Você está na página 1de 8

CORSO D’ITALIANO

PRINCIPIANTI

CONVERSAZIONE: LA PRIMA LEZIONE


D’ITALIANO
VOCI E STRUTTURE
GRAMMATICA:
 PRINCIPI DI FONETICA.
 LE VOCALI E LA LORO PRONUNZIA.
 LE CONSONANTI E LA LORO PRONUNZIA
 LE DOPPIE
 IL VERBO – PRESENTAZIONE DELLE
CONIUGAZIONI
 IL VERBO AUSILIARE AVERE ALL’INDICATIVO
PRESENTE
ESERCIZI
ABC DIVERTENTE – BARZELLETTE, BATTUTE,
MASSIME

UNITÀ 1 1
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI

LA PRIMA LEZIONE D’ITALIANO


- Buon giorno a tutti!
- Buon giorno signora!
- Io mi chiamo Gianna e sono la vostra professoressa d’italiano, a partire da quest’anno. L’italiano è una
lingua romanza, nata dal latino, come il romeno. L’italiano è una bella lingua dolce e molto musicale. Infatti si
dice che l’italiano „si canta, non si parla”. Ma, per primo, voglio che faciamo conoscienza. Per esempio come
si chiama Lei?
- Io mi chiamo Bianca.
- Piacere di conoscerLa Bianca. E Lei come si chiama signore?
- Io mi chiamo Giuseppe. Piacere di conoscerLa signora professoressa.
- Per dare l’inizio alla nostra prima lezione d’italiano io vi propongo di vedere che tipo di cose osserviamo in
questa aula. Dunque, che cosa vedete in questa classe?
- Io vedo una cáttedra e dietro a questa vedo la lavagna. Davanti alla cáttedra si trovano i banchi degli
studenti.
- Con che cosa si scrive e si cancella sulla lavagna?
- Sulla lavagna si scrive con il gesso e si cancella con la spugna o con il cancellino, mentre nei quaderni si
scrive con la matita (il lapis), con la penna stilografica, o con la biro e si cancella con la gomma o con il
raschino.
- Che cosa osservate sulle pareti?
- Sulle pareti ci sono bei quadri., la carta geografica d’Italia ed il mapamondo celeste.
- Come è la nostra classe?
- La nostra classe è grande e piena di luce perche ha delle finestre grandi e i muri sono dipinti in colori
giocondi.
- Che cosa c’ è in più in questa classe.
- Sotto le finestre ci sono i termosifoni e vicino alla porta c’ è un attacapanni.
- Che fanno gli studenti durante le lezioni d’italiano?
- Durante le lezioni gli studenti e le studentesse ascoltano le spiegazioni della professoressa, leggono e
scrivono nei quaderni e rispondono alle domande.
- Questa e una buona risposta e con questa la nostra prima lezione d’italiano è finita. Ci vediamo la
prossima volta! Arrivederci!
l’attaccapanni cuier la luce lumina
l’aula aula, sala il mapamondo celeste harta emisferelor cereşti
ascoltano asculta la matita creionul
ascoltare a asculta molto musicale foarte muzicalã
avere a avea il muro zidul
il bianco banca nascere a se naşte
bella, bello frunos, frumoasã nata nascutã, provenitã
la biro pixul la nostra noastrã
cancellare a şterge osservare a observa
il cancellino ştergatorul osserviamo observãm
cantare a cânta la penna stilografica stiloul
UNITÀ 1 2
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI
la carta harta la porta uşa
la carta geografica harta geografica la professoressa profesoara
la cáttedra catedra il professore profesorul
chiamare a chema proporre a propune
chiamarsi a se numi propongo propun
la classe clasa, sala de clasa pieno, piena plin, plinã
il colore culoarea il primo, la prima primul, prima
con cu il quaderno caietul
conoscere a cunoaşte il quadro tabloul
dipingere a picta questo, questa acesta, aceasta
dipinti pictati il raschino guma de cernealã
dire a spune, a zice rispondere a raspunde
dolce dulce rispondono raspund
la domanda întrebarea il romeno limba românã
fare a face scrivere a scrie
fanno fac il signore, la signora domnul, doamna
la finestra fereastra la spiegazione explicatia
il gesso creta lo studente, la studentul, studenta
giocondo vesel studentessa
la gomma guma, guma de creion il termosifone caloriferul
grande mare trovare a gãsi, a afla
in în trovarsi a se afla
incominciare a începe si cancella se şterge
incominciano încep si canta se cânta
infatti de fapt si dice se spune
l’italiano limba italianã si parla se vorbeşte
il lapis creionul si scrive se scrie
la lavagna tabla si trova se aflã (sg.)
il latino limba latinã si trovano se aflã (pl.)
la lezione lectia dare l’inizio a da startul, a începe
la lingua limba davanti a în fata
la lingua italiana limba italianã dietro a în spatele
la lingua latina limba latinã dunque deci, aşadar
la lingua romanza limba romanicã durante în timpul
la lingua romena limba românã mentre în timp ce
leggere a citi per primo pentru început
leggono citesc per esempio de exemplu
su pe
Expresii Obisnuite
- Come stai? // Come state? Ce mai faci? // Ce mai faceti – Voi?
- Grazie, bene. Non c’è male. Multumesc, bine.
- Come sta Lei, Signore, Signora? Ce mai faceti Dumneavoastrã, Domnule, Doamnã?
- Come stanno loro, Signori, Signore? Ce mai faceti Dumneavostrã, Domnilor, Doamnelor?

GRAMATICÃ
 ALFABETUL LIMBII ITALIENE
Alfabetul limbii italiene contine 21 de litere:
A (a) B (bi) C (ci) D (di) E (e) F (effe) G (gi) H (acca) I (i)
L (elle) M (emme) N (enne) O (o) P (pi) R (erre) S (esse) T (ti) U (u)
V (vu/vi) Q (cu) Z (zeta)
Existã inca 5 litere cu ajutorul cãrora se scriu cuvintele ce provin din greacã sau din latinã,
sau cuvintele strãine:
J (i lunga) K (kappa) W (doppia vu) X (ics, iccasse, ichese) Y (i greca)
Exemple: Jacopo, Ojetti, Jabot, Jazz, Kefir, Nuova York, kantiano, Wagner, xilofono, yogurt, yoga.

UNITÀ 1 3
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI
 VOCALELE ŞI PRONUNTIA LOR
In limba italianã sunt 5 vocale: A, E, I, O, U .
VOCALE UTILIZARE EXEMPLE
a, i, u se pronuntã ca in limba românã màdre (mama), àmico (prieten), rumòre (zgomot). I final se pronuntã
dublat, asemeni unor doi i in limba românã: lùpi [lupii], amìci [amicii].
A intotdeauna deschisa àvo (stramos), ànno (an), àmore (iubire)
I si U intotdeauna inchise ìnno (imn), impiànto (instalatie), ùno (unul), umàno (uman)
E situata la inceputul unui cuvant elementàre (elementar), educàto (educat)
se pronuntã ca in cuvântul
românesc “etapa”
E si O pot sa fie atât închise cât şi Deschise: bène (bine), vènto (vânt), ruòta (roatã), còsa (lucru).
deschise, în functie de silaba cu Inchise: séra (searã), létto (pat), fióre (floare), colóre (culoare)
sau fãra accent

 CONSOANELE ŞI PRONUNTIA LOR


Alfabetul italian contine 16 consoane: b c d f g h l m n p q r s t v z .
CONSOANELE PRONUNTIE SI EXEMPLE
bdflmnprtv Ca în limba românã:
bastone (bãt, baston), data (data), fontana (fântânã), lavoro (muncã), madre (mamã), nipote
(nepot), padre (tatã), riga (rând), tasca (buzunar), vaso (vas)
c, g urmate de vocale Ca în limba românã:
camera (camerã), comune ( comun), caldo (cald), calmo (calm), cielo (cer), caro (drag),
si de l, m, r
cortile (curte), clima (climã), critico (critic), gamba (picior), gomma (gumã, cauciuc), gallina
(gainã), gelato (înghetatã), giorno (zi), gloria (glorie), grande (mare)
che, chi, ghe, ghi (I Ca în limba românã:
Trigrammi) barche (bãrci), parchi (parcuri), chirurgo (chirurgi), spaghetti (spaghete), ghirlanda
(ghirlandã)
H se intâlneşte în interiorul grupurilor che, chi, ghe, ghi şi în interjectiile ah [a], oh [o], ahi [ai] ahime [aime]
În rest H este mutã, servind doar ca semn grafic: Hegel, herz, himalaiano, hocheista, hitlerismo
Q [cu] Este mereu urmatã de vocala U şi de altã vocalã accentuatã ua, ue, uo, ui
questo (acesta), questa (aceasta), quadro (tablou), cinque (cinci), liquido (lichid), quaderno
(caiet), quasi (aproape), quieto (linistit).
Nota: Un singur cuvânt se scrie cu qq : soqquadro, în expresia “mettere a soqquadro” (a
da peste cap)
S - ca în limba românã, la începutul unui cuvânt şi înaintea unei vocale: Sicilia, seta
(mãtase), superiore (superior)

- ca în limba românã, înaintea consoanelor c, f, q, p, t : studio (birou, studio, cabinet,


atelier), scambio (schimb), sforzo (efort), squadra (echipã), spalle (spate)

- în interiorul unui cuvânt, între douã vocale s dubla (doppia S) se pronuntã surd, ca în
limba românã: essenziale (esential), essere (a fi), riassunto (rezumat), rosso (roşu)

- în fata consoanelor b, d, g, l, m, n, r, v , litera s se pronuntã asemeni literei romaneşti Z :


sbarco (debarcare), sdraiato (întins, culcat), sgarbo (mojicie), sgabello (taburet), smarrito
(rãtãcit), snello (elan, avânt), svenuto (leşinat)

- litera S intervocalicã se pronuntã, de asemenea, ca litera româneascã Z : rosa (trandafir),


paese (tarã, sat), luminoso (luminos), riposo (odihnã), ventesimo (al douãzecilea)
Z - asemeni literei Ţ , la începutul şi la sfârşitul cuvintelor: zio (unchi), lezione (lectie),
democrazia (democratie), giustizia (justitie, dreptate), pronunzia (pronuntie), grazie
(multumesc), prezzo (pret), pazzo (nebun), pozzo (put), carozza (trãsurã, vagon), fazzoletto
(batic, batistã), speranza (sperantã), danza (dans), clemenza (iertare)
- asemeni unui Dz la începutul cuvintelor ca: zolla (brazdã), zanzara (tântar), zaino (rucsac,
ranitã), azzuro (albastru), mezzo (mijloc), zoo (gradina zoologicã), organizzatore
(organizator); precum şi în cazul cuvintelor de provenientã strãinã: zero (zero), zodiaco
(zodiac), zibellino (zibelinã)
UNITÀ 1 4
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI
Nota: În pozitie intervocalicã litera Z se dubleazã: prezzo (pret), sbozzo (schitã)
Trigramma sca-, se pronuntã ca în limba românã: scalla (scarã), scopo (scop), scusa (scuzã), scoiattolo
(veveritã)
sco-, scu-
Trigramma sce-, sci- se pronuntã şe, şi : scena (scenã), pesce (peşte), scenografia (scenografie), ruscello
(pârâu), scendere ( a coborî), sci (schi), scimmia (maimutã), scintilla (flacãrã), piscina
(piscinã), sciroppo (sirop), fascia (bandaj, faşã, banderolã), fascismo (fascism).
Nota: Trigramma sci- , în cuvintele scienza (ştiintã), uscio (uşã), sciopero (grevã), se
pronuntã sce .
Trigramma gli se figlio (fiu), moglie (sotie), famiglia (familie), bottiglia (sticlã), battaglia (bãtãlie), sbaglio
pronuntã slab, (greşealã), ciclio (geanã), giglio (crin). Gli se pronuntã gutural [gli] în câteva cuvinte
palatalizat lli savant, în neologisme: anglicano (anglican), ganglio (ganglion), glicine (glicinã), glicerina
(glicerinã), geroglifico (hieroglific), negligente (neglijent)
Trigrammele gla, gle, se pronuntã ca în limba românã: glandola (glandã), inglese (englez), gloria (glorie), globo
(glob), glutine (gluten), glauco (verde marin), glucosio (glucozã).
glo, glu
Digramma gn se spugna (burete), compagno (camarad, tovarãş), lavagna (tablã), bisognare (a trebui). De
pronuntã slab, nazal, obicei gn nu este urmat de i , cu unele exceptii: grugnire (a grohãi), compagnia (companie,
palatalizat nni tovãrãşie).
Consoanele duble se pronuntã puternic, apãsat: labbro (buzã, gurã), molle (moale), sotto (sub), appello (apel),
eccesso (esces), mamma (mãmicã), oggi (astãzi), astuccio (penar), stemma
(stemã), occorrere (a trebui), attore (actor), fossa (groapã).

Uneori acelaşi cuvânt îşi schimbã continutul dacã consoana e simplã sau dublã:
bella (frumoasã) bela (behãie) penna (penitã) pena (pedeapsã)
barra (barã) bara (coşciug) palla (minge) pala (lopatã)
carro (car, cãrutã) caro (drag) sette (şapte) sete (sete)
colla (clei, frânghie) cola (strecurãtoare, sitã, tonno (ton-peşte) tono (ton-voce)
teasc) vanno (merg) vano (van, gol)
écco (iatã) éco (ecou)

 VERBUL – CELE TREI CONJUGARI ALE VERBULUI


În limba italianã existã trei conjugãri ale verbului, în functie de terminatia acestora la infinitiv:
Iª conjugare are terminatia – are IIª conjugare are terminatia – ere IIIª conjugare are terminatia – ire
guardare (a privi) vivere (a trãi) finire ( a termina)
cominciare (a începe) vedere (a vedea) vestirsi (a se îmbrãca)
cambiare (a schimba) crescere (a creşte) partire (a pleca)
cercare (a cãuta) mettersi ( a se pune) capire (a întelege)
tornare (a se întoarce) prendere (a lua) preferire (a prefera)
abitare (a locui) leggere (a citi) aprire (a deschide)
arrivare (a sosi) chiudere (a închide) dormire (a dormi)
impiegare (a folosi) rispondere ( a rãspunde) vestire (a îmbrãca)

VERBUL “AVERE – A AVEA” LA INDICATIV PREZENT


Verbul AVERE este un verb auxiliar foarte folosit în limba italianã care ajutã la formarea timpurilor
compuse. La indicativ prezent verbul AVERE are urmãtoarele forme:
Afirmativ: Negativ:
Singular Plural Singular Plural
Io ho Noi abbiamo Io non ho Noi non abbiamo
Tu hai Voi avete Tu non hai Voi non avete
Egli ha Essi hanno Egli non ha Essi non hanno
Essa ha Esse hanno Essa non ha Esse non hanno

UNITÀ 1 5
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI
EXERCITII
1. Rispondete alle domande (Rãspundeti la întrebãri):
- Che tipo di lingua è l’italiano?
- Che tipo di lingua è il romeno?
- Da quale lingua sono nate l’italiano e il romeno?
- Con che cosa si scive sulla lavagna? Ma nel quaderno?
- Con che cosa si cancella sulla lavagna? Ma nel quaderno?
- Che cosa c’è sulle pareti della classe?
- Che cosa si trovano sotto le finestre? Ma vicino alla porta?
- Che cosa fanno gli studenti durante le lezioni?

2. Leggete attentamente (Cititi cu atentie):


finestra (fereastrã) scarpa (pantof) azzuro (albastru) gelato (înghetatã)
lapis (creion) leone(leu) muro (zid) sdraiato (întins, culcat)
libro (carte) nuovo (nou) seta (mãtase) spaghetti (spaghete)
sedia (scaun) duomo (dom, catedralã) sforzo (efort) giustizia(dreptate)
bambino (copil) chiesa (bisericã) scuola (şcoalã) slancio (elan, avânt)
banco (bancã) acqua (apã) cortile (curte) ghirlanda (ghirlandã)
liquido (lichid) sole (soare) snello (sprinten) riassunto (rezumat)
tavola (masã) rione (sector) matita (creion) gallina (gãinã)
carta (hârtie) kimono (chimono) zanzara (tântar) girasole (floarea-soarelui)
pavimento (podea) uovo (ou) mezzo (mijloc) calendario (calendar)
pazzo (nebun) svenuto (leşinat) quieto (liniştit) sbarco (debarcare)

3. Leggete e traducete in romeno le parole di qui sotto (Cititi şi traduceti în limba românã cuvintele de
mai jos):
Squadra italiana Scuola superiore

Riassunto esemplare Studio straordinario

Esercizio semplice Studente snello

Prezzo pazzo Zaino azzuro

Zolla nello zoo Pezzo di fazzoletto

Lezione di clemenza Speranza di giustizia

Grazie allo zio Ruscello snello

Pesce fresco Moglie e figlio

Sciroppo glauco Caratteri geroglifici

Spugna e lavagna Bisogno di scienza

Compagno inglese Lettera smarrita

Bottiglia di glicerina Ragazzo negligente

Uscio della scena Scendere alla piscina

4. Completare con il verbo AVERE


1. Lui ___________ una macchina americana. 16. Lei ___________ paura.

UNITÀ 1 6
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI
2. Quanti ___________ tua sorella? 17. Questa casa ___________ sette stanze e due
3. Io ___________ 20 anni. bagni.
4. Lei ___________ 25 anni. 18. Noi ___________ un letto troppo duro.
5. Tu ___________ un cane e un gatto. 19. Tu ___________ un fratello e una sorella.
6. Noi ___________ paura del buio. 20. Voi ___________ una bella casa.
7. Quanti anni ___________ tuo figlio? 21. Quanti ___________ Marco?
8. Lui ___________ pochi soldi. 22. Manuela ___________ sete.
9. Lei ___________ i capelli lunghi. 23. Lui ___________ 20 anni.
10. Lei ___________ una camicia di seta. 24. Marco e Gianni ___________ caldo.
11. Voi ___________ due figli. 25. Io ___________ un orologio svizzero.
12. Io ___________ i capelli neri. 26. Questo albergo ___________ 24 stanze.
13. Lui ___________ una giacca di pelle. 27. Lei ___________ un paio di scarpe con il tacco
14. Tu ___________ freddo. alto. 28. Lei ___________ un cane grande.
15. Noi ___________ sonno. 29. Loro ___________ fame.
30. Noi ___________ fame.
5. Traducete in romeno le seguenti proposizioni (Traduceti în limba românã urmãtoarele propozitii):
Questo quaderno è di Maria.

Giorgio ha un taccuino.

Il cielo è sereno.

Questa clima è dolce.

Il critico ha un gran quaderno.

L’acqua è un liquido.

Lui ha un bel cuore.

Ho mangiato cinque gelati.

6. Sottolineate le terminazioni dei verbi che seguono e poi grupati questi verbi secondo la loro
coniugazione (Subliniati terminatiile verbelor ce urmeazã şi apoi grupati aceste verbe în functie de
conjugarea lor):
andare (a merge) divertire (a se distra) disonorare (a dezonora) accogliere ( a întâmpina)
stare ( a sta) grugnire (a grohãi) acquistare (a cumpãra) cessare (a înceta)
esaurire (a epuiza, a istovi) crescere (a creste) corregere (a corecta) gettare (a arunca)
accestire (a înfrunzi) accedere (a se aprpia) salire (a urca) corrodere (a roade, a
avvisare (a aviza) godere (a se bucura) bagnare (a scãlda) eroda)
discendere (a coborî) espirare (a expira) cogliere (a culege) costringere (a constrânge)
bordare (a tivi) ammaliare (a vrãji) inseguire (a urmãri) empire (a umple)
bufare (a viscoli) restare (a r ãmâne) eseguire (a executa) gradire (a pofti, a fi pe plac)
dipingere (a picta) spargere (a rãspândi) brontolare (a bombãni) nuocere (a dãuna)
sciogliere (a desface, a togliere (a lua) seguire (a urma) patire ( a pãtimi, a îndura)
dezlega) resuscitare (a reabilita) combattere (a lupta) punire (a pedepsi)

Iª CONJUGARE IIª CONJUGARE IIIª CONJUGARE

UNITÀ 1 7
CORSO D’ITALIANO
PRINCIPIANTI

7. Completate gli spazi con il verbo AVERE all’indicativo presente (Completati spatiile cu verbul avere
la indicativ prezent):
1. Maria____________________________________________un bel quadro nella sua stanza.
2. Gli studenti_______________________________________________________un professore inteligente
e molto interesante.
3. La nostra aula _________________________________una lavagna grande e bianca.
4. Il critico____________________________________________un grande quaderno.
5. Giorgio _________________________________un taccuino.
6. Il mio ufficio_________________________________due porte ed una finestra grande, che dà al giardino.
7. Voi_________________________________degli amici molto gentili e pieni di vita.
8. Tu e essa _________________________________ un esame molto importante.
9. Io e egli____________________________________________una casa grande e molto luminosa.
10. Questa stanza _________________________________quattro pareti.
11. Quegli studenti____________________________________________nuovi dizionari.
12. Quante stanze_________________________________la vostra casa?
13. Tutti gli studenti _______________________________________________________i loro quaderni sulla
scrivania.

Nonna: - Pierino, cosa farai da grande?


Pierino: - Il soldato.
Nonna: - Ma il nemico ti ucciderà!
Pierino: - Allora farò il nemico.

Maestra: - Vi do un problema:”Porto alla banca 100 milioni di lire. La banca mi promete un interese
dello 0,5 per cento.” Fate il conto.
Tutti si metono a scrivere.
Maestra: - E tu perchè non fai il conto?
Allievo: - Per lo 0,5 per cento non vale la pena.

UNITÀ 1 8