Você está na página 1de 25

Gioved

4 settembre 2014
anno XLVII (nuova serie)
numero 31
euro 1,20
31
Poste Italiane spa
Sped. abb. postale
DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812
Diocesi 7 e 8
Festa di San Vicinio
Il vescovo prega
per i perseguitati
L
invito del vescovo Re-
gattieri in occasione di
SantAlberico: Leremita
dipende anche dalla no-
stra vita di cristiani
Ciao Alfredo,
uomo buono
e generoso
Pagina aperta 23
Cesena 13
Entrano nel vivo
le feste
parrocchiali
Gambettola 15
Barista
copre col paravento
le slot machines
Cesenatico 16
Gli eventi
per i 400 anni
della chiesa
Savignano 15
Coppia di sposi
dona una casa
alla Papa Giovanni
Emozioni
Cesena
partito il massimo campionato di calcio
Editoriale
Il lavoro, senza annunci
di Francesco Zanotti
La squadra bianconera torna protagonista in serie A e vince per la prima
volta la gara di apertura. Nel Primo Piano di questa settimana pubbli-
chiamo una lunga intervista al presidente.
Giorgio Lugaresi racconta di s e della sua inevitabile passione per il cal-
cio, visto che nato quasi in uno spogliatoio.
Poi narra del rapporto daffetto con la citt (in ogni famiglia c un tifoso)
e gli obiettivi per questanno: proseguire nellopera di risanamento del bi-
lancio e la permanenza in A.
Primo piano a pagina 5
D
a una riforma al mese al passo dopo
passo. Non di certo un cambio da
poco. Sto parlando del mutamento di
strategia prodotto dal presidente del
Consiglio, Matteo Renzi. Dopo le prime
settimane di sfolgoranti annunci circa
cambiamenti fulminei, il giovane premier ha
deciso per un andamento lento. E per questa
nuova cadenza ha chiesto la pazienza dei
cittadini per almeno mille giorni.
Detta cos, pare quasi uno scherzo. Un po
come dire che n qui si andati per burle.
Non facile per nulla governare lItalia. Ne
sanno qualcosa il professor Mario Monti e
anche Enrico Letta, stimatissimi allestero,
buttati dalla rupe in patria nel volgere di
pochi mesi.
Un Paese in crisi ha spinte in ogni direzione.
Tutti si lamentano, tutti chiedono, tutti
vogliono. Non semplice assumere decisioni
impopolari, in grado di scontentare grandi
fette di popolazione. molto pi graticante
restituire 80 euro al mese in busta paga a
dieci milioni di italiani. Eppure. Perch c
un eppure anche in quelloccasione, ci sono
stati tanti mugugni anche allora.
I dati economici non aiutano. LEuro non
incentiva le esportazioni. In Italia eravamo
abituati a favorire lexport grazie alla
debolezza della moneta. Ora quella
continentale fa parte del club delle forti e
anche le leva monetaria venuta meno. Per
dare ato alleconomia, invece, forse oggi
sarebbe necessario immettere un bel po di
cartamoneta sul mercato per favorire le
imprese nostrane ed europee. La deazione
incontrata dopo 55 anni pu deprimere
ancor di pi i consumi, in attesa di ulteriori
ribassi nei prezzi. Una spirale non facile da
interrompere.
Che far lex sindaco di Firenze? Smetter di
fare annunci che rischiano di rivelarsi un
boomerang? Adotter una strategia pi
accorta? La sua lennesima mossa per
pendere tempo in vista della legge di
stabilit, scadenza davanti alla quale non
potr pi scappare? Lui, Matteo Renzi, dovr
affrontare diverse questioni. Ha sbandierato
la riforma della scuola per poi rinviarla
subito, mentre altre al momento sono solo
nelle intenzioni, come quella sulle
partecipate. Anche in materia di spending
reviewsi vissuto di proclami e poco altro.
La gente paziente, ha memoria corta, ma
penso non gradisca che si dica e non si
agisca di conseguenza. Meglio non dire se
poi non si pu fare. La richiesta di rinviare il
giudizio nel 2017 sembra solo unillusione. Ci
sono urgenze non rimandabili, il lavoro su
tutte, di fronte alle quali non si dovrebbe
perdere neppure un minuto. Occorre agire
subito, senza ulteriori indugi. E senza
annunci.
G
li amici del campo
Emmaus ricordano
Magnani, deceduto a 71
anni lo scorso 23 agosto.
Esempio di fede e carit
Attualit 10
Meeting Rimini
Spazio allincontro
e alla relazione
U
n rapido excursus de-
gli appuntamenti ric-
chi e coinvolgenti del-
ledizione appena con-
clusa
Diocesi 7
Il cardinale Caffarra
alla Basilica
del Monte
C
elebrazione solenne
luned 8 settembre
alle 18. A duecento anni
dallIncoronazione del-
la statua della Madonna
31 AGOSTO 2014, STADIO MANUZZI
LA CURVA DEL CESENA (PIPPOFOTO)
Gioved 4 settembre 2014 3 Opinioni
Minacce di Tot Riina a don Luigi Ciotti
Il capo dei capi e la Chiesa libera
e minacce di morte di un capomafia del
calibro di Tot Riina fanno sempre
rabbrividire, anche se sono pronunciate da
dietro le sbarre di un carcere di massima sicurezza.
Lormai attempato boss un anno fa di questi tempi
viene intercettato mentre, dialogando col collega
pugliese Lorusso durante le ore daria nel carcere di
Opera, proferisce minacce di morte contro don Luigi
Ciotti, fondatore e presidente di Libera, da lui
paragonato a un altro sacerdote antimafia, don Pino
Puglisi, ucciso da cosa nostra a Palermo nel 1993 e
proclamato beato dalla Chiesa nel 2013.
Questo prete una stampa e una figura che
somiglia a padre Puglisi, dice Riina al suo
interlocutore. Sono ormai quasi ventanni che
lassociazione Libera porta avanti il suo coraggioso
impegno di sollecitare la societ civile nella lotta alle
mafie e promuovere la legalit e la giustizia,
rappresentando ormai da tempo un punto fermo di
riferimento nella lotta a tutte le mafie; e sono
ventanni che don Luigi Ciotti la promuove e guida
instancabilmente nella realizzazione delle sue
finalit.
Forse, la mente adusa alla mafiosit di Tot Riina ha
avuto un sussulto, rendendosi conto che dai tempi
dellomicidio di don Puglisi ad oggi, ancora in nome
del Vangelo, un altro sacerdote (e con lui la Chiesa
nelle sue espressioni pi genuine) continua a
operare senza sosta per sottrarre terreno alle mafie,
rappresentando per esse un serio pericolo
destabilizzante, quindi da eliminare. Il capo dei
capi, pur dalla sua prospettiva criminale, ha colto il
filo rosso di continuit che lega i tanti testimoni
(talvolta martiri di sangue), cristiani e non, che dal
sacrificio di don Puglisi hanno ricevuto spinta e
coraggio per contrastare, in questi ventanni, la
logica della mafia. E se ieri tanti sono stati solidali
con don Pino, oggi tantissimi hanno espresso
solidariet a don Luigi e a Libera. Dal presidente
L
La mafia nervosa
La fotograa
Napolitano ai vescovi italiani, ai singoli cittadini che stimano il lavoro
infaticabile di don Ciotti.
Forse per questo la mafia ancora preoccupata, e digrigna i denti
pronunciando ancora minacce mortali, perch intravede unazione
ecclesiale che non si arresta e non muta direzione, la Chiesa di oggi, con
la scomunica per i mafiosi di papa Francesco, la Chiesa di don Puglisi di
ventanni fa, la Chiesa di don Ciotti e Libera di questi ventanni, che
non smette di seminare speranza e cambiamento contro ogni mafia.
www.agensir.it
Ancora sangue nel mondo. Cosa insegna la storia?
cento anni dallinizio della prima guerra mondiale, a settantanni dalla
moltiplicazione da parte dei nazisti di massacri orrendi in tutta Europa
con il secondo conflitto planetario, il mese di agosto parso confermare
che il mese di tutti drammi.
In questo agosto 2014 si sono svolte in tanti luoghi le commemorazioni e le
cerimonie, sempre assai commoventi, di ricordo. Si trattava di fare memoria
della partenza, nel cuore dellestate 1914, di milioni di giovani europei per il
grande massacro (linutile strage, disse Papa Benedetto XV), e di ricordare le
numerose esecuzioni di massa dellestate 1944. stata loccasione non soltanto
di richiamare un passato doloroso, ma anche di inserire questo passato nel
presente, per affermare le lezioni di tali eventi per il nostro presente e il nostro
futuro. Abbiamo sentito le parole dei capi di Stato, dei ministri, dei sindaci,
delle organizzazioni di reduci: mai pi la guerra, mai pi il razzismo e
lantisemitismo, mai pi lodio, mai pi le rovine, il dolore e le lacrime; s alla
pace, alla solidariet, allamicizia tra i popoli.
Eppure nello stesso tempo, il mondo si riempito del rumore dei
bombardamenti, delle grida dei feriti, del pianto per i morti, del clamore dei
A
popoli in fuga, con una nuova
crudelt e un cinismo sempre
rinnovato. Il Novecento, secolo di
ferro e di massacri di massa, ha
passato il testimone a un nuovo
secolo che sembra possa essere
peggiore. Nel centro dellEuropa,
lUcraina affonda nella guerra civile,
dove qualcuno pu abbattere un
aereo civile senza temere nessuna
conseguenza; in Terra Santa le
prospettive di pace sono sempre pi
lontane; soprattutto questo terribile
agosto stato il mese del martirio dei
cristiani dellIraq e della Siria. E non si
pu certo dimenticare il martirio
senza fine delle ragazze della Nigeria,
mentre nelle citt dellEuropa
abbiamo sentito di nuovo slogan e
minacce col tratto dellantisemitismo
che pensavamo spariti da anni.
Il mondo tornato barbaro.
Assistiamo a una globalizzazione
della barbarie.
Che fare? Il mondo delle democrazie e
dei diritti delluomo si trova in grande
difficolt per impedire alla barbarie di
progredire. Utilizzare le armi? La
diplomazia salvo, ci auguriamo, in
Europa in un vicolo cieco, e sbatte
contro il muro alto del fanatismo.
Ma tensioni e conflitti, lo sappiamo
bene, aggiungono guerra alla guerra,
moltiplicano le sofferenze senza
fornire soluzioni durevoli. Siamo di
fronte a una crisi crescente delle
relazioni internazionali, quando
ormai gli Stati non rispettano nessuna
regola, quando le istituzioni
internazionali rivelano la loro
incapacit a imporre una qualunque
regola. I fatti dellIraq sono un grande
rivelatore di tale crisi fondamentale.
Anche la diplomazia vaticana
incontra difficolt nuove, in
particolare nei confronti della sorte
dei cristiani in Oriente, soprattutto in
Iraq, perch si trova di fronte a
strutture e organizzazioni che non
riconoscono nessuna forma di
umanesimo, il dialogo non fa parte
della loro cultura.
Restano la solidariet e laccoglienza.
Bisogna salutare limpegno di alcuni
Paesi europei per accogliere numerosi
rifugiati, nonostante la crisi
economica. Bisogna salutare
soprattutto le innumerevoli iniziative
delle organizzazioni cattoliche che si
assumono tutti i rischi per essere
sempre presenti sul terreno, per
portare ai perseguitati gli aiuti
necessari per sopravvivere. Resta la
parola aperta al dialogo, anche al
dialogo pi difficile e rischioso, che
ripete senza sosta papa Francesco.
Ma tanti anni dopo le grandi crisi del
secolo passato, cosa ha imparato
lumanit?
Jean-Dominique Durand
Si svolta allo stadio Olimpico di Roma, sera di luned 1 settembre la partita
interreligiosa per la pace promossa da papa Francesco (foto Siciliani-Genna-
ri/Sir)
I conflitti in atto in Europa, Medio Oriente
e Mediterraneo interrogano la coscienza dellumanit
FOTO SIR
Gioved 4 settembre 2014 5 Primo piano
Intervista A tu per tu con il presidente del Cesena calcio Giorgio Lugaresi: la passione
per i colori bianconeri, le gioie e le delusioni vissute per la squadra, le sofferenze, lentusiasmo
In serie A senza perdere la testa
ono nato dentro
uno spogliatoio".
La frase del
presidente del
Cesena, Giorgio Lugaresi,
incontrato un paio di
settimane fa per unintervista
pubblicata dal quotidiano
Avvenire che pi sotto
pubblichiamo. Nel tempo
messo a nostra disposizione, il
numero uno dei bianconeri ha
ricordato i suoi inizi e di come
si appassionato al calcio
quasi naturalmente, essendo
appunto nato quasi in uno
spogliatoio, vista laria che
respirava in casa. Giorgio
Lugaresi figlio di Edmeo, per
22 anni presidente del Cesena.
Ma il legame familiare forte
anche con il predecessore di
Lugaresi, Dino Manuzzi,
fratello della nonna di Giorgio.
Manuzzi stato per 16 anni
alla guida del Cavalluccio
Marino.
"La famiglia per me
fondamentale", aggiunge il
presidente. Poi estrae lo
smartphone e quasi mi
sussurra: "Guarda qui. Ti faccio
vedere una cosa importante.
Me lo sono guardato cinquanta
volte". Mi mostra un video in
cui si vede il nipotino di nove
mesi, Adamo ("Un nome cos
considerevole", chiosa il
presidente) e ricorda i venti
lunghi mesi di malattia della
moglie Donatella. "Mi avevano
svuotato", confessa Lugaresi.
Che aggiunge:
"Quellesperienza mi ha
segnato moltissimo. Abbiamo
vissuto assieme 32 anni di
matrimonio. Intendiamoci:
sono contento di essermi
risposato, ma vivo ancora con
un senso di colpa il giorno in
cui mia moglie seppe di quanto
laspettava. Ero a Catanzaro
con la squadra. Non essere
stato vicino a lei in quel
frangente mi d ancora un
grande dispiacere".
A una parete noto un santino
di papa Francesco. "Potrebbe
essere, ma non vorrei essere
irriverente, uno dei nostri. Ci
S "
starebbe benissimo con il
clima di famiglia che si respira
nel nostro ambiente. Con quei
suoi "Buon pranzo e buona
cena" mi fa diventare matto. Lo
sento molto vicino. Io sono
molto legato a don Pasquale.
Lo considero un fuoriclasse".
"In questo paesone che
Cesena - aggiunge Lugaresi - in
ogni nucleo familiare si trova
un sostenitore della squadra.
Forse anche per questo i
giocatori si integrano molto
bene con la realt locale". Ne
sono esempio lampante i tanti
che in citt si sono fermati con
la famiglia: da Cera a Genzano,
da Rizzitelli a Cuttone, da Jozic
a Domini, solo per citarne
alcuni. "Noi siamo anche da
sempre molto attenti al settore
giovanile. Credo di poter dire
che mai nessuno andato
sopra le righe".
E infine i brividi da stadio.
"Lemozione dellingresso al
Manuzzi mi torna al solo
parlarne". Domenica sera,
dopo la vittoria sul Parma, non
vogliamo pensare al freddo da
primato. Per due settimane
godiamoci la vetta della serie A
senza perdere la testa.
Mercoled della scorsa setti-
mana, Avvenire ha dedicato
una pagina alle neo promesse.
Tra i servizi, unampia intervi-
sta al presidente del Cesena,
Giorgio Lugaresi. La ripropo-
niamo anche per i lettori del
Corriere Cesenate.
"Mai avremmo immaginato
che il presidente del Cesena
Calcio ". Cos iniziava il testo
di una cartolina che una
maestra e gli scolari di una
quarta elementare spedirono a
Giorgio Lugaresi.
Limprenditore cesenate
ricorda la volta in cui, in visita a
una scuola, un bambino gli
chiese un pallone. Lui infil il
casco e con lo scooter and
subito a prenderne uno.
"Volersi bene fa la differenza -
aggiunge -. Credo sia questa
una delle chiavi del nostro
successo. Ho rivisto le
fotografie della promozione in
Serie A del giugno scorso: i
nostri calciatori si stringono tra
loro con affetto, proprio come
faccio io quando arriva in
squadra un nuovo giocatore.
Prima di tutto lo abbraccio...".
Assieme alle foto
dellindimenticato Edmeo
Lugaresi, in diversi poster nella
sede sociale campeggia la
scritta "Aism". Il "Ci siamo"
romagnolo dimostra il
desiderio di essere
protagonisti, dopo un pe-riodo
assai difficile nel quale il club
ha rischiato il fallimento. "La
squadra uno dei simboli di
Cesena - dice Lugaresi -. Ho
sempre in mente il mega-
striscione esposto durante i
play off contro il Modena: "A
difesa della nostra citt".
Dieci giorni fa, alla
presentazione della squadra
nel chiostro di San Francesco,
cerano quasi mille persone.
Una festa, un ritrovo tra amici
che ha avuto il merito, ancora
una volta, di rinsaldare i vinco-
li gi strettissimi tra chi gioca al
calcio per professione e chi lo
segue per passione. "Lo scorso
anno in B abbiamo avuto 8.224
abbonati e 10.500 spettatori
medi a partita - precisa il
presidente - . Abbiamo fatto
entrare gratis migliaia di
studenti. Questanno con poco
pi di 500 euro una famiglia di
quattro persone pu andare
nei distinti inferiori del
"Manuzzi" per tutto il
campionato ". Lebbrezza della
Serie A pu far perdere la testa
anche a chi abituato a sfide
quasi impossibili. "Questo
uno dei motivi per cui il
consiglio di amministrazione si
incontra spesso: se qualcuno
esce dal seminato, ci pensa un
altro a ricordargli che siamo
una formazione operaia. Ho
raccolto linvito di tornare
perch non potevo sopportare
lidea che la squadra sparisse.
Ho pensato alle 110 persone
che operano nella societ. Ho
rimesso in gioco la mia vita,
anche grazie allaiuto di tanti
amici che spesso restano
nellombra. Insieme ci
abbiamo messo la faccia, la
nostra credibilit e la forza del
gruppo".
Tra i suoi collaboratori, il
direttore tecnico Rino Foschi e
il mister Pierpaolo Bisoli
sembrano tagliati a misura di
presidente. "Senza Foschi -
evidenzia Lugaresi - non sarei
mai riuscito nel mio tentativo.
E Bisoli un grandissimo
lavoratore, come me dorme
poco. Anche i giocatori si
spendono in prima persona
con progetti di solidariet.
Lanno scorso hanno
acquistato 40 abbonamenti e li
hanno donati in beneficenza".
Oltre alle buone intenzioni e a
una certa forza economica,
occorre altro per centrare per la
quinta volta la promozione in A
da parte di una citt di
provincia con meno di 100mila
abitanti. "Ci credevo - annota il
presidente - fin da inizio
stagione. A Natale lo dissi in
Consiglio e ai dipen-denti... ".
Lo guardarono strano allora,
ma poi dovettero ricredersi.
"Certo, non si pu andare per
tentativi. Lesperienza negli
anni mi stata di grande aiuto
per capire in quale direzione
puntare la bussola". Bussola
ora puntata su due obiettivi
dichiarati: risanamento
economico da proseguire e
salvezza a fine torneo.
Francesco Zanotti
Giorgio Lugaresi (foto Cr)
La prima di campionato
vista dalla curva Mare
Tifosi di tutti i tipi: dallanziano con le stampelle ai bimbi che ancora
non camminano. E poi fidanzatini mano nella mano e i soliti
"ignoranti" che, forse, inconsapevoli danno fastidio agli altri
Prima di campionato, serie A. Il Cesena affronta
il Parma. Ai tornelli della curva Mare, unora
prima dellinizio della partita, c la fila (foto).
Ma tutto procede al meglio e si entra senza
intoppi anche grazie agli assistenti fra cui una
simpatica ragazza di colore. Saliamo sui
gradoni: a sinistra il tramonto interrotto solo
dalla figura scura del campanile di San Pietro.
Sporgendosi ancora di pi a sinistra si intravede
la cupola del Monte.
I tifosi accorrono: non mancano le famiglie e a
testimoniarlo sono i bambini. I pi piccoli
(alcuni camminano a fatica) non sembrano
in attesa di un evento speciale e hanno fame:
di solito questa lora di cena. Una ragazza
in dolce attesa preceduta dal suo
pancione, pronta a dar la vita a un nuovo
tifoso.
Tanti i fidanzatini che procedono mano
nella mano: lei, forse non del tutto contenta,
si lasciata convincere per il Manuzzi invece
che per Milano Marittima. Lui in maglietta
un po vintage con la scritta Lauro sulla
schiena.
Un non pi giovane tifoso cerca il suo posto
ma ci che sorprende sono le stampelle che
lo aiutano a saltare da un gradone allaltro.
Latmosfera piacevole, anche nella zona pi
calda del tifo: gli ultras cantano e saltano
dallinizio alla fine. Dispiace solo per i soliti
ignoranti che imprecano ad ogni azione.
Uno di questi esemplari davanti a noi e lo
chiameremo Marco: 150 chilogrammi,
borsello traboccante di patatine, sciarpa
dordinanza. Pure lui della schiera "se non
bestemmio non sono contento" e a poco
valgono le lamentele dei vicini.
La partita procede, al Manuzzi ci sono quasi
15mila spettatori e le telecamere indugiano
sulla curva dove vi il tifo pi acceso. Verso
la fine del primo tempo arriva il gol
bianconero ed un tripudio: gente
sconosciuta si abbraccia, salta e grida di
gioia. Solo Marco non viene abbracciato da
nessuno (sarebbe pure un po difficile) anche
per timore di essere bombardati da una serie
di vituperi. Lo stadio ha un grande primato:
il luogo con la maggior concentrazione di
persone che non guarda il telefonino.
Durante la partita sono pochissimi quelli che
smessaggiano, chattano, uotsappano,
telefonano, navigano, fotografano,
feisboccano, instagrammano. Una volta tanto
lo spettacolo, in questo caso il calcio, ad
avere la meglio sulla mania del cellulare.
La partita volge al termine, mancano pochi
istanti, tutti intimano allarbitro di fischiare
quasi avessero il suo cronometro al polso. E
quando arriva la liberazione del triplice
fischio con la certezza dei primi tre punti,
tutti gioiscono per esser stati parte dello
spettacolo.
Cristiano Riciputi
Gioved 4 settembre 2014 6 Vita della Diocesi
Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Santuario dellAddolorata,
Villachiaviche
8.30 Madonna delle Rose,
San Domenico,
San Rocco, Santo Stefano,
Case Finali, Cappella
cimitero
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza,San Mauro in V.
18.30 San Pietro, Santa Maria
della Speranza, Cappuccini,
San Bartolo (sabato 8,30),
SantEgidio
20.00 San Giovanni Bono (Ponte
Abbadesse), Torre del Moro
20.30 Villachiaviche, San Pio X,
Gattolino
Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine, cappella
dellospedale Bufalini,
Calabrina, Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro, Santa Maria
della Speranza, San Pio X,
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro, Gattolino,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Capannaguzzo,
Ronta, Bulgaria, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Martorano,
Cappella del cimitero,
Tipano, San Cristoforo,
Roversano
9.00 Istituto San Giuseppe
(corso U. Comandini)
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina, Ponte
Pietra, chiesa Benedettine,
Bagnile, Santa Maria
Nuova,
San Vittore, San Carlo,
Ruffio, Diolaguardia,
Valleripa
9.15 San Martino in Fiume
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
SantEgidio, Montereale,
San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale,
Case Finali, San Rocco,
Cappella del cimitero,
Santa Maria della
Speranza, Torre del Moro,
San Pio X, SantEgidio,
Cappuccini, Carpineta
SantAndrea in Bagnolo,
10.30 Santuario del Suffragio,
Bulgaria, Casalbono
10.45 Ronta, Capannaguzzo
11.00 Basilica del Monte,
Addolorata, San Pietro,
Santo Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,
San Domenico,
San Giovanni Bono,
San Giorgio, Calabrina,
Calisese, Gattolino,
Madonna del Fuoco,
San Mauro in Valle,
Martorano, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra,
Santa Maria Nuova,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone
11.10 Torre del Moro
11.15 Diegaro, Madonna delle
Rose, Sorrivoli
11.30 Cattedrale,
Osservanza,
San Pio X
17.00 Cappella del cimitero
18.00 Cattedrale,
San Domenico
18.30 San Rocco, San Pietro,
Cappuccini
19.00 Osservanza,
San Bartolo
20.00 Villachiaviche
Sabato
e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto
Soggiorno)
15.00 Formignano
17.00 cappella del cimitero,
Luzzena (1 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio,
Santuario Addolorata,
Istituto Lugaresi
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santo Stefano, San Paolo,
Diegaro, Madonna delle
Rose, Torre del Moro,
San Vittore, Borello
18.30 San Pietro, Case Finali,
SantEgidio, San Rocco,
Cappuccini, Santa Maria
della Speranza
19.00 Osservanza, San Giorgio,
Villachiaviche, San Bartolo
19.30 Bulgarn
20.00 Bulgaria, Ruffio, Pioppa,
Ponte Pietra,
Pievesestina, Tipano
20.30 San Pio X, San Giovanni
Bono, Martorano,
Gattolino, Calisese,
San Mauro in Valle
Comuni del
comprensorio
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina,
Boschetto
17,30 Conv. Cappuccini
18,30 Valverde,
San Giuseppe
19 Camping Cesenatico
20,30 Santa Maria
Goretti, Sala, Villalta
21 San Giacomo,
San Pietro, Boschetto
Festivi: 7 San Giacomo; 7,30
Valverde, San Giuseppe;
8 Bagnarola, Santa Maria
Goretti; 8,30 Sala,
Boschetto;
9 San Giuseppe,
Cappuccini, Valverde;
9,15 San Pietro;
9,45 Cannucceto;
10 Villamarina, Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo, Sala;
11,15 Bagnarola, Santa
Maria Goretti, Boschetto;
17,30 Cappuccini,
San Giuseppe; 18,30
San Giuseppe, Valverde,
Zadina (Park Hotel);
21 San Giacomo,
Boschetto, San Pietro
Longiano
Sabato: 18 Santuario
SS. Crocifisso; 19 Crocetta
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8.45 Longiano-
Parrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
10 Badia, Balignano;
10 Montilgallo;
11 Budrio, Longiano-
Parrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 18
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45 Casa di riposo, 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
18 / 20,45 (sabato);
festivi: 7 / 8 / 9 / 11 / 18
/ 20,45
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
20 (sabato); 8,30 / 10 /
11,15 / 18. Consolata: 19
(sabato); 7,30 / 9,30
Montiano
ore 20,30 (sabato);
9 / 11. Montenovo:
ore 20,30 (sabato,
chiesina del castello), 11
Mercato Saraceno
10.00; San Romano: 11;
Taibo: 10; Pieve
di San Damiano 11,30;
Montejottone: 8.30;
Montecastello: 11;
Montepetra: 8.30;
Linaro: 18 (sabato), 11;
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (chiesa San
Giuseppe); 9,30 (chiesa
parrocchiale);
Ciola: 8,30
Sarsina
Casa di Riposo: ore 16
(sabato).
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18; Tavolicci: 16
(sabato); Ranchio: 20
(sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino: 9,30;
Quarto: 10,30;
Pieve di Rivoschio: 15,30;
Romagnano: 11,15;
Pagno: 16 (seconda
domenica del mese,
salvo variazioni);
Corneto: 11;
Pereto: 10
Civitella di Romagna
Giaggiolo 16 (sabato),
9,30; Civorio 9
San Piero in Bagno
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8,30 / 11 / 18.
Chiesa San Francesco:
10 / 17
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita:
domenica 9
(sabato alle 17)
Valgianna: 10
(sabato alle 16)
Bagno di Romagna
ore 18,30 (sabato);
8/ 11.15 / 18,30;
Alfero ore 18 (sabato); 11.15 /
18; Riofreddo: 10
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica);
Balze (chiesa
Apparizione): 8,15 /
11,15 / 18;
Montecoronaro: 9,45;
Villa di Montecoronaro (al
sabato) 18;
Trappola: 9,30;
Capanne: 11
Eremo SantAlberico
(luglio-ag-sett):
domenica: 16

A MESSA DOVE
Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana
Testata che fruisce
di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911
Redazione, Segreteria e Amministrazione
via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 45;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 80 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 -
Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it
Tiratura del numero 30 del 28 agosto 2014: 7.770 copie
Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 17,30 di marted 2 settembre 2014
Domenica 7 settembre
23 domenica Tempo Ordinario - Anno A
Ez 33,1.7-9
Salmo 94
Rm 13,8-10
Mt 18,15-20
P
otremmo leggere questo brano a
partire dalla simbologia della
mano e delle diverse posizioni
che essa pu assumere: il pugno
chiuso, la mano aperta, lindice
puntato, lalluce verso lalto o,
tristemente famoso al tempo degli
imperatori romani, verso il basso. Per
dirla con unimmagine, accanto
allindice usato per additare il peccato
dellaltro, con molta onest,
dovremmo usare il pugno per batterci
il petto al cospetto di Do,
riconoscendo il nostro peccato.
guardando il mio rapporto con Dio
che riesco a vivere bene il rapporto
con gli altri, in particolare quella
dimensione comunitaria che prende il
nome di correzione fraterna. Di colpe
e di torti, inflitti o subiti, ahim,
pieno il mondo. E non ci dobbiamo
meravigliare se siamo stati plasmati
con la stessa pasta: lumana fragilit.
Quel che conta guadagnare il
fratello: il vero guadagno, cio, la
capacit di costruire relazioni
significative sui binari della carit e
della verit. Che cosa mi autorizza a
intervenire nella vita dellaltro per
correggerlo? La comune
appartenenza: la fraternit. Solo nella
misura in cui siamo disposti a portare
il peso dei nostri fratelli, ad asciugarne
le lacrime, solo nella misura in cui
siamo disposti a correggere e a
lasciarci correggere, siamo autorizzati
ad ammonire. Perch ci che mi
autorizza a intervenire non prima di
tutto la verit, ma la fraternit. E i
cristiani sono coloro che non
disgiungono mai la verit dalla carit.
Simon Weil diceva che la verit prima
della persona lessenza della
bestemmia. Daltra parte, pur vero
che lamore senza la verit rischia di
essere un semplice impulso affettivo,
ma nulla di pi di un puro sentimento.
E allora come tenere insieme i pezzi?
Semplicemente guardando
allesempio di Ges che non ha mai
disgiunto la verit dalla carit, ma le
ha fuse in quella parola magica che
misericordia. Non solo: la correzione
fraterna ci ricorda che il nostro
rapporto con Dio non avviene tra Dio,
che il Santo, e luomo, che
peccatore. Si tratta sempre di un
rapporto impari. Ma tra due fratelli
che si riconoscono allo stesso modo
peccatori, ambedue bisognosi del
perdono di Dio.
Alessandro Forte
IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Riconoscersi fratelli e bisognosi del perdono di Dio
luned 8 settembre
nativit B.V. Maria
Mi 5,1-4a; Rm 8,28-
30; Sal 12;
Mt 1,1-16.18-23
marted 9
san Pietro Claver
1Cor 6,1-11; Sal 149;
Lc 6,12-19
mercoled 10
san Nicola
da Tolentino
1Cor 7,25-31; Sal 44;
Lc 6,20-26
gioved 11
san Giacinto
1Cor 8,1b-7.11-13;
Sal 138; Lc 6,27-38
venerd 12
santissimo Nome
di Maria
1Cor 9,16-19.22b-27;
Sal 83; Lc 6,39-42
sabato 13
san Giovanni
Crisostomo
1Cor 10,14-22;
Sal 115; Lc 6,43-49
La Parola
di ogni giorno
NOTIZIARIO DIOCESANO
Radio Maria in diretta da Balignano
Radio Maria, emittente cattolica internazionale, si collegher
venerd 5 settembre alle 16,45 con la Comunit Papa Giovanni
XXIII fondata dal Servo di Dio don Oreste Benzi - di Bali-
gnano in Longiano. Don Eugenio Foschi guider lora di spiri-
tualit con ladorazione eucaristica, il rosario e il vespro.
Clero diocesano, tre giorni di aggiornamento
In seminario a Cesena, dal 15 al 17 settembre
La Pastorale familiare sar al centro delle riflessioni proposte
alla tre giorni del clero, in seminario a Cesena nelle mattine
da luned 15 a mercoled 17 settembre. Monsignor Vincenzo
Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia,
luned 15 settembre porr una riflessione su
Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto
dellevangelizzazione. Marted 16 settembre la riflessione
sar a cura dei responsabili dellUfficio diocesano per la
pastorale familiare. Mercoled 17 il vescovo Douglas
presenter le Linee pastorali del nuovo anno 2014-2015 Il
vino buono delle nozze di Cana. Famiglia, piccola Chiesa.
Chiesa, grande Famiglia.
Assemblea diocesana degli operatori pastorali
Nel pomeriggio di domenica 21 settembre, nella chiesa di San-
tAgostino, a Cesena, si terr lAssemblea diocesana degli ope-
ratori pastorali. Il vescovo Douglas Regattieri consegner le
Linee pastorali e conferir il mandato a catechisti, animatori
liturgici e operatori della carit.
8 settembre, festa della Nativit di Maria
Le celebrazioni al Santuario del Suffragio, a Cesena
Si celebra luned 8 settembre la festa della Nativit della
Beata Vergine Maria. Nei giorni gioved 4, venerd 5 e sabato 6
settembre, al Santuario di Santa Maria del Suffragio, a
Cesena, Triduo di preparazione con preghiera mariana dopo
la Messa delle 9. Sabato 6 alle 17,30 Messa vespertina.
Luned 8 settembre alle 9 Messa solenne presieduta dal
vescovo Douglas Regattieri e inizio del servizio pastorale del
nuovo rettore del Santuario del Suffragio, don Giuseppe
Calandrini.
Gioved 4 settembre 2014 7 Vita della Diocesi
Campo scuola Cavalieri del Graal| In Val di Fassa (Trentino)
Cappuccini
Professione semplice
di Gabriele Casacci
Gabriele Casacci, sabato 6
settembre alle 16, far la
professione semplice nellordine
dei Cappuccini presso il
convento dei frati a
Santarcangelo di Romagna.
Dopo unesperienza presso la
casa dei probandi di Genova, ha
compiuto il percorso di un anno
di noviziato a Santarcangelo.
Sabato raggiunge
unimportante tappa.
Originario della parrocchia di
Martorano, ha 44 anni,
accolito ed stato
per anni impegnato nella
Caritas parrocchiale.
anche volontario dellUnitalsi
e ha compiuto diversi
pellegrinaggi accompagnando
i malati.
Si tenuto a Mazzin di Fassa (Tn) dal 10 al 14
luglio. Nella foto artistica, tutti i partecipanti
Se arriveranno cristiani
in fuga dalla persecuzione,
li accoglieremo
Sarsina, gioved della scorsa settimana, si
celebrato il patrono della citt e della Diocesi, san
Vicinio. In una concattedrale gremita di fedeli, il
vescovo Douglas Regattieri nellomelia partito dalla
prima lettura di san Paolo apostolo ai Tessalonicesi. Il
brano sembra evidenziare - ha commentato il presule
dopo aver richiamato alcuni versetti della Sacra
Scrittura - con un comprensibile compiacimento,
questa equazione: pi insistenti sono le persecuzioni,
pi numerose le difficolt, pi intensa la sofferenza a
causa dellannuncio
del vangelo e pi forte
il legame affettivo che
Paolo sente e vive con
questi cristiani, al punto
da affermare con forza:
Ci siete diventati cari.
Poi ha proseguito: Io
penso che la stessa cosa
sia capitata anche a
Vicinio e a Sarsina.
come per san Paolo,
Vicinio si leg a Sarsina,
cos indissolubilmente
che altrimenti non si
spiegherebbe la nostra
presenza oggi qui in
Cattedrale, dopo
A
quindici secoli. Anche a san Vicinio, Sarsina e i sarsinati
divennero cari
Paolo perseguitato a Tessalonica - ha aggiunto il vescovo
Douglas - Vicinio a Sarsina: oggi sono finite le
persecuzioni? Le cronache di questi giorni ci informano:
Donne della minoranza yazida in fuga dalla citt di
Sinjar e dalle violenze degli estremisti islamici dellIsis,
vengono aiutate dai combattenti curdi. Decine di migliaia
di yazidi sono scappati dalle loro case.
Ma noi cosa centriamo?, si chiesto il vescovo in
conclusione. La risposta : Questi nostri fratelli cristiani
sono parte di noi. Per loro preghiamo. E viviamo
autenticamente la nostra vita cristiana. E se necessario li
accoglieremo a casa nostra. Ha dichiarato linviato
speciale del Papa in Iraq, cardinale Filoni: Come pastore
sento che queste sono le pecore dimenticate che, come
diceva papa Francesco, dobbiamo prenderci sulle nostre
spalle. E io, vescovo di questa nostra Chiesa diocesana,
dichiaro solennemente, oggi nella festa di san Vicinio,
patrono della Diocesi, che se arriveranno cristiani in fuga
dalla persecuzione abbiamo il dovere sacrosanto di
accoglierli. E ci impegneremo, se sar necessario,
nellaprire le porte delle nostre strutture ecclesiali, e mi
auguro anche delle nostre case private, per prenderci
sulle spalle, come fa il buon pastore, questi nostri fratelli.
San Vicinio ci accompagni e ci protegga.
Durante la Messa c stata la candidatura al diaconato
del sarsinate Giuseppe Massimo Giannini, mentre le
offerte sono state raccolte in favore della Caritas per i
cristiani perseguitati.
Il vescovo Douglas Regattieri allomelia della festivit di San Vicinio, gioved 28 agosto a Sarsina
Vicinio si leg a Sarsina
cos indissolubilmente che
altrimenti non si spiegherebbe
la nostra presenza oggi qui
in Cattedrale, dopo oltre
quindici secoli. Anche
a san Vicinio, Sarsina
e i sarsinati divennero cari
SARSINA, GIOVED 28 AGOSTO: LA BASILICA
CONCATTEDRALE DI SARSINA
GREMITA IN OCCASIONE DELLA CELEBRAZIONE
SOLENNE DELLA FESTIVIT DI SAN VICINIO
Il cardinale Caffarra alla Basilica di Santa Maria del Monte
Il porporato presieder la Messa solenne alle 18 di luned 8 marzo, festa della Nativit di Maria. A duecento anni dallIncoronazione
della statua della Madonna, e a cento dalla presenza del cardinale Giacomo Della Chiesa, poi eletto papa Benedetto XV
n cardinale in Basilica. Luned 8 settembre alle 18 - giorno
in cui si celebra la Nativit di Maria Immacolata - il
cardinale di Bologna Carlo Caffarra presieder la Messa
solenne nella Basilica di Santa Maria del Monte, a Cesena, a
conclusione delle celebrazioni mariane che hanno fatto da
corollario alla festa di Santa Maria Assunta, lo scorso 15 agosto.
Celebrazioni che - in comunione con la diocesi di Cesena-
Sarsina - nei duecento anni dallIncoronazione della Madonna
della Monte hanno riportato e onorato quanto papa Pio VII
Barnaba Chiaramonti, gi monaco della comunit cesenate,
desider compiere con lincoronazione della statua, in segno di
devozione e ringraziamento alla Madonna e alla comunit tutta.
Una devozione e affezione che, nei secoli, ha portato il Monte a
diventare luogo privilegiato per la citt - dal punto di vista
spirituale in primis, ma anche culturale. Un monumento dal
forte valore simbolico e caro a tanti fedeli che qui si riconoscono
nella preghiera alla Vergine, qui trovano una pausa di ristoro del
cuore e della mente, ha sottolineato il priore della comunit
monastica dom Gabriele DallAra. Affidiamo al Signore le
diverse celebrazioni - pellegrinaggi di gruppi parrocchiali,
mostre, incontri culturali - che hanno scandito questo anno. Un
pensiero sempre grato alla Vergine Santa per i tanti benefici
ricevuti.
La partecipazione del cardinale Caffarra a conclusione del primo
anno delle celebrazioni, in particolare, si rif proprio a cento
anni fa, quando l8 settembre 1914 sal al Monte lallora cardinale
Giacomo Della Chiesa; lo stesso cardinale che dopo circa un
mese venne eletto papa Benedetto XV.
Il vescovo Douglas Regattieri concelebrer la Messa delle 18
presieduta dal cardinale Caffarra; in Basilica, quel giorno, le
Messe dei giorni festivi, alle 8 e alle 11. Nel chiostro grande del
monastero l8 settembre si concluderanno le due mostre allestite
in collaborazione con la Societ Amici del Monte: ne La
sacralit dellarte sono esposte opere pittoriche e scultoree di
una decina di artisti locali; una panoramica curiosa rappresenta
la mostra fotografica curata da Otello Amaducci Dal 1914 al
2014. Cento anni di foto del Monte. In fase di stesura bozze il
libro che racconter secondi cento anni (1914-2014) di vita del
monastero dallincoronazione della Madonna del Monte.
Sabrina Lucchi
U
NEL SITO WWW.CORRIERECESENATE.IT (SEZIONE
PAROLE DI VITA) IL TESTO INTEGRALE DELLOMELIA
Gioved 4 settembre 2014 8 Vita della Diocesi
Giovani
e il desiderio
di vivere da Dio
oglio vivere da Dio lo slogan che
ha accompagnato il campo del-
lAzione Cattolica diocesana
A.C.G.issimi tenutosi dal 2 al 9 agosto al Passo
Vezzena.
Voglio vivere da Dio ovvero seguendo le bea-
titudini insegnate da Ges, che Matteo riporta
nel suo Vangelo (5,1-12) e che ogni giorno ab-
biamo approfondito grazie alle provocazioni e
alla capacit degli educatori di coinvolgerci ed
appassionarci agli incontri. Il tema stato bel-
lo e profondo, ma allo stesso tempo difficile per-
ch ogni giorno venivano affrontati argomen-
ti importanti e attuali che ci richiedevano di
V
che come trampolino di lancio verso nuove op-
portunit nella famiglia dellAzione Cattolica.
Grazie alle nuove responsabili diocesane, a don
Marcello, don Filippo e soprattutto grazie ai
nostri educatori che ci hanno accompagnate
lungo la strada della fede e della vita.
Vanessa Burnacci
e Martina DellOmo
mettere in
gioco tutte
noi stesse e
che ci
hanno fat-
to riflette-
re sul nostro modo di vivere.
Per noi stata una bellissima e indimenticabi-
le esperienza grazie a nuovi, entusiasmanti e
colorati giochi, alle camminate durante le qua-
li - nonostante fossero semplici - ogni volta
smarrivamo la strada. La serata dedicata a noi
di quinta ci ha permesso di vedere questo cam-
po non solo come la fine di un percorso, ma an-
Annuncio del vescovo
Pubblicher una nota
sulla scuola cattolica
ubblicher a settembre una nota sulla
scuola cattolica in Diocesi. Lo ha
annunciato mercoled della scorsa settimana il
vescovo Douglas nel corso della conferenza
stampa in cui stato presentato il nuovo Liceo
Scientico L. Almerici che prender il via con
lanno scolastico alle porte (cfr. Primo Piano
del Corriere Cesenate n. 30 del 28 agosto).
Ci tengo a sostenere e a incentivare questa
importante esperienza di presenza nel nostro
territorio, ha aggiunto monsignor Regattieri.
Presenza che costituita da 13 scuole
materne, una scuola elementare, una media
e ora il Liceo Almerici, con quello Immacolata
e del Sacro Cuore che andranno
a esaurimento.
Il nuovo Liceo Almerici avr un consiglio di
gestione formato dal dottor Arturo Alberti in
qualit di consigliere delegato della
Fondazione Almerici, e da Pier Giorgio Marini e
Valeriano Biguzzi. La retta annua stata
ssata in 3.380 euro. Sono previste diverse
borse di studio.
P
Testimonianza di ritorno dal campo organizzato dallAc giovanissimi a Passo Vezzena
Il monito e la richiesta del vescovo Douglas in occasione della festivit alleremo di SantAlberico
Mi interessa molto mantenere
questo luogo come un eremo abitato
da un eremita consacrato a Dio.
In questo luogo, che non un rifugio
di montagna, ci vuole una presenza
significativa. Leremo un luogo che parla
di Dio, che dice Dio al mondo di oggi
l termine della Messa celebrata
venerd della scorsa settimana
alleremo in occasione della festa
di santAlberico, il vescovo Douglas ha
detto: Ho un paio di cose importanti da
comunicarvi. Ricordiamoci di chi
passato in questo luogo, oltre al santo che
oggi celebriamo. Il servo di Dio don
Quintino Sicuro e Vincenzo Minutello,
entrambi sepolti qui. Poi ricordiamo fra
Michele Falzone e don Berardo Casini
(parroco a Capanne dal 1949) entrambi
morti lo scorso gennaio. A tutti loro
dobbiamo chiedere lintercessione
perch questo luogo sia ancora abitato da
un eremita.
Io sono preoccupato - ha aggiunto
monsignor Regattieri - pi di tutti voi
messi insieme. Mi interessa molto
mantenere questo luogo come un eremo
abitato da un eremita consacrato a Dio.
A
Ma le vocazioni dipendono anche da
noi. In questo luogo, che non un
rifugio di montagna, ci vuole una
presenza significativa. Dobbiamo
meritarci le vocazioni. Quante volte
abbiamo pregato perch qui venga un
eremita? Scusate se alzo la voce, ma lo
dico con serenit: il Signore ci
conceder un eremita se siamo
autentici cristiani. Da parte mia sono
molto speranzoso perch so che il
Signore non abbandona mai.
Ricordate, tuttavia, che questa mancanza
un problema di tutta la comunit, non
solo del vescovo. Baciando ora la reliquia
di santAlberico impegnatevi con un
vostro proposito o una vostra rinuncia
perch qui venga leremita.
Durante lomelia, il vescovo aveva
ricordato che leremo di santAlberico
un luogo che parla di Dio, che dice Dio al
mondo di oggi. Ma lo fa cos: non
mettendo Dio in concorrenza alluomo,
ma il silenzio, la pace, la Parola di Dio che
qui regnano sovrani costituiscono la
fonte, lorigine a cui le creature -
compresi noi poveri uomini del XXI
secolo - attingono per riacquistare quella
freschezza, quella bellezza e
quellarmonia che abbiamo un po
perso.
Leremita dipende
anche da noi
VENERD 29 AGOSTO ALLEREMO
NEL BOSCO DI VERGHERETO
LA CELEBRAZIONE DELLA FESTA
DI SANTALBERICO
Campo giovani di Azione Cattolica| Cesena e Forl insieme
NELLO SCENARIO SUGGESTIVO DEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO (BORMIO) una trentina di giovani dellAzio-
ne Cattolica di Cesena-Sarsina e - per la prima volta insieme - di Forl-Bertinoro dal 17 al 23 agosto hanno vissuto una
settimana di condivisione e riflessioni. A guida del gruppo erano don Marcello Palazzi, delegato per la Pastorale giova-
nile di Cesena-Sarsina, il diacono Fabrizio Ricci e i responsabili di settore.
I brani del Vangelo di Luca hanno fatto da linea guida alla settimana di condivisione, caratterizzata dalla preghiera sul
lasciarsi accompagnare nelle scelte, guidati dalla preghiera; per trovare un senso alla vita spirituale e di relazione. Par-
ticolarmente coinvolgente lesperienza (nuova per il gruppo di Cesena) dellautogestione: unesperienza che ha invitato
ogni ragazzo a mettersi in gioco in tutto per organizzare al meglio il tempo. Tre passeggiate hanno portato il gruppo so-
pra ai 3mila metri. I ragazzi hanno trascorso una notte in rifugio e ascoltato la testimonianza del gestore del rifugio Ca-
sati che ha raccontato la sua esperienza di essenzialit in contatto totalizzante con la natura.
NEL SITO
WWW.CORRIERECESENATE.IT
(SEZIONE PAROLE DI VITA)
IL TESTO INTEGRALE DELLOMELIA
Gioved 4 settembre 2014 9 Vita della Chiesa
LE SETTE DIOCESI DELLA ROMAGNA
CON I LORO VESCOVI A ROMA DA PAPA FRANCESCO:
Udienza organizzata da Opera Pellegrinaggi della Romagna: mercoled 22 oobre
Concelebrazione della Messa in San Pietro. In pullman da Cesena: 45
La nostra Diocesi propone il pellegrinaggio al Santuario del Divino Amore marted 21 oobre,
e la partecipazione alludienza di mercoled 22 oobre (da 120).
Possibilit di prolungare con la visita a Roma dal 20 al 22 oobre (3gg.): da 185
MESEROPELLEGRINAGGIO DIOCESANO: 9 seembre 2014. Nel periodo in cui la Chiesa si interpreller sul Sinodo straor-
dinario delloobre 2014 e in quello generale del 2015 sul matrimonio e la famiglia, la nostra diocesi organizza un pellegrinag-
gio al Santuario di Santa Gianna Berea Molla, a Mesero (Milano).
Gianna Berea, coniugata Molla, stata una pediatra italiana, venerata come santa dalla Chiesa caolica. Incinta, con un tumore allutero,
prefer morire anzich acceare cure che arrecassero danno al feto. Donna meravigliosa, amante della vita, sposa, madre, medico professio-
nista esemplare, or la sua vita per non violare il mistero della dignit della vita (cardinale Carlo Maria Marni)
LOURDES varie partenze in aereo da Bologna: dal 26 al 29/9: da 630
Organizzazione tecnica Ariminum Viaggi
Brevi
Sposi in crisi, una tre giorni
promossa da Retrouvaille
Si terr a Folgaria (Tn) nei giorni 26, 27 e 28
settembre una tre giorni per coppie in crisi.
Lappuntamento promosso da Retrouvaille ed
particolarmente rivolto agli sposi residenti in
Emilia Romagna.
Retrouvaille un servizio esperienziale oferto a
coppie sposate o conviventi con gli che sofrono
gravi problemi di relazione, in procinto di
separarsi o gi separate o divorziate, che
intendono ricostruire la loro relazione damore
lavorando per salvare il loro matrimonio in crisi,
ferito e lacerato. Retrouvaille una parola
francese che signica ritrovarsi. Vuole essere un
segno di speranza per queste coppie, un raggio di
luce in una societ dove i mass-media propongono
come unica alternativa ai problemi di coppia la
separazione o il divorzio.
Per info: www.retrouvaille.it, Arianna e Graziano
Cicognani, 349 7392590, pubbliche-
relazioni@retrouvaille.it.
Giornata del Creato:
Alla sequela di Cristo
Sono trascorsi oltre due anni dal sequestro, da
parte della magistratura, di sei impianti dellIlva di
Taranto e un anno esatto dal messaggio episcopale
indirizzato alla comunit jonica nella Giornata per
la custodia del creato promossa dalla Cei. Lo
ricorda larcivescovo di Taranto, monsignor Filippo
Santoro, nel suo messaggio per la Giornata per la
custodia del Creato, nel quale manifesta anche
vicinanza nella preghiera alle popolazioni
campane accomunate dalla piaga
dellinquinamento. Ora siamo nel 2014,
passato un altro anno, ma, nonostante gli sforzi,
non si sono registrati ancora signicativi passi in
avanti per quanto concerne sia ladeguamento
degli impianti sia le irrinunciabili boniche delle
aree esterne allo stabilimento industriale. La
scoperta della contaminazione della falda a Statte
un fatto grave da non sottovalutare. Nel
frattempo, linquietudine e la preoccupazione
della popolazione tarantina sono aumentate per
diverse ragion: i ritardi e le varie proroghe
nellapplicazione delle misure ambientali;
lincertezza sulla disponibilit e la provenienza
delle risorse necessarie a portare avanti lopera di
risanamento. A ci si aggiunge il timore che il
carico di inquinanti sulluomo e sullambiente
possa persino aumentare con il prospettato
insediamento dellimpianto Tempa Rossa.
Emerge un quadro di scarse certezze che induce a
domandarsi quale sia il modello di sviluppo per
Taranto, e, dunque, per il Paese, nei prossimi anni,
ammette monsignor Santoro. Il presule invita di
mettersi alla sequela di Cristo, rivelatore del
Padre e delluomo alluomo, e troveremo la strada
per raggiungere presto i traguardi pressati!
Mettere al centro di ogni decisione Cristo signica,
per, scegliere la vita di ogni uomo e di tutto
luomo e dire no a un denaro che governa invece di
servire. Larcivescovo ricorda che Papa Francesco
individua quattro principi dazione che, se
applicati nella verit e nella carit anche a
Taranto, darebbero vigore al cammino: Il tempo
superiore allo spazio; Lunit prevale sul conitto;
La realt pi importante dellidea; Il tutto
superiore alla parte.
a celebrazione eucaristica pu essere percorsa
dallinizio alla fine, rito dopo rito, e letta nella
prospettiva della misericordia. Lo ha affermato
monsignor Nunzio Galantino, segretario generale
della Cei, nella relazione per la 65esima Settimana liturgica
nazionale. La Chiesa che celebra ha il compito di offrire e di
attuare la misericordia nella sua prassi: sia verso lesterno sia al
suo interno. Suo dovere , insomma, promuovere una cultura
della misericordia gi a partire dalla sua prassi concreta.
Tutto comincia con la celebrazione eucaristica, che epifania
della Chiesa-misericordia, incarnazione della misericordia di
Dio Padre. Prosegue poi nellazione sociale e caritativa con
lattenzione verso gli ultimi. Risulta importante verificare quella
attivit particolare della Chiesa che la sua vita liturgica, il
momento in cui essa agisce come assemblea convocata e
radunata per il culto. Infatti lassemblea liturgica, nel suo stile e
nel suo modo di essere e di fare, segno di ci che la Chiesa e
fa. Monsignor Galantino ha invitato a svolgere una riflessione
teologico-liturgica sulla misericordia, prendendo in
considerazione lassemblea liturgica e, in particolare,
lassemblea eucaristica cos da verificare quali stili e
atteggiamenti di misericordia siano attuati nel suo celebrare.
importante precisare che nella celebrazione eucaristica si
annuncia e si comunica, principalmente, la misericordia di Dio
per gli uomini. Questa precede quella che poi la Chiesa
annuncia e attua. Lassemblea liturgica si pone in atteggiamento
di accoglienza, che non pura passivit. Infatti, essa celebra
secondo un atteggiamento di misericordia. Paradossalmente,
potrebbe esserci unassemblea liturgica non cristiana, nel senso
che il suo stile celebrativo non corrisponde al Vangelo della
misericordia. dunque fondamentale come si celebra.
A titolo di esempio, Galantino ha preso in considerazione
alcune sequenze rituali. Nella professione di fede si ricordano le
azioni della misericordia di Dio per gli uomini. Il Credo
contiene non solo ci che Dio , ma soprattutto ci che Dio fa
per la salvezza. A questa iniziativa lassemblea risponde con due
gesti liturgici, che sono autentici atti di misericordia: la
preghiera dei fedeli e la presentazione dei doni allaltare,
lofferta della preghiera e lofferta della carit. Nella prima si
presentano al Padre le necessit universali, quelle della Chiesa e
quelle del mondo, quelle di tutti, ma specialmente dei poveri e
dei sofferenti. E, poi, la raccolta dei doni, che vengono offerti
per la carit. Talvolta, alloffertorio sono portati tanti doni
simbolici, che richiamano momenti della vita di coloro che
partecipano e pochi doni reali, che vanno a beneficio dei
poveri e dei bisognosi. Eppure, questa la finalit della
presentazione dei doni: portare le offerte che saranno
consacrate ed esprimere la carit nei confronti di chi ha
bisogno. Questo gesto rituale antichissimo nella Messa segno
della misericordia dei cristiani che si fa dono verso i fratelli nella
necessit.
Anche la preghiera eucaristica sotto il segno della
misericordia. Il celebrante con le parole rendiamo grazie al
Signore, nostro Dio introduce la narrazione della misericordia
di Dio che si attua nella storia della salvezza. E il racconto
dellistituzione dellEucaristia con le parole della consacrazione
rende viva e attuale la presenza del Signore Ges nellofferta del
pane e del vino trasformati nel suo corpo e sangue, donati come
nutrimento. E, poi, le grandi intercessioni affinch la
misericordia del Padre continui ad essere riversata oggi sulla
Chiesa e sul mondo, a beneficio dei vivi e dei defunti.
Marco Doldi
L
Misericordia di Dio nel motore della liturgia
Monsignor Nunzio
Galantino, segretario
generale della Cei,
ha invitato a svolgere
una riflessione teologico-
liturgica, prendendo
in considerazione
lassemblea eucaristica
cos da verificare quali stili
e atteggiamenti
di misericordia
siano attuati
nel suo celebrare
L
a
C
h
ie
s
a
e
la
s
u
a
p
ra
s
s
i
FOTO ARCHIVIO SIR
In Italia 1.250 salme senza identit
orire senza un nome. il destino di tanti emarginati,
clochard, migranti, prostitute, persone sole riutate
dalla societ, anche da morte. Sono circa 1.250 in tutta
Italia, secondo le fonti del Ministero dellInterno, le salme
di cui non si conosce lidentit. Di queste, molte attendono
da mesi, a volte anni, negli obitori. La met di loro sono
immigrati irregolari afogati in mare nel tentativo di
raggiungere le nostre coste. 142 corpi attendono un nome
dagli anni 90, 35 dagli80, 15 addirittura dagli anni 70,
no alluomo ritrovato nel 1969, nelle cascate di Stange
(Bolzano), di cui non si sa nulla. "Solo a Roma sono una
quarantina le persone che muoiono per strada ogni anno -
spiega Carlo Santoro, volontario della Comunit di
SantEgidio - e che attendono di essere sepolte". Nella
Capitale lAma che si occupa della sepoltura dei senza
nome, la municipalizzata che gestisce i servizi ambientali,
con alcune associazioni di volontariato, spesso le uniche
che garantiscono un funerale dignitoso.
M
FOTO ARCHIVIO SIR
Gioved 4 settembre 2014 10 Attualit
Villaggio globale
di Ernesto Diaco
FUORI I BAMBINI
DA FACEBOOK
Nati per mettere
in contatto ex
compagni di
scuola o amici
persi di vista, i
social network
sono diventati
sempre pi
luogo di
incontro
allargato con persone conosciute e
sconosciute e di racconto di s. Si
condivide di tutto: dalle opinioni politiche ai
gusti musicali, dalle foto delle vacanze alle
serate al ristorante, senza tralasciare
ovviamente gli eventi pi significativi della
vita. Come la nascita (e la crescita) di un
figlio.
Internet cos diventato un grande album di
liete ricorrenze, pieno di piccoli e
piccolissimi protagonisti immortalati in tutte
le pose. Da qualche tempo, per, sta
crescendo il numero di genitori che
decidono di non pubblicare in rete le
immagini dei propri figli. La prudenza, in
effetti, non mai troppa.
Il Baby blackout, come stato prontamente
battezzato, parte dagli Stati Uniti. Secondo
un recente sondaggio, i motivi della cautela
variano. Alcuni genitori sono preoccupati per
la privacy e la sicurezza. Altri invece si
preoccupano di ci che le aziende o qualche
malintenzionato potrebbero fare con
l'immagine e i dati personali del loro
bambino. Altri ancora semplicemente lo
fanno per un sentimento di rispetto
dellautonomia dei ragazzi prima che siano
abbastanza grandi per prendere decisioni
autonome sulla propria immagine.
Non mettete in imbarazzo i vostri figli. Le
foto della faccia del bambino inzaccherata
con la minestra potrebbero metterlo a
disagio una volta cresciuto, scrivono i
redattori di Ctvnews, autori di uno dei tanti
decaloghi che si stanno diffondendo in
proposito. Al primo posto, compare sempre
la raccomandazione di utilizzare tutti i tasti
della privacy previsti dai social network, che
spesso sono nascosti o poco visibili. In realt,
ci sono motivi ben pi seri di un visino
sbrodolato a consigliare la massima
attenzione. Se io non voglio che qualche
sconosciuto si interessi a mio figlio il sistema
pi semplice di non pubblicare niente,
tagliano corto i pi radicali sostenitori del
blackout.
Una via di mezzo tra loscuramento totale e
la spensierata condivisione online quella
scelta dai due genitori nella foto. Wasim
Ahmad e la moglie, residenti nello stato di
New York, appena due giorni dopo la nascita
del loro bambino hanno acquistato su
internet il dominio con il suo nome. Ne far
un sito privato ha spiegato il padre
accessibile mediante una password diffusa
solo ai familiari pi stretti. Quando sar
grande abbastanza, passer a lui le chiavi di
amministratore del sito. Il nostro sito web
nasce e cresce con noi, anzi con i nostri figli:
questo il futuro che ci attende?
il Periscopio di Zeta
Meeting di Rimini, unesperienza straordinaria
Sempre nuovo nellincontro con Dio e con luomo
Un evento che non finisce di stupire
I
l Meeting di Rimini sempre unavventura sorprendente. Ogni anno pare
uguale, invece in ogni occasione non finisce di stupire. A cominciare
dallimmenso impegno dei volontari che si mettono in gioco con i lavori
pi umili. Allarrivo mi colpiscono sempre i tanti giovani, credo quasi tutti
universitari, che si prestano per fare i parcheggiatori. Sotto il sole, ti
accolgono con gioia, con un sorriso. Loro sono l per te, non vedono nulla, o
quasi, del Meeting, eppure sono i grado di esprimere affettuosa accoglienza a
chiunque. Un miracolo nel miracolo del Meeting, una manifestazione che in
agosto per unintera settimana calamita lattenzione dei media e non solo.
Unesperienza che vale la pena frequentare, durante la quale gli incontri pi
significativi e decisivi sono quelli personali.
Per ledizione 2014 ho deciso per tre appuntamenti di nicchia, rispetto a
quanto si svolto nel mega auditorium con migliaia di persone ad ascoltare i
pezzi da novanta. Il primo lho riservato a un amico personale e del giornale,
il poeta cesenate Gianfranco Lauretano. E l ho incontrato lennesimo
stupore. Pensavo ci fosse poca affluenza a quellappuntamento con la poesia.
Invece mi sono dovuto ricredere e mi sono dovuto accontentare, con altri
amici di Cesena, di seguire lincontro dallesterno dellaula grazie al
collegamento video.
La poesia unarte povera - ha detto Lauretano perch usa uno strumento
questo spazio Generativi di tutto il
mondo unitevi. Dopo gli anni della
contestazione e di un malinteso senso
della libert svincolato da ogni legame,
per generare occorre sempre mettersi in
relazione con altri da noi. Laltro
colui che mi libera dalla gabbia di me
stesso, dellindividualismo di questa
nostra societ occidentale, ha detto la
Giaccardi che sar ospite in Diocesi
luned 17 novembre, allultimo incontro
della serie di cinque proposti dalla
pastorale familiare e sociale.
Infine lesperienza di padre Mirco Finco
(foto), un frate cappuccino di Milano,
con lo spettacolo Da bella zia & san
Francesco, Giovanni il semplice, fra
Cecilio, le Pie donne e gli angeli. Un modo
simpatico e divertente per raccontare la vita di
Ges a grandi e piccoli. Per narrare a tutti che
il Destino non ci lascia soli n nello spazio n
nel tempo. Ci che iniziato con lavvento di
Cristo continua dentro la storia, attraverso il
grande dono della Chiesa e in particolare dei
suoi santi. (850)
povero: la parola. Il poeta deve rendere conto di ogni
singola parola e dei silenzi (gli a capo). Lauretano ha
poi letto una poesia in russo di Osip Madelstam e ha
aggiunto di essere molto ammirato da quel mondo
perch vive ancora anche la dimensione spirituale,
legata al Mistero, ormai dimenticata in Occidente.
La sociologa Chiara Giaccardi ha presentato, assieme al
marito Mauro Magatti, il libro di cui ho gi parlato in
i conclusa sabato 30 agosto a
Rimini la 35esima edizione del
Meeting per lamicizia fra i
popoli che aveva come tema
Verso le periferie del mondo e
dellesistenza. Il destino non ha lasciato
solo luomo, con lannuncio che la
prossima edizione si terr dal 23 al 29
agosto 2015, avendo come titolo Di
che mancanza questa mancanza,
cuore, che a un tratto ne sei pieno?.
Sono questi i primi tre versi di una
poesia di Mario Luzi, che si trova nella
raccolta Sotto specie umana,
pubblicata nel 1999 da Garzanti e
precisamente al termine della nona
parte, titolata Due giornate e una notte
di pellegrinaggio, di questo pseudo-
diario del noviziato incessante di
Lorenzo Malagugini.
Il direttore del Meeting, Sandro Ricci,
ha sottolineato due caratteristiche del
Meeting di questanno: lulteriore
crescita della dimensione
internazionale della manifestazione e il
consolidarsi della sua dimensione
culturale, che ha come qualit
principale quella di essere un luogo di
dialogo. In 150mila metri quadrati
occupati dalla manifestazione, sono
stati proposti 120 incontri con oltre 280
relatori, 21 spettacoli, 14 esposizioni, 16
manifestazioni sportive. Durante la
settimana del Meeting hanno lavorato
2.940 persone provenienti in gran parte
dallItalia e oltre 125 dallestero. Dal 13
al 23 agosto il Meeting stato allestito
da altri 600 volontari in maggioranza
universitari. Il Meeting ha avuto
sostanzialmente lo stesso numero di
presenze dello scorso anno, calcolato in
800mila circa. Presentando il
comunicato stampa conclusivo, la
presidente del Meeting Emilia
Guarnieri ha messo in evidenza
limportanza dei messaggi del Papa e
del Presidente della Repubblica e
dellintervento dellimprenditore Sergio
Marchionne che ha concluso dicendo:
Quando vado a dormire la notte,
dovunque mi trovi e qualunque ora sia,
mi faccio una sola semplice domanda:
se sono riuscito a migliorare le cose
rispetto a come le ho trovate al mattino.
Se ho fatto tutto il possibile per
proteggere e migliorare il benessere
della nostra gente. Tutto qua. Ma
esattamente questa semplicit di
obiettivo che fa della leadership una
vocazione nobile. E cos a voi auguro la
stessa cosa che auguro a me stesso: di
essere in grado di rispondere s a
questa domanda il pi possibile nei
vostri sforzi futuri. Questo mettersi in
gioco personalmente accaduto con
tutti i relatori. Ad esempio il vescovo
Panteleimon, vicario del Patriarca
Ortodosso di Mosca e di tutta la Russia,
ha raccontato tutta la propria vita,
evidenziandone limportanza
dellamicizia con Cristo; il monaco
buddista giapponese Shodo Habukawa
ha fatto stampare e distribuire
unimmaginetta della divinit buddista
della Compassione raffigurata con
mille braccia con la seguente preghiera
in italiano: Ringraziamo il Mistero, che
ci conduce alla Felicit, pregandoLo
che lamicizia fra i popoli diventi
ancora pi grande e profonda; i
ragazzi del gruppo Swap (acronimo di
Share with all people, che significa
Condivisione con tutto il popolo) di
religioni e Paesi diversi hanno
presentato con entusiasmo la mostra
sullEgitto Quando i valori prendono
vita, frutto della loro amicizia; lebreo
Joseph H. H. Weiler, presidente
dellIstituto universitario europeo, ha
ricordato che una forma di idolatria
anche quella di mettere laccento sui
diritti umani, dimenticando di
interiorizzare anche i doveri a essi
corrispondenti; il direttore della rivista
Civilt Cattolica, padre Antonio
Spadaro ha parlato del proprio
rapporto con papa Francesco,
evidenziando la grande spiritualit del
pontefice, che prende le proprie
decisioni solo dopo lunga meditazione
e preghiera; in collaborazione con il
Servizio nazionale della Cei per il
progetto culturale larcivescovo di
Perugia cardinale Gualtiero Bassetti e
Guzman Carriquiry, segretario della
Pontificia Commissione per lAmerica
Latina hanno spiegato lesortazione
apostolica Evangelii Gaudium; 2.500
bambini hanno scritto letterine e
consegnato una somma in denaro
direttamente a monsignor Shlemon
Warduni, vescovo ausiliare di Bagdad;
la voce dei cristiani perseguitati
risuonata attraverso le parole del
custode di Terrasanta padre Pierbattista
Pizzaballa, dellamministratore
apostolico di Aleppo in Siria Georges
Abou Khazen, del pakistano Paul Jacob
Bhatti e del presidente della
Conferenza episcopale della Nigeria il
vescovo di Jos Ignatius Kaigama.
Il comunicato stampa conclusivo del
Meeting afferma: Torniamo nelle
nostre citt, nei nostri Paesi (oltre 70),
desiderosi di potere continuare questa
strada, certi, come ha scritto don
Giussani che la soluzione dei problemi
che la vita pone ogni giorno non
avviene affrontando direttamente i
problemi, ma approfondendo la natura
del soggetto che li affronta.
Stefano Salvi
S
Di che mancanza questa mancanza...
Conclusa la 35edizione della manifestazione di Cl. E gi si guarda al futuro...
M
e
e
tin
g
d
i R
im
in
i
Gioved 4 settembre 2014 11 Cesena
ANNIVERSARIO
Nel quinto anniversario
della morte del carissimo
CAV. ARNALDO BIONDI
la moglie Emma e i familiari
lo ricordano
con immutato affetto
La messa di suffragio sar celebrata
mercoled 10 settembre alle 20
nella chiesa
parrocchiale di Ronta
Nessuno ha un amore pi grande
di colui che d la vita per i suoi amici
GV 15,13
Polizia municipale
A caccia del nuovo
comandante
Si terranno nei prossimi giorni i colloqui
con i 28 candidati selezionati fra quanti
hanno risposto allavviso per ricerca del
nuovo comandante della Polizia
Municipale del Comune di Cesena.
Pubblicato l8 luglio, lavviso ssava il 7
agosto come termine per la presentazione
delle domande. Entro quella data sono
pervenute al Comune 112 candidature - di
cui 92 presentate da uomini (pari
all82%) e 20 da donne (18%)
provenienti da tutta Italia, isole
comprese.
Tra le citt dei candidati troviamo Cassino,
Casoria, Novara, Roma, Oristano, San
Benedetto del Tronto, Caltanissetta,
Cesena, Cremona, Pavia, Ravenna,
Firenze, Trento, Lucca, Verbania,
Viareggio, Como, Firenze, Siena, Napoli,
Udine, Roma, Empoli, Moncalieri,
Vigevano. Alcuni dei candidati hanno
prestato servizio nelle Province o in altre
forze dellOrdine: Carabinieri, Guardia di
Finanza, Polizia.
Let dei candidati va dai 28 ai 65, con una
media di 50 anni.
Il titolo di studio pi rappresentato la
Laurea in Giurisprudenza e numerosi tra di
essi svolgono attivit di docenza per le
scuole regionali di Polizia Locale.
Fra i 112 che hanno fatto domanda, la
commissione esaminatrice ha
preselezionato, sulla base dellesperienza
recente maturata nella gestione di
strutture complesse., una rosa di 28
candidati (24 uomini e 4 donne) che
saranno chiamati a sostenere il colloquio.
Cesena

Cena solidale per la Sierra Leone


Venerd 5 settembre alle 20 presso il Ristorante
La Stalla a Cesena, alcuni amici
dellassociazione Orizzonti organizzano una
cena di Solidariet a favore della Sierra Leone.
Il paese dellAfrica Occidentale stato colpito
negli ultimi mesi dallepidemia di Ebola che
sfociata in unemergenza umanitaria. Per info e
prenotazioni: info@orizzonti.org cell.
339.4341367.
n mix di mezzi vecchi e nuovi per
raggiungere il proprio pubblico.
Negli anni passati Teleromagna
ha aumentato lofferta di canali
(grazie allavvento del digitale terrestre) e
ampliato la copertura di segnale sul
territorio, superando i confini romagnoli.
Non contenta, lemittente cesenate ha
stretto accordi con la ravennate Radio
Italia 97, entrata nella compagine
societaria del gruppo Pubblisole
(proprietario della rete televisiva da
U
Novit a Teleromagna
Accordo con una radio
Canale 14: presentato il palinsesto che si arricchisce di eventi
ormai 10 anni). Cos, dal mese prossimo,
Radio Italia sar trasmessa in diretta non
stop dalle 8 alle 20, con musica e video,
sul canale 666 del bouquet digitale di
Teleromagna.
Grande attenzione anche alla copertura
di eventi e fatti di attualit, con
lacquisizione di un nuovo mezzo mobile
in grado di collegarsi via satellite alle
redazioni di Forl, Cesena, Ravenna e
Rimini (che dispongono di 7 troupe
operative), per consentire alla Tv di
essere in diretta sui luoghi della cronaca.
In questo modo il canale 74 (lall news di
Teleromagna) tra ottobre e gennaio
cambier pelle, garantendo a regime un
collegamento in diretta per
laggiornamento delle news ogni ora, a
partire dalle 7 fino alle 19.
Queste ultime novit sono state
presentate dal gruppo Pubblisole venerd
scorso in una serata allIppodromo del
Savio, teatro del gran premio di trotto
Teleromagna. Nella stessa serata stato
presentato anche il palinsesto 2014/15
del canale principale di Teleromagna, il
numero 14. Si parte dalle 7,15 con Tg e
rassegna stampa, per continuare con le
rubriche di approfondimento sui temi
dattualit. Pausa pranzo nel segno della
tradizione, in collaborazione con le
Edizioni Musicali Casadei Sonora. I
telegiornali delle 14, 19 e 20,30
presentano gli aggiornamenti news dalla
Romagna.
Ricco il palinsesto sportivo. Domenica
alle 19 Fischio Finale, condotto da
Elisabetta Zandoli e Andrea Zanzi, sul
mondo del calcio dalla serie A alla terza
categoria. Luned alle 21 si conferma il
Bianco e Nero dAutore con Luciano
Poggi.
La prima serata del marted per
Panorama Basket. Mercoled dedicato al
ciclismo, mentre son confermate le
trasmissioni Pallino Blu dedicata al
biliardo e Scarpaza per gli amanti del
podismo. Venerd in prima serata torna
Aspettando il Campionato.
Mb
San Pietro| Sposi da 50 anni
Domenica scorsa Renato Casadei e Marina Battistini hanno festeggiato il 50
anniversario di nozze alla messa delle 11 nella chiesa parrocchiale di San
Pietro. Nella foto il diacono Massimo, fratello di Renato, scambia il segno della
pace con gli sposi.
Cesena

Preghiera per lItalia e per la vita


Luned 8 settembre alle 19 presso la Chiesa del
Sufragio di Cesena in Via Zefrino Re, riprender
la preghiera del Rosario per chiedere alla
Madonna di proteggere la lItalia. Questo gesto di
preghiera si terr - a tempo indeterminato - ogni
secondo luned del mese dalle 19 alle 19,30.
La Papa Giovanni XXIII ogni primo e terzo luned
del mese si ritrova a pregare per la vita davanti al
Bufalini alle 6,45.
Ping pong, trasmissione
di approfondimento
Gioved 4 settembre 2014 12 Cesena
Botta e risposta Dopo il corsivo della scorsa settimana (cfr. numero 30 pag. 12) Davide Fabbri
scrive una lunga lettera sul complesso ex Suore Sacra Famiglia e il direttore risponde:
Sono opere in favore della collettivit
Caro Zanotti,
sai perfettamente che lobbligo
di rettifica un obbligo
previsto dal diritto italiano a
carico dei giornalisti di
rettificare notizie ritenute
lesive della dignit e dellonore
altrui. Nel diritto italiano
lobbligo di rettifica previsto
dalle seguenti norme:
"legge n. 47 del 1948 (art. 8),
Legge sulla stampa;
"legge n. 69 del 1963 (art. 2),
istitutiva dellOrdine dei
giornalisti.
Chiedo gentilmente che venga
pubblicato questo mio
intervento.
Francesco Zanotti ha
pubblicato lo scorso 28 agosto
un corsivo di pura
disinformazione, persino
offensivo nei miei confronti in
riferimento al mio lavoro
dinchiesta sui poteri forti
della citt, su affari e politica a
Cesena.
Ha sicuramente dato fastidio
il mio lavoro di contro-
informazione sugli intrecci
affaristici di Comunione e
Liberazione, Fondazione e
Compagnia Sacro Cuore,
vertici della Curia, plateali
conflitti dinteresse di
personalit del mondo
cattolico allinterno della
Fondazione Almerici-
Montevecchio e del Sacro
Cuore.
Singolare e stridente il
comportamento del direttore:
da un lato decide di non
pubblicare una riga sulla mia
inchiesta argomentata e piena
di fatti inoppugnabili sui
poteri forti legati a C.L. - Sacro
Cuore - Fondazione Almerici-
Montevecchio, e dallaltro
decide di pubblicare
commenti - persino offensivi -
sul mio operato (le chiama
"illazioni" le mie
considerazioni), parla di
generiche mie imprecisioni
senza pubblicare una riga dei
miei interventi. Illuminante la
chiusa del pezzo di Zanotti:
"Ognuno sa e pu giudicare
come crede". Zanotti pertanto
decide di mettere in ombra la
realt dei fatti in assenza di
informazione completa. Ma
come potranno i lettori del
Corriere Cesenate giudicare i
fatti sugli intrecci affaristici fra
vertici della Chiesa - C.L. -
Fondazione e Compagnia
Sacro Cuore se quei fatti non
vengono raccontati dal
settimanale?
La Fondazione Almerici-
Montevecchio ha elargito
qualche anno fa pi di un
milione di euro al Sacro Cuore
indebitato con le banche per
oltre 5 milioni di euro. Tale
finanziamento stato votato
dal cda della Fondazione
Almerici. Plateali, evidenti,
imbarazzanti e plurimi i
conflitti di interesse: Ernesto
Giorgi,
contemporaneamente
presidente della Fondazione
Almerici che elargisce fondi al
Sacro Cuore, e membro del
cda della Compagnia Sacro
Cuore. Arturo Alberti,
contemporaneamente
vicepresidente della
Fondazione Almerici che
elargisce fondi al Sacro Cuore,
uno degli ispiratori della
lottizzazione speculativa
nellarea dellex Sacra
Famiglia (ai tempi presidente
dellAVSI, soggetto partner del
Sacro Cuore), ed ora
consigliere delegato per il
nuovo Liceo della Fondazione
Almerici controllata da
Comunione e Liberazione.
Michele Carlo Battistini,
contemporaneamente
membro del cda della
Fondazione Almerici che
elargisce fondi al Sacro Cuore,
nonch presidente della
Compagnia delle Opere di
Forl-Cesena, braccio
economico del potere dei
ciellini. Inoltre la copertura
politica e consociativa del PD
evidente: Veronica
Gamberini, ex preside di
ragioneria, nel cda della
Fondazione Almerici,
nominata dal sindaco PD di
Cesena, ex Consigliera
Provinciale del PD, ha avallato
lintera operazione.
Questi sono fatti e riscontri
inoppugnabili, non illazioni,
caro Zanotti.
Per scongiurare prevedibili
accuse di cosiddetto
"complottismo" e di
"astrattismo" politico, sto
scrivendo un corposo libro-
inchiesta, con fatti precisi,
circostanze dettagliate,
"verit" incontestabili. Non
illazioni. Chiudo con una
riflessione: il giornalismo
dovrebbe essere anzitutto
informazione, "mediazione
tra il fatto e la sua diffusione"
per dirla con le parole della
Corte di Cassazione.
Certamente una materia
delicatissima quella della
raccolta e dellelaborazione
della notizia, non a caso
inerente a tematiche che
trovano eco nella nostra
Costituzione: dalla libert di
stampa alla dignit umana,
passando per la libert di
espressione e di pensiero.
Nessuno si sognerebbe di
chiedere al Corriere Cesenate
limparzialit: gi chi osserva
influenza lazione, figuriamoci
chi deve descriverla dal
proprio punto di vista.
Tuttavia una cosa
fondamentale la seguente: i
commenti del direttore sono
legittimi e opportuni, ma
dopo aver pubblicato
correttamente la notizia.
Davide Fabbri
Caro Fabbri, ti dico
immediatamente che non
cera alcun bisogno di
invocare la legge sulla stampa
e neppure quella istitutiva
dellOrdine dei giornalisti per
avere spazio sul Corriere
Cesenate. Come ben sai, sulle
nostre colonne hai sempre
avuto ascolto e in numerose
occasioni (la prima che
abbiamo trovato in archivio
risale al novembre 1998),
abbiamo dato voce a diverse
tue battaglie, alcune della
quali abbiamo anche
condiviso.
Pubblico integralmente
quanto mi hai mandato,
anche se per la verit pensavo
non ce ne fosse bisogno, visti i
tuoi 4991 amici su Facebook e
i tantissimi indirizzi email a
cui invii le tue puntate sui
Poteri forti a Cesena. Forse ho
sopravvalutato la diffusione
dei social network, dando per
note a tutti le tue riflessioni ad
alta voce sulla citt e su chi in
realt, a tuo parere, la
governa.
Tu dici che non avrei dovuto
commentare senza riferire i
fatti. Quindi ecco qui quanto
da te richiesto. Non ci sono
problemi per noi, nonostante
la tua frecciatina sul nostro
punto di vista. Tutti hanno un
punto di vista, che piaccia o
meno. Pensa alla telecamera:
conta o non conta su cosa la
orienti? Allora ti chiedo: pi
serio dichiarare fin dalla
testata da che parte si sta,
oppure pi serio accampare
unimpossibile imparzialit,
visto che ciascuno di noi
rappresenta un punto di vista,
un filtro, un setaccio?
Discorso diverso invece
quello sulla ricerca della verit
e sullobiettivit come scopo
dellinformazione. Qui mi
devi circostanziare dove e
quando il Corriere non stato
obiettivo. Se poi mi dici che
non copriamo tutta
linformazione locale ti dico
che hai ragione, ma non per
questo ci schieriamo a priori.
Domanda pure a chi qui
lavora o con noi collabora.
Magari potessimo realizzare
un giornale pi ampio, con
pi pagine, ma come ben sai i
tagli ai contributi alleditoria
hanno colpito anche noi che
pure percepiamo "briciole" di
contributi pubblici, pur
sempre indispensabili per
mandare avanti questo
settimanale, lunico rimasto
nel nostro territorio.
Per il resto non sto qui a
dilungarmi. Come abbiamo
scritto la scorsa settimana,
ognuno ha elementi per
giudicare, anche sulla
"lottizzazione speculativa".
Nelle vicende in questione si
tratta di una scuola, della
Caritas e dellAvsi, opere in
favore del bene comune da
guardare con simpatia
anzich con sospetto. Certo tu
non fai sconti, e su questo ti
chiederei di riflettere, quando
scrivi di "plateali, evidenti,
imbarazzanti e plurimi
conflitti di interesse", quando
distribuisci patenti di dubbia
qualit in pi direzioni e
quando narri di "lottizzazione
speculativa" appunto, per non
citare altri virgolettati dalle
tue ormai famose puntate a
cui comunque rimando i
frequentatori di Facebook.
Sorvolo, invece, su quanto hai
scritto su di me in questa tua
lettera e su Facebook.
Una brevissima replica per
me la concederai alla tua
affermazione "strutture
scolastiche private e
confessionali". Guarda, su
questo tema siamo
intervenuti uninfinit di volte,
anche nello scorso numero,
con un richiamo alla legge del
2000 con ministro
dellIstruzione Giovanni
Berlinguer. La legge n. 62
allarticolo 1 afferma che "il
sistema nazionale di
istruzione, fermo restando
quanto previsto dallarticolo
33, secondo comma della
Costituzione, costituito dalle
scuole statali e dalle scuole
paritarie private e degli enti
locali". Allarticolo 3 la stessa
legge aggiunge che le scuole
paritarie, svolgendo un
servizio pubblico, accolgono
chiunque, accettandone il
progetto educativo, richieda
di iscriversi, compresi gli
alunni e gli studenti con
handicap. Il progetto
educativo indica leventuale
ispirazione di carattere
culturale e religioso. Non sono
comunque obbligatorie per gli
alunni le attivit extra-
curricolari che
presuppongono o esigono
ladesione ad una determinata
ideologia o confessione
religiosa".
Mi ripeto, ma sono convinto,
caro Davide, che ognuno
abbia materiale a sufficienza
per formulare un giudizio
autonomo. A presto.
Francesco Zanotti
Veduta aerea di Cesena (foto Cr)
Gioved 4 settembre 2014 13 Cesena
A Madonna del Fuoco attivo il leggendario stand gastronomico. A Casale musica e ballerini,
a Calisese collaborazione con lAvis. A San Giorgio spettacolo di Crisa Dance
Alle parrocchie piace fare festa
MADONNA
DEL FUOCO
Entra nel vivo la festa alla
parrocchia di Madonna del
Fuoco. Il programma religioso
prevede per le giornate del 4 e
5 settembre il rosario alle
17.30 e alle 18 la Messa.
Sabato 6 il rosario sar alle 8 e
la Messa alle 8.30 e domenica
7 le Messe alle 8 e alle11.
Il programma ricreativo
prende il via alle 19 del 4
settembre con lapertura degli
stand della lotteria di
beneficenza e della Caritas,
gonfiabili per i bambini e il
gioco della ruota e gli stand
gastronomici che
proporranno anche la pizza. A
partire dalle 21 le band dei
giovani animeranno la serata.
Venerd 5 settembre lo stand
gastronomico avr come
piatto speciale la trippa e la
serata sar dedicata allo
spettacolo dialettale a cura
della Compagnia dei
Lazzaroni con letture di
poesie, musiche popolari e
una farsa dialettale Quatar
ciacri tra cap e no cap. Il 6
settembre la specialit dello
stand gastronomico sar il
pesce con tagliolini allo
scoglio e fritto misto e lo
spettacolo delle 21 vedr
lesibizione del gruppo
Zhorro. A chiusura della
giornata saranno liberate nel
cielo le lanterne volanti.
Domenica 7 settembre gli
stand apriranno alle 14.30 con
lavvio del torneo di calcetto
delle classi 2000/2005. Lo
stand gastronomico proporr
specialit romagnole e di
caccia. Alle 18 previsto
lintrattenimento musicale
dal vivo, alle 21 la sfilata degli
Abiti bambole e alle 22
lestrazione dei biglietti della
lotteria.
CALISESE
CASALE
Un week end di festa quello
in programma alla parrocchia
di Casale in onore della
Madonna del Parto. La festa
prender il via sabato alle
20.30 con lo spettacolo del
gruppo Cesena Danze e
saranno in funzione gli stand
con piadina e affettati, quello
della pesca e della lotteria.
Domenica 7 settembre la
Messa si terr alle 10, alle
15,30 sono in programma
giochi a premi, dal
pomeriggio animer la
giornata lorchestra Patrizia
Ceccarelli. L8 settembre
dopo la messa per tutti i
defunti alle 20,30 si terr la
processione con limmagine
della Madonna del Parto. A
Calisese le celebrazioni in
onore del Santo Nome di
Maria prenderanno il via
mercoled 10 settembre con la
messa serale alle 20 seguita da
un incontro testimonianza
intitolato La gioia del
Vangelo. Il parroco don
Stefano presenter alcuni
aspetti dellesortazione
apostolica Evangelii Gaudium
di Papa Francesco. L11
settembre alle 20 si terr il
Pellegrinaggio alla Madonna
dellOlivo con partenza dalla
celletta Mulino vecchio.
Allarrivo in oratorio ci sar la
Messa. Venerd 12 settembre
alle 20 in programma la
consueta messa e la serata
sar animata dal gruppo Cara
baby rocknroll. Sabato 13
settembre dopo la messa delle
20 la serata proseguir con il
gruppo Cluedo che
presenter uno spettacolo
sulle musiche degli anni
Ottanta. Domenica 14
settembre le messe saranno
alle 8 e alle 11 e alle 15,30
prevista la Messa con
lunzione degli infermi,
seguir una festa insieme con
gli anziani e gli ammalati. Alle
15,30 sono in programma: la
Gimcana con i trattori e il
torneo di calcetto Memorial
Gianni Paganelli. Alle 20,30 si
esibir il gruppo I Lassand
e il mago Cotechino. La festa
si chiuder i fuochi dartificio
e lestrazione finale della
lotteria. Nellarea della festa
grazie alla collaborazione
dellAvis di Calisese e dei
parrocchiani sar attivo dal 12
al 14 settembre lo stand
gastronomico.
SAN GIORGIO
BAGNILE
Sar il pellegrinaggio alla
basilica della Madonna del
Monte ad aprire le
celebrazioni della festa delle
parrocchie di San Giorgio -
Bagnile. Lappuntamento
per sabato 6 settembre
(ritrovo a San Giorgio alle 6
del mattino). Alle 8.30 si terr
la Messa solenne alla Basilica.
Il 13 e il 14 settembre saranno
due giornate di animazione e
divertimento. Il 13 settembre
alle 18 ci sar lapertura degli
stand gastronomici e alle 21
lesibizione del gruppo Crisa
dance. Domenica 14
settembre alle 11 si celebrer
la Messa solenne (a San
Giorgio), seguiranno alle 16 i
giochi dei ragazzi, il torneo di
yu ghi ho e i truccabimbi.
Alle 21 il gruppo musicale
Swingolfato animer la serata.
Durante lo spettacolo saranno
estratti i biglietti vincenti
della sottoscrizione a premi.
La festa proseguir con una
serie di appuntamenti
religiosi che si terranno tutti
presso al chiesa di San
Giorgio. Marted 16 si
terranno le confessioni,
gioved 18 settembre alle 20 il
vescovo della diocesi di
Cesena-Sarsina Douglas
celebrer la Messa solenne
con processione con la statua
della Madonna, venerd 19
alle 20.45 ci sar una
testimonianza e domenica 21
settembre alle 11 durante la
messa sar conferito il
mandato ai catechisti e alle 15
si svolgeranno i Zug duna
volta.
FORMIGNANO
E d dla festa a Furmin:
ecco lo slogan della festa
parrocchia di Formignano che
si terr domenica 7 settembre.
Al mattino in programma la
Messa alle 11 con il coro di
Longiano diretto da don
Dario Tisselli. Alle 12,30
seguir il pranzo insieme (su
prenotazione 0547/372610 -
0547/334227).Il pomeriggio
vedr alle 15,30 la recita del
rosario e alle 16 lesibizione
del gruppo Magna Rumagna
che presenter musica
tipicamente romagnola.
a cura di Barbara Baronio
Intensi momenti
spirituali
nelle comunit,
con la Messa,
tanti incontri
e processioni
Ronta
Torna il Ronta Rock
La comunit parrocchiale di Ronta in
festa. Si parte luned 8 settembre alle
20,30 con la processione. Al termine,
tombola e spaghettata. Marted 9 alle
20,30 si terr il convegno Architettura
rurale nel cesenate, usi e costumi delle
genti con Giordano conti. Nella serata
sar inaugurata anche la mostra
fotograca.
Mercoled 10 settembre dalle 20,30 si
celebrer il sacramento della confessione.
Gioved 11 cinema allaperto
Venerd 12 la volta del Ronta Rock: alle
19 rockin aperitivo e, dalle 21, esibizione
di gruppi giovanili.
Sabato 13 torneo di calcetto alle 14,30;
alle 16,30 camminata nella centuriazione
e alle 21 spettacolo con Renzo il Rosso.
Domenica 14 messa solenne alle 8 e alle
10,45. Nel pomeriggio festa per le
famiglie: alle 17,30 spettacolo di Crisa
dance e, alle 21, commedia dialettale. A
conclusione, fuochi darticio.
Tanti gli appuntamenti che invitano a ritrovarsi. Dalla parrocchia e non solo...
A SantEgidio una comunit in festa
on lasciamoci rubare la comunit!.
Con le parole prese in prestito dal
monito sollevato da papa Francesco
- rivolto in particolare ai giovani, non lasciate-
vi rubare la speranza - la comunit di SantEgi-
dio di Cesena si appresta a vivere la propria fe-
sta parrocchiale, nel 61esimo anniversario del-
la sua fondazione. Fu il vescovo Vincenzo Gili,
nel 1953, a intitolare la nuova chiesa a SantEgi-
dio, santo di cui si ricordato la festa lo scorso
nella Messa di luned sera 1 settembre, durante
la quale sono state presentate alla comunit i
ragazzi che nei prossimi mesi riceveranno la
Cresima (bambini di quarta elementare e ra-
gazzi di seconda media). Domenica 7 settem-
bre, alla Messa comunitaria delle 10 otto bam-
bini riceveranno il sacramento del Battesimo;
alle 16 celebrazione dellunzione degli infermi.
Alle 20,30 di luned 8 settembre, giorno in cui si
ricorda la Nativit di Maria, la statua della Ma-
donna Pellegrina - posta alla destra dellaltare -
verr portata in processione lungo le vie Chie-
sa, Lugo, Morciano, Civitella, Forlimpopoli, dei
Fiori, Borghi, Viserba, Cerchia, Torriana.
Le celebrazioni eucaristiche delle 18,30 nei gior-
ni di marted 9, mercoled 10 e gioved 11 ver-
ranno presiedute dai tre giovani sacerdoti ordi-
nati lo scorso 28 giugno: don Alessandro Forte,
don Michael Giovannini e don Filippo Cappel-
li, vice parroco di SantEgidio.
Nei giorni 12, 13 e 14 settembre, parte ricreati-
va della festa parrocchiale nel cortile adiacente
alla chiesa parrocchiale, a partire dalle 19 sar
attivo uno stand gastronomico, allietato da mu-
sica e cabaret. In particolare, venerd 12 set-
tembre, nel parco intitolato a Marco Baruzzi,
esibizione del gruppo musicale Genesi in oc-
casione della festa dei quarantanni di attivit
dellagenzia assicurativa Allianz Lungarini,
Grati allattenzione che Oreste Lungarini e la
famiglia tutta hanno sempre avuto per le esi-
genze della comunit parrocchiale, e dei ragaz-
zi in particolare, sottolinea monsignor Gabrie-
le Foschi, parroco di SantEgidio dal 2010. Sa-
bato 13, cena dedicata in particolare a chi na-
to a SantEgidio e si poi trasferito: una rimpa-
triata che segue la proposta dello scorso anno,
tanto apprezzata; la serata sar allietata da
quadri di vita (video e foto) delle varie attivit
estive: campi scuola ragazzi, centro estivo, cam-
pi scout.
Domenica 14 settembre, Messa alle 8 e alle 10
celebrazione solenne. Alle 18 la recita dei Ve-
spri; alle 19 apertura stand gastronomico ed esi-
bizione del gruppo musicale Jackpot.
Nei giorni della festa attiva una pesca di be-
neficenza.
Il tema della festa di questanno vuole essere
un invito prezioso e un richiamo a vivere le re-
lazioni come strumento fondamentale di cre-
scita e di vita dello spirito di ciascuno di noi, di-
ce donr Gabriele. Obiettivo fondamentale cu-
stodire la famiglia parrocchiale come realt che
ti custodisce: una buona famiglia, fatta di buo-
ne relazioni, ci ritorna in capacit di accoglien-
za e di essere accolti, di crescere nella gioia. Im-
pariamo ad accoglierci cos come siamo, cos
vivremo appieno la gioia delle relazioni.
Sabrina Lucchi
N
Festa parrocchiale
di Gambettola
In onore dei patroni SantEgidio abate e Madonna delle Grazie
F Fa am mi ig gl li ia a d di iv ve en nt ta a c ci i c ch he e s se ei i! ! (1-8 settembre 2014)
PROGRAMMA RELIGIOSO
Da luned 1 a mercoled 3 settembre: la
celebrazione della Giornata per la salva-
guardia del Creato e confessioni varie
classi
Gioved 4 settembre:
ore 8,30 Messa
ore 15 confessione
nuove 2 e 3 media
ore 19 Messa per le famiglie,
giovani
Venerd 5 settembre:
ore 8,30 Messa
ore 20 Messa
ore 15 confessione giovanissimi, giovani e adulti
Luned 8 settembre
Solennit
della MADONNA DELLE GRAZIE
ore 8,30 - 10 - 11,15 Messe
ore 16,30 Messa solenne
presieduta da don Filippo Cappelli e animata
dalla corale A. Vivaldi SantEgidio-Gambettola
ore 17,30 Processione lungo corso Mazzini, accompagnata
dal corpo bandistico Citt di Gambettola.
La cittadinanza invitata ad addobbare balconi
e finestre al passaggio della Madonna.
Siete invitati ad addobbare il percorso al passaggio
della Madonna. Al termine, affidamento della Comunit
parrocchiale alla Madonna.
Nei giorni della festa guideranno le riflessioni i novelli sacerdoti
don Alessandro Forte e don Filippo Cappelli
Dal 2 al 5 settembre verr portata la Comunione ai malati
e anziani.
PROGRAMMA RICREATIVO
Gioved 4 settembre
ore 19 apertura stand gastronomico
ore 19,45 Ceniamo insieme (famiglie,
giovani)
ore 21 Estate in danza, a cura del
Centro Studi danza
e arti coreografiche
Venerd 5 settembre
ore 19 apertura stand gastronomico
ore 20,30torneo di Maraffa
ore 21 Elio e gli amici
Sabato 6 settembre
ore 12-14 apertura stand gastronomico
ore 19 apertura stand gastronomico
ore 20,30 finale Torneo di Maraffa
ore 21 compagnia dialettale DE BOSCH
Domenica 7 settembre
ore 12-14 apertura stand gastronomico
ore 19 apertura stand gastronomico
ore 21 Franco Dolcevita
Luned 8 settembre, festa patronale
ore 19 apertura stand gastronomico
ore 21 orchestra Bergamini
Dal 4 all8 settembre sono in funzione
La tradizionale pesca di beneficenza
I gonfiabili - La giostra per bambini
Stand gastronomico
con specialit romagnole e di pesce
Stand Avis
per la misurazione della pressione
Veduta aerea della cittadina di Gambettola (foto G. Mariggi)
Gioved 4 settembre 2014 15 Valle del Rubicone
SAN GIORGIO di Cesena: in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale in pronta
consegna con soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 3 bagni, tavernetta, can-
tina, ampia mansarda, ripostigli, garage e giardino. 325.000 / Rif. 0986
CASE FRINI (Cesena): zona verde e tranquilla in piccola palazzina di recente costru-
zione appartamento al primo piano disposto su tre livelli composto da ampio e lumi-
noso soggiorno/pranzo, cucinotto, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, mansarda,
garage con bagno/lavanderia. 260.000 / Rif. 1432
MADONNA DELLE ROSE (Cesena): in buona posizione casa indipendente da ristrut-
turare disposta su tre livelli con garage esterno su lotto di 428 mq. Limmobile offre al-
linterno 6 vani abitabili con servizi e un ampio piano interrato con cantine e ripostigli.
possibile in base alle norme di PRG del Comune di Cesena poter trasformare il fab-
bricato realizzando altri spazi e altri volumi. 650.000 / Rif. 1438
MACERONE (Cesena): in posizione tranquilla e vicina ai principali servizi in palazzina
di piccole dimensioni appartamento su due livelli al secondo e ultimo piano compo-
sto da soggiorno angolo cottura, 2 balconi, doppi servizi e camera da letto. Cantina,
garage e posto auto. 130.000 / Rif. 0094
TIPANO (Cesena): casa di civile abitazione da ristrutturare con ampio terreno agricolo
di 13.150 mq. Possibilit di costruire fabbricato ex novo fino ad un massimo di 270 mq
di S.U.L. 275.000 / Rif. 1437
PIAZZA DELLA LIBERT (Cesena): al terzo piano servito di ascensore ampio bi-
locale composto da soggiorno con angolo cottura, camera da letto matrimoniale,
bagno, ripostiglio/lavanderia, balcone e cantina. Ottime finiture. NESSUNA
SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO.
225.000 / Rif. 1448-1
CESENA ZONA CENTRALE (adiacenze viale Mazzoni): in elegante palazzina di re-
cente costruzione appartamento al primo piano composto da soggiorno con an-
golo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi e garage. Ottime finiture.
NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONE-
ROSO. 325.000 / Rif. 1449-2
CASE FINALI (Cesena): in zona verde e tranquilla vicino a tutti i servizi in palazzina di
nuova costruzione appartamento al piano terra con ingresso indipendente composto
da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, tavernetta,
cantina, garage doppio e corte esterna di propriet. Ottime finiture, aspirazione cen-
tralizzata, riscaldamento a pavimento con caldaia autonoma, predisposizione aria condizionata e al-
larme. PRONTA CONSEGNA. 277.000 / Rif. 1334-5
SAN MAURO IN VALLE (Cesena): a pochi passi dal centro, immerso nel verde ap-
partamento di nuova costruzione ad alto risparmio energetico composto da sog-
giorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 3 bagni, 3 logge, tavernetta, cantina,
garage, corte esclusiva e giardino di propriet. NESSUNA SPESA DI MEDIA-
ZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO. 355.000 / Rif. 0121
Il barista nasconde
le mangiasoldi
ontro il dilagare e il proliferare
dei luoghi e sale dedicate al
gioco dazzardo con le "slot
machine", a Gambettola, c
chi dice "no". La crisi economica
senza dubbio una componente del
dilagare del gioco dazzardo. Spesso, a
dar man forte, lossessiva pubblicit
della "vincita milionaria in grado di
cambiare la vita", che trova terreno
fertile nelle persone pi vulnerabili:
non solo i disoccupati e i pensionati
che faticano ad arrivare a fine mese,
ma anche i piccoli imprenditori con
difficolt economiche che non
riescono a far fronte alle richieste dei
creditori.
A Gambettola, per combattere questo
fenomeno, vi sono forti segnali che
vanno in controtendenza.
Lesempio partito da alcuni gestori di
attivit di circoli ricreativi, bar e
caffetterie. Oltre al circolo
parrocchiale "Casa del ragazzo" gestito
da Sanzio Zamagni e al Centro Sociale
"A.Ravaldini", a dare il via a questa
campagna dopposizione stato il bar
Giambellino, gestito da Andrea Fabbri.
C
Allinterno del locale si trovano ancora
due "macchinette mangiasoldi", ma
sono spente e coperte da un telo,
nascoste da un paravento, su cui
ancora affisso e leggibile il foglio che
spiega il motivo della scelta.
"Preferiamo offrire gli spazi del nostro
locale per promuovere le mostre darte
di NiCompany - afferma il titolare
Fabbri - perch troppe famiglie vanno
in rovina per il gioco dazzardo".
Altre realt ne hanno fatto una
questione morale, rifiutando
linstallazione da subito, rinunciando
volontariamente a quei facili
guadagni: la Caffetteria Replay di
Francesca Grilli, il Bodeguita Caf di
Nicola Lo Grano, il bar Raro Loco di
Barbara Casadei e Clio Medri, il Caff
Mazzini di Matteo Magnani e Maria
Paola Cominato e il BarAcca di Andrea
Pasini, dal quale partir una nuova
iniziativa.
"A partire dal mese di ottobre - precisa
il gestore Pasini -, ritorneranno al
posto delle "macchinette
mangiasoldi" (che ancora
"stazionano" in quanto ereditate dalla
precedente gestione e prossime alla
scadenza di contratto e quindi
"ritirabili"), il vecchio "flipper" e le
battaglie spaziali "touch screen" che
andranno a fare compagnia al
calciobalilla gi presente, al costo di 50
centesimi a partita".
Piero Spinosi
Contrario al gioco
dazzardo, ma non
potendo toglierle per via
del contratto della
precedente gestione, le ha
coperte con un paravento
Originale iniziativa a Gambettola
Longiano
Messa in sicurezza del parco "Madre
Teresa di Calcutta" a Longiano. I lavori
nellarea verde posta fra via
Circonvallazione e via Cannella sono
ormai giunti al termine.
Da tempo il parco versava in stato di
quasi abbandono con erba alta,
steccati di legno divelti e giochi
inagibili.
"Il rifacimento di tutte le staccionate
in legno - informa lassessore ai lavori
pubblici Widmer Sarpieri - stato
completato. stata ripristinata la
giostrina fatta oggetto di vandalismo
e presto sar rifornita laltalena priva
di seggiolini. Abbiamo chiesto a Hera
un preventivo per leventuale
installazione di due punti luce". "Ora
- aggiunge lassessore - il parco
nuovamente fruibile. Rinnoviamo
linvito a tutti i cittadini, partendo
dalle nuove generazioni, a dimostrare
rispetto e civilt durante la
permanenza nello spazio pubblico".
Il costo delloperazione di 15mila
euro. I fondi provengono dallavanzo
di bilancio 2013. I lavori sono stati
afdati alla cooperativa sociale "Il
Totem" di Sorrivoli (Roncofreddo).
Mv
Alla festa per il 63esimo anniversario di
matrimonio, il regalo per la "Papa Gio-
vanni". E successo luned scorso, 1 set-
tembre, a San Mauro Pascoli, in via Reno.
Da 34 anni in quellabitazione attivo un
centro dellassociazione fondata dal sa-
cerdote riminese in odore di santit, don
Oreste Benzi. Oggi sono ospitate 14 per-
sone, tutte alle prese con i primi mesi di
uscita dal tunnel della droga. "Quanti ne
avete salvati - ha chiesto durante lomelia
don Elio Piccari (braccio destro di don
Oreste alla parrocchia della Resurrezione,
a Rimini) - in tutti questi anni grazie al-
lattivit che si svolta in questa abitazio-
ne che voi avete dato in uso alla comuni-
t?".
Invece Gigliola e Pippo Torroni di Savi-
gnano sul Rubicone hanno in serbo una
sorpresa svelata al termine della celebra-
zione eucaristica a cui hanno partecipato
tutti i familiari dei coniugi assieme a tan-
ti amici e membri della "Papa Giovanni",
tra cui lex segretario di don Benzi, Stefa-
no Vitali, presidente della provincia di Ri-
mini e il responsabile generale della Co-
munit Paolo Ramonda. Torroni prende il
microfono e annuncia a tutti: "Mia mo-
glie Gigliola, proprietaria di questa casa,
ha deciso di donarla alla comunit di don
Oreste". E subito scatta un fragoroso ap-
plauso misto a tanta emozione.
I coniugi Torroni non sono nuovi a sor-
prese del genere. In un lungo servizio a lo-
ro dedicato nel numero alla vigilia del Na-
tale 2012 scrivemmo la loro storia. Una vi-
cenda familiare di successi imprendito-
riali, ma anche di sofferenze familiari, con
le cinque morti dei primi figli tutti nati vi-
vi, ma poi deceduti nel giro di poche ore.
Un calvario noto solo agli amici pi stret-
ti e ai parenti pi prossimi, svelato al Cor-
riere Cesenate nel corso di un incontro
che segn linizio di una nuova amicizia.
Nellambito della cessione di una grossa
fetta dellazienda di famiglia, Torroni riu-
sc a "ritagliare" una casa per don Oreste.
"Quando abbiamo venduto lazienda -
disse Torroni nellintervista al nostro gior-
nale - ci venne in mente che su quei ter-
reni cera la casa di don Benzi, quella di
Maiolo. Col dottor Di Dario bast una
stretta di mano per strappargli la pro-
messa che lavrebbe ceduta alla comuni-
t di don Oreste". Ora la storia si ripete,
con la cessione definitiva di una grande
casa di propriet, nel ricordo del "babbo
di mio marito, a cui siamo molto ricono-
scenti e a cui dobbiamo molto", annota
commossa la signora Gigliola.
San Mauro Pascoli Lannuncio dato durante la festa per i 63 anni di matrimonio di Gigliola e Pippo
La famiglia Torroni dona una casa alla Papa Giovanni
Pippo Torroni (a sinistra), con Paolo Ramonda
(San Mauro Pascoli, 1/9/2014, foto Ghinelli)
Il paravento che copre le macchinette
Fino al 7 settembre
Torneo di scacchi
Cesenatico, per una settimana, veste i
panni della capitale degli scacchi. Fino al 7
settembre, alcuni fra i migliori grandi
maestri di scacchi, appassionati e turisti,
si daranno infatti appuntamento a
Cesenatico per la diciottesima edizione del
Torneo Internazionale di Scacchi "Bcc Sala
di Cesenatico", che si svolger presso la
Scuola Media"Dante Arfelli", in via Sozzi
2. La manifestazione, allestita sotto
legida del Coni, della Fide e della
Federazione Scacchi Italiana (Fsi),
organizzata da Mixer Cesena con il
contributo della Bcc Sala di Cesenatico e il
patrocinio di Regione Emilia Romagna,
Provincia di Forl-Cesena e Comune di
Cesenatico. I tornei principali in
programma, diretti da una commissione
arbitrale indicata dalla Caf, sono lOpen A,
lOpen B e lUnder 16, a cui parteciperanno
complessivamente circa 200 iscritti
provenienti da diversi paesi europei. Gli
incontri inizieranno domenica 31 agosto
alle 15 e si concluderanno domenica 7
settembre. Al termine della
manifestazione, intorno alle 15, si
svolger la cerimonia di premiazione con
lassegnazione dei premi dal primo al
decimo classicato sia dell Open A che
dell Open Be dei riconoscimenti speciali al
giocatore veterano, a quello pi giovane e
ai migliori giocatori del Torneo Under 16.
Fra le tante iniziative collaterali in
programma questanno, gioved 4
settembre alle ore 21.30, in Piazza
Ciceruacchio sul Porto canale, verr
organizzata una simultanea nel corso
della quale 20 giocatori potranno sdare
contemporaneamente il Gran Maestro
croato Misho Cebalo.
l prossimo 14 settembre ricorrer a
Cesenatico il quattrocentesimo
anniversario della fondazione della
chiesa di San Nicola, comunemente
conosciuta come chiesa dei Cappuccini,
rimasti fino al 2000 quando sono
subentrati i Fratelli di San Francesco. Per
loccasione vi saranno celebrate due
Messe solenni: una sabato 13 settembre
alle 21, presieduta dal vescovo della
Diocesi di Cesena-Sarsina monsignor
Douglas Regattieri, e unaltra domenica
I
Chiesa dei Cappuccini
Una storia lunga 400 anni
Dal 13 settembre una serie di eventi culturali e religiosi
14 alle 10.30, presieduta da Fra Matteo
Ghisini e da Fra Franco Musocchi,
rispettivamente Ministro Provinciale dei
Cappuccini e Ministro generale dei
Fratelli di San Francesco.
Lassociazione "LAngolo Giro-Cultura a
360" (attiva a Cesenatico dal 2006), in
collaborazione col Comune di
Cesenatico, ha messo in campo un
nutrito programma di eventi che, oltre a
festeggiare lanniversario, rappresenta un
invito per tutta la cittadinanza a
rinsaldare il legame con questo luogo e al
tempo stesso a riflettere sulla relativa
storia, fatta di fedelt e solidariet, ma
anche di attriti e contrasti.
Il fulcro del programma, che nasce da
uno studio di Renato Cortesi, Dino
Manzelli e Ferruccio Cortesi di
imminente pubblicazione - Cesenatico e
i Cappuccini. Storie di una Chiesa, di un
paese, dei suoi fedeli, amici ed oppositori
-, sar costituito da una mostra di opere
darte, documenti e oggetti di vita
quotidiana, prestati dal Museo e dalla
Biblioteca dei Frati Minori Cappuccini a
Bologna e dal Convento dei Frati
Cappuccini di Cesena, e realizzata in
collaborazione col Museo della
Marineria. La mostra sar visitabile dal 13
al 28 settembre. Sono previste visite
guidate gratuite che si potranno
prenotare presso lassociazione "LAngolo
Giro". Linaugurazione avverr sabato 13
alle 18.30.
Il ricavato della campagna di
sottoscrizione pubblica indetta per
raccogliere fondi per levento, alla quale
hanno contribuito soprattutto i fedeli che
frequentano la chiesa, coprir le spese
vive per la realizzazione della mostra,
nonch di targhe per le opere darte e di
piccole guide storico-artistiche per la
chiesa stessa.
Sabato 20, a partire dalle 9, si terr,
sempre presso il Museo della Marineria,
una giornata di studi incentrata sulla
chiesa e i suoi legami con la citt, ma
arricchita da una serie di riflessioni di
carattere artistico e storico.
e degli Istituti Azionisti:
Cassa di Risparmio di Cesena
Banca di Romagna
Banca CRV Cassa di Risparmio
di Vignola
Cassa di Risparmio di Cento
Cassa di Risparmio di Rimini
Cassa di Risparmio di Fabriano
e Cupramontana
Emil Banca
Socit Gnrale
Il leasing della
Il nostro impegno per chi si impegna
FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA
Gioved 4 settembre 2014 16 Cesenatico
Bagnarola| Sposi da 55 anni
Sabato 6 settembre i coniugi Piero Zoffoli e Agostina Casalboni festeggiano 55
anni di matrimonio. La famiglia intera li abbraccia affettuosamente e li
ringrazia per il dono della vita, dellamore e della grande fede in Dio
testimoniata quotidianamente. I figli Damiano, Lucia, Adamo, Fabiola, Elena, i
generi, le nuore. Con loro, i 14 nipoti, motivo di gioia per i nonni.
Accademia 49 | Ripresa attivit
Accademia 49 e Bcc Sala di Cesenatico per larte, la musica e la danza. Lassociazione
costituita due anni fa da 9 soci ha iniziato a lavorare a pieno ritmo. Lo scopo
dellassociazione quello di promuovere attivit culturali, artistiche, ricreative, sportive e
servizi vari, tramite leffettuazione di corsi e simili. Presidente Alessandro Medri. Nelle
scorse settimane si svolto il saggio finale, mentre il 15 settembre ripartono i corsi con
alcune novit, tra cui "Balla con mamma e pap" e una forma innovativa di yoga.
Gioved 4 settembre 2014 17 Valle del Savio
Saiaccio: dopo i lavori
riapre la chiesa
rande festa, domenica 7
settembre, a Saiaccio (comune
di Bagno di Romagna): il
sogno finalmente si
avverato, grazie soprattutto
allimpegno del parroco don Fiorenzo
Castorri. La chiesa di San Marino
Dalmata viene riaperta al culto dopo i
lavori di ristrutturazione che hanno
interessato principalmente il tetto, gli
impianti, il pavimento, le
tinteggiature, il consolidamento della
struttura danneggiata dal terremoto e
dal terreno piuttosto franoso. Gi nel
1923 la chiesa era stata ricostruita
dopo il terremoto del 1919 e a seguito
di eventi franosi. La prima chiesa era
stata costruita a partire dal 1607 e
consacrata nel 1620.
Domenica presieder la Messa il
vescovo Douglas Regattieri, alle 16. A
seguire si terr un grande rinfresco per
tutti.
La parrocchia di Saiaccio, come le
altre della diocesi sarsinate, molto
antica. Abbiamo la prima menzione
nel 1182 quando la chiesa viene
ricordata tra i beni diocesani.
G
Lattuale chiesa, pi grande e bella
della precedente, stata ricostruita
nel 1923 per iniziativa e zelo del
parroco don Attilio del Conte. Il
cimitero stato spostato e ricostruito
nel 1929 nel luogo dove si trova ora.
Nel 1955 il parroco don Enea
Scarpellini ha fatto notevoli lavori alla
Chiesa: ha riparato il tetto, costruito il
nuovo campanile in ferro e rifatto il
pavimento, sistemato linterno e fece
labside. Il parroco canonico Davide
Romagnoli nel 1980 ha smontato il
vecchio altare ricostruendolo secondo
le nuove norme liturgiche e ha
sistemato ex-novo la sacrestia. Nello
stesso anno stata venduta la
canonica. Nel 1688 a Saiaccio vi erano
7 famiglie con 37 persone, nel 1752 8
famiglie con 40 persone, nel 1769 12
famiglie con 42 persone. A Valdagneto
nel 1688 cerano 6 famiglie con 32
abitanti, nel 1752 7 nuclei con 35
residenti, nel 1796 12 famiglie con 42
persone. Nel 1817 nella nuova
parrocchia cerano 19 famiglie e 105
residenti, nel 1913 55 nuclei e 328
persone, nel 1949 412 abitanti con 76
famiglie, nel 1959 37 famiglie con 165
persone. Nel 1987 81 persone con 21
nuclei familiari.
Daniele Bosi
Grazie alla volont
del parroco don Fiorenzo
Castorri ledificio di culto
stato ristrutturato
La messa sar celebrata
alle 16, poi ci sar
il rinfresco
Domenica 7 presiede la messa il vescovo
San Piero, festa di santAntonio
I fedeli della chiesa di San Francesco e i missionari
del Preziosissimo Sangue rinnovano la tradizione
della Festa di santAntonio di Padova, una festa
particolarmente sentita dai francescani dAlto Savio.
Il programma religioso prevede il Triduo di
preparazione, da gioved 4 a sabato 6, con la
celebrazione della Messa alle 8 ed alle 18,30 e
lomelia del padre Francescano Juri Leoni.
Domenica 7, per la Festa del Santo, si celebra la
Messa solenne alle 10. Nel pomeriggio dalle 16 alle
16,30 benedizione dei bimbi, celebrazione della
Messa alle 17, seguita alle 18 dalla processione per
le vie del paese accompagnata dalla Banda Santa
Cecilia. Gli appuntamenti ricreativi prevedono
polenta e musica venerd sera, penne e spettacolo
sabato sera, pizza musica e tombolone domenica
sera con gran nale e spettacolo pirotecnico alle 23.
Alberto Merendi
Ad un anno dalla riapertura, ecco
giunto il giorno della festa alloratorio
dedicato alla Vergine della
Concezione, nella parrocchia di San
Gallicano in Pagno. Dal 2009 la chiesa
era chiusa al culto per linstabilit del
tetto e, dopo anni di lavoro e di
imprevisti, lantico gioiello tornato
alloriginario splendore. Domenica 7
settembre si terr la Messa solenne
alle 16, seguita dalla processione
accompagnata dai canti della Banda di
Sarsina, no al bivio dove si trova una
celletta, sempre dedicata alla Vergine.
Sul sagrato si terr lomelia e il
parroco don Renzo Marini impartir la
benedizione. La banda terr poi un
piccolo concerto, mentre i presenti
potranno gustare il ricco rinfresco
preparato da amici e parrocchiani. In
chiesa sono ancora disponibili alcuni
librettini con la storia delloratorio,
redatti lo scorso anno. Delloratorio
rimangono vari oggetti, oltre
allafresco cinquecentesco, ai quadri e
allancona dellaltar maggiore. (Db)
Pagno
in festa
con Messa,
processione
e rinfresco
Dati turistici
C il solo Comune di Sarsina con andamento
in crescita, per le presenze turistiche del
mese di luglio, anche se i numeri, in cifra
assoluta, sono bassi (+20) e non
compensano certo il calo registrato da
Bagno di Romagna, Mercato Saraceno e
Verghereto (un complessivo -4.538).
Da inizio anno a ne luglio, comunque, il
dato positivo per Bagno di Romagna,
Mercato Saraceno e Sarsina, mentre lunico
Comune in calo Verghereto.
Luglio rappresenta una sorta di inversione di
tendenza per Bagno di Romagna, dopo i
mesi positivi della prima parte del 2014, con
2.824 presenze in meno (-9,40 per cento).
A Verghereto si registrano 1.537 presenze in
meno (-24,69 per cento) ed a Mercato
Saraceno calano di 24 (-11,94 per cento).
A Sarsina le 20 presenze in pi
corrispondonmo ad un +21,51 per cento.
Da inizio anno a ne luglio lunico Comune
col segno meno continua ad essere quello di
Verghereto.
Da inizio anno le presenze complessive a
Bagno di Romagna sono cresciute da 90.335
a 100.481 (+11,23 per cento), con le
presenze di stranieri calate da 4.759 a 4.528
(-4,85 per cento). A Mercato Saraceno sono
passate da 851 a 1.057 (+ 24,21 per cento),
con le presenze di stranieri calate del 12,40
per cento. A Sarsina le presenze crescono da
283 a 354 (+25,09 per cento%), ed anche
qui le presenze di stranieri calano (-9,52 per
cento).
A Verghereto, inne, dallinizio dellanno le
presenze complessive calano da 9.805 a
7.799 (-20,46 per cento) e le presenze di
turisti stranieri scendono (-33,91 per
cento).
Alme
San Piero
Luci da spegnere
Anche la luce del Faro Corzano (quello
vero, naturalmente, non lassociazione)
sembra destinata a spegnersi, quanto
meno dalluna alle 6 di notte.
Le disposizioni dellamministrazione
comunale sul contenimento dei consumi
energetici e lo spegnimento di impianti
della pubblica illuminazione riguardano
anche uno dei simboli sampierani.
Ma oltre ai simboli, il "taglio" colpisce
numerosi impianti e localit abitate.
Le misure assunte dalla Giunta
prevedono "lo spegnimento delle
lampade nei parchi e nelle zone non
adibite a viabilit veicolare" dimezzando
il numero dei punti luce accesi e col
completo spegnimento dalluna alle 6. Si
prevede il completo spegnimento
dalluna alle 6 anche per gli impianti di
pubblica illuminazione, ma rimarranno
normalmente accesi gli impianti "nella
strada provinciale e nelle comunali
principali".
Gioved 4 settembre 2014 18 Solidariet
a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL
(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena
NOTIZIARIO PENSIONATI
Le assemblee
dellarea Cesena Rubicone
Nellarea Cesena Rubicone le assemblee
della Piattaforma unitaria si terranno dal 4
al 19 settembre e sono aperte a tutti. Ecco
il calendario degli appuntamenti:
Previdenza
La legge Monti/Fornero sulle pensioni
stata la pi gigantesca operazione di cassa
fatta sul sistema previdenziale italiano.
Sono stati prelevati nel periodo 2013-2020
circa 80 miliardi di euro come si evince dal
rapporto dellArea Attuariale Inps. Una
manovra economica fatta a danno di
lavoratori e pensionati su un sistema
giudicato sostenibile da tutte le istituzioni
nazionali e internazionali. Interventi che
hanno introdotto elementi di eccessiva
rigidit, generando iniquit e
problematiche che ancora oggi aspettano
una soluzione denitiva. Modiche del
sistema previdenziale che mirano solo a
fare cassa e non considerano le
drammatiche ricadute sociali sono
destinate al fallimento.
Per Cgil Cisl e Uil necessario ripristinare
lequit del sistema, afrontando con
urgenza alcuni dei seguenti problemi:
- TUTELA DEI GIOVANI E ADEGUATEZZA
DELLE PENSIONI. necessario che i
giovani recuperino ducia nel sistema
previdenziale pubblico; perch questo
avvenga bisogna dare garanzie
sulladeguatezza delle pensioni future a chi
svolge lavori saltuari, parasubordinati, con
retribuzioni basse o entrato tardi nel
mercato del lavoro. In particolare devono
essere inseriti elementi correttivi sul
funzionamento del sistema contributivo
che evitino ripercussioni sulle pensioni,
prevedendo un tasso di capitalizzazione
minima contro le svalutazioni e la
revisione dei coefcienti utilizzando il
sistema pro-rata o quello delle coorti. Va
anche radicalmente ripensata la gestione
separata Inps. Devono essere ripristinati
veri meccanismi di solidariet nel sistema
previdenziale, in grado di assicurare un
trattamento pensionistico adeguato e
dignitoso ai pensionati di domani. Inoltre,
necessario che venga esteso e potenziato
il riconoscimento della contribuzione
gurativa a partire dai periodi in cui le
donne e gli uomini si dedicano al lavoro di
cura.
- ESODATI. Il progressivo ampliamento
della platea dei cosiddetti lavoratori
"esodati e salvaguardati" - reso possibile
grazie allazione decisa del sindacato - non
ha ancora risolto il problema di decine di
migliaia di lavoratori e lavoratrici che in
La situazione economica del Paese tuttora caratterizzata dalla crisi, e i sette anni trascorsi hanno
determinato una crescente disoccupazione che ha toccato il 13,6 per cento e la messa a rischio del sistema
produttivo del Paese con la perdita del 25 per cento delle imprese manifatturiere e dei servizi.
Non si esce positivamente dalla crisi se non si determinano investimenti pubblici scorporati dal patto di
stabilit europeo e politiche industriali che facciano ripartire lo sviluppo, la ricerca e linnovazione del nostro
Paese. In questi anni, Cgil Cisl Uil hanno prodotto analisi e proposte sui singoli fattori e sui settori, che
devono trovare nel confronto innanzitutto con tutto il Governo a partire dal Ministero dello Sviluppo
Economico la loro traduzione. Cgil Cisl Uil ritengono che i fattori che bloccano il Paese siano molteplici, per
questo hanno elaborato una proposta di riforma della Pubblica Amministrazione, a partire dal ripristino
della contrattazione e indicato la necessit di ammortizzatori universali e di politiche attive del lavoro.
Un cambiamento vero del nostro Paese deve riguardare, per Cgil Cisl Uil, la Legge sulle pensioni che ha
determinato non solo ingiustizie per lavoratori e lavoratrici e penalizzazioni dei pensionati, ma soprattutto
un blocco del mercato del lavoro e lassenza di un futuro previdenziale per i giovani.
Inoltre, Cgil Cisl Uil ritengono che senza affrontare il nodo dellevasione fiscale sia impossibile determinare la
necessaria riduzione della tassazione sul lavoro e sulle pensioni, oltrech produrre maggiore giustizia fiscale.
In ragione di tutto ci, Cgil Cisl Uil hanno deciso di avviare una forte iniziativa nel Paese sui temi della
previdenza e dellevasione fiscale e di sottoporre queste proposte alle assemblee.
Cgil Cisl Uil sono impegnate nellelaborare una proposta di riforma caratterizzata dalla unicit e
progressivit della tassazione su tutto il reddito e i patrimoni in un nuovo ed equilibrato rapporto tra
tassazione diretta e indiretta. Gli esecutivi di Cgil Cisl Uil, approvano la bozza di piattaforma su previdenza e
fisco, avviano una campagna generalizzata di assemblee in tutti i luoghi di lavoro. Le strutture territoriali e di
categoria sono impegnate a predisporre i calendari, a verbalizzare per ogni assemblea la partecipazione, il
dibattito, il consenso e le proposte. Nei primi venti giorni di settembre si svolgeranno assemblee dei delegati
territoriali e unitarie che determineranno la sintesi della campagna di assemblee. A conclusione delle
assemblee territoriali, gli esecutivi unitari di Cgil Cisl Uil vareranno la piattaforma definitiva.
Piattaforma unitaria su fisco e previdenza
ragione della crisi hanno perso il lavoro e
che per efetto degli ultimi interventi sulle
pensioni si trovano in situazioni di
pesantissima incertezza rispetto al
momento del pensionamento. quindi
urgente trovare una soluzione di carattere
strutturale e denitivo che garantisca a
tutti gli interessati il diritto alla pensione
anche prorogando i termini delle attuali
salvaguardie oltre il 6 gennaio 2015 ed
estendendo larea dei beneciari.
- ACCESSO FLESSIBILE AL
PENSIONAMENTO. Bisogna ripristinare
meccanismi di essibilit nellaccesso alla
pensione a partire dallet minima di 62
anni, oppure attraverso la possibilit di
combinare et e contributi, senza ulteriori
penalizzazioni che sono gi insite nel
sistema contributivo. Restituire ai
lavoratori e alle lavoratrici il diritto di
decidere a quale et andare in pensione.
- RIVALUTAZIONE DELLE PENSIONI. Si
ribadisce la contrariet al blocco della
perequazione delle pensioni. La tutela
del potere delle pensioni un principio
fondamentale del nostro sistema
previdenziale. Lattuale sistema di
indicizzazione insufciente, pertanto
devono essere individuati meccanismi
idonei a compensare adeguatamente la
perdita di valore degli assegni
pensionistici evitandone il progressivo
impoverimento.
onare sangue un gesto molto importante.
un atto di civilt nei confronti della
collettivit, nonch unazione fondamentale
nei confronti della salute pubblica, in
particolare in quei periodi dellanno in cui si registra
una minore disponibilit di donazioni a fronte di una
richiesta di sangue spesso maggiore, come durante i
mesi estivi, quando aumenta lafflusso dei turisti in
Riviera e aumentano purtroppo anche il numero degli
incidenti stradali.
Grazie ai donatori di sangue, nel 2013 si confermata
lautosufficienza del sistema regionale dellEmilia
Romagna ed stato possibile inviare 4.099 unit di
sangue alle regioni che non riescono a soddisfare le
esigenze dei loro servizi. Ma c sempre bisogno di
nuovi donatori.
A questo proposito la Medicina Trasfusionale di
Cesena, in collaborazione con lassociazione Avis di
Cesena, ricorda a tutti i cittadini quanto sia
importante avvicinarsi alla donazione di sangue.
Avere una base estesa di donatori consente di
pianificare la raccolta tenendo conto delle reali
necessit, permettendo un uso migliore del sangue e
dei suoi derivati, dichiara la dottoressa Rita
Santarelli, direttore dellOfficina Trasfusionale e
Medicina Trasfusionale. Negli ultimi mesi si
registrata una leggera flessione nel numero delle
donazioni di sangue nel territorio cesenate. Le
donazioni effettuate nei primi sette mesi del 2014
sono state 5.614 contro le 5.742 del 2013. Questo
decremento, se pure modesto, richieder una
valutazione attenta in quanto siamo convinti che non
si tratti di una semplice disaffezione dei donatori
verso la donazione, bens temiamo che celi in s la
difficolt di assentarsi dal lavoro in unepoca di
profonda crisi economica. A dimostrazione di ci il
numero dei donatori iscritti (6.352) non risulta
diminuito.
Grazie alle innovazioni tecnologiche - continua la
dottoressa Santarelli - e grazie allimportante lavoro
dei clinici, si ridotto nei primi sette mesi del 2014
lutilizzo di sangue, di circa 128 unit rispetto allo
stesso periodo del 2013 (4.016 unit contro le 4.155
dellanno precedente). Tuttavia si registrano momenti
di difficolt per carenza momentanea di singoli gruppi
sanguigni.
A fronte di un calo delle donazioni, per, si registrato
un orientamento sempre pi marcato verso una
raccolta di sangue basata sulla programmazione,
facendo meno ricorso alla raccolta di sangue intero e
prestando pi attenzione alla raccolta di
emocomponenti (in particolare il plasma, da cui
vengono ricavati farmaci salvavita).
Questo anche a livello regionale: nel 2013 sono
aumentati nel territorio emiliano romagnolo i
donatori complessivi di emocomponenti, al 31/12
risultano 26.652 contro i 24.885 del 2012, ed quindi
cresciuta in maniera significativa (+8 per cento) la
raccolta di plasma e piastrine: nel corso dellanno
sono state raccolte quasi 64 mila unit di
emocomponenti, contro le circa 59mila dellanno
precedente.
Oggi la richiesta di sangue sempre pi mirata, cos
come quella di plasma e piastrine, conclude la
dottoressa Santarelli. Per gestire al meglio la
disponibilit di sangue derivati, evitando sia le
carenze che le eccedenze, le associazioni dei donatori
in tutto il territorio regionale si stanno sempre pi
orientando verso una pianificazione della raccolta in
base alleffettivo fabbisogno del sistema e verso
donazioni mirate in base al gruppo sanguigno. LAvis
di Cesena attualmente impegnata a contattare
telefonicamente tutti i donatori abituali ritardatari di
gruppo O (sia positivo che negativo) e A (sia positivo
che negativo) per invitarli alla donazione. Ricordiamo
perci a tutti i donatori ritardatari di contattarci per
fissare un appuntamento per la donazione e invitiamo
tutti i cittadini che siano in grado di farlo ad
avvicinarsi a questo piccolo gesto di solidariet, che
pu essere determinante per salvare vite umane.
Chi interessato a diventare donatore di sangue o
semplicemente a ricevere informazioni pu telefonare
ai numeri 0547/613193 (Avis) e 0547 352920 (Medicina
Trasfusionale ospedale Bufalini) o visitare i siti
internet www.aviscesena.it e www.saluter.it/sangue.
D
LINVITO DELLAUSL DI CESENA
Sangue e derivati: pianificazione della raccolta
sulleffettivo fabbisogno del sistema e donazioni mirate
in base al gruppo sanguigno.
Negli ultimi mesi si registrata una leggera flessione
nel numero delle donazioni di sangue nel territorio
cesenate. Rita Santarelli: Un decremento, se pure
modesto, richieder una valutazione attenta in quanto
siamo convinti che non si tratti di una semplice
disaffezione dei donatori, bens temiamo che celi in s
la difficolt di assentarsi dal lavoro in unepoca
di profonda crisi economica
Donazioni
mirate
Il centro
assicurato
Gioved 4 settembre 2014 19 Cultura&Spettacoli
Cinema
di Filippo Cappelli
Multisala Aladdin Cesena
MUD - di Jeff Nichols
Finalmente la distribuzione italiana, con
enorme ritardo rispetto agli altri Paesi, ha de-
ciso di portare nelle sale italiane Mud, film
del 2012 interpretato da Matthew McConau-
ghey. Per convincerla serviva un Oscar, oltre al
periodo propizio (che tradotto in italiano
lestate, stagione che sdogana di tutto e di pi
almeno sul grande schermo). Un film da non
perdere.
La trama: Ellis un quattordicenne che vive in
una casa sul fiume di un piccolo paesino
dellArkansas, con mamma e il pap pesca-
tore. Il suo migliore amico, coetaneo, Neck-
bone, orfano di genitori, che vive con lo zio.
Un giorno i due ragazzi si recano con la barca
di Ellis su unisola deserta al centro del corso
dacqua, dove trovano un motoscafo abban-
donato incastrato tra i rami di un albero, e vor-
rebbero trasformarlo nel loro rifugio segreto.
Ma limbarcazione non disabitata, bens
lunico luogo di rifugio di uno strano indivi-
duo, Mud, che intende utilizzare la barca per
partire con la sua amata, Jupiter, donna in
fuga da un passato crudele. I due giovani, dap-
prima dubbiosi, decidono di aiutare Mud nella
sua impresa, divenendo suoi amici. Ma
luomo ha dei segreti da nascondere...
C davvero tanta carne al fuoco nel film di Ni-
chols. Lamore impossibile che fa star male, la
ballata leggera e partecipata del romanzo di
formazione, il rapporto padre e figlio, il biso-
gno di avvicinarsi allet adulta credendo in
un amore vero.
Realistica eppure poetica storia fra Stand by
Me e Mark Twain, Mud un bel film profon-
damente romantico, di cui si ricorder una
delle pi intense e sobrie scene di addio mai
viste. Il giovane Ellis non un illuso, ma un
adolescente che vuole capire e credere, nel-
lamore e nella vita. Ma attorno a lui il mondo
cade: da una parte messo a dura prova dal-
limminente divorzio dei genitori, dallaltra
trova nella figura di Mud una sorta di
amico/maestro, un reietto costretto dagli
eventi a una continua fuga, nella ricerca esa-
sperata di coronare il suo sogno di amore. Ma
anche la storia di un uomo oppresso dal
proprio passato, novello Robinson Crusoe in
attesa di unancora di salvezza, che trova nel-
lamicizia sincera di due ragazzini un aiuto in-
sperato, a dargli ancora forza per lottare.
Avvincente nella rocambolesca e intensa spa-
ratoria finale, esagerata ma con cognizione di
causa, Mud unopera ricca di pathos emo-
tivo, di potenti scene madri (fra tutte: il saluto
daddio silenzioso di Mud e Jupiter, linquadra-
tura conclusiva, la disperata corsa in moto), un
racconto delle fragilit umane, dellimpossibi-
lit di cambiare un destino prefissato, un viag-
gio energico e metaforico (la barca sullalbero)
di una figura burbera e tenera al contempo,
per cui facile provare empatia e per la quale
viene spontaneo schierarsi. Nota finale, ma
fondamentale, sulle interpretazioni: il cast
assolutamente in stato di grazia. Splendida-
mente interpretato, oltre che da McConau-
ghey, dal giovane Tye Sheridan, il ragazzo
smarrito nellimperfezione del mondo degli
adulti, che sbagliano, falliscono, mentono e in-
tanto non insegnano, non proteggono.
alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
PENSIERI IMPROVVISI
CON ULTIMI PENSIERI
Andrej Sinjavskij (Abram Terz)
a cura di Sergio Rapetti
Piemme Edizioni, Milano 2013 - 10 euro
Leditrice Jaca Book ha ripubblicato i Pensieri improvvisi
di Andrej Sinjavskij con laggiunta di Ultimi pensieri,
inediti in Italia.
Lautore fu arrestato dai membri della polizia segreta russa l8
settembre 1965 con laccusa di avere pubblicato allestero opere
letterarie con lo pseudonimo di Abram Terz ed stato
condannato il 14 febbraio 1966 allinternamento in campo di
lavoro correzionale a regime duro per sette anni. In una lettera
alleditore dell8 maggio 1976 pubblicata allinizio di questo
libro, lo stesso Sinjavskij spiega: I Pensieri improvvisi, privi di
disegno e sforzo compositivo, ma piuttosto appunti occasionali
poi riuniti insieme, si riferiscono al periodo in cui aspettavo
larresto, sopraggiunto infine nel 1965. Sentendo che il cerchio
si andava sempre pi stringendo, e non avendo sottomano
nullaltro di altrettanto conveniente, raccolsi questi foglietti
insieme e li inviai confidenzialmente in Occidente. Come avevo
chiesto al mio fiduciario, il libro venne pubblicato soltanto
dopo la mia condanna. Lintendimento fu di lasciare di me
stesso, di Abram Terz, almeno questi rapidi appunti, capaci di
definire i punti estremi della mia coscienza, quasi le sue
coordinate, quelle coordinate entro le quali ero vissuto e
avevo lavorato fino al momento dellarresto. Rileggendo
ora i Pensieri improvvisi trovo che prima di ogni altra
cosa essi siano una ricerca spasmodica dellaria per
respirare. Qualcosa come gli estremi tentativi di un uomo
per dire fino in fondo ci che non ha detto in vita.
Fra i Pensieri improvvisi uno dei pi significativi :
Non bisogna credere per tradizione, per paura della
morte oppure per mettere le mani avanti. O perch c
qualcuno che comanda e incute timore, oppure ancora
per ragioni umanistiche, per salvarsi e fare loriginale.
Bisogna credere per la semplice ragione che Dio esiste.
Per questo motivo Sinjaskij ci insegna a vivere, partendo
dal seguente presupposto: Smettiamola di insistere
sulluomo. lora di pensare a Dio. Questo pensiero
porta allora a questo perentorio giudizio su noi e sulla
nostra societ: Accumulare denaro. Accumulare
cognizioni ed esperienze. Accumulare letture di libri.
Collezionisti: re della numismatica, ricchi della carta da
caramelle. Accumulare glorie: ancora una poesia, ancora
una parte. Elenchi di donne. Provviste di ammiratori.
Tacche sul calcio del fucile. Accumulare sofferenze:
quanto ho patito, quanto ho subto. Viaggi. Inseguendo
luminose sensazioni. Scoperte, conquiste, aumento
delleconomia. Chi ha accumulato di pi, ritenuto
migliore, pi illustre, pi colto,
pi intelligente, pi popolare. E
in mezzo a tutto questo generale
accumulare: Beati i poveri di
spirito!. Negli Ultimi pensieri
ha scritto: La vita degli uomini
si compone quasi
esclusivamente di reciproche
offese.
Ora lui ha offeso me, ora io lui,
senza neanche essermene accorto. Ne risulta in
tal modo un inestricabile intreccio, che sallarga,
su fino alla storia dei popoli, dove ci si chiarisce
allinfinito quale popolo abbia pi offeso laltro
e viceversa. Cristo ha spezzato lintreccio
dicendo:
Amate coloro che vi odiano (e torner a vostro
vantaggio). Applicandolo alla mia pratica
personale sarei portato a dire: s! Ma non
trovo il tempo, n mi bastano le forze.
interessante per il lettore confrontarsi con
questi pensieri, capaci di fare riflettere. Alcuni
leggendo tali parole potranno ricordare
lincontro pubblico con Sinjaskij fatto al cinema
Jolly di Cesena il 30 marzo 1983, invitato dal
Rotary.
Passeggiate culturali a cura di Gabriele Papi
Nella Cesena che non taspetti
on il mese di settembre ritor-
nano le passeggiate "Cesena
che non taspetti. Un modo
nuovo di vedere la citt", condotte
dal giornalista Gabriele Papi.
Istruzioni per luso: appuntamento,
per ogni iniziativa, alle 17,45 davanti
lUfficio Turistico (Iat) sotto i portici
del Municipio, in piazza del Popolo a
Cesena. Prenotazione obbligatoria
presso il medesimo ufficio, "ticket",
quasi simbolico, di 2 euro a testa,
massimo 30 persone per non disper-
dere il carattere di interazione tra il
racconto e la partecipazione dei pre-
senti, peculiarit di questa esperien-
za. Durata: sino alle 19.
A condurre le passeggiate sar ancora
una volta Gabriele Papi, ideatore
delliniziativa nata per aiutare
i cesenati a vedere la loro
citt in modo nuovo.
Quattro gli appuntamenti del nuovo
ciclo.
Si comincia venerd 5 settembre con
"Il cimitero dei condannati a morte
di fianco alla Biblioteca Malatestiana
ed esecuzioni capitali in citt": un
viaggio sorprendente nel cuore nero
della nostra civilt.
A seguire, venerd 19 settembre: "Il
giardino di casa Bagioli: un altro tem-
po, un altro luogo": storie non sem-
pre conosciute, tra arte, musica, cul-
tura e suggestioni.
Venerd 26 settembre: "Briganti cese-
nati della banda del Passatore": storie
cosiddette minori della Romagna che
non taspetti, fuor dalla oleografia.
Seguir (in data da definire) la secon-
da edizione di Truffe e amori di Casa-
nova a Cesena.
C
Domenica 7 settembre
Alle sorgenti dellUrgn,
24esima Festa campestre
a 24esima festa campestre Alle sorgenti dellUrgn
si terr domenica 7 settembre al cippo del passo dei
Meloni, a Bagnolo di Sogliano.
Il programma parte alle 15 con lincontro fra le
comunit romagnola e sarda con omaggio oreale alla
celletta della Madonna del Rubicone. Dopo i saluti di
Rino Zofoli, presidente dellassociazione Pro Rubicone,
interverranno i sindaci del territorio e il sottosegretario
della Presidenza del Consiglio Sandro Gozi, originario di
Sogliano. A seguire, rievocazione storica e geograca
del passaggio del fronte di guerra. Due personaggi
emeriti riceveranno il premio Urgonauta 2014;
premiazione di poesie e testi del concorso
Urgonautiche. Lassociazione Rover Joe si occuper
del raduno e della slata di mezzi storici. Previste
mostre di materiali bellici trasformati in oggetto di uso
domestico, cimeli di guerra e libri sul passaggio del
fronte. Lesperto Fiorenzo Montalti allestir la mostra
didattica di aratura e semina negli anni 50. La musica
sar quella tradizionale/itinerante de E gorg scur.
Vino e ciambella per tutti. A disposizione un servizio
navetta dalla celletta di Serra di Bagnolo.
Per info: 335 6840451.
L
Agostino Venanzio Reali
Nei viali dellanima
el 2014 ricorre il ventennale della
morte di padre Agostino Venanzio
Reali (Sogliano al Rubicone, 27
agosto 1931 - Bologna, 25 marzo 1994),
poeta scultore e pittore, biblista e teologo,
originario di Montetiffi, piccola frazione
di Sogliano al Rubicone.
Fu poeta delle cose, dellamore e della
vita e la sua poesia si manifesta anche
nellopera figurativa, copiosa e non
ancora compiutamente catalogata, che
trova finalmente la sua collocazione in
una mostra che unisce autore e
spettatore attraverso il comune codice
del silenzio, della memoria e del dolore.
Poesia visivo-visionaria, pittura che
evoca la parola, musica del segno, fedele
alla tradizione, ma innovativa nelle forme
espressive, la sua straordinaria polifonia
scaturisce dallimmaginario biblico nella
trama della vita ordinaria, comunicando
emotivamente visioni, intuizioni, sintesi.
Sabato 6 settembre alle 16.30, nel teatro
comunale Elisabetta Turroni di
Sogliano al Rubicone si terr
linaugurazione della mostra, con una
relazione del professore Giuseppe
Gardini. Uno splendido catalogo, curato
N
da Emanuela Bagattoni e paolo Paolo
Grasselli, accompagner la visita
documentando i contenuti dei percorsi
espositivi con interventi critici inediti, una
significativa antologia critica, testi poetici
di padre Venanzio.
Il percorso espositivo conduce il visitatore
attraverso tre tappe che lo portano altres
ad esplorare e conoscere il territorio del
Comune di Sogliano al Rubicone: il
Palazzo della Cultura di Sogliano, che
ospita due importanti cicli pittorici: la
Creazione e la Via Crucis della chiesa
parrocchiale di SantAnna di Men
(Castagnano, Verona), esposta per la
prima volta allinterno di una mostra
monografica; la chiesa di San Paolo in
Ponte Uso, allinterno della quale si trova
un Crocifisso ligneo ivi collocato la
domenica delle Palme del 1965; il Museo
Agostino Venanzio Reali di Montetiffi,
ubicato nella canonica dellantica Pieve di
San Leonardo, allinterno del quale, oltre
alla collezione permanente, esposto il
ciclo della Via Crucis conservato
allinterno del Convento dei Cappuccini
di Ravenna.
La mostra rester aperta dal 6 settembre al
14 dicembre nei seguenti orari di
apertura: sabato e domenica dalle 15,30
alle 18,30, o anche in altri orari per visite
di gruppo su richiesta. Su richiesta anche
per la chiesa di Ponte Uso. Lingresso
libero.
Per informazioni e prenotazioni rivolgersi
allUfficio Turistico, 335 6097313.
Il percorso espositivo
conduce il visitatore attraverso
tre tappe che lo portano
ad esplorare e conoscere
il territorio del Comune
di Sogliano al Rubicone
Dal 6 settembre a Sogliano sul Rubicone un itinerario
nell'opera figurativa del biblista e poeta
Gioved 4 settembre 2014 20 Cesena & Comprensorio
Lungo le vie e le piazze del centro di Gam-
bettola, sabato 6 e domenica 7 settembre, ri-
tornano i "vecchi" ricordi, in occasione della
"Mostrascambio" di auto-moto depoca e co-
se del passato, organizzata dallomonimo co-
mitato presieduto da Claudio Canducci. Du-
rante la Mostrascambio il comitato organiz-
zatore effettuer una vendita allasta di alcu-
ni oggetti che possono interessare gli appas-
sionati di collezionismo e cose del passato fra
cui motociclette depoca, vecchi telai di mo-
to, pezzi meccanici, ed altri oggetti di anti-
quariato. Alcuni oggetti sono in buono stato
e quindi gi utilizzabili, mentre altri sono i
classici ferrivecchi ritrovati nelle cantine e nei
capanni delle case coloniche. Lasta si svol-
ger nel pomeriggio di sabato (6 settembre)
nellarea intorno al monumento allo stracci-
vendolo. La partecipazione libera e aperta a
tutti e senza il pagamento di alcun deposito
cauzionale. Alla chiusura dellasta i pezzi sa-
ranno aggiudicati allistante a chi ha presen-
tato lofferta migliore.
"Anche per questa edizione sono state pres-
soch riconfermate le adesioni", afferma Pie-
tro Malzone tesoriere del comitato organiz-
zatore.
Saranno oltre 700 gli espositori provenienti
da diverse regioni italiane e anche da Paesi
europei ed extraeuropei. Anche i bambini di-
venteranno protagonisti nel loro spazio de-
dicato, attorno al Monumento ai Caduti in
piazza Cavour, con giornaletti, bambole, gio-
cattoli e suppellettili donati dai genitori e dai
nonni.
Sulle bancarelle si pu trovare di tutto: mo-
nete e francobolli, santini e vecchie riviste,
grammofoni e dischi in vinile, orologi e mac-
chine da scrivere, pizzi e merletti, antichi
utensili da lavoro e del mondo rurale, divise
militari e vecchi elmetti, antichi giocattoli, va-
sellame e suppelletili, mobili. Ai ricambi di
auto e moto dedicato lintero viale Carduc-
ci sino al piazzale della stazione.
Il programma della manifestazione prevede
sabato 6 settembre alle 10,30 inaugurazione
ufficiale della Mostrascambio con il saluto
delle autorit, seguita dalla visita alle auto e
moto depoca esposte in piazza Foro Boario,
ad alcuni banchi e alle storiche botteghe ar-
tigianali di tele stampate, Bertozzi e Pascuc-
ci.
La Mostrascambio proseguir tutta la gior-
nata, anche in notturna lungo corso Mazzini
e piazza II Risorgimento, fino alle 24. Dome-
nica 7 settembre alle 8,30 in piazza Foro Boa-
rio, ritrovo dei partecipanti e partenza della
27^ edizione del "Zir De Bosc", raduno di au-
to depoca.
Piero Spinosi
Gambettola Sabato 6 e domenica 7 per le vie del centro centinaia di espositori con ricambi e oggetti
Mostrascambio, la roba vecchia piace sempre pi
In via Gramsci torna uno dei maggiori
collezionisti italiani di macchine
per scrivere, Domenico Scarzello
Cesena flash
Rocca in Movimento
Pilates, aerobica e tonicazione tornano
protagonisti degli appuntamenti di Rocca in
Movimento.
Tutti i marted no al 30 settembre, dalle 18
alle 19, nella corte interna della Rocca
Malatestiana, i partecipanti potranno essere
guidati alla scoperta di queste attivit da un
diverso istruttore esperto in queste discipline.
Il 9 settembre tocca a Perfect Gym; Ars
Duellatorum sar protagonista il 16 settembre
mentre il 23 settembre sar il momento di
Just Pilates. Equilibrio chiuder il 30
settembre.
Orari Malatestiana
Fino al 30 settembre la Biblioteca
malatestiana osserver questi orari di
apertura: dal marted al venerd dalle 9 alle
19; il sabato dalle 9 alle 13. Chiusura la
domenica e il luned.
Tartarughe in fiera
A Cesena Fiera a Pievesestina, sabato 6
domenica 7 settembre dalle 9 alle 19, sono in
esposizione tartarughe da tutto il mondo e
carpe Koi. Inoltre sono in mostra bonsai e
piante grasse. Ingresso gratuito per i bambini.
Larte tra la gente
In viale Carducci, lungo la pista ciclopedonale
che va dalla Barriera allincrocio con via
Braschi, sabato 6 settembre dalle 9 alle 12
allestita una mostra organizzata da Adarc,
associazione degli artisti cesenati. Si
potranno ammirare opere di pittori, fotogra
e scultori che le descriveranno al pubblico.
Longiano

3MontiBand in concerto
Al Rio Parco di Budrio domenica 7 settembre
dalle 20,30 terr un concerto la 3MontiBand di
Montiano, diretta da Alessandro Fattori, con le
voci di Valentina, Renato, Chiara, Beatrice e
Alberto. Lassociazione "Corpo bandistico dei
tre Monti" che gestisce a Budrio il centro
giovani "La casa della Creativit", il Comune e
lAuser propongono la serata di musica per far
conoscere le attivit del quartiere.
Cesena

Libri sul Cesena


"Mio glio un fenomeno" (di Fabio Benaglia) e "Ai sem
dlet. Il Cesena in serie A" (libro fotograco di Gian Maria
Zanotti) sono i libri che il Ponte Vecchio presenter
gioved 4 settembre alle 21 in piazza Giovanni Paolo II
davanti alla libreria Giunti. Introduce Roberto Chiesa.
Intervengono, oltre agli autori, il sindaco di Cesena Paolo
Lucchi e lallenatore dei bianconeri Pierpaolo Bisoli. In
caso di pioggia la presentazione si terr dentro alla
libreria.
Cesena

Giovani e opere in mostra


Rimarr visitabile no al 10
settembre, nella Galleria comunale
darte Ex Pescheria, la mostra
collettiva Potere dellarte e
coscienza supercollettiva,
dedicata alle opere dei giovani
artisti. Lesposizione promossa da
Adarc.
Cesena: al Roverella un convegno sullAlzheimer
In occasione della giornata dellAlzheimer che si
celebra in tutto il mondo il 21 settembre, a
Cesena, il 20 settembre, in apertura dellevento,
presso la casa protetta e centro diurno Nuovo
Roverella (via Ancona 290) si terr dalle 15 un
convegno coordinato dal dottor Samorindo Peci,
direttore scientico del Centro di ricerca e
formazione scientica Cerifos, rivolto ai
familiari dei malati di Alzheimer, agli operatori
del settore e a tutti i cittadini che desiderano
conoscere, capire e approfondire la malattia di
Alzheimer.
Saranno dati consigli utili e pratici per
conviverci al meglio, come limportanza di
stabilire una routine quotidiana, di mantenere
sempre aperto un canale di comunicazione con i
malati e, al tempo stesso, come riuscire a
ritagliarsi del tempo da dedicare a se stessi.
Mercato Saraceno

Palio del Saraceno


Avr luogo sabato 6 dalle 19 e domenica 7 settembre
dalle 15,45 la 17esima edizione del Palio del Saraceno.
Una sda tra i cavalieri degli otto "Castelli". In
programma slate di dame e cavalieri in costumi storici
per le vie cittadine, cene medievali, tornei, esibizioni di
sbandieratori, giochi, musiche, gara di arcieri,
Domenica 7 alle 17,30 avr inizio il torneo cavalleresco
allArena dei Tigli. Alle 21 sar consegnato in piazza
Mazzini il Palio al Castello vincitore.
Longiano

Osservando la luna
Notte della Luna a Longiano. Levento in
programma sabato 6 settembre dalle 20,30
presso la corte del Castello malatestiano. La
fondazione Tito Balestra, lassociazione
Astroli Cesenati e lassociazione
Astronomica del Rubicone uniscono le forze
e aderiscono alla International Observe the
Moon Night, una notte dedicata
allosservazione della Luna.
Cesena

Passaggio tra arte e verde


Fino al 7 settembre il vicolo Cesuola e il
vicolo Stalle ospiter la mostra
"Passaggio tra arte e verde" con opere
in bronzo di Leonardo Lucchi e
installazioni di verde temporaneo a
cura di sTreet Italia. Poi continuer
presso lo Studio di piazza del Popolo coi
seguenti orari: dalle 9 alle 12,30 e dalle
17,30 alle 20.
Bagno di Romagna

Incontri culturali
Continua al Palazzo del Capitano il ciclo di
conferenze "Tra Cielo e Terra" giunto alla V
edizione con relatori che accompagnano ad
antiche civilt, nelle meraviglie delluniverso
e in grandi paesi. Gioved 4 settembre alle 21
Boris Ricci parler di "Un viaggio in Bolivia
nello spazio di una canzone". Gioved 11 alle
21 Daniele Biella far conoscere il Giappone.
Cesena

Esami gas tossici


Vanno presentate entro il 20 settembre al
Comune di Cesena le domande di
ammissione agli esami per conseguire
labilitazione allimpiego dei gas tossici. Si
terranno nel periodo ottobre-novembre a
Bologna. Per informazioni telefonare allo
0547 356345.
Apre a Cesena la prima scuola di calcio
"FootbalLab". Si tratta di una scuola di
tecnica individuale per bambini e bambine
dai 5 ai 18 anni. Lopen day previsto per
sabato 9 settembre presso i campi del
centro sportivo Kick Of di Villachiaviche
(dalle 10 alle 18), con possibilit di prove
Cesena: una scuola calcio
che privilegia la tecnica individuale
gratuite e prendere conoscenza delle
strutture e delle metodologie utilizzate.
FootbalLab nasce nel torinese circa 10 anni
fa e oggi in Piemonte vanta tre sedi: san
Gillio, Settimo Torinese, e Torino. Ad
esportarla in Romagna Michele Salafrica,
di San Piero in Bagno, con un passato nei
campionati professionistici di Lombardia,
Liguria e Piemonte. Salafrica entra in uno
staf di professionisti che comprende anche
Rita Guarino, ex calciatrice italiana. Un
primo assaggio lo si avuto nel periodo in
cui il Cesena era in ritiro ad Acquapartita.
In quei giorni Salafrica e il suo staf hanno
attivato una sorta di mini camp a cui hanno
partecipato pi di 20 bambini entusiasti.
La scuola avulsa dalle societ di calcio.
"Non vogliamo prenderne il posto - spiega
Salafrica -. I bambini devono sapere che
quando vengono da noi non vanno in una
societ sportiva, ma ad una scuola dove gli
allievi vengono seguiti in maniera
scrupolosa e individuale". Il lavoro si
svolge individualmente o a gruppi al
massimo di quattro persone".
M.Mosc.
Aprir a Cesena
al centro sportivo
Kick off
Open day sabato
6 settembre
dalle 10 alle 18
Cesena

Bruciare ramaglie ora si pu


Cambiano le regole per chi ha esigenza di
bruciare sfalci e residui di potatura. E stata
introdotta la possibilit di raggruppare e
bruciare in piccoli cumuli, e in quantit
giornaliere non superiori a tre metri Steri,
ossia tre metri cubi di materiale accatastato per
ettaro dei materiali vegetali (paglia, sfalci,
potature), purch tali attivit vengano efettuate
sul luogo di produzione.
Gatteo

Telemaco in festa
Nel campo sportivo parrocchiale di
SantAngelo, sabato 6 settembre
dalle 17, si svolger la festa
dellassociazione "Telemaco" nel
suo 15esimo compleanno. In
programma mostre, giochi,
laboratori creativi per i bambini e
musica con Guido Foddis. Lingresso
libero.
Gioved 4 settembre 2014 21 Sport
Sulla sabbia si sfidano
i campioni del futuro
Sui campi allestiti nella spiaggia libera antistante piazza
Costa dal 4 al 7 settembre si svolgono i campionati europei
di beach volley
Cesenatico pronta ad accogliere
nuovamente un grande evento di beach
volley, lo sport pi seguito e praticato dai
tanti frequentatori delle nostre spiagge,
divenuto in epoca recente specialit
olimpica. E lo fa ospitando da gioved 4 a
domenica 7 settembre i Campionati
europei Under 20 della disciplina. Sui
campi allestiti nella spiaggia libera
antistante Piazza Costa, si sfidano le
coppie giovanili europee pi forti, in
ambito maschile e femminile, di quello
che considerato, a ragion veduta, il re
degli sport da spiaggia.
Dopo il grande successo riscosso lo scorso
anno con le finali dei Campionati Italiani,
che hanno portato sugli spalti dello
splendido impianto di Piazza Costa oltre
25.000 spettatori e richiamato lattenzione
dei principali media nazionali, la sabbia di
Cesenatico sar teatro, per la prima volta
in assoluto, di una grande manifestazione
internazionale di questo spettacolare e
divertentissimo sport.
Levento rientra nel programma dei Riviera
beach games 2014 ed organizzato da
Beach volley university, associazione
sportiva con sede a Cesenatico, composta
da tecnici ed atleti di fama nazionale, in
collaborazione con Fipav - Federazione
italiana beach volley - Beach volley 365 e
con il patrocinio del Comune.
A contendersi lambito titolo continentale
di categoria saranno 32 coppie maschili e
32 femminili, in rappresentanza di 32
nazioni, per un totale di 128 atleti e
almeno altrettanti fra accompagnatori,
tecnici e familiari al seguito. Tutte le
partite in calendario si giocheranno da
gioved 4 a domenica 7 settembre, a
partire dalle ore 8.30 per tutta la giornata.
Per loccasione nellarea verranno montati
5 campi di gara, dotati di tribune da oltre
mille posti a sedere, un villaggio
commerciale ed altre strutture destinate a
ospitare numerosi eventi collaterali. Le
finali per il 3 e 4 posto e per il 1 e 2
posto dei Campionati Europei Under 20
sono previste dalle 14 di domenica 7
settembre e andranno in onda sui canali di
Rai Sport, mentre tutti i match in
programma si potranno seguire in diretta
integrale su Laola1.tv, la web TV ufficiale
del beach volley .
"E con grande piacere che accogliamo i
partecipanti ai Campionati europei Under
20 di beach volley maschili e femminili.
Sono particolarmente orgoglioso che
Cesenatico sia stata scelta dalla Cev -
Confdration europenne de volleyball -
come sede per questo importantissimo
evento" sottolinea il sindaco di Cesenatico
Roberto Buda.
Cesena vittorioso
nel derby regionale
l campionato di serie A iniziato
nei migliori dei modi per il
Cesena. Battendo per 1-0 il
Parma nel derby emiliano-
romagnolo, i bianconeri hanno
stabilito un loro piccolo record.
Battendo anche la cabala. Mai infatti
il Cavalluccio Marino aveva sconfitto
lavversario alla prima giornata di
campionato in serie A. Il gol storico
che ha consegnato i tre punti ai
ragazzi allenati di Bisoli stato
siglato dallo spagnolo Rodriguez
(foto) al 38 del primo tempo dopo
un assist al bacio di Brienza, vero e
proprio uomo in pi dello scacchiere
romagnolo. Da segnalare anche
lesordio nella massima serie per il
capitano Beppe De Feudis che
assieme ai suoi compagni ha
bloccato con disinvoltura
lavversario di turno scrivendo un
bel capitolo della propria storia in
casacca bianconera.
Con la serie A che partita, c da
registrare gi la prima sosta di
campionato. Il prossimo week-end
infatti non si giocher per
I
permettere alla nazionale di Conte di
prepararsi alle qualificazioni
europee. Il cammino riprender da
Roma contro la Lazio il 14 settembre.
Contro gli aquilotti romani, i
bianconeri non avranno vita facile,
ma dopo lentusiasmo della prima
vittoria nulla vietato alla coriacea
truppa di Bisoli. La Lazio dellex
Parolo reduce dalla pesante
sconfitta col Milan per 3-1 e vorr
rifarsi a tutti i costi davanti al
proprio pubblico. Difficilmente sar
disponibile il nuovo acquisto
colombiano Carbonero di ritorno
dalla tourne con la propria
nazionale.
Il giovanissimo portiere del Cesena
Nicola Leali, (in prestito dalla Juve)
stato convocato nella nazionale
Under 21 di Luigi Di Biagio e luned
mattina partito per il ritiro di
Castel Di Sangro. Proprio il portiere
stato protagonista, nella gara contro
il Parma, di un salvataggio
miracoloso al 92esimo, ipnotizzando
Lucarelli che era a tu per tu con
lestremo difensore bianconero.
Da segnalare che anche lo sloveno
Luka Krajinc stato convocato dalla
under 21 del proprio paese, mentre il
giovane Yabr stato selezionato dal
Burkina Faso.
Eric Malatesta
Dopo la pausa
del campionato
per gli impegni
della Nazionale
i bianconeri giocano
a Roma contro la Lazio
Calcio serie AParma battuto 1-0
Longiano
2xBene, tutto pronto
Fervono i preparativi a Longiano per la
quattordicesima edizione della "2 x Bene",
la manifestazione che unisce sport,
volontariato e benecenza. Si svolger
sabato 20 e domenica 21 settembre.
A organizzarla il Panathlon club di Cesena
in collaborazione con la societ ciclistica
"Fausto Coppi" di Cesenatico.
La manifestazione, che ha per regista
lavvocato Roberto Landi, prender il via
sabato 20 alle 20,30 con una serata di
musica e spettacolo al teatro Petrella,
durante la quale sar conferito il
dodicesimo premio alla carriera sportiva
"Citt di Longiano". La serata sar
condotta dal giornalista sportivo Giorgio
Martino. Il riconoscimento andr a Stefano
Garzelli, classe 1973 e vincitore del Giro
dItalia nel 2000.
Come ogni anno, il clou dellevento sar la
crono-coppia ciclistica beneca "Lui e Lei"
con partenza da piazza Tre Martiri alle
14,45 di domenica 21 settembre. Le
iscrizioni saranno aperte no alle 13 di
quel giorno. Accanto ai campioni del
ciclismo di ieri e di oggi parteciperanno
una ventina di diversamente abili in
tandem o hanbike.
La gara del pomeriggio sar preceduta alla
mattina dalla "Tutti X bene", mediofondo
beneca valida come prova del campionato
Acsi, mentre non si terr la tradizionale
corsa podistica.
Lintero ricavato della manifestazione sar
devoluto alla comunit terapeutica "San
Luigi" di Balignano, alla Caritas di
Longiano e alla casa famiglia "Papa
Giovanni XIII" di Santa Paola
(Roncofreddo).
Matteo Venturi
Anche in serie D tempo di ripartire. Il
Romagna Centro di Martorano pron-
to a iniziare la sua seconda stagione
calcistica in D, campionato divenuto la
quarta serie nazionale in seguito alle
riforme della Lega Pro unica. Per i
biancazzurri una stagione nella quale
si cercano riconferme dopo il brillante
cammino dello scorso anno, che vide i
ragazzi allenati da Filippo Medri giun-
gere al quinto posto in classifica. Si ri-
parte da Abano Terme dove "la Marto-
ra" sar impegnata domenica 7 set-
tembre. Di fronte ci sar lAbano, una
delle due formazioni della stazione ter-
male padovana (laltra il Thermal).
Una squadra fresca di promozione dal-
lEccellenza veneta che non va assolu-
tamente presa sotto gamba. Dopo il
turno vittorioso di Coppa Italia di serie
D giocato luned 1 settembre al Ma-
nuzzi contro la Virtus di Castelfranco
Emilia, ecco il secondo impegno uffi-
ciale per la formazione del presidente
Daniele Martini. Una formazione che
ha visto, come sempre accade, parten-
ze a arrivi. Tra le partenze di spicco ci
sono state quelle di Nicolini al Raven-
na, Roccati al Progresso Bologna e Car-
nesecchi allImolese, mentre il rinno-
vato parco giocatori pu ora contare,
tra gli altri, su Ridolfi dalla Clodiense,
Saporetti, Maioli e Tamburini dal San-
tarcangelo, Ahmetovic e Nicholas Arri-
goni dalla Primavera del Cesena, Gre-
gorio dal Teramo e Pieri dalla Vis Pesa-
ro. Avvicendamenti ci sono stati anche
in seno alla societ di Via Calcinaro,
dove lex direttore generale Cristian
Castorri , ora assessore allo sport e al-
la cultura del Comune di Cesena, ha
ceduto il testimone allex calciatore ce-
senate anni 80 Antonio Genzano, che
veste anche i panni del direttore spor-
tivo. La riconferma pi gettonata sta-
ta quella del mister: Filippo Medri , che
nello scorso torneo di serie D ha esor-
dito alla grande dispensando bel gioco
e tenendo fortemente insieme tutto il
gruppo biancazzurro. Il campo di gio-
co sar quello del Manuzzi, dove an-
che questanno i ragazzi in casacca
biancazzurra si cimenteranno con av-
versari tosti e sempre pi agguerriti.
Basti pensare che tra le 20 squadre ap-
partenenti al girone D figurano nobili
decadute come Rimini e Piacenza,
senza dimenticare il Bellaria, i piacen-
tini del Fiorenzuola e lImolese.
Em
Calcio serie D
Il Romagna Centro si appresta a disputare
un torneo insidioso in cui cerca conferme
Il Martorano calca ancora il "Manuzzi"
(Pippofoto)
Da sinistra Genzano, Martini e Medri
Gioved 4 settembre 2014 22 Sport Csi
Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano
Comitato di Cesena
Csi story| Il Centro sportivo di ieri e di oggi
CAMPIONATO CALCIO DILETTANTI: La foto relativa alla Pol. 2000 Bar Rinascita, che partecip al girone A della serie B nel campionato di calcio
dilettanti disputatosi nella stagione sportiva 2004/05.

LOSPORT FARIMACONSCUOLA
er un intero anno attivit
scolastica e attivit
sportiva vanno avanti,
ciascuna secondo i suoi ritmi e
percorsi, sempre comunque alla
ricerca di buoni risultati e
migliori prestazioni, fino al
traguardo finale.
Anno scolastico e stagione
sportiva partono insieme,
procedono insieme, insieme
scandiscono attese, successi e
sconfitte dei ragazzi e delle loro
famiglie; insieme si concludono
alle soglie dellestate.
Pur nella loro autonomia,
scuola e sport hanno molto in
comune, sostiene Massimo
Achini, presidente nazionale del
Csi. Condividono logica e
obiettivi, puntando entrambi a
sollecitare il giovane a dare,
apprendere, migliorare, dare il
meglio di s, sviluppare le sue
qualit e andare il pi lontano
possibile. Sport e scuola si
basano sul rispetto delle regole,
sul confronto leale, sul
riconoscimento dellimpegno e
del merito. Entrambi mettono il
P
ragazzo/a costantemente alla
prova, alzando via via il livello da
superare. Tutto per funziona
finch il ragazzo/a impegnato
sui due fronti (scolastico e
sportivo) consegue buoni
risultati in entrambi.
La convivenza tra scuola e sport
entra tuttavia spesso in crisi
quando i risultati ottenuti su un
versante, di solito quello
scolastico, non sono altrettanto
positivi sullaltro. Quando
limpegno nello studio sembra
essere inferiore alle attese, ecco
scattare nei genitori una
reazione negativa nei confronti
dellimpegno sportivo, quasi
esso ne fosse responsabile. Ci
che era a tutti gli effetti una
positiva alleanza educativa a
favore del ragazzo/a diventa un
confronto tra realt antagoniste,
a scapito il pi delle volte della
pratica sportiva. Di fronte
allinsuccesso nello studio, sport
e scuola vengono cos
considerati avversari e
soprattutto ambiti di valore
differente: la scuola vale pi
dello sport e deve avere la
precedenza.
Spaventati dallinsoddisfacente
esito scolastico ecco dunque i
genitori, con lavallo pi o meno
esplicito dellinsegnante,
accusare lo sport di distrarre e
affaticare il ragazzo/a. Ne segue
in molti casi un uso educativo
distorto dello sport, che diventa
Crea nuove opportunit per coltivare autostima,
trasversale e trasferibile da un contesto di vita a un altro
a seconda dei casi un premio o
un divieto in funzione
dellapplicazione nello studio,
commenta a tal proposito il
presidente nazionale Csi.
Questo modo di agire spesso
retaggio di un approccio
educativo moralistico e
tradizionalista, superato e da
superare, che pesca nel
dualismo mente-corpo e la
convinzione che esista una sola
forma di intelligenza da
coltivare: quella legata ai
concetti. Sappiamo tuttavia che
non cos, ovvero che esistono e
vanno coltivate intelligenze
diverse, non solo quella di tipo
cognitivo, ma anche altre:
lintelligenza emotiva, sociale,
motorio-spaziale, ciascuna
egualmente importante per la
crescita. E soprattutto, scuola e
sport operano entrambe nello
sviluppare lautostima, fiducia in
se stessi e resilienza, ovvero la
capacit di tollerare lo stress e
reagire positivamente a difficolt
e insuccessi. Non ha senso n
particolare efficacia educativa
contrapporre scuola e sport, o
usare luno quale carota per
laltra. Piuttosto, esse
consentono di offrire al
ragazzo/a maggiori opportunit,
percorsi ed esperienze. Lo sport
non solo non distrae dalla
scuola, ma al contrario crea
nuove opportunit di coltivare
autostima, la quale ha di bello il
fatto di essere trasversale e
trasferibile da un contesto di vita
a un altro. Pi occasioni di
sviluppo dellautostima sono
offerte al ragazzo/a, pi sar per
lui possibile utilizzarla in
contesti diversi, conclude
Massimo Achini. La fiducia in se
stessi funziona, infatti, fuori e
dentro dal campo e dallaula.
Il saluto del presidente Luciano Morosi alla ripresa delle attivit Csi
Mettiamoci in gioco con gli altri e con Dio
on chiudetevi in difesa per un
mediocre pareggio, venite in at-
tacco a giocare insieme la nostra
partita, quella del Vangelo. Queste stupende
parole pronunciate dal Capitano emerito
della nostra associazione - papa Francesco, il
7 giugno scorso a Roma - risuonano ancora
forti ed emozionanti nei cuori ciessini. Non
possiamo fare finta di niente! Abbiamo rice-
vuto direttamente dal Papa unesortazione
chiara e tonante che ci deve servire non solo
per iniziare il nuovo anno sportivo con slan-
cio, entusiasmo e positivit, ma deve anche
stimolarci a ricercare sempre pi e sempre
meglio strade nuove, strategie vincenti per
promuovere lo sport come esperienza edu-
cativa. Pertanto non dobbiamo accontentar-
ci di queste vite tiepide mediocremente pa-
reggiate, come diceva il Santo Padre, ma
cercare sempre la vittoria, mettendoci in
gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio
N
di noi stessi. Come fare? Beh, penso che le
strade per inseguire questo obiettivo siano
tante e tutte molto valide. Sta in noi
scoprire e individuare quelle che pi si adat-
tano alle esigenze dei nostri ragazzi che mu-
tano ogni giorno. Cio, se stiamo vicini vera-
mente alle persone che abbiamo da servire,
se davvero ci sforziamo di capire i loro pro-
blemi intessendo con loro un rapporto non
di fornitori di servizi, ma di veri compagni di
viaggio, credo allora che le soluzioni si trovi-
no sempre anche l dove sembra impossibi-
le.
Quindi carissimi, con questi propositi inizia-
mo la nuova stagione sportiva 2014/15 con
fiducia e ottimismo, le caratteristiche di base
che deve avere ogni cristiano, soprattutto
quello impegnato in un fronte non tanto fa-
cile come quello educativo.
Luciano Morosi
presidente Csi Cesena
LUCIANO MOROSI,
PRESIDENTE CSI CESENA
Tornei estivi
Le ultime
competizioni
Tre competizioni hanno chiuso la lunga
attivit estiva dei tornei di calcio, indetti
da varie societ in collaborazione con il
Csi Cesena.
Partiamo innanzitutto dal 24esimo Torneo
notturno di calcio a 5 maschile di Quarto di
Sarsina, organizzato dallassociazione Pro
Loco Lago di Quarto, cui avevano aderito
sei societ: Sacif, Autotrasporti Bragagni,
Bar Romagna, Locanda Giuditta, Fagiolo
dOro e Conad City San Piero. Nel turno di
seminale la Sacif ha scontto per 6 a 4 la
Locanda Giuditta e lAutotrasporti
Bragagni ha piegato col parziale di 7 a 5 la
resistenza del Bar Romagna. La nale del
3 posto ha visto trionfare la Locanda
Giuditta con il punteggio di 5 a 2 ai danni
del Bar Romagna, mentre il successo nale
arriso, solo dopo i calci di rigore,
allAutotrasporti Bragagni, che ha
superato per 10 a 9 la Sacif.
Passiamo ora al 2 Trofeo Dinamo
Rontagnano di calcio a 5 maschile, a cura
del Gruppo culturale Rontagnanese, cui
erano iscritte sei formazioni: il Real
Secchiano, la Palestra Carpediem, il
Riposo Squadra Materasso, la Sant Mary,
la Ciucchini e la Sant Mary Over. La nale
valevole per il 3 posto ha fatto registrare
la nettissima vittoria della Sant Mary Over,
che ha superato per 17 a 1 la Palestra
Carpediem; la prima piazza andata ad
appannaggio del Riposo Squadra
Materasso, che ha scontto agevolmente
(7 a 2), la Ciucchini.
Per quanto riguarda il 7 Trofeo Kick Of,
competizione di calcio a 7 maschile, che ha
visto ladesione di ben 22 formazioni
suddivise in quattro gironi (Punto Gacd
Gambettola, Atletico Partenope, I Fanciulli
di Pascoli, Edi Lembo, Smoker, Cervia Caf,
Del Duca, Gs Carpena, Atletico Brg, Cento
Beach, Ristorante Pizzeria Conca Verde,
Savio Center, Vip, Forest, i Disorganizzati,
Ocktober Fest, Dismano, Demotivati Molli,
Pol. Osservanza, Asd Pieve Acquedotto,
Chi Burdel Dal Ciavghi) la nale dei
playout ha visto la vittoria per 3 a 1 del
Forest a spese dellAtletico Brg, mentre
nella nale dei playof lOcktober Fest,
superando di misura (3 a 2), lUs Chi
Burdel dal Ciavghi, si aggiudicato il
successo nale della competizione.
Gioved 4 settembre 2014 23 Pagina Aperta
Resta ancora interrotto il ponte sulla via Mare tra Bulgarn
e Sala. Non sono pochi i disagi per i cittadini
C
aro direttore, tramite il Corriere
Cesenate avrei una domanda da porre
allAmministrazione comunale di
Cesena. Quali sono i tempi di ripristino del
ponte situato in via Mare, al confine tra le
frazioni di Bulgarn (Cesena) e Sala
(Cesenatico)? Glielo chiedo perch
linterruzione di quella strada che a un non
conoscitore della zona pu anche apparire
banale, in realt sta causando non pochi
disagi. Prima di tutto il traffico pesante stato
tutto deviato sulla via Pavirana e di
conseguenza dirottato allinterno dellabitato
di Bulgarn. Occorre tenere presente che in
zona sono attive numerose attivit di
allevamento e di lavorazione di frutta e
verdura. Inoltre, noi residenti, siamo costretti a
giri di chilometri per raggiungere la via Staggi
che porta a Gambettola.
Ci siamo gi informati in pi occasioni. A
quanto ci dato sapere, il Comune di

Il direttore risponde
Cesenatico si sarebbe reso disponibile
allintervento. Pi restio sembrerebbe quello di
Cesena.
Grazie dellospitalit e buon lavoro.
Maurizio Pesaresi
Caro Pesaresi, giro la sua domanda al sindaco
Lucchi che comunque ben conosce tutta la
vicenda. Spero arrivi presto una risposta non
solo al giornale, ma anche con fatti concreti.
Noi ne daremo conto con puntualit. Nel
frattempo ricordo ancora le firme consegnate
in Comune a Cesena con la richiesta di una
pista ciclabile fra Bulgarn e Gambettola. Il
neo sindaco di Gambettola, Roberto Sanulli, si
detto disponibile. Si attendono, anche in
questo caso, segnali da palazzo Albornoz.
Speriamo bene.
Saluti cordiali.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it
In memoria di Alfredo Magnani
gigante buono e generoso
Carissimo Alfredo,
le parole in queste circostanze rischiano di non es-
sere adeguate a definire ci che sei stato per Em-
maus e per noi: una bella figura di riferimento. Ci
eravamo abituati troppo bene allidea che Alfredo
bastasse per tutto e per sempre; il dopo spaventava
e il dopo qui, ora.
Sono certo di interpretare i sentimenti di tutti, vo-
lontari e amici, amici di ieri e di oggi, nellespri-
merti pubblicamente la gratitudine per la grande
testimonianza che ci lasci. Il tuo stato un bel-
lesempio di vita vissuta integralmente e total-
LOcchio indiscreto

Nella foto ritratto lascensore del Cubo, sede di due scuole superiori, a Cesena.
Non servono altre parole.
Altre foto sono disponibili su www.corrierecesenate.it
mente alla luce di un ideale cristiano calato nel
reale, cos come te laveva annunciato e propo-
sto don Lino Mancini. Chiss quante volte avrai
ascoltato tra le mura della chiesa di San Dome-
nico quel Vangelo da lui proposto. Quelle parole
cadute sul tuo cuore e penetrate nella tua mente
come gocce sulla pietra hanno scavato il posto
per accogliere quellinvito. Era lui la tua figura di
riferimento, lui la tua luce sulla strada di Dama-
sco. Per capire le ragioni di quella scelta che tu
facesti (e farle conoscere) occorre andare a rileg-
gere come avvenne lincontro con don Lino e il
suo Vangelo della carit. contenuto in quella
lezione magistrale Fondamenti teologici della
carit tenuta il 28 novembre 1996 per quella
che era la Scuola di formazione alla carit del Van-
gelo che avevamo promosso come attivit parallela
a quella del lavoro al Campo. Ebbene, in quel docu-
mento che mi sono ritrovato a rileggere sono conte-
nute le motivazioni delle tue scelte di vita, la nostra
identit, la nostra storia. Forse a quel documento, a
quelle motivazioni che dopo ventanni e pi ab-
biamo bisogno di tornare per ritrovare lentusiasmo
delle origini. So per certo che il richiamo a quelle ori-
gini ti far piacere perch quello il mondo per cui
hai lottato.
Quella lezione di don Lino fatta secondo il suo stile
originale, secco, senza edulcorazioni verbali per non
rovinare il messaggio e col fine provocatorio di scuo-
tere gli animi mette a fuoco il modo di come si possa
declinare il Vangelo della carit in vita quotidiana.
Emmaus una creatura nata da quella sintesi. Em-
maus il luogo dove si esplica la testimonianza, la
gratuit, la concretezza, la continuit. La proposta
che don Lino ti aveva fatto non ammetteva alterna-
tive: prendere o lasciare. Vieni e seguimi, diceva Ges. questa scelta che tu, Al-
fredo, hai saputo fare.
Il miracolo di Emmaus - dice sempre don Lino - che nessuno chiede cosa mi
danno?. Eppure simpiega tempo e fatica, non una cosa facile. Farlo una volta pu
essere semplice e anche divertente, ma seguitare con continuit un miracolo. Tu
Alfredo quale grande miracolo sei stato se per la gratuit e la continuit nel servizio
ti sei privato della tua libert personale per gran parte della tua vita?
Ti allietava vedere la famiglia di Emmaus crescere, da quel nucleo originario di San
Domenico a quel 1994, quando costituimmo lassociazione a livello diocesano su,
su fino alloggi. A tutti sono sicuro che va il tuo ringraziamento. Sei stato un pastore
vigile di quel gregge pronto a stimolare nei momenti di stanchezza. Per te Emmaus
veniva prima e sopra tutte le cose. Anche se il cammino fatto insieme ha incontrato,
come comprensibile che accada, discussioni accese nella ricerca delle soluzioni
dei problemi, ci che ci univa sempre stato pi grande delle difficolt che incon-
travamo.
A te gigante buono e generoso al termine della tua corsa, e dopo aver combattuto
la tua buona battaglia per usare unespressione di san Paolo, il Signore assegner la
palma dei giusti: per questo abbiamo pregato e pregheremo.
Nel cuore di ciascuno di noi, nella memoria collettiva erigeremo per te un monu-
mento di perenne riconoscenza. Per questo gli amici di Emmaus ti salutano non ti
dicono addio. Siamo certi infatti che veglierai sul nostro cammino.
Grazie Alfredo, mille volte grazie.
Gli amici del Campo Emmaus
Pellegrini in Terra Santa| Con don Gian Piero Casadei
FOTO DEL GRUPPO DEL PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA ORGANIZZATO DA DON GIAN PIERO CASADEI,
PARROCO DI SAN GIACOMO IN CESENATICO. La foto stata scattata sul sagrato di fronte al Santo Sepol-
cro venerd 22 agosto dopo la Via Crucis. Il pellegrinaggio si svolto dal 16 al 23 agosto; le preoccupazioni
per le vicine zone di guerra hanno lasciato subito il posto allo stupore di calpestare la terra su cui Dio ha de-
ciso di farsi uomo, constando che il Cristianesimo prima di tutto un fatto capitato nella storia, documenta-
bile e che ci ha raggiunto, con la successione di persone di fede come don Giuseppe Ferretti che ci ha fatto
da guida con la sua profondissima conoscenza dei luoghi santi, delle Sacre Scritture e del mondo ebraico e
come don Gian Piero Casadei che ci ha guidato in un percorso scandito dalla preghiera, dalleucarestia e dal-
le riflessioni sulla memoria dei luoghi in cui ci trovavamo.
Tornati non facciamo che dire a tutti: Bisogna andare in Terra Santa. un viaggio fondamentale per andare
allorigine della nostra fede e comprendere tanto della situazione politica mondiale. (Enrico Benagli)
ALFREDO MAGNANI, 71 ANNI,
DECEDUTO SABATO 23 AGOSTO.
STATO TRA I FONDATORI E
ANIMATORI DEL CAMPO EMMAUS,
A TIPANO DI CESENA
DIOCESI DI CESENA-SARSINA Commissione Gaudium et Spes
CHIESA ORTODOSSA ROMENA
CHIESA CRISTIANA AVVENTISTA 7
O
GIORNO
ore 19 momento conviviale
ore 21 liturgia ecumenica con
monsignor Douglas Regattieri, vescovo di Cesena-Sarsina
padre Silviu Sas, chiesa ortodossa Romena in Italia
Gionatan Breci, pastore Chiesa Cristiana Avventista del 7
O
Giorno
Al termine della Liturgia verr consegnato a ogni famiglia e ai partecipanti singoli una pianticella dulivo,
simbolo del nostro desiderio di costruire la riconciliazione in Cristo
C
C
e
e
s
s
e
e
n
n
a
a
,
,
c
c
o
o
n
n
v
v
e
e
n
n
t
t
o
o
C
C
a
a
p
p
p
p
u
u
c
c
c
c
i
i
n
n
i
i
D
D
o
o
m
m
e
e
n
n
i
i
c
c
a
a
1
1
4
4
s
s
e
e
t
t
t
t
e
e
m
m
b
b
r
r
e
e
2
2
0
0
1
1
4
4
C.I.P. - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2014