quale, utilizzando la (29), risulta


(31)


1 m
m
n
+
sin E:
nt + ost. = 1 +
2 a 2
a 2


Il fattore m =a 2 e il quadrato del rapporto tra una erta velo ita media di F sulla
sua orbita e la velo ita della lu e. Se si sostituisse ad m la massa del sole, ad a il
semiasse maggiore dell'orbita terrestre, questo fattore varrebbe 10 8 .
Una legge di attrazione delle masse se ondo la formulazione ora dis ussa, e legata
al postulato di relativita, signi herebbe parimenti una propagazione della gravitazione on la velo ita della lu e. Tenendo onto della pi olezza del termine
periodi o nella (31) non sara possibile ottenere dalle osservazioni astronomi he una
on lusione ontro una legge si atta e ontro la me ani a modi ata proposta, a
favore della legge di attrazione di Newton on la me ani a newtoniana.

IL TENSORE D'ENERGIA-IMPULSO DELLA RADIAZIONE NEI DIELETTRICI 201


Il tensore d'energia-impulso della radiazione nei dielettri i1
G. Marx e K. Nagy
Istituto di Fisi a dell'Universita Roland Eotvos, Budapest
(presentato da K.F. Novobatzky - ri evuto il 29-6-1954)
La radiazione elettromagneti a in mezzi ompletamente trasparenti e di per se
in una ontinua interazione on la materia polarizzabile: il ampo elettromagneti o
provo a una polarizzazione elettri a e magneti a alternante, mentre la radiazione
dei dipoli presenti altera le proprieta della radiazione primaria in idente. Ne segue
he l'energia della radiazione he in ide dal vuoto, an he in mezzi he non assorbono
energia permanentemente, ad un dato momento solo in parte e presente sotto forma
di energia elettromagneti a, mentre essa appare in parte ome l'energia ineti a e
potenziale delle mole ole polarizzate (deformate), quindi dal punto di vista ma ros opi o ome energia me ani a. Vari ri er atori suggeris ono in proposito he il
tensore d'energia impulso ompleto della radiazione Sik , he soddisfa le leggi di
onservazione, proprio tenendo onto delle osservazioni pre edenti, all'interno della
materia polarizzabile vada distinto dal tensore d'energia-impulso Tik del ampo elettromagneti o: a Tik si deve infatti aggiungere quella parte tik del tensore d'energiaimpulso me ani o he des rive gli sforzi sus itati dal ampo elettromagneti o. Lo
s opo del presente lavoro e la derivazione della forma ovariante di questo tensore
espressa mediante le intensita di ampo. Della determinazione del tensore ompleto della radiazione Sik si sono o upati gia vari ri er atori. H. Ott [1 e F. Be k
[2 hanno ostruito il tensore della radiazione Sik a partire dal tensore d'energiaimpulso di Minkowski (per rimuovere la sua asimmetria), mentre G. Marx e G.
Gyorgyi [3 sono partiti dal tensore d'energia-impulso di Abraham e in base alla
forza ponderomotri e sono giunti alla forma di Sik ristretta a mezzi a riposo e
ad onde piane. K. Nagy [4 ha generalizzato poi questa forma on una trasformazione di Lorentz an he al aso di dielettri i in moto. Le ri er he di Be k e Marx
hanno portato, malgrado i diversi punti di partenza, ad un risultato sostanzialmente
uguale, osa he parla a favore della giustezza delle loro trattazioni.
Nella derivazione del tensore d'energia-impulso ompleto della radiazione si deve
partire dal tensore d'energia-impulso di Abraham, he tiene onto an he delle forze
di Lorentz he agis ono sulle orrenti di polarizzazione presenti nel dielettri o. La
sua forma e
(1)

Tik =

1
F G
4 ir kr

1
F G
4 ik rs rs

n2 1
(Fir Fr


Fr Fr ui ) uk :

Si sono utilizzate Le notazioni onsuete: Fik sta per il tensore ostruito on i vettori
E e B, Gik per quello ostruito on i vettori D ed H, ui e la tetravelo ita ostante
del dielettri o misurata in unita di velo ita della lu e, n l'indi e di rifrazione del
mezzo, la permeabilita magneti a del mezzo, si la densita della tetra orrente e
Fi = Fik uk . Le equazioni di Maxwell si s rivono:
(2)

Gik
= 4si ;
xk

Der Energie-Impuls Tensor der Strahlung in Dielektrika, A ta Physi a Hungari a , 297-300


(1955).
1

202

K. NAGY E G. MARX

(3)

Fik Fkm Fmi


+
+
= 0:
xm
xi
xk

Le equazioni materiali he a oppiano tra loro le quantita di ampo sono:


(4)

Gik =

1
F + n2
 ik

1 (ui Fk

uk Fi ) :

Le onsiderazioni he seguono si limiteranno all'inizio ai dielettri i a riposo. Si


indi hino on T gli sforzi di Maxwell ostituiti dalle omponenti spaziali del tensore
Tik ; e noto he allora in un mezzo omogeneo, privo di ari he e di orrenti (quindi
trasparente) si arriva a


 n2 1
DivT =
EH :
t 4

(5)

Si ottiene la densita di forza quando si tien onto an he della densita d'impulso


del ampo
1
g = 4
EH
formata dalle omponenti di Ti4 :

f = DivT

g 
4
=
EH :
2
t t n 1

Questa forza sara eser itata dal ampo sul dielettri o polarizzato. Se il dielettri o
e sso, la forza ponderomotri e non puo ne aumentare l'impulso del dielettri o ne
ompiere un lavoro su di esso. In questo aso lo sforzo me ani o t provo ato nel
dielettri o deve per io ompensare l'azione delle forze elettromagneti he se ondo la
relazione


 n2 1
Div t = f =
EH :
t 4

(6)

Il tensore me ani o degli sforzi t deve quindi da un lato soddisfare l'equazione


(6) e dall'altro naturalmente essere simmetri o. Se si tien onto di io, si puo assai
fa ilmente, on un onfronto delle equazioni (5) e (6), esprimere il tensore degli
sforzi mediante le intensita di ampo:

2
t = n n2 1 T:

(7)

Le omponenti di t ostituis ono le omponenti spaziali di tik . Le omponenti


restanti, se ondo le osservazioni pre edenti, devono annullarsi in un dielettri o ssato rigidamente. Se si tien onto della relazione fra T e Tik , ome pure di quella
fra t e tik , si puo s rivere:

tik =

n2 1
T ; se i; k = 1; 2; 3; ti4 = t4i = 0:
n2 ik

IL TENSORE D'ENERGIA-IMPULSO DELLA RADIAZIONE NEI DIELETTRICI 203


Questa relazione valida per un dielettri o a riposo si puo s rivere omplessivamente
an he nel modo seguente:
(8)

tik =

n2 1
(ir + ui ur ) (ks + uk us ) Trs :
n2

La relazione ora ottenuta e quindi valida per mezzi a riposo, ma esprime pur
an he una relazione tensoriale, di modo he deve avere validita in ogni sistema inerziale. Con l'Eq. (8) s'ottiene quindi la forma ovariante di tik di validita generale.
Da questa, introdu endo

Sik = Tik + tik

(9)

si puo ottenere an he il tensore d'energia-impulso della radiazione ompleto, e pre isamente sia per il aso di una radiazione elettromagneti a qualsiasi he per il aso
di un dielettri o he si sposti on velo ita arbitraria.
Adoperando Le equazioni (1), (8) e (9) si puo an he esprimere Sik in funzione
delle intensita di ampo. Mediante una sempli e sostituzione risulta

Sik =
(10)

1
F G +
4 ik rs rs

1
F G
4n2 ir kr


1
1
1 1=n2 ui Fkr Fr + ui uk n2
4
2


1
1 Fr Fr + Frs Frs
2



(Passando alla notazione tridimensionale si puo onfermare he questa relazione


oin ide on la forma utilizzata in [4). la tra ia del tensore - a di erenza di quella
di Tik - ora non vale piu zero, on la qual osa s'esprime il fatto he una parte
dell'energia della radiazione gia e presente ome energia di una materia dotata di
massa a riposo:

2
2
u0 = Sii = n4n12 14 Frs Frs + n 2+ 1 Fr Fr > 0:


Utilizzando l'equazione (10) e le equazioni di ampo (2) e (3) si puo an he


dimostrare immediatamente per derivazione he Sik in un mezzo trasparente e
omogeneo e a divergenza nulla. In posti del dielettri o disomogenei e onduttori
(n 6= ost:;  6= ost:; si 6= 0) l'energia e l'impulso della radiazione presentano delle
perdite:


Sik 1 
= 2 Fir + n2 1 ui Fr sr
xk n


1
"
1
1

F
F
F
F
+
F
F
:
r r
8n2 r r xi 8n2 2 2 rs rs
xi
In questo aso pero la separazione di tik dal tensore d'energia-impulso me ani o e di
onseguenza an he il tensore della radiazione Sik hanno gia perso il loro signi ato.
Tuttavia dove l'energia non viene assorbita in modo permanente, ma os illa soltanto
tra il ampo e la materia polarizzata, Sik puo essere utilizzato per la des rizione

204

K. NAGY E G. MARX

delle proprieta dinami he della radiazione he attraversa il dielettri o (per esempio


del fotone he si muove nel dielettri o [4).

Bibliogra a
1. H. Ott: Ann. d. Phys. (6), 11, 33, 1953.
2. F. Be k: Z. Phys. 134, 136, 1953.
3. G. Marx, G. Gyorgyi, A ta Phys. Hung. 3, 213, 1954.
4. K. Nagy, (Die Quantentheorie der elektromagnetis hen Strahlung in Dielektrika) Dissertation 1954.

OSSERVAZIONI SUL PRINCIPIO DELL'AZIONE E REAZIONE...

205

Osservazioni sul prin ipio dell'azione e reazione


nella dinami a generale.1
Max Plan k (Berlin-Grunewald)
E noto he il prin ipio newtoniano dell'uguaglianza di azione e reazione ha ome
vero ontenuto la legge della ostanza della quantita di moto ovvero dell'impulso del
moto; potrei quindi parlare di quel prin ipio an he solo nel senso di questa legge, e
pre isamente del suo signi ato per la dinami a generale, he omprende non solo
la me ani a in senso stretto, ma an he l'elettrodinami a e la termodinami a.
Molti di noi ben ri ordano l'impressione he si sollevo quando H.A. Lorentz
nella sua ostruzione dell'elettrodinami a atomisti a a partire dall'etere in quiete
nego la validita generale del terzo assioma di Newton, e non pote non su edere
he questa ir ostanza fosse fatta valere ome una pesante obiezione, per esempio
da parte di H. Poin are, ontro la teoria di Lorentz. Un po' di alma torno solo
quando, in parti olare on le ri er he di M. Abraham, si mostro he il prin ipio
di reazione tuttavia e an ora da salvare, e nella sua ompleta generalita, pur he
oltre alla quantita di moto me ani a, la sola nota nora, si introdu a an he una
nuova quantita di moto, quella elettromagneti a. Abraham ha reso questo an or
piu plausibile, mettendo a onfronto la onservazione della quantita di moto on la
onservazione dell'energia. Allo stesso modo ome il prin ipio dell'energia e violato
quando non si tiene onto dell'energia elettromagneti a, ed e soddisfatto quando
s'introdu e questo tipo d'energia, il prin ipio di reazione sara violato quando si
onsideri solo la quantita di moto me ani a, e sara inve e soddisfatto non appena
si tenga presente an he la quantita di moto elettromagneti a.
Tuttavia questo onfronto di per se erto inoppugnabile las ia intatta una differenza essenziale. Infatti dell'energia onos iamo gia un'intera serie di tipi diversi: l'energia ineti a, la gravitazione, l'energia di deformazione elasti a, il alore,
l'energia himi a, e non signi a quindi una novita di prin ipio se a queste diverse
forme si aggrega ome un'ulteriore forma an he l'energia elettromagneti a. Inve e
di quantita di moto se ne onos eva nora una sola: proprio quella me ani a.
Mentre l'energia rappresenta n dall'inizio un on etto si o universale, nora la
quantita di moto era spe i amente un on etto me ani o, il prin ipio di reazione
spe i amente una legge me ani a, e quindi la generalizzazione ri onos iuta ome
ne essaria sarebbe stata pur sempre avvertita an he ome una rivoluzione nei prin ip^, mediante la quale il on etto nora relativamente sempli e e unitario di quantita di moto assume un arattere notevolmente ompli ato.
Ora, non e possibile formare an he dal punto di vista della dinami a generale una
de nizione unitaria della quantita di moto, ome prima su edeva nella me ani a,
malgrado il fatto he essa ora omprenda sia la forma me ani a he quella elettromagneti a? Una risposta a ermativa a questa domanda porterebbe in ogni aso
an he a un progresso nella onos enza del vero signi ato del prin ipio di reazione.
Di fatto una tale de nizione unitaria della quantita di moto sembra possibile e
realizzabile, per lo meno quando ontemporaneamente si assuma valida la teoria di
Einstein della relativita2 . Ora si deve altres rilevare he questa teoria oggi ome
oggi an ora non si puo dare a atto per si ura. Solo per he le sue deviazioni dalle
1 Bemerkungen zum Prinzip der Aktion und Reaktion in der allgemeinen Dynamik, Physik.
Zeits hr. , 828-830 (1908).
2 Vedasi in parti olare F. Hasen
ohrl (Sitzungsberi ht d. Akad. d. Wiss. zu Wien del 31 ottobre
9

206

M. PLANCK

altre teorie onsiderate si limitano a termini oltremodo pi oli si puo dire in ogni
aso he essa puo esse ritenuta valida a meno di quelle deviazioni, e no a questo
punto an he le onsiderazioni seguenti mantengono quindi un signi ato si uro in
tutti i asi.
Ora nella teoria della relativita la quantita di moto si puo ri ondurre del tutto
in generale a quel vettore he esprime la orrente d'energia, ma non la sola orrente d'energia elettromagneti a di Poynting, bens la orrente d'energia del tutto
in generale. Considerato dal punto di vista della teoria di azione per ontatto proprio ogni tipo d'energia puo ambiare la sua posizione nello spazio solo mediante
propagazione ontinua, non on variazione per salti. Per io il prin ipio dell'energia
ri hiede in generale he la variazione dell'energia omplessiva he si trova in un
erto volume sia uguale ad un integrale di super ie, ioe alla somma algebri a
dell'energia he uis e omplessivamente verso l'interno attraverso la super ie del
volume. La orrente puo aver luogo per irraggiamento, ome on il vettore di Poynting, per onduzione, ome nel aso della pressione o dell'urto e nella onduzione del
alore, e per onvezione, ome per l'ingresso di atomi ponderabili o di elettroni attraverso la super ie onsiderata. In ogni aso la orrente d'energia omplessiva in
ogni punto dello spazio, riferita all'unita di super ie e di tempo, e un determinato
vettore nito, e il quoziente di questo vettore per il quadrato della velo ita della
lu e e del tutto in generale la quantita di moto riferita all'unita di volume.
Prendiamo ome esempio un uido ponderabile in moto on la velo ita q sottoposto alla pressione p. Attraverso un elemento di super ie df di un piano in
quiete orientato normalmente a q uis e nel tempo dt energia per onduzione e per
onvezione. L'energia di onduzione e il lavoro me ani o: p  df  qdt. L'energia di
onvezione e: df  "  qdt, dove " indi a la densita d'energia. Di onseguenza se ondo
la de nizione la quantita di moto dell'unita di volume e:
(" + p) q
:
2
Si onfronti quest'espressione on la onsueta quantita di moto me ani a kq, dove
k indi a la densita del uido; si trova allora:

"+p
;
2
una nota relazione della teoria della relativita3 .
Dal punto di vista delineato il prin ipio dell'uguaglianza dell'azione e della
reazione puo essere indi ato del tutto in generale ome la \legge d'inerzia dell'energia".
Ma possiamo pro edere an ora d'un passo. Come la ostanza dell'energia porta
on se il on etto di orrente d'energia, os an he la ostanza della quantita di
moto porta ne essariamente on se il on etto di \ orrente di quantita di moto",
detto in breve: di \ orrente d'impulso". Infatti la quantita di moto he si trova
in un determinato volume puo ambiare solo per azioni esterne, quindi se ondo la
teoria dell'azione per ontatto solo mediante pro essi alla super ie del volume,
quindi l'ammontare della variazione nell'unita di tempo e un integrale di super ie,
k=

1907, p. 1400), he invero non parte direttamente dalla teoria della relativita, ma tuttavia, a
quanto vedo, giunge esattamente agli stessi risultati di questa.
3 Vedasi per esempio M. Plan k, Ann. d. Phys. (4)
, 27, 1908. Equazione (48).
25

OSSERVAZIONI SUL PRINCIPIO DELL'AZIONE E REAZIONE...

207

he puo essere indi ato ome la orrente d'impulso omplessiva entrante nell'interno
del volume. Ma una di erenza importante rispetto alla orrente d'energia sta tuttavia nel fatto he l'energia e uno s alare mentre la quantita di moto e un vettore.
Pertanto l'energia he uis e entro un volume sara espressa da un solo integrale
di super ie, e la orrente d'energia e un vettore. Inve e la quantita di moto he
uis e in un volume sara espressa da tre integrali di super ie, in orrispondenza
alle tre omponenti della quantita di moto, e la orrente d'impulso in un punto e
un tripletto tensoriale, aratterizzato nella notazione di Voigt4 da sei omponenti.
Per farsi un'idea del signi ato di questo tripletto tensoriale, onsideriamo in
primo luogo la quantita di moto me ani a e la orrente d'impulso me ani a ad
essa orrispondente. La orrente d'impulso omplessiva verso l'interno di un volume, quindi l'in remento per unita di tempo della quantita di moto he si trova
all'interno, e uguale alla forza me ani a risultante he agis e su tutta la massa he
si trova nel volume. Di onseguenza la orrente d'impulso attraverso un elemento
di super ie non e nient'altro he la pressione me ani a sull'elemento di super ie,
e le omponenti della stessa hanno la forma:

Xn = Xx os (nx) + Xy os (ny) + Xz os (nz );


Yn = Yx os (nx) + Yy os (ny) + Yz os (nz );
Zn = Zx os (nx) + Zy os (ny) + Zz os (nz );
dove n indi a la normale interna dell'elemento di super ie. Xx , Yy , Zz , Xy = Yx ,
Yz = Zy , Zx = Xz sono le sei omponenti del tripletto tensoriale he rappresenta
la orrente d'impulso.
In modo del tutto analogo su ede on la orrente d'impulso elettromagneti a nel
vuoto. Le omponenti di questo tripletto tensoriale non sono nient'altro he i noti
sforzi di Maxwell. La loro integrazione su di una super ie hiusa produ e la orrente d'impulso omplessiva verso l'interno e quindi l'in remento della quantita di
moto omplessiva me ani a ed elettromagneti a ontenuta nello spazio ra hiuso.
E notevole he mediante questa legge gli sforzi di Maxwell a quistino un signi ato
si o an he per la teoria dell'etere in quiete. Infatti ome forza di pressione questi
sforzi non hanno in questa teoria al un orretto signi ato, poi he ad una forza he
agis a su qual osa di assolutamente immobile non si puo attribuire al un senso5 .
Il fatto he tuttavia gli sforzi di Maxwell, malgrado essi fossero stati per os dire
abrogati u ialmente, si siano mantenuti nella teoria dell'etere in quiete, poi he
si dimostrano spesso un omodo ausilio matemati o per erti al oli, avrebbe gia
potuto suggerire l'idea he ad essi spetti inve e un qual he ruolo si o parti olare,
mediante il quale essi sarebbero legittimati an he per l'etere in quiete.
E naturale estendere il on etto di orrente d'impulso an he al ampo gravitazionale per il quale si da, a pres indere dal segno fatale, un numero notevole di analogie; tuttavia una trattazione piu approfondita di questo problema i
porterebbe qui troppo lontano.

Vedasi M. Abraham, Enzyklopadie d. math. Wiss. IV, 14, p. 28.


Vedasi H. A. Lorentz, Versu h einer Theorie der elektris hen und optis hen Ers heinungen,
p. 28, Leiden 1895.
4
5

208

M. PLANCK
Dis ussione.

Minkowski: a mio avviso le leggi sulla quantita di moto vanno derivate direttamente dalla legge dell'energia. Infatti la legge dell'energia nella teoria di
Lorentz dipende dal sistema di riferimento per spazio e tempo. Se si s rive la
legge dell'energia per ogni possibile sistema di riferimento si hanno piu equazioni,
e in queste sono ontenute le leggi sulla quantita di moto.
Plan k: erto. Pero io onsidero l'indipendenza dal sistema di riferimento non
ome un risultato si o si uro, ma piuttosto ome un'ipotesi, he tengo bens per
promettente, ma an ora in nessun modo per provata. Si ha pur da dimostrare
an ora se queste relazioni sussistono an he realmente in natura. Cio lo possiamo
apprendere solo per via sperimentale, e si spera he il tempo per apprenderlo non
sia piu lontano.

(Ri evuto il 9 ottobre 1908)

IL CAMPO GRAVITAZIONALE DI UN PUNTO MATERIALE...

209

Il ampo gravitazionale di un punto materiale se ondo la teoria di Einstein.1


K. S hwarzs hild

(Ri evuto il 13 gennaio 1916.)

x1. Nel suo lavoro sul moto del perielio di Mer urio (vedi Sitzungsberi hte del
18 novembre 1915) Einstein ha posto il seguente problema:
Un punto si muova se ondo la legge
(1)

qX

ds = 0; ove ds =

g dx dx ;  = 1; 2; 3; 4;

le g indi ano funzioni delle variabili x e nella variazione le variabili x vengono
mantenute sse all'inizio e alla ne del ammino d'integrazione. In breve, il punto
si muova quindi lungo una linea geodeti a nella varieta aratterizzata dall'elemento
di linea ds.
L'ese uzione della variazione da le equazioni di moto del punto
(2)

d2 x X dx dx
=
 ds ds ; ; = 1; 2; 3; 4
ds2
;

ove
(3)




1 X g g
g
+
=
2
x
x

g
x

e g indi a il minore normalizzato asso iato a g nel determinante jg j.


Se ondo la teoria di Einstein questo e allora il moto di un punto privo di massa nel
ampo gravitazionale d'una massa he si trovi nel punto x1 = x2 = x3 = 0, quando
le \ omponenti del ampo gravitazionale" soddis no ovunque, on l'e ezione del
punto x1 = x2 = x3 = 0, le \equazioni di ampo"
(4)

  X
+
  = 0
x
;

e quando inoltre sia soddisfatta l'\equazione del determinante"


(5)

jg j = 1:

Le equazioni di ampo assieme all'equazione del determinante hanno la proprieta


fondamentale he esse mantengono la loro forma per sostituzione di altre variabili
qualsiansi al posto di x1 ; x2 ; x3 ; x4 , pur he il determinante della sostituzione sia
uguale ad 1.
Le x1 ; x2 ; x3 indi hino oordinate ortogonali e x4 il tempo, inoltre la massa
nell'origine non var^ nel tempo, e il moto all'in nito sia rettilineo e uniforme; allora

U ber das Gravitationsfeld eines Massenpunktes na h der Einsteins hen Theorie., S.B. Preuss.
Akad. Wiss. 1916, 189-196.
1

210

K. SCHWARZSCHILD

se ondo l'elen azione di Einstein a pag. 833 nell'opera itata devono essere an ora
soddisfatte le ondizioni seguenti:
1. Tutte le omponenti sono indipendenti dal tempo x4 .
2. Le equazioni g4 = g4 = 0 valgono esattamente per  = 1; 2; 3.
3. La soluzione e spazialmente simmetri a rispetto all'origine del sistema di
oordinate nel senso he i si imbatte di nuovo nella stessa soluzione quando si
sottopongono x1 ; x2 ; x3 ad una trasformazione ortogonale (rotazione).
4. Le g si annullano all'in nito on l'e ezione dei seguenti quattro valori limite
diversi da zero:
g44 = 1; g11 = g22 = g33 = 1:
Il problema e s oprire un elemento di linea on oe ienti tali he le equazioni di
ampo, l'equazione del determinante e queste quattro ondizioni siano soddisfatte.
x2. Einstein ha mostrato he questo problema porta in prima approssimazione
alla legge di Newton e he la se onda approssimazione riprodu e orrettamente la
nota anomalia nel moto del perielio di Mer urio. Il al olo seguente da la soluzione
esatta del problema. E sempre pia evole disporre di soluzioni esatte di forma sempli e. Piu importante e he il al olo assi uri an he la determinazione univo a della
soluzione, sulla quale la trattazione di Einstein las ia an ora dubbi, e he per il
modo ome si presenta in seguito, solo ben di ilmente si potrebbe dimostrare
mediante un si atto pro edimento di approssimazione. Le righe seguenti portano
quindi a far risplendere il risultato di Einstein on a res iuta hiarezza.
x3. Se si hiamano t il tempo, x; y; z le oordinate ortogonali, l'elemento di linea
piu generale he soddisfa le ondizioni 1-3 e evidentemente il seguente:

ds2 = F dt2 G dx2 + dy2 + dz 2

H (xdx + ydy + zdz )2

dove F; G; H sono funzioni di r = x2 + y2 + z 2 .


La ondizione (4) ri hiede: per r = 1: F = G = 1; H = 0:
Se si passa a oordinate polari on x = r sin # os , y = r sin # sin , z = r os #,
lo stesso elemento di linea si s rive:

ds2 = F dt2 G dr2 + r2 d#2 + r2 sin2 #d2 Hr2 dr2
(6)


= F dt2 G + Hr2 dr2 Gr2 d#2 + sin2 #d2 :
Ma l'elemento di volume in oordinate polari e uguale a r2 sin #drd#d, il determinante funzionale r2 sin # dalle ve hie alle nuove oordinate e diverso da 1; quindi
le equazioni di ampo non resterebbero in forma immutata qualora si al olasse on
queste oordinate polari, e si dovrebbe eseguire una trasformazione ompli ata. E
tuttavia disponibile un a orgimento piu sempli e per aggirare questa di olta. Si
ponga

r3
; x = os #; x3 = :
3 2
Allora per l'elemento di volume vale: r2 sin #drd#d = dx1 dx2 dx3 . Le nuove variabili sono quindi oordinate polari di determinante 1. Esse hanno l'evidente vantaggio delle oordinate polari per la trattazione del problema, e parimenti per esse,
(7)

x1 =

IL CAMPO GRAVITAZIONALE DI UN PUNTO MATERIALE...

211

se si assume an ora t = x4 , le equazioni di ampo e l'equazione del determinante


restano in forma immutata.
Nelle nuove oordinate polari l'elemento di linea si s rive:
(8)

ds2 = F dx24

G H
+
dx21
r4 r2

Gr2

dx22
2 1 x2  ;
+
dx
3
2
1 x22


al posto della quale s riveremo:



dx2
f1 dx21 f2 2 2 f3 dx23 1 x22 :
1 x2
Allora f1 ; f2 = f3 ; f4 sono tre funzioni di x1 he devono soddisfare le ondizioni
seguenti:
1. Per x1 = 1: f1 = r14 = (3x1 ) 4=3 ; f2 = f3 = r2 = (3x1 )2=3 ; f4 = 1.
2. L'equazione del determinante: f1  f2  f3  f4 = 1.
3. Le equazioni di ampo.
4. Le f ontinue, meno he per x1 = 0.
x4. Per poter s rivere le equazioni di ampo si devono in primo luogo ostruire le
omponenti del ampo di gravitazione he orrispondono all'elemento di linea (9).
Cio avviene nel modo piu sempli e se si ostruis ono le equazioni di erenziali della
linea geodeti a on l'ese uzione diretta della variazione, e da queste si ri avano le
omponenti. Le equazioni di erenziali della linea geodeti a per l'elemento di linea
(9) si ottengono tramite la variazione immediatamente nella forma:




d2 x 1 f4 dx4 2 1 f1 dx1 2
0 = f1 21 +
+
ds
2 x1 ds
2 x1 ds
"

2

2 #

1 f2
1
dx2
dx
3
+ 1 x22
2 x1 1 x22 ds
ds




dx2 2
f2 d2 x2 f2 1 dx1 dx2
f2 x2
dx3 2
0=
+
+
+ f2 x2
1 x22 ds2 x1 1 x22 ds ds (1 x22 )2 ds
ds
 dx1 dx3
 d2 x3
f
dx dx
0 = f2 1 x22
+ 2 1 x22
2f2 x2 2 3
2
ds
x1
ds ds
ds ds
2
dx
f dx dx
0 = f4 24 + 4 1 4 :
ds
x1 ds ds
Il onfronto on la (2) da le omponenti del ampo gravitazionale:

(9)

ds2 = f4 dx24

111 = 1 f1 ; 122 = + 1 f2 1 ;


2f1 x1
2f1 x1 1 x22
133 = + 1 f2 1 x22  ;
2f1 x1
1 = 1 f4 ;
44
2f1 x1

x2
221 = 1 f2 ; 222 =
; 233 = x2 1 x22 ;
2
2f2 x1
1 x2

212

K. SCHWARZSCHILD

3 = 1 f2 ; 3 = + x2 ;
31
2f2 x1 32
1 x22
441 = 1 f4 ;
2f4 x1
(le altre nulle).
Per la simmetria di rotazione attorno all'origine basta formare le equazioni di
ampo solo per l'equatore (x2 = 0) e quindi, poi he sara derivato solo una volta,
nelle espressioni seguenti si puo porre anti ipatamente 1 x22 uguale ad 1. Allora
il al olo delle equazioni di ampo da









1 f1
1 1 f1 2
1 f2 2 1 1 f4 2
(a)
=
+
+
;
x1 f1 x1
2 f1 x1
f2 x1
2 f4 x1





1 f2
1 f2 2
=2+
;
(b)
x1 f1 x1
f1 f2 x1





1 f4
1 f4 2
=
:
( )
x1 f1 x1
f1 f4 x1
Oltre a queste tre equazioni le funzioni f1 ; f2 ; f3 devono an ora soddisfare all'equazione del determinante
(d) f1 f22 f4 = 1 ovvero:

1 f1 2 f2 1 f4


+
+
= 0:
f1 x1 f2 x1 f4 x1

Tras uro per il momento (b) e determino le tre funzioni f1 ; f2 ; f4 dalle (a), ( ) e
(d). La ( ) si puo porre nella forma



1 f4
1 f1 f4
( 0 )
=
:
x1 f4 x1
f1 f4 x1 x1
Essa si puo integrare immediatamente e da
( 00 )

1 f4
= f1 ; ( ostante d'integrazione) ;
f4 x1

la (a) e la ( ') sommate danno



 




1 f1 1 f4
1 f2 2 1 1 f1 1 f4 2
+
=
+
+
:
x1 f1 x1 f4 x1
f2 x1
2 f1 x1 f4 x1

Tenendo onto della (d) risulta







1 f2
1 f2 2
2
=3
:
x1 f2 x1
f2 x1

Integrata

1 f2
f2 x1

3

= x1 + ( ostante d'integrazione)
2
2

IL CAMPO GRAVITAZIONALE DI UN PUNTO MATERIALE...


ovvero
Integrata an ora una volta

213

1 f2
2
=
:
f2 x1 3x1 + 

f2 =  (3x1 + )2=3 ( ostante d'integrazione):


La ondizione all'in nito ri hiede:  = 1. Quindi
(10)

f2 = (3x1 + )2=3 :

Per io si ottiene inoltre dalle ( ") e (d)

f4
= f1 f4 =
x1



=
:
2
f2 (3x1 + )4=3

Integrata tenendo onto della ondizione all'in nito


(11)

f4 = 1 (3x1 + ) 1=3 :

Inoltre dalla (d)


(12)

f1 =

(3x1 + ) 4=3
:
1 (3x1 + ) 1=3

Come si al ola fa ilmente, l'equazione (b) e automati amente soddisfatta on le


espressioni trovate di f1 ed f2 .
Per io tutte le ondizioni sono soddisfatte, a meno della ontinuita. f1 sara
dis ontinua quando

1 = (3x1 + ) 1=3 ; 3x1 = 3

:

Per he questa dis ontinuita oin ida on l'origine dev'essere


(13)

 = 3 :

La ondizione di ontinuita a oppia quindi in questo modo le due ostanti d'integrazione  ed .


La soluzione omplessiva del nostro problema si s rive ora:
1
1
f1 = 4
; f = f = R2 ; f4 = 1 =R;
R 1 =R 2 3
dove s'e introdotta la quantita ausiliaria

R = (3x1 + )1=3 = r3 + 3 1=3 :

Se si sostituis ono questi valori delle funzioni f nell'espressione (9) dell'elemento


di linea e inoltre si ritorna alle onsuete oordinate polari, allora l'elemento di linea
he forma la soluzione esatta del problema di Einstein e:

214

K. SCHWARZSCHILD

(14)
ds2 = (1 =R) dt2

dR2

1
1 =R



R2 d#2 + sin2 #d2 ; R = r3 + 3 1=3 :

Essa ontiene la sola ostante he dipende dal valore della massa he si trova
nell'origine.
x5. L'uni ita della soluzione e risultata spontaneamente mediante il presente
al olo. Che fosse di ile ri onos ere l'uni ita on un pro edimento approssimato
ome quello di Einstein lo si vede da quanto segue: prima di imporre la ondizione
di ontinuita era risultato:

r3 +  4=3
(3x1 + ) 4=3
f1 =
=
:
1 (3x1 + ) 1=3 1 (r3 + ) 1=3


Se e  sono pi oli, lo sviluppo in serie no a quantita del se ond'ordine da:

i
1 h
f1 = 4 1 +
4=3 3 :
r
r
r
Questa espressione, assieme a quelle orrispondenti sviluppate per f2 ; f3 ; f4 soddisfa
on la stessa pre isione tutte le ondizioni del problema. La ondizione di ontinuita
non introdu e nell'ambito di questa approssimazione niente di nuovo, poi he spontaneamente appaiono dis ontinuita solo nell'origine. Le due ostanti e  paiono
quindi restare arbitrarie, e per io il problema sarebbe si amente indeterminato. La
soluzione esatta insegna he in realta portando oltre le approssimazioni
la dis onti
nuita appare non nell'origine, ma nella posizione r = 3  1=3 , e he si deve porre
proprio  = 3 , per he la dis ontinuita ritorni nell'origine. Nell'approssimazione
se ondo potenze di e di  si dovrebbe ontrollare on grande attenzione la legge
dei oe ienti per ri onos ere la ne essita di questo legame tra e .
x6. In on lusione si dovra an ora derivare il moto di un punto nel ampo di gravitazione, ioe la linea geodeti a orrispondente all'elemento di linea (14). Dai tre
fatti, he l'elemento di linea e omogeneo nei di erenziali e he i suoi oe ienti sono
indipendenti da t e da , risultano immediatamente dalla variazione tre integrali
intermedi. Ci si restringa pure al moto nel piano equatoriale (# = 900 ; d# = 0);
allora questi integrali intermedi si s rivono:
(15)


dt 2
(1 =R)
ds


R2

(16)
(17)



1
dR 2
1 =R ds

 2
d
2
R
= ost. = h;
ds

d
= ost. = ;
ds

dt
(1 =R)
= ost. = 1 (determinazione dell'unita di tempo).
ds

Da qui segue

IL CAMPO GRAVITAZIONALE DI UN PUNTO MATERIALE...



dR 2
+ R2 (1 =R) =
d
ovvero on 1=R = x


(18)

215

R4
[1 h (1 =R)
2


dx 2 1 h h
= 2 + 2 x x2 + x3 :
d

Se si introdu ono le notazioni 2 =h = B , (1 h) =h = 2A, essa e identi a all'equazione (11) di Einstein nel luogo itato e da l'osservata anomalia del perielio di
Mer urio.
In generale si passa dall'approssimazione di Einstein per l'orbita alla soluzione
esatta se si pone al posto di r la quantita


1=3
3 1=3
3
3
:
R = r +
=r 1+ 3
r

Poi he =r e ir a uguale al doppio del quadrato della velo ita planetaria (unita la
velo ita della lu e), la parentesi per no per Mer urio e diversa da 1 solo per quantita
dell'ordine di 10 12 . In prati a R e quindi identi o ad r e l'approssimazione di
Einstein su iente per le ne essita piu estreme della prassi.
Per on ludere si derivera ora la forma esatta della terza legge di Keplero per
orbite ir olari. Per la velo ita angolare n = d=dt vale per le (16) e (17), quando
si ponga x = 1=R
n = x2 (1 x) :
Per orbite ir olari sia dx=d he d2 x=d2 devono esser nulli. Cio da per la (18)
0=

h
1 h h
+ 2 x x2 + x3 ; 0 = 2
2


2x + 3 x2 :

L'eliminazione di h da queste due equazioni da

= 2 2 x (1 x)2 :
Ne segue




n2 = x3 = 3 =
:
2
2R
2 (r3 + 3 )
Fino alla super ie solare la deviazione di questa formula dalla terza legge di Keplero
e del tutto imper ettibile. Tuttavia per un punto materiale ideale non risulta he la
velo ita angolare, ome per la legge di Newton, res a illimitatamente al diminuire
del raggio dell'orbita, ma s'approssima ad un limite de nito
n0 =

p1 :

(Per un punto on la massa solare la frequenza limite e ir a 104 per se ondo). Se


per le forze mole olari valessero leggi analoghe, questa ir ostanza potrebbe in quel
aso essere d'interesse.

216

217

Teoria dei quanti

218

N. BOHR, H.A. KRAMERS E J.C. SLATER


La teoria quantisti a della radiazione1
N. Bohr, H.A. Kramers e J.C. Slater a Copenaghen

(Ri evuto il 22 febbraio 1924.)


Senza dis ostar i dalla legge lassi a della propagazione della radiazione nel
vuoto, in questo lavoro si er a di ottenere una des rizione sensata dei fenomeni otti i in stretta onnessione on il signi ato degli spettri se ondo la teoria dei quanti.
Si onnettono i fenomeni di radiazione ontinui on i pro essi atomi i dis reti mediante leggi probabilisti he se ondo il pro edimento di Einstein. Con l'introduzione
di os illatori virtuali, he se ondo il prin ipio di orrispondenza possono essere asso iati ai pro essi dis ontinui, queste leggi vengono tuttavia interpretate in un modo
alquanto diverso da ome a ade di solito.

Introduzione
Nei tentativi di interpretare teori amente i pro essi di interazione tra radiazione
e materia si introdu ono due punti di vista distinti, in apparenza mutuamente ontraddittori. Da un lato i fenomeni di interferenza, dai quali il funzionamento di
tutti gli strumenti otti i dipende essenzialmente, ri hiedono un punto di vista ontinuo dello stesso tipo di quello he e ontenuto nella teoria ondulatoria della lu e,
in parti olare nella forma nella quale questa teoria e stata sviluppata sulla base
dell'elettrodinami a lassi a. Dall'altro lato i fenomeni di s ambio d'energia e di
quantita di moto tra radiazione e materia, ai quali l'osservazione dei fenomeni otti i in on lusione si ri ondu e, ri hiedono un punto di vista he ontiene pro essi
essenzialmente dis ontinui. Cos i suddetti fenomeni hanno portato alla proposta
della teoria dei quanti di lu e, he nella sua forma piu paradossale nega addirittura
la ostituzione ondulatoria della lu e. Allo stato attuale della onos enza non appare molto possibile liberarsi del arattere formale dell'interpretazione dei pro essi
atomi i. Impressiona parti olarmente il fatto he si rinun i provvisoriamente a des rivere piu da vi ino il me anismo dei pro essi dis ontinui, nella teoria quantisti a
degli spettri indi ati ome transizioni tra stati stazionari. Inve e appare possibile,
ome mostreremo nella presente dissertazione, delineare in onnessione on il prin ipio di orrispondenza un'immagine sensata dei fenomeni otti i, quando si onnettano i pro essi dis ontinui nell'atomo on il ampo di radiazione ontinuo in un
modo alquanto diverso dal onsueto. L'ipotesi essenzialmente nuova introdotta nel
x2, he l'atomo ben prima della omparsa di un pro esso di transizione sia in grado
di omuni are on gli altri atomi mediante un ampo di radiazione virtuale, deriva
da Slater2 . Originariamente il suo proposito era di raggiungere in questo modo una
migliore armonia tra la struttura si a della teoria elettrodinami a della lu e e la
teoria dei quanti di lu e, se ondo la quale i pro essi di emissione e di assorbimento
in atomi omuni anti dovrebbero apparire asso iati a oppie. E stato an he notato da Kramers, he la suddetta idea, inve e di portare alla rappresentazione di
un a oppiamento stretto di questi pro essi, ostringe piuttosto ad assumere he
i pro essi di transizione in atomi lontani siano mutuamente indipendenti in grado
assai piu alto di quanto nora assunto. Il lavoro presente ostituis e il risultato
1
2

U ber die Quantentheorie der Strahlung, Zeits hr. f. Phys. , 69-87 (1924).
J.C. Slater, Nature , 307 (1924).
24

113

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

219

di una dis ussione ollettiva degli autori sul signi ato he queste ipotesi possono
avere eventualmente per la prose uzione della teoria dei quanti; esso puo sotto diversi aspetti essere onsiderato ome un supplemento della prima parte apparsa di
re ente di un lavoro di Bohr sui prin ipi della teoria dei quanti, nel quale la maggior
parte dei problemi qui to ati sono onsiderati ulteriormente3 .

x1. I prin ip^ della teoria dei quanti


La teoria elettrodinami a della lu e non da solo un'immagine meravigliosamente
appropriata della propagazione della radiazione nello spazio vuoto, ma essa si e an he rivelata adatta in molte ir ostanze all'interpretazione dei fenomeni he dipendono dall'interazione della radiazione on la materia. Si puo os raggiungere una
des rizione generale dei fenomeni di emissione, assorbimento, rifrazione, di usione
e dispersione in base all'ipotesi he gli atomi ontengano parti elle elettri amente
ari he, he possano eseguire os illazioni armoni he attorno a posizioni di equilibrio
stabile, e he s ambino energia ed impulso on il ampo di radiazione se ondo le leggi
elettrodinami he lassi he. D'altro anto i suddetti fenomeni rivelano notoriamente
un gran numero di aspetti he ontraddi ono le onseguenze dell'elettrodinami a
lassi a. Una tale ontraddizione si e manifestata senza dubbio per la prima volta
nel aso delle leggi della radiazione termi a. Partendo dalla rappresentazione lassi a dell'emissione e dell'assorbimento di radiazione da parte di un os illatore armoni o, Plan k ha trovato he l'a ordo on gli esperimenti sulla radiazione termi a
si poteva ottenere solo on l'introduzione di un'ipotesi di tipo nuovo, he impli a he
nella distribuzione statisti a di equilibrio debbano ontare solo erti stati delle parti elle os illanti. L'energia in questi stati deve trovarsi uguale ad un multiplo intero
del quanto h!, dove ! e la frequenza naturale dell'os illatore, ed h e una ostante
universale. Indipendentemente dai fenomeni della radiazione questo risultato, ome
Einstein ha potuto dimostrare, ri eve un sostegno immediato negli esperimenti sul
alore spe i o dei orpi solidi. Contemporaneamente questo autore propose la sua
ben nota \teoria dei quanti di lu e", se ondo la quale la radiazione non dovrebbe
propagarsi ome i treni d'onda ontinui della teoria ondulatoria lassi a, ma piuttosto ome unita dis rete, he ontengono in una pi ola regione spaziale l'energia
h , dove h indi a la ostante di Plan k, e  e la quantita he nell'immagine lassi a
signi a il numero di onde transitate nell'unita di tempo. Sebbene il grande valore
euristi o di questa ipotesi appaia hiaro nella onferma dell'interpretazione di Einstein relativamente all'e etto fotoelettri o, tuttavia la teoria dei quanti di lu e non
si puo onsiderare una soluzione soddisfa ente del problema della propagazione della
lu e, ome ben risulta hiaro dalla ir ostanza, he la \frequenza"  della radiazione
he ompare in questa teoria e de nita on esperimenti sui fenomeni d'interferenza;
ma questi fenomeni ri hiedono evidentemente per la loro interpretazione una ostituzione ondulatoria della lu e.
Nonostante le di olta fondamentali delle idee della teoria dei quanti e risultato possibile sviluppare queste idee in onnessione on risultati di origine diversa,
riguardanti la struttura dell'atomo, per un'interpretazione degli esperimenti sugli
spettri di emissione e di assorbimento degli elementi. Questa interpretazione si basa
sul postulato fondamentale: he un atomo e apa e di esistere in un numero di stati
3 N. Bohr, U
 ber die Anwendung der Quantentheorie auf den Atombau. I. Die Grundpostulate
der Quantentheorie, Zeits hr. f. Phys. , 117 (1923). Questo lavoro, he ontiene an he ulteriori
riferimenti alla letteratura, si itera sempre nel seguito ome G. d. Q..
13

220

N. BOHR, H.A. KRAMERS E J.C. SLATER

assegnati, i osidetti \stati stazionari", ai quali si attribuis e una vera stabilita, della
quale le idee dell'elettrodinami a lassi a non sono apa i di render onto. Questa
stabilita si manifesta nella ir ostanza he una variazione di stato dell'atomo onsiste sempre in un pro esso ompleto di transizione da uno stato stazionario ad un
altro. Nei fenomeni otti i questo postulato e a oppiato all'ulteriore ipotesi he, nel
aso he una transizione tra due stati stazionari sia a ompagnata dall'emissione
di radiazione, questa radiazione onsista di un treno di onde armoni he, la ui
frequenza e determinata dalla relazione

h = E1

(1)

E2 ;

dove E1 ed E2 indi ano i valori dell'energia dell'atomo nello stato iniziale e nale. Si
assume inoltre he il pro esso di transizione inverso puo aver luogo in onseguenza
dell'irraggiamento on lu e proprio della stessa frequenza. Per l'appli abilita di
queste ipotesi all'interpretazione degli spettri degli elementi si deve ringraziare la
ir ostanza he in qual he aso e risultato possibile al olare per mezzo di regole
sempli i i valori delle energie per gli stati stazionari di un atomo isolato, assumendo
dei moti he on grande approssimazione sono des ritti dalle onsuete leggi elettrodinami he (G. d. Q., Cap. I, x1). Le idee dell'elettrodinami a non onsentono pero
di des rivere i dettagli del me anismo della transizione.
Per quanto riguarda l'esistenza del pro esso di transizione, appare ne essario allo
stato attuale della onos enza a ontentarsi di onsiderazioni probabilisti he. Tali
onsiderazioni sono state introdotte da Einstein4 ; on esse si perviene a dare una
derivazione parti olarmente sempli e della legge di Plan k della radiazione termi a
sotto l'ipotesi he un atomo in un dato stato stazionario possieda una erta probabilita di passare \spontaneamente" nell'unita di tempo ad uno stato stazionario di
minore energia, e he un atomo, sotto l'azione di radiazione esterna di frequenza
opportuna, possieda una erta probabilita per una transizione \indotta" ad un altro stato stazionario di maggiore o minore ontenuto energeti o. In onnessione
on la ri hiesta dell'equilibrio termi o tra ampo di radiazione e materia Einstein
arrivo inoltre alla on lusione he lo s ambio d'energia in un pro esso di transizione e sempre asso iato ad uno s ambio di quantita di moto per l'ammontare
h= , esattamente ome avverrebbe se la transizione fosse a ompagnata dal lan io o dalla frenata di una pi ola entita, he possiede la velo ita della lu e e il
ontenuto d'energia h . Egli pote on ludere he la direzione di questa quantita
di moto per le transizioni indotte e la stessa della direzione di propagazione delle
onde luminose irraggianti, ma he per le transizioni spontanee la direzione della
quantita di moto e distribuita se ondo leggi probabilisti he. Questi risultati, he
si assumono ome un argomento per la realta si a dei quanti di lu e, hanno di
re ente trovato un'importante appli azione nella spiegazione del notevole e etto di
una variazione della lunghezza d'onda della radiazione di usa da elettroni liberi,
he e stato prodotto on la ri er a di A.H. Compton5 sulla di usione dei raggi
Rontgen ome lu e. L'appli azione di onsiderazioni probabilisti he al problema
dell'equilibrio tra elettroni liberi e radiazione, alla quale questa s operta ha portato, e stata da po o trattata on su esso da Pauli6 , e l'analogia formale dei suoi

A. Einstein, Phys. Zeits hr. , 121 (1917).


A.H. Compton, Phys. Rev. , 207 (1923). Vedi an he P. Debye, Phys. Zeits hr.
(1923).
6 W. Pauli, Zeits hr. f. Phys.
, 272 (1923).
4
5

18

21

18

, 161

24

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

221

risultati on le leggi he governano le transizioni tra stati stazionari degli atomi


e stata notata da Ehrenfest e Einstein7 . Nonostante la fondamentale di erenza
tra l'immagine dei pro essi atomi i della teoria dei quanti e l'immagine fondata
sulle idee onsuete dell'elettrodinami a, la prima deve in n dei onti apparire in
un erto senso ome una naturale generalizzazione della se onda. Cio appare parti olarmente hiaro dalla ri hiesta he nel limite, quando trattiamo fenomeni he
dipendano dall'azione omplessiva statisti a di un gran numero di atomi, e nei quali
si abbia a he fare on stati stazionari nei quali la separazione tra stati adia enti
e relativamente pi ola, la teoria lassi a porti all'a ordo on le osservazioni. Per
il aso dell'emissione e dell'assorbimento delle righe spettrali questa onnessione
tra le due teorie ha portato all'enun iazione del \prin ipio di orrispondenza", he
ri hiede una generale asso iazione di ognuna delle transizioni possibili tra due stati
stazionari on una erta omponente os illatoria armoni a nel momento elettri o
dell'atomo (G. d. Q., Cap. II, x2). Questo prin ipio ha reso possibile un fondamento per la valutazione delle probabilita di transizione ed ha in tal modo portato
il problema dell'intensita e della polarizzazione delle righe spettrali in stretta onnessione on il moto degli elettroni nell'atomo.
Il prin ipio di orrispondenza ha onsentito di paragonare la reazione di un
atomo ad un ampo di radiazione on la reazione ad un tale ampo he se ondo
l'elettrodinami a lassi a i si deve aspettare da un gran numero di os illatori armoni i \virtuali", le ui frequenze siano se ondo l'equazione (1) uguali alle frequenze
assegnate per le diverse transizioni possibili agli altri stati stazionari (G. d. Q.,
Cap. II, x3). Una tale immagine e stata utilizzata da Ladenburg nel suo tentativo
di porre quantitativamente in relazione i risultati sperimentali sulla dispersione on
onsiderazioni sulle probabilita di transizione. An he nel aso dell'interazione tra
elettroni liberi e radiazione si sottolinea la possibilita di utilizzare tali onsiderazioni
mediante l'analogia notata da Compton tra le variazioni di lunghezza d'onda della
radiazione di usa e l'e etto Doppler lassi o della radiazione.
Sebbene il prin ipio di orrispondenza mediante la valutazione delle probabilita
di transizione onsenta delle on lusioni sul tempo medio di permanenza di un
atomo in un dato stato stazionario, il problema dell'intervallo temporale, durante
il quale ha luogo l'emissione di radiazione asso iata ad una transizione, ha d'altra
parte dato luogo a grande di olta. Questa di olta, assieme ad altri noti paradossi della teoria dei quanti, ra orza il dubbio, espresso da varie parti8 , he l'interazione tra materia e radiazione possa essere espressa in linea di prin ipio per
mezzo di una des rizione ausale spaziotemporale del tipo he e stato utilizzato
nora per l'interpretazione dei fenomeni naturali (G. d. Q., Cap. III, x1). Senza in
qual he modo abbandonare il arattere formale della teoria, appare ora possibile,
ome a ennato nell'introduzione, he si possa realizzare un progresso piu a entuato nell'interpretazione dei fenomeni radiativi osservabili, quando si asso ino questi
fenomeni on gli stati stazionari e on le transizioni tra essi in un modo he alquanto
si di erenzia da quello onsueto.

x2. Radiazione e pro essi di transizione


Assumeremo he un dato atomo in un erto stato stazionario sia impegnato

P. Ehrenfest e A. Einstein, Zeits hr. f. Phys. , 301 (1924).


Vedi O. W. Ri hardson, The Ele tron Theory of Matter, 2a ed., p. 507 (Cambridge 1916),
dove una tale posizione viene espressa hiaramente forse per la prima volta.
7
8

19

222

N. BOHR, H.A. KRAMERS E J.C. SLATER

in una omuni azione ostante on altri atomi, e io mediante un me anismo


spaziotemporale, he e virtualmente equivalente ad un ampo di radiazione, he
orrisponderebbe alla presenza, se ondo la teoria della radiazione lassi a, di os illatori armoni i virtuali, asso iati alle diverse possibili transizioni ad altri stati
stazionari. Assumiamo inoltre he la realizzazione dei pro essi di transizione, sia
per l'atomo dato he per gli altri atomi, on i quali esso omuni a, sia asso iata
a questo me anismo mediante leggi probabilisti he, he siano analoghe alle leggi
della teoria di Einstein per le transizioni tra stati stazionari indotte da radiazione
esterna. Le transizioni indi ate in quella teoria ome spontanee noi dal nostro punto
di vista le trattiamo ome indotte dal ampo di radiazione virtuale, a oppiato al
moto degli os illatori virtuali asso iati all'atomo stesso. D'altra parte le transizioni
indotte della teoria di Einstein hanno luogo a ausa della radiazione virtuale emessa
nello spazio ir ostante dagli altri atomi.
Mentre queste ipotesi da un lato non portano on se al una modi a he riguardi
il legame stabilito mediante la ondizione (1) ed il prin ipio di orrispondenza tra
la struttura atomi a e la frequenza ome pure l'intensita e la polarizzazione delle
righe spettrali, esse portano d'altro anto ad un'immagine di tipo nuovo della realizzazione spaziotemporale dei diversi pro essi di transizione, alla quale l'osservazione
dei fenomeni otti i in de nitiva si ridu e. Il realizzarsi di una data transizione in un
dato atomo dipendera dallo stato originario di questo atomo e dagli stati di quegli
atomi, on i quali esso e impegnato in una omuni azione per mezzo di un ampo
di radiazione virtuale, ma non dal realizzarsi di pro essi di transizione nei restanti
atomi.
Da un lato si vedra he il nostro punto di vista, nel aso limite in ui stati
stazionari su essivi sono separati solo di po o, porta ad una onnessione tra la
radiazione virtuale ed il moto delle parti elle nell'atomo, he gradualmente diventa
quella pres ritta nella teoria della radiazione lassi a. Infatti sia il moto he la
ostituzione del ampo di radiazione in questo aso limite subiranno a motivo della
transizione tra gli stati stazionari delle modi he sostanziali. Per quanto riguarda
la omparsa di pro essi di transizione, he ostituis e la mossa essenziale della teoria dei quanti, noi rinun iamo d'altro anto ad un a oppiamento in qual he modo
ausale tra le transizioni in atomi lontani, ed in parti olare all'appli azione diretta
del prin ipio os aratteristi o per la teoria lassi a della onservazione dell'energia
e dell'impulso. L'appli abilita di questo prin ipio all'interazione tra singoli sistemi
atomi i e nella nostra on ezione ristretta a quelle interazioni nelle quali gli atomi
siano os vi ini, he la forza asso iata se ondo la teoria lassi a on il ampo di radiazione sia pi ola, in onfronto alla parte onservativa della forza, he deriva dalle
ari he elettri he degli atomi. Interazioni di questo tipo, he noi possiamo indi are
ome \ ollisioni", fornis ono notoriamente un esempio tipi o per la postulata stabilita degli stati stazionari, dal momento he proprio i risultati sperimentali, quando
sono interpretati in base alla legge di onservazione dell'energia e dell'impulso, sono
in a ordo on l'assunzione he gli atomi ollidenti si trovino in stati stazionari sia
prima he dopo il pro esso (G. d. Q., Cap. I, x4)9 . Nelle interazioni tra atomi a

Queste onsiderazioni valgono evidentemente solo se si puo pres indere dalla radiazione asso iata on l'urto. Sebbene in molti asi l'energia di questa radiazione sia assai po a, la sua
omparsa potrebbe essere di signi ato fondamentale. Cio e stato notato da Fran k in relazione
alla spiegazione degli importanti risultati di Ramsauer (Ann. d. Phys. , 513; , 546 (1922))
riguardanti le ollisioni tra atomi ed elettroni lenti, dai quali appare risultare he in erti asi
l'elettrone puo volare libero attraverso l'edi io atomi o, senza essere in uenzato dalla sua pre9

64

66

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

223

grande distanza re ipro a, per le quali se ondo la teoria lassi a non si puo parlare di azione mutua simultanea, assumeremo inve e un'indipendenza dei singoli
pro essi di transizione, he ontraddi e in modo determinato l'ingiunzione lassi a
della onservazione dell'energia e dell'impulso. Assumiamo quindi he una transizione indotta non ha la sua ausa diretta in una transizione in un atomo lontano,
per il quale la separazione di energia tra stato iniziale e stato nale sia la stessa. Infatti, quando un atomo ha ontribuito all'induzione di una transizione in un atomo
lontano, e io mediante il ampo di radiazione virtuale, he origina dall'os illatore
virtuale asso iato ad una delle transizioni possibili agli altri stati stazionari, l'atomo
puo inve e eseguire un'altra di queste transizioni. Invero le esperienze disponibili a
prima vista non danno al una prova di questa ipotesi; e possibile tuttavia sperare
he il grado di indipendenza del pro esso di transizione qui assunto possa o rire
qual he possibilita di ottenere una des rizione dell'interazione tra radiazione ed
atomi esente da ontraddizioni, nella quale intervengano le leggi di probabilita in
modo essenziale. Questa indipendenza non solo ridu e ad una legge statisti a la
onservazione dell'energia, ma an he la onservazione dell'impulso, poi he proprio
ome assumiamo he ogni pro esso di transizione indotto dalla radiazione sia a ompagnato da una variazione dell'energia dell'atomo dell'ammontare h , assumiamo
seguendo Einstein, he ogni si atto pro esso sia a ompagnato da una variazione
della quantita di moto dell'atomo dell'ammontare h= . Se la transizione e indotta dal ampo di radiazione virtuale di un atomo lontano, la direzione di questa
quantita di moto oin ide on la direzione di propagazione dell'onda nel ampo.
Se inve e la transizione e indotta dalla radiazione virtuale propria, fa iamo naturalmente l'ipotesi he la variazione della quantita di moto sia assegnata se ondo
leggi probabilisti he, e io in modo tale he le variazioni di quantita di moto, he
a ompagnano le transizioni indotte in altri atomi da quella radiazione, risultino
ompensate statisti amente per ogni direzione dello spazio.
Il fondamento dell'osservata onservazione statisti a dell'energia e dell'impulso
non lo er hiamo quindi in una qual he deviazione dalla teoria elettrodinami a della
lu e relativamente alle leggi della propagazione della radiazione nello spazio vuoto,
ma nelle parti olari proprieta dell'interazione tra il ampo di radiazione virtuale e
gli atomi irraggiati. Assumeremo he questi atomi agis ano ome sorgenti di una
radiazione virtuale se ondaria, he possiede la stessa frequenza della radiazione in idente e he interferis e on le onde originarie. Nel aso he la frequenza della
radiazione in idente oin ida approssimativamente on la frequenza di uno degli
os illatori virtuali asso iati alle diverse transizioni possibili, le ampiezze delle onde
sferi he se ondarie sono molto grandi e queste onde mostrano rispetto alle onde
in identi tali relazioni di fase, he per interferenza l'intensita del ampo di radiazione virtuale sara a res iuta o diminuita e on io la apa ita di questo ampo
di indurre transizioni negli altri atomi sara rinforzata o indebolita. Che si realizzi

senza. In questi asi infatti, quando per \ ollisione" avesse luogo davvero una modi a del moto
dell'elettrone, se ondo la teoria lassi a dovrebbe apparire una radiazione os grande, he una
asso iazione signi ativa della radiazione on pro essi di transizione possibili, om'e ri hiesto dal
prin ipio di orrispondenza, potrebbe di ilmente essere ottenuta (vedi F. Hund, Zeits hr. f.
Phys. , 241 (1923)). Se ondo la on ezione onsiderata in questo lavoro una tale asso iazione
potrebbe da un lato apparire in modo piu naturale, se si er asse l'origine della radiazione direttamente nel moto dell'elettrone, e non in primo luogo nel veri arsi del pro esso di transizione.
D'altro anto si deve notare he qui abbiamo a he fare on un aso nel quale, a seguito della
rilevante grandezza della reazione di radiazione lassi a, una distinzione netta tra moto stazionario
e pro essi di transizione allo stato attuale della teoria non e realizzabile.
13

224

N. BOHR, H.A. KRAMERS E J.C. SLATER

un indebolimento o un ra orzamento dipende dal fatto he l'os illatore virtuale orrispondente sia asso iato ad una transizione dell'atomo ad uno stato stazionario di
ontenuto energeti o piu alto o ad uno di ontenuto energeti o piu basso. Questa
on ezione e evidentemente in stretto rapporto on le idee he hanno onsentito
ad Einstein di introdurre probabilita per transizioni indotte di due tipi, quelle in
ui l'energia dell'atomo si a res e, e quelle in ui diminuis e. Nonostante la separazione spaziotemporale per la teoria dei quanti os aratteristi a dei pro essi
di assorbimento e di emissione, possiamo aspettar i nella nostra rappresentazione
un'ampia analogia formale on l'elettrodinami a lassi a, he riguarda l'interazione
tra il ampo di radiazione virtuale e il moto degli os illatori armoni i virtuali asso iati all'atomo. Appare infatti possibile, guidati da questa analogia, pervenire
ad una des rizione oerente e abbastanza ompleta dei fenomeni otti i he a ompagnano la propagazione della lu e in un mezzo materiale, nella quale allo stesso
tempo risulti hiara la stretta onnessione di questi fenomeni on gli spettri degli
atomi del mezzo.

x3. Capa ita di interferenza delle righe spettrali


Prima di inoltrar i nel problema generale dell'interazione tra gli atomi e un
ampo di radiazione virtuale, tratteremo brevemente in questo paragrafo le proprieta del ampo he deriva da un solo atomo, in quanto esse sono ollegate on
la apa ita di interferenza della lu e emessa da una e una sola sorgente. La ostituzione di questo ampo non ha evidentemente niente a he fare on le parti olarita
del pro esso di transizione, la ui durata noi assumeremo in ogni aso non grande
rispetto a un periodo della radiazione o del moto delle parti elle nell'atomo. Questi
pro essi ontrassegnano se ondo la nostra interpretazione soltanto la on lusione
dell'intervallo temporale durante il quale l'atomo e in grado di omuni are on altri atomi mediante i orrispondenti os illatori virtuali. Un limite superiore per la
apa ita di interferenza sara dato evidentemente dal tempo medio durante il quale
l'atomo permane nello stato iniziale orrispondente alla transizione onsiderata. La
valutazione di questo tempo di vita medio degli stati stazionari fondata sul prin ipio di orrispondenza ha ottenuto una onferma generale mediante i ben noti
esperimenti sulla durata della lu e dei raggi anale in alto vuoto (vedi G. d. Q.,
Cap. II, x4). L'interpretazione di questi esperimenti risulta assai sempli e alla
lu e della nostra nuova on ezione. Si vede infatti he se ondo questa on ezione
l'andamento dell'intensita della lu e non deriva dalle parti olarita della transizione,
ma solo dal numero relativo di atomi nei diversi stati stazionari nelle diverse parti
del raggio. Quando per esempio tutti gli atomi possiedono la stessa velo ita e si
trovano originalmente nello stesso stato, possiamo aspettar i he per tutte le righe
spettrali, le ui transizioni sono asso iate a questo stato, l'intensita della lu e de res a esponenzialmente in ugual misura lungo il raggio. Il materiale sperimentale
oggi disponibile e a malapena su iente a onfermare queste onsiderazioni.
Quando i interroghiamo sulla apa ita di interferenza delle righe spettrali, ome
e misurata dagli strumenti otti i, il tempo di vita medio dello stato stazionario determinera ertamente per questa apa ita un limite superiore. Dobbiamo tener
presente he la nettezza osservabile di una data riga spettrale, he deriva dal risultato statisti o delle azioni di un gran numero di atomi, non dipende soltanto dalla
lunghezza dei singoli treni d'onda tron ati dalle transizioni, ma an he da una eventuale in ertezza nella determinazione della frequenza di queste onde. Tenendo onto

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

225

del modo in ui la frequenza delle righe spettrali e ollegata mediante la relazione


(1) on l'energia degli stati stazionari, e d'interesse notare he il suddetto limite
superiore per la nettezza delle righe spettrali si pone in stretto rapporto on i limiti
di pre isione per la de nizione del moto e dell'energia negli stati stazionari. Infatti
il postulato della stabilita degli stati stazionari pone un limite a priori alla pre isione on ui il moto in questi stati si puo des rivere se ondo l'elettrodinami a
lassi a, he ompare an he direttamente nella nostra idea he l'azione del ampo
di radiazione virtuale non onsiste in una variazione ontinua del moto dell'atomo,
ma nell'induzione di transizioni, per le quali l'energia e la quantita di moto subis ono una variazione nita (G. d. Q., Cap. II, x4). Nell'intorno del limite in ui
i moti nei due stati stazionari di eris ono tra loro di po o il limite superiore della
apa ita di interferenza del singolo treno d'onda tende a oin idere on il limite
di pre isione on ui la frequenza della radiazione e determinata mediante la (1),
quando si tenga onto dell'e etto dell'impre isione nella de nizione dei due stati
on il metodo degli errori indipendenti. Nel aso generale, in ui i moti nei due stati
possono essere assai diversi tra loro, il limite superiore della apa ita di interferenza
del treno d'onde e strettamente onnesso on la de nizione del moto in quello stato
stazionario he ostituis e lo stato iniziale della transizione. An he qui possiamo
tuttavia notare he la nettezza osservabile delle righe spettrali si puo determinare
mediante l'equazione (1), pur he si omponga l'e etto di una qual he impre isione
nella de nizione dello stato nale on l'e etto dell'impre isione nella de nizione
dello stato iniziale in modo analogo he per la omposizione di errori indipendenti.
Proprio questo e etto dell'impre isione nella de nizione nei due stati stazionari
sulla nettezza di una riga spettrale rende possibile l'esistenza di una re ipro ita
tra la struttura di una riga quando appare in emissione e quando appare in assorbimento, ome an he ri hiede il postulato espresso dalla legge di Kir hho per
l'equilibrio termi o. In onnessione a questo si ri ordi, he l'apparente deviazione
da questa legge, he, relativamente al numero ed al rapporto tra le righe, si manifesta nella spesso osservata di erenza tra lo spettro di emissione e di assorbimento,
trova nella teoria dei quanti la sua spiegazione diretta, quando si tenga onto della
di erenza nella distribuzione statisti a degli atomi nei loro stati stazionari in ir ostanze esterne diverse.
Strettamente ollegata on il problema su trattato, della nettezza delle righe
spettrali he derivano dagli atomi sotto ondizioni esterne ostanti, e la questione
dello spettro derivante da un atomo, quando le forze esterne si modi ano onsiderevolmente durante un intervallo temporale dello stesso ordine di grandezza
del tempo di vita medio degli stati stazionari. Un tale problema si in ontra in
erti esperimenti di Stark sull'e etto di un ampo elettri o sulle righe spettrali.
In questi esperimenti gli atomi si muovono on grande velo ita, e gli intervalli di
tempo durante i quali vanno da un punto ad un altro, nel quale l'intensita del
ampo e del tutto diversa, sono solo una pi ola frazione del tempo di vita degli
stati stazionari asso iati alla riga studiata. Malgrado io Stark ha trovato he, a
pres indere dall'e etto Doppler del tipo solito, la radiazione emessa dagli atomi in
ogni punto e in uenzata dal ampo elettri o nello stesso modo, ome sarebbe in uenzata la radiazione di atomi in quiete dall'azione ostante della forza del ampo
in questo punto. Mentre l'interpretazione di questi risultati, ome e stato notato
da vari autori10 , da luogo a di olta quando i si attenga alla des rizione se ondo
10

vedi K. Forsterling, Zeits hr. f. Phys.

, 387 (1922) e A.J. Dempster, Astrophys. Journ.

10

226

N. BOHR, H.A. KRAMERS E J.C. SLATER

la teoria dei quanti usata nora del legame tra radiazione e pro essi di transizione,
i risultati di Stark sono evidentemente in a ordo on l'idea messa a fondamento in
questa dissertazione. Infatti il moto negli stati stazionari, mentre gli atomi attraversano il ampo, mutera ontinuamente, e lo stesso a adra on gli os illatori armoni i
virtuali, he sono asso iati alle transizioni possibili. Il ampo di radiazione virtuale
derivante dagli atomi he si muovono sara quindi lo stesso di quando l'atomo durante il suo intero ammino si fosse mosso in un ampo di intensita ostante, almeno
quando - ome a adeva negli esperimenti di Stark - alla radiazione proveniente da
altre parti del suo ammino fosse impedito di raggiungere quella parte dell'apparato
dove ha luogo l'osservazione del fenomeno. Si vedra he in un problema di questo
tipo e an he assi urata una ulteriore re ipro ita tra i fenomeni osservati di emissione e di assorbimento, e io grazie ad una simmetria propria della nostra idea
riguardo all'a oppiamento tra pro essi di transizione in un senso o nell'altro da
una parte, e ampo di radiazione dall'altra parte.

x4. Teoria quantisti a degli spettri e fenomeni otti i


Sebbene se ondo la teoria dei quanti l'osservazione dei fenomeni otti i sia alla
ne determinata da pro essi di transizione, l'interpretazione sensata di queste manifestazioni deve ontenere, ome notato nell'introduzione, quei pro essi ontinui he
sono aratteristi i per la teoria elettrodinami a lassi a della propagazione della
lu e attraverso mezzi materiali. Se ondo questa teoria i fenomeni della ri essione,
della rifrazione e della dispersione si devono attribuire ad una di usione della lu e,
he ha luogo in seguito alle os illazioni forzate delle parti elle elettri he nei singoli
atomi, ausate dalle forze elettromagneti he del ampo di radiazione. Il postulato
della stabilita degli stati stazionari porta a prima vista on se, per quanto riguarda
questo punto, una di olta fondamentale. Il ontrasto sarebbe tuttavia alleviato
in una erta misura, ome notato, mediante il prin ipio di orrispondenza, he
porterebbe a onfrontare la reazione di un atomo ad un ampo di radiazione on
la di usione he se ondo la teoria lassi a deriverebbe da un erto numero di os illatori armoni i virtuali, he sono asso iati alle diverse transizioni possibili. Si deve
tuttavia pensare he l'analogia tra la teoria lassi a e la teoria dei quanti, om'e
formulata mediante il prin ipio di orrispondenza, e di natura essenzialmente formale, ome e parti olarmente sottolineato dalla ir ostanza, he se ondo la teoria
dei quanti l'assorbimento e l'emissione di radiazione sono ollegati a pro essi di
transizione diversi e quindi ad os illatori armoni i diversi. Ma e proprio questo
punto os essenziale per l'interpretazione dei risultati sperimentali sugli spettri di
emissione e di assorbimento, he sembra mostrare he i fenomeni di di usione sono
asso iati on l'azione degli os illatori virtuali relativi all'emissione e all'assorbimento
di radiazione. E intenzione mostrare in una dissertazione su essiva ome on la
on ezione attuale si possa ostruire11 una teoria quantitativa della dispersione,
he e analoga a quella di Ladenburg. Qui i a ontenteremo per io di sottolineare
di nuovo il arattere ontinuo dei fenomeni otti i, he non pare onsentire al una
interpretazione nel senso di un ollegamento ausale on pro essi di transizione nel
mezzo di propagazione.

, 193 (1923).
11 Nota aggiunta alla orrezione. Le linee prin ipali di una tale teoria sono des ritte brevemente
da Kramers in una omuni azione he apparira tra po o su \Nature".
57

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

227

In ontriamo un esempio istruttivo di queste onsiderazioni negli esperimenti sugli


spettri di assorbimento. Infatti a rigore non si puo sostenere, ome si fa spesso per
brevita, he l'assorbimento in un vapore monoatomi o per lu e la ui frequenza
oin ida on erte righe dello spettro di emissione ha la sua origine in pro essi di
transizione, he si veri ano negli atomi del vapore, e he sono indotti da quei treni
d'onda della radiazione in idente, he possiedono la frequenza delle righe di assorbimento. Della visibilita di queste righe nello spettros opio si deve ringraziare la
diminuzione dell'intensita della radiazione in idente, he ha luogo a ausa delle parti olarita delle onde sferi he se ondarie emesse da ias uno degli atomi illuminati;
le transizioni indotte gio ano soltanto il ruolo di un e etto on omitante, mediante
il quale e assi urata la onservazione statisti a dell'energia. La presenza dei treni
d'onda se ondari oerenti e parimenti responsabile della dispersione anomala asso iata alle righe di assorbimento e si manifesta inoltre parti olarmente nel fenomeno
s operto da Wood12 della ri essione selettiva sulla parete del ontenitore di un
vapore metalli o a pressione abbastanza alta. La omparsa di transizioni indotte
tra stati stazionari nell'assorbimento selettivo e allo stesso tempo osservata direttamente nella radiazione di uores enza, he per una parte importante deriva dalla
presenza di un pi olo numero di atomi, he sono stati portati dall'irraggiamento in
uno stato stazionario di energia piu alta. E noto he la radiazione di uores enza si
puo sopprimere on il mis elamento on un gas estraneo. Per quanto riguarda
la parte di radiazione derivante dagli atomi in stati stazionari piu alti, questo
fenomeno si spiega on ollisioni, he provo ano un onsiderevole aumento della
probabilita degli atomi a tornare nel loro stato fondamentale. Allo stesso tempo
la parte della radiazione di uores enza onsistente di radiazione di usa oerente,
ome i fenomeni dell'assorbimento, della dispersione e dalla ri essione subiranno
per mis elamento on gas estraneo quelle variazioni, he possono essere poste in
relazione on l'allargamento delle righe spettrali prodotto dagli urti13 . Si vede he
un'interpretazione dei fenomeni di assorbimento, he si dis osti essenzialmente da
quella su des ritta, e di ilmente sostenibile, almeno quando si puo dimostrare he
l'assorbimento delle righe spettrali e qualitativamente indipendente dall'intensita
della sorgente di radiazione, analogamente a ome si puo dimostrare per i onsueti
fenomeni della ri essione e della rifrazione, per i quali le transizioni nel mezzo non
intervengono in quel modo (vedi G. d. Q., Cap. III, x3).
Un altro esempio interessante fornis e il problema della di usione della lu e da
elettroni liberi. Come ha mostrato Compton on la ri essione dei raggi Rontgen
da parte di ristalli, questa di usione e a ompagnata da una variazione di frequenza, he e diversa in direzioni diverse, e he e in a ordo on la ostituzione
della radiazione emessa da una sorgente immaginaria in moto se ondo la teoria
lassi a. Compton ha raggiunto, ome ri ordato, un'interpretazione formale di
questo fenomeno sulla base della teoria dei quanti di lu e, assumendo he un elettrone assorba un quanto della lu e in idente, e allo stesso tempo possa riemettere
un quanto di lu e in un'altra direzione. In questo pro esso l'elettrone a quista in
una erta direzione una erta velo ita, he ome la frequenza della lu e riemessa e
determinata dalle leggi di onservazione dell'energia e della quantita di moto, nelle
quali si attribuis e ad ogni quanto di lu e un'energia h ed una quantita di moto
h= . In ontrasto on questa idea noi vediamo la di usione della radiazione da
12
13

R.W. Wood, Phil. Mag. , 689 (1915).


vedi per esempio Chr. Fu htbauer e G. Joos, Phys. Zeits hr. , 73 (1922).
23

23

228

N. BOHR, H.A. KRAMERS E J.C. SLATER

parte degli elettroni ome un fenomeno ontinuo, al quale ogni elettrone parte ipa
on l'emissione di onde se ondarie oerenti; la radiazione virtuale in idente da luogo in ogni elettrone ad una reazione, analoga alla di usione he i si aspetterebbe
nella teoria lassi a da un elettrone, he possedesse la velo ita della sorgente di radiazione immaginaria su menzionata, e he sotto l'in uenza del ampo di radiazione
eseguisse os illazioni forzate. Che in questo aso l'os illatore virtuale si muova on
una velo ita he e diversa da quella dell'elettrone irraggiato stesso signi a ertamente un passo he si ontrappone alle idee lassi he in modo parti olarmente
strano. In onsiderazione dei fondamentali s ostamenti dalla des rizione spaziotemporale lassi a, insiti nell'idea degli os illatori virtuali, non appare tuttavia orretto
allo stato attuale della teoria voler ondannare una interpretazione formale ome
quella onsiderata. Una tale interpretazione appare al ontrario ne essaria quando
si voglia tener onto dei fenomeni osservati, per la des rizione dei quali la on ezione
ondulatoria della radiazione gio a proprio un ruolo essenziale. Proprio ome nella
teoria di Compton, assumiamo allo stesso tempo he l'elettrone irraggiato possieda
una erta probabilita di subire in ogni direzione data una erta variazione nita
della sua quantita di moto. Mediante questo e etto, he nella teoria dei quanti
prende il posto del trasferimento ontinuo di quantita di moto, he se ondo la teoria lassi a a ompagnerebbe una di usione del tipo des ritto, viene assi urata la
onservazione statisti a della quantita di moto, analoga alla onservazione statisti a dell'energia prima onsiderata nel fenomeno degli spettri di assorbimento. Di
fatto le leggi probabilisti he derivate da Pauli per lo s ambio di quantita di moto
nell'interazione tra elettroni liberi e radiazione mostrano una analogia essenziale
on le leggi di Einstein, he hanno valore per le transizioni tra stati stazionari ben
de niti di un sistema atomi o. Le onsiderazioni di Einstein e Ehrenfest ri ordate
nel x2 sono parti olarmente idonee a far risaltare questa analogia.
Un problema analogo alla di usione della lu e da elettroni liberi lo in ontriamo
nella di usione di lu e da un atomo, indipendentemente dal fatto he la frequenza
della radiazione sia abbastanza grande da indurre transizioni per le quali un elettrone sia ompletamente allontanato dall'atomo. Per assi urare la onservazione
statisti a della quantita di moto dobbiamo infatti assumere, ome hanno notato
Pauli e di nuovo Smekal14 , he possano avvenire pro essi di transizione nei quali
la quantita di moto dell'atomo di uso subis e una variazione nita senza he per
questo, ome nei soliti pro essi di transizione onsiderati nella teoria degli spettri, il
moto relativo delle parti elle nell'atomo ambi. Si vede he nella nostra on ezione
pro essi di transizione del tipo anzidetto sono strettamente asso iati ai fenomeni
di di usione otti a in un modo he e analogo all'asso iazione dei fenomeni spettrali on i pro essi di transizione, nei quali il moto interno dell'atomo ambia. A
motivo della grande massa del nu leo atomi o la variazione di velo ita dell'atomo
per tali transizioni e tuttavia os pi ola, he non avra al un e etto osservabile
sull'energia dell'atomo e sulla frequenza della radiazione di usa. Malgrado io e di
signi ato essenziale he il trasferimento di quantita di moto sia un pro esso dis ontinuo, mentre la di usione stessa e un fenomeno essenzialmente ontinuo nel quale
hanno parte tutti gli atomi irraggiati, indipendentemente dall'intensita della radiazione in idente. Le variazioni dis ontinue nella quantita di moto dell'atomo sono
la ausa delle azioni osservate sugli atomi, he si des rivono ome pressione di radiazione. Questa interpretazione soddisfa evidentemente le ondizioni per l'equilibrio
14

A. Smekal, Naturwissens haften , 875 (1923).


11

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

229

termi o tra un ampo di radiazione (virtuale) ed una super ie ri ettente, he sono


state ri avate da Einstein15 e nelle quali egli ha visto un sostegno per la teoria
dei quanti di lu e. Allo stesso tempo risulta quasi super uo rilevare he essa e
an he in a ordo on l'apparente ontinuita nelle osservazioni reali sulla pressione
di radiazione. Quanto infatti onsideriamo un orpo solido, una variazione di h=
nella quantita di moto totale di questo sara ompletamente inosservabile, e per lu e
visibile tras urabilmente pi ola, rispetto alle variazioni irregolari della quantita
di moto di un orpo in equilibrio termi o on il suo ambiente. Nella dis ussione
degli esperimenti reali dobbiamo tuttavia tener presente allo stesso tempo he la
frequenza di tali pro essi e spesso os grande, he in ontriamo la domanda se possiamo tras urare la durata stessa delle transizioni o, in altre parole, se e superato
il limite entro il quale vale la formulazione dei prin ip^ della teoria dei quanti (vedi
G. d. Q., Cap. II, x5).
Le ultime onsiderazioni danno un esempio di ome la nostra interpretazione dei
fenomeni otti i onsenta una onnessione naturale on la onsueta des rizione ontinua dei fenomeni ma ros opi i, per l'interpretazione dei quali la teoria di Maxwell
e os meravigliosamente adatta. La preferenza he sotto questo riguardo la nostra
formulazione dei prin ip^ della teoria dei quanti onsegue rispetto alla onsueta
formulazione della teoria si illustra assai signi ativamente nel aso del fenomeno
dell'emissione di onde elettromagneti he, ioe mediante un'antenna, ome in radiotelegra a. In questo aso una des rizione sensata dei fenomeni e possibile nel
senso di un'emissione di radiazione, mentre e impossibile nel senso di pro essi di
transizione separati su essivi tra stati stazionari immaginari dell'antenna. Tenendo
onto infatti della pi olezza delle variazioni di energia nelle transizioni, e an he
della grandezza della radiazione di energia nell'unita di tempo, si vede he la durata
dei singoli pro essi di transizione puo essere solo una frazione straordinariamente
pi ola del periodo di os illazione dell'elettri ita nell'antenna, e he di onseguenza
non e orretto des rivere il risultato di tali pro essi ome l'emissione di un treno
d'onde di questo periodo. Nella nostra interpretazione attuale inve e des riviamo la
realta delle os illazioni di elettri ita nell'antenna ome il realizzarsi di un ampo di
radiazione (virtuale), he se ondo leggi di probabilita indu e inoltre modi he nel
moto degli elettroni. Queste modi he possiamo onsiderarle in questo aso ome
prati amente di tipo ontinuo, per he an he se fosse possibile mantenere una distinzione dei singoli ontributi d'energia h , la grandezza di questi ontributi sarebbe
del tutto tras urabile rispetto all'energia dell'antenna. In onnessione a questo va
osservato he la omparsa del arattere \virtuale" del ampo di radiazione, he allo
stato attuale dalla onos enza appare os ne essario per la des rizione sensata dei
fenomeni atomi i, automati amente perde il suo signi ato in un aso ome quello
qui trattato, in ui il ampo, per quanto riguarda la sua interazione osservabile
on la materia, esibis e tutte quelle proprieta he nell'elettrodinami a lassi a si
attribuis ono ad un ampo elettromagneti o.
Kopenhagen, Universitetets Institut for teoretisk Fysik.

15

A. Einstein, Phys. Zeits hr. , 875 (1923).


10

230

M. BORN
La me ani a quantisti a dei pro essi d'urto1

[Comuni azione provvisoria2


Max Born, Gottinga

(ri evuto il 25 luglio 1926)


Mediante lo studio dei pro essi d'urto si sviluppa l'idea he la me ani a quantisti a nella forma di S hrodinger permetta di des rivere non solo gli stati stazionari,
ma an he i salti quanti i.

La me ani a quantisti a fondata da Heisenberg e stata nora appli ata es lusivamente al al olo degli stati stazionari e delle ampiezze d'os illazione asso iate
alle transizioni (evito di proposito la parola \probabilita di transizione"). Inoltre il
formalismo ampiamente sviluppato nel frattempo sembra dare buoni risultati. Ma
questa impostazione della questione riguarda solo un aspetto del problema; a anto
ad essa si leva altrettanto importante la questione della natura della \transizioni"
stesse. Riguardo a questo punto le opinioni appaiono divise; molti ritengono he
il problema delle transizioni non sia a rontato dalla me ani a quantisti a nella
forma presente, e he qui saranno ne essarie nuove forme on ettuali. Per quanto
mi riguarda, sotto l'impressione della hiusura della struttura logi a della me ani a
quantisti a, sono giunto alla ongettura he questa teoria sia ompleta e he debba
omprendere il problema delle transizioni. Credo di essere rius ito a dimostrare
questo.
Gia Bohr ha diretto l'attenzione sul fatto he tutte le di olta di prin ipio
della rappresentazione quantisti a, he in ontriamo on l'emissione e l'assorbimento
della lu e da parte di atomi, ompaiono an he nell'interazione di atomi a breve
distanza, quindi nei pro essi d'urto. In questi si ha a he fare, inve e he on
ampi d'onda an ora assai vaghi, es lusivamente on sistemi di parti elle materiali
he sottostanno al formalismo della me ani a quantisti a. Ho quindi a rontato il
problema di studiare l'interazione di una parti ella libera (raggio o elettrone) e
di un atomo qualsiasi e di stabilire se non sia possibile una des rizione del pro esso
d'urto nell'ambito della teoria esistente.
Delle diverse forme della teoria in questo aso solo quella di S hrodinger si e
dimostrata idonea, e potrei proprio per questa ragione onsiderarla ome la versione
piu profonda delle leggi dei quanti. Il lo del mio ragionamento e ora il seguente:
Quando si vuole al olare se ondo la me ani a quantisti a l'interazione di due
sistemi e noto he non si puo, ome nella me ani a lassi a, prendere uno stato di
un sistema e stabilire ome questo sia in uenzato da uno stato dell'altro sistema,
ma tutti gli stati dei due sistemi sono a oppiati in modo ompli ato. Cio vale
an he in un pro esso aperiodi o, ome un urto, nel quale una parti ella, di iamo
un elettrone, viene dall'in nito e di nuovo svanis e all'in nito. Ma qui s'impone
l'idea he pero sia prima he dopo l'urto, quando l'elettrone e abbastanza lontano
e l'a oppiamento pi olo, dev'essere de nibile uno stato determinato dell'atomo

Zur Quantenme hanik der Stovorgange, Zeits hr. f. Phys. , 863-867 (1926).
Questa omuni azione era originariamente destinata a \Naturwissens haften", ma non ha
potuto essere a ettata la per man anza di spazio. Spero he la sua pubbli azione in questo luogo
non appaia super ua.
1
2

37

LA MECCANICA QUANTISTICA DEI PROCESSI D'URTO

231

e un moto determinato, rettilineo uniforme, dell'elettrone. Si tratta di esprimere


matemati amente questo omportamento asintoti o delle parti elle a oppiate. Cio
non m'e rius ito on la forma matri iale della me ani a quantisti a, bens on la
formulazione di S hrodinger.
Se ondo S hrodinger l'atomo nell'n-esimo stato quanti o e un pro esso d'os illazione di una quantita di stato sull'intero spazio on frequenza ostante (1=h)Wn0 .
Un elettrone he si muova rettilineamente e in parti olare un si atto pro esso
d'os illazione, he orrisponde ad un'onda piana. Se i due vengono in interazione
si stabilis e un'os illazione ompli ata. Ma si vede subito he questa puo essere
determinata mediante il suo omportamento asintoti o all'in nito. Non si ha proprio nient'altro he un \problema di di razione", nel quale un'onda piana in idente
su un atomo viene di ratta o di usa; al posto delle ondizioni al ontorno, he si
utilizzano in otti a per la des rizione dello s hermo, si ha qui l'energia potenziale
dell'interazione di atomo ed elettrone.
Il problema e quindi: si deve risolvere l'equazione d'onda di S hrodinger per
la ombinazione atomo-elettrone on la ondizione al ontorno he la soluzione
in una determinata direzione dello spazio dell'elettrone vada asintoti amente in
un'onda piana nella direzione di propagazione di questo (l'elettrone in arrivo).
Della soluzione os de nita i interessa di nuovo essenzialmente il omportamento
dell'onda \di usa" all'in nito; infatti questa des rive il omportamento del sistema
dopo l'urto. Esprimiamo questo un po' piu pre isamente. Siano 10 (qk ), 20 (qk ); : : :
le autofunzioni dell'atomo imperturbato (assumiamo he si abbia solo una serie
dis reta); all'elettrone he si muove imperturbato (in linea retta) orrispondono le
autofunzioni sin [(2=)( x + y + z + ), he formano una moltepli ita ontinua
di onde piane, la ui lunghezza d'onda (se ondo de Broglie) e ollegata all'energia
 del moto di traslazione dalla relazione  = h2 =(22 ). L'autofunzione dello stato
imperturbato, nel quale l'elettrone arriva dalla direzione +z , e quindi

n (qk ; z ) = n (qk ) sin(2=)z:

Sia ora V (x; y; z ; qk ) l'energia potenziale dell'interazione fra atomo ed elettrone.


Si puo mostrare per mezzo di fa ili al oli perturbativi he esiste una soluzione
determinata univo amente dell'equazione di erenziale di S hrodinger he tien onto
dell'interazione V , he per z ! +1 va asintoti amente nella funzione di ui sopra.
Veniamo ora a ome questa funzione soluzione si omporta \dopo l'urto".
Ora il al olo da: l'onda di usa, provo ata dalla perturbazione, ha all'in nito
asintoti amente l'espressione

n (x; y; z; qk ) =

XZ Z

x+ y+ z>0

0 (qk ):
d!  n m ( ; ; ) sin kn m ( x + y + z + ) m

Cio signi a: la perturbazione si puo intendere all'in nito ome sovrapposizione


di soluzioni del pro esso imperturbato. Se si al ola l'energia orrispondente alla
lunghezza d'onda n m se ondo la formula prima data di de Broglie, si trova

0 + ;
Wn m = hnm
0 sono frequenze dell'atomo imperturbato.
dove le nm

232

M. BORN

Se si vuole interpretare questo risultato in senso orpus olare, solo un'interpretazione e possibile: n m ( ; ; ) determina la probabilita3 he l'elettrone he
viene dalla direzione z venga s agliato nella direzione determinata da ; ; (e on
0 a
una variazione di fase ), mentre la sua energia  e aumentata di un quanto hnm
0 < 0; urto di
spese dell'energia dell'atomo (urto di primo tipo per Wn0 < Wm0 ; hnm
0
0
0
se ondo tipo per Wn > Wm , hmn < 0). La me ani a quantisti a di S hrodinger
da quindi alla domanda ir a l'e etto di un urto una risposta del tutto de nita; ma
non si tratta a atto di una relazione ausale. Non si ottiene al una risposta alla
domanda, \ om'e lo stato dopo l'urto", ma solo alla domanda , \quant'e probabile
un pre ssato e etto dell'urto" (nel quale naturalmente la legge quantome ani a
dell'energia dev'essere soddisfatta).
Sorge qui l'intera problemati a del determinismo. Dal punto di vista della nostra me ani a quantisti a non vi e nessuna quantita he ssi ausalmente nel aso
singolo l'e etto di un urto; ma an he nell'esperienza non abbiamo nora al un
punto d'appoggio riguardo al fatto he esistano proprieta interne dell'atomo he
determinino un erto esito dell'urto. Dobbiamo sperare di s oprire in seguito proprieta si atte (per esempio, le fasi dei moti atomi i interni) e di determinarle nel
aso singolo? Oppure dobbiamo redere he la on ordanza di teoria ed esperienza
nell'in apa ita di fornire relazioni per l'evoluzione ausale sia un'armonia prestabilita he si fonda sull'inesistenza di si atte relazioni? Da parte mia in lino a rinun iare al determinismo nel mondo atomi o. Ma questa e una questione loso a,
per la quale gli argomenti si i non sono i soli determinanti.
In prati a in ogni aso sia per il si o sperimentale he per il teori o sussiste
l'indeterminismo. La \funzione di risposta"  assai studiata dagli sperimentali e
ora determinabile rigorosamente an he per via teori a. La si puo trovare a partire dall'energia potenziale dell'interazione V (x; y; z; qk ); tuttavia i pro edimenti
di al olo a io ne essari sono troppo ompli ati per omuni arli in questo luogo.
Spieghero solo il signi ato della funzione n m on qual he parola. Se per esempio
l'atomo prima dell'urto e nello stato normale n = 1, risulta da

 + h10m = 

0 1 = W1 m > 0;
hm

he per un elettrone on energia minore del gradino d'e itazione piu pi olo dell'atomo dev'essere ne essariamente an he m = 1, quindi W1 1 =  ; ne risulta per io
\ri essione elasti a" dell'elettrone on la funzione di risposta 1 1 . Se  supera il
primo gradino d'e itazione, oltre alla ri essione si ha an he e itazione on la
risposta 1 2 e os via. Se l'atomo onsiderato e nello stato e itato n = 2 e se
0 , si ha ri essione on la risposta 2 2 e urto di se ondo tipo on la risposta
 < h21
0 , ompare la relativa ulteriore e itazione e os via.
2 1 . Se  > h21
Le formule riprodu ono quindi perfettamente il omportamento qualitativo negli
urti. All'esame quantitativo esauriente delle formule per asi spe iali dev'essere
riservato uno studio parti olareggiato.
Non mi pare es luso he lo stretto a oppiamento di me ani a e statisti a, ome
qui si presenta, ri hiedera una revisione dei on etti fondamentali termodinami ostatisti i.
Credo inoltre he an he il problema dell'assorbimento e dell'emissione di lu e
dovra essere trattato in modo del tutto analogo ome \problema di valori al on-

Nota alla orrezione: un ragionamento piu pre iso mostra he la probabilita e proporzionale
al quadrato della quantita n m .
3

LA MECCANICA QUANTISTICA DEI PROCESSI D'URTO

233

torno" dell'equazione d'onda e portera ad una teoria razionale dell'assorbimento e


della larghezza di riga in a ordo on la on ezione dei quanti di lu e.
Un'esposizione dettagliata apparira prossimamente in questo giornale.

234

BOSE
Legge di Plan k e ipotesi dei quanti di lu e1
Bose (Universita di Da a, India)

(pervenuto il 2 luglio 1924)

Lo spazio delle fasi di un quanto di lu e relativo ad un erto volume viene diviso


in \ elle" della dimensione h3 . Il numero delle possibili ripartizioni su queste elle
dei quanti di lu e di una radiazione de nita ma ros opi amente da l'entropia e
quindi tutte le proprieta termodinami he della radiazione.
La formula di Plan k per la ripartizione dell'energia nella radiazione del orpo
nero ostituis e il punto di partenza per la teoria dei quanti, he e stata sviluppata
negli ultimi 20 anni e he ha portato ri hi frutti in tutti i ampi della si a. Dalla
pubbli azione nell'anno 1901 sono stati presentati molti modi di derivazione di
questa legge. Si e ri onos iuto he le ipotesi fondamentali della teoria dei quanti
sono in ompatibili on le leggi dell'elettrodinami a lassi a. Tutte le derivazioni
pre edenti fanno uso della relazione
8 2 d
E;
 d =
3
ioe della relazione tra la densita di radiazione e l'energia media di un os illatore, e fanno assunzioni sul numero dei gradi di liberta dell'etere, he interviene
nell'equazione pre edente (primo fattore del se ondo membro). Questo fattore puo
tuttavia essere desunto solo dalla teoria lassi a. Questo e il punto insoddisfa ente
in tutte le derivazioni, e non 'e da stupirsi he vengano ompiuti sempre nuovi
tentativi di dare una derivazione he sia esente da questo difetto logi o.
Una derivazione notevolmente elegante e stata data da Einstein. Questi ha
ri onos iuto il difetto logi o di tutte le derivazioni fatte nora ed ha er ato di
dedurre la formula indipendentemente dalla teoria lassi a. Partendo da assunzioni
assai sempli i sullo s ambio d'energia tra mole ole e ampo di radiazione, egli trova
la relazione

 = "m mn
:
"
e kT n 1
Tuttavia, per portare questa formula in a ordo on quella di Plan k egli deve far
uso della legge dello spostamento di Wien e del prin ipio di orrispondenza di Bohr.
La legge di Wien e fondata sulla teoria lassi a, ed il prin ipio di orrispondenza
assume he la teoria dei quanti oin ida on la teoria lassi a in erti asi limite.
In tutti i asi le derivazioni non mi paiono abbastanza orrette dal punto di
vista logi o. Mi pare inve e he l'ipotesi dei quanti di lu e assieme alla me ani a
statisti a ( ome e stata adattata da Plan k ai bisogni della teoria dei quanti) siano
su ienti per la derivazione della legge indipendentemente dalla teoria lassi a.
Delineero in breve il metodo in quanto segue.
La radiazione sia ra hiusa nel volume V e sia data la sua energia totale E . Siano
dati diversi tipi di quanti di numero rispettivamente Ns e d'energia hs (s da 0 a
1). L'energia totale E e quindi
(1)
1

E=

Ns hs = V

 d:

Plan ks Gesetz und Li htquantenhypothese, Zeits hr. f. Phys. , 178-181 (1924).


26

LEGGE DI PLANCK E IPOTESI DEI QUANTI DI LUCE

235

La soluzione del problema ri hiede quindi la determinazione degli Ns he determinano  . Se noi possiamo dare la probabilita per ogni ripartizione aratterizzata
da Ns arbitrari, la soluzione e determinata dalla ondizione he questa probabilita
debba essere massima mantenendo veri ata la ondizione aggiuntiva (1). Cer heremo ora questa probabilita.
Il quanto ha un momento dell'ammontare h= nella direzione della sua propagazione. Lo stato istantaneo del quanto sara aratterizzato dalle sue oordinate
x, y, z e dai orrispondenti momenti px , py , pz ; queste sei quantita possono essere
interpretate ome oordinate di un punto in uno spazio esadimensionale, per il quale
abbiamo la relazione
 2
h
2
2
2
;
px + py + pz =

se ondo la quale il punto suddetto e ostretto a restare su una super ie ilindri a
determinata dalla frequenza del quanto. All'intervallo di frequenza ds appartiene
in questo senso il volume di spazio delle fasi
Z


h 2 hd
h3  2
dxdydzdpx dpy dpz = V  4
= 4 3 V d:





Se noi suddividiamo l'intero volume dello spazio delle fasi in elle di volume h3 ,
all'intervallo di frequenza d appartengono 4V  2 = 3 d elle. Riguardo al modo
di questa suddivisione non si puo dire niente di pre iso. Tuttavia il numero totale
delle elle dev'esser visto ome il numero delle possibili on gurazioni di un quanto
nel volume dato. Per tener onto del fatto della polarizzazione appare o rirsi la
moltipli azione di questo numero per 2, di modo he per il numero delle elle appartenenti a d otteniamo 8V  2 d= 3 .
E fa ile ora al olare la probabilita termodinami a di uno stato (de nito ma ros opi amente). Sia N s il numero dei quanti he appartengono all'intervallo di frequenza d s . In quanti modi possono essere distribuiti tra le elle he appartengono
a d s ? Sia ps0 il numero delle elle vuote, ps1 il numero di quelle he ontengono
un quanto, ps2 il numero delle elle he ontengono due quanti, e etera. Il numero
delle possibili ripartizioni e allora

e dove

2 s
As !
s = 8 d ;
;
dove
A
ps0 !ps1 ! : : :
3

N s = 0  ps0 + 1  ps1 + 2  ps2 : : :


e il numero dei quanti he appartengono a d s . La probabilita dello stato de nito
da tutti i psr e evidentemente
As !
s s s :
p0 !p1 ! : : :
Tenendo onto del fatto he possiamo trattare i psr ome numeri grandi, abbiamo
lg W =
dove

XX

As lg As
As =

psr :

psr lg psr ;

236

BOSE

Quest'espressione dev'essere un massimo sotto la ondizione aggiuntiva

E=

N s h s ; N s =

rpsr :

L'ese uzione della variazione produ e le ondizioni


XX

Da qui segue

psr (1 + lg psr ) = 0;
X

psr

XX

N s h s = 0;

psr (1 + lg psr + s ) +

rpsr :

1 X sX s
h
rpr = 0:
s
r

Pertanto si ottiene immediatamente


rh s
psr = B s e :
Poi he

X
rh s
As = B s e = B s 1 e

h s 

risulta
Si ha inoltre

= 0; N s =

rpsr =

h s 
:

B s = As 1 e
Ns =

h s  rh s
e

rAs 1 e
h s

As e
=
h s :
1 e
Tenendo onto del valore su trovato di As e quindi

h s

e
8h s d s
V
E=
h s :
3
1 e
s
Utilizzando il risultato pre edente si trova inoltre
3

"

E
S=k

As lg 1

h s 
e

dalla quale, tenendo onto he S=E = 1=T , segue he = kT . Se si sostituis e


questo nell'equazione pre edente per E si ottiene
X 8h s3
1
E=
V hs
d s ;
3

kT
e
1
s
equazione equivalente alla formula di Plan k.
(tradotto da A. Einstein.)
Nota del traduttore. Se ondo la mia opinione la derivazione di Bose della formula
di Plan k signi a un progresso importante. Il metodo qui utilizzato produ e an he
la teoria quantisti a dei gas ideali, ome esporro altrove.

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 237


Al une domande esplorative he riguardano la me ani a quantisti a1
P. Ehrenfest a Leida (Olanda)

(ri evuto il 16 agosto 1932)

Al une questioni e osservazioni a proposito di: A. L'unita immaginaria nell'equazione di


S hrodinger e la teoria delle trasformazioni. - B. L'analogia difettosa tra fotone ed elettrone.
- C. Il rendere piu a essibile il al olo spinoriale.
Sia onsentito ra ogliere nel seguito al une domande, he si devono essere imposte a quasi tutti i do enti he abbiano da presentare introduttivamente la me ani a quantisti a ad un uditorio interessato e disposto alla riti a. Queste domande,
in parti olare quelle della presente esposizione, possono ben essere a antonate ome
\prive di senso", se si vuol stare omodi. La buona edu azione addirittura lo esige.
Allora qual uno dovra pur attirarsi l'antipatia, e porle tuttavia. Con la ferma du ia he sempre si trovi un qual he ri er atore he possiede l'arte di rispondere in
modo sensato, e ioe in modo hiaro e sempli e, alle domande \prive di senso".
A. L'unita immaginaria nell'equazione di S hrodinger e le relazioni di ommutazione di Heisenberg-Born. Vi e un omplesso di s operte grande e hiaramente
omprensibile he porta a rappresentare il ampo elettromagneti o mediante due
vettori reali E , H o, se si vuole, mediante un vettore omplesso M = H + iE , he
allora soddisfa alle equazioni di erenziali non reali:
1 M
= rot M;
(1)
i t
(2)

div M = i:

In analogia on io si potrebbe ben, ioe in qual he modo assiomati amente hiaro,
omprendere per he le onde di de Broglie-S hrodinger ri hiedano almeno due s alari
reali o la onveniente riunione di questi in uno s alare omplesso . L'ulteriore
sdoppiamento per la trattazione se ondo la me ani a ondulatoria dello spin Pauli
l'ha fondato in modo ompletamente hiaro.
Osservazioni. 1. I primi lavori di de Broglie e di S hrodinger fanno supporre
assai hiaramente la des rivibilita mediante uno s alare reale2 . Quando in modo del
tutto in identale \per omodita" si introdu e un fattore temporale omplesso per
trattare un'onda sinusoidale, si rileva espressamente he alla on lusione dei al oli
si deve prendere la parte reale3 . In seguito io non e naturalmente piu possibile,
poi he il primo membro dell'equazione di S hrodinger ha ri evuto de nitivamente il
suo oe iente immaginario4 . La ri er a di ome diversi autori abbiano in seguito
trattato questo punto in varie esposizioni sotto forma di manuale non porta al un
aiuto5 .

Einige die Quantenme hanik betre ende Erkundigungsfragen, Zeits hr. f. Phys. , 555-559
(1932).
2 L. de Broglie, Wellenme hanik, p. 64, 65, Leipzig 1929; E. S hr
odinger, Abhandlungen zur
Wellenme hanik, p. 25, Leipzig, Barth, 1927.
3 E. S hr
odinger, l. . p. 57, nota 1.
4 E. S hr
odinger, l. . p. 141, 142 e 169.
5 Per esempio A. Sommerfeld, Wellenme hanis her Erg
anzungsband pp. 8 e 46; H. Weyl, p.
44, J. Frenkel, p. 60. - Lo stesso Pauli (Muller-Pouillet, Vol. II, pp. 1820, 1821) pare qui he
voglia evitare di \svegliare il an he dorme"!
1

78

238

P. EHRENFEST

2. Riguardo al ruolo dell'unita immaginaria nelle relazioni di ommutazione e


nell'intera teoria delle trasformazioni, sarei lieto di omprendere hiaramente in
he modo gia nella ve hia formulazione di Bohr del prin ipio di orrispondenza il
passaggio da serie di Fourier reali a serie esponenziali omplesse signi hi di piu di
una pura sempli azione della notazione.
B. Limiti dell'analogia tra fotoni ed elettroni. Nel aso di onde luminose rigorosamente mono romati he il ampo E , H fornis e per le diverse posizioni di
un ampo d'interferenza direttamente le probabilita relative per la presenza di un
fotone, quindi il \numero" dei fotoni si distingue dall'energia da essi trasportata
solo per il fattore da ssarsi h . Ma quando si onsidera un ampo di radiazione
non mono romati o, questa orrispondenza hiara tra i valori lo ali di E ed H e
la probabilita lo ale per la presenza di un fotone va perduta. Diventa ne essario
sviluppare prima un'analisi di Fourier del ampo E , H , ossia un'operazione di integrazione essenzialmente non lo ale. Questo e un esempio di un difetto dell'analogia
ina ettabile, ma tuttavia an ora modesto:
Per una parti ella materiale i valori della he soddisfano le equazioni di erenziali determinano direttamente la densita di probabilita lo ale per la presenza della
parti ella. Di ontro io non avviene riguardo al fotone per il ampo H + iE he
soddisfa alle equazioni di Maxwell.
Il difetto dell'analogia e tuttavia, s'intende, ben piu profondo: le equazioni
di Maxwell lassi he rappresentano una genuina teoria di ampo su un ontinuo
tetradimensionale x, y, z , t. Nella on ezione originale di de Broglie an he le \onde
materiali" paiono volersi ordinare in una teoria di ampo tetradimensionale, per
la quale inoltre an he i sempli i tipi di esperimenti di interferenza possono valere
ome hiara onferma. La du ia nella possibilita di una tale teoria di ampo i
e tuttavia (provvisoriamente?!) sottratta, poi he S hrodinger per l'interazione tra
n elettroni deve ri orrere all'aiuto di una funzione de nita su uno \spazio delle
on gurazioni" a 3n dimensioni, e nora tutti i tentativi di ritornare in qual he
modo al ontinuo tetradimensionale sono naufragati.6 Si pone quindi la domanda:
ome si dovra trattare \l'analogia tra fotone ed elettrone" nell'introduzione alla
me ani a quantisti a, poi he nello stato attuale della me ani a quantisti a non
i si puo permettere a atto il lusso di ignorare sempli emente questo paragone os
enormemente vantaggioso dal punto di vista
p euristi o?
Osservazioni. 1. L'operatore lineare  derivato dall'operatore di Lapla e ,
he Landau e Peierls7 hanno introdotto ome strumento per la loro trattazione del
fotone, non e naturalmente un operatore di erenziale, ma un operatore integrale,

Ci si abitua a dimenti are il profondo on itto he qui appare on uno dei nostri piu fondamentali onvin imenti si i, ioe on la onvinzione he la ma hina del mondo produ e un gio o
d'assieme diretto, primario, soltanto tra quelle quantita di stato he orrispondono a punti txyz
in nitamente vi ini. L'equazione di erenziale di S hrodinger per due elettroni ri hiede di ontro
un gio o d'assieme dei valori di in una regione in nitesima del ontinuo t x1 y1 z1 x2 y2 z2 ,
nella quale
p
(x2 x1 )2 + (y2 y1 )2 + (z2 z1 )2
puo ben essere lungo molti hilometri. Dobbiamo sempre ri ordar i da apo he la teoria delle onde
di S hrodinger e una teoria dell'azione a distanza amu ata, he la nostalgia i fa prendere per
una teoria dell'azione per prossimita multidimensionale. Certi esperimenti on ettuali, es ogitati
da Einstein ma mai pubbli ati, sono a questo proposito assai opportuni.
7 L. Landau e H. Peierls, Zeits hr. f. Phys.
, 188 (1930).
6

62

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 239


quindi essenzialmente non lo ale 8 . Pertanto, quando questi autori onfrontano le
,  di S hrodinger non piu on H + iE , H iE , ma on le loro F , F  , si fa bene
a tener s rupolosamente presente he la quantita di S hrodinger soddisfa la sua
equazione di erenziale, mentre la F di Landau-Peierls soddisfa inve e l'equazione
integrale (sedu entemente elegante!):
(3)

1_
F=

F:

Ed p
ora l'ammissione spontanea di Peierls-Landau: \Non si puo tuttavia de nire
F  (1= )F ome densita di probabilita, poi he questa quantita non e de nita
positiva". Come se non i fosse nient'altro da dire! Se apis o orrettamente,
ulteriori lavori onnessi on questo non hanno prodotto mutamenti riguardo alla
questione qui a ennata9 .
2. Si dovrebbe poter apire hiaramente he osa signi a, he si possa misurare
 e non la stessa, mentre per il ampo elettromagneti o oltre ad 1=2(E 2 + H 2 )
si possono misurare an he E ed H stessi. Si tratta qui di una asimmetria he
i si deve aspettare permanga an he qualora si potesse rappresentare l'interazione
re ipro a tra \materia" e \ ampo elettromagneti o" nella teoria meglio di ora?
3. Tutte le virtuosisti he dissertazioni sull'analogia tra le equazioni di Maxwell
da un lato e in parti olare l'equazione di Dira dall'altro non hanno, se vedo giusto,
prodotto assolutamente niente.
C. Piu omoda a essibilita del \ al olo spinoriale". La ri a s orta di analogie
tra vettori e ampi vettoriali hiaramente assai diversi ha a piu riprese molto aiutato
lo sviluppo della me ani a e della si a. La relativamente assai piu ristretta s orta
di analogie nel aso dei tensori di ordine due o piu alto ha signi ato negli anni tra il
1900 e il 1905 un grande impedimento alla ri essione si a. Lo si ravvisa nettamente
on un esame dell'arti olo di Abraham nell'En i lopedia della matemati a IV, 14,
1900! Per no nella elebre trattazione di Minkowski della teoria della relativita
spe iale (1908) l'indi azione del ampo tensoriale antisimmetri o del se ond'ordine ome \vettore spazio-temporale del se ondo tipo" las ia un po' a desiderare.
Solo per primo il \Manuale di si a dei ristalli" (1910) di Voigt e in parti olare
l'esposizione di Einstein del al olo tensoriale assoluto nei \Fondamenti formali
della teoria della relativita generale" (1914) segnano piu o meno l'eliminazione di
questo impedimento per il si o, per quanto riguarda i tensori.
Ma adesso gli spinori?! Il si o he onos e l'abbozzo he van der Waerden10
ha dato11 essenzialmente in onnessione on Weyl (Gruppentheorie und Quantenme hanik) e per questo abbozzo sin eramente assai grato. Ma per ora man a pur
sempre un librettino, dal quale si possa imparare in modo fa ile il al olo spinoriale
assieme al al olo tensoriale.
Osservazioni. 1. Risulta pure omi o, he i si i dopo 20 anni di teoria della
relativita spe iale e 10 anni di quella generale apprendano soltanto ora dal lavoro di Pauli sulla me ani a ondulatoria dell'elettrone on spin e dal lavoro ad
esso onnesso di Dira la notizia inquietante he lo spazio isotropo e l'universo di

Vedi l. . equazione (4).


Vedi per esempio J. Solomon, Ann. de Phys. , 411 (1931).
Gott. Na hr. 1929, p. 100.
Vedi an he B. van der Waerden, Gruppentheoris he Methode in der Quantenme hanik, p.
82, Berlin, Julius Springer (1932); O. Laporte e G. Uhlenbe k, Phys. Rev. , 1380 (1931).
8
9
10
11

16

37

240

P. EHRENFEST

Einstein-Minkowski possono essere popolati oltre he dai tensori an he dalla razza


misteriosa degli spinori. Non solo si sarebbe generato per il primo spavento tutto lo
s hiamazzo sulla presunta \Maxwellizzabilita" delle equazioni di Dira , ma an he
il n troppo a uto impiego dello spin dell'elettrone ome \bussola giros opi a per
il parallelismo a distanza di Einstein", del quale per primo Fo k12 ha fatto piazza
pulita, estendendo on la ne essaria a uratezza l'apparato di al olo del trasporto
parallelo dai tensori giustamente agli spinori.
2. Non si potrebbe degnare qual uno, he realmente domini questa materia, di
esprimere in una forma leggibile an he per noi si i ve hi io he e noto13 per
il gruppo delle rotazioni reali: in orrispondenza alla topologia del gruppo, le sue
rappresentazioni irridu ibili doppie e le quantita spinoriali he ad esse orrispondono, in parti olare naturalmente per il gruppo delle rotazioni reali dello spazio
tetradimensionale? (Connessione tra tensori e quasispinori in questo aso.) Un riassunto hiaro, non professorale sarebbe assai desiderabile, in parti olare se venisse
data solo una tra ia dei metodi di dimostrazione!
3. Non si potrebbe hiarire mediante una dis ussione ompetente no a he punto
e giusta la ongettura di Weyl (Gruppentheorie und Quantenme hanik, p. 142),
he in si a gio ano un ruolo fondamentale solo quei tensori, le ui omponenti si
trasformano se ondo rappresentazioni irridu ibili del gruppo delle rotazioni ovvero
del gruppo di Lorentz? (Il tensore dell'energia e degli sforzi di un elettrone di
Dira fornis e, ome ho sentito da Uhlenbe k, un ontroesempio.) Se si a ettasse
la ongettura di Weyl, si desidererebbe he quel \librettino sul al olo spinoriale e
tensoriale" vi si attenesse.
4. E possibile he, nella lassi azione delle relazioni fenomenologi he lineari
omogenee nei ristalli, oltre ai tensori (vedi il libro prima itato di Voigt) gio hino
un ruolo an he gli spinori?

12
13

Zeits hr. f. Phys. , 261 (1929).


vedi H. Weyl, Math. Zeits hr. , 270 (1925); , 328, 377, 789 (1926).
57

23

24

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

241

La teoria quantisti a della radiazione1


A. Einstein2
L'analogia formale della urva della distribuzione romati a della radiazione termi a on la legge di distribuzione delle velo ita di Maxwell e troppo evidente, per he
potesse restare a lungo nas osta. Infatti gia W. Wien nell'importante lavoro teori o,
nel quale egli derivava la sua legge dello spostamento

;
(1)
 = 3f
T
e stato portato da questa analogia ad una determinazione ulteriore della formula
della radiazione. E noto he egli ha trovato la formula
(2)

 =  3 exp

h
;
kT

he an he oggi si ri onos e giusta ome legge limite per grandi valori di =T (formula
della radiazione di Wien). Oggi sappiamo he nessuna trattazione he sia ostruita
on la me ani a e on l'elettrodinami a lassi he puo produrre una formula della
radiazione valida, ma he la teoria lassi a porta ne essariamente alla formula di
Rayleigh

k 2
 T:
h
Si ome poi Plan k nella sua ri er a fondamentale ha basato la sua formula della
radiazione
1

(4)
 =  3
h
exp kT
1

(3)

=

sull'ipotesi di elementi d'energia dis reti, dalla quale la teoria dei quanti si e sviluppata in rapida su essione, quella onsiderazione di Wien, he aveva portato all'equazione (2), e naturalmente ritornata nell'oblio. Ho trovato da po o una derivazione della formula della radiazione di Plan k he utilizza l'originaria trattazione
di Wien3 e he si basa sull'ipotesi fondamentale della teoria dei quanti, nella quale
i si avvale della relazione tra la urva di Maxwell e la urva di distribuzione romati a. Questa derivazione merita attenzione non solo per la sua sempli ita, ma in
parti olare per he sembra portare una qual he hiarezza sul pro esso per noi os
os uro dell'emissione e dell'assorbimento della radiazione da parte della materia.
Basandomi su al une ipotesi, naturali dal punto di vista della teoria dei quanti,
sull'emissione e sull'assorbimento di radiazione da parte delle mole ole, mostro he
mole ole on una distribuzione di stati all'equilibrio termi o se ondo la teoria dei
quanti stanno in equilibrio dinami o on la radiazione di Plan k; si ottiene per

Zur Quantentheorie der Strahlung, Physik. Zeits hr. , 121-128 (1917).


Stampato per la prima volta nelle Mitteilungen der Physikalis hen Gesells haft Zuri h, Nr.
, 1916.
3 Verh. d. Deuts hen physikal. Gesells haft Nr.
/ , 1916, p. 318. Nella presente ri er a
sono ripetute le onsiderazioni della su itata dissertazione.
1
2

18

18

13 14

242

A. EINSTEIN

questa via la formula di Plan k (4) in un modo sbalorditivamente sempli e e generale. Essa risulta dalla ondizione he la distribuzione tra gli stati dell'energia
interna delle mole ole pres ritta dalla teoria dei quanti si deve stabilire solo a ausa
dell'assorbimento e dell'emissione di radiazione.
Se le ipotesi introdotte sull'azione re ipro a di radiazione e materia to ano nel
giusto, esse non devono fornire soltanto la giusta ripartizione statisti a dell'energia
interna delle mole ole. Per assorbimento ed emissione di radiazione ha luogo infatti
an he uno s ambio d'impulso on le mole ole; ne onsegue he per la pura interazione della radiazione on le mole ole si stabilis e una determinata distribuzione
delle velo ita di queste ultime. Essa deve evidentemente essere la stessa di quella
distribuzione delle velo ita, he le mole ole assumono per l'azione es lusiva degli urti
re ipro i, ioe deve oin idere on la distribuzione di Maxwell. Si deve ri hiedere
he l'energia ineti a media (per grado di liberta) he una mole ola assume nel
ampo di radiazione di Plan k di temperatura T sia uguale a kT=2; io deve valere
indipendentemente dalla natura della mole ola onsiderata e indipendentemente
dalle frequenze da essa assorbite ed emesse. In questa dissertazione dimostreremo
he questa importante ondizione e e ettivamente soddisfatta del tutto in generale;
da io le nostre sempli i ipotesi sui pro essi elementari di emissione e assorbimento
ri evono un nuovo sostegno.
Per he il suddetto risultato valga o orre tuttavia una erta estensione delle
ipotesi prima s elte a fondamento, he si riferis ono soltanto allo s ambio dell'energia. Si pone la domanda: la mole ola subis e un urto, quando assorbe o
emette l'energia "? Trattiamo a mo' d'esempio l'Ausstrahlung dal punto di vista
dell'elettrodinami a lassi a. Quando un orpo irraggia l'energia ", esso ri eve un
impulso di rin ulo "= , quando tutta la quantita di radiazione " e irraggiata nella
stessa direzione. Ma se l'irraggiamento avviene on un pro esso spazialmente simmetri o, per esempio onde sferi he, non ha luogo al un rin ulo. Questa alternativa
gio a un ruolo an he nella teoria quantisti a della radiazione. Se una mole ola per
transizione da uno stato possibile se ondo la teoria dei quanti ad un altro ri eve
l'energia " sotto forma di radiazione, oppure ede l'energia in forma di radiazione,
un si atto pro esso elementare puo esser pensato ome parzialmente o totalmente
orientato in senso spaziale, oppure ome simmetri o (non orientato). Ora si dimostra he perveniamo ad una teoria esente da ontraddizioni solo se assumiamo
quei pro essi elementari ome pro essi totalmente orientati; in io sta il risultato
prin ipale della trattazione he segue.

x1. Ipotesi fondamentale della teoria dei quanti.


Distribuzione anoni a degli stati.

Se ondo la teoria dei quanti una mole ola d'un erto tipo, a pres indere dalla
sua orientazione e dal moto di traslazione, puo ammettere solo una serie dis reta
di stati Z1 , Z2 : : : Zn : : : , la ui energia (interna) e "1 , "2 : : : "n : : : . Se mole ole di
questo tipo appartengono ad un gas di temperatura T , la frequenza relativa Wn
dello stato Zn e data dalla orrispondente formula della distribuzione anoni a della
me ani a statisti a
 " 
n
(5)
Wn = pn exp
:
kT
In questa formula k = R=N e la nota ostante di Boltzmann, pn un numero, indipendente da T , aratteristi o per la mole ola e per l'n-esimo stato quanti o della

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

243

stessa, he puo essere indi ato ome il \peso" statisti o di questo stato. La formula (5) puo essere derivata dal prin ipio di Boltzmann oppure per via puramente
termodinami a. L'equazione (5) e l'espressione della generalizzazione piu ompleta
della legge della distribuzione delle velo ita di Maxwell.
Gli ultimi progressi nei prin ipi della teoria dei quanti si riferis ono alla determinazione teori a degli stati Zn possibili se ondo la teoria dei quanti, e dei loro pesi
pn . Per la presente ri er a di prin ipio una determinazione piu pre isa degli stati
quanti i non e ne essaria.

x2. Ipotesi sullo s ambio d'energia mediante radiazione.


Siano Zn e Zm , se ondo la teoria dei quanti, due stati possibili della mole ola di
gas, le ui energie "n e "m soddis no alla diseguaglianza

"m > "n :


La mole ola puo essere in grado di passare dallo stato Zn allo stato Zm on
l'assorbimento dell'energia della radiazione "m "n ; parimenti e possibile una transizione dallo stato Zm allo stato Zn on l'emissione di questa energia di radiazione.
La radiazione in tal modo assorbita o emessa dalla mole ola ha la frequenza 
aratteristi a della ombinazione di indi i (m; n) onsiderata.
Riguardo alle leggi he sono ompetenti per questa transizione introdu iamo
al une ipotesi he si ottengono trasferendo il omportamento noto se ondo la teoria
lassi a di un risuonatore di Plan k a quello an ora s onos iuto della teoria dei
quanti.
a) Ausstrahlung. Un risuonatore di Plan k, he si trovi in os illazione, se ondo
Hertz irraggia energia indipendentemente dal fatto he sia e itato da un ampo
esterno o meno. Corrispondentemente una mole ola puo passare dallo stato Zm
allo stato Zn per emissione dell'energia di radiazione "m "n di frequenza  senza
e itazione mediante ause esterne. La probabilita he io avvenga veramente nel
tempo elementare dt e
(A)

dW = Anm dt;

dove Anm indi a una ostante aratteristi a per la ombinazione di indi i onsiderata.
La legge statisti a assunta orrisponde a quella di una reazione radioattiva, il
pro esso elementare supposto a quello di una reazione di quel tipo, in ui vengano
emessi solo raggi . Non o orre assumere he questa transizione non ri hieda al un
tempo; questo tempo deve solo essere tras urabile rispetto ai tempi durante i quali
la mole ola e negli stati Z1 e etera.
b) Einstrahlung. Se un risuonatore di Plan k si trova in un ampo di radiazione,
l'energia del risuonatore ambia per he il ampo elettromagneti o della radiazione
trasferis e lavoro sul risuonatore; questo lavoro puo essere positivo o negativo a
se onda delle fasi del risuonatore e del ampo os illante. In orrispondenza introdu iamo le seguenti ipotesi di teoria dei quanti. Sotto l'azione della densita
di radiazione  di frequenza  una mole ola puo passare dallo stato Zn allo stato
Zm , mentre la mole ola ri eve l'energia di radiazione "m "n , se ondo la legge di
probabilita
(B)

dW = Bnm dt:

244

A. EINSTEIN

Per azione della radiazione e parimenti possibile una transizione Zm ! Zn , durante


la quale viene liberata l'energia "m "n , se ondo la legge di probabilita
n dt:
(B')
dW = Bm
n sono ostanti. Chiamiamo entrambi i pro essi \variazioni di stato per
Bnm e Bm
Einstrahlung".
Ci si interroga ora sull'impulso he viene s ambiato dalla mole ola nelle variazioni
di stato onsiderate. Se un fas io di radiazione on una erta direzione ompie lavoro
su un risuonatore di Plan k, al fas io di radiazione sara sottratta l'energia orrispondente. A questa sottrazione d'energia orrisponde se ondo la legge dell'impulso an he un trasferimento d'impulso dal fas io di radiazione al risuonatore. Quest'ultimo
da quindi luogo ad una forza nella direzione dei raggi del fas io di radiazione. Se
l'energia trasferita e negativa an he l'azione della forza sul risuonatore e nella direzione opposta. Nel aso dell'ipotesi dei quanti io signi a evidentemente quanto
segue. Se per Einstrahlung on un fas io di radiazione ha luogo il pro esso Zn ! Zm
verra trasferito alla mole ola l'impulso ("m "n )= nella direzione di propagazione
del fas io. Nel pro esso di Einstrahlung Zm ! Zn l'impulso trasferito ha lo stesso
valore, ma la direzione opposta. Nel aso he la mole ola sia esposta simultaneamente a piu fas i di radiazione, assumiamo he l'intera energia "m "n di un pro esso
elementare sia ri evuta o eduta da uno di questi fas i di radiazione, in modo he
an he in questo aso sia trasferito alla mole ola l'impulso ("m "n )= .
Nell'emissione d'energia per Ausstrahlung nel aso del risuonatore di Plan k in
totale non viene trasferito al un impulso al risuonatore, poi he se ondo la teoria
lassi a l'Ausstrahlung ha luogo on un'onda sferi a. Ma si deve notare in proposito
he possiamo arrivare ad una teoria quantisti a esente da ontraddizioni solo se
assumiamo he an he il pro esso di Ausstrahlung sia un pro esso orientato. In ogni
pro esso elementare di Ausstrahlung (Zm ! Zn ) sara trasferito alla mole ola un
impulso di valore ("m "n )= . Se quest'ultima e isotropa dobbiamo assumere he
tutte le direzioni di Ausstrahlung siano equiprobabili. Se la mole ola non e isotropa
perveniamo alla stessa a ermazione, quando l'orientamento in funzione del tempo
venga s elto se ondo la legge del aso. Un'ipotesi di questo tipo andra fatta del
n
resto an he per le leggi statisti he (B) e (B'), per he altrimenti le ostanti Bnm e Bm
dovrebbero dipendere dalla direzione, osa he possiamo evitare on quest'ipotesi
di isotropia o di pseudoisotropia (in seguito a media temporale) della mole ola.

x3. Derivazione della legge della radiazione di Plan k.


Ci hiediamo ora quale densita attiva di radiazione  debba essere presente per he
lo s ambio di energia tra radiazione e mole ole se ondo le leggi statisti he (A), (B) e
(B') non disturbi la distribuzione degli stati delle mole ole se ondo l'equazione (5).
Per questo e ne essario e su iente he in media nell'unita di tempo avvengano tanti
pro essi elementari di tipo (B) quanti di tipo (A) e (B') insieme. Questa ondizione
porta se ondo le (5), (A), (B), (B') per il pro esso elementare he orrisponde alla
ombinazione degli indi i (m; n) all'equazione
 " 
 " 
n B m  = p exp
m [B n  + An :
pn exp
m
m
m
kT n
kT
Se inoltre  deve andare all'in nito on T , ome assumeremo, tra le ostanti Bnm
n dovra sussistere la relazione
e Bm
n:
(6)
pn Bnm = pm Bm

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

245

Otteniamo quindi ome ondizione dell'equilibrio dinami o l'equazione


(7)

=

Anm
n
Bm
" " 
m
exp kT n

Questa e la dipendenza della densita di radiazione dalla temperatura se ondo la


legge di Plan k. Per la legge dello spostamento di Wien (1) ne onsegue immediatamente he dev'essere
Anm
3
(8)
n = 
Bm
e
(9)

"m "n = h;

dove ed h sono ostanti universali. Per determinare il valore numeri o della


ostante si deve avere una teoria esatta dei pro essi elettrodinami i e me ani i;
i si a ontenta provvisoriamente di ri orrere alla trattazione del aso limite di
Rayleigh delle alte temperature, per la quale la teoria lassi a vale nel limite.
L'equazione (9) rappresenta notoriamente la se onda regola fondamentale nella
teoria di Bohr degli spettri, la quale on il ompletamento di Sommerfeld ed Epstein
si puo ben ritenere fa ia parte del patrimonio si uro della nostra s ienza. Come ho
mostrato, essa ontiene impli itamente an he la legge dell'equivalenza foto himi a.

x4. Metodo per il al olo del moto delle mole ole


in un ampo di radiazione.

Ci rivolgiamo ora allo studio dei moti he le nostre mole ole eseguono sotto
l'in uenza della radiazione. Ci serviamo di un metodo he e ben noto dalla teoria del
moto browniano, e he da noi e stato piu volte utilizzato in al oli per lo studio dei
moti in un ampo di radiazione. Per sempli are il al olo appli hiamo quest'ultimo
es lusivamente al aso in ui i moti avvengano solo in una direzione, la direzione
X del sistema di oordinate. Ci a ontentiamo inoltre di al olare il valor medio
dell'energia ineti a del moto, e quindi rinun iamo a dimostrare he queste velo ita
v sono distribuite se ondo la legge di Maxwell. La massa M delle mole ole sia
su ientemente grande per he le potenze superiori di v= siano tras urabili rispetto
alle inferiori; possiamo quindi appli are alla mole ola la me ani a onsueta. Senza
una e ettiva riduzione della generalita possiamo inoltre eseguire il al olo ome se
gli stati on gli indi i m ed n fossero i soli he la mole ola puo assumere.
L'impulso Mv di una mole ola sperimenta nel tempo breve  variazioni di due
spe ie. Malgrado il fatto he la radiazione si omporti egualmente in tutte le direzioni, la mole ola a ausa del suo moto sperimentera una forza he deriva dalla
radiazione e he agis e opponendosi al moto. Sia questa uguale ad Rv, dove R e
una ostante da al olare in seguito. Questa forza porterebbe la mole ola alla quiete se l'irregolarita dell'azione della radiazione non avesse per onseguenza he nel
tempo  viene trasmesso alla mole ola un impulso  di segno e di grandezza mutevole; l'azione non sistemati a di questo, ontrariamente a quanto a ennato prima,
manterra un erto moto della mole ola. Alla ne del tempo breve  onsiderato
l'impulso della mole ola avra il valore

Mv Rv + :

246

A. EINSTEIN

Poi he la distribuzione delle velo ita deve rimanere ostante nel tempo, il valore
assoluto medio della quantita anzidetta deve essere uguale a quello della quantita
Mv; i valori medi dei quadrati delle due quantita, estesi ad un tempo lungo o ad
un gran numero di mole ole, devono essere tra loro uguali:
(Mv

Rv + )2 = (Mv)2 :

Poi he abbiamo tenuto onto separatamente nel al olo dell'in uenza sistemati a
di v sull'impulso della mole ola, dobbiamo onsiderare tras urabile il valor medio
v. Sviluppando il primo membro dell'equazione si ottiene quindi
(10)

2 = 2RMv2 :

Il valor medio v2 , he la radiazione di temperatura T produ e nelle nostre


mole ole mediante la sua interazione on esse deve essere uguale a quel valor medio
v2 he spetta alla mole ola di gas alla temperatura T se ondo le leggi date dalla
teoria ineti a dei gas. Infatti la presenza delle nostre mole ole disturberebbe in
aso ontrario l'equilibrio termi o tra la radiazione termi a ed un gas dato a pia ere
della stessa temperatura. Dev'esser quindi

Mv2 kT
= :
2
2

(11)
L'equazione (10) diventa quindi
(12)

2
= 2RkT :


Lo studio sara ora sviluppato ome segue. Per una data radiazione (( )), 2 e
R saranno al olabili on le nostre ipotesi sull'interazione tra radiazione e mole ole.
Sostituendo i risultati nella (12), quest'equazione dev'essere soddisfatta identi amente, quando  e espressa in funzione di  e T se ondo l'equazione di Plan k
(4).

x5. Cal olo di R.


Una mole ola del tipo onsiderato si muova uniformemente on la velo ita v lungo
l'asse X del sistema di oordinate K . Chiediamo quale sia l'impulso trasmesso in
media dalla radiazione alla mole ola nell'unita di tempo. Per poterlo al olare, dobbiamo valutare la radiazione da un sistema di oordinate K 0 he sia in quiete rispetto
alla mole ola onsiderata. Infatti le nostre ipotesi sull'emissione e sull'assorbimento
le abbiamo formulate solo per mole ole a riposo. La trasformazione al sistema K 0
e stata sviluppata piu volte in letteratura, in parti olare nella Berliner Dissertation
di Mosengeil. Tuttavia ripetero qui per ompletezza queste sempli i onsiderazioni.
Relativamente a K la radiazione e isotropa, ioe la radiazione asso iata ad un
erto angolo solido in nitesimo d orrispondente alla direzione della radiazione,
ompresa nell'intervallo di frequenza d e per volume unitario e
(13)

d

d
;
4

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

247

dove  dipende solo dalla frequenza  , non dalla direzione. Questa radiazione os
individuata orrisponde rispetto al sistema di oordinate K 0 ad una radiazione he
e parimenti aratterizzata mediante un intervallo di frequenza d 0 e mediante un
erto angolo solido d0 . La densita di volume di questa radiazione os individuata
e
d0
(13')
0 ( 0 ; '0 ) d 0 :
4
0 e os de nito. Esso dipende dalla direzione, la quale e de nita in modo
onsueto mediante l'angolo '0 on l'asse X 0 e mediante l'angolo 0 tra la proiezione
sul piano Y 0 Z 0 e l'asse Y 0 . Questi angoli orrispondono agli angoli ' e he in
modo analogo ssano la direzione di d rispetto a K .
E hiaro he tra la (13) e la (13') deve valere la stessa legge di trasformazione he
vale per i quadrati delle ampiezze A2 e A0 2 di un'onda piana della orrispondente
direzione. Pertanto on l'approssimazione ri hiesta si ha
0 ( 0 ; '0 ) d 0 d0
v
= 1 2 os '
(14)
 ( ) dd

ovvero
i
d d h
v
(14')
0 ( 0 ; '0 ) =  ( ) 0 0 1 2 os ' :
d d

La teoria della relativita da inoltre le formule, valide all'approssimazione ri hiesta
h
i
v
(15)
0 =  1
os '

(16)
(17)

os '0 = os '

v v 2
+ os '

0= :

Dalla (15) segue on l'approssimazione orrispondente,




v
 =  0 1 + os '0 :

Quindi, an ora on l'approssimazione ri hiesta, risulta


v
 ( ) =   0 +  0 os '0

ovvero

v
(18)
 ( ) =  ( 0 ) + ( 0 )   0 os '0 :


Inoltre se ondo le (15), (16) e (17) e

d
v
= 1 + os '0
0
d

248

A. EINSTEIN

d
sin 'd'd
d ( os ')
v
=
=
= 1 2 os '0 :
d0 sin '0 d'0 d 0 d ( os '0 )

In seguito a queste due relazioni e alla (18) la (14') diventa


 



v

v
(19)
0 ( 0 ; '0 ) = () +  0 os '0
1 3 os '0 :

 

Per mezzo della (19) e delle nostre ipotesi sull'Ausstrahlung e sull'Einstrahlung
delle mole ole possiamo fa ilmente al olare l'impulso trasmesso in media alla
mole ola nell'unita di tempo. Prima di far questo dobbiamo tuttavia dire qual osa
a giusti azione della via intrapresa. Si puo obiettare he le equazioni (14), (15),
(16) sono fondate sulla teoria di Maxwell del ampo elettromagneti o, non ompatibile on la teoria dei quanti. Quest'obiezione riguarda tuttavia piu la forma
he la sostanza della questione. Infatti omunque si on guri la teoria dei pro essi
elettromagneti i dovranno in ogni aso rimanere validi il prin ipio di Doppler e la
legge dell'aberrazione, quindi an he le equazioni (15) e (16). Inoltre la validita della
relazione sull'energia (14) va si uramente al di la della teoria ondulatoria; se ondo
la teoria della relativita questa legge di trasformazione vale per esempio an he per
la densita d'energia di una massa, on densita a riposo in nitamente pi ola, he
si muova on velo ita quasi pari a quella della lu e. L'equazione (19) puo quindi
pretendere validita per ogni teoria della radiazione. Per la (B) la radiazione he orrisponde all'angolo solido d0 sara per se ondo
d0
Bnm 0 ( 0 ; '0 ) :
4
Pro essi elementari di Einstrahlung del tipo Zn ! Zm danno luogo al fatto he la
mole ola dopo ognuno di tali pro essi ritorni immediatamente nello stato Zn . Ma
in realta il tempo di permanenza in un se ondo nello stato Zn per la (5) e uguale a
 " 
1
n ;
pn exp
S
kT

dove si e posto per brevita

 " 
"n 
m :
+ pm exp
kT
kT
Il numero di questi pro essi al se ondo risulta quindi in realta
 " 
0
1
n B m 0 ( 0 ; '0 ) d :
pn exp
S
kT n
4
Per ognuno di questi pro essi elementari sara omuni ato all'atomo nella direzione
positiva dell'asse X 0 l'impulso
"m "n
os '0 :

In modo analogo troviamo, fondando i sulla (B), he il orrispondente numero di
pro essi elementari di Einstrahlung del tipo Zm ! Zn e per se ondo
 " 
1
m B n 0 ( 0 ; '0 ) d0 ;
pm exp
S
kT m
4

(20)

S = pn exp

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

249

e per ogni si atto pro esso elementare sara omuni ato alla mole ola l'impulso
"m "n
os '0 :

L'impulso omplessivamente omuni ato per unita di tempo alla mole ola per Einstrahlung e quindi, tenendo onto delle (6) e (9)
h
 " 
 " i Z
h 0
d0
n
m
m
pn Bn exp
exp
0 ( 0 ; '0 ) os '0 ;
S
kT
kT
4
dove l'integrazione va estesa su tutti gli angoli solidi elementari. Con l'ese uzione
di quest'ultima si ottiene per la (19) il valore


h
 " 
 " i
1 
n
m

pn Bnm exp
exp
 v:
3 
kT
kT
La frequenza e ettiva e indi ata di nuovo on  (al posto di  0 ).
Ma questa espressione rappresenta l'impulso omplessivo eduto in media nell'unita di tempo alla mole ola he si muova on velo ita v. E hiaro poi he i pro essi
elementari di Ausstrahlung he hanno luogo senza l'intervento della radiazione, onsiderati dal sistema K 0 , non possiedono una direzione privilegiata, e he quindi in
media non possono trasmettere alla mole ola nessun impulso. Otteniamo quindi
ome risultato nale della nostra trattazione:




 " 
h
1 
h
n
(21)
R= 2 

pn Bnm exp
1 exp
:
S
3 
kT
kT

h

2 S

x6. Cal olo di 2 .


E molto piu fa ile al olare l'e etto dell'irregolarita dei pro essi elementari sul
omportamento me ani o delle mole ole. Infatti si puo utilizzare per questo al olo
una mole ola a riposo on il grado di approssimazione he sin dall'inizio abbiamo
tenuto per su iente.
Immaginiamo he a ada un qual he evento, he trasmetta ad una mole ola un
impulso  nella direzione X . Questo impulso e in asi diversi di segno diverso
e di grandezza diversa. Vale tuttavia per  una legge statisti a tale he il valor
medio  e nullo. Siano 1 , 2 : : : i valori dell'impulso he piu ause he agis ono
indipendentemente tra loro trasmettono nella direzione dell'asse X alla mole ola,
in modo he l'impulso omplessivo trasmesso  sia dato da
=

v :

Allora, poi he per i singoli v i valori medi v sono nulli:


(22)

2 =

2
v :

Siano i valori medi 2v dei singoli impulsi tra loro uguali (= 2 ), e sia l il numero
omplessivo dei pro essi he produ ono impulso; allora vale la relazione
(22a)

2 = l2 :

250

A. EINSTEIN

Se ondo le nostre ipotesi in ogni pro esso di Einstrahlung e di Ausstrahlung si


omuni a alla mole ola l'impulso

=

h
os ':

Si indi a on ' l'angolo tra l'asse X e una direzione s elta se ondo la legge del aso.
Si ottiene quindi
 2
1
h
2 =
:
3

(23)

Poi he assumiamo he tutti i pro essi elementari he hanno luogo siano da assumersi ome eventi indipendenti, possiamo avvaler i della (22a). l e allora il numero di pro essi elementari he avvengono omplessivamente nel tempo  . Questo
e il doppio del numero di pro essi di Einstrahlung Zn ! Zm nel tempo  . Risulta
quindi

l=

(24)

 " 
2
n :
pn Bnm exp
S
kT

Dalle (23), (24) e (22) risulta


(25)

 
 " 
2
2 h 2
n
=
pn Bnm exp
:

3S
kT

x7. Risultato.
Per mostrare ora he gli impulsi eser itati dalla radiazione sulle mole ole non
disturbano a atto l'equilibrio termodinami o i basta sostituire i valori al olati
(25) e (21) di 2 = e di R, e inoltre nella (21) la quantita


1 

3 



1 exp

h
kT



se ondo la (4) va sostituita on h=(3kT ). Si mostra immediatamente he la nostra


equazione fondamentale (12) e soddisfatta identi amente. Le onsiderazioni oramai on luse portano un forte sostegno alle ipotesi avanzate
nel x2 sull'interazione tra materia e radiazione mediante pro essi di assorbimento e
di emissione, ovvero mediante Einstrahlung e Ausstrahlung. A queste ipotesi sono
stato portato dal tentativo di postulare nel modo possibilmente piu sempli e un
omportamento della mole ola se ondo la teoria quantisti a, he sia l'analogo di
quello di un risuonatore di Plan k della teoria lassi a. Dalle ipotesi quanti he
generali per la materia si ottengono spontaneamente la se onda regola di Bohr
(equazione (9)) e la formula della radiazione di Plan k.
Della piu grande importanza mi pare tuttavia il risultato relativo all'impulso
trasmesso alla mole ola per Einstrahlung e Ausstrahlung. Se si mutassero le nostre
ipotesi riguardo a quest'ultimo, ne deriverebbe una violazione dell'equazione (12);
non mi pare possibile restare in a ordo on questa relazione imposta dalla teoria

LA TEORIA QUANTISTICA DELLA RADIAZIONE

251

del alore altrimenti he in base alle nostre ipotesi. Possiamo onsiderare quanto
segue ome abbastanza si uramente provato.
Si abbia un fas io di radiazione he fa assorbire o edere (Einstrahlung) da una
mole ola la quantita d'energia h sotto forma di radiazione in un pro esso elementare; allora in ogni aso viene trasmesso alla mole ola l'impulso h= , e pre isamente nel aso di assorbimento di energia nella direzione di propagazione del
fas io, nel aso di essione nella direzione opposta. Se la mole ola si trova sotto
l'azione di piu fas i di radiazione orientati, in un pro esso elementare l'Einstrahlung
e sempre appartenente solo ad uno stesso fas io; questo fas io soltanto determina
quindi la direzione dell'impulso trasmesso alla mole ola.
Se la mole ola subis e senza e itazione esterna una perdita d'energia della
quantita h , edendo quest'energia sotto forma di radiazione (Ausstrahlung), an he questo e un pro esso orientato. Non si ha Ausstrahlung in onde sferi he. La
mole ola subis e a ausa del pro esso elementare di Ausstrahlung un impulso di
rin ulo dell'entita h= in una direzione he nello stato attuale della teoria e determinata solo dal \ aso".
Queste proprieta dei pro essi elementari imposte dall'equazione (12) fanno apparire la ostruzione di un'autenti a teoria quantisti a della radiazione presso he
inevitabile. Il debole della teoria sta da un lato nel fatto he non i porta piu vi ino
alla onnessione on la teoria ondulatoria, e dall'altro he las ia al \ aso" il tempo
e la direzione dei pro essi elementari; nonostante io io nutro piena du ia nella
validita della via intrapresa.
Qui deve trovar posto an ora un'osservazione generale. Quasi tutte le teorie della
radiazione termi a si fondano sulla onsiderazione delle interazioni tra radiazione e
materia. Ma in generale i si a ontenta di onsiderare gli s ambi di energia, senza
tener onto degli s ambi di impulso. Ci si sente fa ilmente autorizzati a io, poi he
la pi olezza dell'impulso s ambiato mediante la radiazione porta on se he nella
realta quest'ultimo passa in se onda linea rispetto alle altre ause he provo ano
il moto. Ma per la trattazione teori a quelle pi ole azioni sono da onsiderarsi
ompletamente della stessa importanza di quelle ospi ue dello s ambio d'energia
mediante la radiazione, poi he energia ed impulso sono tra loro ollegati nel modo
piu stretto; si puo per io onsiderare orretta una teoria solo quando si e mostrato
he l'impulso se ondo essa trasmesso dalla radiazione alla materia porta a moti tali
da essere onsentiti dalla teoria del alore.

(ri evuto il 3 marzo 1917)

252

A. EINSTEIN
Considerazioni elementari sull'interpretazione
dei fondamenti della me ani a quantisti a1
A. Einstein
Institute for Advan ed Study, Prin eton, N.J.

L'essenza della situazione attuale io la vedo os: riguardo al formalismo matemati o della teoria non esiste al un dubbio, ma molti e ne sono sull'interpretazione
si a delle sue asserzioni. In quale relazione sta la funzione on la situazione on reta individuale, ioe on la situazione individuale di un singolo sistema? Ovvero:
he osa di e la funzione sullo \stato reale" (individuale)?
Ora si puo anzitutto dubitare he si possa in generale attribuire un senso a queste
domande. Si puo infatti assumere il seguente punto di vista: \reale" e solo il singolo
risultato dell'osservazione, non un qual osa di esistente obiettivamente nello spazio e
nel tempo indipendentemente dall'atto dell'osservazione. Se si assume questo netto
punto di vista positivisti o, non 'e bisogno evidentemente di fare al un pensiero su
ome lo \stato reale" debba essere interpretato nell'ambito della teoria dei quanti.
Tale sforzo appare infatti ome un tirar di s herma ontro un fantasma.
Questo punto di vista positivisti o netto ha tuttavia - se onseguentemente
sviluppato - un'irreparabile debolezza: esso ondu e a di hiarare vuote di signi ato
tutte le proposizioni esprimibili ol linguaggio. Si ha il diritto di di hiarare dotata di
signi ato, ossia vera o falsa, una des rizione di un singolo risultato d'osservazione?
Non e possibile he una tale des rizione sia fondata su bugie, ovvero su esperienze
he noi possiamo interpretare ome ri ordo di sogni o ome allu inazioni? La distinzione tra esperienze della veglia ed esperienze del sogno ha in generale un signi ato obiettivo? Alla ne restano \reali" solo le esperienze di un io senza una
qual he possibilita di asserire qual osa su di esse; infatti i on etti adoperati nelle
asserzioni si rivelano ad un'analisi positivisti a rigorosa senza e ezione vuoti di
signi ato.
In verita i on etti indipendenti ed i sistemi di on etti utilizzati nelle nostre
asserzioni sono reazioni umane, strumenti di lavoro he i siamo reati da noi,
la ui giusti azione e il ui valore onsistono es lusivamente nel fatto he essi
si las iano oordinare alle esperienze \ on pro tto" (veri a). Altrimenti detto questi strumenti di lavoro sono giusti ati in quanto onsentono di \spiegare"2 le
esperienze.
Solo da questo punto di vista della veri a si e autorizzati a giudi are on etti e
sistemi di on etti. Cio vale an he per i on etti \realta si a" ovvero \realta del
mondo esterno", \stato reale di un sistema". Non si ha a priori al un diritto di
postularli ome ne essari per il pensiero o di vietarli; io he de ide e solo la veri a. Dietro queste parole simboli he sta un programma, he si e rivelato senz'altro
determinante per lo sviluppo del pensiero si o no all'enun iazione della teoria
dei quanti: si deve ri ondurre tutto a oggetti ideali nell'ambito spaziotemporale
ed alle relazioni in forma di legge he devono valere per questi oggetti. In questa

Elementare U berlegungen zur Interpretation der Grundlagen der Quanten-Me hanik, S ienti Papers presented to Max Born, Hafner Publishing Company In ., New York (1953), pp.
33-40.
2 L'anit
a linguisti a tra i on etti di \wahr"e di \si h bewahren" si fonda su un'anita di
essenza; solo, questa onstatazione non deve essere fraintesa in senso utilitaristi o.
1

CONSIDERAZIONI ELEMENTARI SULL'INTERPRETAZIONE...

253

des rizione non ompare he osa si riferis a ad una onos enza empiri a riguardo a
questi oggetti. Alla luna si attribuis e una posizione spaziale (relativamente ad un
opportuno sistema di oordinate) ad ogni determinato tempo, indipendentemente
dal fatto he i siano o meno delle osservazioni su questa posizione. Si intende
questo tipo di des rizione quando si parla della des rizione si a di un \mondo
reale esterno", riguardo alla quale e an he sempre possibile la s elta delle pietre
da ostruzione elementari (punto materiale, ampo, e .) he si prendono a fondamento.
Della validita di questo programma non si e dubitato seriamente da parte dei
si i, n he sembrava he tutto quello he interviene nella des rizione dovesse in
linea di prin ipio potersi determinare empiri amente in ogni singolo aso. Che
questa fosse un'illusione e stato mostrato per la prima volta nell'ambito dei fenomeni
quantisti i da Heisenberg in modo onvin ente per i si i.
Ora il on etto di \realta si a" e diventato problemati o e si son poste le domande, he osa essa veramente sia, he osa er hi di des rivere la si a teori a
(mediante la me ani a quantisti a), e a he osa si riferis ano le leggi da essa
enun iate. A queste domande vengono date risposte assai diverse.
Per avvi inar i ad una risposta, onsideriamo he osa a erma la me ani a
quantisti a sui ma ro-sistemi, ioe su quegli oggetti he noi avvertiamo ome \direttamente per epibili". Di tali oggetti sappiamo infatti he essi e le leggi per essi
valide si possono rappresentare mediante la si a lassi a on pre isione notevole,
an he se non illimitata. Non dubitiamo he per tali oggetti ad ogni tempo si abbia
una on gurazione spaziale reale (posizione) ome pure una velo ita (ovvero un
impulso), ioe una situazione reale - il tutto on l'approssimazione onsentita dalla
struttura quanti a.
Ci hiediamo: la me ani a dei quanti ( on l'approssimazione ri hiesta) impli a
la des rizione reale prodotta dalla me ani a lassi a per i orpi ma ros opi i?
Ovvero - qualora non si possa rispondere sempli emente a questa domanda on un
\s" - in he senso io a ade? Esamineremo io on un esempio on reto.

L'esempio parti olare


Il sistema onsista di una sfera di ir a 1 mm. di diametro, he va avanti e indietro
(lungo l'asse x di un sistema di oordinate) tra due pareti parallele (distanti tra
loro un metro ir a). Gli urti siano idealmente elasti i. In questo ma ro-sistema
idealizzato pensiamo di sostituire le pareti on espressioni dell'energia potenziale
dall'andamento \ripido", nelle quali entrino solo le oordinate del punto materiale
he rappresenta la sfera. \Con astuzia e per dia" si fa ia in modo he questi
pro essi di ri essione non diano luogo ad al un a oppiamento tra la oordinata x
del bari entro della sfera e le oordinate \interne" di questa (in luse le oordinate
angolari). Otteniamo os he per lo s opo da noi perseguito la posizione della sfera
(a pres indere dal suo raggio) puo essere des ritta mediante la sola x.
Nel senso della me ani a quantisti a si tratta di un pro esso on energia esattamente determinata. L'onda di de Broglie (funzione ) e quindi armoni a nella
oordinata temporale. Essa e inoltre diversa da zero solo tra x = l=2 e x = +l=2.
Agli estremi del ammino la onnessione ontinua on la funzione nulla al di la
del ammino ri hiede he per x = l=2 debba essere = 0.
La funzione e quindi un'onda stazionaria, he si puo rappresentare all'interno
del ammino mediante la sovrapposizione di due onde armoni he he si propagano

254

A. EINSTEIN

in direzione opposta:
(1)
ovvero

1
1
= A exp [i (at bx) + A exp [i (at + bx)
2
2
= A exp(iat) os (bx):

(1a)

Si vede dalla (1a) he il fattore A nei due termini dev'essere s elto uguale, per he
si possano soddisfare le ondizioni al ontorno agli estremi del segmento. Senza
restrizione della generalita A puo esser s elto reale. Se ondo l'equazione di S hrodinger b e determinato da [: : : e dalla massa m. Pensiamo il fattore A normalizzato
nel modo noto.
Per he un onfronto dell'esempio on il orrispondente problema lassi o sia
fruttuoso dobbiamo assumere he la lunghezza d'onda di de Broglie 2=b sia pi ola
rispetto ad l.
Per il signi ato della funzione assumiamo ora nel modo onsueto l'interpretazione probabilisti a di Born:

W=

dx = A2

os2 (bx) dx:

Questa e la probabilita he la oordinata x del bari entro della sfera gia ia in un


dato intervallo x. Essa e - a pres indere da una \struttura ne" ondulatoria, la
ui realta si a e a ertata - sempli emente ost.x.
Come va ora on la probabilita dei valori dell'impulso ovvero della velo ita della
sfera? Queste probabilita si otterranno mediante sviluppo di Fourier della . Se la
(1) valesse da 1 a +1, la (1) sarebbe gia lo sviluppo di Fourier er ato. Darebbe
due valori ben de niti dell'impulso uguali e di segno opposto on uguale probabilita.
Ma poi he i due treni d'onda sono limitati, si produ e per ogni termine uno sviluppo
ontinuo di Fourier on una regione spettrale tanto piu stretta, quanto piu grande
e il numero di lunghezze d'onda di de Broglie ontenute nel tratto l. Si on lude
quindi he sono possibili solo due valori quasi ben de niti dell'impulso uguali e di
segno opposto - valori he del resto oin idono on quelli del aso lassi o; inoltre
entrambi hanno la stessa probabilita.
Questi due risultati statisti i sono quindi, a pres indere dalle pi ole deviazioni
determinate dalla struttura quanti a, gli stessi di quelli he si ottengono nel aso
della teoria lassi a per una \totalita temporale" di sistemi. Pertanto n qui la
teoria e interamente soddisfa ente.
Ma ora i hiediamo: questa teoria puo produrre una des rizione reale di un aso
individuale? A questa domanda dobbiamo rispondere on un \no". Per questa
on lusione e essenziale he si abbia a he fare on un \ma ro-sistema". Infatti
on un ma ro-sistema siamo si uri he esso si trova ad ogni tempo in uno \stato
reale", he e des ritto in modo approssimativamente giusto mediante la me ani a
lassi a. Il ma ro-sistema individuale del tipo da noi trattato ha quindi ad ogni
tempo una oordinata del bari entro quasi determinata - quanto meno mediata su
un intervallo di tempo pi olo - e un impulso quasi determinato (determinato an he
riguardo al segno). Nessuno di questi due risultati si puo ottenere dalla funzione
(1). Da questa si possono ottenere (per mezzo dell'interpretazione di Born) solo quei
risultati, he si riferis ono ad una totalita statisti a di sistemi del tipo onsiderato.

CONSIDERAZIONI ELEMENTARI SULL'INTERPRETAZIONE...

255

Il fatto he per il ma ro-sistema onsiderato non su eda he ogni funzione


he soddis l'equazione di S hrodinger orrisponda approssimativamente alla des rizione reale nel senso della me ani a lassi a e parti olarmente hiaro quando si
tratti una funzione he onsiste di una sovrapposizione di due soluzioni del tipo
(1), le ui frequenze (ovvero energie) siano notevolmente diverse tra loro. Infatti ad
una tale sovrapposizione non orrisponde al un aso reale della me ani a lassi a
(ma ben tuttavia una totalita statisti a di tali asi reali nel senso dell'interpretazione
di Born).
Generalizzando on ludiamo: la me ani a quantisti a des rive totalita di sistemi, non il sistema individuale. La des rizione mediante la funzione e in questo
senso una des rizione in ompleta del sistema singolo, non una des rizione dello
stato reale di questo.
Osservazione: ontro questa on lusione si potrebbe opporre quanto segue. Il
aso da noi trattato di estrema nettezza in frequenza della funzione e un aso
limite per il quale il requisito dell'analogia on un problema della me ani a lassi a
potrebbe ben in via e ezionale non valere. Se si onsente un intervallo nito, an he
se pi olo, di frequenze temporali, si puo ottenere, on un'opportuna s elta delle
ampiezze e delle fasi delle funzioni sovrapposte, he la funzione risultante abbia
approssimativamente una posizione ed un impulso pre isi. Non si potrebbe er are
di restringere se ondo questo punto di vista le funzioni ammissibili, e ottenere
os he le funzioni onsentite possano essere interpretate ome rappresentazione
del sistema singolo?
Questa possibilita dev'essere negata in base al fatto he una tale rappresentazione
non si puo ottenere per tutti i tempi. La ir ostanza he l'equazione di S hrodinger assieme all'interpretazione di Born
non ondu e ad una des rizione dello stato reale del sistema singolo stimola naturalmente la ri er a di una teoria he sia esente da questa limitazione.
Ci sono nora due tentativi in questa direzione, he hanno in omune il mantenimento dell'equazione di S hrodinger e l'abbandono dell'interpretazione di Born.
Il primo tentativo risale a de Broglie ed e stato ulteriormente sviluppato da Bohm
on molta a utezza.
Come S hrodinger nella sua ri er a originale deriva l'equazione d'onda per analogia on la me ani a lassi a (linearizzazione dell'equazione di Ja obi della me ani a analiti a), altrettanto si dovra fondare sull'analogia l'equazione di moto del
singolo sistema quantizzato - appoggiandosi ad una soluzione dell'equazione di
S hrodinger. La regola e questa. Si porti nella forma
= R exp(iS ):
Cos si ottengono da le funzioni (reali) delle oordinate R ed S . La derivata
di S rispetto alle oordinate deve dare gli impulsi ovvero le velo ita del sistema
in funzione del tempo, quando per un valore determinato del tempo siano date le
oordinate del sistema individuale preso in esame.
Un'o hiata alla (1a) mostra he nel nostro aso S=x si annulla, e quindi si annulla an he la velo ita. Questa obiezione, del resto mossa gia da un quarto di se olo
da Pauli ontro questo tentativo teori o, e parti olarmente grave nel aso del nostro
esempio. L'annullarsi della velo ita ontraddi e infatti il requisito ben fondato, he
nel aso di un ma ro-sistema il moto debba oin idere approssimativamente on
quello he deriva dalla me ani a lassi a.

256

A. EINSTEIN

Il se ondo tentativo di raggiungere una des rizione reale del sistema singolo sulla
base dell'equazione di S hrodinger e stato ompiuto di re ente da S hrodinger stesso.
Il suo pensiero in breve e questo. La funzione rappresenta da se la realta e non 'e
bisogno dell'interpretazione statisti a di Born. Le strutture atomi he, sulle quali
nora il ampo doveva dire qual osa, non esistono a atto, per lo meno non ome
strutture lo alizzate. Questo, trasferito al nostro ma ro-sistema, signi a: i orpi
ma ros opi i ome tali non esistono a atto; in ogni aso non esiste - neppure in
senso approssimato - qual osa ome la posizione del loro bari entro ad un tempo
determinato. An he qui si abbandona il requisito he la des rizione se ondo la
teoria dei quanti di un ma ro-sistema debba oin idere approssimativamente on
la orrispondente des rizione se ondo la me ani a lassi a.
Il risultato della nostra trattazione e questo. La sola interpretazione nora a ettabile dell'equazione di S hrodinger e l'interpretazione statisti a data da Born.
Questa non fornis e tuttavia al una des rizione reale per il sistema singolo, ma solo
asserzioni statisti he sulla totalita dei sistemi.
Se ondo la mia opinione non e soddisfa ente in linea di prin ipio porre a fondamento della si a un simile atteggiamento teori o, tanto piu he non e possibile
rinun iare alla des rivibilita oggettiva del ma ro-sistema individuale (des rizione
dello \stato reale") senza he l'immagine del mondo si o si dissolva per os dire
in una nebbia. In on lusione e del tutto irrinun iabile l'idea he la si a debba
sforzarsi di dare una des rizione reale del sistema singolo. La natura ome un tutto
puo esser pensata solo ome un sistema individuale ( he esiste uni o) e non ome
una \totalita di sistemi".

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 257


Interpretazione delle relazioni inemati he e me ani he
se ondo la teoria dei quanti1
W. Heisenberg a Gottinga.

(ri evuto il 29 luglio 1925)

Nel lavoro si er hera di ottenere i fondamenti per una me ani a della teoria dei
quanti he sia basata es lusivamente su relazioni tra quantita osservabili in linea di
prin ipio.
E noto he ontro le regole formali he in generale si utilizzano nella teoria
dei quanti per al olare quantita osservabili (per esempio l'energia nell'atomo di
idrogeno) si puo sollevare la grave obiezione he quelle regole di al olo ontengono
ome elemento essenziale relazioni tra quantita he apparentemente non possono
essere osservate in linea di prin ipio ( ome per esempio posizione, periodo dell'elettrone), he quindi a quelle regole man a evidentemente ogni fondamento si o
hiaro, pur he non si voglia an or sempre atta arsi alla speranza he quelle quantita nora inosservabili possano forse in seguito essere rese a essibili sperimentalmente. Si potrebbe onsiderare questa speranza ome giusta se le suddette regole
fossero tra loro oerenti e appli abili ad un dominio pre isamente de nito di problemi della teoria dei quanti. Ma l'esperienza mostra he solo l'atomo di idrogeno
e l'e etto Stark di quest'atomo ubbidis ono a quelle regole formali, e he gia nel
problema dei \ ampi in ro iati" (atomo di idrogeno in ampi elettri o e magneti o
di direzioni diverse) appaiono di olta fondamentali, he la reazione dell'atomo
a ampi variabili periodi amente non puo ertamente essere des ritta on le regole suddette, e he in ne un'estensione delle regole quanti he alla trattazione
dell'atomo on piu elettroni si e dimostrata impossibile. E divenuto abituale indi are questi fallimenti delle regole della teoria dei quanti, he erano aratterizzate
proprio dall'appli azione della me ani a lassi a, ome s ostamento dalla me ani a lassi a. Ma questa designazione non puo a atto onsiderarsi sensata, se
si pensa he gia la ondizione di Einstein-Bohr delle frequenze (valida del tutto
in generale) rappresenta un ri uto os totale della me ani a lassi a o meglio,
dal punto di vista della teoria ondulatoria, della inemati a he sta alla base di
questa me ani a, he an he nei problemi piu sempli i di teoria dei quanti non si
puo assolutamente pensare ad una validita della me ani a lassi a. In questa
situazione mi sembra piu onsigliabile abbandonare ompletamente quella speranza in un'osservazione delle quantita nora inosservabili ( ome posizione, periodo
dell'elettrone), quindi al tempo stesso ammettere he l'a ordo parziale delle suddette regole quanti he on l'esperienza sia piu o meno asuale, e er are di ostruire
una me ani a della teoria dei quanti analoga alla me ani a lassi a, nella quale
intervengano solo relazioni tra quantita osservabili. Come i piu importanti, primi
postulati di una si atta me ani a della teoria dei quanti si possono onsiderare
a anto alla ondizione delle frequenze la teoria della dispersione di Kramers2 ed
i lavori3 he ostruis ono oltre a partire da questa teoria. Nel seguito er heremo

U ber quantentheoretis he Umdeutung kinematis her und me hanis her Beziehungen, Zeits hr. f. Phys. , 879-893 (1925).
2 H. v. Kramers, Nature
, 673, 1924.
3 M. Born, ZS. f. Phys.
, 379, 1924. H.A. Kramers, W. Heisenberg, ZS. f. Phys. , 681,
1925. M. Born, P. Jordan, ZS. f. Phys. (in stampa).
1

33

113

26

31

258

W. HEISENBERG

di proporre al une relazioni quantome ani he nuove e le utilizzeremo nella trattazione ompleta di al uni problemi parti olari. Ci limiteremo in questo a problemi
on un grado di liberta.
x1. Nella teoria lassi a la radiazione di un elettrone in moto (nella zona d'onda,
ioe on E  H  1=r) non e data solo dalle espressioni:

E = r3e 2 [r [rv_ ;
H = r2e 2 [v_ r ;

ma in ulteriore approssimazione intervengono an ora termini per esempio della


forma
e _
vv;
r 3
he si possono indi are ome \radiazione di quadrupolo"; in approssimazione an ora
piu alta termini per esempio della forma

e _ 2
vv ;
r 4
in questo modo l'approssimazione si puo spingere avanti a pia ere (in quanto sopra
E, H indi ano le intensita di ampo nel punto orrente, e la ari a dell'elettrone, r
la distanza dell'elettrone dal punto orrente, v la velo ita dell'elettrone).
Ci si puo hiedere ome si devono onsiderare nella teoria dei quanti quei termini
superiori. Poi he nella teoria lassi a le approssimazioni superiori possono essere
al olate fa ilmente quando sia dato il moto dell'elettrone ovvero la sua rappresentazione di Fourier, i si attendera l'analogo nella teoria dei quanti. Questo problema
non ha niente a he fare on l'elettrodinami a, ma e, e questo i pare parti olarmente importante, di natura puramente inemati a; possiamo porlo nella forma piu
sempli e os: sia data una grandezza della teoria dei quanti he ompare al posto
della grandezza lassi a x(t); quale grandezza della teoria dei quanti appare allora
al posto di x(t)2 ?
Prima di poter rispondere a questa domanda dobbiamo ri ordar i he nella teoria
dei quanti non era possibile asso iare all'elettrone un punto nello spazio in funzione
del tempo per mezzo di quantita osservabili. Ma an he nella teoria dei quanti si
puo ben asso iare all'elettrone un irraggiamento; questa radiazione sara des ritta
se ondo la teoria dei quanti in primo luogo mediante le frequenze he ompaiono
ome funzioni di due variabili, nella forma:

 (n; n ) =

1
fW (n) W (n )g ;
h

nella teoria lassi a nella forma:

 (n; ) =   (n) =

1 dW
:
h dn

(Qui si e posto n  h = J , una delle ostanti anoni he).


Come aratteristi he per il onfronto della teoria lassi a on la teoria quantisti a
riguardo alle frequenze si possono onsiderare le relazioni di ombinazione:

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 259


lassi amente:
 (n; ) +  (n; ) =  (n; + ):

quantisti amente:
 (n; n ) +  (n ; n ) =  (n; n )
ovvero  (n ; n ) +  (n; n ) =  (n; n ):
A anto alle frequenze sono in se ondo luogo ne essarie per la des rizione della
radiazione le ampiezze; le ampiezze si possono assumere ome vettori omplessi
( ias uno on sei omponenti indipendenti) e determinano polarizzazione e fase.
An h'esse sono funzioni delle due variabili n ed , di modo he la parte in questione
della radiazione sara data dall'espressione seguente:

quantisti amente:

(1)

Re fA(n; n ) exp [i!(n; n )tg :

lassi amente:
(2)

Re fA (n) exp [i!(n)  tg :

Non pare a prima vista he alla fase ontenuta in A si onfa ia un signi ato
si o nella teoria dei quanti, poi he le frequenze della teoria dei quanti in generale
non sono ommensurabili on le armoni he superiori. Ma vedremo immediatamente
he la fase an he nella teoria dei quanti ha un signi ato pre iso, analogo a quello
nella teoria lassi a. Consideriamo ora una determinata quantita x(t) nella teoria
lassi a; la possiamo pensare rappresentata mediante un insieme di quantita della
forma
A (n) exp [i!(n)  t ;
he, a se onda he il moto sia periodi o o no, riunite in una somma o in un integrale
rappresentano x(t):
(2a)

x(n; t) =
x(n; t) =

+1
X
=

+1
1

A (n) exp [i!(n)  t ;

A (n) exp [i!(n)  t d :

Un modo si atto di riunire le orrispondenti quantita della teoria dei quanti


appare, a motivo dell'uguale importanza delle quantita n, n impossibile senza
arbitrarieta e per io non sensato; ma si puo onsiderare la totalita delle quantita

A(n; n ) exp [i!(n; n )t


ome rappresentativa della quantita x(t), e er are di rispondere poi alla domanda:
on he osa si rappresenta la quantita x(t)2 ?
La risposta lassi a e evidentemente:

260

(3)

(4)

W. HEISENBERG

B (n) exp [i!(n) t =


ovvero =

+1
1

+1
X
=

A A exp [i!(n)( + )t

A A exp [i!(n)( + )t d ;

e quindi

x(t)2 =

(5)

(6)

ovvero =

+1
X
=
Z

+1
1

B (n) exp [i!(n) t

B (n) exp [i!(n) t d :

Dal punto di vista della teoria dei quanti l'ipotesi piu sempli e e naturale pare
quella di sostituire le relazioni (3, 4) on le seguenti:
(7)

(8)

B(n; n ) exp [i!(n; n )t

+1
X
=

ovvero =

A(n; n )A(n ; n ) exp [i!(n; n )t

+1
1

d A(n; n )A(n ; n ) exp [i!(n; n )t ;

e proprio questo modo di ombinare risulta quasi spontaneamente dalla relazione


di ombinazione delle frequenze. Se si fanno queste ipotesi (7) e (8) si ri onos e
an he he le fasi delle A de nite dalla teoria dei quanti hanno un signi ato si o
altrettanto grande he nella teoria lassi a: solo l'origine del tempo e quindi una
ostante di fase omune a tutte le A e arbitraria e priva di signi ato si o; tuttavia le fasi delle singole A intervengono in modo essenziale4 nella quantita B.
Un'interpretazione geometri a di tali relazioni di fase della teoria dei quanti in
analogia on la teoria lassi a non sembra per il momento possibile.
Se i interroghiamo inoltre sulla rappresentazione della quantita x(t)3 , troviamo
senza di olta:

lassi amente:

(9)

C(n; ) =

+1
X
=

+1
X

1 = 1

A (n)A (n)A

(n);

Vedasi an he H.A. Kramers e W. Heisenberg, l. . Nell'espressione la utilizzata per il momento


disperdente indotto le fasi intervengono in modo essenziale.
4

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 261


(10) C(n; n ) =

+1
X

quantisti amente:

+1
X

A(n; n )A(n ; n )U(n ; n )


1 = 1
ovvero gli integrali orrispondenti.
In modo analogo si possono rappresentare se ondo la teoria dei quanti tutte le
quantita della forma x(t)n , ed evidentemente quando sia data una qual he funzione f [x(t) si puo sempre, se questa funzione e sviluppabile in serie di potenze
di x, trovare l'analogo della teoria dei quanti. Sorge tuttavia una di olta essenziale quando onsideriamo due quantita x(t), y(t) e i interroghiamo sul prodotto
x(t)y(t).
Sia x(t) aratterizzata da A, y(t) da B, allora si ottiene ome rappresentazione
di x(t)  y(t):
=

lassi amente:

C (n) =

+1
X
=

A (n)B (n):

quantisti amente:

C(n; n ) =

+1
X

A(n; n ))B(n ; n ):
1
Mentre lassi amente x(t)  y(t) sara sempre uguale a y(t)x(t), in generale io non
apita nella teoria dei quanti. - In asi parti olari, per esempio nella rappresentazione di x(t)x(t)2 , questa di olta non ompare.
Quando si tratta, ome nella questione posta all'inizio di questo paragrafo, della
rappresentazione della forma
v(t)v_ (t);
per la teoria dei quanti si dovra sostituire vv_ on (vv_ + vv
_ )=2, per ottenere he
vv_ risulti ome derivata di v2 =2. Analogamente si possono sempre dare in modo
naturale i valori medi se ondo la teoria dei quanti, i quali pero sono ipoteti i in
grado an or piu alto he le formule (7) e (8).
A pres indere dalla di olta prima des ritta formule del tipo (7), (8) potrebbero
bastare in generale ad esprimere an he l'interazione degli elettroni in un atomo
mediante le ampiezze aratteristi he.
x2. Dopo queste onsiderazioni he avevano per oggetto la inemati a della teoria
dei quanti passeremo al problema me ani o, he ha per s opo la determinazione
di A,  , W dalle forze date del sistema. Nella teoria usata nora questo problema
viene risolto in due passi:
1. Integrazione dell'equazione di moto
=

x + f (x) = 0:

(11)

2. Determinazione della ostante nei moti periodi i mediante


(12)

pdq =

mxdx
_ = J (= nh):

262

W. HEISENBERG

Se i si propone di ostruire una me ani a della teoria dei quanti he sia


il piu possibile analoga a quella lassi a e assai naturale trasferire direttamente
l'equazione del moto (11) nella teoria dei quanti, per la qual osa e solo ne essario
- per non dis ostarsi dal fondamento erto delle quantita osservabili in linea di
prin ipio - in luogo delle quantita x, f (x) porre le loro rappresentanti della teoria
dei quanti note dal x1. Nella teoria lassi a e possibile er are la soluzione della
(11) mediante l'ipotesi he x sia una serie di Fourier o un integrale di Fourier on
oe ienti (e frequenze) indeterminati; otteniamo pero allora in generale in nite
equazioni on in nite in ognite ovvero equazioni integrali, he solo in asi spe iali
si possono trasformare in sempli i formule di ri orrenza per le A. Nella teoria dei
quanti siamo tuttavia provvisoriamente ondotti a questo tipo di soluzione della
(11) poi he, ome prima detto, non si puo de nire nessuna funzione della teoria dei
quanti he sia l'analogo diretto della funzione x(n; t).
Cio ha per onseguenza he la soluzione se ondo la teoria dei quanti della (11)
e eseguibile immediatamente solo nei asi piu sempli i. Prima di addentrar i in
tali esempi sempli i si deve an ora derivare la determinazione se ondo la teoria dei
quanti della ostante della (12). Assumiamo quindi he il moto ( lassi amente) sia
periodi o:

x=

(13)
allora si ha

mx_ = m
e

mxdx
_ =

+1
X
=

+1
X
=

a (n) exp [i !n t ;

a (n)i !n exp [i !n t

mx_ 2 dt = 2m

+1
X
=

a (n)a (n) 2 !n :

1
Poi he inoltre a (n) = a (n) (x dev'essere reale), risulta
(14)

mx_ 2 dt = 2m

+1
X
=

ja (n)j2 2 !n:

Finora per lo piu quest'integrale di fase lo si e posto uguale ad un multiplo


intero di h, ioe uguale ad n:h; ma una tale ondizione non solo la si introdu e
in modo assai forzato nel al olo me ani o; essa appare arbitraria gia dal punto
di vista usato nora, in base al prin ipio di orrispondenza; infatti se ondo la
orrispondenza i J sono ssati ome multipli interi di h solo a meno di una ostante
additiva, e al posto della (14) si dovrebbe naturalmente onsiderare l'equazione:

d
d
(nh) =
dn
dn

mx_ 2 dt;

ioe
(15)

h = 2m 

+1
X

d
( !n  ja j2 ):
dn
= 1

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 263


Una si atta ondizione ssa pero gli a solo a meno di una ostante, e questa
indeterminazione ha empiri amente dato luogo a di olta nella omparsa di numeri
quanti i semiinteri.
Ma se hiediamo una relazione di teoria dei quanti tra quantita osservabili in
orrispondenza alla (14) o alla (15), l'univo ita man ante si ripristina da se.
In parti olare l'equazione (15) possiede proprio una trasformazione sempli e se ondo la teoria dei quanti he si ollega alla teoria della dispersione di Kramers5

h = 4m

(16)

1 
X
=0

ja(n; n + )j2 !(n; n + ) ja(n; n )j2 !(n; n ) ;

questa relazione basta qui a determinare univo amente gli a; infatti le ostanti
momentaneamente indeterminate nelle quantita a saranno automati amente determinate dalla ondizione he debba esistere uno stato normale, dal quale non ha
piu luogo al un irraggiamento; se lo stato normale e indi ato on n0 , per tutte le
a(n0 ; n0 ) dovra essere

a(n0 ; n0 ) = 0 per > 0:


La questione della quantizzazione intera o semiintera per io non dovrebbe poter
omparire in una me ani a della teoria dei quanti he utilizza solo relazioni tra
quantita osservabili.
Le equazioni (11) e (16) insieme ontengono, quando si sappiano risolvere, una
determinazione ompleta non solo delle frequenze e delle energie, ma an he delle
probabilita di transizione della teoria dei quanti. L'ese uzione matemati a e ettiva
ries e tuttavia per ora solo nei asi piu sempli i; una ompli azione parti olare
deriva inoltre in molti sistemi, ome per esempio nell'atomo di idrogeno, dal fatto
he le soluzioni orrispondono a moti in parte periodi i, in parte aperiodi i, osa he
ha per onseguenza il fatto he le serie della teoria dei quanti (7), (8) e l'equazione
(16) si spezzano sempre in una somma e in un integrale. Se ondo la me ani a
quantisti a quindi una separazione in \moti periodi i e aperiodi i" in generale non
si puo eseguire.
Malgrado io le equazioni (11) e (16) si potrebbero forse onsiderare per lo meno
in linea di prin ipio ome una soluzione soddisfa ente del problema me ani o, se si
potesse mostrare he questa soluzione e in a ordo ovvero non e in ontrasto on le
relazioni quantome ani he nora note; he quindi una pi ola perturbazione di un
problema me ani o da luogo a termini aggiuntivi nell'energia o nelle frequenze, he
orrispondono proprio alle espressioni trovate da Kramers e Born - in ontrasto on
quelle he produrrebbe la teoria lassi a. Inoltre si dovrebbe er are se in generale
l'equazione (11) an he nell'interpretazione della teoria dei quanti qui proposta ammetta un integrale dell'energia mx_ 2 =2 + U (x) = ost. e se l'energia os ottenuta
- in analogia a ome su ede lassi amente:  = W=J - soddis la ondizione:
W = h   . Una risposta generale a queste domande potrebbe in primo luogo
mostrare la onnessione profonda tra i tentativi di me ani a quantisti a fatti nora e portare ad una me ani a quantisti a oerente he operi solo on quantita
osservabili. A pres indere da una relazione generale tra la formula di dispersione

Questa relazione e gia stata data in base a trattazioni della dispersione da W. Kuhn, ZS. f.
Phys. , 408, 1925, e da Thomas, Naturw. , 1925.
5

33

13

264

W. HEISENBERG

di Kramers e le equazioni (11) e (16) possiamo rispondere alle domande su poste


solo nei asi del tutto parti olari risolubili mediante una sempli e ri orrenza.
Quella relazione generale tra la teoria della dispersione di Kramers e le nostre
equazioni (11), (16) onsiste nel fatto he dall'equazione (11) ioe dal suo analogo
se ondo la teoria dei quanti ome nella teoria lassi a dis ende he l'elettrone os illante si omporta ome un elettrone libero rispetto a lu e he abbia lunghezza
d'onda assai piu orta di tutte le os illazioni proprie del sistema. Questo risultato
dis ende an he dalla teoria di Kramers, quando an ora si tenga onto dell'equazione
(16). Infatti Kramers trova per il momento indotto mediante l'onda E os 2t:
1  ja(n; n + )j2  (n; n + ) ja(n; n )j2  (n; n ) 
2X
2
M = e E os 2t 
;
h =0
 2 (n; n + )  2
 2 (n; n )  2
quindi per    (n; n + )
1 
2Ee2 os 2t X
M=
ja(n; n + )j2  (n; n + )
2  h
=0

he per la (16) diventa

M=

ja(n; n )j2  (n; n ) ;

e2 E os 2t
:
 2  42 m

x3. Come esempio sempli issimo si trattera nel seguito l'os illatore anarmoni o:
(17)

x + !02 x + x2 = 0:

Classi amente quest'equazione si soddisfa on un \Ansatz" della forma

x = a0 + a1 os !t + a2 os 2!t + 2 a3 os 3!t +    +  1 a os !t;


dove gli a sono serie di potenze in , he omin iano on un termine privo di
. Dal punto di vista della teoria dei quanti proviamo un \Ansatz" analogo e
rappresentiamo x on termini della forma

a(n; n); a(n; n 1) os !(n; n 1)t; a(n; n 2) os !(n; n 2)t;


: : :  1 a(n; n  ) os !(n; n  )t : : :
Per le equazioni (3), (4) e rispettivamente (7), (8), la formula di ri orrenza per
la determinazione di a e di ! si s rive ( no a termini dell'ordine  in lusi):

lassi amente:

(18)

a2 (n)
!02 a0 (n) + 1 = 0;
2
!2 + !02 = 0;
a2
( 4!2 + !02 )a2 (n) + 1 = 0;
2
2
2
( 9! + !0 )a3 (n) + a1 a2 = 0;
::::::::::::::::::::::::

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 265


quantisti amente:
a2 (n + 1; n) + a2 (n; n 1)
= 0;
4
!2 (n; n 1) + !02 = 0;
a(n; n 1)a(n 1; n 2)
( !2 (n; n 2) + !02 )a(n; n 2) +
= 0;
2
( !2 (n; n 3) + !02 )a(n; n 3)
a(n; n 1)a(n 1; n 3) a(n; n 2)a(n 2; n 3)
+
+
= 0;
2
2
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
!02 a0 (n) +

(19)

Per io si ha la ondizione quanti a

lassi amente (J = nh):

1 = 2m

+1 ja j2 !
d X
2  :
dJ 1
4

quantisti amente:
h = m

1 
X

ja(n + ; n)j2 !(n + ; n) ja(n; n  )j2 !(n; n  ) :

0
Cio da in prima approssimazione, sia lassi amente he quantisti amente:
(n + ost.)h
a21 (n); rispettivamente a2 (n; n 1) =
:
m!0
Quantisti amente la ostante nella (20) si determina on la ondizione he nello
stato normale a(n0 ; n0 1) dev'essere zero. Se numeriamo gli n in modo he n sia
uguale a zero nello stato normale, quindi n0 = 0, risulta
nh
a2 (n; n 1) =
:
m!0
Dalle equazioni di ri orrenza (18) segue allora he nella teoria lassi a a (in
prima approssimazione in ) sara della forma ( )n 2 , dove ( ) rappresenta un
fattore indipendente da n. Nella teoria quantisti a risulta dalla (19)
(20)

(21)

a(n; n  ) = ( )

n!
;
(n  )!

dove ( ) indi a lo stesso fattore di proporzionalita indipendente da n. Naturalmente per grandi valori di n il valore di a della teoria dei quanti tende asintoti amente a quello lassi o.
Per l'energia e naturale studiare l'ipotesi lassi a

mx_ 2
x2 m 3
+ m!02 +
x = W;
2
2
3

266

W. HEISENBERG

he an he se ondo la teoria dei quanti e realmente ostante e per le (19), (20) e


(21) ha il valore:

lassi amente:
W=

(22)

nh!0
:
2

quantisti amente [se ondo le (7), (8):


W=

(23)

(n + 21 )h!0
2

( no a quantita dell'ordine 2 ompreso).


Se ondo quest'idea gia per l'os illatore armoni o l'energia non e rappresentabile
se ondo la \me ani a lassi a", ioe on la (22), ma ha la forma (23).
Il al olo piu esatto an he delle approssimazioni superiori in W , a, ! si eseguira
per l'esempio piu sempli e di un os illatore armoni o del tipo:

x + !02 x + x3 = 0:
Qui si puo porre lassi amente:

x = a1 os !t + a3 os 3!t + 2 a5 os 5!t + : : : ;


analogamente tentiamo per la teoria quantisti a l'\Ansatz"

a(n; n 1) os !(n; n 1)t; a(n; n 3) os !(n; n 3)t; : : :


Le quantita a sono di nuovo serie di potenze in , il primo termine delle quali, ome
nella (21), ha la forma
s

a(n; n  ) = ( )

n!
;
(n  )!

ome si ottiene al olando le equazioni orrispondenti alle (18), (19).


Se si porta il al olo di !, a se ondo le (18), (19) no alle approssimazioni 2 e
rispettivamente , si ottiene:
(24)
(25)

!(n; n 1) = !0 +  
a(n; n 1) =
s

(26)

3nh
8!02 m
r

2 

3h2
(17n2 + 7) + : : :
256!05 m2 2

nh
3nh
1 
+ ::: :
!0 m
16!03 m


1
h3
39(n 1)h
a(n; n 3) =
n(n 1)(n 2) 1 
:
7
3
3
32  !0 m
32!03 m

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 267


L'energia, de nita ome il termine ostante di

mx_ 2
x2 m 4
+ m!02 +
x;
2
2
4
(non ho saputo dimostrare in generale he i termini periodi i sono tutti nulli, ma
io a ade nei termini al olati), risulta essere
(n + 12 )h!0
3(n2 + n + 21 )h2
W=
+
2
8  42 !02  m
(27)


51 2 59
21
h3
2
2
17n + n + n +
:
 
5123 !05 m2
2
2
2
Quest'energia si puo an he al olare on il pro edimento di Kramers-Born, assumendo il termine mx4 =4 ome termine perturbativo dell'os illatore armoni o.
Allora si ritrova proprio il risultato (27), osa he mi pare una onferma degna di
nota per le equazioni quantome ani he di base. Inoltre l'energia al olata on la
(27) soddisfa alla formula [vedi (24):

!(n; n 1) 1
=  [W (n) W (n 1);
2
h
he parimenti va onsiderata ome ondizione ne essaria per la possibilita di una
determinazione delle probabilita di transizione orrispondente alle equazioni (11) e
(16).
Per on ludere si introdurra ome esempio il rotatore e si daranno indi azioni sul
rapporto delle equazioni (7), (8) on le formule dell'intensita per l'e etto Zeeman6
e per i multipletti7 .
Il rotatore sia rappresentato da un elettrone he ruota a distanza ostante a attorno ad un nu leo. Allora le \equazioni del moto" sia lassi amente he se ondo la
teoria dei quanti di ono solo he l'elettrone des rive attorno al nu leo una rotazione
piana uniforme alla distanza ostante a on la velo ita angolare !. La \ ondizione
quanti a" da se ondo la (12):
h=

d
(2ma2 !);
dn

se ondo la (16):

h = 2mfa2 !(n + 1; n) a2 !(n; n 1)g;


e in entrambi i asi risulta:
h  (n + ost.)
!(n; n 1) =
:
2ma2
La ondizione he nello stato normale (n0 = 0) la radiazione debba essere nulla
porta alla formula
hn
!(n; n 1) =
:
2ma2

Goudsmit e R. de L. Kronig, Naturw. , 90, 1925; H. Honl, ZS. f. Phys. , 340, 1925.
R. de L. Kronig, ZS. f. Phys. , 885, 1925; A. Sommerfeld e H. Honl, Sitzungsber. d. Preu.
Akad. d. Wiss. 1925, p. 141; H. N. Russell, Nature , 835, 1925.
6
7

13

31

31

115

268

W. HEISENBERG

L'energia sara

W=

ovvero per le (7), (8)

m 2
v
2



m 2 !2 (n; n 1) + !2 (n + 1; n)
h2
1
2
(29)
W= a 
= 2 2 n +n+ ;
2
2
8 ma
2
he di nuovo soddisfa alla relazione
2
!(n; n 1) =  [W (n) W (n 1):
h
Come onferma per le formule (28) e (29) he si dis ostano dalla teoria nora
onsueta si puo onsiderare il fatto he molti spettri a bande (an he quelli per
i quali l'esistenza di un impulso dell'elettrone e improbabile) se ondo Kratzer8
appaiono ri hiedere formule del tipo (28), (29) ( he nora per atta amento alla
teoria me ani a lassi a si er ava di spiegare on quantizzazione semiintera).
Per giungere, nel aso del rotatore, alle formule di Goudsmit-Kronig-Honl, dobbiamo abbandonare l'ambito dei problemi on un grado di liberta e assumere he il
rotatore, a partire da una qualsiasi direzione nello spazio, esegua una pre essione v
attorno all'asse z di un ampo esterno. Il numero quanti o orrispondente a questa
pre essione sia m. Allora il moto sara rappresentato dalle quantita

z : a(n; n 1; m; m) os !(n; n 1)t;


x + iy : b(n; n 1; m; m 1) exp i[!(n; n 1) + vt;
b(n; n 1; m 1; m) exp i[ !(n; n 1) + vt:
Le equazioni di moto si s rivono sempli emente:

x2 + y2 + z 2 = a2 ;
e per la (7) danno luogo alle equazioni9
(30)


1 1 2
2
2
a (n; n 1; m; m) + b (n; n 1; m; m 1) + b (n; n 1; m; m + 1)
2 2


1 1 2
+
a (n + 1; n; m; m) + b2 (n + 1; n; m 1; m) + b2 (n + 1; n; m + 1; m) = a2 :
2 2

(31)

1
a(n; n 1; m; m)a(n 1; n 2; m; m)
2
= b(n; n 1; m; m + 1)b(n 1; n 2; m + 1; m)
+b(n; n 1; m; m 1)b(n 1; n 2; m 1; m):

Da qui per la (16) dis ende la ondizione quanti a:


(32)


2m b2 (n; n 1; m; m 1)!(n; n 1) b2 (n; n 1; m 1; m)!(n; n 1)
= (m + ost.)h:
8
9

vedasi per esempio A. Kratzer, Sitzungsber. d. Bayr. Akad. 1922, p. 107.


L'equazione (30) e essenzialmente identi a alle regole di somma di Ornstein-Burger.

INTERPRETAZIONE DELLE RELAZIONI CINEMATICHE E MECCANICHE... 269


Le relazioni lassi he orrispondenti a queste equazioni:
(33)
2m(b2+1

1 2 2 2
a + b + b 1 = a2 ;
2 0 1
1 2
a =b b ;
4 0 1 1
b2 1 )! = (m + ost.)h

bastano (a meno della ostante indeterminata in m) a determinare univo amente


a0 , b1 , b 1 .
La soluzione he si presenta piu sempli e delle equazioni (30), (31), (32) si s rive:
s

b(n; n 1; m; m 1) = a
s

b(n; n 1; m 1; m) = a
s

a(n; n 1; m; m) = a

(n + m + 1)(n + m)
;
4(n + 21 )n
(n m)(n m + 1)
;
4(n + 21 )n
(n + m + 1)(n m)
:
4(n + 21 )n

Queste espressioni oin idono on le formule di Goudsmit, Kronig e Honl; non


si puo tuttavia vedere fa ilmente he queste espressioni rappresentano l'uni a soluzione delle (30), (31), (32) - osa he tuttavia mi sembra probabile tenendo onto
delle ondizioni al ontorno (annullarsi di a, b ai \bordi", vedansi i su itati lavori
di Kronig, Sommerfeld e Honl, Russell).
Una trattazione analoga a quella qui esposta an he nel aso delle formule d'intensita dei multipletti porta al risultato he le sunnominate regole d'intensita sono in
a ordo on le equazioni (7) e (16). Di nuovo questo risultato dovrebbe onsiderarsi
a sostegno in parti olare della giustezza dell'equazione inemati a (7).
Se un metodo per la determinazione di dati della teoria dei quanti mediante relazioni tra quantita osservabili, ome quello proposto qui, si possa gia onsiderare
soddisfa ente in linea di prin ipio, oppure se questo metodo rappresenti an ora un
appro io troppo grossolano al problema si o, per ora evidentemente assai intri ato, di una me ani a della teoria dei quanti, lo si potra onos ere solo mediante
uno studio matermati o piu approfondito del metodo qui usato assai super ialmente.
Gottingen, Institut fur theoretis he Physik.

270

F. LONDON
Interpretazione quantome ani a della teoria di Weyl12
F. London a Sto arda.

(ri evuto il 25 febbraio 1927)


Cap. I. La teoria di Weyl.
Cap. II. La me ani a ondulatoria di de Broglie e la teoria di Weyl.
x1. L'identita della e del regolo ampione di Weyl.
x2. La non integrabilita non es lude l'univo ita.
Cap. III. Reinterpretazione quantome ani a della teoria di Weyl.
Capitolo I. La teoria di Weyl.
E noto he l'idea di una \pura geometria dell'intorno" on epita per primo da
Riemann ha ri evuto re entemente da parte di Weyl un ompletamento straordinariamente bello e sempli e. Si puo onsiderare l'idea di spazio di Riemann ome
l'eliminazione del pregiudizio he le relazioni di urvatura in un posto dello spazio
debbano essere vin olanti per la urvatura in tutti gli altri. Per dare un senso
a quest'idea di Riemann era inizialmente ne essaria l'ipotesi he il regolo he si
utilizza in ogni posto per determinare i oe ienti gik della forma fondamentale
metri a
ds2 = gik dxi dxk
fosse un regolo \rigido".
Inve e Weyl rileva giustamente he l'ipotesi di un si atto regolo rigido e ontraria ad una geometria radi ale dell'intorno, poi he solo i rapporti dei gik in un
posto, non il loro valore assoluto, possono essere determinati in modo signi ativo,
e orrispondentemente pone per la variazione dl di un regolo di misura di lunghezza
l sottoposto ad uno spostamento in nitesimo dxi :
(1)

dl = l'i dxi ;

dove i oe ienti di proporzionalita 'i sono funzioni della posizione, aratteristi he


delle relazioni metri he dello spazio - analogamente ai gik . Ovvero, se si integra la
(1):
(2)

l = l0 exp

Z

'i

dxi

(l0 = l all'inizio dello spostamento). Il regolo ampione dipende in generale dal


ammino (non e integrabile); lo diviene allor he le quantita
(3)

fik =

'i
xk

'k
xi

Quantenme hanis he Deutung der Theorie von Weyl, Zeits hr. f. Phys. , 375-389 (1927).
Presentato in parte alla seduta del Gauverein Wurttemberg della D. Phys. Ges. Stuttgart il
18 di embre 1926; vedi an he una relazione riassuntiva provvisoria in Naturwiss. , 187, 1927.
1
2

42

15

INTERPRETAZIONE QUANTOMECCANICA DELLA TEORIA DI WEYL

271

s'annullano. Riguardo a queste quantita fik si puo se ondo la loro de nizione (3)
esprimere l'identita (il numero di dimensioni della varieta sia 4):
(4)

fik fkl fli


+
+
= 0; i 6= k 6= l; i; k; l = 1; 2; 3; 4:
xl xi xk

La oin idenza formale di queste quattro equazioni on il primo sistema delle


equazioni di Maxwell
rot E + (1= ) H_ = 0;
div H = 0;
ed al une altre analogie formali hanno portato Weyl alla on lusione he i 'i siano
da identi are a meno di un fattore di proporzionalita ostante on le omponenti i
del tetrapotenziale elettromagneti o, e orrispondentemente le fik on le intensita
di ampo elettromagneti he E,H. In logi o ompletamento dell'interpretazione geometri a della gravitazione per mezzo della urvatura variabile dello spazio riemanniano, Weyl si immaginava la parte an ora restante delle azioni si he, il ampo elettromagneti o, parimenti ome una proprieta delle relazioni metri he dello spazio,
spe i ata tramite la variabilita del regolo ampione. Si s rive allora:
(2a)

 Z

l = l0 exp

i

dxi

; ( = fattore di proporzionalita).

Ci si stupira dell'enorme ardimento ol quale Weyl ha s ovato la sua teoria del


signi ato geometri o dell'elettromagnetismo solo sulla base di queste attribuzioni
puramente formali: nella teoria della relativita 'era un fatto si o, il prin ipio
d'equivalenza tra massa inerziale e gravitazionale, a guidare Einstein nella sua interpretazione geometri a. Nella teoria dell'elettri ita inve e una ir ostanza del
genere non era nota: non 'era nessun motivo per pensare ad un'in uenza universale del ampo elettromagneti o sui osidetti regoli rigidi (ovvero orologi). Del
tutto all'opposto, gli atomi ome orologi per esempio rappresentano dei ampioni
la ui indipendenza dalla storia passata e provata dalla nettezza delle righe spettrali, in ontrasto ol ampione non integrabile (2a), he Weyl assume in un ampo
magneti o. Ci voleva un onvin imento meta si o insolitamente netto per non distogliere Weyl, malgrado queste esperienze os elementari, dall'idea he la natura
dovesse far uso di questa bella possibilita geometri a a lei o erta. Egli ha mantenuto la sua interpretazione ed ha aggirato la dis ussione della ontraddizione su
delineata mediante una reinterpretazione alquanto os ura del on etto di \misura
reale", on la qual osa pero alla teoria veniva sottratto il suo signi ato si o os
pregnante, ed essa perdeva per io molta della sua forza di onvinzione.
Non ho bisogno di addentrarmi qui in questa trasformazione astratta della teoria.
Mostrero inve e he proprio nell'interpretazione pregnante originaria della teoria di
Weyl e insita una forza molto piu grande di quella he il suo autore gia aveva reso
e ettiva, he ioe in essa si deve s orgere nientemeno he una via onseguente alla
me ani a ondulatoria, e solo da questo punto di vista essa assume un senso si o
immediatamente omprensibile.

272

F. LONDON
Capitolo II. La me ani a ondulatoria di de Broglie
e la teoria di Weyl.

Come \teoria di de Broglie" indi o quell'abbozzo an ora in ompleto della me ani a ondulatoria nel quale la funzione d'onda del moto d'un elettrone (alla quale
i limitiamo qui)


2i
W (xi ) ; i = 1; 2; 3; 4
= exp
h

(5)

deriva da una soluzione ompleta W dell'equazione di erenziale alle derivate parziali


di Hamilton-Ja obi
(6)

W
xi

e

i



W
xi

e i
 = m20 2 ;

dove le ostanti d'integrazione sono da determinarsi in modo noto in maniera tale


he sia una funzione dello spazio ad un sol valore, ioe he W sia additivamente
periodi a, on un multiplo intero della ostante di Plan k ome periodo.
Quando si fa sul serio on l'idea radi ale della materia ome ontinuo, on la
risoluzione dell'elettrone on nato on dis ontinuita in una grandezza di ampo
variabile on ontinuita nello spazio e nel tempo, ome risulta naturale on questa
teoria di de Broglie e onseguentemente on la teoria di S hrodinger onsiderata
in seguito3 , si perviene ad una di olta di prin ipio assai grave se si er a he
senso si debba attribuire alle asserzioni metri he all'interno del ontinuo ondulatorio. Infatti in questo mezzo os illante e uttuante, esteso all'in nito, he si deve
onsiderare al posto dell'elettrone limitato, non si trova nessuna dis ontinuita immutabile, nessun orpo rigido, he ome ampione riprodu ibile potrebbe onsentire
la determinazione di una lunghezza.
Non mi o upo a atto dell'idea se ondo la quale, per parlare di geometria
nell'ambito atomi o, si dovrebbe indi are un pro edimento eseguibile di misura; di
osa si atta non si puo parlare nean he nella teoria degli elettroni. Ma se si vuole
asso iare un qual he senso de nito alla pres rizione d'una metri a, questo mi pare
il minimo he si possa ri hiedere: he si dia un qual he oggetto reale ( ome \prototipo") al quale le asserzioni metri he siano riferite: un diametro dell'elettrone, o
una distanza e ., sebbene tali asserzioni possano an ora trovarsi in un rapporto
assai problemati o on una misura eseguibile.
Ma un si atto oggetto reale non e disponibile nel ontinuo ondulatorio. Il prin ipio di identita non si puo appli are al   " delle onde he appaiono e
s ompaiono, non si puo ssare nel ontinuo nessun ontrassegno atto a fornire una
misura riprodu ibile. La posizione di prin ipio in ui i si e ollo ati sarebbe del
tutto senza speranza se Weyl, nella sua generalizzazione del on etto di spazio di
Riemann, non avesse gia pro urato un tipo di spazio nel quale la non riprodi ibilita
3E
 noto he si addu ono ragioni importanti per le quali e stato suggerito, prima di tutti da
Born e dai suoi ollaboratori, he l'intero formalismo ondulatorio vada reinterpretato in senso
statisti o. Se la densita di ari a viene reinterpretata ome una funzione peso statisti a non
e di ile vedere he si ha in quel aso la stessa indeterminazione rispetto all'appli abilita del
prin ipio di identita alla quale a enniamo qui. Ma poi he quella on ezione in primo luogo
respinge ogni interpretazione nello spazio e nel tempo, per essa il rapporto on la teoria dello
spazio di Weyl e di s arso interesse.

INTERPRETAZIONE QUANTOMECCANICA DELLA TEORIA DI WEYL

273

delle unita ampione viene prevista ome postulato oerente di una radi ale geometria dell'intorno. Se prima questa teoria nell'immagine del mondo della teoria
degli elettroni dis ontinui era un peso super uo, poi he si redeva di avere proprio
negli elettroni dei regoli riprodu ibili, ora la situazione e fondamentalmente ambiata. Si e ostretti addirittura a ritirar fuori il on etto generale di spazio di Weyl
e a er are di appli arlo al ontinuo di S hrodinger. E si s opre ora una relazione
sempli e.
x1. Assumiamo di possedere gia un regolo l he ambi se ondo la pres rizione di
Weyl (2a), e portiamolo in giro nel ampo . E pre isamente sia trasportato on
la velo ita di orrente della materia, on la velo ita di gruppo

ui

(7)

1 W
dxi
=
=
d m0 xi

e i
 :

A ermo he on questa pres rizione naturale sul ammino lo s alare di Weyl l sara
numeri amente identi o allo s alare di ampo di de Broglie . In proposito bisogna
fare an ora due pre isazioni:
Nel regolo ampione di Weyl era rimasto an ora indeterminato un fattore : per
esso fa io l'ipotesi he sia uguale a 2ie=h : Quindi ora


2i
l = l0 exp
h

(2a)

e
 dxi :
i

E in ne an ora: non utilizzo esattamente


la  dell'equazione (5), ma la pentadi 2i
mensionale dotata del fattore exp h m0 2  ome nelle proposte di Klein, Fo k e
Kudar, ove per  s'ha da intendere il tempo proprio4 . Sia ora
(5a)

= exp

ovvero


2i
W + m0 2 
h

Z



W i
dx + m0 2  :
xi
Questa quantita va onfrontata ol regolo di Weyl (2a) trasportato lungo la
orrente del ontinuo. S'ottiene:
= exp

2i
h

1
2i
exp
l0
h

Z 

W
xi

e
 dxi + m0 2 
i



qui i dxi s'hanno da de nire se ondo la orrente data dalla (7):




1
2i
= exp
l0
h

Z 

W
xi

e

i



W
xi

e i d

+ m0 2 

m0



4 Questa interpretazione di  , he risale a Kudar, Ann. d. Phys.


, 632, 1926, e in pieno
a ordo on l'interpretazione da po o dis ussa del moto di rotazione proprio dell'elettrone ome
oordinata angolare (Naturwissens haften , 15, 1927). Infatti questo angolo di rotazione si puo
intendere ome un orologio portato on se dall'elettrone. Esso si trasforma ome il tempo proprio.
81

15

274

F. LONDON

A ausa dell'equazione di erenziale di Hamilton-Ja obi (6) l'integrando e uguale a


m0 2 e s'ottiene
(8)

1 2hi  ost.
= ost.
e
l0

Si e trovato l'oggetto si o he si omporta ome il regolo di Weyl: l'ampiezza


omplessa dell'onda di de Broglie; in un ampo elettromagneti o essa subis e esattamente l'in uenza he Weyl ha postulato per il suo regolo, e al quale egli - ome
ad un termine rimasto privo di signi ato della si a di quel tempo - ha dovuto
attribuire un'esistenza meta si a. Essa e quindi per os dire il prototipo del regolo di Weyl. E analogamente a ome nella teoria della gravitazione e a nostro
arbitrio parlare della deviazione dei raggi di lu e e delle masse, oppure del loro
moto geodeti o in uno spazio riemanniano, os la (8) i da la possibilita di interpretare geometri amente il pro esso ondulatorio della materia di de Broglie e
l'in uenza su di esso da parte del potenziale elettromagneti o mediante uno spazio
di Weyl uniformemente riempito di materia, la ui onnessione metri a non e pero
integrabile.
In assenza di ampi elettromagneti i per la (2a) il regolo dovra esser ostante.
Si dovrebbe quindi ottenere an he un valore ostante della funzione d'onda di de
Broglie, se la si seguisse on la orrispondente velo ita di orrente, ioe on la
velo ita di gruppo (v sempre < ). Cio appare in ontraddizione on i risultati
piu basilari di de Broglie, se ondo il quale
 le fasi delle sue onde avanzano on una
2
velo ita di fase ben piu grande u = =v . Ma io qui non 'entra, infatti prima s'e
utilizzata non esattamente la di de Broglie, ma quella estesa a inque dimensioni,
he e priva di dispersione, e onseguentemente ade qui la distinzione tra velo ita
di gruppo e velo ita di fase. Ci si onvin e subito fa ilmente he l'onda piana
"

= exp

2i
h

m0 2
p
t
1 2

m0 v
p
x m0 2 
2
1

!#

; =

v

se viene inseguita on la velo ita v mostra fase ostante.


Un'obiezione ulteriore, he noi qui si onfronti , una densita, on una lunghezza
l, non mi pare presenti omunque nessuna di olta. Si dovrebbe onfrontare sin
dall'inizio on l 3 , osa he signi herebbe solo un ambiamento nella s elta del
fattore indeterminato . Naturalmente si potrebbe an he, per tener onto della
relazione qui s operta, attribuire alla grandezza ampione l di Weyl n da prin ipio
le stesse dimensioni della di de Broglie. Una tale idea non poteva aver posto nella
teoria di Weyl, poi he in essa niente era noto sulla \natura" di l.
Una di olta piu seria sembra presentare alla omprensione la forma omplessa
del trasporto del regolo. E del tutto inammissibile limitarsi alla parte reale. Si trova
qui il ris ontro del fatto he la funzione d'onda va intesa ome essenzialmente
omplessa, o meglio, he essa rappresenta l'unione di due grandezze di stato si he,
ioe  e la parte reale di (h=2i) ln . In questo senso si deve intendere an he
il fatto he nel problema variazionale della me ani a ondulatoria e  vadano
variate indipendentemente. Ma he osa debba signi are il fatto he ogni segmento
vada onsiderato ome una grandezza omplessa, e he l'intera variabilita di Weyl
del regolo di misura ora risulti una variazione della sola fase on la onservazione
del valore assoluto, non posso an ora dis uterlo.

INTERPRETAZIONE QUANTOMECCANICA DELLA TEORIA DI WEYL

275

x2. Ma 'e an ora l'obiezione, a ui abbiamo a ennato prima, he l'esperienza

e ontro la non integrabilita del regolo ampione. Si vede gia n d'ora ome si
deve risolvere questa di olta. La teoria dei quanti onsente alla materia solo una
sequenza dis reta di stati di moto, e vien da supporre he questi moti privilegiati
onsentano di trasportare il regolo soltanto in modo tale he la fase al ritorno
al punto di partenza abbia eseguito esattamente un numero intero di giri, si he
malgrado la non integrabilita del trasporto delle lunghezze il regolo ampione e
realizzato in modo uni o in ogni posizione. Ci si ri ordi infatti delle proprieta di
risonanza delle onde di de Broglie, la stessa on la quale de Broglie per primo ha
reinterpretato la ve hia ondizione quanti a di Sommerfeld - Epstein. Questa e
altres asso iata alla velo ita di fase: ma in seguito all'estensione pentadimensionale
della funzione d'onda il pro esso os illatorio e privo di dispersione, e la nostra
velo ita di orrente e pertanto identi a alla velo ita di fase. Per io, e a ausa
dell'identita della funzione d'onda on il regolo di Weyl risulta gia provato5 he
an he il regolo di Weyl, se lo trasporto solo seguendo la orrente di materia possibile
per la teoria dei quanti, parte ipa della risonanza delle onde di de Broglie e malgrado
la non integrabilita dell'espressione di erenziale (2a) nel ampo elettromagneti o
porta tuttavia ad una determinazione uni a delle lunghezze in ogni punto. Se
nella teoria di Weyl si fosse in lusa assiomati amente l'univo ita del on etto di
lunghezza ome un fatto sperimentale generalmente ri onos iuto, si sarebbe stati
portati in modo onseguente al sistema di stati di moto dis reti della teoria dei
quanti \ lassi a" e alle sue onde di de Broglie.
Non posso abbandonare quest'argomento senza sottolineare he questa proprieta
di risonanza del regolo ampione di Weyl, he qui i si presenta ome legge aratteristi a della me ani a ondulatoria, era stata suggerita gia nel 1922 da S hrodinger6
ome una \proprieta notevole delle orbite quanti he" e dimostrata in un erto numero d'esempi, senza he allora egli ne ri onos esse il signi ato. Egli aveva an he
onsiderato la possibilita = 2i  (e=h ), ma non aveva ri onos iuto la superiorita
rispetto ad un'altra s elta di . Cos gia allora S hrodinger aveva avuto in mano
le aratteristi he periodi ita quantome ani he he avrebbe riin ontrato su essivamente da un punto di vista os ompletamente diverso.
Per io forse non e super uo he io dimostri questa ongettura di S hrodinger
an he indipendentemente dalla onnessione on la me ani a ondulatoria, ome
una legge della teoria dei quanti \ lassi a", om'era intesa originariamente. Si
a erma quindi: l'esponente del regolo di Weyl, trasportato su di un'orbita quanti a
hiusa spazialmente, e un multiplo intero della ostante di Plan k:
I
e
(9)
 dxi = nh:
i
Per dimostrarlo si utilizza la relazione gia appli ata nel x1:
r

Z 
Z
Z
 
W e
i=
2 d =
2 1 v 2 dt:

dx
m

m

i
0
0
xi

A seguito delle relazioni quanti he

3 I
X
i=1

5
6

W i
dx = nh
xi

Questa on lusione non e esatta, ma sara subito retti ata.


E. S hrodinger, ZS. f. Phys. , 13, 1922.
12

276

F. LONDON

si ottiene da qui:
I 

 v 2

W
e
dx
 dxi = nh
m0 2 1
x4 4 i
Supposto he esista un integrale dell'energia, si ha

dt:

W
dx = (E in + Epot ) dt;
x4 4
quindi:
I

e
 dxi = nh +
i

m0 2 1

 v 2

+ E in + Epot dt:

L'integrale al se ondo membro si annulla a ausa della generalizzazione relativisti a


del teorema del viriale7 sotto l'ipotesi he il potenziale sia omogeneo di grado 1
negli xi , dalla quale dis ende immediatamente l'asserto (9).
Si vede da questa derivazione he on due sole ipotesi si ottiene la dimostrazione
dell'univo ita del regolo di Weyl. Queste ipotesi (in parti olare la prima) sono
evidentemente assai importanti e ertamente non si potranno aggirare del tutto.
Esse garantis ono erte relazioni stabili nello spazio, per le quali e onsentito di
parlare di orbite spazialmente hiuse nell'universo di Minkowski, a ermazione he
e in generale del tutto dipendente dal sistema di riferimento. Si dovranno quindi
indi are queste ipotesi ome ondizioni per poter appli are la legge dell'identita allo
spazio.
Per lo piu le orbite non saranno esattamente periodi he, ma solo quasi periodi he. Si puo allora dimostrare sotto opportune ipotesi di ontinuita he on approssimazione su iente al punto d'arrivo il regolo di Weyl oin ide on quello

Non mi e nota dalla letteratura una dimostrazione della generalizzazione relativisti a del
teorema del viriale, per io la omuni o qui. Si ha
7

 m0 2

 2

+ q m0
1

m0 v 2

v 2

3
X

+ Epot A dt

dxi
pi
dt

+ Epot dt:
1
i=1
Da qui per integrazione per parti, tenendo onto della ondizione di periodi ita:
q

v 2

+ Epot A dt =

3
X
1

Poi he dpi =dt per le equazioni del moto e =


=

3
X

i=1

dpi
xi
dt

+ Epot

dt:

Epot =xi , risulta

E
xi pot
xi

+ Epot

dt:

L'integrale si annulla per il teorema di Eulero sulle funzioni omogenee.

INTERPRETAZIONE QUANTOMECCANICA DELLA TEORIA DI WEYL

277

di partenza a meno d'un ammontare preassegnato pi olo a pia ere. Di piu non
o orre neppure ri hiedere.
Il fatto he il trasporto del regolo debba avvenire sempre on la velo ita (7) della
materia appare assai soddisfa ente; infatti un trasporto on velo ita diversa sarebbe
per la teoria dei quanti ( ioe me ani amente) del tutto impossibile. Vorrei rimandare an ora una giusti azione piu pre isa di questa onnessione e il suo inserimento
in una teoria della misura epistemologi amente fondata, poi he in proposito devono
esser resi noti dei punti di vista sostanzialmente diversi. Sebbene si sia visto he
le idee di Weyl hanno trovato un inserimento imprevisto nelle idee si he orrenti,
non redo tuttavia he i si possa a ontentare on quanto gia trovato. Ho posto
in primo piano l'idea del ontinuo della me ani a quantisti a on una unilateralita
he non orrisponde alle mie onvinzioni. Mi sembra pur sempre auspi abile seguire
queste idee on un po' di oerenza no alla ne. In questo senso l'esposizione del
apitolo seguente va onsiderata del tutto provvisoria. Spero di riportare in futuro
l'intera onnessione sotto un punto di vista si o piu generale.

Capitolo III. Reinterpretazione quantome ani a della teoria


di Weyl.
I risultati del apitolo pre edente si riferis ono espressamente all'abbozzo della
me ani a quantisti a designato ome \teoria di de Broglie". Risulterebbero quindi
falsi se si volesse trasferirli direttamente alla teoria di S hrodinger - per lo meno
nella regione dove le due teorie divergono. Ma si puo gia omunque dire he i nostri risultati devono rimanere asintoti amentee orretti nel limite di grandi numeri
quanti i, poi he per essi le due teorie oin idono.
Si puo aratterizzare il progresso ompiuto on la forma di S hrodinger della
me ani a ondulatoria on il fatto he essa e in grado di \in orporare" in un ontinuo ondulatorio uni ante le traiettorie della me ani a lassi a, sulle quali de
Broglie aveva sovrimposto solo super ialmente un'onda tramite la (5). Nell'otti a
geometri a la trattazione delle singole traiettorie prese individualmente e quella
dei fronti d'onda sono si amente equivalenti. Nell'otti a ondulatoria inve e un
singolo raggio dell'onda, quando viene in orporato in un fronte di raggi, sperimenta una erta in uenza dai suoi vi ini. Esprimere questa in uenza e la proprieta
aratteristi a della teoria di S hrodinger, quando essa pres rive la funzione d'onda
on un'equazione d'onda inve e he on l'equazione di erenziale (6) di Ja obi.
Separando le parti reale ed immaginaria, l'equazione d'onda di S hrodinger per
= j j exp 2hi W (W reale) si s rive:


(10)



h 2 j j
W
+
2i
j j
xi



e
W e i
i
 + m2 2 = 0;

xi




2 e W e k = 0:
j
j
xk
m xk

In questa rappresentazione si ri onos e il disa ordo on la teoria di de Broglie nella


omparsa del termine j j=j j. Inoltre qui risulta an he hiaro he si tratta di un
problema on due funzioni in ognite reali. La se onda equazione e l'equazione di
ontinuita della orrente, le ui quattro omponenti sono ra hiuse nelle parentesi
gra e.

278

F. LONDON

Non 'e dubbio he attualmente si debba dare in ondizionatamente la preferenza


alla teoria di S hrodinger piuttosto he a quella di de Broglie per la sua on ezione
e per il suo miglior a ordo on l'esperienza. Nella sua dis repanza rispetto alla
teoria di Weyl non dobbiamo erto vedere nessun difetto della teoria di S hrodinger.
Se si osserva he le deviazioni si manifestano aratteristi amente per numeri
quanti i pi oli, non vi puo esser dubbio riguardo a he osa si debba ri ondurre
la di olta: la teoria di Weyl nella sua intera ompetenza per os dire si attaglia
alla me ani a lassi a e quindi an he alla teoria di de Broglie ad essa asso iata.
Non bisogna quindi aspettarsi o pretendere da essa he vada gia bene on la teoria
di S hrodinger. Il ompito dev'essere inve e quello di far eseguire alla teoria di
Weyl, attualmente fuori moda, il passo orrispondente a quello he porta da de
Broglie a S hrodinger; dev'essere per parte sua modi ata in modo orrispondente
alla orrezione quantome ani a delle leggi lassi he.
Si puo prevedere in quale direzione la modi a del regolo di Weyl debba avvenire.
Finora si era assunto he solo il tetrapotenziale i , he fornis e una des rizione ompleta del ampo elettromagneti o, fosse determinante per lo spostamento del regolo
(2a). Ora la situazione si e modi ata per he a anto alle quattro quantita di stato
del ampo i e omparsa ome quinta la di S hrodinger, he per molti aspetti prima di tutto nella rappresentazione mediante un problema variazionale8 - risulta
simmetri a rispetto alle grandezze di ampo i . La materia, nella on ezione della
teoria degli elettroni on nata fuori dal ampo entro super i limite invali abili, o
a iata nelle singolarita dello stesso, ora si estende su tutto lo spazio, e mentre
nella teoria di Weyl si pensava giustamente he un regolo nello spazio \vuoto" fosse
in uenzato solo dai potenziali elettromagneti i ivi presenti, si deve ora tener onto
della ir ostanza he la ve hia separazione tra la materia \impenetrabile" ed il
"o e abrogata e he i si trova sempre per os dire all'interno di una nuova
sostanza j j he tutto pervade9 .
Bisogna quindi aspettarsi he, oltre alle grandezze di ampo elettromagneti he
esterne, si debba tener onto an ora di una interna, he dipende solo da j j.
Madelung10 ha dato il \potenziale" di quest'azione interna del ampo su se stesso.
Vorrei proporre ome sua generalizzazione relativisti a:
0

(11)

e5 = m0 2 1

1+

h
2i

2

j j

m20 2 j

1
A
j :

La parola \potenziale" va usata on autela. 5 non orrisponde infatti al potenziale \s alare" 4 , he relativisti amente gura ome omponente temporale di un
tetravettore, ma an he relativisti amente e uno s alare invariante. Di onseguenza
5 non puo nemmeno governare la variazione del regolo lungo una determinata
direzione d'universo. Se proprio si vuole assumere un'in uenza sul regolo ampione, essa puo dipendere solo dal modulo dello spostamento del regolo in quattro
dimensioni, non dalla sua direzione. Se si introdu e mediante l'elemento di linea
dx5 = d ( =tempo proprio) una quinta oordinata he non e indipendente dalle

E. S hrodinger, Ann. d. Phys. , 265, 1927.


Infatti soddisfa ad un'equazione di erenziale lineare. Prin ipio di sovrapposizione! Tuttavia
sembra he la proprieta di impenetrabilita trovi la sua espressione quantome ani a nella forma
del prin ipio di es lusione di Pauli (P. Ehrenfest, Naturwissens haften , 161, 1927).
10 E. Madelung, ZS. f. Phys.
, 322, 1926.
8
9

82

15

40

INTERPRETAZIONE QUANTOMECCANICA DELLA TEORIA DI WEYL

279

restanti dxi , ma he si ottiene dalla ondizione11

dx21 + dx22 + dx23 + dx24 + dx25 = 0;

(12)
si puo supporre he

"

Z X
5

e
(13)
i dxi

1
rappresenti la generalizzazione quantome ani a del regolo di Weyl.
Per dimostrare l'identita della (13) on la funzione d'onda di S hrodinger dobbiamo prima di tutto stabilire lungo quale ammino si debba trasportare il regolo
generalizzato (13). Si pres rivera an ora il trasporto on la velo ita di orrente
della materia. Ma in proposito si deve osservare he ora le omponenti ui della
tetravelo ita non sono date dalla (7), sebbene la rappresentazione della orrente
nella se onda delle equazioni (10) suggeris a la separazione del fattore e  ome
densita di ari a a riposo. Infatti le omponenti della velo ita individuate in tal
modo per la (101 ) non soddisferebbero l'identita della tetravelo ita12
2i
l = l0 exp
h

dxk dxk
= 2 :
d d

(12')

uk uk =

Si deve s rivere inve e


dxk
(7a)
dx5

 e  W
uk
=


 m0 xk

dove il fattore

e
 ;
k



h 2 j j

(14)
=e
1
2i m20 2 j j
viene separato ome \densita di ari a a riposo".
Con questa notazione s'ottiene



2
(11a)
e5 = m0 1
e 

=e  1+

e

m0 2 5

e la prima equazione di S hrodinger in forma pentadimensionale si s rive13


(10a)

5  W
X
i=1

xi

e i




W
xi

e
 = 0:
i

11 La omparsa di questa forma quadrati a pentadimensionale 


e del tutto oerente nel senso
della pres rizione di Weyl dell'invarianza rispetto al regolo ampione. L'elemento di linea d'universo d ovvero dx5 e un invariante relativisti o, ma non e invariante per il ambio d'unita (il
passaggio ad un'altra unita di misura ambia d ); lo e inve e l'annullarsi della forma quadrati a
(12). - Evidentemente i postulati pentadimensionali di Kaluza vanno intesi in questo senso.
12 Se non altrimenti di hiarato, nel seguito la sommatoria sugli indi i uguali si intende sempre
estesa da 1 a 4.
13 Si deve qui osservare he  per parte sua 
e an ora un'in ognita da determinarsi. E noto he
5
e an ora un prodigio in ompreso il per he la stessa osa non valga per i potenziali 1 ; 2 ; 3 ; 4 ,
ome i si dovrebbe aspettare (E. S hrodinger, Ann. d. Phys. , 265, 1927). W=x5 e uguale
a m0 [vedi (5a).
82

280

F. LONDON

Confrontiamo ora il regolo l (13) lungo la orrente (7a) on lo s alare di S hrodinger


. Si ottiene per =l:
"
Z 5 
j
j
2i X
W
=
exp
l
l0
h
1 xi

e i
 dxi ;

la (7a) da:
=
la (11a) da:

j j e 2hi R P41   m e
l
0

W e i
xi

j j e 2hi R   m e P51
l
0

( W
xi

W
xi

e i )dx5 + W e 5 dx5

x5
;

e i

( W
xi

e i )dx5

j j:
l

0
L'ultima per la (10a). Non s'ottiene quindi subito =l = ost., ma
(8a)

j j;
l

l
0
he e funzione univo a della posizione14 . Ma il potenziale k e determinato si amente solo a meno di un gradiente additivo; se al suo posto introdu o ome
potenziale
h 
k = k
ln j j;
2ie xk
osa he las ia intatte le intensita di ampo elettromagneti he, risulta =l = ost.
L'univo ita del regolo ampione trasportato on la orrente, he si fonda sulla
risonanza delle onde, ora si trasferis e senz'altro dalla teoria di de Broglie a quella
di S hrodinger, per io non dobbiamo aggiunger nulla alle onsiderazioni del 20
apitolo.
Stuttgart, Physik. Inst. d. te hn. Ho hs hule, 27 febbraio 1927.
14

La dimostrazione si puo esprimere os nel senso della geometria pentadimensionale:



e   W e 
W e 


e
parallelo
alla
penta orrente:
j
=
 ;
i
i
xi
m
xi i
dxi dovra essere s elto parallelo alla penta orrentej i :

La penta orrente e ortogonale a se stessa:

5
X

ji j i = 0;

quindi ji e an he ortogonale a dxi , e quindi

5 
X
W
xi
1

e   dxi = 0:
i

Devo questa bella formulazione ad una omuni azione di A. Lande. Qui la quinta omponente
della penta orrente e j5 =  .

TEORIA QUANTISTICA IN FORMA IDRODINAMICA

281

Teoria quantisti a in forma idrodinami a1


E. Madelung a Fran oforte sul Meno

(Ri evuto il 25 ottobre 1926.)

Si mostra he l'equazione di S hrodinger del problema ad un elettrone si puo trasformare nella


forma di equazioni idrodinami he.
Se ondo S hrodinger2 la teoria quantisti a del problema ad un elettrone e retta
dall'\equazione delle ampiezze":

i2Wt
82 m
 0 + 2 (W U ) 0 = 0; = 0 e h :
h
In essa W indi a l'energia del sistema, U l'energia potenziale in funzione della posizione dell'elettrone, m la massa di questo. Si er a una soluzione he sia ovunque
nita e ontinua. Cio e possibile solo per erti valori di W . Questi \autovalori"
Wi devono essere allora le energie he il sistema possiede nei suoi \stati quanti i".
E noto he essi si possono onstatare spettros opi amente. La orrispondenza tra
teoria ed esperienza parla del tutto a favore dell'utilita del metodo di al olo os
ssato.
Ad ogni autovalore orrisponde una \autosoluzione" he dev'essere normalizzata
i2Wt
e dotata del fattore temporale e h e he se ondo S hrodinger rappresenta quella
he vale nel sistema. S hrodinger da delle pres rizioni per un'interpretazione he
in linea di prin ipio e in a ordo on quella data nel seguito. Io estendero questa
interpretazione e mostrero he esistono ampie analogie on l'idrodinami a.
Una se onda equazione, proposta an h'essa da S hrodinger, si ottiene dalla (1)
per eliminazione di W on l'in lusione del fattore temporale:

(1)

8 2 m
i4m 
U
= 0:
h2
h t
Essa ontiene ome soluzioni quelle della prima equazione, ma a di erenza di questa
an he tutte le loro ombinazioni lineari. Questo e assai importante. Se si pone
infatti = exp(i ), per la (1) solo puo essere onsiderato dipendere linearmente
da t, mentre per la (2) sia he possono variare on il tempo. Con = exp(i )
risulta dalla (2):
(2)

(3)

 (grad )2

e
(4)

82 m
4m 
U+
=0
2
h
h t

 + 2(grad grad )

4m 
= 0:
h t

Dalla (4) on ' = h=(2m) segue:


(4')
1
2

div( 2 grad ') +

 2
= 0:
t

Quantentheorie in hydrodynamis her Form, Zeits hr. f. Phys. , 322-326 (1926).


E. S hrodinger, Ann. d. Phys. , 361, 489; , 437; , 109 (1926).
40

79

80

81

282

E. MADELUNG

La (4') ha il arattere di un'equazione di ontinuita idrodinami a, quando si onsideri 2 ome una densita e ' ome il potenziale della velo ita di una orrente
u = grad '.
Con questo la (3) da:
' 1
U  h
(3')
+ (grad ')2 +
= 0:
t 2
m 82 m2
An he questa equazione orrisponde proprio ad un'equazione idrodinami a, ioe a
quella di una orrente irrotazionale sotto l'azione di forze onservative3 .
La formazione del gradiente, poi he rot u = 0, da:

du
grad U
 h2
u 1
+ grad u2 = =
+ grad
:
t 2
dt
m
82 m2
grad U=m orrisponde alla quantit
a di forza/densita di massa),
Ra f= (densit
( = )(h2 =82 m2 ) alla quantita
dp=, he si puo onsiderare ome funzione
forza delle forze \interne" del ontinuo.
Vediamo quindi he l'equazione (2) si puo interpretare interamente in senso idrodinami o, e he una pe uliarita ompare solo in un termine, he rappresenta il
me anismo interno del ontinuo.
Nel aso dell'equazione (1) sara  =t = 0 e '=t = W=m. Le autosoluzioni
della (1) produ ono quindi malgrado il fattore temporale la struttura di una orrente
stazionaria. Se ondo questa interpretazione gli stati quanti i si devono onsiderare
ome stati di orrente stazionari, nel aso grad = 0 addirittura ome strutture
stati he.
Le soluzioni dell'equazione piu generale (2) si ottengono sempli emente ome
ombinazioni lineari delle autosoluzioni. Poniamo per esempio: = exp(i ) =
1 + 2 = 1 1 exp(i 1 ) + 2 2 exp(i 2 ), dove 1 e 2 siano autosoluzioni della (1)
he posseggano i fattori temporali exp(i2W t=h); sara allora:
2 = 21 21 + 22 22 + 2 1 2 1 2 os( 2 1 )
e
2 grad = 21 21 grad 1 + 22 22 grad 2 + 1 2 1 2 grad( 1 + 2 ) os( 1 2 );
Z
Z
Z
2
2
2
2
dV = 1 1 dV + 2 22 dV;
ioe sia la \densita" he la \intensita di orrente" ontengono un termine temporale
periodi o on  = (W1 W2 )=h. La \quantita totale" risulta tuttavia ostante.
Nel aso di una orrente stazionaria si trova dalla (3'):
m
 h2
(5)
W = (grad ')2 + U
;
2
82 m
he
o s rivere an he, ponendo: 2 = , m = , se ondo la normalizzazione
R si pu
dV = 1:
 2

Z
p
p
u
h2
(5')
W = dV
+ U
( ) 2
:
2
8 m
(3")

Vedi per esempio Weber e Gans, Repertorium d. Physik I, 1, 304.

TEORIA QUANTISTICA IN FORMA IDRODINAMICA

283

Questa forma dell'energia ome integrale di volume sulla densita d'energia ineti a
e potenziale e immediatamente intuitiva.
Non vi e evidentemente al un motivo per he questa forma, he si puo s rivere
an he
Z
h

dV 2
W=
2
t
non debba valere an he nel aso di una orrente non stazionaria. Che la legge di
onservazione dW=dt = 0 sia soddisfatta lo si stabilis e fa ilmente tenendo onto
dell'ortogonalita delle autosoluzioni.
Interessa ora la domanda: ontengono le equazioni (3'), (4') e (5') tutte le aratteristi he ri hieste, in parti olare:
1. l'esistenza dis reta di stati di orrente stazionari on le energie Wi ,
2. il fatto he tutti gli stati non stazionari possiedono solo periodi ita della forma
ik = (Wi Wk )=h?
Evidentemente la (2) dis ende univo amente dalle (3') e (4'), d'altra parte la
(1) lo fa da queste on la (5'). Le equazioni idrodinami he sono quindi equivalenti
a quelle di S hrodinger e danno tutto io he danno quelle, ioe sono su ienti
a rappresentare in modo modellisti o i momenti essenziali della teoria quantisti a
dell'atomo.
Se il presente problema quantisti o appare risolto mediante un'idrodinami a
dell'elettri ita distribuita on ontinuita on una densita di massa proporzionale
alla densita di ari a, rimane tuttavia una serie di di olta. Da un lato la densita
di massa non e del tipo he i si aspetterebbe dall'elettrodinami a, dall'altro i
si dovrebbe aspettare he la reazione
p di puna parte dell'elettrone su un'altra, he
sarebbe rappresentata dal termine ( )h2 =(82 m), non dovrebbe dipendere
solo dalla densita nella posizione onsiderata e dalle sue derivate, ma an he dalla
distribuzione omplessiva della ari a. Se queste due aspettazioni possano essere
soddisfatte on una pura trasformazione matemati a, non ho potuto determinarlo.
Come s'ha da trattare ora il problema a piu elettroni? S hrodinger non da una
forma interamente determinata. Egli ri hiede soltanto he l'energia ineti a vada
al olata ome in una rappresentazione del moto nello spazio delle fasi, ioe si deve
porre: T = miu2i =2 ome somma sulle energie ineti he dei singoli elettroni, ome
se essi esistessero l'uno a anto all'altro indipendentemente e non ostituissero un
solo ampo di orrente.
Di fatto questa e una possibilita naturale. Dobbiamo solo de idere tra le seguenti
alternative:
a) piu elettroni on uis ono in una struttura piu grande?
b) essi si evitano e si passa dall'uno all'altro on erte ondizioni al ontorno?
) essi si ompenetrano senza fondersi?
Mi pare he la ) sia la piu probabile. La a) porterebbe alle stesse soluzioni
del problema ad un elettrone, solo on normalizzazione ambiata, il he porta evidentemente a un risultato falso. La b) e in onsiderazione delle \orbite profonde"
improbabile, ma on epibile.
Se ondo la ) si dovrebbero de nire in ias un punto dello spazio piu vettori,
ome pure i orrispondenti potenziali delle velo ita. Il ontinuo avrebbe allora la
qualita di uno s iame le ui parti possedessero un libero ammino in nito.
Quale forma si debba attribuire alla funzione U in modo he essa rappresenti
l'interazione degli elettroni, e al \termine quantisti o" dell'equazione (3'), lo si puo
de idere dal al olo oronato da su esso di almeno un aso.

284

E. MADELUNG

Esiste pertanto la speranza di ompletare la teoria quantisti a dell'atomo su


questa base. Ma os i pro essi di radiazione saranno rappresentati solo parzialmente. Appare hiarito he un atomo in uno stato quanti o non irraggia, e an he
la radiazione delle giuste frequenze e orrettamente rappresentata, e senza \salto",
bens on un lento passaggio in uno stato di non stazionarieta, ma molte altre ose,
ome per esempio il fatto dell'assorbimento di quanti, appaiono del tutto os ure.
Ritengo prematuro omuni are delle spe ulazioni su questo.

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 285


Al une domande esplorative he riguardano la me ani a quantisti a1
W. Pauli a Zurigo

(ri evuto il 17 di embre 1932)

x1. Sul ruolo dell'unita immaginaria e sul on etto di densita di probabilita spaziale di una
parti ella nella me ani a ondulatoria. x2. L'analogia tra fotoni ed elettroni ed i suoi limiti. x3.
La domanda sulla formulabilita della me ani a quantisti a ome teoria di azione per ontatto.
Sotto il titolo suddetto P. Ehrenfest2 ha posto in dis ussione piu domande distinte. Poi he in o asione della redazione di un arti olo di rassegna mi sono in
parte s ontrato on domande del tutto analoghe, mi sia on esso di pubbli are qui
al une osservazioni in proposito. Queste non pretendono ne di essere nuove, ne di
rappresentare risposte de nitive alle domande poste. Esse possono servire solo a
ri a iar via l'immagine, introdotta da Ehrenfest, di un \bon ton" he pretende di
porre da parte queste domande ome \prive di senso", e parimenti di a ennare alla
onnessione di queste domande on i problemi an ora irrisolti della teoria quantisti a relativisti a (stati d'energia negativa, energia propria dell'elettrone). Mi limito
qui alle questioni sollevate nelle sezioni A e B della nota di Ehrenfest ed alle osservazioni he ne derivano, mentre le domande piu matemati he e di teoria dei
gruppi ontenute nella sezione C di quella non le onsidero, poi he non mi sento
ompetente per la loro dis ussione.

x1. Sul ruolo dell'unita immaginaria e sul on etto di densita

di probabilita spaziale di una parti ella nella me ani a ondulatoria.

Per il aso di una parti ella, per ora in assenza di ampi di forze esterni, a partire
dal on etto (simboli o, ioe di per se non direttamente osservabile) di onde nel ontinuo spaziotemporale tetradimensionale, omin iamo a formulare tentativamente
una sequenza d'ipotesi, delle quali ias una vada sempre piu in la della pre edente.
Con io non si ha tuttavia l'intenzione di ottenere un'assiomati a ompleta della
me ani a ondulatoria, ma solo prin ipalmente di sottolineare il ruolo parti olare
del on etto di densita di probabilita spaziale, la ui esistenza se ondo me a torto
viene di solito assunta ome ovvia. Questo on etto e de isivo per la domanda he
si porra nel seguente x2 sull'analogia tra lu e e materia e sui suoi limiti, e onsente
an he di ri onos ere al meglio la ragione per la omparsa dell'unita immaginaria
nell'equazione di S hrodinger3 .
I. 1. Si dia un ampo d'onde on prin ipio di sovrapposizione, des ritto on un
numero per ora indeterminato di omponenti 1 ; 2 ; : : : Se (1) (~x; t), (2) (~x; t) sono
ampi possibili, e un ampo possibile an he 1 (1) (~x; t) + 2 (2) (~x; t), on ostanti
arbitrarie 1 e 2 (non ontenenti l'indi e ).

Einige die Quantenme hanik betre enden Erkundigungsfragen, Zeits hr. f. Phys. , 573586 (1933).
2 P. Ehrenfest, Zeits hr. f. Phys.
, 555, 1932.
3 Nella me ani a delle matri i di Heisenberg, Born e Jordan la ragione formale per la sua
omparsa era la legge di moltipli azione delle matri i assieme al prin ipio di ombinazione per le
frequenze spettrali della lu e emessa.
1

80

78

286

W. PAULI

I. 2. In seguito a s omposizione di Fourier di  (~x; t) (in integrale o somma)


risulta
(I)

 (~x; t) =
R

Xn

a (~k) exp i(~k  ~x t) + b (~k) exp

io

i(~k  ~x t)

(ovvero dk al posto di k ), dove la quantita positiva  e una funzione di jkj;


le quantita  e ~k sono legate alle quantita me ani he energia-impulso se ondo la
relazione fondamentale
E = h; p~ = h~k;
(h = quanto d'azione diviso per 2,  frequenza angolare). Per io soddisfano le
relazioni
h
 = jkj2 per il punto materiale non relativisti o,
2m
 2 m2 2
= 2 + jkj2 per il punto materiale relativisti o,
e2
h
2
= jkj2 per il fotone:
2
Per ogni ~k dev'esser i realmente un'onda piana. Ma qui non si assumera an ora
nulla riguardo a quali relazioni di dipendenza tra gli a (~k ); b (~k ) (in generale omplessi) orrispondano all'onda piu generale possibile appartenente ad un dato ~k.
Potrebbe per esempio darsi he debba essere b (~k) = 0, o an he b (~k ) = a (~k ), ioe
 reale.
I. 3. I valori assoluti ja (~k )j, jb (~k)j di a e b devono essere quantita misurabili, e a meno di un fattore di normalizzazione eventualmente dipendente da
jkj, ja(~k)j2 + jb(~k)j2 dev'essere proporzionale alla probabilita he l'impulso della
parti ella (diviso per h) si trovi nella regione ~k; ~k + d~k:
Da qui dis ende gia qual osa, e in parti olare la possibilita del passaggio al
limite dell'otti a geometri a (me ani a lassi a), dove si puo pres indere dallo
sparpagliamento del pa hetto. Cio e infatti ammesso per dimensioni lineari del
pa hetto he siano grandi rispetto al re ipro o del j~kj \medio". Dis ende inoltre
il fatto he

~v = ~
k
e la velo ita di gruppo. In ne le relazioni di indeterminazione
~x  ~k  1; t    1;
quindi

~x  p~  h; t  E  h;

ome relazioni giuste quanto a ordine di grandezza. (L'estensione del pa hetto e


qui an ora non de nibile quantitativamente, ma io non importa.)
Fin qui il ampo di Maxwell e il ampo dell'onda materiale sono analoghi; an he il
ampo di un solo s alare reale sarebbe an ora ompatibile on le ipotesi introdotte.
Ora viene un nuovo gruppo d'ipotesi:

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 287


II. 1. La probabilita W (~x; t)dx1 dx2 dx3 di trovare la parti ella al tempo esatto t
nell'elemento di volume in nitesimo ~x, ~x + d~x e sempre un on etto signi ativo.
Allora in primo luogo W (~x) dev'essere essenzialmente positiva:

W (~x; t)  0:

(1)
In se ondo luogo dev'essere
(2)

W (~x; t)dx1 dx2 dx3 = 1;

quindi sempre indipendente da t.


Si deve qui sottolineare on parti olare vigore he quest'ipotesi, he W (~x; t) sia
sempre un on etto signi ativo, non e ne evidente di per se , ne puo essere fatta
derivare dal punto di vista della omplementarita (gruppo d'ipotesi I) he viene
espresso nelle relazioni di indeterminazione. Infatti si tratta della determinazione
della posizione della parti ella an he al di la della validita della me ani a lassi a,
ioe in regioni dello spazio e del tempo le ui dimensioni siano pi ole rispetto
alla lunghezza d'onda media ovvero rispetto al periodo d'os illazione medio del
pa hetto d'onda onsiderato. L'esistenza di W (~x; t) e altres evidente, se si puo
dimostrare:
II. 10 . Esistono sempre esperimenti dal risultato dei quali si puo on ludere on
ertezza se la parti ella al tempo t si trovi o no nell'elemento di volume ~x; ~x + d~x
(in modo tale he nel primo aso sia es lusa la ontemporanea azione diretta della
parti ella in un altro punto). Se esperimenti del genere non esistono sempre si
puo essere in dubbio sull'esistenza di una W (~x; t). Ritornero su questo dubbio in
seguito.
Vengo ora alla domanda posta all'inizio sulla ne essita di almeno due s alari reali
per le onde di de Broglie-S hrodinger. Sostengo he questa ne essita e quindi an he l'unita immaginaria intervengono per he si er a un'espressione per la densita
di probabilita W he soddis i requisiti (1) e (2), e he non ontenga le derivate
temporali di . L'ultimo requisito e ne essario per rendere hiaro il on etto \numero degli s alari utilizzati". Un singolo s alare reale he soddis un'equazione
di erenziale del se ond'ordine in t e esattamente equivalente all'uso di due s alari
reali he soddis no equazioni di erenziali del prim'ordine in t (si ponga allora
 1 =t = 2 ). Vale an he l'inverso, ome sara immediatamente spiegato. Enun iamo quindi l'assioma.
II. 2. Se le  (~x; t) per un determinato t0 sono note ome funzioni di ~x, W
dev'essere determinata a questo tempo t0 solo mediante le  (~x; t), e in parti olare, ome possibilita piu sempli e, W deve dipendere quadrati amente (ovvero
bilinearmente) dall'andamento funzionale delle  (~x; t).
Nota espli ativa. Un operatore bilineare W (~x; t) asso ia a due leggi funzionali
(1)
(2)
 (~x) e  (~x) una funzione di ~x; t in modo tale he
n

W (~x; t) f (~x0 ); 1 g(1) (~x00 ) + 2 g(2) (~x00 )


n
o
n
o
= 1 W (~x; t) f (~x0 ); g(1) (~x00 ) + 2 W (~x; t) f (~x0 ); g(2) (~x00 )

288

W. PAULI

W (~x; t) 1 f(1) (~x0 ) + 2 f(2) (~x0 ); g (~x00 )


n
o
n
o
= 1 W (~x; t) f(1) (~x0 ); g (~x00 ) + 2 W (~x; t) f(2) (~x0 ); g (~x00 ) :

Se l'operatore e lo ale, esso e una forma quadrati a delle  e di un numero nito


di derivate spaziali; se non e lo ale, puo essere della forma
XZ Z

;

a (~x; ~x0 ; ~x00 )  (~x0 ; t)  (~x00 ; t)d~x0 d~x00 :

Sarebbe naturalmente possibile a priori he si debba giungere a forme di ordine


quarto o piu alto, ma l'esperienza mostra he sono su ienti forme quadrati he.
Ora la dis ussione e diversa nel aso relativisti o e nel aso non relativisti o.
Trattiamo prima quest'ultimo. Nel aso di assenza di forze si vede immediatamente: per un determinato ~k non si puo ottenere dalla parte reale di una sola onda
della forma (I) e dalle sue derivate spaziali nessuna espressione quadrati a nelle
ampiezze, he abbia un integrale di volume ostante nel tempo, poi he il termine
temporale spurio dell'espressione quadrati a nell'integrando ha un valore pres rivibile a pia ere.
Se ora e in parti olare la parte di (I) he ontiene solo a ,  la parte di (I)
he ontiene solo b , allora
Z

2 dV e

sono dipendenti dal tempo, solo

e ostante e le
prim'ordine4

 2 dV

 dV

e  os spe ializzate soddisfano alle equazioni di erenziali del

h
h 
=H ;
= (H ) ; H = E0
i t
i t

h2
;
2m

quindi

W (~x; t) =  :

(II)

L'altra possibilita, introdurre un solo s alare reale U he soddis un'equazione


di erenziale del se ond'ordine in t, quindi esprimere e  mediante un solo
\potenziale" reale e la sua derivata prima U=t (assumibile a pia ere per t ssato) e di fatto disponibile, e non solo nel aso d'assenza di forze, ma in generale,
quando H non ontiene espli itamente il tempo ed e reale. Si ponga
(3)
4E

=
0

h
+ H U; quindi
i t

 = h  +H U
i t

= m0 2 puo essere a pia imento in luso o tralas iato.

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 289


e per U reale l'equazione di erenziale
(III)

2
h2 2 + (H)2 U = 0;
t


quindi nel aso di assenza di forze


"
#
 2 2
2U
h2
h
2
2
h 2 + E0 2E0  +
 U = 0:
t
2m
2m

Dalla piu generale soluzione reale della (III) si ottiene la piu generale soluzione
omplessa della (II). La densita W sara
(4)

W (~x; t) = h2


U 2
+ (HU )2 ;
t

la ostanza temporale della quale dis ende an he direttamente dalla (III), sempre
he H sia reale autoaggiunto e non ontenga espli itamente il tempo. Se H e
hermitiano, ma non reale, an he U non e reale. Per quanto on erne il ontenuto
si o della teoria on l'introduzione di U non ambia nulla, solo le formule risultano
piu ompli ate. Cio si manifesta non solo nella teoria delle trasformazioni, ma an he
nella omposizione di due sistemi indipendenti in un sistema omplessivo. In luogo
della sempli e forma prodotto = 1  2 appare on U qual osa di sostanzialmente
piu ompli ato.
Nel aso relativisti o si deve pres rivere inoltre:
II. 3. Oltre a W esiste un vettore orrente J~, di modo he valga l'equazione di
ontinuita
W
+ div J~ = 0
t
~ iW ) ostituis a un tetravettore. Allora in assenza di forze s'ottiene l'equae (J= ;
zione di Dira ome (essenzialmente) la sola possibilita. In parti olare l'introduzione
di quantita on rappresentazioni doppie del gruppo di Lorentz sara indispensabile,
se a anto alla II. 3. si vuole adempiere al requisito (1), he W sia de nita positiva.
Cio risulta nel modo piu sempli e dall'argomentazione originaria di Dira e per io
non la si riportera ulteriormente qui.

x2. Le questioni dell'analogia tra fotoni ed elettroni e dei limiti di questa.


Si deve qui eseguire subito per l'esattezza una distinzione, non introdotta nella
nota di Ehrenfest, tra due tipi diversi di ampi. Chiamiamo ampi grandi quelli
he des rivono un numero grande e in erte ir ostanze indeterminato di parti elle
~ H
~ ); hiamiamo inve e ampi
(indi ati per la materia on  , per i fotoni on E;
pi oli quelli asso iati a una singola parti ella (indi ati per la materia on  , per i
fotoni on ~e; ~h). I ampi pi oli non sono in linea di prin ipio direttamente osservabili, ma io su ede al piu per le densita di probabilita ostruite quadrati amente
da essi o dalle loro omponenti di Fourier. Nella teoria quantisti a i ampi grandi
sono q-numeri (operatori o matri i); introdotti per la materia da Klein, Jordan e
Wigner, per i fotoni sono da intendere ome le intensita di ampo elettromagneti he

290

W. PAULI

misurabili lassi amente on una erta pre isione nita, limitata dalla nitezza del
quanto d'azione. Ora si possono onsiderare analoghi i ampi pi oli tra loro e
i ampi grandi tra loro [sebbene sia il ampo pi olo (~e; ~h) he il ampo grande
~ H~ ) nel aso di assenza di ari he soddis no entrambi le equazioni di Maxwell5 .
(E;
Ma an he queste due analogie di per se giuste hanno i loro limiti, he saranno ora
dis ussi.
1. Limiti dell'analogia tra i ampi (~e; ~h) e  . Consideriamo da un lato le equazioni di Maxwell per il vuoto (assenza di ari he) per il ampo (~e; ~h) di un fotone,
dall'altro l'equazione di Dira per una parti ella materiale in assenza di forze. Gli
(~e; ~h) sono reali, le  possono, se si vuole, essere an he s elte reali6 . Appare allora
la di erenza gia rilevata da Ehrenfest:
a) Per il fotone non esiste al un vettore tetra orrente he soddis l'equazione di
ontinuita e he abbia densita de nita positiva (le ipotesi II. 2. e II. 3. non possono
essere soddisfatte simultaneamente). Dobbiamo on ludere da qui he per il ampo
del fotone, al di fuori dalla validita dell'otti a geometri a (otti a dei raggi) per un
ampo non mono romati o il on etto di densita spazio-temporale lo ale W (~x; t)
delle parti elle non ha signi ato. Ritengo de nitiva questa a ermazione e ondivido pienamente il punto di vista espresso da Ehrenfest nell'osservazione B, 3, he
\tutte le virtuosisti he dissertazioni sull'analogia tra le equazioni di Maxwell da un
lato e in parti olare l'equazione di Dira dall'altro non hanno prodotto assolutamente niente". Si puo an he dire: queste dissertazioni hanno prodotto qual osa,
he e opposto all'intenzione del loro autore: ioe, he la di erenza in questione
non puo essere rimossa neppure on formalismi os generali. L'inesistenza di una
W he soddis le ipotesi II. e io he rende possibile nel aso del ampo elettromagneti o di rius ire on rappresentazioni sempli i del gruppo di Lorentz (senza
spinori). La di erenza si a si rispe hia direttamente nella di erenza matemati a
(parimenti ineliminabile on qualsiasi gio o di prestigio) tra quantita di ampo
he per il gruppo di Lorentz si trasformano se ondo rappresentazioni sempli i, e
quantita he si trasformano se ondo rappresentazioni doppie.
A questo punto redo an he di poter rispondere alla questione didatti a, ome si
debbano trattare le analogie tra fotone ed elettrone nell'introduzione alla me ani a
quantisti a. Le analogie riguardano quelle proprieta dei ampi pi oli del fotone e
dell'elettrone, he derivano gia dall'ambito d'ipotesi I e per le quali non e ne essario nessun on etto esatto di densita delle parti elle in regioni dello spazio-tempo
he possiedano dimensioni onfrontabili on lunghezza d'onda-periodo d'os illazione
(per esempio tra ia di Wilson dei raggi = raggio del quanto di lu e se ondo
l'otti a geometri a).
L'assenza del on etto esatto di densita di probabilita per il fotone (non solo
Landau e Peierls non hanno potuto trovare l'espressione giusta per questa densita;
ma per essa non esiste nessuna espressione giusta) si manifesta nella onseguenza:
l'annullarsi del ampo (~e; ~h) in un punto dello spazio-tempo non ha al un signi ato
si o diretto, in ontrasto on l'annullarsi del ampo  in un punto dello spaziotempo.

Il tentativo re ente di de Broglie (C.R. , 536 e 862, 1932) di abbandonare la validita


delle equazioni di Maxwell per il ampo (~e; ~h), onsiderate le onseguenze si he he ne derivano,
sembra non rius ito allo s rivente.
6 Si osservi he nel aso d'assenza di forze on opportuna s elta delle matri i i , le equazioni
di Dira possiedono soluzioni reali per  :
5

195

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 291


Si aggiunga qui an ora un'osservazione sui ampi di radiazione mono romati i.
In un ampo si atto i valori medi temporali (valutati su tempi lunghi rispetto alla
durata dell'os illazione) di una qual he funzione quadrati a delle intensita di ampo
~e ed ~h sono esattamente misurabili ome funzioni spaziali. In regioni he siano
pi ole rispetto alla lunghezza d'onda, on gli apparati utilizzati solitamente7 nei
ampi d'interferenza, non si determinera je2 j + jh2 j, ma solo je2 j, ome notoriamente
avviene negli esperimenti sulle onde stazionarie. E importante he gli \apparati
je2 j" e gli \apparati jh2 j" diano funzioni spaziali diverse.
b) Veniamo ora ad una se onda di erenza del ampo (~e; ~h) rispetto al ampo  ,
he viene to ata da Ehrenfest nell'osservazione B.1. e he dipende dal trattamento
degli \stati d'energia negativa" he solo si puo ompiere in base allo stato attuale
della nostra onos enza. Questo trattamento e diverso per l'elettrone e per il fotone.
Le soluzioni reali delle equazioni di Maxwell per il ampo (~e; ~h) hanno la proprieta
he la densita d'energia  = 21 (~e2 + ~h2 ) (sebbene possieda un integrale di volume
ostante nel tempo) in un'assegnata posizione dello spazio non e ostante nel tempo,
ma mostra os illazioni di frequenza 2 , dove  e la frequenza del ampo stesso. In
una teoria he e ostruita ome se il pre iso andamento spazio-temporale di ,
e quindi an he quelle os illazioni fossero osservabili8 , queste soluzioni reali non
des rivono quindi nessuno stato stazionario. Nel tentativo di trovare soluzioni delle
equazioni di ampo per le quali  in ogni posizione dello spazio sia esattamente
ostante nel tempo si e portati a modi are il ampo (~e; ~h) e l'espressione per .
La nostra teoria dell'emissione e dell'assorbimento della lu e e fatta in modo tale
he, nel aso di un fotone on frequenza e direzione di propagazione determinati,
la dipendenza dal tempo della funzione d'onda sara des ritta mediante il fattore
omplesso exp [it, e he inoltre si possa far uso solo della parte del ampo (~e; ~h) per
la quale la dipendenza dal tempo nello sviluppo di Fourier ontenga solo exp [ it
on  positivo. Questa parte di ~e la si hiami f~, l'altra f~ . Si mostra allora he
assieme a
~e = f~ + f~
vale an he
~h = pi rot(f~ f~ ):

La parte del ampo (~e; ~h) he possiede la dipendenza temporale exp [+it ( > 0)
darebbe luogo ad emissione di lu e nello stato fondamentale e ad assorbimento
di lu e in stato superiore (fotoni d'energia negativa). Inoltre 12 (je2 j + jh2 j) viene
sostituito on l'espressione
 = 2f~f~ ;
he nello stato stazionario non ontiene piu nessuna parte dipendente dal tempo.
La proprieta menzionata della teoria dell'interazione di lu e e materia e di tipo assai
generale, poi he essa non dis ende dalla s elta parti olare dell'operatore hamiltoniano, ma gia dal requisito he la funzione d'onda del sistema omplessivo in prima
approssimazione si debba s omporre in un prodotto i ui fattori si riferis ono alla
sola materia e rispettivamente al solo ampo elettromagneti o. L'importanza di
questo requisito e gia stata menzionata nel x1.)
7
8

Foto ellule, lastre fotogra he.


Si osservi: le os illazioni del ampo (~e; ~h) o del ampo

 di per se

ovviamente non lo sono!

292

W. PAULI

[In identalmente si osservi he una analoga s omposizione dei ampi grandi (q~ H
~ ) in F~ ed F~  e ne essaria se si vuole sottrarre l'energia di punto zero
numeri) (E;
della radiazione.
Ora risulta una di erenza rispetto al ampo materiale:
An he nell'interazione on la materia permane l'assenza di \fotoni d'energia negativa", mentre per il ampo materiale e noto he la transizione da \stati d'energia
positiva" a \stati d'energia negativa" non puo essere eliminata.
Queste
p quantita f~ edpf~ introdu ono ne essariamente nella teoria l'operatore non
lo ale
 oppure 1= ; si ha a he fare non solo on la loro dipendenza temporale, ma an he (in assenza di ari he, he modi ano la loro dipendenza temporale)
addirittura on il loro omportamento in ontrollabile rispetto alle trasformazioni di
Lorentz. Si deve ri ordare an ora in parti olare he per le onde di Dira la ondizione aggiuntiva di utilizzare solo ampi on stati d'energia positiva (S hr
p odinger)
introdurrebbe
omunque
nella
teoria
un
operatore
non
lo ale
analogo
a
 ( ioe
p 2
m + ). Questi operatori non lo ali, he del tutto in generale si avvertono ome
innaturali, sono aratteristi i dell'es lusione degli stati d'energia negativa.
Abbiamo qui urtato nel problema irrisolto, he ragionevolmente deve porsi on gli
\stati d'energia negativa". Ci si dovra sempre attenere alla pres rizione: \Uno stato
stazionario orrisponde ne essariamente ad una soluzione on la dipendenza temporale exp [ it"? Cio naturalmente dipende da ome si puo des rivere l'interazione
tra lu e e materia.
An ora piu importante e la domanda: an he in una teoria futura del ampo
materiale, he permetta di evitare le di olta degli stati d'energia negativa, restera
valido il on etto della densita di probabilita W ? L'autore sospetta he una tale
teoria futura portera una modi a importante del on etto di spazio-tempo (non
solo del on etto di ampo) in regioni della dimensione h=m ovvero h=m 2 . In una
si atta teoria le di erenze qui dis usse tra fotoni ed elettroni saranno a res iute o
diminuite? Dobbiamo las iare aperta tale questione.
Veniamo ad una domanda meno di ile.
~ H~ ). Il ampo (E;
~ H
~ ) ha la proprieta
2. Di erenze tra il ampo  e il ampo (E;
he nel limite d'un gran numero di quanti di lu e e un ampo misurabile lassi amente, ioe un ampo per il quale non solo le ampiezze, ma an he le fasi siano
misurabili on pre isione relativamente assai alta. Ma in proposito e essenziale e
~ in un intervallo di tempo nito e legata ad
de isivo he: ogni misura di E~ o di H
una variazione indeterminata del numero di fotoni presenti. Lo si vede dal fatto
~ si deve utilizzare la forza di Lorentz. Il
he nella misura della fase di E~ o di H
orpo di prova ari o utilizzato a ausa della sua a elerazione irraggera nel ampo
da misurare ed emettera o assorbira energia (a se onda della relazione di fase on
il ampo di radiazione da misurare), quindi il numero di quanti di lu e ambiera
(dalla durata T della misura viene determinata la frequenza media   1=T dei
quanti di usi). Questo non e un a idente del pro esso di misura, ma dis ende
~ non sono oman he dal formalismo: il numero dei quanti di lu e N ed E~ o H
mutabili, le disposizioni sperimentali per la misura di queste quantita si es ludono
quindi mutuamente ( omplementarita ome nel aso di p e q).
Ora il ampo  ha da ubbidire alla statisti a di Fermi inve e he a quella
di Bose e io gia da solo rende impossibile misurarlo ome un ampo lassi o.
Gli autovalori delle funzioni  (~x) non onsistono infatti nell'insieme di tutte le
funzioni ontinue, ma in una varieta molto piu ristretta di erte funzioni s alino.

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 293


Per io in questo aso le  non sono un ampo nel senso onsueto. Immaginiamo i
altres delle parti elle elementari ttizie on statisti a di Bose, oppure onsideriamo
parti elle , e assumiamo he esse eser itino delle forze tra loro e le avvertano sotto
l'azione di ampi di radiazione esterni, ma he esse non si frantumino e he si
possa pres indere da e etti di struttura parti olari, ioe he si omportino ome
parti elle elementari. Allora se ondo Peierls9 risulta: in un insieme di parti elle
uguali, ostituito da quelle on statisti a di Bose, il ampo  e per prin ipio non
misurabile n he non hanno luogo pro essi nei quali il numero totale delle parti elle
ambia. Intervengono allora nella funzione di Hamilton solo elementi di matri e di
  ovvero di    =x (quantita he sono ommutabili on il numero totale
delle parti elle). La s elta della fase di  e quindi della dipendenza dal punto
della parte reale ed immaginaria e indi erente. Nell'assenza di quei pro essi (sui
pro essi di anni hilazione per irraggiamento non sappiamo nulla) e ontenuta an he
l'assenza dell'analogo della forza di Lorentz per il ampo materiale.

x3. La domanda sulla formulabilita della me ani a quantisti a


ome teoria di azione per ontatto.

La domanda in questione e assai omplessa e per essa vale in misura parti olare
il fatto he l'ultima parola in proposito non e stata a atto an or detta mediante
l'attuale teoria dei quanti. Tuttavia mi sembra he essa possa essere trattata an he
in modo diverso da ome ha fatto Ehrenfest nella sua nota.
In primo luogo non mi sembra ra omandabile senza ondizioni l'identi are il
on etto di teoria multidimensionale, ioe di una teoria he des rive le N parti elle
on uno spazio delle on gurazioni a 3N + 1 dimensioni - on il on etto di teoria
di azione a distanza. An he nella me ani a statisti a lassi a si introdu e per
esempio per la des rizione del omportamento statisti o di un insieme di parti elle
uno spazio delle fasi multidimensionale (se si in lude il tempo ome dimensione
spe iale, esso ha per N parti elle 6N + 1 dimensioni inve e he 3N + 1), e io an he
quando le forze tra le parti elle hanno una velo ita di propagazione nita, nel qual
aso non si puo quindi parlare a atto di azione a distanza. Inoltre le 3N oordinate
di posizione delle parti elle possono essere intese ome des riventi le loro posizioni
nel onsueto spazio tridimensionale.
Per io la domanda in questione non sara dis ussa qui dal punto di vista della
possibilita del re upero del ontinuo tetradimensionale, ma piuttosto nel modo
seguente. Nella teoria lassi a si passa dalla teoria d'azione a distanza a quella
d'azione per ontatto ris rivendo la legge di Coulomb on l'introduzione del ampo
elettri o ome on etto intermedio nelle equazioni di erenziali del ampo. La questione da dis utere qui e ora questa: si puo fare qual osa d'analogo an he nella
me ani a quantisti a?
Consideriamo dapprima ome nella teoria originaria di S hrodinger dello spazio
delle on gurazioni solo l'interazione elettrostati a delle parti elle, tras uriamo
quindi il ritardo e l'interazione magneti a. Introdu iamo allora ome on etto intermedio il ampo E~ (~x; t) dipendente dal -numero spazio (e dal -numero tempo).
Inoltre le oordinate del punto orrente siano determinate da ~x in ontrapposizione
on le 3N oordinate X~ (s) , s = 1; : : : ; N delle N parti elle. Le x1 ; x2 ; x3 sono

Questa osservazione di Peierls deriva dalla sua non pubbli ata Zuri her Habilitationsvortrag
sull'analogia tra lu e e materia e la si utilizza qui on il suo ortese onsenso.
9

294

W. PAULI

ommutabili on tutte le quantita, le X~ (s) non sono ommutabili on gli impulsi


~p(s) = (h=i)=X (s) . Il ampo E~ (~x) e ommutabile on le X~ (s) , ma non on le ~p(s) .
Come sostituzione della legge di Coulomb deve valere l'equazione:
div E~ (~x) = 4

(*)

N
X

es (~x X~ (s) ):

Se rs = j~x X~ (s) j e la distanza della parti ells s-esima dal punto orrente, sara

E~ (~x) =

~x X~ (s)
:
rs2 rs

X es

Come equazione di S hrodinger si deve ora assumere


"

h2
1 ~2
s +
E (~x)dx1 dx2 dx3 (t; X~ (s) )
2
m
2
s
s
3 2
X
(s =
(s)2 ):
k=1 Xk
Questa sarebbe identi a all'equazione di S hrodinger se non valesse
h
=
i t

1
2

1 X es es0
E~ 2 (~x)dx1 dx2 dx3 =
;
2 s;s0 rss0

dove s = s0 non e es luso. I termini d'energia propria 1=rss = 1 sono quindi


ontenuti in essa. Del resto si potrebbe renderli niti se nella ( ) al posto della
funzione venisse introdotta una funzione D nita, sensibilmente diversa da zero in
una regione on dimensioni lineari dell'ordine di grandezza del raggio dell'elettrone,
he fosse aratteristi a per la forma dell'elettrone.
Il pro edimento delineato si puo, ome e stato mostrato nell'elettrodinami a
quantisti a10 , generalizzare in modo tale da des rivere an he i pro essi magneti i
e radiativi (ritardo). Si potrebbe an he introdurre la funzione D della forma
dell'elettrone, solo he tale forma non sarebbe relativisti amente invariante (proprio
ome nella teoria lassi a).
Si hanno erti vantaggi ad adoperare, non il ampo grande per la materia ed
~ H
~ (non ommutabili!) e lo
il ampo di Landau-Peierls per i quanti di lu e, ma E;
(
s)
spazio delle on gurazioni delle Xk per la materia, poi he queste quantita sono
quelle he si omportano lassi amente nel aso limite. Per parti elle puntiformi
risulta allora una proprieta delle equazioni, he puo essere onsiderata ome invarianza relativisti a e he (senza utilizzare il ampo grande) puo essere dimostrata.
Ma an he a pres indere dalla questione dell'energia propria la teoria non mi pare
soddisfa ente: non a motivo di un'ipotesi d'azione a distanza, he a mio avviso non
sussiste piu, ma a seguito del singolare privilegio dello spazio rispetto al tempo,
he si esprime nell'utilizzo di un t per il tempo in luogo dell'utilizzo di tempi di

Vedi in proposito l'arti olo dell'autore in Handbu h der Physik menzionato all'inizio, he si
trova in stampa.
10

ALCUNE DOMANDE CHE RIGUARDANO LA MECCANICA QUANTISTICA 295


parti ella t(s) a anto al tempo t del punto orrente, he solo renderebbe la teoria
piu simmetri a.
E altres probabile he il problema dell'energia propria potra trovare una soluzione soddisfa ente solo mediante una modi azione dell'attuale on etto di spaziotempo. Una tale modi azione dovrebbe trasformare an he i on etti di \azione
per ontatto" e di \azione a distanza", poi he essi presuppongono essenzialmente
il on etto solito di spazio-tempo.
Zuri h, Physikalis hes Institut der Eidgen. Te hnis hen Ho hs hule.

296

M. RENNINGER
Dall'Istituto di Cristallogra a dell'Universita di Marburg/Lahn

Misure senza perturbazione dell'oggetto della misura12


M. Renninger

(ri evuto il 25 febbraio 1959)


Per mezzo di un esperimento on ettuale si dimostra he, ontro l'opinione
orrente, esistono ben dei pro essi di misura he non eser itano nessuna azione
sull'oggetto della misura. Queste misure \negative" onsistono nella determinazione
sperimentale dell'assenza di a adimenti he i si attendeva on una determinata
probabilita, determinazioni he - ontrassegno di una misura \vera" - danno nuove
predizioni sull'oggetto della misura, quindi ausano \riduzione della funzione d'onda" esattamente ome le osservazioni normali, \positive", he perturbano l'oggetto
della misura. Da io segue ne essariamente he il fondamento assai onsueto e
intuitivo della relazione di indeterminazione nella pretesa azione inevitabile di ogni
pro esso di misura sull'oggetto della misura e inammissibile. Essa ha inve e il suo
vero fondamento nell'interazione he tutta la materia dell'intorno vi ino e lontano
di una parti ella eser ita ininterrottamente su di questa, indipendentemente dal
fatto he essa fa ia parte o meno di un apparato di misura.

La relazione di indeterminazione di Heisenberg risulta in generale ome espressione del fatto - o quanto meno in relazione on il fatto - he l'azione del pro esso
di misura sull'oggetto della misura non puo essere resa in linea di prin ipio arbitrariamente pi ola345 . Poi he questa tesi e stata piu volte ripetuta di re ente,
per esempio da Heisenberg6 (1958)7 , da Brillouin8 , appare all'autore importante
indi are una ategoria di pro essi di misura, nei quali non si ha al una in uenza
sull'oggetto, ovvero, per utilizz