Você está na página 1de 4

CHARLES DARWIN

Darwin è nato a Shropshire nel 1809 e morto a Kent nel 1882,


naturalista britannico, fondatore delle teorie dell'evoluzionismo e
della selezione naturale, le quali continuano ancora oggi a
esercitare un'enorme influenza sulle scienze naturali e, più in
generale, sullo sviluppo del pensiero moderno.
Darwin nacque in una famiglia agiata e culturalmente raffinata: il
nonno materno, Josiah Wedgwood, fu un imprenditore di successo
nel campo della ceramica e della porcellana, mentre il nonno
paterno, Erasmus Darwin, fu un celebre naturalista del suo
tempo. Si iscrisse a medicina all'università di Edimburgo, senza
tuttavia portare a termine gli studi poiché nel 1827 si trasferì a
Cambridge con l'intenzione di intraprendere la carriera
ecclesiastica. Nel 1831 Darwin riuscì a imbarcarsi sul Beagle, un
brigantino britannico in partenza per una spedizione di
ricognizione scientifica intorno al mondo, in qualità di naturalista
non stipendiato. Darwin aveva allora solo 21 anni e si era appena
laureato. In una sosta nelle isole
Galàpagos, egli nota la presenza di 13
specie di fringuelli differenti fra loro
nella forma del becco, ognuna
particolarmente adatta al tipo di cibo
di cui ciascuna specie si nutre. Si
accorge anche che le specie di
tartarughe mostrano anch’esse notevoli
variazioni, soprattutto nel loro scudo, a
seconda dell’isola in cui vivono.
Tornato in Inghilterra, Darwin riflette sul materiale raccolto nel
suo viaggio che lo porta ad un’idea rivoluzionaria: tutte le specie
derivano da un’unica specie da cui si differenziano lentamente per
adattarsi alle diverse condizioni ambientali.
Alla luce di tale considerazione, proseguendo i suoi studi Darwin
osserva come tutti gli esseri viventi mettano al mondo molti più
figli di quanti poi riescono a diventare adulti e capaci, a loro volta,
di riprodursi. Fra tutti i nati di una generazione, infatti,
diventano adulti solo i più forti, i più adatti a vivere in
quell’ambiente, quelli che per casco presentano un carattere che
in quel determinato ambiente li favoriscono; tutti gli altri, cioè i
meno adatti all’ambiente, non sopravvivono.
Darwin definisce tutto ciò selezione naturale e, venti anni dopo
quel suo lungo viaggio intorno al mondo, espone la sua teoria
dell’evoluzione della specie per selezione naturale, così articolata:
• Tutti gli esseri viventi si riproducono in quantità
superiori alle reali possibilità di sopravvivenza e danno vita a
individui fra loro differenti per caratteristiche, la cui comparsa è
del tutto casuale.
• Nella lotta per la sopravvivenza l’ambiente opera una
selezione naturale, mantenendo in vita solo gli individui nati,
casualmente, con caratteristiche che li rendono più adatti, e
quindi avvantaggiati rispetto agli altri.
• Queste variazioni sono ereditarie e gli individui
sopravissuti le trasmettono alla discendenza.
• Attraverso gli incroci le variazioni favorevoli si
accumulano di discendenza in discendenza, permettendo
l’evoluzione della specie.
• Tutto ciò porta nel tempo alla differenziazione e origine
delle varie specie, le cui forze generatrici sono quindi la selezione
naturale e l’evoluzione.

EVOLUZIONE DEGLLI ESSERI VIVENTI

La teoria dell’evoluzione delle specie per selezione naturale si è


affermata, come dicevamo, circa 120 anni fa con Darwin.
Prima che questa teoria venisse formulata, nel 1700 l’ipotesi che
trova maggior consensi era quella della creazionistica di Carlo
Linneo, botanico svedese. Secondo la sua teoria, sulla Terra ci
sarebbero tutte e solo le specie create all’inizio del mondo, fisse
nel loro numero e immutabili nel tempo. Tale teoria comincia ad
essere messa in discussione già dalla metà del ‘700, quando la
scoperta di numerosi fossili, testimoni di grandi mutamenti,
portano il francese Georges Cuvier ad ammettere che gli esseri
viventi del passato erano differenti dal passato. Lontano ancora
dall’idea di evoluzione, Cuvier spiega questo processo con la teoria
delle grandi catastrofi. Secondo tale teoria, nel corso della storia
della vita sulla terra gli esseri creati sarebbero stati più volti
distrutti da catastrofi naturali, come diluvi, glaciazioni o enormi
eruzioni vulcaniche.
Il merito di aver formulato una prima teoria evolutiva, spetta al
francese Jean-Baptiste Lamark; la sua teoria era basata
principalmente su un principio: l’uso o non uso degli organi;
l’ambiente spinge all’uso continuo e frequente di un organo che, in
questo modo, si potenzia e si sviluppa sempre più, oppure al non
uso di un organo che, di conseguenza, si indebolisce, fino ad
indebolirsi, fino ad atrofizzare e a scomparire.

Mettiamo a confronto le due teorie, quella di Darwin e quella di


Lamark sull’evoluzione delle giraffe: