Você está na página 1de 9

Archive All Download Newest

Read Later
Alternanza scuola lavoro, previsioni di legge dal decreto istruzione | Quotidiano Sicurezza quotidianosicurezza.it XI apporto su sicurezza, qualit! e accessi"ilit! a scuola cittadinanzattiva.it #a sicurezza a scuola atuttascuola.it

Archive All Download Newest


Alternanza scuola lavoro, previsioni di legge dal decreto istruzione | Quotidiano Sicurezza

quotidianosicurezza.it S$%&IA#'I(A)%*http+,,www.quotidianosicurezza.it,wp*content,uploads,-./0,/-,scuole*alternanza* lavoro.1pg* %$#A&%'(% scuole #a legge /-2 dell32 nove4"re scorso di conversione del decreto Istruzione ha a55rontato la te4atica della sicurezza nell3a4"ito del progetto,siste4a alternanza scuolalavoro che, secondo la de5inizione del (inistero 6pi7 propria4ente della direzione generale per l3istruzione e 5or4azione tecnica superiore e per i rapporti con i siste4i 5or4ativi delle egioni8, 9consiste nella realizzazione di percorsi progettati, attuati, veri5icati e valutati, sotto la responsa"ilit! dell3istituzione scolastica o 5or4ativa, sulla "ase di apposite convenzioni con le i4prese, o con le rispettive associazioni di rappresentanza, o con le ca4ere di co44ercio, industria, artigianato e agricoltura, o con gli enti pu""lici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore, disponi"ili ad accogliere gli studenti per periodi di apprendimento in situazione lavorativa, che non costituiscono rapporto individuale di lavoro, art. : del D#gs /; aprile -..;, n. <<=.* In5atti, l3art. ; della legge /-2 prevede, 5ra l3altro, l3e4anazione di un decreto inter4inisteriale, Istruzione e #avoro, che dovr! essere e4anato entro l311 maggio 201 , e che avr! co4e 5inalit! quella di indicare le 4odalit! di applicazione delle disposizioni del >? 2/,.2 in 5avore degli studenti in regi4e, appunto, di 9alternanza scuola*lavoro=. A "ene5iciarne, nello speci5ico, saranno gli studenti i4pegnati in attivit! di stage, di tirocinio e di didattica in la"oratorio. * 6@rganizzazione dei percorsi in alternanza8. /. I percorsi in alternanza hanno una struttura 5lessi"ile e si articolano in periodi di 5or4azione in aula e in periodi di apprendi4ento 4ediante esperienze di lavoro, che le istituzioni scolastiche e 5or4ative progettano e attuano sulla "ase di convenzioniA -. I periodi di apprendi4ento 4ediante esperienze di lavoro 5anno parte integrante dei percorsi 5or4ativi personalizzati volti alla realizzazione del pro5ilo educativo, culturale e pro5essionale del corso di studi e degli o"iettivi generali e speci5ici di apprendi4ento sta"iliti a livello nazionale e regionale. 0. I periodi di apprendi4ento 4ediante esperienze di lavoro sono articolati secondo criteri di gradualit! e progressivit! che rispettino lo sviluppo personale, culturale e pro5essionale degli studenti in relazione alla loro et!, e sono di4ensionati tenendo conto degli o"iettivi 5or4ativi dei diversi percorsi del siste4a dei licei e del siste4a dell3istruzione e della 5or4azione pro5essionale, nonchB sulla "ase delle capacit! di accoglienza A :. Nell3a4"ito dell3orario co4plessivo annuale dei piani di studio, i periodi di apprendi4ento 4ediante esperienze di lavoro, previsti nel progetto educativo personalizzato relativo al percorso scolastico o 5or4ativo, possono essere svolti anche in periodi diversi da quelli 5issati dal calendario delle lezioni. ;. I periodi di apprendi4ento 4ediante esperienze di lavoro sono di4ensionati, per i soggetti disa"ili, in 4odo da pro4uoverne l3autono4ia anche ai 5ini dell3inseri4ento nel 4ondo del lavoro. C. I percorsi in alternanza sono de5initi e progra44ati all3interno del piano dell3o55erta 5or4ativa e sono proposti alle 5a4iglie e agli studenti in te4pi e con 4odalit! idonei a garantirne la piena 5ruizione. quotidianosicurezza.it

!" Rapporto su sicurezza, #ualit$ e accessi%ilit$ a scuola

cittadinanzattiva.it

S$%&IA#'I(A)%* http+,,www.cittadinanzattiva.it,i4ages,pri4o'piano,scuola,sca'-./0'XI'rapporto'i4parare'sicuri'pp .1pg* %$#A&%'(% sca -./0 XI rapporto i4parare sicuri pp#esioni strutturali in una scuola su sette, distacchi di intonaco in una su cinque e, nel corso dell3ulti4o anno scolastico, "en -D casi di tragedie s5iorate a causa di crolli di diversa entit!. (igliorano i dati sul possesso delle certi5icazioni, peggiora invece lo stato di 4anutenzione delle scuole che nel 0DE dei casi F del tutto inadeguato, cosG co4e la qualit! di vita all3interno delle aule che, in un caso su cinque, presentano segni di 4u55e, in5iltrazioni e u4idit!. A 4antenere in piedi la scuola contri"uiscono in "uona parte le 5a4iglie che, solo nellHulti4o anno scolastico, hanno versato circa 0D. 4ilioni di euro, sotto 5or4a di contri"uto volontario o donazione di 4ateriali e "eni. Questi alcuni dati dellHXI apporto su sicurezza, qualit! ed accessi"ilit! a scuola, presentato da &ittadinanzattiva. #eggi il co4unicato, scarica il apporto. )uarda le graduatorie regionali "n viaggio tra le scuole di "talia Da I4ola a (essina, da #odi a &itt! di &astello e o4a, gli studenti ci descrivono la situazione della loro scuola, tra luci ed o4"re. Il Iideo "l servizio civile per le scuole di &apoli #e volontarie della ?ild4 ci raccontano la loro esperienza di cittadine attive, grazie al servizio civile, per la sicurezza delle scuole di Napoli. Il Iideo Si pu' (are I genitori 4a anche i nonni e gli stessi studenti JlavoranoJ per avere scuole pi7 "elle e sicure. Il &o4itato genitori dellHIstituto co4prensivo di &orsico 6(I8 ci raccontano la loro esperienza. Il Iideo La salute a scuola non ) un diritto* $erchF una 4a44a deve sentirsi dire che sua 5iglia or4ai alla scuola 4edia, con una patologia cronica che la costringe a nutrirsi ogni ora, porta ancora il JciuccioJK #a testi4onianza della 4a44a di Llavia di Napoli. Il Iideo +enitori a scuola di sicurezza #a scuola F un "ene di tutti e la partecipazione dei genitori F 5onda4entale. #Hesperienza di Donatella, che ha partecipato al 4onitoraggio di una scuola ro4ana. Il Iideo &ittadinanzattiva ha presentato la cosiddetta Jistanza di accesso civicoJ al (inistero della Istruzione per ottenere la co4unicazione e pu""licazione dei dati relativi allHAnagra5e della edilizia scolastica. &o4e sta"ilito dal decreto /: 4arzo -./0, n.00, il (inistero dovr! rispondere alla richiesta entro 0. giorni. #eggi la lettera cittadinanzattiva.it

La sicurezza a scuola

atuttascuola.it S$%&IA#'I(A)%* http+,,www.atuttascuola.it,colla"orazione,pri4ativo,operatore,..,..,..,i4ages,ho4e,atuttascuolaho4epag e's4all.1pg* %$#A&%'(% S$%&IA#'I(A)%* http+,,www.atuttascuola.it,colla"orazione,pri4ativo,operatore,..,..,..,recital,5iles,teatro'scuole'-./:.1pg * %$#A&%'(% Mo4e>esine elazioni iassunti>e4iItaliano#atinoStoria(ate4atica%cdlLoru4 4aturit!ScienzeInglese %cono4iaIn5or4atica ?niversit! %sa4i stato)reco)eogra5iaLiloso5ia DirittoLisicaArte%lettronica%le4entari(edie$ro5essionaliAlternanza scuolalavoroAltre(aterieDirigenti scolastici #egislazione scolastica%*4ailNewsletter

#%))% C-C,D: di +a%riele ,rimativo


&on la locuzione Legge -2- si intende, in Italia, un decreto legislativo introdotto nel /DD: per regola4entare la sicurezza sui luoghi di lavoro. Il decreto non 5u il pri4o a regola4entare la sicurezza nei luoghi di lavoro, presente sin dagli anni cinquanta, 4a superN alcune leggi precedenti, dando una 5or4a organica alle nor4ative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, pur non a"rogandole 5or4al4ente. 65onte+ wiOipedia8 #e pri4e leggi sulla sicurezza dei luoghi di lavoro 5urono introdotte in Italia nel /D:- nel codice civile 4entre le pri4e leggi speci5iche sullHargo4ento risalgono agli anni cinquanta. Negli anni novanta, dopo lHingresso in %uropa e lHe4anazione di direttive europee in 4ateria, sono stati pro4ulgati altri decreti, il nP C-C del /DD: e il nP :D: del /DDC, che o""ligano le i4prese, i co44ittenti e i datori di lavoro al rispetto dei decreti precedenti, a gestire il 4igliora4ento continuo delle condizioni di lavoro, ad introdurre la 5or4azione e lHin5or4azione sui rischi per cui sono state create nuove 5igure pro5essionali responsa"ili per la sicurezza. 65onte+ wiOipedia8 &on aggiorna4ento annuale, sono seguiti altri decreti di chiari4ento e di 4igliora4ento oltre a leggi regionali. #a principale novit! introdotta dal D.#gs. C-C,D:, in coerenza con concetti espressi nelle direttive &% in esso recepite, F l.o%%ligo della valutazione del rischio 6risO assess4ent8 da parte del Datore di #avoro e lHintroduzione di un Servizio di ,revenzione e ,rotezione 6 .S.$.$.8, di cui, appunto il Datore di lavoro, ne F il responsa"ile. #a valutazione del rischio, quindi, F un processo di individuazione dei pericoli e, successiva4ente, di tutte le 4isure di prevenzione e protezione volte a ridurre al 4ini4o sosteni"ile le pro"a"ilit! 6quindi il rischio8e il danno conseguente a potenziali in5ortuni e 4alattie pro5essionali. 65onte+ wiOipedia8 Altra novit! introdotta dal D.#gs. C-C,D: F lHintroduzione di un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza 6art. /28 che deve essere eletto dai lavoratori stessi e deve essere consultato preventiva4ente in tutti i processi di valutazione dei rischi. Nel -..C la nor4ativa B giunta a de5inire quali siano i percorsi e le co4petenze 5or4ative che devono avere i responsa"ili della sicurezza, 4a non sono ancora stati corretta4ente de5initi i 4etodi con il quale 5are 5or4azione. @))I il D. #gs. n. C-C,D: F stato co4pleta4ente tras5uso nel D.#gs. 2/,.2, recante il nuovo /0S/1

2&"31 S2LLA S"32R044A S2L LA51R1. AS,0//" 031&16"3" /. I lavoratori che hanno su"ito in5ortuni nel luogo di lavoro sono retri"uiti dal datore di lavoro per i pri4i tre giorni di assenza. Dal :P giorno percepiscono unHindennit! dallHINAI# pari al C.E della retri"uzione e al <;E a partire dal D/*esi4o giorno. Se lHinvalidit! F per4anente, il lavoratore ha diritto a unHindennit!, 4entre in caso di decesso non sussiste alcun indennizzo econo4ico i44ediato, e i 5a4igliari possono chiedere con una causa civile un risarci4ento ai responsa"ili. -. Il lavoratore percepisce in questo 4odo una retri"uzione ridotta, anche nei casi in cui lHin5ortunio e lHassenza dal luogo di lavoro sia causata da negligenze del datore di lavoro in 4ateria di sicurezza. 0. Il trade*o55 6paragone8 5ra costi della prevenzione e costi della non*sicurezza F un aspetto critico per il rispetto delle nor4ative in 4ateria di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Se le sanzioni e i risarci4enti sono 4eno onerosi della prevenzione, e,o 4eno pro"a"ili degli incidenti sul lavoro, non viene a crearsi quel 5attore econo4ico, che F condizione necessaria per la di55usione delle 4isure di sicurezza sul lavoro. 7 &hi non rispetta la sicurezza su lavoro rischia pene e sanzioni pesanti, 4a non partecipa al costo sociale degli in5ortuni e delle vitti4e sul lavoro. )li oneri per la prevenzione gravano sulle Aziende, 4entre quelli della non*sicurezza sono un costo sociale che ricade sullHintera collettivit!. In questo 4odo chi rispetta le leggi paga due volte+ per la prevenzioni e per coprire i danni delle aziende inadempienti7 65onte+ wiOipedia8 ;. Il costo degli in5ortuni F coperto per la 4aggior parte da un ente pu""lico, lHINAI#, e quindi F ri"altato sullHintera collettivit!. Nei casi speci5ici, co4e accade per lHindennit! di 4alattia, gli enti possono esercitare diritto di rivalsa nei con5ronti dei soggetti che hanno causato lHonere econo4ico. 65onte+ wiOipedia8 C. #3Au4ento della produttivit! e l3a""atti4ento delle morti %ianche sono due te4i rilevanti nel 4ondo delle relazioni industriali. Legge -2-8 9S"32R044A A S321LA:,R060SSA Nel contesto scolastico il D. #gs. C-C,/DD: ha costituito di 5atto una Jguida 4etodologicaJ per un o"iettivo di sicurezza e salute a55inchB gli adolescenti siano 4aggior4ente attori in una scuola autono4a che attua, allHinterno del curricolo, progetti coinvolgenti, rispondenti alle reali,attuali esigenze 6Attivit! di %ducazione stradale, Attivit! sportiva, ...8. #a scuola F nor4al4ente la pri4a 5onda4entale istituzione, dopo la 5a4iglia, in cui i giovani si con5rontano e su cui si 4isura i44ediata4ente lHattendi"ilit! del rapporto tra le regole sociali e i co4porta4enti reali. In5atti per i giovani le istituzioni si presentano con il volto della scuola. %3 risaputo che la salute non F pi7 considerata da 4olto te4po sinoni4o di assenza di 4alattia, "ensG quello stato di "enessere psico5isico co4plessivo de5inito dallH@rganizzazione (ondiale della Sanit!, cosG la sicurezza sta assu4endo connotazioni se4pre pi7 a4pie ri5erite a tutta la vita dellHuo4o+ lavorativa 6in5ortuni, 4alattie pro5essionali,A8, ludica, a4"ientale 6aria, acqua, ru4ore, ri5iuti,A8, stradale, sociale e di protezione civile propria di una societ! organizzata attenta ad uno sviluppo sosteni"ile. 1;"0//"5" +0&0RAL" "n #uesta prospettiva si devono+ Q instaurare rapporti stretti allHinterno della co4unit! classe, Q valutare il rendimento scolastico ispirato a criteri di trasparenza, coerenza, equit! e solidariet!,

Q programmare lezioni sulla legalit!, Q educaregli studenti ad assu4ersi delle responsa"ilit!, Q promuovere ri(lessione ed azione di ria55er4azione dei principi di li"ert!. Q rendere la scuola un a4"iente %D?&A>II@ 6ad ese4pio a""attere le contraddizioni e le incoerenze riguardo al 4ito della velocit! e potenza, dell3uso dell3alcool, della sigaretta eccR8 $ IN&I$I S?##A SI&? %SSA D%##A S&?@#A Q #H a4"iente scolastico deve essere pulito, accogliente, sicuro, Q le condizioni igieniche e di sicurezza dei locali e dei servizi devono garantire una per4anenza a scuola con5ortevole per gli alunni e il personale, Q il Dirigente Scolastico F individuato co4e datore di lavoro ai 5ini ed agli e55etti dei decreti legislativi n. C-C,/DD: e -:-,/DDCdel D.#gs, Q ricordare che l3Istituto Scolastico F anche un luogo di lavoro ove devono essere rispettate tutte le speci5iche nor4ative Q tenere presente co4e il D.#gs. C-C,/DD: ha introdotto alcuni te4i non considerati nella nor4ativa precedente 6p. es. il lavoro ai video ter4inali8, evidenziando una rivoluzione culturale, Q 4igliorare gli aspetti progettuali, organizzativi, gestionali e procedurali della prevenzione, Q de5inire un siste4a di organizzazione e gestione delle attivit! di prevenzione e protezione dai rischi a scuola. @ )ANISSASI@N% D%##A SI&? %SSA #Horganizzazione della sicurezza poggia sui seguenti ade4pi4enti del Dirigentescolastico+ /8 valutare gli speci(ici rischi dellHattivit! svolta nellHistituzione scolasticaTed ela%orare un documento, conseguente alla 9valutazione dei rischi:, da tenere agli atti, indicante, tra lHaltro, i criteri adottati nella stesura della valutazione, nonchB le opportune 4isure di prevenzione e protezione dai rischiT -8 designare il responsa%ile del Servizio di ,revenzione e protezione e gli addetti al servizio di prevenzione e protezioneT 08 designare il 6edico 3ompetente :8 designare i lavoratori addetti alle 4isure di prevenzione incendi, evacuazione e di pronto soccorso 65igure sensi"ili8T nonchB la 5igura del preposto ove necessaria 6es. la"oratori, aule speciali ;8 (ornire ai lavoratori, ed agli allievi , ove necessario, dispositivi di protezione individualeT C8 assicurare un.idonea attivit$ di (ormazione ed in(ormazione degli interessati, personale ed alunni, in ragione delle attivit! svolte da ciascuno e delle relative responsa"ilit!T <8 consultare il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e in5or4are le RS2 6@rganizzazioni sindacali8 sullHattuazione della nor4ativa in 4ateria di sicurezza nei luoghi di lavoro 6art. C &&N#,/DDD8. 28 tenere aggiornato il registro in(ortuni e rispettare le clausole assicurative. In ciascun plesso si deve avere+ o #a necessaria segnaletica di sicurezzaT o le istruzioni per la prevenzione e la protezione antincendioT o il piano di evacuazione in condizioni di e4ergenza. I A$$@ >I &@N #3%N>% #@&A#% Si intende per %nte #ocale, di nor4a, il 3omune, per le scuole dellHo""ligo, responsa"ile delle strutture e degli i4pianti. Ai 5ini della valutazione dei rischi pro5essionali, gli insediamenti scolastici rappresentano una particolare tipologia, caratterizzata da alcuni 5attori non riscontra"ili in nessuna altra attivit!+ se4"rano operare nella scuola due Jdatori di lavoroJ+ il proprietario dell.immo%ile ed il gestoreconduttore83apo d."stituto. #e loro co4petenze ed i loro interventi devono convergere allHunico o"iettivo della sicurezza degli operatori e degli studenti 6ivi co4presi servizi igienici, illu4inazione generale, 4icrocli4a, ecc.,

i4pianti e la prevenzione incendi8, la propriet! deve dare in uso i44o"ili e i4pianti 5issi in "uone condizioni, rispondenti alla nor4ativa vigente e provvisti di tutte le autorizzazioni e certi5icazioni o""ligatorieT Sono invece in capo ai conduttori degli edi5ici stessi 6presidi e direttori didattici e,o $rovveditori agli studi8 le responsa"ilit! di gestione 6 lHutilizzazione dei locali, lHorganizzazione del lavoro, le attrezzature e gli arredi, allorchB di propriet!, le sostanze utilizzate, lHuso dei dispositivi di protezione individuale, la gestione delle e4ergenze, la sorveglianza sanitaria, la 5or4azione e lHin5or4azione. Il pri4o o""ligo richiesto dalla legge consiste nella valutazione del rischio che deve essere e55ettuata 4antenendo una visione glo"ale dellHattivit!, suddividendo gli aspetti di co4petenza della propriet! da quelli pi7 propria4ente legati alla gestione delle strutture ed allHesercizio dellHattivit! scolastica stessa. AllH%nte #ocale spettano certa4ente i seguenti co4piti+ /. manutenzione ordinaria e straordinaria degli edi5ici scolasticiT -. adeguamento degli impianti esistenti 6i4pianto elettrico, i4pianto di 4essa a terra, i4pianto di riscalda4ento, i4pianto antincendio, i4*pianto idraulico sanitario e 5ognario, i4pianto tele5onico ecc.8 co4e previsto dalla legge -<1==0, 0. a%%attimento di eventuali %arriere architettonicheT :. controllo ed eventuale rimozione di amianto quando presenteT ;. (ornitura delle dotazioni antincendio 6idranti, estintori ecc..8 previste dalle autorizzazioni antincendio 6N@$,&$I8T C. (ornitura e posa della segnaletica di sicurezzaT <. adeguamento dei locali alle norme previste dal >itolo II del D.lgs. C-C,/DD: con scadenza 0/ dice4"re -..:T 2. adeguamento degli istituti di istruzione scolastica in materia antin-cendio, co4e previsto dal D.(. -C agosto /DD-, con scadenza 0/ di*ce4"re -..:. L.0&/0 L13AL0 deve 5ornire alle scuole le certi5icazioni gi! disponi"ili ed i certi5icati che verranno prodotti ad adegua4ento nor4ativo concluso, tra i quali+ 1. planimetrie aggiornate dei piani delle scuole con indicato lHu"icazione degli estintori, degli idranti, della cartellonistica di sicurezza, degli eventuali pulsanti di allar4e e attacco II.LT indicazione sullHu"icazione delle valvole di intercettazione dei co4"usti"ili per riscalda4ento 6gas, gasolio ecc..8 e dellHinterruttore generale per la parte elettricaT 27 planimetria e<o indicazione sullHu"icazione dellHi4pianto di 4essa a terra e relativi paletti dispersori, sia per quanto concerne la parte elet*trica che lHeventuale parte at4os5ericaT >7certi(icati di con(ormit$ degli i4pianti di cui alla legge n. :C,/DD. 7certi(icati di con(ormit$, dichiarazione di con(ormit$ e,o li"retti, licenze ecc, degli i4pianti di solleva4ento e,o ascensori, 4ontacarichi ecc.T ?7copia del modello di denuncia dell.impianto di messa a terra 6parte elettrica8 e relative veri5iche periodiche 6(od. U8. -7copia del modello di denuncia dell.impianto di messa a terra contro le scariche at4os5eriche 6quando applica"ile8 e relative veri5iche periodiche 6(od. A8 o calcolo di autoprotezione delle scariche at4os5eri*che nor4e @. eventuale 3erti(icato di ,revenzione incendi 6&$I8 o Nulla @sta $rovvisorio 6N@$8 rilasciati dai II.L.. #a L@ (ASI@N% e #3INL@ (ASI@N% per la sicurezza L.in(ormazione e la (ormazione ha rappresentato la vera novit! del D.#gs. C-C,/DD:+ F diventato o""ligatorio che tutti i 4e4"ri della co4unit! scolastica siano a conoscenza delle regole di co4porta4ento nellHordinario svolgi4ento di

tutta lHattivit! svolta nella scuola 6es. attivit! didattica, visite guidate e viaggi dHistruzione, intervallo, entrata ed uscita, assicurazioni, ecc.8. L.in(ormazione ) ri(erita Aart. -/8+ Q ai rischi per la sicurezza e la salute connessi allHattivit!T Q alle misure di prevenzione e protezione adottateT Q alle norme di comportamento speci5iche relative a particolari a4"ienti scolastici 6es. palestra, la"oratori scienti5ici, ecc.8T Q ai pericoli connessi allHuso di sostanze o preparati pericolosiT Q alle modalit$ di segnalazione di pericoliT Q al comportamento in caso di in(ortunio ed alle procedure di pri4o soccorso. $er una &?#>? A della sicurezza Attraverso le attivit! svolte dallHunit! scolastica occorre+ Q (avorire un clima co4plessivo di "enessere inteso co4e continua ricerca della qualit! della vita, di cui lHattenzione alla sicurezza costituisce una co4ponente signi5icativaT Q attivare un BcontagioB positivo di tutte le componenti scolastiche per contrastare la super5icialit!, il disi4pegno, la protesta+ rispetto delle regole, accettazione dei propri li4iti, rispetto degli altri.

li%ri
>op twentV colla"oratori attivi/*$aola Iiale 6D;C 5ile8-*(iria4 )audio 6;-D 5ile8 0*Iincenzo Andraous 6000 5ile8 :*)ianni $eteani 6-;C 5ile8;*%nrico (aranzana 6--2 5ile8C* )iovanni )hiselli 6/2/ 5ile8 <*#uca (anzoni 6/-: 5ile82*Sandro Uorzoni 6/-/ 5ile8 D*(aria &oncetta $uglisi 6DD 5ile8/.* )ennaro &apodanno 620 5ile8//*$iero >orelli 6<; 5ile8/-*%lio Lragassi 6<: 5ile8 /0*Lrancesco Avolio 6;D 5ile/:* osalia Di Nardo 6;: 5ile8 /;*Alissa $eron 6:D 5ile8/C*Silvia Sorrentino 6:< 5ile8/<*Iittorio >ornar 6:C 5ile8/<*#aura Al"erico 6:C 5ile8/D*Sa4uele )audio 6:: 5ile8/D*&ristina occhetto 6:: 5ile8

$agina 5ace"ooO Atuttascuola $agina 5ace"ooO &antastoria atuttascuola.it W Archive All Download Newest