Você está na página 1de 36

Progettazione Sismica delle

Strutture Intelaiate

Rosario Montuori
Universit di Salerno

FILOSOFIA TRADIZIONALE
DI PROGETTAZIONE SISMICA
LE STRUTTURE DEVONO POSSEDERE:

a) sufficiente rigidezza e resistenza laterale per restare in campo


elastico in occasione di eventi sismici frequenti;
b) sufficiente duttilit (locale e globale) e capacit di dissipare
energia per prevenire il collasso strutturale in occasione di eventi
sismici rari.
STRUTTURE NON DISSIPATIVE:

Strutture che esibiscono meccanismi di collasso fragili


cosicch devono essere progettate per restare in campo
elastico indipendentemente dallintensit sismica.

STRUTTURE DISSIPATIVE:

Strutture che esibiscono un comportamento duttile


assicurando la dissipazione dellenergia sismica in
ingresso per mezzo di cicli di isteresi ampi e stabili.

IL CAPACITY DESIGN
Le zone dissipative devono essere progettate in funzione delle
caratteristiche della sollecitazione interna dovute alle
combinazioni di carico di progetto.
Le zone non dissipative devono essere progettate in funzione dei
valori ultimi delle caratteristiche della sollecitazione interna che
le zone dissipative sono in grado di trasmettere.

Anello in vetro

FILOSOFIA DI PROGETTO DEL D.M 14/1/2008


7.5.4: al fine di conseguire un
comportamento duttile, i telai devono
essere progettati in modo che le cerniere
plastiche si formino nelle travi piuttosto
che nelle colonne.
Questo requisito non richiesto per le
sezioni delle colonne alla base e alla
sommit dei telai multipiano e per tutte le
sezioni degli edifici monopiano.
In sostanza la normativa dichiara di
voler perseguire un meccanismo di
collasso di questo tipo:

Mentre assolutamente
da
escludere
un meccanismo di
collasso di questo tipo:

Regole di progetto per le colonne (NTC-EC8)


M Ed ( N Ed , E ) M Ed ,G 1,1 Rd M Ed , E

N Ed ( M Ed , E ) N Ed ,G 1,1 Rd N Ed , E

VEd VEd ,G 1,1 Rd VEd ,E


M pl ,Rd ,i
min

M
Ed ,i

Il pedice Ed,G indica le sollecitazione derivanti


dai carichi verticali agenti nella combinazione
sismica di progetto (ad esempio G + 0.3 Q);
il pedice Ed,E indica le sollecitazioni derivanti
dalle azioni sismiche di progetto (E) .

dove MEd,i il momento flettente di progetto della i-esima


trave in condizioni sismiche (G+0.3Q+E) e Mpl,Rd,i il
corrispondente momento plastico

dove RD=1,3 per strutture in classe CDA e 1,1 per CDB;


MC,pl,Rd il momento resistente della colonna calcolato per i
livelli di sollecitazione assiale presenti nella colonna nelle
combinazioni sismiche delle azioni ed Mb,pl,Rd il momento
resistente delle travi che convergono nel nodo trave-colonna.

M j , Rd 1,1 Rd M b, pl , Rd

I collegamenti trave-colonna devono essere progettati in modo


da possedere una adeguata sovra-resistenza per consentire la
formazione delle cerniere plastiche alle estremit delle travi.

OSS: Quando il dimensionamento della trave governato dalla condizione sismica, il valore di di
poco superiore allunit. Mentre quando il dimensionamento governato dai carichi verticali, il valore di
omega pu risultare significativamente maggiore di 1.

Valori assunti dal coefficiente


M pl , Rd ,i
min

M
Ed ,i

dove MEd,i il momento flettente di progetto della i-esima trave in


condizioni sismiche e Mpl,Rd,i il corrispondente momento plastico
1.5Q+1.3G

0.3Q+G+E

IL DOG-BONE PER LIMITARE IL VALORE


DELLA SOVRARESISTENZA DELLE TRAVI
Quando il dimensionamento della trave governato dalla condizione
sismica, il valore di di poco superiore allunit. Mentre quando il
dimensionamento governato dai carichi verticali, il valore di omega
pu risultare significativamente maggiore di 1. In questultimo caso pu
essere conveniente limitare il momento plastico trasmesso dalla trave alla
colonna mediante luso di una specie di fusibile: una sezione a
resistenza ridotta detta DOG BONE.

MOMENTO PLASTICO NEGATIVO

MOMENTO RICHIESTO
MOMENTO PLASTICO POSITIVO

IL DOG-BONE PER LA PROTEZIONE DI


COLLEGAMENTI TRAVE - COLONNA
La frattura dei collegamenti saldati
stata la modalit di collasso
prevalente nel corso degli ultimi
eventi sismici di intensit rilevante;
Il collasso dei collegamenti saldati
deve essere assolutamente evitato;

MOMENTI DI PROGETTO IN PRESENZA DI


DOG BONES
EC8 (PARTE 3)
FEMA350

Verifica collegamento
trave - colonna:

M Ed ,connessione M pl ,Rd ,RBS VEd ,E X


con VEd ,E 2

M pl ,Rd ,RBS
L'

WL'
2

M Rd ,conessione 1,1 Rd M Ed ,connessione

M Ed ,colonna M pl , Rd , RBS VEd , E X '


Verifica del criterio di gerarchia:

con X ' X

hc
2

I DOG BONES PER LA PROTEZIONE DEI


COLLEGAMENTI COLONNA - FONDAZIONE
7.5.4.6 Il collegamento colonna-fondazione deve essere progettato in modo tale da risultare sovra-resistente
rispetto alla colonna ad esso collegata. In particolare, il momento resistente plastico del collegamento deve
rispettare la seguente disuguaglianza:

M C , Rd 1,1 Rd M c , pl , Rd ( N Ed )

dove Mc,pl,Rd il momento resistente plastico di progetto della colonna, calcolato per lo sforzo normale di
progetto NEd che fornisce la condizione pi gravosa per il collegamento.

La condizione pi gravosa per la progettazione delle


colonne di base pu essere quella derivante dalla
verifica di stabilit oppure dal soddisfacimento del
criterio di gerarchia. In tali casi si pu ottenere una
notevole sovraresistenza flessionale che costringe a
progettare il collegamento con la fondazione e la
fondazione stessa per azioni di molto superiore a
quelle che vengono dallanalisi.
La presenza di un tratto di trave a resistenza ridotta
aumenta la snellezza di una quantit assolutamente
trascurabile e che comunque pu essere portata in
conto in modo esplicito.

OSS. Nelle norme attuali, n nella parte acciaio e n nella parte


calcestruzzo, vi una limitazione del tipo ERdq EEd con q coefficiente di
struttura ed EEd sollecitazione di calcolo in combinazione sismica.

RAPPORTI GEOMETRICI CONSIGLIATI PER


LA REALIZZAZIONE E IL POSIZIONAMENTO
DEI DOG BONES
a

La limitazione su a serve a
prevenire la plasticizzazione del
collegamento e permettere la
plasticizzazione del dog-bone ;

b
c

bf -2c

bf

c
R = raggio di taglio = (4c2+b2)/8c

EC8 PARTE 3

a 0.6b f ; b 0.75d

; c 0.25b f

La limitazione su b serve a
permettere lo sviluppo di una piena
plasticizzazione
della
zona
indebolita che tuttavia non interessi
le parti esterne al dog-bone;
La limitazione su c serve a
prevenire linstabilit laterale della
trave a causa della ridotta rigidezza
torsionale.

FEMA 350

a (0.5 0.75)bf ; b (0.65 0.85)d ; c 0.25bf

Momenti flettenti durante un


evento sismico
Plastic moment

Bending moment due to


vertical and horizontal forces

Sezioni di interesse e
condizioni di progetto
dog-bone
location:

M
MA
A

L
L-a

xmax

M
MB
B

a
1 2

mdb

M p.db
Mp

4 5
a

x
q L MA+MB
TA =
L
2

Non-dimensional
flexural resistance:

Condizioni
di
M
M A
progetto

L
L-a

xmax

M
MB
B

1 2

4 5
a

1)

MA Mp

qL
MA+MB
TA =
L
2

2) M(a) mdb M p

3)

M(x max ) M p

4) M(L a) mdbMp 5) MB Mp

Risultati per mdb=0.6

Risultati per mdb=0.7

Risultati per mdb=0.8

Risultati per mdb=0.9


Plastic moment

Bending moment due to vertical


and horizontal forces

Abaco per il posizionamento dei dog-bones


Design abacus represents a
useful tool to easily understand if
the beam-to-column connections
are protected or not by the
realization of
- a dog-bone having a nondimensional resistance mdb,
- a non-dimensional distance
from the beam-to-column
connection a/L
- a non-dimensional value of
vertical load qL2/MP.

HE180B

IPE 360

IPE 360

HE240B

IPE 360

Progettato secondo il DM 96
Il massimo indebolimento che
consente
di
soddisfare
le
verifiche di servizio pari a
0.7 Mp.

La struttura esistente non


soddisfa le equazioni che
permettono di evitare I
meccanismi di piano, mentre a
seguito dellintroduzione dei
dog bones tali relazioni
risultano soddisfatte.

HE240B

IPE 360

HE240B

IPE 360

HE120B
HE140B
HE160B

IPE 360

HE200B

HE140B
HE180B
HE180B

IPE 360

HE200B

IPE 360

HE240B

IPE 360

HE220B

IPE 360

HE240B

IPE 360

HE240B

HE140B
HE180B
HE180B

IPE 360

IPE 360

HE200B

HE240B

IPE 360

IPE 360

HE220B

HE200B

IPE 360

IPE 360

HE240B

HE180B

IPE 360

Esempio

IPE 360

HE240B

HE160B

IPE 360

IPE 360

HE240B

HE120B
HE140B

IPE 360

HE240B

IPE 360

HE240B

IPE 360

Ci si aspetta un significativo
incremento delle prestazioni
simiche.

ESEMPIO: ANALISI PUSH-OVER


Duttilit per le colonne assunta pari a 0.04 rad
Strutture esistente

0.1

0.2

0.3

Struttura con dog-bones (0.7Mp)

0.4

0.1

0.2

0.3

0.4

ESEMPIO: ANALISI PUSH-OVER


Duttilit per le colonne assunta pari a 0.04 rad

ANALISI DINAMICHE
NON LINEARI:
incrementi della PGA di collasso ottenuti

Earthquake

Duttilit collegamenti
assunta pari
pari aa 0.04
0.04 rad
rad
assunta

Duttilit collegamenti
assunta pari a 0.02 rad

Northridge

14%
14%

14%

Santa B.

21%
21%

28%

Imperial v.

9.5%
9.5%

50%

Struttura esistente (duttilit 0.04 rad)


Imperial valley earthquake

0.1

0.2

0.3

0.4

Struttura con dog-bones (duttilit 0.04 rad)


Imperial valley earthquake

0.1

0.2

0.3

0.4

IL FALLIMENTO DEL CRITERIO DI GERARCHIA TRAVE-COLONNA


h
h

5
I Mc,pl,Rd = 1.1Mp

Mb,pl,Rd = Mp

Mb,pl,Rd = Mp
RD=1,1
,

2.2

In fase elastica la colonna superiore assorbe un


momento doppio di quella inferiore perch ha una
rigidezza doppia, ovvero 4EI/h rispetto a 4EI/(2h).

2h
I Mc,pl,Rd = 1.1Mp
3

Si consideri il caso in cui il M12 = 0.9 Mp e M14 = 0.8 Mp. Quindi il momento trasmesso
dalle travi pari a 1.7Mp. Tale momento sar assorbito per 2/3 dalla colonna superiore
e per 1/3 dalla colonna inferiore. Pertanto in fase elastica la colonna superiore
dovrebbe assorbire un momento pari a:

2/3 x 1.7 Mp = 3.4/3 Mp = 1.13 Mp>1.1MP

LA COLONNA RISULTA PLASTICIZZATA BEN PRIMA DELLE TRAVI !!!!

IL FALLIMENTO DEL CRITERIO DI GERARCHIA TRAVE-COLONNA


h
h

5
I Mc,pl,Rd = 1.1Mp

Mb,pl,Rd = Mp

Mb,pl,Rd = Mp
RD=1,3
,

2.6

2h
1.25 I I

In fase elastica la colonna superiore assorbe un


momento maggiore dato dalla ripartizione in
funzione delle rigidezze, ovvero W15=4EI/h
W13=4E(1.25I)/(2h) t13 = W15/(W15+W13) = 4/(4+2*1.25) = 4/6.5

1.5 Mpp
Mc,pl,Rd = 1.1M

Si consideri il caso in cui il M12 = 0.9 Mp e M14 = 0.9 Mp. Quindi il momento trasmesso
dalle travi pari a 1.8Mp. Tale momento sar assorbito per 4/6.5 dalla colonna
superiore. Pertanto in fase elastica la colonna superiore dovrebbe assorbire un
momento pari a:

4/6.5x 1.8 Mp = 1.108 Mp>1.1MP

DI NUOVO LA COLONNA SI PLASTICIZZA PRIMA DELLE TRAVI !!!!

UNA LUCE NELLE TENEBRE: IL TEOREMA CINEMATICO

Li 4 M c

Li 2 M c 2 M p
Le G Fh

Le 1Fh
Le Li

Le Li
G

2M c 2M p
Fh

Li 3M c M p
Le 2 Fh
Le Li

3M c M p
Fh

4M c
Fh

Volendo che si inneschi il meccanismo che


presenta due cerniere sulle travi dobbiamo
imporre che, in accordo al teorema
cinematico del collasso plastico, risulti:
G 1
G 2

2M c 2M p
Fh
2M c 2M p

Fh

4M c
Fh

3M c M p

Fh

M p Mc
M p Mc

EFFETTI DEL SECONDO ORDINE E CURVA DI


EQUILIBRIO DEL MECCANISMO

Si
vede
che
lo
spostamento verticale
del secondo ordine,
nellambito della teoria
dei piccoli spostamenti,
:

Li 2 M c 2 M p

v tg

Le G Fh

E quindi il lavoro del secondo


ordine dovuto ai carichi verticali
pari a:

Le ,q qL

Le ,q qL

Le Le ,q Li

G ( )

2M c 2M p
Fh

qL
G
Fh

Allo stesso modo si ottiene:

1 ( )
2 ( )

4 M c qL

1
Fh
Fh
3M c M p
Fh

qL

2
Fh

E quindi, imponendo che tutta la curva sia del


meccanismo con due cerniere sulla trave sia sotto
tutte le curve degli altri meccanismi si ha:

G ( ) 2 ( )

M p Mc

G ( ) 1( )

M p Mc

imt

Generic
mechanism

im(t)
g
Global
mechanism

METODOLOGIA DI PROGETTO
ALTERNATIVA:
LA PROGETTAZIONE A
MECCANISMO GLOBALE

( g ) ( g ) u im(t ) im(t ) u
Type 1 mechanisms

Type 2 mechanisms

con im = 1,2,3,...,ns e t = 1,2,3

u =0.04 hns

imt

Generic
mechanism

im(t)

g
Global mechanism

Type 3 mechanisms

Global mechanism

LA PROGETTAZIONE A MECCANISMO GLOBALE


1) Progetto delle travi e calcolo degli sforzi normali nelle colonne in corrispondenza del collasso globale.
2) Scelta dello spostamento ultimo u e calcolo dei momenti di progetto delle colonne al primo piano:
2
..

Progetto delle colonne al primo


piano e calcolo dei corrispondenti
momenti resistenti

..

..

..

..

..

..

nc = numero colonne
nb = numero campate
ns = numero piani

..

..

..

LA PROGETTAZIONE A MECCANISMO GLOBALE


MEDIANTE LUSO DEI DOG-BONES

( g ) ( g ) u im(t ) im(t ) u
con im = 1,2,3,...,ns e t = 1,2,3

LA PROGETTAZIONE A MECCANISMO GLOBALE


Connessioni tradizionali
(senza dog bones)

Peso delle colonne = 12 t

Collegamenti Dog-bones
con mdb=0.4 ; a=67.5 cm

Peso delle colonne = 8.6 t

Risparmio ottenuto grazie ai dog-bones: 28.3%

TELAI CON TRAVI RETICOLARI DISSIPATIVE


I Truss moment frames (TMFs) sono stati sviluppati in ragione della economia che
possono conseguire nel caso di grandi luci
Consentono di ottenere benefici da un punto di vista architettonico.
Al fine di migliorare le capacit dissipative dei tradizionali TMFs , sono stati proposti
gli Special Truss Moment Frames [Goel (1995)]. Questa tipologia strutturale dissipa
energia sismica in ingresso mediante speciali aste posizionate nella mezzeria delle
travi reticolari.
Oggi viene proposta una nuova tipologia di TMFs, I telai con travi reticolari
dissipativi (Piluso-Montuori-Longo 2008). Tali travi realizzano la dissipazione di
energia per mezzo di dispositivi speciali posizionati alle estemit delle travi reticolari
a livello della corda inferiore.

TRUSS MOMENT FRAMES A MECCANISMO GLOBALE

Soglia
plastica
dissipatore

del

N y.device
N Rd.chord

Resistenza assiale di
progetto dei correnti

( g ) ( g ) u im(t ) im(t ) u
con im = 1,2,3,...,ns e
t = 1,2,3

TRUSS MOMENT FRAMES A MECCANISMO GLOBALE:


UN ESEMPIO DI PROGETTO
3600
1200

1200

450
d e v ice
1200

Building plan layout - Unit: cm

htr=100
1200

1200

450

1200

450

1200

3600

450

450

1200

450

1200

TRUSS MOMENT FRAMES A MECCANISMO GLOBALE:


UN ESEMPIO DI PROGETTO
DTMF n=0.70

Pushover curve has been obtained by


means of Sap2000 and Opensees

pattern of yielding
corresponding to u=108 cm
weight = 102 t

TRUSS MOMENT FRAMES A MECCANISMO GLOBALE:


UN ESEMPIO DI PROGETTO
DTMF n=0.40

Pushover curve has been obtained by


means of Sap2000 and Opensees

pattern of yielding
corresponding to u=108 cm
weight = 96 t