Você está na página 1de 9

Societ

Caso Eligia

Canicattini dibatte
sulla recrudescenza
della criminalit
A pagina quattro

I carabinieri del Ris


domani a Siracusa
per cercare in garage
Quotidiano della Provincia di Siracusa

pagina due

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
mercoled 21 ottobre 2015 Anno XXVIIi N. 236 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00

www.libertasicilia.it

Cronaca. Il primo cittadino sceglie il social network per esprimersi

Travolto dallinchiesta

Inchieste al Comune
Il sindaco amareggiato

S dimesso
il presidente
Leone Sullo

Accuso chi per decenni hanno distrutto la politica


terrauzza

Quei lavori
irregolari
in villaggio

ur avendo esposto il
cartello con i dettagli delle opere e degli interventi
che si stanno eseguendo,
sono state riscontrate delle irregolarit nelledificazione di alcune strutture
allinterno di un cantiere
edile per la ristrutturazione e lammodernamento
di un villaggio turistico a
Terrauzza, nel litorale a
sud del territorio siracusano. A operare sono stati
i carabinieri della stazione di Ortigia, i quali, in
stretta collaborazione con
i tecnici della sezione Urbanistica del Comune di
Siracusa.

durata poco meno di


due ore, la riunione di consiglio comunale dedicata
al question time.

opo il servizio andato


in onda su Le Iene, il parlamentare regionale Giambattista Coltraro replica

A pagina due

A pagina sette

A pagina cinque

politica

cronaca

Consiglio Coltraro
e question replica
time
a Le Iene

Se i fatti gravissimi,
riguardanti alcuni consiglieri comunali dovessero
risultare veri, non posso
che condannarli duramente, ma il garantismo non
una bandiera che sventolo
per ragioni di convenienza e a seconda delle circostanze. Sono un garantista
e attendo fiducioso l'operato della magistratura.
In questi termini si esprime il sindaco Giancarlo
Garozzo.

ono stati aperti due fascicoli dinchiesta giudiziaria legati entrambi alle
vicende del fallimento della Clinica Villa Rizzo. di
Siracusa.

l presidente del consiglio comunale, Leone Sullo, si


dimesso ieri mattina dalla carica. La lettera stata protocollata e consegnata nelle mani del sindaco, Giancarlo
Garozzo, e del segretario generale, Danila Costa.

A pagina tre

A pagina quattro

A pagina tre

villa rizzo

Indagano
due
Procure

Frigomacello di Palazzolo
Riunione allex Provincia
C

onvocata dal Commissario straordinario, Antonino Lutri, si


svolta ieri nellufficio di Presidenza del
Libero Consorzio Comunale di Siracusa,
A pagina cinque

Cronaca di Siracusa 2
interventi

I siracusani
sindignino
per il fango
ricevuto

21 ottobre 2015, mercoled

Sicilia 21 ottobre 2015, mercoled

Mentre

dopo gettonopoli-rimborsopoli i siracusani si apprestano a subire una ennesima pioggia di fango


per le vicende giudiziarie che sono
su tutti i quotidiani e mentre i nostri
consiglieri comunali,anzich preoccuparsi delle vicende amministrative e della soluzione dei problemi
dei cittadini, sono impegnati presso

il Palazzo di Giustizia a presentare


querele, rendere interrogatori e testimonianze, quasi che il consiglio
comunale avesse scelto una nuova
sede presso cui riunirsi,sarebbe opportuno ed auspicabile che tutti i
consiglieri comunali coinvolti a vario titolo nelle vicende giudiziarie di
questi giorni si dimettessero. Noi, da

garantisti,siamo abituati ad attendere


l'esito finale dei processi,ma oggi c'
una emergenza morale ed etica che
deve imporre diversi comportamenti. Se questi signori non sono pronti a
dimettersi, dovranno essere i siracusani, scendendo in piazza,ad accompagnarli fuori dal civico consesso.
Avv. Aldo Ganci

Pur

avendo esposto
il cartello con i dettagli delle opere e degli
interventi che si stanno eseguendo, sono
state riscontrate delle
irregolarit nelledificazione di alcune
strutture allinterno di
un cantiere edile per
la ristrutturazione e
lammodernamento di
un villaggio turistico a
Terrauzza, nel litorale
a sud del territorio siracusano.
A operare sono stati i carabinieri della
stazione di Ortigia, i
quali, in stretta collaborazione con i tecnici
della sezione Urbanistica del Comune
di Siracusa, hanno
riscontrato le difformit e per tale motivo hanno proceduto a
deferire in stato di libert quattro persone,
ritenute responsabili a
vario titolo, di aver realizzato opere edilizie
difformi dalla concessione ottenuta, eseguite nellambito dei lavori di ristrutturazione
ed ammodernamento
di un complesso immobiliare
destinato
a villaggio turistico
ubicato in localit Terrauzza tra lex tonnara
e il capo Mele.
Nel corso dellattivit ispettiva, condotta
allinterno dellarea
del cantiere edilizio,
gli investigatori hanno

riscontrato la realizzazione di ampliamenti


non previsti di alcune
unit ricettive e ricreative, configurazioni
di sagome diverse da
quelle rappresentate
negli elaborati grafici,
allatto della presentazione del progetto poi
approvato, coperture
parzialmente difformi
ai progetti, ma anche
la costruzione di una
struttura abitativa non
indicata nella dichiarazione dinizio atti-

vit.
Le persone deferite
ricoprono qualifiche
e ruoli diversi, attinenti, comunque, alla
progettazione e alla
direzione dei lavori,
nellesecuzione delle opere murarie e
dellimpiantistica, e
anche nellamministrazione societaria.
Allo stato non sono
stati operati sequestri
degli immobili e delle
strutture murarie realizzate.

Sopra, i carabinieri sul cantiere edile.

Loperazione dei carabinieri va nella direzione di un controllo


dello scempio e dellabusivismo diffuso nelle nostre coste e in
particolar modo nella
zona Sud del Plemmirio commenta Fabio
Morreale, coordinatore di Natura Sicula
- Bisogna smetterla
con le false promesse
di sviluppo economico e lavoro legato
alla cementificazione delle nostre coste.

Continuando di questo
passo, mi chiedo che
cosa consegneremo ai
nostri figli.
Quella di Terrauzza
una zona particolarmente presa a cuore
non soltanto dai residenti. Nel mese di settembre scorso, il consorzio Plemmirio ha
realizzato una serie di
sopralluoghi e un ampio reportage fotografico, sui lavori in atto
al varco 27 allaltezza
dellaccesso di via De-

Caso Eligia: i carabinieri


del Ris di Messina
domani in via Calatabiano
domani a Siracusa, icarabinieri
del Ris di Messina, che eseguiranno ulteriori
rilievi scientifici nellabitazione di via Calatabiano, in cui visse Eligia Ardita, linfermiera
siracusana, morta la sera del 19 gennaio scorso
insieme con la bimba che portava in grembo.
Gli esperti del reparto investigazioni scientifiche stavolta utilizzeranno la loro perizia e tutti
gli strumenti tecnologici a loro disposizione,
per passare al setaccio linterno del garage di
pertinenza di Christian Leonardi, il marito di
Eligia, detenuto nel carcere di Cavadonna perch accusato di uxoricidio e di avere provocato
linterruzione della gravidanza della moglie.
Continuano, intanto, le indagini per rispondere
ai tanti dubbi che ancora infarciscono questa
vicenda complessa e intricata. La Procura della

lo legato appunto al coinvolgimento del dimissionario presidente


del consiglio comunale Leone Sullo, pervenuta alla segreteria
del pubblico ministero Andrea Palmieri, che sta coordinando
le indagini, la richiesta di essere sentito da parte del giornalista
Giuseppe Guastella, direttore del settimanale Il Diario, accu-

sato di diffamazione a mezzo stampa. Nel chiarire che non c


alcuna esigenza di ascoltare il collaboratore di giustizia Rosario
Piccione, perch ha acquisito il verbale delle dichiarazioni rese
a suo tempo alla Dda, il magistrato, nel formulare il capo dimputazione, non mette in dubbio la genuinit dellarticolo, che
attinge ai verbali degli inquirenti a seguito dellinterrogatorio
del collaboratore di giustizia a proposito delle frequentazioni in
giovent della consigliera comunale Simona Princiotta, quanto allattualit e alla dubbia valutazione dellinteresse pubblico
della stessa.

Inchieste Comune, il sindaco


Sono amareggiato e turbato

sar ispezionato il garage di leonardi

Torneranno

Sul fronte delle indagini relative a uno dei filoni giudiziari, quel-

Cronaca di Siracusa

cronaca. il primo cittadino anticpa i temi della conferenza

villaggio turistico a terrauzza

Opere
irregolari
Denunciate
4 persone

Il direttore del Diario chiede


di essere sentito dal piemme

Sicilia 3

Repubblica di Siracusa sta cercando di comprendere se ci possano essere delle complicit.


Nella trasmissione di ieri di Mattino cinque,
stata ricostruita unintercettazione telefonica
tra Pierpaolo Leonardi, fratello di Christian, e
Fabio, uno degli amici pi fidati di Christian.
Un dialogo avvenuto il 10 settembre scorso,
nove giorni prima dellarresto del marito di
Eligia. Pierpaolo mette a conoscenza Fabio del
possibile, clamoroso sviluppo delle indagini
con laffidamento delle stesse al procuratore
aggiunto Scavone. Prega, quindi, lamico di
incontrare il fratello e di prepararlo al peggio,
ovvero alla possibilit che possa essere arrestato. Fabio chiede perch questincombenza
non ricada sui legali difensori di Christian, e
Pierpaolo risponde che ci vuole tatto.

gli Zaffiri e nella zona


corrispondente allex
Tonnara di Terrauzza.
Un monitoraggio attento da parte del
personale del Consorzio Plemmirio sulle
operazioni in corso
iniziato gi allavvio
dei lavori e rafforzato
anche in seguito alle
continue segnalazioni pervenute allente,
sullintervento che sta
avendo luogo nellex
Tonnara e nella Costa
Bianca. Tutti territori
ricadenti nel perimetro dellArea Marina Protetta. C una
rinnovata attenzione
verso quel tratto di costa a dieci chilometri
dal centro abitato di
Siracusa. Lassociazione Terrauzza, Fanusa, Milocca a pi
riprese ha segnalato
lesigenza di una maggiore attenzione nei
confronti della zona
balneare, soprattutto
con un intervento di
manutenzione ordinaria del verde pubblico.
La stessa associazione
ha realizzato un profilo sui social network
per invogliare i residenti a denunciare le
situazioni di degrado
e di trascuratezza dei
luoghi in cui risiedono ormai migliaia di
famiglie in maniera
stanziale, vista anche
la breve distanza che
c dal capoluogo.

Se i fatti gravissimi, riguardanti alcuni consiglieri comunali dovessero


risultare veri, non posso
che condannarli duramente, ma il garantismo non
una bandiera che sventolo
per ragioni di convenienza
e a seconda delle circostanze. Sono un garantista e
attendo fiducioso l'operato della magistratura. In
questi termini si esprime il
sindaco Giancarlo Garozzo, che sceglie lo strumento
dei social network, per dire
la sua sulle vicende giudiziarie che in questi giorni
hanno travolto il Comune
di Siracusa. Anticipando
in parte i temi che saranno
affrontati nel corso della
programmata conferenza
stampa di domani, il primo
cittadino difende loperato della sua giunta. Ricondurre i tre consiglieri
comunali e i fatti oggetto
dell'indagine a responsabilit politiche dell'attuale
amministrazione fuori
luogo e va ricordato che
hanno tutti una provenienza politica distante dal mio
percorso politico spiega
Garozzo - L'attacco che
la nostra amministrazione
sta subendo va per molto
al di l di fatti riguardanti
singoli consiglieri. Con una
strategia molto precisa che
denuncio non da ora, si
cercato fin dalla campagna
elettorale, di delegittimare
la giunta sul piano personale e della legalit.
Il sindaco guarda al passato denunciando: C' stato un sistema di gestione
della cosa pubblica che ha
affidato servizi milionari
senza alcuna gara, nel silenzio colpevole di gran
parte della citt. Probabilmente l'abbondanza delle
risorse economiche che
la politica aveva a dispo-

Sopra, il sindaco Giancarlo Garozzo.

sizione addomesticava il
rigore critico degli odierni
censori. Si vuole addebitare la sfiducia nella politica
all'attuale classe dirigente,
dimenticando che i servizi
inefficienti, il disavanzo di

amministrazione di circa
23 milioni di euro, decine
di milioni di ero di debito fuori bilancio, i ponti e
le scuole che crollano e le
discariche abusive sono ci
che ha ereditato questa am-

ministrazione. La magistratura ha il dovere di indagare


e ben vengano tutti i controlli che quasi giornalmente riceviamo.
Non sono sereno affatto
per ci che sta accaden-

do al Comune di Siracusa
dice Garozzo - Sono turbato,
amareggiato, ferito, frustrato, arrabbiato, deluso. Non
per le indagini della procura
che invece avvengono a garanzia nostra e dei cittadini
tutti, ma per coloro che per
decenni hanno impunemente
distrutto la politica e la collettivit e magari si fregano
le mani perch nessuno ha
mai indagato. Sono certo che
queste indagini non sono a
senso unico ma sono anche
certo che mai si era vista
questa spasmodica attenzione alle dichiarazioni di un
singolo consigliere. Spero
che mai ci saranno evidenze
e circostanze di cui un cittadino debba vergognarsi.
Garozzo chiude affermando:
I signori che hanno spartito
impunemente, gestito il potere strangolando, schiacciando, minacciando, soggiogando, intimorendo, non hanno
vinto e non vinceranno.

Leone Sullo ha rassegnato le proprie dimissioni al sindaco

Travolto dallinchiesta, si dimette


il presidente del consiglio comunale
I

l presidente del consiglio comunale, Leone Sullo, si


dimesso ieri mattina dalla carica. La lettera stata protocollata e consegnata nelle mani del sindaco,
Giancarlo Garozzo, e del segretario generale, Danila
Costa, ai quali indirizzata. Di seguito il testo della
lettera.
Il sottoscritto, Sullo Leone, in merito agli articoli di
stampa pubblicati in questi giorni, reclamo la mia innocenza e la totale estraneit ai fatti contestatimi. Difender nelle opportune sedi la mia onorabilit, manifestando piena fiducia nelloperato della Magistratura
e delle forze dellordine che, ne sono certo, faranno
piena luce sulla vicenda. Allo scopo di difendermi con
maggiore serenit dalle contestazioni mossemi e, soprattutto, per il profondo rispetto che nutro per le Istituzioni, per la carica che ricopro e per lintero Consiglio Comunale, rassegno le mie dimissioni dalla carica
di presidente del Consigli Comunale di Siracusa.
Leone Sullo, che mantiene la carica di consigliere

comunale nel gruppo Democratici per Renzi, ha


poi rilasciato la seguente dichiarazione. Ringrazio
i consiglieri comunali per il lavoro svolto assieme, e
soprattutto i capigruppo che in questi anni di presidenza mi hanno sempre confortato e aiutato nella gestione dellAssise e nella scelta degli ordini del giorno
scrive Ringrazio il sindaco, la Giunta, il segretario
generale, dottoressa Costa, i dirigenti e gli uffici per
la fattiva collaborazione nellaffrontare giornalmente
i problemi della citt e dei siracusani e le questioni di
ordine amministrativo.
Infine, ringrazio lUfficio di presidenza che sin dal
giorno del mio insediamento ha dimostrato professionalit e seriet nel lavoro, anche nei momenti pi
difficili conclude Sullo Adesso il mio impegno continua dai banchi del consiglio comunale, forte dellesperienza e delle conoscenze accumulate in questi due
anni.
R.L.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 21 ottobre 2015, mercoled

cronaca. la difesa di gianluigi rizzo ha presentato due distinte denunce

Clinica Villa Rizzo: il caso


al vaglio di due Procure
Sono

stati aperti due fascicoli


dinchiesta giudiziaria legati entrambi alle vicende del fallimento
della Clinica Villa Rizzo. A fornire i dettagli delle denunce stato
ieri pomeriggio lavvocato Giuseppe Cavallaro, legale difensore
di Gianluigi Rizzo, legale rappresentante della societ.
La prima inchiesta coordinata
dalla Procura della Repubblica
di Siracusa,e riguarda unipotesi di riciclaggio di denaro per il
quale asono stati rirati in ballo i
responabili della societ Casa di
cura Citt di Siracusa e i curatori
fallimentari.
Tutto comincia il 22 settembre
dello scorso anno quando la Nuova Clinica Villa Rizzo ha chiesto, la restituzione dellazienda,
oggetto del contratto di affitto
sottoscritto dalle parti il 15 marzo
1990. Nel progetto di stato passivo, i curatori hanno concluso nel
senso di riconoscere la restituzione esclusivamente dellimmobile
di via Agati respingendo per il
resto la domanda perch occorrono approfondimenti probatori
e giuridici. Il Giudice delegato,
tenutasi ludienza di verifica dei
crediti, in data 28 gennaio scorso
dichiarava esecutivo lo stato passivo del fallimento accogliendo
la domanda limitatamente allimmobile di via Agati.
La domanda per il resto stata
respinta. Poich nellimmobile viene esercitata una attivit
ospedaliera, da parte della Clinica si era chiesto che venisse organizzato per tempo il rilascio al
fascicolo dellopposizione ed il
Giudice delegato, provvedendo
sulla cessazione dellesercizio
provvisorio, ha anche disposto
che limmobile venisse riconsegnato alla societ a partire dal 2
marzo 2015;
La societ fallita, ha depositato in
cancelleria un articolato reclamo
contro il decreto del G.D. con la
richiesta, rivolta al Tribunale fallimentare, di sospendere gli effetti del provvedimento di restituzione dellimmobile: Il Tribunale
nella stessa giornata del 26 febbraio deliberava di sospendere gli
effetti del decreto, inaudita altera
parte e senza fissare contestualmente alcuna udienza per la conferma, modifica o revoca della
misura cautelare.
Una vicenda complessa che ha
ulteriori sviluppi nel luglio scorso quando lavvocato Cavallaro
si recato presso la caserma della Guardia di Finanza di Siracusa

In foto, un momento della conferenza stampa.


per denunciare i curatori fallimentari, i soci della Casa di cura
Citt di Siracusa e le due persone
che garantirebero i fondi per loperazione con la quale si voleva
ottenere il trasferimento dellazienda a Noto, utilizzado denaro
nella disponibilit della stessa.
Per i legali della Clinica Villa
Rizzo, i curatori non si sono costituiti in appello e i giudici del
secondo grado hanno omologato
la sentenza di concordato fallimentare.
Siamo riusciti a bloccare loperazione - dice lavvcato Cavallaro
- perch riusciamo ad ottenere dal
Dipartimento Attivit Sanitariee
una dichiarazione con lam quale si attestava che le delibere per

lo stanziamento di fondi era destinato allazienda Clinica Villa


Rizzo. Nonostante il tribunale abbia riconosciuto quel documento
emettendo una sentenza, non la
rende immediatamente esecutiva
per cui si continua a operare con
lesercizio provvisorio. Ilo nostro
timore che si voglia trascinare
questo stato di cose fino al giudizio definitivo della Cassazione,
per il quale non stato ancora
oggi depostato alcun ricorso.
Il secondo fascicolo stato aperto
dalla Procura della Repubblica di
Messina, competente per territorio per reati che riguardano i magistrati. Il 24 settembre sxcorso
- dice lavvcatop Cavallaro - veniva svolta pubblica udienza di-

venerd prossimo in cnsiglio

Criminalit a Cancattini
Un dibattito in citt
Si terr Venerd prossimo alle ore 17:30 nellaula del Consiglio

comunale di Canicattini Bagni, il Convegno - Dibattito Legalit


Democrazia e Convivere Civile, promosso dallingegnere Salvatore Ricupero e da alcuni cittadini, al quale ha dato ladesione il Sindaco Paolo Amenta e lAmministrazione comunale, per
un confronto sugli episodi di criminalit che da qualche tempo si
stanno verificando nella cittadina. Una recrudescenza (tra furti,
rapine e intimidazioni) che sta colpendo, le attivit commerciali,
le imprese e singoli cittadini, che ha portato il Sindaco Amenta a
chiedere al Prefetto Armando Gradone e al Comitato provinciale
per la Sicurezza e lOrdine Pubblico maggiori controlli da parte
delle Forze dellOrdine e mag-giore attenzione per il fenomeno
che rischia di destabilizzare il vivere civile. Controlli, da parte dei
Carabinieri e delle altre Forze dellOrdine, in particolare nelle ore
notturne con pattu-gliamenti anche da parte della Polizia Municipale, che sono gi stati attivati e che richiedono comunque una
sempre maggiore collaborazione da parte dei cittadini, per evitare
che vengano vanificati.

Sicilia 5

21 ottobre 2015, mercoled

nanzi al Giudice, Viviana Urso


della sezione Fallimentare del
Tribunale di Siracusa. Ho depositato copia di cortesia di significazione della Regione Sicilia,
Dipartimento Attivit Sanitarie,
in risposta alle mie doglianze
avanzate sulla questione della
trasmissibilit o meno dellaccreditamento istituzionale in ipotesi di modificazioni soggettive
del soggetto titolare: nel caso di
specie lipotesi, promossa dalla
Curatela Fallimentare, del subaffitto a terzi dellazienda sanitaria. Inoltre, ho fatto presente al
Giudice che ho presentato degli
esposti sulle anomalie presenti
nel procedimento. Per tale faccenda, ho detto in udienza che ho
chiesto lattivazione degli Ispettori del Ministero di Giustizia.
Ne seguito un battibecco con
un altro legale.
Il giorno successivo il Giudice Urso, ha rappresentato i fatti
al presidente del Tribunale di
Siracusa, descrivendo che il legale ha tenuto, durante ludienza
del 24 settembre, un atteggiamento non consono nei toni e
nelle parole utilizzate.
In particolare il giudice ha sostenuto che sventolavo fogli di
carta, minacciando gravi conseguenze per la clinica gestita in
esercizio provvisorio dai curatori
fallimentari, ma in realt, come
ho descritto in querela, ho depositato una copia di cortesia di
significazione della Regione Sicilia. La questione della Clinica
Villa Rizzo, insomma, destinata
a osservare altri capitoli mentre i
ventinove lavoratori attendono
novit e soprattutto certezze sul
loro futuro occupazionale.
R.L.

opo il servizio andato in onda su Le Iene, il


parlamentare
regionale
Giambattista Coltraro replica alle accuse. Lo fa
con un post pubblicato
sul suo profilo Fb. Ecco
il testo: Falso giornalista
e un falso caso di ruberie
di terreni. Barbara speculazione politica contro di
me. Linviato delle iene
Casciari, senza nessuna
preventiva informazione
ha creato un allarme sociale dicendo che sono
stati derubati 190 proprietari di terreni in provincia
di Siracusa a seguito di un
atto di vendita da me ricevuto , parlando addirittura
di mafia, insultando in tal
modo lintero popolo siciliano e la categoria dei
notai con tanta superficialit che pu venire soltanto da una persona che si
finge giornalista pur non
essendolo e dimostra tutti
i propri limiti cos come si
evince dal servizio che
stato portato avanti contro
il sottoscritto.
Ebbene s, non c stata
nessuna ruberia di terreni
e ad oggi i 190 proprietari
dei terreni di cui parla il
falso giornalista Casciari
sono intestati agli stessi

Cronaca di Siracusa

lAppassionata difesa su facebook

Le iene lo accusano
Il deputato Coltraro
al contrattacco

In foto, il deputato Giambattista Coltraro.

presso il registro che certifica le propriet in Italia


(Agenzia del territorio e
linviato delle iene Casciari non iscritto nellal-

bo dei giornalisti ed esercita abusivamente la sua


professione combinando
pasticci. Falso su falso.
Falso caso e falso giorna-

lista. Ho fatto una visura


ipotecaria in data odierna
a tutti i 190 proprietari dei
terreni indicati da Casciari nel servizio delle iene
ed ad oggi sono tutti proprietari dei propri terreni.
Ci lo pu evincere qualsiasi cittadino che avendo
i nominativi a disposizione effettua una visura sulle propriet e verificher
che il sottoscritto notaio
non ha mai ricevuto alcun atto trascritto contro
i detti proprietari. tutto
un falso e una bufala, ad
iniziare dalloggetto della trasmissione, fondato su dati e eventi falsi e
calunniosi a concludere
dal giornalista Casciari
che giornalista non . Il
sottoscritto gi avviato le
azioni giudiziarie contro

le iene, contro casciari per


abusivo esercizio della
professione di giornalista
e contro i proprietari dei
detti terreni che si sono
prestati a questa pantomima e ad uno spettacolo
indecoroso. Ciascuno di
questi proprietari verr
chiamato in giudizio per
verificare se abbia o meno
il proprio terreno ancora
intestato allo stesso.
Il sottoscritto ha ricevuto alcuni atti negli anni
2012 e 2013 ai sensi
dellart.1488 c.c., che non
hanno comportato alcun
trasferimento di propriet
di terreni, e che sono stati giudicati legittimi dalle
competenti autorit che
controllano loperato dei
notai. Si tratta di una barbara strumentalizzazione
politica , in cui viene utilizzata dai miei nemici,
come arma, la mia professione non avendo la forza
di confrontarsi sui reali
temi che interessano i
nostri cittadini. Si sta cercando con la complicit di
alcuni proprietari dei detti
terreni e del falso giornalista Casciari di trasformare in un caso di ruberie di terreni una normale
fattispecie di usucapione

cronaca si cerca una soluzione definitiva al problema

Frigomacello di Palazzolo
Riunione allex Provincia
Convocata dal Commissario straordinario, Antonino

Lutri, si svolta ieri nellufficio di Presidenza del Libero Consorzio Comunale di Siracusa, in via Roma, la
riunione operativa sul Frigomacello comprensoriale di
Palazzolo Acreide. Oltre al Commissario Lutri erano
presenti il Commissario Straordinario tutti i Sindaci
della Zona Montana, il Presidente del Gal Val D'Anapo Paolo Amenta, i Direttori dei lavori Andrea Cutrale,
Franco Formica e Rodolfo Guglielmino, il Rup del Frigomacello Antonino Petruzzelli e i Dirigenti dellEnte,
Dario Di Gangi, Domenico Morello, Gianni Vinci.
A rappresentare la ditta appaltatrice Urania Costruzioni

n questi mesi, si sono susseguite, diverse questioni indecorose, partendo dalla triste e vergognosa
vicenda gettonopoli con il suo immane e devastante, per l'immagine della citt, clamore mediatico; la vicenda giudiziaria, che ha portato alle
dimissioni, il capo di gabinetto del Sindaco; gli avvisi di garanzia notificati al Comune; i tanti sequestri e acquisizioni di atti di Consiglio. Tutto ci,
esigeva, una immediata e responsabile azione, di
indirizzo Politico, proprio dal Segretario Lo Giudice, che invece, ha preferito, il silenzio oppure in
una ultima nota alla stampa, di minimizzare e forse banalizzare, per non disturbare i manovratori.
Probabilmente, una scelta meramente tattica che,
sin da subito, non ho condiviso. Ma se tutto ci
che accaduto fino a pochi giorni fa, credo rientri
nel libero arbitrio di chi esercita un ruolo di partito

s.r.l., limprenditore Angelo Alonso. Il Commissario


straordinario ha dato conferma che i lavori sono ultimati e che il collaudo sar effettuato entro il mese di
Dicembre. Affrontate le criticit che fotografano la situazione attuale e inerenti la custodia della struttura, il
problema del funzionamento dellimpianto di depurazione e le utenze da allacciare al pi presto per ottenere, dopo laccatastamento, lagibilit. Una riunione
operativa ove sono state stilate le priorit per rendere
limpianto funzionante. E emersa la necessit di implementare un servizio di vigilanza sullimmobile, al
fine di evitare lintrusione di vandali.

intervento del leader di evoluzione civica

Il Pd e la questione legalit
ma, le ultime dichiarazioni dello stesso Lo
Giudice, sono preoccupanti e irriguardose,
nei confronti della pubblica opinione, che
assiste sgomenta a quanto sta accadendo da
tempo, a palazzo di citt.
Analizzando lo status quo a Palazzo
Vermexio, ad oggi, risulta inquisito con
una ipotesi di reato gravissimo, la pi alta
carica del Consiglio Comunale. Altres,
oggi, si apprende che inquisiti sono pure
l'Assessore Valeria Troia in quota Partito
Democratico corrente renziana e la Diri-

gente Rosaria Garufi con ipotesi di truffa


ed altri reati. Ancora, sono inquisiti ben tre
Consiglieri Comunali, per la vicenda gestione asili nido. Infine, inquisito un Dirigente
nominato da Garozzo e a fronte di tutto ci,
il Segretario del PD, si limita a parlare di
condotta di singoli e di appartenenza o provenienza politica dei Consiglieri Comunali.
Mi chiedo: ma il segretario Lo Giudice, pensa davvero che si tratti di singole pagliuzze
in occhi altrui?
Gaetano Penna

SOCIET 6

21 ottobre 2015, mercoled

Sicilia 21 OTTOBRE 2015, MERCOLED

LAzienda Siciliana Trasporti non pu permettersi certe leggerezze gestionali

LAST per colmare il vuoto gestionale


mette in crisi la sede siracusana

Le OO.SS. Confederali Regionali dei Trasporti non possono rimanere inerti allo scempio della Sede Ast
di Siracusa ove operano circa 200 lavoratori abbandonati da una gestione aziendale non idonea

La
situazione
dellAzienda
Siciliana Trasporti
della
Sede di Siracusa
e diventata insostenibile
e
critica con lavvento del Direttore
Dott.
Carollo che da
circa due anni
a questa parte, nellintento
di gestire una
sede AST difficile con tutte le
problematiche
annesse al territorio e lontana
dalla sede centrale che risiede a Palermo,
non ha saputo
organizzare con
trasparenza
i
servizi di trasporto pubblico
locale lasciando
procedere
lavanzata
di
atti clientelari
a vantaggio di
alcun lavoratori con relativi
sprechi di danaro pubblico.
LAzienda Siciliana Trasporti,
che gi di suo
naviga in acque torbide in
senso economico poich vanta crediti dalla
Regione Sicilia
consistenti, non
pu permettersi
queste
leggerezze gestionali che incidono
negativamente
ai bilanci aziendali ed attivano
continue
vertenze da parte
delle
OO.SS.
confederali
e
dovrebbero es-

sere eliminate
dalla Direzione
Generale
Ast di Palermo
dalla quale da
pi di 4 mesi
attendiamo una

risoluzione al
problema con
continue
riunioni e molteplici richieste di
sensibilizzazione al Dirigente

di Siracusa che
omette la propria presenza a
Siracusa e poter
colmare il vuoto gestionale
che sta pian pia-

no portando ad
una crisi senza
precedenti
la
Sede aretusea.
Le
OO.SS.
Confederali
Regionali dei
Trasporti non
possono rimanere inerti allo
scempio
della Sede Ast di
Siracusa
ove
operano circa
200 lavoratori abbandonati
da una gestione
aziendale
non idonea a
dare
armonia
ai servizi del
luogo e garantire la mobilit
dei cittadini e
si sono attivati
ad un incontro
risolutore alla
Direzione Generale di Palermo; purtroppo
le dimostranze
delle Scriventi
OO.SS. Regionali
assieme
alle RR.SS.AA.
del luogo pur
essendo dettagliate e chiare

sottolineando
tutte le irregolarit e illegalit gestionali
riscontrate hanno riportato un
nulla di fatto
poich il Direttore
Generale insieme al
Direttore della
Struttura Ast di
Siracusa, dopo
un momento di
pausa, non si
sono ripresentati al tavolo.
Questo
atteggiamento porta ad una sola
strada: denunciare tutte le
irregolarit effettuate da codesto Dirigente alla Procura
della Repubblica producendo
atti e testimonianze idonee
e porre davanti
al responsabile
unico di questo
epilogo, assieme al Direttore
Generale, tutto
quello che era
in loro conoscenza e non
mai stato risolto.
Chiederemo, in
merito alle normative vigenti,
di valutare il
danno prodotto
in questa sede
Ast di Siracusa
e di espandere
ulteriori
controlli sulla cattiva
gestione
anche in altre
sedi curate dallo stesso Dirigente.
Inoltre,
dato
il
trattamento
ricevuto
nellincontro
sindacale
dal
Direttore Generale dellAST,
avanzeremo un
formale esposto per condotta
antisindacale da
parte dei vertici
Aziendali
nei
confronti
del
Sindacato dei
Trasporti.

Le Segreterie
Regionali

Sicilia 7

Cronaca di Siracusa

Economia
Diverse le
interrogazioni presentate dai
consiglieri
comunali
r discusse
nellaula
Vittorini
In foto, un momento
del consiglio
comunale.

Seduta dedicata
al question time

durata poco
meno di due ore, la
riunione di consiglio
comunale dedicata al
question time. Delle 26 interrogazioni
in discussione, tutte
presentate nel corso del 2015 e mai
affrontate, ne sono
state trattate in tutto
5; le altre sono state
escluse per l'assenza dei proponenti. In
conclusione, Simona
Princiotta e Loredana Spuria hanno
approfittato della seduta per porre verbalmente due quesiti,
rispettivamente sui
contributi per le attivit culturali e sulle
spettanze da versare
all'Igm.
La seduta stata
presieduta dal vice
presidente Giuseppe
Impallomeni che, in
apertura di lavori, ha
dato atto delle dimissioni del presidente,
Leone Sullo. Con
questa scelta ha
detto Impallomeni
Sulo sta consentendo
il sereno svolgimento
delle indagini che lo
riguardano e di questo lo ringraziamo.
Prima di passare
all'ordine del giorno,
Salvatore Castagnino ha evidenziato
l'assenza dal faldone della seduta di
molte interrogazioni
presentate e che non
hanno ricevuto ri-

sposta. Poi Simona


Princiotta, prendendo
la parola ha lamentato l'assenza di molti
dirigenti e ha annunciato che non avrebbe trattato la propria
interrogazione
sugli asili nido perch
mancava il dirigente
Rosario Pisana competente nella materia.
Princiotta si detta
insoddisfatta di questo e delle risposte
per iscritto ricevute
dall'assessore
alla
Politiche sociali, Ro-

salba Scorpo, perch


non toccano tutte le
questioni sollevate.
Castagnino intervenuto subito dopo
in quanto firmatario
della prima interrogazione in elenco, ma
ha detto che l'avrebbe
ritirata perch superata dai fatti. Quindi
si rivolto a presidente Impallomeni
chiedendogli, per il
futuro, di garantire
l'Aula nei confronti
dell'Amministrazione consentendo ai

consiglieri di potere
confrontarsi in maniera diretta con gli
interlocutori in occasione del question
time.
Il secondo quesito
era stato presentato
da Cetty Vinci sul
tema del nuovo ospedale. La consigliera
chiedeva al sindaco
notizia sulla revisione del Prg per l'individuazione dell'area;
se avesse previsto di
affidare consulenze
esterne; come inten-

desse coinvolgere il
consiglio comunale.
Il dirigente del settore Pianificazione
ed edilizia privata,
Emanuele Fortunato,
ha risposto che l'iter
una fase di stallo.
C' una collaborazione avviata con l'Ufficio tecnico dell'Asp
8 per presentare una
proposta progettuale
condivisa ma che il
percorso amministrativo sostanzialmente fermo.
Cetty Vinci ha tocca-

Percorso unitario irresponsabilmente interrotto

Area Dem contesta nomina


del segretario cittadino Pd

LAssemblea Provinciale di AREA DEM

rivendica lobiettivo del percorso unitario


avviato con le dimissioni volontarie della
Segretaria Provinciale Carmen Castelluccio, eletta in elezioni primarie validate da
organismi di garanzia regionale e nazional,
sviluppato grazie ad un costante e leale rapporto con tutte le altre componenti del partito.
Si ritiene che in occasione dellindividuazione del Segretario della Citt-Capoluogo
quel percorso sia stato irresponsabilmente
interrotto e che il Segretario Provinciale
Alessio Lo Giudice, frutto di quellaccordo,
avallando questa interruzione, abbia commesso un grave errore di prospettiva politica.
Si ritiene inoltre esaurita la funzione del
Comitato dei Garanti, la cui legittimazione
consisteva nel garantire il percorso unitario e
lequilibrata articolazione dei rapporti interni
al partito e di conseguenza si chiede il for-

male scioglimento. E necessario che siano


gli organi del partito a dovere assumere tutte
le responsabilit politiche e programmatiche
nella vita del partito. LAssemblea giudica
con preoccupazione il venir meno del clima
di affidabilit e reciprocit, che nella vita dei
partiti costruita sul rispetto delle regole, ma
anche sulla trasparenza delle relazioni.
LAssemblea ritiene tuttavia che il Partito
appartenga ad una comunit desiderosa di
vedere la sua classe dirigente indirizzata
esclusivamente a ricercare e offrire soluzioni
alle difficili condizioni del territorio.
Considerato che lAmministrazione Comunale del capoluogo attraversa una fase di
evidente difficolt in pi ambiti, da quello
urbanistico a quello delle politiche sociali,
invita i vertici e gli organismi provinciali
di partito ad adoperarsi per ricostruire il
percorso unitario.

to i fondi spettanti al
Comune dalla vendita dei biglietti per l'area archeologica. In
particolare, chiedeva
le ragioni del mancato versamento dei
soldi da parte della
Regione; come mai
non si parli pi dell'istituzione del Parco
della Neapolis; e se
fosse possibile lasciare nella disponibilit della citt l'intera somma incassata
alla biglietteria.
L'assessore Francesco Italia, ha risposto
che i soldi dello sbigliettamento vanno
a Palermo che poi
li gira al Comune,
passaggio
questo
che non avviene dal
2014 e che l'Amministrazione continua
a sollecitare. Quanto
all'ammontare, l'indirizzo dell'attuale
assessore regionale
di destinare ai comuni l'80 per cento degli incassi ma che in
questo senso non ci
sono ancora atti concreti. Quanto al parco, ha detto Italia, si
tratta di materia per la
quale il Comune non
ha competenze e pu
solo fare da stimolo,
cosa che accade.
Il progetto turistico Torre Solaria.
intervenuto Castagnino, che aveva firmato l'atto assieme
a Vinci, annunciandone per il ritiro.
L'interrogazione, ha
detto il consigliere,
era stata presentata
a maggio, ed era indirizzata al sindaco
e non ha nemmeno
provveduto a rispondere per iscritto entro
15 giorni. Per tale ragione, Castagnino ha
annunciato che porter il verbale della seduta alla Procura della Repubblica e che
denuncer il sindaco
per omissione in atti
di ufficio.
L'ultima interrogazione scritta era sulla
gestione del servizio
Go-bike e portava la
firma di Gaetano Firenze. Il consigliere
ne ha annunciato il
ritiro in considerazione del fatto che sono
trascorsi 5 mesi dalla
presentazione. Firenze, per, ha evidenziato l'importanza.

SOCIET 8
Favorire in ogni
singola persona la
riconquista dellautonomia personale e
lemancipazione,
a partire dai soggetti
pi vulnerabili, tra
cui i minori stranieri
non
accompagnati; adottare standard
unici in ogni contesto di accoglienza;
creare una regia territoriale; favorire e
accompagnare linserimento
sociale
ed economico di richiedenti e titolari di
protezione internazionale e umanitaria;
prevedere politiche e
programmi specifici
per facilitare
linserimento socioeconomico-abitativo; rafforzare le
azioni di accompagnamento ai
percorsi di inclusione sociale.
Sono alcune delle
raccomandazioni che
Cristina
Molfetta,
referente dellarea
progetti e rifugiati
dellUfficio Pastorale Migranti della
Diocesi di Torino, ha
consegnato agli oltre

Sicilia 21 OTTOBRE 2015, MERCOLED

Se vero, ad
esempio, che i
rifugiati in gran
parte provengono dai paesi in
via di sviluppo,
anche vero
che altri paesi
in via di sviluppo accolgono
l86% del totale
dei rifugiati.

Migranti in Italia?
Nessuna invasione
duecento
partecipanti al termine della presentazione del

Rapporto sulla Prote- to, presentato alcune


zione Internazionale settimane fa allExpo
in Italia. Il documen- di Milano, stato al
centro dellincontro
organizzato dallUfficio Pastorale Migrantes dellArcidiocesi di Siracusa al
Centro Sprar gestito
dalle Suore del Cenacolo Domenicano
a Solarino. Dopo il
saluto del vicario
generale dellArcidiocesi, mons. Sebastiano Amenta, alla
presenza del vice
prefetto
Giuseppe
Sindona e dei sindaci
di Solarino e Pozzallo, Sebastiano Scorpo e Luigi Ammatuna, Cristina Molfetta
ha fornito un quadro
chiaro, evidenziando
i numeri del fenomeno raccolti da Anci,
Caritas Italiana, Cittalia,
Fondazione
Migrantes e Sprar, in
collaborazione con
Unhcr.
Se vero, ad esempio, che i rifugiati in
gran parte provengono dai paesi in via
di sviluppo, anche
vero che altri paesi in
via di sviluppo accolgono l86% del totale
dei rifugiati.
Meno del 10% arriva
in Europa, e di questi meno del 3% ar-

riva in Italia, ovvero


meno del 3 per mille
del totale. Fino al 31
agosto 2015, sono
giunti in Italia circa
115.500
migranti,
perlopi eritrei, nigeriani, somali, sudanesi, siriani.
Il Rapporto evidenzia, ad esempio,
come soltanto un
minore non accompagnato su cinque
in una struttura dello Sprar, mentre la
maggioranza accolta in strutture di
prima accoglienza
inadeguate. Lo Sprar
lunico modello di
accoglienza.
Lemanazione
del
prossimo bando dello Sprar prevede la
disponibilit di ulteriori 10 mila posti
che si aggiungono
agli attuali 20 mila,
con l'obiettivo di allargare la rete dei
Comuni che ne fanno parte. "Non possiamo che lavorare
per una prospettiva
che veda un progetto
Sprar sul territorio di
ciascuno degli 8 mila
Comuni italiani.
Solo cos si potr
davvero superare la
gestione emergenziale del fenomeno.
Allo stesso tempo

importante incidere
sulla riduzione dei
tempi di attesa per la
presentazione della
domanda di protezione internazionale
e sulle relative decisioni".
Inoltre necessario
affiancare strategie e
programmi comuni
per evitare le conflittualit sui territori e
per accompagnare e
favorire linserimento sociale ed economico per coloro
che hanno avuto il
riconoscimento dello
status di richiedenti
asilo e rifugiati. Societ civile, comunit
locali, istituzioni devono fare sistema,
non solo nellaccoglienza, ma per rimettere in cima alle
priorit la difesa e la
protezione dei diritti
e della vita.
Nel 2014 sono arrivate 170 mila persone ha spiegato Cristina Molfetta , ma
solo 66 mila sono
rimaste. E di ben 60
mila non sono state
prese le impronte
digitali. Le domande
di asilo in Italia: solo
45 mila.
Diciamo che una
persona su tre resta
in accoglienza. Sono
numeri gestibili, non
mi sembra ci troviamo di fronte ad una
invasione.
Discorso a parte per
i minori: Nel 2014
sono arrivati 13 mila
minori non accompagnati. Di ben 3700
non si sa che fine abbiano fatto. E indegno.
La maggior parte
delle persone che arrivano in Europa provengono da zone di
conflitto come la Siria, l'Iraq o l'Afghanistan e sono in fuga
per salvarsi la vita.
Solo attraverso una
risposta unitaria si
pu affrontare questa
situazione.
E' necessario aumentare le opportunit
per i rifugiati di poter
accedere a vie legali
verso l'Europa che
includono il reinsediamento, le ammissioni per motivi
umanitari, il ricongiungimento familiare e il rilascio di visti
per motivi di studio.

21 ottobre 2015, MERCOLED

Con decreto n. 333


del 15 ottobre il dirigente generale del
Dipartimento Urbanistica dellARTA,
ing. Rino Giglione
ha annullato per insanati vizi di legittimit la Delibera del
Consiglio Comunale
n.118 del 04/08/2011,
con la quale era stata
adottata la variante al PRG per la tutela delle coste, in
contrada PlemmirioMaddalena, meglio
nota come la Variante
della Bellezza. Ebbene, rispetto alle
osservazioni e deduzioni che erano state
opposte dal Consiglio
comunale (delibera
n. 65 del 24 aprile) e
dagli uffici comunali, il provvedimento
di annullamento non
reca alcuna novit
argomentativa e motivazionale, a parte
il corredo del favorevole parere C.R.U.
(consiglio regionale dell' urbanistica),
punto sul quale torneremo in conclusione.
Le
motivazioni
dellannullamento sono sempre le
stesse e cio la mancata
acquisizione
preventiva, da parte
del Comune, della
V.A.S. (valutazione
ambientale strategica) e del parere del
Genio Civile, secondo ling. Giglione,
vizi procedurali non
sanati dal Comune.
Nel merito di questi
requisiti, preordinati
alla valutazione degli
interventi edilizi, abbiamo gi detto che
sono da definirsi ultronei in presenza di
varianti urbanistiche
che invece prevedono
edificazione zero, a
parte lulteriore considerazione, che lintera area della Variante della Bellezza cio
dellistituenda
Riserva della Pillirina,
ormai da anni sottoposta alla duplice
misura di salvaguardia, discendente sia
dai Decreti di vincolo
del Dipartimento regionale dellAmbiente (29 luglio 2011 n.
589 e 17 luglio 2013
n. 537), poi sfociati
nel D.A.n.341 del 17
luglio 2015, con il
quale lAssessore Re-

Variante della Bellezza,


un annullamento monstre

Sicilia 9

Dichiarazione dell'avv. Salvo Salerno


su annullamento Variante della Bellezza

gionale del Territorio


e dellAmbiente ha
provveduto a inserire
la Riserva Naturale
Orientata Capo Murro di Porco e Penisola
della Maddalena nel
Piano regionale dei
parchi e delle riserve
naturali della L.r.
98/81, sia dal Piano
Paesaggistico di cui
al D.A. Beni Culturali 1 febbraio 2012 n.
98. Detto altrimenti:
la V.A.S. sarebbe stato un procedimento
vuoto se avesse avuto
ad oggetto, prima oppure oggi, una delibera comunale meramente conformativa
a quei vincoli. Quali vizi spiritistici
avrebbe dovuto quindi sanare la Autorit procedente, cio
il Comune?
Ebbene,
lAutorit procedente, cio
il Comune, non ha
ritenuto che sussistessero i presupposti obbligatori per
avviare la V.A.S. e
quindi chiamare in
causa lAutorit competente, cio lARTA,
per
lespletamento
della seconda fase,
quella della verifica
di
assoggettabilit
a V.A.S. Oltretutto
la vicenda della Variante della Bellezza
si svolge tutta sotto
limpero della Delibera di Giunta regionale n. 200/2009 che
appunto confortava il

Comune a procedere
in tal modo! Anche
la norma dellart. 59
della L.R. 6/2009
persino citata nello
stesso provvedimento annullatorio, attribuisce alla Giunta
regionale il compito
di dettare il modello
metodologico procedurale in materia di
V.A.S., quindi come
pu pretendere ling.
Giglione di applicare
alla vicenda una normativa, come quella
del Decreto presidenziale
23/2014,
intervenuta solo tre
anni dopo?! Tuttavia,
se il capo del Dipartimento Urbanistica
dellARTA, appunto
ling. Giglione, era
di diverso avviso e
nel 2015 si accorge della presunta
omissione del Comune, ben altro avrebbe
potuto e dovuto fare
ai sensi di quel Decreto presidenziale
23/2014 che lui stesso
invoca! Invece tace,
quel dirigente generale, sul dato essenziale
che, ai sensi di quel
decreto, proprio lui
lAutorit Competente sulla VAS, in materia urbanistica! E
sempre quel Decreto,
allart. 6, gli dice cosa
fare e cio Lautorit competente,
provvede ad indire
una o pi conferenze
di servizi al fine
di acquisire elementi

informativi e le valutazioni delle altre


autorit
pubbliche
interessate e competenti ad esprimere le
successive valutazioni. Perch dunque
ling. Giglione non ha
applicato a se stesso
la procedura di verifica di assoggettabilit
a VAS, convocando il
Comune in conferenza di servizio e facendogli cos sanare
i presunti vizi procedurali, e invece
preferisce, nellimminenza dellistituzione della riserva, il
diverso percorso annullatorio tout court?
Altra considerazione
sul punto: pare cosa
normale e esente da
dubbi di compatibilit e conflitto di interessi che unAutorit
competente in materia di VAS su uno
strumento urbanistico, possa allo stesso tempo intestarsi
un procedimento di
annullamento
dello stesso strumento
urbanistico? Laltra
gamba della motivazione dellannullamento costituita
dalla contestazione
di vizi di puro merito urbanistico (La
variante al PRG introdotta con la Delibera 118/2011 incide
quindi pesantemente sulle potenzialit
edificatorie programmate relativamente

al PRG vigente e
cos via discorrendo,
per mezzo provvedimento..). Qui davvero non si comprende
lingerenza di un
burocrate sulla amplissima discrezionalit
dellautorit
comunale in sede di
disciplina del proprio
territorio, non si comprende il fondamento
normativo grazie al
quale il D.G. Giglione pretende di sostituire la sua personale
scelta di disciplina
del territorio siracusano rispetto a quella,
collegiale e rappresentativa dellintera
collettivit, espressa
e decisa dal Consiglio Comunale, che,
nel caso specifico,
ha deliberato come
prevalente linteresse
pubblico allintegrit delle aree costiere
rispetto allinteresse
privato di modificazione edificatoria
delle aree stesse, in
relazione non solo ad
interessi paesaggistici ma anche economico-collettivo turistici! Peraltro questo
secondo
vizio
squisitamente politico-economico e di
merito, individuato a
carico della Variante
della bellezza, del
tutto non utilizzabile
da Giglione e quindi
nullo, perch proprio
il procedimento annullatorio da lui escogitato, e cio lart. 1
della L.R. n. 28/1991,
preordinato solo
allaccertamento dei
vizi di legittimit
(artt. 1 e 5) e non certo i vizi di merito, ma
si comprende tuttavia
il motivo, finalizzato a corroborare
levidente debolezza
dellunico, formale,
motivo di legittimit e cio la VAS di
cui sopra. Alcune
considerazioni finali
importantissime sul

CULTURA

C.R.U. che, in scadenza (3 novembre),


d il suo parere favorevole allintento
annullatorio del dirigente generale. Purtroppo, nonostante sia
un obbligo di legge
(art. 68 LR 21/2014
persino citata nel
provvedimento),
il
parere C.R.U. non
risulta
pubblicato.
Quindi non sappiamo
chi sedette in quel
consesso il 29-30 settembre u.s., eppure
fondamentale il saperlo..
Domande pesanti,
dunque:
a) Trattandosi di
procedura di annullamento per vizi di
legittimit, era stato
convocato ed era presente e se si, come ha
deliberato il componente Avvocato dello
Stato?
b) Era stato convocato, era presente e se si,
come ha deliberato il
componente Soprintendente di Siracusa?
c) Erano presenti lo
stesso ing. Giglione e
larch. Maurizio Denaro dirigente responsabile della relazione
istruttoria sullannullamento, quali componenti nella seduta
CRU del 29 settembre
u.s.? perch se erano
presenti e hanno dato
il loro voto conforme
in questo parere, sembra alquanto anomalo
e meritevole di approfondimento tale duplicazione di ruoli nei
quali, lo stesso soggetto, prima fa la proposta, poi listruttoria,
poi d il parere a se
stesso e infine emana
latto finale di amministrazione attiva. Peraltro Ling. Giglione
ci ha abituati da tempo ai suoi doppi ruoli
apicali sub suspicione
di
incompatibilit,
per i quali pende peraltro unistruttoria
dellAutorit nazionale Anticorruzione,
ai sensi del D.Lgs. n.
39/2013. Nel caso che
lAutorita si pronunciasse per lincompatibilit e dunque la
decadenza, avremmo
pure la beffa finale di
un annullamento ai
danni della citt, fatto
in assoluta carenza di
potere.
avv. Salvo Salerno

SPECIALE 10

Sicilia 21 OTTOBRE 2015, MERCOLED

Critici deccezione Melinda Miceli e Salvatore Sequenzia

Cosa potrei darti romanzo


tragico di una ventunenne
Un ritratto della giovinezza siciliana, all'ombra dell'esistenzialismo, tra gioia, dolore, inquietudini personali, equivoci del destino che tesse una trama fitta di capovolgimenti e rivelazioni.
Si svolta il 15
ottobre alle 17
e 30 nei locali
dellassociazione
Turiddu Bella in
viale Cadorna 160
la presentazione
del romanzo tragico Cosa potrei
darti? della giovane ventunenne
Mariangela Pirruccio edito Dante
Edizioni.
Un ritratto della
giovinezza siciliana, all'ombra
dell'esistenzialismo, tra gioia, dolore, inquietudini
personali, equivoci del destino che
tesse una trama
fitta di capovolgimenti e rivelazioni. Questa la
sinossi della nota
scrittrice Melinda Miceli Premio
donna siciliana
dellanno per la
scrittura che lha
presentata, la quale cos ha continuato a dichiarare:
A proposito del
titolo che pone
un quesito voglio
soffermarmi sulla Teoria dell'Estetica di Theodor Adorno cio
l'incompiutezza
dell'opera, il suo
essere sempre in
formazione. Questo un romanzo
la cui poetica narrativa ,che si concentra sull'analisi
ed evoluzione del
personaggio, approda ad un finale
trascendentale. In
questopera lautrice celebra le
due grandi leggi
che dominano gli
uomini, amore e

morte, eros e thanatos, con grande


pathos esistenziale e drammaticit dei sentimenti

espressi e lo fa
con grande perizia
narrativa e rassegnazione spirituale al destino e

alla possibilit di
un altro finale solo
nella vita eterna.
La trama che tiene
una netta una rela-

zione tra la rappresentazione spaziale, l'ambiente


e landamento
cronologico da

vita ad un nuovo rapporto tra il


tempo e l'intreccio
ed influenzata
dall'intera cultura del Novecento, "investita da
un vero turbine".
Appaiono all'orizzonte culturale
e filosofico la psicoanalisi (Italo
Svevo), la logica,
la linguistica, e
anche la tecnica
narrativa cerca di
adeguarsi. Qui il
mito viene sostituito dai nuovi
personaggi veri i
cui tratti principali sono il senso
di frustrazione,
la perdita della
propria identit,
la mancanza di
unit psichica, la
sensazione di non
essere autentici. I
protagonisti sono
gli uomini dei quali spesso si mette
in scena l'inutilit
dell'azione e della
parola.
Nella tipologia
narrativa sono
evidenti gli influssi della nuova
scienza: la psicanalisi di Sigmund
Freud e la filosofia
di Henri Bergson
secondo la quale
il tempo esteriore cronologico si
distingue da un
tempo interiore
vissuto in ogni
individuo come
"durata" (quindi
un "tempo misto", un "tempo
della coscienza").
Massimi esponenti di questo
nuovo genere di
romanzo furono:
Italo Svevo, Luigi
Pirandello, Franz
Kafka, James Joyce, Marcel Proust,
Virginia Woolf,
ma la struttura del
lessico facile alla
lettura, i periodi
sono brevi; spesso
sms gestiscono
scenari complessi con linguaggi
lineari e le scene schematiche
quasi da pellicola
non risultano mai

21 OTTOBRE 2015, MERCOLED

La presentazione del romanzo


tragico della giovane ventunenne Mariangela
Pirruccio edito
Dante Edizioni si
svolta il 15 ottobre presso i locali
dellassociazione
Turiddu Bella in
viale Cadorna
esageratamente
ampollose sebbene articolate
e ben annodate
nell'ordito. Proprio a causa di
questo schema il
romanzo a volte
sconfina nel genere rosa pur virando
al grigio e al nero
del finale.
L'amore non uccide la morte, la
morte non uccide
l'amore. Si intendono a meraviglia e dialogano
in simpateia. L'amore e la morte
qui hanno come
punto comune,
quello d'indurre
a interrogarci pi
profondamente,
nel timore che la
sua realt ci sfugga, sul mistero
della personalit
dei protagonisti ed
antagonisti. A proposito dei drammi
d'amore Hegel diceva che le ferite
dello spirito non
lasciano mai piaghe e guariscono
totalmente. Le limitazioni che il
destino impone,
infatti, sono al
tempo stesso una
grande opportunit che la vita ci
offre e di cui possiamo farci carico.
L'uomo attraverso
il dono di s nell'a-

more, qualora non


ne abbia paura, ha
l'opportunit di
guadagnare una
dimensione di vita
ancora pi autentica e pi concreta.
A seguire lintervento critico e
sinottico del professor Salvatore
Sequenzia semiologo: Nel romanzo Cosa potrei
darti Mariangela
Pirruccio riscrive,
allinterno di una
storia damore e
damicizia fra la
diciannovenne
Eva e il trentenne Giancarlo, I
Promessi sposi
manzoniani collocandoli in mezzo
ai giovani doggi, nella societ
di internet, dei
cellulari e della
dimensione liquida. La lettura
di Cosa potrei
darti presupporre che dentro
questa storia ci sta
sempre unaltra
storia, o pi storie,
non dichiarate:
fatte di allusioni,
di citazioni, di
cripto- strutture
che segnano innumerevoli percorsi:
tanti quanti sono
i modi di leggere
quella storia. Se
noi non guardiamo

In foto, Melinda Miceli

a queste innumerevoli storie che


si celano dentro
il romanzo della
Pirruccio come
in una meravigliosa e sorprendente
matryoshka - restiamo fuori dal
libro! Una scrit-

tura limpida, caratterizzata da una


potente capacit
descrittiva ed iconica quasi filmica - accompagna il
lettore allinterno
di una narrazione
ricca di variazioni,
di colpi di scena

In foto, Salvatore Sequenzia

Sicilia 11

e di cambiamenti di registro; la
mano della narratrice calibra
sapientemente i
codici espressivi di riferimento,
dal feulleiton
al romanzo rosa,
sino ad approdare

speciale

allappunto realistico, aderentissimo alla cronaca


dei giorni doggi
con sue storie di
crimini e di violenze consumate
sulla donna.
Amore e morte,
dolcezza e violenza, levit e
profonde riflessioni etiche si alternano, dunque,
nelle pagine del
romanzo in una
autentica giostra
degli scambi, degli equivoci e dei
travestimenti, che,
dalla colta tradizione novellistica
del Quattrocento e
del Cinquecento,
attraverso le innovazioni apportate
dal romanzo europeo settecentesco
ed ottocentesco
e le esperienze
della narrativa
cannibale degli
anni Ottanta del
Novecento, approda agli ultimi
esiti narrativi del
romanzo italiano
contemporaneo
generazionali, cui
lopera della Pirruccio a buon titolo pu ascriversi.

attualit 12

21 ottobre 2015, mercoled

Sicilia 21 ottobre 2015, mercoled

LOSSERVATORIO

Aldo Garozzo: Non c pi un personaggio di prestigio nazionale

La politica deve salvare


la nostra Autorit portuale

Quello megarese lunico porto Core della Sicilia nelle reti Ten-T

di Salvatore Maiorca

l porto di Augusta pu
(e deve) mantenere la
sua Autorit portuale e
la relativa governance.
Non certo per ragioni di
campanile. Ma perch
ne ha i titoli e il potenziale. E tuttavia questi
titoli e questo potenziale,
ancorch oggettivi e
inconfutabili, da soli,
non bastano. Occorre
lautorevole intervento
della politica. La quale
peraltro in questa provincia tuttaltro che
autorevole, E non ha non
ha pi personaggi autorevoli, in grado di far sentire la voce del territorio
nelle sedi decisionali. Lo
afferma lex presidente
dellAutorit portuale,
Aldo Garozzo, il quale
durante il suo periodo di
presidenza esper tutte le
pratiche che fecero ottenere al porto di Augusta i

I problemi sono due: la sede e la governance


dellAutorit portuale unica.
Entrambe rivendicate da Catania
riconoscimenti che oggi
esso vanta e intrecci
relazioni con operatori
di tutto il mondo.
I problemi sono due:
la sede e la governance

dellAutorit portuale
unica. La sede rester ad
Augusta (come sarebbe
naturale) o prevarr il
peso politico di Catania.
E la governance. Come

sar composto il nuovo Comitato portuale?


Chi avr il presidente
della futura Autorit
portuale unica? Questo
lo decider la politica.

Garozzo sollecita anche


i sindaci che fanno parte
del Comitato del porto di
Augusta ad esercitare (e
far sentire) il loro ruolo.
Ma tutta la politica
siracusana che su questa
vicenda dovrebbe fare
blocco (oggi si dive fare
squadra o fare sistema).
Intanto sono due i riconoscimenti fondamentali
che oggi vanta il porto
di Augusta: porto Core
(che vuol dire centro,
nucleo, di base) e inserito
nelle reti Ten-T (Trans
European network-Transport).
In Sicilia soltanto il porto
Palermo, oltre a quello di
Augusta, classificato
Core: ma non per il suo
volume di traffico bens in quanto porto del
capoluogo regionale e
quindi considerato nodo
di sistema.
Tutto ci nonostante,
oggi la sede dellAuto-

societ Tante proposte, nessuna scelta, nessuna decisione

Una sede per il co-

mando di Polizia
municipale. Ricomincia la telenovela.
Mille proposte. Un
solo dato certo: la
sede attuale tuttaltro che idonea; e
nuova sistemazione
cercasi. Stavolta il
nuovo capitolo della
telenovela scritto
dalliperattivo Vincenzo
Vinciullo,
presidente
della
commissione Bilancio e Programmazione allAssemblea
regionale, il quale
propone di destinare a sede della Polizia municipale lex
Lazzaretto.
Le ultime piogge
rileva Vinciullo hanno evidenziato,
ancora una volta, le
difficolt strutturali
dellattuale comando dei vigili urbani.
Quindi non si pu
sottovalutare la ne-

Una sede per il comando


di Polizia municipale cercasi

Vinciullo propone lex Lazzaretto. Ma ci pu essere di meglio


cessit di trovare
una sede alternativa
a quella attualmente
in uso.
Come si ricorder
prosegue Vinciullo
- sono conclusi ormai da mesi i lavori
nellex Lazzaretto,
che sorge proprio
accanto al Comando
dei Vigili Urbani. In
attesa che lARPA
(Agenzia regionale per la protezione
dellambiente) decida di utilizzarlo o
meno ledificio, sia
per le dimensioni
che per la posizione,
potrebbe facilmente
ospitare il Comando.
Limmobile,

Come sar composto il nuovo Comitato portuale? Chi


designer il presidente della futura Autorit portuale
unica? Questo lo decider la politica. Garozzo sollecita anche i sindaci che fanno parte del Comitato del
porto di Augusta. Ma tutta la politica siracusana
che su questa vicenda dovrebbe fare blocco
rit portuale messa in
discussione da Catania
che la rivendica. Non
per le caratteristiche e il
traffico del porto bens
per il solo fatto che
Catania pu vantare in
politica personaggi di
rilievo come il sindaco
Enzo Bianco ed altri.
Lo stesso Ivan Lo Bello,
che qualcuno considera
siracusano (e lo per
nascita e per famiglia di
provenienza) invece
catanese per interessi,
attivit, relazioni. La provincia di Siracusa invece
brulica di parlamentari
(nazionali e regionali)
ma non ce n uno tra loro
che abbia peso in sede
regionale e nazionale (di
sedi internazionali poi
non ne parliamo proprio).
Non ce n uno, uno solo,
che abbia la capacit e la
forza di far valere fuori
casa le ragioni e glinteressi di casa. Lunica
attivit nella quale essi
sono impegnati il litigio
continuo per beguzze
di potere locale e linterferenza in questioni

di amministrazione:dei
Comuni, dellInda, del
porto, e via discorrendo.
Tutto dipender chiarisce Aldo Garozzo dalla nuova legge che,
riducendo il numero
delle Autorit portuali,
dovr disciplinarne i
criteri di individuazione
delle sedi. Se il criterio
sar (come dovrebbe essere) il volume di traffici
portuali non c dubbio
che la sede naturale (e dovuta, legittimamente dovuta) sarebbe Augusta.
Se invece il criterio sar

il sistema nel quale il


porto inserito allora la
scelta potrebbe cadere su
Catania. Infatti Catania
ha non soltanto il porto
ma anche laeroporto,
linterporto e il nodo
ferroviario Catania-Bicocca. Obiezione superabile argomentando
che Augusta si avvale
di un autoporto, da anni
costruito nellimmediato
entroterra del porto ma
non ancora utilizzato,
dispone di una rete ferroviaria allinterno della
vasta area portuale e pu

che di propriet del


ministero delle Infrastrutture, non pu
continuare a rimanere chiuso perch
rischia di essere usurato dallabbandono.
Per questo motivo,
- conclude Vinciullo
- facendo seguito a
una mia precedente
nota del 28 marzo,
invito il sindaco,
anzich continuare
a perdere tempo, a
fare formale richiesta al ministero in
modo da ottenerne
lutilizzo.
Fin qui la proposta
dellon. Vinciullo.
Che ha una sua validit. Ma sar opportuno, a questo punto,
ricordare le varie
proposte, in bilico
nel tempo, per dare
una sede dignitosa
al comando di Polizia municipale. E va
ricordato che questa
una delle sedi che
rappresenta la Citt:
ha quindi bisogno di

una struttura almeno


dignitosa.
Se ne sono dette
tante. Ma non se
n fatto mai nulla.
Come di solito in
questa citt.
Sera detto, fra laltro, di utilizzare
glimmobili, allangolo tra via Malta e
via Bengasi, dismessi dallEnel e ceduti
al Comune tempo
fa. Sarebbe stata una
sede ideale: in pieno
centro, agevolmente
raggiungibile,
dotata di strutture
pienamente funzionali allattivit da
esercitarvi: una palazzina uffici che sta
andando in malora
e sarebbe un delitto
lasciar crollare, un
piazzale recintato,
ideale per il parcheggio dei mezzi in
dotazione, e un capannone pienamente
utilizzabile, in parte,
come magazzino e,
in parte, anche come

archivio.
Invece il capannone
stato trasformato
in una assolutamente inidonea struttura
per spettacoli, che
stata denominata
Sala Randone. Il
povero Salvo Randone, grande attore
siracusano raramente ricordato, avrebbe
meritato di meglio
per una testimonianza della sua memoria. E c di meglio a
Siracusa. Il piazzale
antistante in abbandono. La palazzina
ormai fatiscente, sta
per crollare.
Non un delitto lasciar andare in malora un patrimonio del
genere. Non sarebbe
cosa buona e giusta
restaurarlo e farne
la sede della Polizia
municipale?
Invece no. Da qualche tempo si parla di
trasferire questa sede
alla Mazzarona. Per
dare un segno di pre-

avvalersi del nodo ferroviario Augusta-PrioloTargia se solo si costruisse quel chilometro di


binario che manca per
collegare la rete ferroviaria del porto con la
stazione di Augusta.
Per di pi, sottolinea
Garozzo, Augusta nodo
di transito del corridoio
transeuropeo HelsinkiMalta. Ed a mezzora
di autostrada da Catania.
Ma Catania obietta: sono
io centro di sistema logistico e sono sede della
Direzione marittima. Ma
la Direzione marittima
tuttaltra cosa. Riguarda
lattivit delle Capitanerie di porto, la quale
essenzialmente attivit di
polizia marittima, non di
logistica, investimenti e
traffici commerciali
Resta comunque il fatto, ribadisce Garozzo, che per lEuropa il
porto Core Augusta.
Si pensi soltanto, per
esempio, allattivit di
transhipment delle navi
container, cio del trasbordo di merci dalle cosiddette navi giramondo
(quelle ad alta stazza e
capacit di trasporto) a
navi pi piccole (per destinazioni mediterranee o
a mezzi di terra. Ebbene,
il transhipment possibile e agevole ad Augusta,
per disponibilit di fondali, banchine e piazzali

senza di legalit
in questo quartiere
periferico e difficile
stato detto. Ora, a
parte il fatto che per
un segno di legalit
ci starebbe meglio
un
commissariato
di Polizia, ma come
si pu ipotizzare la
sede della Polizia
municipale in un
quartiere come Mazzarona, cos lontano

idonei. Non lo Catania


per la indisponibilit
di queste infrastrutture.
Oltre tutto irrealizzabili
perch il porto di Catania
soffocato dalla citt.
Per di pi il porto di
Catania non inserito
nella rete Ten-T. Mentre
lunico porto in rete della
Sicilia Augusta. E la
stessa Deborah Serracchiani, vicesegretario
nazionale del Pd, ha
affermato che laggregazione del territorio
deve avvenire attorno ai
porti Core.
Ma torniamo qui al problema della mancanza
di personaggi politici di
peso per questa provincia. Infatti ad Augusta si
tratterebbe soltanto di far
costruire da RFI (Rete

dal resto della citt


e cos irraggiungibile per la mancanza di un servizio di
trasporto pubblico?
E per la voce gira
da anni. E ogni tanto
si fa anche pi insistente.
Ora Vinciullo propone di utilizzare lex Lazzaretto:
edificio
pubblico,
ma non comunale,

Sicilia 13

attualit

Ferroviaria Italiana),
magari condividendone
il costo, quel chilometro di binario tra larea
portuale e la stazione
di Augusta. Il costo di
questo pezzo di binario
potrebbe infatti essere
ben sostenuto proprio
dallAutorit portuale, la
quale i mezzi economici
li ha. Ecco i dati:
Entrate: Catania
4.437.158, Augusta
21.030.113.
Risultato di amministrazione: Catania
6.818.548, Augusta
112.644.894.
Risultato economico:
Catania 1.466.190,
Augusta 37.692.192.
Patrimonio netto: Catania 7.519.181, Augusta
100.436.736.

Il porto di Augusta,
ricorda Garozzo, ha gi
progetti e fondi per nuovi
investimenti: per ampliare ulteriormente i
gi ampi piazzali, per
dragare ancor pi i gi alti
fondali, e altro ancora. Si
tratta soltanto di non farli
impastoiare tra le maglie
della burocrazia e della
politica. Un ulteriore
elemento di forza, oggi,
per lAutorit portuale di
Augusta rileva infine
Garozzo sarebbe laggregazione di Siracusa
(con il terminale petrolifero di Santa Panagia e
con lo stesso Porto Grande). Ma quando io, allora
presidente dellAutorit
portuale di Augusta,
lanciai questa proposta
i consiglieri comunali
di Siracusa si opposero.
Oggi avremmo un elemento di forza in pi.
Resta il problema della
governance, accennato
in apertura.
Ma siamo alle solite: i
piccoli politicanti siracusani pensano a litigare
per le briciole mentre i
pani finiscono altrove. E
manca il personaggio di
alto spessore politico, oltre che personale, capace
do far pesare la voce del
nostro territorio fuori
le mura, le quali sono
ormai diventate fragili,
inconsistenti, indifendibili.

restaurato e abbandonato.
Potrebbe
anche essere cosa
buona e giusta. Ma
non
dimentichiamo che la palazzina
dellex Lazzaretto
non ha un parcheggio proprio per i
mezzi della Polizia
municipale. E non
dimentichiamo che
oggi il Lazzaretto
in mano allArpa

perch il ministero
dellAmbiente, allora retto da Stefania Prestigiacomo,
laveva scelto come
base operativa per
le attivit di bonifica
del Porto Grande e
di tutto il sito Priolo.
Poi le bonifiche si
son perse per strada.
Allora non meglio
recuperare le bonifiche, con base operativa al Lazzaretto,
come originariamente previsto, e cercare
per la Polizia municipale una sede pi
idonea: per esempio
le strutture in abbandono di via Malta?
Non sarebbe meglio,
una volta tanto, che
una pubblica amministrazione, specialmente se territoriale
e direttamente legata
alla gente, com il
Comune, ragionasse (e agisse) con il
buon senso del buon
padre di famiglia?
s. m.

CULTURA 14

Sicilia 21 OTTOBRE 2015, MERCOLED

AllUnicef incontro poetico-musicale per


porre lattenzione sui Diritti dei Bambini

L'Unicef e le
poetesse
di
Pianeta Donna con una
rappresentanza del Cif e
dell'Aneb, si
sono incontrate nella sede
dell'Unicef
(nella Borgata
Santa Lucia)
per
donare
"Un canto poetico-musicale" ai bambini
dell'Unicef nel
mondo e porre
l'attenzione,
ancora
una
volta, sui "Diritti dei Bambini",
sulle
loro richieste,
aspettative,
necessit. Le
poetesse intervenute: Nunziatina ConfaloneMangiafico,
Titti
Rapisarda,
Laura Formica,
Giovanna
Schembari,
Francesca Tarantello, Salva Motta, Rita
Leone, Anita
Popolo, Angela Saccone
Rizza, Amelia
Cafeo,
Vera
Cavarra, Cettina Garofalo,
Lucia
Lombardo,
Maria
Bisignani, Agata Lo
Verso Corsini,
Cettina
Savone, Franza
Guarino, Silvana Buccheri, Pina Santamaria, Rita
Cristillo, con
le loro liriche
rese pi toccanti dal suono del violino,

Le poetesse intervenute hanno posto l'accento sui valori umani che pongono
al primo posto l'amore e la responsabilit degli adulti nella famiglia

hanno posto
l'accento sui
valori umani
che pongono
al primo posto
l'amore

e la responsabilit degli
adulti
nella
famiglia e nella societ verso i bambini
per aiutarli a

crescere in un
ambiente e in
un territorio,
dove la loro
vita sia resa
meno
dura

specie nei paesi nei quali


l'esistenza
gi
difficile
per le tante precariet.
L'incontro

che albergano
nella mente e
nel cuore di
stato avviato d e l l ' U n i c e f ogni individuo
con il saluto con la poesia e disponendolo
di Giovanna la musica. En- a operare poMarino, che trambe,
l'e- s i t i v a m e n t e .
ha ringrazia- spressione pi Quindi ha parto le amiche elevata fra le lato Carmela
Pace,
colei
da tempo
L'incontro si che
a Siracusa e
concluso con in Italia, la
parola e l'auna suonata
zione a favore dell'Unicef
della violinicome
sta Siria Tito, prima
Presidente
Provinciale
aggiuntiva
come
alle tre gavot- eC ooggi
nsigliera
te al minuetto N a z i o n a l e ,
la quale
ha
n.1 e n.3 di
evidenziato le finalit
Bach
dell'Unicef di
sostenere
i
bambini
nel
mondo riguardo la salute,
la nutrizione,
l'istruzione,
la sicurezza e
a quant'altro
sia necessario
perch la loro
vita sia meno
disagiata
di
quanto
gi
lo nei paesi pi poveri.
L'incontro si
concluso con
una suonata
della violinista
Siria Tito, aggiuntiva alle
tre gavotte al
minuetto n.1
e n.3 di Bach,
che ha deliziato
l'uditorio
riscuotendo
un
meritato
e la giovanis- attivit arti- riconoscimensima e pro- stiche, perch to per la braintermettente vio- hanno il pote- vura
pretativa
e la
linista
Siria re di portare
Tito, per esse- alla luce i mi- preparazione
re intervenute gliori pensieri tecnica.
P.M.
al
richiamo e sentimenti

21 ottobre 2015, mercoled

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

La sfilza di successi premia limpegno profuso dalla dirigenza

Dietro i successi del Siracusa


una rega attenta ed accurata
Ora bisogna fare in modo che il buon momento
si protragga pi a lungo possibile e che si trasformi
in un segnale forte di speranza per la citt che vive

l calcio bello anche perch si pu


passare, come ha fatto il Siracusa, dalla
sconfitta alla vittoria
in appena tre minuti
e dalla vittoria alla
sconfitta, come accaduto alla Reggina,
nello stesso brevissimo lasso di tempo.
Fuori discussione in
ogni caso la legittimit del risultato
perch se ci si appella alla papera di
Ventrella sul tiro da
cinquanta metri di
Longoni, cosa dire
di quella di Vindigni che ha regalato a
Zampaglione la palla del momentaneo
vantaggio amaranto?
Il calcio, quando
cos, bello da qual-

siasi
angolazione
lo si guardi, anche
se nel pomeriggio
di domenica scorsa
stato tutto bello.
Dalla coreografia dei
tifosi siracusani, allo
striscione di solidariet per i danni del
maltempo di quelli
reggini, dallo scambio di cortesie fra il
patrn Cutrufo e il
presidente del Reggio Calabria, alla
partita vera e propria, ricca di colpi di
scena e di capovolgimenti di fronte fra
due buone squadre
affidate alle cure di
altrettanti buoni tecnici.
Sbagliato per pensare che possa andare sempre cos, non

tanto come risultati,


quanto come contorno di un evento sportivo che in
molti campi perde il
suo significato per
trasformarsi in una
battaglia. E se prima
questi terreni di gioco erano una caratteristica di determinate
regioni, oggi con lestensione del fenomeno, sono pochi i
campi in cui si pu
disputare una partita
di calcio allinsegna della regolarit.
Divagazioni a parte,
il Siracusa cresce.
In tutti i sensi. Sia
come numero di vittorie, sia come capacit di adattamento
anche ai toni aspri di
un incontro, sia, in-

In foto, La direttrice generale Simona Marletta.

fine, come pubblico,


domenica pi vicino
alle quattromila che
alle tremila presenze
che non deve per
farci dimenticare le
troppe partite giocate davanti a pochi
intimi. E pur non
disponendo di capacit divinatorie e
non potendo quindi
ipotizzare successi
a ripetizione e vittorie di campionato
a mani basse, una
ruolo va fatto onestamente risaltare,
ed quello che ha
avuto nella fase preliminare e in questo

Latleta senior Scariolo premiato


dallassessore alla Solidariet

llegria e
coinvolgimento
emotivo hanno caratterizzato la
mattinata dei locali dell Associazione Sportiva Dilettantistica
Centro Sportivo Siracusano quando i
partecipanti del progetto
di attivit motoria per la terza et
insieme allEquipe della Cooperativa Spazio Sport Dilettantistico,

LAssessore alla Solidariet Sociale ed i familiari hanno festeggiato


il signor Sebastiano Scariolo per il
compimento del ottantesimo anno.
Un traguardo importante quello
raggiunto dal simpatico atleta della
terza et, sottolineato dal numero
ottanta e da una targa ricordo con inciso la frase

inizio di campionato
la direttrice generale Simona Marletta,
cui va il merito di
aver regalato alla
citt una squadra coi
controfiocchi e, di
aver riportato la gente allo stadio dopo
la delusione di una
campionato vinto sul
campo e scippato per
penalizzazioni di natura amministrativa
che andavano oblate al massimo con
una multa. Un ruolo
impreziosito dalla
mano felice nella
conduzione della societ e nella scelta

dei collaboratori e
caratterizzato dalle
mirabili intuizioni e,
non ultimo, dal tocco di stile, di classe,
di grazia e di sensibilit che la qualificano come dirigente
moderna, attenta e
preparata.
Intanto l' A. S. D.
Citt di Siracusa
comunica che nel
pomeriggio alle ore
15.30, Giuseppe Mascara risponder alle
domande dei giornalisti presso la sala
stampa dello Stadio
"Nicola De Simone".
Armando Galea

Lattivita Motoria Non Ha Eta.


Il progetto attualmente vede la
partecipazione totalmente a titolo
gratuito di un folto gruppo di Atleta della terza et, che grazie alla
forte sinergia che si creata con gli
enti locali vengono seguiti dallequipe della Coop. Sociale Spazio
Sport Dilettantistico , con la supervisione del maestro Roberto
DellAquila, convinto sostenitore
che lattivit motoria non ha et.
I partecipanti vengono coinvolti
nella attivit motoria a corpo libero ed esercizi con lutilizzo degli
attrezzi, vengono poi allietati con
serate danzanti organizzate nello
spazio esterno alla struttura.
Sono stati organizzati incontri di
gemellaggio con le realt esistenti
nelle altre province della Sicilia. In
tal senso la prima grande esperienza stata gi fatta con gli anziani
di Trapani, che sono stati invitati a
partecipare ad una serata danzante
e conviviale per confrontarsi con
i partecipanti al progetto della nostra citt, una bella iniziativa che
si vuole proporre agli anziani delle altre province.
I corsi di attivit motoria si svolgono presso la sede del Centro
Sportivo Siracusano.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 21 ottobre 2015, mercoled

Il Siracusa
passa quindi come seconda del
girone ed
incontra ad
i quarti di
finale i forti
padroni
di casa
del Vibo
Valentia

Il Siracusa calcio tavolo


fa suo lOpen di Vibo Valentia
N

ella bellissima
cornice di Pizzo
Calabro sabato e
domenica scors
si svolto il Torneo Nazionale di
Calcio Tavolo
IV Open - Citt
di Vibo Valentia. Presenti ben
13 Club provenienti dal Sud
Italia.
Il Siracusa Calcio Tavolo, testa

Una finale equilibrata corretta e combattuta


sino al termine con i Cosentini

di serie numero
3 del torneo, presente con formazione al limite
e rimaneggiata.
La composizione dei gironi eliminatori vede la
squadra aretusea
inserita nel girone a 5 squadre

con Catanzaro,
Messina
(Zancle), Bagheria e
Brutia Cs.
Partenza sprint
per gli azzurri,
che
inanellano
tra successi cosecutivi: Siracusa
Brutia Cs 4-0,
Siracusa-Messi-

Al via il corso nazionale


per arbitri indetto dallAia
Il trenta ottobre
partir il corso
arbitri
nazionale di calcio
nella sede della Sezione Aia
di Siracusa intitolata all'illustre
concittadino
Concetto
Lo Bello, il pi
grande arbitro di
tutti i tempi.
Tutti i ragazzi e
le ragazze che
abbiano gi compiuto il quindicesimo anno di
et sono invita-

ti a partecipare.
Per informazioni potete recarvi
presso i locali

sezionali di viale Tisia 151/B


oppure chiamare
lo 0931412296.

na (Zancle) 4-0
Siracusa-Catanzaro 3-0. Nello
scontro Diretto
per decidere la
prima del girone
contro
Bagheria arriva l unica sconfitta dei
siracusani
nel
torneo ad opera
del club Palermitano per 2-1.
Il Siracusa passa
quindi come seconda del girone
ed incontra ad i
quarti di finale i
forti padroni di
casa del Vibo Valentia. Incontro
tiratissimo e difficile sino al termine ma alla fine
a spuntarla il
Siracusa che per
2-1 elimina i Vibonesi. Semifinale contro Reggio
Calabria.
Prestazione perfetta
3-0 e Reggini eliminati Siracusa
in finale contro
Cosenza.
Una
finale
equilibrata corretta e
combattuta sino

al termine, con
i Cosentini che
per devono cedere il passo agli
azzurri che si impongono per 2-1.
Eravamo partiti
con l'intento di
fare bene - commenta al termine dell'incontro
il capitano del
Siracusa, Russo
- ma allo stesso
tempo consapevoli di non essere
al completo e l
assenza del quinto uomo avrebbe
potuto
pregiudicare il torneo.
Invece con grande umilta e caparbieta
siamo
riusciti a vincere,
io ho fatto il mio
dovere di capitano vincendo tutti
gli incontri ma
la nostra Vittoria
arriva dai risultai
ottenuti da Murabito Lo Presti e
Frasca. Adesso ci
prepariamo per
un altro appuntamento importante il Torneo
Internazionale
di Berlino e anche li venderemo
cara la pelle.

Tennis
da tavolo:
l'Asd
Vigaro
sconfitto
dal Campomaggiore
E andata

male la prima trasferta


stagionale per
lAsd Vigaro.
Nella seconda
giornata del
campionato di
A2 maschile
di tennistavolo, i siracusani sono stati
sconfitti con il
punteggio di
4-2 dalla formazione del
Campomaggiore Terni.
Del nigeriano
Babatunde
Mayowa i due
punti ottenuti contro gli
umbri, mentre
sconfitte per
Mollica e Gamuzza.
"Dispiacespiega Giuseppe Gamuzzavolevamo dare
continuit
allottimo pari
conquistato
con il Falcon
Palermo, ma
abbiamo sbagliato tanto.
Adesso la sosta
servir a riordinare le idee
e a presentarci
pi agguerriti
contro il Tifernum nella
gara interna
del prossimo 1
novembre.

Interesses relacionados