Você está na página 1de 1

Urbino

23

MARTED 12 MAGGIO 2015

ATENEO DOMANI MATTINA CONFERENZA DI NUCCIO ORDINE


NUOVO incontro dellUniversit di Urbino con il docente e scrittore
Nuccio Ordine, domani alle 10,30 nellAula Magna di Palazzo Battiferri
per una conferenza dal titolo Brunelleschi architetto dellimpossibile:
comico e teoria della prospettiva neLa novella del Grasso legnaiuolo.
Un ritorno fortemente voluto dal rettore Vilberto Stocchi, spinto a sua
volta dai ragazzi delle scuole superiori che avevano auspicato una nuova
occasione di incontro con Ordine dopo lavvincente lectio magistralis
tenuta il 27 novembre scorso per linaugurazione dellanno accademico.

Fiction tedesca, tutti pronti al primo ciak

Si inizia a girare Der Poliziotto di Uli Swidler. Solo la troupe di 60 persone


IL LIBRO
Quanti appunti
DER POLIZIOTTO
stato pubblicato nel 2011.
Uli T. Swidler ci ha
lavorato a lungo,
annotando nei suoi
frequenti viaggi ad Urbino
centinaia di appunti

Serie tv
Il romanzo non ancora
stato tradotto in italiano.
La serie tv prende spunto
dal libro e se dovessero
poi seguire le successive
12 puntate, Swidler
dovr inventarsi nuove
storie urbinati

CIAK! Dopo diversi anni di sopralluoghi, valutazioni e incontri,


lorganizzazione della fiction tedesca Der Poliziotto pianta finalmente le tende in Urbino. Domani infatti in programma larrivo
delle attrezzature in piazza Gherardi, prospicente lomonimo palazzo che un tempo era sede del
Tribunale e dove avr sede il quartier generale individuato dalla
produzione, lo Studio Hamburg
Filmproduktion GmbH di Amburgo, anche quale location di
buona parte degli interni.
ALLA TROUPE di macchinisti,
operatori, scenografi, truccatori e
allo staff della produzione con il
regista Uwe Janson e gli attori si
unir anche un nutrito gruppo di
comparse locali che hanno superato il casting tenutosi durante il
mese di aprile. Gioved alle 7 sar
dato il via alle riprese, che si protrarranno fino allultima settimana di giugno nei luoghi delle istituzioni cittadine come pure in diverse case private di Urbino e dintorni.
UNIVERSIT, Comune, Palazzo Ducale, locali commerciali, antiche dimore, piazze, vicoli e luoghi nascosti della citt comporranno ununica scenografia per il set
della serie tv tratta dal fortunato
romanzo Der Poliziotto dello
scrittore Uli T. Swidler che vedr
protagonisti gli attori Leonardo
Nigro, Hannes Jaenicke e Katha-

AMANTE
DI URBINO
Uli T.
Swidler, lo
scrittore
tedesco
autore del
romanzo
Der
Poliziotto
ambientato
ad Urbino

rina Wackernagel. Pi di un mese


di riprese per allestire due puntate da novanta minuti ciascuna destinate ad andare in onda sulla rete nazionale tedesca. E se la storia
avr il successo sperato, Urbino
diventer il set della serie successiva, che potrebbe raggiungere le
12 puntate ma senza porre limiti
neppure a un ulteriore seguito.
SWIDLER ha fortemente voluto
che le riprese si tenessero nella citt di cui si era innamorato molti
anni fa e dove la sua mente aveva
immaginato si dipanassero le avventure del vigile urbano Roberto Rossi alle prese col ritrovamen-

to del cadavere di Carmela Tozzi,


una ragazza di Canavaccio, nella
neviera di Palazzo Ducale. Come
gi accaduto per il recente romanzo di Marcello Simoni I sotterranei della cattedrale, c dunque
unUrbino ctonia e minacciosa,
luogo di crimini e occultamenti
di cadaveri, pronta a minacciare
la quiete apparente della superficie. E se lautore italiano aveva indagato le viscere dei luoghi di culto antichi e nuovi, il teutonico dar modo al pubblico televisivo di
dare uno sguardo anche nella cisterna della Trinit, sottostante il
Monumento a Raffaello.
MA PER QUANTO il thriller di

Swidler lasci spesso il posto alla


commedia, il resto della storia e il
finale sono naturalmente avvolti
dal mistero. Quel che sicuro
che si tratta di unottima opportunit per leconomia locale.
Nellimmediato per la presenza
in citt di circa 60 persone della
troupe, in prospettiva futura se si
pensa alla promozione della citt
ducale e del Montefeltro presso il
pubblico tedesco, al quale guarda
da sempre la promozione turistica del territorio. Inquadrati nel
solco di un intreccio romanzato
che spesso sa essere pi intrigante
di un algido per quanto professionale documentario.
Tiziano Mancini

GIORNATA INTERNAZIONALE IN MUNICIPIO CERIMONIA PER IL PREMIO MONICA CRINELLI

Premio alla miglior tesi in scienze infermieristiche


NELLA SANIT del futuro gli
infermieri sono destinati a giocare
un ruolo sempre pi centrale, in
stretta relazione con tutte le professioni sanitarie ma con spazi di
autonomia significativi in grado
di contribuire ad innalzare la qualit del servizio sanitario.
COS LA PRESIDENTE del
Collegio provinciale degli infermieri (Ipasvi), Laura Biagiotti, ha
presentato la Giornata Internazionale dellInfermiere, che si celebra oggi, in occasione della quale
lIpasvi Pesaro-Urbino coglier
loccasione per presentare la prima edizione del Premio Monica
Crinelli. La cerimonia si terr
nella ex sala consigliare del Comune di Urbino, alle ore 15,30: la mi-

glior tesi di laurea in Scienze Infermieristiche per lanno 2014 stata


quella di Giulia Patrignani, pesarese, ventiquattro anni, che si diplomata a Bologna presentando
una ricerca sugli effetti degli sti-

STUDIO E RICERCA
Laura Biagiotti: Questa
professione ancora
molto appetibile
moli negativi sul benessere individuale, sia negli infermieri che negli studenti che vanno a fare pratica in corsia. A lei, oltre alla pergamena, verr consegnato un assegno di 500 euro.

SI TRATTA di un concorso
che va a stimolare la ricerca accademica su temi legati alla professione infermieristica ha spiegato
ancora la presidente mettendo al
centro della formazione non solo
le competenze tecnico professionali ma anche quelle relazionali, di
attenzione al paziente e alla famiglia, e la capacit di interagire, di
comunicare e di relazionarsi. Per
loccasione saranno presenti, tra
gli altri, i famigliari di Monica Crinelli, il preside della facolt di Medicina e chirurgia di Ancona, Antonio Benedetti, il preside del corso di laurea in Infermieristica del
Polo didattico di Pesaro, Stefano
Cascinu, i vertici sanitari provinciali e buona parte degli oltre 2300
professionisti iscritti allalbo, 86

in pi rispetto allanno 2013. Nonostante ci siano meno ingressi


nel sistema sanitario pubblico in
cui non si fornisce pi lassistenza
che si dava prima, la professione
infermieristica ancora molto appetibile proprio per la crescente
domanda di salute espressa dalla
popolazione: in questo senso va
letta la recente espansione degli
ambulatori infermieristici privati.
Peccato che lamministrazione
pubblica non comprenda quale potenzialit potrebbero avere questi
servizi, specie nellentroterra afferma Biagiotti. Ma non basta:
per garantirsi un buon livello occupazionale, la categoria dovrebbe anche riappropriarsi del ruolo
dellinfermiere di famiglia, oggi
immeritatamente svolto dalle badanti.

PRESIDENTE IPAVSI
Laura Biagiotti

Interesses relacionados