Você está na página 1de 129

Note di Astrosica

Nucleare
Giampaolo Co
Dipartimento di Fisica, Universit` a del Salento
e
INFN, Sezione di Lecce
Premessa
Queste note sono dedicate alla presentazione di alcuni argomenti di astrosica che coinvolgono la
sica nucleare. Non c`e alcuna pretesa di presentare una trattazione esaustiva, sia nellapprofon-
dimento sia nellenumerazione delle tematiche. Ci sono problematiche astrosiche che coinvolgono
la sica nucleare che non vengono qui discusse, ad esempio quelle relative alla sica planetaria e/o
del sistema solare. Inoltre, alcune delle tematiche trattate sono ancora oggetto di ricerca e molti
dettagli non sono bene compresi o assodati.
La trattazione in alcuni capitoli `e abbastanza dettagliata, mentre in altri `e piuttosto qualita-
tiva. Questo `e dovuto allo stato delle conoscenze attuali e alla dicolt`a di presentare in maniera
quantitativamente soddifacente il risultato di complicati calcoli prodotti da pesanti simulazioni
numeriche, come ad esempio nel caso delle supernovae. Per questo motivo anche la bibliograa
risulta alquanto disomogena. Accanto a libri di testo, note interne, tesi di laurea e di dottorato,
cito articoli di rivista estremamente specialisitici. Questo d`a lidea della dicolt`a incontrata nel
reperire informazioni coerenti riguardanti le varie tematiche. Aiutare lo studente a superare questa
dicolt` a `e stato il motivo principale che mi ha spinto a scrivere queste note.
I vari argomenti sono presentati secondo una logica legata alla vita e allevoluzione delle stelle:
la nascita, la permanenza nella sequenza principale, la trasformazione in gigante rossa e il destino
nale, nana bianca, o stella di neutroni. Nel capitolo nale tutto questo percorso `e rivisto nellottica
della nucleosintesi, partendo dalla nucleosintesi nel Big-Bang.
Le conoscenze richieste per la comprensione di questo testo sono quelle che uno studente do-
vrebbe possedere al termine della sua carriera universitaria nellultimo anno della corso di laurea
specialistica. Detto questo, vale la pena informare che il testo non fa uso di tecniche particolari
legate alla teoria dei campi quantististi e alla teoria della relativit`a generale. Anche per quanto
riguarda la sica nucleare, non sono necessarie conoscenze approfondite (ad esempio teorie a mol-
ticorpi). E invece data per scontata la conoscenza ben metabolizzata di primo livello, quella che
un tradizionale corso di Istituzioni di Fisica Nucleare dovrebbe impartire.
Due informazioni aggiuntive per il lettore. La prima riguarda il fatto che in queste note ho
utilizzato le unit`a di misura del Sistema Interazionale, ben sapendo che la tradizione astrosica
utilizza invece il CGS. La seconda informazione riguarda il fatto che ho inserito nel testo parti
scritte con caratteri minuscoli. Queste parti contengono complementi e dettagli che possono essere
evitati ad una prima lettura senza perdere comunque il lo logico della presentazione.
Lecce, Ottobre 2007
Giampaolo Co
Versione corretta in Novembre 2009
Giampaolo Co
i
ii
Indice
1 Introduzione 3
1.1 Base osservativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2 Evoluzione stellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2 Struttura stellare 7
2.1 Equilibrio idrostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.2 Bilancio energetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.3 Equilibrio termodinamico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.4 Trasporto radiativo dellenergia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.5 Trasporto convettivo dellenergia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3 Fusione nucleare 21
3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.2 Generalit`a sulle reazioni nucleari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.2.1 Diusione elastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.2.2 Diusione anelastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
3.2.3 Risonanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
3.3 Fusione non risonante di particelle cariche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.4 Reazioni con risonanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4 Reazioni nucleari nelle stelle della sequenza principale 37
4.1 La catena pp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.1.1 Formazione del deutone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4.1.2 Il ciclo pp1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
4.1.3 I cicli pp2 e pp3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
4.2 La catena CNO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
4.3 Emissione di neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
5 Reazioni nucleari nelle stelle giganti rosse 51
5.1 La combustione dell
4
He . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
5.2 La sopravvivenza del
12
C nelle giganti rosse. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
6 Nane bianche 55
6.1 Gas di Fermi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
6.2 Politropi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
6.3 La massa di Chandrasekhar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
7 Supernovae 63
7.1 Presupernova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
7.2 Innesco del collasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
7.3 Intrappolamento dei neutrini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
7.4 Collasso omologo ed onda durto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
7.5 Il rareddamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
iii
INDICE 1
8 Stelle di neutroni 75
8.1 La crosta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
8.1.1 La crosta esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
8.1.2 La crosta interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
8.2 Il core di materia neutronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
8.3 Equazione di stato della materia neutronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
8.3.1 Linterazione nucleone-nucleone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
8.3.2 Le forze a tre corpi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
8.3.3 Il problema a molticorpi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
8.3.4 La materia neutronica stabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
8.3.5 Masse delle stelle di neutroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
8.4 Il core esotico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
8.4.1 Core iperonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
8.4.2 Stelle strane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
9 Nucleosintesi 107
9.1 Nucleosintesi primordiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
9.2 Nucleosintesi da combustione stellare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
9.3 Nucleosintesi da cattura neutronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
9.3.1 Processi lenti (s) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
9.3.2 Processi rapidi (r) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
A Tabelle 119
Bibliograa 123
2 INDICE
Capitolo 1
Introduzione
1.1 Base osservativa
La pi` u immediata fonte osservativa delle stelle riguarda la quantit`a di radiazione elettromagnetica
emessa. La principale classicazione delle stelle `e quindi legata alla quantit`a di luce che raggiunge
il rivelatore per un dato valore della lunghezza donda. Chiamiamo F

il usso di energia luminosa,


ovvero la quantit`a di energia che raggiunge lunit` a di area del rivelatore nellunit`a di tempo. La
magnitudine viene denita come:
m

= 2.5 log F

+C

, (1.1)
in cui abbiamo indicato con log il logaritmo in base 10, e con C

una costante di normalizza-


zione. Operativamente, quello che viene utilizzato `e il confronto tra le magnitudini di due stelle,
magnitudini misurate alla stessa lunghezza donda:
m

(S2) m

(S1) = 2.5 log


_
F
S2
F
S1
_
, (1.2)
dove S1 e S2 sono due diverse stelle.
Unaltra quantit`a di interesse `e lindice di colore denito come la dierenza tra le magnitudini
della stessa stella misurate a dierenti valori della lunghezza donda:
m
1
m
2
= 2.5 log
_
F
2
F
1
_
+C
1
C
2
. (1.3)
I valori delle costanti di normalizzazione sono ssati utilizzando alcune stelle standard alle quali
sono assegnati valori assoluti di magnitudine. I valori delle lunghezze donda utilizzate per lo studio
degli spettri di luce stellari, sono stati codicati dalla tradizione come indicato dalla tabella 1.1.
Filtro U B V R I u v b y
(

A) 3503 4425 5544 6469 7886 3451 4108 4669 5478


Tabella 1.1: Codica delle lunghezze donda utilizzate per losservazione astronomica.
La lunghezza donda emessa da una stella dipende dalla temperatura della sua supercie, che
`e la parte della stella da cui proviene la radiazione elettromagnetica che osserviamo. Lindice di
colore (1.3) pu` o essere legato alla temperatura della stella. Ad esempio, una regola empirica `e
[Uns83]:
B V 7000
_
1
T

1
15000
_
,
dove la temperatura, T, `e espressa in Kelvin, e B e V sono le magnitudini della stella nel blu e nel
visibile, vedi la tabella 1.1.
3
4 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE
Considerando lemissione della stella come quella di un corpo nero si pu` o ottenere il valore del
raggio della stella utilizzando la relazione:
L = 4R
2

B
T
4
, (1.4)
dove R `e il raggio della stella,
B
`e la costante di Stefan-Boltzmann, e L `e la luminosit`a. Questul-
tima quantit`a `e denita come lenergia che, nellunit`a di tempo, attraversa una sfera che circonda
la stella. La luminisit`a fotonica `e ottenibile combinando misure di usso energetico e di distanza
dalla terra.
Figura 1.1: Diagramma di Hertzsprung-Russell
Le stelle sono state classicate, in base alla loro luminosit`a e al loro indice di colore, in un
diagramma che prende il nome di diagramma di Hertzsprung-Russell (HR). Da quanto detto,
risulta che questo corrisponde ad un diagramma luminosit`a - temperatura.
Questa classicazione ha portato ad una scoperta particolarmente inaspettata, ovvero che le
stelle non sono distribuite uniformemente in questo diagramma, ma si raggruppano in particolari
zone (vedi Fig.1.1). La maggioranza delle stelle si raggruppano in una stretta zona che inizia dalla
parte in alto a sinistra del diagramma, dove si trovano stelle blu, particolarmente calde e luminose,
e termina in basso a destra dove ci sono stelle rosse, relativamente fredde e meno luminose. Questa
banda `e chiamata la sequenza principale. C`e un numeroso gruppo di stelle che si trova al di
sopra della sequenza principale, nella regione di destra, dove ci sono basse temperature. Daltra
parte queste stelle hanno una grande luminosit`a, quindi, per l eq. (1.4), un grande raggio. Sono
chiamate giganti rosse. C`e anche un numeroso gruppo di stelle nella parte in basso a sinistra del
diagramma di HR. Queste stelle hanno alte temperature ma basse luminosit`a, sono quindi oggetti
relativamente piccoli e sono chiamate nane bianche .
Linterpretazione del diagramma HR si basa sullipotesi che tutte le caratteristiche
di una stella siano ssate completamente dalla sua massa, dalla sua composizione
elementale iniziale, e dalla sua et`a. Invecchiando una stella percorre il diagramma HR
e il suo percorso evolutivo `e ssato esclusivamente dalla sua massa e composizione.
Lo studio delle caratteristiche siche di questa evoluzione `e lo scopo di queste note.
1.2. EVOLUZIONE STELLARE 5
1.2 Evoluzione stellare
Lattuale teoria dellevoluzione stellare suppone che la stella si formi da una nube molecolare
gigante. La maggior parte dello spazio intergalattico ha una densit`a di materia media che varia
tra 10
5
a 10
6
particelle per m
3
. La densit`a di materia in una nube molecolare gigante `e 10
5
- 10
7
volte maggiore. Perturbazioni possono formare aggregrati di materia che attraggono a loro volta
altra materia.
Lattrazione gravitazionale concentra materia in volumi sempre pi` u piccoli, producendo oggetti
di densit`a sempre maggiore e innalzandone la temperatura. Se la massa di questi oggetti supera
un valore critico, che dipende fortemente dalla composizione elementale della materia, si possono
accendere reazioni nucleari di fusione. Nel caso in cui le temperature raggiungono i 10
6
K `e possibile
laccensione del processo di fusione dellidrogeno che procede con una catena di reazioni nucleari
per concludersi con la produzione di nuclei di
4
He. Per stelle con masse circa uguali a quella solare,
la fusione dellidrogeno pu` o procedere anche utilizzando il ciclo carbonio-azoto-ossigeno (CNO),
che utilizza questi elementi pi` u pesanti come catalizzatori della reazione in cui quattro protoni
fondono, producendo alla ne un nucleo di
4
He.
Linnesco della reazioni nucleari produce in breve tempo una situazione di equilibrio idrostati-
co. In parole povere lattrazione prodotta dallinterazione gravitationale `e compensata dal moto
termico della materia il cui calore `e prodotto dalle interazioni nucleari.
Le stelle neonate appaiono in una grande variet`a di dimensioni e colori. Possono variare nella
variet`a spettrale dal blu, stelle calde, no al rosso, fredde. Le masse osservate variano da un
decimo circa della massa solare, no ad un massimo di circa 30 masse solari. La loro posizione nel
diagramma HR dipende dalla temperatura superciale che, a sua volta, dipende dalla massa.
La posizione della stella sulla sequenza principale del diagramma HR determina la durata della
vita della stella. Stelle come le nane rosse, che sono relativalemte fredde, bruciano lentamente
lidrogeno, e possono rimanere nella sequenza principale per centinaia di miliardi di anni. Stelle
massive e bianche, nella parte sinistra della sequenza principale, bruciano molto pi` u in fretta, e
quindi abbandonano la sequenza principale dopo qualche milione di anni. Si stima che una stella
di media grandezza come il sole rimanga sulla sequenza principale per circa 10 miliardi di anni.
Le stelle della sequenza principale sono quelle in cui `e attivo il processo di fusione dellidrogeno.
Quando il combustibile didrogeno termina, la stella esce dalla sequenza principale. Se il processo
di fusione dellidrogeno cessa, lattrazione gravitazionale non `e pi` u compensata dal calore prodotto
dalle reazioni nucleari. Si ha una contrazione della stella no a quando la degenerazione elettronica
si oppone alla gravit`a, oppure, no a quando il core della stella diventa sucientemente caldo da
accendere la fusione dellelio. Quale di queste due opzioni si verichi dipende dalla massa della
stella.
Si stima che, per le stelle di massa pi` u piccola di quella solare, il processo di fusione dellidrogeno
sia cos` lento da superare di ordini di grandezza lattuale et`a delluniverso. Le teorie relative al
destino di queste stelle sono basate su modellizazioni. Si ritiene che stelle con massa dellordine di
0.5 masse solari non abbiano suciente pressione gravitazionale per accendere le fusione dellelio.
Il core di queste stelle si contrae no a quando la pressione di degenerazione elettronica compensa
il processo di collasso. Quindi queste stelle dovrebbero trasformasi direttamente in nane bianche.
Stelle con masse paragonabili a quella del sole sviluppano un core di elio stabilizzato dalla
prossione elettronica. Attorno a questo core di elio ci sono strati che contengono idrogeno che
per pressione gravitazionale bruciano ad un ritmo pi` u veloce di quanto avvenga in una stella
della sequenza principale, che abbia la stessa massa. Questo causa una maggiore luminosit`a della
stella, 10
3
10
6
volte superiore. Linvolucro si espande e la temperatura supericiale si abbassa,
formando una stella gigante rossa. Quando i processi di fusione dellidrogeno terminano, linvolucro
esterno si trasforma in una nebulosa planetaria al cui centro rimane il core di elio sostenuto dalla
degenerazione elettronica, una nana bianca.
Se il core di elio della nana bianca `e sucientemente massivo da contrarsi ulteriormente, pu` o
accendere processi di fusione di elementi pi` u pesanti dellelio. Nel caso in cui la massa della stella
sia inferiore ad un valore, detto limite di Chandrasekhar, non si attivano processi di fusione. Alla
ne rimarr` a una stella fredda di materia oscura.
6 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE
Se la massa della nana bianca `e superiore al limite di Chandrasekhar (circa 1.4 masse solari),
si pu` o avere unulteriore contrazione che innesca la fusione del carbonio, ed eventualmente anche
di elementi pi` u pesanti. In questi casi si pu` o arrivare ad una situazione in cui la pressione di
degenerazione elettronica non `e pi` u suciente a contrastare lattrazione gravitazionale. Si innesca
un processo di cattura elettronica da parte dei nuclei, con la formazione di un core stellare formato
essenzialmente da neutroni. La formazione del core neutronico produce un collaso improvviso che
genera unonda durto che espelle le parti pi` u esterne della stella. Questa `e lesplosione di una
supernova di tipo II.
Dopo lesplosione della supernova rimane il core neutronico della stella che ruota ad altissima
velocit` a angolare. Questi oggetti stellari sono identicati come pulsar. Pu`o succedere che loggetto
che rimane dopo lesplosione della supernova sia cos` massivo che lattrazione gravitazionale superi
la pressione di degenerazione nautronica. In questo caso si ritiene avvenga la creazione di un buco
nero.
Capitolo 2
Struttura stellare
Dal punto di vista empirico, le informazioni riguardanti la struttura stellare che possiamo inferire
dai dati osservativi sono: massa, luminosit`a, raggio e composizione chimica degli strati pi` u esterni.
Le nostre teorie sulla struttura delle stelle devono far riferimento a questi osservabili associandoli
ad unaltra caratteristica: la stabilit` a dello stato della stella per un lungo periodo di tempo.
Ovviamente la stabilit` a dello stato delle stelle per lunghi periodi di tempo non `e dedotta
da osservazioni dirette. Le testimonianze delle osservazioni astronomiche pi` u antiche risalgono a
qualche migliaia di anni fa, da confrontare con i milioni di anni della vita stabile di una stella
come il sole. Lidea della stabilt` a delle stelle `e dedotta da osservazioni indirette di diverso tipo.
Ad esempio, informazioni di tipo geologico e biologico riguardanti la presenza di alghe sulla terra
gi` a milioni di anni fa, implicano che la luminosit`a del sole sia rimasta pressoche costante da allora.
La descrizione della struttura di una stella stabile, si basa sullidea che questultima sia compo-
sta da materia in stato gassoso, in un equilibrio idrostatico dinamico, in cui lazione della pressione
interna che porterebbe allespansione del gas `e compensata dalla forza attrattiva di gravitazio-
ne. Nella nostra tattazione supporremo che la stella abbia simmetria sferica, quindi ignoreremo
perturbazioni come rotazioni, vibrazioni e maree.
Le equazioni che descrivono la struttura dellinterno stellare secondo questa modellizazione
sono:
dP(r)
dr
= G
N
(r)m(r)
r
2
equilibrio idrostatico , (2.1)
dm(r)
dr
= 4r
2
(r) conservazione della massa , (2.2)
dL(r)
dr
= 4r
2
(r) equilibrio termico , (2.3)
dT(r)
dr
=
3
4
B
c

T
3
L(r)
4r
2
equilibrio radiativo , (2.4)
dT
dr
=
_
1
1

_
T
P
dP
dr
equilibrio convettivo . (2.5)
Nei paragra seguenti mostreremo come si ottengono queste equazioni, e ne illustreremo le
propriet` a.
2.1 Equilibrio idrostatico
Consideriamo la stella come una sfera di raggio R riempita da un gas la cui massa totale `e
M. Ci preoccupiamo di come la forza di pressione, che produrrebbe lespansione della stella,
sia compensata dallattrazione gravitazionale.
7
8 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE
Il fatto che la pressione generata dal moto termico delle particelle che formano il gas produca
lespansione del sistema, implica che la pressione debba aumentare pi` u ci si avvicina al centro della
stella. In altre parole, per un punto a distanza r dal centro della stella si ha che:
P(r) > P(r +dr) , (2.6)
dove abbiamo indicato con P la pressione e con dr un piccolo incremento della distanza dal centro
della stella. Dato che per il calcolo di quantit`a osservabili sono rilevanti solo le dierenze di
pressione, `e conveniente considerare nulla la pressione al bordo della stella:
P(R) = 0 . (2.7)
In realt`a questa equazione denisce il raggio della stella.
In generale la distribuzione di materia non `e costante allinterno della stella, quindi anche la
densit`a del gas dipende da r. Le caratteristiche della stella, R e M rimangono costanti nel tempo.
Questo implica lassenza materia per r > R. La densit`a di materia `e inoltre normalizzata in modo
che:
M =
_
(r) d
3
r = 4
_
R
0
(r) r
2
dr , (2.8)
dove abbiamo utilizzato la simmetria sferica del problema. Una quantit`a che utilizzeremo spesso `e
la quantit`a di materia contenuta nella sfera di raggio r < R, denita come:
m(r) = 4
_
r
0
(r

) r
2
dr

. (2.9)
Lequazione (2.2) `e lespressione dierenziale dellequazione precedente.
Consideriamo un cilindro allinterno della stella in modo che lasse di simmetria sia allineato
alla direzione che congiunge i centri delle due basi al centro della sfera. La prima base del cilindro
si trova a distanza r e laltra base a distanza r +dr. Da quanto detto in precedenza, Eq. (2.6), si
ha che dP = P(r + dr) P(r) < 0. La forza di pressione termica esercitata sul cilindro preso in
esame `e data da:
F
P
= dP(r)ds r =
dP(r)
dr
ds dr r , (2.10)
dove ds `e larea della base del cilindro e abbiamo indicato con r la direzione dal centro della sfera
allesterno. Dato che dP `e negativo F
P
`e diretta verso lesterno della sfera.
La forza esercitata dallinterazione gravitazionale sul cilindro `e:
F
G
= G
N
m
c
m(r)
r
2
r , (2.11)
dove m
c
`e la massa del cilindro. Dato che le dimensioni del cilindro sono innitesimali supponiamo
che la densit`a non vari tra le distanze innitesime che consideriamo, (r) (r + dr), quindi
abbiamo m
c
= (r) ds dr. La condizione di equilibrio implica che nel punto r si abbia F
P
+F
G
= 0,
quindi:
dP(r)
dr
ds dr = G
N
(r) ds dr m(r)
r
2
, (2.12)
che corrisponde allequazione (2.1).
Utilizziamo lequazione (2.1) per calcolare gli ordini di grandezza dei valori della pressione e
della temperatura allinterno delle stelle come il sole.
Consideriamo un punto a met` a tra centro e supercie della stella r = R

/2. E plausibile
pensare che in prima approssimazione la densit` a in questo punto sia pari alla densit` a media
del sole

=
M

4
3
R

3
1.41 10
3
kg/m
3
.
2.2. BILANCIO ENERGETICO 9
Utilizziamo anche i valori m(R

/2) M

/2. Per quanto riguarda la parte sinistra dellequa-


zione (2.1) consideriamo la variazione su tutto il raggio della stella. Abbiamo quindi
P(R

) P(0)
R

= G
N

/2
(R

/2)
2
.
Dato che P(R

) = 0 lunica incognita `e P(0):


P(0) = 2G
N

5.6 10
14
N
m
2
.
Utilizziamo lequazione di stato di un gas ideale per trovare la temperatura della stella,
PV = nRT = nN
A
k
B
T ,
dove V `e il volume, T la temperatura N
A
il numero di Avogadro e k
B
la costante di Boltzmann.
Il numero n indica il numero di moli che formano il gas. Dallequazione precedente otteniamo:
P = n
N
A
V
k
B
T =
nN
A
M

V
k
B
T =
nN
A
M

k
B
T .
Il termine M

/nN
A
`e la massa molecolare media. Ipotizzando che il gas sia fatto esclusiva-
mente di idrogeno la massa molecolare media `e `e la massa del protone m
p
. Abbiamo trascurato
la massa dellelettrone. Dallequazione precedente si pu`o ottenere il valore della temperatura
T = P
m
p

k
B
2.0 10
7
K .
Dalla teoria cinetica dei gas possiamo ottenere una stima dellenergia cinetica media delle
molecole:

k
=
3
2
k
B
T 0.25 keV .
2.2 Bilancio energetico
Moltiplichiamo entrambi i membri dellEq. (2.1) per 4r
3
ed integriamo da 0 a R:
_
R
0
4r
3
dP(r)
dr
dr =
_
R
0
4r
3
G
N
(r)m(r)
r
2
dr =
_
R
0
G
N
m(r)
r
_
4(r)r
2

dr . (2.13)
Il termine G
N
m(r)/r rappresenta lenergia necessaria per portare una massa unitaria dal punto
r allinnito. Allenergia potenziale gravitazionale non contribuisce la massa della stella per valori
r

> r, fatto ben noto per tutte le interazioni centrali e distribuzioni di massa e/o carica a simmetria
sferica. Il termine tra parentesi quadre nella (2.13) rappresenta la massa della stella nella corona
sferica compresa tra r e r + dr. Quindi il secondo termine della (2.13) rappresenta lenergia
potenziale gravitazionale della stella. Chiameremo E
GR
questa energia.
Il termine a sinistra dellequazione (2.13) pu` o essere integrato per parti:
_
R
0
4r
3
dP(r) =
_
4r
3
P(r)

R
0

_
R
0
P(r)43r
2
dr = 3
_
R
0
P(r)4r
2
dr 3 < P > V . (2.14)
Il termine tra parentesi quadra `e nullo perche P(R) = 0. Nellultimo passaggio abbiamo sostituito
P(r) con il suo valore medio < P >. Considerando lequazione di stato di un gas perfetto abbiamo
che:
P = nN
A
1
V
k
B
T = nN
A
1
V
2
3

k
=
2
3
1
V
E
T
. (2.15)
Nellequazione precedente abbiamo utilizzato la relazione che lega la temperatura allenergia cine-
tica non relativistica della particella per un gas monoatomico:
k
B
T =
2
3

k
,
10 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE
e abbiamo chiamato E
T
lenergia totale di tipo termico del gas che forma la stella.
Utilizzando le equazioni (2.13,2.14,2.15) si ha che:
3
_
2
3
1
V
E
T
_
V = E
GR
,
da cui:
2E
T
+E
GR
= 0 . (2.16)
Questa equazione pu` o essere ottenuta in maniera pi` u rigorosa applicando il teorema del viriale
della meccanica statistica classica.
Lequazione (2.16) `e estremamente importante per levoluzione della stella. Supponiamo, al
momento, che la densit`a di materia sia costante allinterno della stella:
=
M
4
3
R
3
,
da cui si ha che:
m(r) =
4
3
r
3
=
4
3
r
3
M
4
3
R
3
= M
_
r
R
_
3
.
Calcolando lenergia gravitazionale secondo la denizione (2.13) abbiamo:
E
GR
= G
N
_
R
0
1
r
M
_
r
R
_
3
4r
2
M
4
3
R
3
dr = G
N
M
2
3
R
6
_
R
0
r
4
dr =
3
5
G
N
M
2
R
. (2.17)
Consideriamo una stella di massa M che cambi il suo raggio da R
i
a R
f
. Utilizzando lequazione
(2.17) abbiamo che la variazione in energia gravitazionale `e data da:
E
GR
= E
GR
(R
f
) E
GR
(R
i
) =
3
5
G
N
M
2
_
1
R
f

1
R
i
_
. (2.18)
E evidente dallequazione precedente che lespansione della stella, R
f
> R
i
, fa aumentare E
GR
.
Ovviamente avviene il contrario per la contrazione. Dato che lequazione (2.16) `e valida per
qualsiasi valore di R abbiamo che lenergia termica diminuisce quando si ha espansione, ed invece
aumenta con la contrazione della stella. Ovviamente questo avviene anche per la temperatura.
Lequazione (2.16) indica che solo met`a della variazione dellenergia gravitazionale E
GR
`e
compensata dalla variazione dellenergia termica della stella. Considerando una stella in contra-
zione solo met`a di E
GR
viene utilizzata per laumento di E
T
, con il conseguente aumento di T.
Laltra met`a di E
GR
viene convertita in radiazione che viene emessa dalla stella. Quando la
stella sar`a contratta in un punto, tutta lenergia gravitazionale sar`a stata dispersa sottoforma di
radiazione elettromagnetica.
Calcoliamo il tempo necessario perche questo processo avvenga per il sole. Dallequazione (2.17)
otteniamo lenergia gravitazionale totale del sole:
|E
GR
| =
3
5
G
N
M

2
R

2.4 10
41
J .
La luminosit`a del sole `e misurata, e vale:
L

= 3.86 10
26
J/s ,
Dal rapporto tra queste due quantit`a si ha che:
t =
|E
GR
|
L

0.58 10
15
s 1.8 10
7
y .
La stima dellet`a attuale del sole, nelle condizioni in cui lo osserviamo ora, si aggira sui miliardi
di anni. E evidente che la stima precedente d`a un valore troppo piccolo. Questo signica che la
2.3. EQUILIBRIO TERMODINAMICO 11
luminosit`a solare non pu` o essere prodotta dal semplice meccanismo di contrazione gravitazionale,
ma richiede una fonte addizionale di energia.
Supponiamo che questa fonte di energia sia di tipo chimico. Consideriamo un fenomeno chimico
esotermico, ad esempio la reazione di formazione di anidride carbonica da combustione del carbonio:
C +O
2
CO
2
.
Supponiamo che la massa del sole sia composta per un terzo di carbonio e per due terzi di ossigeno.
Questa `e evidentemente la situazione ideale perch`e tutta la massa del sole possa essere coinvolta
nella reazione chimica di cui sopra. Un kilogrammo di carbonio brucia emettendo 8 10
6
calorie
ovvero 3.35 10
7
J. Questo signica che lenergia chimica a disposizione `e:
E =
1
3
M

3.35 10
6
J
kg

1
3
2 10
30
kg 3.35 10
7
J
kg
2.2 10
37
J .
Questo valore diviso per quello della luminosit`a, d`a unet` a media di qualche migliaio di anni. E
evidente che lenergia chimica non pu` o fornire lenergia necessaria perch`e una stella come il sole
possa brillare per miliardi di anni.
La fonte di energia che permette alle stelle di emettere radiazione per miliardi di anni `e lenergia
nucleare. Le reazioni nucleari trasformano parte della massa del nucleo in energia secondo la famosa
equazione di Einsten E = mc
2
. Non tutta la massa della stella pu` o essere convertita in energia. E
soltanto la dierenza tra la massa dei nuclei interagenti e quella dei prodotti di reazione che viene
convertita in energia. Una dettagliata analisi delle varie reazioni nucleari che avvengono allinterno
delle stelle sar`a loggetto di uno dei capitoli seguenti. Vedremo nel capitolo 4.1 che solo le reazioni
nucleari garantiscono vite stellari dellordine di miliardi di anni.
2.3 Equilibrio termodinamico
Nel paragrafo precedente abbiamo visto che la perdita energetica dovuta allemissione di radiazione
`e compensata dallenergia prodotta dalle reazioni nucleari che avvengono allinterno della stella.
Questa condizione pu` o essere espressa come:
L =
_
R
0
(r) (r)4r
2
dr , (2.19)
dove abbiamo indicato con lenergia di origine nucleare prodotta per unit`a di massa nellunit`a
di tempo, nel punto r. Questa quantit`a dipende dalla densit`a, dalla temperatura e, chiaramente,
dalla composizione chimica della stella.
Non `e necessario che lequazione (2.19) sia soddisfatta ad ogni istante, contrariamente alla (2.1),
pena il collasso del sistema stellare. Anche se le reazioni nucleari si dovessero spegnere per migliaia
di anni, la contrazione gravitazionale potrebbe supplire alla produzione energetica, e far rimanere
stabile e brillante la stella. Un successiva riaccensione delle reazioni nucleari farebbe cambiare
di molto poco il tasso di emissione di radiazione elettromagnetica. Lunico eetto rivelabile dello
spegnimento delle reazioni nucleari sarebbe nel usso di neutrini che cesserebbe. Lequazione (2.19)
deve essere vericata su tempi pi` u lunghi dei tempi di contrazione gravitazionale: milioni di anni,
come abbiamo visto.
Lequazione (2.19) vale globalmente per la stella, ma lo stesso tipo di bilancio deve essere valido
per ogni sezione sferica della stella. Consideriamo una corona sferica i cui raggi interno ed esterno
dieriscano di r. La dierenza tra usso uscente e usso entrante `e data da:
L(r + r) L(r) = (r)4
_
(r + r)
2
r
2

r ,
e in termini dierenziali
dL(r) = (r)4r
2
dr ,
che corrisponde allequazione (2.3). Questa equazione aerma che la dierenza tra usso radiativo
entrante ed uscente dalla corona sferica `e data dalla produzione energetica dovuta alle reazioni
12 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE
nucleari che avvengono nella corona sferica considerata. Se non ci fossero reazioni nucleari, cio`e
= 0, la parte destra dellequazione sarebbe nulla e quindi il usso sarebbe conservato. La presenza
delle reazioni nucleari fa in modo che il usso radiativo uscente sia superiore a quello entrante.
Questa equazione deve essere modicata per tener conto delle fasi stellari in cui le variazioni
delle energie termica e gravitazionale sono molto rapide:
dL(r)
dr
= 4r
2

_

3
2

2
3
d
dt
_
P

5
3
__
, (2.20)
dove e P dipendono dalla posizione.
Deniamo con m
0
= M/nN
A
la massa di ogni singola particella che compone la stella. Le-
nergia termica per unit`a di massa `e 3k
B
T/2m
0
. Il lavoro fatto dalla pressione per unit`a di
massa `e:

P
V
dV = P d
_
1

_
= P
1

2
d() .
Lenergia persa dal usso di radiazione `e dL(r)/dr. La perdita per unit`a di massa `e ottenuta
dividendo la variazione di luminosit` a per 4r
2
dr. La variazione dellenergia termica per
unit`a di massa `e quindi:
d
dt
_
3
2
k
B
m
0
T
_
= +P
1

2
d()
dt

1
4r
2

dL(r)
dr
. (2.21)
Utilizzando lequazione di stato dei gas ideali, la parte sinistra dellequazione precedente pu`o
essere scritta come:
3
2
d
dt
_
k
B
m
0
T
_
=
3
2
d
dt
_
P

_
=
3
2
_
dP
dt
1

+P
d
dt
_
1

__
=
3
2
1

dP
dt

3
2
P

2
d
dt
.
Dato che:
d
dt
_
P

5
3
_
=

5
3
dP
dt

5
3
P

8
3
d
dt
,
abbiamo che:
3
2

2
3
d
dt
_
P

5
3
_
=
3
2
1

dP
dt

5
2
P

2
d
dt
=
_
d
dt
_
3
2
k
B
m
0
T
_
+
3
2
P

2
d
dt
_

5
2
P

2
d
dt
.
Lequazione (2.21) diventa:
3
2

2
3
d
dt
_
P

5
3
_
+
P

2
d
dt
= +P
1

2
d()
dt

1
4r
2

dL(r)
dr
,
quindi:
1
4r
2

dL(r)
dr
=
3
2

2
3
d
dt
_
P

5
3
_
,
che `e lequazione (2.20).
Lequazione (2.20) `e pi` u generale dellequazione (2.3) che `e il caso limite in cui le variazioni della
pressione e della densit`a, quindi anche della temperatura, siano molto lente.
Lequazione (2.20) deve essere utilizzata per descrivere quelle fasi della struttura stellare in cui
i cambiamenti siano cos` rapidi da provocare contributi importanti dellenergia termica e gravi-
tazionale della stella. In queste fasi il usso di energia emesso non `e esclusivamente prodotto da
reazioni nucleari.
2.4. TRASPORTO RADIATIVO DELLENERGIA 13
2.4 Trasporto radiativo dellenergia
La temperatura allinterno del sole `e dellordine del milione di gradi, da confrontarsi con quella
della supercie dellordine delle migliaia di gradi. In generale nelle stelle esiste un gradiente di
temperatura negativo dal centro alla supercie. Questo gradiente di temperatura implica che il
usso di radiazione che attraversa ogni area allinterno della stella sia diverso da zero. Un punto
allinterno della stella riceve radiazione proveniente da zone pi` u centrali che sono pi` u calde e da
zone pi` u esterne che sono pi` u fredde. Il usso di radiazione proveniente dalle zone pi` u calde `e
maggiore di quello proveniente dalle zone pi` u fredde. Quindi in totale si ha un usso uscente.
Il gradiente di temperatura provoca un usso di radiazione uscente, e, in principio, anche
unanisotropia del usso stesso. Lanisotropia `e legata allopacit`a della materia stellare. La diversa
densit`a verso il centro rispetto alla supercie implica che osservando da un dato punto la stella
si possa vedere pi` u lontano in una direzione che nellaltra. In altre parole, a parit`a di energia,
un fotone diretto verso linterno della stella ha un cammino libero medio inferiore di quello di un
fotone diretto allesterno. Daltra parte, stime dellopacit` a della stella indicano che pochi centimetri
di gas stellare sono sucienti per bloccare la radiazione elettromagnetica. [Sch58]. Dato che le
variazioni di densit`a sulla scala di pochi cm sono irrilevanti, si ha di fatto unottima isotropia della
radiazione. fatto che utilizzaremo nelle nostre stime.
Calcoliamo il usso di radiazione per un cilindro di area base ds e lunghezza dl posizionato
come indicato nella gura 2.1. Chiamiamo d langolo solido sotteso dal cilindro. Indichiamo con
langolo tra lasse di simmetria del cilindro e il vettore che congiunge il centro del cerchio della
base pi` u vicina al centro della stella con il centro stesso. Indichiamo con langolo tra i due raggi
congiungenti i centri dei cerchi di base del cilindro con il centro della stella.
Chiamiamo il coeciente di assorbimento per unit`a di massa. Questo coeciente dipende
dalla frequenza della radiazione, dalla densit`a del mezzo e quindi anche dalla posizione allinterno
della stella. Il coeciente ci dice che percentuale della radiazione viene assorbita per unit`a di
massa. Chiamiamo I(r, ) il campo di radiazione che `e lintensit` a della radiazione ad una distanza
r, in una direzione inclinata di un angolo rispetto alla direzione radiale. Nelle unit`a di misura
del SI, lintensit` a della radiazione I(r, ), ha le dimensioni di Joule per metro quadro per secondo
per unit`a di angolo solido.
Consideriamo il guadagno e le perdite che la radiazione allinterno dellangolo solido d riceve
ogni secondo in un cilindro di base ds e lunghezza dl. Ci sar`a un guadagno radiativo dal fondo
I(r, ) d ds ,
e una perdita dalla parte superiore del cilindro
I(r +dr, +d) d ds .
Abbiamo quindi che lassorbimento della radiazione da parte della materia contenuta nel cilindro
`e
I(r, ) d ds dl .
Nellequazione precedente, ds dl indica la frazione di radiazione assorbita dalla massa del
cilindro, e I(r, ) d `e il usso di radiazione che attraversa il cilindro.
Consideriamo il guadagno nellemissione radiativa prodotto dalla materia del cilindro, in cui si
suppone avvengano reazioni nucleari. Chiamiamo con j lenergia prodotta in un secondo dallunit` a
di massa. Supponiamo che lemissione di questa radiazione sia isotropica. Il contributo allaumento
del usso radiativo che attraversa langolo solido d della stella `e:
j ds dl
d
4
. (2.22)
Prima di procedere alla formulazione dellequazione che descrive il trasferimento di energia
per processi radiativi, facciamo alcune considerazioni geometriche relative alla gura 2.1.
14 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE


dr
dl
(r + dr) sin = dl sin
r

+

d
r


+

d

/ 2 -
Figura 2.1:
Dalle denizioni delle variabili si ha che:
+
_
+d +

2

_
+

2
= ,
ove abbiamo considerato il triangolo rettangolo di cui r +dr `e lipotenusa, quindi
= ( +d) = d .
Dalla gura abbiamo che:
dl sin = (r +dr) sin r sin = r sin(d) r(d) ,
da cui:
dl = d
r
sin
.
Sempre dalla gura abbiamo che:
dr = dl cos .
La variazione del usso di radiazione pu` o essere epressa come:
dI(r, ) ds d = I(r, )ds d dl +j ds dl
d
4
. (2.23)
Riarrangiando lequazione precedente e utilizzando le relazioni geometriche ricavate sopra abbiamo
che:
dI
dl
+I j
1
4
=
I
r
cos
I

sin
r
+I
j
4
= 0 , (2.24)
questa `e lequazione da risolvere per ottenere lequilibrio radiativo in ogni punto della stella.
Il tradizionale metodo di soluzione dellequazione (2.24) `e quello di utilizzare lo sviluppo in
momenti, deniti come potenze di cos . I primi momenti sono:
E(r) =
1
c
_
I(r, ) d , densit`a di energia , (2.25)
2.4. TRASPORTO RADIATIVO DELLENERGIA 15
H(r) =
_
I(r, ) cos d , usso di radiazione , (2.26)
P
R
(r) =
1
c
_
I(r, ) cos
2
d , pressione di radiazione . (2.27)
Le soluzioni della (2.24) sono costruite moltiplicando i vari termini dellequazione per diverse
potenze di cos ed integrando sullangolo solido d.
Il primo passo della procedura consiste nellintegrazione della (2.24) rispetto allangolo solido
d:
_
I
r
cos d
_
I

sin
r
d +
_
I d
_
j
4
d = 0 . (2.28)
Il primo termine della (2.28) `e:
_
I
r
cos d =

r
_
I cos d =
dH(r)
dr
.
Dato che:
_
1
1
I

sin d(cos ) =
_
0

sin (sin ) d =
_

0
I

sin
2
d
=
_
I sin
2

0

_

0
I
_
d
d
(sin
2
)
_
d =
_

0
I2 sin cos d = 2
_

0
I cos (sin ) d
= 2
_
1
1
I cos d(cos ) = 2
_
1
1
I cos d(cos ) ,
si ha che il secondo termine della (2.28) pu`o essere scritto come:

_
I

sin
r
d =
1
r
_
2
0
d
_
1
1
I

sin d(cos ) =

1
r
_
2
0
d
_
2
_
1
1
I cos d(cos )
_
=
2
r
_
I cos d =
2
r
H(r) .
Il terzo termine della (2.28) `e:
_
I d = c E(r) ,
e il quarto termine:
_
j
4
d = j
1
4
_
d = j .
Riassemblando i vari termini otteniamo per la (2.28) lespressione:
dH(r)
dr
+
2
r
H(r) +c E(r) j = 0 . (2.29)
Il secondo passo della procedura consiste nel moltiplicare ogni termine della (2.24) per cos e
poi integrare rispetto allangolo solido d. Otteniamo lequazione:
_
I
r
cos
2
d
_
I

sin
r
cos d +
_
I cos d
_
j
4
cos d = 0 . (2.30)
Il primo termine della (2.30) `e:
_
I
r
cos
2
d = c
dP
R
(r)
dr
.
16 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE
Per il calcolo del secondo termine `e utile il seguente risultato:
_
1
1
I

sin cos d(cos ) =


_

0
I

sin
2
cos d()
=
_
I sin
2
cos

0

_

0
I
d
d
_
sin
2
cos

d()
=
_

0
I
_
2 sin cos cos + sin
2
(sin )

d()
= 2
_
1
1
I cos
2
d(cos )
_
1
1
I(1 cos
2
) , d(cos )
= 3
_
1
1
I cos
2
d(cos )
_
1
1
I d(cos ) .
Il secondo termine della (2.30) pu`o essere scritto come:

_
I

sin
r
cos d =
1
r
_
2
0
d
_
1
1
d(cos )
I

sin cos
=
1
r
_
2
0
d
_
3
_
1
1
I cos
2
d(cos )
_
1
1
I d(cos )
_
=
3
r
_
I cos
2
d
_
I d = c
3
r
P
R
(r) c E(r) .
Il terzo termine della (2.30) `e:
_
I cos d = H(r) ,
e il quarto termine `e nullo. Utilizzando i risultati presentati, lequazione (2.30) pu`o essere
riscritta come:
dP
R
(r)
dr
+ 3P
R
(r) E(r) +
1
c
H(r) = 0 . (2.31)
Lidea del metodo dei momenti `e quella di sostituire lequazione dierenziale (2.24) con un
sistema di equazioni dierenziali che coinvolgono i vari momenti, deniti dalle equazioni (2.25),
(2.26) e (2.27). Abbiamo ottenuto due equazioni dierenziali, (2.29) e (2.31), ma dato che i
momenti coinvolti sono tre, `e necessaria unaltra equazione. La procedura adottata per ottenere le
equazioni (2.29) e (2.31) non pu` o essere reiterata perche si otterrebbe unequazione con la presenza
di un momento di ordine superiore a quelli utilizzati. Questo `e il limite del metodo dei momenti.
Lequazione che stiamo cercando `e una relazione, eventualmente anche approssimata, che le lega i
tre momenti (2.25), (2.26) e (2.27). Utilizzeremo la relazione:
P
R
(r) =
1
3
E(r) , (2.32)
ottenuta qui sotto.
Lidea `e quella di sviluppare I in serie di potenze di cos :
I(r, ) = I
0
(r) +I
1
(r) cos +I
2
(r) cos
2
+ , (2.33)
e studiare il tasso di convergenza dello sviluppo. Inseriamo questo sviluppo nellequazione
(2.24). Non consideriamo il secondo termine, legato alla derivata rispetto a . Questo termine
`e legato alla curvatura dellintensit` a I, non al tasso di convergenza nello sviluppo in serie di
potenza. La presenza di questo termine complica matematicamente lalgebra del problema,
2.4. TRASPORTO RADIATIVO DELLENERGIA 17
ma non d`a informazioni rilevanti sulla convergenza dello sviluppo (2.33). Otteniamo quindi
lespressione:

r
_
I
0
(r) +I
1
(r) cos +I
2
(r) cos
2
+

cos
+
_
I
0
(r) +I
1
(r) cos +I
2
(r) cos
2
+

1
4
j = 0 .
Imponiamo che i termini con la stessa potenza di cos siano nulli, dato che sono indipendenti
luno dallaltro.
I
0
(r)
1
4
j = 0 , ordine zero, da non utilizzare ,
I
0
(r)
r
+ I
1
(r) = 0 , primo ordine ,
I
1
(r)
r
+ I
2
(r) = 0 , secondo ordine .
Dalle ultime due equazioni otteniamo lequazione di ricorrenza
dI
n1
(r)
dr
+ I
n
(r) = 0 ,
valida per n > 0. Dato che siamo interessati agli ordini di grandezza sostituiamo nellequazione
precedente dI
n1
con I
n1
e dr con R, otteniamo quindi:

I
n1
I
n


1
R
10
10
,
dove abbiamo considerato 1m
2
/kg [Sch58] e i valori della densit` a media e del raggio del
sole. La convergenza `e estremamente rapida ed `e quindi suciente troncare lo sviluppo ai
termini pi` u bassi. Bisogna comunque considerare almeno il termine del primo ordine per avere
una distribuzione non uniforme. Inserendo i primi due termini dello sviluppo (2.33) nella
denizione della densit` a di energia (2.25) abbiamo:
E(r) =
1
c
_
[I
0
(r) +I
1
(r) cos ] d =
1
c
4I
0
(r)+I
1
(r)
_
2
0
d
_
1
1
cos d(cos ) =
1
c
4I
0
(r) .
Per quanto riguarda il usso di radiazione (2.26) abbiamo:
H(r) =
_
[I
0
(r) +I
1
(r) cos ] cos d =
4
3
I
1
(r) ,
e per la pressione di radiazione (2.27):
P
R
(r) =
1
c
_
[I
0
(r) +I
1
(r) cos ] cos
2
d =
4
3
1
c
I
0
(r) .
Dal confronto tra i risultati ottenuti sopra abbiamo la (2.32) che `e valida a meno di termini
dellordine [I
2
/I
0
[ 10
20
.
Utilizzando la relazione (2.32) possiamo riscrivere lequazione (2.31) come:
1
3
dE(r)
dr
+
1
c
H(r) = 0 . (2.34)
Quindi adesso dobbiamo risolvere un sistema di due equazioni dierenziali accoppiate, (2.29) e
(2.34), con due funzioni incognite E(r) e H(r).
Sostituiamo il usso per unit`a di area H(r) con il usso globale L(r) relativo alla sfera di raggio
r utilzzando la relazione geometrica:
L(r) = 4r
2
H(r) . (2.35)
18 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE
Cerchiamo adesso unespressione di j che permetta di legare E(r) e H(r), ovvero E(r) e L(r).
Lemissione di radiazione proviene da due sorgenti. Un processo a cui abbiamo gi` a accennato
riguarda le interazioni nucleari e abbiamo chiamato la percentuale di energia delle reazioni, per
unit`a di massa, che viene emessa con radiazione elettromagnetica. Parte dellenergia nucleare `e
trasportata dai neutrini. Le piccole sezioni durto dei neutrini fanno in modo che i neutrini con-
tribuiscano in maniera trascurabile allemissione elettromagnetica della stella. Laltro meccanismo
di produzione `e termico che in accordo con la legge di Kirckho `e proporzionale al coeciente di
assorbimento della radiazione , alla velocit` a della luce c e alla costante di Stefan-Boltzmann
B
.
Abbiamo quindi:
j =
B
c T
4
+ . (2.36)
Utilizziamo lequazione (2.3) per descrivere . Lequazione (2.29) pu` o essere scritta come:
d
dr
_
L(r)
1
4r
2
_
+
2
r
L(r)
4r
2
+c E(r) =
_

B
c T
4
+
_

dL(r)
dr
1
4r
2
+
L(r)
4
2
r
3
+
2
r
L(r)
4r
2
+c E(r) =
_

B
c T
4
+
_

4r
2
1
4r
2
+c E(r) =
_

B
c T
4
+
_

E(r) =
B
T
4
. (2.37)
Questa relazione tra la densit`a di energia e la temperatura `e esattamente quella che si otterebbe nel
caso di perfetto equilibrio termico. Questo signica che, nel nostro calcolo, le anisotropie allinterno
della stella sono poco signicative. Inserendo la (2.37) nella (2.34) otteniamo:
1
3

B
d T
4
dr
+
1
c
H(r) = 0
H(r) =
1
3

B
c

dT
4
dr
. (2.38)
Moltipicando per 4r
2
e ricordando la (2.35) abbiamo
L(r) = 4r
2

B
c
3
4T
3

dT
dr
, (2.39)
da cui si ottiene lequazione (2.4).
Lequazione (2.39) dice che solo la condizione di equilibrio radiativo contribuisce alla luminosit`a
della stella, che `e indipendente dai dettagli delle reazioni nucleari che producono energia. La
situazione che stiamo descrivendo prevede un aggiustamento continuo delle condizioni della stella
in modo che i vari tipi di equilibrio dati dalle equazioni (2.1-2.4) siano soddisfatti.
La pressione deve compensare lattrazione gravitazionale in accordo con lequilibrio idrostatico
(2.1). Se la pressione `e troppo alta anche la temperatura interna risulta essere alta. Il usso
di radiazione dato dalla (2.4) sar`a aggiustato in modo da soddisfare il gradiente di temperatura
dallinterno allesterno della stella, indipendentemente dal fatto che le reazioni nucleari possano
compensare questo usso di radiazione in uscita. Nel caso questo succeda, cio`e, se le reazioni
nucleari non forniscono energia suciente per compensare la perdita per radiazione, questa energia
viene prodotta dalla contrazione della stella. Siccome per la (2.16) solo met`a dellenergia della
contrazione viene rilasciata per emissione radiativa, laltra met`a contribuir`a ad aumentare lenergia
termica, quindi la temperatura. Un aumento della temperatura aumenta anche il tasso di reazioni
nucleari. La contrazione della stella si ferma quando si ristabilisce il bilancio radiativo tra energia
nucleare ed energia rilasciata dalla stella per emissione radiativa.
La stella aggiusta il tasso di reazioni nucleari per compensare la perdita per emissione radiati-
va. Questo aggiustamento non avviene variando la luminosit`a, ma cambiando il tasso di reazioni
nucleari attraverso contrazioni o espansioni della stella.
Ci sono ovviamente situazioni in cui non si riesce a stabilire un equilibrio tra il tasso di pro-
duzione di energia nucleare e dimensioni della stella e questo provoca modiche sostanziali nella
struttura stellare.
2.5. TRASPORTO CONVETTIVO DELLENERGIA 19
2.5 Trasporto convettivo dellenergia
Lemissione radiativa `e sicuramente il meccanismo pi` u importante di trasporto di calore in una
stella. Se per una stella la trasmissione di calore per conduzione risulta essere scarsamente rilevante,
non `e cos` per il meccanismo legato alla convezione [Sch58].
Consideriamo un piccolo elemento di materia stellare e indichiamo con asterisco le quantit`a
siche che lo caratterizzano, mentre le quantit`a prive di asterisco si riferiscono al resto della materia
stellare. Supponiamo che questa piccola quantit`a di materia abbia pressione e densit`a iniziali

1
e
P

1
. Nella situazione di equilibrio questi valori sono identici a quelli della parte della stella che sta
attorno

1
=
1
e P

1
= P
1
. Spostiamo questo piccolo elemento di materia verso lesterno della stella
di una piccola distanza dr. Lasciamo espandere lelemento di materia in maniera adiabatica no
a quando la pressione allinterno sia uguale a quella esterna. Nella nostra nomenclatura abbiamo
che P

2
= P
2
, e dato che, per una espansione adiabatica si ha:
P
2
V

2
= P
1
V

1
P
2
P
1
=
_
V
1
V
2
_

_
P
2
P
1
_1

=
V
1
V
2
=
V
1
M
M
V
2
=

2

1
,
otteniamo nel nostro caso:

2
=

1
_
P

2
P

1
_1

. (2.40)
Nelle equazioni precedenti = c
p
/c
v
rappresenta il rapporto tra i calori specici misurati a pres-
sione e volume costante. Per un gas altamente ionizzato assume un valore molto vicino a
5/3.
La pressione non ha subito modiche dovute alla perturbazione, mentre la densit`a dellelemento
di materia considerato `e diversa da quella della parte stellare che la circonda. Se

2
>
2
si ha che
lazione dellinterazione gravitazionale sullelemento di materia `e pi` u intensa rispetto a quella sulla
materia che gli sta attorno, e quindi spinger` a lelemento di materia verso il centro no a quando la
situazione

2
=
2
non si sar`a ristabilita. Questo signica che ogni perturbazione sar`a comunque
immediatamente riassorbita in modo da produrre di nuovo la stabilit` a della materia stellare.
La condizione di stabilit` a per moti convettivi pu` o essere espressa in maniera pi` u formale eli-
minando le quantit`a asteriscate e facendo uno sviluppo in serie di Taylor delle quantit`a con sotto
indice 2.
Per semplicit` a chiamiamo e P i valori di
1
=

1
= e P
1
= P

1
.
Consideriamo
2
sia una piccola variazione di
1
. Utilizziamo lo sviluppo di Taylor per

2
(r +dr) = (r) +
d(r)
dr
dr + .
Per le pressioni abbiamo che:
_
P

2
P

1
_1

=
_
1
P
_1

_
P
1

+
d
dr
_
P
1

_
dr +
_
=
_
1
P
_1

_
P
1

+
1

P
_
1

1
_
dP
dr
dr +
_
= 1 +
1

P
_
1

1
_
P
1

dP
dr
dr + = 1 +
1

1
P
dP
dr
dr + .
Dato che

2
>
2
= abbiamo che per la (2.40)

_
1 +
1

1
P
dP
dr
dr
_
> (r) +
d(r)
dr
dr
20 CAPITOLO 2. STRUTTURA STELLARE
da cui:

1
P
dP
dr
<
1

d(r)
dr
. (2.41)
Questa equazione `e unespressione generale dellequilibrio per moti convettivi allinterno di
una stella.
Supponiamo che valga lequazione di stato dei gas perfetti:
P = n
N
A
V
k
B
T =
nN
A
M
M
V
k
B
T =
nN
A
M
k
B
T =
k
B
m
T , (2.42)
dove m indica la massa molecolare media, abbiamo che:
1
P
dP
dr
=
m
k
B
T
d( T)
dr
k
B
m
=
1
T
_
d
dr
T +
dT
dr
_
1
P
dP
dr
=
1

d
dr
+
1
T
dT
dr
1

d
dr
=
1
P
dP
dr

1
T
dT
dr
.
Inserendo questo risultato nella (2.41) otteniamo

1
P
dP
dr
<
_
1
P
dP
dr

1
T
dT
dr
_

_
1

1
_
1
P
dP
dr
<
1
T
dT
dr

_
1
1

_
T
P
dP
dr
>
dT
dr
. (2.43)
Poiche il gradiente di pressione e di temperatura sono negativi entrambi i membri dellequa-
zione (2.43) sono positivi.
In un modello stellare stabile la condizione (2.43) deve essere vericata per ogni strato della
stella. Questo signica che il gradiente di pressione deve essere calcolato dalla (2.1) che denisce
lequilibrio idrostatico e il gradiente di temperatura `e dato dalla (2.4) che denisce lequilibrio
radiativo. Questi valori devono soddisfare la (2.43) per una stella in equilibrio.
Supponiamo che uno strato della stella non soddis la condizione (2.43). Questo signica, ad
esempio, che dopo lo spostamento dr la densit`a

2
`e inferiore a quella della stella che circonda
lo strato. Lintensit` a della forza gravitazionale sullo strato perturbato `e inferiore a quella del
circondario, e quindi lo strato perturbato continuer`a il suo moto verso lesterno. Analogamente
uno strato che si sposta verso linterno e ha densit`a pi` u alta della materia che lo circonda e
proseguir`a il suo moto verso linterno.
Dal punto di vista termodinamico la temperatura dello strato che si muove verso lesterno `e
maggiore di quella della materia che lo circonda. Dato che P

2
= P
2
lequazione di stato (2.42)
implica una temperatura maggiore se la densit`a `e pi` u alta, come noi abbiamo ipotizzato. Questo
signica che lo strato perturbato porta energia termica verso lesterno. Per strati che si muovono
verso linterno avviene il contrario, dato che la loro temperatura `e inferiore a quella della materia
che li circonda.
Questo movimento di materia per convezione riduce il gradiente di temperatura, dato che parti
calde di materia si stabiliscono dove si trovano parti di materia stellare a temperatura inferiore,
ed eventualmente viceversa. La diminuzione del gradiente di temperatura riduce il usso radiativo
in accordo con lequazione (2.4). Anche il trasporto convettivo sar`a ridotto dato che dipende dal
gradiente di temperatura stesso. Supponiamo che allinizio del processo la stella si trovasse in
una situazione di diesquilibrio tra la produzione di energia radiativa dalle reazioni nucleari e il
rilascio radiativo. E evidente che il processo di rilascio radiativo e il trasporto convettivo di calore
riequilibrano la situazione termodinamica globale.
Questa soluzione di equilibrio convettivo viene solitamente espressa sostituendo il segno di
maggiore con una eguaglianza nellequazione (2.43) e questo permette di ottenere lequazione (2.5).
Capitolo 3
Fusione nucleare
3.1 Introduzione
Le reazioni termonucleari giocano un ruolo rilevante nella produzione di energia nelle stelle. Una
stella nasce quando il gas interstellare, sopratutto idrogeno ed elio, si condensa, e come risultato
della conversione dellenergia gravitazionale in energia cinetica, si scalda, no a temperature su-
cienti ad innescare processi di fusione, il pi` u semplice dei quali `e la fusione dellidrogeno. Lenergia
rilasciata dalle reazioni nucleari rende stabile la stella stabilendo un bilancio tra la pressione ter-
mica, che espande il gas, e quella gravitazionale, che tende a comprimerlo. Il processo di fusione
continua senza modiche rilevanti della temperatura e delle dimensioni della stella no a quando
il combustibile nucleare si esaurisce, e la stella si contrae nuovamente aumentando la temperatura
e cominciando ad innescare processi di fusione tra nuclei pi` u pesanti. Lanalisi dellabbondanza
dei nuclei e lo studio della barriera di penetrazione coulombiana hanno portato a postulare precise
sequenze di processi di fusione. Queste ipotesi sono sopravvissute a varie veriche osservative. I
processi ipotizzati sono i seguenti.
1. Fusione dellidrogeno. Si tratta della conversione dellidrogeno in elio.
2. Fusione dellelio. Lelio fonde producendo essenzialmente carbonio e ossigeno.
3. Fusione di carbonio e ossigeno, che permette la produzione di elementi con numero di massa
A compreso tra 16 e 28.
4. Fusione del silicio, A=28. Produce elementi con 28 A 60.
La formazione di nuclei pi` u pesanti avviene con processi di cattura neutronica denominati r e s.
In questo capitolo presenteremo una descrizione generale dei processi di fusione nucleare, mentre
gli specici processi di fusione che si attivano nelle stelle nelle varie fasi della loro vita, saranno
discussi in dettaglio nei capitoli seguenti.
Uno dei concetti fondamentali della sica nucleare `e quello dellenergia di legame, denita come:
B(A, Z) = [Zm
p
+Nm
n
M(A, Z)]c
2
, (3.1)
dove Z `e il numero di protoni di massa m
p
presenti nel nucleo, N = AZ `e il numero di neutroni,
con massa m
n
, e M `e la massa del nucleo, in esame. Soltanto se B > 0 il nucleo pu` o formarsi, dato
che lo stato legato d Z protoni e N neutroni `e energeticamente favorito rispetto alla situazione
in cui tutti i suoi componenti sono liberi. Lenergia di legame positiva indica che il nucleo pu` o
21
22 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
formarsi, ma non d`a nessuna informazione sulla sua stabilit` a. Infatti dei circa 3000 nuclei noti solo
208 sono stabili, hanno cio`e vita media superiore allet`a del sistema solare.
La Figura 3.1 mostra i valori sperimentali delle energie di legame per nucleone in funzione del
numero di massa. Bisogna notare che per nuclei con A > 12 le variazioni dellenergia di legame
per nucleone sono soltanto del 10-15 %. La curva raggiunge un massimo per il nucleo
56
Fe. Questo
signica che la fusione di due nuclei leggeri che formano un nuovo nucleo di massa inferiore al
56
Fe
produce energia. Questo `e il tipo di reazione che produce energia nelle stelle.
Per calcolare lenergia prodotta da una stella `e necessario conoscere il tasso di reazione ovvero
quante reazioni nucleari avvengono allinterno della stella, nellunit`a di tempo. Il tasso di reazione
dipende quindi dalla probabilit` a che due nuclei che si incontrano possano fondere, e dal numero
di collisioni che possono avvenire in un secondo. La probabilit` a di fusione dipende dalla sezione
durto. Delle sezioni durto di fusione ci occuperemo in dettaglio nel seguito di questo capitolo.
Figura 3.1: Energie di legame per nucleone in funzione del numero di massa.
Per quanto riguarda il numero di collisioni per unit`a di tempo, consideriamo il caso di un gas
stellare formato da due tipi di nuclei, che identicheremo come X e Y il cui numero per unit`a di
volume (densit` a di numero) `e rispettivamente n
X
e n
Y
. Dato che nel processo di reazione quello
che conta `e il moto relativo di un nucleo rispetto allaltro, possiamo pensare ad un processo di
diusione in cui una delle due specie, X ad esempio, sia il proiettile, e laltra sia il bersaglio. Il
singolo nucleo X avr`a una probabilit` a di collisione per unit`a di area data dalla sezione durto
per la densit`a dei nuclei bersaglio. Il tasso di reazione `e ottenuto moltiplicando questa probabilit` a
di reazione con il numero di nuclei proiettile che raggiungono lunit` a di area nellunit`a di tempo,
3.2. GENERALIT
`
A SULLE REAZIONI NUCLEARI 23
in altre parole per il usso delle particelle incidenti, J = n
X
v dove v `e il modulo della velocit` a
relativa. Il tasso di reazioni nucleari per unit`a di tempo e di volume `e
r = n
X
v n
Y
(v) , (3.2)
dove abbiamo esplicitato la dipendenza della sezione durto dalla velocit` a relativa.
La temperatura nel centro della stella, dove avvengono i processi di fusione, pu` o considerarsi
costante, rispetto alle distanze in gioco (fm). Consideriamo distribuzioni di Boltzmann delle energie
dei due tipi di nuclei che formano il gas interstellare. Avremo quindi globalmante:
exp
_

E
X
k
B
T
_
exp
_

E
Y
k
B
T
_
= exp
_

E
cm
k
B
T
_
exp
_

E
k
B
T
_
,
dove abbiamo indicato leguaglianza con il prodotto delle distribuzioni di Boltzmann dellenergia
del centro di massa E
cm
e lenergia relativa. Questa uguaglianza pu` o essere vericata utilizzando
le solite denizioni di coordinate ed impulsi di sistemi del centro di massa e relativo, come `e fatto
nella sezione 3.2. Lunico termine di interesse per il nostro calcolo riguarda la distribuzione di
energie relative, che pu` o essere convertita in una distribuzione di Maxwell delle velocit` a:
(v) = 4
_
m
2k
B
T
_
3/2
v
2
exp
_

mv
2
2k
B
T
_
, (3.3)
dove m `e la massa ridotta del sistema, Eq. (3.7), e la distribuzione ha la normalizzazione:
_

0
dv(v) = 1 .
Dato che (v) rappresenta la probabilit` a di trovare la coppia di nuclei interagenti con velocit` a
relativa compresa tra v e v +dv, per ottenere uno tasso medio di reazione, dobbiamo inserire nella
(3.2) il valore della sezione durto mediato sulla distribuzione delle velocit` a:
< v > =
_

0
dv(v)v(v)
= 4
_
m
2k
B
T
_
3/2
_

0
v
3
(v) exp
_

mv
2
2k
B
T
_
dv
=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
_

0
E(E) exp
_

E
k
B
T
_
dE , (3.4)
dove nellultimo passaggio abbiamo utilizzato E =
1
2
mv
2
. Il tasso di reazioni nucleari (3.2) diventa
quindi:
r = n
X
n
Y
< (v)v > (1 +
XY
)
1
, (3.5)
dove il termine con la di Kronecker `e stato inserito per evitare un doppio conteggio nel caso in
cui i due tipi di nuclei siano uguali.
3.2 Generalit`a sulle reazioni nucleari
3.2.1 Diusione elastica
Le reazioni nucleari di nostro interesse avvengono ad energie molto inferiori rispetto al valore delle
masse dei nuclei che interagiscono. Per questo motivo `e valida una trattazione non relativistica. Il
problema consiste quindi nella soluzione dellequazione di Schrodinger che descrive il moto dei due
nuclei:
_

h
2

2
1
2m
1

h
2

2
2
2m
2
+V (r
1
r
2
)
_
(r
1
, r
2
) = E
T
(r
1
, r
2
) , (3.6)
24 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
dove gli indici 1 e 2 si rifericono ai due nuclei che interagiscono. Deniamo le seguenti variabili:
massa totale e ridotta,
M = m
1
+m
2
e m =
m
1
m
2
m
1
+m
2
, (3.7)
coordinate del centro di massa e relativa,
R =
m
1
r
1
+m
2
r
2
m
1
+m
2
e r = r
1
r
2
,
e impulsi del centro di massa e relativo
P = p
1
+p
2
e p =
m
2
p
1
m
1
p
2
m
1
+m
2
.
Utilizzando le denizioni date sopra `e possibile separare il moto del centro di massa del sistema,
dal moto relativo dei due nuclei [Mes61]. La funzione donda (r
1
, r
2
) pu` o quindi essere espressa
come prodotto delle funzioni donda che descrivono il moto del centro di massa e il moto relativo.
Dato che il potenziale dipende soltanto dalle coordinate relative, la funzione donda del centro di
massa `e unonda piana, soluzione dellequazione di Schrodinger per la particella libera. Il problema
della soluzione dellequazione (3.6) `e quindi ricondotto alla soluzione dellequazione di Schrodinger
per il moto relativo dei due nuclei che collidono:
_

h
2

2
2m
+V (r)
_
(r) = E(r) , (3.8)
Potenziale a corto raggio
Procediamo facendo alcune ipotesi sul potenziale per semplicare la trattazione. Ipotizziamo che
il potenziale sia puramente scalare e centrale V (r) = V (r). In aggiunta facciamo lipotesi che sia
a corto raggio. Questa ipotesi signica che il potenziale `e nullo quando r `e maggiore del raggio
dazione dellinterazione. Questultima ipotesi `e appropriata per linterazione nucleare forte, che ci
interessa. E ben noto che questa interazione non `e attiva a distanze superiori ai 2 fm. Per quanto
riguarda le prime due ipotesi, invece non sono adeguate allinterazione forte, che dipende dallo
spin e dallisospin delle particelle interagenti, e qui cade lipotesi che sia scalare. Inoltre questa
interazione contiene anche un termine che pu` o essere espresso come un tensore sferico di rango due
nello spazio delle congurazioni, e questo distrugge lipotesi di contralit` a dellinterazione. In ogni
caso, queste dicolt` a possono essere arontate correggendo la soluzione ottenuta con un potenziale
scalare e centrale.
Il processo di diusione pu` o essere descritto come un usso di particelle che si muovono libere
nella direzione del bersaglio. Alla distanza in cui linterazione a corto raggio `e attiva, il moto di
queste particelle viene modicato. Superata questa distanza, le particelle diuse si allontanano dal
bersaglio muovendosi libere. La soluzione asintotica dellEq. (3.8) pu` o essere espressa come:
lim
r
(r) = e
ikr
+f()
e
ikr
r
. (3.9)
Il primo termine descrive londa piana incidente, e il secondo londa sferica uscente. Dato che il
potenziale `e puramete scalare non c`e dipendenza dallo stato di polarizzazione dei due nuclei. La
sezione durto `e legata allampiezza di transizione f() dalla relazione [Mes61]:
d()
d
= |f()|
2
. (3.10)
Consideriamo il caso di diusione elastica, in cui non c`e trasferimento di energia tra i due
nuclei che collidono. Questo `e equivalente ad aermare che in processi di diusione elastica le-
nergia cinetica totale del sistema si conserva. In questi processi anche il usso di particelle viene
conservato.
3.2. GENERALIT
`
A SULLE REAZIONI NUCLEARI 25
Sfruttando la simmetria sferica del potenziale, possiamo utilizzare le tecniche di sviluppo in
multipoli della soluzione dellequazione di Schrodinger [Mes61], che scriviamo come:
(r) =

l=0
(2l + 1)
u
l
(r)
r
P
l
(cos ) . (3.11)
Nellequazione abbiamo indicato con P
l
il polinomio di Legendre di grado l. Lequazione (3.8), in
coordinate polari sferiche, pu` o essere riscritta considerando che i polinomi di Legendre sono auto-
stati delloperatore momento angolare quadrato. Sfruttando questo fatto riscriviamo lequazione
(3.8) come:
_
d
2
dr
2
+k
2

2m
h
2
V (r)
l(l + 1)
r
2
_
u
l
(r) = 0 , (3.12)
dove abbiamo denito k
2
= 2mE/h
2
, e abbiamo indicato con l(l + 1) lautovalore del momento
angolare in unit`a h
2
.
La soluzione regolare allorigine dellEq. (3.12), quando V (r) = 0 `e la funzione di Bessel sferica
j
l
(kr). Asintoticamente, il potenziale `e nullo, per lipotesi di corto raggio. Quindi, nella regione
asintotica, la soluzione u
l
si comporta come la funzione di Bessel sferica, ma avr`a uno sfasamento
che ricorda la presenza del potenziale. Abbiamo quindi per la soluzione libera:
e
ikr
=

l=0
i
l
(2l + 1) j
l
(kr) P
l
(cos ) .
I comportamenti asintotici delle due soluzioni sono:
lim
r
e
ikr
=

l=0
i
l
(2l + 1)
sin(kr
1
2
l)
kr
P
l
(cos ) (3.13)
lim
r
(r) =

l=0
A
l
i
l
(2l + 1)
sin(kr
1
2
l +
l
)
kr
P
l
(cos ) (3.14)
dove
l
`e lo sfasamento, e A
l
`e una costante complessa il cui valore viene ssato imponendo le
appropriate condizioni al contorno.
Come indica lEq. (3.9), londa diusa `e ottenuta sottraendo le due equazioni precedenti:
lim
r
_
(r) e
ikr

l=0
i
l
(2l + 1)
1
kr
P
l
(cos )
_
A
l
sin
_
kr
1
2
l +
l
_
sin
_
kr
1
2
l
_
_
(3.15)
Le condizioni al contorno indicano dalla (3.9) che `e presente solo unonda uscente. Come
mostrato qui sotto, questa condizione, ssa il valore di A
l
.
Utilizzando la formula di Eulero possiamo riscrivere la parte tra parentesi grae nell Eq.
(3.15), come:
1
2i
_
A
l
_
exp
_
i
_
kr
1
2
l +
l
__
exp
_
i
_
kr
1
2
l +
l
___

_
exp[i(kr
1
2
l)] exp[i(kr
1
2
l)]
_
_
=
1
2i
_
exp
_
i
_
kr
1
2
l
___
A
l
e
i
l
1
_
+ exp
_
i
_
kr
1
2
l
___
1 A
l
e
i
l
__
.
Dato che in Eq. (3.9) `e presente solo londa uscente exp(ikr), imponiamo che A
l
= exp(i
l
).
26 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
Utilizzando il risultato qui sopra e ricordando che:
e
i
1
2
l
= i
l
,
otteniamo per la (3.15)
lim
r
_
(r) e
ikr

l=0
i
l
(2l + 1)
1
kr
P
l
(cos )(i
l
)
_
e
i2
l
1
_
e
ikr
1
2i
, (3.16)
da cui, confrontando con la (3.9), abbiamo:
f() =
1
k

l=0
(2l + 1)
_
e
i2
l
1
_
P
l
(cos )
1
2i
=
1
k

l=0
(2l + 1)e
i2
l
sin
l
P
l
(cos ) . (3.17)
La sezione durto dierenziale, `e ottenuta utilizzando lequazione (3.10):
d()
d
=
1
k
2

l=0
(2l + 1)e
i2
l
sin
l
P
l
(cos )

2
. (3.18)
La sezione durto totale viene ottenuta integrando su tutto langolo solido:
=
_
d
d()
d
= 2
_
1
1
d(cos )
d()
d
=
4
k
2

l=0
(2l + 1) sin
2

l
, (3.19)
dove abbiamo sfruttato la propriet` a di completezza e ortogonalit`a dei polinomi di Legendre:
_
1
1
dxP
l
(cos )P

l
(cos ) =
2
(2l + 1)

l,l
.
Potenziale coulombiano
Lipotesi di base fatta per ottenere le equazioni precedenti `e quella che il potenziale fosse a corto
raggio dazione, come il potenziale nucleare. In realt`a in un processo di diusione tra nuclei,
il potenziale Coulombiano `e sempre presente. Trattiamo prima il caso di diusione elastica da
potenziale Coulombiano puro, e poi il caso in cui sia anche presente un potenziale a corto raggio.
Nel caso in cui il potenziale sia puramente Coulombiano, lEq. (3.12) viene normalmente scritta
come:
_
d
2
dr
2
+k
2

2k
r

l(l + 1)
r
2
_
u
l
(r) = 0 , (3.20)
dove sono stati deniti:
=
Z
1
Z
2
hv
e
2
4
0
e v =
hk
m
.
Le soluzioni dellEq. (3.20) sono particolari funzioni ipergeometriche conuenti, dette funzioni
coulombiane sferiche [Mes61]. Le soluzioni regolari allorigine si indicano con F
l
(; kr) e quelle
irregolari con G
l
(; kr). Nel limite 0 la funzione F
l
corrisponde alla funzione di Bessel sferica
j
l
, e G
l
alla funzione di Neumann n
l
. Le espressioni asintotiche di queste funzioni sono:
lim
r
F
l
(; kr) = sin
_
kr ln 2(kr)
1
2
l


l
_
(3.21)
lim
r
G
l
(; kr) = cos
_
kr ln 2(kr)
1
2
l


l
_
. (3.22)
La forma asintotica delle funzioni donda in presenza di potenziale coulombiano dierisce da quella
delle funzioni donda libere per la presenza del termine ln 2(kr) che dipende dalle cariche dei due
3.2. GENERALIT
`
A SULLE REAZIONI NUCLEARI 27
nuclei interagenti, e per il termine
l
, detto, impropriamente, sfasamento coulombiano, che `e dato
dallespressione:

l
= arg(l + 1 +i) , (3.23)
dove la funzione `e denita come:
(x) =
_

0
e
t
t
x1
dt con x > 0 .
Potenziale coulombiano modicato da un potenziale a corto raggio
Analizziamo il caso, pi` u realistico, in cui sia il potenziale coulombiano V
c
, sia quello nucleare V

,
a corto raggio, sono presenti. Lequazione da risolvere viene scritta come:
_
d
2
dr
2
+k
2

2k
r

2m
h
2
V

(r)
l(l + 1)
r
2
_
u
l
(r) = 0 , (3.24)
Si pu` o ripetere il ragionamento fatto per il caso in cui il potenziale coulombiano non era presente,
sostituento landamento asintotico (3.13) delle funzioni di Bessel sferiche con quello (3.21) della
funzione coulombiana F
l
. Si ottiene cha lampiezza di diusione totale pu` o essere scritta come
f() = f
c
() +f

() , (3.25)
dove lampiezza coulombiana pu` o essere scritta come:
f
c
() =

2k sin
2
/2
exp
_
i ln
_
sin
2

2
_
+ 2i
0
_
. (3.26)
Lampiezza generata dalla presenza del termine nucleare `e
f

() =
1
2ik

l=0
(2l + 1)e
2i
l
_
e
2i
l
1
_
P
l
(cos ) . (3.27)
Lespressione della sezione durto dierenziale `e:
d
d
= |f()|
2
= |f
c
() +f

()|
2
= |f
c
()|
2
+ 2Ref

c
()f

() +|f

()|
2
. (3.28)
Il primo termine rappresenta la sezione durto per diusione puramente coulombiana:
_
d
d
_
c
=

2
4k
2
sin
4
/2
=
_
Z
1
Z
2
4E
e
2
4
0
_
2
sin
4
_

2
_
, (3.29)
la cui espressione `e quella della formula di Rutherford.
3.2.2 Diusione anelastica
Nel calcolo della sezione durto elastica il coeciente A
l
che in Eq. (3.15) moltiplica il termine
asintotico dellonda diusa ha modulo unitario. Abbiamo infatti ottenuto A
l
= exp(i
l
). Questo
fatto garantisce che il usso di particelle di momento kh che collidono con il bersaglio sia identico
al usso di particelle diuse con momento kh. La conservazione del usso per un valore ssato del
momento relativo tra le due particelle che collidono `e una caratteristica della diusione elastica.
Ricordiamo che in una diusione elastica, lenergia cinetica totale del sistema proiettile e bersaglio
viene conservata. Questo signica la conservazione del modulo del momento relativo, e quindi la
conservazione del usso.
In reazioni anelastiche parte particelle incidenti con momento kh vanno a popolare canali con
diverso valore del momento, nel senso del modulo. Questo nel caso in cui proiettile e bersaglio non
cambino identit`a. Ovviamente anche nella visione pi` u generale, in cui c`e trasferimento di nucleoni
tra un nucleo e laltro, oppure frammentazione di uno dei due nuclei iniziali, c`e una perdita di
28 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
usso dal canale iniziale. Questo fatto viene preso in considerazione moltiplicando il termine di
onda uscente dellonda diusa per un numero complesso con modulo minore di uno.
Utilizzando la formula di Eulero, lespressione dellonda diusa pu` o essere scritta come:
lim
r

T
(r) =
1
2kr

l
i
l
(2l + 1)
_
exp
_
i
_
kr
1
2

__

l
exp
_
i
_
kr
1
2
l
___
P
l
(cos ) , (3.30)
con |
l
| < 1.
Il numero di particelle che interagiscono in maniera anelastica nellunit`a di tempo, viene cal-
colato in termini di usso di particelle che attraversano la supercie di una sfera S di raggio r
attorno al centro diusore, in un canale diverso da quello di entrata:
N
a
=
_
S
J
T
ndS ,
dove J
T
`e la corrente:
J
T
=
h
2im
_

T

T

T
_
, (3.31)
quindi:
N
a
=
h
2im
_
_

T

T

T
_
r
2
d(cos )d . (3.32)
La parte dipendente da r della funzione donda pu`o essere riscritta come:
/
l
(r) =
1
r
_
exp
_
i
_
kr
1
2

__

l
exp
_
i
_
kr
1
2
l
___
=
1
r
e
i
1
2
l
_
e
ikr

l
e
il
e
ikr
_
=
1
r
i
l
_
e
ikr

l
(1)
l
e
ikr
_
.
Quindi:
lim
r

T
(r) =
1
2k

l
i
l
(2l + 1)/
l
(r)P
l
(cos ) , (3.33)
da cui:
J
T
=
_
1
2k
_
2
_

l
1
l

1
(i)
l
1
+1
(i)
l

1
+1
(2l
1
+ 1)(2l

1
+ 1)/

l
1
(r)
d
dr
/
l

1
(r)P
l
1
(cos )P
l

1
(cos )

l
2
l

2
(i)
l
2
+1
(i)
l

2
+1
(2l
2
+ 1)(2l

2
+ 1)/
l
2
(r)
d
dr
/

2
(r)P
l
2
(cos )P
l

2
(cos )
_
.
Per lortogonalit` a dei polinomi di Legendre, lintegrale su cos nellequazione (3.32) implica
l
1
= l

1
e l
2
= l

2
. Si ha che:
/

l
(r)
d
dr
/
l
(r) =
1
r
[/
l
(r)[
2

ik
r
2
_
1 [
l
[
2
+ (1)
l
_

l
e
i2kr

l
e
i2kr
__
,
e quindi:
/

l
(r)
d
dr
/
l
(r) /
l
(r)
d
dr
/

l
(r) = (i)
2k
r
2
_
1 [
l
[
2
_
.
Utilizzando i risultati ottenuti abbiamo:
N
a
=
h
mk

l
(2l + 1)
_
1 [
l
[
2
_
. (3.34)
3.2. GENERALIT
`
A SULLE REAZIONI NUCLEARI 29
La sezione durto si ottiene dividendo il numero di particelle diuse nellunit`a di tempo (3.34),
per il usso delle particelle incidenti. Questultimo viene calcolato utilizzando lespressione (3.31)
della corrente per londa incidente:
J
I
=
h
2im
_
e
ikr
e
ikr
e
ikr
e
ikr
_
=
h
2im
2ik = v . (3.35)
Quindi la sezione durto di reazione `e:

r
=
N
a
|J
I
|
=

k
2

l
(2l + 1)
_
1 |
l
|
2
_
. (3.36)
Il confronto con la sezione durto elastica (3.19), viene fatto considerando che in un processo
elastico

l
= e
i2
l
,
come si pu` o vedere confrontando la (3.30) con la (3.16), e che
sin
2

l
= |f
l
|
2
=

1
2i
(e
i2
l
1)

2
=

1
2i
(
l
1)

2
,
Da queste considerazioni si vede che `e possibile riscrivere lespressione (3.19) come:

el
=
4
k
2

l
(2l + 1)

1
l
2i

2
=

k
2

l
(2l + 1) |1
l
|
2
. (3.37)
La sezione durto totale `e data dalla somma delle sezioni durto elastica, o di scattering, (3.37)
e di reazione (3.36):

T
=
r
+
el
=
4
k
2

l
(2l + 1) (1 Re
l
) . (3.38)
E da notare che `e possibile avere processi di diusione elastica anche in assenza di processi di
diusione anelastica. Quando |
l
|
2
= 1 leq. (3.36) `e nulla, mentre (3.37) `e diversa da zero. Non
`e possibile il contrario, se |
l
|
2
= 1 c`e sempre un contributo alla sezione durto elastica. Ad un
processo anelastico `e sempre associato anche un processo elastico.
3.2.3 Risonanze
Una situazione particolare dei processi di reazione `e quella in cui la sezione durto presenta un
massimo pronunciato ad una particolare energia incidente del proiettile. Questa situazione `e
chiamata processo di diusione in risonanza. Consideriamo la situazione di diusione elastica.
Dallespressione (3.19) si vede che il massimo della sezione durto si ha quando:
sin
2

l
= 1 quindi
l
=

2
+n , (3.39)
dove n `e un numero intero. Consideriamo che:
f
l
= e
i
l
sin
l
=
sin
l
exp(i
l
)
=
sin
l
cos
l
i sin
l
=
1
cotg(
l
) i
.
Chiamiamo
r
lenergia di risonanza, ovvero quella in cui la condizione di risonanza (3.39) `e veri-
cata. Facciamo uno sviluppo in serie di Taylor, troncato al primo ordine di cotg(
l
) per unenergia

r
:
cotg[
l
()] = cotg[
l
(
r
)] + (
r
)
_
d
d
cotg[
l
()]
_
=
r
+. . . = (
r
)
2

+. . . ,
30 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
dove abbiamo considerato che nella situazione di risonanza la cotangente di
l
`e nulla, e abbiamo
denito lampiezza di risonanza . Lespressione di f
l
in zona di risonanza pu` o essere espressa
come:
f
l
() =
1
(
r
)
2

i
=
/2
(
r
) i

2
.
Inserendo le equazioni precedenti nellespressione (3.19) della sezione durto elastica, otteniamo
per ogni onda parziale l:

l
=

k
2
(2l + 1)

2
(
r
)
2
+

2
4
, (3.40)
espressione nota con il nome di Breit-Wigner. Il massimo valore della sezione durto si ha in
corrispondenza della risonanza =
r
:

max
=
4
k
2
(2l + 1) ,
e per =
r
/2 abbiamo
l
=
max
/2 che indica linterpretazione sica dellampiezza di
risonanza.
Lequazione (3.40) pu` o essere generalizzata in due modi. Il primo per tenere conto dello spin
delle particelle interagenti. Se chiamiamo s
a
e s
A
gli spin delle particelle interagenti e I il momento
angolare totale della risonanza abbiamo:
I = s
a
+s
A
+l ,
il fattore 2l + 1 in Eq. (3.40) `e sostituito dal fattore:
g =
2I + 1
(2s
a
+ 1)(2s
A
+ 1)
, (3.41)
che si riduce a 2l + 1 per particelle prive di spin.
La seconda generalizzazione dellespressione (3.40) tiene conto della possibilit`a che i canali di
entrata e di decadimento della risonanza abbiano diverse ampiezze. Il termine
2
al denominatore
`e quello che tiene in considerazione le diverse ampiezze di decadimento. Lampiezza totale di
decadimento della risonanza `e data dalla somma di tutte le ampiezze legate ai singoli canali di
decadimento, incluso il canale dentrata. La vita media `e legata allampiezza di decadimento dalla
relazione
=
h

,
con h 6.610
22
MeV s. Losservazione di uno specico canale di formazione della risonanza, o di
un canale di decadimento, non modica la vita media della risonanza. E una situazione analoga
a quella del decadimento radioattivo, in cui anche se si osserva un singolo canale di decadimento,
la vita media di decadimento, che `e legata allampiezza totale, non cambia. Diverso il discorso
per il fattore
2
del numeratore, che `e legato alla formazione della risonanza e alla probabilit` a di
decadimento in un canale particolare. Nel caso elastico, quello per cui la (3.40) `e stata ricavata,
i canali di formazione e decadimento sono identici quindi a + A a + A, e al numeratore sar`a
inserito il quadrato dellampiezza
aA
. Nel caso di un processo anelastico, a +A b +B, si tiene
conto dei diversi canali, dentrata e di uscita, modicando la (3.40) come

l
=

k
2
g

aA

bB
(
r
)
2
+ (/2)
2
. (3.42)
3.3 Fusione non risonante di particelle cariche
Consideriamo il caso di due nuclei di carica Z
1
e Z
2
, che interagiscono. Per distanze relative
maggiori del raggio di interazione dellinterazione forte, circa 2 fm, solo il potenziale Coulombiano `e
attivo. Nella Figura 3.2 abbiamo schematizzato il potenziale relativo di questi due nuclei. Abbiamo
3.3. FUSIONE NON RISONANTE DI PARTICELLE CARICHE 31
indicato con R la somma dei raggi dei due nuclei. Nella nostra schematizzazione supponiamo che
i due nuclei interagenti siano sfere rigide, e che linterazione forte si attivi solo quando le due
sfere si toccano, quindi quando la distanza tra i centri delle sfere `e minore di R. Nella gura il
potenziale generato dallinterazione forte `e schematizzato con una buca quadrata. Il nostro scopo
`e quello di calcolare la probabilit` a di superare la barriera Coulombiana. Vedremo dalle stime
delle temperature stellari che i processi di fusione si attivano per valori di energia cinetica relativa
inferiore a quella del picco del potenziale. Quindi il processo di fusione avviene per eetto tunnel.
V(r)
r
R
b
E
Figura 3.2: Schema del potenziale relativo tra le due particelle che fondono.
Iniziamo la trattazione chiamando E lenergia cinetica relativa tra i due nuclei che fondono.
Nei processi che ci interessano, il valore di questa energia `e di qualche MeV, quindi notevolmente
inferiore alla massa a riposo dei due nuclei. Quindi possiamo lavorare usando cinematica non
relativistica. Chiamiamo m la massa ridotta dei due nuclei, Eq. (3.7) e M la massa totale del
sistema. Utilizzando la massa ridotta del sistema, lenergia relativa tra i due nuclei `e:
E =
1
2
mv
2
= Z
1
Z
2
e
2
4
0
1
b
. (3.43)
Questa equazione denisce b, la distanza in cui il valore dellenergia potenziale eguaglia quello
dellenergia cinetica della particella interagente. La descrizione del processo di fusione dei due
nuclei, viene ridotta al calcolo della probabilit` a che una particella di massa ridotta mha di penetrare
il potenziale repulsivo, il cui massimo `e:
V (R) = Z
1
Z
2
e
2
4
0
1
R
. (3.44)
Nel caso ad una dimensione, il coeciente di trasmissione per una barriera quadrata `e:
T = exp
_
2l
_
2m
h
2
(V
0
E)
_
, (3.45)
dove l `e la larghezza della barriera e V
0
> E ne `e laltezza. Possiamo considerare il nostro caso
come un insieme continuo di barriere unidimensionali innitesime, quindi:
T = exp
_
2
_
b
R
dr
_
2m
h
2
(V (r) E)
_
, (3.46)
dove gli estremi di integrazione sono deniti dalla condizione V (r) > E. Inserendo lespressione
del potenziale, riscriviamo lesponente come:
G = 2
_
b
R
dr

2m
h
2
_
Z
1
Z
2
e
2
4
0
1
r
E
_
= 2

2m
h
2
Z
1
Z
2
e
2
4
0
_
r
R
dr
_
1
r

1
b
32 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
= 2

2m
h
2
Z
1
Z
2
e
2
4
0

b
_
arccos
_
R
b

_
R
b
_
1
R
b
_
. (3.47)
Il calcolo dellintegrale `e sviluppato qui sotto.
Per il calcolo dellintegrale dellequazione (3.47) facciamo un cambio di variabile:
r = b cos
2
.
Gli estremi di integrazione diventano:
b
f
= 0 e R = b cos cos
2

i

i
= arccos
_
R
b
.
Con questo cambio di variabili abbiamo che:
_
b
R
dr
_
1
r

1
b
=
_

f

i
_
1
b cos
2


1
b
_1
2
(2b sin cos ) d
= 2

b
_
0

i
_
1 cos
2

cos
2

_1
2
sin cos d
= 2

b
_

i
0
sin
2
d = 2

b
_

i
0
1
2
_
1 cos 2
_
d
= 2

b
_

2

1
4
sin 2
_

i
0
= 2

b
_

i
2

1
4
sin 2
i
_
=

b
_

i
cos
i
_
1 cos
2

i
_
,
e sostituendo il valore di
i
otteniamo il risultato di Eq. (3.47).
Nel limite in cui b >> R si ha che:
G = 2

2m
h
2
Z
1
Z
2
e
2
4
0

b

2
= 2

2m
h
2
Z
1
Z
2
e
2
4
0

Z
1
Z
2
e
2
4
0
1
E

2
= , (3.48)
dove
= Z
1
Z
2
e
2
4
0
_
2m
h
2
1
E
, (3.49)
`e detto parametro di Sommerfeld.
La sezione durto `e proporzionale alla probabilit` a di transizione. C`e anche una dipendenza da
1/k
2
1/E che emerge da tutta la discussione presentata nella sessione 3.2. La sezione durto pu` o
essere scritta come:
(E) =
1
E
exp()S(E) , (3.50)
che denisce il fattore S(E) chiamato fattore astrosico S che contiene tutta linformazione
strettamente legata alla struttura nucleare. Per reazioni non risonanti questo fattore varia molto
pi` u lentamente con lenergia di quanto possa variare la sezione durto. Per questo motivo il fattore
S(E) `e utile nellestrapolare le sezioni durto ad energie astrosiche.
Inserendo lequazione (3.50) nella (3.4) otteniamo per il tasso di reazione:
< v >=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
_

0
S(E) exp
_

E
k
B
T

B
E
1/2
_
dE , (3.51)
dove abbiamo denito
B = Z
1
Z
2
e
2
4
0

_
2m
h
2
. (3.52)
3.3. FUSIONE NON RISONANTE DI PARTICELLE CARICHE 33
Il termine nellesponente legato alla barriera coulombiana diventa molto piccolo a basse energie.
Al contrario il termine della distribuzione di Maxwell diventa molto piccolo per energie molto
alte. Il massimo della distribuzione di Maxwell `e per E = k
B
T mentre il massimo del prodotto
dellintegrando dellequazione (3.51) `e spostato ad energie pi` u alte.
Per una temperatura stellare T le reazioni nucleari avvengono in una nestra energetica relati-
vamente ristretta attorno ad una energia E
0
in cui il fattore astrosico `e essenzialmente costante.
Possiamo quindi fattorizzare il fattore spettroscopico fuori dellintegrale dellequazione (3.51):
< v >=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
S(E
0
)
_

0
exp
_

E
k
B
T

B
E
1/2
_
dE . (3.53)
Il massimo dellintegrando si ottiene ponendo la derivata prima uguale a zero:
E
0
=
_
1
2
Bk
B
T
_
2/3
. (3.54)

E
Figura 3.3: Picco di Gamow. La linea tratteggiata indica il termine legato alla distribuzione di Boltzmann
dellenergia exp(E/k
B
T), nellEq. (3.53). La linea a punti mostra invece il fattore exp(B/

E) legato
alla probabilit` a di penetrazione della barriera coulombiana. La linea continua, moltiplicata per un fattore
20, `e il prodotto delle altre due curve.
In Figura 3.3 mostriamo landamento dellintegrando dell Eq. (3.53), che ha un picco allenergia
(3.54). La distribuzione di Boltzmann dellenergia e la probabilit` a di penetrazione hanno andamenti
opposti. Il loro prodotto ha un picco allenergia E
0
, che `e pi` u grande di k
B
T. Sono i nuclei con
questa energia relativa che possono fondere. Quindi nelle stelle la fusione nucleare avviene per
quei nuclei che si trovano nella coda della distribuzione di Boltzmann e non per la maggioranza
dei nuclei che termalizzano ad energia k
B
T.
Nella tabella 3.1 mostriamo alcuni valori dellenergia E
0
e dellintegrale,
I =
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
_

0
exp
_

E
k
B
T

B
E
1/2
_
dE , (3.55)
in funzione della temperatura, per alcuni processi di fusione che avvengono nelle stelle. La
temperatura di T=15 10
6
K `e quella simata allinterno del sole.
34 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
p +p p +
14
N +
12
C
16
O +
16
O
T E
0
I E
0
I E
0
I E
0
I
1 0.98 4.14 10
21
4.37 3.92 10
137
9.25 - 3.915 -
15 5.91 4.31 10
9
26.61 3.88 10
40
56.26 2.07 10
109
238.16 -
30 9.37 1.61 10
7
42.24 5.97 10
30
89.31 4.05 10
79
378.05 -
1000 97.10 7.01 10
3
437.49 5.62 10
8
925.01 3.98 10
17
3915.62 2.10 10
114
Tabella 3.1: Valore dellenergia E
o
del massimo, Eq. (3.54) e dellintegrale I, Eq. (3.55), in funzione della
temperatura. Le temperature sono epresse in unit`a di 10
6
K, le energie in MeV, I in MeV
2
. Non sono
indicati valori inferiori a 10
250
.
E da notare che, per un valore ssato della temperatura, il massimo del picco di Gamow si
sposta ad energie pi` u alte allaumentare della carica, e della massa, dei nuclei che interagiscono. Il
tasso di interazione `e ovviamente legato allaltezza della barriera coulombiana, e la probabilit` a di
penetrazione aumenta con laumentare della temperatura.
Si pu` o notare la grande dierenza tra le probabilit` a legate ai diversi processi di fusione. Quello
che quindi avviene nelle stelle `e che per una temperatura ssata, di fatto, soltanto un tipo di
reazione ha luogo. Quando il combustibile della reazione legata alla barriera coulombiana dal valore
inferiore `e consumato, allora la stella si contrae no a raggiungere una temperatura che permette
linnesco di un nuovo tipo di reazione nucleare. Il nuovo processo di combustione nucleare, produce
energia che stabilizza la stella evitandone una ulteriore contrazione. I vari tipi di combustibile
nucleare e processi di fusione, determinano epoche della vita della stella ben denite. C`e il periodo
della combustione dellidrogeno, quello dellelio e quello dei nuclei pi` u pesanti.
Abbiamo ottenuto i valori di I, eq. (3.55), ipotizzando che la risonanza sia stretta e il fattore
astrosico non venga coinvolto nellintegrale. Ci sono tecniche che utilizzano uno sviluppo in serie
di S(E). Una ipotesi spesso utilizzata `e quella di considerare S(E) = S(0) exp(E). Si ha
quindi:
< v >=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
S(0)
_

0
exp
_
E
E
k
B
T

B
E
1/2
_
dE . (3.56)
Normalmente si combinano i primi due termini dellesponenziale, in modo da denire la tempera-
tura eettiva:
E
E
k
B
T
=
E
k
B
T
eff
.
Prima di terminare questa sessione facciamo qualche considerazione riguardante il ruolo degli
elettroni. Nella discussione fatta no a questo momento abbiamo considerato che il potenziale dei
due nuclei che collidono sia quello generato dalle due cariche positive dei nuclei. In laboratorio il
proiettile incontra latomo in cui si trova il nucleo bersaglio. Quindi il potenziale da noi considerato
`e visto dal proiettile solo dopo aver penetrato la nube elettronica. Questa correzione `e solitamente
trascurata nel calcolo della sezione durto, perch`e le energie di collisione prodotte in laboratorio
sono di diverse decine di MeV per nucleone. Questo signica che il proiettile ha energie molto pi` u
grandi della correzione del potenziale dovuta alla presenza degli elettroni atomici. Alle energie di
interesse stellare, che sono dellordine di qualche keV, invece la correzione non `e pi` u trascurabile.
Questo discorso `e relativo a collisioni di nuclei in laboratorio, fatte ad energie da interno stellare.
In realt`a la temperatura nel centro delle stelle `e tale che tutti gli atomi sono totalmente ionizzati.
Quindi, in prima approssimazione, si potrebbe pensare che la correzione di cui stiamo parlando
non sia richiesta nella trattazione delle collisioni allinterno delle stelle. Purtroppo, la situazione
non `e cos` semplice. Nel centro della stella, a temperature dellordine di decine di milioni di K
i nuclei sono immersi in un gas di elettroni. La presenza di cariche positive tende comunque a
clusterizzare vari elettroni attorno a questo centro di attrazione, creando un eetto di schermatura
analogo a quello osservato per le reazioni in laboratorio. Una discussione dettagliata del problema
`e fatta in [Rol88].
3.4. REAZIONI CON RISONANZA 35
3.4 Reazioni con risonanza
E
|E
r1
-E
r2
|

1

Figura 3.4: Due risonanze isolate. La dierenza tra le energie dei picchi `e superiore alla somma delle
ampiezze.
La trattazione nel paragrafo precedente si `e occupata del ruolo della barriera coulombiana nel
processo di fusione, senza considerare la presenza di risonanze. Il tasso di reazione `e ovviamente
modicato quando la sezione durto presenta un massimo pronunciato, situazione che in 3.2.3
abbiamo denito come risonanza.
Una risonanza viene denita stretta, quando la sua ampiezza `e molto pi` u piccola del valore
dellenergia del picco E
r
. Tanto per avere una stima quantitativa, consideriamo stretta un risonanza
tale che /E
r
< 0.1. Consideriamo inoltre isolate risonanze che non si sovrappongono. Questo
signica che la distanza tra le due energie di picco `e superiore alla somma delle ampiezze (vedi la
gura 3.4).
Per la situazione in cui la reazione avviene nella regione di risonanza, il calcolo del tasso di
reazione viene fatto inserendo nella (3.4) lespressione della sezione durto di Breit-Wigner (3.42):
< v >=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
_

0

BW
(E) E exp
_

E
k
B
T
_
dE , (3.57)
dove
BW
indica la sezione durto di Breit-Wigner. Se la risonanza `e sucientemente stretta, la
variazione dell energia E dovuta alla distribuzione di Boltzmann, `e piccola nellintervallo sotteso
dalla risonanza (vedi Fig. 3.5). Questo permette di considerare costante la parte legata alla distri-
buzione di Boltzmann. Facendo questa approssimazione, lespressione (3.57) pu` o essere riscritta
come:
< v >=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
E
r
exp
_

E
r
k
B
T
__

0

BW
(E) dE . (3.58)
Sostituendo lespressione (3.42) abbiamo:
_

0

BW
(E) dE =

k
2
g
aA

bB
_

0
1
(E E
r
)
2
+

2
4
dE
=
2
k
2
g

aA

bB

arctan
_
2

E

0
=
2
2
k
2
g

aA

bB

, (3.59)
con

E = E E
r
e dove abbiamo fatto lipotesi che le ampiezze di risonanza siano essenzialmente
indipendenti dallenergia. Il valore della sezione durto (3.42) allenergia di risonanza `e:

r
=
4
k
2
g

aA

bB

2
36 CAPITOLO 3. FUSIONE NUCLEARE
E
E
r

Figura 3.5: Risonanza isolata e stretta. Il rapporto /E


r
`e minore del 10%. Nella regione della risonanza
la distribuzione di Boltzmann delle energie pu`o essere considerata costante.
quindi la sezione durto integrata (3.59) pu` o essere espressa come:
_

0

BW
(E) dE =

2

r
, (3.60)
e il tasso di reazioni diventa:
< v >=
_
8
m
_
1/2
_
1
k
B
T
_
3/2
E
r
exp
_

E
r
k
B
T
_

2

r
. (3.61)
E importante far notare come in questo tipo di reazione la posizione della risonanza E
r
sia estre-
mamente importante per il valore del tasso di reazione. Per valori di E
r
relativamente bassi, il
contributo prodotto dalla distribuzione di Boltzmann delle energie aumenta esponenzialmente. La
diminuzione delle ampiezze `e ordini di grandezza inferiore a questo aumento. Nei processi di
fusione stellare le risonanze isolate di bassa energia, dellordine del keV, sono molto pi` u importanti
di quelle che appaiono ad energie di qualche MeV.
Quando le risonanze hanno ampiezze confrontabili con lenergia di risonanza, /E
r
> 0.1, si
parla di risonanze ampie. In questo caso lipotesi che le ampiezze siano indipendenti dallenergia,
utilizzata nei calcoli precedenti, non `e pi` u ben fondata. Lespressione del tasso di reazione `e data
dalla (3.58) in cui si deve conoscere la dipendenza della sezione durto di Breit-Wigner, ovvero la
dipendenza esplicita delle ampiezze dallenergia E. Normalmente questa dipendenza dallenergia
`e ottenuta analizzando processi di reazione tra nuclei pesanti, ottenuti in laboratorio. Lattivit`a
di laboratorio per lo studio di processi atrsosici, `e molto complessa perch`e bisogna riprodurre
fenomeni che avvengono ad energie estremamente basse per gli acceleratori di laboratorio. Inoltre
la barriera coulombiana abbassa enormemente la probabilit` a di reazione, e quindi le reazioni che
si vogliono studiare sono molto pi` u rare di quelle che normalmente avvengono alle tipiche energie,
dellordine di qualche MeV, dei tradizionali laboratori di sica nucleare. Per questo motivo i
laboratori di sica nucleare per lastrosica, sviluppano, ed utilizzano, tecnologie molto speciche,
[Rol88].
Capitolo 4
Reazioni nucleari nelle stelle della
sequenza principale
In questo capitolo tratteremo con qualche dettaglio le reazioni nucleari che avvengno allinterno
delle stelle, e permettono loro di brillare per miliardi di anni. Pi` u specicatamente, in questo
capitolo tratteremo della combustione dellidrogeno, che `e la reazione pi` u importante nelle stelle
appartenenti alla sequenza principale. Nel prossimo capitolo ci soermeremo sulla combustione
dellelio, che si innesca quando il combustibile di idrogeno `e esaurito. Questo processo riguarda
le giganti rosse. La struttura delle stelle che si trovano in successive fasi evolutive, come le nane
bianche o le stelle di neutroni, non dipende da speciche reazioni nucleari.
La combustione dellidrogeno `e responsabile della struttura delle stelle che si trovano nella
sequenza principale. Globalmente questo processo consiste in una catena di reazioni il cui risultato
nale `e quello di trasformare quattro protoni in un nucleo di elio, pi` u due positroni e due neutrini
elettronici:
4p
4
He + 2e
+
+ 2
e
. (4.1)
La sequenza presentata considera a sinistra lo stato iniziale del sistema adronico e a destra il
risultato nale. In realt`a il risultato a destra `e ottenuto attraverso diverse serie di reazioni nucleari
che si susseguono ordinatamente. Queste serie di reazioni sono classicate come catene di reazione.
Per quanto riguarda la reazione (4.1) si identicano due catene di reazioni, la pp, che prende il
nome dalla prima reazione della catena, e la catena CNO, da Carbonio, Azoto e Ossigeno, in cui
questi elementi pesanti fungono da catalizzatori nella produzione di elio. Il Q valore della reazione
(4.1) `e di 26.73 MeV, ma non non sempre tutta questa energia `e resa disponibile alla stella. Questo
dipende dalla catena di reazioni attivate.
4.1 La catena pp
La catena pp `e la pi` u ecace a temperature dellordine di 10
7
K ed `e quella che interessa maggior-
mente il sole. I due protoni possono fondersi e formare un deutone, solo se le loro distanze sono
dellordine di qualche fm. Il loro avvicinamento `e ostacolato dalla repulsione coulombiana, ma il
processo di fusione pu` o avvenire per eetto tunnel, come descritto nella sezione 3.3. Lenergia
necessaria per innescare la reazione nucleare `e fornita dalla contrazione gravitazionale. Durante il
processo di contrazione, la temperatura del gas cresce no a quando le energie cinetiche dei pro-
toni non raggiungono valori sucienti per linnesco delle reazioni nucleari. Le reazioni producono
energia che tende a far espandere il gas, e questo controbilancia la contrazione gravitazionale. Si
raggiunge quindi uno stato di equilibrio della stella, che mantiene un volume costante ed emette
energia con potenza costante, sopratutto sottoforma di radiazione elettromagnetica, ma anche di
neutrini.
37
38CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
Nella gura 4.1 sono indicate le reazioni che fanno parte del ciclo pp. Tutte le varie diramazioni
terminano con la produzione di
4
He. Analizzaremo nel seguito in dettaglio le varie reazioni della
catena.
p + p d + e
+
+
99.75
p + p + e
-
d +
0.25
d + p
3
He +
0.02 14
86

3
He + p
4
He + + e
+

3
He +
4
He
7
Be +
99.98 0.02

7
Be + e
-

7
Li +
7
Be + p
8
B +

8
B
8
Be + e
+
+

3
He +
3
He
4
He + p + p
7
Li + p
4
He +
4
He
8
Be
4
He +
4
He
pp1 pp2 pp3
Figura 4.1: Catena pp. I numeri accanto ai singoli rami indicano le probabilit` a percentuali delle reazioni.
4.1.1 Formazione del deutone
Il primo passo della catena di reazioni pp consiste nella formazione del deutone:
p +p d +e
+
+
e
, (4.2)
con un Q valore di 1.44 MeV. Il processo (4.2) `e mediato dallinterazione debole che cambia un
protone in un neutrone. Ricordiamo che solo linterazione debole pu` o cambiare il sapore dei quark.
Secondo la regola doro di Fermi, la probabilit` a di transizione per unit`a di tempo, cio`e il tasso
di reazione, `e, [Seg81]:
dw
dp
e
=
2
h
|H
if
|
2
(E) , (4.3)
dove abbiamo indicato con (E) la densit`a degli stati nali del positrone e del neutrino, e con H
if
lhamiltoniana di interazione.
Il processo di reazione `e descritto dai diagrammi della gura (4.2). Il diagramma A indica che
il processo (4.2) prevede la trasformazione di un protone in un neutrone, attraverso lo scambio
di un bosone W con la coppia neutrino e positrone. Lhamiltoniana di interazione, che descrive
questo processo di transizione, pu` o essere espressa come:
H
if
=
_
d
4
xd
4
y

d
(x)

e
(y)

e
(y)P(x, y)
pp
(x) , (4.4)
dove P(x, y) `e il propagatore che descrive lo scambio del W. Nel vertice x c`e la transizione adronica
tra lo stato iniziale composto da due protoni
pp
allo stato nale, il deutone,
d
. In y abbiamo il
vertice leptonico, che appare solo nello stato nale, ed `e composto da positrone
e
e neutrino

e
.
Dato che la massa del bosone W, 81 GeV, `e molto pi` u grande delle energie in gioco, al massimo di
4.1. LA CATENA PP 39
p p
p n
W
x
y
e
+

A
p p
p n
x
e
+

B
Figura 4.2: Diagrammi che schematizzano la formazione del deutone.
pochi MeV, il propagatore P(x, y) `e ben descritto, come nella teoria di Fermi, da uninterazione
puntiforme, (vedi il diagramma B della gura). Utilizzando ben note tecniche di teoria dei campi
[Bjo64] la parte di integrazione temporale si collega alla conservazione dellenergia e lhamiltoniana
di interazione (4.4) pu` o essere descritta in termine di integrazione delle coordinate spaziali:
H
if
=
_
d
3
xd
3
y

d
(x)

e
(y)

e
(y) g(x y)
pp
(x) , (4.5)
dove P(x, y) = g(x y) e g `e la costante di accoppiamento debole.
Descriviamo il processo nel sistema del centro di massa dello stato iniziale dei protoni. In
questo caso
pp
descrive il moto relativo dei due protoni. Trascurando linterazione coulombiana,
possiamo descrivere questa funzione donda relativa in termini di onda piana:

pp
(x) =
1

V
e
ikx
, (4.6)
dove k `e limpulso relativo tra i due protoni. Per semplicare i calcoli, consideriamo per semplicit` a
un volume unitario V = 1. Dato che |k| =

mE, e le energie in gioco sono molto inferiori alla


massa del protone, possiamo considerare k r << 1. Quindi abbiamo:

pp
(x) 1 . (4.7)
Per quanto riguarda lo stato nale, le funzioni donda del positrone e del neutrino possono essere
descritte come onde piane, trascurando linterazione coulombiana attiva tra elettrone e deutone:

e
(x) =
1

V
e
ik
e
r
;

e
(x) =
1

V
e
ik

e
r
. (4.8)
Utilizziamo anche in questo caso lapprossimazione:

e
(x) =

e
(x) = 1 . (4.9)
Consideriamo per la funzione donda del deutone soltanto la parte che descrive il moto relativo dei
due nucleoni, dato che le energie in gioco sono molto pi` u piccole della massa del deutone. La fun-
zione donda del deutone `e piuttosto complicata, perch`e comprende termini con momento angolare
40CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
orbitale L = 0 e anche termini con L = 2 generati dalla parte tensoriale dellinterazione nucleone-
nucleone. Per i nostri scopi per` o, possiamo utilizzare unespressione approssimata ([Eis76], cap.
2.1), che si ottiene considerando solo la parte scalare del potenziale nucleare e approssimandola ad
una buca quadrata:

d
(r) =
_
2K
d
4
e
K
d
r
r
, (4.10)
dove abbiamo denito
1
K
d
=

h
2
m
p
B(2, 1)
4.3 fm ,
e dove B(2, 1) = 2.2 MeV, `e lenergia di legame del deutone, e m
p
`e la massa del protone. Inserendo
nellequazione (4.5) tutte le parti calcolate sopra, otteniamo:
|H
if
|
2
=

g
_

0
_
2K
d
4
e
K
d
r
r
d
3
r

2
= g
2
8
K
3
d
. (4.11)
Lenergia massima disponibile per lelettrone ed il neutrino `e E
max
= 2m
p
m
d
= 0.93 MeV.
Per quanto riguarda il calcolo della densit`a degli stati nali abbiamo che:
dN
e
dN

e
=
4
(2h)
3
p
2
e
dp
e
4
(2h)
3
p
2

e
dp

e
=
_
4
(2h)
3
_
2
p
2
e
dp
e
(E
max

e
)
2
1
c
3
d(E
max

e
) , (4.12)
dove, supponendo che sia nulla la massa del neutrino, abbiamo utilizzato:
p

e
/c = (E
max

e
)/c .
La densit`a degli stati `e:
(E
max
) =
d
2
N
dp
e
d(E
max

e
)
=
_
4
(2h)
3
_
2
p
2
e
(E
max

e
)
2
1
c
3
, (4.13)
e quindi la probabilit` a di transizione per unit`a di tempo (4.3) risulta essere:
dw
dp
e
=
2
h
g
2
8
K
3
d
_
4
(2h)
3
_
2
p
2
e
(E
max

e
)
2
c
3
. (4.14)
Questa relazione pu` o essere facilmente integrata numericamente. Per ottenere ordini di grandezza
semplichiamo lespressione ipotizzando trascurabile la massa a riposo dellelettrone in modo che
p
2
e
=
2
e
. Questa ipotesi non `e molto realistica dato il valore di E
max
. In ogni caso, cos` facendo
otteniamo:
w =
_
p
max
0
dw
dp
e
dp
e
=
4g
2

2
K
3
d
h
7
c
3
_
p
max
0
(E
max

e
)
2
p
2
e
dp
e
=
4g
2

2
K
3
d
h
7
c
6
_
E
max
0
(E
max

e
)
2

2
e
d
e
=
4g
2

2
K
3
d
h
7
c
6
E
5
max
30
. (4.15)
Prima di inserire i valori numerici nellespressione precedente, facciamo alcune considerazioni ri-
guardanti i momenti angolari coinvolti nella transizione. Lenergia relativa dei due protoni `e piccola
rispetto alla loro massa. I due protoni si muovono essenzialmente in onda relativa s, cio`e con mo-
mento angolare relativo nullo, e per questo motivo abbiamo fatto lapprossimazione (4.7). Dato
che sono due fermioni identici la funzione donda totale deve essere antisimmetrica sotto lo scam-
bio delle due particelle. La parit`a della parte radiale della funzione donda, `e legata alla parit`a
dellarmonica sferica (1)
L
dove L `e il momento angolare orbitale. Dato che nel nostro caso L = 0,
4.1. LA CATENA PP 41
la parte radiale della funzione donda ha parit`a positiva. Questo implica che la parte di spin della
funzione donda deve essere antisimmetrica, quindi il sistema ha spin totale S = 0.
Dopo la reazione, il sistema adronico `e formato dal deutone, stato legato di un protone ed un
neutrone, principalmente con momento angolare L = 0, con un contributo del 4% circa di L = 2.
Il momento angolare totale `e 1, quindi lo spin totale `e S = 1. La transizione debole con L = 0
che trasforma S = 0 in S = 1 `e detta di Gamow-Teller. In generale, sono dette transizioni di
Gamow-Teller quelle caratterizzate dal cambio di ununit` a di spin, S = 1, mentre sono dette di
Fermi quelle in cui non c`e cambio di spin S = 0. Empiricamente si trova che, per gli adroni,
la costante di accoppiamento per le transizioni di Gamow-Teller, g
GT
, `e diversa da quella delle
transizioni di Fermi g
F
[Bla62, Seg81, Ben00].
I valori di g
GT
e g
F
sono stati misurati con accuratezza nel decadimento del neutrone
n p +e

+
e
.
La dierenza tra i valori di g
GT
e g
F
`e legata al fatto che i nucleoni hanno struttura interna,
e al fatto che, mentre la parte vettoriale della corrente debole `e conservata, non lo `e la parte
vettor-assiale. Una trattazione dettagliata del problema va al di l` a degli scopi di queste note.
Cercheremo comunque di presentare le idee di base.
La struttura della corrente debole `e di tipo V A (vettor assiale)
J
w
= g

(1 c
A

5
) ,
dove con indichiamo le solite matrici 4x4 utilizzate nellequazione di Dirac, e g `e la costante
universale dellinterazione debole. Per leptoni e quark c
A
= 1, ma per i nucleoni si ha c
A

1.25.
Il termine vettoriale dellinterazione debole, quello legato a

`e responsabile per le transizione


di Fermi, mentre il termine vettor assiale

5
produce le transizioni Gamow-Teller.
Le correnti elettromagnetiche hanno solo termini vettoriali. E un dato empirico che la carica
elettrica del protone `e identica, in valore assoluto, alla carica dellelettrone. Questo fatto `e
sorprendente considerato che il protone `e composto da quark che interagiscono scambiandosi
gluoni. Linterazione forte non modica la corrente elettromagnetica del protone. Questo fatto
`e legato alla conservazione della corrente elettromagnetica.
In analogia con linterazione elettromagnetica anche la parte vettoriale dellinterazione debole
`e conservata, ma non la parte vettor assiale, che `e modicata dallinterazione forte che tiene
legati i quark nel nucleone. In realt`a la violazione della corrente vettor-assiale non `e molto
grande, tanto che si parla di corrente assiale parzialmente conservata (Partially Conserved
Axial Current PCAC). Pi` u accurate descrizioni del problema si trovano in [Mor87, Bha88,
Gro90].
Sostituiamo nella (4.15) i valori numerici
g
GT
= 1.12 10
4
MeV fm
3
K
d
= 0.23 fm
1
E
max
= 0.93 MeV
h = 6.58 10
22
MeV s , (4.16)
e otteniamo
w = 2.4 10
1
s
1
fm
3
.
Questa stima `e leggermente pi` u grande, di un fattore 2.5, rispetto al valore che si otterrebbe
considerando anche la massa dellelettrone:
w = 10
1
s
1
fm
3
.
42CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
La probabilit` a di attraversamento della barriera, vedi leq. (3.45), deve essere mediata dalla
distribuzione di energie di Maxwell
< T >=
_
T(E)(E)dE =
2

(k
B
T)
3/2
_

E exp
_

E
k
B
T

B
E
1/2
_
dE , (4.17)
dove B `e stato denito in Eq. (3.52). Per una temperatura di T= 1.5 10
7
K, abbiamo che:
< T > 2 10
5
.
Stimiamo la luminosit`a del sole per questa temperatura, calcolando il numero di reazioni di
fusione che producono deutoni. Il numero di queste reazioni per unit`a di tempo `e dato dal prodotto
di w e di < T >, quindi, considerando un volume di un fm
3
, abbiamo:
w < T >= 2 10
5
10
1
s
1
fm
3
.
Il numero delle coppie di protoni che possono combinarsi `e dato da N(N 1)/2 N
2
/2 dove N `e
il numero di protoni contenuto in un volume V . Quindi la densit`a delle coppie `e:
1
2
N
2
V
=
1
2
V n
2
,
dove n = N/V `e la densit`a di numero di protoni. La velocit` a di produzione di deutoni `e
dN
d
dt
=
1
2
V n
2
w < T > . (4.18)
Supponendo che il volume solare interessato ai fenomeni termonucleari sia dato da una sfera di
raggio 1/4 del raggio solare ossia un volume di
V = 22 10
24
m
3
.
La densit`a media del numero di protoni `e data dal rapporto tra la densit`a media della materia
solare nella regione centrale e la massa del protone
n = 6.2 10
31
/ m
3
,
e quindi il numero di protoni nel volume considerato `e
N = nV = 1.36 10
57
,
quindi il tasso delle reazioni di produzione di deutoni `e:
dN
d
dt
=
1
2
(1.36)
2
10
114
22 10
24
2 10
6
10
45
s
1
= 8.4 10
37
s
1
.
Il fattore 10
45
`e dato dal passaggio dalle unit`a m
3
alle unit`a fm
3
. Lenergia liberata da un
processo di produzione di
4
He `e al massimo 26.72 MeV di energia. Dato che per formare un
4
He
ci vogliono due deutoni, lenergia liberata `e la met`a. Quindi lenergia liberata in un secondo `e
L

= 13.4
dN
d
dt
10
39
MeV/s .
Il valore calcolato `e vicino a quello osservato (2.4 10
39
MeV/s).
Possiamo stimare lenergia totale che il sole pu` o liberare utilizzando questo tipo di processo.
Ipotizzando che tutta la massa del sole sia disponibile per la fusione dellidrogeno, lenergia liberata
`e:
E

=
M

4m
p
26.72 MeV
2 10
30
kg
4 1.67 10
27
kg
26.72 MeV 8 10
57
MeV .
4.1. LA CATENA PP 43
La vita del sole `e stimata dividendo lenergia totale da erogare per il tasso di emissione, la
luminosit`a:
t =
E

=
8 10
57
MeV
10
39
MeV/s
3.3 10
18
s = 10
11
y .
Questa stima `e circa 20 volte pi` u grande di quella che `e stimata essere lattuale et`a del sole, circa
5 miliardi di anni. In realt`a la combustione dellidrogeno avviene solo allinterno della stella e
coinvolge soltanto il 10% circa della massa totale dellidrogeno. Quindi si stima che la vita del sole
nel suo attuale stato sico, debba essere dellordine di 10
10
anni circa. Il sole `e una stella che ha
gi` a trascorso met`a della sua vita nella fase di combustione dellidrogeno.
La sezione durto del processo si ottiene dividendo l eq. (4.3) per il usso, la velocit` a delle
particelle incidenti nel nostro caso, e moltiplicandola per il volume di interazione, che nel nostro
caso `e 1 fm
3
. La velocit` a delle particelle incidenti pu` o essere calcolata come:
v =
_
2E/m
p
,
e, ipotizzando unenergia di collisione di 1 MeV abbiamo che:
v = 1.4 10
22
fm/s ,
e quindi:
< >=
w < T >
v
fm
3

10
6
s
1
1.4 10
22
fm/s
fm
3
7 10
30
fm
2
.
Questa `e una stima grossolana, calcoli pi` u accurati formiscono sezioni durto dellordine di 10
21
fm
2
. Queste sezioni durto sono troppo piccole per essere studiate in laboratorio con le attuali
tecniche. Considerando fasci di protoni con corrente di 1 mA, e un bersaglio di idrogeno abbastanza
spesso (10
27
atomi m
2
) si stima che avvenga una interazione ogni 10
6
anni [Rol88]. A meno di
un grosso sviluppo delle tecniche sperimentali che possano permettere lutilizzazione di fasci di
protoni con correnti di kA, o addirittura MA, le informazioni che si hanno su questi processi
sono puramente teoriche. Vale la pena di ricordare comunque la grande adabilit` a delle nostre
conoscenze della sica nucleare dei sistemi a pochi corpi, che permettono di descrivere le propriet` a
del deutone e delle sezioni durto elastiche tra due nucleoni con la precisione di poche parti su
cento. Questo d`a grande adabilit` a ai valori delle sezioni durto calcolate.
Nella gura 4.1 `e indicata una reazione alternativa alla (4.2):
p +p +e

d +
e
, (4.19)
che sintetizza il deuterio. Bisogna ricordare che il gas allinterno della stella `e fortemente ionizzato.
Quindi pu` o essere considerato come come una miscela di protoni ed elettroni. In questo caso la
probabilit` a che un protone ha di incontrare un altro protone `e simile a quella di incontrare un
elettrone. Quindi dal punto di vista probabilistico la (4.2) e la (4.19) sono equiprobabili. In realt`a
il valore della sezione durto (4.19) `e pi` u piccolo di 4 ordini di grandezza rispetto a quello della
reazione p +p. La reazione (4.19), detta PEP, `e praticamente irrilevante dal punto di vista della
produzione energetica nel processo di combustione dellidrogeno. E comunque interessante dal
punto di vista della rivelazione dei neutrini, dato che produce neutrini monoergetici con energia di
1.44 MeV.
4.1.2 Il ciclo pp1
La fusione dellidrogeno produce deuterio. Il deuterio viene bruciato nelle stelle utilizzando le
reazioni presentate nella Tab. 4.1. In questa tabella abbiamo indicato le reazioni nucleari con la
simbologia
a +b + b(a, ) .
44CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
Reazione Q S(0)
I d(p, )
3
He 5.494 0.25 10
3
II d(d, )
4
He 23.847 0.03 10
3
III d(d, p)
3
H 4.033 39
IV d(d, n)
3
He 3.269 37
V d(
3
He, p)
4
He 18.354 6240
VI d(
3
He, )
5
Li 16.388 0.3
VII d(
4
He, )
6
Li 1.472 0.03 10
3
Tabella 4.1: Reazioni di combustione del deuterio. I Q-valori sono espressi in MeV, ed i fattori astrosici
S(0) in keV b = keV 10
2
fm
2
(da [Rol88]).
Nella tabella presentiamo, accanto alla reazione, il Q-valore e anche il fattore astrosico S(0)
denito nellequazione (3.50).
Il tasso totale di reazione `e dato dal prodotto del tasso di reazione per la coppia di particelle
che reagiscono < v >
12
per il numero delle particelle che possono partecipare alla reazione.
r
12
=
N
1
N
2
1 +
12
< v >
12
.
Nonostante il valore di S(0) sia relativamente piccolo, la reazione pi` u frequente allinterno delle
stelle `e la I
p +d +
3
He ,
per la grande abbondanza di protoni, rispetto alla presenza degli altri nuclei coinvolti nelle altre
reazioni. Denendo con H e D le abbondanze relative di idrogeno e deuterio, la dipendenza dal
tempo dellabbondanza di deuterio `e data dallequazione:
dD
dt
= r
pp
r
pd
=
1
2
H
2
< v >
pp
HD < v >
pd
. (4.20)
Il tasso di presenza di deuterio `e dato dalla dierenza tra il tasso di produzione e quello di combu-
stione. La reazione I avviene tramite interazione elettromagnetica, che `e notevolmente pi` u intensa
dellinterazione debole, responsabile del processo di produzione del deuterio. Questo indica che la
reazione I avviene molto pi` u velocemente della reazione di produzione del deuterio. Abbiamo visto
che la vita di un protone allinterno del sole `e dellordine di 10
10
anni. La stima della vita media
del deutone per il processo I, `e di circa 1.5 s. Ovviamente la condizione di equilibrio della reazione
I, `e legata alla reazione pp. Le altre reazioni mostrate nella tabella 4.1 avvengono raramente, in
confronto alla I, per la bassa densit`a degli elementi che dovebbero reagire.
Reazione Q S(0)
I
3
He(d, )
5
Li 16.388 0.3
II
3
He(d, p)
4
He 18.354 6240
III
3
He(
3
He, )
6
Be 11.497 0.8
IV
3
He(
3
He, 2p)
4
He 12.860 5500
V
3
He(, )
7
Be 11.497 0.8
Tabella 4.2: Reazioni di combustione di
3
He. I Q-valori sono espressi in MeV, ed i fattori astrosici S(0)
in keV b = keV 10
2
fm
2
(da [Rol88]).
La combustione del deuterio produce principalmente
3
He che a sua volta viene consumato
secondo le reazioni mostrate in tabella 4.2. Le reazioni II e IV hanno i fattori astrosici maggiori
e ci si potrebbe aspettare che entrambi contribuiscano alla produzione dell
4
He. In realt`a la
reazione II `e di scarsa importanza poich`e il deuterio prodotto dalla reazione pp `e immediatamente
4.1. LA CATENA PP 45
consumato e quindi la sua abbondanza allinterno della stella `e relativamente bassa. La reazione
IV `e relativamente lenta perch`e la barriera coulombiana da superare `e piuttosto alta. In ogni caso
`e la reazione IV quella che chiude la catena di reazioni chiamata ciclo pp1 (vedi Fig. 4.1).
Il rapporto tra le abbondanze relative di deuterio e idrogeno che risultano dalla nucleosintesi
sono (D/H) 10
17
, 10
18
. Questo valore `e in palese contrasto con quello osservato nel sistema
solare 10
4
, e in generale nella galassia 10
5
. E evidente che il deuterio che si trova nello spazio
interstellare ha origine diversa, cosmogenica, rispetto a quello prodotto allinterno delle stelle (vedi
il capitolo 9.1).
4.1.3 I cicli pp2 e pp3
Abbiamo discusso in dettaglio la reazione p(p, e
+
)d di formazione del deuterio e la d(p, )
3
He di
combustione del deuterio, che forma il nucleo di
3
He. Per l86% dei casi il nucleo
3
He si fonde con
un altro nucleo di
3
He producendo
4
He e due protoni, e questo conclude il ciclo pp1. Negli altri
casi si ha, la reazione rara
3
He(p, e
+
, )
4
He ,
inibita dalla barriera coulombiana, ma sopratutto dal fatto di essere indotta dallinterazione debole,
e le sequenze di reazioni nucleari che formano il ciclo pp2 e pp3. Globalmente questi cicli sono
formati, per ciclo pp2 dalle reazioni
p +p e
+
+ +d
d +p +
3
He
3
He + +
7
Be
7
Be +e

+
7
Li
7
Li +p + ,
e per il ciclo pp3, e dalle reazioni
p +p e
+
+ +d
d +p +
3
He
3
He + +
7
Be
7
Be +p +
8
B
8
B +e
+
+
8
Be

8
Be

+ .
Tutte le catene pp implicano la conversione di quattro protoni in un nucleo di
4
He. In tutte e
tre le catene lenergia prodotta `e la stessa Q=26.73 MeV. In realt`a non tutta questa energia pu` o
essere utilizzata per stabilire lequilibrio termo-idrodinamico della stella. Parte di questa energia
viene persa perche i neutrini prodotti escono dalla stella. Il calcolo dellenergia media dei neutrini
che sfuggono alla stella produce i risultati mostrati nella Tab. 4.3, che mostrano come il ciclo pp1
sia quello pi` u importante anche dal punto di vista del Q valore eettivo. In generale lenergia persa
per emissione di neutrini `e dellordine del 1% di tutta lenergia prodotta dalla stella. Nellesplosione
della supernova i neutrini trasportano circa il 99% dellenergia prodotta.
Q
eff
perdita
pp1 26.20 2.0%
pp2 25.66 4.0%
pp3 19.17 28.3%
Tabella 4.3: Ecienza delle catene pp. Il Q valore eettivo `e espresso in MeV.
46CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
I cicli di reazione che abbiamo presentato sono matematicamente descritti come un sistema di
equazioni dierenziali che regolano labbondanza dei vari nuclidi coinvolti nelle diverse reazioni,
in analogia allespressione (4.20). Dalla soluzione di queste equazioni, si ottiene che la produzione
totale di energia del sole `e E
tot
=5.1 10
10
MeV kg
1
s
1
. Dividendo la luminosit`a del sole per
questo valore si ha che:
m =
L

E
tot
= 4.7 10
28
kg
che confrontata con M

indica che soltanto il 2.4% della massa solare `e coinvolta nel processo di
combustione dellidrogeno.
La catena pp fornisce limportante meccanismo di produzione dell
4
He senza utilizare la presenza
di nuclei pi` u pesanti che facciano da catalizzatori delle varie reazioni. Questo permette di formulare
una teoria generale della nucleosintesi di tutti gli elementi partendo dallidrogeno.
4.2 La catena CNO
Le stelle di prima generazione (popolazione II) sono formate principalmente di idrogeno e quindi
la loro energia `e prodotta dal ciclo pp presentato nella sezione precedente. Le stelle di seconda,
o terza generazione, (popolazione I) si sono formate dalle ceneri di stelle esplose. La nube di gas
che si `e condensata contiene anche anche elementi pi` u pesanti dellidrogeno e dellelio, elementi
deniti talvolta come metalli nel gergo astrosico. Questi elementi partecipano a reazioni nucleari
fungendo da catalizzatori nel processo di fusione di quattro protoni che formano un nucleo di
4
He,
una particella . Il coinvolgimento di questi nuclei in processi di reazione implica il superamento
di barriere coulombiane pi` u grandi di quelle presenti nella catena pp. Per questo motivo, queste
reazioni avvengono a temperature pi` u grandi di quelle di una stella come il sole. Queste temperature
si attivano in stelle pi` u massive del sole.
Ovviamente i nuclei pi` u pesanti dellelio che partecipano a reazioni nucleari sono privilegiati se
la barriera coulombiana `e bassa e se la loro abbondanza relativa `e alta. Per una serie di motivi
che saranno spiegati nel capitolo 5, i nuclei intermedi tra
4
He e
12
C sono poco abbondanti nelle
stelle, mentre lo sono i nuclei di carbonio e azoto. E quindi grazie a questi nuclei che si attiva il
cosidetto ciclo CN.
A
12
C +p +
13
N
B
13
N e
+
+ +
13
C
C
13
C +p +
14
N
D
14
N +p +
15
O
E
15
O e
+
+ +
15
N
F
15
N +p +
12
C .
I quattro protoni sono sintetizzati nelle reazioni A, C, D e F in
4
He, che appare nella reazione nale
F. Il nucleo di
12
C appare nella prima reazione e nellultima. Quindi si comporta da catalizzatore,
e non viene distrutto dal ciclo di reazioni. Anche se allinizio dellinnesco del ciclo di reazioni fosse
presente solo il nucleo
12
C, il ciclo produce nuovi nuclei.
Come nel ciclo pp anche in questo caso la velocit` a del ciclo `e limitata dalla reazione pi` u lenta.
In questo caso il problema consiste nel superamento della barriera coulombiana. Da questo punto
di vista le reazioni D e F sono paritarie, dato che si tratta di un protone che deve superare la
barriera di un nucleo di azoto. La reazione F `e gestita dallinterazione nucleare forte, quindi `e pi` u
veloce della reazione D che `e mediata dallinterazione elettromagnetica. E quindi la reazione D il
collo di bottiglia che denisce la velocit` a con cui il ciclo CN avviene.
In realt`a, una volta formato il nucleo, di
15
N nella reazione E dopo aver assorbito un protone
e decadere in e
12
C, pu` o formare un nucleo di
16
O ed innescare un altro ciclo, detto CNO:
G
15
N +p +
16
O
4.2. LA CATENA CNO 47

12
C
p

13
N
e
+
+

13
C
p

14
N
p

15
O
e
+
+

15
N
p p

16
O
p

17
F
p

17
O
p

Figura 4.3: Le due catene CNO combinate.
H
16
O +p +
17
F
I
17
F e
+
+ +
17
O
J
17
O +p +
14
N ,
che produce il combustibile per la reazione D. I due cicli si combinano come indicato dalla 4.3.
La reazione G `e mediata dallinterazione elettromagnetica, quindi molto pi` u lenta e rara della
F che `e invece mediata dallinterazione forte. Si stima che il ciclo CNO avvenga una volta ogni
mille cicli CN. Quindi non ha grande rilevanza dal punto di vista della produzione energetica,
anche se `e invece importante per la nucleosintesi.
E gi` a stato accennato che le reazioni del ciclo CNO possono avvenire solo a temperature
superiori a quelle sucienti per innescare il processo pp, perch`e `e necessario fornire ai protoni
maggiore energia cinetica in modo da permettere loro di superare la superiore barriera coulombiana.
E necessario quindi che le stelle siano relativamente massive. Il sole, ad esempio, non ha massa
suciente per poter innescare questo ciclo.
Le catene pp e CNO dipendono fortemente dalla temperatura. Il tasso di reazioni cresce
rapidamente con la temperatura di innesco, per poi stabilizzarsi quando la temperatura `e molto
pi`e grande della temperatura di innesco. Dato che per la catena pp la temperatura di innesco `e
inferiore a quella della reazione CNO, la reazione pp raggiunge prima la situazione di soglia. Alle
temperature del sole il tasso di produzione di energia per il ciclo pp, `e proporzionale a T
4
. Si
tratta della derivata della curva dellenergia prodotta, in funzione della temperatura calcolata a
T = 15 10
6
K. Lo stesso calcolo per lenergia prodotta dal ciclo CNO d`a un risultato di T
18
.
In casi di stelle supermassive, con masse superiori a 10
5
masse solari, e anche in altre situazioni
come novae, supernovae, o formazione di stelle di neutroni, temperature e densit`a sono cos` alte
che il ciclo CNO opera nellarco di pochi secondi, tanto che nuclei instabili, come il nucleo
13
N,
non hanno il tempo di decadere, e possono assorbire un protone.
Questo fatto amplia la possibilit`a di formare cicli di reazioni nucleari diversi da quelli del ciclo
CNO. La diversicazione del ciclo CNO non `e importante per la produzione di energia, ma
`e estremamente rilevante per la nucleosintesi. Questi nuovi cicli che si aprono, permettono di
sintetizzare nuclei pi` u pesanti dellossigeno. Il processo pu` o continuare generando nuclei no al
56
Fe. Per nuclei pi` u pesanti di questo isotopo la fusione nucleare non `e pi` u esotermica e quindi
non avviene spontaneamente.
48CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
4.3 Emissione di neutrini
[m
2
s
1
] % E

[MeV]
p +p e
+
+ +d 6.010
12
2% 90.97 0.42
p +e

+d 1.4310
10
4% 0.22 1.44
3
He +p e
+
+ + 1.2310
5
0.22 18.77
7
Be +e

+
7
Li 4.8910
11
18% 7.41 0.38 (10%)
0.86 (90%)
8
B e
+
+ +
8
Be 5.6910
10
43% 14.06
13
N e
+
+ +
13
C 4.9210
12
51% 0.75 1.20
15
O e
+
+ +
15
N 4.2610
12
58% 0.65 1.73
17
F e
+
+ +
17
O 5.3910
10
48% 1.74
Tabella 4.4: Flussi sulla terra ed energia massima dei neutrini prodotti dalle principali reazioni nel sole.
Queste stime sono ottenute utilizzando il modello solare standard [Bah01].
Anche se lenergia trasportata dai neutrini `e solo una piccola frazione dellenergia prodotta
allinterno delle stelle, circa il 2% per il ciclo pp, i neutrini sono gli unici testimoni della validit`a dei
nostri modelli stellari. I processi che abbiamo descritto producono anche fotoni ad alta energia.
Questi fotoni sono soggetti a vari fenomeni di diusione, con sezioni durto relativamente alte, e di
conseguenza liberi cammini medi molto piccoli [Str06]. Si stima che i fotoni prodotti al centro del
sole dalle reazioni nucleari presentate in precedenza, impieghino tempi dellordine delle migliaia di
anni prima di arrivare in supercie.
I neutrini invece sfuggono dalla stella senza praticamente interagire. La sezione durto di
neutrini di energia dellordine del MeV con nuclei `e dellordine di 10
47
m
2
[Ben00]. Considerando
che la densit`a nella zona centrale del sole, dove avvengono le reazioni nucleari, `e dellordine di 10
31
nuclei/m
3
, il libero cammino medio dei neutrini `e 10
16
m. Dato che il raggio del sole `e di 7 10
8
m,
la stella risulta essere trasparente ai neutrini.
Nella tabella 4.4 sono presentati i ussi di neutrini attesi sulla terra provenienti dalle varie
reazioni nucleari. Questi ussi sono stimati utilizzando il cosidetto modello solare standard (MSS).
Il MSS formula la produzione di energia secondo le catene di reazione presentate in preceden-
za. Le abbondanze dei vari nuclei coinvolti nelle reazioni nucleari sono descritte da un sistema di
equazioni dierenziali del tipo della (4.20). Queste equazioni sono risolte dando come dati iniziali
labbondanza dei vari nuclei. Data la composizione chimica del sole si calcola la produzione di ener-
gia che viene inserita nelle equazioni (2.1-2.5) dellequilibrio della stella. I vari modelli dieriscono
per le condizioni iniziali. In ogni caso, si richiede ad un modello solare standard di riprodurre i
valori osservati della luminosit`a e del raggio del sole, e lattuale rapporto tra idrogeno ed elementi
pi` u pesanti, osservato alla supercie del sole.
La verica della validit`a del MSS `e stata posta sotto particolare attenzione in questi anni perch`e
le misure di neutrini provenienti dal sole indicavano ussi inferiori a quelli attesi. Le reazioni a
questa osservazione, ottenuta con un esperimento di tipo radiochimico in funzione dal 1968 [Dav89],
`e stata quella di mettere in dubbio la validit`a dellesperimento, e quella del MSS.
Il grande sforzo investigativo sia sperimentale sia teorico dallinizio degli anni 90, ha, da una
parte, permesso di confermare il risultato osservativo di Davis et al., e dallaltra di consolidare le
incertezze presenti nel MSS [Bah01]. La discrepanza tra i due risultati `e stata quindi attribuita
alle caratteristiche del neutrino con un fenomeno detto di oscillazione di sapore.
Recentemente un ranato esperimento ha permesso di misurare reazioni di neutrini provenienti
dal sole, sia di correnti cariche sia di correnti neutre. Senza entrare nei dettagli della tecnica
sperimentale presentiamo nel seguito lidea dellesperimento e i risultati ottenuti.
La reazione di base per un processo di corrente carica `e

l
+n p +l

, (4.21)
4.3. EMISSIONE DI NEUTRINI 49
Figura 4.4: Flussi di neutrini previsti dal MSS [Bah01]. Le linee tratteggiate di riferiscono al ciclo CNO.
I numeri indicano lincertezza teorica.
dove l indica il leptone carico l = e, , . Il processo (4.21) pu` o avvenire solo se il neutrino
l
ha
energia suciente per produrre il leptone carico l

. Nel caso del neutrino elettronico `e 0.5 MeV,


per il neutrino muonico `e necessaria unenergia di 105 MeV, e per il neutrino 1777 MeV. I neutrini
prodotti dal sole sono tutti di tipo elettronico e hanno tutti energie al di sotto dei 10 MeV. Se
nel viaggio dal sole alla terra il neutrino elettronico si trasforma in neutrino di unaltra famiglia,
questultimo risulta invisibile a rivelatori di leptoni carichi, perche non ha lenergia suciente per
produrre il letpone della sua famiglia.
Il neutrino pu` o interagire con la materia per mezzo di corrente neutra con un processo di
diusione elastica, ad esempio

l
+n
l
+n , (4.22)
oppure se interagisce con un nucleo X, con un processo anelastico del tipo:

l
+X X

l
, (4.23)
dove lasterisco indica uno stato eccitato del nucleo, e

indica che lenergia cinetica del sistema


non `e conservata (ovviamente lo `e lenergia totale). Nelle reazioni di corrente neutra, non c`e
alcuna energia di soglia. O meglio lenergia di soglia nel caso di reazioni anelastiche `e quella del
primo stato eccitato del nucleo bersaglio. Questo signica che la soglia di reazione non dipende
dalla famiglia del neutrino in un processo di corrente neutra.
Lapparato sperimentale del Sudbury Neutrino Observatory (SNO) ha permesso di misurare il
usso di neutrini solari generati dal decadimento
8
B. Le misure [Ahm02] rivelano i neutrini con
reazioni di cambio carica del tipo:

e
+d p +p +e

,
e di corrente neutra del tipo

l
+d p +n +
l
,
50CAPITOLO 4. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE DELLA SEQUENZA PRINCIPALE
dove, dato il nucleo considerato, lenergia di soglia del processo anelastico `e di 2.2 MeV.
Il usso misurato con reazioni di cambio carica `e compatibile con i ussi misurati da altri
esperimenti, ed `e inferiore al usso previsto dal MSS. Al contrario il usso misurato con corrente
neutra `e invece compatibile con le previsioni del MSS. Le deduzioni di questa misura sono le
seguenti.
1. Le misure precedenti del usso di neutrini solari fatte utilizzando solo processi di reazione
con cambio carica sono corrette.
2. La validit`a del MSS `e confermata.
3. Esiste un fenomeno che permette ai neutrini di cambiare il loro sapore leptonico.
Dal nostro punto di vista il punto 2) `e quello di interesse. Quanto speculato sulla sica delle
reazioni nucleari allinterno del sole `e vericato empiricamente grazie allosservazione dei neutrini.
Dal punto di vista della sica fondamentale, `e il punto 3) quello di grande interesse. Il motivo
pi` u plausibile che induce il fenomeno di oscillazione, `e la presenza di masse a riposo dei neutrini
diverse da zero. La misura diretta del valore delle masse dei neutrini, e le conseguenze teoriche di
masse diverse da zero sono problemi aperti della sica contemporanea.
Capitolo 5
Reazioni nucleari nelle stelle
giganti rosse
Nel capitolo precedente abbiamo visto che il meccanismo di produzione di energia nelle stelle della
sequenza principale `e la combustione dellidrogeno con la produzione di
4
He. Questo forma un
core di
4
He al centro della stella che diventa sempre pi` u massivo e si contrae, aumentando la
sua densit`a. Lenergia gravitazionale si trasforma in energia termica che riscalda gli strati pi` u
esterni della stella, quelli in cui avviene ancora la combustione dellidrogeno. Questo processo di
accrescimento della densit`a, e conseguente contrazione e riscaldamento del core di
4
He, produce
unespansione degli strati superciali della stella, no ad aumentarne il raggio anche di 50 volte.
In questo processo di espansione la temperatura superciale della stella diminuisce e la radiazione
emessa si sposta verso frequenze inferiori, verso il rosso. Questa `e la fase detta di supergigante
rossa.
Nel core di elio di una supergigante rossa non sono attive reazioni nucleari. Queste si attivano
in una fase successiva, dopo circa 100 milioni di anni, quando il core raggiunge densit`a e tempera-
ture sucienti ad innescare le reazioni nucleari che bruciano lelio. Il risultato dellaccendersi del
processo di combustione dellelio provoca instabilit` a nella stella. Questo avviene perch`e il core, che
adesso ha una fonte interna di energia comincia ad espandersi, rarendandosi. Questo raredda
anche la temperatura degli stati esterni al core, in cui avviene ancora la combustione dellidrogeno.
Per questo motivo, in questi strati la produzione di energia rallenta, e quindi lattrazione gravita-
zionale non `e pi` u bilanciata dalla pressione del gas. Gli strati pi` u esterni della stella si contraggono
no a raggiungere una nuova situazione di equilibrio. Questa `e la situazione di gigante rossa.
Dato che la vita della stella `e determinata dalla sua massa inziale, si stima che la trasformazione
di una stella della sequenza principale in gigante rossa possa avvenire per stelle di massa superiore
a met`a masse solari. Stelle di massa inferiore terminano il combustibile di idrogeno e si trasformano
direttamente in nane bianche.
5.1 La combustione dell
4
He
Nelle stelle di prima generezione le ceneri della combustione sono composte esclisivamente di
4
He.
Non `e possible produrre elementi pi` u pesanti data linstabilit`a di nuclei con A=5 e A=8. Non
esitono in natura nuclei stabili con questi valori della massa. Questo fatto implica che il processo
descritto nel capitolo 4 in cui si formano nuclei per cattura di un protone, si blocca una volta
formato l
4
He. Il nucleo di
12
C `e il quarto nucleo pi` u abbondante nelluniverso, dopo idrogeno
4
He e
16
O. Per il motivo menzionato sopra, chiamato gap di masse, il
12
C non pu` o avere origine
cosmologica, e deve essere sintetizato nelle stelle.
Uno dei problemi della nucleosintesi consiste nel capire come si possa superare il gap delle
masse. La fusione simultanea di tre particelle `e energeticamente possibile, ma la probabilit` a che
avvenga `e cos` bassa da non poter essere responsabile della presenza del
12
C.
51
52 CAPITOLO 5. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE GIGANTI ROSSE
Lidea `e quella che il
12
C sia formato in una sequanza a due passi. In un primo passo due
particelle si fondono per formare un nucleo di
8
Be. Lo stato fondamentale di questo nucleo `e
instabile per il decadimeno in due , con una vita media di 10
16
secondi. Tuttavia questo tempo
`e relativamente lungo rispetto ai 10
19
secondi del tempo di attraversamento del volume nucleare
da parte delle due particelle con energia cinetica totale di 92 keV prodotte dal decadimento.
Questo signica che una frazione di nuclei di
8
Be rimane in equilibrio dinamico tra le particelle
che lo producono e quelle in cui decadono
+
8
Be . (5.1)
Si stima che per temperature di 100 milioni di gradi e densit`a dellordine di 10
6
kg m
3
si abbia
un nucleo di
8
Be ogni 10
9
nuclei di
4
He.
A questo punto avviene il secondo passo del processo che pemette la cattura di una particella
da parte del
8
Be.
8
Be +
12
C + , (5.2)
quindi il risultato nale del processo `e la trasformazione di tre in
12
C. Una stima della sezione
durto per questo processo ha dimostrato per` o che la quantit`a di
12
C prodotto `e insuciente per
descrivere quella osservata.
Lipotesi `e che il processo (5.2) avvenga in presenza di una risonanza, con il meccanismo de-
scritto nella sezione 3.4. Il Q valore della reazione (5.2) `e di 7.68 MeV, lidea `e che esista una
risonanza stretta attorno a questa energia, che possa aumentare il valore della reazione di fusione.
Ovviamente il processo deve avvenire con la conservazione di momento angolare e parit`a. Dato
che gli spin di
8
Be e della particella sono nulli, e le loro parit`a intriseche sono positive, il momento
angolare e la parit`a dello stato iniziale sono caratterizzate dal momento angolare relativo dei due
nuclei in questione. Alle energie in questione, per banali ragioni geometriche la probabilit` a di
fusione in onda s, momento angolare nullo, `e favorita rispetto alle situazioni con momenti angolari
maggiori. Si deve quindi trovare una risonanza di tipo J

= 0
+
a circa 7.68 MeV. Lo sforzo
combinato di vari laboratori ed esperimenti ha permesso di individuare una risonanza di questo
tipo a 7.654 MeV. Lo studio accurato dellampiezza di decadimento di questa risonanza ha permesso
di calcolare la sezione durto, e il tasso di reazioni. Tutto risulta compatibile con losservazione.
Anche per quanto riguarda la combustione dellidrogeno abbiamo indicato la dipendenza dal
tasso di produzione dellenergia con la temperatura. In questo caso, per una temperatura di 100
milioni di gradi, temperatura a cui la combustione dellelio viene attivata, si ha una dipendenza
dalla temperatura che `e T
41
. Data questa fortissima dipendenza del tasso di reazione dalla tempe-
ratura, `e evidente che il processo di produzione del
12
C con triplo , avviene a temperature molto
grandi.
Questo processo di produzione del
12
C non coinvolge i nuclei con masse da A=6 ad A=11, la
cui abbondanza relativa risulta essere molto bassa. Questi nuclei non vengono prodotti nelle stelle,
ma sono prodotti da altri processi di nucleosintesi (vedi cap. 8).
5.2 La sopravvivenza del
12
C nelle giganti rosse.
Abbiamo detto che il nucleo di
12
C `e il quarto elemento pi` u abbondante nelluniverso, dopo H,
4
He
e
16
O. Nel processo di fusione dellelio il
12
C `e un combustibile dato la che reazione
12
C +
16
O + , (5.3)
avviene anche alle temperature di formazione del
12
C. In principio, quindi il
12
C dovrebbe essere
completamente bruciato, per arrivare alla formazione dell
16
O. Si osserva invece un rapporto
carbonio ossigeno C/O=0.6.
La spiegazione della sopravvivenza del
12
C `e legata al fatto che mentre la (5.2) avviene in
regime risonante, la reazione (5.3) `e un processo non risonante, quindi molto pi` u lento. Questo
non signica che non ci siano risonanze nell
16
O, alle energie di assorbimento. Il problema `e che
questi stati eccitati hanno valori di momento angolare e parit`a che dicilmente permettono la
cattura di una particella , se non addirittura sono proibiti per questo tipo di processo.
5.2. LA SOPRAVVIVENZA DEL
12
C NELLE GIGANTI ROSSE. 53
La sezione durto relativamente piccola del processo (5.3) rispetto a quella della formazione del
12
C con un processo di cattura di tre , implica che, quando il combustibile di elio `e terminato
rimangano ancora dei nuclei di carbonio da bruciare. A questo punto la temperatura si abbassa al
punto tale che la (5.3) non pu` o pi` u avvenire e il rapporto tra carbonio e ossigeno rimane congelato.
Questo `e il meccanismo che di fatto blocca la nucleosintesi di nuclei pi` u pesanti. In realt`a il
processo di assorbimento di da parte dei nuclei stabili potrebbe continuare. Lassorbimento di
una da parte dell
16
O forma il
20
Ne e quindi, il processo pu` o continuare formando
24
Mg,
28
Si e
cos` via no al
56
Fe. Ad ogni passo la barriera coulombiana da superare per la fusione aumenta,
e questo implica la presenza di temperature sempre pi` u grandi perch`e il processo possa avvenire.
Inoltre, contrariamente a quanto avviene per il caso della cattura di , non ci sono risonanze che
aumentano la probabilit` a di fusione. Di fatto la formazione di nuclei pi` u pesanti dellossigeno, non
avviene nelle stelle giganti rosse.
Abbiamo analizzato il caso di stelle giganti rosse di prima generazione, in cui il solo combustibile
nucleare `e l
4
He. In stelle di seconda o terza generazione ci sono anche nuclei pi` u pesanti. Tuttavia
la probabilit` a che si inneschino cicli come il CNO `e estremamente bassa, sia per le maggiori barriere
coulombiane da superare, ma sopratutto per la caratteristica specica del processo di fusione di
tre che avviene con un meccanismo di risonanza.
54 CAPITOLO 5. REAZIONI NUCLEARI NELLE STELLE GIGANTI ROSSE
Capitolo 6
Nane bianche
Possiamo riassumere la struttura di una stella gigante rossa in et`a avanzata, come formata da un
nucleo di carbonio e ossigeno, circondato da una frangia di elio. Nella parte pi` u interna lelio con-
tinua a bruciare alimentando il nucleo centrale della stella, nella parte pi` u esterna c`e un inviluppo
gassoso contenente sia elio sia idrogeno.
A questo punto levoluzione della stella dipende dalla sua massa. Per stelle con massa insuf-
ciente per poter innescare reazioni tra nuclei di carbonio, la frangia di elio in combustione si
estende sempre pi` u verso la supercie della stella. La luminosit`a della stella aumenta perche vi
`e una diminuzione dellopacit` a della stella e quindi un aumento del numero dei fotoni che escono
dalla supercie.
La luminosit`a pu` o diventare cos` alta che la pressione di radiazione determina una rapida
espulsione dellinviluppo esterno di idrogeno, lasciando a nudo la zona centrale, luminosissima a
causa della frangia di elio in combustione. Loggetto celeste appare come una stella di elevata
luminosit`a superciale circondata da una corona di gas. Si parla di nebula planetaria. La corona
di gas esterni tende ad allontanarsi dalla stella e a disperdersi nello spazio.
La temperatura superciale del corpo centrale `e dellordine dei 10
5
K, da confrontare con i circa
6000 K della supercie del sole. La temperatura interna `e dellordine dei 10
8
K, e la densit`a centrale
supera i 10
8
kg/m
3
. A queste densit`a le distanze interatomiche sono tali che le nubi elettroniche
dei vari atomi vengono a compenetrarsi.
Stimiamo le distanze interatomiche per un gas di atomi di elio alla densit` a di 10
8
kg/m
3
. Dato
che una mole di elio `e data da 4 g di elio, circa, abbiamo che in un m
3
ci sono
10
8
kg
4 10
3
kg
= 0.25 10
11
moli ,
che corrisponde a
0.25 10
11
6 10
23
= 1.5 10
34
,
atomi.
Il volume occupato da ogni singolo atomo `e quindi:
1m
3
1.5 10
34
10
36
m
3
.
Le distanze tra due atomi si ottengono prendendo la radice cubica, quindi abbiamo distanze
dellordine dei 10
12
m, circa cento volte pi` u piccole delle tradizionali dimensioni di un atomo
isolato.
Lenergia termica raggiunge le decine di keV, quindi gli atomi sono totalmente ionizzati. La
stella presenta una nuova struttura: un insieme di nuclei immerso in un gas di elettroni. In questa
55
56 CAPITOLO 6. NANE BIANCHE
situazione in nuclei si posizionano in una disposizione reticolare, piuttosto che formare un gas o
un liquido. Nella materia ordinaria gli elettroni schermano le cariche positive dei nuclei evitando
quindi la repulsione coulombiana tra di loro. Quando gli atomi sono totalmente ionizzati, questa
azione cessa. I nuclei non schermati si respingono a vicenda e il sistema raggiunge una situazione
di minimo energetico disponendo i nuclei in posizioni sse, essenzialmente come in una struttura
cristallina.
Per densit`a dellordine di 10
10
kg m
3
il gas di elettroni `e relativistico, dato che le massime energie
cinetiche, lenergia di Fermi, raggiunge il valore di alcuni MeV, confrontabile con la massa a riposo
dellelettrone. La corrispondente temperatura di Fermi `e dellordine dei 10
11
K, valore maggiore
di quello della temperatura della stella. Questo signica che lattrazione gravitazionale non `e
bilanciata dalla pressione prodotta dallenergia termica del gas che lo compone, ma piuttosto dalla
pressione generata dal principio di esclusione di Pauli. Un fenomeno tipico della microsica gioca
un ruolo fondamentale nellequilibrio di una struttuta macroscopica, come una stella. Vedremo che
esiste un valore massimo della massa della stella per cui questo equilibrio pu` o realizzarsi. Per stelle
con massa maggiore di questo limite, la pressione del gas di elettroni non `e suciente a bilanciare
lattrazione gravitazionale, e quindi si ha un collasso della stella.
Le nane bianche sono state osservate sperimentalmente molto prima che la loro struttura venisse
modellata teoricamente. Fin dal 1844 F.W. Bessel aveva osservato che il moto della stella Sirio
non era rettilineo, ma oscillava periodicamente attorno ad una posizione. Per questo motivo aveva
dedotto che lastro doveva essere perturbato da un altro corpo celeste di notevole massa. Lo
sconosciuto perturbatore veniva identicato e battezzato Sirio B. Nel 1915 W.S. Adams trov` o che
si tratta di una stella bianca, quindi molto luminosa nellunit`a di supercie, e molto piccola, dato
che nonostante la sua relativa vicinanza alla terra ci appare molto debole. Sirio B ha una massa
paragonabile a quella del sole ma un raggio di soli 12000 km.
Lo scopo di questo capitolo `e quello di mostrare che le nane bianche hanno una massa limite.
Discuteremo prima le propriet` a di un gas di Fermi di elettroni a temperatura zero. Nello specico
calcoleremo lequazione di stato, ovvero la pressione in funzione della densit`a. Questo verr` a fatto
considerando sia il caso di un gas in cui gli elettroni si muovono con energie non relativistiche,
sia il caso, pi` u interessante per le nane bianche, di energie relativistiche. Dato che le relazioni tra
pressione e densit`a che otteremo sono del tipo:
P

,
tratteremo in generale il problema dellequilibrio idrostatico di queste stelle che prendono il nome
di politropi. Associando le propriet` a generali dei politropi, con quelle speciche del gas di elettroni,
vedremo che nel caso relativistico esiste un valore massimo della massa della stella.
6.1 Gas di Fermi
La massa della nana bianca `e determinata essenzialmente dai nuclei degli atomi ionizzati. Questo
perche il nucleone `e circa 2000 volte pi` u massivo dellelettrone. Per lo stesso motivo, in equilibrio
termodinamico, gli elettroni hanno mediamente velocit` a maggiori dei nuclei. Per una temperatura
di circa 10
8
K, quella che si ritiene sia la temperatura al centro di una nana bianca, si ha unenergia
cinetica media dellordine di:
k
B
T
8.6 10
5
eV
K
10
8
K 10
4
eV . (6.1)
Una stima del contributo dellinterazione elettrone-elettrone `e:
V =
e
2
r

1.44 10
6
eV10
15
m
10
12
m
1.5 10
3
eV ,
dove abbiamo utilizzato per la distanza media tra due elettroni, r, il valore di 10
12
m, stimato in
precedenza. Da questa stima grossolana, che probablimente fornisce una distanza interelettronica
troppo piccola, si vede che il termine di energia potenziale, `e pi` u piccolo di quello dellenergia
6.1. GAS DI FERMI 57
cinetica, e in prima approssimazione `e possibile trascurarlo. Questa approssimazione, semplica
enormenente il cacolo dellequazione di stato del gas di elettroni.
Dal punto di vista della teoria a molticorpi, il gas di elettroni `e descritto da unhamiltoniana
del tipo:
H =
A

i=1
T(i) +
A

i=1
U
(
i) +
A

i<j
V (i, j) ,
dove T(i) `e lenergia cinetica delli-esimo elettrone, V (i, j) linterazione tra due di essi, e il
termine a un corpo U(i) rappresenta linterazione tra il singolo elettrone e il campo generato
dalle cariche positive dei nuclei. In un singolo atomo con pi` u elettroni, rappresenterebbe
linterazione tra il singolo elettrone e il nucleo.
Nellapprossimazione a campo medio si trascura il temine di interazione V (i, j). Quindi
lequazione di Schrodinger viene risolta per lhamiltoniana
H
0
=
A

i=1
h(i) =
A

i=1
[T(i) +U(i)] ,
che `e somma di hamiltoniane ad un corpo. Lautostato a molticorpi dellhamiltoniana prece-
dente, pu`o essere costruito come determinante di Slater degli autostati dellhamiltoniana di
singola particella h(i). Nellapprossimazione a campo medio, il problema ad N corpi `e trasfor-
mato in N problemi ad un corpo. Normalmente il modello a campo medio viene identicato
come un modello in cui le particelle non interagiscono tra di loro, nel senso che manca il
termine di interazione V (i, j).
Nel caso specico consideriamo un sistema innito ed omogeneo. Queste approssimazioni sono
valide pensando alla dierenza tra le distanze tra elettroni e quelle delloggetto macroscopico
che stiamo descrivendo. Si passa da 10
12
m a 10
7
m, circa 19 odini di grandezza di dierenza.
In caso di sistema omogeneo, ed innito, il termine U(i) `e costante, questo di fatto implica
semplicemente una semplice ridenizione dello zero di energia. Quindi nel caso gas di Fermi
estremo lhamiltoniana a molti corpi `e costituita solo dalla somma degli operatori di energia
cinetica dei singoli elettroni.
Lhamiltoniana che descrive un gas di elettroni non interagenti `e
H
0
=
A

i=1
_

h
2
2m
e

2
_
, (6.2)
dove m
e
`e la massa dellelettrone. Il problema ad un corpo da risolvere `e:

h
2
2m
e

k
(r) =
k
(r) . (6.3)
Supponiamo che lelettrone sia connato in un cubo di volume V = L
3
. I risultati di nostro
interesse saranno quelli indipendenti dal volume. Le condizioni al contorno che utilizziamo sono
quelle periodiche:
(x +L, y, z) = (x, y, z)
(x, y +L, z) = (x, y, z)
(x, y, z +L) = (x, y, z) .
Con queste condizioni al contorno il numero totale di elettroni contenuti nel cubo `e costante. Se
un elettrone raggiunge il bordo del cubo e lascia il sistema, ma viene immediatamente rimpiazzato
da un altro elettrone che entra nel cubo dalla faccia opposta.
58 CAPITOLO 6. NANE BIANCHE
Le autofunzioni dellhamiltoniana (6.3), sono onde piane:

k
(r) =
1

V
e
kr

s
i
, (6.4)
dove il sottoindice s indica la terza componente dello spin della particella e il tradizionale spinore
di Pauli:
1
2
=
_
1
0
_

1
2
=
_
1
0
_
.
Data lespressione precedente delle funzioni donda di singola particella, ogni prodotto scalare, per
conservare la normalizzazione, deve essere motiplicato per un fattore V/(2)
3
:
<
a
|
b
>=
V
(2)
3
_
d
3
r
1

V
e
k
a
r
1

V
e
k
b
r
=
V
(2)
3
(2)
3
(k
a
k
b
)
V
. (6.5)
Il fattore moltiplicativo necessario per la corretta normalizzazione dei prodotti scalari, `e lo stesso
anche quando il prodotto scalare viene fatto nello spazio complementare degli implusi.
Se il modulo quadro della funzione donda di singola particella d`a la probablit` a di trovare la
particella in un punto dello spazio, per un sistema di particelle non interagenti, la densit`a totale
del sistema, ovvero la probabilit` a di trovare una particella qualsiasi in un certo punto dello spazio,
`e data dalla somma delle probabilit` a prodotta da ogni particella:
(r) =
A

a
|
a
(r)|
2
. (6.6)
In questa equazione la somma `e limitata al numero A di nucleoni. Successivamente faremo tendere
allinnito questo numero.
Il sistema in oggetto `e composto da fermioni che obbediscono al principio di esclusione di Pauli.
Dato che ci`o che distingue le particelle `e il loro impulso k, lo stato fondamentale del sistema sar`a
congurato in modo che tutti gli stati con 0 |k| |k|
F
siano occupati e tutti gli altri siano
vuoti. Il massimo valore dellimpulso, |k|
F
k
F
`e detto impulso di Fermi, e lenergia associata,

F
, energia di Fermi. Il numero di elettroni per unit`a di volume, la densit`a di numero, `e:
n
e
=

ak
F
|
a
(r)|
2
=
V
(2)
3
_
k
F
0
d
3
k
a
1
V
1
2
e
k
a
r
1
V
1
2
e
k
a
r

s
a

+
s
a

s
a
=
V
(2)
3
2
V
_
k
F
0
d
3
k
a
=
2
(2)
3
4
_
k
F
0
k
2
a
dk
a
=
8
8
3
k
3
F
3
=
1
3
2
k
3
F
. (6.7)
Questo risultato mostra come la densit`a del sistema sia indipendente da r. Si tratta di un risultato
atteso visto che anche la densit`a di singola particella non dipende da r. In altre parole si conferma
che il sistema `e omogeneo. La densit`a dipende dallimpulso di Fermi p
F
= hk
F
. Lenergia cinetica
associata al momento di Fermi `e:

F
=
h
2
2m
e
k
2
F
=
(3
2
n
e
)
2/3
h
2
2m
e
. (6.8)
Lenergia del sistema `e data da:
E = 2

k<k
F
(k) = 2
V
(2)
3
_
d
3
p
h
3
(|p|) (p
F
|p|) = 2
V
(2h)
3
4
_
p
F
0
dp p
2
e(p) , (6.9)
dove `e la funzione gradino e il fattore 2 considera la degenerazione di spin.
Consideriamo lespressione relativistica per lenergia cinetica dellelettrone:
(k) =
_
(pc)
2
+ (m
e
c
2
)
2
m
e
c
2
= m
e
c
2
_
_
x
2
+ 1 1
_
, (6.10)
6.1. GAS DI FERMI 59
dove nellultimo termine abbiamo denito la nuova variabile:
x =
pc
m
e
c
2
=
hc
m
e
c
2
k . (6.11)
Lenergia del sistema `e quindi:
E = V
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
_
x
F
0
dxx
2
_
_
x
2
+ 1 1
_
= V
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
f(x
F
)
= V
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
1
8
_
x
F
(1 + 2x
2
F
)
_
1 +x
2
F
ln
_
x
F
+
_
1 +x
2
F
_

8
3
x
3
F
_
. (6.12)
Analizziamo il risultato in due limiti estremi. Nel caso non relativistico hck
F
<< m
e
c
2
, quindi
x
F
<< 1. Possiamo sviluppare il termne sotto radice quadrata nella (6.12) in serie di potenze,
_
1 +x
2
= 1 +
x
2
2
+. . . ,
quindi
E
nr
= V
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
_
1
3
x
3
F
_
1 +
3
10
x
2
F
+. . .
__
. (6.13)
Nel caso relativistico x
F
>> 1 il termine dominante della (6.12), `e:
E
rel
= V
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
2x
4
F
8
. (6.14)
Utilizzando le tradizionali relazioni termodinamiche, la pressione risulta essere espressa come:
P =
E
V
=

V
_
V
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
f(x
F
)
_
=
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
_
f(x
F
) +V
df(x
F
)
dx
F
dx
F
dV
_
. (6.15)
Abbiamo che:
df(x
F
)
dx
F
= x
F
_
x
2
F
+ 1 .
e dalla denizione di x:
x
F
=
hc
m
e
c
2
(3
2
)
1/3
_
N
V
_
1/3
, (6.16)
e
V
dx
F
dV
= V
hc
m
e
c
2
(3
2
)
1/3
N
1/3
V
4/3
1
3
=
1
3
x
F
,
abbiamo che:
P =
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
_
1
3
x
3
F
_
1 +x
2
F
f(x
F
)
_
. (6.17)
Nel limite non relativistico abbiamo:
P =
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
_
1
3
x
3
F
_
1 +
x
2
F
2
+. . .
_

1
3
x
3
F
_
1 +
3x
2
F
10
+. . .
__
=
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
x
5
F
15
, (6.18)
e utilizzando la (6.16)
P =
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
1
15
_
hc
m
e
c
2
_
5
(3
2
)
5/3
_
N
V
_
5/3
. (6.19)
Nel limite relativistico abbiamo che:
P =
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
_
1
3
x
F

1
4
x
F
_
=
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
1
12
x
4
F
, (6.20)
quindi
P =
(m
e
c
2
)
4
( hc)
3

2
1
12
_
hc
m
e
c
2
_
4
(3
2
)
4/3
_
N
V
_
4/3
. (6.21)
60 CAPITOLO 6. NANE BIANCHE
6.2 Politropi
Come abbiamo gi` a detto, sono denite come politropi stelle la cui pressione `e legata alla densit`a
da una relazione del tipo
P = K

, (6.22)
dove K e sono costanti reali. Dato che le espressioni (6.19) e (6.19) della pressione ricavate
nella sezione precedente sono equazioni del tipo (6.22), discutiamo alcune propriet` a generali dei
politropi.
Normalmente si denisce lindice politropico come:
=
n + 1
n
, (6.23)
dato che n `e la potenza della temperatura quando la pressione `e generata da un gas perfetto
[Sch58, Str06]. Denendo la densit`a della stella come (r) =
c
[(r)]
n
possiamo riscrivere la
pressione come:
P = K
(n+1)/n
= K
(n+1)/n
c
[(r)]
n+1
. (6.24)
Nellequazione precedente
c
`e una costante che ha le dimensioni di una densit`a e (r) `e una
funzione adimensionale della distanza dal centro della stella.
Lequazione (2.1) di equilibrio idrostatico, pu` o essere riscritta come:
r
2
(r)
dP(r)
dr
= G
N
m(r) , (6.25)
Derivando rispetto ad r, abbiamo:
d
dr
_
r
2
(r)
dP(r)
dr
_
= G
N
dm(r)
dr
= G
N
4r
2
(r) , (6.26)
da cui
1
r
2
d
dr
_
r
2
(r)
dP(r)
dr
_
= G
N
4(r) . (6.27)
Utilizzando lequazione politropica (6.24) otteniamo
1
r
2
d
dr
_
r
2

n
(r)
d
dr
_
K [
c

n
(r)]
(n+1)/n
_
_
= G
N
4
c

n
(r)
(n + 1)K
1/n
c
r
2
d
dr
_
r
2
d
dr
_
= G
N
4
c

n
(r) . (6.28)
Deniamo la costante
a
2
=
K
(n1)/n
c
4G
N
, (6.29)
e la variabile adimensionale
=
r
a
, (6.30)
per riscrivere la (6.28) in maniera pi` u sintetica:
1

2
d
d
_

2
d()
d
_
=
n
() . (6.31)
In questa forma, lequazione di equilibrio idrostatico per un politropo prende il nome di equazione di
Lane-Emden. Le soluzioni di interesse sico di questa equazione, richiedono appropriate condizioni
al contorno. Al centro della stella si pone:
( = 0) = 1 , (6.32)
6.2. POLITROPI 61
che implica che la costante
c
rappresenti la densit`a al centro della stella. Si richiede anche che la
densit`a raggiunga un massimo valore al centro quindi:
_
d()
d
_
=0
= 0 . (6.33)
Lequazione di Lane-Emden (6.2) con le condizioni al contorno (6.32) e (6.33) viene risolta
numericamente per un generico valore dellindice politropico n. Per alcuni valori di n, per esem-
pio quando n `e intero o semintero, lequazione di Lane-Emden assume espressioni relativamente
semplici le cui soluzioni sono note analiticamente.
Per esempio nel caso in cui n = 0 lequazione di Lane-Emden diventa:
d
d
_

2
d()
d
_
=
2
.
Integrando abbiamo
_

2
d()
d
_
=
1
3

3
C ,
dove C `e una costante da denire utilizzando le condizioni al contorno. Integrando unaltra volta
abbiamo
() =
1
6

2
C(
1

) +D .
Anche le condizioni al contorno (6.32) e (6.33) siano soddisfatte, le costanti devono assumere i
valori C = 0 e D = 1, quindi la soluzione sicamente accettabile `e
() = 1

2
6
.
Il raggio della stella `e denito come la distanza dal centro in cui la pressione `e nulla. Per la (6.24)
abbiamo che il raggio della stella `e dato dal valore
R
tale che:
(
R
) = 0 ,
e per la soluzione che abbiamo trovato questo implica

R
=

6 .
n
R

2
R

(
R
)
5 6/5 1.73205
9/2 11/9 31.8365 1.73780
4 5/4 14.9716 1.79723
7/2 9/7 9.5358 1.89056
3 4/3 6.8969 2.01824
5/2 7/5 5.3553 2.18720
2 3/2 4.3529 2.41105
3/2 5/3 3.6538 2.71406
1 2
1/2 3 2.7528 3.78710
0

6 2

6
Tabella 6.1: Raggi dei politropi
R
per particolari valori dellindice politropico n, Eq. (6.23).
Nella tabella 6.1 presentiamo alcuni valori dei raggi
R
dei politropi per specici valori dellindice
n [Wei72]. Le soluzioni dellequazione di Lane-Emden sono monotone decrescenti per n 5. Si
62 CAPITOLO 6. NANE BIANCHE
nota che il valore di
R
aumenta con il crescere del valore di n, no a n = 5 quando la soluzione
analitica che si ottiene `e [Str06]:
() =
_
1 +
1
3

2
_
1/2
e tende a zero solo per .
6.3 La massa di Chandrasekhar
Il problema da risolvere `e quello di determinare la massa, e il raggio della stella utilizzando le-
quazione (2.2) di conservazione della massa. La densit`a `e ottenuta risolvendo lequazione (6.27)
di equilibrio idrostatico, che lega pressione e densit`a. La pressione del gas di Fermi relativistico `e
data dallequazione (6.15). Queste equazioni possono essere risolte numericamente senza utilizzare
altre approssimazioni [Koo86].
Nel caso in cui si faccia lipotesi politropica (6.22), si possono ottenere delle soluzioni analitiche.
Dalla denizione (6.30) della variabile il raggio della stella `e dato da:
R = a
R
=
_
(n + 1)K
4G
N
_
1/2

(1n)/n
c

R
. (6.34)
La massa della stella `e data da:
M = m(R) =
_
R
0
4r
2
(r) dr
=
_

R
0
4a
2

n
() a d = 4a
3
_

R
0

n
()
2
d ,
e utilizzando lequazione (6.31) otteniamo
M = 4a
3

c
_

R
0
d
d
_

2
d
d
_
d = 4a
3

2
R
_
d
d
_
=
R
= 4
_
(n + 1)K
4G
N
_
3/2

(3n)/2n
c

2
R
_
d
d
_
=
R
. (6.35)
La relazione tra massa e raggio si ottiene combinando le due equazioni precedenti. Il valore della
derivata prima di nel punto del primo zero `e sempre negativo, come indicato nella tabella 6.1.
Consideriamo le espressioni delle pressioni ottenute nella sezione 6.1. Per il caso non relativi-
stico, abbiamo dalla (6.19) che la pressione `e proporzionale a
5/3
che corrisponde ad un valore
dellindice politropico n = 3/2. Utilizzando lequazione (6.35) si ha che la massa dipende dalla
densit`a centrale con la relazione:
M
1/2
c
(6.36)
Per il caso relativistico leq. (6.21) indica che la pressione `e proporzionale a
4/3
, quindi
n = 3. In questo caso lequazione (6.35) indica che la massa della stella `e indipendente dalla sua
densit`a centrale. Questo valore della massa, unico per tutti i politropi con n = 3, `e la massa di
Chandrasekhar. Stelle con massa inferiore alla massa di Chandrasekhar, che `e dellordine di 1.2
- 1.4 M

, formano nane bianche stabili. In queste stelle, la pressione prodotta dal principio di
esclusione di Pauli nel gas relativistico di elettroni, compensa lattrazione gravitazionale. Stelle
con masse superiori a quella di Chandrasekhar sono soggette ad ulteriori trasformazioni.
Capitolo 7
Supernovae
Dal punto di vista osservativo le curve di luce delle novae e delle supernovae appartengono a quella
classe di fenomeni celesti che presentano variabilit`a in tempi di osservazione umani. I fenomeni di
nova sono interpretati in termini di collasso di sistemi binari [Uns83].
Le supernovae sono catalogate in due classi caratterizzate dai spettri luminosi. Lo spettro di
supernovae di tipo I `e ricco di elementi pesanti e povero di linee di idrogeno. A loro volta, queste
supernovae sono catalogate nelle categorie a,b e c. Le supernovae di tipo Ia hanno curve di luce
molto simili tra di loro. Si pensa che siano generate dallesplosione di una nana bianca di un
sistema binario. La nana bianca accresce attraendo materia dalla stella compagna. La massa del
core di carbonio e ossigeno aumenta. Il carbonio accende una combustione e forma unonda durto
che viaggia verso lesterno no a fare esplodere la stella. [Bet85, Rol88].
Pi` u interessanti per gli argomenti che stiamo trattando, sono le supernovae di tipo Ib, Ic e II.
Le curve di luce di queste supernovae sono piuttosto irregolari. La loro luminosit`a rimane quasi
costante per 50-100 giorni e poi diminuisce rapidamente di ordini di grandezza in pochi giorni. Si
osserva che in circa il 40% dei casi di esplosione di queste supernovae viene prodotta una pulsar,
che si ritiene sia una stella di neutroni rapidamente rotante, vedi Cap. 8. E plausibile ritenere
che negli altri casi, il campo magnetico non sia sucientemente potente da produrre una pulsar,
oppure che si sia formato un buco nero.
Lidea `e che le supernovae di tipo Ib, Ic e II rappresentino uno degli stati evolutivi delle stelle
con massa superiore a 5 volte la massa solare. Queste stelle, una volta esaurito tutto il combustibile
nucleare a loro disposizione, collassano sotto la spinta dellinterazione gravitazionale prodotta dalla
loro massa. In questo processo di collasso si forma unonda durto che espelle le parti pi` u esterne
della stella, e questo produce il fenomeno di rapida crescita della luminosit`a che viene ossservato.
Al centro della stella esplosa si forma un stella di neutroni, oppure quando la stella `e estremamante
massiva (M > 30 M

), un buco nero.
Analizzando un evento di supernova dal punto di vista spettroscopico e fotometrico si trova che
la quantit`a di energia emessa in termini di fotoni `e circa 10
42
J. Si stima che questo sia soltanto
circa lo 0.01% dellenergia prodotta dallesplosione della stella. La maggior parte dellenergia viene
trasportata principalmente da neutrini. Si stima anche che in una esplosione di supernova vengano
emessi circa 10
46
J/s, un quantit`a che corrisponde a circa 10
20
L

. La luminosit`a di una supernova


`e maggiore a quella dellintera galassia.
A partire dagli anni trenta [Baa34] si sono sviluppati vari modelli per spiegare il meccanismo
che porta allesplosione di una stella massiva. Noi presenteremo il modello che `e attualmente il
pi` u accreditato, nel senso che `e quello che ha resistito pi` u degli altri ai limiti imposti dal continuo
accumularsi di dati osservativi da riprodurre. Bisogna chiarire comunque che, al momento,
nessuna delle simulazioni numeriche del collasso gravitazionale di una stella massiva
evoluta produce esplosione. Nonostante lo sviluppo della nostra comprensione del processo, ed
il consenso della comunit`a scientica riguardante le ipotesi di base del modello, anche le pi` u recenti
simulazioni non riescono a produrre un processo esplosivo e la formazione di un core residuo, che
eventualmente si evolver` a in una stella di neutroni, o in un buco nero.
63
64 CAPITOLO 7. SUPERNOVAE
Figura 7.1: Curva di luce prevista per un modello di supernova con 15 M

confrontata con le osservazioni


della SN19691 [Wos86].
Il collasso di una supernova `e uno dei problemi pi` u dicili dellastrosica teorica. La dicolt`a `e
in parte dovuta ai complicati meccanismi che intrecciano reazioni nucleari, idrodinamica, collasso
gravitazionale, trasporto di neutrini in situazioni siche estreme, dicilmente riproducibili nei
laboratori terrestri. Coscienti di questi limiti presenteremo comunque le idee principali del modello.
7.1 Presupernova
Abbiamo visto nella sezione 5.2 che per stelle con massa dellordine di una massa solare, la combu-
stione nucleare termina con la formazione di
12
C e
16
O. Se la stella ha una massa inferiore alla
massa di Chandrasekhar, si forma una stella nana bianca stabile, sostenuta dalla pressione del gas
relativistico di elettroni, come abbiamo descritto nel capitolo 6. Nella sezione 5.2 abbiamo anche
spiegato perche la combustione dellelio si ferma alla produzione di
12
C e
16
O.
Per stelle con massa superiore a quella di Chandrasekhar si possono innescare processi di
reazione tra nuclei pesanti. A temperature dellordine dei 10
9
K e densit`a di 10
2
kg/m
3
inizia
la fusione del carbonio. La massa di due nuclei di carbonio `e circa di 14 MeV maggiore della
massa del
24
Mg, che quindi si trova in uno stato eccitato. Questa quantit`a di energia permette il
decadimento dello stato eccitato del
24
Mg in diversi canali. Si hanno le seguenti reazioni:
12
C +
12
C
24
Mg

20
Ne +
12
C +
12
C
24
Mg

23
Na +p
12
C +
12
C
24
Mg

23
Mg +n
12
C +
12
C
24
Mg

24
Mg +
12
C +
12
C
24
Mg

16
O + 2 . (7.1)
La probabilit` a di decadimento di ognuna delle prime due reazioni `e poco meno del 50%. Le ultime
tre reazioni sono estremamente rare. Protoni e sono rapidamente catturati in modo da formare,
in ordine di abbondanza
24
Mg,
25
Mg,
26
Mg,
27
Al,
28
Si.
7.1. PRESUPERNOVA 65
Quando il combustibile di carbonio si esaurisce, il core delle stella si contrae ulteriormente
e la temperatura si innalza. I fotoni della coda ad alta energia della distribuzione di Planck
sono sucientemente energetici da rendere importante il ruolo della fotodissociazione del
20
Ne
sopratutto attraverso la reazione
+
20
Ne
16
O + . (7.2)
Le particelle prodotte in questo modo reagiscono con il
20
Ne non dissociato e producono
24
Mg.
Al termine di questo processo di combustione del neon, processo che dura un periodo relativamente
breve, rimane un core composto da
16
O e
24
Mg. A temperature di 2 10
9
K iniziano le reazioni
tra nuclei di ossigeno che producono sopratutto silicio e zolfo, ma anche, in misura minore, calcio,
argo, potassio, cloro e scandio attraverso una serie di complicate reazioni nucleari.
Il processo di combustione di ossigeno produce essenzialmente
28
Si, grazie alla fusione di due
nuclei di
16
O.
16
O +
16
O
28
Si + . (7.3)
Perche possano avvenire processi di fusione tra due nuclei di
28
Si sono necessarie temperature
di circa 3.5 10
9
K. Prima di raggiungere queste tempetrature i processi di disintegrazione del silicio
diventano cos` importanti da dominare i processi di fusione. Il numero di fotoni cresce come la
quarta potenza della temperatura. Ne risulta che, alle temperature indicate, i nuclei di silicio si
trovano immersi in un gas di fotoni.
Per un nucleo come il
28
Si, lenergia di separazione di un nucleone `e di circa 8 MeV ed `e
molto vicina allenergia di separazione della particella . Questo `e dovuto alla grande energia di
legame dell. Per questo motivo, processi del tipo (, p),(, n) e (, ), sono molto attivi nella
disintegrazione dei nuclei di
28
Si. La presenza di protoni, neutroni e liberi permette il loro
assorbimento da parte di nuclei non dissociati, formando cos` nuclei sempre pi` u stabili.
Ad esempio una possibile catena di reazioni che coinvolge particelle pu` o essere:
28
Si +
32
S +
32
S +
36
Ar +
36
Ar +
40
Ca +
40
Ca +
44
Ti +
44
Ti +
48
Cr +
48
Ca +
52
Fe +
52
Fe +
56
Ni + . (7.4)
In aggiunta alla fotodisintegrazione e ai processi di cattura radiativa (p, ), (n, ) e (, ) hanno
luogo anche reazioni del tipo (, n), (, p), (p, n), e le loro inverse. In ogni reazione il sistema cerca
di raggiungere lassetto pi` u stabile. In questo complicato sistema di reazioni nucleari il core di
28
Si si trasforma in un core costituito da nuclei pi` u pesanti, e con maggiore energia di legame per
nucleone. Dato che il
28
Si `e particolarmente stabile, la fotodisintegrazione di questo nucleo `e il
processo pi` u lento. Questa reazione rimane in equilibrio con le varie centinaia di reazioni attivate a
questa temperatura. La scala temporale del processo di formazione di nuclei pesanti rimane quindi
ssata dal tasso di reazioni di fotodisintegrazione del silicio. Questo processo di combustione del
silicio termina con la produzione di
56
Fe che `e il nucleo con massima energia di legame per nucleone,
vedi la gura 3.1.
In questo processo di formazione del core di
56
Fe viene liberata energia nucleare, sopratutto in
termini di neutrini che fuggono dalla stella. In questa fase della sua evoluzione, la stella ha una
grande luminosit`a neutrinica. Lemissione di neutrini `e il meccanismo di rareddamento del core
della stella, che deve bruciare il suo combustibile nucleare sempre pi` u velocemente per compensare
lattrazione gravitazionale. La vita della stella in questa fase `e relativamente breve, e la probabilit` a
che venga osservata `e molto piccola.
La formazione del core di ferro e nichel, `e il punto di arrivo dei processi di fusione in una
stella. Non `e possibile formare nuclei pi` u pesanti senza perdere energia. In termini di stabilit` a nei
confronti dellattrazione gravitazionale che porta al collasso della stella, il core di ferro `e quanto di
pi` u denso si possa ottenere.
66 CAPITOLO 7. SUPERNOVAE
Nuclei (kg/m
3
) T (K) t
1
H
4
He 10
1
2 10
7
7 10
6
y
4
He
12
C,
16
O 10 2 10
8
5 10
5
y
12
C
20
Ne 10
2
5 10
8
600 y
20
Ne
16
O 10
3
1 10
9
1 y
16
O
28
Si 10
3
2 10
9
0.5 y
28
Si
56
Ni 10
4
4 10
9
1 d
56
Ni,
56
Fe > 10
4
> 4 10
9
1 s
Tabella 7.1: Strati della stella presupernova. Sono mostrate le reazioni che avvengono al passaggio da
uno strato a quello successivo, le densit` a, le temperature e i tempi di formazione dello strato. I calcoli sono
fatti per una stella di 25 M

[Bet85, Rol88].
La struttura della stella a questo punto del suo stadio evolutivo `e sintetizzata nella tabella 7.1.
La stella `e formata da diversi strati ognuno di questi costituito prevalentemente da uno specico
elemento. La parte pi` u esterna `e molto simile a quella del sole ed `e formata da idrogeno ed elio.
Addentrandosi verso il centro della stella si incontrano strati dominati da ossigeno, neon, silicio e
ferro. In questo processo di discesa verso il centro della stella aumentano densit`a e temperatura.
Ai limiti di ogni strato sono accese delle reazioni nucleari che bruciano man mano i vari elementi
che formano lo strato pi` u esterno, trasformandoli in elementi dello strato pi` u interno. Ad esempio
tra i due strati pi` u esterni c`e una zona di combustione dellidrogeno in elio.
La struttura dettagliata di questa stella presupernova `e ssata dal valore della massa iniziale
della stella. Ovviamante i dettagli delle reazioni nucleari sono rilevanti per poter ottenere il prolo
della stella. Per una stella di 25 M

si ha che lo strato di idrogeno contiene circa 15 M

, e quello
di elio circa 2. Lo strato pi` u interno di ferro `e ha una massa di circa 2 M

.
7.2 Innesco del collasso
Una volta formato il core di Fe la stella si regge grazie alla pressione del gas degenere di elettroni,
con lo stesso meccanismo descritto nel capitolo 6 per le nane bianche. Anche in questo caso la
massa di Chandrasekhar indica il massimo valore della massa in cui lattrazione gravitazionale e
la pressione del gas di elettroni degeneri si compensano.
Una volta superato il valore della massa di Chandrasekhar la stella si contrae nuovamente. Visto
quanto detto nei capitoli precedenti questo fatto dovrebbe aumentare la temperatura, la pressione,
e quindi il sistema dovrebbe raggiungere una nuova situazione di equilibrio. Al contrario, nel caso
delle supernovae la contrazione del core di ferro, innesca un processo che conduce al collasso del
core e alla produzione di unonda durto.
La pressione `e determinata da due fattori, il numero di particelle di un sistema e la loro energia
cinetica media. Nel core di ferro contribuiscono alla pressione sia gli elettroni sia i nuclei, ma il
contributo della componente elettronica `e molto pi` u grande perche gli elettroni sono pi` u numerosi.
Alla temperatura di circa 10
10
K il numero di fotoni con energia superiore a 8 MeV, che
possono quindi indurre la fotodissociazine del ferro, `e sucientemente grande perch`e una frazione
signicativa dei nuclei di ferro si disintegri. Una catena di complicate reazioni nucleari porta al
risultato che una frazione di nuclei di ferro viene dissociata secondo la reazione:
+
56
Fe 13
4
He + 4 n . (7.5)
Questa reazione assorbe una quantit`a di energia pari a
Q = (13m

+ 4m
n
m
Fe
)c
2
124 MeV , (7.6)
che viene sottratta agli elettroni del core, che in tal modo si rareddano, con conseguente dimi-
nuzione della pressione. Per compensare questa perdita di energia si ha unulteriore contrazione
7.3. INTRAPPOLAMENTO DEI NEUTRINI 67
della stella che aumenta la propria temperatura, incrementando anche il valore medio dellenergia
dei fotoni, e quindi aumentando anche il numero di processi di fotodissociazione.
A densit`a e temperature sucientemente alte si innesca un altro processo sico che contribuisce
a creare instabilit` a nella stella. Si tratta della cattura elettronica
e

+p n +
e
: e

+ (Z, A) (Z 1, A) +
e
. (7.7)
Questo processo riduce il numero di elettroni e quindi riduce la pressione di degenerazione elettro-
nica, e contribuisce a far perdere stabilit` a al sistema.
7.3 Intrappolamento dei neutrini
Inizialmente i neutrini prodotti dai processi di cattura elettronica (7.7) sfuggono dalla stella. Si ha
un cambiamanto profondo del processo di collasso quando la densit`a raggiunge il valore di 4 10
9
kg/m
3
. Questo non `e il massimo valore che la densit`a pu` o raggiungere secondo i processi presentati
nella sezione 7.2, ma a queste densit`a il core diventa opaco ai neutrini.
La stima della densit` a critica per lintrappolamento dei neutrini `e un problema cruciale per
lo studio delle supernovae, dato che questa densit` a determina la massa del core che collassa.
I processi a cui sono soggetti i neutrini prodotti dalla (7.7) sono: processi di diusione su
nucleoni liberi,

e
+p
e
+p :
e
+n
e
+n , (7.8)
processi di diusione su nuclei, detti di diusione coerente

e
+ (Z, A)
e
+ (Z, A) . (7.9)
Questi sono processi indotti da corrente debole neutra. Ovviamente ci sono anche processi di
corrente carica, che implicano lassorbimento del neutrino:

e
+ (Z, A) (Z + 1, A) +e

. (7.10)
A questi processi su nucleoni e nuclei, si aggiungono processi di diusione su elettroni:

e
+e

e
+e

, (7.11)
che possono essere indotti sia da correnti cariche sia da correnti neutre. Lo studio delle varie
sezioni durto [Sha83] indica che il processo pi` u importante `e quello della diusione di neutrini
su nuclei (7.9) la cui sezione durto risulta proporzionale ad A
2
. Una stima del libero cammino
medio basata su unespressione approssimata della sezione durto dei neutrini su nuclei indica
[Cos03]:

2.6
5/3
9
10
2
m , (7.12)
dove la densit` a
9
`e espressa in unit`a di 10
9
kg/m
3
. Il libero cammino medio dei neutrini alla
densit` a di intrappolamento di 10
9
kg/m
3
`e quindi di circa 0.26 km. Si stima che il core che
la stella che collassa abbia un raggio di circa 100 km. Il tempo impiegato dal neutrino per
sfuggire dal core `e
t
esc

R
2
c

0.1s , (7.13)
da confrontare con i tempi del collasso che sono dellordine di 0.001 s [Bro82, Bet85].
In [Bro82] si stima

= 1.2 km e un raggio di circa 30 km per il core che collassa.


I neutrini intrappolati si muovono coerentemente con il materiale che collassa. La regione in cui i
neutrini sono intrappolati `e detta neutrinosfera, in analogia con la fotosfera. I neutrini intrappolati
interagiscono con i nuclei secondo i processi inversi rispetto a quelli di cattura elettronica (7.7), e
68 CAPITOLO 7. SUPERNOVAE
si forma quindi un equilibrio tra le varie reazioni. A questo punto del processo di collasso, si stima
che il numero di leptoni per barione sia [Bro82]:
Y
l
= Y
e
+Y

e
0.33 0.40 . (7.14)
Questo numero si avvicina al valore di Y
e
allinizio del collasso ( 0.5) ed `e molto dierente dal
quello di una stella di neutroni (0.05). Il grosso della neutronizzazione del core non avviene in
questa fase di collasso.
Il problema `e quello di sapere come cambia la pressione con laumento della densit`a e della
temperatura. Nel sistema che stiamo considerando il maggiore contributo alla pressione `e ancora
quello degli elettroni, anche dopo lintrappolamento dei neutrini. Questo perch`e la pressione `e
direttamente legata al numero di particelle libere, quindi i 56 nucleoni del nucleo di ferro forniscono
alla pressione lo stesso contributo di un protone isolato. Se i nuclei di ferro si disintegrassero in
56 nucleoni la pressione nucleonica sarebbe suciente per fermare la contrazione. Questo non
avviene perch`e lentropia del sistema `e troppo bassa [Bet79]. Un core di supernova fatto di protoni
e neutroni avrebbe entropia tra 5 e 8 k
B
, mentre calcoli e simulazioni indicano nel nostro caso
un valore dellentropia di circa 1 k
B
[Bet79, Sha83, Bet85]. Il basso valore dellentropia di questo
sistema, e la sua conservazione, implica che il collasso avvenga in maniera adiabatica e che non
si formino nuclei ricchi di neutroni oltre la linea di gocciolamento neutronico. Per questo motivo
il core della stella di neutroni rimane costituito da nuclei con un rapporto tra neutroni e protoni
circa uguale allunit`a. Non si formano nuclei ricchi di neutroni che porterebbero allevaporazione
dei neutroni e alla conseguente formazione di un gas di neutroni.
Dato che la pressione della materia `e esercitata principalmente dagli elettoni, e non si hanno
modiche sostanziali dello stato della materia, il collasso continua no a quando si raggiunge la
densit`a di saturazione della materia nucleare
0
2.7 10
11
kg/m
3
. A questo punto i nuclei si
fondono tra loro formando un core di materia nucleare che ha un grosso valore del modulo di
compressione. La materia nucleare `e di fatto incomprimibile, quindi il collasso si ferma. Questo
arresto `e la sorgente dellonda durto.
E da notare che la formazione del core di materia nucleare nella supernova avviene ad altissime
temperature. La stella di neutroni `e invece un sistema a temperatura nulla.
7.4 Collasso omologo ed onda durto
La massa di Chandrasekhar `e stata denita nella sezione 6.3, come la massa massima che pu` o
reggere la pressione di degenerazione degli elettroni. A questo punto il suo signicato cambia
diventando la massa massima che collassa come singola unit`a. Le parti di questa unit`a comunicano
tra di loro attraverso onde sonore e di pressione in modo tale che le variazioni di densit`a sono
immediatamente livellate. Questa parte del core collassa in maniera omologa mantenendo la sua
forma.
Si parla di collasso omologo quando la velocit` a di collasso di una parte del sistema dipende
dalla sua distanza dal centro del sistema. Chiamiamo r(0) la distanza r di un punto materiale
dal centro del sistema al tempo t = 0. Deniamo una funzione del tempo (t) in modo tale che
descriva levoluzione temporale della posizione del punto materiale
r(t) = (t)r(0) . (7.15)
Il collasso si dice omologo se la velocit` a u del punto materiale `e data da:
u(t) = r(0)
d(t)
dt
, (7.16)
e la densit`a, proporzionale a [r(t)]
3
scala come:
(r[t], t) =
(r[0], t = 0)
(t)
3
. (7.17)
7.4. COLLASSO OMOLOGO ED ONDA DURTO 69
Figura 7.2: Velocit` a del materiale e velocit` a del suono in funzione del raggio, circa 1 millisecondo prima
del collasso [Arn77].
Mentre la velocit` a del materiale che collassa aumenta con la distanza dal centro, la densit`a
diminuisce, e quindi anche la velocit` a del suono diminuisce, come mostra la gura 7.2. Il punto in
cui la velocit` a del suono e quella del collasso sono uguali si chiama punto sonico. Una perturbazione
che si produce a distanze dal centro della stella inferiori a quella del punto sonico non ha inuenza
sul materiale esterno.
Nel punto sonico le onde sonore si muovono verso lesterno alla velocit` a del suono, misurata nel
sistema di riferimento del materiale che collassa. Dato che questo materiale collassa alla velocit` a
del suono, ne risulta che le onde sonore sono ferme rispetto al centro della stella.
Quando il centro del core che collassa raggiunge la densit`a di materia nucleare si arresta im-
provvisamente. Questo provoca la formazione di unonda sonora che si muove verso lesterno della
stella. La velocit` a dellonda sonora rallenta, sia perche la densit`a dimunuisce, sia perch`e si muove
in direzione opposta rispetto al materiale che collassa sempre pi` u velocemente. Al punto sonico
londa sonora si arresta. Nel frattempo altro materiale `e caduto sul core di materia nucleare, pro-
ducendo altre onde sonore. Per una frazione di millisecondo le onde sonore si accumulano al punto
sonico pruducendo pressione. Il picco di pressione rallenta il materiale che collassa attraverso il
punto sonico e crea una discontinuit` a nella velocit` a. Questa discontinuit` a produce londa durto.
Londa durto dierisce dallonda sonora perche produce dei cambiamenti permanenti del
sistema e poi perche si muove a velocit` a superiori a quella del suono.
Le equazioni dellidrodinamica ammettono soluzioni discontinue, ovvero tali che, su certe su-
perici, tutte le quantit` a siche che descrivono il sistema sono discontinue. Londa durto `e
descritta da una soluzione discontinua delle equazioni idrodinamiche. Londa durto contiene
una supercie di separazione del materiale con propriet`a siche distinte, in cui per` o c`e un
usso di massa, impulso ed energia.
Consideriamo una generica variabile idrodinamica J (impulso, energia, massa, ...) ed indichia-
mo con gli indici 1 e 2 le quantit` a rispettivamente prima e dopo la supercie di discontinuit`a.
Le equazioni idrodinamiche possono essere espresse nella forma [Vie06]:
dJ
dx
= 0 , (7.18)
70 CAPITOLO 7. SUPERNOVAE
dove x indica la coordinata ortogonale alla supercie di separazione, che per comodit`a viene
normalmente posizionata a x = 0. Se consideriamo un intervallo di lunghezza 2 attorno alla
supercie di discontinuit` a, abbiamo che
_

dJ
dx
dx = J
2
J
1
= [J] = 0 , (7.19)
dove abbiamo utilizzato il simbolo [X] X
2
X
1
.
Dalle equazioni dierenziali dellidrodinamica che implicano la conservazione delle varie quan-
tit` a otteniamo:
[v
x
] = 0 massa (7.20)
_

_
1
2
v
2
x
+w
__
= 0 energia (7.21)
_
p +v
2
x

= 0 impulso (7.22)
[v
x
v
y
] = [v
x
v
y
] = 0 impulso . (7.23)
Nelle equazioni precedenti abbiamo indicato con v
i
le varie componenti della velocit` a del uido,
con p la pressione esercitata sulla supercie di discontinuit` a, con la densit` a di massa e con
w la densit` a di entalpia
w =
U
V
+p (7.24)
con U energia interna e V volume del sistema. Le equazioni (7.20-7.23) sono dette condizioni
di Rankine-Hugoniot.
Per risolvere in forma chiusa le equazioni (7.20-7.23) bisogna avere unequazione di stato del
sistema. Per un uido ideale con un rapporto tra i calori specici si ha che:
w =
p
( 1)
=
RT
1
=
v
s
1
= c
p
T , (7.25)
dove R`e la costante dei gas, v
s
la velocit` a del suono, c
p
il calore specico a pressione costante, e,
come sempre, T la temperatura. Deniamo il numero di Mach dello schock come M
1
= v
1
/v
s1
,
il rapporto tra la velocit` a del uido e quella del suono. Utilizzando lespressione dellentalpia
e le condizioni di Rankine-Hugoniot, otteniamo le seguenti relazioni che dipendono solo dalla
velocit` a del materiale prima dellonda durto.

1
=
v
1
v
2
=
( + 1)M
2
1
( 1)M
2
1
+ 2
(7.26)
p
2
p
1
=
2M
2
1
+ 1

1
+ 1
(7.27)
T
2
T
1
=
[2M
2
1
( 1)][( 1)M
2
1
+ 2]
( + 1)
2
M
2
1
, (7.28)
e il numero di Mach dopo londa durto `e:
M
2
2
=
2 + ( 1)M
2
1
2M
2
1
+ 1
. (7.29)
Per valori di M
1
>> 1 le equazioni (7.26-7.28) si semplicano. Si pu`o vedere che londa
durto produce unaumento della densit` a modesto (un fattore 4 per = 5/3). Al contrario
laumentro della temperatura `e notevole perche proporzionale a M
2
1
. La velocit` a del uido
dopo la supercie di discontinuit` a `e inferiore a quella prima della supercie. Londa durto
trasforma lenergia cinetica in energia interna e produce un aumento di entropia del sistema.
Se imponiamo M
1
< 1 abbiamo dallequazione (7.26) che v
1
< v
2
e dalla (7.28) che T
1
> T
2
.
Questo signica che in questo caso parte dellenergia interna del sistema `e stata trasformata
in energia cinetica, calore, senza produrre nientaltro. Questo tipo di trasformazioni, in cui
lunico risultato `e la trasformazione di calore in lavoro, `e proibito dal secondo principio della
termondinamica. Quindi onde durto subsoniche, cio`e con M
1
< 1, sono proibite dal secon-
do principio della termodinamica. Le onde durto sono sempre supersoniche. Inoltre
lentropia del sistema deve aumentare, quindi s
2
> s
1
.
7.5. IL RAFFREDDAMENTO 71
Una volta formata londa durto, che ha velocit` a supersonica, continua il suo percorso verso
lesterno della stella attraversando gli strati che si trovano al di l` a del core che `e collassato in maniera
omologa. Londa durto raggiunge la supercie del core di ferro in una frazione di secondo, poi si
fa strada negli strati pi` u esterni della stella, e dopo alcuni giorni produce una violenta esplosione.
Tutto il materiale della stella al di l` a di un certo raggio viene disperso dallesplosione. Il materiale
allinterno di questo raggio invece condensa in una stella di neutroni, o in un buco nero.
Questo scenario non `e stato ancora confermato da risultati quantitativi. Nelle simulazioni
londa durto perde energia dissociando il ferro, e, ad una distanza compresa tra i 200 e 300 km dal
centro della stella, si ferma, rimanendo sempre nella stessa posizione mentre il materiale continua
a cadere attraverso la sua supercie.
Il processo di dissociazione dei nuclei di ferro in nucleoni assorbe energia perche `e endotermico,
ma anche perche i protoni liberi si convertono in neutroni catturando elettroni, e anche questo
processo richiede energia. Nel processo di cattura elettronica vengono prodotti neutrini elettronici
che inizialmente si accumulano sotto il fronte dellurto dove la materia `e ancora opaca, ma poi
vengono emessi dalla stella. Anche questo processo fa perdere energia allonda durto.
Al momento non c`e simulazione che riesca a superare la fase di stallo dellonda durto. Varie
ipotesi sono state considerate per comprendere il fallimento delle simulazioni. Una prima serie
di ipotesi riguarda il dettaglio dei dati utilizzati nelle simulazioni, come le sezioni durto e le
equazioni di stato. Ad esempio, una quantit`a che `e stata messa in discussione `e la compressibilit` a
della materia nucleare. Il suo attuale valore `e estratto dalla posizione del modo di compressione
isoscalare 0
+
, nel nucleo di
208
Pb. Considerazioni idrodinamiche portano ad una valore di questa
quantit`a attorno ai 200 MeV. Se questa stima fosse sbagliata in eccesso otterremmo un valore
superiore della compressibilit` a della materia nucleare. Questo permetterebbe allonda durto di
accumulare maggiore energia che eventualmente permetterebbe di superare la situazione di stallo.
Unaltra serie di ipotesi riguarda il fatto che, al momento, le simulazioni sono state fatte ipo-
tizzando simmetria sferica della supernova. Ci sono indicazioni che anisotropie potrebbero aiutare
il superamento della fase di stallo.
Unaltra ipotesi `e legata al riscaldamento prodotto dal fascio di neutrini. Nelle simulazioni
londa durto raggiunge la fase di stallo dopo pochi millisecondi dalla sua origine. Simulazioni
che considerano tempi 100 volte maggiori indicano che i neutrini emessi dal core collassato della
stella che si sta rareddando sono assorbiti per circa il 10% dalle parti pi` u esterne della stella. Se
lenergia depositata dai neutrini `e dellordine di 10
44
J, quantit`a chiamata foe, londa durto pu` o
essere rivitalizzata e produrre quindi lesplosione.
I neutrini sono assorbiti con processi di dissociazione nucleare, gli stessi che hanno bloccato
londa durto. In questo caso per` o i neutrini depositano energia e quindi scaldano il materiale,
aumentandone la pressione. Il processo di riscaldamento da parte dei neutrini avviene a circa 150
km dal centro della stella, dove la probabilit` a di assorbimento dei neutrini non `e troppo bassa, da
essere trascurabile, e la materia non `e troppo calda da essere essa stessa un sorgente di neutrini.
A questa distanza la pressione cresce in modo da fermare la caduta libera del materiale che si
trova al di l` a di questa distanza. Questo materiale viene spinto a distanze maggiori. Quindi 150
km indicano il raggio di biforcazione. Il materiale a distanze inferiori a questo raggio cade nel core,
mentre la materia al di l` a di questa distanza viene espulsa dalla stella.
7.5 Il rareddamento
A questo stadio evolutivo della supernova, rimane un core residuo formato da materia nucleare ad
alta temperatura, 10
11
K. Il rareddamento di questa protostella avviene per emissione di neutrini,
e antineutrini. La principale sorgente di neutrini `e data dai processi:
n p +e

+
e
e p +e

n +
e
, (7.30)
detti processi URCA.
72 CAPITOLO 7. SUPERNOVAE
Sembra che URCA fosse una casa da gioco di Rio de Janeiro, dove George Gamow vide
sparire denaro cos` velocemente da ricordargli la veloce perdita di energia per mezzo emissione
di neutrini, nel rareddamento della protostella di neutroni.
Associati ai processi URCA, che sono le principali sorgenti di produzione di neutrini e antineu-
trini elettronici, si hanno anche processi in cui vengono prodotti neutrini di tutte le specie:
e
+
+e

i
+
i
annichilazione coppie e
+
e

, (7.31)
e

+ (p, n) e

+ (p, n) +
i
+
i
bremsstralung elettrone-nucleone , (7.32)
+e

+
i
+
i
fotoannichilazione . (7.33)
Dal punto di vista energetico la fase di rareddamento per emissione di neutrini trasporta il
90% dellenergia totale della supernova. Questo processo di rareddamento dura pochi secondi.
Una stima del tempo di rareddamento pu`o essere fatta confrontandolo con il tempo di
diusione caratteristico dei neutrini allinterno della protostella.
t
cool
t
di

R
2
c <

>
, (7.34)
dove R `e il raggio della protostella di neutroni e <

> `e il libero cammino medio dei neutrini,


mediato sullintera stella di neutroni. Possiamo stimare il valore di <

> come:
<

>
1
n <

>
, (7.35)
dove n `e il numero di nucleoni per unit`a di volume e <

> `e la sezione durto media neutrino


nucleone. Consideriamo il valore [Sha83]:
<

> 1.7610
44
cm
2
_

MeV
_
2
, (7.36)
con

lenergia del neutrino. Utilizzando la densit` a di = 3 10


11
kg / m
3
abbiamo n 1.8 10
38
e quindi
<

> 3km <

/MeV >
2
(7.37)
Per

15 MeV otteniamo <

> 13 m. Ipotizzando R 200 km, come indicato nella


sessione precedente, abbiamo che:
t
cool

(2 10
5
m)
2
c 13m
10 s . (7.38)
Un quadro riassuntivo delle varie fasi relative al processo di esplosione delle supernovae `e dato
nella tabella 7.2. In questa tabella `e stata messa in evidenza la produzione di neutrini nelle varie
fasi dellesplosione. E evidente che la rivelazione dei neutrini pu` o fornire delle indicazioni precise
sulla validit`a del modello sviluppato.
Il 23 febbraio 1987 sono stati rivelati neutrini emessi dallesplosione di una supernova che solo
dopo qualche ora `e stata identicata nello spettro ottico. Si tratta della prima osservazione in cui
neutrini e supernova vengono associati.
Il processo di rareddamento della protostella di neutroni non termina qui, e il suo destino nale
`e determinato dalla sua massa. Al momento lalta temperatura produce pressione suciente per
contrastare lattrazione gravitazionale. Se la massa supera il valore della massa di Chandrasekhar
dopo il rareddamento si forma un buco nero.
Per protostelle con massa inferiore a 2.5 M

il destino `e quello della formazione di una stella


di neutroni, che identichiamo normalmente con una pulsar. Dopo il rapidissimo rareddamento
7.5. IL RAFFREDDAMENTO 73
Fase Descrizione neutrini Tempi Energia
Collasso Cattura elettronica.
e
10-100 ms 10
44
J
Intrappolamento (e

+p
e
+n) <1% E
n
dei neutrini.
Onda durto Il core rimbalza.
e
,
e
,
x
Qualche ms 3 10
44
J
Londa durto raggiunge (e

+p
e
+n) 1% E
n
la neutrinosfera.
Accrescimento Lurto va in stallo.
e
,
e
,
x
100 ms 2 10
45
J
Il mantello della PNS (e

+e
+

i
+
i
) 10% E
n
si accresce e si raredda.
Lurto si rivitalizza.
Rareddamento La PNS si contrae
i
+
i
10 s 10
46
J
e si raredda. URCA + 90% E
n
(7.31-7.33)
Tabella 7.2: Quadro riassuntivo delle varie fasi del processo di esplosione di una supernova. En indica
lenergia totale emessa durante il processo, e corrisponde allenergia di legame della stella di neutroni
residua.
URCA, nellarco di qualche giorno la temperatura della protostella `e dellordine dei 10
9
K. A queste
temperature il gas di nucleoni ed elettroni che forma la protostella comincia a diventare degenere
e le reazioni URCA sono soppresse.
Consideriamo le energie di Fermi di protoni, neutroni ed elettroni
E
F
n
m
n
c
2
+
p
2
F
n
2m
n
(7.39)
E
F
p
m
p
c
2
+
p
2
F
p
2m
p
(7.40)
E
F
e
p
F
e
c . (7.41)
Il fatto che la stella sia elettricamente neutra implica che
p
F
p
= p
F
e
, (7.42)
come verr` a discusso con maggiore dettaglio nella sezione 8.3.4. Combinando le equazioni
precedenti otteniamo:
p
2
F
n
2m
n
p
F
e
c
_
1 +
p
2
F
p
2m
p
c
_
(m
n
m
p
)c
2
, (7.43)
trascurando il termine dove appare la dierenza di massa, molto pi` u piccolo degli altri termini,
e considerando che p
F
e
2m
p
c abbiamo:
p
2
F
n
2m
n
p
F
e
c = E
F
e
, (7.44)
da cui abbiamo le relazioni
p
F
e
= p
F
p
p
F
n
(7.45)
p
2
F
p
2m
p

p
2
F
n
2m
n
. (7.46)
Consideriamo il decadimento del neutrone, come indicato in (7.30). I neutroni che decadono
sono quelli vicini alla supercie di Fermi e hanno energia dellordine di k
B
T. Per conservazio-
ne dellenergia anche protone, elettrone e neutrino devono avere energie dellordine di k
B
T.
74 CAPITOLO 7. SUPERNOVAE
Ma energie cos` alte sono in contrasto con la relazione (7.45) che richiede impulsi di Fermi di
elettroni e protoni molto piccoli, rispetto allimpulso dei neutroni. Quindi c`e un contrasto
tra conservazioine di energia e dellimpulso. In realt`a il processo URCA di decadimento del
neutrone non `e impedito, dato che il neutrino pu`o prendere la maggior parte dellenergia e del-
limpulso e garantire quindi che la (7.45) sia soddisfatta. Si tratta comunque di una situazione
molto particolare rappresentata da un piccola porzione dello spazio delle fasi disponibile per
il decadimento libero. Per questo motivo le reazioni URCA sono solo soppresse, non proibite.
I processi di rareddamento continuano utilizzando la presenza di una particella intermedia che
porta parte dellimpulso. Questi sono detti processi URCA modicati:
n +n n +p +e

+
e
(7.47)
n +p +e

n +n +
e
. (7.48)
Queste reazioni sono accompagnate anche da reazioni di emissione di neutrini muonici:
n +n n +p +

(7.49)
n +p +

n +n +

. (7.50)
I muoni sono presenti nella materia quando il potenziale chimico degli elettroni supera la massa
a riposo del muone, come verr` a discusso con maggiore dettaglio nella sezione 8.3.4. Data la
grande massa dei leptoni , la produzione di neutrini non `e rilevante. Ci sono altre reazioni
che contribuiscono alla produzione di neutrini in questa fase di rareddamento:
n +n n +n +
i
+
i
bremsstralung nucleonico (7.51)
n +p n +p +
i
+
i
bremsstralung nucleonico (7.52)
e

+ (Z, A) e

+ (Z, A) +
i
+
i
bremsstralung elettrone-nucleone (7.53)

+n n +e

+
e
decadimento pionico (7.54)

+n n +

decadimento pionico (7.55)


e

+n n +

+
e
produzione pionica (7.56)

+n n +

produzione pionica . (7.57)


Si tratta comunque di reazioni che contribuiscono per poche percentuali rispetto alle URCA
modicate.
Questi processi di rareddamento possono durare per migliaia di anni. Lenergia persa per
emissione di fotoni supera quella trasportata dai neutrini quando la temperatura scende sotto i
10
8
K. Questa `e la temperatura del core neutronico della stella. La temperatura della supercie
`e circa due ordini di grandezza inferiore. Ovviamente queste stime di rareddamento dipendono
in maniera cruciale dagli ingredienti utilizzati per costruire il modello. Tipicamente si trova che
temperature superciali di 10
6
K sono raggiunte da stelle di circa 300 anni. Queste temperature
implicano la possibilit`a di rivelare emissione di raggi X nella banda di 0.2-0.3 keV. Prima della
scoperta delle radio pulsar, si pensava che un modo per identicare giovani stelle di neutroni fosse
losservazione di questi raggi X provenienti dal loro rareddamento.
La stella che rimane dopo la fase di rareddamento `e una stella di neutroni fredda.
Capitolo 8
Stelle di neutroni
Lesistenza di oggetti stellari composti da neutroni, fu ipotizzata da W. Baade e F. Zwicky [Baa34]
poco dopo la scoperta del neutrone. Nel 1939 J. R. Oppenheimer e G. M. Volko [Opp39] fecero
il primo calcolo dellequazione di stato di una tale stella, stimando il valore massimo della massa
attorno a 0.7 - 0.8 M

.
Lesistenza delle stelle di neutroni rimase una speculazione no a quando nel 1967 fu identicato
un segnale radio dal periodo di 1.337 secondi, proveniente da un preciso punto dello spazio [Hew68].
Oggi sono conosciute migliaia di sorgenti radio periodiche, dette pulsar. I periodi di emissione
vanno da pochi secondi a qualche millisecondo. La frequenza di emissione delle pulsar ha enorme
stabilit` a nel tempo. Le variazioni misurate del periodo di emissione, sempre in aumento, variano
da 10
14
a 10
5
secondi per anno. Queste caratteristiche fanno ipotizzare che le pulsar siano
oggetti stellari velocemente rotanti, dotati di intensi campi magnetici, che emettono radiazione in
direzioni privilegiate, come fossero fari.
Il limite della velocit` a di rotazione di un corpo che rimane unito grazie allinterazione gravi-
tazionale, `e dato dalleguaglianza tra lattrazione gravitazionale e la forza centrifuga. Per una
particella di massa unitaria che si trova allequatore di una sfera omogenea rotante si ha:
G
N
M
R
2
=
2
max
R ,
dove M e R indicano rispettivamente la massa e il raggio della stella, e
max
la massima
velocit` a angolare. Abbiamo quindi che:

max
=
_
G
N
M
R
3
=
_
G
N
4
3
,
dove `e la densit` a media della stella. Per una nana bianca si hanno delle densit` a medie
dellordine di 10
9
kg/m
3
, ad esempio Sirio B ha una densit` a di circa 3.4 10
9
kg/m
3
. I periodi
di rotazione
P =
2

max
,
sono dellordine di pochi secondi (6 s per Sirio B). Per la terra la velocit` a limite di rotazione
`e di circa 84 minuti.
Le grandi velocit` a di rotazione misurate, implicano che questi oggetti stellari devono avere alta
densit`a di materia e dimensioni relativamente piccole. Questi fatti hanno spinto ad identicare le
pulsar come stelle di neutroni rapidamente rotanti.
Misure di masse delle pulsar indicano masse di stelle di neutroni dellordine di circa 1.5 M

,
in aperta contraddizione con la stima di Oppenheimer and Volko. Questa stima era stata fatta
trascurando linterazione tra le particelle che compongono il sistema, in analogia a quanto viene
75
76 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
fatto per le nane bianche. La contraddizione con i valori osservati delle masse stelle di neutroni,
implica che questa approssimazione non `e pi` u valida. Lequilibrio della stella di neutroni non `e
solo determinato dalla pressione di Fermi, ma anche da eetti dinamici prodotti dallinterazione
tra i neutroni.
Le attuali conoscenze modellizzano la stella di neutroni con una struttura a strati. Ovviamente
i dettagli della struttura di questi strati sono legati alla precisa modellizzazione delle equazioni di
stato. Possiamo classicare i vari strati nella sequenza che segue.
Figura 8.1: Struttura di una stella di neutroni.
Supercie. La densit`a di questo strato `e compresa tra 8.0 10
3
kg/m
3
e 10
9
kg/m
3
. La
materia `e composta da un reticolo di atomi di
56
Fe, che sono il prodotto nale dei processi
di fusione (vedi la sezione 7.1). Aumentando la densit`a, e quindi la temperatura, sempre
pi` u elettroni si staccano dai rispettivi nuclei, e a densit`a di circa 10
7
kg/m
3
, c`e ionizzazione
completa.
Crosta esterna. Questo strato ha densit`a compresa tra 10
9
kg/m
3
e la densit`a detta di
gocciolamento neutronico (neutron drip line) che si stima dellordine di 4.3 10
14
kg/m
3
La
materia `e composta da nuclei pi` u pesanti del
56
Fe sistemati in un reticolo coulombiano ed
in equilibrio da decadimento con un gas relativistico e degenere di elettroni. Entrando pi` u
profondamente nella crosta, i nuclei diventano sempre pi` u ricchi di neutroni poiche le reazioni
di cattura elettronica e

+ p n +
e
abbassano lenergia totale del sistema. Quando la
densit`a raggiunge il valore di gocciolamento, i nuclei sono cos` ricchi di neutroni, che i neutroni
prodotti dalla cattura elettronica non si legano pi` u ai nuclei, e si trovano in stati del continuo.
Crosta interna. Questa parte della crosta ha densit`a comprese tra il valore di gocciolamento
e quello della pura materia neutronica, stimata tra 1.8 e 2.2 10
17
kg/m
3
. In questo strato la
materia `e composta da un reticolo di nuclei estremamente ricchi di neutroni inserito in un
gas di elettroni ultrareletivistici e in un gas di neutroni.
Core di materia neutronica. Per densit`a superiori a quelle dello strato precedente i nuclei
si uniscono e si ha una trasformazione di fase della materia che produce la materia neutronica.
In questa regione la stella consiste di materia neutronica in equilibrio per decadimento con
elettroni, positroni, muoni e antimuoni.
Core esotico. Si ipotizza che per valori molto alti della densit`a, dalla materia neutronica si
passi ad una forma di materia in cui la presenza di particelle dierenti dai nucleoni diventa
8.1. LA CROSTA 77
importante. Per denizione questo tipo di materia `e denita esotica. Leventuale presenza
e la composizione di un core esotico ha notevoli conseguenze sulla propiet`a della stella di
neutroni.
8.1 La crosta
8.1.1 La crosta esterna
La formazione di un solido `e possibile quando lenergia coulombiana che stabilizza la posizione di
un atomo in un cristallo, `e superiore allenergia cinetica prodotta dal moto termico dellatomo:
Ze
2
r
L
>> k
B
T , (8.1)
dove r
L
indica la distanza tra due atomi denita in termini della densit`a di numero degli ioni n
I
come:
4r
3
L
3
=
1
n
I
. (8.2)
Da quanto detto ci si aspetta che un solido si formi a temperature
T < T
max
=
Ze
2
r
L
k
B
Ze
2
n
I
1/3
. (8.3)
Nel caso del ferro, per densit`a di 10
10
kg/m
3
, si ha solidicazione per T 10
8
K in una struttura
cubica a corpo centrale. Aumentando la densit`a aumenta T
max
in modo che il solido rimane
sempre formato. Tuttavia aumentando la densit`a, aumenta anche lenergia cinetica degli elettroni
relativistici che compongono il gas in cui `e immerso il reticolo di ioni. A densit`a da 10
10
a 10
14
kg/m
3
lenergia cinetica degli elettroni `e tale da innescare una situazione in cui i processi di cattura
elettronica, o decadimenti inversi,
e

+p n +
e
, (8.4)
sono energeticamente possibili e favoriti. Questi processi eliminano elettroni di alta energia e
producono
e
che lasciano la stella. Il processo di formazione del neutrone diventa permanente
perche lelettrone prodotto da un decadimento avrebbe energia inferiore a quella di Fermi nel gas
di elettroni, quindi la densit`a degli stati nali `e nulla per il decadimento . La cattura elettronica
produce nuove specie di nuclei secondo sequenze del tipo
Fe Ni Se Ge . (8.5)
Questo processo `e chiamato di neutronizzazione perche i nuclei prodotti sono molto ricchi di
neutroni.
Modellizziamo gli eetti del processo di cattura elettronica. Consideriamo un gas di protoni
ed elettroni non interagenti a temperatura nulla. Ipotizzando nulla la massa del neutrino, e tra-
scurandone linterazione con il neutrone residuo, possiamo aermare che il processo (8.4) diventa
energeticamente possibile quando lenergia dellelettrone supera la soglia energetica della dierenza
di massa tra neutrone e protone:
= m
n
m
p
= 1.293 MeV . (8.6)
La densit`a di elettroni che permette lattivazione di questo processo pu` o essere calcolata conside-
rando che
_
p
2
F
c
2
+m
2
e
c
4
= . (8.7)
78 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Dalla (6.7) abbiamo che:
p
F
h
= (3
2
n
e
)
1/3
, (8.8)
da cui
n
e
=
1
3
2
_

2
m
2
e
c
4
h
2
c
2
_
3/2
7 10
36
m
3
. (8.9)
Per un sistema con ugual numero di protoni e neutroni, questo valore corrisponde ad una densit`a
di massa di 7 10
6
kg m
3
.
Consideriamo le condizioni necessarie perch`e un sistema formato da protoni, neutroni ed elet-
troni, sia in equilibrio rispetto a processi di cattura elettronica (8.4). In questo modello semplicato
trascuriamo tutte le interazioni tranne quella debole. Cerchiamo il minimo della densit`a di ener-
gia (n
p
, n
n
, n
e
) per variazioni delle densit`a di protoni n
p
, neutroni n
n
ed elettroni n
e
. In questo
sistema viene conservato il numero di barioni N
B
, e quindi la densit`a barionica n
B
. Inoltre il siste-
ma `e neutro, e la carica totale, nulla ovviamente, deve essere conservata. Questo implica n
e
=n
p
.
Deniamo un funzionale
F(n
p
, n
n
, n
e
) = (n
p
, n
n
, n
e
) +
B
(n
B
n
p
n
n
) +
Q
(n
p
n
e
) , (8.10)
dove abbiamo indicato con
B
e
Q
i moltiplicatori di Lagrange. Il minimo del funzionale viene
cercato per valori dei parametri tali che:
F
n
p
=
F
n
p
=
F
n
e
= 0 , (8.11)
con le condizioni aggiuntive
F

Q
=
F

B
= 0 . (8.12)
Dalla denizione del potenziale chimico per una specie (i = p, n, e)

i
=
_
E
N
i
_
V
=
_

n
i
_
V
, (8.13)
e dalle (8.11) si ottengono le relazioni

B
+
Q
= 0 ;
n

B
= 0 ;
e

Q
= 0 , (8.14)
e quindi la condizione di equilibrio chimico

p
=
e
. (8.15)
Calcoliamo il potenziale chimico della specie i utilizzando la denizione
=

n
=
p
F
n

p
F
=
_
p
F
n
_
1
1
V
E
p
F
.
Utilizziamo lespressione relativistica (6.14) dellenergia, e abbiamo
E =
V
4
hck
4
F

2
,
da cui
1
V
E
p
F
=
1
hV
E
k
F
=
c

2
k
3
F
.
Dalla relazione (6.7) che lega la densit`a al momento di Fermi abbiamo che:
n
p
F
=
n
hk
F
=
k
2
F

2
h
.
8.1. LA CROSTA 79
Quindi
=
c

2
k
3
F

2
h
k
2
F
= hc k
F
. (8.16)
Lespressione (8.16) del potenziale chimico, `e stata ottenuta considerando che la specie i sia un
gas di fermioni non interagenti. Possiamo denire le frazioni di protoni e di neutroni come:
x
p
=
n
p
n
B
=
n
p
n
p
+n
n
, x
n
=
n
n
n
B
= 1 x
p
. (8.17)
Gli impulsi di Fermi possono essere espressi in termini di frazione di protoni come:
k
F
e
= k
F
p
=
_
3
2
x
p
n
B

1/3
, k
F
n
=
_
3
2
(1 x
p
)n
B

1/3
. (8.18)
Per un valore ssato della densit`a barionica n
B
, possiamo usare le espressioni precedenti per
calcolare il valore del potenziale chimico (8.16) per ogni specie. Questi potenziali chimici, inseriti
nelle equazioni (6.19) e (6.21), permettono di calcolare le pressioni dei gas di protoni, neutroni ed
elettroni, la cui somma d`a la pressione totale del sistema. Tutto dipende da una sola variabile, la
frazione di protoni.
In realt`a la modellizzazione proposta sopra `e troppo semplicata, perch`e quello che conta non
`e la dierenza di massa tra neutrone e protone, ma piuttosto quella tra i due nuclei coinvolti nella
reazione di cattura elettronica. La densit`a di energia per un insieme di nuclei di numero di massa
A e carica Z, sistemato in un reticolo, e circondato da un gas di elettroni relativistici `e:

T
(n
B
, A, Z) =
e
+
_
n
B
A
_
[M(A, Z) +
L
] . (8.19)
Nellequazione precedente
e
indica la densit`a di energia degli elettroni, e
L
lenergia elettrostatica
del reticolo per ogni nucleo, eq. (8.1). Questultimo termine pu` o essere trascurato in una prima
approssimazione. Per un valore ssato della densit`a di nucleoni n
B
, la congurazione di equilibrio
`e data dalle condizioni

T
A
= 0 ,

T
Z
= 0 . (8.20)
La densit`a di energia degli elettroni `e data dallespressione (6.14) per elettroni relativistici. Il
valore di M(A, Z) pu` o essere ottenuto utilizzando la formula semi-empirica della massa di Bethe-
Weiecker
M(A, Z) = Zm
p
+ (AZ)m
n

_
a
V
A+a
s
A
2/3
+a
c
Z
2
A
1/3
+a
I
(A2Z)
2
A
+
_
. (8.21)
Nellequazione precedente sono messi in evidenza tra le parentesi quadre i termini di volume,
supercie, coulombiano, simmetria e appaiamento. Utilizzando lequazione (8.21) per il calcolo
delle (8.20), si ottiene una relazione tra Z e A, che indica che Z cresce pi` u lentamente di A al
variare di n
B
. Questo signica che aumentando la densit`a nucleonica aumenta il rapporto neutroni
protoni, e si creano nuclei sempre pi` u ricchi di neutroni.
In realt`a anche questa trattazione `e semplicata. I valori di A e Z sono discreti, e si possono
utilizzare i valori misurati delle masse nucleari al posto della stima della formula semi-empirica della
massa di Bethe-Weiecker. Inoltre si deve inserire lenergia di reticolo che abbassa ulteriormente
lenergia totale del sistema. Unespressione empirica della densit`a di energia che lega la densit`a di
numero barionico n
B
e il numero di massa A `e data da:

T
(n
B
, A, Z) =
3
4
_
Z
n
b
A
_
4/3
+
_
n
B
A
_
_
M(A, Z) 1.4442(Ze)
2
_
n
B
A
_
1/3
_
. (8.22)
Lenergia
T
viene calcolata per un nucleo specico e studiata in funzione di 1/n
B
. Dal confronto
tra le curve calcolate `e immediato identicare il nucleo per cui
T
`e minima per ogni valore della
densit`a barionica n
B
. In questa fase, si formano reticoli con nuclei sempre pi` u ricchi di neutroni.
80 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Figura 8.2: Densit`a di energia per due isotopi del nichel in funzione della densit` a barionica n
B
.
Nucleo Z N=Z-A Z/A [MeV]
max
kg/m
3
56
Fe 26 30 0.4643 0.1616 8.1 10
9
62
Ni 28 34 0.4516 0.1738 2.7 10
11
64
Ni 28 36 0.4375 0.2091 1.2 10
12
84
Se 34 50 0.4048 0.3494 8.2 10
12
82
Ge 32 50 0.3902 0.4515 2.1 10
13
84
Zn 30 54 0.3750 0.6232 4.8 10
13
78
Ni 28 50 0.3590 0.8011 1.6 10
14
76
Fe 26 50 0.3421 1.1135 1.8 10
14
124
Mo 42 82 0.3387 1.2569 1.9 10
14
122
Zr 40 82 0.3387 1.2569 1.9 10
14
120
Sr 38 82 0.3166 1.6909 3.7 10
14
118
Kr 36 82 0.3051 1.9579 4.3 10
14
Tabella 8.1: Lista dei nuclei che minimizzano il valore dellenergia (8.22), e la densit` a a cui questo avviene.
Il valore delle loro masse `e espresso in termini di = M(A, Z)/A930 MeV.
In Fig. 8.2 mostriamo una gura riguardante due isotopi del nichel. A densit`a barioniche pi` u
basse, alti valori di 1/n
B
, la densit`a di energia `e minima per lisotopo 62. Per valori della densit`a
barionica tali che 10
9
/n
b
< 0.006, `e lisotopo 64, pi` u ricco di neutroni, che minimizza la densit`a di
energia.
Nella tabella 8.1, viene indicata una lista di nuclei che minimizzano il valore della densit`a di
energia (8.22), per vari valori della densit`a del sistema.
La procedura che abbiamo descritto `e limitata dalla nostra conoscenza della massa nuclei stabili,
o prodotti in laboratorio. Al momento, non abbiamo informazioni riguardanti la massa di nuclei
con grande eccesso di neutroni e lontani dalla valle di stabilit` a. Per aumentare la nostra conoscenza
su questi nuclei di interesse astrosico, `e stato pianicato un vasto programma sperimentale che
viene condotto con fasci di nuclei radioattivi.
8.1.2 La crosta interna
Dalla tabella 8.1 possiamo notare come, aumentando la densit`a della stella il minimo di energia
viene ottenuto con la formazione di nuclei sempre pi` u ricchi di neutroni. Per valori della densit`a
8.2. IL CORE DI MATERIA NEUTRONICA 81
di 4.3 10
14
kg/m
3
si ha che il nucleo che minimizza lenergia `e il
118
Kr. Questo nucleo ha un
potenziale chimico negativo per i neutroni. Aumentando la densit`a si formano nuclei che hanno
un eccesso di neutroni che eccede la cosidetta linea di gocciolamento dei neutroni. Questo signica
che il processo di neutronizzazione (8.5) produce nuclei in cui il neutrone non `e pi` u legato. Questi
neutroni lasciano il nucleo (gocciolando) e formano un gas di neutroni liberi che si muovono attorno
ai nuclei localizzati nel reticolo.
A queste densit`a la materia presenta lequilibrio tra due fasi. Una prima fase `e quella composta
da nuclei in un reticolo cristallino, e una seconda fase in cui la materia si presenta come gas di
neutroni. I dettagli di come si passi da una fase allaltra sono piuttosto complicati e oggetto di
studio.
Uno studio del 1983 [Rav83] ha messo in evidenza che a densit`a comprese tra 4.3 10
13
e 7.5
10
16
kg/m
3
la materia `e costituita da marosfere di nuclei immersi in un gas di elettroni e neutroni.
A densit`a comprese tra 7.5 10
16
e 1.2 10
17
kg/m
3
le congurazioni energeticamente favorite sono
quelle in cui la materia si dipone in barre o lamine (spaghetti o lasagne) sempre immerse in un gas
di neutroni ed elettroni. A densit`a superiori lenergia del sistema `e minima se la materia `e un gas
omogeneo di neutroni immersi in gas di elettroni. Questultima fase `e quella di materia neutronica
e forma la parte di gran lunga pi` u massiva della stella di neutroni.
8.2 Il core di materia neutronica
La crosta contiene l1 o al massimo il 2 % della massa della stella di neutroni, il valore dipende
dal tipo di equazione di stato utilizzata per modellizzarne il comportamento [Lor93]. Quindi, il
98, 99% della massa della stella di neutroni si trova nel core, ed `e presumibilmente in uno stato
di uido quantistico. Lo stato attuale della ricerca in questo campo, riguarda lo studio delle sue
condizioni di stabilit` a.
Lequazione di equilibrio termodinamico (2.1) `e stata ottenuta considerando la meccanica new-
toniana. In realt`a, per oggetti compatti come le stelle di neutroni, `e necessario utilizzare une-
spressione che consideri la teoria della gravitazione di Einstein. La (2.1) deve essere sostituita con
lequazione [Wei72]
dP(r)
dr
= G
N
(r)m(r)
r
2
_
_
1 +
P(r)
c
2
(r)
_ _
1 +
4r
3
P(r)
c
2
m(r)
_ _
1
2G
N
m(r)
c
2
r
_
1
_
. (8.23)
Lequilibrio idrostatico `e ssato dallequazione precedente e dalla (2.2)
dm(r)
dr
= 4r
2
(r) .
Nel limite in cui c la (8.23) riproduce la (2.1). Nellultimo termine della (8.23) appare il poten-
ziale gravitazionale, che diminuendo il valore del denominatore fa crescere leetto dellinterazione
gravitazionale, rispetto al risultato newtoniano.
massa raggio densit`a media kg/m
3
G
N
M/Rc
2
sole M

10
3
10
6
nana bianca M

10
2
R

10
10
10
4
stella di neutroni 1.5M

10
5
R

10
18
10
1
buco nero 2G
N
M/c
2
1
Tabella 8.2: Confronto tra alcune quantit` a relative ad oggetti compatti
La necessit` a di utilizzare lequazione (8.23) per lo studio delle stelle di neutroni, `e indicata da
quanto mostrato nella tabella 8.2. Come si pu` o vedere il potenziale gravitazionale, che appare
nellultimo termine della (8.23), `e irrilevante per stelle come il sole, e anche per le nane bianche.
Comincia invece a produrre correzioni del 10% rispetto al risultato newtoniano per le stelle di
neutroni.
82 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Le due equazioni dierenziali di primo ordine (8.23) e (2.1) sono dette di Tolman-Oppenheimer-
Volko (TOV) [Tol34, Opp39]. Le TOV sono integrate con le condizioni al contorno
m(0) = 0 , P(R) = P
sup
(8.24)
La prima condizione indica che (r) e P(r) sono nite nel centro della stella. La seconda condizione
specica il valore della pressione alla supercie della stella. Normalmente si sceglie P
sup
=0, che
denisce il raggio della stella. Unaltra scelta fatta comunemente `e quella di dare a P
sup
, il valore
della la densit`a degli atomi di
56
Fe (7.86 kg/m
3
). In questo caso, la supercie denisce il raggio
dello strato di materia neutronica.
Le equazioni TOV sono integrate ssando il valore della pressione al centro della stella. Questo
valore delle condizioni iniziali della pressione viene determinato conoscendo la densit`a centrale della
stella
c
. Risulta quindi fondamentale la conoscenza della relazione tra densit`a e pressione, quella
che viene denita comunemente denita come Equazione di Stato (EOS).
Figura 8.3: Andamento della massa della stessa di neutroni in funzione della densit` a centrale.
Risolvendo le equazioni TOV, si ottiene la pressione della stella in funzione della densit`a cen-
trale. Daltra parte, utilizzando lequazione (2.2), ottentiamo la massa in funzione del raggio della
stella, o della densit`a centrale. Il tipico risultato che si ottiene per una densit`a `e schematicamente
presentato nella gura 8.3. Laspetto pi` u importante di questa gura `e la presenza di un valore
massimo della massa della stella. Lespressione della massa in funzione della densit`a mostra una
crescita no al valore massimo, poi una decrescita. Congurazioni stellari con massa superiore a
quella massa sono instabili e collassano in buchi neri. Lesistenza di una massa massima `e dovuta
alluso della relativit`a generale, non alla particolare equazione di stato utilizzata.
8.3 Equazione di stato della materia neutronica
Il calcolo della EOS della materia neutronica `e il problema fondamentale della sica delle stelle di
neutroni. Per fare questo calcolo si ipotizza che la materia neutronica sia un uido perfetto, nel
senso che non si escludono eetti di viscosit`a tangenziale. Si fa inoltre lipotesi che sia materia
catalizzata. Questo signica che ssata la densit`a barionica n
B
, i vari tipi di barioni sono presenti
con rispettive abbondanze x
i
= n
i
/n
B
, tali che lenergia totale per barione (c
2
/n
B
) sia minima.
Questo tipo di materia `e in equilibrio rispetto alle interazioni forte e debole.
Una stella di neutroni appena nata si raredda in poche ore a temperature dellordine di 10
7
-
10
9
K. Queste temperature sono molto piccole se confrontate con le scale di energia della materia
di neutroni, in cui le tipiche energie di Fermi vanno dalle decine alle centinaia di MeV (1 MeV
corrisponde a circa 1.134 10
10
K). Per questo motivo nei calcoli dellequazione di stato si ipotizza
che T=0. Le ipotesi menzionate sopra si riassumono dicendo che il calcolo della EOS viene svolto
per materia fredda e catalizzata.
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 83
Figura 8.4: Masse osservate di alcune pulsar.
Il primo calcolo dellEOS di materia neutronica fu fatto da Oppenheimer e Volko [Opp39]. I
due autori modellizzarono il uido di neutroni come un gas di Fermi di particelle non interagenti, in
analogia con quanto fatto per gli elettroni nel caso delle nane bianche. Le equazioni che descrivono
la pressione in funzione della densit`a sono analoghe a quelle presentate nel cap. 6. Anche in questo
caso utilizzando una forma politropica relativistica, con indice politropico , Eq. (6.23), uguale a
3, si ottiene un valore massimo della massa della stella di neutroni (vedi lEq. (6.35) ). Il valore
della massa massima trovato da Oppenheimer e Volko `e:
M
max
= 0.71M

. (8.25)
Questo valore `e in aperta contraddizione con i valori osservati delle masse delle pulsar che sono
dellordine di 1.4, 1.5 M

(vedi la Fig.8.4).
Lidea `e che nellequazione (6.35), il valore del termine della derivata di nel punto in cui si
ha il primo zero, =
R
sia troppo piccolo. In altre parole, lEOS di Oppenheimer e Volko `e poco
ripida. La pressione deve essere in grado di sostenere lattrazione gravitazionale evitando il collasso
della stella. A parit`a di densit`a centrale della stella, pi` u ripida `e lequazione di stato, maggiore `e la
pressione che il sistema esercita verso lesterno. La massa limite in cui lattrazione gravitazionale
supera le capacit`a di repulsione del sistema aumenta con laumentare del valore della derivata di
.
Da quanto detto `e evidente che la pura pressione di Fermi non `e suciente nelle stelle di
neutroni per descrivere correttamente il sistema. E necessario calcolare lEOS, tenendo conto
dellinterazione tra i neutroni. Il core fortemente repulsivo dellinterazione tra due nucleoni fornisce
il nuovo ingrediente sico che permette di ottenere i valori massimi delle masse delle stelle di
neutroni simili a quelli osservati.
Il calcolo dellEOS di materia neutronica `e uno dei problemi aperti della sica nucleare. Non
ci sono dirette evidenze empiriche di questo stato della materia. E quindi necessario estrapolare
dai nuclei queste informazioni.
84 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Figura 8.5: Distribuzioni di carica, riscalate, di alcuni nuclei.
Ci sono dei fatti empirici che aiutano questa estrapolazione. Un prima osservazione `e che le
distribuzioni di carica dei nuclei medio-pesanti, opportunamente riscalate, forniscono un valore
molto simile della densit`a al centro del sistema (vedi Fig. 8.5). Questo valore pu` o essere ottenuto
ipotizzando la distribuzione di carica del nucleo come quella di una sfera uniformemente carica
=
A
4
3
R
3
.
Utilizzando la relazione empirica
R = r
0
A
1/3
,
per r
0
= 1.1 0.1 si ottiene un valore di = 0.16 0.01 nucleoni per fm
3
. Questo `e il valore
segnato dalla linea orizzontale tratteggiata nella gura 8.5.
Una seconda osservazione riguarda la formula semi-empirica della massa (8.21). Considerando
lenergia di legame per nucleone, si ha:
B(A, Z)
A
=
_
a
V
+a
s
A
1/3
+a
c
Z
2
A
4/3
+a
I
(A2Z)
2
A
2
+
_
. (8.26)
Spegnendo il contributo del termine coulombiano, trascurando il termine di appaiamento , per
materia nucleare simmetrica (A = 2Z), sopravvive solo il termine di volume a
V
, il cui valore `e
16.5 0.5 MeV.
Da queste informazioni empiriche risulta che il punto di saturazione della materia nucleare
simmetrica, cio`e il punto in cui lenergia di legame per nucleone in funzione della densit`a del
sistema raggiunge il suo minimo, `e caratterizzato dai valori:
n
0
= 0.16 fm
3
,
0
= 16.5 0.5MeV. . (8.27)
Sviluppando in serie di Taylor E/A, attorno al punto di saturazione, abbiamo:
(n)
0
+
1
2
(n n
0
)
2
_

n
2
_
n=n
0
=
1
2
K
0
9
(n n
0
)
2
n
2
0
. (8.28)
Nellespressione precedente abbiamo considerato che la derivata prima `e nulla nel punto di satu-
razione, e abbiamo denito il modulo di compressione K
0
come:
K
0
= 9n
2
0
_

n
2
_
n=n
0
= 9
_
P
n
_
n=n
0
. (8.29)
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 85
Il valore empirico del modulo di compressione viene estratto dalla posizione della risonanza
gigante di monopolo, 0
+
, nei nuclei pesanti. Oggi sono accettati valori che vanno dai 200 ai 250
MeV.
Unaltra informazione empirica `e ssata dallenergia di simmetria. Deniamo il parametro di
asimmetria come
=
N Z
A
, (8.30)
abbiamo quindi che
N
A
=
n
n
n
=
1
2
(1 +) ,
e
Z
A
=
n
p
n
=
1
2
(1 ) .
Lenergia per particella di materia nucleare asimmetrica, pu` o essere sviluppata in potenze pari di

(n, ) = (n, 0) +S
2
(n)
2
+S
4
(n)
4
+S
6
(n)
6
. . . . (8.31)
Per la simmetria di isospin dellinterazione nucleare, linterazione tra due neutroni `e identica a
quella tra due neutroni. Questo implica che i termini dispari in siano nulli. Lenergia di simmetria
`e denita come

sym
(n) =
1
2
_

2
_
=0
= S
2
(n) , (8.32)
che `e uguale al secondo termine dellequazione (8.31). Se, in questo sviluppo, tutti i termini
superiori al secondo fossero nulli per ogni valore della densit`a, lenergia per particella della materia
nucleare asimmetrica, potrebbe essere scritta come
(n, ) = (n, 0) +
sym
(n)
2
, (8.33)
e quindi lenergia di simmetria potrebbe essere espressa come la dierenza tra lenergia per nucleone
di materia neutronica, e quella della materia nucleare simmetrica

sym
(n) = (n, 1) (n, 0) . (8.34)
Al momento, il valore empirico dellenergia di simmetria viene estratto dalla posizione della
risonanza gigante di dipolo isovettoriale, 1

, nei nuclei medio-pesanti. Questo valore sembra


attestato attorno ai 30 MeV.
Riassumendo, il calcolo dellEOS della materia neutronica viene eettuato calcolando prima
lEOS di materia nucleare simmetrica, dove la validit`a del calcolo pu` o essere vericata empirica-
mente con il confronto con le seguenti quantit`a:
1. Punto di saturazione: n
0
= 0.16 fm
3
e
0
= 16.5 0.5 MeV.
2. Modulo di compressione: K
0
220 MeV.
3. Energia di simmetria:
sym
30 MeV.
E inoltre necessario che, sia in materia nucleare simmetrica, sia nella materia neutronica, la velocit` a
del suono non superi quella della luce, in altri termini:
s
c
=
_
dP
d
_
1/2
1 . (8.35)
Il calcolo dellEOS di materia nucleare `e un problema richiede lutilizzazione di ranate tecniche
a molticorpi. Non entreremo nei dettagli di queste tecniche, ma cercheremo da fare una panoramica
delle principali problematiche inerenti al loro utilizzo. Prima di arontare il problema specico
del calcolo dellEOS della materia nucleare, faremo una breve panoramica delle problematiche
riguardanti il punto di partenza di ogni calcolo, linterazione tra due nucleoni.
86 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
8.3.1 Linterazione nucleone-nucleone
I nucleoni sono entit`a composite. Questo `e messo in evidenza dalla presenza di stati eccitati del
nucleone e da evidenze di dimensioni nite. Al momento si ritiene che le entit`a prive di struttura che
formano il nucleone siano quark e gluoni. La teoria che si pensa debba descrivere linterazione, forte,
tra queste entit`a `e la cromodinamica quantistica (QCD). In principio, la struttura del nucleone, e
linterazione tra due nucleoni dovrebbere essere descritta in termini di quark e gluoni utilizzando
la QCD. Al momento non si riescono a descrivere nemmeno le propriet` a del singolo nucleone con la
QCD. Una descrizione dellinterazione tra due nucleoni basata sulla QCD non `e quindi disponibile.
Il problema viene arontato in maniera pragmatica, ipotizzando espressioni parametriche del-
linterazione tra nucleoni. I parametri vengono ssati in modo da descrivere i dati empirici
provenienti da sistemi a due nucleoni.
Ovviamente la teoria indica delle precise propriet` a a cui lespressione parametrica dellintera-
zione deve soddisfare.
1. Lhamiltoniana che descrive il sistema `e hermitiana, dato che gli autovalori corrispondono
ad un osservabile, lenergia del sistema. Questo implica che anche linterazione debba essere
hermitiana.
2. Linterazione deve essere invariante per lo scambio di coordinate
V (1, 2) = V (2, 1) ,
dato che le due particelle sono identiche. Ovviamente questo implica linvarianza dellintera-
zione forte per cambio di isospin.
3. Invarianza traslazionale
V (r
1
, r
2
) = v(r
12
) .
Linterazione dipende solo dalla distanza relativa tra i due nucleoni.
4. Invarianza galileiana. Linterazione dipende solo dal momento relativo dei due nucleoni.
5. Invarianza per riessioni spaziali, sotto parit`a.
V (r, p) = V (r, p) .
6. Invarianza per inversione temporale
V (p, ) = V (p, )
7. Invarianza per rotazioni nello spazio.
8. Invarianza per rotazioni dellisospin.
Date queste restrizioni sono possibili soltanto alcune combinazioni degli operatori r, p, , . Le
parametrizzazioni dellinterazione possono essere presentate nella forma:
V (1, 2) =
V
1
(r
12
) +V
2
(r
12
) (1) (2) +V
3
(r
12
) (1) (2) termini
+V
4
(r
12
) (1) (2)(1) (2) centrali,
+V
5
(r
12
) S
12
(r
12
) +V
6
(r
12
) S
12
(r
12
)(1) (2) tensoriali,
+V
7
(r
12
) L
12
S +V
8
(r
12
) L
12
S(1) (2) di spin - orbita,
+ altri termini , (8.36)
dove L
12
`e il momento angolare relativo della coppia di nucleoni interagenti,
S =
1
2
[(1) + (2)] ,
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 87
e il termine tensoriale `e denito come:
S
12
(r
12
) =
3
r
2
12
[(1) r
12
][(1) r
12
] (1) (2) . (8.37)
Abbiamo presentato nella (8.36) i termini di ordine pi` u basso in spin, isospin, tensore e momento
angolare, ma ogni prodotto scalare di questi termini pu` o essere considerato, senza violazione delle
prescrizioni sopra elencate. Le parti radiali dellespressione (8.36) sono parametrizzate e i valori di
questi paramatri sono ssati per riprodurre le propriet` a dei sistemi a due corpi.
C`e un solo stato legato di due nucleoni, il deutone. Dalla conoscenza delle sue propriet` a
possiamo inferire delle informazioni sulle interazioni nucleari.
a) Il fatto che non esistano ne diprotone ne dineutrone indica che linterazione tra protone e
neutrone `e pi` u attrattiva di quella tra due nucleoni identici. Questo implica che linterazione
dipende dallisospin.
b) Il fatto che il deutone appare solo nella congurazione di momento angolare totale uguale a
uno implica che linterazione nucleone-nucleone dipende dallo spin. Non fosse cos`, dovremmo
trovare congurazioni con spin totale sia uno sia zero, nella propozione 3:1, come indicano le
tradizionali regole di somma dei momenti angolari.
c) Il fatto che il momento di quadrupolo elettrico del deutone non sia nullo implica che lin-
terazione non `e di tipo centrale, ma che ci sono dei termini tensoriali nello spazio delle
congurazioni.
I parametri dellinterazione vengono ssati per riprodurre i circa 4000 dati di diusione elastica
tra protone e protone e neutrone e protone, no ad energie nel centro di massa di 300 MeV. Questi
processi di diusione vengono descritti come indicato nel paragrafo 3.2.1. In realt`a le quantit`a
empiriche che vengono utilzzate per ssare linterazione sono gli sfasamenti, legati alle sezioni
durto come indicano le equazioni (3.27) e (3.19).
Le metodologie per denire i comportamenti analitici del potenziale, sono diverse e possono
ricadere in tre categorie.
I) Le funzioni V
i
(r) della (8.36) sono puramente fenomenologiche. Nella formulazione pi` u diusa
si utilizzano funzioni di Yukawa per la parte a lungo raggio, cio`e per distanze relative no a
2 fm, e funzioni tipo Saxon-Woods per la parte pi` u a corto raggio.
II) Linterazione `e descritta in termini di scambio di singoli mesoni tra i due nucleoni interagenti.
Il termine pi` u a lungo raggio dellinterazione `e determinato dallo scambio del pione, il mesone
pi` u leggero. Lo scambio di mesoni pseudoscalari, vettoriali, e anche scalari, permette di
descrivere linterazione tra due nucleoni nella sua complessit`a. La formulazione `e relativistica.
I parametri liberi sono le costanti di accoppiamento tra mesoni e nucleoni, e, in alcuni casi,
anche la massa del mesone scambiato.
III) Linterazione tra due nucleoni `e trattata in una teoria eettiva ispirata alla QCD, detta teoria
di perturbazione chirale. La teoria rispetta alcune propriet` a generali di simmetria della QCD
e viene utilizzata per descrivere fenomeni alle energie dellordine del MeV, in cui la QCD non
`e perturbativa. I gradi di libert` a sono solo nucleoni e pioni che vengono scanbiati in vario
numero. Questo genera i vari termini dellinterazione. Anche in questo caso i parametri sono
le costanti di accoppiamento.
Indipendentemente da come linterazione tra due nucleoni venga parametrizzata, i moderni
potenziali riescono a riprodurre i circa 4000 dati disponibili [Sto93, Sto94] con un valore del
2
dellordine dellunit`a per dato. Tipici comportamenti dellinterazione nucleone-nucleone sono pre-
sentati nella gura 8.6 dove si mostrano le funzioni V
i
(r
12
) ottenute con tre diverse parametriz-
zazioni dellinterazione. Queste parametrizzazioni sono ottenute con potenziali fenomenologici e
sono chiamate Urbana V14 (UV14) [Lag81] e Argonne V18 (AV18) [Wir95]. I due numeri indicano
il numero di termini operatoriali nellequazione (8.36). Linterazione Argonne V8 (AV8) [Pud97]
88 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0
-100
0
100
200
300
AV18
AV8
UV14
[
M
e
V
]

V
1

0.0 0.5 1.0 1.5 2.0


-400
-300
-200
-100
0
100
V
3

[
M
e
V
]

0.0 0.5 1.0 1.5 2.0


-20
0
20
40
60
V
5

[
M
e
V
]

0.0 0.5 1.0 1.5 2.0


-500
-400
-300
-200
-100
0
V
7

[
M
e
V
]

r
12
[fm]
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0
-500
-300
-100
100
V
2

0.0 0.5 1.0 1.5 2.0


-200
0
200
400
V
4

0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0


0
20
40
60
V
6

0.0 0.5 1.0 1.5 2.0


-600
-400
-200
0
V
8

r
12
[fm]
Figura 8.6: Diverse parametrizzazioni dellinterazione nucleone-nucleone per i vari termini dellequazione
(8.36).
`e una riduzione della AV18 ai primi otto termini. Non si tratta di una pura elimininazione de-
gli ultimi 10 termini, ma c`e un riaggiustamento dei parametri considerati per riprodurre i dati
sperimentali.
Le caratteristiche delle parameterizzazioni mostrate nella gura sono comuni a tutte le moderne
interazioni nucleone-nucleone. La caratteristica pi` u rilevante `e la presenza del core fortemente
repulsivo a piccole distante nel termine scalare, V
1
, dellinterazione. Nel riquadro riguardante V
1
,
lasse delle y nella gura `e limitato a valori inferiori a 300 MeV, quindi non si vede che per valori di
r
12
tendenti a zero, i vari potenziali assumono valori di 2 o pi` u GeV. La presenza del core repulsivo
a piccole distanze vanica lutilizzazione delle tradizionali teorie perturbative per la descrizione dei
nuclei e della materia nucleonica.
8.3.2 Le forze a tre corpi
Linterazione tra due nucleoni `e linformazione fondamentale per poter costruire lhamiltoniana
che descrive il nucleo. Nellambito della meccanica quantistica nonrelativistica lhamiltoniana,
composta dalla somma delle energie cinetiche dei singoli nucleoni e dalle reciproche interazioni,
pu` o essere epressa come
H =

i=1,A

h
2

2
i
2m
i
+

i<j=1,A
V (i, j) . (8.38)
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 89
Il deutone ed i sistemi a due corpi sono utilizzati per ssare i parametri dellinterazione. Quindi
il sistema pi` u semplice in cui vericare la validit`a dellinterazione utilizzata `e il trizio
3
H. In questo
sistema `e attiva la sola interazione forte.
Oggi ci sono diverse tecniche che permettono di risolvere lequazione di Schrodinger per un
sistema a tre corpi senza adottare alcuna approssimazione dellequazione da risolvere. Le soluzioni
sono esatte allinterno dellincertezza numerica relativa al metodo utilizzato. In questo senso si
parla di soluzioni esatte dellequazione di Schrodinger.
2 N potential 2N 2N + 3N
CD Bonn 7.953 8.483
Nijm II 7.709 8.477
Nijm I 7.731 8.480
Nijm 93 7.664 8.480
Reid 93 7.648 8.480
AV14 7.683 8.480
AV18 7.576 8.479
Tabella 8.3: Energie di legame, in MeV, del
3
H, calcolate con diverse interazioni nucleone-nucleone a
due corpi, prima colonna, e introducendo appropriate interazioni a tre corpi, seconda colonna. Il valore
sperimentale `e 8.481 MeV.
La prima colonna della tabella 8.3, mostra le energie dello stato fondamentale del
3
H ottenute
risolvendo lequazione di Schrodinger con diversi potenziali nucleone-nucleone, capaci di descrivere
le propriet` a dei sistemi a due corpi con lo stesso livello di accuratezza. Il risultato eclatante `e che
nessuno di questi potenziali riesce e riprodurre il valore sperimentale dellenergia di legame del
trizio che `e di 8.481 MeV.



Figura 8.7: Un diagramma di forza a tre corpi.
Le varie interazioni utilizzate producono energie di legame che sottostimano il valore dellenergia
di legame. Al di l` a delle dierenze tra le diverse interazioni, `e chiaro che, dal punto di vista sico
manca un ingrediente che fornisce lattrazione mancante. E possibile mettere in dubbio la validit`a
dellapproccio non relativistico al problema. Le dicolt` a tecniche che si incontrano nel tentativo
di dare una descrizione relativistica dei sistemi a tre corpi sono cos` rilevanti da rendere i risultati
ottenuti molto meno adabili di quelli dei calcoli non relativistici. Il problema `e stato arontato,
e risolto, modicando lhamiltoniana (8.38) aggiungendovi un termine di interazione a tre corpi.
Lidea che possa esistere una interazione a tre corpi che agisce tra i nucleoni nasce dal fatto che
i nucleoni non sono entit`a elementari. Questo implica che quando due nucleoni sono in interazione,
possono modicare la propria struttura, e in questa situazione interagiscono con altri nucleoni. Un
esempio di come possa essere prodotta una interazione a tre corpi, `e presentato dalla gura 8.7.
Le sottili linee continue indicano i nucleoni. Allinizio si hanno solo nucleoni. Per linterazione tra
due di essi, esemplicata nella gura dallo scambio di un pione, il nucleone al centro della gura si
trasforma in una risonanza . Quando si trova nello stato di risonanza, interagisce con un terzo
90 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
nucleone e quindi ritorna nello stato nucleonico. Il diagramma presenta tre nucleoni allinizio e tre
alla ne, ma non pu` o essere ottenuto reiterando due interazioni nucleone-nucleone. E un nuovo
termine dellhamiltoniana.
Il termine presentato nella gura 8.7 viene calcolato senza approssimazioni, dato che tutti gli
ingredianti necessari per fare questo calcolo sono legati a dati empirici noti. Si tratta delle masse
dei nucleoni, dei pioni e della e delle costanti di accoppiamento pione-nucleone, pione- e -
nucleone. Linserimento di questo termine nellhamiltoniana (8.38) non `e suciente per ottenere il
valore empirico dellenergia dello stato fondamentale del trizio. Per questo motivo si inserisce un
termine fenomenologico a tre corpi, i cui parametri sono ssati per riprodurre questo dato empirico.
La nuova hamiltoniana che include questa forza a tre corpi
H =

i=1,A

h
2

2
i
2m
i
+

i<j=1,A
V (i, j) +

i<j<k=1,A
V (i, j, k) , (8.39)
viene utilizzata per descrivere altri nuclei. I risultati che si ottengono risolvendo lequazione di
Schrodinger, senza approssimazioni, sono mostrati nella gura 8.8. Per fare questi calcoli sono
state utilizzate tecniche di Greens function Monte Carlo [Pie01].
Figura 8.8: Confronto tra energie di vari nuclei leggeri calcolati con tecniche di Green Function MonteCarlo
senza (AV18) e con forza a tre corpi (IL2) e valori sperimentali [Pie01].
E evidente il successo dellhamiltoniana (8.39), che risulta essere il punto di partenza di ogni
calcolo a molticorpi in sica nucleare, incluso quello dellEOS della materia neutronica.
8.3.3 Il problema a molticorpi
La soluzione dellequazione di Schrodinger per un sistema a molticorpi, ad esempio il nucleo, `e un
problema tecnicamente molto dicile. Per chiarire in cosa consista il problema, consideriamo che
la soluzione dellequazione di Schrodinger equivale a calcolare lenergia del sistema. Chiariamo le
dicolt` a nel calcolo di
E =
|H|
|
, (8.40)
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 91
dove | `e autostato dellhamiltoniana. I prodotti scalari tra i due autostati, indicano lintegrazione
su tutte le A coordinate spaziali, e la somma su tutte le possibili congurazioni di spin e di isospin.
Per un nucleo composto da Z protoni e N = AZ neutroni, il numero di congurazioni di spin e
isospin `e dato dallespressione
N
conf
= 2
A
A!
Z!(AZ)!
. (8.41)
Nella tabella 8.4 riportiamo i valori del numero di congurazioni di spin e isospin per alcuni nuclei.
Le energie presentate nella Figura 8.8, sono state ottenute utilizzando lespressione (8.40) e
calcolando gli integrali multidimensionali con tecniche Monte Carlo. I nuclei pi` u pesanti che
appaiono nella gura hanno A=8. Pi` u recentemente, al prezzo di enormi sforzi computazionali, si
`e ottenuto lo spettro di eccitazione per nuclei con A=12 [Pie05].
Nucleo Z N=A-Z N
conf
3
H 1 2 24
3
He 2 1 24
4
He 2 2 96
6
He 2 4 960
6
Li 3 3 1280
8
He 2 6 7168
12
C 6 6 3784704
16
O 8 8 8.4 10
8
40
Ca 20 20 1.5 10
23
48
Ca 20 28 4.7 10
27
Tabella 8.4: Numero di congurazioni di spin e isospin per alcuni nuclei.
Anche ammesso di sviluppare tecniche numeriche che permettono di fare integrali a 3A di-
mensioni in un millesimo di secondo, `e evidente dalla tabella 8.4 che per nuclei medio-pesanti il
problema non `e arontabile in questo modo. Per un nucleo come il
40
Ca il numero di volte che
questo integrale deve essere fatto `e paragonabile al numero di Avogadro.
Il problema consiste quindi nel risolvere lequazione di Schrodinger con lhamiltoniana (8.39) in
maniera approssimata. Lapproccio immediato `e quello di utilizzare la teoria perturbativa basata
sulla separazione dellhamiltoniana in due parti
H = H
0
+H
1
, (8.42)
dove H
0
`e la parte dell hamiltoniana di cui si conoscono le soluzioni, normalmente si tratta di
una hamiltoniana di campo medio, e H
1
`e la parte dellhamiltoniana che include linterazione tra
i nucleoni. La tradizionale formulazione della teoria perturbativa permette di esprimere lenergia
E del sistema interagente in termini di energia E
0
del sistema non interagente e di elementi di
matrice calcolati tra gli autostati |
0
dellhamiltoniana non perturbata H
0
[Fet71, Co03]:
E E
0
=
0
|H
1

n=0
_
1
E
0
H
0
H
1
_
n
|
0

c
. (8.43)
La somma dellequazione precedente tende allinnito, ma la speranza `e che un valore realistico
dellenergia possa essere ottenuto utilizzando pochi termini dello sviluppo.
Questo `e proprio quello che non avviene nel caso delle interazioni nucleari. Il problema `e
schematizzato nella gura 8.9. Come abbiamo visto nella sezione 8.3.1 e in Fig. 8.6, la parte scalare
dellinterazione nucleone-nucleone ha un core fortemente repulsivo a piccole distanze reciproche.
La soluzione esatta dellequazione di Schrodinger produce funzioni donda che descrivono il moto
relativo dei due nucleoni, che sono molto piccole nella zona del core fortemante repulsivo. Questo
`e indicato dalla (r
12
) in Fig. 8.9. Nel limite in cui il potenziale tende allinnito la (r
12
) `e
92 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
0.0 0.5 1.0 1.5 2.0 2.5 3.0
r
12
[fm]
V(r)
(r
12
)
(r
12
)
Figura 8.9: Schema dellinterazione nucleone-nucleone e delle funzioni donda relative di due nucleoni.
nulla. Il calcolo dellenergia fatto utilizzando lequazione (8.43) implica il calcolo di elementi di
matrice tra stati imperturbati del sistema. In questi stati la funzione donda relativa tra due
nucleoni non `e piccola, a piccole distanze, come viene indicato dalla (r
12
) nella Fig. 8.9. Questo
signica che individualmente i vari termini dello sviluppo perturbativo sono molto grandi rispetto
al valore dellenergia E. Si sta cercando di ottenere E sommando e sottraendo termini che sono
ordini di grandezza pi` u grandi. Siamo quindi lontani dalle condizioni di applicabilit` a della teoria
perturbativa.
Il problema a molticorpi non perturbativo viene arontato in varie maniere. In sica nucleare
si sono aermate due teorie che portano a risultati molto simili. La prima teoria, che prende il
nome di teoria di Brueckner, modica linterazione, in modo da eliminare il core repulsivo. La
seconda teoria, detta di base correlata (CBF da Correlated Basis Function) agisce invece sulla
funzione donda, e utilizza interazioni con core repulsivo insieme con funzioni donda relative che
si comportano come la (r
12
) della Fig.8.9.
Teoria di Brueckner
Lidea della teoria di Brueckner `e quella di sostituire nellequazione (8.43) al posto di H
1
= v,
interazione nucleone-nucleone nel vuoto, linterazione eettiva data dallequazione:
G(W) = v v
Q
W
G(W) . (8.44)
Linterazione G `e denita in modo che agendo sullo stato che descrive il moto di due particelle
indipendenti, [
ij
), produca lo stesso risultato dellazione dellinterazione nuda v sullo stato
di due particelle interagenti [
ij
):

ij
[G[
ij
) =
ij
[V [
ij
) . (8.45)
Quindi G descrive linterazione tra due particelle che si muovono liberamente nel mezzo nu-
cleare. Ovviamente `e diversa dallinterazione tra due particelle che si muovono liberamente,
ma nel vuoto.
La gura 8.3.3 illustra schematicamente il funzionamento dellequazione (8.44) detta di Bethe-
Goldstone. Linterazione G `e costruita sommando tutti i diagrammi in cui appare linterazione
v, che agisce tra due particelle che si trovano sopra la supercie di Fermi. La descrizione del
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 93
=
G
+ + + .....
Figura 8.10: Schema dellequazione di Bethe-Goldstone (8.44).
sistema imperturbato `e quella di campo medio, in cui tutti gli stati al di sotto del livello di
Fermi sono occupati (stati buca), e quelli al di sopra sono vuoti (stati particella). Questa `e la
situazione descritta dagli stati [) con cui si costruiscono gli elementi di matrice (8.45). I dia-
grammi considerati nella (8.44), sono solo quelli in cui agiscono stati particella. Linterazione
tra stati buca `e impedita dal principio di esclusione di Pauli. Nella (8.44) questo fatto `e preso
in considerazione dalloperatore Q che impedisce che gli stati nali delle particelle interagenti
si trovino al di sotto della supercie di Fermi. Il termine W `e un denominatore di energia
che prende in considerazione le energie degli stati intermedi dopo la prima interazione. Ad
esempio, gli stati intermedi del secondo e terzo diagramma dopo luguale nella gura .
Gli elementi di matrice (8.45) sono calcolati utilizzando loperatore di matrice G denito nella
(8.44). Questi elementi di matrice sono poi inseriti nello sviluppo perturbativo (8.43), per il
calcolo di E. I primi calcoli consideravano solo i primi termini dello sviluppo, n = 0 in (8.44).
Questi calcoli sono chiamati in letteratura di Brueckner-Hartree-Fock. Oggi sono disponibili
anche calcoli che considerano tutti i diagrammi di ordine superiore nello sviluppo in linee di
buco [Bal99].
Nei calcoli della teoria di Brueckner, la forza a tre corpi non `e trattata esattamente, ma si usa
unapprossimazione che di fatto la trasforma in una interazione a due corpi dipendente dalla
densit` a del sistema.
Teoria CBF (Correlated Basis Function)
La teoria della base correlata (CBF) utilizza il principio variazionale per risolvere lequazione
di Schrodinger a molticorpi,
E[] =
< [H[ >
< [ >
= 0 . (8.46)
Il minimo del funzionale dellenergia `e cercato in un sottospazio di Hilbert formato da funzioni
donda che possono essere espresse come prodotto della funzione donda imperturbata , un
determinante di Slater, per una funzione di correlazione a molticorpi.
(1, ..., A) = F(1, ..., A)(1, ...., A) . (8.47)
Nelle attuali applicazioni della teoria CBF ai sistemi nucleari, la funzione di correlazione `e
descritta come prodotto di termini di correlazione a due corpi. Ognuno di questi termini `e
dato dalla somma di operatori a due corpi che simulano la complessit`a dellinterazione nucleare
come descritta dallequazione (8.36):
T(1, ..., A) = S
_
A

j>i=1
F
ij
_
= S
_
A

j>i=1
6

p=1
f
p
(r
ij
)O
p
ij
_
. (8.48)
dove S `e un operatore che simmetrizza il prodotto, e gli operatori O
p
ij
sono deniti come:
O
p=1,6
ij
= 1,
i

j
,
i

j
, (
i

j
)(
i

j
), S
ij
, S
ij
(
i

j
) . (8.49)
La minimizzazione viene fatta variando le funzioni f
p
(r
ij
) e, nel caso di sistemi niti, anche le
funzioni donda di singola particella, che formano .
94 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
0.0 2.0 4.0 6.0 8.0
0.00
0.01
0.02
0.03

12
C
0.0 2.0 4.0 6.0 8.0
0.00
0.01
0.02
0.03

16
O

2

p
p
(
r
)

[
f
m
-
3
]

0.0 2.0 4.0 6.0 8.0 10.0


0.00
0.01
0.02
0.03
0.04

40
Ca
r
12
[fm]
0.0 2.0 4.0 6.0 8.0 10.0
0.00
0.01
0.02
0.03

48
Ca
0.0 3.0 6.0 9.0 12.0 15.0
0.00
0.01
0.02
0.03

208
Pb
r
12
[fm]
dir
dir+exch
Jastrow
SOC
Figura 8.11: Densit`a due corpi in funzione della distanza relativa tra due nucleoni, calcolate con la
teoria CBF [Bis07]. Le curve a punti indicano la probabilit`a di trovare due nucleoni come prodotto delle
singole probabilit` a. Le curve continue sono ottenute considerando il sistema di nucleoni non interagenti,
ma attivando il principio di esclusione di Pauli. Le altre due curve sono ottenute considerando anche
linterazione tra i nucleoni.
Il problema tecnico consiste come al solito nel calcolo dellintegrale multidimensionale delle-
quazione (8.46), analogo a quello dellequazione (8.40). Si possono applicare tecniche Monte-
Carlo, quindi il calcolo viene denito MonteCarlo Variazionale [Pie01], ma i problemi menzio-
nati allinizio di questo capitolo persistono. E stata sviluppata una tecnica detta di sviluppo
a cluster, basata sullanalisi topologica dei vari cluster di nucleoni prodotti dalla correlazione
(8.48). Esistono tecniche che permettono di sommare tutti i diagrammi che hanno speci-
che propriet`a topologiche. Fortunatamente i diagrammi esclusi contribuiscono per uno o due
percento allenergia potenziale del sistema.
Leetto delle correlazioni (8.48) `e chiarito nella gura 8.11 dove si mostra, per vari nuclei
doppio magici, la densit` a a due corpi di due protoni in funzione della loro distanza relativa.
Questa quantit` a `e, a meno di una costante moltiplicativa, la probabilit` a di trovare due protoni
ad una certa distanza. Se il moto del singolo nucleone fosse veramente indipendente dalla pre-
senza degli altri nucleoni, la densit` a a due corpi sarebbe ottenuta moltiplicando le probabilit` a
di trovare ogni nucleone in un certo punto del nucleo. Questo risultato `e mostrato dalle curve
a punti, che hanno un massimo a distanza nulla. Daltra parte anche in un modello a particel-
le indipendenti, `e necessario considerare la natura fermionica dei nucleoni. Lattivazione del
principio di esclusione di Pauli produce le curve continue della gura. Attivando linterazione
tra i nucleoni si ottengono le curve a tratteggio e linea-punto. In questo caso la probabilit` a
di trovare due nucleoni a piccole distanze `e essenzialmente nulla. Questo `e prodotto dal core
fortemente repulsivo del canale scalare dellinterazione tra due nucleoni, come `e mostrato dal
fatto che le curve punto-linea in cui solo questo termine viene utilizzato sono molto simili a
quelle tatteggiate in cui viene utilizzata linterazione completa (8.36).
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 95
0.0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6
-20.0
-10.0
0.0
10.0
20.0
n [fm
-3
]
E
/
A

[
M
e
V
]

(a)
V18+UIX
V18
0.0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5
0.0
10.0
20.0
30.0
40.0
50.0
60.0
70.0
n [fm
-3
]
E
/
A

[
M
e
V
]

V18+UIX
(b)
Figura 8.12: EOS calcolate con la teoria CBF, per materia nucleare simmetrica (a) e materia neutronica
(b). Nella gura (a) sono mostrati i risultati ottenuti utilizzando solo linterazione a due corpi (V18)
e includendo lappropiata interazione a tre corpi (V18+UIX). La linea tratteggiata `e il risultato di un
aggiustamento della curva (V18+UIX), per riprodurre il valore empirico del punto di saturazione della
materia nucleare simmetrica [Akm98]. Per materia neutronica mostriamo solo i risultati con (V18+UIX),
e quelli ottenuti includendo gli ingredienti che riproducono il punto di saturazione della materia nucleare
(linea tratteggiata).
Dopo una discrepanza iniziale tra i risultati dei due approcci microscopici per lo studio della
materia nucleare simmetrica, oggi le due teorie producono risultati molto simili. Risultati tipici di
questi calcoli sono mostrati nella gura 8.12. Il pannello (a) della gura mostra le EOS per ma-
teria nucleare simmetrica, mentre il pannello (b) mostra il risultato per pura materia neutronica.
La curva indicata con V 18 `e stata ottenuta utilizzando solo la parte a due corpi dellinterazione
nucleone-nucleone. Nello specico si tratta dellinterazione denominata Argonne V18. Linseri-
mento dellinterazione a tre corpi appropriata, cio`e che permette di riprodurre lenergia di legame
del trizio, produce la curva denominata V 18 +UIX. Il minimo della EOS, non riproduce il valore
empirico del punto di saturazione della materia nucleare. Questo `e un problema comune a tutti i
calcoli miscroscopici.
Al momento non esiste nessun calcolo dellEOS della materia nucleare simmetrica
che, utilizzando linterazione nucleone-nucleone miscroscopica, riesca a riprodurre il
valore empirico del punto di saturazione. Questo `e un problema aperto della sica
nucleare.
96 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Osservando landamento delle EOS nel pannello (a) della gura possiamo notare come le curve
(V18+UIX) e tratteggiata, siano pi` u ripide della (V18), nel senso che, per grandi valori della
densit`a danno valori dellenergia pi` u grandi a parit`a del valore della densit`a. Nel gergo della sica
nucleare si fanno confronti tra le diverse EOS utilizzando laggettivo rigido (sti) per indicare le
EOS pi` u ripide e morbido (soft) per quelle meno ripide.
Lequazione di stato della materia neutronica, da utilizzare nellequazione di TOV, viene pro-
dotta, aggiungendo allEOS di materia nucleare simmetrica degli ingredienti, che permettono di
riprodurre il valore empirico del punto di saturazione. Lorigine sica di questi ingredienti `e molto
discussa, comunque questi ingredienti fenomenologici sono poi utilizzati per ottenere lEOS della
materia neutronica.
8.3.4 La materia neutronica stabile
Le considerazioni precedenti permettono di ottenere lEOS della materia di neutroni. Accanto
alle teorie sopra menzionate, che utilizzano interazioni nucleone-nucleone miscroscopiche, ci sono
equazioni di stato ottenute con teorie eettive. Queste teorie sono normalmente teorie di campo
medio, e le interazioni utilizzate sono ssate per riprodurre alcune propriet` a dei nuclei, e ovviamante
il punto di saturazione della materia nucleare simmetrica.
Il comportamento di ogni EOS della materia neutronica, ottenuta con qualsiasi teoria, `e simile
a quello mostrato nel pannello (b) della gura 8.12. Mentre lenergia per nucleone in materia
nucleare simmetrica `e negativa, nel caso della materia di neutroni `e positiva. Questo signica che
la materia nucleare simmetrica `e un sistema legato dellinterazione forte, mentre non lo `e la materia
di neutroni. Le stelle di neutroni sono un sistema di adroni che risulta essere legato
dallinterazione gravitazionale, non da quella forte.
Per ottenere la massa limite della stella di neutroni, non `e suciente inserire lEOS nellequa-
zione di TOV (8.23), ma bisogna, in aggiunta, garantire che la materia di neutroni sia stabile per
decadimento .
Consideriamo che i componenti della stella di neutroni siano protoni, neutroni ed elettroni. In
questo caso la condizione di -stabilit` a si ottiene quando le reazioni deboli
p +e

n +
e
e n p +e

+
e
, (8.50)
sono in equilibrio. Questo avviene quando i potenziali chimici di protoni, neutroni ed elettroni
sono legati dalla relazione

n
=
p
+
e
ovvero
e
=
n

p
, (8.51)
che `e valida ipotizzando che i neutrini e gli antineutrini prodotti dalle (8.50) lasciano la stella di
neutroni senza interagire ulteriormente con la materia adronica. Questo implica che i potenziali
chimici dei neutrini e degli antineutrini siano nulli.
In questa approssimazione `e possibile collegare la frazione di protoni x
p
, Eq. (8.17) al potenziale
chimico . Utilizzando la relazione (8.16) che lega il potenziale chimico allimpulso di Fermi, e la
(6.7) che lega limpulso di Fermi alla densit`a di numero di elettroni, abbiamo una relazione tra
potenziale chimico e numero di elettroni
n
e
=
1
3
2
_

e
hc
_
3
. (8.52)
La condizione di equilibrio (8.51) diventa quindi:
3
2
n
B
x
p
( hc)
3

3
e
= 0 . (8.53)
Questa condizione dice che la -stabilit` a per una stella di neutroni, non `e soltanto legata allinte-
razione debole, ma anche a quella forte, attraverso la presenza di x
p
.
Quando il valore del potenziale chimico degli elettroni supera quello della massa a riposo del
muone:

e
> m

c
2
= 105.6 MeV , (8.54)
8.3. EQUAZIONE DI STATO DELLA MATERIA NEUTRONICA 97
diventa energeticamente favorevole per lelettrone trasformarsi in un muone, con il processo debole
e

+
e
+

. (8.55)
Dalla relazione (8.16) risulta chiaro che il numero di questi porcessi aumenta con laumentare
dellimpulso di Fermi, e quindi della densit`a del sistema. Consideriamo il fatto che alla densit`a di
saturazione di materia nucleare corrisponde un valore di k
F
di circa 1.36 fm. Dato che hc 197.33
MeV fm, risulta ovvio che, alla densit`a di saturazione di materia nucleare, la disequazione (8.54)
`e soddisfatta. Questo signica che, per questo valore della densit`a, nella materia neutronica sono
presenti muoni.
Figura 8.13: Frazioni relative della composizione della stella di neutroni [Par03] in funzione della densit` a
barionica. qui chiamata
N
invece che n
B
.
Con la presenza di muoni possono avvenire processi del tipo
p +

n +

e n p +

, (8.56)
e nellipotesi di materia traparente al trasporto di ogni specie di neutrini, abbiamo che lequilibrio
chimico rispetto al decadimento `e ottenuto per

m
u + +p =
n
=
e
+
p
oppure

=
e
=
n

p
. (8.57)
In analogia con la relazione (8.52) abbiamo che il numero di muoni pu` o essere espresso come
n

=
1
3
2
_
1
hc
_
3
_

(m

c
2
)
2

3/2
(
e
m

c
2
) , (8.58)
dove abbiamo indicato con la funzione gradino. La richiesta che la stella sia elettricamente
neutra implica
3
2
( hc)
3
n
B
x
p

(m

c
2
)
2

3/2
(
e
m

c
2
)
3
e
= 0 . (8.59)
Nella gura 8.13 presentiamo una tipica composizione della stella di neutroni, in funzione della
densit`a nucleonica. I risultati presentati sono stati ottenuti con una specica EOS di materia
98 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
neutronica [Bal97], ma sono comunque ben rappresentativi dei risultati che si ottengono con altre
EOS. Nella gura sono rapprentati x
p
e x
n
, Eq. (8.17), normalizzati ad un valore sso del numero
barionico n
B
. La condizione di carica nulla implica
n
e
+n

= n
p
e quindi x
e
+x

= x
p
, (8.60)
dove x
e
e x

sono deniti come:


x
e
=
n
e
n
B
e quindi x

=
n

n
B
. (8.61)
8.3.5 Masse delle stelle di neutroni
Figura 8.14: Masse gravitazionali delle stelle di neutroni in funzione della densit` a relativa a
0
, la densit` a
di saturazione della materia nucleare simmetrica. Le curve sono calcolate con una EOS ottenuta con un
calcolo di Brueckner utilizzando uno dei potenziali di Bonn. La curva tratteggiata `e ottenuta per pura
materia neutronica, mentre quella continua per materia neutronica -stabile.
Figura 8.15: Masse gravitazionali delle stelle di neutroni in funzione del raggio. Le indicazioni si riferiscono
a vari modelli utilizzati per il calcolo della EOS. Le curve continue si riferiscono alla materia stabile,
quelle a punti alla pura materia di neutroni [Akm98].
Il calcolo della massa della stella viene fatto risolvendo le equazioni TOV (8.23) per un valore
iniziale della densit`a centrale e con la conoscenza della relazione tra densit`a e pressione ottenuta
8.4. IL CORE ESOTICO 99
grazie alla conoscenza della EOS. Dallequazione (2.2) si ottiene poi la massa in funzione della
densit`a centrale. Questo calcolo deve essere implementato dalle condizioni (8.53) e (8.59) per tener
conto della stabilit` a della stella rispetto ai decadimenti .
Nelle gure 8.14 e 8.15 mostriamo risultati tipici di masse in funzione della densit`a e del raggio
della stella. E da notare come landamento dei risulati della gura 8.14 corrisponda a quello
schematizzato nella gura 8.3. La massa cresce allaumentare del valore della densit`a e raggiunge
un massimo a circa 5 volte il valore della densit`a di saturazione di materia nucleare. Le condizioni
di stabilit` a per decadimento producono curve pi` u ripide rispetto a quelle ottenute per pura
materia neutronica.
La gura 8.15 mette in relazione masse e raggi della stella, per varie equazioni di stato, tutte
calcolate con la teoria CBF ma con diverse interazioni. Le curve continue si riferiscono alla materia
-stabile, mentre quelle a punti alla pura materia neutronica. E interessante osservare che il valore
della massa massima ottenuta con la sola interazione a due corpi (A18) `e inferiore a quello ottenuto
inserendo linterazione a tre corpi (A18+UIX). Questo valore della massa massima `e pi` u grande
anche di quello ottenuto con la EOS che riproduce il punto di saturazione della materia nucleare
simmetrica. Il risultato di questa EOS `e indicato con (A18++UIX). Le EOS a cui ci si riferisce
sono quelle mostrate nella gura 8.12. Utilizzando il gergo della sica nucleare, possiamo associare
alle EOS pi` u morbide le masse minori e a quelle pi` u rigide le masse maggiori. E un comportamento
generale il fatto che EOS rigide danno valori pi` u grandi delle masse massime, raggi pi` u grandi per
valori inferiori delle densit`a centrali, rispetto a EOS pi` u morbide.
A18++UIX A18+UIX A18 BBB1 BBB2
2.20 2.38 1.67 1.79 1.92
Tabella 8.5: Valori delle masse massime delle stelle di neutroni epressi in termini della massa solare, per
varie EOS.
I valori delle masse massime per le EOS della Fig. 8.15 sono presentati nella tabella 8.5. In
aggiunta ci sono risultati ottenuti con calcoli della teoria di Brueckner. Pi` u precisamente il valore
BBB1 `e stato ottenuto con un potenziale di Argonne V 14, e BBB2 con un potenziale di tipo Parigi
[Bom99]. Questi sono potenziali a due corpi. Il potenziale di Argonne V 14 `e molto simile a quello
V 18. I risultati A18 e BBB1 sono i pi` u simili. Il risultato BBB2 `e stato ottenuto con un diverso
potenziale a due corpi, ma senza includere la forza a tre corpi. La massa ottenuta `e leggermente
pi` u grande di quelle date da A18 e BBB1, ma sicuramente inferiore a quelle ottenute quando
linterazione a tre corpi `e inserita.
E da notare che tutte le masse massime ottenute sono pi` u grandi del valor medio di quelle
osservate, che `e dellordine di 1.5 M

come mostrato in Fig. 8.4. Si pu` o argomentare a lungo


su questo problema. Pu`o darsi che allinterno dellincertezza sperimentale ci sia compatibilit`a tra
quanto osservato e calcolato. Oppure che, pur esistendo, stelle di neutroni con masse dellordine
delle due masse solari, non siano ancora state ossevate. Dal punto di vista della teoria il limite `e
quallo di aver considerato che la stella sia composta soltanto da protoni, neutroni e leptoni.
8.4 Il core esotico
8.4.1 Core iperonico
Il risultato della sezione precedente indica la necessit` a di considerare la presenza di barioni pesanti
nella composizione della stella di neutroni. Le richieste di base sono la conservazione del numero
barionico e della carica elettrica, nulla, della stella. Come abbiamo visto, il potenziale chimico di
una specie fermionica, leptone o barione che sia, dipende dallimpulso di Fermi. Se consideriamo un
modello di Fermi gas non relativistico per i nucleoni, abbiamo che la condizione per la formazione
di iperoni , di massa m

attraverso le reazioni
n +n n + +K
0
100 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Figura 8.16: Condizioni di equilibrio chimico per lapparizione degli iperoni

e per tre diverse


interazioni nucleone-nucleone.
n +n p + +K

p +n n + +K
+
p +p n + +K
0
p +p p + +K

, (8.62)
`e data da:
h
2
k
2
F
N
2m
N
+m
N
c
2
m

c
2
, (8.63)
dove il sottoindice N indica il nucleone.
Questo implica che la densit`a critica per la produzione di `e
n
cr
=
1
3
2
_
[2m
n
c
2
(m

m
N
)c
2
]
1/2
hc
_3
. (8.64)
Dato che m

c
2
= 1115.68 MeV si ha che n
cr
= 0.837 fm
3
, che corrisponde a 5.23 volte la densit`a
di saturazione della materia nucleare simmetrica. In questo calcolo abbiamo usato per m
N
la
massa media del nucleone.
I kaoni prodotti nelle reazioni (8.62), possono decadere in uno dei seguenti modi:
K
0
2
K

+K
+

+
+
+

2 +

. (8.65)
Poiche i ed i neutrini lasciano la stella, le reazioni (8.65) diventano irreversibili. La presenza di
iperoni porta un numero quantico di stranezza della stella diverso da zero. Aumentando la densit`a
appaiono altri iperoni.
In realt`a ci si aspetta che gli iperoni

, nonostante abbiano massa superiore alla , siano


presenti a densit`a addirittura inferiori a n
cr
. Questo perche nella reazione in cui viene formato
liperone

+n

+
e
, (8.66)
8.4. IL CORE ESOTICO 101
Figura 8.17: Energia per barione (sinistra) e pressione (destra) per una stella di neutroni stabile. Il
calcolo `e stato fatto nellambito della teoria di Brueckner. Le varie linee indicano i risultati ottenuti quando
varie parti dellinterazione tra i barioni sono attive.
vengono rimossi sia un neutrone ad alta energia, sia un elettrone ad alta energia, mentre nei processi
di formazione della viene rimosso soltanto un neutrone energetico.
Lequilibrio per decadimenti deboli impone le seguenti relazioni tra i vari potenziali chimici

p
=
n

e
=

n
=

0 =

0 =

n
+
e
=

=
e
, (8.67)
e la conservazione della carica, globalmente nulla, implica che
n
p
+n

+ = n
e
+n

+n

+n

. (8.68)
Queste relazioni devono essere considerate nel calcolo dellequazione di stato. Questo signica
che i risultati dipendono dalla teoria utilizzata per il calcolo e dalla parametrizzazione dellinte-
razione tra i barioni. Mentre linterazione tra i nucleoni `e ssata da numerosi dati empirici da
riprodurre, come abbiamo discusso nella sezione 8.3.1, linterazione iperone-nucleone, e sopratutto
iperone-iperone non `e ben limitata dalla fenomenologia. Lo studio degli ipernuclei d`a informazioni
su questo tipo di interazione. Avendo quindi in mente le incertezze teoriche legate allinserimento
degli iperoni nella struttura delle stelle di neutroni, mostriamo alcuni risultati rappresentativi di
quanto avviene.
Nella gura 8.16 `e mostrato landamento dei potenziali chimici in funzione della densit`a bario-
nica. Le diverse curve si riferiscono a diverse interazioni nucleone-nucleone. Al di l` a delle dierenze
numeriche `e evidente come la soglia di apparizione di iperoni

in equilibrio , appare a densit`a


barioniche inferiori rispetto allapparizione di iperoni .
Nella gura 8.17 mostriamo le EOS ottenute in calcoli di Brueckner con pura materia nucleonica,
e accendendo poi linterazine tra iperoni. LEOS della materia nucleonica `e pi` u rigida rispetto a
quella della materia con iperoni interagenti.
La composizione percentuale di una stella di neutroni in equilibrio per interazioni deboli, `e
mostrata nella gura 8.18. I due pannelli propongono risultati ottenuti con due diverse tecniche di
calcolo allinterno della teoria di Brueckner. Le linee continue sono ottenute quando tutti i barioni
102 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Figura 8.18: Composizione di una stella di neutroni stabile. I calcoli sono stati sviluppati con la teoria
di Brueckner con due approssimazioni dierenti dellautoenergia. Le linee continue indicano i risultati
ottenuti quando tutte le interazioni sono attive, mentre le linee tratteggiate sono state ottenute trascurando
le interazioni iperone-iperone.
Figura 8.19: Masse totali in funzione del raggio e per varie EOS contenenti interazione tra iperoni.
8.4. IL CORE ESOTICO 103
interagiscono, mentre quelle trateggiate sono il risultato che si ottiene spegnendo linterazione tra
iperoni. Anche in questo caso `e da notare come sia importante il ruolo dellinterazione iperone-
iperone. E evidente la presenza di iperoni

a densit`a inferiori rispetto a quelle in cui appaiono


gli iperoni .
Dato che la densit`a della stella aumenta pi` u ci si avvicina al suo centro, i vari barioni appaiono,
in equilibrio a distanze dierenti dal centro. I vari calcoli fatti con diverse interazioni e teorie
concordano tutti su questa visione della struttura della stella di neutroni. La crosta ha uno spessore
di circa di 1 km e si trova al di l` a dello strato di materia puramente nucleonica che si trova tra gli 8
e 10 km dal centro. Ad 8 km dal centro la densit`a `e suciente per avere iperoni

in equilibrio,
e questo pu` o essere considerato il raggio del core iperonico, anche se gli iperoni appaioni soltanto
a 4 km dal centro della stella.
Il risultato riguardante la massa della stella `e presentato nella gura 8.19. Come ci si poteva
aspettare, vista la regola generale che collega la rigidit`a dellEOS con la massa massima della stella
di neutroni, le masse massime ottenute con iperoni interagenti sono inferiori a quelle ottenute con
pura materia nucleonica. In questo caso i valori sono addirittura inferiori, ai valori misurati.
8.4.2 Stelle strane
Nonostante le grandi incertezze teoriche che implicano unincertezza dei risultati attorno al 20%,
dal confronto con le masse delle pulsar osservate si deduce che:
1. se si utilizzano EOS puramente nucleoniche le masse previste sono superiori a quelle osservate
2. linserimento degli iperoni produce EOS pi` u morbide con masse addirittura inferiori a quelle
osservate.
Da questi risultati emerge la necessit` a di avere pressione ulteriore ad alte densit`a per poter produrre
EOS pi` u rigide. Ovviamente i primi passi da fare vanno nella direzione di migliorare i modelli di
interazione utilizzati per il calcolo delle EOS, sopratutto linterazione iperone-iperone, che `e quella
meno conosciuta. Una possibile alternativa `e quella di considerare nuov sica, ad esempio supporre
che al centro della stella di neutroni ci sia una zona di materia di quark deconnati.
Il core delle stelle di neutroni `e uno dei luoghi pi` u accreditati dove ci si aspetta che esista una
fase della materia in cui i quark siano deconnati. Nonostante la temperatura sia praticamente
nulla, lalta densit`a barionica potrebbe permettere lesistenza di questo stato della materia. Ci
si aspetta che il deconnamento dei quark possa avvenire per densit`a dellordine di 3 - 5 volte la
densit`a di saturazione di materia nucleare.
sapore u d s c b t
massa 5 3 10 5 200 100 1300 300 4300 200 175000 6000
carica 2/3 -1/3 -1/3 2/3 -1/3 2/3
Tabella 8.6: Masse dei quark in MeV, e cariche in unit`a della carica fondamentale.
Consideriamo il core della stella di neutroni come un gas di quark che interagiscono in un regime
perturbativo della QCD. Nella tabella 8.6 presentiamo il valore delle masse dei quark in MeV, per
i vari sapori. Queste sono da considerare come dei parametri da assegnare ai quark allinterno
della teoria QCD. In questo senso potrebbero rappresentare la massa dei quark se non esistesse
connamento.
Data la grande dierenza tra la masse di u, d, e s, rispetto alle masse degli altri quark, detti
pesanti, nelle stelle di neutroni non ci si aspetta la presenza di questi ultimi. Infatti una situazione
di equilibrio dovrebbe permettere la reazione
s c +e

+
e
. (8.69)
Questo richiede che il potenziale chimico del quark s debba essere maggiore della massa del charm.
Trascurando la massa del quark s possiamo utilizzare la relazione (8.16) che collega il valore del
104 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
potenziale chimico allimpulso di Fermi. Abbiamo quindi che

s
= hc k
F
s
= hc(3
2
n
s
)
1/3
= hc(3
2
n
B
)
1/3
m
c
= 1.3 GeV , (8.70)
dove abbiamo considerato la densit`a barionica formata dalla somma in parti uguali delle densit`a
dei tre quark leggeri. La relazione (8.70) implica n
B
29 fm
3
, cio`e una densit`a barionica di
circa 180 volte quella di saturazione, molto superiore a quanto ci si aspetta possa essere la densit`a
al centro della stella di neutroni.
Figura 8.20: Andamento dellEOS per materia con quark u e d e con quark con stranezza s.
Rimane quindi il fatto che uneventuale core di materia a quark deconnati sarebbe composto
dai tre quark leggeri u,d e s. A questo punto bisogma menzionare lipotesi fatta da Bodmer [Bod71]
e Witten [Wit84], che la materia composta dai tre quark leggeri in equilibrio per decadimenti
sia il vero stato fondamentale della materia adronica. Chiameremo SQM (Strange Quark Matter)
questo stato della materia.
Dal punto di vista osservativo il nucleo con la massima energia di legame per nucleone `e il
56
Fe. Questo `e dove si trova il massimo delle curve presentate nella Fig. 3.1. Lipotesi di SQM `e
schematicamente rappresentata nella gura 8.20. Alla densit`a di saturazione il
56
Fe `e sicuramente il
sistema pi` u stabile, ma ad alte densit`a risulta pi` u stabile una situazione della materia con stranezza
diversa da zero. Evidentemente si pone il problema del perche i nuclei non decadano in gocce di
SQM, ovvero perche non avvengano decadimenti del tipo
56
Fe
56
(SQM) , (8.71)
che in termini di quark dovrebbe avvenire attraverso processi del tipo
u s +e
+
+
e
d +u s +u . (8.72)
Perche possa avvenire il decadimento (8.71) sono necessari 56 decadimenti simultanei del tipo
(8.72). La probabilit` a che avvenga il decadimento (8.71) `e proporzionale a (G
F
)
2A
quindi il
56
Fe
ha una vita media di gran lunga superiore alla vita delluniverso. Ovviamente non `e possibile
raggiungere lo stato
56
(SQM) con decadimenti successivi perch`e la massa del
56

Fe `e maggiore di
quella del
56
Fe. Quindi secondo lipotesi di Bodmer e Witten, i nuclei sono stati metastabili della
materia legata da interazione forte, con vita media di gran lunga superiore alla vita delluniverso.
Quanto abbiamo discusso non si applica ovviamente a situazioni in cui i quark sono decon-
nati e quindi la densit`a `e molto alta. In questo caso `e necessario calcolare lEOS. Lapproccio
fondamentale sarebbe quello di calcolare lEOS risolvendo la QCD. Ovviamente questo non `e al
8.4. IL CORE ESOTICO 105
Figura 8.21: Composizione di una stella di neutroni stabile contenente un core di quark deconnati.
momento possibile, quindi si ricorre a modelli. Un modello molto semplice, ampiamente utilizzato,
`e lMIT bag model, che chiameremo MITBM.
Non entriamo nei dettagli del MITBM, ma lidea `e che i quark si muovano connati allinterno
di una regione sferica (la bag), e interagiscano molto debolmente, in modo da applicare la QCD
perturbativa. La parte non perturbativa della QCD viene presa in considerazione dalla densit`a
di energia, che si suppone costante. Questa densit`a di energia ` normalmente chiamata B, e il suo
valore `e uno dei parametri liberi della teoria. Le masse dei quark u e d sono considerate nulle e la
massa del quark s `e un altro parametro libero del modello.
Con questo modello `e possibile calcolare lEOS della SQM in equilibrio. I decadimenti deboli
che devono essere considerati sono
u +e

d +
e
u +e

s +
e
d u +e

+
e
s u +e

+
e
s +u d +u . (8.73)
In termini di potenziali chimici le relazioni da considerare sono

d
=
s
=
u
+
e
, (8.74)
che valgono ipotizzando che i neutrini lascino la stella senza interagire ulteriormente con la materia.
La carica globale della stella deve essere nulla, e questo implica che:
2
3
n
u

1
3
n
d

1
3
n
s
n
e
= 0 . (8.75)
Nella gura 8.21 `e rappresentata la composizione di una stella di neutroni in cui si ipotizza la
presenza di un core di SQM. La struttura per la parte esterna `e molto simile a quella descritta in
precedenza. Prima c`e la crosta e poi uno strato di circa due km di materia nucleonica. A questo
punto si realizza la presenza di gocce di SQM, mentre la presenza degli iperoni `e inibita. Gli
elettroni altemante energetici che servivano per produrre la

secondo il processo (8.66), adesso


interagiscono direttamente con i quark liberi con le reazioni (8.73), La presenza dei quark liberi
aumenta rapidamentea a 8 km dal centro della stella. Il numero dei quark `e essenzialmente lo
stesso per ogni sapore. La presenza degli iperoni `e essenzialmente limitata alla , che inizia a circa
6 km dal centro. La presenza di tutti i barioni si spegne a circa 2.5 km dal centro dove rimane un
core di pura SQM.
Nella gura 8.22 viene presentato qualitativamente landamento della massa della stella con-
tenente SQM in funzione del raggio, e viene confrontato con il tipico risultato che si ottiene nel
106 CAPITOLO 8. STELLE DI NEUTRONI
Figura 8.22: Andamento qualitativo della massa in funzione del raggio. La curva etichettata SS, si riferisce
alla SQM, mentre la curva etichettata NS ad una EOS con barioni.
Figura 8.23: Rappresentazione schematica della massa di una stella di neutroni con core di SQM.
caso di una stella puramente barionica. Utilizzando lMITBM la massa della SQM risulta essere
inizialmente proporzionale R
3
. Questo `e legato al fatto che, sempre nellambito del MITBM, la
pressione `e data da:
P =
1
3
(c
2
4B) . (8.76)
Questo signica che quando c
2
< 4B la pressione `e negativa, o in altre parole, la SQM `e legata.
La SQM `e un sistema legato dalle interazioni forti, contrariamente alla materia neutronica che `e
legata soltanto per la presenza dellinterazione gravitazionale. Questa dierenza produce il diverso
andamento delle masse rispetto al raggio della stella.
La gura 8.23 presenta landamento della massa della stella di neutroni con core di SQM. A
grandi valori del raggio, basse densit`a, domina la EOS nucleonica. Poi, quando la fase adronica
si spegne, a 2.5 km nella gura 8.21, la massa assume i valori che si ottengono per la SQM. La
massa massima della stella assume quindi valori inferiori a quella della pura stella nucleonica, ma
leggermente superiori a quella della stella contenente iperoni. Utilizzando lMITBM si ottengono
valori della masse massime che vanno da 1.75 a 1.95 masse stellari, dipendendo dai valori dei
parametri del modello, B e m
s
.
Unampia discussione riguardante la possibilit`a che stelle osservate possano essere candidate
stelle strane `e in corso [Bom99].
Capitolo 9
Nucleosintesi
La comprensione dellesistenza degli elementi della tavola periodica `e una delle tematiche pi` u
studiate dell astrosica nucleare. Nei capitoli 4, 5 e 7 abbiamo individuato diverse reazioni nucleari
che portano alla formazione di vari elementi della tavola periodica. Questi processi di formazione
sono prodotti dalla fusione di due nuclei per formarne uno pi` u pesante. Il processo si arresta
attorno al
56
Fe che `e il nucleo con maggior energie di legame per nucleone. Al di l` a di questo
limite i processi di fusione avvengono soltanto fornendo energia al sistema. Scopo ultimo di questo
capitolo `e quello di dare una visione globale dellesistenza dei vari nuclei a noi noti, e sopratutto
dare una spiegazione dellesistenza di nuclei con A > 60.
9.1 Nucleosintesi primordiale
Lo spostamento verso il rosso delle linee spettrali delle galassie lontane, proporzionale alla loro
distanza, e lidenticazione del fondo cosmico di radiazione elettromagnetica da corpo nero a 2.76
K, sono i pilastri osservativi dellipotesi del Big-Bang. In questa teoria, luniverso osservabile nasce
da una singolarit`a di alta densit`a ed energia che si espande, come il prodotto di unesplosione.
Nei primissimi istanti di vita luniverso `e dominato dalla radiazione e dalla sica delle particelle
elementari. Tutti i tipi di particelle sono generate da collisioni del tipo
+ particella + antiparticella . (9.1)
Alla temperatura T 10
13
K, che si suppone sia raggiunta al tempo t = 10
6
s, nucleoni e
antinucleoni continuano ad annichilarsi, ma la reazione inversa non avviene pi` u perche, in media,
i fotoni non hanno pi` u lenergia suciente per produrre una coppia nucleone, antinucleone. In
questa situazione sono per` o presenti molti leptoni e neutrini che convertono neutroni e protoni in
continuit` a:
p +
e
n +e
+
(9.2)
n +
e
p +e

, (9.3)
questo implica che il numero di protoni sia uguale a quello dei neutroni.
Al tempo t = 10
2
s la temperatura `e scesa al valore di T 10
11
K, che corrisponde ad energie
medie dei fotoni di circa 10 MeV. Gli elettroni sono gli unici leptoni carichi rimasti, mentre sono
presenti tutti i tipi di neutrini, in equal numero perche la reazione
e
+
+e

Z
0

i
+
i
(9.4)
avviene per ogni tipo di neutrino. Il numero di fermioni `e governato dalla distribuzione di Fermi-
Dirac:
n(E) dE =
u(E)
E
dE = g
4E
2
( hc)
3
1
e
E/k
B
T
+ 1
dE , (9.5)
107
108 CAPITOLO 9. NUCLEOSINTESI
dove g `e il fattore di degenerazione dello spin e u(E) `e la densit`a di energia. Dato che i neutroni
sono leggermente pi` u massivi del protoni, il loro numero `e inferiore per il fattore
N
n
N
p
= e
(m
n
m
p
)c
2
/k
B
T
, (9.6)
che per k
B
T = 10 MeV `e circa 0.88.
Al tempo t = 1 s la temperatura `e T 10
10
K, corrispondente allenergia dei fotoni di 1 MeV.
Le reazioni

e
+
e
e

+e
+
(9.7)

e
+e


e
+e

(9.8)

e
+e


e
+e

(9.9)
, (9.10)
che intrappolavano i neutrini, diventano poco importanti e quindi avviene il disaccoppiamento dei
neutrini. Da questo momento i neutrini si espandono liberamente nelluniverso, formando un fondo
cosmico.
A queste temperature, la reazione
e

+e
+
2 , (9.11)
`e possibile, ma mediamente lenergia dei fotoni `e tale che la reazione inversa risulta fortemente
inibita. Questo implica un aumento della densit`a di fotoni.
Il processo di annichilazione dei positroni continua no a quando rimane un numero residuo di
elettroni che compensa il numero di protoni, in modo che la carica totale del sistema sia nulla. Si
calcola che il numero di fotoni sia 10
9
volte quello degli elettroni e dei protoni.
A questo punto termina la fase dominata dalle reazioni delle particelle elementari e inizia la
fase dominata dalle reazioni nucleari.
La prima reazione nucleare possibile `e:
n +p d + . (9.12)
Dato che lenergia di legame del deutone `e 2.225 MeV, `e suciente che un fotone con questa energia
collida con un deutone per dissociarlo.
Per la presenza di un grande numero di fotoni per nucleone, 10
9
, per avere la stabilit` a del deu-
tone, sempre mediamente, non `e suciente che la temperatura media sia inferiore a 2.225 MeV,
dato che la distribuzione da corpo nero si estende no a grandi energie. Per questo motivo anche a
temperature inferiori il numero di fotoni pu` o essere sucientemente grande da mantenere in equi-
librio la reazione (9.12). Stimiamo la temperatura a cui si rompe questo equilibrio, approssimando
la coda della distribuzione dei fotoni con unesponenziale:
n(E) dE
8E
2
( hc)
3
e
E/k
B
T
dE . (9.13)
Il numero di fotoni con energia maggiore allenergia E
0
`e dato dallintegrale dellequazione prece-
dente.
Lintegrale pu`o essere fatto per parti considerando che:
_
xe
cx
dx =
e
cx
c
2
(cx 1) (9.14)
_
x
n
e
cx
dx =
1
c
x
n
e
cx

n
c
_
x
n1
e
cx
dx , (9.15)
con c ,= 0.
9.1. NUCLEOSINTESI PRIMORDIALE 109
Si ottiene che il numero di fotoni con energia superiore ad un valore E
0
`e:
N

(E > E

) =
8
( hc)
3
(k
B
T)
3
_
_
E
0
k
B
T
_
2
+ 2
_
E
0
k
B
T
_
+ 2
_
e
E
0
/k
B
T
. (9.16)
La frazione di fotoni `e ottenuta dividendo per la densit`a totale [Kra88]
f

(E > E

) = 0.42
_
_
E
0
k
B
T
_
2
+ 2
_
E
0
k
B
T
_
+ 2
_
e
E
0
/k
B
T
. (9.17)
Il numero di deutoni disponibile `e determinato dal numero di neutroni che sono meno numerosi dei
protoni. Il rapporto N
n
/N
p
(9.6) dipende dalla temperatura no a quando il numero di elettroni
e positroni `e sucientemente alto da mantenere le reazioni (9.2 - 9.3) in equilibrio. Ad una certa
temperatura i positroni scompaiono, e il rapporto tra il numero di neutroni e protoni si congela,
quando il tasso di reazioni deboli diventa troppo piccolo. Basandosi su quanto `e noto delle reazioni
deboli, questo avviene alla temperatura di T 10
9
K, che corrisponde a t = 3s e produce N
n
/N
p

0.2.
La frazione critica di fotoni di alta energia necessaria per impedire la formazione del deutone `e
0.2 10
9
, che inserita nellequazione (9.17) d`a una temperatura limite T = 9 10
8
K, che corrisponde
a t = 250 s.
Una volta formato il deutone in quantit`a sucienti, si innescano altre reazioni nucleari per
formare nuclei con A = 3,
d +n
3
H + (9.18)
d +p
3
He + , (9.19)
oppure
d +d
3
H +p (9.20)
d +d
3
He +n , (9.21)
e quindi si forma
4
He:
3
H +p
4
He (9.22)
3
He +n
4
He . (9.23)
Le energie di legame di questi nuclei sono maggiori di quella del deutone, quindi la fotodissociazione
di questi nuclei non `e un fenomeno rilevante.
Dato che non esistono nuclei con A = 5, il nucleo di
4
He `e il risultato principale della nucleo-
sintesi primordiale. Anche il
8
Be `e instabile, quindi due nuclei di
4
He non si possono combinare
direttamente. Si forma una piccola porzione di nuclei con A = 7
4
He +
3
H
7
Li + (9.24)
4
He +
3
He
7
Be + , (9.25)
ma la barriera coulombiana `e di circa 1 MeV, e lenergia di questi nuclei `e ben al di sotto di
questo valore (per temperature di T = 9 10
8
K si ha unenergia cinetica inferiore a 0.01 MeV).
Essenzialmente tutti i neutroni terminano come parte dei nuclei di
4
He. Utilizzando il valore
N
n
/N
p
0.2, dopo una correzione dovuta al decadimento del neutroni si ottiene N
He
/N
p

0.081. Questo implica che labbondanza relativa, in peso, dellelio primordiale `e di circa 0.24, che
corrisponde al valore osservato (vedi Fig. 9.1).
In aggiunta all
4
He c`e una piccola concentrazione di d,
3
He e
7
Li. Il d `e coinvolto nelle reazioni
nucleari delle stelle, e quindi il valore misurato oggi `e probabilmente molto diverso da quello
primordiale.
110 CAPITOLO 9. NUCLEOSINTESI
Figura 9.1: Relazione tra labbondanza di elio e di nuclei pi` u pesanti dellelio, detti metalli, nelle po-
polazioni stellari. Spettri delle galassie nane irregolari e delle galassie blu compatte. Le popolazioni di
stelle pi` u antiche sono quelle che hanno abbondanza di elio inferiore. Al tendere a zero dellabbondanza
di metalli (stelle molto antiche) si trova un valore di 24%, che dovrebbe essere antecedenti al contributo
di elio della nucleosintesi stellare, quindi di origine cosmologica.
La distribuzione dei nuclei in funzione della densit`a barionica `e una previsione del modello
del Big-Bang. E da notare che questo modello prevede una densit`a barionica molto inferiore
rispetto alla densit`a critica = 1, che si pensa sia comunque quella pi` u probabile per il nostro
universo. Questa discordanza `e uno degli argomenti su cui si basano le ipotesi di materia oscura
non barionica.
9.2 Nucleosintesi da combustione stellare
Il processo dominante per la formazione di elementi con A 60 `e la fusione di nuclei, sopratutto
fusioni indotte da cattura protonica e di . Il processo di fusione di particelle cariche `e stato
descritto in dettaglio nel Cap. 3. Le stelle pi` u giovani si trovano nella sequenza principale, e, come
descritto nel Cap. 4, il loro equilibrio idrodinamico `e mantenuto dalla combustione dellidrogeno.
Dalla composizione primordiale, le stelle di prima generazione iniziano come una miscela di gas
che comprende il 76% di idrogeno e il 24% di elio (in peso). La combustione dellidrogeno consiste
nella trasformazione di 4 protoni in un nucleo di elio, secondo le catene di reazioni presentate nel
Cap. 4. Soltanto nelle stelle di seconda generazione, o ancora pi` u giovani, c`e presenza di carbonio
che permette di catalizare la combustione dellidrogeno secondo il ciclo CNO descritto nella sezione
4.2. E importante notare che i processi descritti nel Cap. 4, terminano con la produzione di
4
He
perche non esistono sistemi legati con 5 nucleoni.
Quando il combustibile di idrogeno termina, la stella subisce le trasformazioni descritte nel Cap.
5, e si forma una stella gigante rossa. In questa stella viene bruciato il combustibile di
4
He. Il
processo di fusione avviene grazie alla reazione di formazione del sistema instabile
8
Be che cattura
immediatamente unaltra particella in modo da formare un nucleo di
12
C. Abbiamo descritto nel
Cap. 5 come il processo possa avvenire grazie alla presenza di una risonanza del
12
C, che permette
di fatto la fusione di tre .
9.2. NUCLEOSINTESI DA COMBUSTIONE STELLARE 111
Nella centro della gigante rossa le temperature sono sucienti per innescare le reazioni
12
C +
16
O + (9.26)
16
O +
20
Ne + (9.27)
20
Ne +
24
Mg + . (9.28)
Da notare che il nucleo
14
N prodotto dal ciclo CNO viene bruciato dalla catena di reazioni
14
N +
18
F + (9.29)
18
F
18
O +e

+
e
(9.30)
18
O +
22
Ne + (9.31)
22
Ne +
26
Mg + (9.32)
22
Ne +
25
Mg +n (9.33)
. (9.34)
Lultima di queste reazioni funge da importante sorgente di neutroni.
A questo punto se la massa della stella `e inferiore alla massa di Chandrasekhar si forma una nana
bianca e i processi di nucleosintesi terminano. Nuclei pi` u pesanti del
12
C si formano, quantomeno in
quantit`a rivelabili, solo in stelle con massa superiore a quella di Cahandrasekhar. In queste stelle,
come descritto nel Cap. 7, inizia una sequenza di reazioni attivate dallaumento della temperatura
causato dalla contrazione della stella. Queste reazioni di combustione del carbonio sono le (7.1).
Dal punto di vista energetico la fase di combustione del carbonio `e brevissima e di scarsa rilevanza
per lequilibrio idrodinamico, dato che la maggior parte dellenergia prodotta lascia la stella sotto
forma di neutrini.
Figura 9.2: Abbondanza dei nuclidi nel sistema solare riferita a quella del
28
Si denita come 10
6
. Da
notare la scarsa abbondanza dei nuclei leggeri e il picco del Ferro.
Allaumentare della contrazione della stella, e quindi della temperatura, dopo lesaurimento del
12
C ci si attende la fotodisintegrazione del neon
20
Ne +
16
O + . (9.35)
Quindi a 1.5 10
9
K diventa eciente la combustione dellossigeno
16
O +
16
O
28
Si + (9.36)
112 CAPITOLO 9. NUCLEOSINTESI
16
O +
16
O
31
P +p (9.37)
16
O +
16
O
31
S +n (9.38)
16
O +
16
O
32
S + . (9.39)
Alle temperature di 2 10
9
K le fotoreazioni diventano importanti. I processi di formazione
continuano con la sequenza descritta nella sezione 7.1 dalla catena di combustione del silicio (7.4).
A questo punto le varie reazioni nucleari di produzione di nuclei e la loro fotodissociazione sono
in equilibrio termodinamico. In questa situazione sono preferiti i nuclei pi` u stabili attorno al
56
Fe.
Una tale teoria di nucleosintesi riesce a spiegare, anche quantitativamente il picco del ferro.
9.3 Nucleosintesi da cattura neutronica

56
Fe
57
Fe
58
Fe
59
Fe

59
Co
60
Co

60
Ni
61
Ni
62
Ni
63
Ni

68
Fe

68
Co
69
Co
70
Co
71
Co

71
Ni
72
Ni
73
Ni
s
r
Figura 9.3: Schematizzazione dei processi s e r. Con i quadri neri indico reazioni di cattura neutronica
che producono tutti gli isotopi dal
59
Fe al
68
Fe.
La fusione di due nuclei non `e energeticamente conveniente se viene coinvolto un nucleo pi` u
pesante del
56
Fe. Il meccanismo che produce nuclei pi` u pesanti di questo nuclide `e la cattura
neutronica. Supponiamo che il
56
Fe sia il nucleo pi` u numeroso al termine della catena di reazioni
di fusione. La successiva cattura neutronica produce le seguenti reazioni:
56
Fe +n
57
Fe + (9.40)
57
Fe +n
58
Fe + (9.41)
58
Fe +n
59
Fe + . (9.42)
Lisotopo 59 del ferro non `e stabile e ha una vita media di circa 45 giorni. Se il usso di neutroni `e
cos` basso che la probabilit` a di cattura neutronica in 45 giorni risulta essere molto piccola, il
59
Fe
decade in
59
Co che essendo stabile pu` o essere bersaglio di una cattura neutronica, innescando una
catena di reazioni di cattura sugli isotopi del cobalto. Alternativamente, il usso di neutroni pu` o
essere cos` intenso che la probabilit` a di cattura neutronica da parte del
59
Fe risulta essere molto
alta. La catena di reazioni continua quindi tra gli isotopi del Fe,
60
Fe (t
1/2
= 3 10
5
anni),
61
Fe
(t
1/2
= 6 minuti),
62
Fe (t
1/2
= 68 s), e oltre. In questo modo `e possibile raggiungere un isotopo
cos` ricco di neutroni, da non essere pi` u legato, oppure tale che la sua vita media di decadimento
sia molto pi` u piccola del tempo di cattura neutronica. A questo punto il nucleo cambia la sua
carica di ununit` a e la cattura neutronica prosegue secondo la nuova catena isotopica.
I due processi descritti sopra sono i maggiori responsabili per la produzione di elementi con
A > 60. Il primo processo `e detto lento (s sta per slow), perch`e il usso di neutroni `e cos` basso
9.3. NUCLEOSINTESI DA CATTURA NEUTRONICA 113
Figura 9.4: Sezione durto di cattura neutronica in funzione del numero di neutroni. Da notare i minimi
in corrispondenza dei numeri magici.
che i tempi di incontro con un neutrone che pu` o essere catturato sono molto pi` u lenti della vita
media dei nuclei instabili prodotti. Il secondo processo, con alto usso di neutroni, `e detto rapido
(r sta per rapid).
I processi di formazione di nuclei pi` u pesanti del ferro, sono comunemente indotti dalla cattura
neutronica
(Z, A1) +n (Z, A) + . (9.43)
Questi processi sono determinati dallintensit` a del usso neutronico, dalla sezione durto di cattura
neutronica (vedi la Fig. 9.4) e dalla costante di decadimento dellisotopo prodotto. Lequazione
che descrive labbondanza N
A
di un isotopo in funzione del tempo `e:
dN
A
(t)
dt
= N
n
(t) < v > [
A1
N
A1

A
N
A
]
A
N
A
(t) , (9.44)
dove N
n
`e la densit`a di neutroni e < v > la loro velocit` a media, `e la sezione durto di cattura
neutronica, e
A
`e la costante di decadimento per il nucleo con A nucleoni.
Il processo di formazione di nuovi nuclei per cattura neutronica `e positivo quando il termine
tra parentesi quadre `e positivo e domina il termine di decadimento. La separazione tra processi s e
r `e legata proprio a questa dierenza. Per un dato isotopo, le sezioni durto
A1
e
A
, la costante
di decadimento
A
sono ssate. Il fattore che che permette, o inibisce, la formazione del nucleo `e
il usso neutronico, scritto nella (9.44) come il prodotto tra densit`a dei neutroni e la loro velocit` a
media. Bassi ussi neutronici si trovano nelle fasi nali di una stella massiva (presupernova),
mentre ussi intensi di neutroni sono prodotti durante la fase esplosiva di una supernova.
9.3.1 Processi lenti (s)
Come indicato nella gura 9.3, in un processo lento, il neutrone viene catturato e forma un nucleo
che, se instabile, decade prima di catturare un altro neutrone. Per questo motivo, nel caso di nuclei
114 CAPITOLO 9. NUCLEOSINTESI
Figura 9.5: Prodotto tra sezione durto di assorbimento e abbondanza relativa. Le due curve rappresentano
due modelli teorici per la descrizione dei dati.
instabili il termine di decadimento nellequazione (9.44) `e dominante. Al contrario, per nuclei
stabili, o con vita media molto pi` u lunga del tempo medio per la cattura di un altro neutrone,
lultimo termine `e trascurabile rispetto agli altri. Ne risulta che i nuclei prodotti da processi s sono
molto vicini alla valle di stabilit` a.
Considerando lequazione (9.44) si ha che, per nuclei stabili, la condizione di equilibrio viene
raggiunta quando

A1
N
A1
=
A
N
A
. (9.45)
Le abbondanze osservate in natura per i nuclei che si possono formare con processi s mostrano
lesistenza di una buona correlazione tra abbondanze e sezioni durto per cattura neutronica. Il
prodotto
A
N
A
`e una funzione abbastanza liscia di A, (vedi Fig. 9.5 ) nonostante lirregolarit`a
dellandamento di
A
, come mostrato nella gura 9.4.
Il processo di formazione s avviene nellambito della combustione del Si in stelle massive. La
principale sorgente dei neutroni utilizzati nel processo s `e la reazione
22
Ne +
25
Mg +n . (9.46)
La validit`a della nostra descrizione dei processi s viene vericata facendo simulazioni detta-
gliate dellabbondanza dei vari nuclei nel sistema solare. I dati di ingresso della simulazione sono
labbondanza di
22
Ne, che quantica il usso di neutroni secondo la reazione (9.33), e labbondanza
di
56
Fe che rappresenta il nucleo bersaglio. Queste simulazioni indicano che le quantit`a di questi
due nuclei sono pi` u che sucienti per per produrre tutte le quantit`a di elementi pi` u pesanti del
ferro osservate nel sistema solare [Rol88].
I neutroni da processi s catturati dal
22
Ne permettono di formare quasi tutti i nuclei da A = 23
ad A = 44. Quelli catturati dal
56
Fe permettono di formare nuclei da A = 63 ad A = 209. La
catena si interrompe con il
209
Bi perch`e il
210
Bi decade . Il decadimento gestito dalle interazioni
forti `e estremamente veloce. I suoi tempi sono certamente inferiori a quelli mediamente necessari
per incontrare, e assorbire, un neutrone. Data la relazione di equilibrio (9.45), e il piccolo valore di

A
per i nuclei doppio magici, ci si aspettano picchi di abbondanza in presenza di numeri magici
di neutroni, come indicato nella gura 9.6.
9.3.2 Processi rapidi (r)
I processi s sono in grado di spiegare una gran parte delle abbondanze osservate, restano per`o
evidenze di produzione di elementi non collegabili a questi processi, che come abbiamo discusso
nella sezione precedente, avvengono nelle fasi di equilibrio idrostatico della stella. Rimangono da
spiegare:
1. labbondanza di 27 nuclei con A 70 non ottenibili con processi s,
9.3. NUCLEOSINTESI DA CATTURA NEUTRONICA 115
Figura 9.6: Abbondanze relative per nuclei con A > 60. Il riferimento `e sempre labbondanza di
28
Si=10
6
.
Da notare laumento delle abbondanze in corrispondenza dei numeri magici di neutroni. I picchi prodotti
da processi r e s sono indicati.
2. lesistenza di elementi pi` u pesanti del
209
Bi, ad esempio luranio,
3. labbondanza anomala di elementi leggeri, superiore alle stime basate sulla sintesi primordiale.
E evidente la necessit` a di ipotizzare lintervento di processi rapidi, r, che avvengono in fasi di
non equilibrio della stella, ad esempio nel collasso ed esplosione di una supernova. Sotto un intenso
usso di neutroni diventa possibile che un nucleo assorba un neutrone prima che possa decadere .
Questo procedimento produce nuclei ricchi di neutroni che poi decadono man mano verso la valle
di stabilit` a.
In fasi di non equilibrio c`e anche la possibilit`a di cattura protonica, inibita per`o dalla barriera
coulombiana, oppure di fotoemissione di un neutrone. Entrambi questi processi producono nuclei
ricchi di protoni. In ogni caso labbondanza di questi nuclei `e un fattore 100 inferiore a quella dei
nuclei prodotti con processi di cattura neutronica [Rol88]. Ovviamente, processi r possono anche
formare i nuclei prodotti da processi s.
La procedura per otterere il numero di nuclei prodotti da processi r, N
r
, si basa sullosservazione
che N
s
`e una funzione f(A), molto liscia del numero di massa A. Si pu` o stimare il numero di
nuclei prodotti da processi r, N
r
, facendo la dierenza tra le abbondanze totali misurate nel sistema
solare N

e quelle previste per produzione da processi s, N


s
N
r
N

N
s
= N

f(A)
(A)
. (9.47)
Questo risultato dipende dalle ipotesi fatte sullandamento di f(A) e dalla conoscenza della sezione
durto (A). La gura 9.7 mostra il risultato di questa procedura. E interessante notare la presenza
116 CAPITOLO 9. NUCLEOSINTESI
Figura 9.7: Abbondanza relative riguardanti i soli processi r.
di massimi attorno ad A = 80, A = 130 e A = 195. La spiegazione della presenza di questi picchi
`e un vincolo sulle ipotesi del modello di nucleosintesi da processo r.
Come abbiamo detto, il fenomeno che sta alla base del processo r `e la cattura neutronica che
avviene in tempi molto inferiori a quelli del decadimento . Partendo da un nucleo (Z, A) lalto
usso neutronico innesca una serie di reazioni di cattura neutronica che aumenta, di volta in volta,
il numero di massa del nucleo bersaglio di una unit`a. Il processo si arresta dopo i reazioni, quando
il tasso di cattura entra in equilibrio con quello di fotodisintegrazione.
Lenergia minima richiesta per strappare un neutrone al nucleo, detta energia di estrazione del
neutrone Q
n
, `e una caratteristica specica di ogni isotopo. Il valore di Q
n
`e strettamente legato alla
dettagliata struttura del nucleo, che coinvolge vari fattori come il numero di protoni, la chiusura di
shell, ed altro. A di l` a delle speciche dierenze legate ad ogni isotopo, in generale, il valore di Q
n
diminuisce con laumentare della dierenza tra numero di protoni e di neutroni. Questo signica
che aumentando il numero di neutroni, quindi diminuendo Q
n
, i processi di fotoemissione (, n)
possono avvenire con fotoni di energia sempre pi` u bassa. A parit`a di temperatura, considerando
la distribuzione energetica dei fotoni, il numero di fotoni che pu` o emettere neutroni, `e maggiore
per nuclei con grande eccesso di neutroni.
Lequazione che descrive la variazione nel tempo del numero di nuclei con un certo numero
atomico A `e:
dN
A
(t)
dt
=
n
(t) [<
A1
(n, ) > N
A1
<
A
(n, ) > N
A
]

(t) <
A
(, n) > N
A
(t)
A
N
A
(t) , (9.48)
dove ho indicato con
n,
rispettivamente i ussi di neutroni e di gamma, con < > le sezioni
durto di cattura neutronica e fotodisintegrazione, e con , la costante di decadimento debole.
Quando cattura e disintegrazione sono in equilibrio, i primi tre termini dellequazione precedente
9.3. NUCLEOSINTESI DA CATTURA NEUTRONICA 117
sommano a zero. La variazione del numero di nuclei (Z, A + i) rimane stabile no a quando il
decadimento non diventa rilevante
(Z, A+i) (Z + 1, A+i) +e

+
e
. (9.49)
Il processo appena descritto si ripete con i nuclei di carica Z+1. Il nucleo isobaro (Z+1, A+i)
assorbe neutroni no a quando lequilibrio tra cattura e fotoemissione di neutroni non `e raggiunto,
questa volta per lisotopo (Z + 1, A+i +k).
Questa sequenza di eventi implica lesistenza di un punto di attesa per ogni valore della carica
Z. In questo punto si attende il decadimento per poter continuare il processo di assorbimento di
neutroni. In questa situazione, le abbondanze non sono caratterizzate dal numero di massa, come
nel caso del processo s, ma dal numero di carica Z.
Figura 9.8: Schema di formazione dei vari nuclei con processi s e con processi r. Sono evidenziati i punti
di attesa attorno ai valori magici di nucleoni.
I processi r generano nuclei ricchi di neutroni, tipicamente con 10-20 neutroni in eccesso rispetto
ai vicini nuclei stabili. Nel processo r, il ruolo dei numeri magici, ovvero della chiusura di shell,
`e importante. La chiusura di shell implica una particolare stabilit` a del sistema. Questo signica,
tra gli altri eetti, che lenergia di separazione Q
n
per un nucleo magico, `e di gran lunga maggiore
di quella dellisotopo con un neutrone in pi` u. Inoltre, la vita media di decadimento di questi
nuclei semi-magici, `e relativamente pi` u grande di quella dei nuclei vicini. Per questi motivi, i
nuclei con shell chiusa di neutroni rappresentano un gruppo speciale di punti di attesa. Dopo il
decadimento , il nucleo (Z, N
m
), dove N
m
indica il numero magico di neutroni, `e trasformato
nel nucleo (Z + 1, N
m
1) che per cattura neutronica si trasforma immediatamente nellisotopo
(Z + 1, N
m
), in cui il numero di neutroni `e ancora magico. Ci si aspetta quindi una sequenza di
punti di attesa in corrispondenza dello stesso valore magico dei neutroni N
m
, in cui il valore di
Z aumenta lentamente di ununit` a alla volta. Alla ne, dopo numerosi eventi di decadimento e
assorbimento di neutroni, i nuclei prodotti sono sucientemente vicini alla linea di stabilit` a che
il valore di Q
n
diventa abbastanza grande da rompere lequilibrio con il processo di fotoemissione
di neutroni, in modo da superare il limite del punto dattesa, e produrre nuclei con numero di
neutroni maggiore di N
m
.
Il grande usso di neutroni che permette il vericarsi di processi r `e presente in momenti di
grande instabilt` a della stessa, e quindi dura per tempi molto pi` u piccoli rispetto a quelli della vita
della stella. Per questo motivo si pu` o aermare che ad un certo momento il processo r termina
118 CAPITOLO 9. NUCLEOSINTESI
perche il usso di neutroni non `e sucientemente intenso per poterlo attivare. A questo punto la
materia stellare si trova in presenza di un grande numero di nuclei che hanno, in genere, un grande
eccesso di neutroni. Questi nuclei ricchi di neutroni, sono soggetti ad una catena di decadimenti
no a quando non si forma lisobaro stabile, ovvero lisobaro che nella valle di stabilit` a si trova
pi` u prossimo al nucleo progenitore. Il risultato nale `e che i nuclei stabili che hanno progenitori
con lo stesso N
n
hanno un numero inferiore di protoni se prodotti da processo r rispetto a quelli
prodotti nel processo s. Ad esempio il nucleo
124
50
Sn
74
non ha un numero magico di neutroni ma lo
ha il progenitore
124
42
Mo
82
. Nelle gure 9.6 e 9.7 si vede che i picchi del processo r sono posizionati
attorno a A = 80, A = 130, A = 195, ognuno con circa 8-12 unit`a di massa inferiori ai picchi del
processo s. Nel processo r non `e banale la relazione tra le propriet` a del nucleo progenitore e quella
del nucleo stabile nale.
Una simulazione precisa dei processi di formazione r richiede la conoscenza delle propriet` a di
nuclei particolarmente ricchi di neutroni. Uno grande sforzo sperimentale, basato su accelaratori
con fasci di nuclei radioattivi, `e stato programato per produrre e investigare nuclei con grande
eccesso di neutroni. Al momento stime vengono fatte estrapolando la formula semi-empirica della
massa.
Grazie al processo r `e possibile superare la barriera del decadimento del
210
Bi che arresta
processo s. Per nuclei pi` u pesanti del
210
Bi il processo r di cattura neutronica si interrompe
quando incontra la soglia ssione indotta dallassorbimento del neutrone. Il processo r `e il solo
responsabile dellesistenza dei nuclei pi` u pesanti del bismuto, in particolare dei nuclei con lunga
vita media
232
Th,
325
U e
328
U.
Appendice A
Tabelle
Lista delle abbreviazioni
Abbreviazione Signicato Note
CNO Ciclo Carbonio-Azoto-Ossigeno
CBF Correlated Basis Function
EOS Equazione di Stato (equation of state)
HR Hertzsprung-Russell
MSS Modello Solare Standard
MITBM MIT Bag Model Cap. 8.4.2
PCAC Partially Conserved Axial Currrent
QCD Quantum Chromo Dynamics
QED Quantum Electro Dynamics
SI Sistema Internazionale di unit`a di misura
SNO Subdury Neutrino Observatory Cap. 4.23
SQM Strange Quark Matter Cap. 8.4.2
TOV Tolman-Oppenheimer-Volko Cap. 8.3.4
Tabella A.1: Lista delle abbreviazioni usate
119
120 APPENDICE A. TABELLE
Lista dei simboli
Simbolo Signicato Note
d deutone nelle reazioni nucleari
N
A
numero di Avogadro
G
F
costante di Fermi
G
N
costante di gravitazione universale
j energia prodotta in un secondo dallunit` a di massa capitolo 2
k
B
costante di Boltzmann
L luminosit`a
L

luminosit`a del sole


M

massa del sole


m
e
massa dellelettrone
m
n
massa del neutrone
m
p
massa del protone
p protone nelle reazioni nucleari
P pressione
P

pressione del sole


R raggio della stella capitolo 2
R

raggio del sole


S fattore astrosico 3.50
T temperatura assoluta in Kelvin
T

temperatura del sole


partcella , nucleo di
4
He nelle reazioni nucleari
coeciente di assorbimento per unit`a di massa capitolo 2
fotone nelle reazioni nucleari

densit`a media del sole

e
neutrino elettronico

neutrino muonico

neutrino

B
costante di Stefan-Boltzmann
Tabella A.2: Lista dei simboli utilizzati
Costanti fondamentali
quantit`a simbolo valore
velocit` a della luce nel vuoto c 0.299792 10
9
m / s
Costante gravitazionale G
N
6.673 10
11
N m
2
/ kg
2
= 6.673 10
11
m
3
/ kg s
2
Costante di Boltzmann k
B
1.38 10
23
J / K = 8.617 10
5
eV / K
Costante di Plank hc 193.327 MeV fm
Costante di Fermi G
F
/( hc)
3
1.66 10
5
GeV
2
carica unitaria e
2
1.44 MeV fm
massa del protone m
p
9.1093826 10
31
kg = 938.27 MeV / c
2
massa del neutrone m
n
= 939.56 MeV / c
2
massa dellelettrone m
e
1.672621 10
27
kg = 0.511 MeV / c
2
anno y = 3.1 10
7
s
secondo s = 0.32 10
7
y
Tabella A.3: Valori di alcune costanti siche.
121
Parametri solari
R

= 6.96 10
8
m
M

= 1.99 10
30
kg
L

= 3.86 10
26
J/s
= 2.41 10
39
MeV/s
= 9.22 10
25
cal/s

= 1.41 10
3
kg/m
3
T

(centro) = 1.56 10
7
K
T

(supercie) = 5.78 10
3
K
P

(centro) = 2.5 10
6
atm
P

(supercie) = 0
Tabella A.4: Valori di alcuni paramteri solari. I valori di T

e P

sono derivati da modelli del sole, mentre


gli altri sono dati osservati.
122 APPENDICE A. TABELLE
Bibliograa
[Ahm02] Q.R. Ahmad et al., Phys. Rev. Lett. 89 (2002) 011301.
[Akm98] A. Akmal and V. R. Pandharipande and D. G. Ravenhall, Phys. Rev. C, 58 (1988) 1804.
[Arn77] W.D. Arnett, Astrophys. J. 218 (1977) 815.
[Baa34] W. Baade e F. Zwicky, Phys. Rev. 46 (1934) 76.
[Bah01] J. Bahcall, M. H. Pinsonneault, S. Basu, Ap. J. , 555 (2001) 990.
[Bha88] R.K. Bhaduri Models of the nucleon, Addison Wesley, Menlo Park (1988).
[Bal97] S. Balberg e A. Gal, 435. Nucl. Phys. A 625 (1997)
[Bal99] M. Baldo, in Nuclear Methods and the Nuclear Equation of State, M. Baldo Ed., World
Scientic, Singapore, (1999).
[Ben00] G. Bendiscioli, Fenomeni radioattivi e dintorni, La goliardica pavese, Pavia (2000).
[Ber82] C. Bernardini e C. Guaraldo, Fisica del nucleo, Editori Riuniti, Roma (1982).
[Bet79] H. Bethe, G.E. Brown, J. Applegate e J.M. Lattimer Nucl. Phys. A 324 (1979) 487.
[Bet85] H. Bethe e G.E. Brown, Le Scienze 203 (1985) 70.
[Bis07] C. Bisconti, F. Arias de Saavedra e G. Co, Phys. Rev. C 75 (2007) 034604.
[Bjo64] J.D. Bjorken e S.D. Drell, Relativistic quantum mechanics, McGraw-Hill, New York
(1964).
[Bla62] J.M. Blatt e V.F. Weisskopf, Theoretical Nuclear Physics, Wiley, New York (1962).
[Bod71] A.R. Bodmer, Phys. Rev. D 4 (1971) 160.
[Bom99] I. Bombaci, in Nuclear Methods and the Nuclear Equation of State, M. Baldo Ed., World
Scientic, Singapore, (1999).
[Bro82] G.E. Brown, H. Bethe e G. Baym, Nucl. Phys. A 375 (1982) 481.
[Co03] G. Co, Introduzione alla teoria formale dei molticorpi, Universit`a di Lecce, Lecce (2003),
non pubblicato.
[Cos03] M. L. Costantini, Tesi di Laurea, Universit`a dellAquila, (2003), non pubblicato.
[Dav89] R. Davis, A. K. Mann e L. Wolfenstein, Ann. Rev. Nucl. Part. Sci. 39 (1989) 467.
[Eis76] J. Eisenberg e W. Greiner, Nuclear Theory, Vol.3, Microscopic theory of the nucleus,
North-Holland, Amsterdam (1976).
[Fet71] A.L. Fetter e J.D. Walecka, Quantum theory of many-particle systems, McGraw-Hill, S.
Francisco, (1971).
123
124 BIBLIOGRAFIA
[Gro90] K. Grotz e H.V. Klapdor, The weak interaction in nuclear, particle and astrophysics,
Adam Hilger, Bristol, (1990).
[Hew68] A. Hewish, S.J. Bell, J.D.H. Pikington, P.F. Scott, R.A. Collins, Nature 217, (1968)
709.
[Jac04] C.B. Jackson, et al. ArXiv:astro-ph/0409348.
[Koo86] S. Koonin, Computational Physics, Addison-Wesley, Redwood City (1986).
[Kra88] K. S. Krane, Introductory Nuclear Physics, John Wiley, New York (1988).
[Lag81] I. Lagaris e V.R. Pandharipande, Nucl. Phys. A359 (1081) 331
[Lor93] C.P. Lorenz, D.G. Ravenhall e C.J. Pethick, Phys. Rev. Lett. 70 (1993) 379.
[Mes61] A. Messiah, Quantum Mechanics, North Holland, Amsterdam (1961).
[Mor87] G. Morpurgo, Introduzione alla sica delle particelle, Zanichelli, Bologna (1987).
[Opp39] J. R. Oppenheimer e G. M. Volko Phys. Rev. 55 (1939) 364.
[Par03] I. Parenti, Tesi di Laurea, Universit`a di Pisa, (2003), non pubblicato.
[PD96] Particle and data group, Phys. Rev. D 54 (1996) 1.
[Pie01] S.C. Pieper e R.B. Wiringa, Ann. Rev. Nucl. Part. Sc., 51 (2001) 53.
[Pie05] S.C. Pieper, Nucl. Phys. A751 (2005) 516.
[Pov98] B. Povh, K. Rith, C. Scholz, F. Zetsche Particelle e nuclei: unintroduzione ai concetti
sici, Bollati Boringhieri, Torino (1998).
[Pud97] B.S. Pudliner, V.R. Pandharipande, J. Carlson, S. C. Pieper e R.B. Wiringa, Phys. Rev.
C 56 (1997) 1720.
[Rav83] D.G. Ravenhall, C.J. Pethick e J.R. Wilson Phys. Rev. Lett. 50 (1983) 2066.
[Rol88] C.E. Rolfs e W.S. Rodney, Cauldrons in the cosmos, University of Chicago press, Chicago
(1988).
[Sch58] M. Schwarzschild, Structure and evolution of the stars, Princeton University Press,
Princeton (1958).
[Seg81] E. Segr`e, Nuclei e particelle, Zanichelli, Bologna (1981).
[Sto93] V.G.J. Stoks, R.A.M. Klomp, M.C.M. Rentmeester e J. de Swart, Phys. Rev. C 48
(1993) 792.
[Sha83] S.L. Shapiro e S. A. Teukolsky Black holes, white dwarfs, and neutron stars , John Wiley
and Sons, New York (1983).
[Sto94] V.G.J. Stoks, R.A.M. Klomp, C.P.F. Terheggen e J. de Swart, Phys. Rev. C 49 (1994)
2950.
[Str06] F. Strafella, Lezioni di Astrosica Generale, Universit`a di Lecce, Lecce (2006), non
pubblicato.
[Tol34] Tolman, Proc. Nat. Acc. Sci. USA 20 (1934) 3.
[Uns83] A. Uns old e B. Baschek The new cosmos, Springer Verlag, New York (1983).
[Vie06] M. Vietri Astrosica delle alte energie, Bollati Boringhieri, Torino (2006).
BIBLIOGRAFIA 125
[Wei72] S. Weinberg, Gravitation and cosmology, John Wiley and Sons, New York (1972).
[Wir95] R.B. Wiringa, V.G.J. Stoks, R. Schiavilla, Phys. Rev. C 51 (1995) 38.
[Wit84] E. Witten, Phys. Rev. D 30 (1984) 272.
[Wos86] S.E Woosley e T.A. Weaver, Ann. Rev. Astron. Astrophys. 24 (1986) 205.