Você está na página 1de 2

Zibordi G Non si limitava a consolare i poveri

NON SI LIMITAVA A CONSOLARE I POVERI


di Giovanni Zibordi
04 apr 2015 (10 maggio 2011)

[Utente del forum www.monetazione.it]

Visto che la povert in ogni societ ineliminabile non poi cos sbagliato cercare di
vederne i lati positivi, che a cercar bene se ne trovano sempre. Lo stesso Ges diceva al povero
"tuo sar il regno dei cieli" per consolarlo della sua condizione terrena
[G.Z.]

Questo solo met del messaggio, quella "soft", compassionevole, non violenta, buonista,
pauperista e consolatoria. Se Cristo si fosse limitato a questo solo, sarebbe morto nel suo letto.
Ci sarebbe anche l'altra met del messaggio, quella critica, di opposizione, contro il sistema, le
leggi e a tratti anche violenta, in particolare contro il "mercato" dei cambiavalute e mercanti.
Questa la ragione per cui ci ha rimesso la pelle. In tre Vangeli su quattro l'ultimo episodio della
vita di Cristo prima dell'arresto la cacciata con la forza dei cambiavalute e mercanti dal
Tempio, solo nel vangelo di Giovanni (che l'ultimo come data di composizione) questo episodio
all'inizio. Negli altri l'ultimo evento prima dell'arresto di Cristo, caccia i mercanti e nel
capito successivo lo fanno fuori. Almeno un Vangelo dice esplicitamente che " dopo questo
episodio i capi dei sacerdoti e farisei decisero di farlo morire". Non ci sono altri episodi di
violenza e aggressione nel Vangelo, salvo questo rivolto contro mercanti, usurai e cambiavalute,
i banchieri del tempo diciamo, che operavano nel Tempio stesso, il centro della vita culturale,
religiosa e civile dei giudei. E non vero che Cristo perdona sempre tutti, nei loro confronti e
delle autorit religiose lancia anatemi e maledizioni.
Vangelo secondo Marco (composto nel 70 circa), capitolo 11 (si confronti con Luca 19,45-48 e
Matteo 21,12-16):
15. Vennero a Gerusalemme e Ges, entrato nel tempio, si mise a scacciare coloro che
vendevano e compravano nel tempio; rovesci le tavole dei cambiavalute e le sedie dei
venditori di colombi; 16 e non permetteva a nessuno di portare oggetti attraverso il tempio. 17
E insegnava, dicendo loro: Non scritto: "La mia casa sar chiamata casa di preghiera per
tutte le genti"? Ma voi ne avete fatto un covo di ladroni. 18 I capi dei sacerdoti e gli scribi
udirono queste cose e cercavano il modo di farlo morire. Infatti avevano paura di lui, perch
tutta la folla era piena d'ammirazione per il suo insegnamento.
Vangelo secondo Giovanni (composto nel 90 circa), capitolo 2:
13. La Pasqua dei Giudei era vicina e Ges sal a Gerusalemme. 14 Trov nel tempio quelli che
vendevano buoi, pecore, colombi, e i cambiavalute seduti. 15 Fatta una sferza di cordicelle,
scacci tutti fuori dal tempio, pecore e buoi; sparpagli il denaro dei cambiavalute, rovesci le
tavole, 16 e a quelli che vendevano i colombi disse: Portate via di qui queste cose; smettete di
fare della casa del Padre mio una casa di mercato. 17 E i suoi discepoli si ricordarono che sta
scritto: Lo zelo per la tua casa mi consuma
Inoltre in Marco 12:40 e Luca 20:47 Cristo accusa le autorit del tempio di derubare i poveri e le
vedove dei loro sacrifici e in un altro passaggio specificamente di prendere le colombe e altri
animali minori portati dai poveri (per entrare nel Tempio occorreva sempre portare qualcosa) e
di rivenderli al mercato guadagnandoci. In Marco 11:16 Cristo vieta ai seguaci in pratica di
www.retemmt.it

Zibordi G Non si limitava a consolare i poveri

portare sacrifici nel Tempio, un embargo che se applicato avrebbe fatto chiudere un enorme
mercato. Il Tempio era per la tradizione un luogo di mercato e vi si entrava solo portando un
animale di qualche valore come tributo.
Sentendo questa storia si pensa che Ges cacci degli abusivi che si erano installati nel Tempio,
in un luogo di preghiera, di recente andando contro le tradizioni e lo spirito del culto e
usurpando un luogo sacro. Invece il contrario, il Tempio era da sempre un luogo di commercio
e mercato, la tradizione secolare era questa e i mercanti e cambiavalute erano nei loro diritti
secondo i sacerdoti.
E' curioso che pur essendo i Vangeli un testo semplice e di poche pagine ci si dimentichi di
spiegare bene perch Cristo stato ammazzato, si sta sulle generali e in modo vago si parla del
fatto che " morto per prendere su di s tutti i peccati del mondo" etc. Ma i testi dei Vangeli
non sono cos generici, indicano dei motivi specifici "socio-economici". Fino a quando Ges
predicava la carit e la compassione e anche di essere il Messia non dava fastidio pi di tanto,
quando attacca il mercato nel Tempio viene fatto fuori. Sarebbe come uno che oggi attacchi e
anche con la violenza Goldman Sachs, Barclay's, JP Morgan?

www.retemmt.it