Você está na página 1de 12

GLOSSARIO DELLE COSE NOTEVOLI1

a cura di Eleonora Frongia

alternos (V)

amicos de posada (II)

amico di posata (II)


annu (s) (XIII)
a su connottu (XIII)

barandilla (II) (parte II)

[colui che rappresentava anticamente il vicer nella processione di calendimaggio di


SantEfisio [] = cat. alternos
DES, I, 76; alterns rappresentante che ha tutti i poteri del
rappresentato Casu, 124]
[gli amici con i quali, in mancanza di una rete alberghiera, si
scambia lospitalit; posda, fermata, sosta, luogo di riposo,
albergo]
[calco dellespressione precedente]
anno (l)
al conosciuto [connttu, p. p. da
connschere; la locuzione: a su
connottu esprime lauspicio di
un ritorno al conosciuto, alle
norme e alle consuetudini che
hanno regolato la vita delle
comunit]
verandina [barandilla (barandiglia), in effetti, ha il significato
di ringhiera, parapetto delle

1 Le definizioni fuori parentesi sono nel testo, quelle fra parentesi quadre sono
nostre; tra parentesi tonde indicato il numero del capitolo in cui la parola compare per la prima volta. La sigla DES rinvia a M. L. WAGNER, Dizionario etimologico sardo, Heidelberg, 1962; Puddu = M. PUDDU, Ditzionriu de sa limba e de sa
cultura sarda, Cagliari, Condaghes, 2000; Casu = P. CASU, Vocabolario sardo logudorese- italiano, a cura di Giulio Paulis, Nuoro, Isre Ilisso, 2002; Farina = L. FARINA, Bocabolariu sardu nugoresu-italianu italiano-sardo nuorese, 2002.

424

bene bnniu (II)


biddas (I)
birghines (sas) (II)

boe montad (II)

boe porpor (II)


bonas dies (II)
bost
canistedda (sas canisteddas) (V)

cntaro (XVIII) (parte II)

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

scale; = spagn. barandilla, DES,


I, 176]
benvenuto [bnnidu, p. p. da
bnnere = VENIRE]
ville [bdda, villaggio, paese =
VILLA]
vergini (le) [vrgine, vergine;
brghines, ha piuttosto il significato di: fate che, secondo la
credenza popolare, abitano le
grotte dette a Nuoro sar dmor
de sar brghines (altrove sar
dmor de sar ynas) DES, I,
208]
[be montadnu, bue col mantello scuro che ha sulla schiena
una macchia di differente colore; Puddu, 1124]
[be purpurinu, bue rosso cupo;
Casu, 264]
buon giorno [Bonas dies! buon
giorno, saluto dei Sardi antichi
Casu, 417]
usted [bost, vost, voi, Lei =
cat. vost, spagn. ant. vusted;
DES, II, 584-585]
i canestri, piccoli e grandi, di
foglie di palma [canistddu,
canistdda canestra, canestrino
= CANISTELLUM, DES, I,
283]
[cntaru, polla, sorgente; =
CANTHARUS. Il significato
sardo risale al latino, in cui la
voce designava anche lo scolo di
un condotto dacqua, e sopravvive solo in sardo DES, I, 287]

Glossario

casadinas (sas) (XV)

celliere (VIII)

coeddu (XVIII)

cofrarios (XIII)
crbula
corridores (parte II)

corte (I)
cortita (II)
cosinu (IX)

culurjones (sos) (XV)

425

dolci di formaggio fresco


[casadna casciotta, sciacciatina. Cibo dolce, fatto di pasta e
di cacio Casu, 320]
[cantina, dispensa] bettola: il
Satta attribuisce questo significato per la forza del sardo zillri, tsillri bettola, taverna, osteria = spagn. cillero, cat. celler,
bodega DES, II, 590]
diavolo (dalla coda) [coddu (da
cda, coda) nuor. scherzosamente, il diavolo DES, I,
360]
confratelli [cunfrde, confratello, Casu, 393]
[corbla, cesta = CORBULA,
DES, I, 379]
balconi [corridre, corridriu,
curridriu, corridoio, balcone,
poggiuolo = spagn.cat. corredor, DES, I, 386]
[crte, recinto per animali, cortile]
cortile chiuso da un muro a
secco [diminutivo da crte,
Puddu, 542]
chi veste da borghese, non
essendolo [cosnu chie no bestit
in costmene, zente chi istat bene,
rica, istat in bidha, est istudiadu,
bestit de sennore Puddu, 545]
dolci fatti di mandorle e limone
[culunznes, ravioli. Altrove
manicaretto composto di cacio,
farina, e altre droghe, in forma
di palla, che si frigge in padella

426

Deus (II)
dominari (IX)
domus de jana (II)

eremitano (X)

estanco (XIII) (v. istancu)

filindeu (parte II)

fochile (XIII)

ghettadommos (XVIII)

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

e si addolcisce con lo zucchero o


col miele Casu, 386]
Dio [= DEUS]
[dominriu, complesso di
caseggiati appartenenti allo stesso padrone Casu, 449]
casa della fata [in realt domus
plurale, quindi: case; dmo de
jnas, casa delle fate Casu,
450; domus de gianas, prcia de
fadas,bidos fatos in sas rocas, in
santigriu, pro bi ponner sos
mortos Puddu, 759]
[col significato della parola: eremitnu, eremita ma anche: farabutto, Puddu, 14161417; nel
testo di Satta ha valore di: povero, miserabile]
tabacchino [istncu rivendita
di generi privativi, bottega del
tabaccaio = spagn. estanco, cat.
estanc DES, I, 685; istncu,
tabaccheria, Casu, 824]
pasta sacra [filindu zenia de
macarrone finedhedhu, longu;
una zenia de pasta chi si faghet a
minestra cun brou Puddu, 692]
focolare in mezzo alla stanza
[fochle, focolare incavatura
rettangolare che nelle antiche
case sarde si trova nel centro
dellabitazione DES, I, 530]
distruggicase
[ghetadmmos
malefatore malu, chi arruinat a
sateru [] distruttore, delinquente Puddu, 753]

Glossario

insignoriccati (XI) (parte II)

interro (VII)

istancu (II) (v. estanco)


jacas (V)

loco (IV)
lorica (I)

maccarrones cravaos (sos) (XV)

427

[insignordu, insignorito. Est


unu zappadore, unu facchinu
insignoridu un bifolco, un facchino insignorito Casu, 674]
[interro, raro in italiano (ma
attestato come deverbale da
interrare) piuttosto calco da
intrru log. e camp. seppellimento, funerale = cat. enterro,
spagn. entierro DES, II, 477]
tabacchino
possenti cancelli fatti di travi di
quercia messe per lungo e per
traverso [ycca, cancello dei
poderi rustici *IAC(C)ULUM,
DES, I, 706]
[= spagn. loco che ha perso la
ragione, di poco giudizio; in
sardo lcu stolto, scemo]
[il pl. loriche che troviamo nel
testo italianizzazione da lrica
anello; = *LORICA, dim. di
lru, lanello di cuoio sotto il
giogo DES, II, 37]
piccoli gnocchi schiacciati con
lunghia [macarrones cravaos =
malloredhus, macarrones tundhos
Puddu, 554]

maestro (del muro, delle scarpe


II; del legno IV; del panno VII) [calco da: mastru de (muru,
linna, pannu, etc.): Agli artigiani di certa et e abilit si d il
titolo di mstru o mstu DES,
II, 87. = MAGISTER]
majore (via) (II)
[mayre = MAJOR, ORE; gi il
Condaghe di San Pietro di Silki
attesta: uia maiore; DES, II, 57]

428

mariposa (XII)

maureddino (parte II)


milesos (VIII)

moreschi (fichi) (IX)

parlata (XII)

piccapietre (XI)
principali (XIV)

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

lumino formato da una coppa


contenente olio [maripsa
camp. lumino da notte [] =
spagn.cat. mariposa, lamparilla
flotante en un vaso con aceite que
sirve para conseravr luz de noche
DES, II, 76]
[maurrddhu, abitante del
Campidano in genere, dellIglesiente in ispecie Casu, 926]
botteghe [abitanti di Milis,
paese famoso per la produzione,
e la vendita, di arance, come
detto anche ne Il giorno del giudizio]
[calco dal sardo: morsca (figu)
ficodindia, cfr. spagn. higuera
de moro; cat. figuera de moro
DES, I, 520]
[parlta, parlata, discorso. In su
campusantu lhan fatu sa parlata
gli han fatto il discorso funebre
nel cimitero. Oe bhad una parlata in sa piatta oggi si terr un
discorso in piazza Casu, 1029;
parlta camp. parlata, discorso [] = ital. DES, II, 224]
[calco da: piccapedrri, piccaperdri tagliapietre, muratore =
cat. picapedrer DES, II, 261]
[calco dal sardo printzipale,
printzipali, principali: nau de
unu, su meri, cussu chi cumndada, unarricu Puddu, 1374; i
benestanti, tra il popolo e il ceto
dei signori. Es prinzipale e simpippat de calesisiat cavaglieri

Glossario

sa e Manca (I)
salto (VII)

sebadas (sas) (XV)

strada (XIII)

srbiles (sas) (XVII)

429

principale e si impipa di qualsiasi nobile Casu, 1114]


quella di Manca [la propriet (la
campagna, il terreno) di
Manca]
[terreno boscoso e incolto, pubblico e privato; = SALTUS (in
latino termine fondiario indicante terreni collinosi tenuti a
bosco o a pascolo)]
dolci di formaggio fresco
[seda, specie di focaccia casalinga animata di cacio fresco o
di ricotta, fritta nellolio e generalmente melata. Molto comune presso i pastori Casu, 1226;
sebda genia de papai e de druci
fatu cun pasta strria a pillu fini
(acomente po fai su pani carasau)
sestada tunda (a dus pillus acomente is culurgionis ma prus
manna meda) e cun casu friscu in
mesu: si papat frissa in ollu cun
una stidhiada de tzucuru o de
meli scallau Puddu, 1444]
sgabello [istrda [] Sedile di
pietra, generalmente addossato
al muro esterno delle case. Est
alzadu a unistrada e ses postu a
faeddhare a sa zente montato
su di un sedile di pietra e s
messo a parlare alla folla Casu,
838]
le streghe [srbile nella credenza del popolo una strega
malefica, una specie di vampiro,
che succhia il sangue dei bimbi
DES, II, 448]

430

tanca (sa) (II)

tanchita (V)
tasca (XVII)

teraccas (sas) (I)


timinzana (XI)

tittiu (XIII) (v. ziu)


toccu pasau (su) (I)

zippone (XIII)

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

terreno recintato [ tnca podere chiuso da siepe o da muriccioli [] = cat. tanca DES, II,
463]
[tanca minore Puddu, 1600]
[tsca zenia de isterzu fatu de
pedhe, cosida in costazos: in srulu, in cose istampas chi zughet,
intrat una corria chi afindhe serrat e prndhede faghindhe resurtare sa buca prus astrinta de su
fundhu; duas tizas de pedhe, una
a cadala, de su culatzu a srulu,
intran in codhos a manera de
istare in palas: si leat pro ponner
recatu (ma bi cabet fintzas sanzone) Puddu, 1604]
le serve [tercca serva, domestica. Sa teracca de su rettore la perpetua del parroco Casu, 1292]
damigiana [damigina = ital.:
subisce nei dialetti molti travisamenti fonetici, di cui rileviamo timindzna (Nuoro) DES,
I, 456]
zio [titu tiu, nadu prus che
teru a prederu Puddu, 1631]
il rintocco lento [tccu tocco,
rintocco di campana; Su toccu
il suono funebre Casu, 1304;
pasdu riposato, sostato, lento]
[gippne, giuppne = ital. ant.
giuppone giubbetto femminile
Casu, 570; zenia de bestimenta
russa de su costmene, siat de
mine che de fmina, chi si ponet
deretu subra de sa camisa
Puddu, 764]

Glossario

ziu (II) (v. tittiu)

431

zio [zu, tu, zio = THIUS


anche titolo adoperato per gli
uomini di una certa et e di
qualche autorit, anche per i
preti anziani DES, II, 549]

NOMI E SOPRANNOMI2
Baliodda (IX)
Buziuntu (XIII)
Chischeddu (IX)
Cancrru (II)
Casizlu (IX)

Fileddu (III)
Longu (VIII)
Mucubirde (VIII)

Palimodde (XIII)

Peditortu (XIII)
Peppeddedda (XII)
Pozeddu (IX)
Recotteddu (XX)

[balidha, balidho pagu abbistu, tontatzu Puddu, 292]


[buziuntu (soprann. locale)
dallepa unta (?) Farina, 80]
Franceschino
[cancrru, genia de pibitziri
birdi Puddu, 423]
[casizlu marzolina, pera di
cacio Casu, 321; zenia de
pischedhu e casu minoredhedhu
fatu a zisa de pira (azummai
petzi de late bchinu): zughet
unu nasedhu ue si li ponet unu
presorzu a lapicare Puddu,
454]
spago [flu, filo = FILUM]
[lngu, lungo = LONGUS]
[mcu, moccio zenia de abbau
cazadu, craru, a bortas fintzas
tostu e birdonzu, chi chrriat
intro de su nasu prus che teru
pro refriu Puddu, 1184]
[palimdhe chi zughet sas palas
modhes, nadu in su sensu de istracu, chi agguantat pagu Puddu,
1262]
[pde, piede; tortu, storto]
Giuseppina
[pozu, poggio Farina, 262]
[recttu ricotta = RECOCTUS DES, II, 342]

2 Includiamo in questo elenco i nomi che abbiano qualche particolarit, non quelli la cui corrispondenza fra sardo e italiano comunemente nota.

Glossario

Seddone (XIII)
Sisia (parte II)
Tataja (IX)
Title (XX)
Zizitu (XIII)

433

[sedhne, sella; cognome: Seddone Puddu, 1503]


scarafaggio [sisja, scarafaggio
che generalmente sta nelle abitazioni Casu, 1250]
balia [tta mama de late
Puddu, 1605]
lurido [tetle, sporco, sozzo]
Franceschino

TOPONIMI
Alberetti (XIV)
Balubirde (II)
Biscollai (IX)
Costa di prete Antonio (XX)
Grumne (XIII)
Istiritta (I)
Lardine (II)
Monte Columbu (II)
Monte Jaca (XIII)
Montelongu (II)
Mughina (XX)
Obisti (I)
Orto di Borghesi (XV)
Ort(h)obene (II)
Santa Maria (I)
SantOnofrio (II)
Santu Predu (II)
Sa Serra (II)
Tanca del Prato (XIII)

Interesses relacionados