Você está na página 1de 49

POS

Il Piano Operativo di Sicurezza


ai sensi dell’art.89 comma h – 96 comma 1 lett. g D.Lgs 81/2008
conforme all’art. 131 del D.Lgs.163/2003
e Allegato XV paragrafo 3 del D.Lgs. 81/2008

Versione Agosto 2008

Via del Chionso n. 22/A – 42100 Reggio Emilia


Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Firme per emissione del documento


Il Datore di lavoro

data ______________ Firma ________________________________________________

Firme per presa visione del documento


Il Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione

osservazioni ___________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

data ______________ Firma ________________________________________________

Il Rappresentante dei Lavoratori della sicurezza (aziendale o territoriale)

osservazioni ___________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

data ______________ Firma ________________________________________________

Il medico competente, cui è rilasciata una copia del documento

osservazioni ___________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

_____________________________________________________________________________________

pag. 2 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

data ______________ Firma ________________________________________________

pag. 3 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

PREMESSA

Il presente Piano Operativo di Sicurezza (POS) è redatto per rispondere a quanto richiesto dall’art. 96 c.1
lett. g del D.Lgs 81/2008, all’art. 131 del D.Lgs 163/2006 (solo per i lavori pubblici).
Il POS è conforme all’allegato XV punto 3.2 D.Lgs 81/2008, che individua i contenuti minimi che devono
possedere i piani di sicurezza da utilizzare all’interno dei cantieri edili.
Per la redazione del presente POS, l’impresa esecutrice oltre che i risultati dell’analisi e della valutazione dei
rischi per le proprie attività da svolgere nello specifico cantiere, ha valutato e preso a riferimento i seguenti
documenti per la sicurezza:
(barrare le caselle che interessano)

† Nessun documento per la sicurezza, in quanto impresa appaltatrice di un’opera che non prevede la
nomina del Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e a cui non si applica da parte del
Committente, l’art. 26 del D.Lgs 81/2008
† Documento Unico di Valutazione dei Rischi / Informazione sui rischi resa dal Committente – Datore di
lavoro ai sensi l’art. 26 del D.Lgs 81/2008, in caso di lavori da svolgersi all’interno di aziende
† Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) redatto dal coordinatore per la sicurezza nominato dal
committente dell’opera
† Piano Sostitutivo del piano di Sicurezza e coordinamento (PSS) redatto dall’impresa appaltatrice
principale (per lavori pubblici in cui non sia richiesta la nomina del coordinatore per la sicurezza)
† POS redatto dall’impresa appaltatrice principale (committente dell’impresa esecutrice che ha redatto il
presente POS)
† Altro (specificare): ______________________________________________________________________
_________________________________________________________________________________
_________________________________________________________________________________

Questi documenti assieme al presente POS saranno utilizzati dall’impresa esecutrice per la gestione
operativa della sicurezza in cantiere.

pag. 4 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

1. ANAGRAFICA DI CANTIERE

1.1 Identificazione dell’opera principale e dei soggetti

Natura dell’opera

Indirizzo cantiere Via


Loc. Città Prov.

Committente opera Nome / ragione sociale:


Indirizzo:
tel. fax e mail
Responsabile dei lavori Nome
Indirizzo:
tel. fax e mail
Coord. Sicurezza Nome
progettazione Indirizzo:
tel. fax e mail
Coord. Sicurezza Nome
esecuzione Indirizzo:
tel. fax e mail
Direttore tecnico di Nome
cantiere Indirizzo:
tel. fax e mail

pag. 5 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

1.2 Dati identificativi e attività svolta dall’impresa esecutrice


1.2.1 Dati di carattere generale

Ragione sociale
Sede legale Indirizzo
Tel: Fax: E mail:

Rappresentante legale Nome


(datore di lavoro)
Delegato alla sicurezza Nome
(se presente)
Responsabile Servizio Nome

Prev. e Prot. (RSPP) Interno … Esterno …


Indirizzo
Tel: Fax: E mail:

Medico competente Nome


Indirizzo
Tel: Fax: E mail:

Rappr. dei lavoratori Nome

per la sicurezza (RLS) Interno … Territoriale …


Indirizzo
Tel: Fax: Email:

Posizioni assicurative/ C.C.I.A.A. città n°

previdenziali INAIL città n°

INPS città n°

Cassa Edile città n°

1.2.2 Attività dell’impresa esecutrice in cantiere

Tipo di contratto … diretto dal Committente


… in subappalto dall’impresa ______________________________________
… dal Consorzio aggiudicatario ____________________________________
… altro (specificare) _____________________________________________

Attività da realizzare
(breve descrizione dei lavori
da realizzare all’interno del
cantiere)

Presenza presunta in dal

cantiere dell’impresa al

pag. 6 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Lavorazioni previste Esecutori


(da cronoprogramma) Propri dipendenti Impresa Lav. Autonomi
1 … Si … No … In parte

2 … Si … No … In parte

3 … Si … No … In parte

4 … Si … No … In parte

5 … Si … No … In parte

6 … Si … No … In parte

7 … Si … No … In parte

1.2.3 Dati di relativi al cantiere

Recapiti ufficio di cantiere Indirizzo


(se presente) Tel: Fax: E mail:

Direttore tecnico di cantiere Nome:


Tel. Tel. Cell. Fax e mail

Responsabile di cantiere Nome:


(capocantiere) Tel. Tel. Cell. Fax e mail
Personale dipendente N° lavoratori Qualifica

impiegato in cantiere
(periodo di massima presenza)

1.2.4 Gestione delle emergenze in cantiere

Incaricati della gestione Nominativo Dipendente impr. appartenenza

emergenza incendio ed … Si … No

evacuazione cantiere … Si … No
… Si … No

… Si … No

Incaricati della gestione Nominativo Dipendente impr. appartenenza

primo soccorso … Si … No
… Si … No

… Si … No

… Si … No

pag. 7 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

1.3 Identificazione delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi la cui presenza è
prevista in cantiere per l’esecuzione di opere in sub-appalto, fornitura e/o noli a caldo
Da compilare secondo quanto emerso nel precedente paragrafo 1.2.2 nella tabella delle lavorazioni previste

Imprese esecutrici

Lavorazione Ragione sociale Sede legale Recapiti tel/fax/mail

Lavoratori autonomi

Lavorazione Ragione sociale Sede legale Recapiti tel/fax/mail

Î Nel caso di presenza di subappalti, forniture e/o noli a caldo, l’impresa esecutrice si attiverà nel
seguente modo:

Prima dell’inizio dei lavori:


† trasmetterà o metterà a disposizione degli stessi, la documentazione per la sicurezza necessaria
per l’elaborazione del loro POS e per la realizzazione delle proprie attività in sicurezza
† metterà a disposizione dei lavoratori autonomi il POS per permettere agli stessi di avere una
corretta informazione sul modo di realizzare in sicurezza la propria attività lavorativa
† richiederà alle imprese esecutrici l’elaborazione del POS e la trasmissione dello stesso al CSE
per approvazione (nei casi in cui questo è previsto)
† richiederà ai subappaltatori la documentazione per la sicurezza prevista per l’attuazione delle
azioni di coordinamento del cantiere
† realizzerà dei momenti di informazione e coordinamento con gli stessi per verificare le
problematiche di sicurezza per lo specifico lavoro
† altro (specificare): _____________________________________________________________
____________________________________________________________________________
____________________________________________________________________________

Durante l’esecuzione dei lavori:


† coordinerà i propri fornitori e sub-appaltatori secondo quanto previsto dai documenti per la
sicurezza
† vigilerà affinché gli stessi applichino le dovute misure di prevenzione e protezione secondo i
principi l’art. 26 del D.Lgs 81/2008
† altro (specificare): _____________________________________________________________
____________________________________________________________________________
____________________________________________________________________________

L’attuazione di queste misure è responsabilità del sig. _______________________________________


che per il presente lavoro riveste funzioni di _______________________________________________

pag. 8 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

2. PROGRAMMA DEI LAVORI


Î E’ presente, un programma dei lavori idoneo all’attività dell’impresa, con evidenziate la successione
delle fasi lavorative e le interferenze tra le diverse lavorazioni?
Si † L’impresa seguirà quanto previsto dal programma dei lavori, comunicando tempestivamente al
referente del proprio Committente le eventuali richieste di modifiche che si dovessero rendere
necessarie per la buona esecuzione del lavoro. (Il programma dei lavori adottato viene allegato
al presente POS)
No † L’impresa seguirà, previa approvazione da parte del CSE dell’opera o nel caso in cui questo
non fosse presente di altro referente del Committente, il proprio programma dei lavori
predisposto sulla base della propria organizzazione del lavoro e (se presenti) delle prescrizioni
dei documenti per la sicurezza.
Tale programma dei lavori è riportato:
† nel diagramma allegato al presente POS
† nella tabella seguente

Programma dei lavori per il cantiere

N. Fase lavorativa Impresa/lavoratore Data inizio Data fine Interferenza


autonomo con fase

2.1 Gestione dei rischi di interferenza tra le diverse attività lavorative dell’impresa esecutrice

Î Il crono-programma dei lavori evidenzia delle interferenze tra le fasi lavorative di cui si compone
l’attività affidata all’impresa
† No (passare al punto successivo)
† Si (continuare nella compilazione del presente punto)
Î Gli eventuali rischi derivanti dall’interferenza tra le fasi lavorative sono gestiti all’interno del PSC o degli
altri documenti di riferimento?
† Si Le informazioni presenti sono sufficienti a garantire la tutela dei lavoratori. Gli addetti
seguiranno le misure di prevenzione e protezione e le procedure indicate in tali
documenti.

pag. 9 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

† Si Ma, le informazioni presenti devono essere integrate con le misure riportate nella tabella
seguente.

Fasi Rischi di interferenza Indicazioni PSC o da altri Misure integrative


lavorative documenti dell’impresa
interferenti

† No Gli addetti, durante lo svolgimento delle attività interferenti seguiranno quanto riportato
nella tabella seguente.

Fasi lavorative Rischi di interferenza Misure integrative dell’impresa


interferenti

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere, ad esclusione delle
seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

pag. 10 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

3. COMPITI, RESPONSABILITÀ DELLE DIVERSE FIGURE PRESENTI IN CANTIERE


Per la gestione delle misure di tutela per la sicurezza e la salute dei lavoratori l’impresa esecutrice adotterà
quanto prescritto nella seguente tabella.

x Figura Compiti e responsabilità


† Datore di Lavoro ƒ Rende edotti i Preposti e gli stessi Lavoratori, nell’ambito delle rispettive
attribuzioni e competenze, dei rischi specifici cui sono esposti e porta a loro
conoscenza le norme essenziali in materia di prevenzione;
ƒ Collabora al coordinamento delle Ditte Subappaltatrici operanti in cantiere, al fine
di rendere i Piani di Sicurezza compatibili tra loro e coerenti con il presente POS;
ƒ Mette a disposizione dei lavoratori i mezzi di protezione e dispone che i singoli
lavoratori osservino le norme di sicurezza;
ƒ Verifica che siano rispettate le disposizioni di legge e le “misure di sicurezza
minime non esaustive” contenute nel presente Piano di Sicurezza;
ƒ Predispone affinché gli ambienti, gli impianti, i mezzi tecnici ed i dispositivi di
sicurezza siano mantenuti in buona ed efficiente condizione.
† Direttore tecnico ƒ Rende edotti i Preposti e gli stessi Lavoratori, nell’ambito delle rispettive
di cantiere attribuzioni e competenze, dei rischi specifici cui sono esposti e porta a loro
conoscenza le norme essenziali in materia di prevenzione;
ƒ Collabora al coordinamento delle Ditte Subappaltatrici operanti in cantiere, al fine
di rendere i Piani di Sicurezza compatibili tra loro e coerenti con il presente POS;
ƒ Mette a disposizione dei lavoratori i mezzi di protezione e dispone che i singoli
lavoratori osservino le norme di sicurezza;
ƒ Verifica che siano rispettate le disposizioni di legge e le “misure di sicurezza
minime non esaustive” contenute nel presente Piano di Sicurezza;
ƒ Predispone affinché gli ambienti, gli impianti, i mezzi tecnici ed i dispositivi di
sicurezza siano mantenuti in buona ed efficiente condizione.
† Capo cantiere ƒ Provvede a verificare l’efficienza dei mezzi di sicurezza necessari per
l’esecuzione dell’opera e alla realizzazione delle idonee opere provvisionali
secondo le direttive avute dai superiori;
ƒ Attua il piano di sicurezza predisposto ed illustra preventivamente tale piano ai
sottoposti;
ƒ Rende edotti i lavoratori dipendenti dei rischi specifici ai quali sono esposti e
portare a loro conoscenza le norme essenziali di prevenzione;
ƒ Richiede l’osservanza ai singoli lavoratori delle Norme, pretende che i lavoratori
usino i mezzi collettivi ed individuali di protezione e provvede alla consegna di
detti mezzi personali
ƒ Presiede al montaggio e smontaggio delle opere provvisionali: dei ponteggi
metallici, ponte su ruote o altro, pretende che i lavoratori usino i mezzi personali
di sicurezza ed si accerta che siano stati predisposti i sistemi per il loro utilizzo,
avvalendosi se necessario della collaborazione di altri preposti; assieme ad essi
dovrà vigilare che i lavoratori non rimuovano, per usarlo in altri lavori, materiale
utilizzato nei ponteggi e nelle altre opere provvisionali, e fa immediatamente
applicare elementi di parapetto e sbarramenti ove risultino mancanti o
manomessi;
ƒ Denuncia al Direttore Tecnico di Cantiere le situazioni carenti dal punto di vista
della prevenzione adoperandosi, comunque direttamente per eliminare tali
carenze nel caso che queste possano rappresentare una fonte di pericolo
immediato
† Lavoratore ƒ Osserva le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e
dai preposti ai fini della protezione collettiva ed individuale;
ƒ Non rimuove o modifica i dispositivi e gli altri mezzi di sicurezza, protezione o di
controllo, senza averne l’autorizzazione da parte del capo-cantiere;
ƒ Non compie di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di sua

pag. 11 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

competenza, o che possono compromettere la propria e la altrui sicurezza;


ƒ Osserva e rispetta le misure di sicurezza predisposte;
ƒ Usa i mezzi di protezione personali ed i dispositivi di sicurezza predisposti o forniti
dall’Impresa;
ƒ Segnala immediatamente al datore di lavoro, al dirigente, al preposto, al
rappresentante dei lavoratori, l’inefficienza dei dispositivi e dei mezzi di sicurezza
e di protezione o eventuali condizioni di pericolo di cui dovesse venire a
conoscenza;
ƒ Dove, in caso di urgenza e nell’ambito della propria competenza, opera al fine di
ridurre le deficienze delle misure di sicurezza o eliminare le condizioni di pericolo.

pag. 12 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

4. CONTESTO AMBIENTALE DEL CANTIERE: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI E


CONSEGUENTI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

4.1 Rischi derivanti dalle caratteristiche del terreno su cui si opera


Î Si svolgono dei lavori in ambienti esterni e che interessano il terreno esterno?
No †…Passare al punto successivo
Si †…Continuare nella compilazione del presente punto

Î Le caratteristiche del terreno su cui si andrà ad operare sono adeguatamente specificate all’interno del
PSC e/o degli altri documenti di riferimento?
Si †…Continuare nella compilazione del presente punto
No †… A seguito di :
† richiesta di integrazioni di informazioni in merito fatta a _______________________
† indagini eseguite a cura di questa impresa
è risultato che, le principali caratteristiche del terreno su cui si andrà ad operare sono le
seguenti:
- Tipo di terreno ______________________
- Profondità falda m ______
- Consistenza terreno ______________________
- Angolo max bordo scavo ________ gradi
- ____________________ _________________________________________

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto richiesto in tali documenti di
riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

pag. 13 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa, presente all’interno del cantiere, ad esclusione delle
seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

4.2 Presenza di opere aeree nell’area di cantiere o in prossimità dello stesso


Î Sono presenti delle linee o delle altre opere aeree o in elevazione che possono interferire con le
lavorazioni del cantiere?
Si † Prosegui nella compilazione del presente punto
No † Passa al punto successivo

Î Le linee aeree, le opere aeree e/o le eventuali altre opere in elevazione, sono adeguatamente
individuate e descritte all’interno del PSC e/o degli altri documenti di riferimento?
Si † Passare al punto successivo
No † Sono presenti sul posto e interferenti con l’area di cantiere, i seguenti elementi:

Elemento Descrizione/Posizione Note

pag. 14 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 15 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

4.3 Presenza di opere di sottosuolo nell’area di cantiere


Î Nell’area di cantiere sono presenti delle reti di servizio o altre opere interrate che interferiscono con
l’attività dell’impresa?
Si † Prosegui nella compilazione del presente punto
No † Passa al punto successivo

Î Le opere interrate sono adeguatamente individuate e descritte all’interno del PSC e/o degli altri
documenti di riferimento?
Si † Passare alla domanda successiva
No † Sono presenti sul posto e interferenti con l’area di cantiere, i seguenti elementi:

Elemento Descrizione/Posizione Note

L’esistenza dei sottoservizi e del tracciato degli stessi è stata verificata attraverso:
_______________________________________
_______________________________________

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

pag. 16 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

4.4 Presenza di agenti inquinanti all’interno dell’area di cantiere


Î Sono presenti agenti inquinanti all’interno del cantiere?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto

Î Gli agenti inquinanti presenti all’interno del cantiere sono adeguatamente individuati e descritti
all’interno del PSC e/o degli altri documenti di riferimento?
Si † Passare al punto successivo
No † Sono presenti sul posto e interferenti con l’area di cantiere, i seguenti elementi:

Agente inquinante Descrizione/Luogo Note

pag. 17 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 18 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

4.5 Interferenze del cantiere con altri cantieri o altre attività


Î Sono presenti altri cantieri o attività lavorative preesistenti o concomitanti all’attività lavorativa di
cantiere?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto

Î Le interferenze con gli altri cantieri o le attività limitrofe preesistenti sono adeguatamente individuate e
descritte all’interno del PSC e/o degli altri documenti di riferimento?
Si † Passare al punto successivo
No † Sono presenti le seguenti situazioni di interferenza:

Situazione di interferenza Descrizione Note

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

pag. 19 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

4.6 Presenza di situazioni di pericolo specifiche per lavori da svolgere all’interno di edifici
Î Si svolgono dei lavori all’interno di edifici e il contesto ambientale di questi edifici presenta delle
situazioni di rischio specifiche?
No †…Passare al punto successivo
Si †…Continuare nella compilazione del presente punto

Î Le situazioni di pericolo specifiche sono adeguatamente individuate e descritte all’interno del PSC e/o
degli altri documenti di riferimento?
Si † Passare al punto successivo
No † Sono presenti le seguenti situazioni di rischio specifico:

Situazione specifica Descrizione/posizione Note

pag. 20 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 21 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

4.7 Presenza altre situazioni di pericolo all’interno del cantiere


Î Sono presenti altre situazioni di pericolo legate al contesto ambientale, non prese in considerazione nei
capitoli precedenti?
No †…Passare al punto successivo
Si †…Continuare nella compilazione del presente punto

Î Le situazioni di pericolo specifiche sono adeguatamente individuate e descritte all’interno del PSC e/o
degli altri documenti di riferimento?
Si † Passare al punto successivo
No † Sono presenti le seguenti situazioni di rischio specifico:

Situazione specifica Descrizione/posizione Note

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro

pag. 22 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 23 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

5. ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

5.1 Recinzioni di cantiere


Î In relazione all’attività lavorativa da svolgere, occorre recintare o quantomeno delimitare il cantiere o
particolari zone dove si svolgono delle attività lavorative pericolose?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Descrizione / Tipo di


Area di lavoro Note
lavorativa posizione recinzione/delimitazione

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Descrizione / Tipo di


Area di lavoro Note
lavorativa posizione recinzione/delimitazione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

pag. 24 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

5.2 Accessi al cantiere


Gli accessi al cantiere sono così organizzati:
† accesso pedonale da ____________________________________________________________
† accesso carrabile da _____________________________________________________________
† parcheggio autoveicoli addetti:
________________________________________________________

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase lavorativa Tipo di accesso Misure complementari di dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase lavorativa Tipo di accesso Misure di prevenzione e protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

pag. 25 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dall’impresa esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

5.3 Viabilità di cantiere


Î In relazione all’attività lavorativa da svolgere e alle dimensioni dell’area di lavoro è necessario
predisporre una viabilità di cantiere?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase lavorativa Tipo viabilità Misure complementari di dettaglio ed


integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase lavorativa Tipo viabilità Misure di prevenzione e protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:

pag. 26 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dall’impresa esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

5.4 Servizi logistici e igienico-assistenziali


Î Per le necessita dell’impresa sono necessari i seguenti servizi:

Tipo servizio Descrizione/posizionamento Quantità

Î Sono presenti dei motivi per i quali non occorre o non si può predisporre i servizi igienico assistenziali
No † Si provvederà allestimento dei servizi igineico-assistenziali previsti
Si † Tali motivi sono di seguito esplicitati

Tipo servizio Motivi per i quali non è necessario/possibile il


posizionamento

Î Modalità di gestione dei servizi:


I servizi igienico-assistenziali saranno sempre mantenuti in scrupoloso stato di pulizia e sempre dotati di tutti
i materiali necessari per il loro utilizzo e previsti per legge. La responsabilità dell’attuazione di questo è di:

Tipo servizio Responsabile dell’attuazione

pag. 27 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

5.5 Aree di deposito


Î In relazione all’attività lavorativa da svolgere e alle dimensioni di cantiere è necessario predisporre una
delle aree di deposito materiale e magazzino?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto
Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Aree di Materiali Misure complementari di dettaglio ed


deposito integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Aree di Materiali Misure di prevenzione e protezione


deposito

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

pag. 28 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

5.6 Posti fissi di lavoro


Î In relazione all’attività lavorativa da svolgere e alle dimensioni di cantiere sono presenti delle postazioni
fisse di lavoro in cantiere?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto
Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Postazione di Misure complementari di dettaglio ed integrative


lavoro

No † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Postazione di Misure di prevenzione e protezione


lavoro

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

pag. 29 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 30 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

6. IMPIANTI DI CANTIERE
Î Per le necessità dell’impresa sono necessari i seguenti impianti:
† impianto idrico
† impianto elettrico con tensione V = _____(V) e potenza max P = _____(W)
† impianto di messa a terra
† impianto di protezione contro le scariche atmosferiche per le seguenti masse (verificare l’effettiva
necessità):
† gru a torre
† ponteggio metallico fisso
† silos per leganti
† depositi di materiali infiammabili ed esplosivi
† altro (specificare) _________________________________________________________________
† altro (specificare) _________________________________________________________________

Î Gli impianti necessari sono messi a disposizione:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità degli stessi e provvederà affinché gli stessi
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per gli impianti messi a disposizione dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà
prima dell’inizio dei lavori la conformità degli stessi e provvederà affinché gli stessi rimangano
efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Gli impianti saranno tutti realizzati dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

Î Riguardo alle modalità di realizzazione, uso e manutenzione degli impianti, sono necessarie delle
integrazioni alle prescrizioni del piano di sicurezza e coordinamento o di altri documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere integrate con le prescrizioni riportate nella tabella
seguente.

Impianto Caratteristiche Modalità

pag. 31 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Impianto Caratteristiche Modalità

Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 32 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

7. SEGNALETICA DI SICUREZZA
Î Sono necessarie delle integrazioni alle prescrizioni del piano di sicurezza e coordinamento o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere integrate con le prescrizioni riportate nella tabella
seguente.

Segnale di Informazione segnale Collocazione segnale


sicurezza

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Segnale di Informazione segnale Collocazione segnale


sicurezza

Î La segnaletica di sicurezza è posizionata da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché la
segnaletica resti correttamente posizionata e visibile da parte dei lavoratori
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione della seguente segnaletica che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per la segnaletica posizionata dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima
dell’inizio dei lavori la conformità delle stessa e provvederà affinché la segnaletica rimanga efficace
durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† La segnaletica di sicurezza sarà completamente posizionata dall’impresa esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 33 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

8. UTILIZZO DI SOSTANZE E PRODOTTI CHIMICI


Î In relazione all’attività lavorativa da svolgere e alle dimensioni di cantiere è si utilizzano delle sostanze
e/o prodotti chimici ?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto
Î Sono necessarie delle integrazioni alle prescrizioni del piano di sicurezza e coordinamento o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere integrate con le prescrizioni riportate nella tabella
seguente.

Prodotti Principali Modalità di stoccaggio Modalità di utilizzo


utilizzati caratteristiche

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Prodotti Principali Modalità di stoccaggio Modalità di utilizzo


utilizzati caratteristiche

Î I lavoratori dell’impresa sono hanno ricevuto una adeguata informazione e formazione ed


addestramento all’utilizzo delle sostanze e prodotti chimici utilizzati all’interno del cantiere
Î Le schede di sicurezza di tutti i prodotti utilizzati in cantiere sono allegati al POS
Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:
† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

pag. 34 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

pag. 35 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

9. GESTIONE DELL’EMERGENZA INCENDIO E PRONTO SOCCORSO


Î Sono necessarie delle integrazioni alle prescrizioni del PSC o di altri documenti di sicurezza?
No † L’impresa seguirà quanto previsto nel piano dai documenti per la sicurezza approvati
Si † Si integra quanto previsto dal piano di sicurezza e coordinamento con quanto riportato di seguito
Î Per la gestione delle emergenze sanitaria saranno predisposti i seguenti presidi. :

x Presidio n° Ubicazione
† infermeria
† camera di medicazione
† cassetta di pronto soccorso
† pacchetto di medicazione
† altro _______________________

Î Per la gestione delle emergenze di lotta anticendio saranno predisposti i seguenti presidi. :

x Presidio n° Ubicazione
† estintore tipo __________ peso kg ___
† estintore tipo __________ peso kg ___
† estintore tipo __________ peso kg ___
† estintore tipo __________ peso kg ___
† coperta ignifuga
† secchio di sabbia
† altro _______________________
† altro _______________________

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 36 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

10. RISCHIO INCENDIO


Î All’interno del cantiere si svolgono delle attività lavorative con utilizzo di materiali o sostanze
infiammabili o c’è presenza di accumulo di sostanze combustibili?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto

Î Le sostanze e i materiali infiammabili e combustibili presenti all’interno del cantiere sono


adeguatamente individuati e descritti all’interno del PSC e/o degli altri documenti di riferimento?
Si † Passare al punto successivo
No † Sono presenti sul posto le seguenti sostanze e materiali infiammabili:

Sostanza/materiale Quantità stimata Attività in cui si usa Luogo stoccaggio

Î E’ necessario dettagliare e/o integrare le misure di prevenzione e protezione del PSC o di altri
documenti di sicurezza?
No † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere dettagliate e/o integrate con le prescrizioni riportate
nella tabella seguente.

Fase Misure complementari di


Situazione Rischi specifici
lavorativa dettaglio ed integrative

Si † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase Misure di prevenzione e


Situazione Rischi specifici
lavorativa protezione

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate da:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

pag. 37 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________
Î Situazione riportata in planimetria di cantiere o altri elaborati grafici allegati Si † No †

pag. 38 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

11. ATTREZZATURE DI LAVORO


Î Per la realizzazione delle attività lavorative dell’impresa si utilizzeranno le seguenti attrezzature di
lavoro:
Nella tabella seguente sono riportate le attrezzature di lavoro e chi le metterà a disposizione

Fornitore dell’attrezzatura
x Attrezzatura N° Marca e modello C I Altro fornitore
S N Ditta
† autocarro † † † †
† autocarro con gru † † † †
† autogrù di portata ______ † † † †
† betoniera a bicchiere † † † †
† bombola per propano † † † †
† bombole per saldatura † † † †
ossiacetilenica
† carrello elevatore † † † †
† cavalletti per ponte † † † †
† cesoia da ferro † † † †
† compressore d’aria † † † †
† dumper † † † †
† elevatore a bandiera † † † †
† elevatore a cavalletto † † † †
† escavatore † † † †
† filettatrice † † † †
† gru a torre † † † †
† gruppo elettrogeno † † † †
† impianto di betonaggio † † † †
† martello demolitore elettr. † † † †
† martello demolitore pneum. † † † †
† piattaforme elevatrici † † † †
† piegaferri † † † †
† piegatubi † † † †
† ponte su ruote † † † †
† ponteggio metallico fisso † † † †
† quadro elettrico † † † †
† saldatrice ad elettrodo † † † †
† scale portatili † † † †
† sega circolare † † † †
† sega circolare da laterizio † † † †
† sonda per micropali † † † †
† utensili elettrici portatili † † † †
† utensili manuali † † † †
† ______________________ † † † †
Legenda: C = Committente dei lavori, I = impresa esecutrice, S = impresa subappaltatrice dell’impresa esecutrice, N = noleggio
eseguito da parte dell’impresa esecutrice, Ditta = ragione sociale della ditta sub-appaltatrice o noleggiatrice

pag. 39 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î Riguardo alle modalità di uso e manutenzione delle attrezzature, sono necessarie delle integrazioni alle
prescrizioni del piano di sicurezza e coordinamento o di altri documenti di sicurezza?
Si † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Le misure previste presenti devono essere integrate con le prescrizioni riportate nella tabella
seguente.

Macchina / Situazione Indicazioni PSC o da altri Misure integrative


attrezzature documenti dell’impresa

No † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

x Situazione Misure
† Conformità Le attrezzature di lavoro utilizzate in cantiere:
normativa
† rispettano le prescrizioni del DPR 459/96 per le macchine in possesso della
marcatura CE
† rispettano le prescrizioni dell’All. V al D.Lgs. 81/2008 se acquistata prima del
21/09/96
† Tutti i dispositivi di sicurezza e di protezione sono perfettamente funzionanti
† altro specificare ___________________________________________________
† Modalità di uso in Per l’uso in sicurezza di macchine e attrezzature si farà riferimento a:
sicurezza delle
† manuali di uso e manutenzione
attrezzature
† schede delle attività lavorative allegate al presente piano
† altro specificare ___________________________________________________
† Manutenzione La manutenzione viene:
† effettuata secondo i programmi previsti dal costruttore e dalle norme di buona
tecnica
† l’effettuazione della manutenzione viene registrata su apposito registro a
disposizione in cantiere
† altro specificare ___________________________________________________
† Utilizzo di † Ogni impresa o lavoratore autonomo dovrà utilizzare la propria attrezzatura.
attrezzature del Qualora si rendesse necessario l’utilizzo di attrezzature, presenti in cantiere, ma di
committente o di proprietà di altre imprese o lavoratori autonomi, sarà attestata la consegna della
altre ditte stessa mediante un modulo di comodato gratuito.
† L’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità degli
stessi e provvederà affinché gli stessi vengano mantenuti in scrupoloso stato di
funzionamento durante tutto il periodo di lavoro. Nel caso si notassero dei
malfunzionamenti o dei guasti si avvertirà immediatamente il committente per
organizzare le necessarie riparazioni.
† altro, specificare__________________________________________________

pag. 40 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

† Altro: _________

pag. 41 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

12. ESPOSIZIONE AD AGENTI FISICI: RUMORE E VIBRAZIONI MECCANICHE

12.1 Rumore verso l’ambiente esterno


Î Nell’area interessata dal cantiere sono previsti dei valori limiti imposti al livello di rumore verso l’esterno
ai sensi del DPCM 1/3/91 ?
Si † Indicare di seguito in quale zona si trova il cantiere

Limiti max del livello sonoro


x Classe Definizione area equiv. Leq in dB(A)
diurno notturno
† I aree particolarmente protette 50 40
† II aree destinate ad uso prevalentemente residenziali 55 45
† III aree di tipo misto 60 50
† IV aree di intensa attività umana 65 55
† V aree prevalentemente industriali 70 60
† VI aree esclusivamente industriali 70 70
No † Non sono classificate le aree il limite di rumorosità è comunque fissato in: ____________dB(A)
Î Durante l’esecuzione dell’attività lavorativa è previsto il superamento dei limiti previsti per legge ?
No † Passare al punto successivo
Si † Sarà richiesta, al sindaco del comune di pertinenza del cantiere, l’autorizzazione in deroga ai
limiti del decreto.

12.2 Rumore all’interno del cantiere (rischi per gli addetti)


Î L’impresa ha valutato il rischio rumore, per le attività specifiche del cantiere in oggetto, secondo quanto
previsto dall’art. 190 del D.Lgs 81/2008)?
Si † Proseguire nella compilazione dal paragrafo successivo
No † In quanto, le attività che si svolgeranno in cantiere non sono ancora state oggetto di valutazione
strumentale in quanto nuove per tipologia o per le attrezzature utilizzate.
L’impresa ha effettuato la valutazione preventiva del rumore in modo preventivo ai sensi dell’art.
103 del D.Lgs 81/2008, utilizzando i dati della ricerca del CPT di Torino (aggiornamento 2000).
Di seguito sono riportati i risultati di questa valutazione preventiva.

Livello di esposizione giornaliero


Categoria di lavoro Mansione
Lex(8h) (dB[A])

In merito ai risultati della valutazione preventiva dei rischi, l’impresa adotterà le misure di sicurezza
previste dall’art. 192 del D.Lgs 81/2008 per le diverse fasce di livello di esposizione a cui possono
essere esposti i lavoratori (non riportate nel documento).
L’impresa si impegna a realizzare la valutazione del rischio rumore, ai sensi del D.Lgs 81/2008 nel più
breve tempo possibile

pag. 42 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î L’impresa ha valutato il rischio rumore ai sensi del D.Lgs 81/2008 e di seguito si riporta l’esito della
valutazione
Valutazione realizzata nell’anno _________________

Livello di esposizione giornaliero N° lavoratori


Mansione
Lex (8h) (dB[A]) impegnati in cantiere

Î Per le attività presenti in cantiere sono necessarie delle integrazioni alle misure di prevenzione e
protezione già adottate dall’impresa a seguito della propria valutazione del rischio rumore e/o a quelle
previste nel PSC e/o di altri documenti di sicurezza?
No † L’impresa seguirà quanto previsto nel piano dai documenti per la sicurezza approvati
Si † Si integra quanto previsto dal piano di sicurezza e coordinamento con quanto riportato di seguito
Specificare le integrazioni _____________________________________________________
__________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________
Responsabile dell’attuazione di queste misure è ____________________________________

12.3 Valutazione del rischio da vibrazioni meccaniche (rischi per gli addetti)
Î Sono presenti delle attività che prevedono l’uso di macchine e attrezzature che espongono i lavoratori a
vibrazioni meccaniche?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto
Î L’impresa ha valutato il rischio da vibrazioni meccaniche per il sistema mano-braccio o per il corpo
intero, per le attività specifiche del cantiere in oggetto, secondo quanto previsto dall’art. 202 del
D.Lgs.81/2008 e di seguito si riporta l’esito finale della valutazione.
Valutazione realizzata nell’anno _________________

Livello di esposizione Livello di esposizione


N° lavoratori
Mansione giornaliero sistema giornaliero corpo
impegnati in cantiere
mano-braccio intero

pag. 43 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

Î Per le attività presenti in cantiere sono necessarie delle integrazioni alle misure di prevenzione e
protezione già adottate dall’impresa a seguito della propria valutazione del rischio vibrazione e/o a
quelle previste nel PSC e/o di altri documenti di sicurezza?
No † L’impresa seguirà quanto previsto nel piano dai documenti per la sicurezza approvati
Si † Si integra quanto previsto dal piano di sicurezza e coordinamento con quanto riportato di seguito
Specificare le integrazioni _____________________________________________________
__________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________
Responsabile dell’attuazione di queste misure è ____________________________________

pag. 44 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

13. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE


Î I lavoratori dell’impresa sono dotati di tutti i DPI previsti dal presente piano di sicurezza ed hanno
ricevuto una adeguata informazione e formazione ed addestramento secondo quanto previsto dal Titolo
III Capo II del D.Lgs. 81/2008
Î I DPI in dotazione ai lavoratori variano in relazione alla mansione da loro svolta. Indicativamente ogni
lavoratore ha in dotazione i DPI riportati nella tabella seguente

Tipo DPI Zona protetta Mansione


† Elmetto di protezione Testa
† Occhiali di sicurezza Occhi
† Schermo di protezione Occhi
† Maschera antipolvere prot. Vie respiratorie
† P1 † P2 † P3
† Maschera per vapori organici con filtro Vie respiratorie
tipo
†A †B †E †K
† filtro combinato _______________
† Guanti da lavoro Mani
† Guanti in gomma prodotti chimici Mani
† Scarpe con puntale e lamina Piedi
† Stivali in gomma con puntale e lamina Piedi
† Inserti auricolari (tappi) Apparato uditivo
† Cuffie Apparato uditivo
† Imbracatura di sicurezza Corpo
† Tuta da lavoro usa e getta (tipo tyvek) Corpo
† Maschera saldatura Occhi
†
†
†
†
†

Î I DPI saranno sostituiti prontamente non appena presentino segno di deterioramento.


Î Il responsabile di cantiere vigilerà sul corretto utilizzo dei DPI da parte dei propri lavoratori
Î L’impresa appaltatrice terrà in cantiere almeno 3 elmetti da fornire ai suoi visitatori, tali elmetti dovranno
essere di colore diverso da quelli utilizzati dal personale dell’impresa.

pag. 45 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

14. IDONEITÀ ALLO SVOLGIMENTO DELLA MANSIONE

14.1 Idoneità dei lavoratori alla mansione

Î I lavoratori presenti in cantiere sono stati tutti ritenuti idonei alla specifica mansione da parte del Medico
competente dell’azienda
Î Il datore di lavoro si attiva affinchè i lavoratori ritenuti idonei con prescrizioni possano svolgere l’attività
così come richiesto dal Medico competente
Î Il Medico competente dell’azienda verifica il rischio a cui sono sottoposti i lavoratori attraverso
† visione del POS e/o del PSC
† sopralluogo nel caso di cantieri con durata maggiore di 6 mesi

14.2 Informazione e formazione dei lavoratori

Î I lavoratori presenti in cantiere sono stati tutti informati e formati sui rischi presenti in cantiere secondo
quanto disposto dal D.Lgs 81/2008, in particolare:
- i lavoratori sono stati informati e formati ai sensi degli artt. 36 e 37
- i presposti sono stati informati e formati ai sensi degli artt. 36 e 37
- gli addetti all’utilizzo di attrezzature di lavoro che richiedano per il loro impiego conoscenze o
responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, ai sensi dell’art. 71, c.7 a)
- i lavoratori sono stati formati all’uso dei DPI e, qualora previsto, addestrati ai sensi dell’art. 77 c. 4
lett.h) e c.5.

Î Durante l’esecuzione dei lavori l’impresa procederà alla informazione e formazione dei propri lavoratori
mediante:
† incontro di presentazione del PSC e del POS.
La riunione sarà tenuta da: _________________________________________________________
La partecipazione alla riunione sarà verbalizzata. Il verbale sarà allegato al POS.
† incontri periodici di aggiornamento dei lavoratori relativamente alle problematiche della sicurezza
presenti nelle attività ancora da affrontare e per correggere eventuali situazioni di non conformità. Gli
incontri saranno realizzati durante il proseguo dei lavori con cadenza:
† bimensile
† mensile
† quindicinale
† settimanale
† ___________
Le riunioni saranno tenute da:
________________________________________________________
La partecipazione alla riunione sarà verbalizzata. Il verbale sarà allegato al POS.
† informazioni verbali durante l’esecuzione delle singole attività fornite ai lavoratori dal responsabile
dei cantiere
† altro: __________________________________________________________________________

In allegato al POS viene riportata copia degli attestati /verbali di informazione e formazione dei lavoratori.

pag. 46 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

15. DOCUMENTAZIONE
In cantiere a scopo preventivo saranno tenuti i documenti riportati nei punti seguenti.

15.1 Documentazione riguardante il cantiere nel suo complesso


† copia iscrizione alla C.C.I.A.A. † piano di sicurezza e coordinamento corredato di
tutti gli aggiornamenti
† registro degli infortuni † libro matricola dei dipendenti in copia conforme
† notifica preliminare † piano operativo di sicurezza
† valutazione del rischio rumore redatto ai sensi del † valutazione del rischio vibrazioni ai sensi del
D.Lgs 81/2008 D.Lgs. 81/2008
† Documento Unico di Regolarità Contributiva † cartellino di identificazione del personale
† altro specificare __________________________ † altro specificare ___________________________
† altro specificare __________________________ † altro specificare ___________________________

15.2 Documentazione relativa alle attrezzature ed agli impianti


† copia di denuncia di installazione effettuata alla † evidenza della verifica annuale effettuata
U.O.I.A. della AUSL per gli apparecchi di dall’U.O.I.A. della AUSL per gli apparecchi di
sollevamento non manuali di portata superiore a 200 sollevamento non manuali di portata superiore a 200
Kg Kg
† verifica trimestrale delle funi e delle catene † disegno esecutivo del ponteggio firmato dal
riportata sul libretto di omologazione degli apparecchi responsabile di cantiere per ponteggi montati
di sollevamento secondo schemi tipo
† Piano di Montaggio Uso e Smontaggio dei † dichiarazione di conformità D.M. 37/2008 per
Ponteggi (PiMUS) impianto elettrico di cantiere
† copia di autorizzazione ministeriale e relazione † invio della dichiarazione di conformità degli
tecnica per i ponteggi metallici fissi impianti di messa a terra inoltrata all’ISPESL e
all’U.O.I.A. AUSL competente per territorio
† progetto del ponteggio ad opera di ingegnere o † invio della dichiarazione di conformità degli
architetto abilitato per ponteggi difformi da schemi impianti di protezione dalla scarica atmosferica
tipo o per altezze superiori a 20 m inoltrata all’ISPESL e all’U.O.I.A. AUSL competente
per territorio
† segnalazione all’esercente l’energia elettrica per † certificato di conformità per le macchine marcate
lavori effettuati a meno di 5 metri dalle linee stesse CE
† relazione redatta ai sensi della norma CEI 81-1 † dichiarazione di stabilità degli impianti di
attestante l’autoprotezione delle masse metalliche betonaggio
† altro specificare ___________________________ † altro specificare ___________________________
† altro specificare __________________________ † altro specificare ___________________________
† altro specificare __________________________ † altro specificare ___________________________

pag. 47 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

16. L’ANALISI E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PRESENTI SUL LUOGO DI LAVORO

16.1 Rischi per terzi all’attività di cantiere


Î Le attività da svolgere, possono implicare la trasmissione di rischi all’esterno del cantiere?
No † Passare al punto successivo
Si † Continuare nella compilazione del presente punto
Î Le misure previste dal PSC e/o dagli altri documenti sono sufficienti a garantire la sicurezza all’esterno
del cantiere?
Si † Le misure previste sono sufficienti, l’impresa seguirà quanto previsto nei documenti per la
sicurezza di riferimento
Si † Ad integrazione delle misure previste si seguiranno anche misure riportate nella tabella
seguente.

Fase Rischi trasmissibili Indicazioni PSC o da altri Misure integrative


lavorativa documenti dell’impresa

No † L’impresa durante lo svolgimento dei lavori seguirà le misure riportate nella tabella seguente

Fase lavorativa Rischi trasmissibili Misure integrative dell’impresa

Î Le misure di sicurezza previste sono realizzate:


† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa esecutrice
verificherà prima dell’inizio dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure
rimangano efficaci durante tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________

† Dal committente dei lavori o da altra impresa presente all’interno del cantiere. L’impresa ad
esclusione delle seguenti misure che saranno realizzate dall’impresa esecutrice:
___________________________________________
___________________________________________
___________________________________________

Per le misure realizzate dal committente dei lavori l’impresa esecutrice verificherà prima dell’inizio
dei lavori la conformità delle stesse e provvederà affinché le misure rimangano efficaci durante
tutto il periodo di lavoro
Referente delle attività di controllo delle misure previste sarà il ______________________
Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

† Le misure saranno tutte realizzate dalla ditta esecutrice.


Referente dell’attuazione delle misure previste sarà il ______________________

pag. 48 di 49
Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio Emilia
POS -–Il Piano Operativo di Sicurezza

16.2 Rischi presenti nelle attività lavorative


Î Di seguito sono riportate le schede delle fasi lavorative per le attività svolte dall’impresa esecutrice :
Elenco delle schede delle fasi lavorative allegate

Cod. Titolo Valutaz. Rischio

Il risultato della valutazione del rischio viene esplicitato secondo i seguenti tre livelli ALTO, MEDIO, BASSO.
Il significato del valore del rischio per ognuno dei tre livelli è il seguente:
ALTO le operazioni svolte, se eseguite non correttamente hanno un’alta probabilità di dar luogo ad
infortuni e/o malattie professionali gravi anche mortali
MEDIO le operazioni svolte, se eseguite non correttamente, hanno una bassa probabilità di dar
luogo ad infortuni gravi e/o a malattie professionali gravi
BASSO le operazioni svolte, se eseguite non correttamente, hanno una bassa probabilità di dar
luogo ad infortuni o malattie professionali anche lievi.

pag. 49 di 49