Você está na página 1de 2

IL LAVORO

Il lavoro, volere o no, diventa rivelatore delle leggi del cosmo, cio delle intenzioni misteriose e rigorose che il Pensiero creatore di Dio vi ha infuso, e subito rivelatore altres della inesauribile capacit pensante e operante delluomo, che sa leggere nelle cose, da lui non prodotte, ma da lui dominate. La mente di Dio sincontra con la mente delluomo Impegnato nel lavoro moderno, intelligente e potente. Una luce nuova; un bacio nuovo. Il superamento dellirreligiosit, propria del materialismo moderno, apre un nuovo orizzonte allo spirito anchilosato del Lavoratore e dellOperatore. Non pi vero che la religione sia morta a causa del trionfo della scienza e della tecnica; essa sale ad un piano superiore: di bisogno interiore incoercibile, di linguaggio, sempre balbettante e insufficiente, ma vivo, ma libero, ma ristoratore. quello duninteriore libert ritrovata, quello dun amore supremo possibile. Loperaio moderno specialmente ne ha tanto bisogno e tanto diritto. E se Cristo, il collega per eccellenza dellumanit faticante e ricercante, lo prende per mano, il suo spirito si apre, la sua lingua si muove, la sua preghiera si scioglie: questo lUomo nascente nel secolo nuovo.
Paolo VI

Foglio informativo parrocchiale ad uscita settimanale. Ciclostilato in proprio ad uso interno. ANNO C Campane on line sul blog: oratoriobrenta.blogspot.it

Prima lettura (Dal libro del Deuteronmio 30,10-14)


QUESTO COMANDO NON TROPPO ALTO PER TE

Salmo responsoriale (Dal salmo18) I PRECETTI DEL SIGNORE FANNO GIOIRE IL CUORE Seconda lettura (Dalla lettera di S. Paolo apostolo ai Colosssi 1,15-20) IN LUI ABITA OGNI PIENEZZA VANGELO (Luca 10,25-37) CHI IL MIO PROSSIMO? In quel tempo, un dottore della Legge si alz per mettere alla prova Ges e chiese: Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?. Ges gli disse: Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?. Costui rispose: Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso. Gli disse: Hai risposto bene; fa questo e vivrai. Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Ges: E chi mio prossimo?. Ges riprese: Un uomo scendeva da Gerusalemme a Grico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, pass oltre. Anche un

levta, giunto in quel luogo, vide e pass oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasci le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caric sulla sua cavalcatura, lo port in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tir fuori due denari e li diede allalbergatore, dicendo: Abbi cura di lui; ci che spenderai in pi, te lo pagher al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che caduto nelle mani dei briganti?. Quello rispose: Chi ha avuto compassione di lui. Ges gli disse: Va e anche tu fa cos. * Che cosa vi leggi?. Ges ci chiede di leggere la Parola di Dio. La Parola di Dio illumina gli occhi dellanima. Il pi grande servizio che possiamo fare ai fratelli annunciare la Parola di Ges. Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore.... La Parola di Dio ripete quattro volte laggettivo tutto, per farci comprendere che il nostro amore per Dio deve essere pieno, totale, senza misura... Il secondo comandamento: Ama il prossimo tuo come te stesso, simile, non uguale al primo. Lamore verso Dio viene sempre prima di tutto e di tutti. Chi ci educa a questo Amore limmacolatissima Madre di Ges e Mamma nostra, la Tutta-Amore e bont.

Pag. - 4 -

Pag. - 1 -

* Fa questo e vivrai. Ecco la conclusione di Ges. Ges prima ci chiede di leggere, di ascoltare la Parola di Dio e poi ci invita a metterla in pratica. Allora avremo la Vita eterna, la vita stessa di Dio che lEterno. Il legista vuole ancora mettere in imbarazzo Ges. Mentre parla di amore, quelluomo senza amore. Ci nonostante Ges accetta di rispondere. E lo fa con una stupenda parabola. Un sacerdote... Io vide e pass oltre.... Passano per quella strada due uomini convinti di avere laore di Dio, un sacerdote ebreo e un levita al servizio di Dio nel Tempio. Vedono quellinfelice mezzo morto e gli girano al largo. La vera preghiera sgorga dallamore e favorisce lamore, come in Maria, la Madre di Ges che aveva locchio aperto su tutti, perch aperto su Dio. * Un Samaritano... lo vide e nebbe

compassione. Passa un Samaritano, odiatissimo dai Giudei: in viaggio su una strada nemica. Di unaltra nazionalit e religione, lunico che si ferma a soccorrere quelluomo: sente che la miseria, la sofferenza dellaltro gli tocca il cuore. Il Samaritano il simbolo stesso di Ges. Egli si piegato sullumanit ferita da Satana; ha versato sulle piaghe del peccato lolio della Parola di Dio intrisa di Spirito Santo e il vino dei Sacramenti della Confessione e dellEucaristia. * Va e anche tu fa altrettanto. Lamore del prossimo la riconciliazione con tutti quelli che Dio ama. E Dio ama anche quelli che noi escludiamo. Ges ci invita a fare come il buon Samaritano, ci insegna a fare attenzione agli altri, ad avere per tutti un amore generoso, gratuito, disinteressato, totale, come il suo stesso amore.

Parrocchia SANTI VITO e MODESTO - BRENTA calendario dal 14 al 21 luglio 2013

DOMENICA 14 Festa della Madonna del Carmine Parrocchia ore 10.00 S.Messa def.to Martinoia Ferdinando S. Quirico ore 18.00 S.Messa def.ti Cadario Maria - Vitali Luigi LUN 15 Parrocchia ore 18.00 S.Messa def.ti Teresa e Natale Zanotel MAR 16 ==== MER 17 San Quirico ore 20.30 S.Messa def.ti Venturini Cirillo , Mario, Renzo GIO 18 ===

AVVISO
Un grazie di vero cuore va a tutta la comunit parrocchiale che ha partecipato numerosa alla festa patronale dei Santi Vito e Modesto che abbiamo celebrato lo scorso 16 giugno. Un ringraziamento davvero particolare va alle persone che hanno collaborato a vario titolo al programma della giornata e alla Proloco che ci ha concesso di utilizzare per il pranzo il chiosco. tutto grazia per coloro che amano Dio diceva lapostolo Paolo e cos anche noi riconosciamo la cura particolare del Signore per la nostra comunit anche nella trama di quella giornata. Dal pranzo e dallestrazione a premi che sono stati organizzati nella giornata abbiamo raccolto la cifra di 2.665,00 In occasione della memoria di santAntonio stato distribuito il pane benedetto. Ringraziamo chi lha voluto donare e chi, per loccasione, ha voluto dare unofferta. Abbiamo raccolto 82,00. Don Daniele
Pag. - 2 -

VEN 19 === SAB 20 Parrocchia ore 18.00 S.Messa def.to Pedron Carlo DOMENICA 21 Parrocchia ore 10.00 S.Messa def.ti Contini Antonietta e Antonio S. Quirico ore 18.00 S.Messa def.ti Vitali Luigi e Aurelia

Tornei estivi:
Domenica 14 luglio ore 18.00 presso il Parco pubblico Palio dei fanciulli. A seguire rinfresco e premiazione delle contrade vincitrici dei tornei.
Pag. - 3 -