Você está na página 1de 208

Corso Multimediale di

Lingua Italiana

2010

2010 IESDE Brasil S.A. proibida a reproduo, mesmo parcial, por qualquer processo, sem autorizao por escrito dos autores e do detentor dos direitos autorais.

CIP-BRASIL. CATALOGAO-NA-FONTE SINDICATO NACIONAL DOS EDITORES DE LIVROS, RJ C398c Cerretelli, Andrea Carlo Corso multimediale di lingua italiana / Andrea Carlo Cerretelli, Fabiana Andrade. - Curitiba, PR : IESDE Brasil, 2010. 208 p. ISBN 978-85-387-0782-0 1. Lngua italiana - Compndios para estrangeiros. I. Andrade, Fabiana. II. Inteligncia Educacional e Sistemas de Ensino. III. Ttulo. 09-4498. CDD: 458.24 CDU: 811.131.1243

Capa: IESDE Brasil S.A. Imagem da capa: IESDE Brasil S.A.

Todos os direitos reservados. IESDE Brasil S.A. Al. Dr. Carlos de Carvalho, 1.482 Batel 80730-200 Curitiba PR www.iesde.com.br

Contenuti

Lezione 1: Primi passi.........................................................5


Le lettere dellalfabeto. ............................................................................................................... 7 I numeri........................................................................................................................................... 8 Che ora ? Che ore sono?. ......................................................................................................... 9 I giorni della settimana................................................................................................................ 9 I mesi dellanno. .......................................................................................................................... 10 Articoli determinativi................................................................................................................. 10 Singolare e plurale dei nomi.................................................................................................... 11

Lezione 2: Controllo passaporto.....................................17


Verbo essere presente............................................................................................................. 19 Aggettivo di nazionalit............................................................................................................ 19 Aggettivi qualificativi................................................................................................................. 21 Articoli indeterminativi..............................................................................................................22 Dialogo formale e informale....................................................................................................23

Lezione 3: Si comincia bene! .........................................27


Struttura delle frasi....................................................................................................................29 La Lombardia. .............................................................................................................................33

Lezione 4: Piccoli acquisti...............................................37


I verbi irregolari...........................................................................................................................39 Il gerundio. ................................................................................................................................... 41 Il presente presente............................................................................................................... 41 Il presente futuro.................................................................................................................... 42 Le descrizioni fisiche.................................................................................................................43

Lezione 5: Una cena tra amici.........................................49


Le preposizioni semplici e articolate..................................................................................... 52 Le preposizioni improprie........................................................................................................55

Lezione 6: Conoscenze in treno......................................63


Gli aggettivi e pronomi possessivi.........................................................................................66 Gli aggettivi e i pronomi dimostrativi.................................................................................... 70 Luso dei dimostrativi................................................................................................................. 70 I gradi dellaggettivo..................................................................................................................73 Il superlativo.................................................................................................................................73

Lezione 7: Caro diario.......................................................81


Passato prossimo indicativo ...............................................................................................84 I verbi riflessivi.............................................................................................................................86 Il passato prossimo del verbo riflessivo............................................................................... 87 Essere o avere? . ........................................................................................................................89 Note sugli ausiliari...................................................................................................................... 91

Lezione 8: Visita al teatro.................................................99


Imperfetto - indicativo. ...........................................................................................................102

Lezione 9: Una giornata al mare................................... 111


Pronomi diretti........................................................................................................................... 114 Pronomi indiretti. ...................................................................................................................... 118 Pronomi combinati...................................................................................................................120

Lezione 10: La sagra del paese.....................................127


Futuro semplice .......................................................................................................................130

Lezione 11: La notte della Taranta................................141


Il condizionale............................................................................................................................144

Lezione 12: Pesce fresco. .............................................. 153


I pronomi relativi.......................................................................................................................155 Gli interrogativi..........................................................................................................................159

Lezione 13: Lincontro con lo Zio..................................167


Imperativo diretto e indiretto (formale e informale).......................................................170

Lezione 14: II portachiavi...............................................181


La concordanza dei Tempi del Modo Indicativo.............................................................184

Lezione 15: Visita alla chiesa....................................... 195


Modi di dire ed espressioni idiomatiche............................................................................198

Lezione

Primi passi
Obiettivo
Nella lezione daremo inizio allo studio della lingua italiana, impareremo le lettere dellalfabeto, i numeri cardinali e ordinali, le ore, i giorni della settimana, i mesi dellanno, gli articoli determinativi singolari e plurali e come formare il plurale dei nomi.

Spiegazione
Stella, unallieva di lingua italiana, completa i suoi studi e saluta il suo professore. Adesso Stella pronta ad affrontare il suo viaggio in Italia. Conoscer e studier la cultura e la storia dellarte del Bel Paese. Stella in camera sua e prepara la valigia; immagina e pensa ad alta voce.

La partenza
Stella: Vediamo di non dimenticare niente?! Le scarpe da sera, le scarpe da ginnastica, i sandali, le infradito, i pantaloni, le gonne, la maglia. Stella: Forse meglio prendere anche una felpa?
Corso Multimediale di Lingua Italiana 6

Le calze, i calzini, le camicie e le magliette (con le maniche e senza), lintimo (le mutande e il reggiseno), il costume da bagno. Stella: Se il tempo non fa scherzi, dovrei trovare un po di primavera e un po destate. Meglio per, se prendo anche una giacca, non si sa mai! Dimenticavo il vestito da sera! Spero di andare a qualche bella festa! Stella: Vediamo cosa metto nel necessaire. Lo spazzolino da denti, il pettine e la spazzola, il trucco; il rossetto ecc. Lo shampoo e il balsamo, le lime da unghia e forbicine, pinzette. Mi sembra che c tutto? Mancano solo i regali per mio zio! Stella: Prima che dimentico, devo confermare il volo! (Stella prende il telefono e chiama la compagnia aerea) Pronto, sono Stella Bianchi. Vorrei confermare il mio volo San Paolo-Milano. Domenica 4 Maggio alle ore 7h30. S alle 19h30. Volo Alitalia B.V.T. Bologna, Venezia, Torino, 8349-8349. S, tutto a posto? Bene. Mi pu dire, quanto tempo prima devo fare il check-in? Due ore, benissimo. Mi pu confermare il peso del bagaglio? Sono 20kg per la valigia e 8kg per il bagaglio a mano. Benissimo. La ringrazio per la cortesia. Arrivederci.

Le lettere dellalfabeto
A G g O U J lunga B b H cca P p V v K cppa C c I Q c Z zta W v doppia X cs Y psilon
7

D d L lle R rre

E M mme S sse

F ffe N nne T t

Lezione 1 | Primi passi

Osservazioni
Queste cinque lettere J , K , W, X , Y non fanno parte dellalfabeto italiano, servono per scrivere le parole straniere. Le lettere -c e -g hanno il suono duro quando segue una vocale -a, -o, -u (cane, gatto, cavallo, cuore, gusto). Hanno, invece, il suono dolce quando seguono le vocali -i o -e (ciliegia, gelato). La lettera -e pu essere aperta (caff) o chiusa (perch).

Attenzione
Attenzione al suono C tchi G dji SCI - xi CHI - qui

I numeri
I numerali servono per indicare, in modo preciso, la quantit di qualcosa o lordine in cui qualcosa si trova allinterno di una serie.

I numeri cardinali
1 uno 2 due 3 tre 4 quattro 5 cinque 6 sei 7 sette
8

20 venti 21 ventuno 22 ventidue 23 ventitre 24 ventiquattro 25 venticinque 26 ventisei 27 ventisette 28 ventotto 29 ventinove 30 trenta 40 quaranta 50 cinquanta 60 sessanta 70 settanta 80 ottanta 90 novanta 100 cento 101 centouno

102 centodue 103 centotre 200 duecento 300 trecento 400 quattrocento 500 cinquecento 600 seicento 700 settecento 800 ottocento 900 novecento 1 000 mille 1 100 millecento 2 000 duemila 3 000 tremila 4 000 quattromila 5 000 cinquemila 6 000 seimila 7 000 settemila 8 000 ottomila

9 000 novemila 10 000 diecimila 20 000 ventimilla 30 000 trentamila 40 000 quarantamila 50 000 cinquantamila 60 000 sessantamila 70 000 settantamila 80 000 ottantamila 90 000 novantamila 100 000 centomila 1 000 000 um milione 1 000 000 000 um miliardo

8 otto 9 nove

Corso Multimediale di Lingua Italiana

10 dieci 11 undici 12 dodici 13 tredici 14 quattordici 15 quindici 16 sedici 17 diciassette 18 diciotto 19 diciannove

I numeri ordinali
1. primo 6. sesto 11. undicesimo 2. secondo 7. settimo 21. ventunesimo 3. terzo 8. ottavo 30. trentesimo 4. quarto 9. nono 100. centesimo 5. quinto 10. decimo 1000. millesimo

Osservazioni
Le date e i valori si scrivono in una solo parola, ad esempio: 1999 = millenovecentonovantanove o 1.200,00 = milleduecentoeuro

Che ora ? Che ore sono?


ore 6h00 Sono le sei 7h15min Sono le sette e un quarto. Sono le ore sette e quindici minuti. 10h30min Sono le dieci e mezza. Sono le ore dieci e trenta minuti. 11h40min mezzo giorno meno venti. Sono le ore undici e quaranta minuti. 24h mezzanotte. Sono le ore ventiquattro. 12h45min luna meno un quarto. Sono le ore dodici e quarantacinque minuti.
IESDE Brasil S.A.

9 Lezione 1 | Primi passi

14h20min Sono le due e venti. Sono le ore quattordici e venti minuti.

12h mezzogiorno. Sono le ore dodici.

13h luna. Sono le ore tredici.

I giorni della settimana


Febbraio Domenica Luned 1 7 14 21 28 8 15 22 Marted 2 9 16 23 Mercoled 3 10 17 24 Gioved 4 11 18 25 Venerd 5 12 19 26 Sabato 6 13 20 27

I mesi dellanno
Gennaio Febbraio Marzo Inizia la primavera Aprile Maggio Giugno Inizia lestate Luglio Agosto Settembre Inizia lautunno Ottobre Novembre Dicembre Inizia linverno

Articoli determinativi
Larticolo determinativo indica una cosa precisa. SINGOLARE IL + consonante MASCHILE L + vocale LO + S + consonante LO + Z, X, GN, PS LO + I + vocale LA + consonante L + vocale iL ragazzo Lindirizzo LO straniero LO zaino LO iettatore LA ragazza Lisola I ragazzi GLI indirizzi GLI stranieri GLI zaini GLI iettatori LE ragazze LE isole PLURALE

Corso Multimediale di Lingua Italiana

10

FEMMINILE

Gli articoli determinativi IL e I, si usano davanti ai sostantivi di genere maschile che cominciano per consonante. Larticolo determinativo singolare LO si usa davanti le lettere chiamate impure x, y, z, gn, pn, ps e s + consonante e i + vocale, seguito da una vocale si usa L. Larticolo determinativo plurale GLI usato con la stessa regola del articolo singolare LO e L.

Esempi
vocale: lorso, gli orsi; lamico, gli amici; i + vocale: lo iettatore, gli iettatori; lo iugoslavo, gli iugoslavi; gn: lo gnomo, gli gnomi; pn, ps : lo pneumatico, gli pneumatici; lo psicologo, gli psicologi; s + consonante: lo scivolo, gli scivoli; lo struzzo, gli struzzi; x e y: lo xilofono, gli xilofoni; lo yogurt, gli yogurt; z: lo zoccolo, gli zoccoli.
11

Larticolo femminile singolare LA si apostrofa (L) davanti sostantivi femminili che cominciano per vocale. Questo non accade con il plurale.

Lezione 1 | Primi passi

Esempi
lape, le api; lerba, le erbe; lisola, le isole.

Larticolo determinativo femminile plurale LE non cambia davanti vocale e consonante.

Singolare e plurale dei nomi


SINGOLARE Biglietto Sedia Fiume Il libro
IESDE Brasil S.A.

PLURALE Biglietti Sedie Fiumi I libri


IESDE Brasil S.A.

La chiave
IESDE Brasil S.A.

Le chiavi
IESDE Brasil S.A.

Attenzione
I nomi che finoscono in -e al singolare, tanto maschili come femminili, al plurale prenderanno la -i. O E A I I E

12

Corso Multimediale di Lingua Italiana

LItalia divisa in 20 regioni


IESDE Brasil S.A.
Escala grfica aproximada

125 Km

REGIONI 1 2 3 4 Liguria Piemonte Valle dAosta Lombardia

CAPOLUOGHI Genova Torino Aosta Milano

5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Basilicata Puglia Calabria Sicilia Sardegna

Trento Venezia Trieste Bologna Firenze Perugia Ancona Roma LAquila Campobasso Napoli Potenza Bari
13

Catanzaro Palermo Cagliari

Lezione 1 | Primi passi

Dati geografici
LItalia una penisola, bagnata dal Mar Ligure, dal Mar Tirreno, dal Mar Adriatico e dal Mar Ionio, che nel complesso fanno parte del Mar Mediterraneo. Le Alpi Occidentali, Centrali e Orientali la dividono dalla Francia, dalla Svizzera, dallAustria e dalla Slovenia. Una catena di montagne, gli Appennini (settentrionali, centrali e meridionali) la divide per tutta la sua lunghezza. LItalia ha una superficie di 301 401km2 e una popolazione di 60.017.677 abitanti. Come tutti sanno, lItalia ha la forma di uno stivale. Le sue isole pi grandi sono la Sicilia e la Sardegna.

La storia
Il Regno dItalia nato nel 1861, sotto la dinastia di Casa Savoia con capitale Torino. Nel 1865, Firenze diventa capitale provvisoria, e solo nel 1871 che Roma diventa la capitale definitiva. A Roma nacquero lImpero Romano, Romolo e Remo. Ed qui che risiede anche lo Stato del Vaticano, dove risiede il papa. LItalia ospita, allinterno del suo territorio nazionale, anche un altro Stato, la Repubblica di San Marino.

Il clima e la mentalit
Il clima, dal Nord al Sud cambia molto. Nel Nord Italia fa pi freddo e al Sud pi caldo, cos troviamo una vegetazione diversa come anche sono diversi i prodotti tipici regionali. Anche la mentalit cambia, le persone al Nord sono un po pi rigide e organizzate mentre la gente del Sud pi calorosa e divertente.

Le influenze culturali, nellarco della storia, hanno segnato alcune regioni pi di altre. Cos, troviamo influenze arabe e greche un po in tutto il Meridione, particolarmente in Sicilia e in Calabria. Mentre nel Settentrione, abbiamo influenze francesi in Piemonte e Liguria e influenze austriaco-ungare in Alto Adige e Friuli. In tutto il territorio italiano si parla litaliano, con eccezione dellAlto Adige, dove viene parlato anche il tedesco. Tutte le regioni italiane sono molto antiche, infatti, hanno tutte un loro dialetto che le distingue.

Ape Apparve Arrivederci / ArrivederLa Bagaglio a mano Bene Benissimo Bikini Calze Calzini Camera Camicia Ciliegia Costume da bagno Documentario Esercizio Estate Facciamo il punto Felpa Forbicina Giacca Giro dItalia Gonna Hai capito? Iettatore Indumenti Infradito Intimo Lime da unghia Lista Maggio Maglia

Maglietta Manica Mettiti alla prova Mutande Mutandine Pantalone Pettine Pinzette Primavera Reggiseno Rossetto Rubrica Sandali Scarpe Scarpe con tacchi Scarpe da ginnastica Scivolo Spazzola Spazzolino da denti Spiegazioni Struzzo Trucco Tuttora Vacanze Valigia Vestito da sera Viaggiare Viaggio Vita reale Zaino Zoccolo

Corso Multimediale di Lingua Italiana

14

Piccole frasi
Vediamo di non dimenticare niente. Se il tempo non fa scherzi.

CD di

audi

Spero di andare a qualche bella festa. Non si sa mai. Vediamo cosa metto nella valigia. Mi sembra che c tutto. Vorrei confermare il volo. Mi pu dire quanto. La ringrazio per la cortesia.
15

CD di

audi

Lezione 1 | Primi passi

Guarda che bella storia


Gi allepoca degli antichi etruschi (un popolo di grande civilt), si parlava dell Italia come etnia geografica. In seguito vennero i Romani che, a partire del III Secolo a.C. dominava lintera penisola e gran parte dellEuropa. La parola italia apparve per la prima volta su una moneta del primo secolo a.C. creata dalla confederazione dei popoli italici in rivolta contro Roma. Il lungo dominio di Roma (dal III secolo a.C. al V secolo d.C.) tuttora presente e visibile in ogni angolo dItalia, infatti, i monumenti storici come tempi, teatri, strade e acquedotti sono parti integranti di molte citt italiane. Dopo il declino dellImpero Romano, lItalia fu invasa da popoli stranieri. Nonostante ci, lItalia divenne un importante centro per il commercio e larte, grazie alle sue citt-stato indipendenti come Venezia, Firenze, Siena, Genova e Milano. Nel secolo successivo, questi piccoli stati furono poi invasi da grandi stati come la Spagna e lAustria. Solo il piccolo Regno del Piemonte rimase indipendente fino alla definitiva unit dellItalia. Dopo lultima guerra mondiale nel 1946, un referendum popolare abol la monarchia e proclam la Repubblica Italiana.

Una curiosit geografica


Se immaginiamo di tracciare sulla carta dItalia tre linee, cio: una linea che colleghi il punto pi a Nord, la Vetta dItalia, con il punto pi a Sud, lisola di Lampedusa, poi una seconda, che unisca i punti estremi della sua larghezza, monte Argentario e monte Conero, e finalmente una terza linea che colleghi il monte Bianco, in Valle dAosta, con il capo di Santa Maria di Leuca, in Puglia, il punto dintersezione di queste tre rette si trova in prossimit di Assisi, la citt del Santo Patrono dItalia.

Lezione

Controllo passaporto
Obiettivo
Nella lezione impareremo il verbo ausiliare essere; gli articoli indeterminativi singolari e plurali; gli aggettivi di nazionalit; gli aggettivi qualificativi; e vedremo insieme il dialogo formale e informale.

Spiegazione
Stella arriva allaeroporto di Milano, di mattina, attende in fila il controllo passaporto.

Controllo passaporto
(Stella arriva al controllo passaporto a Milano, di mattina.) Poliziotto: Il prossimo!

Stella: Buongiorno.
18

Poliziotto: Buongiorno, il passaporto per favore. Stella: Appoggia il passaporto sul tavolo... Eccolo! Poliziotto: Signora o Signorina... Stella Bianchi? Stella: Signorina. (Il poliziotto controlla i documenti!) Poliziotto: Da dove viene? Stella: Da San Paolo, sono brasiliana.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Poliziotto: Qual il motivo del suo viaggio? Stella: Turismo, vengo in Italia per viaggiare e fare vacanze. Poliziotto: Posso vedere il suo biglietto di ritorno? Stella: S, eccolo qui. (Gli d il biglietto) Poliziotto: la prima volta che viene in Italia, Signorina? Stella: S, sono molto curiosa di conoscere il Vostro paese. Poliziotto: Bene, tutto a posto! Le auguro un buon soggiorno. Stella: Grazie, arrivederci.

Verbo essere presente


VERBO AUSILIARE ESSERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro sono sei siamo siete sono Stella Bianchi una studentessa di Parigi al ristorante turisti a casa in vacanze
19 Lezione 2 | Controllo passaporto

Esempi
(Io) sono Stella Bianchi, sono brasiliana di San Paolo. (esistere) Io sono felice di essere qui. (stare)

Aggettivo di nazionalit
Di dove sei? Per sapere la nazionalit e provenienza di una persona si domanda: Di dove sei (tu)? (Io) Sono di Chicago. (Io) Sono americana. Di che nazionalit lei? Lei africana. (Voi) Siete greci? S. No, (Noi) siamo turchi.

Osservazioni
Non ci sono regole per creare laggettivo di nazionalit, di solito hanno la stessa radice della nazione. Esempio: Cina cinese. Eccezione! Germania tedesco. Laggettivo si scrive con lettera minuscola!

PAESE

AGGETTIVI DI NAZIONALIT -ano(a)

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Brasile Corea America Australia Egitto Messico Italia

brasiliano(a) coreano(a) americano(a) australiano(a) egiziano(a) messicano(a) italiano(a -ese

20

Inghilterra Olanda Norvegia Cina Portogallo Canada

inglese olandese norvegese cinese portoghese canadese -ense

Stati Uniti dAmerica

statunitense -ino/a

Argentina Tunisia

argentino(a) tunisino(a) -eno/a

Cile

cileno(a) -o/a

Russia Grecia

russo(a) greco(a)

CONTINENTI America (Oceania) Australia Asia Africa Europa

AGGETTIVI americano(a) australiano(a) asiatico(a) africano(a) europeo(a)

Aggettivi qualificativi
Gli aggettivi servono a descrivere meglio il nome, spiegando le sue qualit.

Esempi
21

Buono, cattivo, stupido, intelligente, giovane, vecchio ecc.

Lezione 2 | Controllo passaporto

Gli aggettivi si relazionano normalmente con il numero e genere dei nomi cui fanno riferimento, dunque, possono essere singolari o plurali, maschili o femminili. La maggior parte degli aggettivi maschili ha il singolare con la terminazione -o e il plurale con la terminazione -i, ed i femminili con terminazione -a nel singolare e -e nel plurale. Tutti gli aggettivi che finiscono in -e, sia femminili sia maschili, prendono al plurale la -i. SINGOLARE Maschile (-o) Femminile (-a) Maschile (-e) Femminile (-e) ragazzo carino ragazza simpatica bambino felice casa grande PLURALE ragazzi carini ragazze simpatiche bambini felici case grandi

AGGETTIVI (-o) Carino -a, -i, -e buono -a, -i, -e bravo -a, -i, -e brutto -a, -i, -e simpatico -a, -i, -e antipatico -a, -i, -he piccolo -a, -i, -e solo -a, -i, -e alto -a, -i, -e basso -a, -i, -e povero -a, -i, -e fortunato -a, -i, -e duro -a, -i, -e impegnato -a, -i, -e imprevisto -a, -i, -e ricco -a, -hi, -he noioso -a, -i, -e timido -a, -i, -e stupido -a, -i, -e spigliato -a, -i, -e

AGGETTIVI (-e) intelligente -i appassionante -i intrigante -i affascinante -i accattivante -i disponibile -i semplice -i attraente -i gioviale -i particolare -i grande -i triste -i felice -i interessante -i elegante -i assente -i importante -i breve -i centrale -i attuale -i gentile -i ALCUNI COLORI

Corso Multimediale di Lingua Italiana

22

bianco -a, -hi, -he rosso -a, -i, -e giallo -a, -i, -e nero -a, -i, -e verde -i arancione -i marrone -i azzurro -a, -i, -e

Articoli indeterminativi
Larticolo indeterminativo indica una cosa, animale o persona generica. SINGOLARE UN + consonante UN compito UN + vocale UNufficio UNO + S + consonante UNO stadio UNO + Z, X, GN, PS UNO zaino UNA + consonante UNA poltrona UN + vocale UNesperienza PLURALE DEI compiti DEGLI uffici DEGLI stadi DEGLI zaini DELLE poltrone DELLE esperienze

MASCHILE

FEMMINILE

Esempio
Nella valigia c la maglia rossa di Stella. Nella valigia c una maglia. Gli articoli indeterminativi seguono le stesse regole degli articoli determinativi.

Dialogo formale e informale


Formale
Stella: Buongiorno, sono Stella Bianchi.
Lezione 2 | Controllo passaporto

23

Jean: Jean Bernard, piacere. Lei italiana? Stella: No, sono brasiliana, di San Paolo. E Lei? Jean: Sono francese, di Lione. in Italia da molto tempo? Stella: No, solo da due giorni, sono turista.

Informale
Jean: Ciao! Come ti chiami? Stella: Stella e tu? Jean: Io mi chiamo Jean, piacere. Di dove sei? Stella: Sono brasiliana di San Paolo. Tu sei francese? Jean: S, sono francese di Lione. Da quanto tempo sei a Milano? Stella: Sono qui da due giorni, sono turista.

Folclore, feste e sagre popolari


Il termine folclore usato spesso per indicare antiche feste cittadine, sagre ed esibizioni di gruppo come canti e danze tradizionali. Deriva da due parole antiquate di origine sassone: folk = popolo e lore = sapere. Letteralmente, quindi, sapere del popolo. Il termine inglese ha trovato grandi resistenze, dove il senso della nazionalit e della purezza della lingua molto vivo. In Germania, il termine Volkskund introdotto nel fine dellOttocento attraverso la letteratura romantica. Oggi, questo termine comunemente usato come tradizione popolare. Esiste unattivit spirituale della collettivit, questa crea, tramanda e rinnova la vita sociale di una cultura. Questa forza spirituale possiede un patrimonio di valori etici ed estetici, che si manifestano in un costume e in una credenza che si conserva nel tempo. Talvolta il termine popolare pu confondersi con il termine nazionale, perch certi usi si stendono a tutta la comunit, basti pensare agli usi natalizi, nuziali e alle principali feste dellanno.

Folclore, credenze e superstizioni


Molte usanze e credenze ritengono semplici curiosit, si sono conservate nel popolo, anche se si persa la coscienza del loro significato originario. Una credenza antichissima e molto diffusa quella che, nei giorni dinizio dellanno, tutte le forze sopranaturali acquistino una potenza straordinaria, soprattutto sul punto di mezzanotte. proprio nella notte di Natale o di Capodanno che le ragazze traggono gli auspici per un prossimo matrimonio. Per questo motivo, nella vigilia di Natale e Capodanno, le buone famiglie se ne stanno a tavola a giocare a tombola, ma oramai lo fanno per semplice passatempo. Anche le ricette tradizionali fanno parte del folclore. I dolci fatti con mandorle e nocciole, come i confetti e il torrone, hanno antica credenza che questi favorissero la nascita di bambini. Allo stesso modo, quando mangiamo il panettone, i chicchi duva passa richiamano limmagine delle monete doro, la stessa ricchezza auspicata mangiando le lenticchie a Capodanno.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

24

Aggettivo Appoggiare Augurio Auspicare Buongiorno Controllo passaporto Credenze Curiosa Domenica Grazie Motivo Paese Per favore Piccolo

Posto Prossimo Ritorno Semplice Spiegazioni Signora Signorina Soggiorno Tavolo Usanze Vacanze Viaggio Viaggiare

Piccole frasi
Da dove viene? Di dove sei? Qual il motivo del uo soggiorno? Vengo in Italia per vacanze. Posso vedere il suo biglietto? Ecco qui! la prima volta che viene in Italia? Le auguro un buon viaggio.

CD di

audi

Dove si trova lufficio della compagnia aerea? Laeroporto lontano della citt?

25 Lezione 2 | Controllo passaporto

A che ora la partenza? Preferirei un posto vicino alla finestra.

CD di

audi

Mangiare bene, bere meglio


Un viaggio in Italia pu essere motivato dal desiderio di conoscere e gustare la cucina italiana. Quella dei pi famosi ristoranti nelle pi notevoli citt gastronomiche, come anche quella delle mille piccole trattorie e osterie, che si trovano nei paesini pi sperduti. Le specialit consistono nella rielaborazione di piatti tradizionali o nella riscoperta e nelluso di prodotti tipici. Bont fresche e genuine sono la base di queste specialit gastronomiche italiane, dalla fonduta piemontese alla caponata siciliana, dal risotto alla milanese alla mozzarella campana, dai risi del Veneto alla porchetta romana, dalle trenette al pesto della Liguria alla bistecca alla fiorentina, le lasagne emiliane e gli spaghetti alla chitarra dellAbruzzo. Certo che non tutta qui la cucina italiana. LItalia ha davvero mille piatti diversi, centinaia di specialit regionali e uninfinit di gustosissimi prodotti tipici, grazie ad un sistema agroindustriale moderno e avanzato, ma attento a conservare i sapori tradizionali. Per quanto riguarda il vino, lItalia non teme confronti. Una civilt enologica che, con i suoi bianchi, rossi, rosati, passiti e spumanti, offre unampia carta di prodotti di ottima qualit. Insomma, in Italia si pu veramente mangiare e bere bene.

Lezione

Si comincia bene!
Obiettivo
Nella lezione impareremo laltro verbo ausiliare avere, la struttura delle frasi, i verbi regolari e la famiglia.

Spiegazione
Stella arrivata in albergo a Milano. Quando apre la sua valigia, si accorge che non sono i suoi vestiti e che la valigia stata scambiata. Guardando labbigliamento si accorge che la valigia di un Signore distinto di una certa et. Chiama il responsabile dellalbergo per risolvere la questione con la compagnia aerea.

Lo scambio
Stella: Ohh! Finalmente sono arrivata in albergo, non ce la faccio pi con queste scarpe ai piedi. Stella: Voglio aprire subito la valigia, cos mi organizzo e poi faccio una bella doccia.
28

Stella: Ma, questi non sono i miei vestiti! Stella: Vediamo... un impermeabile, una giacca, camice, pantaloni, un gil... Sembrano i vestiti di un signore di una certa et.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella: Un foulard che sembra di unaltra epoca. Stella: I guanti, la sciarpa, il cappello ed il maglione... Forse questo signore stava andando in un posto dove fa freddo? Forse qualche citt del nord Europa, i paesi Scandinavi? Pu essere. Stella: Comunque, meglio rimettere tutto per bene nella valigia. Spero che anche Lui far lo stesso con le mie cose. Stella: Anzi! Voglio lasciare un piccolo souvenir poich abbiamo avuto un momento dintimit. Stella: Cos, quando il mio amico apre la valigia, trover un indizio di chi ha frugato tra le sue cose. Stella: Pronto, parlo con il responsabile dellalbergo. Sono Stella Bianchi, stanza 236. Ho bisogno di un piacere. Sono appena arrivata in camera, ho aperto la valigia e ho visto che c stato uno scambio di valigia. Lei potrebbe farmi la cortesia di contattare la compagnia aerea Alitalia e risolvere con loro questo equivoco? Stella: S... pu venire a ritirare la valigia qui in camera. Le preparo anche il biglietto aereo, cosi pi facile.

Stella: La ringrazio della comprensione. Arrivederci. Stella: Vado a fare un bagno, cos mi rilasso un po, dopo voglio andare a comprare qualcosa da mettermi, non so quando rivedr la mia valigia!

Verbo avere presente


VERBO AUSILIARE AVERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro ho hai ha abbiamo avete hanno 25 anni due fratelli fame? una bella borsa una casa al mare vacanze a luglio? una macchina nuova
29 Lezione 3 | Si comincia bene!

Attenzione
Avere indica: Possesso io ho una valigia. Parentela io ho due fratelli. Sensazione io ho fame, sonno. Dovere io ho tanto da fare. Et Giovanni ha trentotto anni. Bisogno - Marco ha bisogno di pi attenzione.

Struttura delle frasi


SOGGETTO Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro VERBO parlo lavori legge abitiamo guardate hanno OGGETTO portoghese lontano il giornale a Perugia la partita una famiglia bellissima

Osservazioni
Gli elementi essenziali delle frasi italiane sono: SOGGETTO VERBO OGGETTO Esempi con lausiliare AVERE Ho la febbre.
IESDE Brasil S.A.

Ho mal di denti.
IESDE Brasil S.A.

IESDE Brasil S.A.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

30

IESDE Brasil S.A.

Ho sonno.
IESDE Brasil S.A.

Ho sete.
IESDE Brasil S.A.

Ho fame.
IESDE Brasil S.A.

Presente dellindicativo
Lindicativo indica la realt, la certezza. unazione che avviene ora, in questo momento; unazione che avviene nel futuro; unazione o qualit sempre vera o abituale. I verbi si dividono in tre gruppi de coniugazioni: -ARE -ERE -IRE

IESDE Brasil S.A.

IESDE Brasil S.A.

Non ho voglia di studiare.

Ho due fratelli.

IESDE Brasil S.A.

Ho il raffreddore.

Ho la tosse.

Ho paura.

Indicativo
PRESENTE ARE Abit -ARE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro abitabitabitabitabitabito i a iamo ate ano Rid -ERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro ridridridridridrido i e iamo ete ono ERE

PRESENTE IRE (a) Dorm -IRE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro dormdormdormdormdormdormo i e iamo ite ono Cap -IRE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro capcapcapcapcapcapisco isci isce iamo ite iscono IRE (b)*
31 Lezione 3 | Si comincia bene!

Il verbo formato da due parti: la parte iniziale, che non cambia, si chiama RADICE ed il significato del verbo. la parte finale, che cambia, si chiama DESINENZA ed la parte che distingue la persona che compie lazione, il numero delle persone nel singolare o plurale ed il tempo in cui accade lazione.

Esempio
LAVORARE verbo nel infinitivo LAVOR -IAMO

radice

desinenza

Radice lavor (significato) Desinenza -iamo (noi) Indica: prima persona plurale; modo indicativo; tempo presente.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

32

IESDE Brasil S.A.

Nonno

Nonna

Nonno

Nonna

Suocero

Suocera

Pap

Mamma

Zio

Zia

Marito

Stella

Cognato

Sorella

Fratello

Cognata

Cugino

Cugina

Figlio

Nuora

Genero

Figlia

Nipote

Nipote

Nipote

Nipote

La Lombardia
La Lombardia la pi ricca e sviluppata regione dItalia, e la pi popolosa. La citt di Milano conosciuta nel mondo come grande citt dindustrie e di commerci. Oltre ad un suo patrimonio storico, artistico e naturalistico, vanta di essere la citt pi moderna e avanzata dItalia; dallinnovazione tecnologica alla moda, dalla pubblicit al design, dai modelli di vita agli esperimenti politici. Insomma, Milano fa tendenza. Eppure anche se una metropoli moderna e dinamica, proiettata nel futuro, possiede straordinari tesori architettonici e artistici. Pensiamo ai suoi gioielli, il Duomo (splendida cattedrale gotica) e il Castello Sforzesco. Per gli amanti della musica classica si consiglia di non perdere il famoso Teatro alla Scala, e per i appassionati dellArte la Pinacoteca di Brera e la Basilica di San Ambrogio. La regione offre splendidi paesaggi naturali, i parchi (Parco dello Stelvio), i fiumi e laghi, oltre alle colline e montagne. Milano, infatti, non lunica citt della Lombardia che merita essere conosciuta. Opere darte e monumenti di notevolissimo valore sincontrano in citt come Bergamo, Brescia, Como e Mantova. Ogni epoca ha lasciato una notevole impronta culturale e artistica, dal romanico al gotico, dal rinascimentale al barocco. Nelle strutture urbanistiche e negli edifici civili, troviamo innovative soluzioni architettoniche della modernit. La Lombardia vanta di essere un importante patrimonio culturale ed economico del paese.

33 Lezione 3 | Si comincia bene!

Milano, centro di moda e design


La citt di Milano , da molti anni, un polo mondiale per la moda e il design. Infatti, in occasione del Salone del mobile e della Settimana della moda, migliaia dinteressati da tutto il mondo vengono a Milano per conoscere le novit che faranno tendenza. In occasione di queste manifestazioni, la citt non si ferma mai, dalla mattina alla mattina successiva, un susseguirsi diniziative coinvolge tutta la citt, con allestimenti e feste aperte al pubblico di ogni et. La nuova zona Fieristica di Rho studiata per accogliere la marea di persone di questo avvenimento. Nella Zona dei Navigli e nella Zona Tortona, si concentrano molte esposizioni darte, oltre ai numerosi bar e ristoranti, che inventano sempre specialit gastronomiche diverse per soddisfare il gusto eclettico del loro pubblico. Milano certamente unattrazione da non perdere.

Albergo Appartenere Aprire Appena Arrivare

Avanti Bagno Bene Bisogno Cappello

Certa Citt Citofono Comprensione Comunque Contrattare Cortesia Cose Cos Distinto
34

Massaggiare Maglione Meglio, migliore Non Organizzare Paese Personale Piccolo Poich Posto Pronto Responsabile Rilassare Ritirare Rivedere Scambio Sciarpa Sembra Signore Sorpresa Souvenir Subito Vestito

Doccia Elencare Epoca Equivoco Erroneamente Et Freddo Frugare Foulard Gil Guanti Gentilezza Impermeabile Intimit

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Piccole frasi
Finalmente sono arrivata. Non ce la faccio pi.

CD di

audi

CD di

audi

La storia della regione Lombardia


La grande migrazione celtica verso la Padania nel V e IV secoli a.C. fu uninfluenza decisiva per lo sviluppo dei popoli lombardi. Due secoli pi tardi le milizie di Roma estesero il loro dominio in tutta la pianura del Po. In seguito, la Padania passa sotto il controllo dei Longobardi che due secoli dopo passa ai successori, i Franchi, che con Carlo Magno fondarono il Regnum Italicum, con la sede centrale a Pavia. Con limperatore Ottone I, la Lombardia entr a far parte del sacro romano impero. Nel 1155 Federico I il Barbarossa, divenne re dItalia, contro il quale si costitu la prima Lega Lombarda in funzione anti-imperiale, fra le citt di Milano, Bergamo, Brescia, Lecco, Cremona e Mantova. Con la sconfitta del Barbarossa, le citt della Lega ottennero diritti e autonomie comunali che consentirono un notevole sviluppo economico e culturale di tutto il territorio. Il 1278 segna il declino delle autonomie perch Ottone Visconti, arcivescovo di Milano, proclamato signore di Milano; ha cos inizio la signoria viscontea che dura fino al 1450 quando Francesco Sforza divenne duca di Milano. La signoria dei Visconti segn un periodo di grande fermento culturale: fecero costruire lo splendido castello di Pavia e fondarono la Biblioteca del castello che in seguito divenne la famosa Universit di Pavia. Alla corte dei Visconti, lavorarono i pi grandi cuochi dellepoca preparando banchetti suntuosi nei quali primeggiavano le carni di selvaggina e di bovini. Anche i pi grandi artisti dellepoca vennero in Lombardia per realizzare importanti opere. Fra tutti, ricordiamo Leonardo da Vinci che giunse a Milano nel 1483 per eseguire la Vergine delle Rocce, commissionato dalla Confraternit dellImmacolata Concezione. Con le lotte tra Francia e Spagna la ricchezza economica che consenti tanto fervore culturale si esaur quando la Francia ottenne il ducato. Ma con la peste, scoppiata nel 1628 e che dura tutto il secolo, che lintera Lombardia finisce in povert. Alla met del 700 la regione viene divisa fra lAustria, in possesso di Bergamo e Brescia, la Spagna e la Francia. Milano diviene un centro importante a livello europeo per i rapporti che si creano con Austria, Svizzera e Francia. Questo permette un grande sviluppo e crescita di tutta la Lombardia. Laffacciarsi di Napoleone sulla scena politica italiana stravolge il quadro geopolitico del nordItalia. Nel 1797 costituita la Repubblica Cisalpina, comprendendo la Lombardia, Bologna, Ferrara, Modena, con capitale a Milano che, nel 1801 si trasforma in Repubblica Italiana. Con la caduta di Napoleone, la Lombardia e il Veneto sono aggregati allimpero asburgico (Austriaco) e ancora una volta la regione ha una ripresa economica-culturale. La ribellione alla mancanza di libert despressione la base delle prime azioni antiaustriache, con protagonisti i nobili e borghesi e con il riscatto anche delle classi lavoratrici. Cos, nel 1861 fu proclamato Vittorio Emanuele II di Savoia re dItalia.
Lezione 3 | Si comincia bene! 35

Lezione

Piccoli acquisti
Obiettivo
Nella lezione impareremo i verbi irregolari nel presente; il gerundio; presente presente; presente futuro; il partitivo singolare del, della; i partitivi plurali dei, degli, delle; e le descrizioni fisiche.

Spiegazione
Stella in via Montenapoleone, a Milano. Passeggia, guarda le vetrine di alta moda: Gucci, Valentino, Prada, Ferragamo, Armani ecc. indecisa, ha limbarazzo della scelta. Quando arriva in Piazza San Babila decide di cercare un negozio. Entra in un negozio ed acquista alcuni vestiti.

Piccoli acquisti
Stella: Buona sera.
38

Commessa: Le posso essere daiuto? Stella: No, grazie, vorrei solo dare unocchiata. Commessa: Faccia pure, se ha bisogno, mi pu chiamare. Stella: La ringrazio. Stella: (Bello, questo modello! Forse le chiedo se ha la mia taglia.) Mi scusi, pu vedere se avete la mia taglia?

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Commessa: S, guardi, le taglie che abbiamo sono tutte qui. Stella: Ah grazie, posso provarlo? Commessa: Certo signorina, il camerino qui dietro, venga. Stella: Mi sta bene, questa misura perfetta. Vorrei abbinarlo a un paio di sandali, mi pu fare vedere qualche modello?

Commessa: Ma certo signorina, come le piacciono i sandali, di cuoio o di tessuto? Stella: Vediamo cosa avete. Commessa: Li voleva con il tacco o senza? Stella: Li preferisco senza tacco, ho limpressione che camminer molto nei prossimi giorni e il tacco non adatto.

Commessa: Capisco, forse un modellino come questo pu andare bene? Stella: S, sono proprio belli. Quello che avevo in mente. Commessa: Vuole provarli? Stella: S grazie, posso sedermi qui? Commessa: Certo, faccia pure con come. Stella: Ho deciso, prendo il vestito e i sandali. Commessa: Come vuole pagare, in contanti o con la carta di credito? Stella: Vorrei pagare con la carta di credito. Accettate la carta Visa? Commessa: S, signorina, lavoriamo con tutte le carte di credito. Commessa: Pu inserire il codice? Commessa: Ecco qui, la ringrazio... Stella: Grazie a Lei, arrivederci. Commessa: Buona sera.
39 Lezione 4 | Piccoli acquisti

I verbi irregolari
Seguono i verbi irregolari, del presente indicativo, pi importanti. AVERE Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro ho hai ha abbiamo avete hanno STARE Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro sto stai sta stiamo state stanno ESSERE sono sei siamo siete sono SAPERE so sai sa sappiamo sapete sanno FARE faccio fai fa facciamo fate fanno POTERE posso puoi pu possiamo potete possono DARE do dai d diamo date danno DOVERE devo devi deve dobbiamo dovete devono ANDARE vado vai va andiamo andate vanno VOLERE voglio vuoi vuole vogliamo volete vogliono

NOTA: I verbi modali: potere, dovere, volere possono coniugare i tempi composti, come i verbi ausiliari essere o avere.

SCEGLIERE Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro scelgo scegli sceglie scegliamo scegliete scelgono RIMANERE Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro
40

BERE bevo bevi beve beviamo bevete bevono USCIRE esco esci esce usciamo uscite escono RIUSCIRE riesco riesci riesce riusciamo riuscite riescono

DIRE dico dici dice diciamo dite dicono MORIRE muoio muori muore moriamo morite muoiano PIACERE piaccio piaci piace piacciamo piacete piacciono

VENIRE vengo vieni viene veniamo venite vengono TOGLIERE tolgo togli toglie togliamo togliete tolgono APPARIRE appaio appari appare appariamo apparite appaiono

SALIRE salgo sali sale saliamo salite salgono TENERE tengo tieni tiene teniamo tenete tengono SCIOGLIERE sciolgo sciogli scioglie sciogliamo sciogliete sciolgono

rimango rimani rimane riamaniamo rimanete rimangono SEDERSI

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro

mi siedo ti siedi si siede ci sediamo vi sedete si siedono

Esempi
Sabato vado al mare con le mie amiche. Spengo le luci per vedere le stelle. Usciamo presto stasera. Oggi fa molto caldo. Quando salgo sul autobus ho il biglietto in mano.

Il gerundio
Il gerundio si forma nel presente indicativo. Verbo: ARE -ando, ERE -endo, IRE -endo.

Attenzione
PARLARE verbo nel infinitivo PARL ANDO

radice Radice parl (significato)

desinenza
41

Desinenza ando (gerundio verbo are) Radice + Desinenza gerundio parlare leggere finire parlando leggendo finendo

Lezione 4 | Piccoli acquisti

Il gerundio di tutti i verbi si forma in questo modo, con leccezione di FARE facendo, BERE bevendo, DIRE dicendo.

Il presente presente
Il gerundio si usa molto spesso, preceduto dal verbo STARE (allindicativo presente o imperfetto) per indicare unazione in svolgimento. Il presente presente utilizzato per esprimere cosa facciamo in questo preciso momento (adesso, ora). Per comporre il presente presente, dobbiamo coniugare il verbo stare nel presente indicativo e aggiungere il gerundio. Stare Io Tu Noi Voi sto stai sta stiamo state stanno

Lui, lei, Lei

Loro

Esempio
Che cosa stai facendo? Cosa stanno facendo? Mangiare Sto mangiando la pasta. Stanno mangiando la pizza. Leggere Sto leggendo un libro. Stanno leggendo il giornale. Finire S  to finendo i compiti. Stanno finendo gli esami.

Il presente futuro
Il presente futuro utilizzato per esprimere cosa faremo in futuro, utilizzando il presente indicativo, dando alla frase una nozione di tempo (dopo, in seguito, in futuro).

Corso Multimediale di Lingua Italiana

42

Esempi
Domani sera vado al cinema. Fra due mesi vado in vacanze. Fra due settimane arrivano Cristopher e Laura. Lanno prossimo vado in Italia. Domani mattina faccio colazione al bar. Fra due mesi arriva lestate. Domenica sera vengo anchio alla festa.

Le descrizioni fisiche
3 1 6 2 5 4
IESDE Brasil S.A.

43

1) Mariana una ragazza giovane, con i capelli lisci e lunghi. 2) Marco un ragazzo calvo e robusto. 3) Cinzia una donna di pelle chiara e capelli neri. 4) Vincenzo un signore basso e grasso e ha capelli bianchi. 5) Gabriele un bambino piccolo e ha i capelli e gli occhi castagni. 6) Marinella bassa e grassa e ha i capelli corti. 7) Roberto un uomo alto e ha i capelli ricci e biondi.
Lezione 4 | Piccoli acquisti

La cucina lombarda
La cucina lombarda raccoglie gastronomie di diverse province, questo si riconosce nei piatti derivati dai prodotti agricoli e delle sue risorse naturali. Cos i pesci dacqua dolce, i derivanti del latte, come il formaggio e il burro, la carne bovina e suina, il riso e il mais, sono gli ingredienti principali. Le influenze, che nel corso dei secoli vi sono succedute, dai celti ai romani, fino agli austriaci, spagnoli e francesi, hanno caratterizzato i metodi di elaborazione e di cottura degli alimenti. Infatti, le saporite polpette di carne cotta che i milanesi chiamano mondeghili, prendono il nome dalle consorelle catalane, che sono chiamate mandonguillas.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

La cucina lombarda conosciuta per le lunghe cotture, dai bolliti ai stufati, dai intingoli adatti ad accompagnare la polenta ai risotti e alle paste ripiene, come anche del burro e del lardo. Le specialit tipiche della Lombardia sono: La buesca, ossia, la trippa cucinata in modo particolare (in asciutto o in brodo). La luegnega, in altre parole, la salsiccia, di origine lucana (nome dialettale). La polenta uencia cio la polenta ai formaggi e al burro cucinata in un modo particolare. Il tucch, altra variet di polenta al burro molto particolare. Esistono poi, ricette dolci e bevande tipiche di particolari localit. Un piatto tipico della cucina milanese il risotto giallo, la cotoletta, oggetto di discussioni per la sua versione simile la cotoletta viennese, la cassoeula di maiale o di oca, un piatto calorico molto adatto alla stagione invernale. In fine il panettone, che preparato in occasione delle solennit natalizie. A Mantova, sincontra una cucina con influenze dalla vicinanza dellEmilia, quindi troviamo paste ripiene come i marubini cremonesi, simili agli anolini e i tortelli di zucca. Mantova ha anche una tradizione nella coltivazione del riso che accompagna piatti gustosi come il luccio in salsa. A Cremona troviamo i tortelli cremaschi con ripieno dolce a base di amaretti, oltre al salame doca, il formaggio Salva D.O.P. (di origine protetta) e la torta Bertolina a base di uva fragola. Altre specialit tipiche cremonesi sono la mostarda senapata, come accompagnamento del bollito misto e il torrone, forse inventato in occasione delle nozze, celebrate nel 1441, di Francesco Sforza con Bianca Maria Visconti. Nella cucina bresciana si riflettono le influenze della dominazione veneta. Infatti, troviamo la celebre polenta e osei in versione bresciana, con gli uccelletti cotti allo spiedo, o bergamasca che preferisce la cottura in tegame. Anche i casonsei, la pasta ripiena caratterizzata dalla presenza di salsiccia o salame nel ripieno, esistono in varianti diverse nelle due province. La polenta probabilmente la protagonista di queste cucine, infatti, riveste un ruolo importante nei primi piatti, in accompagnamento dei secondi ed anche nei dolci, arricchiti con zucchero, uova, miele e frutta secca. La cucina pavese famosa per il suo piatto storico, la zuppa alla pavese, che si dice nata per soddisfare un reale Francesco I di Francia. La cucina comasca, invece, sispira pi alla cucina milanese con i suoi missoltitt, agoni del lago, seccati e pressati con foglie di alloro, con loca arrosta e polli e fagiani ripieni. In Lombardia vi sono anche tipiche zone, dove si producono vini a denominazione controllata (D.O.C.) come Oltrep pavese, Franciacorta, area morenica attorno al Garda e Valtellina, si passa dai rossi generosi e vivaci, a bianchi morbidi e vellutati, abbinabili ai prodotti gastronomici lombardi. , poi, molto diffusa la produzione di vini casarecci, chiamati solitamente Ragett.

44

Acquistare Accettare Abbinare Adattare Buonasera Bisogno Carta di credito Cabina Certo Chiamare Chiedere Codice Comodo Commesso(a) Contanti Cravatta Cuoio Decidere Dietro

Ecco Forse Giorno Impressione Mente Misura Modello Ringraziare Pagare Perfetto Possibile Preferire Provare Proprio Prossimo Sandali Tacco Taglia Tessuto

Piccole frasi
La posso aiutare? Vorrei soltanto dare unocchiata. Vediamo cosa avete? Vuole provarli? Posso provare quella giacca verde?

CD di

audi

Pu indicarmi un buon negozio di abbigliamenti femminili? Quanto costa una camicia da uomo, di lino? Questi pantaloni sono di cotone o di lana? Potrei avere uno sconto? C qualcosa di pi economico?
Lezione 4 | Piccoli acquisti 45

Fatte camicie su misura? Sono gi iniziati i saldi dinverno?

CD di

audi

Ricette
Riso giallo allo zafferano
Ingredienti 300g di riso 100g di panna per cucina un litro di brodo di carne (manzo o pollo) una bustina di zafferano grana padano sale Preparazione Mettete a bollire il brodo in una pentola (non disponendo di quello di carne, si pu anche prepararlo con due dadi e con laggiunta di una grossa noce di burro). Ponete al fuoco la casseruola, abitualmente utilizzata per cuocere i risotti, e fatevi scaldare la panna che, secondo la ricetta originale, non dovr prendere il bollore, ma appena appena fremere. Aggiungetevi il

riso e mescolatelo perch se ne intrida bene. Salatelo giustamente, quindi cominciate a cuocerlo aggiungendo un mestolo del brodo, bollente, nel quale avrete fatto sciogliere la bustina di zafferano. Mescolate di tanto in tanto e continuate ad aggiungere altro liquido finch il riso sar cotto. A cottura ultimata, mantecate con due belle cucchiaiate di formaggio grana grattugiato, poi servite il riso accompagnandolo con altro formaggio, raccolto nella formaggiera. Vino Oltrep Pavese Barbera.

Milanesine con scapece di zucchine


Ingredienti 12 fettine di fesa di vitello (500g) 400g di zucchine novelle 250g di pomodori
46

50g di aceto 50ml di vino bianco secco aglio mentuccia farina bianca pancarr 2 uova olio doliva sale pepe in grani Preparazione Spuntate le zucchine, rigatele con lapposito attrezzino. Quindi, tagliatele a rondelle, salatele e friggetele senza infarinarle. Infarinate invece le fettine di vitello, poi passatele nelle uova battute, nel pancarr (6 o 7 fette private della crosticina e passate al mixer), infine friggetele nellolio caldo. Disponetele quindi in un piatto da portata. Sbollentate i pomodori che dovranno essere maturi ma sodi, pelateli, svuotateli dei semi, tritateli grossolanamente (concass) e raccoglieteli in una ciotola. Aggiungete le rondelle fritte di zucchine e alcune foglioline di mentuccia. Riscaldate 5 cucchiaiate dolio doliva con un grosso spicchio daglio, aggiungete il vino, laceto, 100ml dacqua calda, un pizzico di sale e una generosa macinata di pepe. Fate prendere il bollore a questa marinata, spegnete dopo un minuto, versatela sulle verdure (concass) di pomodoro e zucchine, fritte. Lasciatela raffreddare bene quindi deponetene una cucchiaiata sulla carne fritta e fredda e portate subito in tavola. Consigli Lo si pu preparare anche con qualche ora di anticipo, infatti una marinatura pi lunga ne esalta il sapore.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Vino Si consiglia un vino rosato con profumo fragrante, giovane, secco e con buona acidit: Lagrein rosato, Parrina rosato, Colli Altotiberini rosato.

Torrone tenero alle mandorle


Ingredienti 400g di mandorle sgusciate con la buccia o pelate 100g di miele millefiori o darancio 100g di zucchero 50g di pistacchi sgusciati con la buccia 40g di albume Unarancia Mezza bustina di vanillina Cialde di amido di mais (si trovano in farmacia) Sale Preparazione Raccogliete le mandorle pelate in una pirofila e tostatele in forno a 130C per qualche minuto. Spegnete poi il forno, mescolatevi i pistacchi e lasciate in caldo fino al momento delluso. Cuocete lo zucchero con 30g dacqua, portandolo a 135C (per un torrone pi duro giungete a 145C). Quando questo comincia a bollire, montate lalbume con il miele e un pizzico di sale, raccolti in una capiente ciotola immersa in un bagnomaria caldo con il fuoco al minimo. Versatevi a filo lo zucchero, appena avr raggiunto 135C. Montate ancora per qualche minuto, quindi incorporate le mandorle e i pistacchi caldi. Alzate la fiamma e continuate a mescolare. Unite la scorza di arancia grattugiata, la vanillina e lavorate la massa finch non sar compatta, simile a una palla, e le mandorle resteranno quasi incollate le une alle altre. Con due cucchiai umidi distribuite una porzione di composto su una cialda dentro uno stampo ad anello, poi copritelo con una seconda cialda e livellatelo a due dita di spessore. Sformate il torrone e preparatene cos altri cinque. Lasciateli raffreddare e, ancora tiepidi, tagliateli in due mezzelune.
(Disponibili su: <www.lacucinaitaliana.it>.)

47 Lezione 4 | Piccoli acquisti

Lezione

Una cena tra amici


Obiettivo
Nella lezione conosceremo le preposizioni semplici e articolate e le preposizioni improprie (avverbi che possono assumere valore di preposizioni).

Spiegazione
Stella, dopo avere passato alcuni giorni a Milano, decide di fare una visita al suo amico Francesco, che abita a Genova. Francesco un ragazzo giovane che studia Legge alla Facolt di Giurisprudenza. I due sincontrano a cena in una trattoria tipica di Genova e si raccontano le novit. Stella arriva alla Trattoria La Casalinga e chiede al cameriere del tavolo prenotato da Francesco.

La partenza
Stella: Buonasera. Cameriere: Buonasera Signorina.
50

Stella: Sono Stella, ho un appuntamento alle otto e mezzo. Il tavolo prenotato al nome di Francesco. Cameriere: Certo Signorina, venga La accompagno. Cameriere: Vuole ordinare qualcosa? Stella: No grazie, preferisco aspettare il mio amico. Se nel frattempo mi pu portare un aperitivo? Cameriere: Certo Signorina, che cosa gradirebbe? Un Martini oppure un Campari, altrimenti abbiamo dei analcolici. Stella: Avete lAperol? Cameriere: Si Signorina, lo vuole con una fetta darancia e del ghiaccio? Stella: Si grazie. Cameriere: Glielo porto subito. Francesco: Ciao Stella, scusami il ritardo. Ma, non riuscivo a trovare un parcheggio a Genova un casino trovare parcheggio. Stella: Ciao Francesco, non ti preoccupare sono appena arrivata. Francesco: Quanto tempo, ti vedo bene, ma quando sei arrivata? Stella: Sono arrivata stamattina a Genova. E ho pensato di chiamarti subito, non sapevo se ti avrei trovato. Francesco: Hai fatto benissimo, sono passati dei anni da quando ci siamo visti a Sao Paolo. Cameriere: Ecco Signorina il suo Aperol. Lei Signore, gradisce un aperitivo? Francesco: Si grazie, vorrei un prosecco. Cameriere: Un prosecco, glielo porto subito. Francesco: Allora Stella raccontami, quando sei arrivata dal Brasile? Stella: Sono partita domenica scorsa, sono arrivata a Milano. Ho approfittato per conoscere la citt il duomo, il castello Sforzesco etc. Lo sai che mi piace la storia. Poi ho fatto un po di shopping, chi resiste a tante tentazioni?

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Francesco: Stella: Francesco: Stella: Francesco: Stella:

E vero, Milano la citt della moda. Io la conosco poco, veramente conosco pi lo stadio di San Siro. Lo sai che sono appassionato per il calcio. Mi ricordo. Raccontami Francesco, come stai, cosa stai facendo? Abbiamo perso un po il contatto nei ultimi tempi. E vero sto studiando molto, sai questanno mi laureo e sto facendo la tesi. A che bello, la tua tesi sar su quale argomento? Sto facendo la tesi su LOperazione Mani Pulite di Di Pietro. Mi sembra un argomento molto interessante spero che sar un grande successo. Moda, se ricordo bene.

Francesco: Grazie, ma dimmi te invece, hai finito gi i tuoi studi? Stavi facendo la Facolt di Stella: Si vero, mi sono laureata questanno. E ho pensato di prendermi un tempo per fare il viaggio che ho sempre sognato. Lo sai quanto desideravo venire in Italia. Cameriere: Ecco Signore. Volete gi ordinare qualcosa da mangiare? Francesco: Se ci porta delle Bruschette per stuzzicare qualcosa, e il menu, cos scegliamo con calma. Cameriere: Certo Signore, le porto subito il menu e gli antipasti. Francesco: Stella, dimmi, oggi hai gi visto qualcosa a Genova? Stella: Veramente non ho avuto molto tempo, ho dovuto trovare lalbergo per sistemarmi. Per sono andata a visitare lAcquario Marino ed veramente bello. Poi ho fatto una passeggiata in centro, cos, senza meta. Francesco: Se vuoi ti posso dare alcuni suggerimenti, infondo questa la mia citt. Stella: Lo so bene, speravo infatti di parlare con te, per avere alcune orientazioni. Francesco: Ci sono due musei interessanti da vedere. Uno il Museo di santAgostino e laltro il Museo de archeologia Ligure, c anche il Palazzo Ducale ci sono tante cose belle da vedere. Se vuoi, questo weekend sono libero, possiamo andare insieme alle cinque Terre. Il Mare l molto bello, anche se lacqua troppo fredda ancora per fare un bagno. Possiamo, per, fare delle belle passeggiate e conoscere tutte le localit. Stella: Certo, mi piacerebbe molto, ho sentito dire che sono molto caratteristiche e che ci sono dei panorami splendidi. Francesco: Allora fissiamo da subito. Ti passo a prendere Sabato mattina di buon ora, cos approfittiamo bene della giornata. Cameriere: Eccomi, se avete bisogno, chiamatemi. Francesco: Volevo sapere se oggi fate del pesce alla griglia? Cameriere: Ma certo Signore, sono freschi di oggi. Le ne porto una porzione? Francesco: S, ne vorrei una porzione. E tu Stella, hai gi visto qualcosa che ti andrebbe?
Lezione 5 | Una cena tra amici 51

Stella: Veramente non ho visto ancora tutto il menu. Ma muoio dalla voglia di assaggiare un pesto alla genovese. Cameriere: Le porto dei Tagliolini al pesto? Stella: S, per favore. Francesco: E da bere, cosa vorresti da bere, un po di vino? Stella: Magari un po di vino bianco e dellacqua naturale. Francesco: Ci porti mezzo litro di vino bianco della casa, sfuso, e una bottiglia di acqua naturale. Cameriere: Benissimo, aspettiamo qualche minuto, cos mangiate con calma lantipasto. Francesco: S, grazie non abbiamo fretta. Francesco: Sono proprio felice di passare un weekend con te. Stella: Anchio sono contenta, avr la migliore guida (turistica) di Genova.
52

Francesco: Ora esageri, per ci divertiremo. Se vuoi, dopo cena possiamo andare in piazza, c un posto dove suonano al vivo. Che ne dici? Stella: Certo, io non ho orario, sono in vacanze. Stella: Ho mangiato veramente bene, adoro la pasta. Francesco: vero, questo posto conosciuto pi dai Genovesi che non dai turisti. Ma ci si mangia bene. Cameriere ci porta il conto, per favore?

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Le preposizioni semplici e articolate


SINGOLARE il di a da in con su del al dal nel con il (col) sul lo dello allo dallo nello con lo (collo) sullo l dell all dall nell con l (coll) sull la della alla dalla nella con la (colla) sulla i dei ai dai nei con i (coi) sui PLURALE gli degli agli dagli negli con gli (cogli) sugli le delle alle dalle nelle con le (colle) sulle

Note: Le preposizioni semplici si usano quando la parola che segue non ha larticolo. Esempio Stasera andiamo tutti da Franco.

Le preposizioni articolate si usano quando la parola che segue ha larticolo. Esempio La rivista sul (su + il) tavolo. In italiano si preferisce non articolare le preposizioni con e per, anche se non sbagliato. Dunque meglio dire: con laereo e non collaereo.

Preposizione DI
DI + IL DEL LO DELLO LA DELLA L DELL I DEI GLI DEGLI LE DELLE

Possesso: Ho preso il motorino della mia amica. Specificazione: Questa casa di Carlo. Tempo: Frequento le lezioni di mattina e di pomeriggio lavoro. Materia: Questa penna di plastica. Argomento: Stefano parla sempre di sport o di politica. Luogo: Sono di Venezia. Quantit: Vorrei un chilo di pane. Qualit: Marco un alunno di grande intelligenza. Paragone: Roma pi grande di Firenze. Et precisa: Mio padre un signore di 52 anni. Autore: Questa la Venere di Botticelli. Causa: Mio zio malato di diabete. Colpa o accusa: Luomo stato accusato di un crime passionale.

53 Lezione 5 | Una cena tra amici

Preposizione A
A+ IL AL LO ALLO LA ALLA L ALL I AI GLI AGLI LE ALLE

Luogo: Per la stazione vai a destra, poi a sinistra. A casa, a scuola, al ristorante, al cinema, alla posta, allestero, al mare. Causa: Restiamo a casa perch siamo stanchi. Tempo: La lezione finisce a mezzogiorno. Prezzo: Vendiamo questa bicicleta a 200. Et precisa: Lei si sposata a 18 anni. Modo: Mia mamma prepara ancora la pasta a mano. Non parlare a voce alta. Andate a piedi? Distanza: La mia scuola a pochi chilometri da qui. Pena: In Italia non esiste pi la condanna a morte. Termine: Racconto tutto a Lucia. Porto un dolce a Cristina. Sapori: Ti piace il gelato al limone o alla fragola?

Preposizione DA
DA + IL DAL LO DALLO LA DALLA L DALL I DAI GLI DAGLI LE DALLE

54

Luogo o provenienza: Vengo da Buenos Aires. Parto domani dallIndia. Fine: Mi piacciono le scarpe da ginnastica. Tempo: Studio litaliano da un mese. Agente: un giocatore di calcio, apprezzato da tutti. Modo: Il suo consiglio da amico. Distanza: Firenze distante 100 chilometri da Bologna. Origine: il libro di Leonardo da Vinci. Prezzo: Non hanno mai le banconote da 50. Causa: Marcello ha una fame da lupo. Con il verbo passare: Passo da te verso le dieci.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Preposizione IN
IN + IL NEL LO NELLO LA NELLA L NELL I NEI GLI NEGLI LE NELLE

Mezzo: bello viaggiare in aereo/ in macchina/ in treno/ in bicicleta. Luogo: Vado in vacanza in montagna/ in Francia. Abito in via Tornabuoni. Parti della casa: Andrea in camera sua. In cantina, in cucina, in salotto. Modo: In questa sala obbligatorio restare in silenzio. Tempo: La mia citt molto fredda in inverno. Limitazione: Mia sorella molto brava in matematica. Materia: Il cancello della nostra casa in ferro battuto.

Preposizione SU
SU + IL SUL LO SULLO LA SULLA L SULL I SUI GLI SUGLI LE SULLE

Luogo: Il gatto passa molto tempo su questa poltrona. Argomento: La lezione sulle preposizioni. Et generica: Suo fratello un uomo sulla quarantina. Quantit generica: Questa casa sui 100 metri quadrati. Espressioni idiomatiche: Faccio sul serio./ Conto su di te.

Preposizione CON
Causa: Dove vai con questa pioggia? Qualit: Le modelle usano spesso le scarpe con il tacco alto. Modo: I nostri alunni studiano con impegno. Mezzo: Andiamo in centro con la metropolitana. Compagnia: Mi piace uscire con le mie amiche.

Preposizione PER
Tempo: Resto a casa per tutta la giornata. Luogo: Mia sorella ed io partiamo per il Sud Africa domani. Causa: Sono qui per lavoro. Fine: Questo zaino serve per andare in montagna. Modo: Ci siamo incontrati per caso. Per favore, per piacere, per cortesia, facevo per scherzare. Mezzo: Spedisco la lettera per e-mail. Prezzo: Ho comprato questo libro per pochi soldi.

55 Lezione 5 | Una cena tra amici

Preposizione TRA/FRA
Tempo: Vengo a trovarti tra due giorni. Luogo: Il fiume passa tra le montagne. Relazione: Tra me e te tutto finito. Partitivo: Fra tutti i fiori, preferisco il girasole.

Le preposizioni improprie
Attenzione
Usi della tra e fra: Queste due proposizioni sono equivalenti, tuttavia, per motivi di cacofonia, Itra non pu essere utilizzato in prossimit di parole come tre, trattore, trappola, trucco ecc. Allo stesso modo, Iagenzia non pu essere utilizzato in prossimit di parole come fratello, frutta, fragole, formaggio, frigorifero, fronte ecc.

Le preposizioni improprie sono avverbi, aggettivi, participi o locuzioni usati come preposizioni: sotto (a, di) sopra (a, di) prima dopo presso secondo lungo durante nonostante salvo oltre dietro davanti insieme (a) intorno vicino (a) lontano da di fronte a a causa di

Altre preposizioni
come
56

verso a differenza di addosso a attraverso di fronte a dietro fuori (di) in fondo a incontro a intorno a

invece di lungo malgrado mediante pi o meno presso secondo al centro di attorno dalle parti di, del ecc innanzi (a) nel corso di...

in caso di in direzione di in preparazione di nonostante sino a sul luogo di tramite via a lato di a(lla) destra di

davanti a durante fino a senza di accanto a contro entro prima di tranne

Corso Multimediale di Lingua Italiana

a(lla) sinistra di al margine di

assieme a insieme a

sul lato (di)

Esempi
La stazione vicino al cinema paradiso. Secondo lui si vive meglio al mare. Lungo la strada ci sono tantissimi papaveri. Arriviamo a casa prima del telegiornale. Il tapetto sotto il tavolo della cucina. piovuto durante le vacanze di Rodrigo. Nonostante la pioggia non faceva freddo. Le mie gambe tremavano di fronte a lei. Siamo stati in mezzo alla folla di tifosi.

IESDE Brasil S.A.

57

La regione Liguria
La regione Liguria si affaccia a sud sul Mar Ligure. Il territorio prevalentemente montuoso e collinare, infatti, le coste sono quasi sempre a strapiombo sul mare. Alcune di queste montagne, sembrano nascere direttamente dal mare. Ad ovest ed est troviamo le Alpi e gli Appennini, le montagne che caratterizzano la regione. Il monte Saccarello la vetta pi elevata con 2 200 metri. La conformazione del territorio non permette la formazione di veri e propri fiumi, potremo parlare pi di torrenti come il Vara, che il pi grande. In Liguria nascono, invece, alcuni affluenti del Po, come il Tanaro, il Bormida, il Scrivia e il Trebbia. Il Paesaggio dominante della Liguria trasmette al visitatore dellemozioni affascinanti. La regione densa di memorie storiche con cittadine caratteristiche come le cinque Terre. Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore sono collegate soltanto da un treno e da un sentiero, chiamato Via dellAmore. Queste cinque perle sono localizzate in successione di promontori rocciosi, famose per le loro bellezze naturali e per la cultura vitivinicola. Il capoluogo della Liguria Genova e anche la citt pi popolata, fra le altre citt dimportanza troviamo La Spezia, Savona, Imperia e San Remo. San Remo viene chiamata la citt dei fiori ed famosa per il suo Festival della Canzone Italiana. La citt di Genova possiede uno dei pi importanti porti del Mediterraneo. Infatti, fin dal Medioevo, questa citt conserva le tracce della sua grande storia, con edifici imponenti, sontuose dimore signorili e grandi chiese. Questo splendore antico sintegra perfettamente nel tessuto della citt moderna. In passato, leconomia ligure dipendeva dallindustria pesante, oggi, i settori industriali pi sviluppati sono quelli siderurgico e metallurgico, ma anche il terziario assorbe un grande di lavoratori. Unaltra ottima risorsa della regione il turismo, che sfrutta la bellezza dei paesaggi e il clima piacevole, per attirare visitatori da tutto il mondo. Genova anche la citt dello storico navigatore Cristoforo Colombo, che scopri lAmerica.

Lezione 5 | Una cena tra amici

Il Mar Ligure
Quando si scopre la bellezza del Mare-Monti della Liguria, con le sue baie nascoste e le spiagge pi belle, lintensit delle sensazioni mozzafiato sono indimenticabili. La regione gode di molteplici riconoscimenti internazionali, per la qualit dellacqua del territorio e del turismo sostenibile. Esistono due Riserve Marine protette, quella di Portofino e Cinque Terre. Un itinerario da non perdere il Santuario per i mammiferi marini o Santuario dei cetacei dove possibile vedere le balene. I fondi del Mar Ligure, e i tesori che ne racchiude, sono i motivi per il quale molti appassionati di diving scelgono la Liguria per fare le loro immersioni. Sullintero arco costiero ligure, troviamo piccole spiagge e cale a picco sul mare, oltre a piccole isole dove il blu profondo del mare sembra da sogno.

Accompagnare Acqua naturale Acquario Marino Amico Analcolico Anni Aperitivo Approfittare Appuntamento Antipasto Arancia Argomento Aspettare Cameriere/a Caratteristica Carino Casino Cena Chiamare Conosciuto Contatto Contenta Desiderio Discreto Dopo Esagerato Felice Fetta Frattempo Freddo/a Ghiaccio Giurisprudenza Gradire Incontro Intimo Locale Mangiare

Menu Minuto Momenti Novit Nome Orario Ordine Orientazione Panorama Parcheggio Piuttosto Porzione Prenotare Preoccupare Ritardo Scorsa Scusare Splendido Stadio Stamattina Stuzzicare Sogno Storia Subito Successo Suggerimenti Tavolo Tentazione Tesi Tipico Trattoria Vacanze Veramente Vino bianco Visita Weekend/Fine settimana

Corso Multimediale di Lingua Italiana

58

Piccole frasi C D
di

Il tavolo prenotato a nome di Francesco. Vuole ordinare qualcosa? Certo, mi piacerebbe molto. Ho sentito dire. Fissiamo da subito. Ti passo a prendere. Di buonora. Se avete bisogno, chiamatemi! Volevo sapere se oggi fate...

audi

59

Sono fresche, di oggi/ sono freschi di oggi?


Lezione 5 | Una cena tra amici

Ne vorrei una porzione. Mangiate con calma lantipasto. Grazie, non abbiamo fretta. Ho mangiato veramente bene. Cameriere, ci porta il conto?

CD di

audi

Una giornata al mare


Paolo Conte

Una giornata al mare solo e con mille Lire sono venuto a vedere questacqua e la gente che c il sole che splende pi forte il frastuono del mondo cos cerco ragioni e motivi di questa vita ma lepoca mia sembra fatta di poche ore cadono sulla mia testa le risate delle Signore Guardo una cameriera non parla straniera dico due balle ad un tizio seduto su unauto pi in l

unauto che sa di vernice, di donne, di velocit e laggi sento tuffi nel mare, nel sole o nel tempo chiss, bambini gridare, palloni danzare Tu sei rimasta sola, dolce Madonna sola, nelle ombre di un sogno forse di una fotografia lontano dal mare con solo un geranio e un balcone Ti splende negli occhi la notte di tutta una vita a guardare le stelle lontano dal mare e lepoca mia la tua e quella dei nonni dei nonni vissuta negli anni a pensare Una giornata al mare tanto per non morire nelle ombre di un sogno o forse di una fotografia lontano dal mare con solo un geranio e un balcone
60 Corso Multimediale di Lingua Italiana

61 Lezione 5 | Una cena tra amici

Lezione

Conoscenze in treno
Obiettivo
In questa lezione impareremo gli aggettivi e i pronomi possessivi, gli aggettivi e pronomi dimostrativi, la forma riflessiva dei verbi al presente e i gradi di comparazione.

Spiegazione
Stella, dopo aver trascorso con Francesco uno splendido fine settimana alle Cinque Terre, decide di andare a Torino. Viaggiando in treno, ha loccasione di vedere il paesaggio del Piemonte e di conoscere una simpatica ragazza. (Stella gi seduta al suo posto, nellEurostar Genova-Torino, arriva una ragazza Italiana e si siede acconto a lei.)

Conoscenze in treno
La ragazza: Ciao, sono Marina.
64

Stella:

Ciao, mi chiamo Stella.

La ragazza: Sei italiana?


Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella:

No, sono brasiliana, di San Paolo.

La ragazza: Brasiliana, ma che bello, parli bene litaliano. Stella: Grazie, ho studiato in Brasile prima di venire in Italia. scorso. bellissimo, abbiamo visto Rio de Janeiro, Bahia e Santa Catarina. La vostra cultura, la vostra musica e le vostre tradizioni sono molto belle. In famiglia siamo tutti innamorati del vostro modo di vivere. Stella: vero, il Brasile bello e i brasiliani sono molto socievoli. Tu, di dove sei?

La ragazza:  Conosco bene il tuo paese, io e la mia famiglia ci siamo stati in vacanze lanno

La ragazza: Sono calabrese, di Reggio Calabria, per studio a Torino. Stella: Vivi da sola o con i tuoi? abitare allestero. Dice che il suo paese il pi bello del mondo e che non si abituerebbe mai a stare lontano dalla famiglia. Stella: vero che il Nord dItalia molto diverso dal Sud? sto bene a Torino, per i miei amici del Sud sono pi allegri ed espansivi. Stella: Ho voglia di conoscere il Sud dItalia, dicono che il mare bellissimo.

La ragazza:  I miei genitori abitano in Calabria, mio padre dice che vivere a Torino come

La ragazza:  S, la nostra mentalit pi simile alla vostra che non a quella piemontese. Io

La ragazza:  S, la nostra costa molto conosciuta per le localit balneari, la nostra regione ricca anche di storia, insomma, devi conoscerla! Stella: Sto andando a Torino per conoscere la citt, mi puoi consigliare alcune cose  da vedere? (Prende la guida turistica e la apre alla pagina Torino). La ragazza:  Quello che molti non sanno che questa citt in passato stata Capitale dItalia. E per questo motivo possiede unarchitettura distinta. Stella: Be, a questo punto non vedo lora di arrivare. Sono allalbergo Continental in  via Mazzini, sai se si trova in zona centrale? La ragazza:  S, conosco questa via, si trova vicino al centro storico. Se vuoi ti lascio il mio telefono, cos ci possiamo sentire. Magari usciamo a bere un caff oppure ci vediamo per andare a cena, che ne dici? Stella: Mi piacerebbe molto uscire con te una sera, io non conosco nessuno a Torino  e mi piace fare nuove amicizie. La ragazza: Da quanto tempo sei in Italia?
Lezione 6 | Conoscenze in treno 65

Stella:

Sono arrivata una settimana fa. Mi sono fermata a Milano e poi sono andata  a trovare un amico a Genova. Siamo andati alle Cinque Terre, ci siamo divertiti molto. Quel posto un sogno.

La ragazza: Non ci sono mai stata, ma dicono tutti che merita conoscerlo. Stella: Hai detto che studi. Fai luniversit?

La ragazza: Si faccio luniversit, studio moda e lavoro in un atelier. Stella: Davvero? Anchio mi occupo di moda, ho appena finito gli studi a San Paolo. Mi  piacerebbe vedere cosa fai, sarebbe possibile visitare il vostro laboratorio? La ragazza:  Certo, ti lascio un biglietto da visita, cos, se vuoi, domani mi vieni a trovare. Ti posso presentare i ragazzi, sono molto simpatici. Stella: Non mi sembra vero. Non avrei mai pensato di vedere un laboratorio in Italia.  proprio vero che le cose accadono quando meno te lo aspetti. La ragazza:  Scusami se mi alzo, devo andare in bagno. Dopo devo proprio mettermi a studiare un po, perch domani ho un esame. Stella: Certo, fa pure come vuoi. stato un piacere conoscerti. domani allatelier. Stella: Ci puoi contare. Ti chiamer prima, cos mi dici come arrivare.

La ragazza:  Anche a me ha fatto piacere chiacchierare con te. Comunque ci vediamo

La ragazza: Certo, ci vediamo, ciao. Stella: Ciao, a domani.

Gli aggettivi e pronomi possessivi


I possessivi servono ad indicare lappartenenza ed il possesso. PERSONA SINGOLARE maschile SINGOLARE Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro mio tuo suo nostro vostro loro femminile mia tua sua nostra vostra loro PLURALE maschile miei tuoi suoi nostri vostri loro femminile mie tue sue nostre vostre loro

Corso Multimediale di Lingua Italiana

PLURALE

66

Osservazioni
I possessivi possono essere: Aggettivi possessivi, quando accompagnano il nome. Pronomi possessivi, quando non c il nome, il pronome sta al posto del nome. Esempio: La mia borsa gialla e la tua nera. In questo esempio, mia un aggettivo perch sta insieme ad un nome : lo accompagna; Tua, invece, un pronome perch sta al posto di un nome: lo sostituisce.

Attenzione
I possessivi si riferiscono al nome che li segue, non dobbiamo mai pensare al possessore di quella cosa, ma alla cosa posseduta. Esempio: Il vestito di Stella. diventa Il suo vestito. La borsa di Mario. diventa La sua borsa.

Uso dellarticolo davanti ai possessivi


I pronomi possessivi normalmente non hanno larticolo.

67 Lezione 6 | Conoscenze in treno

Esempio
Questa borsa mia.

Hanno larticolo quando questo contrapposto a un altro possessivo.

Esempio
Questa borsa rossa sua, la mia, invece, nera. (la mia significa la mia borsa).

Luso dellarticolo davanti ai aggettivi possessivi. Hanno larticolo davanti ai nomi.

Esempio
Il suo orologio, la nostra casa, i miei libri, le loro amiche.

Non hanno larticolo quando il nome (di famiglia) singolare.

Esempio
68

Mia sorella, mio fratello, vostra cognata.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Hanno, invece, larticolo con i nomi (di famiglia) al plurale.

Esempio
Le mie sorelle, i miei fratelli, le vostre cognate. Hanno sempre larticolo con loro.

Esempio
Il loro zio, la loro mamma, il loro fratello, i loro nonni. Hanno sempre larticolo con i nomi alterati (anche se singolare).

Esempio
La mia sorellina, il mio cuginetto.

Hanno sempre larticolo con i sinonomi.

Esempio
La mia mamma, il mio pap, il mio babbo. Hanno sempre larticolo con i nomi (di famiglia) modificati: da un aggettivo o da una specificazione.

Esempio
I miei zii di Verona, il mio caro fratello.

69

Uso del possessivo USO Non si usa laggettivo possessivo quando il riferimento ovvio. Non usiamo mai il possessivo per le azione riferite alle parte del corpo. In questi casi utilizziamo i verbi riflessivi. Quando laggettivo possessivo si riferisce a un soggetto impersonale, si usa proprio. Quando i possessivi suo e loro possono generare ambiguit si sostituiscono con di lei, di lui o di loro. ESEMPI Ho dimenticato lombrello. Giulia andata a cena dai genitori. Mi sono rotta una gamba. Stella si lavata i capelli. Ognuno deve fare il proprio dovere. Non si deve sempre pensare al proprio interesse. Cinzia venuta con il marito e la madre di lui.

Lezione 6 | Conoscenze in treno

Osservazioni
Il possessivo sempre prima del nome, ma qualche volta, in espressioni enfatiche o idiomatiche, sta dopo il nome. Esempi: Mamma mia, che paura! Questa casa mia, non tua!

Gli aggettivi e i pronomi dimostrativi


Di cose o persone vicine: SINGOLARE MASCHILE questo SINGOLARE FEMMINILE questa PLURALE MASCHILE questi PLURALE FEMMINILE queste

Di cose e persone lontane: SINGOLARE SINGOLARE SINGOLARE MASCHILE SINGOLARE PLURALE PLURALE PLURALE MASCHILE MASCHILE E FEMMINILE MASCHILE MASCHILE FEMMINILE il lo FEMMINILE la i gli le l
70

quel

quello

quell

quella

quei

quegli

quelle

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Luso dei dimostrativi


Usiamo i dimostrativi questo, questa, questi, queste quando parliamo di qualcosa o qualcuno che (o sentiamo) vicino nel tempo e nello spazio.

Esempio
Marina ama questo lavoro. Questa frase significa che Marina parla di un lavoro che fa adesso. Il lavoro vicino, presente (nel tempo). Usiamo i dimostrativi quel, quello, quella, quell, quei, quegli, quelle quando parliamo di qualcosa o qualcuno che (o sentiamo) lontano nel tempo e nello spazio.

Esempio
Ricordi il nome di quel cane?

Questa frase significa che quel cane lontano nel tempo (cos lontano che non ricordiamo pi il suo nome)

Esempio
Vedi quella luce in fondo al tunel. Questa frase significa che quella luce lontana nello spazio ( in fondo al tunel).

Attenzione
I dimostrativi, come i possessivi, possono essere aggettivi o pronomi: questa, questi, queste, quello, quella, quelle possono essere aggettivi e pronomi. I dimostrativi, quel, quei, e quegli sono solo aggettivi. Il dimostrativo quelli solo pronome. Esiste il dimostrativo codesto, che indica una cosa lontano da chi parla ma vicino a chi ascolta. Ha un uso regionale, quasi esclusivo della Toscana. bella codesta macchina. (La macchina si trova vicino a te) Laggettivo dimostrativo quello(a) funziona come larticolo determinativo (cos come laggettivo bello).
71 Lezione 6 | Conoscenze in treno

Esempi
Il ragazzo La ragazza I ragazzi Le ragazze Lo studente Gli studenti Lorologio bel ragazzo bella ragazza bei ragazzi belle ragazze bello studente begli studenti bellorologio quel ragazzo quella ragazza quei ragazzi quelle ragazze quello studente quegli studenti quellorologio

Nella lingua scritta e parlata si usa spesso quello che al posto di questo che, anche quando il verbo al presente (e dunque vicino).

Esempio
Quello che fai correto. (Questo che fai correto) Il pronome ci rimane invariato (cio uguale al maschile, femminile, singolare e plurale) e significa questa cosa, queste cose, quella cosa, quelle cose.

Esempio
72

Sono stanco: ci significa che devo riposare. A volta si usa ci che al posto i quello che: Ci che dici mi sorprende. Esistono i pronomi dimostrativi, che indicano distanza, disprezzo, distacco da parte di chi parla. Sono i pronomi: costui = questuomo colui = quelluomo costei = questa donna colei = quella donna costoro = queste persone coloro = quelle persone

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempi
Paola, chi costei? (Chi questa donna che non conosco?) Coloro che hanno pagato possono partecipare.

I gradi dellaggettivo
Il comparativo
Il grado comparativo si usa quando si fa il confronto, il paragone tra due elementi, che si chiamano primo e secondo termine di paragone. POSITIVO Leggero MAGGIORANZA pi leggero di pi leggero che MINORANZA meno leggero di meno leggero che UGUALIANZA leggero come leggero quanto

COMPARATIVO DI MAGGIORANZA E MINORANZA Fra nomi/pronomi, quando sono soggetti Andrea pi alto di me. Parigi pi grande di Praga. La mia macchina pi veloce della (di+la) sua. Meglio tardi che mai. A Napoli fa pi caldo che a Berlino. Paolo pi gentile con Chiara che con me. pi facile credere che dubbitare. Laura bella quanto Lucia. Creare interessante quanto realizzare. Io ero disperata come lei. Marco intelligente quanto Tommasso. Sergio tanto buono quanto onesto.

DI

73 Lezione 6 | Conoscenze in treno

Fra aggettivi, avverbi, verbi allinfinito, nomi o pronomi, (quando non sono soggetti)

CHE

Fra nomi, pronomi o verbi allinfinito

(tanto)quanto (cos)come

Paragone fra aggettivi

tantoquanto

Il superlativo
Il superlativo pu essere di due tipi: superlativo relativo e superlativo assoluto.

Superlativo relativo
Quando una persona o una cosa posseggono una qualit al massimo o al minimo grado, in rapporto ad un gruppo di persone o di cose.

Esempi
Questa pasta la pi buona che ho mangiato a Napoli. Gennaio il mese pi corto dellanno. Chiara la pi cara tra tutte le mie amiche.

Superlativo assoluto
74

Quando una persona o una cosa posseggono una qualit al massimo grado, senza confronti.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempi
Patrizia una ragazza simpaticissima. Questa sedia fatta di un materiale leggerissimo. Sono arrivata dal concerto stanchissima.

POSITIVO Leggero

SUPERLATIVO RELATIVO il pi leggero il meno leggero

SUPERLATIVO ASSOLUTO Leggerissimo

II superlativo assoluto si forma in vari modi: Sostituendo la desinenza dellggettivo

Esempi
Caro/carissimo; gentile/gentilissimo; intelligente/ intelligentissimo.

Mettendo davanti allaggettivo di grado positivo: molto, estremamente, immensamente, incredibilmente.

Esempi
Caro/molto caro; gentile/incredibilmente gentile. Premettendo lavverbio tutto

Esempio
Oggi sono tutta contenta.
75

Con i prefissi stra, arci, super, iper, ultra


Lezione 6 | Conoscenze in treno

Esempi
Lui straricco (stra-ricco). Maria si muove in continuazione, iperattiva (iper-attiva) Questa colla ha una azione ultrarapida (ultra-rapida) un artista arcifamosa (arci-famosa). Ripetendo laggettivo

Esempi
Era una via stretta stretta.

Comparativi e superlativi irregolari e loro uso POSITIVO buono cattivo grande piccolo alto basso
76

COMPARATIVO migliore peggiore maggiore minore superiore inferiore

SUPERLATIVO RELATIVO il migliore il peggiore il maggiore il massimo il minore il minimo il superiore linferiore

SUPERLATIVO ASSOLUTO ottimo pessimo massimo minimo sommo supremo infimo

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Uso delle forme irregolari


Si usano per indicare la qualit di una cosa o la qualit morale di una persona, in senso complessivo.

Esempi
Qualit di una cosa: Questa pasta migliore (pi buona) dellaltra. Qualit morale: Sergio migliore di Giuseppe ( pi onesto, pi sincero, pi buono di lui).

Torino il capoluogo del Piemonte


Tra le capitali dEuropa, Torino quella che meglio esprime, insieme a San Pietroburgo, lidea progettuale del grande Barocco e dellIlluminismo. La citt del Savoia, Torino, prima capitale del Nuovo Regno dItalia anche la testimonianza monumentale della dinastia, attraverso gli straordinari palazzi e ville reali, le grandi chiese poste sotto la diretta protezione di Torino, i santuari e i sacri monti, i musei e le raccolte uniche al mondo (il museo Egizio, la Galleria Sabauda, LArmeria e la Biblioteca Reale). Ha fama di citt magica. la citt considerata capitale della grande industria italiana, con la sede della FIAT, una tra le pi grandi case automobilistiche del mondo. Torino anche uno dei centri di maggior richiamo turistico dItalia. E non a caso, naturalmente. Nel

Duomo di Torino, custodito la Santa Sindone, lantico lenzuolo di lino nel quale secondo la tradizione cristiana, venne avvolto il corpo di Cristo deposto dalla Croce. La citt capitale, accoglie con la sobria eleganza dei suoi portici, nelle sue piazze raccolte che sembrano salotti o in uno dei suoi caff storici (un tempo roccaforti del Risorgimento italiano) gi celebri per la loro cioccolata e per i minuscoli pasticcini. Ma il palcoscenico di una citt cos forte e seria, cos inattesa e sconosciuta soprattutto nei suoi straordinari aspetti artistici e monumentali, quello di una regione altrettanto unica, di una bellezza naturale difficile eguagliabile: tra i parchi naturali regionali e nazionali (Parco del Gran Paradiso e Parco della Valle Grande) che costituiscono regno protetto dove scoprire una natura incontaminata. Nelle colline dove regna la vita e dominano i grandi vini come Barolo e nelle valli alpine con montagne altissime, che sono una grande attrattiva per la pratica dello sci e di altri sport di montagna. Con i passi che mettono a dura prova i ciclisti, sui ghiacciai perenni, solitari e intatti testimoni di una natura che sembra davvero immutabile e intaccabile anche dal pi protervo dei progressi umani. E ancora, il fascino dei suoi laghi con lincomparabile suggestione degli scorci e la luce bizzarra che regala lacqua riflettendo lazzurro del cielo. Conoscere il Piemonte dei laghi significa scoprire la primavera dei rigorosi giardini storici incastonati tra ville preziose e parchi naturali ricchi di specie botaniche rare. Le tracce delluomo si mescolano a questa natura cos variegata: chiese e abbazie, complessi conventuali, eremitaggi imprendibili, come la Sacra di San Michele, che hanno ispirato Umberto Eco nel Il Nome della Rosa. Migliaia di castelli medioevali, ville patrizie e borghesi residenze del Savoia, un complesso che sta alla pari con i celebri castelli della Loira e che da solo merita un viaggio in Piemonte.
77 Lezione 6 | Conoscenze in treno

Allegro Amicizia Architettura Balneare Capitale Certo Chiacchierare Conoscere Credere Cultura Davvero Domani Dopo Esame Espansivo Innamorati Lasciare Localit Mentalit

Merita Musica Occasione Oppure Paese Passato Per Pensare Piacerebbe Possibile Posto Ricco Signorile (architettura signorile) Socievole Studio Tradizione Troppo Trovare

Piccole frasi

CD di

audi

Siamo innamorati del vostro modo di vivere. Il tuo paese il pi bello del mondo. Mi puoi consigliare alcune cose da vedere? Se vuoi, ci possiamo sentire. Magari usciamo per bere un caff. Sarebbe possibile visitare il vostro studio? Ti lascio un biglietto da visita. proprio vero che le cose accadono quando meno te lo aspetti.
78

Certo, fai pure i tuoi comodi. Ci puoi contare, ti chiamer.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

CD di

audi

Fiat la 500 topolino


La Fiat 500, affettuosamente chiamata Topolino, senza dubbio una delle automobili italiane pi famose, anche se le circostanze che hanno portato allideazione di questo modello non sono molto note. Nel 1930, il Duce Benito Mussolini aveva convocato il senatore del Regno dItalia Giovanni Agnelli per sottoporli lidea di motorizzare gli italiani con una vettura economica ma allo stesso momento confortevole, che non superasse il costo di 5.000 Lire. Unidea di grande impatto propagandistico che, il suo amico Adolf Hitler copi immediatamente convocando Ferdinand Porsche per realizzare unautomobile dal costo non superiore ai 1.000 marchi; quella che poi divenne famosa con il nome di Maggiolino.

La 500 mai nata


Nonostante il difficile incarico, che creava non poche difficolt, Agnelli present la questione ai progettisti dellufficio tecnico della Fiat che si divisero in due correnti di pensiero. La prima riteneva possibile raggiungere lo scopo con technologie e schemi gi utilizzati dalla Fiat, risparmiando al massimo sui materiali. La seconda, convinti che lazienda torinese non fosse in grado di fornire un prodotto idoneo in tempi ragionevoli, proponeva di affidare il progetto a Oreste Lardone, un estroso tecnico allievo di Giulio Cesare Cappa, visto che egli aveva gi realizzato un interessante prototipo di piccola vettura economica.

Inizialmente la direzione della Fiat decise di dare credito a entrambe le possibilit: lufficio tecnico affront la progettazione del modello con standard aziendali e contemporaneamente, sotto la direzione di Oreste Lardone, un piccolo gruppo di tecnici sviluppava le proprie teorie meccaniche. Lardone finalmente poteva disporre di potenzialit, come quelle della Fiat, per attuare le sue idee, che erano semplici: la nuova automobile avrebbe dovuto disporre di quattro posti e di un propulsore bicilindrico di 500cm raffreddato ad aria e dovebbe esser dotata di trazione anteriore. Nel 1931 il prototipo della 500 tutto avanti fece la sua prima uscita con a bordo il collaudatore, il progettista ed il senatore Agnelli, curiosi di verificare il nuovo prodotto per riferire la notizia al Duce. Percorrono tranquillamente i primi chilometri, ma sulla salita del Cavoretto, un incendio nel motore costrinse gli occupanti ad abbandonare la vettura. Lincidente era probabilmente causato da una semplice fuoriuscita di carburante. Il senatore licenzi immediatamente Lardone e dichiar che le automobili a trazione anteriore dalla Fiat fossero sospese. La progettazione della piccola vettura continu senza dare grandi risultati fino allottobre del 1932, quando il Duce visita lo stabilimento, sollicitando la sua richiesta ad Agnelli. Il vero problema consisteva nel fatto che i mostri sacri dellufficio progetti Fiat (Antonio
79

Fessia e Tranquillo Zerbi) avevano capito che lidea giusta fosse quella proibita di Lardone. Cos lo stesso Fessia affida lincarico a Dante Giacosa, suo assistente nella progettazione della Balilla, consapevole che esso sia luomo adatto per fare ci che la dirigenza si aspetta.

Lezione 6 | Conoscenze in treno

La 500 Topolino
Dante Giacosa assume la responsabilit del progetto e dopo mesi di disegni e calcoli propone una copia in dimensioni ridotte della Balilla. Introducendo alcune innovazioni per risparmiare sul peso e sui costi. Il radiatore posto sopra il motore per risparmiare la pompa dellacqua, il telaio semplice con due travi a V dallanteriore al posteriore; il motore 4 cilindri con valvole laterali. Finalmente Agnelli soddisfatto e autorizza la realizzazione dei prototipi della 500. La Fiat 500 avviene messa in vendita il 15 giugno del 1936, cin seguito soprannominata Topolino. Una vetturetta popolare, il cui prezzo era di 8.900 Lire: venti volte lo stipendio medio di un operaio specializzato, ben oltre le preventivate 5.000 Lire. Per la cronaca, nel 1936 Porsche aveva gi realizzato i prototipi definitivi della Maggiolino che veniva venduta alla cifra di 990 Marchi, cinque volte lo stipendio di un operaio specializzato. Tuttavia, la Topolino otterr un discreto successo, grazie alla fame di automobili degli italiani. La Fiat Topolino balestra lunga commissionata dal Duce viene usata dallEsercito Italiano. La produzione della 500-Topolino, con piccoli aggiornamenti nella 500B, continu anche nel dopoguerra. La 500 C del 1949 era invece un restyling con nuovo motore a valvole in testa e un frontale diverso, con i fari incassati nella carrozzeria. Sia della 500B che della 500C vennero realizzate delle versioni giardinetta, che aveva le porte, in parte, in legno. Nel 1945 muore il senatore Agnelli. Fessia, che, tentava di imprimere alla Fiat una svolta di nuova tecnologia, proponendo una vettura con schema tutto avanti, ma non compreso dalla nuova direzione del azienda, si dimette e va alla Lancia dove, finalmente, potr realizzare le sue idee e progettare quei capolavori conosciuti come Flavia e Fulvia.

Lezione

Caro diario
Obiettivo
Nella lezione imparerete luso del passato prossimo dei verbi regolari, irregolari e dei verbi riflessivi.

Spiegazione
Stella, dopo aver conosciuto Marina, una ragazza calabrese simpatica, che le ha fatto vedere Torino in ogni minimo dettaglio, decide di andare nel Sud dItalia per conoscere quella cultura tanto rinomata. Si ferma prima a Napoli, una citt che rispecchia completamente lanima del suo popolo. Dopo una giornata da tipica turista, visitando Pompei ed Ercolano, Stella si siede in un caff e decide di fermare questo momento, scrivendo nel suo diario. Il sole sta per tramontare e Stella si gode la tiepida serata, davanti allincantevole vista di Posillipo.

Caro diario
Cameriere:
82

Buonasera Signorina, cosa Le posso portare? Buonasera, gradirei un bel caff. Allora Signorina ha trovato proprio il posto giusto. Faccio subito. (Stella inizia a scrivere sul suo diario Sono arrivata a Napoli. Questa citt piena di contraddizioni e meravigliosi scorci sul mare, mi ha proprio catturato.. Oggi una di quelle giornate, dove il sole colora qualsiasi cosa su cui splende; il mare lucente, il Vesuvio vi si rispecchia, il Castel dellOvo, color ocra, sembra leggermente poggiato sullacqua. La Nunziatella, rosso porpora, si affaccia imponente da Monte di Dio. La collina di Posillipo sembra voglia allungarsi quasi a toccare Capri.)

Stella: Cameriere:

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Cameriere: Stella: Cameriere: Stella: Cameriere:

Ecco il suo caff, Signorina. bello caldo come deve essere, vedr che spettacolo. Grazie, lo appoggi pure li. Vedo che Le piace scrivere Signorina! Lo sa che qui a Napoli siamo tutti un po poeti? S, posso immaginare, ho visto tanta bellezza. vero, ma non voglio disturbarla altrimenti si raffredda il caff. (Stella continua a scrivere sul diario Oggi mi sento un po viandante, forse perch ho trovato la calma per scoprire le cose belle e nascoste. Napoli una citt affascinante, ma per svelare la sua vera faccia, c bisogno di andare pi piano. Chi non ha mai visitato Napoli, ha voglia di arrivarci di corsa. Poi quando ci sei, ti viene voglia di fuggire immediatamente dal caos e dai Tassisti napoletani, magari trovando rifugio nel vicolo degli scugnizzi per mangiare la Pizza pi famosa del mondo. Sono qui da poco tempo e mi sento gi a casa.)

Cameriere: Stella:

Avete visto che belle giornate, Signorina? gi andata a Ischia? No, ancora no. Ho visitato Capri e oggi sono stata a Pompei ed Ercolano. Sono ancora emozionata da tanta bellezza.

Cameriere:

Signorina, modestamente parlando, Napoli la citt pi bella del mondo. Lavete visto il Vesuvio con il suo cappello bianco? Non esiste cosa pi bella! Poi qui si mangia da Dio, la nostra mozzarella. E i pomodori. Lo sapeva che la Pizza nata a Napoli?

Stella: Cameriere: Stella: Cameriere: Stella: Cameriere:

S, conosco la storia della Regina Margherita. Bene, vedo che preparata. E i bab? Conosce i bab, Signorina? No, veramente non so di che si tratta. Allora Le faccio assaggiare una bont unica, li offre la casa, Signorina! Grazie, non so che dire Faccio in un attimo. (Stella riprende a scrivere Il mio sguardo si perde verso questa distesa di rocce e panorami frastagliati, che quasi vogliono prevalere luno sullaltro. Ho la sensazione di essere gi stata qui in passato, gli scogli, il mare e le isole a distanza mi trasmettono pace e la ricchezza di una natura incontaminata.)
83 Lezione 7 | Caro diario

Cameriere: Stella: Cameriere:

Ecco Signorina, questi sono i famosi bab (gi controllato o.k.), assaggi e mi dica. Grazie, molto gentile da parte sua. Mmmm, che delizia! Non ho mai mangiato nulla di simile, sono veramente buoni. Mi fa piacere, bello quando si apprezzano le cose fatte a mano. Se permette le suggerisco un viaggio lungo tutta la costa Amalfitana: Procida, Pozzuoli, Sorrento, Bagnoli, Positano fino a Amalfi, vedr che sensazioni mozzafiato.

Stella: Cameriere:

Grazie di tutto Lei molto gentile. Ho proprio la sensazione di essere arrivata, forse inizio ad entrare nellatmosfera mediterranea. Mi fa piacere, allora Benvenuta a Napoli, Signorina. (Stella lascia una cartolina sul tavolino Sono gesti regali che rendono la vita speciale Tanti saluti Stella)

Passato prossimo indicativo


Il passato prossimo un tempo composto del modo indicativo. Il passato prossimo si utilizza per indicare azioni avvenute in un passato vicino o legato ancora al presente. Si forma: Presente dellausiliare (essere o avere) + participio passato.

Verbi regolari
Ausiliare avere + participio passato del verbo avere
84

Io
Corso Multimediale di Lingua Italiana

ho hai ha abbiamo avete hanno

avuto avuto avuto avuto avuto avuto

Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro

Ausiliare essere + participio passato del verbo essere accordato al soggetto Io Tu Lui/lei/Lei Noi Voi Loro sono sei siamo siete sono stato/a stato/a stato/a stati/e stati/e stati/e

Participio passato dei verbi regolari are studiare ere credere ire partire ato studiato uto creduto ito partito

Avere (ausiliare) PARLARE Ho Hai Ha Abbiamo Avete Hanno Essere (ausiliare) ANDARE Sono Sei Siamo Siete Sono andato/a andato/a andato/a andati/e andati/e andati/e CADERE caduto/a caduto/a caduto/a caduti/e caduti/e caduti/e PARTIRE partito/a
85

CREDERE creduto creduto creduto creduto creduto creduto

SENTIRE sentito sentito sentito sentito sentito sentito

parlato parlato parlato parlato parlato parlato

partito/a partito/a partiti/e partiti/e partiti/e

Lezione 7 | Caro diario

Attenzione
Con lausiliare avere il participio passato non cambia. Con lausiliare essere cambia, cio concorda in genere e numero con il soggetto.

Esempi
Avere Marco ha mangiato. Marco e Alessandra hanno mangiato. Essere Marina andata. Marina e Stella sono andate.

I verbi riflessivi
86 Corso Multimediale di Lingua Italiana

La forma riflessiva nel presente


Molti verbi possono essere coniugati in forma riflessiva, per esprimere unazione che si riflette sul soggetto stesso che la compie. Osserviamo questi esempi: 1) Io lavo i bicchieri 2) Io mi lavo 3) Io mi lavo i denti forma normale attiva forma rifessiva diretta forma riflessiva indiretta

I verbi nella forma riflessiva si coniugano normalmente, ma sono sempre accompagnati dal pronome riflessivo: mi, ti, si, ci, vi, si. SOGGETTO Forma attiva (il soggetto compie lazione espressa dal verbo) Forma passiva (il soggetto subisce lazione espressa dal verbo) Forma riflessiva (il soggetto compie e subisce lazione espressa dal verbo) Mario SOGGETTO La macchina SOGGETTO Mario VERBO lava VERBO lavata OGGETTO si lava OGGETTO la macchina COMPLEMENTO da Mario VERBO

Verbo riflessivo alzarsi ALZARSI Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro non mi ti si ci vi si alzo alle 6h00 alzi tardi alza prima de pranzo alziamo presto alzate tra poco alzano allalba

Nota: con i verbi dovere, potere e volere i pronomi sono mobili. (Io) mi devo posso voglio devo posso voglio alzare alle 6h00

alzarmi alle 6h00

87 Lezione 7 | Caro diario

Il passato prossimo del verbo riflessivo


Si forma al seguente modo: pronome riflessivo + presente del verbo essere + participio passato

Esempio
Lavarsi Mi Ti Si Ci Vi Si sono sei siamo siete sono lavato/a lavato/a lavato/a lavati/e lavati/e lavati/e

Verbi irregolari
Presente dellausiliare + participio passato Ho Hai Ha Abbiamo Avete Hanno fatto fatto fatto fatto fatto fatto Sono Sei Siamo Siete Sono venuto/a venuto/a venuto/a venuti/e venuti/e venuti/e

Participi passati irregolari dei verbi pi comuni


ESSERE NASCERE FARE DIRE LEGGERE STRINGERE CORREGGERE SCRIVERE FRIGGERE CUOCERE RIDURRE ROMPERE CONDURRE TRADURRE TRARRE METTERE AMMETTERE MUOVERE SUCCEDERE APRIRE OFFRIRE SOFFRIRE stato nato fatto detto letto strinto corretto scritto fritto cotto ridotto rotto condotto tradotto tratto messo ammesso mosso successo aperto offerto sofferto MORIRE ACCORGERSI SPENGERE VINCERE DIPINGERE TINGERE SPINGERE TOGLIERE COGLIERE RISOLVERE SCEGLIERE CHIEDERE RISPONDERE RIMANERE VEDERE PORRE PRENDERE SCENDERE APPENDERE RENDERE DIFENDERE OFFENDERE morto accorto spento vinto dipinto tinto spinto tolto colto risolto scelto chiesto risposto rimasto visto/veduto posto preso sceso appeso reso difeso offeso ATTENDERE ACCENDERE DECIDERE UCCIDERE RIDERE DIVIDERE CORRERE MORDERE PERDERE VENIRE VIVERE BERE PIACERE CHIUDERE GIUNGERE PIANGERE PUNGERE RIASSUMERE PORGERE NASCONDERE APPARIRE atteso acceso deciso ucciso riso diviso corso morso perso/perduto venuto vissuto bevuto piaciuto chiuso giunto pianto punto riassunto porto nascosto apparso

Corso Multimediale di Lingua Italiana

88

Attenzione
I seguenti verbi hanno il participio regolare: cio prendono la desinenza dei verbi regolari: -ato, -uto, -ito, andare andato potere potuto dovere dovuto sapere saputo volere voluto tenere tenuto

Essere o avere?
89

Uso dellausiliare avere


Attenzione
Con tutti verbi transitivi (verbi che possono avere un oggetto diretto)

Lezione 7 | Caro diario

Esempi
Abbiamo mandato un messaggio a Fabrizio. Ho mangiato una bella pizza. Ho creato un gioco.

Con alcuni verbi intransitivi (verbi che non possono avere un oggetto diretto) Quando da soli, hanno un senso compiuto.

Esempi
Hanno mangiato tutto. Avete lavorato ieri? Stasera ho nuotato molto.

Uso dellausiliare essere


Con essere

Esempio
Sono stato a Firenze.

Con i verbi riflessivi

Esempio
90

Mi sono svegliato.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Con i verbi intransitivi e in particolare con i verbi: a) di stato stare, restare, durare, rimanere, lasciare.

Esempio
Sono stata in Via Monte Napoleone.

b) di movimento andare, arrivare, tornare, entrare, uscire, scappare, cadere, partire ecc.

Esempio
Siamo venuti a salutarti.

c) che indicano cambiamento o passaggio di una condizione allaltra nascere, crescere, divenire, sorgere, morire, invecchiare, tramontare, ecc.

Esempio
Sono diventata mamma e mio marito ringiovanito molto.

d) che si possono usare come impersonale anche quando hanno un soggetto capitare, bastare, dispiacere, piacere, occorrere, convenire, sembrare, parere, toccare, importare, mancare, accadere, succedere, bisognare, avvenire.

Esempio
Il dolce piaciuto a tutti.

Note sugli ausiliari


Alcuni verbi possono essere usati sia in modo transitivo quanto in modo intransitivo. A Nel modo transitivo prendono lausiliare avere e non hanno mai una preposizione. Esempio: Ho sceso le scale di corsa.
Lezione 7 | Caro diario 91

Uso diretto, senza preposizione. Nel modo intransitivo prendono lausiliare essere e sono sempre seguiti da una preposizione. Esempio: Sono sceso per le scale di emergenza. Uso indiretto, con una preposizione. Alcuni verbi: scendere, salire, passare, saltare, correre, cominciare, continuare, cambiare, suonare,  bruciare, finire.

B Ci sono altri verbi che possono essere usati in tutti due modi: Nel modo transitivo prendono lausiliare avere e possiamo osservare che ci sono tre elementi nella frase (soggetto, verbo e oggetto diretto). Esempio: Lei ha finito il pranzo . 1 2 3 Uso transitivo /avere (tre elementi) Nel modo intransitivo prendono lausiliare essere e possiamo osservare soltanto due elementi nella frase (soggetto e verbo). Il pranzo finito. 1 2 Uso intransitivo /essere (due elementi) Alcuni verbi: cominciare, finire, bruciare, guarire.

C Ci sono alcuni verbi intransitivi di movimento che possono avere tutti e due gli ausiliare: Avere Uso generico, non indica dove comincia o dove finisce il movimento. Esempio: Oggi ho saltato il pranzo. Non indica dove comincia o finisce il movimento. Essere Uso preciso, indica esattamente il punto di partenza o di arrivo del movimento. Esempio: Il pompiere saltato dalla finestra. Indica esattamente dove comincia o finisce il movimento.

I verbi impersonali
I verbi impersonali sono verbi che non hanno un soggetto determinato e si usano soltanto allinfinito o alla terza persona singolare (per lo pi si tratta di verbi che indicano fenomeni atmosferici: piovere, tuonare, grandinare, nevicare) hanno lausiliare essere, ma a volte lausiliare avere. Piovere, nevicare, grandinare, diluviare ecc.
92 Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempi
Ieri nevicato. Ieri ha nevicato.

I verbi modali
Con i verbi dovere, potere e volere si usa lausiliare richiesto dal verbo che segue: Ho dovuto telefonare. Abbiamo potuto credere. Siamo voluti andare. Ho telefonato. Abbiamo creduto. Siamo andati.

La sirena Parthenope
Parthenope, la Virginea, secondo il mito pi accreditato era una delle sirene di omerica memoria che con il suo canto prov ad incantare Ulisse. Com noto, leroe sfuggi al mortale incantamento facendosi legare allalbero della sua nave. Colpita da tanta astuzia, la bella Parthenope sinnamor perdutamente di Ulisse che, per la respinse. La giovane sirena, disperata, si uccise ed il suo corpo, sospinto dalle onde del Mediterraneo, fu trascinato fin sulle coste della Campania dove la rivennero gli abitanti del luogo. In questo punto della costa i Campani eressero la sua tomba presso la quale, poi, sorse la citt di Parthenope. Distrutta dai Cumani, la citt viene riedificata con il nome di Neapolis, vale a dire la Citt nuova. In quanto allinfelice Parthenope, in questa citt ella trov la sua pace ed infatti dalla Collina di Posillipo si intravede nellisola di Capri il profilo del viso della sirena che qui, appunto, riposa dagli affanni.

Vedi Napoli e poi...


Se interrogate uno storico, vi risponder che la tomba della Parthenope sullaltura di S. Giovanni Maggiore dove, allora, il mare lambiva il piede della montagna. Un altro vi dir, che la tomba di Parthenope sullaltura di SantAniello, verso la campagna, sotto Capodimont e. Ebbene io vi dico che non vero. Parthenope non ha tomba, Parthenope non morta. Ella vive, splendida, giovane e bella, da cinquemila anni. Parthenope la vergine immortale perch lamore e Napoli la citt dellamore. Su Napoli e su sulla napoletanit sono stati versati fiumi dinchiostro, sono state composte infinite melodie, sono stati girati chilometri di pellicola. Non vi ambito dellarte, della cultura e della storia che non sia stato percorso da questa citt, meravigliosamente contraddittoria, amata o disprezzata con la medesima intensit. Cerchiamo di vedere Napoli con altri occhi, colmi di unantica meraviglia, quella stessa che ha incantato nei secoli viaggiatori, poeti e artisti, oppure le belle dive del Cinema, in cerca di sole e di amore. A noi basta anche solo un giorno per rimanere stregati da Napoli, vogliamo proporre dunque un percorso un po insolito, perch troppo spesso si trascura di visitarla dandola per scontata. La Collina di Posillipo, una delle zone pi incantevoli della citt, che per la sua struggente bellezza gli antichi chiamavano Pausilypon, riposo dagli affanni. Costoni a strapiombo sul golfo, scorci panoramici da togliere il fiato, stupende ville immerse nel verde o placidamente adagiate sullacqua azzurra del mare, placido quel mare planum di anticha memoria che diede il nome al celebre borgo di Marechiaro. Dopo tanto mare, un tuffo nel verde obbligatorio e il Parco Virgiliano luogo ideale dove ristorarsi allombra di una rigorosa natura. Il parco sistemato a terrazze sulla sommit di Capo Posillipo, deve il suo nome ad una leggenda secondo la quale in questo luogo fu sepolto il poeta latino Publio Virgilio Marone che impresse nei suoi versi, il suo amore incondizionato per Napoli. Anche se a malincuore, scendiamo dalla collina di Posillipo e attraversiamo Piazza Piedigrotta che, sovrastata dalla veneratissima chiesa di Santa Maria Piedigrotta, sede di una delle pi espressive feste napoletane, caratterizzata da processioni, carri allegorici, luminarie, fuochi dartificio e persino dal celebre festival della canzone napoletana. Lasciandoci alle spalle Mergellina

93 Lezione 7 | Caro diario

e i suoi tanti chalet, come qui chiamano i caff rinomati per gli ottimi gelati e le gustose macedonie. Imboccando il Lungomare Caracciolo, si fa un esperienza irrinunciabile per godere di una visione dinsieme della citt e del suo golfo. Limponente mole di Caste Nuovo o Maschio Angioino, come viene anche chiamata la fortezza, domina una zona in cui si concentrano secoli di storia: i resti archeologici disseminati sul Colle di Pizzofalcone, il superbo Palazzo Reale che ha ospitato la corte di uno dei pi importanti regni del Mediterraneo, la solenne e silenziosa Piazza del Plebiscito, la penombra della Chiesa di San Francesco di Paola, di Santa Brigida o della Nunziatella. Lo storico Teatro San Carlo, uno dei pi antichi teatri lirici del mondo, e il Teatro Mercandante detto anche del Fondo perch fu costruito con i fondi ricavati dalla confisca dei beni dellordine dei Gesuiti. La Galleria Umberto I, un tempo luogo di ritrovo preferito dai musicisti napoletani e da dove si poteva accedere al Salone Margherita, vero tempio del variet napoletano. Da Via Toledo, la strada pi celebre della citt che delimita gli altrettanto celebri Quartieri Spagnoli o semplicemente I Quartieri, come li chiamano i napoletani, sorti a partire dal XVI secolo sulla traccia a scacchiera degli accampamenti militari spagnoli. Passeggiare per queste strade unesperienza emozionante che d lopportunit di scoprire la vita del vicolo, una vita che si svolge prevalentemente per strada e spesso tristemente e ingenerosamente etichettata come malfamata. Per concludere il nostro itinerario ci dobbiamo inoltrare in uno dei luoghi pi vivaci e popolari di Napoli, Spaccanapoli. La zona tutto un susseguirsi di piazze, chiese e palazzi storici tanto da essere considerata un museo allaperto: La Chiesa di Ges Nuova, il palazzo Caraffa, linquietante Cappella Sansevero e soprattutto, da non perdere, il Complesso di Santa Chiara, un convento e una chiesa dallarchitettura semplice e severa in stile gotico.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

94

Affacciare Affascinante Allontanare Altrimenti Apprezzare Artigianale Assaggiare Assaporare Animo Bellezza Bont  Calma Catturare Contraddizioni Corsa Distesa Disturbare Emozionare Famoso Frastagliare Fuggire Gradire Immaginare Immediatamente

Imponenza Leggermente Lucente Meraviglioso Mozzafiato Nascondere Nulla Panorama Proprio Qualsiasi Rifugio Rispecchiare Roccia Scoglio Scorcio Scoprire Scugnizzo Sembra Sensazione Simile Spettacolo Viandante Vicolo

Piccole frasi C Daudio


di

Allora ha trovato proprio il posto giusto. Oggi una di quelle giornate. Ha visto che bella giornata? Modestamente parlando. Qui si mangia da Dio. No, veramente non so di che si tratta. Il mio sguardo si perde. Ho la sensazione di essere gi stata qui/ Ho la sensazione di essere gi stato qui. Grazie, molto gentile.
95

CD di

audi

Lezione 7 | Caro diario

Il miracolo di San Gennaro


Allinizio degli anni 70 si sparse la voce che la Chiesa aveva retrocesso San Gennaro dalla serie A dei santi titolari di giornata, alla serie B dei santi con culto facoltativo. La risposta dei napoletani in questa occasione fu pronta e perentoria: A San Genn! Fregatene! San Gennaro accett il consiglio e non se la prese: continu a fare, quasi regolarmente, il suo mestiere di santo miracoloso, dimostrandosi in definitiva superiore alle piccole questioni di gerarchia. Il declassamento poi, in realt, non cera nemmeno stato: era solo accaduto che, a seguito della riforma del Calendario Liturgico, la Chiesa aveva considerato il culto di San Gennaro obbligatorio nei luoghi ricchi di precedenti tradizionali popolari e facoltativi presso le altre sedi. In altre parole, essendo i santi molto pi numerosi dei 365 giorni dellanno, ogni diocesi il 19 settembre (giorno di San Gennaro) avrebbe potuto liberamente decidere quale santo onorare. Chiss perch, ogni qual volta io parlo di San Gennaro fuori dalle mura della mia citt, c sempre una reazione divertita da parte dellinterlocutore. Una specie di sorriso, come per dire: Ma tu guarda questo qui che crede ancora ai miracoli! Molti poi, o non credono addirittura che il sangue si sciolga, o pensano che ci sia dovuto a un trucco tramandato nel corso dei secoli. Ma riflettiamo un momento: un trucco bisbigliato da prete a prete per qualcosa come sei secoli di storia senza che mai nessuno di costoro abbia pensato di rivelarlo allestero, che so io, allEspresso a Panorama! Ebbene, signori miei, io vi consiglio di dedicare uno dei vostri weekend a San Gennaro. Venite a Napoli il sabato che precede la prima domenica di maggio o il 19 settembre e recatevi

di buonora al Duomo. Vedrete il Cardinale tirare fuori da una cassaforte posta dietro allaltare la teca contenente le sacre ampolle. Vedrete queste ampolle piene per met di una sostanza scura e indubbiamente solida. Il Cardinale alzer la tecca al di sopra della testa e la mostrer al popolo. Vedrete decine di vecchiette seguire continuamente con lo sguardo rapito il sangue miracoloso. A un certo punto un nobile napoletano (il Deputato di turno) agiter in aria il sacro Fazzoletto: il miracolo avvenuto! Vedrete questo sangue diventare rosso, aumentare di volume e scivolare sulle pareti delle ampolle man mano che il Cardinale capovolger la teca per mostrare al popolo lavvenuto miracolo. Tutti singinocchieranno, uomini, donne, cristiani, protestanti, ebrei di passaggio eccetera ecc. La teca verr offerta al bacio dei fedeli. Contemporaneamente a Pozzuoli, in una piccola chiesetta anchessa dedicata al Santo, alcune macchie scure (sangue?), esistenti su di una pietra che dicesi essere quella dove fu decapitato il martire, diventeranno di colore rosso pi acceso. Signori qui non si sta parlando di un UFO che qualcuno ha visto e della cui esistenza non si ha in pratica alcuna prova. Il miracolo di San Gennaro ha un calendario preciso, sicuro, molto pi attendibile degli orari di partenza dellAlitalia.
Corso Multimediale di Lingua Italiana 96

Venite, guardate e fatevi unopinione. un miracolo che avviene al caldo al freddo, con la folla presente e altre volte nel buio pi assoluto della nicchia. Che cosa c di vero? La Chiesa, quella romana, in merito non si pronuncia, continua a considerare il miracolo cos come lo scrivo io: tra virgolette, lasciando poi libero il fedele di cercarsi linterpretazione che preferisce.
(CRESCENZO, Luciano de. La Napoli di Bellavista. Ed. Arnoldo Mondadori.)

97 Lezione 7 | Caro diario

Lezione

Visita al teatro
Obiettivo
Credo che siamo arrivati ad un buon punto, prenderemo in considerazione limperfetto dellindicativo, la differenza tra imperfetto e passato prossimo e la loro relazione.

Spiegazione
Sembra che Napoli abbia catturato lanima di Stella. Infatti, ha deciso di restare in questa citt per alcuni giorni, cosi pu conoscere meglio tutte le meraviglie che il simpatico cameriere le ha decantato. Nel frattempo, ha visitato Ischia e si innamorata di questa splendida isola.

Visita al teatro
(Mentre Stella stava camminando per le vie del centro di Napoli, allimprovviso ha visto un manifesto che ha colpito la sua attenzione:)
100

Stella: Signore: Stella: Signore: Stella: Signore: Stella: Signore: Stella: Signore: Signore:

Desideravo tanto vedere uno spettacolo in un teatro storico, chi sa se hanno ancora biglietti? Mi scusi Signorina, se La disturbo, che La vedo interessata. Conosce la Nuova Compagnia di Canto Popolare? Veramente non ho mai sentito parlare di loro, per sono curiosa di vedere uno spettacolo in un antico teatro. Speravo in unoccasione giusta! Guardi, allora Le consiglio di affrettarsi, so che questa mattina vendevano ancora dei biglietti. Lei sa per caso dove vendono i biglietti? Certo Signorina, vendevano i biglietti direttamente alla biglietteria del teatro. Purtroppo non so dov questo teatro, io non sono pratica di Napoli. Guardi Signorina qui vicino, se vuole La accompagno? Sarebbe molto gentile ma non avevo intensione di scomodarlo. Non si preoccupi, per me di strada. Poi un piacere passeggiare con una Signorina cos gentile. Ecco, siamo arrivati, questo il famoso Teatro San Carlo. stato un vero piacere chiacchierare un po con Lei. Spero che abbiano ancora dei biglietti, perch questo spettacolo merita veramente.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella: Signore:

Grazie della sua compagnia e di avermi accompagnato fino a qui. Le auguro una buona giornata. Tante buone cose, Arrivederci. Arrivederci e grazie ancora. Buongiorno, vorrei sapere se avete ancora degli ingressi per lo Spettacolo La Gatta Cenerentola? S. Guardi, controllavo in questo momento la disponibilit. Le faccio vedere la piantina del Teatro, cos sceglie meglio. Abbiamo ancora dei Posti in Platea a 150 Euro, sono rimasti anche dei Posti in Palco 1. fila a 130 Euro.

Stella: Stella: Commessa:

Stella: Commessa:

Quanto costano i biglietti dei posti in palco 2. fila? Allora, i posti nel palco, 2. fila, costano 110 Euro, i posti nel palco, 3. + 4. fila, costano 90 e 70 Euro, per la balconata, in 5. + 6. fila, costano 50 e 40 Euro. Se vuole un consiglio, Le conviene occupare un posto in platea oppure nel palco, 1. o 2. fila, da li ha unottima visione del palcoscenico.
101

Stella:

Speravo di spendere meno, per voglio seguire il suo consiglio, in fondo non si ha spesso la possibilit di vedere uno spettacolo in un teatro cos bello. Vorrei un biglietto di palco in 1. fila.
Lezione 8 | Visita al teatro

Commessa: Stella: Commessa: Stella: Stella: Commessa: Stella: Commessa:

Guardi, sono rimasti questi posti in azzurro, settore F e settore H, pu scegliere. Questo sembra perfetto F 33. Sono 130 Euro, come vuole pagare? Pago con la carta di credito. Posso prendere il programma della serata? Certo, se vuole Le do anche il programma di tutta la stagione. La ringrazio, a che ora si pu entrare nel teatro? Apriamo le porte unora prima, ma non deve entrare subito, se desidera pu prendere prima un aperitivo al nostro bar. I biglietti sono numerati, cos pu accomodarsi poco prima dellinizio dello spettacolo.

Stella: Commessa:

Grazie delle informazioni, sono proprio felice, sognavo unoccasione come questa, Arrivederci. Arrivederci e si goda lo spettacolo.

Imperfetto - indicativo
Limperfetto un tempo del modo indicativo, si usa nel passato per azioni che si ripetono o abituali e per descrivere. LIMPERFETTO INDICATIVO REGOLARE are Studiare ere Credere
102

avo Studiavo evo Credevo ivo Sentivo

ire Sentire

Corso Multimediale di Lingua Italiana

LIMPERFETTO - INDICATIVO - VERBI AUSILIARI AVERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro Avevo Avevi Aveva Avevamo Avevate Avevano Ero Eri Era Eravamo Eravate Erano ESSERE

LIMPERFETTO INDICATIVO - VERBI REGOLARI PARLARE Parl-avo Parl-avi Parl-ava Parl-avamo Parl-avate Parl-avano CREDERE Cred-evo Cred-evi Cred-eva Cred-evamo Cred-evate Cred-evano SENTIRE Sent-ivo Sent-ivi Sent-iva Sent-ivamo Sent-ivate Sent-ivano CAPIRE Cap-ivo Cap-ivi Cap-iva Cap-ivamo Cap-ivate Cap-ivano

Alcuni esempi dei verbi irregolari: LIMPERFETTO - INDICATIVO - VERBI IRREGOLARI Fare Dire Condurre Porre Trarre Tradurre Bere Facevo Dicevo Conducevo Ponevo Traevo Traducevo Bevevo

Usiamo limperfetto per le descrizioni e le condizioni psicofisiche: Caratteristiche delle persone e delle cose

103

Esempio
Le persone avevano costumi bellissimi, erano a una festa tradizionale ricca di storia.

Lezione 8 | Visita al teatro

Paesaggi

Esempio
Era una notte chiara e le stelle risplendevano sul mare.

Condizioni atmosferiche

Esempio
La neve cadeva e siamo usciti a giocare.

Unazione che si ripete o abituale

Esempi
Quando studiavo moda, leggevo molto sulla cultura italiana. La mamma di Luca arrivava sempre in ritardo e dovevamo correre per entrare in classe. Esprimere condizioni psicofisiche

Esempio
Sergio non si sentiva bene da qualche giorno e
104

ha dovuto chiamare il medico.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Le azioni che si svolgono contemporaneamente Quando/Mentre a) Quando/mentre + imperfetto + passato prossimo Esempio: Quando + dormivo + arrivato lui. Mentre + camminavo + ho incontrato un amico. b) Quando/mentre + imperfetto + imperfetto Esempio: Quando + arrivavo + dovevo chiamare lagenzia. Mentre + Luigi preparava la cena + Chiara chiamava gli amici. Raccontare un sogno

Esempi
Ero in unarena piena di gente, la folla urlava il mio nome. Ero una cantante bravissima. Avevo un bellissimo vestito di seta. Le mie canzoni parlavano damore, di vita, di gioia. Nel momento pi emozionante, mentre tutti cantavano con me, mi sono svegliata.

Fatti giornalistici

Esempio
Dopo quattro minuti di recupero larbitro decretava la fine della partita.

Nelle favole

Esempio
Cera una volta una fanciulla che abitava in un castello che pi bello non si era mai visto.
105 Lezione 8 | Visita al teatro

Desiderio/Cortesia

Esempi
Scusami, Gaia, se ti disturbo, volevo chiederti un favore. Per cortesia, cercavo il dottor Bandini. Cercavo una maglia rossa.

Attenzione
Con limperfetto nessuna azione compiuta, tutte sono in attesa di una conclusione, la conclusione avviene si esprime con il passato prossimo. Esempi: Giovanni voleva iniziare il corso, andato a fare linscrizione. imperfetto passato prossimo

La squadra giocava bene, ha vinto lo scudetto. imperfetto passato prossimo

La Nuova Compagnia di Canto Popolare


La Nuova Compagnia di Canto Popolare un gruppo musicale napoletano. Si formato alla fine degli anni 60 con lintensione di diffondere gli autentici valori del popolo campano e dellantica tradizione musicale della canzone napoletana, come la pizzica e la taranta o tarantella (da segnalare il lavoro discografico di Teresa De Sio, nella riscoperta delle pi antiche tradizioni musicali italiane, soprattutto dellItalia meridionale). La Nuova Compagnia di Canto Popolare un gruppo rivoluzionario, un vero e proprio riscatto per la musica popolare. Questo tipo di musica fino allora era considerato minore ed nato grazie alliniziativa dei musicisti napoletani; Eugenio Bennato, Giovanni Mauriello, e Carlo DAngi. In seguito, si uni a essi Peppe Barra, Partizio Trampetti, Nunzio Areni, Fausat Vetere e il maestro Roberto De Simone, in veste di direttore artistico. Attraverso le ricerche etnomusicologiche e studi filologici, questi giovani proponevano con successo la musica popolare campana nel suo stile originale, con le grandi voci e la gestualit teatrale. Lo straordinario successo ottenuto al Festival di Spoleto nel 1972 e nel 1974 segna il lancio internazionale del gruppo. Da allora la Nuova Compagnia di Canto Popolare ha ripetutamente partecipato a tutti i pi importanti Festival dEuropa e doltreoceano, alternando le attivit musicali a quelle teatrali, promuovendo e partecipando a numerosi spettacoli come: La Cantata dei pastori, La canzone di Zeza, La Gatta Cenerentola, La Perla Reale e Sona sona. Per questo motivo Eduardo de Filippo li volle ospiti nel suo teatro: il San Ferdinando di Napoli. Alla fine degli anni 70 una parte del gruppo lascia la Compagnia, soffrendo la crisi del genere popolare degli anni 80. Tuttavia, rimane fedele alla sua logica, ai suoi scopi e alla sua voglia di valorizzare la musica tradizionale napoletana, partecipando a Festival internazionali e italiani. Il 1992 segna il ritorno della Compagnia con lalbum Medina (nome di unantica porta napoletana, lo stesso nome della citt santa dArabia e di varie citt della Spagna), che racchiude cos lintento, dintrecciare culture diverse e di fare musica al di l dai confini. Della formazione originale rimangono; Giovanni Mauriello (il fondatore storico del 1966) e Fausto Veter, Corrado Sfogli che si aggiunse a loro nel 1976. Il grande successo di questalbum, (Medina va in tourne non solo in Italia, ma anche Cordoba, Caracas e Tokyo) apre la porta al Festival di Sanremo, vincono il Premio della Critica con la canzone Pe dispietto. Nel 1993 partecipano in Grecia, al Festival Internazionale del Mediterraneo, e nel 94 in Irlanda al Festival Internazionale di Dublino. Nel 1995 lalbum Tzigari segna il ritorno allo stile originale della Nuova Compagnia di Canto Popolare. Con lingresso della nuova voce di Gianni Lamagna, (esperto della musica popolare) proposero una raccolta della tourne del 96; lalbum In Canto Acustico. Nel 1997 firmato un nuovo contratto discografico con lEMI: il primo risultato il loro album dal titolo Pesce do mare, nel quale il gruppo propone nuove contaminazioni con artisti di diversa matrice culturale, come Marcello Colasurdo (altro grande conoscitore della musica tradizionale campana), Angelo Branduardi e Zulu dei 99 Posse. Con questi ultimi artisti, la Nuova Compagnia di Canto Popolare ha fatto nel 98 una splendida apparizione alla manifestazione del 1.o Maggio in piazza S. Giovanni a Roma e un tour nei pi importanti teatri italiani. Il mese di gennaio del 99 si aperto con una tourne per le pi importanti organizzazioni di rassegne di musica classica (GOG di Genova, Teatro Civico della Spezia, Accademia Chigiana di Siena, Teatro Rossini di Pesaro, Camerata Musicale Barese, Teatro Bellini di Catania) che ha ottenuto unanimi consensi di pubblico e di critica. Nel 2000 fanno una tourne in Brasile, dove hanno suonato per la manifestazione Todos os cantos do mundo al teatro Sesc Pompeia di S. Paolo. Nel 2001 esce il nuovo album dal titolo La voce del grano stampato dalletichetta di Forrest Hill e distribuito dallHarmony Music. Nel gennaio 2002 questalbum stato fra i primi venti migliori

Corso Multimediale di Lingua Italiana

106

cd del mondo, nella classifica stilata dai giornalisti della World Music Charts Europe. Sempre nel 2002 la Nuova Compagnia di Canto Popolare, in tourne negli Istituti italiani di Cultura del Mediterraneo, si esibita a Sofia, Rabat, Casablanca, Atene e Belgrado. Nel settembre dello stesso anno stata invitata dalla Rai Uno a partecipare a Sorrento al centenario della canzone Torna a Surriento insieme a Dionne Warwick e Andrea Bocelli. Nel 2003 la Compagnia stata in concerto in Olanda al Popcentrum di Tilburg, in Egitto ad Alessandria e allOpera House del Cairo, in Grecia a Larissa e Alexandroupoli, in Ungheria a Szeged e a Budapest, in Spagna allEuro Festival di Torroella de Montgr chiudendo lanno a Parigi e partecipando poi alla manifestazione di Europalia (semestre della presidenza italiana) a Bruxelles. Gli anni successivi vede il gruppo impegnato in numerosi concerti in Italia e allestero; a Reykiavik, a Helsinki, a Stoccolma, a Washington per lo Smithsonian Istitute, a Nis e nel grande teatro del Sava Centar di Belgrado dove fanno registrare il tutto esaurito. Nel 2005 firmano un nuovo contratto discografico con Raitrade che si concreta con un nuovo cd dal titolo Candelora uscito nel dicembre dello stesso anno. Una creazione discografica interamente scritta e composta dal gruppo in stile eteroclitico, che va dal classico napoletano alla contaminazione della musica Rap. La Nuova Compagnia di Canto Popolare continua le sue tourne in Italia e nei pi importanti Festival del mondo come a Salonicco, a S. Pietroburgo e alla Konzerthaus di Vienna.

107 Lezione 8 | Visita al teatro

Accomodarsi Accompagnare Alcuni Anima Antico Atto Cenerentola Chiacchierare Compagnia Conoscere Consiliare Controllare Disponibilit Famoso Favola Gatta Cenerentola Godere Incomodare Ingresso Inizio

Innamorarsi Manifesto Meraviglia Meritare Ottimo Partecipare Perfetto Piantina (spazio) Posto in palco Posto in platea Preoccuparsi Programma Purtroppo Sembrare Spendere Spettacolo Teatro Visione (vista) Veramente

Piccole frasi C D
di

Mi scusi Signorina? Non sono pratica. Per me di strada. Grazie della sua compagnia. Tante buone cose, arrivederci. Sognavo un occasione come questa.

audi

CD di
108

audi

La storia del Teatro di San Carlo


Il teatro lirico di Napoli, il Reale Teatro di San Carlo, comunemente chiamato Teatro San Carlo, il pi antico teatro dopera in Europa, uno fra i pi grandi del mondo. stato riconosciuto dallUnesco come patrimonio dellumanit. Il teatro pu ospitare tremila spettatori e conta cinque ordini di palchi disposti a ferro di cavallo, in oltre, possiede un ampio palco reale, un loggione, e un palcoscenico lungo trentacinque metri.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

La storia del teatro


Il teatro sorge addossato al lato Nord del Palazzo Reale. Tramite una porta, che si apre proprio alle spalle del palco reale, il re poteva recarsi agli spettacoli, senza dover scendere in strada. Fu inaugurato nel 1737 per volont di Carlo I di Borbone, il progetto di Giovanni Antonio Medrano. Fu inaugurato con lopera Achille in Sciro (musica di Domenico Sarro). Nel 1767 Ferdinando Fuga esegue gli interventi di restauro in occasione del matrimonio di Ferdinando IV con Maria Carolina. Nel 1778 ha ridisegnato il boccascena. In questi anni era stato ospite del teatro (solo come spettatore) il giovane Mozart. Nel 1797 Domenico Chelli esegue un restauro delle decorazioni della sala. Durante la Repubblica Napoletana nel 1799, riassume la denominazione di Teatro Nazionale di San Carlo, che aveva perso in precedenza con la caduta della repubblica. Nel 1809 Gioacchino Murat incarica larchitetto toscano Antonio Niccolini per il progetto della nuova facciata principale. Niccolini la esegu in stile neoclassico, ispirandosi al disegno di

Pasquale Poccianti per la Villa di Poggio Imperiale di Firenze. Nella notte del 13 febbraio 1816, un incendio lo distrusse, e fu ricostruito su progetto dello stesso Antonio Niccolini. La nuova sala era inaugurata il 12 gennaio 1817 con la cantata Il sogno di Partenope di Giovanni Simone Mayr. La presenza di Mayr, come quella di Rossini, si doveva essenzialmente al lombardo Domenico Barbaja, il pi grande impresario dItalia allepoca. Gioachino Rossini fu il direttore musicale del teatro, dal 1815 al 1822, che in quel periodo, visse una delle sue stagioni pi importanti. In seguito lincarico fu attribuito a Gaetano Donizetti, direttore artistico dal 1822 al 1838. In questi anni vi present ben 16 opere in prima esecuzione. Nel 1834 Antonio Niccolini esegu un nuovo restauro del teatro, e nel 1844 Francesco Gavaudan e Pietro Gesu, realizzano il prospetto occidentale verso il Palazzo Reale, con la demolizione della Guardia Vecchia. Con lunit dellItalia nel 1860, comincia un lungo periodo di decadenza e abbandono del teatro. Il 27 marzo 1969 il gruppo scultoreo niccoliniano della Partenope, presente sul frontone della facciata principale, si sgretola per le infiltrazioni causate dalla pioggia e viene rimosso. Soltanto nel giugno del 2007, la Triade della Partenope viene ricostruita ed torna finalmente ad erigersi sulla sommit delledificio. Il 23 gennaio 2009 il Teatro di San Carlo viene restituito alla citt partenopea. Condudesi la prima fase dei lavori di ristrutturazione e restauro, curata dallarchitetto Elisabetta Fabbri. stato costruito un nuovo Foyer al di sotto della sala teatrale. La sala stessa viene restaurata. Tutti i rilievi decorativi sono ripuliti: ori, cartapeste e patine. Viene inoltre aggiunto un impianto di climatizzazione. Un immenso flusso daria arriva alla pladea per mezzo di una bocca posta sotto ad ognuna delle 580 poltrone, e in ogni singolo palco della sala. Con il restauro della tela pittorica di 500 metri quadrati posta a soffitto, la sala del teatro riacquista la sua principale decorazione. Vengono sostituite le poltrone della platea, ed eseguito un intervento per migliorare la visuale degli spettatori e lacustica, che era stata gi giudicata straordinaria prima dellintervento. Purtroppo il teatro verr nuovamente chiuso al pubblico a partir e del giugno 2009 per un nuovo intervento, che preveder il rifacimento del palcoscenico, e infine nel 2010 per un ultimo intervento di ritocchi sulla facciata.
109 Lezione 8 | Visita al teatro

Lezione

Una giornata al mare


Obiettivo
Nella lezione impareremo luso dei pronomi personali, che sono divisi in diretti, indiretti e composti.

Spiegazione
Dopo aver trascorso alcuni giorni in Campania, Stella decide di recarsi ancora pi al sud. Infatti, prende in noleggio una macchina e percorre prima il Golfo di Salerno e poi il Golfo di Policastro, per poi arrivare infine in Calabria. Marina, la sua amica di viaggio, conosciuta a Torino, le aveva dato alcune suggestioni di localit balneari. Cos, decide di passare una giornata al mare a Tropea. Stella arriva in spiaggia, si sorprende quando vede che la spiaggia tutta organizzata; i famosi bagni privati. Risolve di affittare un ombrellone al bagno La Stella Marina. Quando entra nel bagno, incontra subito il bagnino.

Una giornata al mare


112

Bagnino: Buongiorno, Signorina. Che cosa desidera? Stella: Vorrei affittare un ombrellone, mi pu spiegare come funziona? Bagnino: Certo Signorina, noi siamo organizzati in questo modo; (prende un dpliant e le mostra). Dunque, affittiamo lombrellone con due sedie a sdraio a 20 Euro, oppure se preferisce, possiamo darle una sdraio e un lettino allo stesso prezzo. Stella: Mi scusi, ma che differenza c tra la sdraio e il lettino? Bagnino: Le spiego; La sedia a sdraio ha la possibilit di cambiare linclinazione della posizione, quindi adatta per leggere oppure per osservare il movimento in spiaggia. Il lettino invece pi adatto per prendere il sole sdraiata, come un letto, e ha una protezione per lasciare la testa allombra. Perci comoda per abbronzarsi sia davanti sia dietro. Stella: Veramente sono sola, devo affittare comunque due tipi di sedia a sdraio? Bagnino: Certo Signorina, Lei affitta un ombrellone e ha diritto a due sedie a sdraio, il prezzo non cambia. Poich Lei sola, Le consiglio di prendere una di ogni tipo. Stella: Mi sembra unottima idea. Bagnino: Preferisce stare pi vicino alla riva, o preferisce restare pi allinterno della spiaggia? Stella: Immagino che pi vicino alla riva sia un po pi ventilato. Bagnino: Quindi Le assegno un posto nella seconda fila, cos oltre a essere ventilato ha anche una bellissima vista sul mare. Ha visto il colore del nostro mare? Lo vede com azzurro e lacqua cos trasparente da vedere il fondo. Lo sapeva che il mare di Tropea tra i pi puliti dItalia?

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella: No, non lo sapevo, per ho visto che la costa ha dei panorami splendidi, con uninfinita variet di azzurri. Bagnino: Noi calabresi, siamo orgogliosi del nostro mare e come vede, i turisti, adorano le nostre spiagge. Torniamo a noi! Le serve una cabina per cambiarsi? Le affittiamo a 15 Euro e se vuole, pu lasciare i suoi oggetti personali, cos non deve portarli in spiaggia? Stella: Veramente ho gi indossato il costume da bagno, perci non ho bisogno di una cabina, invece vorrei sapere se avete delle docce? Bagnino: Ma certo le abbiamo, e sono a vostra disposizione. Se vuole invece una doccia calda, costa cinque Euro il gettone. Stella: No, con questo caldo, non ho bisogno della doccia calda. Per caso, vendete del protettore solare? Bagnino: Certo Signorina, come lo voleva? Ne, abbiamo uno con protezione quindici oppure trenta. Stella: Ne voglio uno con filtro solare trenta, credo che sia sufficiente. Bagnino: Glielo prendo subito, ma prima che me ne dimentico. Il nostro bagno offre anche un piccolo bar, poich molti clienti restano in spiaggia per tutta la giornata. Abbiamo dei panini, delle focacce e una variet dinsalate, oltre alla macedonia di frutta e naturalmente delle bibite. Stella: Avete anche dei gelati? Bagnino: S, siamo lunico bagno qui a Tropea che fa il gelato artigianale, da leccarsi i baffi! Stella: Ho una vera passione per il gelato sfuso, ne assaggio uno pi tardi. Ora per ho voglia di farmi un tuffo! Bagnino: Se le piace fare Snorkeling affittiamo delle maschere e delle pinne, altrimenti se le piace offriamo la possibilit di fare del Windsurf o di noleggiare un pattino (pedal). Stella: Magari pi tardi, adesso vorrei soltanto rinfrescarmi un po. Mi dica invece, pago adesso oppure alla fine della giornata? Bagnino: Pu pagare dopo, adesso approfitti della giornata, sono a sua disposizione se Le serve qualcosa? Le porto subito le sedie a sdraio, se vuole intanto avviarsi al posto, faccio in un attimo. Stella: Mi scusi, ma come si chiama? Bagnino: Mi chiamo Giuseppe e Lei? Stella: Mi chiamo Stella, se vuole, possiamo darci del tu, poich siamo quasi coetanei. Bagnino: Mi sembra una buona idea. Allora divertiti, e se hai bisogno, sono qui in giro!
113 Lezione 9 | Una giornata al mare

Stella: Ti ringrazio, a dopo!

Pronomi diretti
SOGGETTO (forma antica) SOGGETTO PRONOMI OGGETTO DIRETTO (senza preposizione) Atono/Debole davanti al verbo io SINGOLARE tu egli ella Ella
114

Tonico/Forte dopo il verbo me te lui lei Lei noi voi loro

io

mi ti

lui lei Lei noi voi Loro loro

lo la La ci vi li/le lo/la

PLURALE

noi voi Essi (masch.)/ Esse(fem.) Esso /Essa (solo a cose o animali)

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Attenzione
I pronomi atoni/deboli sono i pi usati. Precedono il verbo, eccetto quando questo allinfinito e allimperativo. Esempio: Mi chiami? I pronomi tonici/forti seguono il verbo ed esprimono valore esclusivo. Esempio: Hai chiamato me?

La regola dei pronomi diretti


I pronomi diretti hanno la funzione di complemento oggetto della frase.

Tempi semplici
Esempi
Leggi il giornale? S, lo leggo. Prendi la macchina? No, non la prendo. Conosci questi artisti? S, li conosco. Conosci queste ricette? No, non le conosco.

Osservazioni
Nota sullelisione: Con i pronomi li, le, lelisione non avviene mai.
Lezione 9 | Una giornata al mare 115

Nei tempi semplici lelisione pu esserci davanti ad ogni verbo che inizia per vocale. Non consigliabile perch si pu confondere il sostantivo con il verbo. Esempi: La partita di calcio, lascolto alla radio. Quando il mio compagno esprime la sua idea,  lascolto con attenzione.

Tempi composti
Il participio passato di un verbo preceduto da un pronome diretto si accorda con il pronome. Il pronome diretto al singolare, prende lapostrofo quando precede una parola che inizia con una vocale e generalmente lo prende prima del verbo avere.

Esempi
Ho visto Gianni e Marco e li ho salutati. Hai comprato il giornale? S, lho comprato. Giovanni hai preso la macchina? No, non lho presa. Dove hai conosciuto questi artisti? Li ho conosciuti al museo. Dove hai lasciato le scarpe? Le ho lasciate dal calzolaio. Avete visto Paola? S, labbiamo vista al parco.

Attenzione
Con mi, ti, ci, vi laccordo facoltativo.

Esempi
Luigi ci ha chiamati/chiamato. Loro mi hanno invitata/invitato.

116

Il pronome lo
un pronome che pu sostituire una frase dipendente.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempio
Sai che Bianca andata a sciare? No, non lo sapevo.

un aggettivo o un nome dopo il verbo essere (in questo caso il pronome invariabile).

Esempio
I miei genitori sono generosi e anchio lo sono.

Generalmente loggetto segue il verbo, ma per evidenziarlo, lo mettiamo prima del verbo, obbligatorio luso del pronome diretto fra loggetto e il verbo.

Esempi
Questo non lo sapevo! Ameli non lho vista, ma ho parlato con suo pap.

I nuovi studenti
A volte arrivano dei nuovi studenti nella nostra classe, di altre scuole e di nazionalit diverse, scambiamo molte informazioni e conosciamo nuove culture.
IESDE Brasil S.A.

Ciao ragazzi! Mi chiamo Andrea. Sono vostro insegnante.

Come ti chiami? Mi chiamo

Ben arrivato Enzo!

Enzo, conosci Sara? S, la conosco.

Enzo.

Sara, conosci Filippo? S, lo conosco.

E voi, conoscete Enzo e Sara?

117

No, non li conosciamo.

Lezione 9 | Una giornata al mare

Filippo, conosci Sara e Chiara? S, le conosco.

Loro sono i nuovi studenti della nostra classe.

Adesso, vi siete presentati.

Ora, ci conosciamo tutti.

E possiamo continuare il nostro corso.

Pronomi indiretti
SOGGETTO (forma antica) SOGGETTO PRONOME OGGETTO INDIRETTO (con la preposizione a) Atono/Debole Davanti al verbo io tu egli ella Ella noi
118

Tonico/Forte Dopo il verbo a me a te a lui a lei a Lei a noi a voi a Loro

Tonico/Forte (con altre preposizioni) Dopo il verbo da me per te con lui da lei da Lei fra noi da voi da Loro

io tu lui lei Lei noi voi Loro

mi ti gli le Le ci vi Loro

voi Essi (masch.)/ Esse (fem.) Esso /Essa (solo a cose o animali)

Corso Multimediale di Lingua Italiana

loro

loro

a loro

a loro

La regola dei pronomi indiretti


Il pronome indiretto pi semplice, non ha mai lapostrofo e nel participio passato ha soltanto la terminazione -o, per il maschile, il femminile, il singolare e il plurale. Si usa la forma atona/debole quando: Non necessario evidenziare il pronome.

Esempio
Carlo mi ha fatto una domanda ma io non gli ho risposto.

Si usa la forma tonica/forte quando: Si vuole evidenziare il pronome.

Esempio
Senti! Non sto parlando a te!

Il pronome accompagnato da un nome o da un altro pronome.

Esempi
Ho parlato a lei ma non a Cristina. Ho parlato a lui, ma non a lei.

Nella lingua parlata, nella stampa e anche alcuni autori moderni, usano -gli per il pronome indiretto plurale.

Esempio
Abbiamo telefonato ai nostri parenti e gli abbiamo detto di venire alla festa (= abbiamo detto a loro di venire alla festa).
119 Lezione 9 | Una giornata al mare

La forma di cortesia
Il pronome di cortesia singolare si fa con il femminile per riferirsi a persone sia maschile sia femminile, e si scrive sempre con la elle maiuscola. Nel caso del pronome di cortesia al plurale, si usa Loro, per comunemente viene usato Vi.

Attenzione
Vi, deriva da Voi, forma molto formale, oggi poco utilizzata, ma che possiamo trovare nella forma letteraria.

SINGOLARE PRONOMI DIRETTI PRONOMI INDIRETTI La Le

PLURALE Loro/ Vi Loro/ Vi

Esempio
Signore/ Signora Montalcino, La chiamo stasera e Le dico come fare.

Il pronome Loro si mette sempre dopo il verbo.

Esempio
Signori/Signore, chiamiamo Loro stasera e diciamo a Loro cosa fare.
120

Questa la forma usata normalmente.


Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempio
Signori/Signore, Vi chiamiamo stasera e Vi diciamo cosa fare.

Pronomi combinati
I PRONOMI COMBINATI (Indiretti + Diretti) Combinati mi ti gli le Le ci vi gli + lo, la, li, le lo, la, li, le lo, la, li, le lo, la, li, le lo, la, li lo, la, li, le lo, la, li, le lo, la, li, le = me lo, la, li, le te lo, la, li, le glielo, la, li, le gliela, la, li, le glielo, la, li, le ce lo, la, li, le ve lo, la, li, le glielo, la, li, le

*Ne un nome partitivo, lo studieremo pi avanti.

La regola dei pronomi combinati


I pronomi combinati si formano unendo i pronomi indiretti ai pronomi diretti, come mostra la tabella.

Attenzione
Nei pronomi combinati, le forme mi, ti, ci, vi diventano me, te, ce, ve.

Esempi
121

la bicicletta? Mi presti lo zaino? i libri? le fotografie?

Me la Me lo Me li Me le presti fino a domani?

Lezione 9 | Una giornata al mare

te la S, te lo te li te le presto volentieri.

la favola a Francesco? Racconti il documentario a Letizia? i film ai ragazzi? le avventure a Antonio?

S, gliela racconto. S, glielo racconto. S, glieli racconto. S, gliele racconto. S, glielho fatta. S, glielho fatto. S, glieli ho fatti. S, gliele ho fatte.

la prenotazione per Michele? Hai fatto il dolce a Carmelo? i disegni per Leonardo? le tagliatelle a Beatrice?

Mari e monti
La Calabria confina a nord con la Basilicata (Lucania), per il resto circondata da due mari; il Mar Tirreno a ovest e il Mar Ionio a est e (Stretto di Messina) a sud. La lunghezza complessiva della costa calabrese di 780Km, che corrisponde al 19% del totale del territorio italiano. suddivisa nelle province di Catanzaro (capoluogo di regione), Cosenza, Crotone, Vibo Valentia e Reggio di Calabria. Il territorio della Calabria in prevalenza montuoso; il Pollino, la Sila, lAspromonte, le Serre, forma circa la met della superficie, mentre le arie collinari e di pianura; di Gioia Tauro, di Sibari e di Lamezia Terme costituiscono il resto della superficie. Geograficamente il massiccio del Pollino, segna il confine a nord con la Basilicata, ed l che incontriamo il monte pi alto di tutta la Calabria, la Serra Dolcedorme con i suoi 2267 metri. Nel 1991 gran parte di questo massiccio diventa Parco Nazionale del Pollino. La Sila pi che una catena di montagne un variegato altopiano, dove possibile trovare immense distese di boschi, laghi, e cascate. Da queste cime delle montagne, che degradano, dolcemente si formano naturali balconi, che offrono una vista panoramica indimenticabile. La Sila divisa in Sila Grande, Sila Greca e Sila Piccola, al suo interno stato istituito nel lontano 1968 il parco denominato Parco Nazionale della Calabria, diventato poi nel 1997 Parco Nazionale della Sila. LAspromonte lultimo prolungamento montuoso dellAppennino Calabrese, questa montagna, nonostante il clima arido, destate ricca di vegetazione soprattutto lungo i profondi valloni (fiumare) ma anche sui pendii che portano fino alla cima pi alta del Monte Moltalto che sfiora i 2 000 metri. Nel 1994 questarea diventata Parco Nazionale dellAspromonte, essa si estende su 78 500 ettari e coinvolge trentasei comuni. La Calabria offre una variet di paesaggi costieri, che difficilmente si possono riscontrare in altre regioni della penisola italiana. Di fatto si estendono, da Praia Mare con lIsola di Dino per poi proseguire lungo il Tirreno meridionale, che bagna le coste calabre di Scalea, Cirella Marina, Diamante, Sangineto, Cetraro, Acquappesa, Guardia Piemotese, Fuscaldo, Paola Marina, San Lucido, Amantea e tutta la Costa dei Cedri. Questa catena costiera caratterizzata da splendide spiagge che sono affiancate, da un entroterra ricco di boschi e spazi radi. A Lido di Gizzeria inizia il Golfo di S. Eufemia, che bagna la piana di Lamezia Terme con una costa sabbiosa e ampia e che termina in prossimit di Pizzo Calabro, dove ha inizio la Costa degli Dei (conosciuta anche come Costa Bella), e famosa per il susseguirsi di baie con spiagge bianche e un mare cristallino.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

122

Abbronzarsi Adattare Adorare Affittare Artigianale

Assegnare Avviare Bagnino Bagni privati Bibite

Cabina Cambiarsi Cambiare Cliente Coetaneo Comodo/a Comunque Conoscere Costume da bagno Davanti Desiderare Dietro Disposizione Focaccia Fondo Funzionare Gelato Gettone Immaginare Inclinazione Indossare Insalata Infinito Intanto Interno Lasciare Lettino Localit balneare Macedonia di frutta Macchina Maschera da immersioni Movimento

Noleggiare Oggetti personali Orgoglio Ombra Ombrellone Osservare Panini Pattino (pedal) Percorrere Pinne Posizione Possibilit Preferire Protettore solare Protezione Rinfrescarsi Riva Sedia a sdraio Sdraiare Servire Sfuso Sorprendere Spiaggia Spiegare Splendere Sufficiente Suggestione Trasparente Tuffo (verbo; tuffarsi) Variet Ventilato
123 Lezione 9 | Una giornata al mare

Piccole frasi C Daudio


di

Da leccarsi i baffi. (Espressione idiomatica) Se vuole, possiamo darci del tu?

CD di

audi

Lorigine della Calabria


La Calabria, nella sua storia, ha visto alternarsi numerosi popoli e culture provenienti da tutto il Mediterraneo. La regione fu abitata fin dal Paleolitico, come confermato dai ritrovamenti nelle Grotte di Scalea. Nel Neolitico cerano insediamenti pi sparsi, concentrati in particolare nella parte orientale della Calabria. Con let dei Metalli, arrivarono in Calabria nuove popolazioni, uno dei pi importanti insediamenti risalenti alla tarda et del bronzo, il complesso di Torre Galli vicino a Vibo. In seguito, i greci sbarcarono in massa sulle coste e fondarono un insieme di colonie, che divennero
124

ben presto ricche e potenti; conosciute come Magna Grecia. La supremazia di diverse citt, caratterizza questepoca. Reggio Calabria fu la prima colonia greca. Nel periodo dal 744 a.C. al 670 a.C. designarono questa punta della penisola, con il nome di Italia. Prima della conquista romana, gli abitanti della parte meridionale della Calabria, erano chiamati Itali. Quando Roma unific in un solo dominio le varie regioni, il nome di Italia si estese da sud verso nord (Tempo di Augusto, nel 42 a.C.). Le tracce della civilt greca, lasciate sul territorio calabrese, sono numerose e inestimabili. Il periodo di dominazione romana era ben diverso dallo splendore della Magna Grecia. Lo sviluppo sociale ed economico si ferm e per un lungo tempo i calabresi ostacolarono loccupazione dei romani pi volte, alleandosi ad Annibale. In seguito, alla caduta dellImpero Romano, la Calabria fu saccheggiata dai Visigoti e dai Goti. I Bizantini ne presero poi il dominio, e per secoli rimase sotto la dominazione di Bisanzio. Durante questo periodo, la Calabria diventa un fortilizio contro le incursioni dei saraceni che arrivano dal mare. Fu in questepoca, che i monasteri trovarono una fase di grande sviluppo, trasformando la regione in un ricco centro della cultura antica, attraverso la produzione di manoscritti. Purtroppo, molti dei tesori artistici e culturali prodotti, non si trovano pi in Calabria. In seguito, subentrarono i Normanni. In questo periodo vivevano due grandi protagonisti del monachesimo, Gioacchino da Fiore allAbbazia di San Giovanni in Fiore, e Brunone di Colonia alla Certosa di S. Stefano a Serra San Bruno, il fondatore dei certosini, che crearono il regno del sud. Durante questo periodo, la popolazione intensific il suo ritiro sulle colline e sui monti, per sfuggire dalla malaria, ma anche dalle incursioni dei pirati, prima saraceni e poi turchi, lungo le coste.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Questo fenomeno ha creato un isolamento esterno e interno, con centri abitati sorti sulle alture e nelle vallate privi di vie dacesso e con sentieri impraticabili per tutta la stagione invernale. Al momento dellUnit dItalia, nel 1861, la Calabria era dotata di una sola strada che la attraversava da nord a sud fino a Reggio Calabria, la ferrovia era inesistente e il 90% dei Comuni non aveva n strade interne n esterne. Nel diciottesimo secolo, una terribile carestia e un fortissimo terremoto piegarono la Calabria borbonica. Negli anni intorno al 1870, inizi cos a proliferare la piaga del brigantaggio, e a causa dellestrema povert, la gente inizi ad andarsene. Con lemigrazione in massa, la popolazione della regione Calabria si in pratica dimezzata, oggi sono milioni i calabresi che vivono nel mondo. Soltanto lo sforzo dei governi nazionali, ha contribuito a rompere questisolamento. Oggi, grazie al turismo, molti centri abitati sono stati rivalorizzati e le condizioni economiche e sociali sono migliorate. Infatti, in questi ultimi anni, si cerca di ricuperare il patrimonio culturale della Calabria.
125 Lezione 9 | Una giornata al mare

Lezione

10

La sagra del paese


Obiettivo
Nella lezione studieremo insieme lindicativo futuro semplice, i principali verbi irregolari al futuro semplice, il futuro composto (futuro anteriore).

Spiegazione
Stella, dopo avere visitato alcune delle pi famose localit balneari della Calabria, decide di proseguire il suo viaggio. Per prima visita il capoluogo della Basilicata Potenza, e i Sassi di Matera. Dopo di che, sceglie di passare ancora alcuni giorni al mare in una piccola localit sul Golfo di Taranto. Una sera decide di andare alla Sagra dei sapori tradizionali. Cos si trova a percorrere le bancarelle enogastronomiche delle caratteristiche cantine. La manifestazione si svolge da oltre un decennio, offrendo ai visitatori la possibilit di degustare vini, formaggi, salumi, ma anche prodotti artigianali tipici. Stella osserva le bancarelle quando si ferma davanti al lavoro di un artigiano (anziano) che faceva delle bellissime maschere di carta pesta.

La sagra del paese


128 Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella: Buona sera! Artigiano: Buona sera signorina, Le interessa qualcosa?

Stella: Sono molto belle le Sue maschere, ma le fa Lei? Artigiano: Signorina, ma non mi dia del Lei.

Stella: Va bene, che sono abituata quando mi rivolgo a una persona pi anziana. Artigiano: Infatti, cos mi fa sentire pi vecchio. Io mi chiamo Giuseppe, e te come ti chimi? Stella: Mi chiamo Stella. Artigiano: Ma che bel nome, potrebbe essere unispirazione per una delle mie maschere.

Stella: Davvero, ma lo sai che sono veramente particolari, ma le fai te? Artigiano: S, le faccio io con la carta riciclata, dopo ci passo una mano di gesso e poi le dipingo con colori a tempera fatti ancora con i pigmenti naturali. Stella: Ma deve essere un lavoro molto laborioso, immagino che ci vuole molto tempo per fare una maschera. Artigiano: Infatti, ma il tempo non mica un problema. Quando avrai la mia et, ti accorgerai che il tempo e relativo. Voi giovani volete sempre misurare il tempo, vorreste fermarlo perch non vi basta mai, e poi fate grandi progetti. Immagino che anche tu avrai grandi progetti per il futuro! Stella: Veramente... Artigiano: Vedi, noi anziani che siamo gi passati da queste esperienze abbiamo imparato a vivere nel momento. Quando faccio le mie maschere sono felice. Non mi preoccupo di che cosa far domani, e neanche se ci metto molto o poco a

fare una maschera. Infondo, per me, bello fare con cura tutti i procedimenti. Prima prendo i giornali, poi li metto a bagno (a mollo) per qualche giorno cos che diventa una specie di pasta (carta pesta). Poi, inizio a fare alcuni schizzi dellidea che ho per la prossima maschera e soltanto dopo inizio a formare i modelli. Sai, non ho fretta. Stella: Capisco, sei proprio un artista, immagino che nel tuo mondo le cose sono ancora incantate. Artigiano: Veramente il mio mondo uguale al tuo, soltanto non sento necessit di forzare i ritmi, perch finire veloce per fare unaltra maschera? Quando la finisco ne far unaltra e cos via. Stella: Ma, allora, come fai a dare un prezzo a ogni maschera? Artigiano: Non difficile, faccio i prezzi secondo quanto mi piacciono. Normalmente quelle che mi piacciono molto le tengo per me, infatti, a casa ho una parete piena di maschere che ho fatto e non ho mai voluto vedere. Stella: Immagino in tanti anni ne avrai collezionate molte. Artigiano: Insomma. Ma dimmi, hai visto una che ti piace? piace molto. Artigiano: Dici questa!
129 Lezione 10 | La sagra del paese

Stella: Sono tutte molto belle, per quella l con quei colori turchesi e blu cobalto mi

Stella: S, proprio quella. Artigiano: Questa la vendo a 150 Euro ma se ti piace davvero, ti posso fare un po di sconto, cos perch mi sei simpatica. Poi mi sembra di capire che non sei italiana. Stella: Infatti, sono brasiliana, sono in Italia per vacanze. E se compro una delle tue maschere la porter in brasile con me. Cos, le trovo un bel posticino a casa mia. Artigiano: Mi fa piacere, non credo di avere mai venduto una maschera che andasse cos lontano. Via, ti faccio un prezzo buono, 100 Euro e te la imballo bene, cos non avrai problemi con il trasporto. Stella: Va bene, accetto. (Stella prende il portafoglio e gli da i soldi). Giuseppe, sono proprio contenta di averti incontrato. E grazie, per tutta la tua attenzione. Artigiano: Ma che dici sono io che ringrazio, e ricordati che il futuro non esiste, perch quando ti svegli domani, un nuovo giorno ma tu lo devi vivere per il momento che e non per quello che sar. Stella: Cercher di farne tesoro! Ciao Giuseppe. Giuseppe: Ciao Stella!

Futuro semplice
FUTURO SEMPLICE Avere Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro
130

I VERBI AUSILIARI Essere sar sarai sar saremo sarete saranno avr avrai avr avremo avrete avranno

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Osservazione
Nel futuro, la terza persona plurale loro ha le doppie!

Esempi
Io sar in Toscana per Natale. Lui sar qui verso le cinque. Lei avr dei soldi solo alla fine del mese. Natalia e Fabio avranno un bambino.

FUTURO SEMPLICE Parlare Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro parler parlerai parler parleremo parlerete parleranno

I VERBI REGOLARI Credere creder crederai creder crederemo crederete crederanno Sentire sentir sentirai sentir sentiremo sentirete sentiranno

I verbi are e ere hanno la stessa desinenza, i verbi ire sono simili, hanno la i al posto della e.

Le regole del futuro semplice


Si usa per indicare: 1) Unazione che sar dopo il momento presente, nel futuro vicino o lontano. Esempio: Domani andr a cena da Riccardo. 2) Unincertezza, per dire qualcosa di cui non siamo sicuri. Esempio: Dov la macchina? Sar al parcheggio. 3) Un ordine (al posto dellimperativo). Esempio: Per domani studierete tutti i verbi irregolari! 4) Dubbio o dissenso. Esempio: Quello che dici sar anche vero, ma io non sono daccordo. Credi che lui sar ancora in ufficio? Nota sul futuro semplice dei verbi -care, -gare, -ciare, -giare: I verbi che finiscono in care e gare, prendono una -h dopo la c e g.
131 Lezione 10 | La sagra del paese

Esempi
Cercare Pregare cercher. pregher.

I verbi che finiscono in ciare e giare, perdono la i.

Esempi
Cominciare Mangiare comincer. manger.

I principali verbi irregolari al futuro semplice


ANDARE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro andr andrai andr andremo andrete andranno Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro BERE berr berrai berr berremo berrete berranno

CADERE Io
132

COMPIERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro compir compirai compir compiremo compirete compiranno

cadr cadrai cadr cadremo cadrete cadranno

Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro

Corso Multimediale di Lingua Italiana

POTERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro PRODURRE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro produrr produrrai produrr produrremo produrrete produrranno Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro potr potrai potr potremo potrete potranno RIMANERE rimarr rimarrai rimarr rimarremo rimarrete rimarranno

SAPERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro sapr saprai sapr sapremo saprete sapranno STARE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro star starai star staremo starete staranno Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro

DARE dar darai dar daremo darete daranno DOVERE dovr dovrai dovr dovremo dovrete dovranno
133 Lezione 10 | La sagra del paese

FARE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro far farai far faremo farete faranno TENERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro terr terrai terr terremo terrete terranno Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro

PORRE porr porrai porr porremo porrete porranno VEDERE vedr vedrai vedr vedremo vedrete vedranno

VENIRE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro verr verrai verr verremo verrete verranno Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro

VIVERE vivr vivrai vivr vivremo vivrete vivranno

VOLERE Io Tu Lui, lei, Lei


134

vorr vorrai vorr vorremo vorrete vorranno

Noi Voi Loro

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Il futuro composto futuro anteriore


Il futuro composto un tempo futuro che esprime unazione anteriore a unaltra futura. un futuro un po meno futuro dellaltro. Come si forma? Si forma con il futuro semplice dellausiliare + il participio passato.

FUTURO ANTERIORE FUTURO DEL VERBO ESSERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro sar sarai sar saremo sarete saranno + PARTICIPIO PASSATO DEL VERBO ESSERE stato/a (concorda con il soggetto) stato/a stato/a stati/e stati/e stati/e

FUTURO ANTERIORE FUTURO DEL VERBO AVERE Io Tu Lui, lei, Lei Noi Voi Loro avr avrai avr avremo avrete avranno + avuto avuto avuto avuto avuto avuto PARTICIPIO PASSATO DEL VERBO AVERE

Nota sul futuro anteriore: Si usa spesso nella frase dipendente (quando quella principale al futuro semplice) spesso accompagnato degli avverbi di tempo come: quando, dopo che, appena ecc.
135

Esempi
Sar felice, appena avr finito i compiti. Avr successo quando sar riconosciuta la sua particolarit. Avrai organizzato tutto fino alla fine dellanno? Siamo uscite tardi dalla festa, saranno state le quattro.

Lezione 10 | La sagra del paese

Per capire meglio: Quando avr finito gli studi, parler bene litaliano. Prima terminer gli studi (avr finito). Poi parler bene litaliano (parler).

Potremo uscire insieme dopo che avr finito i compiti. Prima avr finito. Poi potremo uscire insieme.

Una meraviglia da scoprire


La piccola Regione Basilicata un luogo di contrasti e armonie. Dai boschi rigorosi del potentino ai paesaggi lunari del materano. Le spiagge larghe di sabbia, di Metaponto e Nova Siri bagnate dal Mar Ionio, delimitano una pianura fertile ricca di frutta e reperti archeologici del periodo greco. Queste si contrappongano alle coste rocciose di Maratea, splendida perla del Mar Tirreno, circondata dai monti. La Basilicata una regione dai vasti orizzonti e dai profondi silenzi, dove i verdi pascoli si contrastano con le gialle distese di grano. Dove il paesaggio ha una sua nostalgica e aspra bellezza, con luoghi ancora immutati che pare siano stai dimenticati dal tempo. La sua bellezza naturale e la sua cultura millenaria, con delle tradizioni popolari radicate in ogni piccolo centro, trasmettono delle emozioni indimenticabili. Cosi come lospitalit della gente e la gastronomia genuina; fatta di odori e sapori mediterranei, trasmette la mentalit del Sud.

136

Il capoluogo Potenza
Con lelevazione di Potenza a capoluogo della Basilicata, decisa da Giuseppe Bonaparte l8 agosto 1806, si dava il via alle riforme di modernizzazione del paese. La scelta di Potenza, in sostituzione della pi decentrata Matera, obbediva a criteri di riorganizzazione territoriale e amministrativa dellintera provincia: il nuovo capoluogo, infatti, era pi vicino a Napoli e quindi meglio collegato alla capitale del Regno. Di quella scelta si avvantaggi in primo luogo la citt di Potenza, che per attrezzarsi in vista dei nuovi compiti assegnatile, si svilupp dal punto di vista urbanistico e demografico; dalla rete stradale e dei trasporti alla scuola, alleconomia, alla sanit. In queste condizioni, la Basilicata affront le successive tappe della propria storia, segnata prima da una fervida e non oscura partecipazione dei lucani al processo risorgimentale, culminato nella formazione dello Stato unitario. Poi, nelle varie fasi delle lotte politiche e sociali che caratterizzarono i momenti successivi della storia nazionale e meridionale, allinterno della quale non mancarono contributi di alto spessore, sino a raggiungere, con lavvento della Repubblica e della democrazia, nuovi e pi giusti equilibri nelle campagne e nella societ.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Tradizioni popolari
Lo spirito religioso e linteresse puramente culturale spingono a partecipare e scoprire le tante celebrazioni di questa regione, feste che hanno conosciuto la fortuna di tramandarsi indenni fino ai nostri tempi. Durante queste festivit lintero paese riconosce le proprie origini, il pi delle volte legate alle attivit agricole e pastorali. La solennit della Madonna della Bruna, per esempio, coincide con il periodo della mietitura. Cos come i maggi sono festeggiamenti propiziatori per la fertilit e labbondanza in generale. Il 16 gennaio (vigilia di San Antonio Abate), segna lingresso del Carnevale e assume una funzione liberatoria; il passaggio dal vecchio anno agrario al nuovo, pieno di buoni auspici, con la celebrazione per la fine del periodo di sterilit e del ritorno alla fecondit. La musica in Basilicata si sviluppata attraverso la tradizione pastorale. I primi musicisti, infatti, furano pastori che realizzarono i loro strumenti artigianalmente. Il tamburo a cornice, la tromba marina, il salterio, la ghironda, la ciaramella, il violino, la chitarra e la zampogna erano utilizzati dal 500. Oltre a questi strumenti musicali, lartigianato regionale produceva una serie di oggetti utilitari, ai quali si associavano, dallantichit, il gusto del bello e la decorazione. Cos la ceramica e terracotta, la cartapesta, la lavorazione della paglia e i vimini, come anche la lavorazione della pietra locale, il tufo, stata lavorata per secoli ricavandoci dei piccoli capolavori. Oggi, questi mestieri si trovano nascosti nelle case di qualche anziano signore, che conserva i suoi segreti di artigiano.

Animale Assistente di volo Atmosfera Bambina Bancarella Bianco Bimba Caldo Canguro Carrello Cibo Cittadina Colorato Coniglio/ Coniglietto Desiderare Differenza Discorso Et Foresta Girare Giungla

Golfo Incantare Incontrare Intuire Marittima Nuvola Organizzare Paura Pittoresco Profumo Proseguire Sagra Saltare Salterellare Scimmia Sorpresa Tipico Tramandare Uccello Zucchero filato
137 Lezione 10 | La sagra del paese

Piccole frasi C D
di

Ti hanno lasciato qui da sola? Che cosa vuoi fare da grande? Dove vorresti andare? Perch ti piace? Con un sorriso senza confini. Hai visto come grande?

audi

CD di

audi

Matera e i sassi
Per chi giunge per la prima volta a Matera, la scoperta di una citt cos particolare e antica toglie il fiato. Matera racchiude in s uno dei centri storici pi affascinanti dItalia. I suoi antichi rioni, i Sassi, sono una scultura gigantesca, un miracolo urbanistico nel quale possibile scorgere tantissimi elementi che si riferiscono alle varie vicende storiche succedutesi nel corso dei secoli. I Sassi e il Parco delle chiese rupestri di Matera costituiscono uneccezionale testimonianza di una civilt scomparsa. I primi abitanti della regione (periodo Neolitico: alcuni tra i reperti trovati risalgono a 10 000 anni fa) vissero in abitazioni sotterranee e celebrava i culti in chiese rocciose, che furono concepite in modo da costituire un esempio per le generazioni future per
138

il modo in cui utilizzavano lambiente naturale, le risorse del sole, la roccia e lacqua. Costruita a ridosso di due vallette carsiche sulla sponda destra di una gravina, si presenta come un groviglio di vicoli, un esempio significativo di un insieme architettonico e paesaggistico testimone di momenti rilevanti per la storia dellumanit; con piazze, vicinati, grotte, chiese rupestri, cantine che sprofondano nelle viscere della terra, abitazione in parte scavate, in parte costruite, il cui tetto funge a volte da sentiero, oppure da pavimento per altre abitazioni. La calcarenite, chiamata tufo dai materani, la pietra che per secoli stata scavata e lavorata dalle mani dei maestri muratori e dagli artigiani. Le grotte fungevano spesso da cava per ricavare il materiale per la costruzione della facciata antistante ogni singola abitazione. Dietro ogni porta si cela una meraviglia architettonica. La tipologia delle abitazioni (caverne, case a corte e costruzioni a schiera, palazzi e palazzotti) si differenzia sia per il periodo storico di riferimento che per la posizione orografica. Matera un rilevante esempio dinsediamento umano tradizionale e di uso del territorio rappresentativo per una cultura che ha, dalle sue origini, mantenuto un armonioso rapporto con il suo ambiente naturale, ed ora sottoposta a rischi potenziali. Lequilibrio tra intervento umano e lecosistema mostra una continuit per oltre nove millenni, durante i quali parti dellinsediamento tagliato nella roccia furono gradualmente adattati in rapporto ai bisogni crescenti degli abitanti. Lo stesso si pu dire per le costruzioni dedicate al culto religioso. Decine sono le chiese rocciose in citt, centinaia in tutto il territorio a ridosso della gravina. I Sassi furono abbandonati negli anni 50, quando gli abitanti furono trasferiti nei nuovi quartieri. Soltanto negli ultimi quindici anni, i sassi sono stati rivalutati e recuperati con numerosi interventi di restauro e ristrutturazione. Nel 1993 lUnesco ha riconosciuto i sassi come patrimonio dellumanit.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

139 Lezione 10 | La sagra del paese

Lezione

11

La notte della Taranta


Obiettivo:
Ben trovati, nella lezione di oggi affronteremo il condizionale semplice dei verbi regolari, e i principali verbi irregolari al condizionale semplice e composto.

Spiegazione
Stella arriva in Puglia, terra del mare e del sole. Durante il suo soggiorno, fa amicizia con Melissa, una ragazza pugliese, che studia lettere alla Facolt di Perugia. In questi giorni in vacanze e sta visitando i genitori a Lecce. Melissa invita Stella, per andare a vedere il pi grande festival musicale, della pizzica salentina: La Notte della Taranta. Le due amiche hanno fissato un appuntamento davanti a un caff.

La notte della Taranta


(Stella sta aspettando Melissa, guardando in giro per vedere se arriva.)
142

Melissa: Stella: Melissa: Stella: Melissa: Stella: Stella: Melissa: Stella: Melissa:

Ciao Stella, ho fatto tardi? No, figurati sono appena arrivata! Vuoi bere qualcosa? No, magari pi tardi. Allora possiamo andare; prendiamo la mia macchina? S, la mia lho parcheggiata l gi. (Le ragazze entrano in macchina e incominciano a chiacchierare.) Allora, mi spieghi un po cos questa Notte della Taranta, vorrei sapere un po di pi della nostra serata. Sai cos la pizzica? No, veramente ne ho gi sentito parlare, per non conosco il suo significato. Allora ti spiego. La pizzica, la musica che era suonata durante un antico rituale, per la cura del morso immaginario della tarantola. Sai quel ragno che molto velenoso? S, sarebbe una specie di scongiuro. Infatti, si diceva che per liberare la vittima, che di solito era una donna, si suonassero incessantemente i tamburelli a ritmo vorticoso, affinch non fosse sciolta dallincantesimo. Allora da l che viene la musica della tarantella, conosciuta in tutto il mondo? Brava! Pizzica viene da pizzicare, cio pungere o essere morsi. La tarantella invece deriva dalla radice tarantola, appunto questo ragno pericolosissimo. Poi, al ritmo ossessivo e ripetitivo di questi cos detti tamburelli, che coinvolge anche altri strumenti (musicali), la vittima ballava freneticamente come in unestasi, per espellere il veleno. Ho capito perch questa musica sembra vertiginosa e allucinante.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella: Melissa:

Stella: Melissa:

Stella:

Melissa:

Esistono anche altre varianti della pizzica tarantolata, la danza dei coltelli oppure pizzica a scherma, si tratta di una danza di corteggiamento tra uomo e donna. Questo festival musicale, si ripete tutti gli anni? Se non mi sbaglio la prima manifestazione, fu fatta nel 98. Poi tutti gli anni hanno cercato di migliorarla, perch si sono accorti di recuperare cosi le origini della pizzica salentina. Ogni anno il festival presenta una parte itinerante, nei comuni della Grecia Salentina in piccole cittadine che ospitano il festival. Allora non soltanto una notte? No, il festival dura due settimane e ogni sera c un concerto diverso, in una localit differente. Poi lultima sera c il Concertone finale che chiude lavvenimento. Oggi vedremo il gruppo di Daniele Sepe, uno dei fondatori del festival. Ti piacerebbe andare domenica a vedere il Concertone, dovrebbe essere diretto da Mauro Pagani (altro fondatore). Mi farebbe molto piacere, ho voglia di conoscere questa cultura un po mistica! Avrei potuto chiamare Dario, un mio amico musicista, per ci dovevo pensare prima; adesso tardi. Siamo quasi arrivate! Credi che troveremo ancora dei biglietti? Il festival gratuito. Da quando la Provincia di Lecce e la Regione Puglia si sono organizzate per promuovere questo evento, hanno capito che la cultura deve essere accessibile a tutti. Per questo motivo i concerti sono in Piazza allaperto. Allora potremo fissare da subito per domenica, cos magari farai in tempo a chiamare anche il tuo amico Dario. (Un attimo di silenzio!) Che cosa farai questestate, durante le vacanze? Non so cosa far, ma dopo aver visitato tutti i miei parenti, vorrei andare per qualche giorno su una delle Isole Tremiti. Mi piacerebbe riposare un po, l c un mare splendido con unacqua cristallina. Resterei a prendere il sole e vorrei trovare il tempo per leggere e stare tranquilla. Se vuoi, potresti venire con me? Mi piacerebbe conoscere quelle isole, dicono che sono splendide! Devo per vedere come mi posso organizzare. Te lo far sapere domenica. Va bene, io sar qui fino alla prossima settimana, cos avrai tempo di decidere. Guarda, siamo arrivate! Sarebbe meglio trovare un parcheggio qui vicino, altrimenti incontreremo tutta la folla alluscita. Cos facciamo due passi! Io non ho problemi, potremmo prendere una bibita e avviarci con calma verso la Piazza? S, il concerto inizia alle 21.00, poi in realt aspettano che si faccia buio, per dare pi risalto alle luci. (Le due ragazze parcheggiano la macchina e si avviano verso la piazza.)
143

Stella: Melissa:

Stella: Melissa:

Stella: Melissa: Stella: Melissa:

Lezione 11 | La notte della Taranta

Stella:

Stella: Melissa:

Stella: Melissa:

Stella: Melissa:

Il condizionale
Il condizionale indica unazione che avviene, a condizione che se ne verifichi unaltra.

Esempi
Mangerei, se ci fosse qualcosa in frigo. Se avessi dello shampoo, mi laverei i capelli. Verrei volentieri a trovarti, se i miei mi lasciassero.
144

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Il condizionale ha due tempi: uno semplice (formato da una sola parola), che serve per esprimere un evento che potrebbe accadere nel presente a condizione che ne accada un altro. Esempio: Se studiassi di pi, prenderei un bel voto. uno composto (formato da due parole), che serve per esprimere un evento che sarebbe accaduto nel passato a condizione che sempre nel passato ne fosse accaduto un altro Esempio: Se avessi studiato di pi, avrei preso un bel voto.

Il condizionale semplice
Il condizionale semplice dei verbi ausiliari
AVERE io tu lui, lei, Lei noi voi loro/Loro avrei avresti avrebbe avremmo avreste avrebbero sarei saresti sarebbe saremmo sareste sarebbero ESSERE

Esempi
Io sarei molto felice di vincere alla lotteria. Lui sarebbe forse interessato a questo lavoro. Noi saremmo volentieri vostri amici. Loro avrebbero voglia di dormire presto. Voi avreste una gomma da prestarmi? Tu avresti voglia di cenare con me?

Il condizionale semplice dei verbi regolari come il futuro semplice


145

I verbi in -ARE, -ERE sono uguali hanno la stessa desinenza. I verbi in -IRE sono simili prendono per la -i al posto della -e. PARLARE io parl-erei tu parl-eresti Lui, lei, Lei parl-erebbe noi parl-eremmo voi parl-ereste loro parl-erebbero CREDERE cred-erei cred-eresti cred-erebbe cred-eremmo cred-ereste cred-erebbero sent-irei sent-iresti sent-irebbe sent-iremmo sent-ireste sent-irebbero SENTIRE

Lezione 11 | La notte della Taranta

Il condizionale semplice dei verbi in-CARE-GARE-CIARE-GIARE


Cercare io cercherei tu cercheresti lui, lei, Lei cercherebbe noi cercheremmo voi cerchereste loro cercherebbero Pagare pagherei pagheresti pagherebbe pagheremmo paghereste pagherebbero Cominciare comincerei cominceresti comincerebbe cominceremmo comincereste comincerebbero Mangiare mangerei mangeresti mangerebbe mangeremmo mangereste mangerebbero

Nota: attenzione alla lettera che precede la desinenza.

Quando si una il condizionale semplice?


a) Per esprimere un desiderio realizzabile, nel presente o nel futuro. Esempi: Oggi mangerei volentieri le lasagne di mia nonna. Domani andremmo a visitare i nostri parenti. b) Per esprimere unopinione personale (in modo moderato e rispettoso). Esempi: Secondo me, dovresti ascoltare di pi i tuoi genitori. Al tuo posto, mi preoccuperei meno dellopinione degli altri. c) Per esprimere un invito, una preghiera, un esortazione. Esempi: Dovresti smettere di fare tante domande! Ragazzi, dovreste fare un po di silenzio! d) Per esprimere unipotesi e comunicare cos una notizia non confermata. Esempi: Secondo la stampa, il ministro degli esteri poterebbe viaggiare presto. Il Telegiornale ha detto che la crisi non sarebbe stata globale.
146

e) Per essere pi gentili e cortesi, quando si chiede qualcosa. Esempi: Vorrei un cappuccino per favore. Potrebbe farmi il conto?

Corso Multimediale di Lingua Italiana

I principali verbi irregolari al condizionale semplice


Andare andrei andresti andrebbe andremmo andreste andrebbero. Bere berrei berresti berrebbe berremmo berreste berrebbero. Cadere cadrei cadresti cadrebbe cadremmo cadreste cadrebbero. Compiere compirei compiresti compirebbe compiremmo compireste compirebbero. Dare darei daresti darebbe daremmo dareste darebbero. Dovere dovrei dovresti dovrebbe - dovremmo dovreste dovrebbero. Fare farei faresti farebbe faremmo fareste - farebbero. Porre * porrei porresti porrebbe porremmo porreste porrebbero. Potere potrei potresti potrebbe potremmo potreste potrebbero. Produrre ** produrrei produrresti produrrebbe produrremmo produrreste produrrebbero. Rimanere rimarrei rimarresti rimarrebbe rimarremmo rimarresti rimarrebbero. Sapere saprei sapresti saprebbe sapremmo sapreste saprebbero. Stare starei staresti starebbe staremmo stareste starebbero. Tenere terrei terresti terrebbe terremmo terreste terrebbero. Vedere vedrei vedresti vedrebbe vedremmo vedreste vedrebbero. Venire verrei verresti verrebbe verremmo verreste verrebbero. Vivere vivrei vivresti vivrebbe vivremmo vivreste vivrebbero. Volere vorrei vorresti vorrebbe vorremmo vorreste vorrebbero. I verbi irregolari al condizionale semplice sono gli stessi del Futuro! E anche le irregolarit sono le stesse! * s coniugano cos tutti i verbi in ORRE. **s coniugano cos tutti i verbi in URRE.

Il condizionale composto
Il condizionale composto (o passato) si forma con il condizionale semplice dellausiliare + il participio passato del verbo. Il condizionale composto esprime anche unazione impossibile da realizzare nel presente e nel futuro.

Esempi
Avrei finito (finire); sarei andato /a (andare) Avremmo scritto (scrivere); saremmo partiti/e (partire)

147

Attenzione
Il condizionale composto si usa anche nella concordanza dei tempi per esprimere unazione posteriore di un passato (il cosiddetto futuro nel passato). Esempi: Sabrina ha detto che sarebbe arrivata. due giorni fa ieri

Lezione 11 | La notte della Taranta

Lui ha promesso che ci avrebbero chiamato. (laltro ieri) (ieri) ---------|---------|---------|---------|---------|--------Laltro ieri Ieri oggi domani domani laltro

Laltro ieri ha detto che avrebbe telefonato ieri. Ieri il passato di oggi, ma il futuro dellaltro ieri: questo si chiama futuro nel passato!

Quando si usa il condizionale composto?


a) Per esprimere un desiderio non relazionato nel passato o non realizzabile nel futuro. Esempi: Ieri sarei andato volentieri al teatro, ma non ho potuto. Domenica scorsa avrei visitato Mara, ma non ho avuto tempo. b) Per esprimere unopinione personale (su una questione passata) in modo moderato e rispettoso. Esempi: Secondo me, sarebbe stato meglio fare come diceva mia madre. Al suo posto, mi sarei organizzata diversamente.

c) Per esprimere una preghiera, un invito, unesortazione passati che non sono stati ascoltati, seguiti (dovevi fare una cosa, ma non lhai fatta). Esempi: Avresti dovuto smettere di lavorare e andare in pensione. Ragazze, avreste dovuto allenarvi un po di pi, ma non lavete fatto! d) Per esprimere un ipotesi ( al passato) e dare cos una notizia non confermata (come fanno qualche volta i giornalisti). Esempi: Secondo i giornali, il primo ministro si sarebbe ammalato. La TV ha detto che sarebbe stata linfluenza cinese a creare questa epidemia.

La preistoria
148

Le ricerche effettuate negli ultimi anni, hanno rivelato che il Salento fosse abitato gi nel periodo Paleolitico medio (circa 80.000 anni fa). Nelle tante grotte naturali, sono stati ritrovate importanti scoperte archeologiche riguardanti alcune statue ossee rinvenute nella Grotta delle Veneri, presso Parabita. Queste dimostrano lesistenza di culti riguardanti la fertilit gi 20.000 anni fa. Probabilmente si trattava di ominidi appartenenti alla specie delluomo Neanderthal, mentre quella dellhomo Sapiens si sarebbe diffusa nel Paleolitico superiore (circa 35.000 anni fa). Unaltra testimonianza nella regione pugliese rappresentata dai numerosi graffiti come quelli della Grotta Romanelli, presso Castro, e della Grotta dei Cervi, presso Porto Badisco. Recenti scavi effettuati a Rocca Vecchia hanno inoltre evidenziato un imponente sistema di fortificazioni risalente allet del bronzo (quindicesimo e sedicesimo secolo a. C.). Nella stessa area si trova un altro sito archeologico importante, di epoche e civilt differenti, la Grotta della Poesia; scoperta nel 1983. Altre importanti testimonianze antichissime, sono rappresentate da alcune costruzioni megalitiche, che nei secoli successivi furono adibite al culto del Cristianesimo.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

La Puglia di oggi
La citt di Bari, ricopriva il ruolo di ponte fra il mondo greco e il Medio Oriente. Miscela di arte e di storia, e di moderna capacit imprenditoriale, la citt conobbe la sua et delloro nel medioevo, come testimoniano le maestose forme romaniche della Cattedrale e della Chiesa di S. Nicola. Le tracce, delle antiche frequentazioni con il mondo greco, sono custodite nel Museo Archeologico. Lo stesso sapore di storia e di arte caratterizza molte zone della Puglia, con le sue cattedrali erette in epoca medievale. Altretanto preziosa e straordinaria la fioritura dellarchitettura barocca a Lecce. A Taranto, il Museo Archeologico raccoglie reperti di un passato remoto e affascinante. Alberobello, vicino a Bari, la capitale dei Trulli, singolari architetture abitative, risalenti alla preistoria.

Nel cielo dipinto di blu


Le meraviglie della natura pugliese sono caratterizzate dallo straordinario intreccio di montagne, boschi e mare incontaminato. La Puglia una terra senza fiumi, senza nebbie. Allontanandosi dalle rive molisane, il mare diventa sempre pi azzurro per tingersi di blu nelle acque di Otranto. Denominato la montagna del sole, il promontorio del Gargano un vero e proprio sperone, percorso da chilometri di coste selvagge e frastagliate. Questa paradisiaca parte di costa pugliese inizia a Manfredonia, con la cosiddetta porta del Gargano. A Manfredonia citt, si trovano la spiaggia del castello, chiamata cos perch si trova di fronte al Castello Svevo, con sabbia bianca e sottile. A nord ci simbatte contro gli scogli, e precisamente in una localit che i cittadini di

Manfredonia chiamano lacqua di Cristo, per il colore cristallino del mare. Il Gargano costituito in prevalenza da rocce sedimentarie, calcaree e dolomitiche, (formatesi da 180 a 70 milioni di anni fa) chiaramente visibili nella conformazione a gradoni dello stesso promontorio. A nord di Punta Grugno c la bellissima spiaggia di Mattinata, che anche la pi grande. Numerose altre piccole spiagge sono accessibili soltanto via mare, tra cui quella dei Gabbiani, chiamata cos perch popolata tutto lanno da questa specie di uccelli. Salendo ancora verso nord, si giunge a un seducente angolo del Gargano: la Baia di Vignanotica, che crea una bellissima cornice di rupi calcaree bianche, rigate orizzontalmente da strisce scure di selce, con piccole grotte costiere e una spiaggia con piccolissimi ciottoli che simmergono nellazzurro del mare. La costa barese, per met sabbiosa e per met rocciosa, inizia a sud di Manfredonia e termina a Monopoli, ultima cittadina in provincia di Bari. La costa del Salento, vera meraviglia della penisola italiana, caratterizzata da lunghe spiagge di sabbia, alternate a tratti di scogli, con un mare cristallino. La parte occidentale della costa ionica, inizia quasi al confine con la Basilicata, precisamente da Marina di Ginosa, una deliziosa localit balneare, che sorge allombra delle numerose pinete, che ornano il litorale tipicamente sabbioso. Lacqua verde cristallina della riva, al largo si fa azzurra, fino a confondersi con il blu intenso del mare aperto. Il mare pugliese stato premiato dallUnione Europea (nel 1998), con bandiera blu, un riconoscimento per la limpidezza delle acque. Le Isole Tremiti, a dodici miglia dalla costa del Gargano, sono conosciute per la loro bellezza e per il fatto di essere uno dei tre parchi marini pugliesi. Ad eccezione di Pianosa, piccola isoletta pi vicina alle acque Croate che a quelle Italiane, e inaccessibile tanto alla balneazione quanto alla navigazione, le tre isole Capraia, San Nicola e San Domino, sono classificate come zona C e B. Nella zona B concessa la navigazione, la balneazione e in parte la pesca (solo con la lenza) nella zona C concessa anche la pesca sportiva. Sottoposte al moto ondoso, sono state modellate in un affascinante susseguirsi di ripide scogliere, insenature rocciose, grotte, archi naturali e tranquille calette, in un armonico alternarsi che si ripete nelle parti sommerse, dove a fondali rocciosi lentamente degradanti, si alternano falesie che sinabissano vertiginosamente, bassifondi sabbiosi e fondi ciottolosi. I fondali delle isole costituiscono, pertanto, unarea dimportantissimo valore naturalistico. Al fine di conservare e valorizzare questo patrimonio naturale stata istituita la Riserva Naturale Marina Isole Tremiti. La straordinaria limpidezza delle acque che circondano le isole, permette, con estrema facilit, di osservare gi a pochi metri di profondit spugne coloratissime che incrostano le rocce; Anellidi con i loro eleganti e variopinti ventagli tentacolari; ricci che la erodono scavando delle tane, coloratissime stelle marine e il tucano dalla caratteristica colorazione rosso- arancione. Una delle oasi naturalistiche di maggior interesse dItalia, si trova in provincia di Brindisi, e prende il nome dalla torre di guardia che si erge sul punto pi esposto della baia. Torre Guaceto stata nei secoli un costante punto di riferimento per chi, arrivava in nave dai porti del Sud del Mediterraneo. Il continuo monitoraggio del WWF ne ha preservato laspetto pi interessante, quello naturalistico, di tre ecosistemi diversi, che interagisce tra di loro, influenzandosi a vicenda; la macchia mediterranea, la zona umida e il mare.

149 Lezione 11 | La notte della Taranta

Abbronzarsi Adattare Adorare Affittare Artigianale Assegnare Avviare

Bagnino Bagni privati Bibite Cabina Cambiarsi Cambiare Cliente

Coetaneo Comodo/a Comunque Conoscere Costume da bagno Davanti Desiderare Dietro Disposizione Focaccia Fondo Funzionare Gelato Gettone Immaginare Inclinazione Indossare Insalata Infinito Intanto Interno Lasciare Lettino Localit balneare Macedonia di frutta Macchina Maschera da immersioni Movimento Noleggiare Oggetti personali

Orgoglio Ombra Ombrellone Osservare Panini Pattino (pedal) Percorrere Pinne Posizione Possibilit Preferire Protettore solare Protezione Rinfrescarsi Riva Sedia a sdraio Sdraiare Servire Sfuso Sorprendere Spiaggia Spiegare Splendere Sufficiente Suggestione Trasparente Tuffo (Verbo; tuffarsi) Variet Ventilato

Corso Multimediale di Lingua Italiana

150

Piccole frasi
Sono qui in giro. Ti ringrazio, a dopo!

Storia della pizza


La pizza ha origini antichissime; alcuni storici infatti suppongono che questo alimento era presente gi nella cucina etrusca con forme e ingredienti ovviamente molto diversi da oggi. La pizza nasce per come un piatto povero che necessita per la sua produzione di alimenti semplici e facilmente reperibili: farina, olio, sale e lievito. La vera pizza nasce intorno al 1600 dallinnegabile ingegno culinario meridionale, bisognoso di rendere pi appetibile e saporita la tradizionale schiacciata di pane; allinizio si trattava di pasta per pane cotta in forni a legna, condita con aglio, strutto e sale grosso, oppure, nella versione pi ricca, con caciocavallo e basilico. Della pizza pi recente, quella che conosciamo noi dallimpasto soffice e gustoso se ne parla fra il 500 e il 600; sarebbe la cosiddetta pizza alla mastunicola ossia pizza al basilico. Era preparata mettendo sul disco di pasta, dello strutto, formaggio, foglie di basilico e pepe. Pi avanti nel tempo nasce quella ai cecinielli, ossia con la minutaglia di pesci che soprattutto i pescatori avevano a disposizione. Larrivo sulle tavole della pizza moderna, avviene con la scoperta del pomodoro!!! Importato dal Per, dopo che venne scoperta lAmerica, il pomodoro fu dapprima usato in cucina come salsa cotta con un po di sale e basilico e solo pi tardi, a qualcuno venne lidea di metterlo sulla pizza. Incomincia cosi lera della pizza moderna, a Napoli e anche in America. Infatti nellottocento la pizza col pomodoro arriva fino in America grazie aglItaliani che emigrano a New-York e viene fatta come a Napoli. In quello stesso periodo a Napoli avviene il matrimonio storico con la mozzarella. Un pizzaiolo napoletano, Raffaele Esposito e sua moglie, prepararono la famosa pizza con pomodoro e mozzarella in onore della regina Margherita, moglie di Umberto I re dItalia. Il pizzaiolo e sua moglie su richiesta della regina margherita prepararono tre pizze: una con la mustinicola, una alla marinara e una pizza con il pomodoro, la mozzarella e il basilico, pensando ai tre colori della bandiera italiana. Alla regina piacque tremendamente questultima ed il pizzaiolo per questo motivo la chiam con il nome della regina. Fu dallora che la pizza Margherita si impose ovunque nel mondo. <www.cookaround.com/cucina/pizza/storia.php>.

151 Lezione 11 | La notte della Taranta

Lezione

12

Pesce fresco
Obiettivo:
Ben trovati alla nostra lezione, oggi studieremo i pronomi relativi e gli interrogativi (pronomi, aggettivi, avverbi.)

Spiegazione
Stella arriva in una piccola localit marittima delladriatico nel Molise. Parlando con le persone del posto, scopre che tutti i venerd, c il mercato del pesce in piazza. Cos si avvicina a un bancone e decide di comprare del pesce, per fare una bella cena.

Pesce fresco
Stella: Buongiorno, vorrei comprare del pesce! Pescivendolo: Certo signorina, siamo qui apposta. Che cosa Le do? Stella: Veramente non conosco bene i nomi dei pesci, sa io non sono di qui. Pescivendolo: Non c problema La consiglio io. Dunque vediamo un po: abbiamo delle spigole. ( Il p.v. Le mostra il pesce, alzandolo dal ghiaccio). Queste sono ottime, fatte sulla griglia. Altrimenti Le posso offrire un bel branzino o una orata, da fare in forno! Stella :Veramente non avevo considerato, che ogni pesce avesse un modo migliore per cucinarlo. Pescivendolo: Beh, per noi ovvio che ogni tipo di pesce si prepari in modo diverso, per esaltarne le caratteristiche. Comunque se preferisce, abbiamo dei frutti di mare per fare dei primi; guardi come sono belle queste vongole, oppure se preferisce le cozze? Stella: Sono molto indecisa. Quelli, che cosa sono? Pescivendolo: Allora questi sono degli scampi, quelli invece sono gamberetti e gamberoni. Si possono fare in padella oppure come condimento per la pasta! Poi abbiamo delle seppie e dei totani se volesse fare un risotto. Abbiamo anche il polipo, guardi che bello! (Il p.v. le indica tutti i pesci e Le mostra orgoglioso il polipo, come se lavesse pescato lui). Stella: Bello, ma come lo cucino? Pescivendolo: Le do io una bella ricetta. Mi dica invece, in quante persone sarete a cena? Stella: Saremo in quattro. Pescivendolo: Allora, questo che pesa poco pi di due chili dovrebbe bastarvi. Stella: Come lo preparo, e cosa faccio di contorno? Pescivendolo: Ora Le lo pulisco e poi venga con me qui di lato, cosi Le do la ricetta, facile. (Stella si sposta verso il lato del bancone, e mentre il pescivendolo impachetta il polipo, Le passa da la ricetta). Pescivendolo: Il polipo alla Santa Lucia si prepara in questo modo: Lei faccia un soffritto con aglio, olio pomodori pelati e un po di peperoncino.Il
154 Corso Multimediale di Lingua Italiana

polipo lo bolle in abbondante acqua per quaranta minuti, poi lo fa freddare e in seguito lo mette a fuoco lento nel sugo che si creato. Nel frattempo falessare le patate. Pescivendolo: Allora, vedr che far una bella figura! Mi raccomando, lo lasci freddare nella sua acqua. Vedr come diventa tenero. Stella: La ringrazio ancora per tutta la pazienza, oggi ho imparato un sacco di cose. Pescivendolo: Si figuri, stato un piacere per me. Piuttosto torni presto. Siamo sempre qui. Stella: Grazie, Le auguro tante buone cose. Arrivederci! Pescivendolo: Arrivederci.

I pronomi relativi
I pronomi relativi servono ad unire due frasi, trasformandole in una unica. I pronomi relativi sono: CHE, CUI, QUALE/QUALI.

155 Lezione 12 | Pesce fresco

Il pronome relativo CHE


Il pronome relativo che si utilizza senza preposizione e vale per il soggetto e per loggetto.

Esempio
Ieri ho letto una notizia. + La notizia parla di una tragedia aerea. La notizia che ho letto ieri parla di una tragedia aerea.

Che non cambia al maschile, femminile, singolare e plurale.

Esempi
Il signore, la signora, i signori, le signore che ho incontrato...

Che si usa sempre da solo, senza preposizioni.

Esempio
La valigia che ho comprato non era molto economica.

Che si usa per indicare un soggetto oppure un oggetto diretto.

Esempio
La donna che balla. (soggetto) La donna che vedo (oggetto diretto).
156

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Attenzione
I pronomi relativi il/la quale e i/le quali hanno la stessa funzione di che, ma sono meno usati, soprattutto nella lingua parlata. Esempio: Il libro che (il quale) ho letto. La rivista che (la quale) ho comprato. I libri che (i quali) ho letto. Le riviste (le quali) ho conosciuto.

Al posto di dire le persone che, usiamo dire chi. Questo pronome indefinito si usa solo al singolare e si riferisce esclusivamente alle persone. Esempio: Gli alunni che vogliono imparare litaliano - chi vuole imparare litaliano

Il pronome relativo il che una forma che pu sostituire unintera frase e significa normalmente questo, o ci. Esempio: Il giocatore non riusciva a camminare e il che significa che stava molto male. (Non riusciva a camminare e questo significa che stava molto male).

Il pronome relativo CUI


I pronomi relativi cui, quale/i invece si usano con una preposizione (preposizione semplice per cui e preposizione articolata per quale/i).

Esempio
Ieri sono uscito con una ragazza. + La ragazza si chiama Marianna. La ragazza con cui sono uscito ieri si chiama Marianna.

Cui invariato in genere e numero.


157

Esempi
Il ragazzo, la ragazza, i ragazzi le ragazze con cui sono uscito

Lezione 12 | Pesce fresco

Cui si usa sempre con una preposizione semplice.

Esempio
Gli amici a cui ho raccontato questa notizia erano sorpresi.

Cui non ha mai larticolo.* (Nota! * esistono anche i pronomi relativi il / la / i / le cui)

Esempio
Il medico da cui vado molto competente e non mi fa aspettare molto.

Questi pronomi relativi hanno la funzione di un possessivo.

Esempi
Questo il direttore la cui moglie ho conosciuto la settimana scorsa alla festa di compleanno. (La moglie del quale; la moglie di lui). I nipoti i cui nonni permettono tutto, crescono un po viziati. (I nonni dei quali; i nonni di loro).

I relativi QUALE/QUALI
158

I pronomi relativi cui, quale/i invece si usano con una preposizione (semplice per cui e articolata per quale/i).

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempio
Domenica sono uscito con un amico. + Lamico si chiama Francesco. Lamico con cui/il quale sono uscito domenica si chiama Francesco.

Si usa come cui, ma ha altre due forme non tanto usuali: quella singolare (quale) e quella plurale (quali).

Esempi
Lamico con il quale escoLamica , con la quale esco

Quale si utilizza sempre con una preposizione articolata.

Chi era tipo al quale hai mandato una mail? Chi era la tipa alla quale hai mandato una mail?

Attenzione
Ricordiamoci di non confondere il pronome relativo quale preceduto sempre da una preposizione articolata con il/la quale che come abbiamo visto poco prima sostituisce i relativi che o cui. Esempi: Il signore il quale ho conosciuto. (il relativo che pu sostituire il quale.) Il signore con il quale ho parlato. (il relativo cui pu sostituire il quale.)

Gli interrogativi
Gli interrogativi servono, come dice la parola, per formare domande e si dividono in aggettivi, pronomi e avverbi.

159 Lezione 12 | Pesce fresco

I pronomi interrogativi
CHI? Chi viene con me in piscina? A chi hai dato il mio numero di telefono? Con chi andrai in vacanze? CHE? Che volete fare? CHE COSA? Che cosa facciamo stasera? COSA? Cosa avete fatto ieri? QUALE/I? Fra questi due abiti, quale vorresti indossare oggi? Simona ha comprato due CD? E quali? Qual il romanzo che hai amato di pi? QUANTO/A/I/E? Quanto costano le scarpe di Prada? Ti piace la pasta? E quanta ne mangi? Michele ha fatto tutti i compiti? Quanti? Quante di queste parole sono straniere?

Attenzione
Ricordiamo che linterrogativo quale non si apostrofa mai. Es. Qual il tuo cantante preferito? Qual il tuo piatto preferito?

Gli aggettivi interrogativi


CHE? Che formaggio hai mangiato?
160

Che studi hai fatto? Che giornali leggi? QUALE/I? Quale cravatta hai scelto per Mirco? Quali occhiali preferisci portare in barca? Quale prosciutto preferisci? Il San. Daniele o il Parma? QUANTO/A/I/E? Quanto hai ballato ieri? Quanta birra bevi di solito? Quanti minuti mancano alla fine della partita? Quante sorelle hai?

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Attenzione
Gli aggettivi interrogativi che e quale/i sono simili ma non sono identici! Che indica una scelta generica, mentre quale/i indica una scelta fra due o pi possibilit precise, conosciuto e chiaramente espresse. Es: Che giornali leggi di solito? Quale cinema scegli fra questi due? Che programma ascolti alla radio? Quale musica preferisci, questa o quella?

Gli avverbi interrogativi


DOVE? Dove sono le chiavi? Dove hai fatto la spesa? Dov la mia maglia? COME? Ciao, come ti chiami? Come hai fatto questa ricetta? Come puoi essere cos distratta? PERCH? Perch ti fai tante storie? Perch non mi lasci in pace? Perch ripeti sempre le stesse storie? QUANDO? Quando sono tornati i tuoi genitori? Quando hai preso linfluenza? Adesso ho una macchina bellissima! Quando andiamo ha farci un giro? QUANTO? Bella questa torta. Quanto lhai pagata? Franco non c la fa pi. Ma quanto ha bevuto? Quanto hai studiato per laurearti cos giovane?
161 Lezione 12 | Pesce fresco

Attenzione
Ricordiamoci che nella lingua italiana perch si utilizza sia nella domanda che nella risposta. Es. Perch non sei andata a scuola ieri pomeriggio? Non ci sono andata perch avevo mal di denti.

Una piccola e deliziosa regione


Il Molise una piccola e deliziosa regine, sullAdriatico meridionale. Qui tutto ha ancora il sapore di una volta; i paesaggi, le tradizioni popolari, la gastronomia e la vita comunitaria, dallospitalit degli abitanti al mare incontaminato, oltre allartigianato (celebri le campane di Agnone) e la quiete dei paesi dellinterno. Il Molise lunica regione italiana nata dalla divisione di due regioni. Fu istituita nel 1963, per distacco dallallora regione Abruzzi e Molise, diventando la ventesima regione dItalia. Prima con la sola provincia di Campobasso e dal 1970 anche con la provincia di Isernia. Il nome Molise compare nellalto medioevo, per identificare una contea di appartenenza di una famiglia normanna, i conti di Mulhouse. La citt capoluogo, Campobasso, di origine longobarda, famosa per il suo affascinante intreccio di vie antiche e il quattrocentesco Castello Monforte. La citt di Termoli invece conosciuta per le sue antiche mura, volute dallimperatore Federico e il massiccio Castello cinquecentesco che si estende sul mare, e come centro balneare con collegamenti alle Isole Tremiti, oltre che per il suo porto di peschereccio. Ovunque in Molise la natura sembra custodire la storia e proteggerne le memorie, come si pu vedere nellarea archeologica di Sepino, che testimonia lantica colonizzazione romana, e nelle vicinanze di Pietrabbondante, dove un altro sito ricorda la remota esistenza dei Sanniti, il popolo che os sfidare la potenza di Roma. E ancora, in provincia di Isernia (citt dotata di una bella Cattedrale e una trecentesca fontana), si erge solitaria e maestosa lantichissima abbazia di S. Vincenzo al Volturno. Il Molise oggi vive prevalentemente di agricoltura, poich il settore industriale, nonostante sia presente uno stabilimento della Fiat, non molto sviluppato. Nel Molise, oltre al Parco Nazionale dAbruzzo, sono presenti vaste aree boschive, soprattutto nella Provincia di Isernia, che la rendono ricca di speci vegetali oltre che animali. Sono di notevole importanza tanti altri parchi nazionali, come l Oasi del WWF (World Wildlife Fund) fondo mondiale per la vita selvatica caratterizzato dalla presenza dellorso bruno marsicano, del camoscio, del cervo, del lupo e della volpe.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

162

Aglio Bancone Bastare Bollire Caratteristiche Condimento Consigliare Considerare Contorno Cucinare Diverso Diventare Esaltare Facile

Forno Frattempo Fuoco lento Ghiaccio Griglia Impacchettare Lato Lessare Migliore Olio Ottime Ovvio Patate Peperoncino

Pesare Pesce Pomodori pelati Primi

Pulire Ricetta Tenero

Piccole frasi
Bello, ma come lo cucino? Dunque, vediamo un po. Le do io una bella ricetta!

CD di

audi

La ringrazio ancora per tutta la pazienza. Le auguro tante buone cose!


163

Si figuri, stato un piacere per me. Oggi ho imparato un sacco di cose. Vedr che far una bella figura! Piuttosto, torni presto!

Lezione 12 | Pesce fresco

CD di

audi

La cucina molisana
La cucina molisana molto varia. Tra i prodotti pi importanti ricordiamo le olive, che permettono la produzione di un olio extravergine, dal sapore soave consumato anche crudo su insalate e crostini. Leccellente fattura del prodotto ha fatto guadagnare allolio molisano nel 2003, il riconoscimento DOP. Un altro alimento che conserva la sua antica manifattura produttiva il pane, che e viene prodotto ancora in alcuni panifici con le patate (tapn) e si contraddistingue per la sua sofficit. Di grande importanza anche la pasta, e qui si tratta di un tipo di pasta fresca tipica che prende il nome di Cavatelli (cavatjll) che ottenuta da una sfoglia senza uova. Si condisce con un sugo di pomodoro o verdure. Con lo stesso impasto vengono preparati i Fusilli (i fusll), che sono realizzati con un fuso, da cui il nome. Ne vengono staccati dei dadini di pasta, avvolti al fuso e poi sfilati. In Molise vengono anche prodotti alcuni insaccati particolari, come la Soppressata, il Capocollo o Capicollo e la Salsiccia, famosa perch ha come ingrediente il finocchietto selvatico. Tipica del basso Molise la Pampanella, della carne di maiale cotta al forno con alcune spezie particolari e molto peperoncino rosso dolce e piccante. NellAlto Molise cavato dalla terra il prezioso tartufo bianco e nero, utilizzato in vari modi nella cucina Molise. Infatti, il tartufo spesso tema di fiere, che affrontano il suo impiego nelle specialit culinarie italiane.

Fra i dolci tipici della regione ricordiamo le Cancelle, simili alle waffel tedesche ma con laggiunta di semini di finocchio, i Piccillati (i pe elt), dei ravioli cotti al forno ripieni di amarena, e la Pigna (a pnj), simile alla colomba ma pi leggera, tradizionalmente preparata per Pasqua. I Caragnoli (i carnjele) e Rosacatarle (i rsacatrele), sono dei dolci tipici natalizi, che vengono intinti nel miele. Tra i vini del Molise, si distinguono il Tintilia, il Biferno, il Pentro che hanno avuto il rinomato riconoscimento D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata).

Corso Multimediale di Lingua Italiana

164

165 Lezione 12 | Pesce fresco

Lezione

13

Lincontro con lo Zio


Obiettivo:
Oggi studieremo insieme l Imperativo diretto e indiretto (formale e informale), i verbi irregolari allimperativo e i principali verbi con forme particolari allimperativo.

Spiegazione
Stella dopo avere conosciuto la regione del Molise, decide di proseguire il suo viaggio. Arriva in Abruzzo, dove visita prima il capoluogo, lAquila e due giorni dopo si sposta a Pescara, la citt, dove abita suo zio. Cos pensando di farli una sorpresa, senza avvisare prima, va a casa sua per incontrarlo dopo tanti anni. Stella arriva alla casa dello zio, una palazzina anni sessanta di aspetto popolare ma ben conservata. Si ferma per un attimo a vedere i campanelli per capire a che piano abita, poi sale le scale a piedi fino al terzo piano. Sul pianerottolo ci sono due porte dingresso, controlla ancora se il nome corrisponde.

Lincontro con lo Zio


Stella:
168

Suona il campanello. (Poco dopo si ascolta una voce.) Chi ? (Per non farsi scoprire cerca di camuffare la voce e dice) Posta! C posta per Lei Signor Bianchi. (Lo Zio aprendo la porta commenta) Posta? Ma come, da quando la posta arriva di sera! (In questo momento si trovano a faccia a faccia, increduli, sorpresi e meravigliati si guardano.) Zio! Ti ricordi di me? Sono Stella! Ma per lamor di Dio, Stella?! Certo che mi ricordo di te, bambina mia! Ma, ome... Ma che ci fai...! (Piacevolmente sorpreso lo Zio la abbraccia e dice.) Ma vieni, vieni in casa non stiamo sulla porta. (Entrano tutti e due e lo zio, a voce alta, chiama la moglie.) Maria, Maria, vieni a vedere chi c, non ci crederai! (Da unaltra stanza si ascolta una voce femminile.) Ma che succede? (Avvicinandosi alla scena anche lei esalta dicendo.) Dio mio, Stella! Ma quando sei arrivata? Perch non hai avvisato! Beh, volevo farvi una sorpresa. Cos mi sono detta: vediamo se sono in casa! Ma dove vuoi che siamo! Piuttosto vieni, fatti vedere! Eri una ragazzina... , ma dimmi te? Oh quanto sei cresciuta, sei diventata una donna. Be zio, sono passati tanti anni da quando siete venuti lultima volta a San Paolo.

Zio:

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Stella: Zio: Stella: Zio: Zio: Zio: Zia Maria: Stella: Zio: Stella:

Zia Maria: Su venite, sediamoci in salotto, cos stiamo pi comodi. Dimmi Stella il pap e la mamma stanno bene? E i tuoi fratelli?

Stella:

I miei stanno bene, vi mandano tanti saluti e si sono raccomandati di darvi un grande abbraccio. (Nel frattempo, lo Zio e Stella si sono seduti sul divano. La zia invece ancora in piedi le chiede.)

Zia Maria: Cara, dimmi che ti do? Vuoi un caff o preferisci qualcosaltro? Ho del succo di frutto o del t freddo. (Lo Zio anticipa tutti, dicendo.) Zio: Stella: Zio: Stella: Macch caff, macch succo prendi una bottiglia di spumante dal frigo. Questo momento va festeggiato! Dimmi Stella, ma quando sei arrivata a Pescara? Veramente sono appena arrivata, ho lasciato le mie cose al deposito bagagli, perch non ho ancora avuto tempo di cercare un albergo. Macch albergo, resta qui da noi e non ci sono discorsi! Ma no Zio io sono venuta per fare una visita non volevo...
169

Zia Maria: No, no, non ti fare tanti discorsi! Puoi restare da noi per tutto il tempo che vuoi. In fondo, dopo tutto questo tempo, senza vederti, non vorrai scappare subito! Stella: Certo di no, mi fa piacere se posso restare con voi!
Lezione 13 | Lincontro con lo Zio

Zia Maria: Guarda Stella c la camera di Mirco che adesso non abita pi con noi, andato a vivere con la fidanzata, lo sai come sono i giovani di oggi! Stella: E vero, dimmi zia come sta Mirco? Immagino che sia diventato un bel ragazzo. Zia Maria: E s, anche lui cresciuto e si fatto uomo. (Nel frattempo lo Zio andato in cucina e ha preso la bottiglia di spumante con tre bicchieri.) Zio: Zia Maria: Zio: Stella: Zio: Stella: Zio: Eccomi qua (appoggia i bicchieri sul tavolino da fumo e inizia a versare il prosecco). Piano Lorenzo, io ne voglio solo un pochino per fare un brindisi. Macch, questo fa bene! E poi dobbiamo festeggiare, non si riceve mica tutti giorni, una bella sorpresa come questa! Allora raccontatemi come state, come va la vita! Prima il brindisi, poi ci raccontiamo tutto. Va bene, allora salute e ben trovati! Ben tornata Stella! Fatti vedere come sei bella! ( E cos tutti e tr iniziano a raccontarsi le storie e chiacchierando non si accorgono che il tempo passa. A un certo punto la zia esalta). Zia Maria: Stella: Zia Maria: Zio: Si fatto tardi! Vado in cucina a preparare la cena per noi. Non ti preoccupare zia, posso aiutarti se vuoi! No non c bisogno, resta qui con Lorenzo cos vi raccontate tutto, io vado di l. Brava va e prepara un piatto speciale per Stella, anzi voglio chiamare subito Mirco, cos magari, viene a cena anche lui.

Stella: Stella: Stella: Zio: Stella:

Che bello, mi piacerebbe rivederlo. (Stella allunga la mano per prendere la sua borsa, e prende i regali per lo zio) Guarda Zio, ti ho portato un pensierino. (Gli porge una bottiglia di cachaa di riserva e gli dice.) Pap ti manda questa bottiglia. Dice che ti saresti ricordato meglio del Brasile. Fa piacere, mio fratello mi conosce proprio bene! Grazie Stella, ma non dovevi. Ho portato anche la carne secca con i fagioli neri, so che alla zia piace per fare la famosa feijoada cos vi fate venire un podi saudade! Ho portato anche della goiabada, so che piace a tutti!

Zio: Stella:

Maria, vieni a vedere i regali che ha portato Stella! Portaglieli in cucina, vedrai che festa! (Stella va in cucina e porta i regali alla zia, poi torna in salotto e dice) La zia dice che devi preparare la tavola. Se vuoi, ti aiuto? (Dalla cucina la zia urla)

170

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Zia Maria: Lorenzo, apparecchia la tavola, usa il servizio della domenica, oggi dobbiamo fare una bella festa. Chiama Mirco, prima che si faccia tardi. Zio: Stella: Zio: Stella: Zio: Vado subito a chiamarlo, vediamo se viene con la ragazza, cos conosci anche lei! Mi sembra unottima idea. Aspettami qui. Vado a telefonare e torno subito. Certo, cos quando sappiamo in quanti siamo, possiamo preparare la tavola. Non ti preoccupare faccio io, te resta tranquilla, devi essere stanca dal viaggio. Bevi un altro po di spumante, dopo apriamo un bel vino rosso. Oggi proprio un giorno di festa!

Imperativo diretto e indiretto (formale e informale)


Che cos limperativo e come lo usiamo: Limperativo un forma che si utilizza per dare ordini / consigli / istruzioni.

Esempi
Prendete un foglio e scrivete tutto quello che vi dico! Ti prego, Sergio, assaggia questo sugo! Dimmi se manca qualcosa!

Questa forma la dividiamo in diretto o informale e indiretto o formale: Limperativo diretto si usa quando si parla con una persona con cui si ha intimit, oppure in un rapporto informale. limperativo indiretto invece, lo usiamo quando la persona a cui ci rivolgiamo qualcuno che non conosciamo bene, o qualcuno con cui si ha un rapporto formale.
171 Lezione 13 | Lincontro con lo Zio

Esempi
Imperativo diretto o informale Mirco, ascolta bene quello che voglio dirti e prendi tutti gli appunti! (Mirco un parente, e quindi il rapporto informale). Imperativo indiretto o formale Sigr. Mirco, ascolti bene quello che voglio dirLe e prenda tutti gli appunti! (Il Sigr. Mirco una persona con cui non si ha intimit e quindi il rapporto formale).

Attenzione
LImperativo pu essere usato in modo informale (amichevole) oppure nel modo formale (di cortesia).

Imperativo informale = Imperativo diretto Imperativo formale = Imperativo indiretto Avere Diretto Informale io tu lui, lei, Lei noi voi loro, Loro abbi! abbiamo! abbiate! abbia! abbiano! Indiretto Formale io tu lui, lei, Lei, noi voi loro, Loro, sii! siamo! siate! siano! sia! Essere Diretto Informale Indiretto Formale

172

Esempi
Mi scusi, abbia pazienza ma non lho mica fatto apposta! La prossima volta abbia pi calma quando entra nellautobus! Giovanni sii pi gentile con la signora, non vedi che anziana! E meglio che stia attento a come educa suo figlio!

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Parlare

Diretto Informale

Indiretto Formale io tu

Credere

Diretto Informale credi! crediamo! credete!

Indiretto Formale creda! credano!

io tu lui, lei, Lei noi voi loro, Loro parla!

parliamo! parlate!

parli! parlino!

lui, lei, Lei noi voi loro, Loro

Esempi
a) Parla con lui prima che sia tardi! Signori, parlino meno della vita degli altri! b) Credi a quello che ti dico! Credano! Questo il risultato giusto!

Aprire

Diretto Informale

Indiretto Formale io tu

Finire

Diretto Informale finisci! finiamo! finite!

Indiretto Formale finisca! finiscano!


173

io tu lui, lei, Lei, noi voi loro, Loro apri!

apriamo! aprite!

apra! aprano!

lui, lei, Lei noi voi loro, Loro,

Lezione 13 | Lincontro con lo Zio

Esempi
a) Apri tutte le finestre, per favore! Aprano il libro alla pagina 10. b) Finisci subito il compito! Finiscano il lavoro al pi presto!

Attenzione
Limperativo diretto/informale uguale allIndicativo presente. (con eccezione della seconda persona singolare TU dei verbi -ARE che prendono una -A al posto della I).

Esempi
Tu parli (Indicativo presente) parla! (Imperativo diretto/informale) Tu mangi (Indicativo presente) mangia! (Imperativo diretto/informale)

Le regole dellimperativo
Imperativo pronominale/La posizione dei pronomi
174

Quando usiamo limperativo diretto e informale i pronomi (personali e riflessivi) vanno sempre dopo il verbo, formando una parola unica.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Esempi
Vedi quella rivista sul tavolino? Prendila! Se vedi Marina, raccontale tutto! Per piacere, ricordati di fare il bucato!

Quando usiamo limperativo indiretto formale i pronomi (personali e riflessivi) vanno sempre prima del verbo.

Esempi
Signorina, vede quella rivista sul tavolino? La prenda! Se vede Marina, le racconti tutto! Per piacere, si ricordi di fare il bucato!

Limperativo negativo
Limperativo negativo semplice da usare; per ordinare cosa non si deve fare, basta mettere non davanti al verbo.

Esempi
Ragazze, scrivete tutto quello che dico! Ragazze, non scrivete tutto quello che dico!

Attenzione
Con la seconda persona singolare TU dellImperativo negativo, si usa linfinitivo!

175

Esempi
Scrivi tutto quello che dico! Non scrivere tutto quello che dico!

Lezione 13 | Lincontro con lo Zio

I verbi irregolari allimperativo

Attenzione
I verbi irregolari al indicativo presente, lo sono anche allimperativo!

Limperativo diretto/informale iguale allindicativo presente BEVI! BERE (tu) BEVI BEVIAMO! BERE (noi) BEVIAMO BEVETE! BERE (voi) BEVETE Imperativo indiretto/formale BEVA! BEVANO! Indicativo presente/formale BERE (Lei) BEVE BERE (loro) BEVONO

Principali verbi con forme particolari allimperativo tu Andare Dare Dire Fare Stare Sapere va! da! di! fa! sta! sappi! lui, lei, Lei vada! dia! dica! faccia! stia! sappia! noi andiamo! diamo! diciamo! facciamo! stiamo! sappiamo! voi andate! date! dite! fate! state! sappiate! loro, Loro vadano! diano! dicano! facciano stiano sappiano!

Attenzione
176

I verbi andare, dare, dire, fare e stare, hanno alla seconda persona singolare (tu) una forma monosillabica.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Con questa forma il pronome che li segue raddoppia la sua consonante iniziale (eccetto gli).

Esempi
Vagli a dire che lo aspetto qui. Fammi un favore: sta fermo! Dammi tutti gli appunti! Dimmi tutta la verit! Falle questa offerta, ti supplico! Stallo a sentire meglio la prossima volta!

Alcuni usi: Sta fermo! Non muoverti in continuazione! Sta zitto! Parli troppo! Sta buono! Non agitarti! Sta attento, quando attraversi la strada! Sta calmo! Non agitarti cos! Sii prudente! Guida piano! Sii gentile! Sii serio, almeno questa volta! Abbi pazienza! C tempo! Abbi fiducia! Arriver sicuramente! Non avere paura!

Non avere fretta! Fa attenzione! Fa piano, altrimenti mi fai male! Fa presto! tardi! Fa alla svelta, tardi! Muoviti ! tardi! Sbrigati ! tardi!

Osservacione
Per incoraggiare/ sollecitare/ stimolare qualcuno fare qualcosa: su/ dai/ via/ forza/ avanti Marco su, dai, sbrigati, tardi! Carla, via, muoviti! Forza! Via! Sbrigatevi!
177 Lezione 13 | Lincontro con lo Zio

La regione dei Parchi


LAbruzzo la regione dei Parchi, infatti, custodisce una natura incontaminata e selvaggia, con tre Parchi nazionali, un Parco regionale e decine di aree e riserve naturali protette, che coprono un terzo della superficie regionale. Il capoluogo, LAquila, dominato da un imponente Castello Cinquecentesco (che ospita il Museo Nazionale dAbruzzo), e vanta splendidi monumenti civili e religiosi dellepoca medievale e rinascimentale. Tra le localit balneari, Pescara la pi rinomata, in oltre la patria del grande scrittore Gabriele DAnnunzio. Infatti, la casa di nascita di DAnnunzio oggi un piccolo ma suggestivo museo. A Chieti, il Museo Archeologico Nazionale rinomato per la qualit della sua organizzazione espositiva; celebre il Guerriero di Capestrano, una statua funeraria del VI secolo a.C. Da non perdere, a Teramo, lo stupendo Paliotto quattrocentesco (allinterno del Duomo) del grande orafo abruzzese Nicola da Guardiagrele. Ma tutto lAbruzzo ricco di tesori architettonici e artistici, quasi quanto di tesori naturali e di tradizioni popolari, come per esempio, la festa dei serpari di Cocullo, che ogni prima domenica di maggio, richiama nel minuscolo paese migliaia di persone!

Il mare dAbruzzo
Al nord il litorale sabbioso, a sud diventa frastagliato, come presso le sette sorelle del teramano, da Martinsicuro a Silvi Marina. La spiaggia pescarese e quella di Francavilla al Mare offrono strutture ricettive di alto livello, offrendo occasioni per il divertimento e il tempo libero. Pescara inoltre possiede un modernissimo porto turistico. A sud lo scenario cambia radicalmente, calette immerse tra ginestre e vigneti, si alternano ad ampie rive e spiagge incorniciate, dalla folta vegetazione mediterranea. La costa caratterizzata dalle solitarie palafitte estese sul mare, che appaiono come nostalgici scampoli dellantica pesca.

Queste aree marittime sono particolarmente adatte per le famiglie in cerca di una vacanza tranquilla. La costa abruzzese offre per anche una vacanza sportiva, dove si pu praticare vela, windsurf, canoa e pesca. La zona pi adatta per le immersioni quella meridionale. Per chi invece preferisce delle vacanze per curarsi e mantenere quellequilibrio che aiuta a restare giovani a lungo, consigliamo le cure termali, nelle attrezzatissime stazioni, oltre alle salutari acque minerali di Canistro. LAbruzzo offre anche uno straordinario patrimonio di tradizioni e di feste popolari. Se il ciclo lunare e il corso delle stagioni sono la misura delluomo, in queste feste si ristabilisce larchetipo della creazione, rapportando il sacro al profano.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Apparecchiare Avvicinarsi Bicchiere Brindisi Campanello Camuffare Comodo Commentare Conoscere Cucina Deposito bagagli Discorso Esaltare

Faccia Fidanzata Macch Magari Posta Piacevolmente Raccomandare Salotto Scappare Servizio (della domenica) Sorpreso La tavola (da pranzo)

178

Piccole frasi
Devi preparare la tavola! In fondo, dopo tutto questo tempo. Lo sai come sono i giovani di oggi. Ma che ci fai?

CD di

audi

Quanto sei cresciuta, sei diventata una donna. Sono passati tanti anni.

CD di

audi

Un luogo di atmosfera e memoria


LAbruzzo una regione, dove lo scorrere del tempo, ricorda la sabbia filtrata in una clessidra (orologio di sabbia). La mano delluomo ha prodottosegni durevoli nel tempo. Infatti, lAbruzzo possiede un patrimonio fantastico di monumenti darte, cultura e tradizione. Il passato rivive qui la sua ricca storia di citt borghesi, grazie anche alla peculiarit architettonica. Lassetto urbanistico (non stravolto) e ledilizia abitativa (stratificazione del costruito) trasmettono ancora un senso di qualit alla vita. La testimonianza di molti borghi in pietra, arroccati e sparsi tra i monti, sono la testimonianza del passato. Il bisogno di difendersi dagli attacchi nemici durante lepoca medievale, che in Abruzzo dur per moltissimo tempo, spinse gli abitanti di questi borghi arroccati sulle cime ad edificare case-mura, vale a dire un insieme di abitazioni strette luna allaltra in modo da fungere da cinta muraria, con poche aperture allesterno e situate in alto. In genere anche le chiese, abbazie ed eremi, sincontrano ai margini di boschi secolari, tra campi ancora incontaminati o nel silenzio profondo dei vasti altipiani. I pascoli verdi sulle colline, con vista sul mare, furono spesso luogo dispirazione, di leggende. Cos questi tesori naturali ritraggono unItalia di unaltra epoca, invitando il viandante a conoscere il mistero dellantico, per svelare tesori sconosciuti.
179 Lezione 13 | Lincontro con lo Zio

Lezione

14

II portachiavi
Obiettivo:
In questa lezione studieremo la concordanza dei Tempi del Modo Indicativo e le congiunzioni.

Spiegazione
Stella dopo avere passato alcuni giorni con i suoi zii a Pescara, decide di proseguire il suo viaggio per Ancona. Cos attraversa le Marche in treno approfittando della vista panoramica e degli scorci sullAdriatico. Dopo aver trascorso un week-end ad Ancona, decide di andare a Urbino. L trova un posto per dormire, in unantica locanda. La mattina dopo, si alza presto per conoscere la cittadina, ma prima va in una pasticceria per fare colazione.

Il portachiavi
Stella: Buon giorno!
182

Cameriere: Buongiorno Signorina, che cosa prende? Stella: Vorrei un cappuccino e una brioscia. Ce lavete con la crema? Cameriere: S Signorina, guardi sono dentro alla vetrina! Stella: Grazie! Posso prendere il giornale? Cameriere: Ma certo, vuole della cioccolata nel cappuccino? Stella: S, per favore. Posso sedermi fuori? Con questa bella giornata, mi piacerebbe fare colazione allaperto. Cameriere: Faccia pure, il cappuccino glielo porto io, intanto si pu accomodare. (Stella ringrazia e si cerca un posto fuori. Una volta seduta inizia a leggere il giornale, mentre comincia a mangiare la brioscia.) Dopo alcuni minuti arriva il cameriere:

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Cameriere: Ecco qui signorina se le serve qual cosaltro mi pu chiamare. Stella: Vorrei una spremuta di arance senza zucchero. Cameriere: S, gliela porto subito. (Stella mette dello zucchero nel cappuccino apre il giornale e inizia a leggere). Stella: Fuori campo legge sottovoce; Un drastico aumento della tassa dei rifiuti provoca delle proteste dei cittadini delle Marche, il Sindaco di Pesaro convoca una riunione straordinaria per discutere la questione... (In questo momento Stella osserva un Signore che si siede al tavolo accanto. Il Signore di media et e porta un cappello. Stella lo guarda e lo saluta facendo un segno con la mano. Il Signore risponde al saluto sollevando leggermente il cappello.)

Cameriere: Prego Signorina, la sua spremuta! Stella: Grazie, molto gentile. (Stella continua discretamente a osservare il Signore, che nel frattempo ha ordinato anche lui, un caff macchiato e una brioscia). (Il signore appoggia sul tavolo una borsa, che assomiglia a un portafoglio grande, poi toglie un paio di occhialini da lettura dalla tasca della giacca e inizia a leggere un libro tascabile.Dopo qualche minuto Stella nota un ciondolo, che appeso alla borsa del signore.) Stella curiosa com, cerca di vedere meglio il ciondolo. Non vuole dare nellocchio, per si allunga un poper vedere se riesce a capire di che si tratta). Stella (sorpresa commenta a bassa voce): Non ci credo, ma il mio portachiavi! Il portachiavi che ho messo nella valigia che fu scambiata. Ma no... non possibile! (Soltanto adesso si accorge che il signore porta un foulard al collo che sembra proprio uguale a quello che cera in valigia.) Stella: (sempre pensando ad alta voce). Ma sarebbe una coincidenza troppo grande, sar che il signore, proprio chi penso io? In fondo, un portachiavi come quello, qui in Italia, non lo vendono di certo. Io lavevo compratoa Embu das Artes e lo volevo portare a mio Zio. Poi, decisi di metterlo in valigia come piccolo dono, per il mio amico sconosciuto. Stella: (Cercando di attaccare bottone). Mi scusi signore, ho notato che ha un ciondolo molto bello appeso alla sua borsa, Le posso chiedere, dove lha comprato? Signore: Certo signorina, purtroppo, non glielo posso rispondere. Questo portachiavi mi stato regalato. Stella: Capisco, mi scusi se lho disturbata. E che mi sembrava molto particolare. Signore: Infatti, lo . Io credo che sia un oggetto di artigianato forse del sud America, forse del Brasile. Stella ancora pi sorpresa di prima, inizia a sospettare che il ciondolo, sia veramente quello che lei aveva portato dal Brasile. (Dopo qualche istante).
183 Lezione 14 | II portachiavi

Signore: Mi scusi signorina, ma Lei non Italiana. Stella: No, sono brasiliana di San Paulo. (Stella lo dice di proposito, per vedere se il signore ha qualche reazione). Signore: Ha detto di San Paulo, ma che curioso, sono stato a San Paulo due mesi fa. Adesso anche il signore osserva che Stella indossa un paio di occhiali, che erano identici a quelli che lui aveva incontrato nella valigia che fu scambiata. (Stella non osa chiedergli se era lui che aveva scambiato la valigia con Lei)

Signore:

Mi scusi se sono poco discreto, ma per caso Lei ha scambiato la sua valigia con unaltra, quando arrivata in Italia? Sa, io ho trovato questo portachiavi nella mia valigia, che fu scambiata, cos penso che qualcuno mi abbia voluto fare un regalino.

Stella:

(Stella non credeva a ci che stava accadendo, e con la faccia, da chi proprio non se lo aspettava di rincontrare il padrone della valigia dice): S, quando sono arrivata due mesi fa a Milano, ho avuto la disavventura di scambiare la mia valigia con quella di unaltra persona. Ma quando mi sono accorta che non si trattava dei miei vestiti, ho messo un portachiavi identico a quello, nella valigia sperando di farmi perdonare per avere frugato tra i vestiti di uno sconosciuto.


184

(Signore: anche lui adesso con una faccia incredula) Bene, allora adesso il suo amico anonimo, non pi uno sconosciuto. Se mi permette; sono Marco Frescobaldi Conte di... (Stella, cos emozionata dellincontro inaspettato, non ascolta nemmeno di dove il suo amico). Venga signorina, si accomodi al mio tavolino, Le voglio offrire qualcosa, visto che tempo fa, mi ha fatto un regalo molto speciale! (Cosi Stella si alza e si siede al suo tavolino.) Ma mi dica Lei, se questo non una coincidenza assurda. Come vede signorina, non si sa mai cosa ci aspetta nella vita! (Cos i due iniziano a chiacchierare e a raccontarsi le vicende).

Signore: Stella: Signore:

Corso Multimediale di Lingua Italiana

La concordanza dei Tempi del Modo Indicativo


La concordanza una serie di regole che organizza i tempi e stabilisce come usarli nelle frasi che facciamo. Per esempio, una frase pu avere allinizio un tempo presente, passato o futuro. Lazione che segue pu essere anteriore, contemporanea o posteriore rispetto allazione principale. La concordanza serve a mostrare in quali circostanze temporali accadono le azioni.

La concordanza dellIndicativo
Esempi
Marinna dice che sabato scorso andata a ballare in discoteca. (azione principale) (azione secondaria anteriore) Presente Passato prossimo

Marinna dice che va a ballare in discoteca. (azione principale) (azione secondaria contemporanea) Presente Presente
185

Marinna dice che sabato prossimo andr a ballare in discoteca. (azione principale) (azione secondaria posteriore) Presente Futuro

Lezione 14 | II portachiavi

Azione principale (Verbo principale) Azione secondaria anteriore (Prima dellazione principale Passato) Azione secondaria contemporanea (nello stesso tempo dellazione principale - Presente) Azione secondaria posteriore (dopo lazione principale - Futuro)

Esempio di concordanza: Azione principale al presente: Francesco dice che. verbo al presente Azione secondaria anteriore: Francesco dice che ieri andato a teatro. verbo al passato prossimo Azione secondaria contemporanea: Francesco dice che oggi va a teatro. verbo al presente Azione secondaria posteriore: Francesco dice che domani andr al cinema. verbo al futuro

Schema generale della concordanza dell Imperfetto


Francesco dice che lei (verbo principale al presente) ha lavorato lavorava stava lavorando lavor (Ieri) Azione anteriore lavora sta lavorando lavorer lavora

(Oggi) Azione contemporanea Francesco diceva che lei (verbo principale al passato)

(Domani) Azione posteriore

186

Corso Multimediale di Lingua Italiana

aveva lavorato (Il giorno prima) Azione anteriore

lavorava stava lavorando (Quel giorno) Azione contemporanea Francesco dir che lei (Verbo principale al futuro)

avrebbe lavorato lavorava (Il giorno dopo) Azione posteriore

avr lavorato ha lavorato lavorava lavor (Il giorno prima) Azione anteriore

lavorer lavora

lavorer

(Quel giorno) Azione contemporanea

(Il giorno dopo) Azione posteriore

Usiamo la concordanza giusta


Dobbiamo usare il Futuro, quando il verbo secondario indica unazione futura reale e non una semplice azione posteriore, anche se lazione principale al passato.

Esempio
Mirco ha detto che domani andr in vacanze. domani un futuro reale e non un futuro nel passato: usiamo il Futuro!

Dobbiamo usare il Presente, quando il verbo secondario indica una realt o una situazione sempre vera nella loro generalit.

Esempi
Antonio mi ha detto che suo fratello di Napoli. Mio nonno mi ha insegnato che bisogna rispettare gli anziani. Sono situazioni generiche e sempre vere: usiamo il Presente!

Quando esistono due azioni al futuro, la prima devessere usata con il Futuro Anteriore (composto) e quella posteriore, con il futuro semplice
187

Esempio
Dopo che sar arrivato a casa, ti telefoner.

Lezione 14 | II portachiavi

Le congiunzioni
Le congiunzioni servono per unire: due parole: Anita e Stefano hanno entrambi cinque anni. due frasi: Faccio il bagno e mi lavo i denti. Vado a dormire perch sono stanco morto. Le congiunzioni possono essere coordinanti o subordinanti. Coordinanti mettono in relazione due elementi ugualmente importanti, Essi possono essere: copulativi perch uniscono: e, anche, inoltre, n, neanche, nemmeno, neppure. Andrea mangia e beve tanto a colazione. disgiuntivi perch escludono: o, oppure, ossia. Vieni al teatro oppure resti a casa? avversativi perch contrappongono: ma, invece, per, anzi, tuttavia, eppure, al contrario. Stefano molto intelligente, ma anche antipatico.

esplicativi perch spiegano: cio, infatti, ossia, vale a dire. Questa mostra biennale, cio viene fatta ogni due anni. conclusivi perch concludono: perci, quindi, pertanto, dunque, insomma. Ho corso tutto il giorno, perci vado a riposare. correlativi perch mettono in relazione: sia sia, n n, coscome, non solo ma anche. Non solo mi ha invitato a cena, ma mi ha anche regalato dei fiori. Le congiunzioni subordinanti uniscono due elementi: una frase principale e una frase secondaria, meno importante. causali quando la secondaria spiega la causa: perch, poich, siccome, dato che, visto che, dal momento che.
188

Bevo il vino perch mi piace. finali quando la secondaria indica lo scopo. affinch, perch, al fine di, per. Te lo ripeto, affinch tu non cambi. temporali quando la secondaria indica il tempo: quando, mentre, finch, prima che, dopo che, appena. Mentre ascolto la musica, sogno le mie vacanze. dichiarativi quando la secondaria dichiara qualcosa: che. Penso che Patrizia sia andata in chiesa. condizionali quando la secondaria indica la condizione: se, purch, qualora, supposto che, nel caso che. Se finisco presto i compiti, esco con il mio ragazzo. modali quando la secondaria indica il modo:. come, come quando, in modo che: Fa come ti dicono i tuoi genitori. concessivi quando la secondaria concede qualcosa: sebbene, anche se, bench, nonostante che. Gianni ha molti problemi, anche se scherza sempre. eccettuativi e limitativi quando la secondaria esprime una eccezione o limitazione: fuorch, tranne, tranne che, eccetto che, per quanto. Per quanto ne so, la partita stata annullata.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

I beni culturali in Italia non si trovano solamente nelle grandi citt darte, ma anche in tutto il territorio. Cos, infatti, le Marche possiedono molti borghi, palazzi e edifici religiosi, che arricchiscono il paesaggio. La natura marchigiana, con le sue aree protette, molto diversa. Al confine con la Romagna, lUmbria e la Toscana, le provincie di Pesaro e Urbino hanno un esclusivo e variegato paesaggio collinare che si spinge fino ai monti dellAppennino. Il mare Adriatico, dalla costa sabbiosa, si alterna a luoghi rocciosi formati da ripide scogliere. A nord, verso la Romagna, troviamo la riviera pi mondana, quella in cui vive ancora oggi il mito degli anni 60, di Gabicce Mare. Oggi la citt ospita la cicloturistica internazionale, un appuntamento per amatori di tutto il mondo che hanno la possibilit di vivere la natura attraverso un percorso che tocca varie localit e che apre scorci panoramici splendidi. Il territorio offre, infatti, uneccezionale variet di sentieri, in grado di soddisfare e stupire gli appassionati del trekking che possono attraversare la provincia interamente a piedi, incontrando magari scoiattoli, cerbiatti, volpi e altri animali che popolano questi boschi. A Pesaro, tra il Parco naturale del San Bartolo e lArdizio, si conduce una vita balneare pi rilassata, lideale per le famiglie o per chi desidera riposarsi lontano dal frastuono o dal turismo di massa. Il paesaggio agrario con le sue dolci colline, possiede profonde grotte che danno alla regione un aspetto misterioso. Urbino invece, decretata nel 1998 patrimonio Unesco, impressiona il visitatore con il suo Palazzo Ducale (voluto dal grande Federico da Montefeltro), con i suoi torricini e il magnifico cortile Questa una delle testimonianze pi importanti del Rinascimento italiano, e ospita ancora oggi la galleria Nazionale delle Marche, con preziosi dipinti di Piero della Francesca e Raffaello, la cui casa stata trasformata in museo. A Macerata, possibile godersi uno spettacolo teatrale o musicale nel maestoso Sferisterio. Per chi preferisce larchitettura medievale, ad Ascoli Piceno sincontra una variet di opere come la Loggia dei Mercanti e la Piazza del Popolo. Inoltre Ancona, capoluogo della regione, possiede un Duomo che merita tutta la nostra attenzione, come anche la cattedrale di Pesaro, con i suoi preziosi mosaici. La piccola localit Recanati conosciuta come meta turistica, perch la citt natale, del celebre Giacomo Leopardi (1798-1837). Infine, ricordiamo che Loreto diventata una famosa localit di pellegrinaggio, grazie alla sua meravigliosa Santa Casa.

189 Lezione 14 | II portachiavi

CD di
Accadere Accomodare Accorgere Allungare Anonimo Assomigliare Assurdo/a Borsetta Brioscia Caff macchiato Ciondolo Coincidenza Convocare Crema Disavventura Discreto/a Discretamente Disturbare Dono Drastico Emozionare Frattempo

audi

Giornale Inaspettato/a Incredulo/a Indossare Istante Libro tascabile Nemmeno Occhialini da lettura Osare Osservare Paio Particolare

Per caso Portafoglio Proposito Reazione Rifiuto/rifiuti Riunione Sconosciuto Sollevare Sospettare Straordinario/a Vetrina Vicenda

190

Piccole frasi
Non vuole dare nellocchio.

CD di

audi

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Le posso chiedere dove lha comprato?

Non si sa mai cosa ci aspetta nella vita! Purtroppo non Le posso rispondere. Sperando di farmi perdonare.

Giacomo Leopardi nacque a Recanati, una piccola citt di provincia dellentroterra marchigiano, il 29 giugno 1798. Sua madre, Adelaide dei marchesi Antici, era nota per la sua esagerata parsimonia, al punto (si dice) da rallegrarsi della morte di un figlio neonato, in prospettiva del risparmio che ne sarebbe derivato. Forse per compensare questa maniacale avarizia, suo padre, il conte Monaldo, nobile reazionario e intellettuale conservatore, si dedic a dissipare la fortuna di famiglia. In compenso accumul una vastissima biblioteca. Cresciuto con una rigida educazione religiosa, Giacomo Leopardi trov presto la strada nellaccogliente biblioteca paterna che occup il posto dei giochi dellinfanzia. A 15 anni Giacomo Leopardi conosceva gi diverse lingue e aveva letto quasi tutto: lingue classiche, ebraico, lingue moderne, storia, filosofia e filologia (nonch scienze naturali e astronomia). Gli insegnanti che avrebbero dovuto prepararlo al sacerdozio dovettero presto ammettere di non avere molto da insegnargli. Nei sette anni che seguirono, Leopardi si butt in uno studio matto e disperatissimo,

in cui tradusse i classici, pratic sette lingue, scrisse un dotto testo di astronomia e scrisse un falso poema in greco antico, sufficientemente convincente da ingannare un esperto. Divenne saggista e traduttore, specialmente di classici. Il 1816 fu il suo passaggio dallerudizione al bello, ossia dallo studio alla produzione poetica. Tra le prove poetiche pi originali, ricordiamo lidillio Le rimembranze e la cantica Appressamento della morte. Nello stesso anno da datare la sua missiva alla Biblioteca italiana, con la quale il Leopardi difendeva le posizioni dei classicisti in risposta a Madame de Stel. Lanno dopo avvi una fitta corrispondenza con Pietro Giordani che gli apr pi vasti orizzonti culturali e inizi la stesura dello Zibaldone; sempre in questo periodo sinnamor della cugina del padre, Geltrude Cassi, alla quale dedic la poesia Diario del primo amore e Lelegia prima. Non gli fu concesso di uscire di casa da solo finch non comp ventanni. Le sue ambizioni accademiche furono compromesse dallinsistenza del padre perch diventasse sacerdote. Esasperato dallambiente familiare e dalla chiusura, soprattutto culturale, delle Marche, governate dal retrivo Stato Pontificio, cerc di fuggire da casa, ma suo padre riusc a prevenirlo e a sventare i suoi piani. Cominci a soffrire di una salute cagionevole, che egli attribu ai suoi studi sregolati. Aveva una vista debole, soffriva dasma ed era effetto da una forma di scoliosi. Si autodefiniva un sepolcro ambulante ed era consapevole delleffetto che il suo aspetto provocava sulle persone che incontrava. Ci nonostante, non cess di invaghirsi di fanciulle che non ricambiavano il suo affetto o lo ignoravano totalmente. Persa la fede, Leopardi rivolse le sue attenzioni alla filosofia sensistica e materialistica (Pascal, Voltaire, Rousseau). Si comp cos la sua conversione filosofica. A questo periodo (1819-1823) appartengono anche la composizione degli idilli Linfinito, Alla luna e altre Canzoni (pubblicate poi a Bologna nel 1824) e la sua conversione dal bello al vero, con il conseguente intensificarsi delle sue elaborazioni filosofiche, tra cui la teoria del piacere. Quando finalmente, nel 1822, i suoi genitori gli concessero di far visita a un cugino a Roma, la capitale lo deluse e perfino lo disgust. La vita e lambiente letterario romano gli apparvero meschini e mediocri, privi di qualsiasi problematicit. Tuttavia i suoi scritti trovarono numerosi estimatori nei migliori circoli letterari di Roma, molti dei quali egli trovava insopportabili, n si curava di dissimulare il suo fastidio. Nel 1823 fece ritorno nelle Marche, dove nel 1824 inizi a comporre le Operette morali. Proprio le Operette segnarono, con il rifiuto dellimpegno agonistico e della partecipazione politica, la piena formulazione del pessimismo cosmico: la Natura veniva accusata di essere la fonte delle sventure umane, in quanto instilla nelle persone un continuo desiderio di felicit destinato ad essere sistematicamente frustrato. Nel 1825 Leopardi riusc a lasciare Recanati grazie allavvio di una collaborazione con leditore milanese Stella che gli garant una certa indipendenza economica: fu a Milano, a Bologna (dove conobbe il conte Carlo Pepoli e pubblic unedizione di Versi), a Firenze (dove incontr Manzoni e scrisse altre due operette morali) e a Pisa (dove compose Il risorgimento e A Silvia).
191 Lezione 14 | II portachiavi

Nel 1827 uscirono presso leditore Stella la prima edizione delle Operette morali e la Crestomazia italiana, unantologia della prosa darte italiana, seguita lanno successivo dalla Crestomazia poetica italiana. Nel 30 uno stipendio mensile messogli a disposizione da alcuni amici gli permise di lasciare nuovamente Recanati e di stabilirsi a Firenze, dove inizi una vita di pi intesi rapporti sociali. Qui sinnamor di Fanny Targioni Tozzetti (la delusione scaturita dallamore per lei gli ispirer il ciclo di Aspasia) e strinse amicizia con Antonio Ranieri. Nel 1831 usc la prima edizione dei Canti e inizi probabilmente a lavorare ai Pensieri e ai Paralipomeni della Batracomiomachia (conclusi nel 1835). Sempre pi lucida e impetuosa divenne in questi anni la sua critica delle ideologie spiritualistiche e della civilt borghese contemporanea. Su questo sfondo nacquero nel 1832 le ultime operette il Dialogo di Tristano e di un amico e Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere. Aggravatasi la sua malattia agli occhi, nel 1833 si trasfer a Napoli con Ranieri. Nel 1835 vennero pubblicati la Palinodia al marchese Gino Capponi e la seconda edizione dei Canti, che lanno successivo venne sequestrata dalla polizia. Del 36 La ginestra, del 37 Il tramonto della luna e
192

probabilmente I nuovi credenti, in cui satireggia lo spiritualismo ottimistico degli intellettuali napoletani. Durante questo soggiorno napoletano Leopardi approd a un nuovo senso della comune sorte degli uomini, ossia a quel senso della solidariet umana fondata sulla conoscenza del vero. Quando la sua salute peggior, gli amici e la sorella Paolina lo assistettero con grande affetto. Un attacco dasma ebbe la meglio su di lui, esaudendo lunico desiderio che pensava un uomo potesse sinceramente custodire. Mor a Napoli, dove infuriava il colera, il 14 giugno del 1837. Venne sepolto nella chiesetta di San Vitale e nel 1839 le sue spoglie vennero trasferite presso la cosiddetta Tomba di Virgilio a Mergellina. Milano, 13 febbraio 2001. <www.italialibri.net>.

Corso Multimediale di Lingua Italiana

193 Lezione 14 | II portachiavi

Lezione

15

Visita alla chiesa


Obiettivo:
In questa lezione vedremo insieme i modi di dire ed espressioni idiomatiche.

Spiegazione
Stella dopo avere trascorso alcuni giorni ad Urbino decide di andare in Umbria. Prima visita Perugia e il lago Trasimeno, poi va ad Assisi per conoscere il tanto rinomato Santuario. E una giornata splendida, non c neanche una nuvola nel cielo, e fa caldo. Stella prima percorre le vie di Assisi, osservando le vetrine delle botteghe artigianali e delle pasticcerie che fanno i tipici biscotti e dolci Umbri. Quando meno se lo aspetta, si trova in cima alla via, da dove si ha una bellissima panoramica della chiesa di San. Francesco. Nella piazza che precede la chiesa, c un prato molto curato. Stella osserva la grande scritta PAX che fatta con dei fiori, piantati appositamente.

196

Visita alla chiesa


(Stella si avvicina all ingresso della chiesa, e si ferma a leggere il cartello. Il divieto dice: NO FOTO, NO APPARECCHI ELETRONOCI, NO MINIGONNE E SHORTS, NO CANNOTTIERE! In fondo un luogo di culto, e si pu capire una certa riservatezza. Stella entra a passi lenti in chiesa e alla sua destra nota un altro cartello. SILENZIO! I suoi pensieri: Questa chiesa incredibile, le pareti e gli archi a crociera sono tutti affrescati. Non si capisce dove finiscono le pareti e dove inizia il soffitto. Poi qui c proprio unatmosfera speciale come se ci fosse una forza nascosta in questo luogo. (Stella avanza sempre lentamente verso il corridoio della navata centrale e osserva i gruppi di turisti che in realt sono pi pellegrini e curiosi ch,e come lei, vogliono visitare il santuario. In fondo alla navata si ferma vicino ad un gruppo di persone che stanno tutte con lo sguardo fisso verso lalto). Si ascolta una voce sussurrando: Come vedete, qui in alto ci sono gli affreschi di Cimabue e a fianco quelli di Giotto, la pittura di entrambi di una raffinata delicatezza. Osservate anche il decoro delle fasce che racchiudono il dipinto. Qui osserviamo opere uniche che risalgono al 1300. (Stella capisce adesso che la voce di una guida turistica che racconta la storia dei preziosi affreschi). La voce continua:

Corso Multimediale di Lingua Italiana

Purtroppo molti di questi affreschi sono stati danneggiati con il terremoto che ha colpito la citt di Assisi negli anni 90. Alcune parti sono state recuperate e restaurate, altre sono andate perse per sempre. (In questo momento il gruppo si sposta verso laltra ala della chiesa.)

Stella:

(Stella rimane ancora un attimo ad ammirare gli affreschi e poi inizia a osservare la parte del coro). Certo che erano dei bravissimi artigiani. Riuscivano a fare intagli a bassorilievo e dei tondi con dei trafori che lasciano losservatore a bocca aperta. Chiss quanto tempo impiegavano per realizzare tutto questo lavoro. Gli ebanisti dovevano avere una pazienza da certosini. Se si pensa a tutti gli intarsi che decorano la parte dellaltare e la zona del coro.

Guardia: Stella: Guardia:

(Stella si gira come se volesse uscire dalla chiesa). Guardi che c da visitare anche il piano inferiore. A davvero! Che cosa c al piano inferiore?
197

Al piano inferiore si trova lantica chiesa che venne costruita anteriormente a questa. come se si entrasse nel cuore della chiesa. I soffitti sono pi bassi e le volte sono a botte, ma molto bella, le consiglio di visitare anche la tomba di San Francesco che si trova allinterno della cappella.

Lezione 15 | Visita alla chiesa

Stella: Guardia: Stella: Guardia:

Grazie per le indicazioni, adesso scendo al piano di sotto, cos vado a vedere le dimensioni del piano inferiore. E da molto che lavora qui? Veramente s, questestate saranno 8 anni che lavoro qui come custode. E non Le viene a noia lavorare qui, ad osservare e controllare i turisti. No mi piace molto questa chiesa, e poi sincontrano persone interessanti. Non so se te ne rendi conto, ma qui c una forza particolare, infatti uno dei santuari pi importanti dell Italia. Vengono pellegrini da tutto il mondo per vedere la tomba di San Francesco!

Stella: Guardi: Stella: Guardia:

Grazie delle informazioni. Lei una guida pi che una guardia. Prego. Noi guardie siamo qui apposta, poi se ha bisogno di altre informazioni, sono qui! Bene a sapere, non si sa mai! Arrivederci! Arrivederci! (Stella segue le indicazioni della guardia, cos scende le scale per visitare anche il piano inferiore) (Adesso Stella si avventura ancora pi allinterno del santuari. Scende una piccola scala e ancora una volta incontra dei cartelli con la scritta: SILENZIO)

Stella pensa: Come bello qui, sembra di entrare un atmosfera speciale. Non ho mai visto niente di simile! Sembra che tutti i pellegrini, in tutti questi secoli, abbiano lasciato un segno indelebile, in questo luogo. Certo che la tomba molto impressionante, sembra un altare e si sente il profumo dei Gigli di Acapulco che hanno teneramente conquistato latmosfera.

Modi di dire ed espressioni idiomatiche


Come sappiamo, la lingua italiana molto antica e possiede perci molti modi di dire ed espressioni popolaresche. Sono espressioni che nel loro significato metaforico cercano di consigliare o suggerire qualcosa. Tante di queste espressioni sono tuttora molto usate nella lingua colloquiale.

Alcune espressioni idiomatiche legate ai pasti


- me lo / la mangio a colazione. Fare una cosa senza molta fatica. - non mettere insieme il pranzo con la cena. Non confondere le cose. - pranzare al sacco. Mangiare qualcosa senza avere tempo (improvvisato, pick nick). - a tavola non sinvecchia. Significa che un piacere restare a tavola per molto tempo. - essere alla frutta. Non avere pi nulla (essere alla fine).
198 Corso Multimediale di Lingua Italiana

Alcune espressioni con i principali verbi


Abbaiare alla luna. Imprecare invano, gridare inutilmente contro qualcuno che lontano o che non se ne preoccupa pi di tanto. Abbassare le ali, oppure Abbassare la cresta. Smettere di sentirsi superiore, ed assumere un atteggiamento pi modesto e tollerante. Acchiappare farfalle. Fare cose inutili (perdere del tempo inutilmente). Agire, stare, muoversi dietro le quinte. Influire su una situazione o manovrarla senza mostrarsi (magari per mezzo di altri). Alzarsi con la luna di traverso oppure essere lunatici. Essere di malumore, irascibili (irritabili). Arrampicarsi sugli specchi. Fare tentativi inutili (per giustificarsi). Attaccare (un) bottone a qualcuno. Entrare in discorsi (chiacchiere). Attaccare le scarpe (il berretto) al chiodo. Abbandonare unattivit sportiva (una professione). Dare solo uninfarinatura di qualcosa. Fare conoscere un argomento solo in modo generale (superficiale).

Prendere la palla al balzo. Cogliere il momento opportuno (al volo).

Con il verbo andare


Andare a fagiolo. Andare a genio (quando una cosa perfetta). Andare a farsi benedire. Andare in malora oppure andare male, finire in niente. Andare a gonfie vele, oppure Andare a vele spiegate. Procedere molto bene (avere successo). Andare a letto con i polli. Coricarsi (andare a dormire) molto presto. Andare a monte. Fallire, non raggiungere lesito sperato. Andare allaria, oppure Andare a vuoto. Non se ne fa pi niente, (non raggiungere lesito). Andare a picco, oppure Andare a rotoli. Quando una situazione perde il controllo (si disf, fallire). Andare a nozze. (festa di matrimonio) Far qualcosa con grande piacere e soddisfazione. Andare a Roma e non vedere il Papa. Trascurare cose importanti, non vedere loggetto pi importante! Andare a ruba. Un prodotto che molto richiesto, tanto da mancare sul mercato. Andare a zonzo. Camminare senza meta o scopo preciso, per svago o per passare il tempo. Andare coi piedi di piombo. Procedere (metaforicamente), con estrema prudenza, stando attenti anche ai particolari. Andare in bestia. Infuriarsi, da perdere il controllo (diventare violenti). Andare in bianco. Non concludere un affare o una cosa (fallire nel tentativo). Andare in brodo di giuggiole. Uscire di s dalla contentezza, di gioia, essere lusingato. (Con riferimento al contenuto zuccherino delle giuggiole, frutto commestibile, viene usato per indicare chi prova, per merito proprio o di altri, un forte godimento). Andare in fumo oppure Andare in cenere. Vedere svanire una cosa (non concludere, fallire). Andare liscio. Procedere senza contrattempi (senza ostacoli, problemi) Andare per la maggiore. Godere di molta stima, essere in voga(molto richiesto). Andare per le lunghe. Rinviare, dilungarsi (procedere con estrema lentezza).

199 Lezione 15 | Visita alla chiesa

Andare su tutte le furie. Arrabbiarsi (irritarsi per qualche motivo).

Con il verbo avere


Avere fatto trenta e fare trentuno. Fare un ultimo sforzo, (completare un azione). Avere la coda di paglia. Stare sempre in sospetto che le parole di altri intendano offendervi, (contravvenire). Avere le mani lunghe. Essere portato (disposto) al furto. Avere (del) fegato. Essere coraggioso. Avere gli occhi foderati di prosciutto. Non vedere, o non volere vedere levidenza. Avere grilli per la testa. Avere grandi e fantasiose aspirazioni. Avere il coltello dalla parte del manico. Essere in una posizione decisamente favorevole. Avere il tatto di un elefante. Non conoscere le buone maniere (essere privo di sensibilit). Avere la luna. Essere di malumore, irritabili e pronti al litigio. Avere la pelle doca. Rabbrividire; per il freddo o la paura, una forte emozione. Avere la pelle dura. Resistere alle fatiche, alle sofferenze, alle malattie. Avere le mani fatate. Riuscire a far bene, trasformare qualcosa e con facilit. Avere un asso nella manica. Avere delle risorse (proposte), degli argomenti tenuti in serbo (nascosti) e che, fatti valere al momento opportuno, assicureranno il successo. Avere un chiodo fisso. Avere un pensiero ricorrente (che non si vuole abbandonare). Avere un diavolo per capello. Essere molto irritato (arrabbiatissimo). Avere una gatta da pelare. Avere un grosso problema da risolvere. Avere una marcia in pi. Essere particolarmente brillante (spirito diniziativa). Avere una memoria di ferro (o delefante). Possedere unottima memoria (ricordando ogni minimo dettaglio). Avere una pazienza da certosino. Essere molto pazienti (come i frati che si dedicavano con costanza).

Corso Multimediale di Lingua Italiana

200

Avere, (sentirsi), far venire lacquolina in bocca. Sono tutte espressioni che (letteralmente si riferiscono alla saliva che si produce in bocca), alla vista o al solo pensiero, di una pietanza appetitosa (cosa desiderate e appetibile).

Alcune espressioni idiomatiche con le preposizioni


Essere fra lincudine e il martello. Essere in una situazione difficile. Decidere su due piedi. Decidere improvvisamente. Essere sulle spine. Essere preoccupati. Scrivere nero su bianco. Fare un accordo. Fare qualcosa con i piedi. Fare male, senza impegno. Essere con lacqua alla gola. Essere in una brutta situazione economica. Essere con le mani in mano. Non fare niente/ non aiutare. Rimanere di sasso (stucco). Restare senza parole. Essere nuovo di zecca. Una cosa nuovissima. Restare a bocca aperta. Restare molto sorpresi. Piovere a dirotto (a catinelle) Piovere moltissimo Parlare a vanvera. Parlare senza pensare prima. Raccontare dalla a alla zeta. Raccontare tutto. Essere in alto mare. Essere lontano dalla conclusione. Essere in gamba. Essere una persona capace. Essere in stato interessante. Aspettare un bambino. Raccontare per filo e per segno. Raccontare con tutti i dettagli. Come vedete nella lingua italiana usiamo molte espressioni idiomatiche, per chi ne volesse trovare altre, indichiamo il sito: <http://webs.racocatala.cat/llengua/it/frasi.htm>.

201 Lezione 15 | Visita alla chiesa

Alcuni dei proverbi pi comuni


Bisogna far(e) buon viso a cattiva sorte. Davanti a situazioni spiacevoli, bisogna cercare di vedere laspetto positivo, (atteggiamento favorevole). Can(e) che abbaia non morde. Chi strepita tanto di solito non passa alle vie di fatto. Uomo avvisato mezzo salvato. Chi avvertito in anticipo di un pericolo pu, almeno in parte, evitarlo. Chi tace acconsente. Il silenzio equivale a unaccettazione non espressa. Chi non beve in compagnia o un ladro o una spia. Chi evita la compagnia e vive solitario (distante dai altri), ha qualcosa da nascondere. Al cuor non si comanda. I sentimenti non ascoltano la voce della ragione. Chi cerca trova. Solo se timpegni in qualcosa, potrai raggiungere ci che desideri. Chi dorme non prende pesci. Bisogna essere svegli per fare una cosa, chi perde tempo perde loccasione. Chi tardi arriva male alloggia. Chi arriva in ritardo deve accontentarsi di quello che resta. Il riso fa buon sangue. Lallegria fa bene alla salute, (si evitano cos anche molte malattie). Rosso di sera bel tempo si spera. Si prevede il tempo bello per il giorno dopo. Meglio tardi che mai. Alla fine si rende concreto, (senza perdere la speranza). In bocca al lupo __________ crepi! Un augurio per fare bene una prova, (esame di qualsiasi tipo). Si obbligati a rispondere crepi! (per accertarsi che andr tutto bene). Chi non muore si rivede. Quando si rincontra una persona, di cui non si avevano pi notizie. Meglio un uovo oggi, che una gallina domani. E preferibile accontentarsi di una cosa sicura, anche se magari meno importante. Acqua passata non macina pi. Si dice di cose e avvenimenti, che non hanno pi effetto n valore (come lacqua che, essendo ormai passata oltre la ruota del mulino, non pu pi muoverla per macinare il grano).

Corso Multimediale di Lingua Italiana

202

Come vedete esistono molti proverbi nella lingua italiana, per chi volesse trovarne altri, consigliamo di consultare il sito: <www.ndet.org/foro/archive/index.php/thread-3970.html>.

Attraversare lUmbria un percorso alla ricerca delle proprie radici, sedimentate in un territorio che custodisce con cura le testimonianze di una cultura millenaria in cui sintrecciano la storia, larte e le tradizioni dei popoli e delle civilt che lhanno attraversata: dagli Umbri agli Etruschi, dai Romani ai Longobardi, dai maestri del Rinascimento fino allo Stato Pontificio. Ogni paese, chiesa o piazza racconta la storia di un passato glorioso, i borghi e le citt conservano gelosamente i tesori del patrimonio artistico e culturale, proteggono i saperi e gli strumenti della sapienza artigianale. Entriamo in Umbria, e subito ci viene da pensare che San Francesco il grande, soave, tenero santo della letizia e della mansuetudine non potrebbe essere nato in altro luogo che non qua. In questi luoghi dalla natura sempre verde, il concetto di centro storico riduttivo, tanto diffuso lelemento monumentale e artistico... Cos, ad esempio Perugia: dalle mura etrusche al Palazzo Gallenga, sede dellimportante Universit per stranieri, ai tanti edifici e monumenti storici intorno a Piazza IV Novembre, con la Fontana Maggiore e il Palazzo dei Priori; e anche Gubbio, ricca di memorie francescane e monumenti depoca medievale e rinascimentale. E poi Todi, Spello, Spoleto (sede di un prestigioso Festival), Orvieto, Citt di Castello e tanti altri piccoli paesi, impreziositi da monumenti, palazzi e chiese di pregio. Anche Terni, fiorente centro industriale, vanta gioielli come le chiese di S. Salvatore e di S. Francesco e, nelle sue vicinanze, un capolavoro della natura come la Cascata delle Marmore. Infine Assisi, citt natale di San Francesco e di Santa Chiara, una delle mete cristiane pi note e frequentate dai pellegrini. LUmbria per una regione che oltre la sua parte storica, vive anche il suo lato contemporaneo. Cos per esempio diventata un importante piazza per la musica. Infatti, da pi di trentanni un appuntamento da non perdere per chi ama la musica jazz, il Festival che anima Perugia ogni estate. Artisti di fama internazionale convengono per dieci giorni nel capoluogo umbro. Perugia accoglie artisti ovunque in citt, dalle sedi ufficiali alle piazze, e si presta a diventare palcoscenico per spontanee jam session a qualunque ora del giorno. Inoltre offre delle manifestazioni che vantano una decennale attenzione nellimpegno per la diffusione dellarte e della cultura. Opera, danza, musica, teatro, mostre, cinema, idee ed eventi come sempre espressi ai massimi livelli. Un viaggio ai confini del piacere LUmbria un insieme di quadri ambientali, un dolce armonioso susseguirsi di paesaggi e ambiti naturali. Assetti antichissimi si accostano alle pi innovative organizzazioni culturali, campi chiusi da siepi e muretti si alternano a piantagioni specializzate, estese coperture di bosco cedono il posto alle rasserenanti distese di olivi e alle macchie dei girasoli. Lo spazio regionale piccolo e variegato: 8 456 chilometri quadrati, dove tutto sembra forgiato dalluomo, modellato da millenarie opere di dissodamento e di adattamento; e dove lindice di boscosit tra i pi elevati dItalia. Ovunque, fiumi lenti e torrenti impetuosi, limpide polle dacqua, rumorose cascate e silenziose sorgenti. Il verde nelle sue infinite sfumature accompagna il visitatore sulle alture appenniniche come nelle conche intensamente umanizzate, sinsinua nei centri abitati dai balconi panoramici e fa capolino dal velo dacqua del lago Trasimeno. <www.regioneumbria.eu>.

203 Lezione 15 | Visita alla chiesa

CD di
Affreschi Affrescare Ala (della chiesa) Altare Ammirare Apparecchio elettronico Appositamente (di proposito) Archi a crocera Atmosfera Avventura

audi

Canottiere Conquistare Cappella Chiesa Cielo Cima Corridoio Culto (luogo di culto) Curare (coltivare) Custode, guardia Danneggiare Delicatezza Dipinto Divieto Ebanista Fasce Forza Gigli (di Acapulco) Guida Incredibile Intaglio a bassorilievo Intimo/a Minigonna Nascondere Navata centrale Nuvola Osservatore Panoramica

Pareti Pellegrini Pensieri Piantare Piano inferiore Prato Preziosi Raffinato/a Racchiudere Recuperare Restaurare Rinomato Risalire Santuario Silenzio Splendida/o Spostare Soffitto Sussurrare Teneramente Terremoto Tomba Traforo Trascorrere Tutto tondo Vetrina Ventre Volte a botte

Corso Multimediale di Lingua Italiana

204

Piccole frasi
Bene a sapere, non si sa mai! Grazie per le indicazioni. Non ti viene a noia? Non ho mai visto niente di simile!

CD di

audi

Piero della Francesca


Piero della Francesca nacque a Borgo Sansepolcro probabilmente tra il 1415 e il 1420. Si form a Firenze con Domenico Veneziano con il quale collabor per gli affreschi perduti del coro di S. Egidio a Firenze. Le prime opere, collocabili anteriormente al 1450, ci mostrano il personale carattere dellartista: struttura prospettica rigorosissima, perfezione dei volumi geometrici, rappresentazione di figure grandiose immerse in unatmosfera dalla luminosit diffusa, sottile quasi astratta che mantiene i personaggi come sospesi nel tempo. Nel 1442 Piero ritorna a Borgo Sansepolcro, dove fu candidato alle elezioni per la carica di consigliere popolare. Qui, la confraternita della Misericordia, gli commission un polittico che doveva essere consegnato entro tre anni, in realt il pittore ne impiega quindici. Il Polittico della Misericordia composto di ventitr scomparti alcuni dei quali, come la predella, sono dipinti da aiutanti del pittore. Il senso del volume, la plasticit dei corpi ci mostrano linfluenza donatelliana, mentre la pala posta a coronamento del polittico di chiara ascendenza masaccesca. Contemporaneamente ai primi pannelli di questo polittico Piero esegu il Battesimo di Cristo, che oggi si trova a Londra alla National Gallery. In questo dipinto la trasparenza dellatmosfera, la chiara luminosit del paesaggio rievocano le opere di Domenico Veneziano e del Beato Angelico. La prospettiva rigorosa il cui perno centrale costituito dalla figura del Cristo conferisce allopera un certo equilibrio e quellarmonia che tipica delle opere pierfrancescane. Intorno al 1451 il pittore si rec a Rimini, dove lavor nel Tempio Malatestiano allaffresco votivo col ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Nel 1452, alla morte di Bicci di Lorenzo, Piero fu chiamato dalla famiglia Bacci per proseguire la decorazione ad affresco del coro di S. Francesco ad Arezzo rappresentante la Leggenda della vera Croce. Le scene sono rappresentate su tre registri; le monumentali figure rappresentate, appaiono come statue costituite da forme geometriche pure sulle quali i panneggi formano giochi raffinati, mentre i volti non tradiscono emozioni particolari; si vedano i dipinti rappresentanti, lAdorazione del sacro legno e lIncontro di Salomone con la regina di Saba. Nel brano che rappresenta la Battaglia di Eraclio e Cosroe il maestro affiancato da allievi, la composizione si fa pi schematica; nel Sogno di Costantino invece il bagliore che accende la scena rivela leccezionale sensibilit luministica del maestro. Tra le opere pi importanti del pittore c la tavoletta rappresentante, la Flagellazione eseguita negli anni tra il 1455 e il 1460 a Urbino. La composizione divisa in due scene mediante una colonna, al centro del gruppo di personaggi sulla destra figura Oddantonio da Montefeltro, fratellastro di Federico, che fu assassinato durante una congiura, mentre la scena sulla sinistra, rappresentante la Flagellazione, potrebbe essere unallusione al martirio subito dal giovane principe. Sempre dello stesso periodo la tavola che fa da cuspide al polittico di SantAntonio delle Monache di Perugia, rappresentante LAnnunciazione. In questi anni sintensificarono i rapporti con la corte del Montefeltro per la quale esegu il Ritratto di Battista Sforza e Federico da Montefeltro. Tra le ultime opere ricordiamo la Madonna di Senigallia del 1470 e la Sacra conversazione di Brera del 1472-1474. Una malattia agli occhi costrinse il maestro a ritirarsi dalla sua attivit e ad applicarsi negli studi della prospettiva che lo portarono a scrivere il De prospectiva pingendi nel quale insegna ai pittori i segreti della prospettiva e il libretto De quinque corporibus regularibus. Mor il 12 ottobre del 1492. <www.storiadellarte.com >.

205 Lezione 15 | Visita alla chiesa

Corso Multimediale di Lingua Italiana

206

Annotazzioni

207 Lezione 15 | Visita alla chiesa