Você está na página 1de 92

Testo scansionato da p. Marfi Pavanello SCJ Si prega si segnalare eventuali errori tra questa versione e quella originale del testo stampato. marfi.pavanello@dehoniani.it

Testo scansionato da p. Marfi Pavanello SCJ Si prega si segnalare eventuali errori tra questa versione

AGESCI SENTIERO FEDE vol.1 il progetto - le schede

NUOVA FIORDALISO Roma 1997 ISBN 88-8054-108-0 cm. 15 x 21.5 pagine 153 collana: Orientamenti

ALLE COMUNITÀ CAPI DELL 'AGESCI (IL COMITATO CENTRALE)........................4 PRESENTAZIONE (S.E. MONS. LORENZO CHIARINELLI).............................................5 PER METTERCI IN CAMMINO...............................................................................................7

LA META: EDUCARE ALLA FEDE OGGI.............................................................................8 DAL PUC AL SENTIERO FEDE...............................................................................................9 I COMPAGNI DI VIAGGIO....................................................................................................11

  • 1. DAL METODO ALLO SPIRITO SCOUT...........................................................................12

    • 1.1. IL METODO EDUCATIVO SCOUT: PER QUALE UOMO?...........................................................12

    • 1.2. LO SPIRITO SCOUT, LO STILE SCOUT....................................................................................13

    • 1.3. LEGGE, PROMESSA E MOTTO...............................................................................................15

    • 1.4. LA PROGRESSIONE EDUCATIVA SCOUT................................................................................16

    • 1.5. GIOCO, AVVENTURA, STRADA E SERVIZIO..........................................................................18

  • 2. DAL VANGELO ALLA SPIRITUALITA’ SCOUT............................................................20

    • 2.1. GESÙ SI ACCOSTÒ A LORO…...............................................................................................20

    • 2.2. UNA PAROLA DA ACCOGLIERE, CELEBRARE E VIVERE.......................................................23

    • 2.3. ALLA SCUOLA DELLA BIBBIA E DELLA NATURA.................................................................26

    • 2.4. SPIRITUALITÀ SCOUT: UN MODO ORIGINALE DI ESSERE CRISTIANI.....................................32

  • 3. LA PEDAGOGIA DEI SEGNI E DELL’ESPERIENZA....................................................35

    • 3.1. IL LINGUAGGIO DELLA CATECHESI.....................................................................................35

  • Il valore della comunicazione.....................................................................................36

    • 3.2. ESPERIENZA, SIMBOLO, CONCETTO.....................................................................................37

    L’universo dei simboli....................................................................................................37 Segno e simbolo: due diverse realtà......................................................................38

    L’esperienza......................................................................................................................39

    Il significato, il concetto...............................................................................................40

    Alcuni accorgimenti........................................................................................................41

    • 3.3. SIGNIFICATO UMANO, RELIGIOSO, CRISTIANO.....................................................................41

    Il livello umano................................................................................................................42 Il livello religioso.............................................................................................................43 Il livello cristiano.............................................................................................................44

    • 4. ASK THE BOIS.......................................................................................................................45

      • 4.1. L’ORIZZONTE CULTURALE...................................................................................................46

    Principali chiavi di lettura della società italiana contemporanea.................46

    Alcune caratteristiche del mondo culturale giovanile.......................................48

    • 4.2. CHIAMATI ALLA MATURITÀ DELLA FEDE............................................................................50

    È possibile una scelta religiosa definitiva?............................................................52

    • 4.3. LO SVILUPPO PSICOLOGICO.................................................................................................53

    Lo sviluppo della religiosità in età L/C....................................................................53 Lo sviluppo della religiosità in età E/G...................................................................55 Lo sviluppo della religiosità in età R/S...................................................................57

    5.

    EDUCARE ALLA FEDE NELLE BRANCHE....................................................................58

    • 5.1. TRE BRANCHE, UN SOLO ITINERARIO..................................................................................59

    • 5.2. LUPETTI/COCCINELLE: LA PISTA DELLA GIOIA...................................................................60

    La situazione: nodi e risorse......................................................................................60 Come fare un percorso educativo?..........................................................................61 Strumenti e sussidi........................................................................................................63 5.3.ESPLORATORI/GUIDE: LA FEDE COME AVVENTURA.............................................................64

    L’avventura diventa sentiero fede............................................................................66

    Strumenti e sussidi........................................................................................................69

    • 5.4. ROVER/SCOLTE: DOMANDA DI VITA E SCELTA DI SERVIZIO...............................................70

    La situazione: emergenza giovani...........................................................................70 Una strada per il Regno...............................................................................................71 Strumenti e sussidi........................................................................................................74

    • 6. LE RESPONSABILITA’ DEL CAPO E DELLA COMUNITA’ CAPI.............................76

      • 6.1. LA COMUNITÀ CAPI E LA COMUNITÀ CRISTIANA...............................................................76

      • 6.2. IL CAPO EDUCATORE ALLA FEDE........................................................................................78 Capo catechista.....................................................................................................................79

    Non esistono ricette...............................................................................................................79 Il cuore della formazione permanente...................................................................................79

    • 6.3. IL RUOLO DELLASSISTENTE ECCLESIASTICO......................................................................80

    • 6.4. LA VITA DI FEDE IN COMUNITÀ CAPI...................................................................................82

    • 7. DAL PROGETTO ALLA REALTA’....................................................................................83

      • 7.1. DAL PROGETTO ALLITINERARIO.........................................................................................83

    Le scelte da fare....................................................................................................................85

    Lo spazio della catechesi occasionale...................................................................................86

    • 7.2. ORIENTARSI TRA LE SCHEDE...............................................................................................86

    ALLE COMUNITÀ CAPI DELL 'AGESCI (Il Comitato centrale)

    Un sentiero è come una guida: occorre lasciarsi condurre, seguirlo fedelmente, senza cedere alla tentazione di cercare scorciatoie che li` per lì sembrano più promettenti. Talora

    infatti il sentiero gira e rigira, apparentemente senza motivo, e sembra allungare il cammino verso la vetta, ma prima o poi scopriamo che aveva ragione lui e finiamo per seguirlo quasi con un sentimento di riconoscenza, perché ci ha permesso di avanzare in modo sicuro e con fatica relativa. Il cammino dello scautismo cattolico, iniziato pochi anni dopo le prime esperienze scout di Baden-Powell, è come un sentiero che ha ormai attraversato tutto il XX secolo, arricchendosi lungo la strada di una spiritualità sua propria, che ha alimentato la vita di fede e illuminato le scelte vocazionali di migliaia di giovani, passati dal grande gioco dello scautismo ad una vita di servizio "giocata" nelle più diverse situazioni: dall'impegno quotidiano, familiare e professionale, a quello politico pubblico, fino alla scelta del sacerdozio o del monastero. In particolare il "sentiero" dell'Agesci, dal 1974 ad oggi, ha conosciuto alcune tappe importanti. I primi anni della nuova Associazione furono gli anni della crescita nella coscienza della propria dimensione ecclesiale, confermata dal riconoscimento ricevuto dalla Conferenza Episcopale Italiana. Non erano anni facili, ma portarono l'Agesci ad inserirsi con entusiasmo nel nuovo progetto catechistico della Chiesa italiana, attraverso lo strumento originale e tuttora valido del Progetto unitario di catechesi (1983), dovuto principalmente alla passione e alla competenza catechistica dell'assistente generale P. Giovanni Ballis, s j. (+1996), che vogliamo ricordare con profonda gratitudine. Con quel progetto unitario la comunità capi veniva chiamata alla responsabilità dell'iniziazione cristiana dei ragazzi e dei giovani, mentre tutta l'Associazione, in ciascuna delle sue branche, riceveva un forte impulso a crescere nell'ascolto della Parola, nell'esercizio del sacerdozio battesimale e nella edificazione del regno di Dio. Il convegno "Giona" del 1991 segnò un altro momento significativo di questo orientamento dell'Associazione: alla luce delle 4 Costituzioni conciliari, la scelta associativa di privilegiare la presenza nel territorio e l'inserimento organico nella pastorale della Chiesa particolare, portò i capi a prendere ancor più coscienza della loro responsabilità di essere

    educatori alla fede.

    Ora il sentiero continua, si affaccia all'orizzonte del terzo millennio e si

    presenta di giorno in giorno sempre più impegnativo: l'associazione è cresciuta numericamente; sente la responsabilità per la nuova evangelizzazione che, se riguarda tutta la Chiesa, tocca particolarmente chi si occupa di giovani e di educazione; ai capi viene richiesto perciò di essere più che mai testimoni chiari e credibili, capaci di coniugare un'identità cristiana forte con un altrettanto forte capacità di dialogo e di accoglienza.

    Il "Sentiero fede" è dunque un sentiero che sale ancora e ricorda molto da vicino quel sentiero che i primi discepoli si trovarono a percorrere seguendo Gesù, nella salita da Gerico a Gerusalemme. Avevano attraversato la Galilea e la Samaria, ascoltato le Beatitudini e le parabole, visto le guarigioni e l'entusiasmo della folla; ora però il paesaggio e clima erano mutati, dopo che Gesù aveva presentato la meta verso cui si andava:

    Gerusalemme. Camminavano in silenzio, un po' impauriti, seguendo Gesù che li precedeva (Mc 10,32), lungo il sentiero che supera i circa mille metri di dislivello da Gerico a Gerusalemme silenzio e la fatica vennero interrotti sull'erta del Monte degli ulivi, ormai prossimi alla Città, dalle voci festose e dai canti dei ragazzi di Betfage e dei villaggi vicini, che riuscirono a riportare in tutto il gruppo un clima di gioia e di festa. È questo il nostro augurio per i capi dell'Agesci, chiamati a salire con il Signore fino a Gerusalemme per accompagnare i fratelli più giovani lungo lo stesso cammino: l'augurio di essere sostenuti dal loro canto festoso, che annuncia la presenza del Signore e manifesta l'entusiasmo di coloro che lo seguono con generosità, senza fare calcoli. Con s. Agostino, diciamo loro: canta e cammina.

    Paola Trenti - Andrea Biondi - Presidenti del Comitato Centrale + Arrigo Miglio: Vescovo di Iglesias Assistente Ecclesiastico Generale Aprile 1997

    PRESENTAZIONE (S.E. Mons. Lorenzo Chiarinelli)

    di S.E. Mons. Lorenzo Chiarinelli, Vescovo di Aversa Presidente della Commissione Dottrina della Fede e Catechesi della Conferenza Episcopale Italiana

    Ad un popolo esule in terra straniera viene annunziata la “buona notizia” della libertà: i messaggi corrono con il cuore in festa, le vedette che si scorgono prorompono in grida di gioia. Si rinnova l’esperienza dell’esodo, ha inizio la lunga marcia. Nel faticoso cammino c’è una presenza che dà coraggio, energia, sicurezza: “Davanti a voi cammina il Signore, il Dio di Israele chiude la vostra carovana” (cfr. Is 52,7-12). Questa marcia, che viene da lontano e porta lontano, continua ancora ed ecco che l’Agesci (Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani) individua, organizza e propone il Sentiero fede quale servizio di educazione alla fede nell’orizzonte metodologico che caratterizza l’Associazione. Il progetto organico e coerente, e che sostituisce quello del 1983, presenta una pedagogia della fede che intende tracciare un “sentiero” e accompagnare lungo il suo snodarsi i passi dei giovani d’oggi, in un’esperienza di “route” che coniuga la ferialità della vita con la trascendenza della fede, sempre nuova.

    La dimensione itinerante, infatti, connota profondamente l’esperienza della fede. Il cammino, l’itinerario, il viaggio sono una delle categorie espressive più frequenti del linguaggio rivelato. Ricordiamo Abramo (Gen 12,1); la vicenda dell’esodo (Es 12,37; 13,12); lo stile di vita dei profeti (cfr. 1Re 19,1-8). Credere è abbandonarsi a Dio (Dei Verbum 5) e ciò comporta sempre un esodo, un “uscire” dalla propria angoscia, dalla logica mondana, dalla negatività del peccato per educarsi al pensiero di Cristo (Il rinnovamento della catechesi

    38).

    Sì, proprio in questo “educarsi” a pensare come Cristo, a giudicare, a scegliere e ad amare come Lui, a vivere come Lui consiste l’educazione alla fede, nell’autenticità e totalità delle sue espressioni.

    La fede è esperienza globale

    Le scienze umane insegnano che la persona è unità nella varietà delle sue espressioni e nella molteplicità dei suoi fattori. E persona matura è quella senza dicotomie, senza schizofrenie, senza compartimenti-stagni. La fede, come l’amore, tocca proprio il “mistero” della persona: ne tocca il “cuore”, secondo la terminologia ebraica; la totalità. La fede si colloca non in un settore parziale o aggiuntivo dell’esperienza umana: è un modo d’essere che coinvolge globalmente la persona. “La fede accolta dall’uomo diviene esperienza umana integrale” (RdC 26). In tal senso la fede è seguita e segue l’età, l’educazione, l’ambiente, lo stato di vita. È lievito che fermenta tutta la pasta!

    La fede è esperienza dinamica

    La vita, tutta la vita, è movimento, sviluppo: è orizzonte, è cammino che si snoda con varietà di ritmi e di periodi. La fede non è “al di fuori”, non si colloca “alla periferia”:

    essa si iscrive nelle pieghe dell’esistenza con i suoi dinamismi e i suoi rischi, assumendo tutta la corposità della vita. Non è essa uno “standard”: cammina e cresce con la persona. E la persona umana è libertà: cioè capacità di una risposta rinnovata, di un dono che riscopre incessantemente la sua freschezza.

    La fede è esperienza storica e sociale

    L’uomo è “essere nel tempo”; è storia ed è storicità. L’uomo è “essere-con”: è relazione, è comunione. La fede non è alienazione, migrazione in un “altro mondo” come fuga dalle concrete vicende dell’uomo. La fede non è “individualismo” che risolve nell’intimità tutta la sua ricchezza. La fede è vivere il mistero di Dio nella storia: è camminare in solidarietà e condivisione con l’uomo. È andare verso il Regno, ma facendosi carico, insieme a tutti gli uomini, degli avvenimenti, delle richieste e delle aspirazioni del tempo (cfr. Gaudium et Spes 11). In questo senso la fede è novità mai esaurita: perché l’uomo è essere aperto al futuro. Proprio per questo il documento-base della CEI su Il rinnovamento della catechesi - che il Sentiero fede ha ben presente e al quale felicemente si ispira – sintetizza così il cammino della fede: “Chi, mosso dallo Spirito, si fa attento alla parola di Dio, segue un itinerario di conversione a Lui, di abbandono alla Sua volontà, di conformazione a Cristo, di solidarietà nella Chiesa, di vita nuova nel mondo. È itinerario che può comportare, nello stesso tempo, la letizia dell’incontro e la continua esigenza di ricerca; la compunzione per l’infedeltà e il coraggio per la ripresa; la pace della scoperta e l’ansia di nuove conoscenze, la certezza della verità e il costante bisogno di nuova luce” (RdC 17).

    La catechesi è abilitazione a questa esperienza di fede; è accompagnamento in questo itinerario; è “formazione” del cristiano, secondo la suggestiva espressione di Tertulliano: “Cristiani non si nasce, si diventa”. Ma, allora, la catechesi deve farsi carico contemporaneamente della identità, della verità, della intellegibilità della fede. Dal messaggio che, a proposito di catechesi, ci è stato trasmesso dal Catechismo della Chiesa Cattolica, emerge con chiarezza un dato: la concezione organica della cate-chesi. Il processo catechistico è processo vitale: sia sul piano della pro-posta che su quello della risposta (traditio-redditio); richiede annuncio e dottrina, celebrazione e sacramenti, prassi cristiana e testimonianza. La fedeltà alla divina Rivelazione, la dimensione liturgico- sacramentale, la non separazione dalla cultura e dalla vita, sono essenziali alla catechesi. Ne consegue che ogni autentica catechesi deve educare simultanea-mente alla fede professata, celebrata, vissuta, pregata, per rimanere nella terminologia del Catechismo della Chiesa Cattolica. Deve essere “catechesi per la vita cristiana”, per ritornare al documento-base della CEI.

    Il Sentiero fede, nei suoi densissimi capitoli, esemplifica tale metodologia in forma sistematica e viva, attingendo con competenza e passione educativa a tutte le risorse dell’esperienza scout. Evidentemente il testo non intende esporre anche i “contenuti” catechistici propri di una pedagogia della fede secondo le diverse “età”. Ma per questo ci sono i testi del Catechismo per la vita cristiana della CEI, con la loro collaudata articolazione, alla luce del Catechismo della Chiesa Cattolica. Opportunamente, le schede predisposte per la costruzione di concreti itinerari di fede, rimandano espressamente ai catechismi della Chiesa italiana. Il “sentiero” è aperto. A tutti e a tutte coloro che lo percorreranno (il pensiero corre con affetto innanzitutto alle tre branche: lupetti/coccinelle, esploratori/guide, rover/scolte) e a quanti e a quante - come educatori, assistenti, come capi – si faranno “compagni e compagne di viaggio”, un fervido augurio: lungo il vostro sentiero si ripeta la sconvolgente esperienza che fu dei due discepoli sul sentiero di Emmaus (cfr. Lc 24,13-35).

    “Gesù in persona si accostò e camminava con loro” (Lc 24,15). Egli cammina ancora; ancora dialoga; ancora spiega le Scritture; invita ancora a condividere la mensa! Che ciascuno, lungo il sentiero, senta che il cuore gli arde nel petto e lo riconosca! Allora camminare è una gioia, partecipare la scoperta un bisogno, raccontarla a tutti una festa!

    30 marzo 1996, Pasqua di Risurrezione

    + Lorenzo Chiarinelli

    PER METTERCI IN CAMMINO

    Ogni buon scout, come chiunque sia esperto di avventure all’aria aperta, appassionato

    della montagna, sa preparare tutto il necessario prima di mettersi in cammino. Specie quando ha davanti non una breve passeggiata pomeridiana, ma un cammino lungo, impegnativo e affascinante. Individuata la meta, traccia sulla mappa il percorso da fare,

    mette nello zaino l’occorrente e

    ...

    parte.

    La vita, dell’uomo e ancor più del credente, è un cammino. La strada è una parabola antica, che può essere raccontata e vissuta in maniera sempre nuova nelle diverse età e situazioni della vita. L’incontro con le tracce lasciate da altri uomini, l’essere insieme ai

    fratelli, la scoperta di nuovi orizzonti

    sono tante le esperienze che rendono il cammino

    ... meno faticoso, anzi appassionante e significativo. Soprattutto la scoperta di Dio come compagno di viaggio, spinge a percorrere il sentiero della fede, come quello che solo può portare a vivere il segreto della vita e della felicità: dare la felicità agli altri. Lo ha detto Baden-Powell, ma soprattutto lo ha reso possibile la luce e la forza del vangelo del Signore. La strada conduce a scoprire “la via”: il Signore nato per strada e morto sulla strada per farsi riconoscere come la via della verità e della vita.

    Non stupisca questo modo di entrare in un percorso di catechesi secondo il metodo scout. Il santo padre Giovanni Paolo II ci incoraggia: ”L’incontro dello scautismo con la fede cattolica si è rivelato fecondo come scuola di crescita per cristiani autentici e come fonte di autentica spiritualità. Il vangelo trova significativi riscontri nelle parole-chiave dello scautismo e questo viene a sua volta illuminato e potenziato, quando è praticato nell’esperienza del cammino ecclesiale” 1 .

    Lo scautismo si propone la formazione integrale della persona umana in una prospettiva fondamentalmente religiosa, perché mette a base della vita “la pietà verso Dio, l’amore per il prossimo e l’amore per se stessi in quanto servi di Dio” 2 . Se questi valori profondamente cristiani venissero a mancare, lo scautismo si ridurrebbe a un insieme di tecniche più o meno utili, e sarebbe privo del suo vero valore e di prospettive per il futuro.

    L’Agesci non fa solo una generica scelta cristiana, ma si assume un preciso impegno all’interno della Chiesa, come si afferma nel Patto associativo: “i capi dell’associazione hanno scelto di fare proprio il messaggio di salvezza annunciato da Cristo e ne danno testimonianza secondo la fede che è loro concessa da Dio”. Perciò, in cammino sul Sentiero fede sono innanzitutto le comunità capi, gli educatori laici che, insieme ai sacerdoti assistenti, elaborano localmente la proposta educativa. Ogni comunità capi cerca di vivere come autentica comunità di cristiani, giovani e adulti, che offrono, fra i vari doni

    1 Giovanni Paolo II, Discorso ai lupetti e alle coccinelle dell'Agesci, 24 giugno 1995, n.5, in L'Osservatore Romano del 25 giugno 1995. 2 Baden-Powell R., Suggerimenti per l'educatore scout, Àncora, Milano 1979, p. 81.

    di cui il Signore arricchisce la sua Chiesa, il prezioso servizio dell’educazione, sempre più necessario perché la fede sia accolta e integrata nella vita di ogni uomo.

    Oggi, il servizio educativo dei capi non si limita a valorizzare nella proposta di fede gli elementi caratteristici dello scautismo, ma vuole essere annuncio del vangelo all’interno del mondo giovanile. Infatti, se al ragazzo che viene all’Agesci non viene richiesta una previa professione di fede cristiana, a tutti si propone chiaramente la vita scout anche come cammino di fede, adeguato all’età, vissuto col gruppo dei coetanei, per scoprire e scegliere di seguire il Cristo vivente oggi nella Chiesa. Con questo spirito, mettiamoci in ascolto della proposta contenuta nel Sentiero fede, di cui queste pagine introduttive mostrano ragioni, obiettivi e impostazione.

    LA META: EDUCARE ALLA FEDE OGGI

    La Chiesa è la comunità dei credenti in Cristo, il popolo di quanti hanno accolto la buona notizia della sua venuta, della sua morte e risurrezione, della sua presenza nella storia, per la salvezza degli uomini. La Chiesa è il corpo di Cristo e ogni cristiano, membro di questo corpo, ascolta e pratica la parola di Gesù, e la annuncia ai fratelli, perché cresca il regno di Dio. Non può non evangelizzare (cfr. 1Cor 9,16): specie nel nostro tempo urge un impegno di tutti perché la novità di Cristo venga consegnata alle giovani generazioni e, anche nel futuro, la fede si diffonda e sia bene accolta. In tale prospettiva di evangelizzazione, la catechesi è l’approfondimento sistematico del messaggio del vangelo nel cuore e nella vita degli uomini. Essa mira alla maturazione della fede, della speranza e della carità, lungo itinerari adeguati alle età e alle situazioni di ciascuno. Pertanto, la Chiesa non può non fare catechesi: “La catechesi è compito assolutamente primordiale della missione della Chiesa” 3 , ed ogni attività educativa cristiana deve avere come obiettivo qualificante la catechesi, cioè il raggiungimento di una conoscenza viva e di un’accoglienza personale del messaggio evangelico nella sua genuinità e completezza.

    Se “compito della catechesi è guidare l’itinerario degli uomini alla fede” 4 , è sempre necessario un progetto, un itinerario di iniziazione cristiana, volto alla maturazione della fede e all’assunzione responsabile del proprio battesimo: attraverso l’ascolto della Parola e la graduale introduzione alla vita cristiana nella Chiesa, si costruisce l’unità interiore della persona, intorno ad una visione unitaria della fede, della storia, della vita. Una catechesi “occasionale”, provocata da avvenimenti imprevisti e situazioni particolari, può favorire la percezione della parola di Dio come luce sulla concretezza del vivere umano, ma non offre quella organicità, che è propria sia della rivelazione di Dio che della crescita dell’uomo.

    Sono queste le principali scelte fatte oggi dalla Chiesa italiana, che punta ad una catechesi come itinerario di vita cristiana, teso allo sviluppo di una fede adulta e responsabile. Per questo sono stati realizzati i diversi Catechismi, secondo le linee del medesimo progetto, presentato ne Il rinnovamento della catechesi, già nel 1970. Anche l’Agesci si ispira agli orientamenti di quel testo, nel cercare di aiutare fanciulli, ragazzi e giovani a conoscere Gesù e il suo vangelo, e a decidere per essi, nella grazia della fede.

    Fedeltà a Dio e fedeltà all’uomo: è questa la legge fondamentale dell’educazione cristiana 5 , e la catechesi deve realizzarla per essere veramente efficace. Fedeltà a Dio, significa trasmettere tutta la sua Parola, senza compromessi e senza eccezioni, e fedeltà all’uomo vuol dire rispettarne sensibilità, esigenze e capacità nel suo vivere dentro una

    • 3 Giovanni Paolo II, Catechesi tradendae, 15.

    • 4 CEI, Il rinnovamento della catechesi, 30.

    • 5 CEI, Il rinnovamento della catechesi, 160.

    storia, una realtà e una cultura ben precise. La storia del cristianesimo ricorda che non è facile conciliare queste due fedeltà: accettare l’incarnazione, accettare cioè che l’uomo Gesù di Nazareth, morto crocifisso e risorto, sia veramente Dio e che Dio si sia fatto veramente uomo.

    Perché la catechesi sia fedele all’azione di Dio, è essenziale conoscere il contenuto della rivelazione cristiana, seguendo il cammino della Chiesa che mette in luce “il nuovo e l’antico” con accentuazioni diverse secondo i tempi e i luoghi. È altrettanto necessario essere attenti allo sviluppo dell’uomo, alle svolte della storia determinate da avvenimenti culturali e sociali di grande portata ma anche da fatti meno visibili, sapendo che così si può rivelare il misterioso progetto di Dio.

    Ogni comunità cristiana, ogni parrocchia, ogni associazione, è chiamata ad attuare una catechesi che risponda più direttamente alle esigenze dei destinatari. Una vera catechesi, infatti, per far risuonare il messaggio eterno di Cristo, deve incarnarsi nel proprio contesto, assumendone il linguaggio, i problemi, i valori, le attese. Incarnarsi esige anche coinvolgersi in un’esperienza: catechesi è sempre un incontro con la parola di Dio che è viva, perché è una persona, che suscita sempre nuovi atteggiamenti, rapporti, forme di vita.

    Fare catechesi impegna, perciò, i nostri gruppi a condividere la vita della comunità cristiana, attuando nella quotidianità ciò che si crede e si annuncia, nello stile evangelico che rende testimonianza viva al regno dei cieli e colpisce il cuore degli uomini e delle donne di ogni tempo.

    DAL PUC AL SENTIERO FEDE

    La tensione alla fedeltà a Dio e alla fedeltà all’uomo, essenziale per una vera catechesi e una vera educazione, si realizza con particolare intensità all’interno della vita scout. I cattolici, infatti, riconoscono “nell’educazione fondamentalmente liberatrice proposta dal metodo scout un accesso ai valori del vangelo” 6 . Nel progetto educativo dello scautismo, la crescita della persona, dalla promessa alla partenza, è orientata dall’unico ideale di uomo “preparato a servire nel modo migliore”. La prospettiva del servizio caratterizza un’educazione globale che comprende le varie tappe del divenire umano e le diverse dimensioni in cui si struttura la personalità cristiana.

    Da tempo è maturata nell’Agesci l’esigenza di precisare la propria azione educativa nei confronti della fede, attraverso un progetto in sintonia con le scelte e le iniziative della Chiesa e dell’associazione negli ultimi anni. Dopo una laboriosa gestazione, a cui hanno partecipato anche esperti di varie discipline, capi e assistenti dell’Agesci, è stato pubblicato nel 1983 il Progetto unitario di catechesi (PUC): un documento di lavoro offerto ai capi per la loro opera educativa, affidando al loro genio il compito di tradurre in pratica nei progetti e nelle attività delle singole unità le proposte evidenziate a livello generale.

    Da allora, tutta l’associazione ha sperimentato piste di programmazione unitaria, sviluppando itinerari con tappe e punti di riferimento obbligati. I campi e i cantieri di catechesi, il contatto coi capi nei campi scuola e nei convegni, l’esperienza quotidiana di tantissimi staff hanno rivelato l’esigenza e suggerito la fisionomia di una nuova proposta di lavoro. I convegni Giona del 1991 hanno consentito di verificare le intuizioni ormai divenute patrimonio associativo, e i nodi che restano da sciogliere per un più efficace servizio dell’Agesci nell’educazione alla fede. L’esigenza di progettualità e sistematicità è oggi viva nelle comunità capi che, però,

    6 Carta cattolica dello scautismo e del guidismo, 1.

    mancano spesso di mediazioni adeguate alla proposta cristiana nella metodologia delle diverse branche. Per questo, riscrivendo Il Progetto, a partire dal materiale contenuto nell’edizione del 1983 (ristampata nel 1995), si è cercato di raccontare con maggior

    semplicità e concretezza il modo in cui nasce e si sviluppa una vera spiritualità scout. Diamo uno sguardo, in tal senso, alla concatenazione dei capitoli che seguono:

    Cap. 1: quando i capi sanno applicare in maniera integrale e sapienziale il metodo scout, cogliendone tutta la profondità spirituale, il vasto mondo di valori, la continuità della

    proposta al di là della singola branca

    si apre un sentiero affascinante verso Dio.

    ... Cap. 2: certamente non basta questa iniziale apertura alla religiosità, per quanto influenzata dall’ispirazione cristiana riconoscibile negli scritti di B.-P., ma occorre - particolarmente oggi - un più incisivo annuncio del vangelo, un incontro faccia a faccia con

    Cristo, con la sua Parola da ascoltare, celebrare e vivere per giungere a un modo originale

    • di essere cristiani, appunto, da scout.

    Cap. 3: il linguaggio caratteristico di una catechesi che attinga al meglio del metodo scout, utilizza simbolismo ed esperienza, esplorandone i significati umani, religiosi, cristiani. Cap. 4: è sempre indispensabile entrare in comunicazione con il ragazzo che vive la sua ricerca religiosa qui e ora, ascoltandone le domande, conoscendone i talenti, tenendo conto del suo sviluppo psicologico e dell’influsso della società e della sua cultura. Cap. 5: quasi raccontando la vita quotidiana delle unità scout, possiamo delineare obiettivi e strumenti della catechesi proposta nelle tre branche dell’associazione, stimolando i lettori a riscrivere nella propria situazione itinerari effettivamente percorribili dai ragazzi. Cap. 6: un richiamo necessariamente forte alle responsabilità del capo, dell’assistente ecclesiastico e soprattutto della comunità capi in ordine alla progettazione dell’educazione alla fede e alla formazione permanente dei capi. Cap. 7: un ponte lanciato verso l’uso progettuale e creativo delle schede.

    Sono proprio queste, le schede, la novità più evidente di questa proposta che, alla ricerca di una maggiore praticità, vuoi essere un Sentiero fede da percorrere, esplorare, giocare con assiduità e sempre maggior competenza. Per rispettare il ruolo della singola comunità capi e di ogni staff di unità nella progettazione di cammini di fede, aderenti ai ragazzi e al loro momento di vita e di attività scout, non presentiamo un itinerario standard, ma una serie di strumenti con cui “imparare facendo”, alla maniera del grande gioco scout.

    Le schede sono come esche lanciate all’educatore scout per imparare a ragionare sulle esigenze di una buona catechesi nello scautismo. Sono come “porte di accesso” ai contenuti del progetto, leggendo le quali si è aiutati ad acquisire la mentalità progettuale

    necessaria per costruire validi itinerari catechistici. Sono tante e assai diverse le situazioni da cui emerge l’opportunità di un annuncio; sono tanti i tempi e le esperienze della vita che contengono un messaggio religioso da comprendere e accogliere. Lo scautismo è ricco

    • di segni e attività dalla profonda valenza spirituale. Il capo deve imparare a chiedersi che

    fare, e perché, e quale Parola annunciare e vivere

    Il racconto di un’esperienza, una

    ... sintetica riflessione pedagogica e metodologica, l’indicazione di altre idee che si potrebbero

    attuare nelle diverse branche

    faranno delle schede un utile strumento per la

    ... progettazione della catechesi e per la formazione permanente nello staff e in comunità

    capi.

    Lasciarsi effettivamente guidare dalla colonna di “guida alla progettazione”, non per cercare ricette, ma per attivare un processo di riflessione e ricerca, può rendere i capi sempre più consapevoli delle proprie proposte educative. Saranno frequenti i rimandi a questo Progetto, facilitandone la lettura e l’attualizzazione. Le schede sono state stese con l’aiuto di numerosi collaboratori, e ciò giustifica una certa diversità di linguaggio e di impostazione: sarà una ricchezza piuttosto che un limite, per offrire stimoli alla creatività, senza costringere ad un unico modello di catechesi.

    I COMPAGNI DI VIAGGIO

    I primi chiamati a camminare con noi su questa pista sono tutti i capi e gli assistenti ecclesiastici dell’Agesci, nel loro ruolo di educatori della fede, a servizio della crescita graduale e armonica di lupetti e coccinelle, esploratori e guide, rover e scolte. Con grande stima per il dono di Dio seminato in ogni creatura umana, sapendo che proprio un’autentica e significativa relazione tra ogni ragazzo e il suo capo è il grande veicolo di importanti messaggi per la vita. Sul sentiero di Dio, spesso i piccoli ci precedono, ci tracciano il cammino, a loro dobbiamo assomigliare per entrare nel Regno (cfr. Mt 18,3), loro dobbiamo servire senza scandalizzarli (cfr. Mt 18,6), ma dando loro buona testimonianza. Ogni comunità capi sa che deve inserire nel proprio progetto educativo un programma di educazione cristiana, per dare continuità all’unico cammino di fede, dall’accoglienza nel branco o nel cerchio fino alla partenza. L’azione educativa scout ha, infatti, lo scopo di condurre ogni ragazzo alla maturità della fede, mediante una proposta essenziale e graduale, coerente e continua, ad ampio respiro, in modo da dare spazio ai tempi diversi della libertà di ognuno e della grazia di Dio. Anche nel caso di chi abbandona lungo la strada l’esperienza scout, è comunque utile avergli fatto intravedere una direzione, un progetto dagli orizzonti sempre più vasti. In questo modo, le singole esperienze di fede non saranno separate fra di loro né lasciate alla pura improvvisazione, ma collegate in qualche modo nella singola storia di vita, come esige ogni azione educativa. Oggi si deve dare particolare valore alla partenza della scolta o del rover come gesto carico di responsabilità ed espressivo di un cammino realmente percorso, che apre ad una nuova tappa della vita del giovane. Nella branca rover/scolte l’importanza della partenza impone un più deciso impegno per l’annuncio del vangelo e l’educazione a coerenti scelte di vita, sin dall’ingresso nella comunità R/S. Nelle branche precedenti, questo obiettivo va tenuto presente nella mente dell’educatore come meta finale che esige un lavoro duttile e costante nelle singole tappe.

    Nella Chiesa e con la Chiesa: i capi svolgono il loro servizio di educatori alla fede, partecipando attivamente della missione della Chiesa, impegnata a custodire e trasmettere il messaggio di Cristo. Lo scautismo è un terreno che accoglie questo messaggio dandogli la possibilità di crescere, è un veicolo efficace per comunicare la proposta cristiana: da tempo si parla in tal senso di “parabola scout”. Come ha ricordato il Papa, lo scautismo riceve dalla missione della Chiesa un grande arricchimento, e a sua volta può arricchire la Chiesa con il suo particolare “carisma”. La catechesi nelle associazioni ha una sua specificità rispetto a quella nella famiglia, nella scuola, nella parrocchia, perciò i capi devono cercare la giusta complementarietà fra la proposta di fede offerta dalla chiesa locale e quella attuata nel gruppo scout. Sulla base degli orientamenti contenuti in questo strumento, i capi potranno rendersi conto di quando e come la catechesi parrocchiale ha bisogno di venire integrata nel percorso educativo di ogni singolo ragazzo dell’unità, senza dimenticare le diverse esigenze di fanciulli, ragazzi e giovani che, col crescere dell’età, sono spesso privi di un annuncio cristiano costante ed efficace.

    Uno strumento di formazione, di lavoro, di confronto. Ogni capo deve conoscere il Sentiero fede, non in maniera generica, ma facendone uno dei principali oggetti della propria formazione, soprattutto per capire come impostare organicamente l’educazione alla fede. Anche le schede vanno utilizzate non come comodi sussidi o ricette per la catechesi spicciola, ma come piste per esplorare e applicare l’intero progetto. La comunità capi userà il Sentiero fede come punto di riferimento per formulare il progetto educativo nella parte che riguarda l’educazione religiosa, sia per le idee di fondo

    che per assicurare continuità all’itinerario di fede nelle branche. Lo studio potrà essere approfondito chiamando, in qualche occasione, una persona esperta ad illustrare l’uno o l’altro degli aspetti presentati nel Progetto: da quello teologico, a quello biblico, ecclesiale, psicologico, scout. Anche i capi delle singole unità, nel loro lavoro di staff, potranno trovare in esso stimoli ed esempi per costruire il proprio programma annuale e suggerimenti per i singoli eventi di fede.

    L’educazione religiosa non può essere affare privato di nessun gruppo e tanto meno di singole persone; il messaggio cristiano è universale ed è affidato a tutta la Chiesa. Le singole comunità devono, perciò, comunicarsi il modo con cui attualizzano e propongono il medesimo messaggio. Il Sentiero fede, come in precedenza il PUC, ha anche lo scopo di porre un riferimento fra tutti i gruppi scout e assicurare così un orientamento comune in tutta l’associazione. Si auspica che a livello nazionale, regionale e di zona continui e si sviluppi il lavoro di approfondimento e di incarnazione di questo progetto, per la formazione dei capi quali credenti adulti e catechisti competenti, per preparare sussidi di catechesi che possano anche diffondersi in tutta l’associazione come segno di effettiva condivisione e come spinta dinamica al lavoro di tutti.

    1. DAL METODO ALLO SPIRITO SCOUT

    1.1. Il metodo educativo scout: per quale uomo?

    In ogni processo educativo è indispensabile definire gli obiettivi che esprimono il "tipo di uomo" che si vuole contribuire a formare. Tali obiettivi acquistano significato reale solo in relazione alla concezione del mondo, della vita e della posizione che in essa occupa l'uomo:

    proprio perché rispondo alla domanda "chi è l'uomo", posso risolvere i problemi relativi al suo sviluppo, alla sua educazione. Qualsiasi progettazione educativa, politica, sociale, etica, religiosa, tecnologica si rifà a un credo, a una ideologia, una filosofia, una fede. È infatti impensabile una educazione "neutra" perché, anche qualora non se ne fosse consapevoli, si farebbe comunque riferimento ad una determinata concezione della vita e dell'uomo. Nello scautismo la concezione della vita e dell'uomo è legata alla cultura e alla tradizione cristiana in cui è nato. Basterebbe ricordare la famosa frase di Baden-Powell: "Gioca nella squadra di Dio!".

    Esiste, infatti, fin dalle origini una notevole convergenza fra la visione del mondo che ha lo scautismo e quella della fede cristiana, anche se di fatto lo scautismo ha accentuato alcuni aspetti specifici quali, ad esempio:

    -

    l'interesse e la cura per uno sviluppo integrale dell'uomo nelle sue diverse componenti:

    fisica, estetica, etico-sociale, affettiva, intellettuale;

    -

    il senso del "servizio", in cui culminano i quattro punti di Baden

    Powell 7 ;

    -

    l'importanza che viene data al "linguaggio" delle cose concrete e al rapporto con il

    creato.

    7 Carattere, salute e forza fisica, abilità manuale, servizio del prossimo: cfr. Baden-Powell R., Suggerimenti per l'educatore scout, cit. 41.

    È giusto educare secondo un particolare modello educativo? La finalità dell'educazione non è "fare", ma suscitare persone: una persona si suscita con un appello e non si fabbrica con l'addestramento. La vera educazione rifiuta perciò un modello educativo chiuso, ideologico e si oppone ad ogni strumentalizzazione della fanciullezza. Rifiuta nello stesso tempo quel fanciullo angelico che sembra essere il protagonista del "permissivismo" o dello "spontaneismo" di certa pedagogia moderna, per

    affermare invece la necessità di una guida per il fanciullo, contro se stesso e contro le sue tendenze devianti. Una guida, tuttavia, che non deve essere impositiva né dominatrice, ma suscitatrice della libertà, contro ogni conformismo. Una delle intuizioni più importanti di Baden-Powell sta nell'aver compreso che il valore di un uomo consiste nella realizzazione della sua specifica personalità, piuttosto che nell'adeguarsi a un modello standardizzato. Ogni uomo, infatti, possiede qualità particolari, che hanno bisogno di essere sviluppate per poter dare i loro frutti caratteristici. Pretendere

    • di uniformare a un dato schema tutti gli uomini significherebbe, nella maggioranza dei casi,

    perdere almeno una buona parte delle possibilità che la natura dà alla società umana. Così, la vita scout non costituisce un ideale strutturato in tutti i suoi elementi ed irrigidito entro un complesso di formule, ma rappresenta qualcosa che, per essere realmente vissuto, ha bisogno di essere ricreato in ogni singola individualità, nella quale produrrà sempre dei frutti originali. Il Papa stesso ha ricordato agli scout che "lo scautismo vuole aiutarvi a diventare persone nuove, educandovi a quelle “virtù difficili”, che permettono ad ogni uomo e ad ogni donna di realizzare il progetto di Dio nella propria esistenza" 8 . Per far maturare la personalità di ogni ragazzo di cui si occupa, lo scautismo gli offre concretamente la possibilità di sviluppare le sue più intime caratteristiche tramite un rapporto educativo tra il capo e il ragazzo. Questo diventa lo strumento primo

    dell'intero processo educativo. Ciò presuppone l'esistenza di un adulto, il capo, che sia un esempio vivo e reale di come un individuo possa sviluppare la propria personalità, facendo suoi gli ideali e le virtù più alte, mentre il suo modo di insegnare non sarà mai astratto, ma sempre legato ad una concreta sperimentazione. Il ragazzo ha bisogno, per imparare a formarsi una sua personalità, di guardare ad un uomo che ha realizzato alla sua maniera quegli ideali verso i quali anche egli tende e che accetta di vivere con lui la stessa avventura. Il ragazzo di oggi ha bisogno di guardare a un uomo capace di indicargli nuove frontiere, che egli stesso ha esplorato per primo, con coraggio e convinzione. Altrettanto è evidente che, se lo scautismo ha accettato il principio della libertà dell'educando, ha tuttavia un modello di uomo da proporre alla considerazione e allo spirito

    • di imitazione di tutti i ragazzi del mondo: ad esso nessuno di loro sarà forzatamente ridotto,

    ma ad esso potranno guardare per realizzare meglio se stessi.

    1.2. Lo spirito scout, lo stile scout

    Al campo di gruppo, i lupetti erano andati in caccia sin dal mattino. Verso mezzogiorno il cielo si fa cupo e si prepara un minaccioso temporale; gli esploratori, impegnati nella gara

    • di cucina, cominciano a preoccuparsi. La preoccupazione si trasforma presto in mobilitazione

    collettiva, dopo i primi tuoni e gli abbondanti rovesci d'acqua che fanno temere il peggio per

    i fratellini del branco. Tutti corrono alle tende, per mettere scarponi e stivali (che

    ovviamente si confondono e si perdono

    ...

    ),

    per raccogliere ponchos e giacche a vento

    ...

    ma,

    all'improvviso, dal sentiero del monte li previene un canto allegro anche se assai

    ...

    ".

    ... bagnato: "Se la pioggia cadrà, se la pioggia cadrà

    Dunque, lo scautismo ha un uomo da proporre, ha una propria proposta educativa, un appello che è in grado di suscitare la formazione di "persone". Cercare di delinearne nei tratti essenziali la fisionomia non è semplice perché, mentre da un lato si può correre il

    8 Giovanni Paolo Il, Discorso ai lupetti e alle coccinelle dell'Agesci, cit., n. 4.

    rischio di dare indicazioni troppo generiche - e forse inutili - dall'altro si può correre il rischio contrario: di precisare troppo e, quindi, venir meno a quell'esigenza, già sottolineata, di lasciare ampio spazio alla creatività e alla libertà personale. È meglio parlare di spirito scout, un’espressione che indica sia le abitudini e le note caratteristiche dello stile di vita di uno scout (quali, ad esempio, la buona azione quotidiana, il senso di cortesia, l'abitudine a vivere all'aria aperta, ecc.), sia quella maniera particolare di intendere la vita, che deriva dall'aver vissuto in concreto la legge scout.

    Lo spirito scout è un modo di vivere con "successo" la vita”; un successo, quello di cui parla Baden-Powell, che non è costituito dalla ricchezza, dalla potenza o da una brillante carriera professionale, ma che consiste più semplicemente nell'essere felici: non in modo passivo, perché allora si tratterebbe di piacere e non di felicità, ma in un modo profondamente attivo, nel quale il giovane impegni tutto il suo essere, dalle braccia alle gambe fino al cervello, al cuore e all'intelligenza. La prima e forse più importante caratteristica di quello che si chiama spirito scout, consiste nel gusto e nella volontà di essere giovani: giovani di fatto e giovani nell'intenzione, dove per giovinezza si intende tutto ciò che si oppone a quel senso di decadenza che nasce da ogni forma di totalitarismo, tutto ciò che lotta contro lo scetticismo e contro l'atteggia- mento rinunciatario espresso dalla frase, purtroppo così in voga: "chi me lo fa fare?"; è ancora l'amore alla libertà intesa come responsabilità personale contro ogni massificazione e che richiede forza di volontà, capacità di dominio di sé, coraggio delle proprie idee, ricerca della verità. Essere giovani, infatti, vuol dire amare la vita, rallegrarsi di essa e di ciò che essa ci permette di fare. Essere felici significa da un lato saper apprezzare la bellezza della natura, la maestà delle montagne, le meraviglie della vita animale, l'odore di un fuoco da campo; dall'altro significa poter agire all'esterno per fare attivamente il bene, che e senza dubbio una delle migliori sorgenti della vera, perché più intima, gioia. Senza paura delle inevitabili difficoltà che si incontrano sul nostro cammino, prima di tutto perché, non prendendo le cose troppo sul tragico, si scopre sempre che si tratta di difficoltà tutt'altro che insuperabili; in secondo luogo, perché le difficoltà sono da considerare il "sale della vita", sfide da raccogliere, per imparare ad accettare sia il successo che la sconfitta, crescere nell'ac- cettazione di sé e nella tensione verso nuove frontiere.

    Nasce così quel sano ottimismo che rende la vita più interessante e molte volte anche più semplice: scaturisce dall'abitudine a considerare il mondo come un terreno di gioco e la vita come un grande gioco la cui riuscita dipende in larga misura dal modo con il quale ciascuno di noi la gioca. La vita è anche paragonata da Baden-Powell ad un viaggio in ca- notto, il cui felice compimento dipende, quasi per intero, dalla nostra attività: "Guida la tua

    canoa

    ,

    guardando davanti a te. Se sali su una barca dove sono gli altri a remare, con la

    schiena rivolta al pericolo, potresti andare incontro al naufragio" 9 . Non è ancora la speranza cristiana, ma si apre una prospettiva interessante per educare agli atteggiamenti umani

    corrispondenti.

     

    Un altro aspetto fondamentale dello spirito scout è la volontà di lasciarsi guidare, in tutte le azioni, dall'amore: dar prova di un intimo spirito di bontà attraverso il servizio reso al prossimo, agire sempre in atteggiamento di ascolto e benevolenza, disposti ad avere riconoscenza per quanto si riceve dagli altri. «La vera felicità - scrive Baden-Powell - è come il radio. È una forma di amore che diviene tanto più piena quanto più viene rivolta verso gli altri; per questo la felicità è alla portata di tutti, anche del più povero" 10 . È precisamente questo tipo di amore ad essere il fondamento di quello spirito di servizio che deve informare tutta la vita di un uomo felice: ma per poter mettere in atto questo programma non bastano le buone intenzioni, bisogna avere delle effettive capacità,

    9 Baden-Powell R., La strada verso il successo, Ancora, Milano 1983, p. 25. 10 Baden-Powell R., La strada verso il successo, cit., p. 22.

    alle quali la vita scout prepara.

    È facile riconoscere in queste parole le tracce dell'insegnamento cristiano. Infatti, il Dio che ogni scout scopre è il Dio dell'amore, al quale deve ricondursi "tutto ciò che ha vita"; nel suo nome egli informa la sua vita a quell'amore concreto che richiede sempre azioni effettive perché come afferma Baden-Powell - "essere buoni è qualche cosa, ma fare del bene è molto di più". Per lo scautismo, come per la fede cristiana, l'uomo non è composto da "parti" diverse, l'anima e il corpo, ma è un tutto unico. Così non si chiede al capo di formare "l'uomo morale" ma l'uomo totale nel suo corpo, nella sua salute, nella sua acutezza sensoriale, nel suo adattamento alla realtà, nelle sue aspirazioni religiose. Tutti questi fini particolari si perseguono gli uni dopo gli altri, o gli uni accanto agli altri. L’originalità della vita scout consiste nel fatto che la formazione completa è ricercata con dei mezzi che non si escludono ma si compenetrano: è l'uomo nella sua totalità, nella sua unità, che in ogni momento è raggiunto.

    1.3. Legge, promessa e motto

    I valori essenziali non cambiano. Lo scautismo propone a tutti i ragazzi, in ogni parte del mondo, la stessa legge, la stessa promessa, lo stesso motto e ciò da circa novant'anni. Pensando agli enormi cambiamenti sociali, economici e politici avvenuti nel mondo dall'inizio del secolo ad oggi e a quanto le moderne scienze umane affermino la necessità di adeguare gli strumenti pedagogici alle diverse situazioni ambientali, la continuità della stessa legge, promessa e motto potrebbero apparire un punto debole del metodo. Al contrario ne sono un punto di forza, particolarmente importante, tra l'altro, proprio per la catechesi. Baden-Powell ha tratto dalla sua visione dell'uomo e della vita la convinzione che l'appello da lanciare ai ragazzi per chiamarli a camminare verso la felicità e stimolarli ad "umanizzarsi" sempre di più e i valori da indicare come mete, non possono che essere gli stessi per tutti e in ogni tempo. Legge, promessa e motto manifestano, perciò, una sintesi etica preziosa perché propongono ai ragazzi con semplicità e chiarezza, e perciò con estrema efficacia, una figura di uomo universalmente valida. Questa sintesi etica nello scautismo è anche una proposta pedagogica che conduce facilmente all'esperienza religiosa, che nella legge è contenuta im- plicitamente e nella promessa ("con l'aiuto di Dio") anche esplicitamente.

    La promessa non è soltanto una formula o una cerimonia che sancisce pubblicamente l'inizio dell'esperienza scout, ma anche una dimensione costitutiva della stessa vita scout. Infatti, a partire dalla promessa il ragazzo inizia a cogliere la propria esistenza come una risposta continua alla bontà di Dio, che lo chiama a concretizzare le sue intenzioni in gesti e in atteggiamenti sempre più impegnativi. La promessa, inoltre, come il seme che cresce fino a diventare albero e portare frutto contiene ed esprime implicitamente una proposta di senso ultimo per la propria vita, che invita il ragazzo a spendere i doni ricevuti da Dio per il bene degli altri e a confidare nel suo aiuto. La vita scout diviene così un’esperienza, sempre rinnovata, di gratuità, di fiducia nel bene, di libertà nel servizio, di realizzazione di sé nell'amore. Il motto di ogni branca (Eccomi - Del nostro meglio - Sii preparato - Servire) esprime efficacemente, come una parola maestra, l'atteggiamento essenziale per vivere continuamente la propria promessa, spinge a cercare nella legge l'aiuto per essere fedele alle felici premesse poste nella propria vita, sprona ad essere in ogni momento desti e attenti, spiritualmente e materialmente.

    La

    legge scout

    è

    positiva:

    non

    pone

    divieti,

    ma

    indirizzi e direttive

    di

    orientamento. È evidente l'utilità di stimoli positivi, invece di regole rigide e legalistiche. Affascinante per il ragazzo è l'invito scout ad essere felice, a crescere senza confini, ad

    impegnarsi, a non avere timori. Tutto questo però non è espresso in modo individualistico: al contrario si tratta di un forte appello ad essere generoso, ad avere speranza, a dare fiducia, a servire gli altri e, proprio per questo, ad essere felici. La legge scout ha un carattere universale: lo scautismo propone ai giovani la scoperta di valori fondamentali comuni a tutti gli uomini di buona volontà, offrendone una formulazione che, per l'essenzialità e la semplicità, permette una facile comprensione e possibilità concrete di verifica anche ai più giovani. Una proposta fatta perciò all'uomo in quanto tale perché diventi sempre più umano ed impari a collaborare con tutti senza integrismi, senza rischio di confusioni ideali o compromessi morali; un messaggio rivolto a tutti, senza preclusioni confessionali, ma evidentemente nascente da quello evangelico. La legge scout ha un valore pedagogico. C'è chi teme che una legge, per quanto ben fatta, sia comunque controproducente rispetto allo scopo ultimo di rendere l'uomo libero in Cristo da ogni legalismo. Della legge scout va sottolineato in modo particolare il carattere educativo: essa propone atteggiamenti più che norme rigide e in questo modo mette in evi- denza che le singole leggi non sono un fine ma un mezzo per raggiungere un obiettivo più grande. In altre parole, la legge scout non è che una formulazione di quelle verità indiscutibili che formano la fisionomia di ogni uomo. Proporle ai ragazzi già in modo sistematico e preciso, non è fare violenza, ma solo rendere più facile e sicura la scoperta personale di quelle linee umane che fondano la personalità. È il modo più utile per sottrarsi ad un relativismo spontaneistico che impedisce la conquista della vera libertà, fondata sulla verità di se stessi contro la pigrizia e la sfiducia in sé e negli altri ed alla fine contro un individualismo che soffoca le proprie capacità più vive.

    Promessa e legge diventano criterio oggettivo di scelte libere che uniscono le persone in una comunità viva e stimolante, ove i capi stessi mettono la loro autorità a servizio dei valori fondamentali.

    Un adeguato cammino di approfondimento dello spirito scout dovrà aiutare i ragazzi a compiere un ulteriore passaggio: dal valore etico della legge alla scoperta che il suo autore è Dio creatore, che ha per l'umanità e l'universo un progetto di pace e di giustizia.

    1.4. La progressione educativa scout

    Il metodo scout aiuta la persona a sviluppare armonicamente tutta se stessa: il ragazzo è protagonista, anche se non unico responsabile, della propria crescita, secondo la sua

    maturazione psicologica e la sua età; il capo fornisce, anche con il suo personale esempio, mezzi e occasioni di scelte, realizzazioni e verifiche in un clima di reciproca fiducia e di coin- volgimento di tutta la comunità 11 . Il metodo scout realizzato dall'Agesci è, dunque, una proposta educativa che:

    • - vede i giovani come veri soggetti della loro crescita,

    • - deriva da una visione cristiana della vita,

    • - tiene conto della globalità della persona,

    • - è attenta a riconoscere nel mondo dei giovani valori, aspirazioni, difficoltà e tensioni.

    Baden-Powell ha posto a fondamento della formazione scout quattro punti: formazione del carattere, salute e forza fisica, abilità manuale e servizio del prossimo. Questi sono sviluppati nelle branche con progressione e continuità, servendosi dei mezzi e degli

    11 Cfr. AGESC1, Il patto associativo. Un 'idea in movimento, scelta scout.

    strumenti tipici del metodo scout, adattati a ciascuna età. Ricordiamoli:

    • - Formazione del carattere: è la formazione della personalità, cioè di una relazione

    positiva con se stessi. L'educazione del carattere mira a sviluppare la capacità di fare scelte, di scoprire ciò che si può e si vuole essere, di prendersi delle responsabilità, di fare programmi coscienti di vita scoprendo la propria vocazione nel piano di Dio. Essa comprende

    una serie di virtù umane quali la lealtà, la fiducia in se stessi, il coraggio, il senso della gioia, l'ottimismo, il rispetto dei diritti, l'autodisciplina, l'elevazione del proprio pensiero e dei propri sentimenti. - Salute e forza fisica: è la conoscenza ed il rapporto positivo con il proprio corpo in quanto dono di Dio e fonte di relazione con gli altri e con l'ambiente. Significa, cioè, accettare e avere cura del proprio corpo, ricercando una alimentazione sana e ritmi naturali di vita; vivere correttamente e serenamente la propria sessualità; saper affrontare la fatica, la sofferenza, la malattia, la morte.

    • - Abilità manuale: è la relazione creativa con le cose. L'educazione all'abilità manuale mira ad ottenere intelligenza e progettualità pratiche, capacità di autonomia concreta; a

    saper fare uso di mezzi poveri per valorizzare ciò che si ha in quanto si è capaci di usarlo al meglio. L'acquisizione dell'uso intelligente delle proprie mani porta con sé una serie di comportamenti positivi: la gioia del saper fare, l'accettazione della fatica e del fallimento, la pazienza, la concretezza, l'essenzialità, il buon gusto.

    • - Servizio del prossimo: è l'educazione all'amore per gli altri, al bene comune e alla

    solidarietà, a scoprire la ricchezza della diversità nelle persone, a vivere e lavorare insieme per costruire un mondo più giusto, a rendersi utili in qualunque momento, mettendo a disposizione le proprie energie e capacità. L'educazione al servizio del prossimo si attua progressivamente lungo tutto il cammino scout, avviando alle buone azioni lupetti e coccinelle, per passare alla buona azione quotidiana dell'esploratore e della guida, fino al servizio sempre più continuativo del rover e della scolta. Il servizio porta alla convinzione che il vero modo di conseguire la propria felicità è spendere la propria vita per gli altri, ad imitazione di Gesù. In questo modo si è stimolati ad utilizzare le capacità acquisite in una costante testimonianza di attenzione agli altri e di tensione al cambiamento in ogni ambiente di vita 12 .

    La progressione personale è il processo pedagogico che consente lo sviluppo graduale e globale della persona, mediante l'impegno a identificare e realizzare le proprie potenzialità. Si realizza attraverso una serie di proposte concrete che permettono di provocare e riconoscere la crescita della persona in rapporto a determinati obiettivi. La progressione personale è unitaria, cioè proposta al ragazzo con continuità all'interno delle tre branche, in quanto punto di riferimento dell'intero percorso sono la promessa e la partenza, fonte e culmine dell'iter educativo proposto dall'associazione. L'uomo e la donna della partenza, in risposta alla chiamata di Dio, sono coloro che si impegnano a vivere per sempre la loro promessa, testimoniando nella vita quotidiana i valori espressi dalla legge scout, ricercando la verità e l'attuazione del bene, in uno stile di accoglienza, condivisione, fedeltà, essenzialità, partecipazione e dando costantemente al proprio cammino una dimensione progettuale.

    Artefici della progressione personale sono:

    • - Il ragazzo: accettando di giocare il gioco scout secondo lo spirito della legge ed impegnandosi

    a fare del proprio meglio per migliorarsi, diviene sempre più consapevole protagonista della

    sua crescita.

    • - Il capo: sviluppando la fiducia del ragazzo in se stesso e la voglia di crescere, offrendo

    occasioni concrete per misurare il suo impegno e aiutandolo a comprendere il senso delle esperienze che vive, sollecita a costruire un progetto per la propria vita.

    • - La comunità di tutti i ragazzi: creando un clima di forte tensione verso gli ideali della

    12 Cfr. AGESCI, Regolamento metodologico interbranca, art.4.

    legge, richiedendo ad ognuno di partecipare concretamente, creativamente e responsabilmente alla vita della comunità, sostiene e verifica l'impegno di ognuno con lealtà, franchezza e fraternità.

    La progressione personale è graduale: in ogni fascia di età la crescita della persona si attua secondo momenti principali e ricorrenti che la pedagogia dell'Agesci caratterizza come:

    • - scoperta

    • - competenza

    • - responsabilità. Nella fase della scoperta si dà spazio al naturale desiderio del ragazzo di "buttarsi nel gioco", favorendo la volontà di conoscere e sperimentare esperienze nuove, al di fuori di schemi precostituiti o usuali. Nella fase della competenza il ragazzo assume ciò che è stato scoperto come "interessante per la propria vita" e si impegna ad approfondirlo, impadronendosene pienamente. Nella fase della responsabilità diventa capace di rispondere concretamente, con le conoscenze, le competenze e lo stile acquisiti, alle esigenze che si presentano quotidianamente. La progressione personale è globale: il ragazzo è aiutato a crescere armonicamente in tutte le dimensioni della vita, nella presa di coscienza delle proprie potenzialità e nell'accettazione serena dei propri limiti. L'iter della progressione personale assume nelle diverse branche il nome di pista per il lupetto e la coccinella, sentiero per l'esploratore e la guida, strada per il rover e la scolta, a motivo del simbolismo prevalente e degli aspetti tipici del metodo di ogni branca. Il lupettismo/coccinellismo si propone di far vivere pienamente ai bambini e alle bambine la fanciullezza come ricchezza di sé e come fondamento di una autentica vita adulta. ' Nella branca esploratori/guide, fine della proposta scout è favorire la realizzazione di una identità solida, capace di entrare in relazione con gli altri, a partire dalla condivisione dell'avventura scout con i coetanei. Roverismo e scoltismo propongono un'esperienza tesa a favorire la crescita di ciascuno nell'impegno dell'autoeducazione, nella disponibilità al servizio del prossimo, nello sforzo di maturare scelte per la vita.

    1.5. Gioco, avventura, strada e servizio

    Marta ricorda sempre con piacere ed emozione la cerimonia della sua partenza, specie quando sistema il suo nodo al fazzolettone, fatto di fettucce colorate intrecciate. Il giallo che ricorda la famiglia felice del cerchio: quanti anni son passati dalla spensieratezza della coccinella, ma è sempre bello dire "Eccomi" anche se oggi è spesso assai più impegnativo e costoso. Il verde della natura, dei boschi attraversati in tanti grandi giochi e uscite di squadriglia. Il rosso dell'amore, che faceva sognare e soffrire a 18 anni, quando in clan si imparava che è bello servire ...

    Tutto ciò che attiene alla vita dello spirito, tutto ciò che aiuta l'uomo ad andare oltre la materialità del proprio corpo, delle sue attività, dei suoi bisogni, genera spiritualità. In senso più preciso - come vedremo nel cap. 2 - il termine spiritualità implica un dialogo con Dio, creatore e salvatore dell'uomo e suo ultimo fine. Il rapporto con Lui genera una novità di vita nell'uomo, che si esprime anche in uno stile morale ed impone l'educazione della libertà

    umana verso la scelta consapevole del bene. Lo scautismo ha un suo solido contenuto morale espresso in modo sintetico nella promessa e in modo più specifico nella legge. Lo scautismo è un'interpretazione della vita e non soltanto una sana esperienza per imparare a trarsi d'impaccio nelle varie situazioni quotidiane. In quanto tale conferisce al ragazzo una fisionomia spirituale che lo caratterizza pienamente: per un cristiano, poi, diventa lettura particolare del messaggio evangelico e, quindi, particolare realizzazione di quel messaggio nella propria esistenza. Nella vita scout vissuta con impegno, è facile scoprire e gustare la beatitudine della povertà nell'essenzialità di una vita vissuta al ritmo della natura, o la beatitudine della mitezza, della fame e sete di giustizia, del gusto di operare per la pace, della purezza di cuore che permette di vedere Dio e di andare al di là della caducità delle cose e degli avvenimenti. Quando lo scautismo è vissuto non solamente come metodo e come stile, ma viene gustato e interiorizzato nei suoi valori, nel suo spirito profondo e sempre concreto, mette importantissime basi per lo sviluppo di un'originale forma di spiritualità cristiana.

    Elementi fondamentali dello spirito scout sono:

    Lo spirito di gioco

    Nella prospettiva scout, giocare ha diverse finalità: esprimersi e relazionarsi, acquisire capacità e competenze e comprendere, vivendola bene, la globalità dell'esperienza umana. Tutto ciò, secondo Baden-Powell, va fatto "giocando", perché giocare per un ragazzo è il modo più normale ed affascinante di vivere. Nel metodo scout il gioco è un elemento fondamentale perché:

    - come attività gratuita offre valori educativi quali il superamento del criterio materialista che valuta un’attività per il suo profitto. È occasione per far emergere capacità, desideri, creatività ed espressività che spesso non hanno altri ambiti di manifestazione. È

    motivo di coinvolgimento personale in un'attività che ha il suo fine in se stessa e che, quindi, consente un comportamento sincero e spontaneo;

    • - come attività seria fa emergere il gusto della fatica, dell'impegno, della costanza, del rischio e dell'avventura, il desiderio di superare i propri limiti; il fascino del nuovo e dell'imprevisto; il senso della difficoltà e della sconfitta vissute positivamente come occasione di miglioramento;

    • - come attività sociale consente di comprendere il valore della lealtà; la positività di un impegno condiviso e della solidarietà; l'accettazione dell'altro con i suoi concreti pregi e difetti; il senso della festa e della gioia.

    Lo spirito di avventura

    I ragazzi hanno il gusto di ciò che nessuno ha mai provato e che nel loro animo riveste il

    sogno di cose importanti e grandi. Baden-Powell, che aveva ben intuito tutto ciò, diceva:

    "Butta il tuo cuore al di là dell' ostacolo", per indicare lo spirito della vita scout. La vita nelle unità scout deve essere invito costante all'avventura, alla fantasia che immagina mondi e orizzonti nuovi e più ricchi, liberi dall'ingiustizia e dall'impostura che sembrano dominare questo mondo spesso tanto concreto da essere gretto. Ma l'avventura alla quale lo scautismo vuole e deve educare non è il momento sentimentale del sogno subito abbandonato quando cade la spinta istintiva, né l'evasione al di fuori della concretezza quotidiana, e neppure la sdegnosa condanna del mondo degli altri o la chiusura nel proprio ghetto dorato: è la realtà paziente e duratura che si costruisce nel- le piccole cose come nei momenti più sensazionali, dando nuove forme e nuovi colori alla realtà del proprio vivere e, quindi, del vivere di tutti. Avventura è la vita nella natura, nelle uscite e nei campi estivi, è lo spirito di gioco nella gioia di competere e di trarre da se stessi quanto di solito resta muto e inerte, è l'impegno alla lealtà che fa esigere da se stessi il meglio e non nasconde limiti e incapacità da superare o da accettare nell'aiuto reciproco. Avventura è anche una vita religiosa priva di sovrastrutture e di gesti insignificanti,

    tesa, invece, a un incontro con Dio quanto mai serio e responsabile: è la scoperta e la presa di coscienza del proprio essere creatura e dell'amore che ha fatto delle creature dei figli, è rispondere all'iniziativa di Dio che si fa uomo e viene a convivere con ogni uomo per ren- dergli la pienezza dell'immagine di Dio, rovinata dal peccato.

    Lo spirito di strada e servizio

    "Fare strada" è una delle espressioni più comuni del linguaggio scout, ma è anche un modo di dire in sintesi tutto il contenuto della proposta educativa. Fare strada non per fuggire, non per cercare fuori del proprio ambiente un paradiso artificiale, non per sottrarsi alle proprie responsabilità. Fare strada:

    • - per scoprire il significato delle cose, delle parole, dei gesti,

    • - per mettersi in sintonia con il creato,

    • - per capire meglio se stessi,

    • - per incontrare gli altri.

    Una proposta concreta per l'oggi e per il domani, un modo originale di considerare la vita come un lungo cammino pieno di scoperte e sorprese alle quali andare incontro senza troppe sicurezze, ma bene attrezzati per cogliere le novità e le bellezze che certamente si incontreranno. La strada è, quindi, nello stesso tempo realtà e parabola di vita. La strada rivela all'uomo se stesso come un dono di Dio mai scoperto del tutto, ricco di possibilità mai esaurite, come anche rivela il limite, il ritmo, le regole del grande gioco della vita. La strada è il luogo in cui si può rinascere spiritualmente. Camminando si fa esperienza di quei valori e si acquistano quelle forze che alleviano il peso della vita e le danno un senso. La strada parla, racconta, sprona: è apertura che invita a percorrere l'immensità della creazione, degli altri, di Dio. Proprio perché non sempre semplice, a volte anzi tortuosa e aspra, costringe alla vigilanza e all'attenzione, chiede fermezza e costanza. Essa è uno dei momenti privilegiati per conoscere meglio se stessi in rapporto agli altri, ai loro bisogni ed attese, e per servirli.

    2. DAL VANGELO ALLA SPIRITUALITA’ SCOUT

    2.1. Gesù si accostò a loro…

    "Ed ecco in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme, di nome Emmaus, e conversavano di tutto quello che era accaduto. Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona si accostò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo. Ed egli disse loro: "Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?". Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli disse: "Tu solo sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni?". Domandò: "Che cosa?". Gli risposero: "Tutto ciò che riguardava Gesù Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i sommi sacerdoti e i nostri capi lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e poi l'hanno crocifisso. Noi speravamo che fosse lui a liberare Israele; con tutto ciò son passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; recatesi al mattino al sepolcro e non avendo trovato il suo corpo, son venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati al sepolcro e hanno trovato come avevan detto le donne, ma lui non l'hanno visto". Ed egli disse loro: "Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?". E cominciando da Mosè e da tutti i

    profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. Quando furon vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: "Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino". Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. Ed essi si dissero l'un l'altro: "Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?". E partirono senz'indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: "Davvero il Signore è risorto ed è apparso tl Simone". Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano ricono- sciuto nello spezzare il pane.

    (Lc 24,13-35)

    L’immagine dei discepoli di Emmaus ci sembra significativa per cogliere e approfondire cosa intendiamo quando parliamo di incontro tra scautismo e vangelo. Ci racconta di due di loro che erano in cammino e discorrevano e discutevano insieme: quante volte viviamo questa situazione, quante volte sperimentiamo la fatica e la gioia di questo camminare, insieme, confrontandoci a partire dalla realtà, da quanto conosciamo, da tutto quello che era accaduto.

    È in questa situazione così quotidiana, così apparentemente normale, che Gesù in persona si accostò e camminava con loro. È così che inizia un percorso, un cammino in progressione, che condurrà i due ad accoglierlo, ad ascoltarlo, a confidarsi con lui, ad accettare il confronto con la Parola, fino - ma ci vorrà il gesto rivelatore dello spezzare il pane - a riconoscerlo. Ed allora nasce l'esigenza di non tenere per sé l'esperienza fatta, ma di uscire, di partire, di andare, di annunciare e vivere la notizia: Gesù Cristo è risorto, Dio è in mezzo a noi!

    Quel campo di Pasqua è rimasto nei ricordi del gruppo, tramandato col bagaglio che il clan trasmette da tempo ai suoi nuovi membri. Si era deciso di trascorrere il triduo pasquale in un monastero. Non tutti erano d'accordo, ma alla fine si era partiti. Fu un 'esperienza strana:

    la consegna del silenzio, la preghiera che ritmava le ore della giornata, il lavoro. Ma fece anche scoprire che fare comunità non passa necessariamente attraverso l'essere chiassosi, e che i monaci, infondo, non sono poi così 'fuori dal mondo" come qualcuno cercava di farci credere. L'incontro con Cesare, uno di loro, giovane come gli R/S, aveva condotto ciascuno a svelare un po' della propria storia. Sara aveva raccontato di come la nonna l'avesse introdotta alle "cose di chiesa". Per Fabrizio era stato l'incontro con don Renato, giovane viceparroco, a fargli ritrovare la strada per la parrocchia. Giorgio aveva finalmente trovato il coraggio di parlare di sé, della sua non fede, dell'esperienza negativa che aveva fatto dei cristiani. Era stato, però, l'intervento di Eleonora a lasciare tutti a bocca aperta, rivelando il suo desiderio di consacrarsi al Signore in una scelta monastica.

    La fede cristiana ha il suo fondamento nell'evento dell'incarnazione e della morte e risurrezione di Gesù Cristo. Anche la nostra fede personale trova lì il suo fondamento. Le storie di ciascuno sono diverse, quell'incontro decisivo è avvenuto in tempi, modalità, situazioni diverse: ma sempre, la nostra fede, prima di essere scelta, è scoperta di un dono, è iniziativa di Dio che salva, è azione dello Spirito di Dio nel nostro spirito.

    Di questo chinarsi di Dio sull'umanità vive la fede del cristiano. Si tratta dunque non di

    fiducia in se stesso, nelle proprie capacità: ma di affidamento a Dio, di obbedienza a Lui e alle sue parole, di riconoscere il suo agire, di comunione di vita con Lui, di fondare la propria

    vita e le proprie scelte su di Lui

    Sono espressioni diverse che la Bibbia usa per descrivere

    ... l'atteggiamento di fede dell'uomo: e ognuna di queste trova radice in Dio che crea, non una

    volta ma ogni giorno, dando vita alle sue creature. La fede non è mai dunque una conquista, ma il risultato dell'incontro tra l'azione amorevole di Dio e l'adesione dell'uomo. È attraverso l'ascolto della Parola che entriamo nella dinamica della fede: "Ora, come potranno invocarlo senza prima aver creduto in lui? E come potranno credere, senza averne sentito parlare? E come potranno sentirne parlare senza uno che lo annunzi? E come lo annunzieranno, senza essere prima inviati? Come sta scritto: "Quanto sono belli i piedi di coloro che recano un lieto annunzio di bene!"(Rm 10,14-15).

    Le stagioni della vita, dall'infanzia alla giovinezza, in cui matura l'uomo e si forma il credente, sono da tempo al centro delle attenzioni della Chiesa italiana. Per i nostri vescovi, la proposta del vangelo e della vita cristiana, attraverso la catechesi, è destinata a tutti, in primo luogo agli adulti, che non devono mai smettere di approfondire la loro fede. Per questo sono stati realizzati i diversi catechismi, secondo le linee di un medesimo progetto catechistico, presentato nell'importante documentobase Il rinnovamento della catechesi. Anche il Sentiero fede dell'Agesci, come già accennato, si ispira ai principi espressi in quel documento, poiché siamo parte di questa Chiesa che accetta la sfida che il mondo giovanile le pone: quella di annunciare il Vangelo in maniera significativa, con la capacità di suscitare risposte libere e generose. Troppo spesso, infatti, i bambini, i ragazzi e i giovani si trovano oggi a non decidere di fronte a Gesù e al Vangelo, poiché il clima di scristianizzazione allontana da loro l'esperienza dell'incontro e della fede. Si tratta perciò, come ha richiamato tante volte il papa Giovanni Paolo II, di operare una "nuova evangelizzazione".

    Per realizzare questo compito, la nostra opera di educazione alla fede, modellandosi sulle

    linee de Il rinnovamento della catechesi, deve muoversi su alcuni cardini:

    • - la proposta della fede alle nuove generazioni non è compito dei singoli, o di qualche

    "impallinato", ma di tutta la comunità e, all'interno di essa, di ciascuno, secondo il proprio carisma e ministero; e la comunità fa catechesi per ciò che è e vive, "in progressiva, anche

    se imperfetta coerenza con quello che dice" 13

    ;

    • - annunciare la fede non significa proporre una serie di verità astratte, ma "far accogliere

    la persona vivente" di Gesù 14 ;

    • - per parlare efficacemente di Dio è necessario "muoversi dai problemi umani e tenerli

    sempre presenti nell'esporre il messaggio" 15 ;

    • - obiettivo della catechesi, e di tutta l'azione pastorale, è una fede che segna la vita, che

    è alla sorgente delle decisioni della persona, perché viva in pienezza il proprio essere cristiano in famiglia, nel lavoro, nella società, nella Chiesa;

    • - la proposta cristiana avviene dentro un più ampio processo di crescita, per cui è

    fondamentalmente questione educativa; la catechesi non è un momento isolato ma deve integrarsi in un unico e più ampio progetto al servizio della crescita del bambino, del ragazzo, del giovane. Partendo da queste prospettive fondamentali, i catechismi dei vescovi italiani 16 sono strumenti importanti anche per l'elaborazione e la realizzazione di itinerari di fede nella nostra associazione. Come avviene, allora, nella vita scout, questo annuncio? In che modo la vita scout diventa luogo in cui e attraverso cui la parola di Dio può raggiungere il cuore dell'uomo,

    • 13 CEI, Il rinnovamento della catechesi, cfr. 145-200.

    • 14 CEI, Il rinnovamento della catechesi, 58.

    • 15 CEI, Il rinnovamento della catechesi, 77.

    • 16 Catechismi per l'iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi: lo sono con voi (6-8 anni); Venite con me (8-10); Sarete miei testimoni (11-12); Vi ho chiamato amici (12-14). Catechismo dei giovani:

    volume I, lo ho scelto voi (14-18); volume 2, Venite e vedrete (18-25). Catechismo degli adulti: La verità vi farà liberi; catechismo dei bambini: Lasciate che i bambini vengano a me.Ricordiamo anche che un "testo di riferimento sicuro e autentico per l'insegnamento della dottrina cattolica" è offerto nel Catechismo della Chiesa Cattolica, il quale comunque "non è destinato a sostituire i catechismi locali", ma vuole incoraggiarne e aiutarne la redazione e l'utilizzo (cfr. Giovanni Paolo II, Fidei depositum, 4).

    concretamente dei nostri ragazzi e ragazze, per condurli alla scoperta del dono più grande e più prezioso, il dono della fede?

    2.2. Una Parola da accogliere, celebrare e vivere

    In gruppo abbiamo un assistente ecclesiastico veramente "storico": già alla fine degli anni quaranta usciva in pantaloni corti col primo reparto di pochi avventurosi esploratori. Ora sono i loro figli e nipoti a sedere in cerchio, incantati, ad ascoltare i racconti del vecchio Baloo. Quando, poi, lui riesce a stare al campo estivo, celebra la Messa ogni giorno e i ragazzi, liberi di partecipare, sono felici di ringraziare con lui il Signore per i doni ricevuti e le scoperte fatte. Anche i membri della comunità capi, che fanno tanta fatica a partecipare agli incontri parrocchiali di preghiera, vanno volentieri a parlare con il "don ", che sa trovare nella loro esperienza di giovani e di scout le parole e i segni che aprono al mistero di Dio e che riportano a sentirsi parte viva della Chiesa. Un gruppo fortunato, vero? Ma, se dovessero fare a meno del loro vecchio assistente

    ...

    ?

    L’esperienza scout è luogo in cui già ci si allena nella vita e nella fede cristiana: questo è il punto di partenza perché al suo interno avvenga una proposta intenzionale di cammino di fede. È compito a cui da sempre la Chiesa dedica impegno ed energie, attraverso forme e modalità che si sono evolute lungo la storia ma sempre con lo stesso obiettivo: condurre tutti coloro che vengono a lei per farli crescere fino alla piena maturità di Cristo. Ma il crescere nella vita di fede è particolarmente essenziale nell'età evolutiva, durante la quale sono in mutazione profonda le strutture stesse della personalità, la percezione della realtà esterna e le relazioni con gli altri. L'Agesci, fedele al suo fondamentale carisma educativo, ed alla sua scelta di presenza e appartenenza ecclesiale, accetta l'invito e sente la responsabilità di fare della proposta scout un itinerario teso al raggiungimento della maturità cristiana di coloro che accettano di percorrerlo. È chiaro che la diversità di situazioni dei singoli richiede, di volta in volta, di realizzare percorsi diversi. Una cosa è accompagnare ad un incontro significativo con Gesù Cristo chi, per situazioni personali o familiari, o per provenienza etnica e culturale, non lo ha mai conosciuto: si tratterà, in questo caso, propriamente di un primo annuncio. Altro è, invece, guidare chi, vissuto in una famiglia o in una realtà cristiana, deve essere aiutato ad approfondire la propria fede e ad affrontare le fasi (tipiche dell'età evolutiva e del passaggio dall'infanzia all'età adulta attraverso l'adolescenza) della crisi: è ciò che chiamiamo, propriamente, catechesi.

    Ci pare in ogni caso di poter dire che, nella situazione di oggi, ed in particolare con

    bambini,

    ragazzi

    e

    giovani,

    è

    dell'evangelizzazione.

    importante

    porre

    l'accento

    sulla

    dimensione

    Per evangelizzare è necessario essere capaci di distinguere ciò che sta al centro dal resto. Vuol dire proporre con chiarezza il nucleo attorno a cui, poi, con la gradualità e progressività necessaria, sarà possibile costruire tutto il resto; e significa proporlo in modo che aiuti a vivere - altrimenti non suonerà come "buona notizia", vangelo appunto. Il risultato non sarà una fede "ridotta". La proposta di catechesi e di attività di vita cristiana (preghiera, vita sacramentale, impegno quotidiano) dovrà richiamarsi spesso al primo annuncio, in modo che l'esperienza cristiana, vivificata da questo annuncio, non si trasformi in prassi abitudinaria. Senza perdere di vista questo richiamo al centro e all'essenziale del messaggio, dentro la

    proposta scout è possibile condurre bambini, giovani e ragazzi a fare esperienza della globalità della vita cristiana nelle sue tre dimensioni fondamentali 17 , in cui possiamo collocare le diverse attività ecclesiali: ciò che "fa" un cristiano. L'attività scout è il luogo concreto dove scout e guide familiarizzano con questi diversi aspetti della vita cristiana. L'iniziazione cristiana, cioè il processo attraverso cui si diventa cristiani, avviene attraverso una progressiva presa di contatto con quanto "fa" il cristiano. A tal fine, è necessario che le attività siano accompagnate anche da momenti che ne sviluppino la comprensione profonda e l'interiorizzazione; ciò avviene attraverso il percorso che dall'esperienza conduce al concetto attraverso la mediazione del simbolo 18 , secondo il metodo tipico attraverso cui, nello scautismo, i ragazzi giungono a far proprie nuove conoscenze, competenze, abilità.

    Ascoltare la Parola 19 è una delle espressioni con cui il vangelo caratterizza l'essere discepolo. Gesù parla, insegna, racconta: colui che lo segue tende orecchio e cuore per ascoltarlo. Per il credente di ogni tempo, nasce da questa esperienza l'importanza della conoscenza del messaggio cristiano, per essere pronto a "rendere ragione" della propria speranza C1Pt 3,15). L'ascolto della Parola permette di comprendere nell'oggi la volontà di Dio, l'annuncio del suo disegno, che ogni cristiano è chiamato a realizzare: impegnato nell'ascolto e nell'annuncio, egli vive così la sua vocazione profetica. Nella Chiesa sono essenziali la proclamazione e l'ascolto della parola di Dio. Ciò avviene soprattutto attraverso la lettura, interpretazione e attualizzazione della bibbia, in un contesto di preghiera e di dialogo con Dio che attualmente parla, e con occhi e orecchie attenti alle concrete situazioni storiche, nelle quali discernere, alla luce della Parola, i messaggi rivolti a noi oggi. Le forme che può assumere questa attività sono molteplici nella vita di una comunità cristiana: principalmente ciò avviene nella liturgia della Parola, ma anche nella catechesi, in riunioni di ascolto e di preghiera, gruppi biblici, corsi di teologia. Attraverso tutte queste iniziative il popolo cristiano esercita, sviluppa, esprime quel senso di fede che Cristo Signore nello Spirito Santo dona ad ogni battezzato credente. Anche nella vita di una unità scout, la priorità spetta naturalmente alla liturgia della Parola; ma il metodo scout è ricco di proposte che aiutano l'ascolto e il discernimento. Dalla caccia francescana, che porta lupetti e coccinelle a prendere contatto con personaggi della bibbia e della storia di santità della Chiesa; alla veglia alle stelle, che normalmente prevede anche questa dimensione di ascolto; ai momenti di deserto, di veglia; al capitolo, ad altri strumenti ancora.

    Liturgia, celebrazione, preghiera sono senza dubbio attività tipiche dell'esperienza religiosa. Educare ad esse rientra pienamente nel cammino dell'educazione cristiana, senza dimenticare la novità introdotta da Cristo con il suo sacrificio sulla croce: il vero culto è "offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio" (Rom 12,1). È questo il "sacerdozio" di ogni cristiano, di ogni battezzato: partecipare, ciascuno per la propria parte, al "sacerdozio" di Cristo. Per rendere gradualmente sacra tutta la vita, occorre educare all'esperienza della preghiera ed alla celebrazione dei sacramenti (in primo luogo

    • 17 Come sarà chiaro proseguendo nella lettura, questa tripartizione, parola - liturgia - vita, fa riferimento a un'altra tripletta: ministero profetico, sacerdotale, regale. Questa formula sintetica, riproposta dal Concilio Vaticano II in Lumen Gentium 10-13, proviene dalla tradizione cristiana antica. La possiamo ritrovare anche nelle parole dello stesso Gesù, il quale, prima di salire al cielo, si rivolge ai suoi discepoli e li invia dicendo loro: "Ammaestrate tutte le nazioni (annuncio della Parola, profezia), battezzandole nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo (sacerdozio battesimale, sacramenti), insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato (educazione morale)" (Mt

    28,19-20)

    È

    uno schema che, tra l'altro, ritroviamo anche nel Catechismo degli adulti della Chiesa italiana La

    verità vi farà liberi.

    • 18 Della tripletta esperienza - simbolo - concetto si parla più diffusamente nel cap. 3.

    • 19 Il Progetto unitario di catechesi ha presentato questi contenuti usando lo schema delle tre funzioni di Cristo e del cristiano: profetica, sacerdotale e regale. Questa "tripletta" resta valida, anche se non va rigidamente identificata con l'ascolto della Parola, la liturgia, la prassi morale.

    dell'iniziazione cristiana), specie dell'eucaristia. Essi possono essere compresi e vissuti con sempre più viva partecipazione e profonda responsabilità, senza diventare momenti separati dal resto della vita. Attraverso le celebrazioni liturgiche 20 , l'assemblea dei credenti, convocata dallo Spirito (cioè la Chiesa), vive nei segni sacramentali l'azione del Padre per Cristo nello Spirito Santo. Nello stesso tempo manifesta, attraverso segni e gesti concreti, la volontà comunitaria e personale di corrispondere all'amore di Dio. Tutta la liturgia e la vita della Chiesa trova la sua fonte e il suo culmine nel sacramento dell'eucaristia, memoriale del sacrificio di Gesù che ci coinvolge in esso: celebrandola ogni domenica e festa, la comunità ecclesiale lungo l'anno liturgico rivive tutto il mistero di Cristo. Nello scautismo l'importanza di riti e simboli è sottolineata in molti momenti. L'itinerario che conduce dalla promessa alla partenza è costellato di riti di passaggio, di cerimonie che vogliono sottolineare aspetti particolari. Tutto ciò costituisce sicuramente una base efficace per aiutare bambini, giovani e ragazzi a cogliere la significatività dell'agire rituale sa- cramentale, e per fare esperienza di Dio Padre, Figlio, Spirito attraverso i segni e i simboli tipici del cristianesimo.

    La terza dimensione è la vita nuova: l'educazione alla prassi morale. L'immagine biblica del re, come di colui che è chiamato a governare prima la propria vita e, poi, la vita degli altri rimanendo fedele a Dio, è richiamo efficace al vivere secondo il vangelo, al testimoniare Cristo nell'impegno quotidiano per affrettare la venuta del regno di Dio. L'og- getto fondamentale di questa educazione morale è il comandamento dell'amore, visto non come precetto particolare ma come atteggiamento che si basa sulla certezza di essere amati da Dio e che ispira ogni comportamento pratico, non come legge esterna, ma come condizione per il raggiungimento della propria identità e della vera felicità personale e co- munitaria.

    La comunità cristiana si impegna a progettare ed attuare forme di vita e comportamenti modellati sulla parola di Dio, in modo da tradurre la salvezza comunicata in Gesù e celebrata nell'assemblea, nella pratica concreta sia dei singoli fedeli che della comunità. È la quotidiana sequela di Gesù che, nelle concrete situazioni storiche, si esprime in diverse modalità pratiche, anche codificate in norme positive, ma non riducibili ad esse, perché lo Spirito Santo suscita la creatività e la responsabilità con cui ciascun fedele e ogni comunità possono compiere scelte originali ed adeguate alla propria realtà. In questi gesti concreti la comunità ecclesiale dà testimonianza del dono divino, mettendosi a servizio del mondo e svolgendo la missione affidatale dal Signore. Perché la sua prassi sia fedele ai doni di Dio e rispondente alle situazioni, la comunità ecclesiale ha tempi e luoghi di verifica, correzione, stimolo, conversione e riconciliazione. Anche nella vita delle unità e dei gruppi scout è presente questa dinamica: la legge è il primo riferimento e lo strumento per allenarsi ad atteggiamenti e comportamenti coerenti con le decisioni prese e con i valori in cui si crede; il confronto quotidiano con gli altri (ad es. nel consiglio della rupe o della grande quercia; nella squadriglia e nel consiglio della legge; nella verifica di comunità R/S) è un altro forte stimolo per questa crescita. Ma è in particolare attraverso la progressione personale, che permette al singolo lupetto/coccinella, guida/esploratore, rover/scolta di crescere avendo di fronte a sé obiettivi precisi e raggiungibili, che ciascuno è educato a progettare e fare, ed è guidato verso una vita adulta coerente con le scelte fatte.

    È importante che la proposta scout di educazione alla fede e alla vita cristiana, non dimentichi alcuna delle dimensioni sopraddette, ma anzi sappia proporle con naturalezza e chiarezza all'interno della globalità delle sue esperienze ed attività. Nel momento in cui ci troviamo a progettare l'itinerario di catechesi per la nostra unità, o a verificare un tratto di strada percorso, questo schema ci può aiutare a valutare il peso dato a ciascuna delle tre

    20 La parola liturgia deriva da due parole greche che significano popolo e opera: designa, perciò, un'azione compiuta da una comunità, in cui persone diverse hanno ruoli diversi.

    dimensioni.

    Ogni itinerario di iniziazione cristiana ha mete impegnative, deve favorire esperienze e fornire strumenti perché i credenti siano resi globalmente:

    - capaci di prendere parte all'ascolto - interpretazione - attualizzazione della parola di Dio: ciò esige una conoscenza viva e critica del messaggio evangelico, un’istruzione che dia le linee principali del dato rivelato, un esercizio di lettura e di riflessione personale e comunitaria della Parola stessa 21 ;

    - capaci di inserirsi in una celebrazione liturgica leggendo dentro i segni rituali il mistero celebrato e partecipandovi con un apporto personale: ciò esige un'educazione al simbolismo in generale come capacità di vedere al di là delle cose il loro senso più profondo e spirituale ed in concreto al simbolismo cristiano, alla liturgia come linguaggio della Chiesa, che dà visibilità all'invisibile, e anche un esercizio di partecipazione corale alle espressioni liturgiche; - capaci di discernere nella vita concreta ciò che conviene fare per essere fedeli al vangelo e darne testimonianza: ciò esige un'abitudine all'obbedienza intesa come coerenza con quanto si afferma teoricamente e anche come adesione a quanto viene proposto nella comunità, una capacità di autodominio e di libertà nello scegliere seguendo la propria coscienza, rettamente formata, e non semplici abitudini e tradizioni comuni.

    2.3. Alla scuola della Bibbia e della natura

    Marco è capo clan già da diversi anni, dopo essersi laureato in biologia sta pensando di risistemare la vecchia casa dei nonni ed andare a vivere in campagna. I ragazzi della

    comunità R/S sono affascinati dalla sua passione per i monti e con lui, in route, sono pronti ad andare dovunque. Da quando Lucia, la sua fidanzata, ha partecipato a un campo bibbia e lo ha contagiato in ciò che ha scoperto della parola di Dio, una nuova più profonda curiosità sta illuminando la vita e il servizio di Marco: quando sale in montagna ripensa all'esperienza del Tabor o del Sinai, quando lancia un capitolo propone anche un percorso di lectio divina, quando va a riunione di comunità capi per fare il nuovo progetto educativo cerca di aiutare i

    capi più giovani a far veramente sintesi tra scelta di fede e metodo

    scout.

    ..

    “Se vuoi veramente intraprendere la tua strada verso il successo, cioè verso la felicità, devi dare una base religiosa alla tua vita” 22 Non pretendiamo di definire un termine così difficile come "religione". Ci basta, però, constatare che, quando l'uomo è genuino, e non si accontenta di lasciarsi vivere, deve necessariamente confrontarsi con la domanda sul senso delle cose, sui valori della propria esistenza, fino ad interrogarsi sulla dimensione trascendente della vita. L'uomo è "capace di Dio": creato da Lui a sua immagine e somiglianza, egli è aperto a riconoscerlo e ad entrare in relazione con Lui. Non esistono automatismi in questo percorso; anzi, nel nostro secolo molti hanno sollevato dubbi e difficoltà al proposito, hanno provato a ragionare mettendo da parte, con motivazioni e modalità diverse, l'ipotesi Dio. Non si tratta, però, solo dei problemi posti dalla filosofia. Spesso oggi è la vita quotidiana a soffocare questa dimensione trascendente, spiri- tuale, della vita dell'uomo e della donna. La realtà, il "mondo", tende ad ostacolare ogni seria presa di coscienza e ad offrire surrogati, risposte più immediate.

    21 Per accostarsi alla bibbia in maniera corretta ed efficace: cfr. nota CEI, La Bibbia nella vita della Chiesa, 18 novembre 1995; il sussidio UCN, Incontro alla Bibbia, LEV, Roma, 1996. 22 Baden-Powell R, La strada verso il successo, Àncora, Milano 1983, p. 191.

    Tuttavia, le difficoltà non sono definitive, insormontabili. Anche oggi è possibile la "vita nello spirito". Baden-Powell riassumeva i passi che permettono questo incontro richiamandosi ai due grandi libri che parlano di Dio: la bibbia e la natura 23 . A partire da queste due sorgenti inesauribili le prospettive si allargano all'incontro con le cose, con gli altri, con se stessi; la religiosità si caratterizza per le dimensioni dell'ascolto, della gratuità, del dono, della comunione. Sono elementi su cui ora ci fermeremo man mano.

    INCONTRARSI CON LE COSE: LA NATURA

    Lo scautismo porta a incontrarsi con la natura che, per il credente, è "creatura": la forza, la violenza, la grandiosità misteriosa e la bellezza affascinante di fenomeni grandi e piccoli, incidono fortemente nell'animo. Il confronto con il creato, col mistero della vita e della morte, con i ritmi e le attese e le continue varietà del suo manifestarsi, è canale privilegiato che conduce alla contemplazione di Dio, della sua grandezza, del suo amore, e porta a sentirsi parte dello sconfinato progetto di Dio sul mondo. Così campi, route, uscite, quando sono vissute in pienezza, senza riduzioni e senza banalità, sono altrettante occasioni per entrare in contatto con le opere create da Dio e uscire dalla morsa spesso opprimente delle cose costruite dagli uomini. È in queste esperienze che nasce il bisogno del silenzio come dimensione normale del vivere: per ascoltare, per contemplare, per lasciarsi affascinare da una bellezza che altrimenti sfugge. Si sperimenta con umiltà il proprio limite umano. Il ragazzo scopre così che la vera grandezza è insita non nella forza fisica, ma nella profondità dell'animo. Crescono l'ottimismo e la gioia di sentirsi immersi in una realtà così grande e stupenda. Sono tutti atteggiamenti che accompagnano gradualmente a riconoscere Dio creatore, padre, attento, premuroso e provvidente verso ogni creatura.

    INCONTRARSI CON GLI ALTRI: IL SERVIZIO

    Il rapporto con gli altri, la fratellanza universale con tutti gli altri scout del mondo e con tutte le persone che condividono la stessa storia quotidiana, è un'altra esperienza che lo scautismo propone al ragazzo per condurlo a misurarsi e a capirsi. la vita nella comunità di unità, dove ciascuno è spronato a dare tutto se stesso, per la felicità propria e altrui, è luo- go per conoscersi e per mettere a frutto le capacità personali; è continua provocazione a maturare accoglienza dell'altro, bisogno e appartenenza alla comunità, superamento dell'egoismo, che è ostacolo alla propria crescita oltre che a quella degli altri. La "buona azione", nelle diverse forme che assume nella progressione scout, mette in contatto con chi ha più bisogno e rivela quante possibilità ciascuno porta in sé, spinge a spremere da se stessi tutto il meglio, facendo sperimentare che realmente "c'è più gioia nel dare che nel ricevere" (At 20,35). Cresce nell'animo il bisogno di amare e si vincono adagio adagio la pigrizia, l'orgoglio, l'egoismo, che chiudono e soffocano. È ancora nell'esperienza di servizio che il ragazzo capisce di avere bisogno degli altri e si apre alla comunità della Chiesa non più come una servitù, ma come una necessità, con la gioia di poter condividere la propria realtà più profonda e di ricevere aiuti ed indicazioni che altrimenti non potrebbe avere. Nella Chiesa crescono dialogo, scambio e comunione anche con chi è di una diversa confessione e la sofferenza della divisione viene mitigata dalla speranza di una comunione di cui già ora si intravedono i segni.

    • 23 "Ti raccomando due cose. La prima è la lettura di quell'antico ed ammirevole libro che è la bibbia, nella quale scoprirai, oltre alla Rivelazione divina un compendio meravigliosamente interessante di storia, di poesia e di morale. La seconda è la lettura di un altro libro meraviglioso: quello della Natura e l'osservazione e lo studio di tutto quanto puoi trovare tra le bellezze e i misteri che essa ti offre per la tua gioia. Da ultimo rifletti al modo con cui puoi meglio servire Dio fintanto che ancora possiedi la vita che Egli ti ha prestato" (Baden-Powell R., La strada verso il successo, cit., p. 191).

    INCONTRARSI CON SE STESSI

    Da queste due linee pedagogiche nasce la terza, l'incontro con se stessi. la natura e gli altri obbligano, prima o poi, a venire in contatto profondo con se stessi, a scoprire ciò che ci si porta dentro, i sogni più cari e le attese più vere, quei segni che indicano chiaramente la propria verità. Crescono la voglia di riuscire, di superare difficoltà e insuccessi, il coraggio e l'amore per il rischio, la capacità di chiedere a se stessi passi sempre più spinti; il ragazzo acquista la voglia di essere libero, di essere cioè quello che sente di essere, uguale e diverso dagli altri, insieme o da solo, nella completa espressione di sé. Si diventa capaci di riconoscere i propri limiti e, accanto a questi, le qualità; capaci di trovare sempre qualcosa di buono su cui fare forza e di rialzarsi dopo qualche caduta; capaci di vivere la gioia dell'incontro col Padre che perdona. Al fondo di sé, allora, è possibile percepire la presenza viva e palpitante dello Spirito che grida: "Abbà, Padre"; ci si rende conto che Dio non è lontano, oscuro, opaco, ma la luce più intima, la presenza più amorosa, la sorgente perenne del proprio esistere. Così si capisce che cosa vuoi dire essere figli di Dio, inseriti in Cristo; che cosa sia la speranza e come nulla e nessuno possa mai soffocare quella vitalità che Dio continuamente semina in noi. Molteplici sono gli aspetti della vita scout che riportano a questo lavorio su se stessi, e che trovano sintesi nella progressione personale, lungo tutta la parabola scout. Ecco, ad esempio, il senso e il valore dell'espressione, che non equivale a grossolanità e superficialità di scenette banali, ma è lo sforzo di dire, a se stessi ed agli altri, quel dono sempre nuovo che ognuno di noi è. Ecco il senso di una legge che esprime valori, ideali, prospettive come impegni da conseguire; ecco il valore della promessa come decisione che conduce a seguire un cammino che sicuramente porta alle mete desiderate.

    I GESTI RELIGIOSI

    Dentro quest'esperienza pedagogica, i gesti religiosi cristiani possono assumere un significato vivo e affascinante. Si legge il vangelo come naturale ambiente dove vogliamo che si svolga la nostra vita e dove l'incontro con Gesù diventa realtà e soddisfa le attese più vere. Si celebra l'eucaristia, memoriale del dono totale di Gesù, come autentica celebrazione e non come rito obbligato. Si vive il sacramento della riconciliazione non tanto come una confessione stereotipata ed esteriore, ma come la festa del ritorno, il bisogno di una conversione che si vuole realmente e che diventa possibile nel gesto di Gesù che si rinnova. I momenti di silenzio, i giorni di deserto, la preghiera comune e personale, la lettura e la preghiera con la bibbia: sono tutti elementi costitutivi di una spiritualità che trova nel vangelo le sue più profonde radici e nello scautismo espressioni e mezzi per una più reale e feconda applicazione.

    Bibbia e natura sono l'unica scuola della vita e della fede: ci sono situazioni, esperienze tipiche della vita dell'uomo e della donna che la bibbia assume ed esprime, e che anche lo scautismo di Baden-Powell e dei cattolici hanno saputo valorizzare. Tra queste, l'ascolto, la gratuità e lo spirito di gioco, il servizio, la fraternità e la vita di comunità, ove è parti- colarmente evidente l'analogia tra scouting e rivelazione cristiana.

    • a) La dimensione dell’ascolto

    L'ascolto intenso di tutto ciò che ci circonda, l'attenzione ad ogni messaggio che viene dagli uomini, dalla natura, da sé e da Dio è uno degli elementi attorno a cui si coagula tutta la vita scout. Ne è quasi l'avvio, lo spunto iniziale ed il perenne punto di riferimento: in tutte le fasi della progressione scout la dimensione dell'ascolto si rivela importante.

    Il desiderio di diventare scout viene dall'aver visto qualcuno che vivendo quella vita ha fatto cose interessanti: l'ascolto delle sue parole e la percezione del suo entusiasmo, il

    fascino delle sue esperienze, generano la voglia di imitarlo, di fare ciò che lui, o lei, ha fatto. Entrando nelle unità si comincia ad ascoltare quelli più anziani, a imparare da loro, a fare come loro, anche se non manca mai il richiamo all'impegno proprio di ciascuno. "Ascolta il lupo anziano": canta un'antica canzone dei lupetti, ed esprime in questo modo quella trasmissione di valori che è caratteristica nell'educazione scout. Se tutta la vita scout e l'esistenza umana sono intese come un grande gioco, l'ascolto delle regole e la dipendenza dalle tecniche del gioco stesso sono essenziali ed educano ad un continuo sforzo di attenzione agli altri, a un confronto e una verifica su cui fondare la propria crescita. L'ascolto della natura è un elemento tanto caratteristico da essere a volte vissuto in modo scontato, abitudinario e un po' banale: ma è certo che tutto lo scautismo deve continuare a trovare in essa grandi insegnamenti. Si scopre così che l'ascolto esige silenzio, lunghi momenti in cui concentrarsi, liberandosi dal frastuono quotidiano per raggiungere quell'attenzione senza la quale qualunque parola diventa sterile, o addirittura non è nemmeno percepita. L'abitudine all'ascolto a sua volta esige l'abitudine alla solitudine, essenziale per scendere nel profondo di sé e cogliere le parole e le realtà che contano veramente: la presenza dell'unica Parola fattasi carne, del Verbo di Dio, del Cristo presente nell'uomo. Siamo così all'origine di ogni esperienza autenticamente religiosa: l'ascolto di Dio è la prima e fondamentale legge di ogni credente. Il credo biblico inizia con l'invito ad ascoltare (cfr. Ascolta, Israele! Dt 6,4), ad amare con tutto il cuore, dedicandovi impegno in un rapporto vitale con Dio che prende tutta la vita e le energie umane. Anche il primo annuncio di Pietro, il giorno di pentecoste, prende avvio da un invito ad ascoltare (At 2,22). Dall'ascolto della Parola, nella quale risuona la buona notizia di Dio salvatore, nasce la fede, che è adesione interiore, fedeltà e impegno (cfr. Rm 10,14-17). "Quello che noi abbiamo veduto e udito, noi lo annunciamo anche a voi, perché anche voi siate in comunione con noi. La nostra comunione è col Padre e col Figlio suo Gesù Cristo"(1Gv 1,2-3). L'ascolto della parola di Dio apre all'uomo la strada unica della sua crescita, gli rivela la sua vera identità di creatura, lo mette in cammino verso la comunione. L'ascolto esige allora disponibilità a ricevere dentro di sé la parola di Dio: nasce la preghiera, come il mettersi alla scuola di Dio, come sequela obbediente di Gesù, come contemplazione del Dio che si rivela nel suo Figlio fatto uomo. Silenzio, preghiera, contemplazione sono elementi portanti della spiritualità scout: sono i fondamenti sui quali, poi, costruire altri caratteri specifici. Ma se questi mancano o sono difettosi, sbiaditi e diluiti dall'abitudine e dalla superficialità, lo scautismo diventa un passatempo che non lascia nessuna traccia. Lo scautismo cattolico non può non cogliere, in questa prima dimensione, una preziosa linea di sviluppo di una viva santità evangelica.

    b) Gratuità e spirito di gioco

    L'ascolto autentico porta a scoprire che tutto è dono, che l'uomo si trova per nascita nel mezzo di una ricchezza vastissima a cui può e deve attingere con le sue possibilità e capacità. Lo scautismo conduce così il ragazzo a rendersi conto della sua immensa fortuna, e suscita continuamente in lui stupore ed ammirazione per tutto ciò che incontra e riconosce creato per lui, offerto a lui come un inesauribile dono. Cresce il senso dello stupore come scoperta di un amore che misteriosamente si interessa dell'uomo, gli prepara via via cose nuove, lo invita a continuare sempre nella sua ricerca. L'uomo diventa attento, riflessivo, capace di cogliere anche le minime tracce, i più piccoli segni di amore di cui è cosparsa la vita. Sulla strada, in particolare, si manifestano i piccoli e grandi doni che Dio semina a piene mani per la gioia dei suoi figli, fino a riconoscere la vita come grande dono di Dio, ricco di possibilità mai esaurite; ma anche si sperimentano il limite, la fatica del continuare senza fermarsi, le regole del grande gioco della vita.

    Tutta la vita dell'uomo viene così intesa come il grande dono di essere figli del Signore del creato, che hanno accesso all'universo intero come a qualcosa di proprio e possono giocare nell'immenso parco della creazione che il Padre ha messo a disposizione di tutti i suoi figli (cfr. il racconto della creazione in Gen 1 e 2). La gratuità genera obbedienza e attenzione a non scompigliare l'ordine dell'universo al quale l'uomo appartiene. L'esperienza del peccato appare nella sua realtà di disgregazione dell'uomo e del creato, ma non elimina il fondamentale ottimismo anche nelle ore più buie della vita: si è sempre circondati dai segni dell'amore infinito di Dio e della sua attenzione per ogni creatura, perché "Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito"(Gv 3,16). Gesù viene conosciuto ed amato come il grande dono, sempre disponibile, sempre presente, per l'uomo che lo cerca. Nasce e cresce perciò anche la volontà di conoscere e di unirsi a questo Dio così buono, per meglio godere di tutti i suoi doni. Se tutto è dono e se questa scoperta rende pieni di riconoscenza e di ottimismo, allora l'uomo stesso diventa dono a tutti. Lo scautismo apre alla dimensione del gratuito, della generosità, dell'ottimismo che sempre incoraggia a donare, anche di fronte all'esperienza della chiusura e dell'ostilità altrui. Lo scautismo insegna ad essere sempre i primi a donare (pionieri, scout, anche in questo) nella certezza che non si perde nulla, e che non si è mai i primi perché si è sempre preceduti da un Amore che mette nelle nostre mani ricchezze maggiori. Dall'esperienza della vita vissuta con questo spirito, nasce la gioia che caratterizza la vita scout: una gioia semplice, ispirata anche dall'esempio di san Francesco che lo scautismo sente suo particolare patrono. Una gioia radicata nel Cristo morto e risorto, fondamento della nostra speranza e certezza concreta dell'amore di Dio, che alle nostre debolezze risponde con il dono totale di sé.

    • c) Un dono che impegna: il servizio

    La misericordia e la fedeltà di Dio richiedono e rendono possibili la nostra misericordia e la nostra fedeltà; le promesse di Dio danno forza ai nostri propositi ed aprono, nella pista del presente, le prospettive del futuro. Al popolo liberato dall'oppressione del faraone, Dio propone l'impegno nell'alleanza:

    "Ascoltare la voce e custodire l'alleanza" è la condizione per vivere nella libertà. Solo quando il popolo risponde: "Quanto il Signore ha detto, noi lo faremo", entra nella storia dell'umanità mettendosi a servizio del Dio dell'alleanza (cfr. Es 19,3-8). All'annuncio delle beatitudini, carta costituzionale degli uomini chiamati alla felicità del regno di Dio, segue la proposta di una nuova giustizia: impegnarsi ad amare in modo gratuito ed universale come il Padre (Mt 5,3-12.21-48). L'impegno gratuito e liberante di Dio mobilita l'impegno degli uomini ad accogliere e attuare nella storia il suo dono; essi sono chiamati da Dio a trasformare ogni cosa, mossi dall'intelligenza e dal desiderio dell'utilità comune. Per questo, con l'abilità manuale e l'esperienza della vita all'aperto, l'educazione scout insegna diverse tecniche, rispettando l'età e le caratteristiche del ragazzo e della ragazza, per rendere ciascuno capace di essere utile a sé e agli altri, per essere un dono efficace al momento opportuno. Il momento forte di questa prospettiva è il servizio, dalla buona azione proposta già a lupetti e coccinelle, all'impegno continuativo del rover e della scolta, al servizio inteso come scelta di vita, impegno, disponibilità, perché ogni persona possa godere quel dono della vita che nel disegno di Dio è meraviglioso per tutti, e che nella storia dell'uomo diventa spesso un peso quasi insopportabile. Lo scout vorrebbe spendere la propria vita per cambiare la situazione e renderla un po' migliore di come l'ha trovata, e per questo si impegna anche in una continua ascesi, nello sforzo di uscire da una passività pigra e rassegnata, per realizzare il progetto e saper gestire i doni di Dio. In quest'ottica, tutta la vita deve "servire": lo studio, il lavoro, la professione, la famiglia sono i mezzi che via via danno alla vita quotidiana un senso di utilità che apre verso gli

    orizzonti del mondo. L'incontro con i bisogni dell'altro chiama ad un servizio concreto e traccia le strade del proprio cammino: è in quest'esperienza che può emergere il fascino della vocazione personale, come invito a quelle grandi decisioni che portano all'avventura di una vita spesa tutta alla sequela di Cristo per offrire il proprio contributo alla costruzione del Regno. Perché tutta la vita sia dono, è necessario conquistare se stessi ed imparare a gestire tutta la propria realtà personale secondo un progetto di amore. Questo esige una pedagogia dell'amore, un apprendistato che comporta il dominio di sé, del proprio corpo e dei propri istinti, per renderli docili strumenti dell'armonia umana e della propria dignità di figli di Dio. Emotività, affettività, sessualità vanno educate per non coprire egoismi camuffati di amore, ma per servire un dono di sé sempre più grande: è la gioia dell'amore, ma è anche una conquista mai finita, è lotta contro l'egoismo sempre in agguato anche nei momenti apparentemente più generosi. La fedeltà nell'impegno è risultato di un'ascesi che nasce dalla croce di Cristo, accolta come passaggio necessario verso la resurrezione, incoraggiamento ad una lotta che, per merito suo, è già vittoriosa. È un altro motivo profondo perché non manchi la preghiera nella vita scout, per attingere alla parola di Dio tracce ed orientamenti per rendere la propria vita un dono e per sentirsi abitati dalla forza stessa di Dio, unico e perenne dono per tutti.

    d) Una fraternità universale: comunione con tutti

    L'uomo che ascolta e contempla si sente parte viva dell'universo, unito a tutto il genere umano ed a tutta la creazione. Lo scautismo fa scoprire lungo il suo cammino gli orizzonti che si spalancano ogni giorno davanti agli occhi stupiti e attenti di chi sa contemplare; fa percepire il proprio posto nel mondo; fa sperimentare la felicità e la gioia dell'uomo che, pienamente e spiritualmente consapevole della propria esistenza, può godere di tutto ciò che incontra. La conoscenza della natura, del cielo notturno, della vita animale, l'abitudine ai grandi silenzi della terra nelle esperienze volute di ritiro, sono tutti mezzi che educano a godere del proprio essere creatura nell'immensità del cosmo. Anche le cose perdono il loro dominio tirannico e la povertà - che nel vangelo è presentata come beatitudine - diventa il gusto dell'essenziale, il piacere delle piccole semplicità, la scoperta di quanto la natura offre all'uomo e alla sua ingegnosità. Si diventa poveri, cioè padroni delle cose, liberi da tutto e, quindi, felici di tutto, capaci di donare agli altri quanto per noi non è necessario, e progressivamente di fare dono di tutti noi stessi.

    La solitudine viene accettata e superata da un vivo senso di comunitarietà: tutti gli uomini diventano dei fratelli, con i quali si ha qualcosa di comune che arricchisce tutti. Lo scout tende ad essere l'uomo della comunità, sia perché vive seriamente egli stesso la vita di gruppo generando legami e scambi sempre più profondi, sia perché, dovunque si trovi, lega insieme le persone superando barriere e diversità e trovando ciò che meglio può unire, in spirito di comunità. Senza perdere o appiattire la propria ed altrui identità, ma anche vincendo la tentazione dell'individualismo orgoglioso, lo scout vive la propria fede nella Trinità che lo coinvolge nella sua irresistibile comunione. Nella Chiesa e nella società, tende ad unire e a collaborare, vivendo le diversità come ricchezza e non come ostacolo. In questa tensione comunitaria, lo scautismo educa alla ricerca appassionata e mai finita di un’intimità con Dio, che via via renda più somiglianti al Figlio, immagine del Padre. Qui si nutre il senso di appartenenza alla Chiesa, "sacramento, cioè segno e strumento dell'intima comunione con Dio e dell'unità di tutto il genere umano" 24 , dove l'incontro con Dio è garantito dal gesto stesso di Gesù che si ripete nell'eucaristia.

    24 Concilio Vaticano II, Lumen Gentium 1.

    Tutto quanto si è venuto raccontando lungo queste quattro dimensioni, caratteristiche sia della pedagogia scout sia della vicenda biblica e cristiana, si attua concretamente nella progressione, cioè nel lento e graduale cammino di crescita del singolo e della comunità. L'atto educativo è, infatti, profondamente unitario ed esige una progressione che coinvolga la persona in tutte le sue dimensioni; è esperienza di vita, che prepara a vivere da cittadini nel mondo, è esperienza di vita e di fede cristiana. Attraverso le diverse attività che facciamo vivere ai ragazzi, nelle cacce, nelle imprese, nelle uscite, nelle route, giocando insieme, servendo o compiendo la propria buona azione ... in ogni occasione che la vita scout offre, ragazzi e ragazze possono sperimentare, in maniera sempre nuova e più efficace, cosa significa vivere da cristiani, nelle sue dimensioni essenziali. Una parabola di ascolto del messaggio, di impegno nel gioco, di slancio nel servizio, di apertura alla comunione, accompagna costantemente la crescita, dalla promessa alla partenza, verso quella maturità di fede che acquisterà anche lo specifico colore della spiritualità scout.

    2.4. Spiritualità scout: un modo originale di essere cristiani

    Il 14 ottobre 1987, nella basilica di San Pietro a Roma, il papa Giovanni Paolo II proclamò "beato" uno scout francese: Marcel Callo. Le riviste di tutte le associazioni scout riportarono la sua foto in uniforme scout, seduto in terra a gambe incrociate. Marcel nacque a Rennes, in Francia, nel 1921, da una famiglia di operai, molto numerosa. Presto conobbe gli "Scouts de France" e diventò un lupetto: per tutta la sua vita non dimenticò mai di fare del suo meglio. Durante la guerra, nel 1943 fu deportato in Germania, ma anche lì volle impegnarsi con altri cristiani, fedele alla sua promessa di amare Dio ed aiutare tutti i fratelli. Il suo amore per gli altri non piaceva ai nazisti, che lo arrestarono e lo portarono in un campo di concentramento dove, il 19 marzo 1945, morì con serenità. Lo assisteva un altro prigioniero, non credente, che poi si convertì e raccontò: "Mai assistetti a una morte come questa".

    Il termine generico "spiritualità" oggi viene usato spesso per indicare un modo particolare di concepire l'uomo, da cui nasce un originale stile di vita. In questo senso si parla, ad esempio, di spiritualità umanistica, di spiritualità orientale, di spiritualità cristiana, come di qualcosa che dà unità a tutta la persona e la rende capace di fare scelte, di formulare progetti, di tendere verso una meta.

    Così, parlare di spiritualità scout significa sottolineare che lo scautismo non è soltanto una buona tecnica igienica o una sana esperienza di sport e di cultura fisica e nemmeno un mezzo intelligente per imparare a trarsi d'impaccio nelle varie situazioni quotidiane, ma è un modo di concepire la vita secondo gli ideali proposti da Baden-Powell, divenuti importanti per la persona al di là dei momenti vissuti nelle unità e della propria appartenenza a un gruppo scout ("semel scout, semper scout": una volta scout, lo si è per sempre). Non ci basta, però, definire la spiritualità scout in questo modo: rischieremmo di rimanere in un ambito troppo umano. Spiritualità, per noi cristiani, rimanda non anzitutto allo spirito dell'uomo, ma allo Spirito di Dio, lo Spirito Santo, dono di Cristo risorto per guidare i cristiani, la Chiesa, "alla verità tutta intera" (Gv 16,13). In questo senso, spiritualità scout indica un modo particolare di essere cristiani, la

    sottolineatura di alcuni temi e tendenze proprie della fede cristiana, insistendo più su alcuni aspetti che non su altri, senza toglierne nessuno e senza negare l'autenticità di altre possibili prospettive e sottolineature. Come ogni spiritualità genuinamente cristiana, è una via verso la santità, intesa come risultato non tanto dello sforzo umano, ma dell'incontro tra la volontà di Dio che chiama e la risposta obbediente dell'uomo:

    Come figli obbedienti, non conformatevi ai desideri di un tempo, quando eravate nell'ignoranza, ma ad immagine del Santo che vi ha chiamati, diventate santi anche voi in tutta la vostra condotta, poiché sta scritto: "Voi sarete santi, poiché io sono santo"(1Pt

    1,14-16).

    Scautismo e vangelo si incontrano: ne scaturisce un tipico modo di concepire la vita secondo il messaggio evangelico, non dimenticando certe parole per evidenziarne altre, poiché ciò significherebbe tradire la parola di Gesù Cristo; ma, invece, dando alla vita scout la profondità e la coerenza che nascono dalla fede cristiana e dal rispondere con coraggio alle esigenze che il vangelo pone a ogni uomo di ogni tempo. Il percorso degli scout cattolici non è chiuso in se stesso, ma trova il proprio luogo naturale di confronto e verifica nella vita della Chiesa tutta, che apre al soffio dello Spirito, e rende pronti a rispondere con generosità alla chiamata a servire anche attraverso le vocazioni di speciale consacrazione.

    È in questo senso, tipicamente cristiano, che si può parlare di spiritualità scout e cercare di delinearne le caratteristiche principali.

    Un primo elemento è il radicale ottimismo sull'uomo: esce dalle mani di Dio come realtà "molto buona", ed è progettato da Dio "a sua immagine e somiglianza". Nonostante il peccato, che segna il distacco dell'uomo dal progetto di Dio, la risposta del Padre consiste nella misericordia, nella pazienza, nel perdono, nell'invito a rinnovare quell'immagine, conformandosi all'immagine perfetta che è Gesù, il Figlio. L'ottimismo radicale, dunque, non è l'ingenua convinzione che l'uomo ha il potere di salvare se stesso, bensì la coscienza profonda di esser fatti tempio di Dio, nonostante tutto, partecipi, pertanto, di un disegno di grazia e di gioia. La docilità all'azione della grazia alimenta la fiducia nel ragazzo, il riconoscere ciascuno capace di camminare verso la propria vocazione e l'accettare di accompagnarlo fidandoci di lui, per farne un testimone di speranza, dentro le tormentate realtà del nostro tempo.

    Dentro questa fiducia fondamentale, si colloca l'annuncio esplicito di Gesù Cristo, uomo perfetto e vero Dio. Non basta una generica apertura alla dimensione spirituale della vita, occorre riconoscere in Cristo, Figlio incarnato del Padre, l'uomo nuovo, la nuova e perfetta immagine a cui riferirsi per ricostruire l'umanità danneggiata dal peccato e rinnovata dalla sua morte e risurrezione. Il cristiano del terzo millennio è chiamato ad appropriarsi più intimamente e consapevolmente del dono della fede, per testimoniarla e trasmetterla alle nuove generazioni.

    La vita cristiana appare come un cammino, come una strada. Siamo pellegrini e stranieri, in attesa di abitare per sempre nella casa del Signore. Vivere è camminare e assomigliare ogni giorno un poco di più all'immagine perfetta del Padre che è Cristo, assumerne la forma, giungere alla sua maturità, imparando da lui la generosità, il dono totale. Progredire significa non fermarsi prima del tempo, non sentirsi arrivati anche se ci sono delle tappe da fare. San Paolo descrive la sua vita come un "correre verso la meta"; la strada dello scout è segnata dalla stessa tensione, dallo stesso desiderio: c'è sempre qualcosa di nuovo da scoprire, sulla strada della conoscenza del Signore; c'è qualche passo avanti da fare, sul sentiero

    del servizio ai fratelli; c'è da seguire la pista che conduce ad un sempre più profondo

    incontro personale con Dio nella preghiera

    Queste ed altre "nuove frontiere", nel

    ... tempo e nello spazio, rendono perennemente attuale e fecondo il dinamismo

    caratteristico del viandante cristiano.

    La vita cristiana

    è un 'avventura.

    Ci vuole coraggio

    per mettersi in ascolto

    del

    Signore che chiama a seguirlo in una vocazione personale. La risposta a questa chiamata comporta sempre una certa dose di rischio. Vivere la fede significa

    concretamente non escludere da principio

    alcuna delle

    forme di

    vita

    cristiana,

    accettando di poter essere chiamati al matrimonio come al celibato, al presbiterato

    come all'impegno da laici nella Chiesa e nel mondo

    comunque coscienti che si

    ... tratta di mettere tutta la propria vita dentro questa avventura. Una Chiesa che oggi

    si riscopre tutta vocazionale e ministeriale, esige itinerari educativi impegnativi e personalizzati.

    Pensare e vivere la fede come avventura significa anche non adagiarsi sulla proposta morale del mondo, ma essere sempre pronti a percorrere sentieri non battuti, veri anche se controcorrente. È questo un aspetto della spiritualità scout particolarmente impegnativo oggi, in un tempo ove ogni proposta morale deve fare i conti con un relativismo che non lascia spazio a convinzioni forti sulle scelte di comportamento, sia nell'impegno nei confronti di se stessi, sia in quello collettivo, della comunità cristiana. L'avventura di mia risposta radicale alla parola evangelica è oggi, dunque, quanto mai preziosa, segno autentico di un'accoglienza del vangelo che penetra e trasforma in profondità tutta la persona.

    Componente fondamentale della vita scout è il gioco: Nel gioco si fa esperienza di libertà, di creatività, di gratuità, di tempo ricevuto e donato, di condivisione, di gioia. Tutti questi sono aspetti importanti dell'identità del credente, quanto mai urgenti per dare oggi buona testimonianza alla capacità che ha il vangelo di trasformare la vita. Sono conseguenza del riconoscere la bontà della creazione dell'uomo e si allargano anche alla gratuità della preghiera, tempo "inutile" agli occhi del mondo ma fecondo, nella logica del regno di Dio che viene.

    La

    vita

    nella natura

    porta a riconoscere l'opera

    del

    Creatore in

    ogni cosa

    distinguere ciò che è essenziale da quanto

    è secondario. La lezione

    di Gesù

    e

    a

    nel

    discorso della montagna: "Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono,

    né ammassano nei granai; eppure

    "

    (Mt 6, 25-34), richiama ad uno stile di vita

    ... essenziale e sobrio, capace di rinunciare al superfluo per non perdere di vista ciò che

    veramente conta e per attuare una maggiore condivisione, nella solidarietà e nell'impegno per una maggiore giustizia tra i popoli.

    È forte e diffusa l'esperienza di comunità: la vita di clan, la realtà della squadriglia, la famiglia felice del branco e del cerchio, non sono soltanto momenti di vita scout, ma occasioni e linguaggi per vivere i valori fondamentali della comunità cristiana. La

    comunità è così luogo di confronto, di verifica e sostegno, di dono di se stessi, di "

    incontro sacramentale con Cristo: "dove due o tre

    nell'unione fraterna

    (Mt 18,20), "erano assidui

    "

    ... (At 2,42). Oggi si richiede fantasia per sperimentare nuove

    ... forme di esperienza comunitaria, nella Chiesa e nella società, soprattutto a fianco

    degli ultimi, degli emarginati, di chi non ha famiglia.

    Punto d'arrivo è la vita cristiana come servizio: sia la progressione scout che l'insegnamento cristiano mirano a questo, cioè ad una vita spesa a servizio dei fratelli. Confrontandosi con l'esperienza esemplare di Gesù, si riconosce nel servizio una dimensione essenziale della risposta al suo vangelo: "Anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri" (Gv 13,120). Risultano così valorizzati appieno i tanti sentieri concreti di impegno nel volontariato, mentre la forza del vangelo spinge i credenti a lavorare in ambiti e situazioni che altri rifiutano.

    In

    una

    parola: la spiritualità scout è la spiritualità

    dell'uomo

    e

    della

    donna della

    partenza, "che scelgono di giocare la propria vita secondo i valori proposti dallo scautismo, di voler essere uomini e donne che indirizzano la loro volontà e tutte le loro capacità verso quello che hanno compreso essere la verità e il bene, di annunciare e testimoniare il vangelo, di voler essere membri vivi della Chiesa, di voler attuare un proprio impegno di servizio" 25 . Un obiettivo alto, ma che ci impegniamo a perseguire con la lungimiranza del progetto, con la pazienza e la gradualità del rapporto educativo, con la coscienza interiore di non essere soli, con il coraggio che viene dall'affidarsi all'azione di Dio che, sola, "fa crescere".

    3. LA PEDAGOGIA DEI SEGNI E DELL’ESPERIENZA

    3.1. Il linguaggio della Catechesi

    Durante la riunione del consiglio pastorale parrocchiale dedicata ai problemi dei giovani è avvenuto un curioso malinteso. Don Gianni, il viceparroco, insisteva - appoggiato dai rappresentanti dei catechisti - nell'affermare l'urgenza di una catechesi sistematica, magari basata sull'uso del Catechismo

    della Chiesa Cattolica, perché - diceva - "nei nostri gruppi si fanno tante esperienze ma nessuno dei giovani sa presentare correttamente il significato delle parti della Messa e tanto meno sa scegliere i canti adatti per i diversi momenti". Giulia, la capo gruppo degli scout, si sentiva un po’ accusata. Eppure, di catechesi pensava di farne tanta, soprattutto da quando le era stato regalato quel Piccolo dizionario biblico:

    acqua, montagna, luce, fuoco, cammino

    ...

    erano ormai parole sempre più significative per i

    rover e le scolte. Ma la discussione continuò a lungo, senza riuscire ad intendersi ...

    Fare catechesi è un’operazione che coinvolge diverse variabili. Lo dimostra il fatto stesso che usiamo espressioni diverse per parlarne: educazione alla fede (o della fede, o nella fede); trasmissione della fede; evangelizzazione ... Ciascuno di questi "nomi" meriterebbe un adeguato approfondimento, ma non è questo il luogo: non escludete però che la comunità capi, o altre realtà associative, possano esserlo. Da tale varietà emergono i tre nuclei fondamentali attorno a cui si realizza l'atto catechistico. Innanzitutto si tratta di una comunicazione, poiché educare è azione che comporta due poli: sono questi i primi due nuclei, il "catechizzando" e il "catechista". San Paolo, nella sua lettera ai Galati, descrive questa situazione così: "il catecumeno della Parola condivida ogni cosa buona con il suo catechista" (traduzione letterale di Gal 6,6). Come nell'educazione, anche nella catechesi la relazione è una dimensione fondamentale. C’è poi il terzo nucleo: la fede, il vangelo. È questo il contenuto della catechesi; è necessario però considerare la realtà dell'atto di fede, dell’adesione al vangelo, in tutta la sua complessità e dunque nei suoi diversi aspetti. Leggendo la bibbia, e in particolare il

    25 AGESCI, Regolamento metodologico interbranca, art.28.

    Nuovo Testamento, "atto di fede" è:

    • - fidarsi di Dio, prestare fede alle sue parole;

    • - consegnarsi a Dio nel dono totale di sé;

    • - riconoscere ciò che Dio ha fatto per noi, in particolare che Gesù è morto e risorto per

    noi;

    • - comunione di vita con Dio;

    • - dono gratuito di Dio;

    • - decisione radicale e fondamentale dell'uomo.

    Dunque, educare alla fede sarà "inventarsi" una pedagogia capace di accompagnare bambini, ragazzi, giovani a un atto così decisivo per la loro vita. Non basta: un itinerario di catechesi dovrà sempre tener presenti i diversi modi attraverso cui la fede si esprime, per evitare che rimanga qualcosa di insignificante nella vita delle persone: la preghiera, la celebrazione liturgica, le scelte e i comportamenti morali, l'esperienza comunitaria, l'impegno nel dono di sé. Sono, questi, i linguaggi tipici dell'esperienza religiosa ed ecclesiale, ed è parlando questi linguaggi che si fa catechesi. Perciò facciamo cenno in questo capitolo alla pedagogia dei segni e dell'esperienza, che ci offre le regole di riferimento per parlare nel modo giusto. Sappiamo infatti che la crescita della persona nella fede è opera dello Spirito, ma siamo pure coscienti, guardando alla pedagogia di Dio, che incarnandosi "ha posto la sua tenda in mezzo a noi", che ciò avviene anche con la mediazione dell'uomo. La comunicazione della fede è sottoposta alle regole della comunicazione umana. In particolare, la rivelazione di Dio si snoda lungo il tempo come un grande racconto, ove il protagonista si fa sempre più vicino a colui che ascolta, fino ad incontrarlo realmente e a salvarlo. La Bibbia ci trasmette questo racconto delle grandi cose che Dio ha fatto per noi e ci impegna a raccontare ancora:

    non una favola di altri tempi, ma la grande storia che racchiude il senso ultimo della nostra vita e la risposta alle domande di ogni uomo. La catechesi è dunque educazione della fede, insegnamento della verità, introduzione a un’esperienza di Chiesa, racconto e testimonianza delle grandi opere di Dio per l'uomo. Quanto segue è la proposta di un quadro per pensare i percorsi attraverso cui aiutiamo i nostri ragazzi a conoscere e a fare propri, a interiorizzare i valori della fede.

    Il valore della comunicazione

    Spiegare a qualcuno la differenza che esiste fra il sapore del vino bianco e quello del vino rosso potrebbe sembrare una cosa semplicissima. La differenza ci è ben nota; perché dunque non dovrebbe essere altrettanto semplice spiegarla a qualcun altro? Eppure è difficilissimo rendere in parole questa differenza di gusto.

    Succede lo stesso quando proviamo a "spiegare" ad un’altra persona il significato di un valore o di un’emozione. Spesso ci accorgiamo che le nostre parole non riescono ad incidere nell'altro. E, certamente, molte volte abbiamo sperimentato che è più facile far comprendere valori e concetti dopo aver condiviso particolari situazioni che ci hanno coinvolto personalmente, piuttosto che non dopo aver commentato, pur in modo eccellente, un brano evangelico. Perché? Partiamo da una constatazione ovvia ma essenziale: non è sufficiente parlare per comunicare. Non basta parlare di Gesù Cristo per comunicare agli altri quello che per noi è stato e significa l'incontro con il Signore. La parola non esaurisce il campo della comunicazione. Comunicare, infatti, vuoI dire dare senso ai fatti, agli oggetti, agli atti, ed il linguaggio verbale non riesce, da solo, ad arrivare a tanto. La comunicazione verbale è importantissima, con essa possiamo trasmettere la nostra fede e chiamare alla fede i nostri fratelli. Dice, infatti, san Paolo: "Ora, come potranno invocarlo (Dio) senza aver prima creduto in lui? E come potranno credere senza averne sentito parlare? E come potranno sentirne parlare senza uno che lo annuncia?" (Rm 10,14).

    Ogni volta che ascoltiamo un brano biblico all'interno della liturgia affermiamo che si tratta di parola di Dio; e, dalla testimonianza biblica, sappiamo che la parola di Dio è creatrice (Gen 1,2) e al tempo stesso dinamica, è storia che si realizza, nella concordanza tra ciò che Dio dice e ciò che Dio fa. Di Gesù, poi, diciamo - con le parole dell'evangelista Giovanni - che egli è il Verbo, la parola incarnata di Dio. Ma quando si tratta di noi uomini e della nostra parola, le cose stanno ben diversamente.

    3.2. Esperienza, simbolo, concetto

    Giulia e don Gianni, dopo quella discussione, vollero fare qualcosa di più e così - finalmente - lo stqff di comunità R/S fece addirittura una mezza giornata di riflessione e programmazione con la presenza più volte richiesta del vice parroco. Dopo le prime difficoltà per capirsi, ci si accorse che le diverse strade percorse avevano in comune molti elementi: don Gianni preferiva insistere sui concetti, sulle verità da trasmettere, mentre i capi scout erano abituati a giocare con i simboli, a costo di rischiare qualche confusione sul loro significato. La scintilla dell'intesa scoccò quando don Gianni, che studiava liturgia a Roma, cominciò a raccontare come la Chiesa primitiva aveva costruito le sue grandi catechesi proprio intorno alla spiegazione dei simboli cristiani, e quando Giulia - cominciando a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica - trovò risposte chiare e organiche ad alcuni dubbi che i ragazzi le avevano espresso in ordine alla vita eterna, al bene e al male, al destino dell'uomo, ecc.

    Due modi di ragionare, due linguaggi diversi cominciavano a scambiarsi informazioni e a comunicare ...

    L’universo dei simboli

    La spiritualità è un modo di dare senso alle cose. E dare senso è dare il nome ad una cosa (cfr. Gen 2,18-20a), è cioè essere corresponsabili della creazione e responsabili della cosa che chiamiamo. Anche la catechesi deve riuscire a rendere significativa la parola con la quale porta l’annuncio, cioè deve rendere sensato l'evento di Cristo per le persone a cui si rivolge. Uno dei modi principali in cui l'essere umano riesce a dare senso alle cose è l'uso di segni e simboli. Tutti noi, ne siamo coscienti o meno, viviamo in un universo di simboli. Anche questi tratti neri stampati sulla pagina, che chiamiamo lettere, sono dei segni. Ad essi associamo un particolare suono della voce e quando li uniamo nelle loro possibili com- binazioni possiamo trasmettere concetti, sentimenti, emozioni. È lo stupendo gioco della lingua parlata di cui siamo gli unici possessori nel creato, dono speciale che Dio ha fatto all'uomo che tanto ama. Se ci addentriamo un po' di più in questi segni che sono le lettere dell'alfabeto, vediamo che nascondono comportamenti ben strani. Come i pezzi degli scacchi, una volta che sono schierati, sono capaci dei giochi più bizzarri. Proviamo, ad esempio, a combinare nei vari modi possibili questi quattro segni grafici R, M, O, A. Avremo allora tante combinazioni di suoni come: ROMA, RAMO, ORMA, MORA, OMAR, combinazioni di segni che richiamano alla nostra mente immagini ben precise, eppure con significati diversi per ciascuno. La combinazione ROMA non farà nascere in tutti noi la stessa immagine della città. Avremo, poi, delle combinazioni di segni 'in-significanti' che cioè non richiamano alla nostra mente nessuna immagine particolare, come possono essere le combinazioni: MRAO, RMAO. Non tutti i segni, e le loro combinazioni, danno un senso alle cose e anche quando lo danno, non lo fanno sempre nello stesso modo. Come vedremo, ciò può essere una fortuna per chi abbia fantasia e creatività.

    Segno e simbolo: due diverse realtà

    Finora abbiamo usato indifferentemente la parola 'segno' e la parola 'simbolo'. Proviamo a comprendere meglio le due parole, preoccupati più del nostro scopo pratico, che non della perfezione scientifica delle affermazioni.

    Il segno è un oggetto, un suono, un gesto o un particolare processo cui l'uomo attribuisce un 'significato'. Ad esempio: se su una nave viene issata una bandiera nera con sopra fregiato un teschio e delle tibie incrociate, pensiamo subito che quella è una nave di pirati. Sappiamo, infatti, che a quella particolare 'bandiera' (il segno) è associata l'idea dei pirati (il significato). Il simbolo, invece, è qualcosa di concreto che può rimandare non solo all'oggetto rappresentato, ma anche e soprattutto ad una situazione, ad un sentimento o ad un valore concettualmente affine all'oggetto stesso. Mentre il segno rinvia al significato in modo diretto, il simbolo rinvia a qualcosa di non direttamente accessibile. Ad esempio: l'immagine di un fuoco può rimandare non solo ad un determinato fuoco, ma anche all'idea del calore, della luce, della carità, delle lingue di fuoco che nella Pentecoste sono scese sopra la testa degli apostoli nel cenacolo. Il simbolo si lega con ciò che si vuole significare, stabilendo legami con il significato e con l'esperienza. Il simbolo è "ciò che unisce e fa riconoscere". Il termine simbolo deriva dal greco syn- ballein che significa "riunire, mettere in comune". Nell'antichità, infatti, il symbolon era un oggetto (un sigillo, una moneta, o altro) che, diviso in due parti uguali, veniva consegnato a due diverse persone con lo scopo di permettere di riconoscersi ricongiungendolo. Il simbolo, dunque, non soltanto comunica un messaggio, ma favorisce una relazione tra due entità, stimola un riconoscimento, un’identità.

    Ancora oggi nella

    Chiesa la

    nostra professione di

    fede,

    il

    credo

    che recitiamo ogni

    domenica, è detto "simbolo": esso, infatti, è il segno di riconoscimento di ogni cristiano, quello che ognuno di noi pronuncia quando ha fatto l'esperienza di Gesù come il Cristo e ha dato a questa esperienza un significato preciso: solo in lui ci è data la salvezza.

    È questo ciò che vogliamo faccia il simbolo nel nostro itinerario di catechesi. Ricongiungere assieme due parti altrimenti separate: un’esperienza della vita e il significato che ad essa è legato, affinché si riconoscano e si uniscano. Solo quando l’esperienza e il concetto si sono uniti, grazie alla mediazione del simbolo, possiamo star certi di avere veramente passato un contenuto pedagogico.

    Il simbolo è un collegamento non solo concettuale, ma anche vitale: tutte le volte che ripropongo un simbolo, di fatto ripropongo l'esperienza emotiva che a quel simbolo è legata. Un esempio:

    Il pozzo che avevamo raggiunto non assomigliava ai pozzi sahariani. I pozzi sahariani sono dei semplici buchi scavati nella sabbia. Questo assomigliava ad un pozzo di villaggio. Ma non c'era alcun villaggio intorno, e mi sembrava di sognare.

    "È strano ", dissi al piccolo principe, "è tutto pronto: la carrucola, il secchia e la corda

    ".

    ... Rise, toccò la corda, fece funzionare la carrucola. E la carrucola gemette come geme una

    vecchia banderuola dopo che il vento ha dormito a lungo. "Senti", disse il piccolo principe, "noi svegliamo questo pozzo e lui canta Non volevo che facesse uno sforzo. "Lasciami fare", gli dissi, "è troppo pesante per te".

    ...

    ".

    Lentamente issai il secchio fino all'orlo del pozzo. Lo misi bene in equilibrio. Nelle mie orecchie perdurava il canto della carrucola e nell'acqua che tremava ancora, vedevo tremare il sole.

    "Ho sete di quest'acqua", disse il piccolo principe, "dammi da bere aveva cercato! 26

    ...

    ". E capii quello che

    26 De Saint-Exupéry A., Il piccolo principe, cap. XXV.

    È evidente che l'acqua è un simbolo che ha le caratteristiche di concretezza che abbiamo raccomandato; ma la sua ricchezza simbolica non finisce qui. Essa rappresenta anche un universo di significati che l'uomo, fin dai primordi della sua storia, vi ha colto: il significato della purificazione è certo quello più evidente, ma ne possiamo elencare anche altri, come ad esempio quello della vita. È proprio in questa accezione che lo usa A. De Saint-Exupéry:

    la scena descritta si inserisce in un contesto più ampio, quello di un aviatore che, in pieno deserto, dopo una settimana di inutili tentativi di riparare il suo aereo in avaria, ha finito la sua scorta d'acqua. Nel deserto questo vuoI dire solo morte. I due protagonisti del racconto si mettono, quindi, in cammino alla ricerca d'acqua. Finalmente trovano in modo prodigioso un pozzo: è la vita. Non moriranno di sete. L'acqua diventa, nella dinamica del racconto, il punto di unione tra un'esperienza reale, quella della sete, del pericolo della morte, con un significato: quello della vita. Certamente, se ognuno di noi ha fatto veramente quest'esperienza, ogni volta che qualcuno tenta di fargli comprendere che l'acqua è segno di vita, ben comprende cosa intende dire. Una comprensione che viene dall'averne fatto esperienza e non per aver sentito semplicemente parlare.

    L’esperienza

    Quando si parla di esperienza, generalmente ci si riferisce al fatto che una persona riceve impressioni che generano in lei delle sensazioni, gradevoli o sgradevoli che siano. Perché una determinata esperienza divenga via di conoscenza e di crescita, non solo intellettiva, ma anche interiore, bisogna che non sia subita ma vissuta attivamente: che sia cioè occa- sione di riflessione e rielaborazione personale. La parola illumina i fatti, le cose, i gesti; e questo è lo spazio dell'educatore e del catechista, chiamato a collegare ogni esperienza al suo significato, per mostrare l'insegnamento che essa può offrire, per passare dall'esperienza al concetto, proprio attraverso l'efficace via del simbolo. Nessuna realtà può assumere il valore di simbolo se non vi è un'esperienza che l'ha preceduta ed è servita a dargli una sua connotazione. La luce di una candela acquisterà per me valore di simbolo, ovvero ogni volta che la vedrò riuscirà a darmi l'idea della luce e di altri significati collegati, ad esempio la sicurezza, solo se almeno una volta sono riuscito a provare fisicamente la sensazione di paura che il buio mi ha dato.

    Proviamo a fare questo cammino, insieme al vangelo di Giovanni,

    che

    non parla

    di

    miracoli, ma di segni. Gli altri evangelisti usano identificare il miracolo come un atto di potenza di Gesù; il miracolo ha in loro il primario scopo di mostrare la signoria di Gesù su tutto il creato. Giovanni, invece, usa la parola segno-simbolo, e tende, dunque, a mettere in

    rilievo il significato, ovvero il concetto, stimolando ci a domandarci: che cosa è successo? cosa significa? Giovanni nel descrivere l'evento che porta alla manifestazione di un 'segno', parte sempre da realtà della vita quotidiana (come la fame per la moltiplicazione dei pani, la sete per l'incontro con la samaritana, il vedere per la guarigione di un cieco nato, ecc.), dall'esperienza di tutti i giorni, perché le esperienze sono la base del conoscere dell'uomo, che così riesce a crearsi un suo mondo simbolico.

    Riprendiamo il brano de Il piccolo principe. Il pozzo che l'aviatore si trova davanti, non rientra in quelli che si aspettava di trovare, cioè in quelli che la sua esperienza gli diceva che avrebbe dovuto trovare. L'aviatore si accorge che il pozzo porta in sé qualcosa di straordinario, ha un significato più grande rispetto ad un normale pozzo sahariano. È grazie al fatto che aveva già avuto modo di vedere dei pozzi sahariani, che questo pozzo gli può dire qualcosa di diverso. L'aviatore riesce a decifrare il nuovo pozzo, grazie ad un codice costituito dai tanti pozzi che ha visto e grazie al nuovo significato che è costretto a dargli.

    Accanto a queste esperienze di conoscenza, che investono soltanto il nostro intelletto, ce ne sono altre ben più forti, perché ci coinvolgono nella totalità della nostra persona: nel racconto che abbiamo preso ad esempio, l'esperienza forte è quella della sete. Certo, di ogni esperienza l'essere umano è consapevole; tuttavia, ci sono delle esperienze più intense, che costringono ad interrogarsi. Anche il piccolo principe sa che sta vivendo una situazione straordinaria, che non rientra nel normale vivere, come dire: "non sempre mi trovo in un deserto e non sempre soffro la sete".

    Con le parole si può raccontare l'esperienza vissuta e descrivere cosa essa ha significato in termini di sentimenti ed emozioni, ma con le sole parole non si può far vivere la stessa esperienza a chi ascolta. Si comprende, così, come l'esperienza si collega al simbolo: essendo cosciente della mia situazione di assetato, quando mi troverò davanti ad un pozzo d'acqua, capirò quanto è importante, assolutamente vitale, per me l'acqua in quel momento particolare. È la vita.

    Il significato, il concetto

    Il brano de Il Piccolo principe si chiude con una frase emblematica: ""Ho sete di quest'acqua (…) dammi da bere". E capii quello che aveva cercato!". Quando parliamo di "concetto" intendiamo proprio questo comprendere. È organizzare in parole l'esperienza che si è vissuta e renderla così universale, proprio per averla sintetizzata in un simbolo. L'aviatore adesso ha compreso che la sete del suo piccolo compagno dai capelli color del

    grano è una sete ben più profonda della sete fisica: "Bevve con gli occhi chiusi: era dolce come una festa. Quest'acqua era ben altra cosa che un alimento. Era nata dalla marcia sotto le stelle, dal canto della carrucola, dallo sforzo delle braccia. Faceva bene al cuore, come un dono".

    Questa è stata anche la pedagogia di Gesù che, nell'istituire il sacramento dell'eucaristia, segno grande del suo amore, lo volle affidare alla concretezza del pane e del vino.

    La triplice dinamica che abbiamo presentato è la via normale per comunicare i contenuti della fede:

    - partire da un'esperienza reale, da qualcosa di vissuto a livello di sensazione e di emozione fisica; - universalizzare quest'esperienza in un simbolo, ovvero qualcosa di molto concreto

    (acqua, fuoco, pane

    );

    ... - rendere esplicito il significato nascosto nel simbolo.

    Lo staff di reparto, ad un certo punto del suo progetto di catechesi annuale deve far comprendere ai ragazzi il concetto che Gesù Cristo è la vera sorgente di acqua viva e che chi beve dell'acqua che lui ci darà non avrà più sete (cfr. Gv 4,1-27). Si tratta allora di progettare un 'esperienza in cui i ragazzi abbiano necessità di sperimentare una mancanza effettiva d'acqua e, quindi, di trovare il simbolo che universalizzi questa esperienza. La catechesi potrebbe svolgersi benissimo durante un’uscita di fine settimana, durante la quale si è costretti ad una camminata lungo un sentiero privo di acqua. È giocoforza vivere l'esperienza della sete. Lo staff allora potrà predisporre che, ad un certo punto della strada, vi sia un capo, che accoglie ciascuno offrendogli un abbondante bicchiere d'acqua. Quando tutti sono dissetati, e ben rinfrancati, si proseguirà allora con un momento di liturgia della Parola, dove leggeremo il brano del vangelo di Giovanni che parla della Samaritana (Gv 4,1- 26) e potremo spiegare che il Signore non ci dà soltanto un 'acqua come quella che ci è stata offerta, perché di quell'acqua - dopo aver ripreso il cammino - avremo ancora bisogno. Il Signore Gesù ci dà un’acqua ben diversa che risponde ad un tipo diverso di sete. A voi trovare le parole per esplicitare un concetto che adesso per loro non è soltanto tale, ma esperienza vissuta.

    Alcuni accorgimenti

    Come avrete notato, la dinamica esperienza - simbolo - concetto si deve leggere in due diverse direzioni. Quando lo staff progetta la sua attività deve partire sempre dal concetto che vuoI trasmettere, sintetizzarlo nel simbolo e poi pensare un’esperienza da far vivere. Invece, quando proponiamo l'attività ai ragazzi bisogna fare esattamente il cammino inverso: si parte dal vivere l'esperienza, che verrà riassunta nel simbolo ed infine resa esplicita con il concetto che volevamo comunicare. Non tutte le attività di catechesi devono necessariamente essere fatte con questo schema. Potreste, ad esempio, scegliere dei momenti forti dell'anno liturgico, o della vita

    della vostra unità, o progettare alcune scadenze nell'itinerario annuale e farvi una proposta di attività di catechesi organizzata secondo questo schema. Ciò non toglie che quanto più, in

    ogni proposta educativa, vi atterrete a questo schema tanto più sarete sicuri di

    ...

    aver

    lasciato una traccia. L'esperienza che si propone ai ragazzi non deve mai eccedere in intensità emotiva! Sarebbe solo deleteria e controproducente, in quanto la fede richiede anche riflessione sulla Parola e sulla vita quotidiana, costanza nell'impegno morale, capacità di verifica delle esperienze nel dialogo comunitario. Il simbolo deve essere qualcosa di concreto, di palpabile, di gustabile, di attinente alla vita di tutti i giorni, ma soprattutto qualcosa che abbia la capacità di richiamare 'al di là di sé' un concetto positivo. Pensate alla tenda, simbolo dell'accoglienza e del conforto (la Chiesa), al fuoco inteso come qualcosa che si consuma per offrirci calore e conforto (simbolo della carità), alla luce di una candela che rischiara la notte (simbolo del Cristo, luce del mondo). A voi continuare il gioco, anche con l'aiuto delle schede del Sentiero fede.

    3.3. Significato umano, religioso, cristiano

    Un nuovo momento di crisi nei rapporti tra Giulia e don Gianni si verificò quando lei chiese al "don" di dare una mano per la preparazione della giornata dello spirito programmata in Zona. Incontrando gli staff R/S incaricati di curare la traccia della veglia serale, il povero prete digiuno di scautismo si trovò

    sul tavolo ben tre copie de Il profeta di Gibran, i libri di Anthony de Mello, i classici scout sulla spiritualità della strada, e una copia della lettera da Taizé. Lui era arrivato con la sua fedelissima Bibbia di Gerusalemme e il nuovo catechismo dei giovani. Tutti capirono che c'era il rischio di non intendersi, si ascoltarono un po’, e poi decisero di ripartire da zero, facendosi alcune domande: Qual è la situazione religiosa dei ragazzi che parteciperanno all’ 'incontro? Quale obiettivo vogliamo e possiamo realisticamente raggiungere? Qual è il messaggio del tempo liturgico e della liturgia domenicale prevista per il giorno dell'incontro? Quale immagine, quale simbolo, può far incontrare il messaggio biblico e il vissuto dei ragazzi?

    Proviamo a costruire un cammino di approfondimento di questa idea di progettare insieme!

    ...

    e si appassionarono alla fatica

    Una parola può avere significati

    diversi. Facciamo

    un

    esempio: la

    parola "cane"

    è

    comunemente usata per parlare di un mammifero a quattro zampe, fedele amico dell'uomo; ma con la stessa parola facciamo riferimento alla costellazione del "cane", o a quel meccanismo per cui una pistola riesce a far esplodere una pallottola. Lo stesso segno linguistico è usato con significati diversi, tanto che può succedere di cadere in equivoci. Spesso, poi, facciamo uso dell'analogia: che è quell'artificio del linguaggio per cui una parola

    viene usata non nel suo significato originario, ma facendo solo riferimento a questo. È più facile spiegarlo con un esempio: se uso la parola "sano" riguardo al cibo, al colorito del volto di una persona, o riguardo all'aria che respiro, indico un'entità che è la salute dell'uomo, ma al tempo stesso mi riferisco a tre realtà diverse. Mentre nel linguaggio quotidiano così si rischia il fraintendimento o l'incomprensione, la ricchezza del simbolo sta proprio nella sua apertura a diversi significati: è qualcosa che rinvia a qualcosa d'altro. E per questa sua virtù è possibile una catechesi per simboli.

    Il procedimento dell'analogia vale anche per il simbolo, come in parte abbiamo già visto nel caso dell'acqua. Non solo il simbolo è letto in modo analogico, bensì ogni tipo di esperienza umana, è valutata in base alle esperienze precedenti. La realtà esperienziale ha grande importanza nella vita quotidiana di ciascuno di noi, nonché nella vita di ciascun credente. La fede, infatti, non è altro che l'esperienza personale dell'incontro con il Cristo fatta da ciascuno. È necessario perciò cercare di cogliere in profondità cosa ciò significa per la nostra proposta di fede. Lo facciamo approfondendo i tre diversi livelli a cui può essere fatta propria l'esperienza umana: il livello umano, quello religioso, quello cristiano.

    Il livello umano

    Il primo livello di significato di ogni parola o di un simbolo è quello umano, ovvero quello riferito alla nostra esperienza più immediata. Ritorniamo all'immagine che san Giovanni ci offre nel passo citato della Samaritana e seguiamo il dialogo che si svolge dopo che Gesù le ha chiesto da bere:

    Gesù le rispose: "Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: "Dammi da

    bere!", tu stessa gliene avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva". Gli rispose la

    donna: "Signore, tu non hai un mezzo per attingere e il pozzo è profondo"(Gv 4,10-11). I due personaggi intendono la sete in modo diverso e conseguentemente l'acqua a cui si appellano ha un diverso significato. La donna samaritana intende, in un primo momento, soltanto la sete fisica, più immediata. La realtà dell'esperienza umana è quella che primariamente condiziona la lettura della realtà simbolica. L'interpretazione religiosa nasce solo successivamente, dando alle stesse parole connotazioni diverse. Per san Paolo, ad esempio, alcune parole umane vengono ad assumere un significato nuovo rispetto all'uso quotidiano: "calice" diventa "sorte", "lingua" indica "nazione", "via" indica "dottrina". Quando si fa una proposta di catechesi, il livello di significato umano è il primo che fa nascere associazioni di idee e riflessioni nella mente di chi ascolta. E se a questa parola - e alle esperienze da essa richiamate - è legato un significato positivo la proposta di fede risulterà positiva; ma se il significato è negativo, allora il risultato sarà negativo: non basta dire che Gesù è amico, o che Dio è padre, perché non tutti hanno avuto un'esperienza positiva dell'amicizia o della paternità. È necessario allora valutare bene i concetti da comunicare e precisarne la reale accezione, positiva o negativa che sia. Prima di parlare di Gesù come amico e magari fare un'attività di catechesi per far comprendere questo concetto, converrà attivare un'esperienza che evidenzi la positività dell'amicizia, indipendentemente dalle eventuali esperienze negative di ciascuno. Allora il nostro messaggio, che Gesù è amico, sarà veramente un messaggio di fiducia e di gioia. L'esperienza concreta, vissuta in prima persona, che è uno dei fondamenti del metodo educativo scout, diventa in questo modo basilare anche per la proposta di fede che facciamo. È importante sottolineare il valore conoscitivo ed educativo dell'esperienza nella sua concretezza.

    Il livello religioso

    La sola esperienza, però, non basta. Questo è il primo passo; occorre poi approfondire la

    dimensione spirituale, religiosa, contemplativa del significato umano.

    Pensiamo per esempio ad alcuni aspetti tipici della spiritualità scout:

    • - il gioco non è solo un'attività essenziale della vita umana, ma è anche espressione

    della gratuità di ogni atto, è espressione dell'atto creativo di Dio, come ci racconta il libro dei Proverbi (Prov 8,30: dilettandomi davanti a lui, che sarebbe meglio tradurre: giocando

    davanti a lui);

    • - l'avventura non è soltanto il desiderio adolescenziale di scoperta di ciò che è nuovo

    e diverso, ma diventa desiderio della scoperta di un Dio, che più credo di conoscere, meno riesco ad afferrare, come insegna l'esperienza di Giobbe (Gb 42,5: io ti conoscevo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti vedono. Perciò mi ricredo ); ...

    • - la strada non è solo il faticoso cammino in montagna, ma diventa segno

    paradigmatico per ciascuno di noi: il cammino di un popolo che si avventura nel deserto per passare dalla condizione di schiavitù politica alla libertà (la spiritualità dell'esodo presente

    anche in Os 11,1: dall'Egitto ho chiamato mio figlio

    ...

    ).

    Da sempre l'uomo ha sentito un desiderio di trascendenza, di andare oltre i propri limiti, oltre una realtà che non riesce a dare risposte soddisfacenti alle contraddizioni ed ai

    limiti che essa stessa pone all'uomo. Da sempre l'uomo ha cercato di leggere le sue esperienze in prospettiva universale, andando oltre il particolare per porsi su un piano più generale. Nella storia gli uomini hanno sempre cercato un rapporto con Dio, esprimendo questa ricerca nei riti religiosi, nelle credenze, nelle istituzioni sacre. Di fronte ai fenomeni della natura, come pure di fronte a esperienze particolari come la morte, la malattia, il dolore,

    l'uomo sperimenta sentimenti contrastanti: meraviglia, timore, paura, fascino

    L'uomo ha

    ... fatto esperienza del suo limite, trovando in sé il bisogno di aprirsi ad un essere che

    superasse la sua naturalità. Per poter spiegare e vivere realtà come la morte, l'amore o l'amicizia, l'uomo le ha collocate e riferite a questa dimensione universale, soprannaturale: è la dimensione che chiamiamo religiosa. La religione, sulla base dell'esperienza originaria del sacro, è diventata così anche un

    fenomeno sociale, culturale e rituale. La coscienza religiosa ha spinto l'uomo a fissare il bisogno di Dio in una tradizione, in un insieme di riti, di leggi e comportamenti, di strutture

    • di pensiero e dottrine. Dall'unico bisogno religioso si sviluppano così le diverse religioni.

    Dopo aver colto il valore umano di esperienze e simboli, si deve fare il passo verso il loro più profondo e intimo valore religioso. Prendiamo ancora un esempio da Il piccolo principe:

    al cap. XXI è descritta la stupenda metafora dell'amicizia, espressa dalla volpe addomesticata dal piccolo principe:

    "Se tu mi addomestichi - dice la volpe - la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi guarda! Vedi laggiù dei campi

    • di grano? lo non mangio pane e il grano per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano

    nulla. E questo è triste! Ma tu hai i capelli color dell’oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del

    vento nel grano".

    Dopo esser stata addomesticata, la volpe vede il mondo in modo diverso: ciò che prima era insignificante o faceva paura, diventa adesso motivo di gioia; ciò che prima era solo una sensazione fisica, adesso richiama un valore universale come, appunto, quello dell'amicizia.

    Nell'Antico Testamento, la storia del popolo di Israele è una storia che diventa segno dell'azione di Dio, è una storia in cui agisce lo Spirito di Dio. L'antico Israele, infatti, fa ripetutamente esperienza dell'azione del Signore, fino a comprendere che il Signore è colui

    che salva, riconoscendogli le caratteristiche della misericordia e della fedeltà, ovvero dell'amore verso il popolo con il quale ha stabilito un'alleanza. Israele legge la sua storia, aiutato in questo dai suoi profeti, e comprende che il Signore è uno, che ama il suo popolo, che è un Dio geloso, che vuole fedeltà al patto. Comprende che l'azione di Dio è azione pedagogica, che lo prepara all'accoglienza del Messia, dell'Unto del Signore, del Re eterno, Signore di giustizia e di pace.

    Il livello cristiano

    La catechesi intesa come illuminazione dell'esperienza, arriva qui al suo culmine, dove è possibile e necessario un annuncio esplicito. L'antico testamento prepara la venuta sulla terra del Figlio di Dio, e solo l'incontro diretto col Cristo compie tutte le promesse di Dio e soddisfa le autentiche attese dell'uomo. Le semplici esperienze umane non possono oltrepassare la soglia del significato religioso. Il passaggio al livello cristiano richiede l'an- nuncio esplicito della salvezza in Cristo, nella sua morte e risurrezione. È il momento in cui si dà senso al nostro sentire umano e spirituale illuminandolo alla luce della persona e del messaggio di Cristo. È questo il momento in cui tutto l'Antico Testamento viene compreso: se l'Esodo è stato il paradigma della liberazione politica, ora con Gesù si attua una liberazione ben più radicale, quella dal peccato. Se l'ultimo profeta del vecchio patto, Giovanni Battista, ha battezzato con acqua, adesso con Gesù saremo battezzati in Spirito (Mc 1,8). Se i profeti ripetevano sempre "oracolo del Signore", adesso

    la parola stessa di Dio è in mezzo a noi per compiere e rinnovare tutta la legge antica: "È

    stato detto

    ma io vi dico" (Mt 5,21 ss.), insegnando in modo nuovo e con autorità (Mt

    ... 7,29; Mc 1,22). È questo l'obiettivo di ogni itinerario di catechesi: l'annuncio del Cristo. Questo è anche il nostro compito. Ciò che lo ha preceduto, l'espressione del simbolo e della parola, l'approfondimento dell'esperienza umana, rimarranno solo delle belle storie simili a tante altre se non giungiamo a questa proclamazione esplicita del Cristo.

    Ad esempio, l'amicizia è importante, ma diventa un valore eterno e di reale aiuto per la mia vita solo se comprendo che Gesù è il vero e fedele amico (Gv 15,12-17), e che l'amicizia è espressione dell'amore di Dio verso l'uomo. La sete più profonda, che non è solo sete d'acqua di fonte, potrò spegnerla scoprendo che il Cristo è la fonte dell'acqua viva (Gv 4,10.14). Il brano de Il piccolo principe sulla ricerca dell'acqua nel deserto trova la sua profondità nel racconto dell'incontro tra Gesù e la Samaritana (Gv 4,1-42).

    In sintesi: questo terzo livello è l'ultimo passo della proposta progressiva di catechesi, ma è anche la condizione essenziale per la sua efficacia, in quanto esprime e risolve intuizioni emerse ai livelli precedenti, guardando le attraverso il prisma della figura e delle parole di Gesù Cristo. Nel proporre una catechesi aderente al metodo scout, normalmente, prima vi è l'esperienza umana quotidiana (ad esempio, il rapporto con l'amico di scuola o di branco, di squadriglia, di clan/fuoco); poi si intuisce un concetto più profondo, quasi universale, religioso, di amicizia, come ad esempio l'amicizia di Dio con Abramo (Gen 18); ma il livello culminante e decisivo è quello dell'amicizia di Gesù verso tutti gli uomini, segno dell'amore profondo di Dio per tutti noi, quell'amore che il Concilio Vaticano II ha espresso dicendo che "Dio invisibile nel suo grande amore parla agli uomini come ad amici" 27 .

    27 Concilio Vaticano II, Dei Verbum, 2.

    I due schemi che abbiamo presentato (esperienza, simbolo, concetto e significato umano, religioso, cristiano) non sono successivi, ma piuttosto complementari. Possiamo, cioè, cogliere e sviluppare il senso umano, religioso e specificamente cristiano sia delle esperienze concrete, sia dei simboli che ne scaturiscono, sia dei concetti che vi si racchiudono. Gli esempi fatti hanno tentato di mantenersi sulla linea di un medesimo con- cetto e di un medesimo simbolo: è bene continuare il gioco cercando le situazioni e i linguaggi che più si adattano al progetto della propria unità. La catechesi ha il fine di trasmettere la verità della fede attorno al suo centro vivo che è Cristo: e ciò avviene nella Chiesa e attraverso tutto quanto essa insegna e vive. È bene, comunque, ricordare che all'azione catechetica deve essere collegato un altro passaggio, quello che deve portare alla celebrazione dei sacramenti, veicolo della grazia di Dio che è la sorgente ultima e la forza efficace della crescita nella fede. Affinché si arrivi ad un'esperienza e ad un linguaggio che siano pienamente cristiani, non dimentichiamo, infatti, quanto chiarito già nel capitolo precedente: l'esperienza di fede cristiana non scaturisce soltanto dal confronto tra i bisogni umani e la memoria dell'agire di Dio e di Gesù Cristo che ci è trasmessa dalla bibbia. Occorre anche attualizzare questo dialogo tra l'uomo e Dio nel contesto della vita della Chiesa: la storia, la liturgia, l'insegnamento, i santi, la vita della Chiesa sono ulteriori luci che si proiettano sulle esperienze umane, per farle diventare, nella libera maturazione della coscienza di ognuno, esperienze di fede. Altrimenti ci si riduce a una fede intimistica o prigioniera del passato.

    4. ASK THE BOIS

    Ogni ragazzo vive in un preciso contesto sociale, dentro una cultura, di cui respira costantemente l'influsso, lungo la sua crescita. Anche il cammino di fede si incarna dentro le coordinate di tempo e di spazio che caratterizzano la vita di ogni persona: è diverso diventare cristiani ieri e oggi, in città o in paese, da bambini o da adolescenti. Numerose e decisive variabili si intrecciano in un gioco che non deve spaventare l'educatore, perché a volte un po’ di buon senso e l'attenzione del cuore bastano per accorgersi dei mutamenti e dei condizionamenti che segnano la crescita dei ragazzi. Per questo è opportuno provare ad usare alcune chiavi di lettura per capire l'orizzonte culturale in cui si muove oggi il nostro servizio, senza la pretesa di descrivere e spiegare analiticamente la realtà. Ci vorrebbero migliaia di pagine, scritte da esperti osservatori. Ci limitiamo ad un richiamo: osservare bambini, ragazzi, giovani e anche noi adulti dentro la realtà quotidiana e non come se fossimo su un'isola felice. Come diceva B.-P., non dimenticare il ragazzo che sei stato, e soprattutto, quando temi di perdere di vista le reali esigenze dei ragazzi, guardali, ascoltali, lasciati parlare da loro. Questo capitolo contiene dei contributi che, pur attingendo a diverse scienze umane, vogliono aiutare a leggere in maniera corretta e critica la realtà in cui vivono e crescono i ragazzi, nonché le caratteristiche e le esigenze del loro sviluppo verso la maturità della fede. Uno sguardo allo sfondo sociale e culturale, e poi una proposta per comprendere la psico- logia religiosa delle diverse età.

    4.1. L’orizzonte culturale

    Forti della risposta positiva ed entusiasta dei ragazzi del clan all'idea di fare il campo estivo

    in Albania, abbiamo presentato questa iniziativa un po' insolita ai loro genitori. Fra l'altro eravamo stupiti di come alcuni ragazzi avessero aderito attivamente mettendosi subito al lavoro, fra i quali anche Lucia che non era mai riuscita in quattro anni di branca R/S a partecipare ad un campo estivo, perché i genitori non la mandavano. Come avevamo previsto ci sono state opposizioni abbastanza forti, ma alla fine, tranquillizzate alcune persone, c'è stato un consenso generale sul valore educativo di questa esperienza. Le sorprese sono immancabilmente arrivate il giorno prima della partenza: Lucia ha telefonato dicendo che non poteva partire perché non si sentiva di far preoccupare cosi tanto i suoi genitori. È venuta però a salutarci alla stazione, manifestando tutto il suo dispiacere per non poter essere con noi, ma ...

    Queste riflessioni non contengono un'analisi sociologica della situazione giovanile sul finire del secondo millennio, ma tentano solo di mettere in luce alcuni aspetti rilevanti del clima culturale in cui viviamo, le sue tensioni ed influenze, cercando di mostrarne lati negativi e positivi. Oggi si cerca di spiegare i principali fenomeni del mondo giovanile attraverso la categoria della omologazione: come risulta da recenti inchieste, la stragrande maggioranza dei giovani si è, infatti, dichiarata sostanzialmente soddisfatta della situazione in cui si trova. Essi hanno praticamente adottato il modello proposto dal mondo "adulto". Dunque, sarebbero scomparse l'inquietudine e il desiderio di cambiamento, che per tanto tempo sono state considerate le note distintive delle giovani generazioni? Si sono attenuate la conflittualità e la spinta all'innovazione tipiche del recente passato, i giovani rallentano il passo, preoccupati maggiormente della quotidianità, poveri di progetti in ordine al futuro, finendo con l'assumere generici stati d'animo di preoccupazione, disillusione, sfiducia e incertezza, che respirano innanzitutto all'interno delle loro famiglie. Attenzione: esistono anche segnali che incrinano questo appiattimento, riconosciuto da alcuni un ostacolo per la propria maturazione personale; segnali che indicano una possibile tendenza verso un lento cambiamento. Proviamo, quindi, a mettere in luce alcuni aspetti più rilevanti del mondo culturale in cui i giovani si formano, crescono e vivono.

    Principali chiavi di lettura della società italiana contemporanea

    Francesco è cambiato tantissimo da quando entrò in reparto, quell'anno. Tanto per dirne una, dovemmo mandarlo a casa due giorni prima della fine del campo estivo perché non ce la faceva senza la sua mamma. A distanza di quattro anni è un caposquadriglia estroverso, propositivo, attivo. Adesso che deve passare in noviziato, le nostre perplessità su di lui riguardano il fatto che la sua vita è dispersa tra mille interessi: quando gli prende un "pallino" ci si butta a capofitto, ma con la stessa facilità con cui comincia è anche capacissimo di smettere ed iniziare un'altra cosa, senza portarne in fondo una. Lo stesso dicasi per le idee, un mese è affascinato da una prospettiva e il mese dopo da un 'altra; d'altra parte ci sono così tante cose da scoprire e da sperimentare che non ci si può proprio fermare su una in particolare. E così avviene anche con le ragazze ...

    La moderna situazione sociale, soprattutto in occidente, caratterizza oggi la vita quotidiana con un progressivo allargamento di quegli spazi della vita umana in cui l'individuo gode di molte possibilità di scelta, molte più che in passato. Ad esempio, oggi un giovane europeo ha enormi possibilità di viaggiare e di ricevere informazioni, rispetto a quelle di un suo coetaneo che vive in un villaggio dell'America del sud o a quelle che avevano i suoi nonni. La società attuale si fa sempre più complessa, moltiplicando le proprie istituzioni e i "modelli di identità" connessi. L'individuo coglie questa pluralizzazione come offerta di molteplici programmi e opportunità, tra cui egli può operare le sue scelte. Nella coscienza

    umana non è più al centro il "destino" ma la "scelta": per i nostri nonni il posto dove abitare, il lavoro, il tempo libero, il ruolo sociale, l'istruzione a cui poter accedere, talvolta anche la persona da sposare, erano molto più determinate e fisse di quanto non lo siano oggi. Anzi, per noi è fondamentale sapere di poter scegliere quale vita condurre e come riuscirci. Si moltiplicano le offerte, le mode, gli stili, cioè si moltiplicano le opportunità, diversi modi per realizzare se stessi, diverse possibili identità tra cui l'individuo deve fare delle scelte. Egli si trova davanti anche a diverse visioni del mondo e, comunque, fa una scelta:

    rasarsi il capo, vestirsi di nero, portare addosso svastiche, atteggiarsi in un certo modo nei confronti degli extracomunitari ecc. non significa solo aver adottato il look "naziskin", ma anche aver assunto, più o meno coscientemente, una visione della vita, del rapporto con gli altri, dei valori fondamentali. Ciò finisce con l'accentuare il soggettivismo, generando un'inquietudine crescente perché aumenta la responsabilità della decisione personale men- tre diminuiscono i punti di riferimento oggettivi e sicuri. Il mondo esterno alla persona è percepito come sempre più problematico e quello interiore sempre più articolato e complesso. In genere, diviene più difficile trovare il proprio posto all'interno di questo universo perché, mentre aumentano le possibilità di scelta, aumenta anche il rischio di sbagliare strada, di fallire, di confondersi. Dal punto di vista religioso, in questa situazione moderna prevale l'incertezza: per l'individuo anche la scelta tra diverse offerte religiose è divenuta una necessità. Fino a pochi decenni fa chi nasceva cristiano lo rimaneva di solito per tutta la vita e lo stesso avveniva per il musulmano, per il buddista, per l'indù: la conversione era un evento raro. Oggi poter cambiare anche diverse volte il proprio punto di riferimento religioso non è più un'eventualità remota né viene considerato un fatto particolarmente drammatico.

    Ho per le mani il carnet di marcia di Francesco, dopo due anni di clan mi scrive tutta la sua difficoltà di dover fare delle scelte precise, sul servizio, sulla fede, sulla politica e, non ultimo, con le ragazze. Il problema, così come lo vive lui, non dipende tanto dall'aver chiare certe idee o meno, quanto dalla difficoltà di sapere di dover scegliere e di non poter delegare nessun altro al suo posto. I suoi momenti di "bassa" - così dice lui - nascono dal fatto che ogni tanto si stufa di prendere decisioni e si rifugia nello stile "pecora", è più semplice e meno stressante. Anche Sara ha un momento di difficoltà, prima di dire come la pensa deve sempre mettere le mani avanti, cautelarsi da non si sa bene cosa, quasi che sentisse troppo la possibilità di sbagliare o di dire qualcosa di troppo netto.

    In particolare, la fase attuale della società italiana può essere etichettata da un certo attendismo: l'atteggiamento di chi preferisce stare a guardare da una certa distanza ciò

    che avviene, piuttosto che impegnarsi. Esso si manifesta a vari livelli della vita del nostro paese. Alla radice di questo "stare a guardare" c'è un senso generale di incertezza, dovuto a diversi fattori. Uno di questi è dato dalla crisi economica, che rende difficile adattarsi alle nuove situazioni e favorisce il rifugio in soluzioni sicure ma cristallizzate. Si moltiplicano fenomeni di dissolvimento della struttura sociale e culturale, sia interni al nostro paese, sia provenienti dall'esterno. Anche l'educazione si misura oggi con una varietà di trasformazioni critiche, a raggio nazionale e mondiale:

    • - i soggetti collettivi (partiti, sindacati, confessioni religiose, ecc.) sono in crisi di identità e non sanno più raccogliere, mediare ed esprimere le attese della gente;

    • - emergono particolarismi etnici e localismi politici che mettono in discussione l'identità e il senso di nazione;

      • - le istituzioni pubbliche (giustizia, trasporti, sanità, scuola, assistenza ecc.) sono

    inadeguate rispetto ai servizi che dovrebbero assicurare efficacemente, generando sfiducia e

    finendo con l'essere delegittimate;

    • - cresce la malavita organizzata, proiettando sospetto e sfiducia sui vari settori della vita

    produttiva;

    - a livello mondiale, la dissoluzione politica, economica e ideologica del blocco dei paesi dell'est ha consentito l'affermarsi di forti spinte centrifughe organizzate su base etnica e, quindi, una grande instabilità politica; - permangono le tensioni provenienti dall'area del Medio Oriente, aggravate dall'affermarsi di movimenti integralistici, ed emergono sempre più gli squilibri tra nord e sud del mondo, che si manifestano anche tra noi con fenomeni di immigrazione che impongono nuove forme di educazione interculturale.

    Prevale oggi una cultura passiva: nozioni, valori etici, strutture mentali, tradizioni, atteggiamenti e linguaggi che utilizziamo così come li riceviamo dalla società in cui viviamo; ed invece, regredisce la cultura attiva: l'apporto personale, creativo, il nuovo che ciascuno può dare a tutto ciò. Stiamo assistendo ad un momento di cristallizzazione delle energie intellettuali che favorisce la prevalenza della prima sulla seconda. Ne consegue una carenza di idee, un appiattimento che soprattutto tra i giovani contrasta con il tipico desiderio di cambiamento: non più alla ricerca di innovazioni, anche a costo di conflittualità, i giovani sono spesso disillusi, sfiduciati, vivono il quotidiano senza progettualità.

    Ci siamo improvvisamente accorti di aver educato un 'alta squadriglia di "conservatori": appena

    passati in noviziato e messi di fronte ad alcuni cambiamenti, soprattutto ad avere con il clan un rapporto più stretto e alla gestione comune di alcune attività, ci siamo sentiti ribattere che queste

    novità non le capivano proprio perché "si era sempre fatto così

    ". Anche nella scelta dei luoghi per le

    ... uscite non ci siamo spostati dai soliti posti e dai soliti giochi. Bisognerà inventare qualcosa ...

    Anche su piccola scala, si diffondono atteggiamenti di rifiuto, di chiusura, di difesa delle posizioni economiche e sociali raggiunte, non ci si sposta da convinzioni ed atteggiamenti consolidati e tradizionali. La mentalità dominante fonda le proprie decisioni sulla logica della paura e della difesa e favorisce il sorgere di atteggiamenti corporativi, egoistici, intransigenti e faziosi. Da una parte sorgono nuove situazioni, ma dall'altra è difficile elaborare soluzioni e trasformazioni adeguate, diffondendo così senso di insoddisfazione e di non sopportazione che si manifesta anche attraverso il ricorso gratuito a violenze e ad atti vandalici.

    Alcune caratteristiche del mondo culturale giovanile

    L'altro ieri in clan il discorso è caduto sul tifo negli stadi e sulle violenze a cui si assiste ogni domenica. Luca, da buon tifoso, si è sentito in dovere di difendere gli "ultras" ed il loro modo di vivere la partita di calcio. La cosa più buffa - ma a pensarci mica tanto - è che quando ci siamo permessi di osservare che molti comportamenti e certi slogan contrastano radicalmente con la legge scout, molti dei ragazzi che pure la pensavano diversamente da Luca, sono insorti dicendoci che non avevamo il diritto di giudicare e che in fondo ognuno era ciò che era, punto e basta. Siamo rimasti un tantino perplessi ...

    Per

    favorire

    una

    lettura

    della

    cultura

    giovanile,

    anche

    se

    parziale,

    ci

    muoviamo

    essenzialmente intorno a quattro punti di riferimento:

    • a) il rapporto con la realtà,

    • b) l'atteggiamento davanti alla verità, alla libertà e alla razionalità,

    • c) la concezione della persona e delle relazioni sociali,

    • d) il rapporto con il passato e il futuro: la dimensione storica.

    • a) il rapporto con la realtà

    Domina la sensazione della precarietà delle cose: non c'è nulla che possa in assoluto reclamare solidità e stabilità, nulla ha spessore o profondità, tutto è in continuo mutamento. Ne è un chiaro termometro lo spettacolo televisivo, in cui l'unico fine è lo spettacolo stesso,

    quasi un divertimento puro, senza responsabilità e senza impegno, in cui non si traccia

    alcun confine tra la finzione e la realtà. E così avviene sempre di più per tutti i mass-media, di cui sono note le forti influenze sulla persona, sin dai primi anni di vita. In questo rapporto particolare con la realtà c'è anche un aspetto positivo: rende disponibili ad accogliere con meno pregiudizi alternative e proposte, aiuta a relativizzare gli schemi sociali, politici, ideologici, morali e religiosi ritenuti finora assolutamente intoccabili. In questo senso, la relativizzazione può aiutare a separare criticamente ciò che è accessorio da ciò che è essenziale.

    b) L'atteggiamento davanti alla verità, alla libertà e alla razionalità

    La precarietà del nostro tempo non corrode solo il senso di realtà, ma attacca anche il senso della verità e il valore della razionalità: si tratta di un movimento di pensiero che coinvolge non solo le tradizionali concezioni religiose, filosofiche, morali, ideologiche, ma anche le varie scienze. Non si tratta tanto di scetticismo, quanto di un ripiegamento, di una ritirata dalla riflessione teorica alla pratica, preferendo tutto ciò che riguarda l'azione concreta, singola, indipendentemente dall'aver individuato ed accettato principi assoluti o una concezione globale della vita o scoperto il suo senso ultimo. L'esistenza, così, rimane mobile, sempre suscettibile di mutamento ed aperta a nuove esperienze, in cui ciascuno può singolarmente trovare significati parziali, mai definitivi. L'unico arbitro diviene la coscienza del singolo e nella sua interpretazione e valutazione dei fatti giocano un ruolo preminente l'aspetto emotivo e la soddisfazione dei propri bisogni.

    La libertà, di conseguenza, viene vissuta come tentativo di fuga da ogni vincolo e da ogni responsabilità, per mantenersi disponibili a qualsiasi esperienza. Anche qui possiamo cogliere un aspetto positivo nella tensione alla ricerca, nello sviluppo di un senso critico più raffinato che rende autonomi nel giudicare le situazioni e nell'aderire in maniera sentita e personale ad una verità. La stessa concretezza può essere di stimolo per non cadere in vaghi moralismi o spiritualismi, mentre il recupero del la dimensione emozionale può aiutare ad avere un quadro più integrale dell'esperienza umana, che non si limiti ad una razionalità scientifica impersonale e distaccata.

    c) La concezione della persona e delle relazioni sociali

    Sul piano delle relazioni, si va delineando un atteggiamento di marcato individualismo e si restringe l'orizzonte di azione entro i limiti del quotidiano, dello studio, del lavoro, della famiglia, della vita affettiva. Anche l'impegno politico viene in larga parte subordinato a problemi particolari e contingenti, da cui ci si sente personalmente minacciati come, ad esempio, la difesa dell'ambiente in cui si abita, della scuola in cui si studia, dell'azienda in cui si lavora ecc. La società civile assume un aspetto contrattualistico, dove il fine fondamentale di ciascuno è la salvaguardia dei propri diritti e il soddisfacimento dei propri bisogni. Avviene, cioè, come se la società fosse una torta davanti a cui ognuno cerca di prendersi la fetta più grande che può e, per assicurarsela, è disposto a scendere a patti col vicino, anche a rischio che ad altri rimangano solo le briciole. Ne è una conferma la crescita di gruppi corporativi che esasperano interessi particolari, nella difesa di ciò che si è acquisito contro tutto e contro tutti. Paradossalmente, alla crescita dell'individualismo non corrisponde altrettanta crescita nella personalità dei giovani che, invece, soffrono dellosgretolamento dell'identità unita e forte. Essa è sostituita da forme più deboli e mobili, in cui la propria personalità è colta come flusso incessante di sensazioni, di esperienze, di emozioni che, non più unificate dalla ricerca di coerenza e di fedeltà ad un valore, tendono a manifestarsi nelle più opposte direzioni. Per questo parliamo del giovane "frammentato", senza identità se non quella determinata dalle esigenze del momento che sta vivendo. D'altronde, troppo spesso, bambini e giovani vengono lasciati soli nell'avventura del loro crescere. Tuttavia, anche questo aspetto del problema presenta un aspetto positivo: da un lato il recupero della dimensione individuale può stimolare a non accontentarsi di slogan o di risposte generiche e preconfezionate e quindi a ricercare risposte e soluzioni più personali e

    sentite. Dall'altro la capacità di adattarsi ad ambienti e situazioni diverse può aiutare a sviluppare una più ampia capacità di comprensione nei confronti di chi propone un'idea diversa o appartiene a una differente cultura.

    d) Il rapporto con il passato e il futuro: la dimensione storica

    Davanti al crescente mutamento, l'unico atteggiamento che rimane possibile è rifugiarsi nel presente, nel singolo istante slegato da quello che lo precede, come da quello che lo seguirà. Si va verso una progressiva sparizione del passato, non perché sbagliato o superato, ma semplicemente perché dimenticato o perché ritenuto non più interessante. Lo stesso avviene in ordine al futuro e alla progettualità: sentendo la vita come imprevedibile, precaria, frammentaria, ogni progetto viene avvertito come una prigione che limita le possibili esperienze, come una forzatura che contrasta profondamente con il bisogno di non essere condizionato da alcunché. Nonostante tutto, questo sradicamento dalla storia ha una controparte positiva nell'essere più liberi da possibili fughe verso il passato (tradizionalismo o verso il futuro (utopie), e nel poter recuperare, così, una visione più attenta alle esigenze reali.

    In questa situazione, la famiglia mantiene pur sempre un ruolo centrale nella vita dei ragazzi. In particolare si può notare un'omogeneità più marcata tra genitori e figli, una

    minore conflittualità, ed un prolungamento della presenza dei giovani in famiglia. Da un lato, questo contribuisce a costruire un clima più disteso intorno al ragazzo, ma dall'altro può costituire una comoda scappatoia rispetto all'assumersi responsabilità crescenti nella vita. Così come lo stile con cui diversi genitori si pongono "da amici" nei confronti dei figli, genera occasioni di dialogo, ma può anche facilmente tradursi in una incapacità di offrire valori e riferimenti chiari. Non possiamo poi dimenticare il crescente numero di famiglie che vivono relazioni difficili

    (separazione, divorzio, convivenza

    )

    che influiscono sui rapporti interpersonali. Sul piano

    ... educativo ciò comporta diversi problemi, per cui è giusto domandarsi: quale immagine dei genitori interiorizzano i ragazzi? quale figura di adulto fa loro da riferimento? quale modello

    di famiglia assumono?

    4.2. Chiamati alla maturità della fede

    Non vorrei essere nei panni del capo clan e dell'A.E. del mio gruppo: per me Akela è facile verificare gli obiettivi della progressione personale al termine della permanenza di un lupetto in branco. Anche dal punto di vista religioso, in genere non ci sono problemi. Ma come si fa a dare tranquillamente la partenza a un rover che, a 21 anni, è spesso in piena crisi di fede o, comunque, non se la sente ancora di progettare il suo futuro?

    Ha già fatto tanta fatica per scegliere la facoltà universitaria cui iscriversi

    ...

    anche la sua

    appartenenza alla comunità R!S è frutto più di un legame con gli amici che di una vera

    scelta personale. Finché si parla di valori umani, di spirito scout, anche di Dio questo Dio è il Dio di Gesù Cristo e della Chiesa, tutto diventa più difficile.

    ...

    passi. Ma se

    L’impegno dell'Agesci per un'educazione globale della persona punta alla maturazione di tutte le facoltà umane, nei confronti delle quali la scelta di fede assume un ruolo decisivo, centrale, integratore. La fede è un dono di Dio, ma anche un compito umano, è una scelta che si esprime in atteggiamenti e comportamenti coerenti, è una mentalità con cui si guarda e si vive la vita alla maniera di Gesù Cristo 28 . In questa visione della fede, si trova anche la risposta a un bisogno profondo dell'uomo, fatto per vivere a immagine e somiglianza di Dio. Il bisogno

    28 Cfr. CEI, Il rinnovamento della catechesi, 38.

    religioso non è ancora la fede cristiana, ma questa può svilupparsi solo dentro una personalità aperta alle dimensioni dello spirito.

    Educare personalità libere e significative, esige anche lo sviluppo della religiosità, che si esprime in forma matura attraverso un progetto generale di vita, in cui la risposta alle

    domande radicali della vita non resta teorica ma impegna a realizzare quanto si è scoperto e scelto di credere. In chiave cristiana, tale impegno si può descrivere come un progetto, con caratteristiche abbastanza precise:

    • - è un progetto generale di vita, volto al raggiungimento di uno scopo che dia senso a tutta la vita;

      • - un progetto impegnato, che rende capaci di rinunciare alle soddisfazioni immediate per

    tendere con perseveranza alla realizzazione di beni a lunga portata;

    • - un progetto impegnato nel rapporto con persone e non solo con cose, idee,

    organizzazioni;

    • - un progetto di dedizione a persone, perché si è scoperto che la vita si realizza

    donandola agli altri;

    • - un progetto in cui ci si apre a un Tu totale: ciò che definisce più da vicino

    l'atteggiamento religioso, come ricerca di un significato ultimo e, perciò, totale della vita;

    • - un progetto incarnato nella storia: perché il rapporto con il Tu totale si svolge nella

    storicità propria di Dio (rivelazione, Chiesa, gerarchia, dogmi, riti, sacramenti

    (età, sesso, stato di vita, professione, vocazioni, situazioni concrete

    ...

    ).

    ...

    ) e dell'uomo

    Un progetto, dunque, caratterizzato dall'integrazione tra fede e vita, richiamata da tutti gli orientamenti attuali della Chiesa sull'educazione alla fede.

    È necessario che l'educatore conosca alcune caratteristiche fondamentali dello sviluppo. La crescita della persona è complessa ed ha, comunque, una sua unitarietà, e la psicologia individua alcune dimensioni, che sono tra di loro in stretto legame:

    • - la dimensione dello sviluppo fisico,

    • - la dimensione dello sviluppo affettivo - sociale,

    • - la dimensione dello sviluppo sessuale,

    • - la dimensione dello sviluppo intellettivo,

    • - la dimensione dello sviluppo intenzionale - morale.

    Da queste dimensioni la religiosità non può essere separata. Quelle più importanti per lo sviluppo psicologico dell'atteggiamento religioso sono:

    • - la componente conoscitiva: scoprire il senso della vita, attraverso la conoscenza di uno

    scopo o di un bene;

    • - la componente intenzionale: decidere di vivere la vita secondo il significato scoperto ed

    accolto, elaborando gradualmente un progetto coerente. Alla domanda sul significato del vivere, non basta la risposta data da valori parziali e

    transitori (euforia, gioia di vivere, successo personale, possesso di oggetti

    ): ogni persona

    ... deve ricercare e confrontare le proposte offerte dall'ambiente socioculturale con le esigenze del suo spirito. Le risposte umane che essa trova non sono, però, sufficienti: è nel battesimo che si riceve il dono della fede. Nell'educazione cristiana, con naturalezza e senza forzature, il soggetto viene guidato dalla comunità credente a comprendere e vivere il rapporto con Dio come significato ultimo, decisivo ed unificante la vita, un rapporto positivo con Dio sentito come il Tu totale che si rivela secondo lo stile e la pedagogia propri della Bibbia. In altri termini, la comunità cri- stiana promuove un'azione pedagogica orientata a far incontrare se stessi nel profondo, a trovare le fonti della vita, a mettere al centro ciò che è effettivamente essenziale e fondativo. Per riconoscere non tanto l'idea di un dio fra i tanti, ma l'Assoluto, l'unico Signore, Colui che sta all'origine della vita e della libertà. L'intervento educativo non può limitarsi ad un semplice apprendimento teorico dell'idea di Dio. Attraverso esperienze proporzionate all'età, proposte secondo un itinerario, l'educatore aiuta la persona a maturare cristianamente, ad acquisire comportamenti ed

    atteggiamenti coerenti con la fede; insomma, l'apre al mistero di Dio, per tradurre l'idea di Dio, significato ultimo della vita, in uno stile di vita. Si tratta di un aiuto a rispondere alla domanda di senso che accompagna la vita dell'uomo, per acquisire coscienza della propria chiamata, imparando ad ascoltare ed obbedire alla voce di Dio, come vero discepolo.

    Le altre componenti della religiosità vissuta, come l'emotività, le osservanze, le strutture sociali, il comportamento morale, le dottrine, ecc., sono anch'esse rilevanti ed in modo diverso a seconda della fase di sviluppo. Possono contribuire allo sviluppo della religiosità se si accordano in modo positivo alle due componenti principali, altrimenti possono essere di disturbo ad un'autentica maturazione religiosa.

    È possibile una scelta religiosa definitiva?

    Se l'atteggiamento religioso maturo consiste in un progetto generale di vita, tale scelta definitiva è possibile quando tutta la vita è in qualche modo presente alla conoscenza del soggetto, così che egli possa realmente decidere di se stesso in vista di valori che meritino il dono totale di sé e l'impegno di tutta la vita. È importante educare alla scelta definitiva: la vita si realizza donandola, facendo qualcosa che le dia un senso globale, nell'equilibrio tra la tensione ideale del progetto che si vuole realizzare e la realtà concreta che si sta vivendo giorno dopo giorno. Deve crescere un'intenzionalità che diventi perseveranza, nell'uso concreto dei mezzi necessari.

    Anche se esiste una soglia adulta della maturità umana e cristiana, ogni età della vita ha in sé una sua completezza, per cui è possibile anche una maturità adeguata alle circostanze concrete di crescita delle diverse età. Se il bambino, o la persona psicologicamente handicappata, dà a Dio tutto ciò di cui dispone, può raggiungere una religiosità individuale completa. Tutti, infatti, sono chiamati a diventare santi, ad essere in comunione con Dio in modo profondo. E la grazia del Signore è posta su ogni creatura umana fin dall'inizio del suo esistere. Come ogni altra persona, il bambino ha diritto di vivere nella Chiesa, oggi, la grazia che "già" è in lui, per iniziativa gratuita di Dio. Ce lo insegna la testimonianza di amore di Gesù per i poveri e per i bambini: Se non vi farete piccoli come bambini, non entrerete nel regno dei cieli (Mt 18,3). Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio (Mc 10,14). I bambini vengono scelti come modello del rapporto con Dio, come esempio di quella vita improntata al Vangelo a cui tutti siamo chiamati. Per l'educatore, l'intima relazione che esiste tra Dio e la singola persona rimane un mistero: non è possibile ottenere meccanicamente il frutto del lavoro di educazione religiosa fatto coi bambini, i ragazzi, i giovani. La vocazione di una persona non è programmabile, è un mistero, è dono dello Spirito. La fede di una persona fiorisce quando il mistero della sua coscienza libera ed il mistero dell'iniziativa gratuita di Dio si incontrano.

    4.3. Lo sviluppo psicologico

    Lo sviluppo umano è un processo continuo, con caratteri relativamente fissi, che si articola in fasi simili per la maggior parte dei soggetti, che le attraversano nel medesimo ordine, ma con ritmi diversi; tuttavia, lo sviluppo non è un processo sempre uniforme e graduale e può essere ostacolato o favorito dall'ambiente socioculturale in cui l'individuo vive. In campo educativo, la priorità va sempre data al singolo soggetto, perché persona unica, originale, diversa da quella che può emergere dallo studio teorico di un manuale di psicologia; particolare è anche la relazione educatore - educando, genitore - figlio, maestro

    - alunno, capo - ragazzo. Il progetto generale di vita, che caratterizza la maturità religiosa, viene costruito e attuato attraverso obiettivi intermedi, raggiungendo i quali la persona supera stadi

    immaturi, forme parziali e inadeguate della sua crescita:

    • - atteggiamenti di difesa e di ansietà, mancanza di fiducia nel futuro che dia la forza di progettare;

      • - ricerca abituale della soddisfazione immediata e, quindi, assenza di vero impegno

    morale;

    • - attenzione alle cose, alle idee, alle strutture, senza capacità di rapporto interpersonale;

    • - egocentrismo e insensibilità per gli altri, incapacità di dedizione alle persone;

    • - disinteresse per la ricerca e l'esperienza religiosa, fino a spegnere il bisogno di un Tu totale.

    Pur rispettando atteggiamenti e scelte personali, l'azione educativa stimola a superare difficoltà e resistenze, offrendo proposte concrete in vista di un progetto a lunga scadenza. Nella prospettiva di una crescente integrazione della fede nella vita, l'educatore deve farsi carico di tutta la realtà del ragazzo, assumerne l'esperienza di vita, le preoccupazioni, le ricchezze, ma anche essere attento alle manifestazioni ambigue ed immature dell'atteggiamento religioso, nel suo mutare lungo il processo evolutivo. Per costruire validi itinerari di catechesi nelle tre branche, occorre tener presente le tappe fondamentali della progressione psicologica della religiosità, soprattutto secondo le dimensioni dello sviluppo conoscitivo, intenzionale - morale e religioso.

    Lo sviluppo della religiosità in età L/C

    a) Fine della prima fanciullezza (8-9 anni)

    Francesco è un cucciolo appena entrato in branco: si meraviglia e si stupisce di tutto ciò che scopre giorno dopo giorno, è attento agli aspetti belli e positivi, ed è molto colpito da Akela e dagli altri vecchi lupi, che non si stanca di ascoltare e ai quali, dopo la riunione, chiede sempre mille cose. Quando in branco si è proposto a tutti di pregare con parole proprie, ha ringraziato il Signore 'perché i genitori lo hanno lasciato venire ai lupetti": tutti sono stati colpiti dalla sua fede semplice e spontanea, senza troppi ragionamenti ...

    È proprio vero che oggi tutti i bambini si comportano così? Molti educatori potrebbero raccontare purtroppo episodi molto meno idilliaci. Tuttavia, continuiamo a credere che nei bambini di ogni tempo Dio ha posto un preziosissimo seme di infinito. Come aiutare a farlo crescere? Seguiamo le dimensioni suggerite dalla psicologia religiosa. Lo sviluppo conoscitivo è caratterizzato dal pensiero concreto, basato sulle cose e sulle esperienze, per cui il bambino recepisce le informazioni con poca assimilazione e fa difficoltà a cogliere le relazioni fra le varie verità e fra verità ed esperienza.

    Lo sviluppo intenzionale - morale mette al centro le emozioni e l'imitazione degli

    adulti: il bambino compie il bene non perché ne comprende le motivazioni morali, ma perché lo sente istintivamente. Non è ancora capace di stabilire una scala di valori, ed il

    senso

    di

    ciò

    che

    è

    giusto o sbagliato

    dipende da parametri di giudizio legati alle sue

    esperienze del mondo esterno. Il bene per lui è materializzato nelle cose concrete, egli giudica gli atti compiuti dagli altri per gli effetti oggettivi che provocano e non ne coglie i motivi che li hanno guidati. Ad esempio: pensa che una persona che rompe sei bicchieri casualmente, sia da punire di più di chi rompe soltanto un bicchiere ma di proposito. Ha un rispetto ancora unilaterale per gli adulti, le cui regole sono assolute e, quindi, non

    vengono discusse. Comincia a sapersi adattare alle regole dei giochi collettivi, che tende, però, a considerare dalla prospettiva individuale: vincere al gioco significa solo divertirsi molto.

    Dopo

    i

    7-8 anni,

    comincia

    ad apprezzare il punto di vista degli altri, imparando a

    relazionarsi nei giochi ed in altre attività con i bambini della sua età. Emergono così sentimenti di uguaglianza e reciprocità, di giustizia e lealtà, senza più sottomissione all'autorità pura e semplice. Comincia a considerare le ragioni delle regole e può pensare alla possibilità di modificarle. È sorprendente l'inventiva dei bambini nel proporre regole sempre nuove e la scrupolosità con cui le eseguono, per quanto sciocche possano sembrare agli occhi di un adulto.

    Nel suo sviluppo religioso, il bambino tende a considerare tutto come se fosse un essere umano: la visione di Dio è antropomorfica. In un certo senso, Dio è un grande uomo, con tutte le caratteristiche di un uomo: ha la barba bianca e va a passeggio per le strade del cielo, è "buono", "creatore", "gigante", "mago", invisibile ed immenso, sa tutto e, poi, può tutto. Altra caratteristica della religiosità è l'animismo: il bambino tende ad attribuire vita, intenzionalità, coscienza agli oggetti, particolarmente a quelli in movimento. Ritiene viventi oggetti che si muovono da soli o che percepisce come tali, ad esempio: vento, astri, nubi, fiumi, veicoli, il legno che brucia sente male, la luna segue il bambino per fargli luce. Ne scaturisce, indirettamente, il credere in Dio garante della giustizia nel mondo attraverso la natura. È facile accettare l'immagine di Dio come creatore, come costruttore di tutto ciò che esiste, perché corrisponde ad un modo spontaneo di interpretare la realtà. Il bambino apprende facilmente le tecniche religiose: preghiere, riti, osservanze, tanto che, nel gioco, talvolta tende a ripetere il rito della messa o del matrimonio. Il bambino imita figure religiose vive e presenti.

    b) Seconda fanciullezza (9-11/12 anni)

    Lo sviluppo conoscitivo è caratterizzato normalmente da un momento di equilibrio provvisorio, in cui il bambino assimila quanto gli viene offerto. Ora infatti è capace di

    collegare tra loro le informazioni ed anche, sia pure parzialmente, di collegarle con l'esperienza. C'è il pericolo di incongruenze dato che le informazioni provengono da fonti a volte contraddittorie.

    Una forte "socializzazione" caratterizza lo sviluppo intenzionale - morale: il bambino accetta

    modelli, stili di vita (anche negativi, o conflittuali) percepiti in famiglia e nel gruppo ed i valori approvati dall'ambiente. Acquisisce una moralità di socializzazione e conformismo, adeguandosi alle regole spesso senza interiorizzarle personalmente e senza senso critico. Sente il bisogno di far contento chi è per lui significativo, rispetta le regole perché desidera avere buoni rapporti con adulti e coetanei e cerca di andare d'accordo un po' con tutti.

    Diventa capace di agire secondo le regole del gioco, un po' per opportunismo, un po' per avere successo, tornaconto e sicurezza nel gruppo: non si sente inferiore ai compagni, è controllato da loro ma anche lui li controlla, contribuisce a stabilire leggi che accetta volontariamente per un accordo preliminare con loro. Quindi, da una morale di rispetto unilaterale e di sottomissione all'adulto, si orienta verso una morale di rispetto reciproco, di accordi tra uguali. In questo periodo inizia una prima scoperta dell'intenzione morale, e un certo impegno personale per raggiungere scopi in settori concreti. Gradualmente si sviluppano in lui la coscienza morale, i sentimenti di ciò che è buono e di ciò che è cattivo, di accettazione o rifiuto morale, di vergogna; impara progressivamente a sostituire comportamenti de- terminati dalla paura con la riflessione, con la comprensione del significato delle regole, il farle proprie, interiorizzarle e non trasgredirle perché conosce gli effetti della sua obbedienza o meno alle regole. Gradualmente il bambino (cui questo termine ormai va stretto, basti pensare ai grandi del branco e del cerchio) si apre al sociale, l'esperienza della vita di gruppo lo aiuta a costruirsi una base razionale, abitudini morali coerenti, valori determinanti il comportamento morale. Progredisce nello sviluppo della propria individualità, verso la

    formazione dell'identità. L'esperienza dei grandi nel branco e nel cerchio testimonia pur- troppo che questo è anche un tempo di crescente fatica, in quanto le nuove trasformazioni della pubertà e una maggiore sensibilità verso l'esterno chiedono al bambino di sapersi misurare con una realtà spesso dura e violenta.

    In riferimento allo

    sviluppo religioso, il bambino

    è capace

    di percepire

    in

    modo

    organico verità, norme e pratiche religiose, ma ciò può indurre a un facile indottrinamento, in quanto non sa interiorizzare sufficientemente. Viene superando la concezione antropomorfica di Dio, sempre più sentito in modo spirituale, anche se tale processo si completa solamente nella preadolescenza: Dio è percepito come il Dio dei padri, secondo il grado di rilevanza che il gruppo sociale gli riconosce. Le prime nozioni scientifiche sull'origine dell'universo e sui fenomeni naturali cominciano a mettere in crisi l'ingenua concezione artificialistica della realtà che l'ha portato ad accettare incondizionatamente la nozione di Dio creatore della natura, ed inizia a confrontarsi col concetto di Dio creatore dal nulla. Inoltre, Dio non è più avvertito come il Dio dei miracoli, garante della giustizia, ma Dio è protettore, sorveglia, è buono, sa perdonare e si preoccupa delle sorti dell'umanità.

    Lo sviluppo della religiosità in età E/G

    a) Preadolescenza (12-13 anni)

    Gianni, il capo reparto, è appena reduce da una lunga chiacchierata con i ragazzi più piccoli

    della squadriglia Volpi: non riesce proprio a farli andare d'accordo con Marco, il caposquadriglia. È vero che è un po' pignolo e ci tiene a far fare sempre bella figura alla sua squadriglia, ma forse non ha tutti i torti a lamentarsi degli squadriglieri, specie dei più piccoli: non sa come prenderli. A sentir questi, invece, vengono solamente sfruttati per i lavori più pesanti e meno divertenti, e nessuno dei più grandi si fida a dar loro incarichi impegnativi. Ammettono che Marco è un tipo in gamba, ma a loro piace di più 'far macello" che starlo a sentire durante il consiglio di squadriglia. Gianni scuote la testa e commenta: "Eppure al campo scuola me l'hanno ripetuto tante volte: Ask the boys!".

    B.-P. l'aveva capito bene, senza essere uno psicologo di professione. Per fare scautismo come educazione, e non come addestramento di massa, occorre conoscere, guardare, ascoltare i ragazzi. Perché sono l'uno diverso dall'altro, e perché ciascuno di loro cambia nel tempo, cresce, proprio attraverso momenti di grande mutamento psicologico, umano e an- che religioso. Soprattutto nell'età della branca E/G, i ragazzi scoprono di essere persone che hanno la possibilità e la responsabilità di pensare con la propria testa. È bene distinguere innanzitutto una fase, la preadolescenza, in cui acquista molta importanza il gruppo di coetanei come luogo di modellamento della personalità e di comprensione della vita e di tutti i problemi anche sotto l'aspetto religioso.

    Lo sviluppo conoscitivo è caratterizzato da una fase di ricerca ed elaborazione personale: il ragazzo incomincia a porsi problemi personali, domande anche religiose e morali, ma ancora in settori specifici e sempre in riferimento alle proprie esperienze, più o meno immediate.

    Sul piano intenzionale - morale, percepisce il valore dell'intenzione morale con cui gli sarà possibile progettare gradualmente la propria vita. La conoscenza personale è settoriale, e tale è anche la percezione dell'impegno morale: si sviluppa una morale di contratto sociale, di reciprocità: "io mi comporto con te come tu ti comporti con me". Il ragazzo impara a convivere, a rispettare gli altri concreti e presenti, a comprenderli, ad aiutarli. Egli

    sa che è giusto rispettare quello che è stato pattuito. La promessa pronunciata in reparto sottolinea l'esigenza della lealtà nei confronti del gruppo; l'esperienza quotidiana dell'impegno in squadriglia misura concretamente l'assimilazione di valori e norme.

    Relativamente allo sviluppo religioso, il preadolescente inizia a percepire Dio come un "tu", come una persona, un partner, con cui stabilire un rapporto di dialogo, di ascolto, di impegno reciproco. Emergono sia l'impegno di Dio verso di noi, nell'alleanza, sia il nostro impegno verso di Lui: vocazione e progetto. Dio è riconosciuto come Padre che aiuta e Gesù Cristo come amico, salvatore, maestro. Nelle ragazze prevale l'aspetto dell'Amico con cui stare, di cui avere confidenza; mentre nei ragazzi prevale l'aspetto dell'Amico con cui fare qualcosa. È questo anche il periodo in cui, sotto la spinta del gruppo e della cultura, si può percepire la religione come cosa irrilevante, superflua per la vita, "cosa da bambini" soprattutto quando è stata eccessivamente sottolineata la religione di sola socializzazione, finendo col cadere nella scissione di due mondi: quello reale in cui valgono le regole del mondo (spesso le regole dell'egoismo) e quello religioso (in cui dovrebbero valere le regole del vangelo).

    • b) Adolescenza (14-16 anni)

    Solo con l'adolescenza si sviluppa quella ulteriore maturità di conoscenze e motivazioni,

    • di relazioni e di atteggiamenti morali, che permette di percepire il problema generalissimo

    del senso ultimo della vita e le relative risposte. Lo sviluppo conoscitivo è caratterizzato dalla possibilità di ragionare per concetti astratti, oltre che sui dati dell'esperienza, per cui l'adolescente diviene capace di affrontare

    problemi più vasti e profondi. Egli elabora concetti universali, isola singoli elementi e qualità

    • di cose e persone, aprendosi alla formazione delle idee e allo sviluppo di relazioni logiche tra

    i diversi fattori in gioco. Prevale, comunque, una visione intimistica della conoscenza, che si riflette in campo morale e religioso.

    In relazione allo sviluppo intenzionale - morale, la scoperta dell'altro, concreto e presente con le sue esigenze, sentimenti e diversità può portare all'impegno per comprenderlo ed aiutarlo. Il ragazzo vive il dovere implicato nella Promessa ed in altri nuovi impegni in modo più personalizzato, ma non si tratta ancora di un impegno globale di vita. Aumenta, tuttavia, la capacità di assumersi compiti personali in settori specifici e non ancora totalizzanti: ad esempio, stimolati ed espressi dalle responsabilità in squadriglia.

    La religione non si pone ancora come problema globale: il ragazzo si chiede il senso di alcuni aspetti della vita (ad esempio, la sessualità, la giustizia ecc.) e ricerca anche risposte religiose. Gli fa problema soprattutto l'impatto con il non senso; è sconcertato da alcune realtà che incontra, come la morte, la violenza, la povertà. Dio diventa il Dio-persona che mi interessa, che mi fa problema, che cerco di capire, magari anche attraverso una parziale scoperta del volto di questo Dio-persona nella rivelazione e nella Chiesa. Con l'adolescenza può avviarsi così la decisiva rielaborazione personale della religiosità in maniera interiorizzata, al centro della persona, e non restare più religiosità marginale, ritualistica, di socializzazione.

    Lo sviluppo della religiosità in età R/S

    • a) Prima giovinezza (16-17 anni)

    Ogni noviziato fa storia a sé: una comunità capi si interroga sulla fisionomia dei ragazzi e delle ragazze che quest'anno sono saliti dal reparto, per evitare di riproporre loro le solite attività già collaudate dal maestro dei novizi. Le risorse più efficaci del metodo vengono mobilitate per costruire

    un programma che consenta di perdere il minor numero possibile di ragazzi in questo momento così delicato della loro crescita: strada, avventure mai immaginate (in grotta,sui kajak, all 'estero, in

    monastero

    ...

    ),

    tanta espressione e comunicazione interpersonale, la scoperta del diverso modo di

    stare insieme e di lavorare coi capi che caratterizza la branca RlS

    incoraggiato e la sua agenda si infittisce di appunti

    Luca ...

    Il maestro dei novizi è

    ... ma Giorgia, Sara, Riccardo, Giampaolo, Mauro e

    ... cosa ne penseranno? Non sarà il caso di conoscerli uno per uno?

    Oltre i 16 anni, esiste la "cultura adolescenziale": l'insieme di valori e costumi propri del gruppo, di fattori positivi e negativi che segnano profondamente una fase che oggi si va artificialmente prolungando, fino a diventare per molti un'indefinita "area di parcheggio". In genere ne scaturiscono atteggiamenti di sfiducia e disimpegno, riflusso nel privato, co- municazione sofferta e spesso ripiegata nel piccolo mondo del gruppo giovanile. La carenza di modelli di riferimento e di adulti significativi e disponibili a dialogare, aggrava la solitudine, che i giovani cercano di spezzare a volte in modi improduttivi, se non addirittura distruttivi.

    Lo sviluppo conoscitivo è caratterizzato da una fase di interiorizzazione e di impegno personale generalizzato. L'adolescente diventa capace di ricercare, porsi in modo personale dei problemi generali, che coinvolgono anche valori religiosi e morali. Cerca di elaborarli in un sistema unico, globale, ma spesso trova ad essi risposte generiche, teoriche, astratte. Scopre i valori fondamentali della realtà ed in particolare il valore sostanziale della persona.

    Per quanto riguarda lo sviluppo intenzionale - morale, diviene capace di dedizione globale a persone e a cause ideali (religiose, sociali, familiari): avverte un'aspirazione vera e radicata profondamente, che, tuttavia, spesso non sa concretizzare in maniera realistica e duratura. Si tratta, in un certo senso, del preludio a quella che sarà la sua scelta fondamen- tale di vita.

    La religione si pone come problema in se stesso ed in modo radicale. Il giovane è di fronte ad un bivio: se la religione entra in rielaborazione personale può uscirne rafforzata, viva, efficace, come senso generale della vita; al contrario, se non attraversa questo processo, resta una religiosità immatura, legata a forme di conformismo, emotività, paura. Dio può essere visto come "significato" della propria vita, senso e valore centrale, termine di confronto e di valutazione della riuscita personale: il Tu totale. La Chiesa è un mezzo necessario a vivere il proprio rapporto con Dio, anche se si fa spesso fatica ad attuarne l'esperienza in maniera armonica e quotidiana. Come affrontare il problema generalissimo del senso ultimo dell'esistenza? Con equilibrio fra la tendenza intimistica, la tendenza ideale ed il bisogno di avviarsi a compiere la propria scelta vocazionale concreta. Tenendo conto che i giovani di questa età spesso evitano, per superficialità o per paura, il problema del senso ultimo della vita, o lo ricercano nell'impegno in realtà umane (politiche, sociali, economiche) inevitabilmente parziali. Frequentemente rifiutano ogni mistero e ogni verità cadendo in un'illusione illuministica, o cedono all'intimismo e allo spontaneismo che impediscono una vera partecipazione alla vita della comunità cristiana. In particolare, nel primo periodo dell'adolescenza, rifiutano i valori religiosi in quanto portati dai genitori dai quali vogliono rendersi indipendenti. L'educatore, di fronte all'eventuale fuga dal problema religioso, deve creare le condizioni perché la scelta sia preparata attraverso varie esperienze e sia compiuta quando (sui 18/20 anni circa) c'è la possibilità di una visione globale dei problemi e si ha la capacità di dare una risposta religiosa esauriente al problema del significato ultimo della vita.

    b) Giovinezza (18-20/21 anni)

    Inizia il periodo delle scelte e, quindi, seppur lentamente, anche della scelta vocazionale:

    studio o lavoro, stato di vita, professione, concezione politica e sociale, scelta di fede.

    In questa fase lo sviluppo conoscitivo e quello morale sono molto più uniti che in precedenza: il giovane è spinto all'elaborazione personale di un progetto che realizzi la massima integrazione fra soggetto ideale e vita concreta. Egli percepisce come i vari aspetti della sua vita personale e della vita sociale siano riferibili ai principi generali, al senso ultimo della realtà; non si limita, però, ad una soluzione astratta dei problemi, ma ricerca applicazioni pratiche per la sua vita quotidiana. Diviene così sempre più in grado di incarnare i valori ideali nella sua concreta situazione personale e sociale, anche assumendo responsabilità e impegni continuativi, facendo scelte controcorrente.

    Per quanto riguarda lo sviluppo della religiosità, Dio è percepito ed accolto come "il compagno (padre, fratello, fine, forza, speranza) con cui realizzo la mia esistenza". Si definisce meglio il proprio rapporto con la Chiesa ed anche il proprio ruolo nella comunità cristiana: è questo il tempo della conclusione cosciente e responsabile dell'iniziazione cristiana. La vita cristiana proposta come vocazione si fa lentamente progetto e realizzazione concreta nella scelta della vita affettiva, professionale e sociale e di un particolare stile di vita. In comunità R/S, la partenza segna la scelta di fare proprio il messaggio di salvezza annunciato da Cristo e di darne testimonianza secondo la fede concessa da Dio. Oppure la persona decide la "non rilevanza" di Dio. Ovviamente, tra questi due poli estremi, esiste tutta la gamma delle situazioni personali che sono sempre più complesse e sfumate e che esigono attenzione, dialogo, sforzo di graduale chiarificazione, con il contributo dei capi e dell'assistente ecclesiastico. È questo il tempo dell'educazione paziente delle domande giovanili, per farne risaltare il carattere religioso, attraverso un'evangelizzazione in costante dialogo con la ricerca di senso che accompagna la crescita del giovane, fino a condurlo in un vero e proprio itinerario di riappropriazione dei contenuti e dei linguaggi della fede. Ma spesso questo cammino ulteriore di catechesi sistematica, con una coscienza più adulta che giovanile, è un compito da sviluppare ancora, personalmente o in nuovi contesti comunitari, dopo la conclusione del cammino educativo scout.

    5. EDUCARE ALLA FEDE NELLE BRANCHE

    5.1. Tre Branche, un solo itinerario

    Luca è entrato in branco a 9 anni, sua sorella Claudia è ormai già in alta squadriglia ...

    Sin dal primo incontro con il grande gioco scout, ragazzi e ragazze sono coinvolti in un cammino: la pista del lupetto e della coccinella, il sentiero dell'esploratore e della guida, la strada del rover e della scolta. Se i capi sanno proporre esperienze educative con continuità e armonia, rifacendosi al medesimo progetto e alla stessa visione del metodo scout, la famiglia felice ed il gioco, l'avventura e la strada aiutano gradualmente i ragazzi a maturare come persone aperte ai valori dello spirito, alla vita come servizio, al senso della fede. Questo, tuttavia, non avviene automaticamente. La catechesi con il metodo scout esige un'accurata progettazione, che tenga conto di diversi fattori:

    La fedeltà al cammino del singolo ragazzo. Il dialogo della progressione personale si avvale di linguaggi e strumenti diversi nelle tre branche, ed impone comunque di analizzare costantemente la situazione, di individuare obiettivi a lungo e breve termine, di proporli dentro le attività e dentro le relazioni educative offerte dal metodo, di verificarli frequentemente. Lo staff, progettando i cammini individuali, farà particolare attenzione ai momenti di crisi, ai condizionamenti positivi e negativi che il ragazzo subisce, al rapporto con la famiglia e con gli altri soggetti educativi, ai

    momenti sacramentali dell'iniziazione come a eventuali motivi di rifiuto o difficoltà. La necessità di costruire un cammino unitario verso la fede adulta. Dalla promessa del lupetto e della coccinella inizia un vero e proprio itinerario di fede, scandito non solo dalle tappe della progressione scout, ma anche da momenti forti di annuncio, celebrazione, interiorizzazione e testimonianza, che i capi devono saper progettare e proporre con incisività e gradualità, ai singoli come alle comunità. Periodicamente, la comunità capi rilegge la propria storia di fede e il cammino che ha testimoniato e proposto ai ragazzi delle diverse unità, fino alla partenza, in vista di una maggiore fecondità della propria proposta di catechesi. La cura della dimensione ecclesiale. Poiché non abbiamo il monopolio dell'educazione alla fede, ci mettiamo in ascolto delle indicazioni dei pastori e in dialogo con chi cura la catechesi e la pastorale giovanile nella comunità ecclesiale. Un riferimento obbligato per individuare i contenuti adeguati ad ogni momento dell'itinerario, ci è offerto dai catechismi della Conferenza episcopale italiana, in cui la scoperta di Gesù e l'accoglienza del suo vangelo sono sapientemente collegati alla valorizzazione dell'esperienza umana dell'educando. La creatività dei capi, stimolata dall'uso delle schede di questo Sentiero fede, saprà trovare modi caratteristici per proporre quei contenuti non solo con specifiche attività di catechesi, ma soprattutto nell'intreccio complessivo dell'attività scout.

    Quando nell'unico itinerario educativo si incontrano efficacemente metodo scout e annuncio del vangelo, vengono sviluppate tutte le dimensioni della spiritualità

    caratteristica degli scout cattolici:

    • - la dimensione dell'incontro personale e della sequela di Cristo, fino a scoprire che la

    vita è vocazione al servizio;

    • - la dimensione dell'accoglienza vicendevole e della vita comunitaria;

    • - la dimensione dell'impegno morale, nell'adesione alla legge, incarnata in modelli da

    imitare;

    • - la dimensione del mistero e della preghiera, in cui si celebra il dono della vita.

    Ora vogliamo approfondire l'analisi dello specifico servizio svolto in ogni branca per l'educazione alla fede dei ragazzi e delle ragazze, individuando mete, caratteristiche e risorse di ogni fase. Senza nasconderci la realtà concreta del mondo giovanile in cui si cala la proposta di educazione e di fede, con tutti i suoi condizionamenti e problemi, che rappre- sentano autentiche sfide per la Chiesa e per l'associazione.

    5.2. Lupetti/Coccinelle: la pista della gioia

    La situazione: nodi e risorse

    Il nostro Luca è figlio del suo tempo

    ...

    e i vecchi lupi si chiedono: "Eppure c'è qualcosa di

    grande in lui, che ci dà tante responsabilità per ciò che gli proponiamo. Forse per questo il

    Papa parlava del 'vangelo del bambino '

    ...

    “.

    • II cap. 4 ha già ricordato ciò che maggiormente influisce, sin da bambino, sul diventare

    uomo libero e aperto alla fede. Oggi la Chiesa afferma che è necessario rievangelizzare il mondo degli adulti, tuttavia l'età L/C è ancora quella in cui si investono le maggiori energie per l'iniziazione cristiana dei bambini, da parte della parrocchia ed a volte anche di fa miglia, scuola, associazioni. Se non si cura innanzitutto la qualità, si rischia di sovraccaricare una stagione di crescita che, da sola, non può garantire la maturità religiosa a chi deve ancora affrontare gli scossoni dell'adolescenza e dell'ingresso nella vita adulta. La catechesi dei bambini, nonostante le valide proposte contenute nei catechismi CEI, rischia a volte di essere ancora dottrina, catechismo nozionistico, preoccupato per l'immediata preparazione ai sacramenti, e soprattutto si mostra in difficoltà nell'avviare i fanciulli a un cammino di fede che continui anche dopo la prima comunione e la cresima. In questo contesto, i capi della branca L/C devono progettare il loro contributo all'educazione religiosa dei piccoli tenendo conto della situazione pastorale in cui operano, cercando sempre più la collaborazione con parroci e catechisti, in modo da offrire un servizio coordinato e non ripetitivo, nel rispetto delle esigenze dell'età e dei personali livelli di maturazione. Nel branco o nel cerchio, il bambino viene accolto e visto alla luce della fede: egli è pienamente persona, chiamato a conoscere le proprie potenzialità umane e soprannaturali e scoprirsi figlio di Dio. Certo, con la semplicità e il linguaggio caratteristici dell'età. Gesù stesso ha insegnato ad accogliere i bambini per ciò che già sono nella comunità, e non solo per ciò che potranno diventare, indicando nel fanciullo il modello dell'uomo che accoglie il Messia, abbandonandosi con fiducia alla paternità di Dio (cfr. Mt 18,3-5).

    Nel fanciullo, anche se circondato da pressioni sociali e modelli negativi, esistono atteggiamenti favorevoli all'esperienza religiosa: meraviglia e stupore di fronte a ciò che scopre giorno dopo giorno, attenzione a ciò che è bello e positivo, ammirazione per l'adulto che gli è vicino e su cui conta per la propria crescita, accoglienza di ciò che è misterioso nella realtà che lo circonda, facilità di inserimento nella preghiera comunitaria e

    • di apprendimento della pratica religiosa, specie se può imitare il comportamento di adulti

    importanti per lui. I bambini sanno testimoniare una fede semplice e spontanea, povera però di capacità critica e di una vera coscienza personale, ancora distante da una scelta morale globale e veramente autonoma, ma non per questo meno sentita. L'apparente tranquillità morale e spirituale di tanti bambini di 10/11 anni non deve illudere genitori ed educatori: le turbolenze della preadolescenza sono dietro l'angolo e difficilmente risparmiano qualcuno. Per questo è importante che l'azione educativa globale, non solo lo specifico intervento catechistico, crei quelle predisposizioni morali che favori- scono l'elaborazione di un successivo progetto di vita:

    - ottimismo e fiducia nella vita, basati sulla certezza di essere accettati ed amati in famiglia e nel gruppo; - crescente realismo e disponibilità a rispettare le esigenze della vita nel mondo e tra gli altri; - costanza, capacità di ascolto, obbedienza e condivisione di una legge, disponibilità alla rinuncia per aiutare il prossimo, senso di appartenenza al gruppo.

    In sintesi, l'obiettivo specifico dell'educazione alla fede in branca L/C può essere così definito: offrire al bambino esperienze e relazioni, clima e modelli che lo portino ad accogliere la vita, propria e degli altri, come un dono di Dio Padre, maturando un senso di gratitudine, di lode, di gioia.

    Per valorizzare correttamente i dinamismi psicologici del bambino, senza abusarne ai fini

    • di un'istruzione religiosa affrettata ed inconcludente, è bene rammentare alcune

    attenzioni pedagogiche da avere:

    • - inserire armonicamente le proposte specifiche di educazione alla fede nella trama del

    progetto educativo globale, senza isolare spazi e tempi separati per l'attività di catechesi;

    • - favorire l'imitazione di modelli vivi ed autentici, dai quali apprendere valori e modi di vivere ed esprimere religiosità e fede, anche attraverso preghiere, riti, gesti ecc.;

      • - proporre impegni di carità, che siano concreti e significativi;

      • - tenere presente e non accentuare eccessivamente la tendenza al magico propria di

    questa età;

    • - fare frequente ricorso al racconto, per non ridurre la conoscenza della fede a nozioni

    astratte, e per offrire un approccio unitario sia alla verità della fede che alla sua attualizzazione nella vita;

    • - fare attenzione alle domande spontanee dei bambini, per offrire un'immagine corretta,

    ad esempio, di Dio creatore, di Dio garante della giustizia e della vita immortale ecc.

    Non dimentichiamo che, per fare tutto ciò, il capo deve accompagnare le sue proposte con un buon esempio: senza sentirsi arrivato, ma vivendo con semplicità e gioia alla ricerca e in compagnia di Gesù.

    Come fare un percorso educativo?

    Luca, dopo le prime riunioni e cacce col branco,

    si è subito appassionato al gioco della pista

    lo testimonia

    ... il suo quaderno di caccia, e il modo in cui ogni volta racconta le cose fatte a riunione, ciò

    che ha raccontato Akela ...

    La pista - vista con l'occhio dei capi - consente al bambino di vivere una sua progressione personale, nella prospettiva unitaria del cammino di crescita verso la partenza. Essa attraversa tre fasi progressive:

    • 1. La scoperta: il bambino entrato in branco o in cerchio inizia a conoscere le proprie

    capacità e scopre che la comunità che lo ha accolto ha delle regole per giocare meglio insieme. Con la promessa si impegna a fare sempre del suo meglio e ad osservare la legge per vivere con gioia e lealtà insieme agli altri (lupo della legge - coccinella del prato). Dal punto di vista della fede, è il tempo di un annuncio gioioso della presenza di Dio creatore e padre nella vita dell'uomo, favorendo atteggiamenti di stupore, gioia, gratitudine.

    • 2. La competenza: il lupetto e la coccinella si aprono agli altri, li ascoltano, cercano di

    comprenderli e si coinvolgono più consapevolmente nella vita del branco o del cerchio assumendo impegni personali a vantaggio della comunità (lupo della rupe - coccinella del

    bosco). La religiosità si sviluppa in rapporto di amicizia con Gesù ed impegno a conoscerne gli insegnamenti e i gesti, per concretizzarli in una prima partecipazione attiva alla vita della comunità cristiana (è tempo di prima confessione e prima comunione).

    • 3. La responsabilità: il lupetto e la coccinella hanno acquisito conoscenza e fiducia nelle

    proprie possibilità, mettono a disposizione degli altri ciò che sanno fare, diventando anche punto di riferimento per gli altri fratellini e sorelline (lupo anziano - coccinella della montagna). Nel suo cammino di sequela e imitazione di Gesù, il bambino ora approfondisce la gioia della buona azione, compiuta individualmente e insieme agli altri, diventando anche più capace di animazione nella preghiera comune e nella liturgia.

    Come accompagnare questo cammino? Realisticamente, ricordiamo che il bambino innanzitutto è coinvolto in maniera concreta ed emotiva dal clima di famiglia felice, di gioia e di gioco che caratterizza il branco e il cerchio, dal linguaggio fantastico e dalla figura dei capi che sanno guidare così bene la comunità dei lupetti e delle coccinelle in avventure

    perfettamente a loro misura. La natura, incontrata anche come la giungla di Mowgli o il bosco di Cocci, è l'ambiente che, più di ogni altro, libera energie vitali e possibilità di comunicazione educativa altrimenti inesplorate. Il passaggio da questo mondo di valori umani al riconoscere che Dio Padre è la fonte di ogni dono e della gioia che si prova, dipende, quindi, da due fattori decisivi e dal modo in cui si incontrano: da un lato, la consapevolezza dei capi di essere strumenti dell'amorevolezza stessa di Dio verso i bambini e la loro capacità di darne testimonianza con semplicità e con chiarezza; dall'altro, il vissuto religioso che caratterizza ogni bambino in base alla sua storia personale e familiare. Sono, infatti, sempre più numerosi i bambini e le bambine che si inseriscono nei nostri gruppi, senza aver ricevuto il battesimo, senza un retroterra di educazione cristiana e magari anche con situazioni familiari difficili, senza rapporti con la parrocchia o altri soggetti ecclesiali, o con pregiudizi dovuti a eventuali condizionamenti negativi. I capi non devono dar nulla per scontato e, con la loro gioiosa appartenenza alla Chiesa, possono favorire la scoperta di una confidenza filiale con Dio Padre, nel suo Figlio Gesù, che il bambino può impegnarsi a seguire ed imitare nei suoi atteggiamenti di lode a Dio e di amore ai fratelli.

    La

    pista

    personale, giocata con la

    proposta e la conquista

    di prede concrete, tutte

    convergenti nella formazione delle virtù che fanno l'uomo e il cristiano, e la pista di branco o di cerchio sono i due binari che l'itinerario di educazione alla fede deve percorrere costantemente. In tutta la vita di branco e di cerchio il bambino è invitato a giocare con altri amici (che chiama e accoglie come fratellini e sorelline) un racconto ricco di figure esemplari; essa è vissuta, infatti, nel clima della famiglia felice, la cui sorgente ultima viene scoperta nell'amore di Dio. Perciò, si deve prestare grande attenzione a creare un ambiente di fraternità cristiana che stimoli di per sé la crescita di fede e in cui prendano significato esperienze religiose più specifiche.

    Condividendo la vita dell'unità nei momenti che la caratterizzano come piccola comunità cristiana, anche il bambino che non avesse ricevuto alcun annuncio del vangelo, può entrare a contatto vivo con la parola di Dio: attraverso occasioni di conoscenza e di lettura della Sacra Scrittura, impara a conoscere e raccontare la storia di Dio e dell'uomo nei suoi momenti e personaggi principali. L'incontro personale con Gesù ed una sempre più profonda accoglienza della sua vita e del suo insegnamento costituiscono infatti il cuore di un'esistenza che anche ai bambini può apparire come vocazione e sequela.

    Scoprendo la presenza di Dio, l'azione del suo Spirito nella comunità, nella natura, nella vita, il bambino sa ringraziare il Signore per la gioia che gli dona e impara a pregarlo sia insieme alla comunità che personalmente, sia in forma spontanea che attraverso le formule della Chiesa. L'educazione alla preghiera ed alla celebrazione valorizza i momenti più significativi dell'anno liturgico, le esperienze principali della comunità di branco o di cerchio, le tappe del cammino di iniziazione cristiana vissuto dai fanciulli.

    Un'attenzione particolare va data all'eucaristia: sia come momento forte dell'iniziazione cristiana del singolo bambino, cui la comunità di branco o di cerchio prende parte nei modi ritenuti più opportuni; sia come celebrazione comunitaria in cui la famiglia felice, la piccola Chiesa costituita dai lupetti, dalle coccinelle e dai loro capi, attinge i doni ed esprime i valori e le domande che ne caratterizzano l'esperienza quotidiana. Dal punto di vista del cammino individuale di iniziazione cristiana, lupetti e coccinelle vivono anche l'esperienza della prima confessione, che può essere utilmente accompagnata da specifiche attenzioni educative e spirituali. La catechesi offre un decisivo contributo all'educazione morale del fanciullo che, nella concretezza della vita comunitaria e della pista scout, impara a superare le difficoltà e si impegna nella "buona azione", non come vago proposito di bontà ma come concreto esercizio di virtù umane e cristiane. Nella conoscenza e imitazione di Gesù, di san Francesco

    e di altri modelli di vita cristiana, il bambino può scoprire sempre più la presenza di Dio che lo interpella attraverso la legge, il comandamento nuovo dell'amore, chiamandolo a vivere con semplicità e gioia il Vangelo nella vita quotidiana. I personaggi-simbolo di Samuele, Aronne e san Francesco, scelti per identificare le specialità a carattere espressamente religioso, possono essere utilmente adottati come guida nel percorrere questi tre itinerari.

    Strumenti e sussidi

    Per raggiungere il suo obiettivo, il cammino di educazione alla fede deve inserirsi armonicamente nell'unica programmazione delle attività del branco e del cerchio, ed offrire stimoli adeguati lungo le diverse tappe della progressione personale di ogni lupetto e

    di ogni coccinella, basando la sua efficacia sulla qualità e la profondità del rapporto educativo tra capo e ragazzo. Soprattutto la legge, la promessa e il motto sono una grande opportunità anche per la corretta impostazione di un impegno di crescita nella fede. Giocando concretamente la pista individuale con i personaggi dell'ambiente fantastico, la proposta catechistica non è riservata ad un ambito e ad un personaggio in particolare, ma è attuata globalmente con prove concrete legate a tutti i filoni di attività. Il metodo della branca e la vita dell'unità offrono molteplici occasioni per suscitare nel bambino una lettura religiosa e cristiana della sua esperienza:

    • - il gioco, come palestra di vita, di rapporti fraterni e rispettosi, di gioia nello scoprire e condividere, di creatività e fantasia, di apertura al futuro e al nuovo;

    - la vita nella natura, da sperimentare frequentemente e con crescenti stimoli all'osservazione e all'interazione con essa, dando spazio alla spontanea

    capacità di contemplazione che ci testimoniano i bambini;

    • - la fraternità e le esigenze di impegno morale della famiglia felice, da "condividere

    sempre più ...

    con la comunità ecclesiale, parrocchiale e diocesana" 29 ;

    • - l'impegno nella progressione personale e per le specialità che possono valorizzare

    talenti e mettere in moto energie personali spesso nascoste, con particolare attenzione alle specialità più chiaramente catechistiche, da lanciare e animare con creatività e concretezza;

    • - l'opportunità di vivere insieme nei tempi lunghi delle uscite e delle vacanze di branco o di cerchio, come esperienza di condivisione di vita nello stile caratteristico della spiritualità

    L/C;

    • - specifiche attività

    a

    tema,

    il racconto (anche

    delle

    più

    belle pagine bibliche) e

    l'espressione, magari creando ampie ambientazioni di attività proprio a base catechistica ecc. ;

    • - persino l'ambiente fantastico, senza cadere in collegamenti forzosi, non è estraneo alla

    proposta religiosa: "Carissimi ragazzi, una strada c'è ed è la strada che vi guida verso una

    realizzazione autentica, una pista ed un sentiero nella 'giungla' e nel 'bosco' (sono questi i nomi del vostro ambiente di gioco e di intelligente ricerca)" 30 . Le schede di questo Sentiero fede offrono molteplici stimoli. Altri spunti specifici appartengono alla tradizione del lupettismo e del coccinellismo cattolici: l'attenzione alla spiritualità francescana, come fonte significativa di messaggi e di linguaggi adeguati all'annuncio della fede nella vita comunitaria e nella natura, in stile di semplicità e gioia, nell'impegno di imitazione di Gesù e di servizio ai fratelli; la spiritualità dell' "Eccomi" per le coccinelle, le preghiere tradizionali, segni e simboli.

    Alcuni sussidi

    -

    Napolioni A., Sulle

    tracce di Gesù: con Samuele, con Aronne,

    con Francesco, 3

    volumi, Nuova Fiordaliso,Roma 1990-1992: un progetto sistematico di catechesi

    29 Giovanni Paolo II, Discorso ai lupetti e alle coccinelle dell'Agesci, cit., n.5. 30 Giovanni Paolo II, Discorso ai lupetti e alle coccinelle dell'Agesci, cit., n.4.

    biblica, liturgica, morale, che valorizza il vissuto dei bambini e le occasioni del metodo L/C, per offrire indicazioni alla progettazione di attività di branco e cerchio ed alla costruzione di percorsi per la conquista delle specialità di formazione religiosa,

    • - Moro L., Francesco e i suoi amici, Ancora, Milano 1987: la scelta ed il racconto di alcuni episodi della vita e dei fioretti di san.Francesco, per l'animazione religiosa del branco e del cerchio,

    • - Perfetta letizia. La spiritualità VC e le vacanze di branco/cerchio, Nuova Fiordaliso, Roma 1995: il frutto del laboratorio nazionale di catechesi 1994 e della sperimentazione di suggerimenti concreti per sviluppare l'atmosfera spirituale caratteristica della branca nel tempo forte delle vacanze di branco o di cerchio.

    • - . AA.VV., La catechesi in branco/cerchio, in AGESCI branca L/C, Piste, vol. 3°, Ancora, Milano 1991: oltre alla presentazione di alcune cacce e attività di catechesi realizzate in akune unità, riporta il materiale relativo al convegno di catechesi per i capi della branca L/C svoltosi a Roma nel 1984: ascoltare, vivere, celebrare il mistero (Samuele, Aronne e Francesco a convegno, riportato anche in ScoutProposta educativa, 40/1985), e la relazione di don Carlo Galli su "Il fanciullo nella comunità cristiana”.

    • - Jori L., La preghiera in età L/C, in Scout-Proposta educativa, 5/1985, p. 17.

    • - Anfossi F., Gesù tra i bambini, in Scout-Proposta educativa,12/1990, pp. 26-27.

    • - Nicotra E.-Nastasio M., Un Dio alla portata dei bambini, in Scout-Proposta educatiVa, 3/1990, pp. 28-30.

    • - Per individuare i contenuti e i linguaggi più adeguati per la trasmissione della fede ai fanciulli, cfr, soprattutto: cm, Venite con me, 2° volume del catechismo per l’iniziazione cristiana dei fanciulli (8/10 anni); mentre per adeguare la proposta a bambini che non hanno percorso alcun itinerario previo di educazione religiosa cfr. CEI, lo sono con voi, 1° volume (6/8 anni); la catechesi in Consiglio degli anziani può utilmente tener presente CEI, Sarete miei testimoni, 3° volume (11/12 anni), in collegamento con l'utilizzo eventualmente fattone in branca E/G.

    5.3.Esploratori/Guide: la fede come avventura

    La situazione: vincere la paura

    Claudia è finalmente in alta squadriglia, ma ne ha fatte sudare di camicie alla sua povera capo reparto. Sì, perché negli anni precedenti proprio non ne voleva sapere di andare a messa col reparto. E pensare che suo fratello Luca faceva il chierichetto ogni domenica. C'è voluta tutta la pazienza dell'assistente ecclesiastico all'ultimo campo di reparto, e soprattutto l'avventura del suo primo hike come caposquadriglia ...

    L’esperienza diffusa di educazione religiosa dei ragazzi non appare come una strada larga, ben tracciata, dove tutto è previsto e chiaro, anzi! Tutti vanno alla ricerca di tracce, percorrono sentieri diversi, più o meno esplorati, attraverso quella che è stata definita addirittura "l'età negata". E la comunità ecclesiale finisce col farsi il complesso del "dopo- cresima": le energie investite con abbondanza di mezzi negli anni della scuola elementare e della media sembrano vanificate proprio quando si arriva a quello che qualche vescovo ha chiamato "il sacramento dell'addio". La cresima sembra dare al ragazzo una patente di libertà dalla Chiesa, dai preti, dal catechismo, dalla messa domenicale. Come invertire la tendenza? Le statistiche riconoscono l'influsso positivo delle aggregazioni giovanili: la maggioranza dei pochi adolescenti che continuano un cammino di fede dopo la cresima fanno parte dell'Agesci, dell'ACR o di qualche altro gruppo giovanile organizzato. C'è una sorta di diffidenza o di allergia nei ragazzi che, diventando grandi, considerano la

    fede e la vita cristiana "roba da bambini"

    ma c'è anche paura, incertezza, incapacità di

    ... comunicare con ragazzi e giovani, da parte degli adulti, della comunità cristiana e dei suoi animatori.

    Certo, l'età di ragazzi e ragazze che vivono l'esperienza della branca E/G è stagione di grande cambiamento psicologico, umano, religioso, in cui essi, non senza traumi e sofferenze, scoprono di essere persone che hanno la possibilità di pensare con la propria testa e di prendere decisioni autonome. Al cap. 4 abbiamo ricordato la conflittualità tipica degli adolescenti e le altre note caratteristiche della loro religiosità: resta, comunque, un'età piena di sorprese anche per gli educatori di maggiore esperienza, chiamati a servire - dentro un rapporto interpersonale delicato ed esigente - l'irripetibilità di ogni ragazzo e di ogni suo momento di crescita. La verticalità della comunità di reparto costituisce una provocazione impegnativa per i capi, che devono rispettare le diverse attese e potenzialità degli undicenni e dei quindicenni in ordine all'esperienza di fede; ma rappresenta anche una risorsa pedagogica per gli stimoli che ragazzi di diverse età possono scambiarsi e per il gioco di responsabilità che ad essi è offerto.

    È possibile l'annuncio del vangelo in questa condizione particolare di crescita e

    di vita? Si, purché sia veramente "annuncio evangelico", ossia buona notizia che interessa il ragazzo, raggiungendo il cuore delle sue aspirazioni e delle sue domande, e sia, dunque, un annuncio incarnato nelle concrete condizioni di crescita di ciascun ragazzo. Poiché i ragazzi non saprebbero vivere a lungo una fede distante dalla loro vita quotidiana, i capi aiutano ad integrare questi due mondi e li accompagnano in questo delicato passaggio, per sostenerli nell'elaborare pian piano un progetto di vita improntato dalla fiducia in Gesù maestro, amico, fratello maggiore. La fede diventa una scoperta avventurosa, che vale la pena compiere, specie se la si condivide con un gruppo di amici. La proposta non può essere in alcun modo massificante, ma va personalizzata, valorizzando la capacità di esplorare, giocare e appassionarsi che c'è nel ragazzo, aiutandolo a scoprire i fatti che egli sperimenta, come significativi e illuminanti per la propria vita, come parabola della verità e del vangelo. Il ragazzo sviluppa la sua crescita personale con un necessario riferimento ad altri, tra i quali Dio deve essere presentato e incontrato come l'Altro insieme al quale è bello crescere, un amico eccezionale con cui stare ed avere confidenza, con cui è possibile e giusto fare grandi cose, perché è il Signore della vita. Per evitare che sia un rapporto con un Dio distante, in competizione con la personalità del ragazzo, l'annuncio e i momenti di spi- ritualità privilegiano il rapporto con Gesù Cristo, in cui il ragazzo scopre un modello illuminante, la cui parola chiama ad essere come Lui, a diventare suoi discepoli. Il ragazzo non sarà meno uomo se credente, ma può sentirsi persona viva, proprio attraverso il suo rapporto con Cristo. Il ragazzo è impegnato a scoprire la vita, a provare, a misurarsi con le cose nuove e più diverse, anche in maniera sofferta ed in opposizione ai modelli precostituiti; perciò, la proposta della persona e della vita di Gesù deve raggiungere il ragazzo in maniera esperienziale, in rapporto al suo bisogno di amicizia e di avventura, per aiutarlo gradualmente ad uscire da se stesso e provare a vivere, nello Spirito, la comunione con Gesù. L'educatore farà attenzione a non fermarsi alla proposta di attività od occasioni centrate su un vago sentimento religioso, ma aiuterà a ricercare gli aspetti della vita e della persona di Gesù che il ragazzo può sperimentare e rivivere, come verità della propria vita. Anche l'esperienza sacramentale, riscoperta in questo senso, diventa particolarmente importante ed efficace.

    Valorizzando il clima

    di grande

    gioco

    che, nello

    spirito

    della legge, caratterizza la

    proposta pedagogica della branca, l'obiettivo dell'educazione alla fede in reparto è,

    dunque,

    di

    aiutare

    a

    interpretare

    la

    vita

    come

    avventura

    a

    cui

    Dio

    chiama,

    con

    imprevedibilità e creatività, affinché il ragazzo possa orientarsi, incontrare e seguire Gesù Cristo come amico, e scoprire i molteplici segni che nella sua vita testimoniano l'amore di Dio per lui.

    L’avventura diventa sentiero fede

    Claudia è ormai all'inizio della quarta tappa e si chiede come può diventare animatrice delle altre guide in squadriglia, se ha ancora tanti dubbi sulla fede e sul suo significato per la vita ...

    L'integrazione tra l'educazione scout e la proposta di vita cristiana si compie, anche in branca E/G, all'interno della progressione personale di ogni singolo ragazzo:

    - la promessa scout indica l'adesione personale alla proposta di vita e di impegno racchiusa nella legge scout, ed è opportuno che sia anche proposta, celebrata e vissuta come momento forte di un cammino di fede, spesso prossimo ad allentarsi; - prima tappa: scoperta - il ragazzo va alla scoperta della realtà con spirito di avventura e voglia di mettersi alla prova, cerca punti di riferimento al di fuori della famiglia, si apre alla vita del reparto ed assume incarichi precisi in squadriglia. Dal punto di vista spirituale, va incoraggiato ad esplorare nuovamente il suo orizzonte di valori e di modelli, iniziando un più vivo dialogo con il Vangelo dentro la vita quotidiana, magari con l'aiuto della squadriglia e dei capi; - seconda tappa: responsabilità e specializzazione - inizia a conoscere i suoi talenti personali e si impegna consapevolmente per accrescerli, continua la scoperta della realtà in maniera più responsabile e progettata con gli altri E/G, imparando a mantenere gli impegni nel tempo. Anche l'educazione alla fede può, in questa fase, privilegiare il fare, la concre- tezza, per scoprire Gesù vivente nella Chiesa e nei fratelli più vicini, anche assumendo piccole responsabilità verso gli altri (curando l'eventuale vicinanza al tempo della confermazione);

    - terza tappa: autonomia e competenza - cerca di affermare maggiormente la propria personalità e prende gradualmente coscienza delle proprie aspirazioni; diventa competente soprattutto in una tecnica e partecipa alla gestione del reparto con ruoli più precisi e maggiori responsabilità verso cose e persone. La parabola dei talenti ricorda la dimensione vocazionale del lavorare per la propria competenza, che i ragazzi possono mettere a servizio degli altri nella comunità ecclesiale, nelle imprese e nella vita di reparto. Il ragazzo è così stimolato al gusto della fedeltà al proprio cammino di fede, verso una sempre maggiore coerenza di vita; - quarta tappa: animazione - diventa animatore della squadriglia e del reparto, vivendo specifiche esperienze di autonomia e corresponsabilità, nel ruolo di capo o vice caposquadriglia, o assumendo altri significativi incarichi nella vita di reparto. La responsabilità verso gli altri, specie i piccoli del reparto, è occasione di crescita spirituale e di verifica della capacità di riconoscere Gesù nei fratelli. Questa attenzione si concretizza anche nel preparare e animare momenti di preghiera in comunità. L'alta squadriglia costituisce un momento privilegiato perché l'esploratore e la guida inizino a porsi le domande fondamentali sulla propria esistenza, confrontandole con la proposta del vangelo, nel dialogo coi capi e con l'assistente ecclesiastico.

    È un gioco divertente quello del sentiero, con le mete da fissare, le attività e le imprese da realizzare, le specialità e le competenze da conquistare. Ma a volte, se il capo perde di vista gli obiettivi educativi, c'è il rischio che si riduca ai compiti per casa o a una sorta di consumismo di tecniche e distintivi. Figuriamoci, dunque, quanto dovrebbe essere com- plicato farne anche un cammino di fede!

    Niente paura: in

    ogni

    ragazzo il

    Signore ha

    seminato

    ben

    più

    del

    5%

    di

    buono.

    L'ottimismo cristiano ed educativo del capo aiuta a guardare in faccia alle difficoltà tipiche di questa età ed evita sia di "partire in quarta" sia di rinviare in eterno l'annuncio del vangelo. La forte esperienza di cambiamento fisico, psicologico, spirituale, porta il ragazzo e la ragazza alla ricerca della propria identità personale, che spesso è fonte di angoscia e frustrazioni, che egli esprime problematicamente. Una ricerca in cui ci sono però risorse preziose da valorizzare: l'esploratore/guida, quando si sente accolto e sostenuto nella comunità educante, cerca di scoprire e riconoscere se stesso come persona e di acquisire competenze e magari anche buone abitudini per vivere nella felicità data dall'essere utile agli altri. Facendo leva inizialmente sul gruppo degli amici, ogni ragazzo e ragazza si butta nell'avventura scout, considerandola sempre più importante per la ricerca di qualità e significato in ciò che sta vivendo.

    La pazienza e la fedeltà dell'educatore sono in questa fase la prima "buona notizia", cui si deve aggiungere la costanza nell'indicare in Cristo l'amico da incontrare e conoscere in modo nuovo, per fondare liberamente su di lui la costruzione di sé. Dall'esempio del capo, il ragazzo deve sentirsi incoraggiato a vivere rapporti di sincerità e lealtà e assumere sempre maggiori responsabilità verso gli altri, per poter accogliere consapevolmente la proposta dell'amore cristiano.

    Il cammino di fede in branca esploratori/guide si caratterizza così come un itinerario di educazione alla libertà e di scoperta/accoglienza di Cristo che ci ha liberato, e nella cui verità restiamo liberi. Sono le concrete esperienze della vita quotidiana e delle attività scout, particolarmente nei tempi forti dei campi e delle uscite, a consentire di scavare dietro il significato puramente umano di ciò che accade per raggiungere la valenza simbolica, religiosa e - con l'aiuto della Parola e del silenzio - il significato cristiano della vita. In tale processo di costante interpretazione dell'esistenza, più che una catechesi sistematica, si sfruttano metodicamente le molteplici occasioni offerte o costruite per incarnare il vangelo dentro il vissuto dei ragazzi. Le schede di questo progetto danno indicazioni utili e provocatorie. Dal punto di vista della progressione personale, tappe, specialità, competenze, verifiche progressive e puntuali, confronto con i capi e con l'assistente ecclesiastico, offrono tante possibilità di concretizzare la proposta nell'educazione alle piccole virtù e agli impegni concreti, che preparano scelte più significative e globali.

    Il reparto è anche una piccola comunità cristiana: nelle esperienze educative vissute in esso, il ragazzo può riappropriarsi, nel modo e coi linguaggi più adeguati al suo momento di crescita, delle dimensioni fondamentali della vita cristiana e crescere così nell'adesione libera e consapevole alla proposta di senso e di impegno che Cristo gli offre. Come il reparto è una comunità articolata in strutture e ruoli precisi, così è possibile per il ragazzo aprirsi anche alla comprensione della realtà strutturale e gerarchica della Chiesa.

    L'annuncio della Parola esige la riscoperta dell'ascolto e del dialogo, anche attraverso il contatto con la natura, testimonianza dell'invisibile e traccia del Creatore. Misurandosi con le esigenze dell'amicizia e della vita comunitaria, il ragazzo è condotto all'incontro con la persona, l'insegnamento e le opere di Gesù, segno della presenza del Padre e della sua bontà, amico e salvatore che dà forza e sicurezza, sorgente del dono dello Spirito. Lungo il cammino di scoperta della vicinanza di Cristo, il ragazzo domanda dove egli può essere incontrato e riconosciuto, e ha quindi bisogno di fare esperienza diretta della Chiesa prima nel piccolo gruppo e, poi, nella grande famiglia di Dio; di come la parola di Gesù sia viva e attraente nel vangelo e nelle altre pagine bibliche che più illuminano di senso le feste cristiane e la vita del ragazzo; fino a riconoscere il mondo stesso (natura, società, vita e storia) come luogo in cui il Signore chiama a costruire il suo Regno.

    Valorizzando le molteplici espressioni della vita comunitaria che si sperimentano in squadriglia e in reparto, per educare alla condivisione e alla gioia, alla gratuità e all'amicizia,

    la proposta di preghiera e celebrazione liturgica aiuta a cogliere il valore simbolico di esperienze e gesti condivisi con i fratelli e con Cristo. La preghiera comunitaria e sacramen- tale viene riscoperta gradualmente in tutti i suoi elementi, di cui si coglie il nesso profondo con la vita. Esploratori e guide, in genere, si mostrano disponibili a pregare e celebrare "dentro l'esperienza scout", specie quando si curano particolarmente tradizioni, cerimonie e simboli, e vanno aiutati a ripartire di lì per comprendere e gustare anche la partecipazione regolare alla vita liturgica della comunità ecclesiale, specie all'eucaristia domenicale in parrocchia. È bene valorizzare la varietà dei modi di pregare, in rapporto alla sensibilità dei ragazzi ed alla loro diversa maturazione spirituale: preghiera occasionale, legata a momenti concreti della vita o della giornata o delle attività, preghiera comunitaria e di gruppo, preghiera liturgica, preghiera di lode e di adorazione con cui ci si unisce alla stessa preghiera di Gesù. La conoscenza dei vari elementi e simboli della liturgia, specie in rapporto alle feste e all'anno liturgico, alla celebrazione penitenziale ed eucaristica, aiuta a partecipare più profondamente e a costruire con creatività riti espressivi delle tappe di crescita o delle situazioni che si stanno vivendo.

    Per aiutare ogni esploratore e guida a scoprire, nella sua crescita, che è possibile raggiungere la felicità accettando se stesso e sviluppando un rapporto personale con Cristo, amico e maestro di vita, l'educazione morale passa attraverso tutti i principali strumenti educativi tipici della branca. La proposta dell'avventura educa al coinvolgimento autonomo e responsabile in un impegno crescente per migliorare se stessi e la realtà; il gioco offre l'esperienza del gratuito come possibile stile di vita improntato alla sequela di Cristo; l'impresa educa alla concretezza dei propri progetti e alla collaborazione per attuarli; la legge spinge alla conversione di atteggiamenti e comportamenti, verso il comandamento dell'amore, testimoniato da Cristo morto e risorto. Particolare attenzione va posta nell'accompagnare lo sviluppo affettivo di ragazzi e ragazze, affinché imparino a scoprirsi e rispettarsi reciprocamente, cominciando ad integrare questa dimensione della propria crescita con il cammino di fede.

    Quando la preparazione e la celebrazione della cresima avvengono in età E/G, il reparto deve affiancare la catechesi parrocchiale con la proposta di esperienze formative che aiutino a coniugare il sacramento, il dono dello Spirito, con la vita e le domande concrete del ragazzo, a beneficio di tutta la comunità.

    Strumenti e sussidi

    La vita di reparto e di squadriglia si attua in un ritmo intenso di esperienze concrete che spesso acquistano un valore simbolico e comunicano un profondo messaggio umano, religioso e cristiano. Particolare rilievo acquistano in tal senso momenti caratteristici della vita di reparto:

    • - il contatto con la natura, non solo in un crescendo di avventura e competenza, non solo in intensità emotiva, ma anche affrontando ne le problematiche ecologiche come occasione di educazione alla responsabilità nel rapporto con il creato;

      • - i momenti forti e le esigenze della vita comunitaria, a cominciare dall'accoglienza,

    dall'amicizia e dalla corresponsabilità in squadriglia, ove è importante imparare a fare spazio

    a Gesù, come amico e modello di relazioni impegnative ed autentiche;

    • - le verifiche lungo la progressione personale, in un dialogo sempre più profondo e

    costruttivo coi capi e, magari, anche con l'assistente ecclesiastico o comunque con un sacerdote da scegliere come guida spirituale;

    • - l'essenzialità e la provvisorietà del vivere in tenda, per crescere in tante virtù umane,

    ma anche per accostare la spiritualità del popolo affidato alla provvidenza di Dio, che "ha

    posto la sua tenda in mezzo a noi";

    • - l'hike e la veglia alle stelle, in cui il ragazzo impara a gestire positivamente la solitudine

    e il silenzio, come occasione propizia per il bilancio del suo sentiero, ma soprattutto come

    opportunità di ascolto e di intimità con Dio;

    • - le cerimonie, in cui la semplicità e la significatività dei gesti e delle parole sa mostrare il

    grande valore dei piccoli avvenimenti della vita scout, agli occhi della comunità e agli occhi

    • di Dio;

      • - svolgere incarichi ed acquisire competenze per il servizio degli altri, mettendo subito a

    frutto quanto acquisito, in gesti di servizio, in squadriglia e in reparto, come nell'ambiente e

    in famiglia;

    • - l'attenzione alle tracce della fede cristiana, anche per cogliere l'esistenza di una Chiesa

    viva, nelle trame della vita quotidiana di piccole e grandi comunità, e crescere così nella speranza cristiana; - il consiglio della legge, ove sperimentare gli atteggiamenti evangelici di sincerità, comprensione e correzione fraterna. La preghiera ritma, con naturalezza e creatività, le diverse attività, come momento forte che illumina e celebra le esperienze vissute. In particolare, l'anno liturgico costituisce l'itinerario privilegiato per la scoperta e la sequela di Cristo nella globalità del suo mistero, per approfondire il valore dei sacramenti lungo il cammino di iniziazione cristiana e di interiorizzazione che il ragazzo vive.

    La proposta di catechesi, tenendo conto delle diverse esigenze psicopedagogiche dei ragazzi, si diversifica anche per fasce di età e per tappe, magari creando gruppi di impresa o centri di interesse, dando una particolare attenzione al dialogo con la parola di Dio nell'alta squadriglia, coinvolgendo ragazzi e ragazze nella tappa dell'animazione, specialmente se capisquadriglia, nel servizio della Parola e della preghiera con tutta la comunità. Specialità e competenze specifiche facilitano l'acquisizione di conoscenze e la valorizzazione di sensibilità, che possono avere anche una risonanza vocazionale. La tradizionale figura di san Giorgio costituisce un richiamo attuale ed efficace alle esigenze della lotta contro il male, alla luce del vangelo e alla forza che viene dall'esperienza

    • di fede.

    Alcuni sussidi

    AA.W., Educate alla fede in reparto, Borla, Roma 1991: raccolta ragionata del materiale prodotto nei cantieri fede della branca, per individuare le occasioni della vita di reparto che consentono di costruire cammini di fede, approfondendo i criteri del PUC e offrendo programmi esemplificativi per alcuni tipi di attività. Calabrò M. - Olea P. (cur.), Giocare nella squadra di Dio, Nuova Fiordaliso, Roma 1994: suggerimenti concreti per programmi di catechesi in reparto, veglie, preghiere, giochi per diverse occasioni di attività. Branca E/G, Vivere la fede come scoperta avventurosa, Atti del seminario di educazione alla fede, Napoli 22-23 maggio 1993 (ciclostilato ad uso interno). Nicolini c., Scoprire Gesù, Ascoltare Gesù, Seguire Gesù, 3 volumi, Coletti, Roma 1985-1986: commento semplice ai vangeli di Março, Matteo, Luca, con riferimenti alla vita scout, per la lettura personale o in squadriglia. Nicolini c., Spunti dal vangelo di Giovanni, Coletti, Roma 1990: un commento al Vangelo di Giovanni, rivolto soprattutto ai ragazzi dell'alta squadriglia. Del Riccio R., La preghiera in squadriglia, Nuova Fiordaliso, Roma 1996; piccola guida per l’animazione di semplici momenti di preghiera in squadriglia, adattando lo schema proposto a situazioni e occasioni diverse. AA.VV., La traccia, Ancora, Milano 1984: manuale tradizionale di preghiere scout, non molto aggiornato, ma utile per rintracciare alcuni della tradizione. Per attingere a contenuti e linguaggi catechistici adeguati ai nostri ragazzi, cfr. CEI, Sarete miei testimoni e Vi ho chiamato amici, 3° e 4° volume del catechismo per l'iniziazione cristiana dei ragazzi.

    5.4. Rover/Scolte: domanda di vita e scelta di servizio

    La situazione: emergenza giovani

    Tra pochissimo Claudia - se tutto va bene - passerà alla comunità R/S, dando vita insieme ad altri sette E/G ad un noviziato che non si preannuncia proprio a prova di bomba (altrimenti, che noviziato sarebbe?). E, intanto, in comunità capi pensano già a quando Luca prenderà la partenza: lui sì che promette bene, ne verrà fuori certamente un bel capo unità ...

    Ogni comunità capi è impegnata a proporre e attuare un unico percorso educativo "dalla promessa alla partenza", perché il contributo che diamo alla realizzazione di un mondo "un po' migliore" abbia reale incidenza nella società e nella Chiesa. L'uomo e la donna della partenza cominciano presto a formarsi, attraversano crisi e scossoni dei momenti cruciali della crescita e, poi, hanno davanti il lungo "deserto" della giovinezza, stagione affascinante ma dilatata nel tempo e svuotata nelle opportunità dal nostro sistema sociale, dove è lecito parlare di "emergenza giovani". Al centro di tale progetto educativo globale si pone l'itinerario di fede, non per dominare e cancellare, ma per sintetizzare ed esaltare le altre dimensioni. Ciò è possibile se gli adulti, gli educatori, anche i capi scout sanno guardare al mondo giovanile con rinnovata capacità di testimonianza e di annuncio del vangelo, con grande fiducia nelle domande che animano il cuore dei giovani, chiamati anche oggi da Dio alla salvezza, cioè, a vivere la vita come vocazione alla santità e al servizio. Nella Chiesa italiana cresce l'attenzione alla pastorale giovanile e su questo sfondo la proposta delle comunità R/S mantiene la sua originalità e attualità, in dialogo con tutte le opportunità di impegno e di comunione offerte dalle chiese locali. Siamo oggi tutti coinvolti, magari con stili diversi, nella nuova evangelizzazione di giovani che spesso, pur avendo vissuto una formazione in comunità e associazioni cattoliche, pongono in maniera radicale e nuova la domanda sulla qualità della vita, la domanda su Dio. Quando addirittura non l'hanno già accantonata, e sostituita con nuove sensibilità religiose, con i disvalori della società consumista, con il nonsenso che origina forme di disagio e di devianza ...

    Abbiamo già visto, nel cap. 4, che non è facile descrivere sintetica mente le caratteristiche della fascia di età cui si rivolge la branca R/S: dai 16 ai 21 anni circa, rese sempre più distanti le soglie decisive dell'ingresso nella vita adulta, la stessa scelta di fede risulta meno stimolata. Il prolungamento della gioventù genera oggi atteggiamenti di sfiducia e disimpegno, riflusso nel privato, comunicazione sofferta e ripiegata sul mi- crocosmo del singolo gruppo o aggregato giovanile. La carenza di modelli di riferimento e di soggetti adulti con i quali dialogare in vista delle scelte da compiere, crea una solitudine a volte drammatica, che i giovani cercano di spezzare anche in modi negativi. Lasciando aperto il dibattito su possibilità ed esigenze di una pastorale giovanile capace di raggiungere tutti i giovani, e non solo piccole élite, nell'ambito associativo dobbiamo misurarci con la responsabilità immediata di accompagnare la crescita dei giovani che condividono l'esperienza del roverismo e dello scoltismo: sia di quanti vi accedono dopo aver vissuto il cammino delle precedenti branche, sia di quelli - non pochi che domandano di entrare direttamente nella comunità R/S. C'è interesse verso la nostra esperienza, c'è

    domanda di educazione, o solo di aggregazione giovanile? Offrire un itinerario di fede a questi giovani è rispondere alle loro vere attese o forzare, strumentalizzare la loro presenza in Agesci? Non vale la pena attardarsi in discussioni teoriche o di principio, poiché l'educatore misura quotidianamente le sue scelte sulla duplice fedeltà ai bisogni più veri del giovane che ha di fronte e ai valori che ispirano il suo servizio educativo. Accogliendo le domande che i giovani rover e scolte hanno nei confronti della vita, educando queste domande a divenire sempre più significative e radicali, ci si mette in cammino verso la graduale elaborazione di un progetto di vita, il più possibile unitario e armonico, dove la persona, la vita ed il messaggio di Cristo possano essere ricercati ed accolti come nucleo centrale, generatore della pienezza di senso verso cui tutte le domande umane sono indirizzate.

    In questa prospettiva è bene richiamare l'opportunità di un vero programma di evangelizzazione e catechesi in branca R/S, dove assai raramente si corre il rischio - frequente invece nelle branche precedenti - di sovrapporsi ad altri interventi pastorali sugli stessi destinatari. In sintesi, l'obiettivo della catechesi in questa terza fase dell'itinerario educativo scout è l'acquisizione di una mentalità progettuale in ordine alla vita ed alla fede, ove le provocazioni dell'esperienza quotidiana trovino nella sequela gioiosa di Cristo una risposta significativa e liberante. Il giovane ha il diritto di diventare gradualmente consapevole di valori, atteggiamenti e comportamenti che scaturiscono dal vangelo, e maturare la capacità di scelte coerenti ed impegnative che lo coinvolgono, per impulso dello Spirito Santo, nelle vicende della Chiesa e dell'umanità, in stile di servizio. Col sostegno di comunità e di educatori attenti a questo, il cammino culmina così in una vera e propria partenza, per l'inizio di un'esperienza adulta di testimonianza, servizio, partecipazione ecclesiale e sociale, formazione permanente.

    Una strada per il Regno

    Claudia ha ormai preso coscienza del valore e del meccanismo del suo sentiero e quasi non sa più che farsene dei tanti distintivi di specialità accumulati sull'uniforme. È tempo ormai di "guidare da sola la sua canoa" e ciò che vede fare dai membri della comunità R/S la attrae. Soprattutto il loro modo di cantare e l'entusiasmo che hanno quando partono per la route ...

    Attraverso le esperienze di strada, comunità, servizio (i tre pilastri del metodo in questa branca), il rover e la scolta sono gradualmente condotti a tradurre atteggiamenti vissuti in occasioni particolari, in scelte e modalità per la vita quotidiana.

    La progressione personale non ha più bisogno di essere presentata come un gioco diretto dai capi, ma diventa lo strumento che il rover e la scolta hanno in mano per fare concretamente un cammino espresso da mete precise, stabilite in dialogo con se stessi, con Dio, con la comunità e con i capi. Lo sviluppo delle capacità psichiche e fisiche, intellettuali e spirituali del giovane avviene lungo le quattro dimensioni fondamentali della sua vita: la relazione con se stesso, con Dio, con l'altro, con il mondo. I momenti di passaggio sono essenzialmente tre:

    - Il noviziato è la fase in cui l'adolescente accetta di sperimentare la proposta R/S in una tensione alla disponibilità ed al cambiamento, a "farsi nuovo", attraverso un intenso rapporto educativo con i capi e con i coetanei, e vivendo forti esperienze di strada, comunità, servizio, fino a decidere se vivere nel clan/fuoco un più impegnativo cammino di formazione. Il cammino di fede riprende vigore, in questa fase, dentro una riscoperta libertà e responsabilità, dove le grandi domande giovanili vengono accolte ed educate, in

    prospettiva di un incontro faccia a faccia con la novità di Cristo e coi suoi testimoni, viventi oggi nella Chiesa e sulle strade del mondo.

    • - La firma dell'impegno esprime, dopo un primo periodo di vita di clan/fuoco, la volontà di

    vivere le scelte della carta di clan, rinnovando così la promessa scout alla luce di un più

    determinato impegno personale per il servizio e per la definizione del proprio progetto di vita. Il cammino di fede viene messo al centro dell'orizzonte di lavoro autoeducativo che il

    rover e la scolta scelgono di fare, con l'aiuto del clan e dei capi. Un percorso di ascolto sistematICo della Parola, una scuola di preghiera, il vivere cristianamente il proprio servizio, la verifica costante in comunità sono gli elementi essenziali di un tempo decisivo per rileggere e impostare tutte le dimensioni della vita a partire dalla fede.

    • - La partenza: tra i 20 e i 21 anni, è il momento in cui il rover e la scolta chiedono ai capi e all'assistente di riconoscere che è giunto il momento di abbandonare la comunità,

    focalizzando le proprie scelte per un futuro progetto di vita, che risponda alla propria vocazione. Se essi scelgono di giocare la propria vita secondo i valori proposti dallo scautismo, di voler essere uomini e donne che indirizzano la loro volontà e tutte le loro capacità verso quello che hanno compreso come la verità e il bene, di annunciare e testimoniare il vangelo, di voler essere membri vivi della Chiesa (almeno continuando in essa la ricerca avviata in comunità R/S), di voler attuare un proprio impegno di servizio, allora l'uscita dalla comunità R/S prende il nome di partenza. È un momento da proporre e vivere in clima di gioia e speranza, nella certezza dell'azione dello Spirito. Sono richieste impegnative quelle che condizionano una partenza così come la vorrebbe l'associazione: sono, comunque, mete cui tendere, parametri da gestire nel dialogo educativo in cui non viene meno il ruolo dei capi e dell'assistente ecclesiastico, particolarmente prezioso in questa branca.

    Di fatto,

    sappiamo

    che

    non

    sono pochi

    i

    rover e

    le

    scolte che vivono

    in maniera

    problematica le esperienze di fede proposte nella comunità R/S, ma sappiamo anche che la paura di proporre tira brutti scherzi e lascia immutate le situazioni. Viceversa, affrontare con schiettezza e saggezza le esigenze di un cammino graduale ma anche ricco di esperienze

    forti ed autentiche, conduce ciascuno a rivedere le idee e fare le scelte che, in libertà e responsabilità, sono decisive per il suo momento di crescita. Soprattutto il noviziato, per definizione, è tempo di nuove proposte, di nuovi incontri anche con il vangelo di Gesù Cristo, di nuove possibilità di mettersi in discussione attraverso tempi forti di preghiera, di deserto e l'incontro con testimonianze significative. Le opportunità per riaprire anche discorsi apparentemente chiusi in ordine alla fede non mancano, se i capi si sentono motivati e maturi per sostenere il carico di dubbi e difficoltà che i giovani metteranno loro addosso.

    In questo itinerario che conduce alla partenza, è fondamentale

    da parte

    di

    tutti

    un

    atteggiamento sincero di ricerca e la disponibilità a lasciarsi mettere in discussione. Periodicamente il giovane effettua a tal fine il "punto della strada": qui egli prende coscienza, si confronta, progetta e programma il cambiamento futuro. È questa la prospettiva del Regno, vissuta sulla strada come esperienza concreta e come linguaggio spirituale, capace di orientare le energie di ogni giovane e sostenerlo nel rispondere generosamente alla chiamata di Cristo a servire, secondo la vocazione posta nel cuore di ciascuno.

    Come le unità delle branche precedenti, anche la comunità R/S propone ai giovani, nel rispetto degli itinerari di maturazione personale, un dinamismo di esperienza cristiana, caratterizzato dalla spiritualità della strada, dalla condivisione e celebrazione della vita in comunità, dal servizio come attualizzazione del comandamento dell'amore. I capi e l'assistente ecclesiastico sono chiamati a guidare il cammino di fede dei giovani loro affidati, dando testimonianza alla fede attraverso le proprie scelte di vita e di servizio, la partecipazione alla vita della comunità ecclesiale, la consuetudine all'ascolto della Parola, alla celebrazione dei sacramenti, alla preghiera e la capacità di dar ragione della propria

    speranza (cfr. 1Pt 3,15) secondo le doti e le esperienze personali.

    All'interno dell'esperienza scout, ogni rover e scolta deve poter manifestare con libertà e fiducia convinzioni, domande e difficoltà connesse alla sua personale storia educativa e alle precedenti esperienze religiose che, in positivo o in negativo, l'hanno segnato. Al momento dell'elaborazione della carta di clan e del proprio cammino di progressione personale, essi vengono stimolati ed accompagnati nell'approfondire il proprio cammino di fede. La presenza stessa dell'assistente ecclesiastico o, in sua assenza, di qualche sacerdote incontrato in occasioni e su temi particolari, è inizialmente opportunità di confronto accogliente e chiarificatore nei riguardi delle domande che appassionano i giovani e che esigono maturazione in vista di una nuova o rinnovata scelta di fede. Da questa prima fase ci si muove, quindi, all'incontro con la parola di Dio: la capacità di ascolto e lettura della Parola ha bisogno di strumenti culturali che la vita in comunità R/S sviluppa, secondo le doti e le attitudini di ciascuno, attraverso momenti specifici di formazione. La conoscenza dei testi è perseguita sia attraverso approfondimenti tematici, come per esempio in occasione di capitoli, progettazione/verifica di attività, deserto, route, sia tramite letture sistematiche. Particolare attenzione è bene riservare al metodo della lectio divina, proposto gradualmente. Poiché il contenuto del messaggio cristiano è un tutto organico e vitale, occorre accostarlo in modo progressivo e unitario: da un cammino previo di educazione della domanda umana e religiosa alla progressiva conoscenza, viva ed esperienziale, del messaggio e della persona di Gesù Cristo; dall'adesione alla sua proposta alla penetrazione ulteriore del mistero della sua morte e risurrezione che, per il dono dello Spirito, rende oggi e sempre la Chiesa luogo della missione a servizio del mondo; per aprirsi, infine, all'intuizione del grande progetto salvifico del Padre, che chiama ed impegna ciascuno nella costruzione del regno di Dio. Sono i grandi temi presenti e attingibili, anche per i rover e le scolte, nei catechismi CEI per i giovani lo ho scelto voi e Venite e vedrete.

    A partire dal senso religioso insito nell'esperienza scout, soprattutto nel simbolismo della strada, il rover e la scolta fanno esperienza della liturgia sia nella comunità R/S che nelle comunità ecclesiali in cui vivono. Attraverso questa concreta esperienza possono maturare la consapevolezza di essere parte dell'unica Chiesa universale che celebra il mistero di Cristo nel tempo, anche con la programmazione di tempi forti di ritiro spirituale personale e comunitario presso luoghi significativi e comunità maestre di preghiera. In particolare, la liturgia domenicale non solo è importante occasione di catechesi, da cogliere nello sviluppo sistematico dell'anno liturgico, ma va proposta e vissuta come momento centrale e qualificante l'esperienza cristiana, come memoria della pasqua, sorgente della vita ecclesiale, profezia della vita nuova e del suo compimento futuro. La preparazione e l'animazione della liturgia, dapprima in comunità R/S, quindi nella più vasta comunità ecclesiale, conducono il rover e la scolta a comprendere il senso di riti e simboli ed a lasciarsi coinvolgere dal mistero celebrato dalla Chiesa. In segno di appartenenza ecclesiale la comunità R/S partecipa normalmente alle liturgie della comunità locale in cui è inserita o che incontra nelle sue attività. Anche per questa dimensione, si può individuare un itinerario pedagogico: dalla forte esperienza comunitaria della preghiera e della liturgia, si passa ad approfondire la preghiera personale e la celebrazione liturgica, dapprima come esperienza, poi come comprensione del significato, alla luce della vita della Chiesa, che celebra l'anno liturgico e i sacramenti, per maturare una maggiore assiduità nel dialogo personale con Dio ed una più attiva partecipazione alla liturgia della propria comunità cristiana locale.

    L'educazione morale culmina in branca R/S con lo sviluppo di ulteriori competenze in vista del servizio come scelta di vita, vocazione a vivere l'amore di Cristo per l'uomo, contributo all'edificazione dell'umanità e della Chiesa, segno della presenza del Regno che viene, continuazione dell'azione creatrice di Dio Padre e luogo dell'azione dello Spirito. Alla

    base di tutto questo, non può mancare la costante ricerca di una più matura coscienza dell'impegno morale richiesto ad ogni uomo, in un rapporto corretto e positivo tra libertà e legge, nello sforzo di superare mentalità ed atteggiamenti incompatibili con la liberante logica evangelica.

    La prospettiva del Regno è quella che può unificare le diverse dimensioni della vita del giovane, chiamandolo a una generosa presa di posizione di fronte a Cristo ed alla sua proposta di vita: spendersi per i fratelli, servire, imitandolo fino in fondo. Nonostante i pesanti condizionamenti culturali e dei mass-media, i giovani oggi non sono meno disponibili a scegliere di andare controcorrente, se il motivo per cui lo fanno è grande e profondamente inciso nella loro coscienza e libertà. Il campo dell'educazione morale da svolgere nella vita di comunità R/S e nel dialogo personale con ogni rover e scolta deve, dunque, estendersi: sia verso le ragioni umane e spirituali che spingono a vivere la vita come dono, come vocazione al servizio, nei diversi stati di vita, senza riduttivismi né preclusioni; sia nell'affronto schietto e costruttivo dei grandi temi dell'insegnamento morale della Chiesa, come risorse per la piena umanizzazione dei singoli e della collettività. In vista della partenza, si vive un tempo di particolare verifica, di rinnovata scelta e donazione, per organizzare sempre più chiaramente la propria vita secondo una gerarchia di valori dominata dall'amore cristiano e dalla vocazione al servizio, impostando uno stile di ascolto e discernimento che impegnerà ciascuno anche nella sua vita adulta, in spirito di conversione e formazione permanente. A tal fine, è importante che ogni rover e ogni scolta siano stimolati ad avviare per tempo e vivere con costanza un vero e proprio cammino di direzione spirituale. A partire dalle concrete esperienze dei membri della comunità R/S (sia in ordine alla propria partecipazione ed attualizzazione delle scelte espresse nella carta di clan, sia in ordine ai diversi servizi assunti personalmente), la catechesi stimola una riflessione sull'impegno di solidarietà e di liberazione che ogni uomo deve assumersi per sé e per i fratelli, fino a far prendere coscienza della missione di evangelizzazione e promozione umana che oggi caratterizza il cammino della Chiesa nel mondo.

    Strumenti e sussidi

    La spiritualità della strada, nei suoi tratti di essenzialità, fedeltà, sacrificio, precarietà, è disponibilità ad una continua conversione secondo l'azione dello Spirito, ed il tradizionale riferimento a san Paolo ne illumina il senso profondo. La strada è scuola di fedeltà nella preghiera personale, è attitudine al silenzio, semplicità di cuore per cogliere la voce di Dio e dei fratelli. Le esperienze di route e gli hike periodici sono occasioni significative di maturazione spirituale, in continuità con il cammino quotidiano di preghiera e revisione di vita. Non devono mancare, in particolare, tempi sempre più precisi ed ampi di deserto, che abilitino i giovani a vivere la contemplazione e l'ascolto anche dentro i ritmi e i rumori della vita moderna. I diversi strumenti metodologici tipici dell'attività della branca sono utili al cammino di approfondimento della fede da proporre ai rover ed alle scolte: non riprendiamo qui quanto già detto ripetutamente circa il valore del servizio, delle dinamiche comunitarie, della ricerca e dell'espressione di quanto elaborato su temi di interesse comune, della progressione personale da curare capillarmente anche in branca R/S. Più ampiamente, ricordiamo che anche in branca R/S si fa scautismo, vivendone i quattro punti in una concretezza di attività e nella cura di uno stile (anche esteriore) che possono solo far bene alla costruzione di personalità solide e significative, umanamente e cristianamente. La carta di clan/fuoco deve prevedere obiettivi e contenuti precisi del cammino di fede che ogni comunità si impegna a percorrere, con equilibrio di momenti comunitari ed individuali. Le attività di animazione internazionale e di educazione alla pace possono avere un

    grosso significato per cogliere la dimensione missionaria e universale della Chiesa, in dialogo con le altre comunità cristiane e religioni, a servizio della promozione dei diritti di ogni uomo. All'interno della vita quotidiana della comunità R/S, particolare spazio deve essere dato al contatto diretto con la Bibbia, con i documenti della Chiesa, con i citati catechismi per i giovani, con la ricchezza di temi e simboli racchiusa nel patrimonio liturgico, al quale è bene ispirarsi con sapienza anche per costruire forme di preghiera adeguate alla vita di comunità. La partecipazione ai momenti forti e ad altre iniziative della pastorale giovanile diocesana, è occasione indispensabile di educazione all'ecclesialità e stimolo alla verifica delle proprie scelte. Esistono e si possono opportunamente moltiplicare eventi per rover e scolte proposti a livello zonale, regionale e nazionale, sia quelli specificamente orientati a questa dimensione della vita, come i campi Bibbia e i campi "ora et labora", sia gli altri, dalla ROSEA ai cantieri alle giornate "giovani a confronto" ai campi di specializzazione, quali preziose occasioni per stimolare, verificare e rilanciare l'itinerario di fede della scolta e del rover.

    ALCUNI SUSSIDI

    Branca R/S, Incontrare Cristo risorto nella Chiesa, Borla, Roma 1991: schede per un itinerario di catechesi sulla Chiesa e materiali per là sua attualizzazione nelle comunità R/S. Basadonna G., Spiritualità della strada, Nuova Fiordaliso, Roma 1997: un classico per comprendere il linguaggio ed i valori che solo l’esperienza concreta della strada trasmette a giovani e adulti, Grasso G., Sulle strade. Una spiritualità per chi cammina, Gribaudi, Torino 1986:

    ulteriori riflessioni, ricche di citazioni bibliche e patristiche, sulla profondità e l'attualità della proposta spirituale tipica del roverismo/scoltismo. Lombardi F., Le tue strade, Signore, davanti a me, Borla ,Roma 1986: raccolta di preghiere scritte da rover e scolte e inviate alla rivista "Camminiamo insieme". Sussidi sui filoni tematici della route nazionale RlS 1986, all'internò dei quali è sempre presente la relativa pista di catechesi. Vianello G., Profeti Per il Regno, Borla, Roma 1985: riflessioni e spunti di catechesi sulla missione profetica del cristiano, in preparazione della route naz. R/S del 1986. Vianello G., Sulle strade del Regno: riflessioni più sistematiche sulla teologia e la spiritualità della strada, della comunità, del servizio, come modalità dì edificazìone del regno di Dio. Napolioni A., La strada dei giovani, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 1994: un manuale organico di pastorale giovanile che presenta proprio l'esperienza R/S come modello su cui riflettere e sperimentare. I catechismi relativi a questa fascia di età sono: CEl, lo ho scelto voi e Venite e vedrete,1° e 2° volume del catechismo per i giovani.